Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria"

Transcript

1 STRUMENTI DI Neuro e PsicomotricitÀ Collana diretta da Fabio Comunello e Paola Marina Savini A N U P I Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva Italiani Associazione rappresentativa a livello nazionale per D.M. 14/04/2005 della figura professionale sanitaria del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva (D.M. n. 56/97) Claudio Ambrosini e Simona Pellegatta Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria

2 INDICE 7 Introduzione 11 Capitolo 1 La ruota del gioco 21 Capitolo 2 Il bambino e l adulto 41 Capitolo 3 Classificazioni del gioco infantile Caratteristiche e confini del territorio ludico Finalità del gioco nello sviluppo del bambino e suo funzionamento Dinamiche e circuiti del gioco: la complessa struttura del gioco La struttura ludica e gli impulsi essenziali del gioco Contenuto e orientazione: sinergie Movente ed equilibrio 55 Capitolo 4 Gioco e sviluppo psicomotorio Genesi del gioco Primo stadio (14-18/20 mesi) Secondo stadio (18/20-26/28 mesi) Terzo stadio (26/28-36/40 mesi) Evoluzione del gioco 91 Capitolo 5 Gioco e terapia psicomotoria Il gioco nell intervento psicomotorio Storie 117 Capitolo 6 Formazione corporea ludica per gli operatori Il laboratorio ludico Considerazioni sul laboratorio di gioco 131 Capitolo 7 Struttura ludica e impulsi essenziali del gioco

3 145 Capitolo 8 Categorie ludiche. Esempi di applicazione Contenuto Orientazione Movente 157 Capitolo 9 Proposte pratiche per l attività ludica 183 Bibliografia

4 La ruota del gioco Capitolo 1 La ruota del gioco Se ci addentriamo nei tanti studi sul gioco infantile, ci troviamo a ruotare un po smarriti e confusi in un vortice di concetti che si contrappongono tra loro fin quasi ad annullarsi, ma anche osservare i bambini mentre giocano ci trascina nella medesima condizione. Ogni gioco pare farci oscillare tra due poli opposti, che non si annullano, ma anzi convivono nel territorio ludico in un ambivalenza che «sospende». Scopriamo così che il gioco assolve la sua funzione evolutiva proprio mantenendosi, appunto, sospeso tra questi due mondi opposti, tra dimensioni che paiono inconciliabili, realtà e fantasia, vita e morte, regola e libertà. E lo può fare solo sostenendosi in un suo peculiare equilibrio, perfetto e imperfetto al tempo stesso, incerto come un miraggio, oasi verdeggiante che galleggia dentro a una bolla di sapone. L equilibrio ludico è dato da una particolare distanza dalla realtà e da una sottile tensione; da esso scaturiscono, come raggi di una ruota, giochi di abilità e di interazione, giochi simbolici e di fortuna, giochi percettivi e di vertigine alla ricerca di quel voluttuoso panico che si crea tra temporanee perdite di equilibrio e il suo ristabilimento. Pier Aldo Rovatti, filosofo e autore di vari testi sul gioco (Dal Lago e Rovatti, 1993; Rovatti e Zoletto, 2005), afferma che il gioco è difficile da trattare perché occorre abitare una sorta di confusione per poter giocare, un «pasticcio» che si crea in un oscillazione tra un affermazione e un qualcosa che nega l affermazione stessa e che occorre abituarsi a non trattare questi due opposti come tali. Allora pensiamo al nostro Carlo, che gioca con le figurine dei calciatori, e ad Anna, una bambina di trent anni fa. Anche lei giocava con le figurine, quelle delle Holly Hobbie, bambine vestite graziosamente, impegnate in attività della vita campagnola. Ciò che divertiva Anna consisteva proprio nell operazione di attaccare le figurine: aprire la bustina e sentire già il loro profumo inconfondibile, passarle una a una velocemente sperando nella novità, ripetendo «Ce l ho, ce l ho, ce l ho, NON CE L HO!», apprezzare la nuova immagine nei suoi colori 11

5 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria e significato, staccare lentamente la figurina dal suo supporto con quel rumore così piacevole «sccccciuc», sentendo la morbida resistenza tra le due parti, e infine, il momento più impegnativo, attaccarla in modo corretto, senza piegoline e allineata perfettamente nel suo riquadro. Non sempre Anna ci riusciva, ma le piaceva cimentarsi in quell ultima non facile operazione. Per la bambina quello era il gioco, perché nel farlo trovava un piacere ludico. Nel medesimo contesto, per Carlo quelle azioni non sono gioco. Ecco un affermazione che nega l altra. Anna e Carlo ci stanno abituando a muoverci leggeri in questo mondo ludico estremamente mobile, fatto di combinazioni infinite quanti sono i giocatori, combinazioni soggette a un incessante trasformazione. In realtà, entrambe le affermazioni sono valide, sia Anna che Carlo stanno giocando, ma il piacere ludico che orienta le loro condotte è diverso per ognuno di loro. Ciò che diverte Carlo è qualcosa di più avvincente e rischioso, è la partita di calcio Milan-Napoli inventata con le figurine. Carlo ricerca un piacere ludico nella finzione e il suo giocare si colora di un contenuto simbolico. Anna svolge un gioco meno rischioso e più ripetitivo; lei ricerca un piacere ludico nella percezione sensoriale e nell abilità. Se consideriamo questo tipo di piacere come l espressione affettiva del gioco, allora la sua presenza attesta che un gioco è in atto, qualunque esso sia. L orientazione del gioco come dinamica che lo ricerca è mossa da un atteggiamento interno del giocatore che mira al proprio massimo soddisfacimento. Nella ricerca del piacere ludico troviamo dunque un indicatore privilegiato dell identità del giocatore. Il piacere però non è esclusivo del gioco: molte sono le attività che possono essere divertenti e piacevoli, ma non tutte possono essere definite gioco. Divertire, dal latino divertere, significa «volgere altrove, in direzione opposta; far prendere un altra direzione». Il divertimento, infatti, diventa espressione del gioco quando coincide con una direzione dell attività orientata, appunto, verso un piacere ludico, un piacere cioè liberato, fine a se stesso, ricercato inizialmente dal giocatore nello scambio con l ambiente, che infine lo coinvolge fino a rapirlo con la potenza di un vortice. Dalla casa di Carlo e di Anna, giocatori solitari, ci spostiamo in un salone di una scuola dell infanzia durante la pausa del tempo libero, uno tra quelli osservati per questo approfondimento. I bambini sono molti, più classi si mischiano rumorosamente e si muovono tra le strutture e gli spazi vuoti del salone. Tanti sono i giochi spontanei che si possono osservare, con varietà e ricchezza notevoli. Di essi si è cercato la genesi e si è analizzato, attraverso diverse modalità di indagine e di classificazione, il rapporto tra gioco e adattamento in un possibile ordine evolutivo. L opportunità di osservare numerosi bambini che contemporaneamente giocano in un 12

6 La ruota del gioco contesto vario e diversificato quale, appunto, l ambito educativo, ha portato alla luce e amplificato un affascinante caratteristica dell attività ludica: una sorta di mutazione impercettibile dell azione, risultante da un reticolo di dinamiche in stretta relazione che, muovendosi in sinergia, legano azioni, soggetto e ambiente. Questa trasformazione impercettibile dell azione di gioco presenta un certo tratto di inconsapevolezza che comunque possiede un senso finito nella ricerca e nella conservazione di un piacere ludico fine a se stesso. Una lunga fila di bambini corre inseguendo un compagno. Per imitazione, nasce una seconda lunga fila di bambini, maschi e femmine, che fanno la stessa cosa. Il gioco muta impercettibilmente in gioco simbolico: si tratta di tigri che inseguono gattonando il primo della fila. Mentre il primo gruppo a gattoni finge di lottare e mordere l inseguito, l altro gruppo passa gattonando dentro il tunnel dello scivolo centrale, poi sale sopra lo scivolo e scende, naturalmente è il primo bambino che decide il percorso e gli altri lo seguono. È interessante osservare le diverse modalità che ogni bambino sceglie per scivolare giù. Il gioco simbolico si trasforma nuovamente proseguendo con una specie di morte o sonno dell animale, un bambino sdraiato supino con braccia e gambe aperte, mentre gli altri cercano di risvegliarlo. I gruppi non sono più due, ma tre o quattro, formati da pochi bambini. In un gruppo di due femmine e un maschio nasce un altro gioco, come il gioco del dottore o similare: un bimbo è sdraiato sulla panchina e le bambine con le mani appoggiate al suo petto premono giù a ripetizione, sembra eseguano un massaggio cardiaco. La scena si ripete a terra, poi i tre ritornano sulla panchina, ma la maestra si siede su di essa, dicendo loro qualcosa. Il gruppetto continua il gioco a terra. Altri bambini imiteranno lo stesso gioco. Immaginiamo allora una ruota che, mentre gira, tesse un filo che diventa trama, dilata e contrae il tempo, colora spazi e oggetti, accelera in modo impercettibile o violento, interrompe il suo moto improvvisamente per ricominciare poi dallo stesso punto, distorcendo l intervallo di tempo trascorso fino ad annullarlo. A volte, la ruota continua a girare fino a catturare il giocatore che quasi inconsapevolmente si perde nel piacere ludico. Nel suo vorticare, risucchia persino colui che osserva, che ha un bel da fare a tenersi stretto alla sua sedia che sembra improvvisamente barcollare. È così può accadere che la ruota liberi ambivalenze e contraddizioni in uno scambio in perdita per il giocatore, che assapora un po smarrito e confuso il vero vantaggio accidentale del gioco. Il senso finito dell attività ludica coincide con un idea di totalità, regola e libertà che Roger Caillois, sociologo, descrive come una totalità circoscritta, inizialmente completa e immutabile, concepita per funzionare senza nessun altro intervento esterno che l energia che la mette in moto (Caillois, 1981). Energia movente che in origine è libertà primaria ma, governata dalle leggi interne del regno ludico, via via acquisisce forme più complesse e regolate, in un processo equilibratore che da 13

7 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria paidia va verso ludus (Caillois, 1981), che da esercizio va verso la regola (Piaget, 1972). Possiamo immaginare questa totalità, organizzata autonomamente, come una ruota, una piattaforma girevole, formata da quattro quadranti, che rappresentano le pulsioni, gli impulsi essenziali e irriducibili a cui Caillois riconduce l intero panorama dei giochi: il sopravvento della forza e dell intelligenza (agon), la funzione spossessante della maschera (mimicry), gli abissi che la sorte (alea) e la vertigine (ilinx) permettono di costeggiare (figura 1.1). AGON MIMICRY ALEA ILINX Fig. 1.1 Ruota del gioco. Rovatti afferma: «Il gioco non è uno, bensì appunto qualcosa di simile a una piattaforma girevole con lati e aspetti diversi collegati da una logica circolare. [...] il gioco, così inteso, agisce come un volano dall effetto decentrante» (in Caillois, 1981). È nostra convinzione che in qualsiasi condotta ludica, i quattro impulsi siano sempre presenti, in forma manifesta o latente. Si tratta ora di iniziare a stabilire alcuni riferimenti, cioè le dinamiche attraverso le quali questi impulsi si esprimono e il meccanismo che le sostiene, in altri termini si inizia ad affrontare la questione della struttura organizzativa del territorio ludico. Le dinamiche della ruota sono tre: 1. di contenuto, che muove gli impulsi nello scambio con l ambiente; 2. di orientazione, che li direziona verso uno scopo preciso e soggettivo; 3. di equilibrio, che evita la «caduta», cioè l uscita dal gioco. A un livello più profondo le dinamiche si organizzano in meccanismi, che chiameremo d ora in poi circuiti (la logica circolare di Rovatti), che le sostengono e le governano in modo da permettere agli impulsi di Caillois di riemergere e manifestarsi ogni qualvolta il contesto ambientale e affettivo del giocatore lo richieda o lo solleciti. Pensiamo a cosa avviene alla ruota anteriore di una bicicletta quando incontra ostacoli sulla strada: la ruota che gira perde il suo equilibrio e la sua direzione, oscilla a destra e a sinistra alla ricerca della stabilità perduta (figura 1.2). 14

8 Classificazioni del gioco infantile Capitolo 3 Classificazioni del gioco infantile Per classificare il gioco, occorre innanzitutto capire ciò che è gioco e ciò che non lo è, individuare quindi i segni che lo individuano e lo delimitano. Qui sotto riassumiamo e riaffermiamo i punti significativi in parte espressi in forma diversa nei capitoli precedenti. Caratteristiche e confini del territorio ludico Tutte le attività si trasformano in gioco nel momento in cui il bambino le esercita per il puro piacere che esse procurano. Il piacere è l unico fine del gioco e, in tal senso, il gioco è veicolo d identità ed è rilevatore di conflitti, bisogni, desideri, conquiste, appagamenti della vita del bambino. Il piacere ricercato nel gioco è un indice privilegiato della soggettività e dell identità del giocatore. Il gioco è un attività separata, circoscritta nel tempo e nello spazio. È separato dalla vita reale in quanto attività fittizia che ha un proprio tempo e un proprio spazio, finzione derivata da una distanza dalla realtà che produce una maschera, un illusione che rimane tuttavia consapevole. È un territorio separato, dunque, e al tempo stesso contiguo alla realtà attraverso un velo che ne determina peso e misura. Il gioco è un territorio incerto. È sempre in precario equilibrio tra azioni ed eventi imprevisti che pongono a rischio l equilibrio stesso creando una sottile tensione tipica del gioco. Il gioco è un attività libera e al tempo stesso regolata. Non si può obbligare nessuno a giocare, il piacere ludico può emergere solo fine a se stesso. Il gioco prevede quindi una dose di spensieratezza e di libertà, tuttavia ha leggi interne che lo governano in una sorta di oscillazione tra due poli di rispetto delle regole e libertà. 41

9 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria Il gioco è un attività gratuita, non produce alcune conseguenze per la vita reale. I bambini non imparano nulla durante il gioco: non c è apprendimento. Il territorio ludico è separato da quello delle conoscenze, pur attingendo a esso con continuità. Vi è gioco dunque quando è limitato o soppresso il polo accomodativo dell azione. Può invece succedere che il gioco trascini con sé eventi che interrompono l orientamento ludico dell azione, per spostarsi verso un orientamento adattivo, oppure che nuclei ludici irrompano nell attività adattiva per brevi momenti. Nella teoria di Piaget non si dissocia il gioco dal non gioco, ma si sottolinea l esistenza di un orientamento della condotta, il cui carattere più o meno accentuato definisce tonalità più o meno ludiche dell azione. In tal senso, il divertimento del gioco è un piacere liberato o, meglio, temporaneamente sospeso dal processo di adattamento alla realtà, pur rimanendo quest ultimo a sostegno del gioco come stato di adattamento. Una volta dentro il territorio ludico, ogni bambino genera giochi che l ambiente nel quale è immerso sollecita: quando si classificano i giochi emersi in un dato ambiente umano e fisico, in realtà si stanno analizzando entrambi gli elementi. Da qui il tentativo di utilizzare le tre dinamiche della ruota del gioco come punti di vista differenti con cui classificare il gioco, alla ricerca dello strumento classificatorio più adatto per analizzare, nello scambio tra l ambiente e il bambino, cosa permette al gioco di essere territorio di possesso e di identità, poiché è in questo modo che esso contribuisce allo sviluppo del bambino. Finalità del gioco nello sviluppo del bambino e suo funzionamento Come attività prevalentemente assimilativa, il gioco si inserisce nello sviluppo del bambino svolgendo una funzione di trasformazione della realtà secondo il suo io, cioè soddisfa bisogni e liquida il confronto con quella parte del reale ancora inaccessibile. Come forma di pensiero, l assimilazione del reale all io è per il bimbo una condizione vitale di continuità e di sviluppo e contribuisce alla conoscenza proprio a causa dello squilibrio del suo pensiero. Il gioco assolve la sua funzione evolutiva di trasformazione impercettibile sostenendosi in un suo peculiare equilibrio imperfetto e incerto, dato da una distanza dalla realtà e da una sottile tensione. Lo fa organizzandosi autonomamente con regole proprie, che si modificano con la crescita del bambino: da una libertà e fantasia incontrollata va verso una forma più regolata, in una funzione simbolica sempre più vicina e imitativa della realtà, in un processo evolutivo da paidia verso ludus, da esercizio verso la regola. Il gioco funziona come una totalità che si organizza al suo interno e nello scambio con l ambiente per conservare il piacere 42

10 Classificazioni del gioco infantile ludico, che è il suo fine, attraverso un reticolo di dinamiche che lo muovono, lo trasformano impercettibilmente e ne conservano l equilibrio. Dinamiche e circuiti del gioco: la complessa struttura del gioco Il gioco possiede una struttura complessa, stratificata in livelli diversi, nella quale ogni livello ha una ricaduta sugli altri. In sostanza tale stratificazione, che si muove tra un livello più evidente e uno più celato, nascosto e profondo, è composta da un unica materia: la materia ludica. Essa si sostiene sulle quattro pulsioni definite da Caillois (2000) mobili tra paidia e ludus, impulsi essenziali e irriducibili, evidenti nei giochi degli uomini così come invisibili nella loro psiche. Quando vediamo una bambina che imbocca la sua bambola diciamo che sta giocando «a bambole», così un bimbo che allinea le automobiline lungo la pista gioca «a macchinine», ecc. Il contenuto del gioco è «bambole», «macchinine», quindi classificabile nel quadrante mimicry (si veda il capitolo 1, La ruota del gioco). Visto che il gioco è un fenomeno che coinvolge tutto l individuo, non possiamo limitarci a una osservazione così superficiale. La domanda successiva è: «Che cosa sostiene, tiene in vita quel gioco?», e ancora: «Qual è il piacere che permette al bambino di continuare a giocare?». Non è semplicemente la bellezza o l interesse per la bambola o le automobiline, vi è qualcosa d altro, ad esempio la finzione di essere madre o autista (mimicry), oppure l esercizio di abilità legate alla cura della bambola o al mantenimento dell automobilina in uno spazio ristretto (agon), oppure lo sgridare con rabbia la bambola per mettere alla prova la paura e il potere (ilinx), o azzardare un sorpasso pericoloso lanciando l automobilina nei pressi di un altra per osservare cosa determinerà la sorte (alea). Come è facile intuire, uno stesso contenuto ludico, quello che siamo abituati a chiamare «giocare a» in realtà annida piaceri diversi. Quindi «giocare a» lo definiamo contenuto, il piacere che sostiene un gioco con il suo contenuto, lo chiamiamo orientazione. Se il contenuto è di facile visibilità, l orientazione potrebbe non esserlo. Solo un attenzione all atteggiamento psicomotorio del bambino la può rilevare. Bisogna essere attenti ai suoi atti, alle modalità espressive e alle sfumature motorie che determinano proprio «il passaggio di una automobilina vicino all altra, molto vicino all altra» per trovare il piacere di affidarsi al caso. Fino a qui siamo ancora negli strati del visibile o in quelli immediatamente sottostanti che possono essere portati alla luce. Perché un bambino o un adulto struttura proprio quel gioco (contenuto) e cerca un particolare piacere al suo interno (orientazione)? Da quale strato psichico proviene quella modalità o forma espressiva? Dobbiamo scivolare un po più giù e soffermarci su alcune evidenze dello sviluppo umano. Il gioco procede con lo sviluppo, è una necessità espressiva, 43

11 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria una funzione presente che condizioni soggettive e ambientali possono facilitare o ostacolare. Di solito, se il bambino non ha particolari difficoltà e l ambiente è sufficientemente attento a lui, il gioco si esprime. Tale funzione ludica latente, cioè esprimibile date certe condizioni, si legherà a una o a più pulsioni delle quattro classificate. Per trasformarsi in gioco avrà bisogno di un innesco, un movente che potrà essere il caso oppure un azione stessa del soggetto. Azione e caso possono essere definiti come un circuito che si origina da agon e alea, ma per mantenersi nel suo rischioso equilibrio, il gioco avrà bisogno di particolari condizioni che ritroviamo in un ulteriore circuito, finzione/rischio che si lega a mimicry/ilinx. Ecco che le quattro pulsioni non solo fondano il contenuto, l orientazione, non solo si legano alla tendenza ludica, ma anche e soprattutto fondano la struttura di base del gioco cioè il movente e l equilibrio ludico. I due circuiti, combinazione delle quattro pulsioni, formano la struttura profonda che permette alla tendenza ludica di trasformarsi in gioco vero, di influenzare quindi contenuto e orientazione, ma contemporaneamente di accogliere un loro ritorno di informazioni dovuto alle variabili che il gioco stesso impone attraverso le azioni. Come se per mantenersi in vita, il gioco, nei confronti degli imprevisti continui che le interazioni con l ambiente determinano, dovesse essere capace di aprirsi e cogliere continui moventi (circuito azione/caso) a loro volta capaci di combinarsi con rischiosi equilibri (circuito finzione/rischio). L ordine è anche inverso: è il circuito finzione/rischio che permette al circuito azione/caso di essere così aperto, così come le modificazioni continue di contenuto e orientazioni ricadranno su di essi e sulla loro reciproca interazione. Solo in questo modo e secondo questa impostazione teorica è spiegabile la varietà dei giochi e la variabilità continua di uno stesso gioco: è l evidenza ludica, quell evidenza che è presente con costanza al piacere dello sguardo professionale dell operatore, che dichiara la salute dei bambini, cioè la capacità di variare i giochi. Possiamo quindi delineare una prima matrice classificatoria riferendoci al contenuto, all orientazione, all equilibrio. 1. Il contenuto dell azione ludica è la dinamica che, producendo temi diversi, determina lo spostamento all interno del territorio ludico. La classificazione sul contenuto distingue sei categorie: giochi di abilità, di interazione, percettivi, simbolici, di vertigine e di fortuna, i quali hanno origine e si trasformano nello scambio con l ambiente umano e fisico. Definizione: il contenuto è il tema, l espressione agita della condotta ludica. 2. L atteggiamento del giocatore in rapporto all ambiente determina la direzione del gioco, cioè la dinamica di orientazione. La classificazione sull orientazione del gioco si rivolge al piacere ludico ricercato dal giocatore, indice privilegiato di identità del soggetto e distingue, anche in questo caso, sei categorie: il 44

12 Classificazioni del gioco infantile piacere ludico dell abilità (come esercizio di abilità acquisite e come piacere di metterle alla prova), il piacere dell interazione, il piacere percettivo, il piacere della finzione, il piacere della vertigine, il piacere della fortuna e della sorpresa. Definizione: l orientazione è la dinamica che ricerca il piacere ludico, è l espressione emotiva, il piano affettivo della condotta ludica. 3. La dinamica di equilibrio deriva dalla distanza che il bambino riesce a prendere e mantenere in quest isola ludica in precario equilibrio. La ludicità è innescata da azioni del soggetto, eventi imprevisti, in un circuito di feedback tra azione e caso. La classificazione sul movente, fase di innesco, indaga questo circuito distinguendo azioni spontanee del bambino e azioni proposte dall adulto (versante azione), eventi imprevisti nell ambiente fisico, umano e imitazione di condotte altrui (versante caso). Il gioco avviato deve poi essere mantenuto in vita: è il blocco finzione/rischio che svolge tale funzione mantenendosi in equilibrio sia al suo interno sia con il blocco azione/caso. Definizione: l equilibrio si lega al movente che permette l innesco e il mantenimento della ludicità sia attraverso lo scambio con l ambiente (versante delle dinamiche), sia attraverso una regolazione interna ai due blocchi e tra i due blocchi stessi (versante dei circuiti). La struttura ludica e gli impulsi essenziali del gioco Abbiamo visto come la struttura psichica del territorio ludico si sviluppi su livelli differenti (figura 3.1): le tre dinamiche appartengono a un livello più periferico (polo adattivo), manifestazioni di un livello più profondo che le produce e le regola, cioè i due circuiti (polo organizzativo), dove si situano i significati dell agire (per un approfondimento sui due poli si veda Piaget, 1968). Dinamiche e circuiti muovono e mantengono in equilibrio, in vita, la ruota del gioco che libera così gli impulsi essenziali e irriducibili (agon, alea, mimicry, ilinx) a seconda del momento ludico, del contesto ambientale, delle caratteristiche personali, della tipologia psicomotoria, dello stato emotivo e psicoaffettivo, del periodo di sviluppo del bambino. Le categorie, riferite alle dinamiche di contenuto e orientazione che abbiamo definito nel paragrafo precedente, sono il risultato di un lavoro di ricerca sul gioco infantile che approfondiremo nel capitolo 4. Ora è nostro interesse porre a confronto tali categorie con quelle di Caillois per discutere i motivi che ci hanno condotto a non sovrapporre contenuto e orientazione. Nella tabella 3.1, le sei categorie emerse dalla nostra indagine sono ricondotte alle pulsioni di Caillois. Alcuni esempi di Caillois ci riconducono al contenuto dei giochi: «Si gioca a calcio, a biglie o a scacchi (agon), si gioca alla roulette o alla lotteria (alea), si 45

13 Formazione corporea ludica per gli operatori Capitolo 6 Formazione corporea ludica per gli operatori La formazione corporea ha da sempre avuto una cospicua rilevanza nel percorso formativo degli psicomotricisti. 1 Una professione che ha come fatto centrale il movimento e il corpo nello sviluppo psicomotorio del bambino non può esimersi dall affrontare la questione corporea dell allievo, pena lo snaturamento del percorso formativo. La formazione corporea 2 ha due valenze, corporea-personale e corporea-professionale, le quali svolgono rispettivamente la funzione di convogliare la riflessione dell allievo su di sé e di permettere l apprendimento di tecniche finalizzate alla metodologia formativa. Ci dedicheremo qui a esporre alcuni cenni solo riguardo alla prima delle due valenze formative, poiché è quella che è maggiormente coinvolta nella formazione ludica. La formazione corporea-personale ha lo scopo di fornire all allievo diversi ambiti di sperimentazione attraverso i quali condurre una riflessione sul suo movimento e sul suo corpo con tutte le ricadute che tale processo ha di conseguenza sulla persona. Sono quindi indispensabili parti che convoglino l attenzione sull esperienza con gli oggetti, con le coordinazioni cinetiche della Motricità di Spostamento (MS), con il controllo posturale in Motricità di Posizione (MP), con il ritmo, con le emozioni, con i modi di mettere in gioco i legami affettivi. Quest ultimo punto 1 Ci si riferisce al percorso formativo delle principali scuole private italiane che dagli anni Settanta fino ai primi anni del 2000 hanno formato gli psicomotricisti in Italia. Con il decreto Bindi del 1997 la formazione diviene universitaria e si costituisce il Corso di Laurea di Terapista della Neuro e Psicomotricità dell Età Evolutiva (TNPEE). Per un approfondimento si rimanda a Wille e Ambrosini (2005) e alla rivista «Psicomotricità» dell Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti Italiani (ANUPI). 2 La formazione corporea acquisisce valenze diverse conseguenti all impostazione teorica della scuola e in psicomotricità, come in tutte le altre discipline, sono presenti indirizzi differenti. 117

14 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria è particolarmente delicato, per cui si ritiene che la formazione personale-corporea debba porsi dei limiti e non oltrepassare il confine che distingue le motivazioni più profonde e inconsce dell atto con l atto che si svolge nel contesto formativo. L oggetto di analisi è il rapporto tra l atto, il contesto in cui è svolto e la persona che l ha svolto, il cui sguardo rivolto su di sé dovrebbe legarsi più all ambiente che alle relazioni oggettuali interne. Queste ultime possono essere evocate durante la formazione corporea-personale, ricordando il ruolo che hanno nelle relazioni umane, ma non dovrebbero divenire mai oggetti del percorso formativo poiché il loro ambito di riflessione è in altro luogo, extra alla formazione, è personale e profondo, da condividere in un percorso a due con il proprio terapista di riferimento che riteniamo debba essere un professionista con competenze psicodinamiche. Il gioco è una funzione dello sviluppo con la quale i professionisti che lavorano con l infanzia si trovano a confrontarsi. Il terapista della psicomotricità ha quotidianamente il gioco in scena, sotto molteplici forme, portate dal bambino, ma create anche da lui. E quindi utile che una parte specifica della formazione corporea-personale sia dedicata al gioco con le seguenti finalità: distinzione tra azione adattive e ludiche; individuazione di quei segni che contraddistinguono il territorio ludico; sperimentazione di giochi appartenenti a categorie ludiche diverse; riconoscimento del proprio terreno ludico; riappropriazione dei giochi e del loro valore; benessere. Come si può osservare, tra gli obiettivi del percorso formativo ludico non è contemplato il rapporto tra gioco e sua significazione personale, per due motivi: 1. come abbiamo affermato, dagli ambiti della formazione corporea-personale è esclusa un analisi dell inconscio della persona; 2. il gioco, per mantenersi in vita, non deve svelare il proprio significato, pena il suo annullamento. L obiettivo formativo è la creazione e lo sviluppo del gioco per il tempo necessario a vivere il piacere ludico; se ne fosse svelato il senso, il motivo e la causa, il gioco si arresterebbe e la persona, nuda di fronte alla propria creazione, la rifiuterebbe e in occasioni successive starebbe molto attenta a mettersi, per l appunto, «in gioco». Avrebbero il sopravvento meccanismi di difesa per quelle parti di sé che invece il territorio ludico aveva liberato ed erano state una delle origini della creazione. Infine, è necessaria un ulteriore precisazione: un laboratorio sul gioco è in contraddizione con il gioco stesso poiché esso è volontario e libero dall obbligo di giocare, per cui difficilmente imbrigliabile in una struttura preconfezionata che ora andremo a presentare. 118

15 Formazione corporea ludica per gli operatori Le molte esperienze di laboratori ludici svolte in ambiti diversi e con professionisti diversi hanno smentito questa contraddizione che comunque è opportuno che venga dichiarata a inizio del percorso formativo. Il laboratorio ludico Il laboratorio ludico si sviluppa in dieci incontri, il primo teorico di presentazione del gioco e su cos è secondo i riferimenti concettuali già espressi e approfonditi in questo testo. L incontro, proprio per le teorie che propone, è già fortemente e intenzionalmente disequilibrante, sicuramente per il formatore il più difficile, proprio perché «mina» alcune certezze e consuetudini. Gli incontri dal secondo all ottavo sono di lavoro corporeo-personale; gli ultimi due, pratici, trattano scene ludiche prese da sedute di terapia psicomotoria con il bambino e presentate dal formatore. L ambiente Il laboratorio si svolge in due ambienti diversi: il primo è dedicato alle lezioni frontali (in realtà sono solo il primo e il quinto incontro che si svolgono in questo luogo), il secondo alla formazione corporea. Le caratteristiche di questo secondo ambiente sono identiche a quelle della stanza di terapia psicomotoria e spesso è coincidente. Si deve tener presente che, visto che si tratta di un lavoro di gruppo, la superficie dovrebbe essere sufficientemente vasta per accogliere il movimento di ogni persona. 3 Il luogo dovrebbe possedere il minor numero possibile di arredo fisso e contenere esclusivamente gli oggetti necessari per lo svolgimento dell attività preparata. Tempi Il laboratorio si svolge in dieci incontri della durata di due ore ciascuno. Ogni allievo dedica del tempo extra-laboratorio alla preparazione di giochi e alla riflessione su alcuni aspetti che emergono nel corso del lavoro pratico. Parte del tempo è anche utilizzata per discussioni collettive. Oggetti Nel secondo incontro, quello che avvia la formazione corporea-personale, gli oggetti sono palle ritmiche, di quattro colori diversi, almeno una a testa. La 3 Come valore indicativo si può considerare che una stanza di 40 metri quadrati è idonea per 10 persone. 119

16 Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria PRIMO STADIO (14-18/20 MESI) ATTIVITÀ IN MS Costruzione dell ambiente e possibili azioni l ambiente avrà superfici libere da oggetti e materiali utili: solidi di gommapiuma (parallelepipedi di diverse dimensioni) rivestiti in tessuto (non in plastica) e disposti in modo tale da favorire le diverse coordinazioni cinetiche semplici della ms; solidi di gommapiuma di minima altezza (materassini, non quelli da palestra); superfici di legno ampie (tavole) appoggiate su mattoncini che permettano una buona aderenza al suolo in modo da rendere stabile la tavola. Attività l occupazione diversa delle due superfici permette ai bambini di scegliere gli spazi in cui spostarsi, la disposizione dei materiali favorisce sia gli spostamenti in orizzontale che in verticale, i diversi materiali sollecitano la sensibilità propriocettiva. Obiettivi sperimentazione delle diverse coordinazioni cinetiche semplici e dei cambi posturali; sollecitazione dell equilibrio statico e dinamico. Possibili trasformazioni ludiche dall esercizio delle coordinazioni cinetiche possono nascere giochi di abilità, dall esercizio dei cambi posturali e in particolare dalla perdita di equilibrio possono nascere giochi di vertigine e dalle stesse attività si possono generare giochi percettivi. 160

17 Proposte pratiche per l attività ludica PRIMO STADIO (14-18/20 MESI) ATTIVITÀ IN MP Costruzione dell ambiente e possibili azioni Possono essere costruiti due tipi di ambiente: il primo facendo sedere i bambini su seggioline o panchette e predisponendo gli oggetti su tavoli, il secondo posizionando i materiali a terra cui segue una modalità posturale differente da bambino a bambino; in questo secondo caso è possibile anche stabilire uno spazio individuale di attività oppure uno spazio comune, in modo che nascano più facilmente giochi di interazione. Attività gli oggetti contenitori sono differenti tipi di bottiglie di plastica rigida e semitrasparente (la trasparenza è un ulteriore indice di varianza poiché potrebbe favorire un gioco percettivo legato alla vista mentre l opacità l udito) di dimensioni diverse, ma impugnabili con una sola mano dal bambino, con diametri di imboccatura diversi, con chiusura ad avvitamento. successivamente, a seconda di come l attività si svolge, possono essere introdotti altri contenitori di metallo o di cartone rigido anch essi con aperture diverse; anche scatole di cartone con incise dall operatore fessure, circonferenze, rettangoli più o meno grandi che permettano di infilare gettoni, bottoni, astine, granaglie. È opportuno che il materiale da infilare e da introdurre venga selezionato secondo categorie e non mescolato. nell utilizzo di questi materiali è sempre opportuno ricordare che hanno un forte potere «dispersivo» se l attività non è ben condotta o lasciata durare troppo a lungo. il gioco non nasce mai o è più difficile che decolli in situazioni caotiche. Obiettivi Coordinazione oculo-manuale, esercizio di motricità fine e di prassie manuali. Possibili trasformazioni ludiche da ognuna delle attività descritte e all interno degli obiettivi specifici delle attività possono nascere giochi di abilità manuale, in particolare giochi percettivi legati al suono, alla vista, al tatto e alla propriocezione, anche giochi di vertigine attorno al rumore, allo spargere gli oggetti, al coinvolgimento della voce che può generalizzarsi, coinvolgendo altri bambini, e così modificarsi in giochi di interazione. 161

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Questo articolo è apparso sul n.11 della rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 febbraio 2003; viene riprodotto sul nostro sito per gentile concessione

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli