Ristorazione e Celiachia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ristorazione e Celiachia"

Transcript

1 Dipartimento di Prevenzione U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione Ristorazione e Celiachia PREMESSA Ogni cliente ha le sue esigenze e, tra i frequentatori del Suo locale, Le potrebbe capitare un soggetto celiaco, ovvero una persona che ha un'intolleranza alimentare permanente al GLUTINE: ciò significa che, anche in minime quantità, questa sostanza non può essere assunta dal Suo cliente, perché gli può provocare seri danni sia distrettuali (all'intestino) che sistemici (all'organismo in generale). Il glutine può essere presente in molti ingredienti e perciò è richiesta la massima attenzione nella preparazione dei cibi da parte del cuoco. INTEGRAZIONI AL PIANO DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE Per non incorrere in possibili sanzioni, ogni esercizio di ristorazione o laboratorio artigianale a servizio di utenti celiaci dovrà integrare il piano HACCP con una documentazione scritta specifica riguardante la produzione senza glutine: occorre, cioè, elaborare una procedura che descriva ogni fase della manipolazione del prodotto, dal ricevimento delle materie prime alla somministrazione al consumatore, definendo gli accorgimenti adottati per evitare contaminazioni da glutine ed un istruzione operativa che indichi come operare concretamente in ogni situazione a rischio. Una volta predisposti, i documenti debbono essere portati a conoscenza del personale, nel frattempo specificamente addestrato, ed ubicati in modo da essere facilmente consultabili. L apparente rigore burocratico richiesto per la stesura di tale documentazione trova il suo senso razionale nella certezza che, in ogni momento, tutto il personale sappia come comportarsi qualora pervenga la richiesta di un celiaco. LA CONTAMINAZIONE DEI PRODOTTI NATURALMENTE PRIVI DI GLUTINE Per disporre di prodotti idonei al consumo da parte dei celiaci, è necessario che le aziende produttrici applichino un corretto piano di controllo delle materie prime e del prodotto finito. Inoltre, occorre monitorare costantemente il processo produttivo, gli ambienti di lavoro, le attrezzature, gli impianti e gli operatori. Tutto questo diventa ancora più importante se si considera che possono verificarsi, durante le produzioni, pericolosi fenomeni di contaminazione crociata da glutine. Così, estremizzando, può accadere (soprattutto per alcune categorie di prodotti, come gli sfarinati) che da un ingrediente naturalmente privo di glutine si ottenga un prodotto finito (amidi, farine, fecole, ecc.) contaminato. Se, ad esempio, nel medesimo mulino viene lavorato anche frumento o un altro cereale proibito, sussiste un forte rischio di contaminazione dei prodotti finiti, per presenza di glutine negli ambienti di lavoro e nei sistemi di trasporto utilizzati. Per questo motivo, alcuni prodotti, anche se preparati o derivati da ingredienti naturalmente privi di glutine, sono considerati alimenti a rischio e quindi sono stati inseriti nel Prontuario AIC degli alimenti. 1

2 ELENCO ALIMENTI NELLA DIETA DEL CELIACO La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare, in quanto i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in moltissimi prodotti alimentari. Di qui la necessità di suddividere gli alimenti in: permessi - vietati - a rischio. Tale suddivisione è stata effettuata considerando, per ogni prodotto alimentare, sia gli ingredienti che il processo di lavorazione, quindi la possibile contaminazione crociata da glutine. Per facilitare l acquisto sicuro di prodotti alimentari privi di glutine, l Associazione Italiana Celiachia (A.I.C.) ha elaborato il prontuario A.I.C., di cui è fondamentale disporre in ogni esercizio di ristorazione (disponibile anche on line sul sito PERMESSO = alimenti che possono essere consumati con tranquillità, in quanto naturalmente privi di glutine o che sono parte di categorie alimentari non a rischio per i celiaci, perché nel corso del loro processo produttivo non sussiste rischio di contaminazione crociata. Questi prodotti non sono inseriti nel Prontuario AIC degli alimenti. VIETATO = alimenti contenenti glutine e pertanto non idonei ai celiaci. Tali alimenti, ovviamente, non sono inseriti nel Prontuario. A RISCHIO = alimenti che possono contenere glutine o a rischio di contaminazione e per i quali è necessario conoscere e verificare gli ingredienti ed i processi di lavorazione. Nel Prontuario del Celiaco, vengono indicate le marche commerciali che trattano prodotti che non utilizzano glutine in tutte le fasi della produzione. 2

3 GRUPPO DEI CEREALI, FARINE E DERIVATI Riso e sue farine, utilizzate per la preparazione di pasta, dolci e biscotti Mais (granturco) e sue farine Miglio (ottimo per cucinare zuppe) Sorgo (o grano di Siria): la farina è utilizzata per la panificazione Grano saraceno (grano nero o fagopiro): chicchi tostati, cotti o germogliati Quinoa: la farina è impiegata nella panificazione Altre farine disponibili sul mercato, non appartenenti alla famiglia dei cereali, ma valide alternative nella dieta senza glutine: amaranto, manioca, patate (fecola), castagne (farina), lupino, ceci, soia (legumi), quinoa, sorgo Frumento e suoi derivati: pane, pasta di semola, semolino, torte, biscotti e dolci da forno, focaccia, pizza. Orzo e derivati (farine, caffè) Segale con sue farine e derivati Bulgur (grano cotto in acqua, poi seccato al sole e frantumato, molto diffuso in Medio Oriente) Grano farro (grano utilizzato per la preparazione di zuppe e minestre) Frick (grano verde egiziano) Kamut (varietà egiziana di grano) Triticale Spelta o greunkern (varietà del farro) Seitan (prodotto proteico derivato dalla lavorazione del frumento e diffuso nella cucina orientale) Farine, amidi, semolini, creme e fiocchi dei cereali vietati Paste, paste ripiene, gnocchi di patate, gnocchi alla romana, pizzoccheri Pane, pancarrè, pan grattato, focaccia, pizza, piadine, panzerotti, grissini, crackers, fette biscottate, taralli, crostini di pane, salatini, cracottes, crèpes preparati con i cereali vietati Germe di grano Muesli, porridge Cous- cous, tabulè, cracker grano, greis Crusca, fibre vegetali e dietetiche dei cereali vietati Malto ed estratto di malto dei cereali vietati Polenta taragna (farina di grano saraceno, miscelata con farina di grano) Farine, fecole, amidi dei cerali permessi (es: maizena) Avena Tapioca, malto e suo estratto Farina per polenta precotta ed istantanea, polenta pronta Cialde, gallette dei cereali permessi Cereali permessi in forme per la colazione (in fiocchi o soffiati) Fibre vegetali (crusca) Popcorn confezionati, tacos, tortillas Risotti pronti (in busta, surgelati, aromatizzati) 3

4 GRUPPO CARNE, PESCE, UOVA Tutti i tipi di carne, pollame e pesce freschi o congelati (ad eccezione del surimi ) Pesce conservato: al naturale, sott olio, affumicato privo di additivi, aromi o altre sostanze Uova, prosciutto crudo Carne o pesce impanati (es: cotoletta alla milanese, bastoncini o frittura di pesce) o infarinati o miscelati con pan grattato (hamburger, polpette, ecc) o cucinati in sughi e salse addensate con farine vietate (arrosti, brasati, ossi buchi, ecc) Pesce surgelato o precotto (paella, surimi, ecc. ) Tutti gli altri insaccati ed i salumi (wurstel, salsiccia, cotechino, zampone, prosciutto cotto, speck, bresaola, coppa, pancetta, mortadella, salame, ecc.) Ragù di carne (commerciale) e pasta d acciughe Piatti pronti o precotti a base di carne o pesce Conserve di carne in scatola GRUPPO LATTE E DERIVATI Latte fresco (pastorizzato) ed a lunga conservazione (UHT, sterilizzato) non addizionato di vitamine o altre sostanze Latte per la prima infanzia Yogurt naturale, bianco, magro o intero Mascarpone Panna fresca (pastorizzata), a lunga conservazione (UHT) Formaggi freschi e stagionati Yogurt al malto o ai cereali o ai biscotti o addensato con farine Piatti pronti a base di formaggio impanati con farine vietate Panna a lunga conservazione (UHT) condita (es: ai funghi, al salmone, ecc) Panna montata Yogurt alla frutta al gusto di, cremosi Formaggi a fette e fusi spalmabili Formaggi erborinati ed a crosta fiorita Creme e budini, panna montata Latte in polvere per uso industriale Latte addizionato con vitamine o altre sostanze Latte condensato e bevande a base di latte 4

5 GRUPPO VERDURE E LEGUMI Tutti i tipi di verdura fresca, cruda o cotta (surgelata, al naturale, essiccata, congelata, liofilizzata) Verdure conservate (sott olio, sott aceto, in salamoia, sotto sale), prive di additivi, aromi ed altre sostanze Tutti i legumi freschi, secchi ed in scatola Misti di verdure (es: minestroni, zuppe, ecc) con cereali Verdura impanata o infarinata o in pastella Patatine surgelate, prefritte e/o precotte Patatine confezionate in sacchetto (snack) Funghi surgelati (leggere gli ingredienti in etichetta) Piatti pronti a base di verdura surgelata precotta (es: verdure e formaggio) Purè istantaneo o surgelato Verdure conservate ed addizionate con altri ingredienti GRUPPO FRUTTA Tutti i tipi di frutta fresca o surgelata Frutta sciroppata Tutti i tipi di frutta secca oleosa con e senza guscio: noci, nocciole, pistacchi, mandorle, arachidi o frutta tostata, caramellata e salata Frutta secca o disidratata non infarinata: prugne secche, uva sultanina, datteri, ecc. Frutta disidratata infarinata (es: fichi secchi) Frutta candita GRUPPO BEVANDE Nettare e succhi di frutta non addizionati di vitamine ed altre sostanze Bevande gassate e frizzanti (es. cola, aranciata ecc.) Bibite analcoliche ed analcoliche light Bustine e filtri di: thé, thé deteinato, camomilla, tisane, caffé, caffè decaffeinato Grappa, cognac, rum, tequila, whisky, bevande alcoliche in genere (tranne le eccezioni vietate) Caffè, caffè decaffeinato Vino bianco e rosso, spumante, champagne Caffè solubile o surrogati del caffè contenenti orzo o malto Bevande contenenti malto, orzo, segale (es: orzo solubile e prodotti analoghi) Birra Vodka, gin e cocktail preparati con queste bevande Frappé (miscele già pronte) Preparati per bevande al cioccolato/cacao Bevande a base di frutta, nettari e succhi di frutta addizionati di vitamine o altre sostanze Caffè solubili e thé freddo (liquido o preparati in polvere) Integratori salini (liquidi ed in polvere) Sciroppi per bibite e granite 5

6 GRUPPO DOLCIUMI Torte, biscotti, dolci fatti in casa con farina di riso o mais, farina di tapioca o di soia, fecola di patate o altre farine senza glutine Miele, zucchero Gelati e sorbetti fatti in casa Radice di liquirizia grezza Creme, cioccolata, dessert a base di farine prive di glutine Frittelle preparate con farine prive di glutine Torte, pasticcini, biscotti o dolciumi preparati con farine ed altri ingredienti non idonei Marzapane, cioccolato con cereali Marmellate e confetture Zucchero a velo Cioccolata in tavolette, con e senza ripieno, creme spalmabili al cioccolato e/o alla nocciola Cacao in polvere Gelati confezionati o di gelateria artigianale Creme, budini, dessert del commercio Caramelle, canditi e gelatine del commercio, confetti, gomme da masticare Dolciumi di cui non si conosca perfettamente la composizione GRUPPO GRASSI, CONDIMENTI E VARIE Burro, lardo, strutto, oli vegetali (d oliva, di mais, di girasole, di vinaccioli, d arachide, di soia, di riso) Aceto di vino anche balsamico (non aromatizzato) Maionese, sughi e salse preparati in casa Pepe, zafferano, spezie ed erbe aromatiche Passata di pomodoro, pomodori pelati e concentrato di pomodoro Pappa reale Prodotti sott aceto o sott olio di oli ben specificati (es: arachide, girasole, oliva ecc.) Estratto di lievito, lievito di birra (fresco e liofilizzato) Besciamella Lievito madre ed acido Prodotti sott olio di oli non ben specificati Aceti aromatizzati e/o balsamici Dadi o estratti di carne, preparati per brodo, insaporitori aromatizzati Lievito chimico Burro light e margarina light Sughi, salse (anche di soia), maionese Pasta d acciughe Condimenti a composizione non definita Curry 6

7 REGOLE PER UNA CUCINA SENZA GLUTINE Ecco gli accorgimenti da seguire scrupolosamente per preparare un pasto senza glutine: Verificare gli ingredienti utilizzati in termini di purezza ed assenza di glutine, prediligendo i prodotti freschi a quelli conservati. Stoccare i prodotti privi di glutine in confezioni chiuse ermeticamente, dedicandovi un area del magazzino chiaramente identificata da appositi cartelli. Lavare accuratamente le mani prima di venire in contatto con utensili o alimenti necessari alla preparazione dei pasti per celiaci e sanificare sempre superfici ed utensili già usati per la preparazione di altre pietanze contenenti glutine (es. pasta). E comunque fortemente raccomandato utilizzare piani di lavoro, pentole, contenitori ed attrezzature (soprattutto se contenenti fori come scolapasta o colini) da destinare esclusivamente alla preparazione degli alimenti senza glutine. Pianificare il lavoro, programmando una separazione fisica e temporale delle lavorazioni che preveda ad inizio giornata la produzione dei prodotti senza glutine. Utilizzare solo asciugamani in carta monouso. Utilizzare un grembiule pulito e riposto in armadio chiuso o, preferibilmente, grembiuli monouso. Usare fogli o teglie d'alluminio su piastre e superfici (es. base del forno) che possono essere contaminate. Cucinare la pasta dietetica con acqua non utilizzata per altre cotture, facendo attenzione a non mescolarla con lo stesso cucchiaio che si sta adoperando per la pasta normale ed utilizzando uno scolapasta esclusivo. Lavare le stoviglie separatamente, utilizzando guanti e spugne ad uso esclusivo. Riporre le stoviglie e gli utensili riservati ai pasti senza glutine in contenitori ed armadi chiusi, separati e chiaramente identificati. Per evitare qualsiasi contaminazione degli alimenti, occorre avere le seguenti attenzioni: Non infarinare i cibi (carne, verdure, formaggi ecc.), se non con farine consentite. Non addensare salse e/o sughi con farina o amido di frumento. Non maneggiare cibo con mani infarinate ed evitarne il contatto con utensili non lavati (pentole, scolapasta, mestoli, posate ecc.) già utilizzati per cibi non permessi al celiaco. Evitare la lavorazione del cibo in ambienti ad elevato rischio di contaminazione, come quelli in cui si utilizza la farina, con la possibilità di dispersione nell'aria e di ricaduta sugli alimenti o sui piani sui quali essi poggiano. Non poggiare il cibo direttamente su superfici contaminate, quali il piano di lavoro, teglie infarinate, la base del forno dove viene cotta la pizza o riscaldato il pane, piastre e griglie su cui sono stati cucinati alimenti infarinati o gratinati con pane grattugiato o su cui sono state preparate bruschette o simili. Non utilizzare l'olio di frittura già usato per friggere altri cibi infarinati o impanati; usare olio di un solo seme (arachide o girasole, ad esempio) e non olio di semi vari. 7

8 Non utilizzare l'acqua di cottura già usata per la pasta, né cuocere il riso nei cestelli per cotture multiple o in una stessa pentola in cui sia presente pasta o vi sia stata. Evitare l'uso dei prodotti di cui non si conosce l'esatta composizione (ad esempio: salsicce artigianali) e che siano privi di etichettatura. Non usare alimenti acquistati in erboristeria o i cosiddetti "alimenti naturali". Preparare il caffè con una macchina distinta da quella con cui viene preparato il caffè d'orzo. 8

? = Rischio. Dove si trova il glutine. = Permesso. = Vietato

? = Rischio. Dove si trova il glutine. = Permesso. = Vietato Dove si trova il glutine = Permesso? = Rischio = Vietato La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare, in quanto i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in moltissimi

Dettagli

! " $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # "

!  $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # ! " $ % &' ( ) * * +,, -'./.'''..'' " , 1! " 2 ( 2 3 $ 4 4! 1 5.6 7 $ 2 $ 8, + " + $ + + La piramide alimentare del celiaco 9 + : / Verdure tal quali o conservate sott olio o sott aceto o surgelate Frutta

Dettagli

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico Esclusione TOTALE del glutine dall alimentazione in modo permanente e rigoroso EDUCAZIONE Evitare trasgressioni

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

ALIMENTI SENZA GLUTINE

ALIMENTI SENZA GLUTINE ALIMENTI SENZA GLUTINE Cereali, Farine e deriva- Amaranto Grano saraceno Mais (granoturco) Manioca Miglio Quinoa Riso Sorgo Teff Carne, Pesce, Uova, La4cini e Formaggi Formaggi freschi e stagiona< Lardo

Dettagli

L ABC del Senza Glutine. per il Cake Designer

L ABC del Senza Glutine. per il Cake Designer L ABC del Senza Glutine per il Cake Designer Alimenti sempre permessi Aceto balsamico tradizionale DOP: di Modena, di Reggio Emilia, Aceto Balsamico di Modena IGP Aceto di Mele Agar Agar in foglie Burro,

Dettagli

Conoscere per curare la celiachia

Conoscere per curare la celiachia Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O.S. di Dietetica Clinica Conoscere per curare la celiachia Informazioni utili Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O.S. di Dietetica Clinica

Dettagli

Conoscere per curare la celiachia

Conoscere per curare la celiachia Dipartimento Chirurgico - Ravenna U.O. C. di Gastroenterologia U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Conoscere per curare la celiachia Informazioni utili Dipartimento Chirurgico - Ravenna U.O. C. di

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine

Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Ma, prima di tutto, perché farlo? In prima analisi I dati di mercato mostrano come il senza glutine

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO

L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare: i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in numerosi prodotti alimentari e il rischio

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO

L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO L ABC DELL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare: i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in numerosi prodotti alimentari e il rischio

Dettagli

L ABC della dieta del celiaco. Ovvero dove si trova il glutine? (Fonte: AIC Associazione Italiana Celiachia)

L ABC della dieta del celiaco. Ovvero dove si trova il glutine? (Fonte: AIC Associazione Italiana Celiachia) L ABC della dieta del celiaco. Ovvero dove si trova il glutine? (Fonte: AIC Associazione Italiana Celiachia) CEREALI, FARINE E DERIVATI - Riso in chicchi - Mais (granoturco) in chicchi - Grano saraceno

Dettagli

LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE. Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007

LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE. Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007 LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007 CHE COSA E E LA CELIACHIA E una intolleranza permanente

Dettagli

L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine?

L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine? L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine? = Permesso = Rischio = Vietato La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare: i cereali non permessi ai celiaci

Dettagli

L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine?

L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine? L'ABC della dieta del celiaco Ovvero dove si trova il glutine? = Permesso = Rischio = Vietato La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare: i cereali non permessi ai celiaci

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento professionale per ristoratori ed albergatori sulla celiachia e sulla alimentazione senza glutine

Corso di formazione e aggiornamento professionale per ristoratori ed albergatori sulla celiachia e sulla alimentazione senza glutine Dietista Monica Minutolo CARIGNANO 04/02/2013 Insostituibile Rigorosa Per sempre Un soggetto celiaco prontamente diagnosticato e a perenne dieta ferrea, potrà avere una vita totalmente sovrapponibile a

Dettagli

CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA

CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA Definizione La celiachia è una malattia autoimmune, caratterizzata dalla produzione di autoanticorpi e dalla comparsa di danno intestinale in seguito all ingestione

Dettagli

CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA

CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA CONSIGLI DIETETICI PER LA CELIACHIA Definizione La celiachia è una malattia autoimmune, caratterizzata dalla produzione di autoanticorpi e dalla comparsa di danno intestinale in seguito all ingestione

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

Le diete speciali. Dietista Monica Minutolo Moncalieri, 30/09/2011

Le diete speciali. Dietista Monica Minutolo Moncalieri, 30/09/2011 Le diete speciali Dietista Monica Minutolo Moncalieri, 30/09/2011 La celiachia e la dieta senza glutine TERAPIA DIETA SENZA GLUTINE Insostituibile Rigorosa Per sempre Un soggetto celiaco prontamente diagnosticato

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE CELIACHIA

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE CELIACHIA La celiachia è una condizione permanente di intolleranza al glutine, che si sviluppa in soggetti geneticamente predisposti. Il glutine è una proteina contenuta in alcuni cereali, come frumento, orzo, farro,

Dettagli

Linee guida per la formulazione di diete per patologie

Linee guida per la formulazione di diete per patologie Linee guida per la formulazione di diete per patologie ALLEGATO 3 DIETE SPECIALI AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA CELIACHIA I pazienti affetti da celiachia non possono assumere

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali

Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali Classe 30 Classificazione di Nizza - Farine e preparati fatti di cereali Classe 30 Classificazione di Nizza Farine e preparati fatti di cereali Caffè, tè, cacao e succedanei del caffè; riso; tapioca e

Dettagli

HEALTH & WELLNESS N U T R I T I O N

HEALTH & WELLNESS N U T R I T I O N Milano HEALTH & WELLNESS N U T R I T I O N Dott. Gabriele Bedini Biologo Nutrizionista Specialista in Nutrizione Umana e Alimentazione E-mail: gabriele.bedini@biologo.onb.it Cell: 338 56 79 609 N Albo:

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

La dieta senza glutine. Istruzioni per l uso

La dieta senza glutine. Istruzioni per l uso La dieta senza glutine Istruzioni per l uso Dr. Elisa Spaghetti - Dietista Poppi 17 maggio 2014 Quale terapia per la celiachia? La dieta senza glutine rigorosa e per tutta la vita!...con le conoscenze

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE

LA DIETA SENZA GLUTINE LA DIETA SENZA GLUTINE B.Santini,T.Palmas, L.Palma* Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell Adolescenza Università degli Studi di Torino * Azienda Ospedaliera Materno Infantile OIRM-S.Anna DIETA SENZA

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco

PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco LE ALLERGIE ALIMENTARI Le Allergie alimentari colpiscono circa

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli

CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA

CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA Sava, 24-31 ottobre 2013 7-14 novembre 2013 NON SI MANGIA SOLO PER NUTRIRSI Alimentazione ha al centro la fonte del nutrimento cioè la natura e la qualità

Dettagli

RICETTE CON IL PROGRAMMA: PANE BIANCO

RICETTE CON IL PROGRAMMA: PANE BIANCO Indice Scegliere la macchina del pane...................................... 2 Conosciamo gli ingredienti......................................... 2 Test per verificare la forza di una farina..............................

Dettagli

Allegato 4. Specifiche tecniche relative alle indicazioni dietetiche per diverse religioni

Allegato 4. Specifiche tecniche relative alle indicazioni dietetiche per diverse religioni Allegato 4 Specifiche tecniche relative alle indicazioni dietetiche per diverse religioni Con questo allegato si vogliono definire i criteri generali per la produzione di menù compatibili con le diverse

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì

Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì Alimenti privi di glutine e prontuario AIC Dietista: Francesco Macrì LA CELIACHIA La CELIACHIA è un intolleranza permanente al glutine; Il GLUTINE è una sostanza proteica contenuta in alcuni cereali, farine

Dettagli

Dispensa per gli operatori delle mense collettive

Dispensa per gli operatori delle mense collettive Dispensa per gli operatori delle mense collettive 1 Premessa Con l attivazione del progetto regionale Ottimizzazione della somministrazione di pasti senza glutine nelle mense di strutture scolastiche,

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO

APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO (g/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 8 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo giornaliero (g/die)

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

Utenti: 5,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 5,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 5,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione BENNET BEVANDE AL THE E INFUSI Thé: Limone, Pesca, Verde Thé Deteinato: Limone,

Dettagli

LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO

LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO Barbara Brun 30 novembre 2015 Celiachia e alimentazione senza glutine Barbara Brun 30 novembre 2015 Celiachia:

Dettagli

APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO

APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO (g/kg peso corporeo/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 4 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

TABELLA DI SUPPORTO CATEGORIE MERCEOLOGICHE (allegata al capitolato tecnico)

TABELLA DI SUPPORTO CATEGORIE MERCEOLOGICHE (allegata al capitolato tecnico) METAPRODOTTO CPV Prodotti di origine animale, carne e prodotti a base di carne 15100000-9 Carne 15110000-2 Carne bovina 15111000-9 Carne di manzo 15111100-0 Carne di vitello 15111200-1 Pollame 15112000-6

Dettagli

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE RISTORAZIONE GRAMMATURE A CRUDO (al netto degli scarti) TIPO PIATTO Materna Elementare Media Tortellini o Ravioli 60g 80g 100g Gnocchi di patate 120g

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO Regione Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2 - TEL 0432 553974-553253

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina.

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina. Cos è la celiachia? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, geneticamente determinata, ad elevata prevalenza nella popolazione (1 caso ogni 180 persone). Nei soggetti celiaci il glutine

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI Quando mangiamo un alimento ricco di carboidrati, la glicemia (quantità di zucchero nel sangue) si alza. La velocità con cui questo accade dipende da molti fattori, tra

Dettagli

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI 500 500 12 FARINA DI MAIS BRAMATA Per polenta 540 500 12 FARINA DI MAIS PRECOTTA Per polenta istantanea 541 500 12 FARINA DI MAIS

Dettagli

TABELLA NUTRIZIONALE

TABELLA NUTRIZIONALE Centro per la e cura dell obesità e delle patologie metaboliche Studio Medico Associato p.iva 00126082 Direttore sanitario Prof. Dr. Pietro Di Fiore Specialista in scienza dell alimentazione Specialista

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

Celiachia e alimentazione senza glutine. Guida pratica per operatori del settore alimentare

Celiachia e alimentazione senza glutine. Guida pratica per operatori del settore alimentare Celiachia e alimentazione senza glutine Guida pratica per operatori del settore alimentare La presente pubblicazione è stata redatta da: Roberta Cecchetti, Melissa Pasini U.O. Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dettagli

* PANE E PRODOTTI DA FORNO*

* PANE E PRODOTTI DA FORNO* 1 * PANE E PRODOTTI DA FORNO* Rosette Schiacciatelle Morbidoni Morbilù Tutti i formati di pane possono anche essere prodotti con i semi di sesamo. 2 * PANE E PRODOTTI DA FORNO * Crostini dolci Crostini

Dettagli

ALIMENTAZIONE E ALLATTAMENTO. gli alimenti che contengono glutine. pag. 1 di 2 pag. di Dott.ssa Maria Letizia Petroni, medico nutrizionista clinico

ALIMENTAZIONE E ALLATTAMENTO. gli alimenti che contengono glutine. pag. 1 di 2 pag. di Dott.ssa Maria Letizia Petroni, medico nutrizionista clinico Copyright 2010-30-11-2007 - Copyright OSC OSC Healthcare 2009 - OSC S.r.l., Healthcare Bologna Italy S.r.l., Bologna Italy CELIACHIA - A cura Dott.ssa Lucia Fransos - Associazione Italiana Celiachia -

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

FARINA DI GRANO TENERO TIPO "0" FARINA DI GRANO TENERO TIPO "00" FARINA DI GRANO TENERO TIPO "00"

FARINA DI GRANO TENERO TIPO 0 FARINA DI GRANO TENERO TIPO 00 FARINA DI GRANO TENERO TIPO 00 Art. 01154 FARINE DI GRANO TENERO Art. 01153 FARINE DI GRANO TENERO Art. 01150 FARINE DI GRANO TENERO FARINA 00 DEL MIO SACCO FARINA 00 DEL MIO SACCO FARINA 00 DEL MIO SACCO ARANCIONE W410-440 SAC.X KG.10

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

30 25 20 15 10 2008 2010 2014 5 0 sovrappeso obesi no attività fisica no colazione 3 cucchiaifarina di castagne 3 cucchiaifarina di mandorle 2Uova 2 cucchiainilievito per dolci Latte di riso colazione

Dettagli

La Dieta Dei Celiaci. Dietista Dott.ssa Monica Ancinelli

La Dieta Dei Celiaci. Dietista Dott.ssa Monica Ancinelli CORSI DI FORMAZIONE-INFORMAZIONE per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) La Dieta Dei Celiaci Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 19-25-26/ 10/ 2011 La malattia celiaca (MC)

Dettagli

OFFRE i seguenti prezzi

OFFRE i seguenti prezzi MODULO - OFFERTA per la fornitura di GENERI ALIMENTARI VARI LOTTO N. 3 (da regolarizzare ai fini dell imposta di bollo) La fornitura sarà aggiudicata alla ditta che avrà offerto complessivamente il prezzo

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Linee guida per gli operatori della ristorazione

Linee guida per gli operatori della ristorazione Linee guida per gli operatori della ristorazione Documento a cura di: Roberta Cecchetti, Marina Fridel, Melissa Pasini, Antonella Burnazzi Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena - Ausl della Romagna

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI RAVENNA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA (Indicazioni per le diete speciali) A cura delle dietiste Paola Govoni e Daniela Valeriani

Dettagli

N.B TUTTE LE PIETANZE E IL FORMAGGIO GRATTUGIATO SONO IN MONORAZIONE IL MENU E IN VIGORE DAL 26/04/2016 FINO A FINE OTTOBRE 2016

N.B TUTTE LE PIETANZE E IL FORMAGGIO GRATTUGIATO SONO IN MONORAZIONE IL MENU E IN VIGORE DAL 26/04/2016 FINO A FINE OTTOBRE 2016 MENU ESTIVO - DIETA PRIVA DI GLUTINE- SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Minestra no dado con riso Pastina s/g in br vg no dado verde s/g s/g yogurt alla frutta budino cioccolato granarolo

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU SCOLASTICO ANNO 2014-2015 Comune di MARRADI

TABELLE DIETETICHE MENU SCOLASTICO ANNO 2014-2015 Comune di MARRADI TABELLE DIETETICHE MENU SCOLASTICO ANNO 2014-2015 Comune di MARRADI 1 PREMESSA Da Linee di indirizzo regionali per la ristorazione scolastica Regione Toscana Nella ristorazione scolastica è di fondamentale

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE INTRODUZIONE Per dislipidemia s intende un alterazione del profilo dei grassi (lipidi) nel sangue (colesterolo e trigliceridi). Allo stato attuale il motivo di preoccupazione

Dettagli

Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione

Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

IL MENU' ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica

IL MENU' ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica ALLEGATO 1 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica IL MENU' I menù rispecchiano le indicazioni della piramide alimentare mediterranea, le Linee Guida per una sana alimentazione

Dettagli