Caos e Determinismo. Massimo Blasone. 7 ottobre DMI, Università di Salerno & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caos e Determinismo. Massimo Blasone. 7 ottobre 2010. DMI, Università di Salerno & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare"

Transcript

1 Caos e Determinismo Massimo Blasone DMI, Università di Salerno & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare 7 ottobre

2 Sommario Determinismo in Fisica Classica Crisi del determinismo classico Meccanica Quantistica Relatività Caos deterministico La geometria del caos: i frattali Sviluppi recenti Conclusioni 2

3 Motivazioni Gli scienziati spesso operano, con i metodi propri della Scienza, all interno di concezioni del mondo che hanno natura non scientifica, o perlomeno non sono dimostrabili in modo definitivo. Esempi tipici sono il determinismo e il riduzionismo o la loro negazione. Seguire lo sviluppo del dibattito sul determinismo in ambito scientifico, permette di cogliere bene la logica di alcune fondamentali scoperte. 3

4 Determinismo Determinismo: concezione secondo cui in natura nulla avviene a caso ma tutto è determinato secondo una catena causale di eventi precedenti, escludendo qualsiasi forma di casualità nelle cose. Nella sua forma più estrema, il determinismo nega la possibilità del libero arbitrio. Democrito: realtà consiste del vuoto infinito e degli atomi (immutabili, eterni, in moto incessante tra di loro). Le proprietà dei corpi sono determinate dal modo in cui gli atomi si aggregano. Epicuro e poi Lucrezio riprendono le idee di Democrito e Leucippo introducendo un nuovo ingrediente: il clinamen, la possibilità per gli atomi di deviare talvolta dalla loro traettoria. Si salvava così il libero arbitrio. Dante parla di Democrito come colui ``che il mondo a caso pone (Inferno, IV). 4

5 Determinismo classico «La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l'universo), ma non si può intendere se prima non s'impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne' quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto.» (Il Saggiatore). Galileo Galilei ( )

6 Determinismo classico Dalla pubblicazione dei Principia di Newton (1697), la meccanica newtoniana diventa il punto di riferimento per tutte le teorie scientifiche, e la base della visione filosofica del mondo, il meccanicismo. F Equazioni differenziali ma evoluzione dinamica del sistema Isaac Newton ( ) Condizioni iniziali stato iniziale del sistema 6

7 Determinismo classico Pierre Simon de Laplace ( ) Noi dobbiamo considerare lo stato presente dell universo come l effetto di un dato stato anteriore e come le causa di ciò che sarà in avvenire. Una intelligenza che, in un dato istante, conoscesse tutte le forze che animano la natura e la rispettiva posizione degli esseri che la costituiscono, e che fosse abbastanza vasta per sottoporre tutti i dati alla sua analisi, abbraccerebbe in un unica formula i movimenti dei più grandi corpi dell universo come quello dell atomo più sottile; per una tale intelligenza tutto sarebbe chiaro e certo e così l avvenire come il passato le sarebbero presenti (Essai philosophique sur les probabilitès, 1814) 7

8 Crisi del determinismo classico - 1 Meccanica Quantistica (Einstein, Planck, Bohr, Heisenberg, De Broglie, Schroedinger, etc..): dualismo onda-particella, principio di indeterminazione di Heisenberg. A.Einstein: Dio non gioca a dadi con l universo N.Bohr: Piantala di dire a Dio che cosa fare con i suoi dadi S.Hawking: Non solo Dio gioca a dadi, ma li getta laddove non possiamo vederli 8

9 Meccanica Quantistica Principio di indeterminazione di Heisenberg: Δx Δp ħ/2 E impossibile misurare contemporaneamente con precisione arbitraria posizione e momento di un oggetto. W.Heisenberg: ``Nell ambito della realtà le cui connessioni sono formulate dalla teoria quantistica, le leggi naturali non conducono quindi ad un completa determinazione di ciò che accade nello spazio e nel tempo; l accadere è piuttosto rimesso al gioco del caso. W. Heisenberg ( ) 9

10 Meccanica Quantistica Effetto fotoelettrico. Impossibile da spiegare con la fisica classica. Einstein ipotizzò che la luce viaggia in pacchetti discreti di energia, i quanti di luce o fotoni. L effetto fotoelettrico è il principio di base per il funzionamento delle celle fotovoltaiche, usate per produrre energia elettrica. 10

11 Meccanica Quantistica Dualismo onda particella. Esperimento di Young con elettroni. Ogni elettrone passa contemporaneamente in ciascuna delle due fenditure! 11

12 Meccanica Quantistica Nel 1935 Einstein, Podolsky e Rosen proposero un paradosso, detto poi Paradosso EPR, con l intento di dimostrare che la meccanica quantistica non è una teoria fisica completa. Il principale risultato fu invece quello di evidenziare l esistenza di stati con proprietà speciali, gli stati entangled. Entanglement 12

13 Qubit Computer quantistici, crittografia quantistica. Teletrasporto quantistico 13

14 Meccanica Quantistica Logica classica e logica quantistica Con la meccanica quantistica si passa da una logica aristotelica o del terzo escluso, ad una eraclitea (antidialettica) che invece lo include; potendo un quanto essere e non essere contemporaneamente due rappresentazioni opposte di una stessa realtà: particella ed onda. Cosa che poi rappresenta il vero paradosso del divenire della realtà in generale quando "nello stesso fiume scendiamo e non scendiamo; siamo e non siamo" (Eraclito). ``Penso si possa tranquillamente affermare che nessuno capisce la meccanica quantistica R.P.Feynman ( ) 14

15 Crisi del determinismo classico - 2 La teoria della relatività speciale (Einstein, 1905): spazio e tempo non sono più assoluti come era per Newton, ma hanno proprietà dipendenti dall osservatore. H.Minkowski (1908): ``Le concezioni di spazio e di tempo che desidero esporvi sono sorte dal terreno della fisica sperimentale, e in ciò sta la loro forza. Esse sono fondamentali. D'ora in poi lo spazio di per se stesso o il tempo di per se stesso sono condannati a svanire in pure ombre, e solo una specie di unione tra i due concetti conserverà una realtà indipendente. H.Minkowski ( ) 15

16 Relatività La maggior parte dei fisici dell epoca erano convinti dell esistenza dell etere luminifero, ipotetica sostanza in cui, secondo la visione meccanicistica, le onde luminose si propagavano. Ma gli esperimenti condotti mostravano che la velocità della luce era la stessa per tutti gli osservatori. Per spiegare questi fenomeni, Einstein abbandona il concetto di spazio e tempo assoluti, come era per Newton. Ottiene quindi la celebre formula E mc che è alla base della energia nucleare (bomba atomica inclusa). 2 16

17 Relatività Applicazioni della relatività: Global Positioning System (24 satelliti con orologi atomici a bordo) Relatività speciale Rallentamento tempo dovuto a velocità: -7 µs/giorno. Relatività Generale: Accelerazione tempo dovuta alla gravità: 45 µs/giorno. Errore spaziale totale: s/giorno km/s = 11.4 km/giorno! 17

18 Riduzionismo La Fisica si occupa dello studio delle leggi che regolano i fenomeni naturali e le interazioni dei costituenti della materia. Generalmente l approccio di un fisico è quello di rendere il problema il più semplice possibile, cercando di individuare le caratteristiche fondamentali del fenomeno in studio e trascurando il resto. Ad esempio: lo studio del moto di un grave o di un pendolo, trascurando l attrito. Riduzionismo: tentativo di ridurre il mondo dei fenomeni fisici a un insieme finito di equazioni fondamentali (F.Dyson). Questo metodo riduzionista ha portato a degli enormi successi, come le attuali teorie delle interazioni fondamentali, alla base di tutti i fenomeni che osserviamo. 18

19 Modello Standard Tutti i fenomeni fisici finora osservati sono descrivibili in termini di 4 interazioni fondamentali e delle (anti-)particelle elementari. 19

20 Sistemi complessi I fenomeni naturali sono in generale più complessi di quanto a prima vista possa spesso sembrare. Alcuni esempi: il moto della pallina alla roulette il moto di una piuma che cade il tempo che farà fra due settimane Il gocciolamento di un rubinetto i terremoti Come mai questi e altri fenomeni sembrano essere dominati dal caso e sfidano la nostra possibilità di previsione, nonostante siano tutti fenomeni descrivibili con leggi deterministiche? 20

