EDUCHIAMOCI A MANGIARE SANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDUCHIAMOCI A MANGIARE SANO"

Transcript

1 con il patrocinio delministero della Salute EDUCHIAMOCI A MANGIARE SANO GUIDA ALL ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA DI BAMBINI E RAGAZZI DAI 3 AI 15 ANNI

2 Collana editoriale dedicata all alimentazione con il patrocinio delministero della Salute PROGETTO EDITORIALE Direzione Comunicazione Granarolo SpA Myriam Finocchiaro e Graziella Lasi SUPERVISIONE SCIENTIFICA Gian Paolo Salvioli TESTI Elena Adobati REDAZIONE E RICERCA FOTOGRAFICA Tiziana Caniati PROGETTO GRAFICO Claudio Pagani ILLUSTRAZIONI Vittorio Sedini FOTOGRAFIE Getty Images IMPAGINAZIONE E STAMPA Arti Gra che Corbella, Cirimido (CO) EDIZIONI Linker-Idea srl Via Parini 251, Saronno (VA) copyright 2011: Linker-Idea srl Finito di stampare nel mese di dicembre Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte dell opera può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo, sia elettronico, meccanico, fotogra co o altro, senza il preventivo consenso scritto da parte del proprietario del copyright.

3 EDUCHIAMOCI A MANGIARE SANO Guida all alimentazione equilibrata di bambini e ragazzi dai 3 ai 15 anni.

4 Indice 4 Prefazione 6 7 Perchè questo opuscolo? Un po di teoria In pratica... Cosa mangiare? 2

5 In pratica... Come organizzare la giornata alimentare? Arriva l adolescenza Per concludere Qualche idea per il menù 40 Per saperne di più 3

6 Prefazione L alimentazione suscita sempre grande interesse oltre che fra gli addetti ai lavori (medici, nutrizionisti, dietologi) anche fra i cittadini in generale. Ne sono testimonianza i numerosi programmi che ogni giorno le varie reti televisive, nazionali e locali, e la stampa quotidiana e settimanale dedicano a questo argomento. Corretti stili alimentari garantiscono salute e prevengono malattie quali il diabete, l ipertensione arteriosa, l infarto del miocardio, le emorragie cerebrali, il cancro del colon in particolare. Mangiare troppo e male (troppi grassi, proteine e zuccheri ingeriti) determina un aumento del peso corporeo sino all obesità. Ai giorni nostri si parla di una vera e propria epidemia di obesi già nell età infantile in Italia e nei paesi industrializzati. È dimostrato che un bambino obeso sarà un adulto obeso e pertanto è estremamente importante attuare una prevenzione del sovrappeso e quindi dell obesità proprio nelle prime età della vita per prevenire i danni sopra segnalati. Granarolo, azienda lattiero-casearia italiana, ha da sempre avuto come vocazione quella di fornire alimenti sicuri dal punto di vista igienico e nutrizionale e, insieme, suggerire indirizzi per una corretta alimentazione; un impegno di notevole rilevanza sociale, nel quale si inserisce il presente opuscolo. La guida per una alimentazione equilibrata per bambini e adolescenti, volutamente scritta con linguaggio semplice essere un utile aiuto non solo per genitori e responsabili dell alimentazione delle collettività, ma rappresentare un vademecum proprio per i ragazzi. L impostazione del testo è tale da dare informazioni sui principali nutrienti, sulla loro composizione e sulle necessità proprie del soggetto in età evolutiva. Oltre a considerare l apporto di calorie utili per l accrescimento e per le attività 4

7 quotidiane, vengono date indicazioni pratiche sui cibi e sulle quantità ottimali di assunzione in modo da fornire un alimentazione varia, non monotona e che si modelli secondo i principi indicati dai pediatri e dai nutrizionisti. Fondamentale appare la raccomandazione di consultare il pediatra di fami- seguire, in particolare nei casi in cui si possano manifestare disturbi del comportamento alimentare, in difetto o in eccesso, come disappetenza o eccessivo desiderio di cibo. Si devono infatti evitare le cosiddette diete fai da te suggerite da giornali o programmi televisivi, che molto spesso possono causare effetti contrari a quelli attesi. Ritengo quanto mai opportuno il richiamo che viene fatto a proposito dell attenzione da porre all etichetta posta sui prodotti alimentari, all interpretazione da dare alla lista dei vari ingredienti (aromi, coloranti, grassi, zuccheri, ecc.) e all etichetta nutrizionale che dà indicazioni sull energia fornita per 100 grammi di prodotto, e quindi sul contenuto in zuccheri, grassi, sale, Come organizzare la giornata alimentare è il capitolo conclusivo di grande praticità, utile per quanto riguarda la suddivisione nei vari pasti non sottovalutando il ruolo importante che ha la prima colazione per una armonica alimentazione. Come noteranno i gentili lettori non si parla solo di alimenti, ma anche di comportamenti che devono essere osservati: visione e al computer. Vengono anche suggeriti ai genitori modelli educativi utili per contrastare quindi l uso di altre sostanze. Ritengo che l alleanza tra genitori, scuola e ragazzi possa ga- Buona lettura e, perché no, buon appetito! 5

8 Perché questo opuscolo? Alimentazione corretta da molte malattie adulto. Le indagini sugli stili di vita dei bambini e ragazzi italiani tra i 3 e i 15 anni rivelano una, che portano con sé un costante aumento del numero di bambini in condizione di sovrappeso o di obesità. Il fenomeno è comune a tutti i paesi ricchi e cresce molto velocemente soprattutto in Europa, tanto che l Organizzazione Mondiale della Sanità - turi; aumenta infatti la probabilità che il bambino, una volta diventato adulto, rimanga sovrappeso e sviluppi una serie di malattie che possono ridurre sia la qualità sia l aspettativa di vita (principalmente malattie del cuore e della circolazione, ma anche diabete, ipercolesterolemia, osteoporosi). La buona notizia è che le armi contro il sovrappeso sono nelle nostre mani: si tratta di curare l alimentazione, sia nelle quantità sia nella qualità, e di fare più movimento. 6

9 Pensato per i genitori, Il bambino tende a imitare le abitudini alimentari dei genitori. Durante gli anni dell infanzia e dell adolescenza il bambino acquisisce gran parte delle proprie abitudini alimentari, che lo accompagneranno per tutta la vita; queste abitudini vengono prevalentemente trasmesse dai genitori, i quali costi- campo alimentare. sani è il primo passo per comprendere se le nostre abitudini alimentari sono corrette ed eventualmente cercare di Educare noi stessi quindi, per poter educare i nostri bambini ad alimentarsi in modo corretto; una marcia in più per gli anni della crescita e un prezioso investimento per il loro futuro. 7

10 Un po di teoria... Di cosa ha bisogno il nostro corpo? (carboidrati, minerali). Il nostro corpo ricava le sostanze di cui ha bisogno per vivere dagli, cioè dai cibi che mangiamo, come pane, riso, pasta, frutta, verdura, carne, pesce, dolci, ecc.; la digestione serve a smontare gli alimenti nelle sostanze che li compongono in modo che il corpo le possa utilizzare. Le sostanze essenziali per la sopravvivenza sono l ACQUA e i, cioè carboidrati, proteine,, e Altre sostanze ricavate dalla digestione degli alimenti, come le e numerosi composti presenti in quantità minime, non sono essenziali ma contribuiscono al buon funzionamento dell organismo. I CARBOIDRATI (O ZUCCHERI): forniscono energia all organismo (4 kcal/g). Si distinguono in: zuccheri semplici, come glucosio, fruttosio, lattosio, contenuti nel, nello, nella, nel ; vengono assorbiti velocemente dall organismo; zuccheri complessi, come l amido contenuto nel riso, nella pasta, nel pane, nei, nelle patate; vengono assorbiti lentamente dall organismo perché prima devono essere scomposti negli zuccheri semplici che li costituiscono. 8

11 LE PROTEINE: servono per costruire e riparare l organismo ma forniscono anche energia (4 kcal/g); sono formate da catene di aminoacidi legati tra loro (possiamo paragonare gli aminoacidi a vagoni che, uniti tra loro, formano un treno). Si distinguono in: proteine di origine animale, di cui sono ricchi la carne, il pesce, le, il ; hanno un elevato valore biologico perché contengono tutti gli, cioè quelli che il corpo non riesce a fabbricarsi da sé e quindi deve necessariamente procurarsi dagli alimenti; proteine di origine vegetale, di cui sono ricchi i e i ; il loro valore biologico è medio-basso perché non contengono tutti gli aminoacidi essenziali. I LIPIDI (O GRASSI): sono veri e propri concentrati di energia (9 kcal/g); inoltre forniscono le vitamine liposolubili (cioè che si sciolgono nei grassi) A, D, E, K. Si distinguono in: grassi saturi, contenuti prevalentemente negli alimenti di origine animale ( - ); grassi insaturi (mono- e polinsaturi), contenuti negli (oliva, mais, girasole, ecc.), nel pesce e nella. Tra essi gli acidi grassi omega-3 e omega-6, di cui è ricco il pesce azzurro, sono importantissimi per lo sviluppo del sistema nervoso del bambino. 9

12 LE VITAMINE E I SALI MINERALI: non forniscono energia ma sono indispensabili per regolare molte funzioni del nostro organismo e permettergli di utilizzare al meglio carboidrati, proteine e lipidi ricavati dagli alimenti. Alcuni di essi svolgono un azione antiossidante e ci proteggono contro i tumori. L ACQUA: costituisce il 60-65% del nostro peso corporeo ed è indispensabile per tutte le funzioni dell organismo; l acqua che l organismo elimina ogni giorno attraverso la respirazione, la sudorazione, le urine e le feci, deve essere reintegrata attraverso le bevande e gli alimenti ricchi di acqua (soprattutto frutta e ortaggi). LE FIBRE: sono sostanze contenute nei vegetali, che il nostro corpo non riesce ad assorbire; quindi non sono nutrienti, ma sono importanti per il corretto funzionamento dell intestino. Si distinguono in: solubili, contenute prevalentemente in e - ; rallentano l assorbimento intestinale di zuccheri, grassi e colesterolo e favoriscono il senso di sazietà; insolubili, contenute prevalentemente nei in- e nella, stimolano le funzioni intestinali. 10

13 alimentarsi correttamente? Durante l infanzia e l adolescenza, l organismo utilizza energia e nutrienti non solo per svolgere le attività quotidiane, ma anche per i processi di accrescimento corporeo; un alimentazione scorretta, nelle quantità e/o nella qualità dei cibi, può avere conseguenze più evidenti nel bambino rispetto momento, ma anche quella dell età adulta. Un alimentazione corretta è quella che fornisce al corpo del bambino l energia e i nutrienti di cui ha bisogno per crescere e per svolgere le attività quotidiane, nelle quantità e nelle proporzioni adeguate all età e allo stile di vita. 11

14 I 5 gruppi di alimenti In base ai principali nutrienti che contengono, gli alimenti necessari al nostro corpo per stare bene sono stati suddivisi in 5 gruppi: 1. Cereali, loro derivati (Pasta, Pane, Biscotti, Cracker, Riso, Orzo, Polenta, ecc.) e Patate Ricchi di (amido), sono la principale fonte di energia per il nostro corpo. Forniscono anche proteine di medio valore biologico e, soprattutto del gruppo B. I prodotti integrali sono ricchi di. Ogni giorno dovremmo di alimenti. 2. Frutta e Ortaggi Forniscono molte e apportano poche calorie. Inoltre contengono preziose sostanze antiossidanti chiamate spesso responsabili del colore dei frutti e degli ortaggi; esse hanno numerosi effetti salutari tra i quali spiccano la protezione da tumori e malattie del cuore e della circolazione. 3. Latte, Yogurt, Formaggi Fonti principali di altamente biodisponibile, cioè che il nostro corpo assorbe e utilizza facilmente; forniscono inoltre proteine di ottima qualità e A, D e del gruppo B. 12

15 4. Carne, Pesce, Uova, Legumi Ricchi di. Carne, pesce e uova si distinguono per l ottima qualità delle proteine; il. e calcio; se consumati insieme ai cereali, pasta o riso, costituiscono un piatto nutriente ed equilibrato. 5. Grassi da condimento (Burro, Oli, Margarine) Forniscono grassi, grandi quantità di energia e anche le A, D, E. La dieta mediterranea La dieta mediterranea è il modello mantenere Il termine dieta mediterranea indica il modello alimentare tradizionale dei paesi che si affacciano sul Mare Mediterraneo: un alimentazione Essa fornisce all organismo tutti i nutrienti essenziali ed è chi (obesità, malattie del cuore e della circolazione, diabete, ipertensione, ecc.). Il consiglio dei nutrizionisti: torniamo al modello mediterraneo e prima infanzia (1-3 anni). 13

16 In pratica... Cosa mangiare? Lasciamoci guidare dalla Piramide Alimentare Per scegliere cosa portare in tavola, ci viene in aiuto la adatta ad ogni età per imparare ad alimentarsi seguendo la dieta mediterranea. Alla base della piramide troviamo gli alimenti che possiamo mangiare tutti i giorni e in maggiori quantità, mentre al vertice ci sono gli alimenti che dobbiamo consumare con più moderazione. 14 dolci zuccheri da condimento formaggio legumi latte e yogurt frutta e verdura acqua acqua acqua

17 3 frutti e 2 ogni giorno di furbizia! 1 piano: Frutta e verdura Frutta e verdura devono essere consumati tutti i giorni in abbondanza: i nutrizionisti consigliano, di cui. Abituiamoci a consumare preferibilmente i prodotti di stagione e scegliamoli contenute. COLORE FRUTTI e ORTAGGI 15

18 Praticamente: Per raggiungere le tre porzioni di frutta, proponiamola non solo a pranzo e a cena ma anche a colazione o a merenda. Possiamo renderla più gustosa e invitante proponendola, per esempio, come spiedini o come macedonia, magari accompagnata da yogurt o gelato per la merenda pomeridiana; o ancora in frullati e frappè, o spremute e centrifugati. Anche qui la fantasia e un pizzico di furbizia possono venirci in aiuto: nascosta in preparazioni tipo creme di verdura, torte salate, sughi, polpette, a cui potremo dare nomi di fantasia; ravanelli, zucchine, possono essere proposti crudi come bastoncini da intingere in un pinzimonio di olio, sale e aceto o limone; avendo un po di tempo a disposizione, si può provare a disporre la verdura nel piatto, eventualmente insieme carota a rondelle può diventare un serpentello o un bruco che gira intorno alla fettina di carne al centro del piatto). Come cuocere le verdure? La cottura delle verdure provoca inevitabilmente una perdita di vitamine e sali minerali. Alcuni semplici accorgimenti consentono di ridurre la quantità di nutrienti persi: cuocere la verdura intera o a pezzi grossi; utilizzare la pentola a pressione o il forno a microonde (metodi che assicurano la minore perdita di nutrienti); lessare in una quantità minima di acqua ed utilizzare il coperchio. 16

19 Gli alimenti tutti i giorni dei bambini! 2 piano: Cereali e patate devono essere presenti ogni giorno ai pasti biscottate o biscotti; a pranzo e a cena come primo piatto o come piatto unico. Le patate invece andrebbero consumate - È buona abitudine utilizzare spesso i, 17

20 Ogni giorno almeno 2 e/o yogurt 3 piano: Latte e yogurt Nel periodo della crescita l organismo ha bisogno di calcio e di fosforo per la costruzione delle ossa e dei denti. È stato osservato che circa il 75% del calcio assunto quotidianamente da bambini e adolescenti deriva proprio dal latte e dai suoi derivati. Pertanto si raccomanda di consumare Le indagini statistiche rivelano che buona parte dei bambini e degli adolescenti italiani assume ogni giorno troppo poco calcio. Questo impedisce loro di raggiungere una massa ossea ottimale e quindi aumenta i rischi di osteoporosi quando saranno anziani. 18

21 Ecco le quantità raccomandate dagli esperti: (Livelli di assunzione giornaliera raccomandati o LARN) Fonte: SINU, Società Italiana Nutrizione Umana Praticamente: Ogni giorno proponiamo al bambino almeno una tazza di latte ( ml) e uno yogurt (o due tazze di latte), sfruttando in particolare la colazione e la merenda; integriamo con una spolverata di grana o parmigiano sui primi piatti a pranzo e cena; alcune varietà di cereali pronti da colazione sono arricchiti con calcio. In caso di allergia o intolleranza?, il pediatra di base saprà certamente suggerire le attenzioni dietetiche e le eventuali integrazioni per evitare carenze di calcio., sono indicati i latti ad alta digeribilità in commercio. Non tutti sanno che lo yogurt contiene quantità ridotte di lattosio (30-40% in meno rispetto al latte) e che la maggior parte dei soggetti intolleranti può consumarne un vasetto al giorno senza problemi. Il calcio aiuta a prevenire il sovrappeso. Studi recenti hanno dimostrato che una dieta ricca di calcio favorisce il controllo del peso corporeo. In particolare, uno studio condotto su bambini italiani tra i 3 e gli 11 anni ha dimostrato che i bambini che consumano più latte tendono ad avere un peso minore rispetto ai coetanei che ne consumano meno. 19

22 Alterniamo gli alimenti e legumi 2-3 volte 4 piano: Comprende gli alimenti da utilizzare come secondo piatto a pranzo e cena o in piatti unici, alternandoli nel corso di ciascun alimento. È suddiviso in due sezioni, in base al numero di porzioni settimanali consigliate. Carne, pesce, legumi La carne va consumata, 1-2 porzioni al giorno utilizzando le carni bianche e magre più spesso rispetto a quelle rosse. Il pesce va consumato. I vanno consumati. Per il loro contenuto proteico sostituiscono la carne, non la verdura! Ottimi per piatti unici in associazione con i cereali (es. pasta e fagioli, riso e piselli, pasta e ceci). 20

23 Formaggi, 2 volte alla Formaggi, uova e salumi I sono fonti importanti di calcio, come latte e yogurt, ma rispetto a questi ultimi sono più ricchi di grassi e per questo si consiglia di consumarli ; nei formaggi stagionati tutti i nutrienti sono più concentrati rispetto ai formaggi freschi, quindi ne bastano porzioni più piccole (indicativamente la metà di un formaggio fresco). Le forniscono proteine di ottima qualità e sono facilmente digeribili; il consumo raccomandato è di. I andrebbero consumati non più di, dando la preferenza a quelli più magri come la e il prosciutto privato del grasso visibile. Il formaggio va inteso come secondo piatto, non come Gli insaccati non fanno parte di questo gruppo. Sono da riservare a poche occasioni, perché molto ricchi di grassi e di sale. 21

24 di zuccheri Leggere bene le etichette! 5 piano: Al vertice della piramide troviamo Dolci, zuccheri, bevande zuccherate (gassate o no) e snack salati (patatine e simili) vanno limitati perché troppo ricchi di zuccheri semplici, di sale e spesso anche di grassi; forniscono molte calorie in porzioni piccole e nutrono poco. In questo senso i dolci fatti in casa sono preferibili a quelli industriali, perché sappiamo esattamente cosa contengono. 22

25 W l olio extravergine di oliva! I grassi da condimento, che utilizziamo per condire e cucinare, sono veri e propri ; vanno consumati in ma non eliminati, per assicu- mine liposolubili. L è il condimento migliore, sia a crudo sia per cucinare; è ricco di sostanze antiossidanti e protettive nei confronti delle malattie cardiovascolari. Gli (mais, girasole, arachide, ecc.) vengono ottenuti da complessi processi di estrazione che li rendono meno validi dell olio d oliva dal punto di vista nutrizionale. Abituiamoci a che richiedono piccole quantità di condimenti: al forno, al cartoccio, al vapore, ai ferri; utilizziamo liberamente le per insaporire; l utilizzo di, come strutto o lardo perchè favoriscono l aumento del colesterolo. Il burro va consumato con moderazione e sempre a crudo. 23

26 Non dimentichiamo l acqua! Bere almeno 1 litro di acqua al giorno. La potremmo disegnare come un grande lago su cui galleggia la piramide alimentare, per indicare che senza un adeguato rifornimento di acqua il nostro corpo non può stare bene. L acqua è presente non solo nelle bevande ma è anche abbondante nella frutta e nella verdura, come pure nel latte. 24

27 Il sale: non solo quello che vediamo con i cibi Il sale è contenuto in molti alimenti, per esempio gli insaccati, i formaggi, le conserve in salamoia, i dadi per brodo, il pane, ecc.; ogni giorno ne consumiamo, senza accorgercene, più di quello che pensiamo. - a mangiare poco salato; nel caso sia già grandicello, si potrà diminuire il sale gradualmente in modo da rieducare il suo gusto evitando bruschi cambiamenti. erbe aromatiche e le spezie possono essere usate liberamente per insaporire le nostre ricette. 25

28 Comprendere l etichetta per scegliere consapevolmente L etichetta sui prodotti alimentari fornisce le informazioni utili a comprendere la loro qualità nutrizionale e le istruzioni per la corretta conservazione; prestiamo particolare attenzione: alla all alla alle al Gli ingredienti vengono elencati in ordine abbondante nel LISTA INGREDIENTI: - Attenzione a:

29 La quantità di nutrienti a 100 g o a 100 ml ETICHETTA NUTRIZIONALE:

30 le modalità di termine minimo di DATA DI SCADENZA: MODALITÀ DI CONSERVAZIONE: TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE: - 28

31 In pratica... Come organizzare la giornata alimentare? Cinque pasti al giorno Ogni giorno colazione, + 2 merende. Per questo i nutrizionisti raccomandano di distribuire il fabbisogno calorico giornaliero di bambini e ragazzi in 3 pasti principali e due merende (mattutina e pomeridiana). L apporto calorico ideale di ogni pasto, rispetto al totale giornaliero, dovrebbe essere il seguente: Cena La quantità di calorie giornaliere necessarie dipende ovvia- ta dal bambino. Il pediatra di base, che conosce il suo ritmo di crescita, saprà fornire indicazioni personalizzate a questo proposito. 29

32 Abbasso la monotonia! Variamo gli alimenti e i colori della natura menù settimanale per pranzo e cena: Cerchiamo di variare il più possibile gli alimenti proposti al bambino, per permettergli di assumere tutti i nutrienti necessari e abituarlo alla varietà dei sapori. Armiamoci di pazienza e costanza e non eliminiamola dal menù familiare, ma proviamo a riproporla di tanto in tanto. Anche l occhio vuole la sua parte! Sfruttiamo la nostra fantasia, i colori e le forme dei cibi per presentare i piatti in modo originale e invitante. 1) Primo piatto: a scelta tra: riso, pasta, cous-cous, cereali (orzo, farro, miglio, mais, ecc.). + Secondo piatto: a scelta tra: Carne, 3 volte alla settimana privilegiando le carni bianche e magre; Pesce fresco o surgelato, 2-3 volte alla settimana; Salumi, 2 volte alla settimana, privilegiando bresaola e prosciutto cotto o crudo privati del grasso visibile; Uova, 1-2 volte alla settimana; Legumi, 2-3 volte alla settimana. Come secondo piatto sostituiscono la carne, non la Formaggio, 2 volte alla settimana. + Verdura e frutta 2) Piatto unico: pasta, riso, cereali, polenta con legumi o carne o pesce o formaggi o uova. + Verdura e frutta 30

33 La prima colazione: 10 minuti che valgono una giornata colazione! della giornata. La colazione è essenziale per ricaricare il corpo dopo il digiuno notturno e permettere al bambino di affrontare gli Spendere 10 minuti per la colazione è un investimento per che - I PROTAGONISTI DELLA PRIMA COLAZIONE: 31

34 Praticamente: la colazione dovrebbe fornire all incirca kcal ed essere composta da: 1) una tazza di latte intero ( ml) o uno yogurt (125 ml); 2) un frutto o una spremuta o un succo (privilegiare quelli con maggiore percentuale di frutta e minore contenuto di zucchero); 3) cereali pronti, oppure pane o fette biscottate con burro e marmellata o miele, oppure biscotti secchi o frollini. La merenda: moderazione e qualità Fare merenda è una buona abitudine Se sono troppo abbondanti (trancio di pizza o focaccia, patatine, merendine troppo caloriche) il bambino arriverà al pasto successivo ancora sazio e quindi sarà probabile che mangi poco e male. Praticamente: possiamo alternare, ad esempio, tra un frutto, uno yogurt, qualche biscotto secco, una barretta di cereali, una fetta di pane con marmellata o miele, latte e cereali, una fetta di torta fatta in casa o una merendina confezionata scelta con attenzione. COME SCEGLIERE LE MERENDE CONFEZIONATE? 32

35 Sport e alimentazione: questione di tempi I bambini che praticano sport amatoriale non hanno bisogno di porzioni di cibo più abbondanti; solo nel caso di allenamenti quotidiani intensi e prolungati oltre le due ore (peraltro sconsigliati in età infantile) può essere necessario aumentare la quantità di cibo assunto durante la giornata, mantenendo l attenzione alla qualità nutrizionale., meglio iniziare almeno un ora e mezzo dopo la colazione, che non va mai saltata., iniziare almeno due ore dopo aver consumato un pranzo facilmente digeribile e non abbondante: ad esempio un piatto di pasta o riso con sugo leggero, olio e parmigiano accompagnato da verdura e frutta. Per compensare il pasto leggero, aumentare le calorie delle merende di mattina e pomeriggio. dall attività e abbondiamo con l acqua., questa sarà composta principalmente da carboidrati: pane, fette biscottate, biscotti secchi, cereali, marmellata o miele. privilegerà frutta, latte, yogurt, pane e marmellata, cereali, biscotti, per rifornire l organismo di acqua, carboidrati, proteine, sali minerali e vitamine. 1) stimolare il bambino a bere acqua prima, durante e dopo l attività sportiva, anche se non ha sete, per evitare la disidratazione e favorire la regolazione della temperatura corporea; 2) programmare i pasti tenendo in considerazione gli orari dell allenamento o della gara. 33

36 Condividiamo i non con la tv Prendiamoci I pasti sono momenti fondamentali per le relazioni familiari e hanno bisogno di tempo; mangiare in fretta non solo imparare a gustare ciò che mangia. La televisione accesa cattura l attenzione soprattutto dei più piccoli, che così tendono a mangiare in modo distratto e inconsapevole. Quando l età e il tempo a disposizione lo consentono, è qualche pietanza; li aiuterà a sentirsi protagonisti del pasto e li stimolerà ad assaggiare ciò a cui hanno collaborato. 34

37 Arriva l adolescenza Prevenire le carenze di calcio e ferro Stimoliamo a mangiare bene mancare calcio e ferro. A partire all incirca dall età di 11 anni, il corpo del bambino inizia una fase di crescita rapida che lo porterà gradualmente ad assumere le caratteristiche dell adulto; il periodo di nei maschi e tra 11 e 15 anni nelle femmine. Ferro: l aumento del volume del sangue e della massa muscolare e la comparsa delle mestruazioni nelle ragazze causano un aumento del fabbisogno di ferro. Praticamente: incentiviamo il consumo di alimenti ricchi di ferro, come secca, cereali arricchiti con ferro. Un po di succo di limone sulle verdure aumenta l assorbimento del ferro durante la digestione. Calcio: durante l adolescenza viene depositato nelle ossa circa il 45% del calcio totale dell adulto. Una carenza del minerale dell età adulta. Praticamente: incentiviamo il consumo quotidiano di, insistendo soprattutto sulla colazione (spesso trascurata a questa età). Aumentiamo il consumo di altre fonti di calcio, come 35

38 Fonte: SINU, Società Italiana Nutrizione Umana Attenzione all alcol Il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche sta dell adolescenza. È importante informare i ragazzi sui rischi seri per la loro salute connessi con l eccesso di alcol: nutrienti; 36

39 Per concludere... Evviva il movimento! Sfruttiamo ogni occasione per far muovere i bambini anche oltre le attività sportive programmate: usiamo le scale al posto dell ascensore; ove possibile andiamo a scuola a piedi o in bicicletta; parcheggiamo l auto un po più lontano; creiamo le occasioni per fare giochi di movimento fuori casa; limitiamo il tempo trascorso davanti alla tv e ai videogiochi (non più di un ora al giorno). 37

40 Qualche idea per il menù Pasta con Crema di Cannellini una scatola di fagioli cannellini (380 g) - un rametto di rosmarino - parmigiano grattugiato Scolare i cannellini e sciacquarli sotto extravergine una pentola antiaderente, metterla sul fuoco minuto. Unire i cannellini e lasciarli insaporire a fuoco lento per 5 minuti; eliminare il rosmarino e trasferire i cannellini in un recipiente a bordi alti. Unire almeno mezzo bicchiere di acqua di cottura della pasta e frullare il tutto con un frullatore ad immersione, per ottenere una salsa cremosa e poco densa (eventualmente diluirla con altra acqua). Con questa salsa condire la pasta, aggiungendo il parmigiano Non occorre salare la salsa: il sale è già presente nell acqua di cottura della pasta e nel parmigiano. Scaloppine Latte e Limone 360 g petto di pollo o tacchino - il succo di un limone e mezzo - 50 g farina tipo 00 - un bicchiere e mezzo di latte Infarinare il petto di pollo. Metteterlo in una casseruola con il succo di limone e rigirarlo spesso a fuoco vivo; quando sarà evaporato il succo di limone, aggiungere il latte e lasciar cuocere a fuoco lento per 5 minuti. Servire con il sughetto che si sarà formato. 38

41 Crema di Zucchine 400 g di zucchine fresche foglie di basilico fresco ml di latte ml di acqua (oppure 200 ml di acqua) - 4 cucchiai di parmigiano grattugiato - sale q.b. Mettere in una pentola latte e acqua; quando bolle, salare e unire le zucchine lavate e tagliate a rondelle. Far bollire per 15 minuti. Spegnere il fuoco e aggiungere le foglie di basilico e il parmigiano; frullare il tutto con un frullatore ad immersione e servire la crema tiepida. Nel caso la crema risultasse troppo densa, aggiungere latte o acqua Hamburger di Pesce 70/80 g di pesce a persona (ottimi palombo, tonno fresco, pesce spada) - il succo e la scorza di un lime - un piccolo spicchio di aglio - prezzemolo - origano - olio extravergine di oliva - sale - una manciata di pinoli tostati (facoltativi) - pane grattugiato Tagliare a piccoli cubetti il pesce, aggiungere il succo di lime e la scorza, l aglio tritato, i pinoli, le erbe, il sale, una spolverata di pane grattugiato (mezzo cucchiaio a persona) e un cucchiaio di olio a testa. Impastare bene e formare gli hamburger, ricoprirli di pane grattugiato e cuocerli in una padella leggermente unta, 7/8 minuti per parte. Si possono servire in panini leggermente scaldati e farciti con fette di pomodoro, insalata e, se piace, anche della cipollina fresca. Torta di Pere e Ricotta 3 uova g di zucchero g di ricotta - un bicchiere di latte g di farina - una bustina di lievito - 4 pere - aromi a piacere Lavorare le uova con lo zucchero e gli aromi. Aggiungere la ricotta e la farina alternata al latte e setacciata con il lievito. Mettere in una tortiera e disporre a raggiera sopra l impasto le pere tagliate a fettine. Cuocere in forno preriscaldato a 170 per circa 45 minuti. 39

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE con il patrocinio delministero della Salute SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE V I N C E N T E GUIDA ALLA CORRETTA ALIMENTAZIONE PER CHI PRATICA SPORT Collana editoriale dedicata all alimentazione con il

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIABETE DELL ADULTO DI TIPO 2 Menu per una giornata tipo dedicato a persone adulte che soffrono di diabete di tipo 2 Complimenti per aver

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

MENU 2015/2017 COMPUTO CALORICO PRANZO E CONSIGLI PER LA SERA

MENU 2015/2017 COMPUTO CALORICO PRANZO E CONSIGLI PER LA SERA MENU 2015/2017 COMPUTO CALORICO PRANZO E CONSIGLI PER LA SERA Scuola Secondaria di 1 grado Comune di Genova Servizi di Ristorazione Scolastica Ufficio Nutrizione e Dietetica 1 SETTIMANA Pranzo Computo

Dettagli

L ATTIVITA DEL SERVIZIO

L ATTIVITA DEL SERVIZIO Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Area Nutrizione L ATTIVITA DEL SERVIZIO A partire da settembre 2002, l unità operativa Nutrizione del SIAN di Modena ha

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO

PROPOSTA DI MENÙ PER SERVIZIO PASTI DOMICILIO Regione Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2 - TEL 0432 553974-553253

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DISFAGIA Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di disfagia Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò significa

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Servizio Refezione Mense

Servizio Refezione Mense Solaris s.r.l. Servizio Refezione Mense Comune di: Castel S. Pietro Terme e Ozzano dell Emilia MENU ASILO NIDO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura del Servizio Dietetico della Solaris S.r.l. Dott.ssa in dietistica

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli