DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti"

Transcript

1 IL NUOVO TESTO UNICO DELL EDILIZIA DPR 380/2001 Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti

2 MISURE DI SALVAGUARDIA Il potere di sospensione Fra l adozione di uno strumento urbanistico da parte di un Comune e la sua approvazione definitiva può trascorrere un periodo di tempo anche molto lungo se in questo periodo viene richiesto un Permesso di costruire in contrasto col nuovo strumento, il Comune non può negare il rilascio del permesso ma può sospenderlo Decorsi 3 anni dall adozione dello strumento urbanistico (o 5 anni se lo strumento stesso è sottoposto ad approvazione da parte delle autorità competenti) il potere di sospensione decade.

3 INTERVENTI EDILIZI LEGITTIMI I proprietari sono legittimati a effettuare interventi edilizi in presenza di Permesso di costruire (che ha sostituito la concessione edilizia introdotta dalla legge n. 10 del 1977) in presenza di Denuncia di inizio attività (DIA) definita anche Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) nel caso di attività edilizia libera, introdotta dalle leggi n. 73 e n. 122 del 2010 per la realizzazione di alcuni interventi senza bisogno di titolo abilitativo

4 PERMESSO DI COSTRUIRE Il Permesso di costruire deve essere chiesto in caso di nuova costruzione in caso di ristrutturazione urbanistica in caso di ristrutturazione edilizia

5 ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Casi di attività edilizia libera Manutenzione ordinaria Eliminazione delle barriere architettoniche Opere contingenti e temporanee Finiture di spazi esterni Installazione di pannelli solari fotovoltaici Realizzazione di aree ludiche senza fini di lucro Manutenzione straordinaria Modifiche interne a fabbricati adibiti a impresa Procedura È sufficiente consegnare in Comune una comunicazione di inizio lavori Nel caso di interventi di manutenzione straordinaria e di modifiche interne a fabbricati adibiti a impresa occorre anche comunicare i dati relativi all impresa costruttrice e fornire una relazione di un tecnico abilitato

6 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (DIA-SCIA) Sono realizzabili mediante Denuncia di inizio attività Gli interventi che non rientrano nei precedenti elenchi Le varianti a Permessi di costruire che non incidono - sui parametri urbanistici - sulle volumetrie - sulle destinazioni d uso - sulla categoria edilizia - sulla sagoma dell edificio e che non violano le eventuali prescrizioni contenute nel Permesso di costruire Gli interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica quando sono disciplinati da Piani attuativi comunque denominati Gli interventi di nuova costruzione quando sono in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche Gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportano anche aumento delle unità immobiliari, modifiche di volumi, sagome, superfici e prospetti, cambio di destinazione d uso (immobili in zona A)

7 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (DIA-SCIA) Contributo Gli interventi che necessitano di DIA-SCIA sono soggetti a un contributo legato agli oneri di urbanizzazione e al costo di costruzione Procedura La richiesta deve essere corredata da elaborati grafici, documentazione fotografica, relazione di un progettista, indicazione della ditta che eseguirà i lavori Il giorno stesso del deposito il titolo abilitativo acquisisce efficacia Se nei tempi previsti i tecnici comunali ravvisano l assenza di una delle condizioni, notificano al proprietario l ordine di non eseguire i lavori Ultimato l intervento, il progettista rilascia un certificato di fine lavori e di conformità Decorrenza dei termini I lavori dovranno essere ultimati entro 3 anni dal deposito, decorsi i quali occorre una nuova istanza

8 CERTIFICATO DI AGIBILITÀ Casi di rilascio del certificato Nuove costruzioni Costruzioni e sopraelevazioni Edifici esistenti con interventi che possono influire sulle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico Attestazione della sussistenza delle seguenti condizioni Sicurezza Igiene e salubrità Risparmio energetico Per ottenere il certificato Entro 15 giorni dal termine dei lavori il direttore dei lavori presenta domanda allegando: denuncia di accatastamento dichiarazione di conformità dell opera al progetto approvato dichiarazione dell impresa installatrice che attesti la conformità degli impianti in opera negli edifici a uso civile (o certificato di collaudo degli impianti negli altri casi)

9 SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA (SUE) Introdotto dal Testo Unico: ufficio unico che si occupa di pratiche edilizie Riceve le domande per il rilascio dei Permessi di costruire, delle DIA-SCIA ecc. Fornisce tutte le informazioni inerenti l attività edilizia Rilascia i permessi e certificati richiesti

10 CASI PARTICOLARI Opere interne Sono quelle opere che: non comportano modifiche della sagoma e dei prospetti non recano pregiudizio alla statica dell immobile non modificano la destinazione d uso Si ritiene che queste opere siano soggette a DIA-SCIA o rientrino nell Attività edilizia libera Cambio di destinazione d uso Può avvenire con esecuzione delle opere: è richiesta la DIA-SCIA senza esecuzione delle opere (solo cambio funzionale): si rientra nell Attività edilizia libera, ma solo se nella zona omogenea in cui si trova l immobile è consentita la presenza di più destinazioni d uso

11 INTERVENTI EDILIZI LEGITTIMI I proprietari sono legittimati a effettuare interventi edilizi in presenza di Permesso di costruire (che ha sostituito la concessione edilizia introdotta dalla legge n. 10 del 1977) in presenza di Denuncia di inizio attività (DIA) definita anche Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) nel caso di attività edilizia libera, introdotta dalle leggi n. 73 e n. 122 del 2010 per la realizzazione di alcuni interventi senza bisogno di titolo abilitativo

12 PERMESSO DI COSTRUIRE Il Permesso di costruire deve essere chiesto in caso di nuova costruzione in caso di ristrutturazione urbanistica in caso di ristrutturazione edilizia

13 PERMESSO DI COSTRUIRE Caratteristiche Il Permesso di costruire ha carattere personale È irrevocabile Può essere trasferito nei casi di successione o passaggio di proprietà Decorrenza dei termini 1 anno prima dell inizio dei lavori 3 anni per il completamento dei lavori Onerosità Il rilascio del Permesso di costruire è subordinato alla corresponsione di un contributo relativo a: oneri di urbanizzazione costo di costruzione

14 ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Casi di attività edilizia libera Manutenzione ordinaria Eliminazione delle barriere architettoniche Opere contingenti e temporanee Finiture di spazi esterni Installazione di pannelli solari fotovoltaici Realizzazione di aree ludiche senza fini di lucro Manutenzione straordinaria Modifiche interne a fabbricati adibiti a impresa Procedura È sufficiente consegnare in Comune una comunicazione di inizio lavori Nel caso di interventi di manutenzione straordinaria e di modifiche interne a fabbricati adibiti a impresa occorre anche comunicare i dati relativi all impresa costruttrice e fornire una relazione di un tecnico abilitato

15 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (DIA-SCIA) Sono realizzabili mediante Denuncia di inizio attività Gli interventi che non rientrano nei precedenti elenchi Le varianti a Permessi di costruire che non incidono - sui parametri urbanistici - sulle volumetrie - sulle destinazioni d uso - sulla categoria edilizia - sulla sagoma dell edificio e che non violano le eventuali prescrizioni contenute nel Permesso di costruire Gli interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica quando sono disciplinati da Piani attuativi comunque denominati Gli interventi di nuova costruzione quando sono in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche Gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportano anche aumento delle unità immobiliari, modifiche di volumi, sagome, superfici e prospetti, cambio di destinazione d uso (immobili in zona A)

16 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (DIA-SCIA) Contributo Gli interventi che necessitano di DIA-SCIA sono soggetti a un contributo legato agli oneri di urbanizzazione e al costo di costruzione Procedura La richiesta deve essere corredata da elaborati grafici, documentazione fotografica, relazione di un progettista, indicazione della ditta che eseguirà i lavori Il giorno stesso del deposito il titolo abilitativo acquisisce efficacia Se nei tempi previsti i tecnici comunali ravvisano l assenza di una delle condizioni, notificano al proprietario l ordine di non eseguire i lavori Ultimato l intervento, il progettista rilascia un certificato di fine lavori e di conformità Decorrenza dei termini I lavori dovranno essere ultimati entro 3 anni dal deposito, decorsi i quali occorre una nuova istanza

17 CERTIFICATO DI AGIBILITÀ Casi di rilascio del certificato Nuove costruzioni Costruzioni e sopraelevazioni Edifici esistenti con interventi che possono influire sulle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico Attestazione della sussistenza delle seguenti condizioni Sicurezza Igiene e salubrità Risparmio energetico Per ottenere il certificato Entro 15 giorni dal termine dei lavori il direttore dei lavori presenta domanda allegando: richiesta di accatastamento dichiarazione di conformità dell opera al progetto approvato dichiarazione dell impresa installatrice che attesti la conformità degli impianti in opera negli edifici a uso civile (o certificato di collaudo degli impianti negli altri casi)

18 SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Introdotto dal Testo Unico: ufficio unico che si occupa di pratiche edilizie Riceve le domande per il rilascio dei Permessi di costruire, delle DIA-SCIA ecc. Fornisce tutte le informazioni inerenti l attività edilizia Rilascia i permessi e certificati richiesti

19 CASI PARTICOLARI Opere interne Sono quelle opere che: non comportano modifiche della sagoma e dei prospetti non recano pregiudizio alla statica dell immobile non modificano la destinazione d uso Si ritiene che queste opere siano soggette a DIA-SCIA o rientrino nell Attività edilizia libera Cambio di destinazione d uso Può avvenire con esecuzione delle opere: è richiesta la DIA-SCIA senza esecuzione delle opere (solo cambio funzionale): si rientra nell Attività edilizia libera, ma solo se nella zona omogenea in cui si trova l immobile è consentita la presenza di più destinazioni d uso

20 VIGILANZA Compiti di vigilanza La vigilanza sulle costruzioni spetta al dirigente o al responsabile del procedimento dell Ufficio tecnico comunale Provvedimenti Nel caso di opere abusive realizzate in aree inedificabili o destinate a spazi pubblici, il soggetto cui spetta la vigilanza dispone l immediata sospensione dei lavori, la demolizione e il ripristino dei luoghi

21 SANATORIA Condizioni Si può ottenere la sanatoria di opere abusive (accertamento di conformità) per opere eseguite in assenza o in difformità dal Permesso di costruire o dalla DIA-SCIA se l intervento è conforme alla disciplina urbanistica vigente sia al momento della sua realizzazione sia al momento di presentazione della domanda (doppia conformità) Termini Il Permesso in sanatoria viene chiesto: entro 90 giorni dalla notifica da parte del Comune dell accertato abuso entro i termini stabiliti dall ordinanza di rimozione o demolizione per opere costruite sia in assenza di titolo autorizzativo, sia in totale o parziale difformità da esso La richiesta è respinta se gli organi comunali non si pronunciano entro 60 giorni Oblazione Il rilascio del Permesso in sanatoria avviene solo dopo il pagamento di un oblazione a titolo di contributo di costo di costruzione

22 ANNULLAMENTO DEL PERMESSO Annullamento L autorità comunale ha il potere di annullare un Permesso di costruire precedentemente rilasciato per ragioni di pubblico interesse opportunamente motivate Il provvedimento ha effetto retroattivo: per questo motivo la costruzione realizzata in presenza di Permesso poi annullato è abusiva

23 CLASSIFICAZIONE DEGLI ABUSI Classificazione Ai fini dei provvedimenti da prendere da parte dell amministrazione pubblica, gli abusi edilizi sono così classificati: interventi eseguiti in assenza del Permesso di costruire, in totale difformità (v. slide 7) o con variazioni essenziali (v. slide 8) interventi di ristrutturazione in assenza del Permesso di costruire o in totale difformità interventi eseguiti in parziale difformità (v. slide 9) dal Permesso di costruire interventi abusivi eseguiti su suoli di proprietà dello Stato e di altri enti pubblici costruzioni eseguite a seguito di Permesso successivamente annullato interventi eseguiti in assenza o in difformità da DIA-SCIA e accertamento di conformità lottizzazioni abusive

24 CLASSIFICAZIONE DEGLI ABUSI Totale difformità Sono definite in totale difformità le opere: che comportano la realizzazione di un organismo edilizio diverso che a causa del maggior volume concretizzano un organismo edilizio autonomo normalmente considerate variazioni essenziali (v. slide 8) nel caso in cui siano realizzate su immobili sottoposti a vincolo: - storico - artistico - architettonico - paesaggistico - ambientale che siano comprese in: - parchi - aree protette

25 CLASSIFICAZIONE DEGLI ABUSI Variazioni essenziali Sono variazioni essenziali: i mutamenti di destinazione d uso con conseguente variazione degli standard urbanistici l aumento consistente della cubatura o della superficie utile modifiche sostanziali di parametri urbanistico-edilizi del progetto approvato o diversa localizzazione dell edificio sull area di appartenenza mutamento delle caratteristiche dell intervento in relazione alla sua classificazione d uso (legge n. 457 del 1978) violazione non puramente procedurale delle norme in materia di edilizia antisismica

26 CLASSIFICAZIONE DEGLI ABUSI Difformità parziale Il Testo Unico non chiarisce quando una difformità possa essere definita parziale Come principio generale di riferimento si può considerare parziale un abuso: che comporta la realizzazione di un organismo edilizio non del tutto diverso da quello autorizzato quando i volumi eccedenti non sono tali da costituire un organismo autornomo di rilevante cubatura

27 RESPONSABILITÀ Figure responsabili Per ogni inosservanza sono ritenuti responsabili: il titolare del Permesso di costruire il committente il costruttore il direttore dei lavori Sanzioni e spese Le figure suddette sono tenute al pagamento di sanzioni pecuniarie e, in via solidale, al pagamento delle spese per la eventuale demolizione dell opera abusiva Direttore dei lavori Il direttore dei lavori non è responsabile se contesta al committente titolare e all impresa costruttrice le opere eseguite in difformità e informa l autorità comunale

28 SANZIONI Ripristino e acquisizione Per opere eseguite: in assenza di permesso in totale difformità con variazioni essenziali è prevista la demolizione dell immobile a cura del proprietario. In caso di inottemperanza è prevista l acquisizione gratuita del bene al patrimonio comunale Opere eseguite in parziale difformità Se la demolizione della parte abusiva pregiudica la statica della parte rimanente, si applica una sanzione pari al doppio del costo di produzione per edifici a uso abitativo al doppio del valore venale per gli altri tipi di edificio Se la demolizione della parte abusiva non pregiudica la statica della parte rimanente, se ne ordina la demolizione a cura del proprietario. Scaduti i termini, la demolizione avviene a cura del Comune ma a spese del proprietario

29 SANZIONI CIVILI E DISPOSIZIONE FISCALI Sanzioni con effetti civili Annullamento degli atti di trasferimento di proprietà in assenza del Permesso di costruire o del Permesso in sanatoria Divieto per le aziende che gestiscono i servizi pubblici di erogare le forniture agli edifici privi del Permesso di costruire o della DIA-SCIA Disposizioni fiscali Nel caso di opere: prive di titolo abitativo con titolo abitativo annullato iniziate in contrasto col titolo abitativo, vale a dire con violazioni: - di altezze, distacchi, cubatura o superficie coperta che eccedono in ogni unità immobiliare il 2% delle misure prescritte - delle destinazioni e degli allineamenti indicati negli strumenti urbanistici sono escluse tutte le agevolazioni fiscali previste dalla legge

30 SANZIONI PENALI Sanzioni Ammenda fino a per l inosservanza di norme, prescrizioni e modalità esecutive, degli strumenti urbanistici e del Permesso di costruire Arresto fino a 2 anni e ammenda da a per l esecuzione di lavori in totale difformità o in assenza di titolo autorizzativo e per prosecuzione degli stessi nonostante l ordine di sospensione Arresto fino a 2 anni e ammenda da a nei casi di lottizzazione abusiva Sanzioni in caso di zone vincolate La stessa pena si ha nel caso di interventi con: variazione essenziale totale difformità assenza di Permesso di costruire in zone sottoposte a vincolo storico-archeologico o paesistico-ambientale

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo aggiornato con le modifiche introdotte da: D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164) D.L. 28/03/2014,

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- s.o. n. 239) TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI

Dettagli

Sportello Unico dell'edilizia

Sportello Unico dell'edilizia ordine degli architetti p. p. e c. ordine degli ingegneri Bergamo Sportello Unico dell'edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO Sabato 29 ottobre 2011 inquadramento

Dettagli

DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI

DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABUSI EDILIZI DIAGRAMMI DEI PROCEDIMENTI PER LA GESTIONE DEGLI ABU EDILIZI (LR 23 / 2004) 2009 a cura di Massimo Betti Luca Trentini Rossella Ventura QUADRO GENERALE PER TUTTE LE IPOTE DI RILEVAMENTO DI POSBILI ABU

Dettagli

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG)

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG) PROTOCOLLO GENERALE 1 MARCA DA BOLLO DA EURO 14,62 PRATICA EDILIZIA N. (riservato all'ufficio) Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di 24020 Scanzorosciate (BG) RICHIESTA DEL

Dettagli

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA I TITOLI EDILIZI ABILITATIVI NEL T.U. EDILIZIA dopo le modifiche apportate da: D.L. n. 78,/2010 conver. in L. n. 122/2010; D.L. 70/2010 conver. in L. n. 106/2011; D.L. 22/6/2012, conver. in L. 134/2012

Dettagli

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa...

INDICE CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI. 1. Premessa Cenni sull evoluzione normativa... Premessa........................................... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa........................................ 1 1.1. Cenni sull

Dettagli

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R.

Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO. corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dal D.P.R. Comune di OSTIGLIA (Prov. Di Mantova) REGOLAMENTO "Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015

APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 21/12/2015 COMUNE DI BORGO PRIOLO PROVINCIA DI PAVIA C.A.P. 27040 TEL. (0383) 872214 872265 FAX. (0383) 871371 COD. FISC. 00468890181 ****** Ufficio Tecnico Comunale CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 28/09/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Spett.le UFFICIO EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO VIA G. VACCARI 2 31053 PIEVE DI SOLIGO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) La sottoscritta Ditta: (nel caso di

Dettagli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali ing. Fulvio Bartoli Dirigente Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola Le tolleranze La tolleranza:

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O

COMUNE DI ROVIGO. Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O COMUNE DI ROVIGO Settore Urbanistica R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO

IL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO SOMMARIO Introduzione... XV PARTE PRIMA LAVIGILANZA CAPITOLO 1 ISOGGETTI di NICOLA CENTOFANTI 1. Il potere di vigilanza del comune... 3 1.1. I poteri di vigilanza del dirigente o del responsabile del procedimento...

Dettagli

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO COMUNE DI CASTELGUGLIELMO UFFICIO TECNICO R E G O L A M E N T O Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO Spazio per protocollo Spazio per timbro accettazione S.U.E. OGGETTO: DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (artt. 22-23 DPR 380/01 e s.m.i.) SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI

EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI Premessa... V CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA URBANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 1.1. Cenni sull evoluzione normativa... 1 1.2. Il Testo Unico.... 3 1.3. La legge 443/2001...

Dettagli

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria.

Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. Legge regionale 20 ottobre 2004, n. 53 Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 40 del 27 ottobre 2004 Approvata dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica

COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica Mod. COM.ATT.LIBERA rev 11/2012 COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA (Ai sensi dell art. 6 del D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni)

Dettagli

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI.

Comune di Saletto Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E OBLAZIONI PER ABUSI EDILIZI. Comune di Saletto Provincia di Padova --ooooo ooooo-- REGOLAMENTO COMUNALE CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001)

DOMANDA DI AGIBILITA (art. 8 Regolamento Edilizio e D.p.r.380/2001) AREA 3 PIANIFICAZIONE, GESTIONE, TUTELA DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO : Sportello Unico Edilizia ed Attività Produttive Il Responsabile TITOLO VI CLASS 3 Aggiornato il 05/05/14 Marca da bollo

Dettagli

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica

Adempimenti specifici dell ufficio Edilizia Privata e Urbanistica UNITA' ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ; Servizio Urbanistica, Edilizia Privata e Lavori Pubblici : Geom. Alessandro Salmoiraghi Tel. 0321/996284 E-mail: tecnico@comune.vapriodagogna.no.it Adempimenti specifici

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI, PRESENTAZIONE DOCUMENTAZIONE RICHIESTA E CERTIFICATO DI AGIBILITA'. PRATICA EDILIZIA NR. Il sottoscritto

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA DISCIPLINA UR- BANISTICA E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 2. Cenni sull evoluzione normativa... 2 3. Il testo unico... 3 4. La legge n. 443/2001... 5

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA Comune di Cantalice Area Tecnica Edilizia Privata ed Urbanistica Sportello Unico per l Edilizia Piazza della Repubblica 1, 02014 Cantalice SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) Per interventi

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380 REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380 Adottato con Delibera del Commissario Straordinario n. 186 del 10.4.2006 1 PARTE I AGIBILITA FRAZIONATA Art. 1 -

Dettagli

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974.

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Adeguamento, ai sensi dell art. 251 del D.Lgs. n. 267/2000, delle tariffe dei diritti di

Dettagli

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA)

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) timbro e data di arrivo AREA 3 PIANIFICAZIONE E ASSETTO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA (SUE) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA

COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITA AI SENSI DELL ART. 41 COMMA 2 DELLA L.R. 12/2005 COME MODIFICATA DALL ART. 12 COMMA 1 LETT. J DELLA L.R. 3/2011 Il/la sottoscritto 1 nato/a a Prov. il Cod. Fisc./P. I.V.A

Dettagli

Richiesta titoli abilitativi. Prof. Roma Carmelo

Richiesta titoli abilitativi. Prof. Roma Carmelo Richiesta titoli abilitativi Per poter realizzare un intervento edilizio occorre effettuare la richiesta all amministrazione competente per poter ottenere il titolo abilitativo, che autorizza la realizzazione

Dettagli

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015

ABUSI EDILIZI E SANZIONI. Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 ABUSI EDILIZI E SANZIONI Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 CHE COSA È UN ABUSO EDILIZIO Intervento in assenza di titolo edilizio Intervento in difformità dal titolo edilizio

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA OPERE DI URBANIZZAZIONE

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA OPERE DI URBANIZZAZIONE III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 11/2009) SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA OPERE DI URBANIZZAZIONE DESCRIZIONE INTERVENTO: LOCALIZZAZIONE

Dettagli

NOVITA SULLE COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA. La Legge Regionale 12 ottobre 2015, n. 33

NOVITA SULLE COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA. La Legge Regionale 12 ottobre 2015, n. 33 NOVITA SULLE COSTRUZIONI IN ZONA SISMICA La Legge Regionale 12 ottobre 2015, n. 33 LE COMPETENZE: DALLA REGIONE AI COMUNI L art. 2 indica le competenze trasferite ai comuni in materia di costruzioni in

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI MANUTENZIONE ORDINARIA gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia

COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia Mod. N COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia Settore Assetto Territorio Riservato Prot. Servizio Edilizia Privata Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia Via Vittorio Veneto 19033

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160) Castellone di Suasa Al Comune di Pratica edilizia del Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia Protocollo Indirizzo Piazza Principe di Suasa n. 7-60010 Castelleone di Suasa (AN) N marca

Dettagli

RICHIESTA DI AGIBILITA (artt. 27 E 28, L.R. 11 novembre 2009, n. 19)

RICHIESTA DI AGIBILITA (artt. 27 E 28, L.R. 11 novembre 2009, n. 19) Al Comune di SAGRADO Pratica edilizia Ufficio Tecnico Comunale Sportello Unico Edilizia Sportello Unico Attività Produttive Altra struttura comunque denominata competente in materia edilizia Indirizzo

Dettagli

Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di ALATRI

Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di ALATRI Comune di Alatri Provincia di Frosinone DENUNCIA INIZIO ATTIVITA ( DIA - Art. 22-23 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i. ) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA - Art. 19 della Legge 7 agosto 1990,

Dettagli

Quadro Riepilogativo della documentazione 5

Quadro Riepilogativo della documentazione 5 Quadro Riepilogativo della documentazione 5 DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA Procura/delega Nel caso di procura/delega a presentare la segnalazione Soggetti coinvolti h), i) Sempre obbligatorio Ricevuta

Dettagli

I lavori che prima erano soggetti ad autorizzazione edilizia ora vengono attuati mediante la Denuncia di Inizio Attività (DIA):

I lavori che prima erano soggetti ad autorizzazione edilizia ora vengono attuati mediante la Denuncia di Inizio Attività (DIA): Autorizzazione edilizia ora D.I.A/S.C.I.A. I lavori che prima erano soggetti ad autorizzazione edilizia ora vengono attuati mediante la Denuncia di Inizio Attività (DIA): - manutenzione straordinaria nella

Dettagli

P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del

P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del 14.3.2016 Definizione Si tratta di una comunicazione, ai sensi dell art. 6 del D.P.R. 380/01 e s.m.i., che il proprietario dell'immobile

Dettagli

ACQUISIRE ELEMENTI SUL SITO

ACQUISIRE ELEMENTI SUL SITO TITOLO CORSO: ACQUISIRE ELEMENTI SUL SITO SEDE: VIA DELLE GRAZIE, PORDENONE SETTORE: APPRENDISTATO DURATA: 32 ORE DOCENTI: geom. EMANUELE CIOT, geom. SANDRO BUZZI, arch. ERICA BALLERINI, dott. DAVIDE PASINI

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 20 ottobre 2004, n. 53 Norme in materia di sanatoria edilizia straordinaria. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA la seguente

Dettagli

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore

Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia. Il Dirigente Responsabile del Settore 1 Comune di Modena Settore Trasformazione urbana e qualità edilizia Il Dirigente Responsabile del Settore Modena, 15/10/2007 Protocollo generale n. 133038/2007 Protocollo di settore n. 16539/2007 DO/do

Dettagli

Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA

Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA Servizio Edilizia Privata Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA DEPOSITO DI VARIANTE IN CORSO D OPERA E COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI (ai sensi dell art. 142 L.R. n. 1/2005 e s.m.i.) CON CERTIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini ORIGINALE Seduta del 06/02/2014 n. 17 (CON POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA) Oggetto: AGGIORNAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER PRATICHE, ATTI E CERTIFICAZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE

QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE QUADRO RIEPILOGATIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA SCIA ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE ALLEGAT O DENOMINAZIONE QUADRO INFORMATIVO DI RIFERIMENTO CASI IN CUI È PREVISTO Procura/delega

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA FUNZIONIGRAMMA E PROCEDIMENTI COMUNE DI STAZZEMA AREA TECNICA E DELL INNOVAZIONE TECNOCLOGIA SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA RESPONSABILE Geom. Simone Lorenzi Tel. +39 0584.775208 Mail: lorenzisimone@comune.stazzema.lu.it

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

OGGETTO: RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Al Signor Sindaco del Comune di VILLORBA Marca da Bollo Protocollo OGGETTO: RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (artt. 24 e 25 del Dpr 06.06.2001, n. 380) 1. Il/la sottoscritto/a 2. Il/la sottoscritto/a

Dettagli

CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara

CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara martedì 21 giugno 2016 CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara www.quotidiano.ilsole24ore.com del 21/06/2016 EDILIZIA Riforma Madia: quando

Dettagli

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A Parte riservata all ufficio I sottoscritt 1) nato/a a prov. il residente in via/p.zza n.

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009

REGOLAMENTO APPROVATO CON DELINERAZIONE DEL C.C. N. 33 DELL' 11/08/2009 REGOLAMENTO Criteri e modalità di calcolo delle sanzioni amministrative pecuniarie e delle somme da corrispondere a titolo di oblazione previste in materia di abusi edilizi dalla Legge Regionale //2008,

Dettagli

AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI

AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI AL COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI Settore Gestione e Assetto del Territorio Allegato alla D.I.A. n del (Riservato all Ufficio) RELAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER D.I.A. (ai sensi degli artt. 22 e 23 del

Dettagli

diritti L. 68/93. 135,38 1,50 1,00 0,52 3,0 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 0,52 3,0 120,20 16,00 2,00 138,20

diritti L. 68/93. 135,38 1,50 1,00 0,52 3,0 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 0,52 3,0 120,20 16,00 2,00 138,20 Tabella atti e procedure edilizie (deliberazioni istitutive: tariffe G.C. 94 03698/02; C.C. 97 00615/20; aggiornamenti cfr. colonna "") Tipo di / attività istruttoria L. a legge 68/93 art. 10 comma 10

Dettagli

Pratica edilizia n. del DATI RELATIVI ALL IMMOBILE

Pratica edilizia n. del DATI RELATIVI ALL IMMOBILE Timbro Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Barengo OGGETTO: Richiesta certificato di agibilità ai sensi dell art. 24 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 come modificato dal D.Lgs.

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO

COMUNE DI POGGIOMARINO COMUNE DI POGGIOMARINO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITÀ Piazza De Marinis, 3 Tel. 081-8658221/215/255 pec:utc@pec.comune.poggiomarino.na.it Al SETTORE URBANISTICA DEL COMUNE DI POGGIOMARINO Il sottoscritto

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA MARCA DA BOLLO 16,00 Diritti di Segreteria da assolvere come da Prospetto Allegato B Regione Lombardia Provincia di Monza e Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO

Provincia Autonoma di Trento. Comune di CANAL SAN BOVO Provincia Autonoma di Trento Comune di CANAL SAN BOVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 04 marzo 2008 nr. 01 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3

Dettagli

Comune di Macherio Provincia di Monza e Brianza COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ

Comune di Macherio Provincia di Monza e Brianza COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ Comune di Macherio Provincia di Monza e Brianza COMUNICAZIONE DI ESEGUITA ATTIVITÀ Fabbricato in via fg. mapp. COMMITTENTE : tel. TECNICO ASSEVERATORE: tel. Pratica edilizia n. protocollo P.E. n. Comune

Dettagli

ISTANZA DI ATTIVAZIONE PROCEDIMENTO UNICO (articolo 10 della L.R. n.10 del e s.m. ed i.) per interventi di cui alla successiva tabella A

ISTANZA DI ATTIVAZIONE PROCEDIMENTO UNICO (articolo 10 della L.R. n.10 del e s.m. ed i.) per interventi di cui alla successiva tabella A ISTANZA DI ATTIVAZIONE PROCEDIMENTO UNICO (articolo 10 della L.R. n.10 del 05.04.2012 e s.m. ed i.) per interventi di cui alla successiva tabella A marca da bollo in vigore Allo Sportello Unico per le

Dettagli

Comune di Rapolano Terme

Comune di Rapolano Terme ( P r o vi n c i a d i S i e n a ) TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA ED AMBIENTE ( e x. A rt 1 0, D. L. 1 8 / 0 1 / 1 9 9 3, n 8 c o n v e r t

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 Al Comune di MANDURIA Sportello Unico per l Edilizia - SUE EDILIZIA LIBERA Riferimento Fascicolo Edilizio N del COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO:

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA AL RESPONSABILE DEL SETTORE 10 DEL COMUNE di - 01016 TARQUINIA OGGETTO: D.I.A. ai sensi dell art.22, D.P.R. 06.06.2001, n.380, così come modificato dal D.Lgs 27.12.2002, n.301.

Dettagli

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI ORVIETO. SETTORE SERVIZI URBANISTICI Servizio Edilizia Privata ALLEGATO A DIRITTI DI SEGRETERIA IN MATERIA DI URBANISTICA ED EDILIZIA ANNO 2013 Delibera di G.C. N. 121 del 26/09/2013 N. ordine Tipo atto Importo A. Certificazioni di destinazione urbanistica ed attestazioni

Dettagli

NUOVA NORMATIVA EDILIZIA DAL TITOLO ABILITATIVO AL PROCESSO PENALE : una visione interdisciplinare

NUOVA NORMATIVA EDILIZIA DAL TITOLO ABILITATIVO AL PROCESSO PENALE : una visione interdisciplinare NUOVA NORMATIVA EDILIZIA DAL TITOLO ABILITATIVO AL PROCESSO PENALE : una visione interdisciplinare Novità normativa e giurisprudenziali in tema di interventi edilizi in modo particolare a seguito dell'emanazione

Dettagli

ALLEGATO ALLA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA N. /

ALLEGATO ALLA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA N. / Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 Ver 1-2006 Richiesta Agibilità ALLEGATO ALLA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA N. / ZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art. 6 comma 2 del D.P.R. n.380/01)

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art. 6 comma 2 del D.P.R. n.380/01) COMUNE DI MEZZAGO Via F.lli Brasca, 5 20883 Mezzago (MB) Tel. 039/606761 fax 039/6020383 c.f. 02863360158 p.iva 00738990969 www.comune.mezzago.mb.it SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE DI INIZIO

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime autorizzatorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a codice fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. via CAP in qualità

Dettagli

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI

Comune di Giba. (C.A.P ) Tel. (0781) Fax REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI Comune di Giba (C.A.P. 09010) Tel. (0781) 964023-964057 - Fax 964470 REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE PER PARCHEGGI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 04/03/2013)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 26-06-1997 REGIONE LAZIO Norme in materia di programmi integrati di intervento per la riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale del Territorio della Regione. Fonte:

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Prroviinciia dii Roma) Marca da bollo 14.62 - SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO - DA CONSEGNARE A: ===================================================================================== Ufficio Tecnico

Dettagli

Protocollo. Residente in Comune Via/Piazza Civico CAP Provincia. Titolare: Legale rappresentante: Per conto di:

Protocollo. Residente in Comune Via/Piazza Civico CAP Provincia. Titolare: Legale rappresentante: Per conto di: Modello H926SCIA (07/01/2014) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN GIOVANNI ROTONDO SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Esente da bollo Cod. Fisc.

Dettagli

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A

C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A S.U.E. - Modello F.1.0 AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO C O M U N E D I M E D E P R O V I N C I A D I P A V I A bollo OPERE IN PARZIALE DIFFORMITA DAL TITOLO ABILITATIVO

Dettagli

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI

Enrico AMANTE. Claudio BELCARI. Lorenzo PAOLI Relatori: Enrico AMANTE Avvocato del Foro di Firenze, consulente A.N.C.I. Toscana e presidente I.N.U. sezione Toscana Claudio BELCARI Funzionario con responsabilità dirigenziali del S.U.E. e S.U.A.P. del

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE presentato dai deputati: Mancuso, Leontini, Adamo, Caronia, Caputo, Buzzanca, Beninati, D Asero, Pogliese, Torregrossa, Leanza E., Bosco, Limoli, Campagna,

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n.

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n. I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy APT-SGT-AGI/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

DEPOSITO VARIANTE IN CORSO D OPERA ART. 143 L.R. 65/2014

DEPOSITO VARIANTE IN CORSO D OPERA ART. 143 L.R. 65/2014 COMUNE di SCANDICCI Provincia di Firenze Settore Edilizia e Urbanistica SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA L.r. 65-2014 ver. 1 provv. Data modello 02.12.2014 Cod. modello vf143-0001 (spazio riservato all ufficio

Dettagli

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n.

Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO. costruire D.I.A N. Protocollo n. Comune di TROMELLO RELAZIONE ISTRUTTORIA E SPORTELLO UNICO EDILIZIA PROPOSTA DI PROVVEDIMENTO Permesso Domanda del costruire D.I.A N. Protocollo n. - al RESPONSABILE S.U.E. 1 VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO

LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO LA NUOVA LEGGE REGIONALE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. 10 novembre 2014 n. 65 modulo n. 3: LA NUOVA DISCIPLINA DELL'ABUSO EDILIZIO (SANZIONI, PROCEDIMENTI, SANATORIE) 2 LR 65/2014 - Titolo VII CRITERI

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE

NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE AGGIORNATO ALL ANNO 2013 ALLEGATO D INCENTIVAZIONE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Elaborazione: Arch.tto Simona del Bianco Coordinamento : Servizio Urbanistica-Ambiente

Dettagli

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SETTORE TECNICO - UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA Procedimento Unità organizzativa responsabile istruttoria Breve descrizione procedimenti Normativa Dove ottenere le informazioni Per i procedimenti

Dettagli

sull edificio riportato nel N.C.E.U: al foglio particella sub ed ubicato in Via n SEGNALA

sull edificio riportato nel N.C.E.U: al foglio particella sub ed ubicato in Via n SEGNALA Allo Sportello Unico Edilizia Comune di Atripalda Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) PER IL SEGUENTE INTERVENTO EDILIZIO, RICADENTE NEI CASI DI CUI ALL'ART. 22 (commi 1 e 2) DEL

Dettagli

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE

ACCERTAMENTO DI CONFORMITA IN SANATORIA. Art. 209 della L.R n 65 Aggiornamento DICEMBRE 2014 I PARTE Pag. 1 di 6 Spazio riservato all'ufficio COMUNE DI PIAZZA MARCONI 51 58053 2 copie in carta semplice originale copia I PARTE sottoscritt_...... (C.F.......) nat_ a...... il...... e residente in (1)........

Dettagli

-1- IN BASE ALL ART. 9 DELLA LEGGE REGIONALE TOSCANA 1/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI, SONO ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO:

-1- IN BASE ALL ART. 9 DELLA LEGGE REGIONALE TOSCANA 1/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI, SONO ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO: PROVA N. 2-1- IN BASE ALL ART. 9 DELLA LEGGE REGIONALE TOSCANA 1/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI, SONO ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO: IL PIANO REGIONALE DI INDIRIZZO TERRITORIALE, IL PIANO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA. DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA. DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA Prot. ai sensi dell art.24 del D.P.R.380/01 (così come modificato dall art. 3 del d.lgs. 222/2016) nonché dell art 19 L.241/90 AL COMUNE DI TAVERNERIO

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE CHIEDE

PERMESSO DI COSTRUIRE CHIEDE Marca da Bollo 16,00 AL COMUNE DI BASIGLIO Settore Edilizia Privata e Urbanistica Piazza Leonardo Da Vinci, 1 20080 Basiglio (MI) Protocollo generale. Pratica edilizia PERMESSO DI COSTRUIRE (Art. 33 L.R.

Dettagli

Il Dirigente Responsabile

Il Dirigente Responsabile Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Via Santi 60 - Tel. 059/206224 - Fax 059/206164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile

Dettagli

N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI

N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI COMUNE DI SAN QUIRINO N. PRATICA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE LAVORI (DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI AGIBILITA ) Il/La sottoscritto/a nato/a a prov. il con studio a CAP in via/piazza/località n. telefono

Dettagli

Segnalazione Certificata di Agibilità (art. 24 del DPR 380/2001)

Segnalazione Certificata di Agibilità (art. 24 del DPR 380/2001) : sessarosario.comunefalconaraalb.u.t.c@legalmail.it AL COMUNE DI FALCONARA ALBANESE (CS) Ufficio Tecnico Via Matteotti Falconara Albanese (CS) Segnalazione Certificata di Agibilità (art. 24 del DPR 380/2001)

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SAUZE D O U L X

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SAUZE D O U L X ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SAUZE D O U L X OGGETTO: DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA A SENSI DEL TESTO UNICO PER L EDILIZIA DI CUI D.P.R. 06.06.2001 N. 380 MODIFICATO ED INTEGRATO CON D. LGS. N. 301/2002.

Dettagli

MODELLO A. Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Bracciano Piazza IV Novembre n 6 00062 Bracciano- Roma

MODELLO A. Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Bracciano Piazza IV Novembre n 6 00062 Bracciano- Roma MODELLO A Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Bracciano Piazza IV Novembre n 6 00062 Bracciano- Roma Oggetto: Richiesta certificato di agibilità. Il sottoscritto/a.. nato/a

Dettagli

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI E CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ DELLE OPERE ESEGUITE (ai sensi dell art. 86 della L.R. 1/05)

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI E CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ DELLE OPERE ESEGUITE (ai sensi dell art. 86 della L.R. 1/05) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DÌ IMPRUNETA Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI E CERTIFICAZIONE DI CONFORMITÀ DELLE OPERE ESEGUITE (ai sensi dell art. 86 della

Dettagli

MOD.E060 rev. 01. Il/La sottoscritto/a nato/a a ( ) il CF residente a, Via, n

MOD.E060 rev. 01. Il/La sottoscritto/a nato/a a ( ) il CF residente a, Via, n MOD.E060 rev. 01 Marca da bollo A - Dichiarazione di fine lavori B - Richiesta Certificato di Agibilità (Art. 24 e 25 del D.P.R. n 380 del 6 Giugno 2001, e successive modifiche ed integrazioni) Permesso

Dettagli

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R n. 380)

Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R n. 380) MARCA DA BOLLO DA 16,00 Spettabile COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) Settore Tecnico Oggetto: DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI - RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA. (artt. 24 e 25 D.P.R. 06.06.2001 n. 380) Il

Dettagli

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici RELAZIONE TECNICA E SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGETTO DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE, COMPILATA A CURA DEL PROGETTISTA. PRATICA EDILIZIA n.

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi AUTOCERTIFICAZIONE PER ATTESTAZIONE DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R. 380/01; D.L. 301/2002; art. 47 D.P.R. 445/2000 e s.m.i.) Formazione del Silenzio-Assenso su

Dettagli