Direttive della refezione scolastica per i ristoranti scolastici degli istituti scolastici cantonali (DRR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttive della refezione scolastica per i ristoranti scolastici degli istituti scolastici cantonali (DRR)"

Transcript

1 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport Sezione amministrativa Telefono Fax Ufficio della refezione e dei trasporti scolastici 6501 Bellinzona Direttive della refezione scolastica per i ristoranti scolastici degli istituti scolastici cantonali (DRR) Elena Pedrioli URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Tiziano Orrù e Karin Semmler SSAT consulenti alimentari Versione settembre 2014 C:\Documents and Settings\eurs001\Desktop\Direttive ristoranti scolastici versione 1.4.doc

2 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 2 di 28 Indice 1 Introduzione Applicazione Il servizio di refezione Ufficio della refezione e dei trasporti scolastici (URTS) Refezione scolastica Servizio di consulenza alimentare (CA) Menu offerti Pianificazione dell offerta generale (annuale) Pianificazione dei menu Pianificazione e spedizione piano menu Composizione dell offerta Ristoranti scolastici scuole post-obbligatorie Ristoranti scolastici scuole medie Punti fondamentali della filosofia URTS Caratteristiche merceologiche da rispettare Sono vietati Principi in cucina Preparazione appetitosa ed accurata Variare e mai eccedere L occhio vuole la sua parte Evitare di disperdere preziose sostanze nutritive Utilizzare con moderazione Per quanto ci concerne un pasto equilibrato deve quindi comprendere Un alimento proteico Un alimento energetico (carboidrati) Grassi Da 2 a 3 alimenti protettivi Bevande Diete speciali Menu Scuole post obbligatorie Scuole medie Tabella delle quantità Applicazione Sanzioni disciplinari Consulenti alimentari Ristoranti scolastici Entrata in vigore...28

3 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 3 di 28 Revisioni Ver. Data Autore Descrizione URTS-CA- SSAT URTS-CA- SSAT URTS-CA- SSAT URTS-CA- SSAT URTS-CA- SSAT Documento iniziale Aggiornamento Aggiornamento Aggiornamento Aggiornamento

4 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 4 di 28 1 Introduzione Il presente documento è stato pensato per fare chiarezza ed ordine nel settore specifico della refezione scolastica. Lo stesso è stato elaborato in collaborazione con la SSAT, sposando i criteri base per una sana e corretta alimentazione, che attualmente vengono praticati in tutto il settore specifico della ristorazione collettiva.

5 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 5 di 28 2 Applicazione Le direttive contenute nel presente documento vanno applicate a tutte le sedi di ristoranti scolastici a gestione statale e privata. La vigilanza ed il controllo spetta all Ufficio della refezione e dei trasporti scolastici (URTS).

6 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 6 di 28 3 Il servizio di refezione 3.1 Ufficio della refezione e dei trasporti scolastici (URTS) L URTS si occupa, come già lo dice la denominazione, di assicurare agli studenti un pasto a mezzogiorno e un trasporto casa scuola, oltre che gestire le Case dello studente cantonali (Lugano e Bellinzona). L URTS è integrato nella Sezione amministrativa del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS). 3.2 Refezione scolastica Nel Cantone Ticino non tutti gli studenti hanno la possibilità di pranzare a casa propria: o perché entrambi i genitori lavorano o perché abitano lontano dalla scuola. Tramite l URTS, lo Stato offre ai ragazzi l opportunità di consumare un pasto nei ristoranti scolastici a carattere pubblico o privato garantendo una supervisione qualitativa attraverso un educazione ad una sana e corretta alimentazione. 3.3 Servizio di consulenza alimentare (CA) Il Servizio di consulenza alimentare, con sede nella Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) di Bellinzona, fa capo ai consulenti Tiziano Orrù e Karin Semmler. Il Servizio di consulenza alimentare: promuove la salute; sensibilizza i ragazzi ad una sana e corretta alimentazione;

7 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 7 di 28 propone pasti equilibrati, completi, poveri di colesterolo ma non di proteine (sia vegetali che animali), carboidrati, vitamine e sali minerali in giuste quantità; assicura le offerte culinarie unitamente al controllo della qualità; aggiorna e sviluppa il ricettario dei ristoranti scolastici in modo continuo e preciso, basato sull esperienza avuta negli anni; verifica che le varie direttive emanate dall URTS, CA e dal Laboratorio cantonale siano applicate: se del caso interviene in modo risoluto; coordina tutti i collegamenti tra gli studenti, docenti, impiegati, direzioni scolastiche tramite verifica della qualità con questionari di apprezzamento dell offerta; organizza a livello cantonale tutta la parte formativa dei collaboratori impiegati nella ristorazione scolastica. 3.4 Menu offerti Scuole post-obbligatorie (professionali e superiori) - Menu completo CHF 8.00 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) - Piatto del giorno CHF 7.00 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) - Piatto vegetariano CHF 7.00 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) - Pasta del giorno CHF 6.50 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) - Piatto fitness, freddo CHF 5.00 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) Scuole medie - Menu completo CHF 8.00 allo studente (CHF al docente o impiegato statale) Nei ristoranti scolastici é permessa la vendita esclusivamente di queste offerte.

8 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 8 di Pianificazione dell offerta generale (annuale) L offerta generale è vincolante per tutti i ristoranti e mescite scolastiche (a gestione statale e a gestione privata) e viene suddivisa secondo il tipo di scuola: a) Ristoranti scolastici delle scuole post-obbligatorie (professionali e superiori) b) Ristoranti scolastici delle scuole medie(vedi direttive specifiche per le pause) c) Ristoranti scolastici delle scuole speciali d) Mescite in istituti senza ristorante (vedi direttive specifiche) e) Mescite in istituti con ristorante (vedi direttive specifiche) La pianificazione dell offerta viene eseguita nel seguente modo: Identificare il tipo di ristorante mescita Stabilire l offerta in collaborazione con l URTS in base ai seguenti criteri: - Attrezzatura e macchinari disponibili - Risorse disponibili (umane e finanziarie) - Gradimento dell offerta degli anni precedenti L URTS comunica le decisioni ai responsabili delle sedi 3.6 Pianificazione dei menu L offerta dei menu è pianificata dalla CA ed è vincolante per tutti i ristoranti scolastici a gestione statale e privata che producono i pasti nelle strutture messe a disposizione dallo Stato. Qualsiasi modifica nella scelta dell offerta deve essere autorizzata dalla consulenza alimentare. Si distinguono i seguenti tipi di ristoranti a) Ristoranti scolastici delle scuole post-obbligatorie (professionali e superiori) b) Ristoranti scolastici delle scuole medie

9 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 9 di 28 I menu vengono quindi pianificati nel seguente modo: Identificare il tipo di ristorante Stabilire l offerta in base ai seguenti criteri: - Direttive sana e corretta alimentazione - Risorse finanziarie disponibili - Prodotti deliberati - Ricettario - Piani di menu degli anni precedenti - Stagione - Gradimento dell offerta degli anni precedenti 3.7 Pianificazione e spedizione piano menu La pianificazione della stesura dei menu viene fatta, dalla CA, nel seguente modo: pianificazione provvisoria (bisettimanale) verifica delle proposte conferma definitiva dei menu Informazioni alle sedi: la CA invia i menu con tre settimane di anticipo a tutte le sedi a gestione statale e privata (entro martedì) a volte, alla pianificazione dei menu, vengo accompagnate anche ev. ricette nuove (o da sostituire) 3.8 Composizione dell offerta Qui di seguito vengono segnalate le varie composizioni dei piatti offerti nei ristoranti scolastici (scuole medie e post-obbligatorie). La differenziazione è voluta e presente nelle due tipologie di scuole. Difatti a livello di scuola media proponiamo il menu completo, senza alternative, proprio per dare un educazione alimentare corretta e completa.

10 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 10 di Ristoranti scolastici scuole post-obbligatorie A Menù completo È la proposta di un menù, elaborato sulla base di una sana e corretta alimentazione composto da: 1. Piccolo antipasto freddo, o caldo, o zuppa,o insalata mista (3/4 tipi) 2. Piatto forte (1 alimento proteico carboidrati, + verdura o insalata) 3. Dolce caldo, freddo, ghiacciato o frutta B Piatto del giorno È la componente 2. del menù completo C Piatto vegetariano Alimento proteico vegetale o di origine animale + carboidrato + verdura + insalata o frutta o Alimento combinato vegetale + insalata o un frutto D Pasta del giorno Piatto unico a base di cereali (pasta alimentare) con condimento/salsa che varia di giorno in giorno + insalata mista piccola e un frutto E Piatto freddo del giorno Diverse qualità di insalata (min. 5 qualità) + 60 g di tonno o 60 g di formaggio o 60 g di prosciutto cotto Come variante, saltuariamente, con l aggiunta di verdure grigliate o arrosto freddo (a dipendenza della disponibilità della cucina).

11 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 11 di Ristoranti scolastici scuole medie Antipasto Ci deve sempre essere un antipasto composto principalmente da verdure e/o insalata È consentito rimpiazzare l antipasto con un buffet composto da almeno sei varietà di insalate, una delle quali composte, a base di verdure cotte o crude, cereali, leguminose e due salse adatte. - Esempio: lattuga, carote, pomodori, indivia, lenticchie, riso. Piatto principale Prevedere una volta alla settimana filetti di pesce. Solo una volta alla settimana si può inserire il piatto unico a base di carboidrati (pasta alimentare, lasagne, cannelloni, pizza, gnocchi, ecc.). In questo caso l antipasto sarà valorizzato da componenti proteiche animali, di origine animale e/o vegetali. Alternare le carni, (polleria, coniglio, vitello, manzo, maiale, ecc.) gli altri due giorni, prestando attenzione ad un ottimale rotazione delle stesse nella pianificazione a medio termine (mensile) completando il menu con: - Un carboidrato come contorno (definire il tipo di carboidrato e il metodo di preparazione) - Almeno una verdura cotta (definire il tipo di verdura e il metodo di cottura). Dessert Due volta alla settimana frutta fresca di stagione in diverse variazioni Una volta un dolce (spume, budini, ecc.) Una volta alla settimana un dolce cotto al forno (torta, cake, ecc.)

12 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 12 di 28 4 Punti fondamentali della filosofia URTS In questo capitolo sono racchiusi i punti salienti che stanno alla base del lavoro nella refezione scolastica. Abbiamo voluto racchiuderli in piccoli punti, che poi in seguito potranno essere ripresi, in esteso, in modo più approfondito. Rispetto delle leggi e delle ordinanze sull igiene (HACCP) Lavorare con la massima attenzione per evitare qualsiasi contaminazione alimentare Pasti sani, equilibrati e variati Privilegiare prodotti freschi e preparati in giornata, limitare l utilizzo di prodotti preconfezionati Promuovere la salute e il benessere Scelta accurata delle derrate alimentari Prediligere prodotti del territorio e di stagione Assicurarsi che carne, latticini e uova siano prodotti a elevato standard di benessere degli animali e dell ambiente Privilegiare il pesce da fonti sostenibili Mettere a disposizione locali piacevoli e accoglienti per consumare i pasti Sostenibilità ambientale

13 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 13 di 28 5 Caratteristiche merceologiche da rispettare In questo capitolo vengono elencati gli alimenti base, con le precisazioni di provenienza, contenuti ecc. Frutta e verdura: sono da preferire fresche e di stagione, acquistate e preparate giornalmente. Da preferire TI, CH. Carni fresche e/o surgelate: Per le carni di manzo, vitello maiale e pollo, si richiede la provenienza CH Per tutte le altre carni: (es. coniglio, agnello, ecc.) si richiede l esenzione di ormoni per la crescita, antibiotici e/o altre sostanze antimicrobiche. Da preferire CH o UE. Salsicce e salumeria: esenti da fosfati (E450 E451 E452). Da preferire CH o UE. Pesci: sono da privilegiare freschi, se surgelati, sono da scongelare per tempo in frigorifero. Si richiede l esenzione di ormoni per la crescita, antibiotici e/o altre sostanze antimicrobiche. Privilegiare il pesce da fonti sostenibili come MSC o ASC. Da preferire CH o UE. Grassi e oli: sono da utilizzare con moderazione. Impiegare il giusto tipo di grasso o olio al tipo di preparazione. Privilegiare gli oli pressati a freddo. Cereali e patate: preparati giornalmente rispettando i tempi e i modi di cottura. Uova: di preferenza l uso di prodotti pastorizzati e di origine certificata CH o D (Germania). Pane: servire solo pane bigio o integrale di giornata. Contenuto di sale massimo1,2% e farina minimo tipo 1100.

14 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 14 di Sono vietati Tutti questi prodotti sono vietati, anche in prodotti lavorati o semilavorati da terzi: OGM Fosfati E 450-E451-E452 (nei prosciutti e nelle salsicce) Margarina o simili (esempio: minarina, becel, ecc.) Grassi idrogenati e parzialmente idrogenati.

15 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 15 di 28 6 Principi in cucina 6.1 Preparazione appetitosa ed accurata L alimentazione sana ed appetitosa promuove la salute ed aiuta a prevenire le malattie del benessere, inoltre deve procurare piacere. I collaboratori al nostro servizio sanno che una preparazione per essere buona, deve essere assaggiata regolarmente e se del caso corretta. 6.2 Variare e mai eccedere I nostri menu sono composti rispettando i principi di una sana alimentazione, con un apporto bilanciato delle sostanze nutritive più importanti. I nostri menu sono variati tenendo conto anche dei vari cambiamenti intervenuti nel tempo (gradibilità delle ricette, disponibilità di acquisto, richieste particolari da parte degli studenti, ecc.); per questo motivo ogni anno scolastico si contraddistingue dall'anno precedente. 6.3 L occhio vuole la sua parte Visto che l occhio vuole la sua parte oltre al gusto, è importante valutare anche la presentazione sul piatto. Con dei piccoli accorgimenti si può ottenere un buon risultato, piatti colorati e ben serviti riscontreranno sicuramente un maggior successo. Guarnire i piatti con: erbette aromatiche, pomodori a cubetti, pelle di pomodoro essiccata, dadini o striscioline di verdure, chips di verdure, ravanelli, ecc..

16 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 16 di 28 Guarnire i dolci con: piccole rosette di panna, scaglie di cioccolato, foglie di melissa o menta, chips di frutta, fettine di agrumi, ecc Evitare di disperdere preziose sostanze nutritive In questo contesto si segnala di: Acquistare il fabbisogno giornaliero (frutta, verdura e insalate) Non lasciare verdure o altre derrate alimentari inutilmente in acqua Non lasciare le pietanze inutilmente al caldo, calcolare bene i tempi di cottura Conservare le derrate alimentari in maniera corretta Eseguire le preparazioni di regola giornalmente, o al massimo con 24 ore d anticipo 6.5 Utilizzare con moderazione Si raccomanda di utilizzare con moderazione: - sale, - zucchero, - oli e grassi, - panna, - verdure conservate, - insaccati e - convenience food (prodotti lavorati o semilavorati da terzi). Cucina saporita ma non salata Come detto il sale non è vietato, ma va utilizzato con moderazione. Insaporire maggiormente i cibi con: - ortaggi freschi, - erbe aromatiche, - spezie, - salsa di soia, ecc.

17 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 17 di 28 Metodi di cottura Consigliati: cuocere al vapore (invece di bollire), affogare, cuocere in casseruola, stufare, glassare, grigliare, brasare, cuocere al forno. Con moderazione: bollire, saltare con poco grasso o con padelle antiaderenti, arrostire al forno o allo spiedo. la rigenerazione non è metodo di cottura; è da utilizzare solo eccezionalmente per riscaldare le derrate cotte e raffreddate correttamente. Da evitare: friggere.

18 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 18 di 28 7 Per quanto ci concerne un pasto equilibrato deve quindi comprendere 7.1 Un alimento proteico E un alimento che contenga principalmente proteine (latte e derivati, esclusi il burro e la panna che appartengono alla categoria delle sostanze grasse), carne, pesce, uova, o di proteine di origine vegetale quali i legumi (fagioli, piselli, lenticchie, fave, soia o derivati, ecc.). 7.2 Un alimento energetico (carboidrati) E un alimento che contenga principalmente amido, tra questi alimenti è consigliabile alternare con alimenti non completamente raffinati; pane bigio o ai cereali integrali. A questo gruppo appartengono il pane, le patate, la pasta, il riso, la polenta, la semola, ecc. 7.3 Grassi Si consiglia di limitare l utilizzo di grassi come condimento e utilizzare metodi di cottura che ne richiedono pochi (cuocere al vapore, stufare, glassare). Per le derrate alimentari saltate, come: carne o pesce impanati, scaloppine, ecc. utilizzare delle padelle antiaderenti o cuocerle solo brevemente e finire la cottura in forno. Sono utilizzati esclusivamente oli vegetali di alta qualità e in misura ridotta il burro. Non viene utilizzata margarina.

19 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 19 di Da 2 a 3 alimenti protettivi Sono quei determinati alimenti che contengono principalmente sali minerali, vitamine, fibre alimentari e sostanze vegetali secondarie. Importante che almeno 2/3 volte a settimana uno dei tre alimenti sia un alimento di stagione giunto a giusta maturazione e consumato crudo (verdura e frutta). Alternare i colori dei vegetali per garantire un apporto delle differenti sostanze nutritive. 7.5 Bevande Le bevande sono alla base della piramide alimentare, dove troviamo l acqua. Nei ristoranti scolastici viene servita acqua naturale dal rubinetto e/o tè poco zuccherato con limone ed arancio.

20 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 20 di 28 8 Diete speciali L URTS non é in grado di seguire diete speciali e non si prende la responsabilità in questo campo, sarà invece la famiglia a farlo. Tuttavia le eventuali richieste vengono valutate dallo chef di cucina, con il servizio di consulenza alimentare e se del caso con le direzioni scolastiche, onde trovare la giusta soluzione per ambo le parti. Per gli studenti a dieta speciale (per motivi di salute, religiosi o filosofici), dovranno essere preparati, in accordo con il responsabile di sede del ristorante scolastico, menu equilibrati e variati secondo le singole necessità che prevedano una corretta rotazione degli alimenti. Per questo motivo, su richiesta degli studenti/genitori, mediante formulario apposito, ad ogni inizio anno scolastico c è la possibilità di richiedere una dieta particolare (vegetariana, senza glutine, senza carne di maiale, senza pesce o altro), che nel limite del possibile sarà applicata dalla cucina. Ribadiamo di nuovo che in questo campo, la responsabilità del consumo dei diversi alimenti, è dello studente/genitore. Difatti il nostro personale di servizio è autorizzato, se richiesto, a dare informazioni sulla composizione alimentare dei diversi menu offerti.

21 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 21 di 28 9 Menu 9.1 Scuole post obbligatorie

22 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 22 di Scuole medie

23 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 23 di Tabella delle quantità

24 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 24 di 28

25 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 25 di Applicazione L URTS ha l autorità di far rispettare le direttive contenute nel presente documento, oltre che a sottoporre regolarmente alla dietista DECS, la verifica di nuovi prodotti di vendita. L URTS stabilisce per tutti gli istituti scolastici cantonali il listino prezzi come pure il contenuto di detto listino per quanto concerne i prodotti di vendita Sanzioni disciplinari L URTS stabilisce le sanzioni in caso di inosservanze, sulla base di rivelazioni riscontrate da parte della consulenza alimentare. Per inadempienze alle presenti direttive ed al contratto di mandato di gerenza di ristoranti e mescite scolastiche, l URTS potrà procedere all applicazione di sanzioni come indicato: 1. violazione lieve: richiamo verbale 2. violazione grave: 1.o richiamo scritto, 2.o richiamo scritto con ammonimento 3. dopo 2 violazioni gravi, ossia 2 ammonimenti, vi sono le premesse per la rescissione del contratto come da capitolato, per la gestione privata o l applicazione dell art. 32 della LORD (violazione dei doveri di servizio sanzioni disciplinari), per il personale cantonale 4. violazione grave con conseguenze gravi per la salute degli utenti: scissione immediata del mandato di gerenza, per la gestione privata o

26 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 26 di 28 l applicazione dell art. 32 della LORD (violazione dei doveri di servizio sanzioni disciplinari), per il personale cantonale.

27 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 27 di Consulenti alimentari Il servizio di consulenza alimentare è a disposizione del gestore e dell utente per ulteriori informazioni. Esso è pure autorizzato a: - far rispettare le direttive URTS e - voler segnalare eventuali irregolarità all URTS, per poter procedere in merito Ristoranti scolastici Queste direttive vanno applicate a tutte le sedi di ristoranti scolastici negli istituti scolastici cantonali, a gestione statale e a gestione privata

28 URTS Ufficio refezione e trasporti scolastici Pagina 28 di Entrata in vigore L entrata in vigore è prevista per il 1.settembre 2014 per tutto il settore di refezione scolastica cantonale.

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO Regione Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2 - TEL 0432 553974-553253

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

- MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009

- MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009 - MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009 NOTE: - I secondi piatti e contorni vengono cotti al con esclusione di alcune diete per le quali si esegue

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

L ATTIVITA DEL SERVIZIO

L ATTIVITA DEL SERVIZIO Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Area Nutrizione L ATTIVITA DEL SERVIZIO A partire da settembre 2002, l unità operativa Nutrizione del SIAN di Modena ha

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica A.S. 2015/2016 Il servizio di ristorazione scolastica Il Servizio di Ristorazione Scolastica offerto in questo Istituto si caratterizza come supporto funzionale all'attività scolastica vera e propria.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

1) TABELLE DIETETICHE

1) TABELLE DIETETICHE COMUNE DI ASSEMINI Area socio-culturale Servizio Pubblica Istruzione Documenti complementari al Capitolato speciale d appalto per l affidamento del servizio Mensa nelle scuole d infanzia, primarie e secondarie

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

IL MENU' ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica

IL MENU' ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica IL MENU' I menù rispecchiano le indicazioni della piramide alimentare mediterranea, le Linee Guida per una sana alimentazione

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015-2016 MENÙ

ANNO SCOLASTICO 2015-2016 MENÙ COMUNE di PRATOVECCHIO STIA (Provincia di Arezzo) REFEZIONE SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 MENÙ Presentazione Con queste poche righe Vi presentiamo il menù scolastico, predisposto la Dietista dott.ssa

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

P. 4 Di cosa bisogna tener conto facendo il piano dei menu e le spese?

P. 4 Di cosa bisogna tener conto facendo il piano dei menu e le spese? Autunno 2008 Pagina 1 / 5 Indice: Convenience Food P. 2 Cosa è il Convenience Food? P. 2 Quali sono i vantaggi del Convenience Food? P. 3 Quali sono gli svantaggi del Convenience Food? P. 4 Di cosa bisogna

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI PROVINCIA DI SIENA Diete speciali del menù AUTUNNO/INVERNO per le scuole dell infanzia e primarie - I^ settimana LUNEDI

COMUNE DI MONTERIGGIONI PROVINCIA DI SIENA Diete speciali del menù AUTUNNO/INVERNO per le scuole dell infanzia e primarie - I^ settimana LUNEDI Dieta in bianco COMUNE DI MONTERIGGIONI Diete speciali del menù AUTUNNO/INVERNO per le scuole dell infanzia e primarie - I^ settimana LUNEDI MARTEDI Pasta al ragù di pesce Gnocchi ricotta e Passato di

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 - ESTIVO. Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica

Anno Scolastico 2015/2016 - ESTIVO. Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica Anno Scolastico 2015/2016 - ESTIVO Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica Anno Scolastico 2015/16 DIETE SPECIALI Menù Estivo/ 1 a Settimana Pasta all'olio Vitella arrosto Vitella arrosto

Dettagli

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1 1. GRAMMATURE DI RIFERIMENTO Di seguito si riportano le grammature di riferimento indicate nella

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 Gentile Cliente, desideriamo informarla che il D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dati personali prevede la tutela delle persone

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

TABELLA NUTRIZIONALE

TABELLA NUTRIZIONALE Centro per la e cura dell obesità e delle patologie metaboliche Studio Medico Associato p.iva 00126082 Direttore sanitario Prof. Dr. Pietro Di Fiore Specialista in scienza dell alimentazione Specialista

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

FOURCHETTE VERTE. Che cos è il marchio Fourchette verte? Perché Fourchette verte. Fourchette verte opera per:

FOURCHETTE VERTE. Che cos è il marchio Fourchette verte? Perché Fourchette verte. Fourchette verte opera per: FOURCHETTE VERTE Che cos è il marchio Fourchette verte? Fourchette verte è un marchio di qualità destinato ai ristoratori creato nel 1993 dal Dipartimento dell azione sociale e della salute del Cantone

Dettagli

Salute e benessere iniziano a mensa!

Salute e benessere iniziano a mensa! Salute e benessere iniziano a mensa! SCUOLA DELL INFANZIA COSSIGNANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 2 PRESENTAZIONE L accesso e la pratica di una sana e corretta alimentazione è uno dei diritti fondamentali

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica Anno scolastico 2012-2013 Città di Piossasco Assessorato all Istruzione LC/MT - MARZO 2013 L Amministrazione comunale ha pensato

Dettagli

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre Servizio Ristorazione Scolastica Parrocchia S. Pietro a Mezzana "RISTORANDO" Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre 1 SETT. Pasta con piselli Pasta pomodoro fresco e basilico Insalata di riso (Minestra in

Dettagli

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Al giorno: ad ogni pasto principale mangiare un contorno amidaceo (cioè 2-3 porzioni al giorno, di cui possibilmente due porzioni in forma integrale)

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

COMUNE D COMUNE DI RAVENNA IS ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio

COMUNE D COMUNE DI RAVENNA IS ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio COMUNE D COMUNE DI RAVENNA IS ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio MENU UNIFICATO PER NIDO D INFANZIA (13 36 MESI) E SCUOLA DELL INFANZIA (3 5 ANNI) A cura delle dietiste Paola

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione - S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2-0432 553975-553253 553217 nutrizione@ass4.sanita.fvg.it

Dettagli

MENSA SCOLASTICA DEL COMUNE DI POPPI Menù a Km zero e di filiera corta

MENSA SCOLASTICA DEL COMUNE DI POPPI Menù a Km zero e di filiera corta MENSA SCOLASTICA DEL COMUNE DI POPPI Menù a Km zero e di filiera corta Nella mensa scolastica del Comune di Poppi, vengono serviti prodotti a Km zero e di filiera corta approvati dalla Asl. I gestori del

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 - INVERNALE. Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica

Anno Scolastico 2015/2016 - INVERNALE. Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica Anno Scolastico 2015/2016 - INVERNALE Servizio Supporto alla Scuola P.O. Refezione Scolastica Anno Scolastico 2015/16 DIETE SPECIALI Menù Invernale/ 1 a Settimana Venerdi' Giovedi' Mercoledi' Martedi'

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

DOCUMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA (D.R.S)

DOCUMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA (D.R.S) DOCUMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA (D.R.S) anno scolastico 2015-2016 1 DOCUMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA DELLE SCUOLE DEI ROGAZIONISTI PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO OGGETTO: SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

MENU NIDO CENTO (dicembre 2013) Menù A MERCOLEDI. Pasta al ragù vegetale. Formaggi misti + Purè di legumi. Pane/Pane integr Frutta

MENU NIDO CENTO (dicembre 2013) Menù A MERCOLEDI. Pasta al ragù vegetale. Formaggi misti + Purè di legumi. Pane/Pane integr Frutta Menù A ORE 9,30: frutta di stagione (cruda, cotta, spremuta, frullata, in macedonia) + un po di latte. Riso in crema di piselli Insalata di riso (E). Pasta al pesto. Pasta al ragù vegetale. Passato di

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta settimana. pomodoro da aggiungere su richiesta

Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta settimana. pomodoro da aggiungere su richiesta PROPOSTA DI MENÙ ARTICOLATO SU QUATTRO SETTIMANE AUTUNNO INVERNO ALLEGATO G) Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta settimana Zuppa: Primo vegetariano: riso e piselli Primo: gnocchi di

Dettagli

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia Servizio di refezione Scolastica Sezione Primavera Scuola dell Infanzia A.S. 2014-2015 Le novità di quest anno Il menù per il nido e la scuola dell infanzia è predisposto dalla nostra pediatra, la Dott.ssa

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Programma d esame per i maestri di cucina. La parte teorico-professionale

Programma d esame per i maestri di cucina. La parte teorico-professionale Programma d esame per i maestri di cucina La parte teorico-professionale h bin die Unterüberschrift stehe für einen kurzen Text zum Thema La parte teorico-professionale del programma d esame per i maestri

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU ALLEGATO N 2 AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA SETTIM. LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI PRIMA Risotto alla parmigiana Prosciutto crudo o cotto Carote crude SECONDA Gnocchetti

Dettagli