21 Sistemi complessi L idea riduzionista che basta scomporre un oggetto o un fenomeno in quelle che sono le sue parti fondamentali per spiegarne il suo comportamento complessivo, non è sempre valida. Le singole componenti di un sistema fisico non interagiscono sempre debolmente, ma sono spesso fortemente accoppiate con termini non lineari. Ad esempio a differenza della semplice forza elastica che contiene solo un termine lineare, è spesso più realistico considerare dei termini quadratici o di ordine superiore. F kx Il tutto non è sempre la semplice somma delle singole parti. 21

22 Crisi del determinismo classico - 3 ``Una causa piccolissima che sfugga alla nostra attenzione determina un effetto considerevole che non possiamo mancar di vedere, e allora diciamo che l'effetto è dovuto al caso. Se conoscessimo esattamente le leggi della natura e la situazione dell'universo all'istante iniziale, potremmo prevedere esattamente la situazione dello stesso universo in un istante successivo. Henri Poincaré ( ) Ma se pure accadesse che le leggi naturali non avessero più alcun segreto per noi, anche in tal caso potremmo conoscere la situazione iniziale solo approssimativamente. Se questo ci permettesse di prevedere la situazione successiva con la stessa approssimazione, non ci occorrerebbe di più e dovremmo dire che il fenomeno è stato previsto, che è governato da leggi. Ma non sempre è così: può accadere che piccole differenze nelle condizioni iniziali ne producano di grandissime nei fenomeni finali. Un piccolo errore nelle prime produce un errore enorme nei secondi. La previsione diviene impossibile e si ha un fenomeno fortuito. (Science et méthode) 22

23 Il Caos Nella mitologia greca, il Caos è lo stato primordiale di vuoto buio anteriore alla creazione del cosmo da cui emersero gli dei e gli uomini. Nella Teogonia, Esiodo racconta che dal Caos si generarono Gea (la Terra), Tartaro (un luogo infernale situato al di sotto dell'ade) ed Eros (amore). Dal Caos poi nacquero Notte (l'oscurità della notte) ed Erebo (le tenebre degli Inferi). Dal Caos infine nacque Urano, la personificazione del Cielo infinito. Nella Fisica moderna, il termine caos ha un significato preciso, legato al peculiare comportamento di alcuni sistemi che mostrano una forte dipendenza della loro evoluzione temporale dalle condizioni iniziali. L importanza del caos è stata riconosciuta solo di recente (Poincarè (1900) Kolmogorov (1941), E. Lorenz (1963), B. Mandelbrot (1970), D. Ruelle (1971), M. Feigenbaum (1980) ) 23

24 Caos deterministico Un sistema esibisce caos deterministico quando abbiamo una dipendenza molto sensibile dalle condizioni iniziali una incertezza iniziale cresce esponenzialmente col tempo. Questo determina una impredicibilità a lungo termine della sua evoluzione futura. 24

25 In regime di caos, l incertezza iniziale ε 0 si propaga nel tempo secondo la legge ( t) e t dove λ si chiama massimo esponente di Lyapunov. 0 Supponiamo di non volere un incertezza maggiore di 1, e indichiamo questo tempo di previsione massimo con t max, cioè sia ε(t max )=1. Allora prendendo i logaritmi di entrambi i membri si ottiene t max 1 1 log 0 Per quanto piccolo possa essere il nostro tasso di crescita esponenziale λ, se λ>0, per poter raddoppiare il tempo di previsione bisogna diminuire di molti ordini di grandezza l incertezza iniziale, raggiungendo inevitabilmente dei limiti invalicabili. 25

26 Esempi di Caos deterministico Il biliardo di Sinai Gli ostacoli sferici per il potere defocalizzante delle superfici curve fanno sì che piccole differenze iniziali vengano amplificate e dopo pochi rimbalzi due traiettorie inizialmente simili hanno una evoluzione completamente diversa. 26

27 Esempi di Caos deterministico Instabilità nel sistema solare Già Poincarè si rese conto agli inizi del secolo che il problema dei tre corpi non ammette una soluzione analitica e un piccolo corpo di prova si muove in maniera erratica nel campo gravitazionale di due grossi corpi massivi. Esempi: - Il moto irregolare di Iperione un satellite molto deformato di Saturno - La distribuzione dei periodi degli asteroidi, che mostra dei buchi in corrispondenza di valori razionali con il periodo dell orbita di Giove. 27

28 Il modello di Lorenz Il modello di Lorenz (1963) descrive un fluido in un campo gravitazionale costante posto tra due piani a temperature fissate. dx dt dy dt dz dt ( x y) rx y xz xy bz Il modello di Lorenz serve a modellare il comportamento dell atmosfera o del magma sotto la crosta terrestre. 28

29 L effetto farfalla Nello studiare numericamente il suo modello, Lorenz ripetè un calcolo inserendo valori iniziali leggermente diversi rispetto a quelli usati precedentemente. Notò che il risultato era invece completamente diverso. Lorenz aveva osservato un fenomeno di forte dipendenza dalle condizioni iniziali. Una conferenza tenuta da Lorenz nel 1979 ha come titolo: Può il battito d ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas? Fluttuazioni su scale di qualche centimetro, possono estendersi amplificate su scale di un metro e poi di chilometri in poche settimane! Filastrocca popolare: Per colpa di un chiodo si perse lo zoccolo per colpa di uno zoccolo si perse il cavallo per colpa di un cavallo si perse il cavaliere per colpa di un cavaliere si perse la battaglia per colpa di una battaglia si perse il regno! E.N. Lorenz ( ) 29

30 Caos e mescolamento di fluidi Il meccanismo dell allungamento e del ripiegamento (stretch and fold). 30

31 La turbolenza All aumentare della velocità oltre una certa soglia il moto di un fluido passa da un regime laminare ad uno turbolento. Si formano strutture complesse che variano nello spazio e nel tempo. Si ha caos spazio-temporale. 31

32 Altri esempi di sistemi caotici Biologia: Modello di Volterra (1931) descrivente l equilibrio di due specie (erbivori e predatori). Chimica: reazioni oscillanti (Zabotinsky, 1961), del tipo A + B C + D e C + D A + B Medicina: frequenza cardiaca (Mackey, Glass, 1977); encefalogramma (May, 1991); epidemie (May, 1980). Politica: il nostro attuale sistema elettorale, denominato Porcellum (Calderoli, 2005), per quanto riguarda il Senato dove prevede soglie di sbarramento e premi di maggioranza su base regionale.* * G.Pontuale, S.Genovese, E.La Nave, A.Petri, Forum di Quaderni Costituzionali, Il Mulino,

33 La geometria del caos: i frattali I sistemi caotici possono avere degli attrattori con particolari caratteristiche geometriche, gli attrattori strani. Gli esponenti di Lyapunov sono correlati con le dimensioni frattali degli attrattori strani. L attrattore di Hénon L attrattore di Lorenz 33

34 I frattali Perché la geometria viene spesso descritta come fredda e arida? Una ragione è l inabilità di descrivere la forma di una nuvola o di una montagna, una linea costiera o un albero. Le nuvole non sono delle sfere, le montagne non sono dei coni, le linee costiere non sono dei cerchi, il sughero non è liscio ed i fulmini non si muovono lungo linee diritte. B. Mandelbrot (1924-) Così Mandelbrot nel suo libro The Fractal Geometry of Nature descrive l'inadeguatezza della geometria euclidea nella descrizione della natura. Insieme di Mandelbrot 34

35 Cos è un frattale Un frattale è un oggetto che mostra una invarianza di scala, ovvero ha la stessa struttura a tutte le scale e possiede una dimensione non intera. 35

36 Frattali: geometria non banale Consideriamo la curva di Koch Per n=0 la sua lunghezza è L=a Per n=1 abbiamo L 4 3 a Per n=2 abbiamo Per n generico L L n 2 a a Ne segue che L per n 36

37 La dimensione frattale Il termine frattale fu coniato da Mandelbrot e ha origine nel termine latino fractus, poichè la dimensione di un frattale non è intera. La dimensione di un oggetto è data dal numero minimo di coordinate necessarie ad individuare i punti dell oggetto stesso. per un punto è 0 per una linea è 1 per una superficie è 2 Questa dimensione è detta topologica ed è sempre un numero intero. 37

38 La dimensione frattale La dimensione frattale (o di Hausdorff) è una generalizzazione della definizione di dimensione euclidea D F ln( N( )) lim 0 ln(1/ ) 38

39 La polvere di Cantor N ε Iterazione / (1/3) n (1/3) n n D F lim 0 ln(2) ln(3) n n

40 La curva di Koch D F lim 0 ln 4 ln Con questa definizione di dimensione, la lunghezza della curva di Koch è: log 4/log3 n 1 log 4/log 3 DF n L lim N( ) lim 4 a a 0 n 3 40

41 Il tappeto di Sierpinski ln8 D F lim 0 ln

42 Esempi di strutture frattali 42

43 Esempi di strutture frattali 43

44 Esempi di strutture frattali 44

45 Esempi di strutture frattali Una rete fluviale 45

46 Frattali in economia L andamento degli indici di Borsa ha una struttura irregolare ed autosimilare, quindi è un frattale 46

47 Frattali nell arte

48 Frattali nell arte 48

49 Frattali e musica H.J.Brothers, ``Structural Scaling in Bach s Cello Suite No. 3, Fractals (Vol. 15, No. 1, 2007; pages 89-95) Abstract: The Bourrée Part I from Johann Sebastian Bach's Cello Suite No. 3 provides a clear example of structural scaling. The recursive form of this structure can be visualized in the manner of a well known fractal construction the Cantor set. 49

50 Determinismo e Fisica moderna Problemi aperti in Fisica: Quantizzazione della gravità; Unificazione delle interazioni fondamentali; Origine dell Universo; Origine dell asimmetria tra materia e antimateria; Interpretazione della Meccanica Quantistica; Emersione della dinamica macroscopica (classica) a partire da quella microscopica (quantistica); Fenomeni quantistici in ambito biologico (fotosintesi, memoria, coscienza..).

51 51

52 Determinismo e Fisica moderna Recentemente G. t Hooft ha ipotizzato che alla base della meccanica quantistica ci sia una teoria ancora più fondamentale, che sarebbe deterministica. Visione alternativa rispetto alla teoria delle stringhe. Risolve il problema della quantizzazione della gravità rovesciando il paradigma generalmente accettato secondo cui tutte le interazioni debbono essere quantizzate. G. t Hooft La Meccanica Quantistica sarebbe, come pensava Einstein, solo una teoria approssimata. La ``teoria finale sarebbe deterministica, ma solo alla scala di Planck, cioè a energie finora inaccessibili agli esperimenti.

53 Secondo t Hooft, la dinamica fondamentale ha natura dissipativa e gli stati quantistici emergono in modo simile agli attrattori nei sistemi caotici.

54

55 Conclusioni Dibattito sul determinismo in ambito scientifico ancora attuale. Scoperte scientifiche spesso frutto di processi non prevedibili: talvolta i pregiudizi dello scienziato sulla natura del mondo gli impediscono di intepretare correttamente ciò che osserva; altre volte avviene il contrario Appello (a chi di competenza): finanziare la ricerca di base! 55

Dal caos ai sistemi complessi: aspetti interdisciplinari della Fisica. Andrea Rapisarda

Dal caos ai sistemi complessi: aspetti interdisciplinari della Fisica. Andrea Rapisarda : aspetti interdisciplinari della Fisica La fisica ed il cittadino Andrea Rapisarda Dipartimento di Fisica e Astronomia Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Catania 11 maggio 2005 Sommario

Dettagli

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica Settimana 5 Lezione 5.1 La funzione d onda I parte Carlo Cosmelli 1 Riassunto al 1924 Quindi: 1900 - Planck: lo scambio di Energia [onda

Dettagli

Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie

Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie 19-21 Dicembre 2014 Bardonecchia Da Galileo al Bosone di Higgs: Il filo conduttore di quattro secoli di scienza Wanda M. Alberico Dipartimento

Dettagli

L esperimento con fotoni polarizzati

L esperimento con fotoni polarizzati 1 nsegnamento della meccanica quantistica nella scuola superiore L esperimento con fotoni polarizzati Considerazioni didattiche La presentazione dei principi della meccanica quantistica nei corsi della

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Previsioni dal passato: un vecchio problema da 10un Dic punto 2012, diconvegno vista moderno MAXXI 1 / 26

Previsioni dal passato: un vecchio problema da 10un Dic punto 2012, diconvegno vista moderno MAXXI 1 / 26 Previsioni dal passato: un vecchio problema da un punto di vista moderno Angelo VULPIANI Dept. of Physics, University of Rome Sapienza, Italy 10 Dic 2012, Convegno MAXXI Previsioni dal passato: un vecchio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

I risultati di Einstein del 1907( )

I risultati di Einstein del 1907( ) I risultati di Einstein del 1907( ) Nel 1905 Einstein pubblica una serie di articoli che aprono la strada ad innovative ricerche fisiche e propongono una rivoluzionaria visione della realtà tuttora attuale;

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

Viaggio nel mondo dei. frattali!!!

Viaggio nel mondo dei. frattali!!! Viaggio nel mondo dei frattali!!! PREMESSA: Ciao ragazzi, volevo dirvi che siete stati molto bravi a seguire con tanta attenzione la lezione sui frattali, che era piuttosto difficile. Dalle domande che

Dettagli

Il caos. di Roberta Sinatra. Storia della Fisica ed Epistemologia Anno Accademico 2003/04 Prof. Salvo Pappalardo

Il caos. di Roberta Sinatra. Storia della Fisica ed Epistemologia Anno Accademico 2003/04 Prof. Salvo Pappalardo Università degli Studi di Catania Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Fisica Il caos di Roberta Sinatra Storia della Fisica ed Epistemologia Anno Accademico 2003/04 Prof. Salvo Pappalardo

Dettagli

Dalla relativita generale alla teoria del caos. Prof. Marcello Giorgi. 26 maggio 2013

Dalla relativita generale alla teoria del caos. Prof. Marcello Giorgi. 26 maggio 2013 Dalla relativita generale alla teoria del caos Prof. Marcello Giorgi Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei, Trieste 26 maggio 2013 COS E IL DETERMINISMO SCIENTIFICO? Col termine DETERMINISMO s intende

Dettagli

Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza

Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza Gennaro Auletta Istituto di Filosofia - URBINO Pontificia Università Gregoriana - ROMA Sommario Breve presentazione dei Principi della

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Revisione a.s. 2014 15 1

Revisione a.s. 2014 15 1 Fisica Obiettivi Generali dell Area scientifica, matematica e tecnologica Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscere

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

OSCURI PREDATORI DI LUCE

OSCURI PREDATORI DI LUCE OSCURI PREDATORI DI LUCE LA CADUTA DI EUCLIDE IN UN BUCO NERO PAOLO DULIO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA DI COSA PARLIAMO Ricerca e applicazioni I protagonisti di un viaggio fantastico Geometria dello spazio-tempo

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Spaziotempo noncommutativo: connessione con le teorie di stringa e propagazione di particelle

Spaziotempo noncommutativo: connessione con le teorie di stringa e propagazione di particelle UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI TESI DI LAUREA IN FISICA Spaziotempo noncommutativo: connessione con le teorie di stringa e propagazione di

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Il Vuoto, la Morale e la Teoria dei Quanti

Il Vuoto, la Morale e la Teoria dei Quanti Il Vuoto, la Morale e la Teoria dei Quanti GIUSEPPE RUOSO 1. INTRODUZIONE Quando parliamo di vuoto, nella vita di tutti i giorni, pensiamo di essere ben a conoscenza del concetto che stiamo esprimendo.

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord.

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord. Ist.Magistrale G. Comi Tricase ( LE Allegata al verbale del Consiglio di classe del 19/10/2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE della CLASSE 5 AA Anno scolastico 2015/2016 MATERIA Fisica DOCENTE Nicolì Pasquale

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Mathland Lo spazio tra matematica ed architettura

Mathland Lo spazio tra matematica ed architettura JCOM 2 (4), December 2003 Mathland Lo spazio tra matematica ed architettura Michele Emmer Dipartimento di Matematica, Università La Sapienza, Roma Parmi di scorgere ferma credenza che nel filosofare sia

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari

METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari METEORE IN RADIO con particolare riferimento alle meteore extrasolari Vi sono molti metodi per l osservazione e l indagine delle meteore. Storicamente sono stati usati metodi visuali successivamente sostituiti

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità IL TEMPO NELLA SCIENZA Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità Gli strumenti di misurazione del tempo La meridiana L orologio al quarzo Il pendolo L orologio atomico La meridiana è uno

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO

IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO IL CONCETTO DI FENOMENO ALEATORIO Osservazione di Fenomeni Naturali (fisici, chimici,...) Sociali (economici, finanziari, psicologici,...) sui quali è difficile fare una previsione a causa di meccanismi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua scelta, prestando particolare

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

Natura della luce. Qualsiasi tipo di onda è caratterizzato da:

Natura della luce. Qualsiasi tipo di onda è caratterizzato da: Natura della luce James C. Maxwell (1831-79) dimostrò che tutte le proprietà note della luce erano spiegabili attraverso un insieme di equazioni basate sull ipotesi che la luce fosse un onda elettromagnetica

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY Gioia Loprete 2 INDICE INTRODUZIONE 3 ESPERIMENTO STANDARD 4 ESPERIMENTO EFFETTUATO CON ROTAZIONE DI 90 7 CONCLUSIONE 8 3 INTRODUZIONE Già al tempo

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

COPERNICO (1473-1543) KEPLERO NEWTON (1571-1630) (1643-1727) EINSTEIN (1879-1955) ONDE GRAVITAZIONALI

COPERNICO (1473-1543) KEPLERO NEWTON (1571-1630) (1643-1727) EINSTEIN (1879-1955) ONDE GRAVITAZIONALI COPERNICO (1473-1543) KEPLERO NEWTON (1571-1630) (1643-1727) EINSTEIN (1879-1955) ONDE GRAVITAZIONALI Copernico, innovatore o conservatore? Terra al centro dell universo Sfrutta epicicli, deferente, equante

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA INSEGNAMENTO DI LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA LEZIONE XII ISAAC NEWTON PROF. FABIO SELLER Indice 1 Vita ----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti Schema dettagliato di una lezione rivolta a una classe di studenti del secondo biennio del liceo scientifico. Argomento: Studio di funzione. Dominio, insieme di positività, simmetrie. Francesco Biccari

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA. Esempio: lunghezza. strumento procedura. righello confronto

La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA. Esempio: lunghezza. strumento procedura. righello confronto Grandezze fisiche,unità di misura, strumenti matematici La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA PROCEDURA DI MISURA Esempio: lunghezza strumento procedura righello confronto 1 2 3 4 5 6 la

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

Esistenza di Dio L'esistenza di Dio non è provata secondo i canoni attuali della scienza, né lo è il contrario. Benché l'esistenza di Dio non sia logicamente incompatibile con le conoscenze scientifiche

Dettagli

La complicata storia del metro

La complicata storia del metro La complicata storia del metro Marco Pisani IN-FORMAZIONE E PRATICA EDUCATIVA DELLA METROLOGIA Ottobre 2013 Sommario Un po di storia Definizione del metro Misurare con la luce Incertezza: qualche concetto

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Introduzione alla Teoria delle Stringhe

Introduzione alla Teoria delle Stringhe Introduzione alla Teoria delle Stringhe di Lucrezia Ravera dr.lucrezia.ravera@gmail.com 15 Agosto 2014 Il piacere più nobile è la gioia della conoscenza. Leonardo da Vinci L idea di base della Teoria delle

Dettagli

Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.)

Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.) Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari, anno accademico 2014/15 Corso di Matematica e Statistica I Lezione 8. 8 Ottobre 2014 2 ore (La derivata, la tangente, calcolo delle derivate, massimi e minimi.)

Dettagli

Parte 4: Il rompicapo del Rivelatore

Parte 4: Il rompicapo del Rivelatore Parte 4: Il rompicapo del Rivelatore Primo Galletti Aldo Aluigi Roma, 31 Agosto 2001 Dopo oltre due anni (1996) di verifiche sul funzionamento del rivelatore e dei grafici che esso produce siamo arrivati

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Dal punto di vista cosmologico

Dal punto di vista cosmologico Scienza e Fede Un itinerario per le scuole italiane Napoli, 2 marzo 2007 Dal punto di vista cosmologico Prof. Costantino Sigismondi Appunti sulla relazione tenuta dal Prof. Costantino Sigismondi, astronomo

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli