Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria"

Transcript

1 STRUMENTI DI Neuro e PsicomotricitÀ Collana diretta da Fabio Comunello e Paola Marina Savini A N U P I Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva Italiani Associazione rappresentativa a livello nazionale per D.M. 14/04/2005 della figura professionale sanitaria del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva (D.M. n. 56/97) Claudio Ambrosini e Simona Pellegatta Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria

2 INDICE 7 Introduzione 11 Capitolo 1 La ruota del gioco 21 Capitolo 2 Il bambino e l adulto 41 Capitolo 3 Classificazioni del gioco infantile Caratteristiche e confini del territorio ludico Finalità del gioco nello sviluppo del bambino e suo funzionamento Dinamiche e circuiti del gioco: la complessa struttura del gioco La struttura ludica e gli impulsi essenziali del gioco Contenuto e orientazione: sinergie Movente ed equilibrio 55 Capitolo 4 Gioco e sviluppo psicomotorio Genesi del gioco Primo stadio (14-18/20 mesi) Secondo stadio (18/20-26/28 mesi) Terzo stadio (26/28-36/40 mesi) Evoluzione del gioco 91 Capitolo 5 Gioco e terapia psicomotoria Il gioco nell intervento psicomotorio Storie 117 Capitolo 6 Formazione corporea ludica per gli operatori Il laboratorio ludico Considerazioni sul laboratorio di gioco 131 Capitolo 7 Struttura ludica e impulsi essenziali del gioco

3 145 Capitolo 8 Categorie ludiche. Esempi di applicazione Contenuto Orientazione Movente 157 Capitolo 9 Proposte pratiche per l attività ludica 183 Bibliografia

4 La ruota del gioco Capitolo 1 La ruota del gioco Se ci addentriamo nei tanti studi sul gioco infantile, ci troviamo a ruotare un po smarriti e confusi in un vortice di concetti che si contrappongono tra loro fin quasi ad annullarsi, ma anche osservare i bambini mentre giocano ci trascina nella medesima condizione. Ogni gioco pare farci oscillare tra due poli opposti, che non si annullano, ma anzi convivono nel territorio ludico in un ambivalenza che «sospende». Scopriamo così che il gioco assolve la sua funzione evolutiva proprio mantenendosi, appunto, sospeso tra questi due mondi opposti, tra dimensioni che paiono inconciliabili, realtà e fantasia, vita e morte, regola e libertà. E lo può fare solo sostenendosi in un suo peculiare equilibrio, perfetto e imperfetto al tempo stesso, incerto come un miraggio, oasi verdeggiante che galleggia dentro a una bolla di sapone. L equilibrio ludico è dato da una particolare distanza dalla realtà e da una sottile tensione; da esso scaturiscono, come raggi di una ruota, giochi di abilità e di interazione, giochi simbolici e di fortuna, giochi percettivi e di vertigine alla ricerca di quel voluttuoso panico che si crea tra temporanee perdite di equilibrio e il suo ristabilimento. Pier Aldo Rovatti, filosofo e autore di vari testi sul gioco (Dal Lago e Rovatti, 1993; Rovatti e Zoletto, 2005), afferma che il gioco è difficile da trattare perché occorre abitare una sorta di confusione per poter giocare, un «pasticcio» che si crea in un oscillazione tra un affermazione e un qualcosa che nega l affermazione stessa e che occorre abituarsi a non trattare questi due opposti come tali. Allora pensiamo al nostro Carlo, che gioca con le figurine dei calciatori, e ad Anna, una bambina di trent anni fa. Anche lei giocava con le figurine, quelle delle Holly Hobbie, bambine vestite graziosamente, impegnate in attività della vita campagnola. Ciò che divertiva Anna consisteva proprio nell operazione di attaccare le figurine: aprire la bustina e sentire già il loro profumo inconfondibile, passarle una a una velocemente sperando nella novità, ripetendo «Ce l ho, ce l ho, ce l ho, NON CE L HO!», apprezzare la nuova immagine nei suoi colori 11

5 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria e significato, staccare lentamente la figurina dal suo supporto con quel rumore così piacevole «sccccciuc», sentendo la morbida resistenza tra le due parti, e infine, il momento più impegnativo, attaccarla in modo corretto, senza piegoline e allineata perfettamente nel suo riquadro. Non sempre Anna ci riusciva, ma le piaceva cimentarsi in quell ultima non facile operazione. Per la bambina quello era il gioco, perché nel farlo trovava un piacere ludico. Nel medesimo contesto, per Carlo quelle azioni non sono gioco. Ecco un affermazione che nega l altra. Anna e Carlo ci stanno abituando a muoverci leggeri in questo mondo ludico estremamente mobile, fatto di combinazioni infinite quanti sono i giocatori, combinazioni soggette a un incessante trasformazione. In realtà, entrambe le affermazioni sono valide, sia Anna che Carlo stanno giocando, ma il piacere ludico che orienta le loro condotte è diverso per ognuno di loro. Ciò che diverte Carlo è qualcosa di più avvincente e rischioso, è la partita di calcio Milan-Napoli inventata con le figurine. Carlo ricerca un piacere ludico nella finzione e il suo giocare si colora di un contenuto simbolico. Anna svolge un gioco meno rischioso e più ripetitivo; lei ricerca un piacere ludico nella percezione sensoriale e nell abilità. Se consideriamo questo tipo di piacere come l espressione affettiva del gioco, allora la sua presenza attesta che un gioco è in atto, qualunque esso sia. L orientazione del gioco come dinamica che lo ricerca è mossa da un atteggiamento interno del giocatore che mira al proprio massimo soddisfacimento. Nella ricerca del piacere ludico troviamo dunque un indicatore privilegiato dell identità del giocatore. Il piacere però non è esclusivo del gioco: molte sono le attività che possono essere divertenti e piacevoli, ma non tutte possono essere definite gioco. Divertire, dal latino divertere, significa «volgere altrove, in direzione opposta; far prendere un altra direzione». Il divertimento, infatti, diventa espressione del gioco quando coincide con una direzione dell attività orientata, appunto, verso un piacere ludico, un piacere cioè liberato, fine a se stesso, ricercato inizialmente dal giocatore nello scambio con l ambiente, che infine lo coinvolge fino a rapirlo con la potenza di un vortice. Dalla casa di Carlo e di Anna, giocatori solitari, ci spostiamo in un salone di una scuola dell infanzia durante la pausa del tempo libero, uno tra quelli osservati per questo approfondimento. I bambini sono molti, più classi si mischiano rumorosamente e si muovono tra le strutture e gli spazi vuoti del salone. Tanti sono i giochi spontanei che si possono osservare, con varietà e ricchezza notevoli. Di essi si è cercato la genesi e si è analizzato, attraverso diverse modalità di indagine e di classificazione, il rapporto tra gioco e adattamento in un possibile ordine evolutivo. L opportunità di osservare numerosi bambini che contemporaneamente giocano in un 12

6 La ruota del gioco contesto vario e diversificato quale, appunto, l ambito educativo, ha portato alla luce e amplificato un affascinante caratteristica dell attività ludica: una sorta di mutazione impercettibile dell azione, risultante da un reticolo di dinamiche in stretta relazione che, muovendosi in sinergia, legano azioni, soggetto e ambiente. Questa trasformazione impercettibile dell azione di gioco presenta un certo tratto di inconsapevolezza che comunque possiede un senso finito nella ricerca e nella conservazione di un piacere ludico fine a se stesso. Una lunga fila di bambini corre inseguendo un compagno. Per imitazione, nasce una seconda lunga fila di bambini, maschi e femmine, che fanno la stessa cosa. Il gioco muta impercettibilmente in gioco simbolico: si tratta di tigri che inseguono gattonando il primo della fila. Mentre il primo gruppo a gattoni finge di lottare e mordere l inseguito, l altro gruppo passa gattonando dentro il tunnel dello scivolo centrale, poi sale sopra lo scivolo e scende, naturalmente è il primo bambino che decide il percorso e gli altri lo seguono. È interessante osservare le diverse modalità che ogni bambino sceglie per scivolare giù. Il gioco simbolico si trasforma nuovamente proseguendo con una specie di morte o sonno dell animale, un bambino sdraiato supino con braccia e gambe aperte, mentre gli altri cercano di risvegliarlo. I gruppi non sono più due, ma tre o quattro, formati da pochi bambini. In un gruppo di due femmine e un maschio nasce un altro gioco, come il gioco del dottore o similare: un bimbo è sdraiato sulla panchina e le bambine con le mani appoggiate al suo petto premono giù a ripetizione, sembra eseguano un massaggio cardiaco. La scena si ripete a terra, poi i tre ritornano sulla panchina, ma la maestra si siede su di essa, dicendo loro qualcosa. Il gruppetto continua il gioco a terra. Altri bambini imiteranno lo stesso gioco. Immaginiamo allora una ruota che, mentre gira, tesse un filo che diventa trama, dilata e contrae il tempo, colora spazi e oggetti, accelera in modo impercettibile o violento, interrompe il suo moto improvvisamente per ricominciare poi dallo stesso punto, distorcendo l intervallo di tempo trascorso fino ad annullarlo. A volte, la ruota continua a girare fino a catturare il giocatore che quasi inconsapevolmente si perde nel piacere ludico. Nel suo vorticare, risucchia persino colui che osserva, che ha un bel da fare a tenersi stretto alla sua sedia che sembra improvvisamente barcollare. È così può accadere che la ruota liberi ambivalenze e contraddizioni in uno scambio in perdita per il giocatore, che assapora un po smarrito e confuso il vero vantaggio accidentale del gioco. Il senso finito dell attività ludica coincide con un idea di totalità, regola e libertà che Roger Caillois, sociologo, descrive come una totalità circoscritta, inizialmente completa e immutabile, concepita per funzionare senza nessun altro intervento esterno che l energia che la mette in moto (Caillois, 1981). Energia movente che in origine è libertà primaria ma, governata dalle leggi interne del regno ludico, via via acquisisce forme più complesse e regolate, in un processo equilibratore che da 13

7 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria paidia va verso ludus (Caillois, 1981), che da esercizio va verso la regola (Piaget, 1972). Possiamo immaginare questa totalità, organizzata autonomamente, come una ruota, una piattaforma girevole, formata da quattro quadranti, che rappresentano le pulsioni, gli impulsi essenziali e irriducibili a cui Caillois riconduce l intero panorama dei giochi: il sopravvento della forza e dell intelligenza (agon), la funzione spossessante della maschera (mimicry), gli abissi che la sorte (alea) e la vertigine (ilinx) permettono di costeggiare (figura 1.1). AGON MIMICRY ALEA ILINX Fig. 1.1 Ruota del gioco. Rovatti afferma: «Il gioco non è uno, bensì appunto qualcosa di simile a una piattaforma girevole con lati e aspetti diversi collegati da una logica circolare. [...] il gioco, così inteso, agisce come un volano dall effetto decentrante» (in Caillois, 1981). È nostra convinzione che in qualsiasi condotta ludica, i quattro impulsi siano sempre presenti, in forma manifesta o latente. Si tratta ora di iniziare a stabilire alcuni riferimenti, cioè le dinamiche attraverso le quali questi impulsi si esprimono e il meccanismo che le sostiene, in altri termini si inizia ad affrontare la questione della struttura organizzativa del territorio ludico. Le dinamiche della ruota sono tre: 1. di contenuto, che muove gli impulsi nello scambio con l ambiente; 2. di orientazione, che li direziona verso uno scopo preciso e soggettivo; 3. di equilibrio, che evita la «caduta», cioè l uscita dal gioco. A un livello più profondo le dinamiche si organizzano in meccanismi, che chiameremo d ora in poi circuiti (la logica circolare di Rovatti), che le sostengono e le governano in modo da permettere agli impulsi di Caillois di riemergere e manifestarsi ogni qualvolta il contesto ambientale e affettivo del giocatore lo richieda o lo solleciti. Pensiamo a cosa avviene alla ruota anteriore di una bicicletta quando incontra ostacoli sulla strada: la ruota che gira perde il suo equilibrio e la sua direzione, oscilla a destra e a sinistra alla ricerca della stabilità perduta (figura 1.2). 14

8 Classificazioni del gioco infantile Capitolo 3 Classificazioni del gioco infantile Per classificare il gioco, occorre innanzitutto capire ciò che è gioco e ciò che non lo è, individuare quindi i segni che lo individuano e lo delimitano. Qui sotto riassumiamo e riaffermiamo i punti significativi in parte espressi in forma diversa nei capitoli precedenti. Caratteristiche e confini del territorio ludico Tutte le attività si trasformano in gioco nel momento in cui il bambino le esercita per il puro piacere che esse procurano. Il piacere è l unico fine del gioco e, in tal senso, il gioco è veicolo d identità ed è rilevatore di conflitti, bisogni, desideri, conquiste, appagamenti della vita del bambino. Il piacere ricercato nel gioco è un indice privilegiato della soggettività e dell identità del giocatore. Il gioco è un attività separata, circoscritta nel tempo e nello spazio. È separato dalla vita reale in quanto attività fittizia che ha un proprio tempo e un proprio spazio, finzione derivata da una distanza dalla realtà che produce una maschera, un illusione che rimane tuttavia consapevole. È un territorio separato, dunque, e al tempo stesso contiguo alla realtà attraverso un velo che ne determina peso e misura. Il gioco è un territorio incerto. È sempre in precario equilibrio tra azioni ed eventi imprevisti che pongono a rischio l equilibrio stesso creando una sottile tensione tipica del gioco. Il gioco è un attività libera e al tempo stesso regolata. Non si può obbligare nessuno a giocare, il piacere ludico può emergere solo fine a se stesso. Il gioco prevede quindi una dose di spensieratezza e di libertà, tuttavia ha leggi interne che lo governano in una sorta di oscillazione tra due poli di rispetto delle regole e libertà. 41

9 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria Il gioco è un attività gratuita, non produce alcune conseguenze per la vita reale. I bambini non imparano nulla durante il gioco: non c è apprendimento. Il territorio ludico è separato da quello delle conoscenze, pur attingendo a esso con continuità. Vi è gioco dunque quando è limitato o soppresso il polo accomodativo dell azione. Può invece succedere che il gioco trascini con sé eventi che interrompono l orientamento ludico dell azione, per spostarsi verso un orientamento adattivo, oppure che nuclei ludici irrompano nell attività adattiva per brevi momenti. Nella teoria di Piaget non si dissocia il gioco dal non gioco, ma si sottolinea l esistenza di un orientamento della condotta, il cui carattere più o meno accentuato definisce tonalità più o meno ludiche dell azione. In tal senso, il divertimento del gioco è un piacere liberato o, meglio, temporaneamente sospeso dal processo di adattamento alla realtà, pur rimanendo quest ultimo a sostegno del gioco come stato di adattamento. Una volta dentro il territorio ludico, ogni bambino genera giochi che l ambiente nel quale è immerso sollecita: quando si classificano i giochi emersi in un dato ambiente umano e fisico, in realtà si stanno analizzando entrambi gli elementi. Da qui il tentativo di utilizzare le tre dinamiche della ruota del gioco come punti di vista differenti con cui classificare il gioco, alla ricerca dello strumento classificatorio più adatto per analizzare, nello scambio tra l ambiente e il bambino, cosa permette al gioco di essere territorio di possesso e di identità, poiché è in questo modo che esso contribuisce allo sviluppo del bambino. Finalità del gioco nello sviluppo del bambino e suo funzionamento Come attività prevalentemente assimilativa, il gioco si inserisce nello sviluppo del bambino svolgendo una funzione di trasformazione della realtà secondo il suo io, cioè soddisfa bisogni e liquida il confronto con quella parte del reale ancora inaccessibile. Come forma di pensiero, l assimilazione del reale all io è per il bimbo una condizione vitale di continuità e di sviluppo e contribuisce alla conoscenza proprio a causa dello squilibrio del suo pensiero. Il gioco assolve la sua funzione evolutiva di trasformazione impercettibile sostenendosi in un suo peculiare equilibrio imperfetto e incerto, dato da una distanza dalla realtà e da una sottile tensione. Lo fa organizzandosi autonomamente con regole proprie, che si modificano con la crescita del bambino: da una libertà e fantasia incontrollata va verso una forma più regolata, in una funzione simbolica sempre più vicina e imitativa della realtà, in un processo evolutivo da paidia verso ludus, da esercizio verso la regola. Il gioco funziona come una totalità che si organizza al suo interno e nello scambio con l ambiente per conservare il piacere 42

10 Classificazioni del gioco infantile ludico, che è il suo fine, attraverso un reticolo di dinamiche che lo muovono, lo trasformano impercettibilmente e ne conservano l equilibrio. Dinamiche e circuiti del gioco: la complessa struttura del gioco Il gioco possiede una struttura complessa, stratificata in livelli diversi, nella quale ogni livello ha una ricaduta sugli altri. In sostanza tale stratificazione, che si muove tra un livello più evidente e uno più celato, nascosto e profondo, è composta da un unica materia: la materia ludica. Essa si sostiene sulle quattro pulsioni definite da Caillois (2000) mobili tra paidia e ludus, impulsi essenziali e irriducibili, evidenti nei giochi degli uomini così come invisibili nella loro psiche. Quando vediamo una bambina che imbocca la sua bambola diciamo che sta giocando «a bambole», così un bimbo che allinea le automobiline lungo la pista gioca «a macchinine», ecc. Il contenuto del gioco è «bambole», «macchinine», quindi classificabile nel quadrante mimicry (si veda il capitolo 1, La ruota del gioco). Visto che il gioco è un fenomeno che coinvolge tutto l individuo, non possiamo limitarci a una osservazione così superficiale. La domanda successiva è: «Che cosa sostiene, tiene in vita quel gioco?», e ancora: «Qual è il piacere che permette al bambino di continuare a giocare?». Non è semplicemente la bellezza o l interesse per la bambola o le automobiline, vi è qualcosa d altro, ad esempio la finzione di essere madre o autista (mimicry), oppure l esercizio di abilità legate alla cura della bambola o al mantenimento dell automobilina in uno spazio ristretto (agon), oppure lo sgridare con rabbia la bambola per mettere alla prova la paura e il potere (ilinx), o azzardare un sorpasso pericoloso lanciando l automobilina nei pressi di un altra per osservare cosa determinerà la sorte (alea). Come è facile intuire, uno stesso contenuto ludico, quello che siamo abituati a chiamare «giocare a» in realtà annida piaceri diversi. Quindi «giocare a» lo definiamo contenuto, il piacere che sostiene un gioco con il suo contenuto, lo chiamiamo orientazione. Se il contenuto è di facile visibilità, l orientazione potrebbe non esserlo. Solo un attenzione all atteggiamento psicomotorio del bambino la può rilevare. Bisogna essere attenti ai suoi atti, alle modalità espressive e alle sfumature motorie che determinano proprio «il passaggio di una automobilina vicino all altra, molto vicino all altra» per trovare il piacere di affidarsi al caso. Fino a qui siamo ancora negli strati del visibile o in quelli immediatamente sottostanti che possono essere portati alla luce. Perché un bambino o un adulto struttura proprio quel gioco (contenuto) e cerca un particolare piacere al suo interno (orientazione)? Da quale strato psichico proviene quella modalità o forma espressiva? Dobbiamo scivolare un po più giù e soffermarci su alcune evidenze dello sviluppo umano. Il gioco procede con lo sviluppo, è una necessità espressiva, 43

11 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria una funzione presente che condizioni soggettive e ambientali possono facilitare o ostacolare. Di solito, se il bambino non ha particolari difficoltà e l ambiente è sufficientemente attento a lui, il gioco si esprime. Tale funzione ludica latente, cioè esprimibile date certe condizioni, si legherà a una o a più pulsioni delle quattro classificate. Per trasformarsi in gioco avrà bisogno di un innesco, un movente che potrà essere il caso oppure un azione stessa del soggetto. Azione e caso possono essere definiti come un circuito che si origina da agon e alea, ma per mantenersi nel suo rischioso equilibrio, il gioco avrà bisogno di particolari condizioni che ritroviamo in un ulteriore circuito, finzione/rischio che si lega a mimicry/ilinx. Ecco che le quattro pulsioni non solo fondano il contenuto, l orientazione, non solo si legano alla tendenza ludica, ma anche e soprattutto fondano la struttura di base del gioco cioè il movente e l equilibrio ludico. I due circuiti, combinazione delle quattro pulsioni, formano la struttura profonda che permette alla tendenza ludica di trasformarsi in gioco vero, di influenzare quindi contenuto e orientazione, ma contemporaneamente di accogliere un loro ritorno di informazioni dovuto alle variabili che il gioco stesso impone attraverso le azioni. Come se per mantenersi in vita, il gioco, nei confronti degli imprevisti continui che le interazioni con l ambiente determinano, dovesse essere capace di aprirsi e cogliere continui moventi (circuito azione/caso) a loro volta capaci di combinarsi con rischiosi equilibri (circuito finzione/rischio). L ordine è anche inverso: è il circuito finzione/rischio che permette al circuito azione/caso di essere così aperto, così come le modificazioni continue di contenuto e orientazioni ricadranno su di essi e sulla loro reciproca interazione. Solo in questo modo e secondo questa impostazione teorica è spiegabile la varietà dei giochi e la variabilità continua di uno stesso gioco: è l evidenza ludica, quell evidenza che è presente con costanza al piacere dello sguardo professionale dell operatore, che dichiara la salute dei bambini, cioè la capacità di variare i giochi. Possiamo quindi delineare una prima matrice classificatoria riferendoci al contenuto, all orientazione, all equilibrio. 1. Il contenuto dell azione ludica è la dinamica che, producendo temi diversi, determina lo spostamento all interno del territorio ludico. La classificazione sul contenuto distingue sei categorie: giochi di abilità, di interazione, percettivi, simbolici, di vertigine e di fortuna, i quali hanno origine e si trasformano nello scambio con l ambiente umano e fisico. Definizione: il contenuto è il tema, l espressione agita della condotta ludica. 2. L atteggiamento del giocatore in rapporto all ambiente determina la direzione del gioco, cioè la dinamica di orientazione. La classificazione sull orientazione del gioco si rivolge al piacere ludico ricercato dal giocatore, indice privilegiato di identità del soggetto e distingue, anche in questo caso, sei categorie: il 44

12 Classificazioni del gioco infantile piacere ludico dell abilità (come esercizio di abilità acquisite e come piacere di metterle alla prova), il piacere dell interazione, il piacere percettivo, il piacere della finzione, il piacere della vertigine, il piacere della fortuna e della sorpresa. Definizione: l orientazione è la dinamica che ricerca il piacere ludico, è l espressione emotiva, il piano affettivo della condotta ludica. 3. La dinamica di equilibrio deriva dalla distanza che il bambino riesce a prendere e mantenere in quest isola ludica in precario equilibrio. La ludicità è innescata da azioni del soggetto, eventi imprevisti, in un circuito di feedback tra azione e caso. La classificazione sul movente, fase di innesco, indaga questo circuito distinguendo azioni spontanee del bambino e azioni proposte dall adulto (versante azione), eventi imprevisti nell ambiente fisico, umano e imitazione di condotte altrui (versante caso). Il gioco avviato deve poi essere mantenuto in vita: è il blocco finzione/rischio che svolge tale funzione mantenendosi in equilibrio sia al suo interno sia con il blocco azione/caso. Definizione: l equilibrio si lega al movente che permette l innesco e il mantenimento della ludicità sia attraverso lo scambio con l ambiente (versante delle dinamiche), sia attraverso una regolazione interna ai due blocchi e tra i due blocchi stessi (versante dei circuiti). La struttura ludica e gli impulsi essenziali del gioco Abbiamo visto come la struttura psichica del territorio ludico si sviluppi su livelli differenti (figura 3.1): le tre dinamiche appartengono a un livello più periferico (polo adattivo), manifestazioni di un livello più profondo che le produce e le regola, cioè i due circuiti (polo organizzativo), dove si situano i significati dell agire (per un approfondimento sui due poli si veda Piaget, 1968). Dinamiche e circuiti muovono e mantengono in equilibrio, in vita, la ruota del gioco che libera così gli impulsi essenziali e irriducibili (agon, alea, mimicry, ilinx) a seconda del momento ludico, del contesto ambientale, delle caratteristiche personali, della tipologia psicomotoria, dello stato emotivo e psicoaffettivo, del periodo di sviluppo del bambino. Le categorie, riferite alle dinamiche di contenuto e orientazione che abbiamo definito nel paragrafo precedente, sono il risultato di un lavoro di ricerca sul gioco infantile che approfondiremo nel capitolo 4. Ora è nostro interesse porre a confronto tali categorie con quelle di Caillois per discutere i motivi che ci hanno condotto a non sovrapporre contenuto e orientazione. Nella tabella 3.1, le sei categorie emerse dalla nostra indagine sono ricondotte alle pulsioni di Caillois. Alcuni esempi di Caillois ci riconducono al contenuto dei giochi: «Si gioca a calcio, a biglie o a scacchi (agon), si gioca alla roulette o alla lotteria (alea), si 45

13 Formazione corporea ludica per gli operatori Capitolo 6 Formazione corporea ludica per gli operatori La formazione corporea ha da sempre avuto una cospicua rilevanza nel percorso formativo degli psicomotricisti. 1 Una professione che ha come fatto centrale il movimento e il corpo nello sviluppo psicomotorio del bambino non può esimersi dall affrontare la questione corporea dell allievo, pena lo snaturamento del percorso formativo. La formazione corporea 2 ha due valenze, corporea-personale e corporea-professionale, le quali svolgono rispettivamente la funzione di convogliare la riflessione dell allievo su di sé e di permettere l apprendimento di tecniche finalizzate alla metodologia formativa. Ci dedicheremo qui a esporre alcuni cenni solo riguardo alla prima delle due valenze formative, poiché è quella che è maggiormente coinvolta nella formazione ludica. La formazione corporea-personale ha lo scopo di fornire all allievo diversi ambiti di sperimentazione attraverso i quali condurre una riflessione sul suo movimento e sul suo corpo con tutte le ricadute che tale processo ha di conseguenza sulla persona. Sono quindi indispensabili parti che convoglino l attenzione sull esperienza con gli oggetti, con le coordinazioni cinetiche della Motricità di Spostamento (MS), con il controllo posturale in Motricità di Posizione (MP), con il ritmo, con le emozioni, con i modi di mettere in gioco i legami affettivi. Quest ultimo punto 1 Ci si riferisce al percorso formativo delle principali scuole private italiane che dagli anni Settanta fino ai primi anni del 2000 hanno formato gli psicomotricisti in Italia. Con il decreto Bindi del 1997 la formazione diviene universitaria e si costituisce il Corso di Laurea di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva (TNPEE). Per un approfondimento si rimanda a Wille e Ambrosini (2005) e alla rivista «Psicomotricità» dell Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti Italiani (ANUPI). 2 La formazione corporea acquisisce valenze diverse conseguenti all impostazione teorica della scuola e in psicomotricità, come in tutte le altre discipline, sono presenti indirizzi differenti. 117

14 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria è particolarmente delicato, per cui si ritiene che la formazione personale-corporea debba porsi dei limiti e non oltrepassare il confine che distingue le motivazioni più profonde e inconsce dell atto con l atto che si svolge nel contesto formativo. L oggetto di analisi è il rapporto tra l atto, il contesto in cui è svolto e la persona che l ha svolto, il cui sguardo rivolto su di sé dovrebbe legarsi più all ambiente che alle relazioni oggettuali interne. Queste ultime possono essere evocate durante la formazione corporea-personale, ricordando il ruolo che hanno nelle relazioni umane, ma non dovrebbero divenire mai oggetti del percorso formativo poiché il loro ambito di riflessione è in altro luogo, extra alla formazione, è personale e profondo, da condividere in un percorso a due con il proprio terapista di riferimento che riteniamo debba essere un professionista con competenze psicodinamiche. Il gioco è una funzione dello sviluppo con la quale i professionisti che lavorano con l infanzia si trovano a confrontarsi. Il terapista della psicomotricità ha quotidianamente il gioco in scena, sotto molteplici forme, portate dal bambino, ma create anche da lui. E quindi utile che una parte specifica della formazione corporea-personale sia dedicata al gioco con le seguenti finalità: distinzione tra azione adattive e ludiche; individuazione di quei segni che contraddistinguono il territorio ludico; sperimentazione di giochi appartenenti a categorie ludiche diverse; riconoscimento del proprio terreno ludico; riappropriazione dei giochi e del loro valore; benessere. Come si può osservare, tra gli obiettivi del percorso formativo ludico non è contemplato il rapporto tra gioco e sua significazione personale, per due motivi: 1. come abbiamo affermato, dagli ambiti della formazione corporea-personale è esclusa un analisi dell inconscio della persona; 2. il gioco, per mantenersi in vita, non deve svelare il proprio significato, pena il suo annullamento. L obiettivo formativo è la creazione e lo sviluppo del gioco per il tempo necessario a vivere il piacere ludico; se ne fosse svelato il senso, il motivo e la causa, il gioco si arresterebbe e la persona, nuda di fronte alla propria creazione, la rifiuterebbe e in occasioni successive starebbe molto attenta a mettersi, per l appunto, «in gioco». Avrebbero il sopravvento meccanismi di difesa per quelle parti di sé che invece il territorio ludico aveva liberato ed erano state una delle origini della creazione. Infine, è necessaria un ulteriore precisazione: un laboratorio sul gioco è in contraddizione con il gioco stesso poiché esso è volontario e libero dall obbligo di giocare, per cui difficilmente imbrigliabile in una struttura preconfezionata che ora andremo a presentare. 118

15 Formazione corporea ludica per gli operatori Le molte esperienze di laboratori ludici svolte in ambiti diversi e con professionisti diversi hanno smentito questa contraddizione che comunque è opportuno che venga dichiarata a inizio del percorso formativo. Il laboratorio ludico Il laboratorio ludico si sviluppa in dieci incontri, il primo teorico di presentazione del gioco e su cos è secondo i riferimenti concettuali già espressi e approfonditi in questo testo. L incontro, proprio per le teorie che propone, è già fortemente e intenzionalmente disequilibrante, sicuramente per il formatore il più difficile, proprio perché «mina» alcune certezze e consuetudini. Gli incontri dal secondo all ottavo sono di lavoro corporeo-personale; gli ultimi due, pratici, trattano scene ludiche prese da sedute di terapia psicomotoria con il bambino e presentate dal formatore. L ambiente Il laboratorio si svolge in due ambienti diversi: il primo è dedicato alle lezioni frontali (in realtà sono solo il primo e il quinto incontro che si svolgono in questo luogo), il secondo alla formazione corporea. Le caratteristiche di questo secondo ambiente sono identiche a quelle della stanza di terapia psicomotoria e spesso è coincidente. Si deve tener presente che, visto che si tratta di un lavoro di gruppo, la superficie dovrebbe essere sufficientemente vasta per accogliere il movimento di ogni persona. 3 Il luogo dovrebbe possedere il minor numero possibile di arredo fisso e contenere esclusivamente gli oggetti necessari per lo svolgimento dell attività preparata. Tempi Il laboratorio si svolge in dieci incontri della durata di due ore ciascuno. Ogni allievo dedica del tempo extra-laboratorio alla preparazione di giochi e alla riflessione su alcuni aspetti che emergono nel corso del lavoro pratico. Parte del tempo è anche utilizzata per discussioni collettive. Oggetti Nel secondo incontro, quello che avvia la formazione corporea-personale, gli oggetti sono palle ritmiche, di quattro colori diversi, almeno una a testa. La 3 Come valore indicativo si può considerare che una stanza di 40 metri quadrati è idonea per 10 persone. 119

16 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria PRIMO STADIO (14-18/20 MESI) ATTIVITÀ IN MS Costruzione dell ambiente e possibili azioni l ambiente avrà superfici libere da oggetti e materiali utili: solidi di gommapiuma (parallelepipedi di diverse dimensioni) rivestiti in tessuto (non in plastica) e disposti in modo tale da favorire le diverse coordinazioni cinetiche semplici della ms; solidi di gommapiuma di minima altezza (materassini, non quelli da palestra); superfici di legno ampie (tavole) appoggiate su mattoncini che permettano una buona aderenza al suolo in modo da rendere stabile la tavola. Attività l occupazione diversa delle due superfici permette ai bambini di scegliere gli spazi in cui spostarsi, la disposizione dei materiali favorisce sia gli spostamenti in orizzontale che in verticale, i diversi materiali sollecitano la sensibilità propriocettiva. Obiettivi sperimentazione delle diverse coordinazioni cinetiche semplici e dei cambi posturali; sollecitazione dell equilibrio statico e dinamico. Possibili trasformazioni ludiche dall esercizio delle coordinazioni cinetiche possono nascere giochi di abilità, dall esercizio dei cambi posturali e in particolare dalla perdita di equilibrio possono nascere giochi di vertigine e dalle stesse attività si possono generare giochi percettivi. 160

17 Proposte pratiche per l attività ludica PRIMO STADIO (14-18/20 MESI) ATTIVITÀ IN MP Costruzione dell ambiente e possibili azioni Possono essere costruiti due tipi di ambiente: il primo facendo sedere i bambini su seggioline o panchette e predisponendo gli oggetti su tavoli, il secondo posizionando i materiali a terra cui segue una modalità posturale differente da bambino a bambino; in questo secondo caso è possibile anche stabilire uno spazio individuale di attività oppure uno spazio comune, in modo che nascano più facilmente giochi di interazione. Attività gli oggetti contenitori sono differenti tipi di bottiglie di plastica rigida e semitrasparente (la trasparenza è un ulteriore indice di varianza poiché potrebbe favorire un gioco percettivo legato alla vista mentre l opacità l udito) di dimensioni diverse, ma impugnabili con una sola mano dal bambino, con diametri di imboccatura diversi, con chiusura ad avvitamento. successivamente, a seconda di come l attività si svolge, possono essere introdotti altri contenitori di metallo o di cartone rigido anch essi con aperture diverse; anche scatole di cartone con incise dall operatore fessure, circonferenze, rettangoli più o meno grandi che permettano di infilare gettoni, bottoni, astine, granaglie. È opportuno che il materiale da infilare e da introdurre venga selezionato secondo categorie e non mescolato. nell utilizzo di questi materiali è sempre opportuno ricordare che hanno un forte potere «dispersivo» se l attività non è ben condotta o lasciata durare troppo a lungo. il gioco non nasce mai o è più difficile che decolli in situazioni caotiche. Obiettivi Coordinazione oculo-manuale, esercizio di motricità fine e di prassie manuali. Possibili trasformazioni ludiche da ognuna delle attività descritte e all interno degli obiettivi specifici delle attività possono nascere giochi di abilità manuale, in particolare giochi percettivi legati al suono, alla vista, al tatto e alla propriocezione, anche giochi di vertigine attorno al rumore, allo spargere gli oggetti, al coinvolgimento della voce che può generalizzarsi, coinvolgendo altri bambini, e così modificarsi in giochi di interazione. 161

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA La proposta educativa La proposta Psicomotoria educativa rivolta a bambini dai 2 ai 6 anni, tende ad una armonica formazione della personalità vista come

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Consultazioni, esami e test psicomotori Sedute psicomotorie individuali con prescrizione medica per bambini affetti da: Disturbi della Coordinazione Motoria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono

Dettagli

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Per educare al Nido ci si avvale del gioco e ciò comporta attenzione e osservazione. Infatti i bambini/e parlano attraverso il corpo, la

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento

La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento La figura del TNPEE e i diversi ambiti di intervento Auditorium Ospedale N.S di Montallegro Rapallo novembre 2011 Lavorare in Terapia con un bambino autistico Dott.ssa Enrica Lusetti Dott. Anton Maria

Dettagli

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e FINALITA I nuovi programmi Ministeriali ritengono l educazione motoria una componente essenziale dell unità educativa della persona per cui essa concorre alla realizzazione delle finalità proprie della

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia.

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro 4.03.2013 Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Roberto Lingua robertolingua@tiscali.it I bambini non sono diversi dalle rose nel loro sviluppo: nascono

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA TROFEO CITTA DI PRATO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRESENTA A SCUOLA CON PLUTO CON MARTINO (OPERATORE TROFEO CITTA DI

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia Via Spagna, 5, 37123, Verona 1 Intervento sul bambino

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

Junior Training - Laboratorio musicale

Junior Training - Laboratorio musicale Junior Training - Laboratorio musicale «La musica per bambini nasce lavorando con i bambini e lo Schulwerk vuole essere stimolo per un proseguimento creativo autonomo; infatti esso non è definitivo, ma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

CENTRI MINIBASKET BAMBINI ISTRUTTORI 2500 125.000 7200 PULCINI 2003/2004 SCOIATTOLI 2001/2002 GAZZELLE F 2000/2001/2002 AQUILOTTI 1999/2000 ESORDIENTI M 1998/1999 F 1998/1999/2000 INCONTRO TRA MINIBASKET

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni

LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. Dr.ssa Claudia Boni LA FACILITAZIONE AL GIOCO NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Dr.ssa Claudia Boni Psicologa -Terapista neuropsicomotricità età evolutiva Spoke Autismo Casa del Giardiniere AUSL di BOLOGNA CONVEGNO AUTISMO:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Junior Training - Laboratorio sensoriale

Junior Training - Laboratorio sensoriale Junior Training - Laboratorio sensoriale Il laboratorio sensoriale è un attività atta a stimolare i sensi dei bambini, in modo da aumentarne la loro ricettività e la capacità di distinguere differenti

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Crescendo. Ponti e passerelle sopraelevate

Crescendo. Ponti e passerelle sopraelevate TLF_mod_833x297 5-11-2007 18:00 Pagina 1 STUDIOELIOCAPECCHI Ponti e passerelle sopraelevate Crescere significa divertirsi a creare fantasie sempre più complesse. Grazie agli elementi Modulo Più sarà possibile

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro Campo di esperienza: Il sé e l altro Rafforzare e consolidare la propria identità Rafforzare la stima e la fiducia di sé Riconoscere di avere una storia personale e familiare Comprendere e rispettare le

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO Dott.ssa Stefania Capra Le Boulche e la Psicomotricità Funzionale. In occasione della tesi di laurea in Psicomotricità Funzionale ho sviluppato un progetto di intervento

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli

Geometria in gioco. Erickson. Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento delle figure piane. Patrizia Fantuzzi

Geometria in gioco. Erickson. Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento delle figure piane. Patrizia Fantuzzi Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Patrizia Fantuzzi Geometria in gioco Carte, tombola e cruciverba per favorire l apprendimento

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE Perché il bambino gioca? Il bambino gioca perché prova una sensazione di benessere, lo fa stare bene, gli dà gioia. Per il bambino il gioco è un attività

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione Seminari metodologici propedeutici al tirocinio A.A. 2009/2010 II seminario: Come si articola

Dettagli

Proposte di attività motoria per DSA: la pratica psicomotoria

Proposte di attività motoria per DSA: la pratica psicomotoria Corso di formazione Il contributo dell attività motoria con i DSA e con gli alunni con disabilità Proposte di attività motoria per DSA: la pratica psicomotoria Paola Martinelli U.S.R. per le Marche Jesi

Dettagli

S.S.D. Natatorium Treviso a r.l.:

S.S.D. Natatorium Treviso a r.l.: Pag.1 L acqua tra i banchi per le Scuole d Infanzia Pag.2 Partendo dal presupposto che nell età evolutiva il bambino gioca perché prova piacere ed attraverso il gioco adatta la realtà alle sue esigenze,

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Cristina Donnini Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Questo progetto è nato dalla richiesta delle maestre della scuola dell infanzia Sorelle Agazzi di La California (Livorno)

Dettagli

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259 I n d i c e 9 Introduzione 21 CAP. 1 La comunicazione 57 CAP. 2 Lavorare in gruppo 97 CAP. 3 Il problem solving 133 CAP. 4 La capacità di gestire situazioni difficili 177 CAP. 5 Metacognizione e competenze

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli