Casa Marconi: una cucina di lotta... e di pensiero.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casa Marconi: una cucina di lotta... e di pensiero."

Transcript

1 Casa Marconi: una cucina di lotta... e di pensiero. TESTO di RAFFAELLA PRANDI FOTO di SOFIE DELAUW Mia nonna viveva in un quartiere popolare di Bologna e la sua casa aveva un pezzetto di giardino. Da piccola mi sedevo sugli scalini del pianerottolo, raccoglievo le lumache nel giardino e le ordinavo in una scatola. La bimba si è fatta grande, si è trasformata in una chef di talento e le lumache le nasconde oggi in fagotti di crescentina sparsi su un Prato di acetosella ed erbe aromatiche. Il gioco è rimasto più o meno lo stesso. Anche Aurora è ancora avvolta in uno speciale candore. I suoi sogni ad occhi aperti sono diventati tante favole che prendono la forma della cucina. La casa delle fate è sull Appennino bolognese. Lasci l inferno dell A1, esci a Sasso Marconi, il paese che accoglie le spoglie di Guglielmo Marconi, e percorri la statale Porrettana. Non ci sono molti motivi per venire da queste parti se non il Mausoleo e la sosta gastronomica dai Mazzucchelli. In questo pezzo di territorio disegnato da costruzioni di incerta identità ma di certo cattivo gusto, hai l ennesima conferma di un Italietta che ha smarrito l intelligenza dello charme. Se Aurora la volessimo invece immaginare in un villaggio francese ne spunterebbe un sole. O la pensassimo in un arrondissement parigino, in uno di quei gastrobistrot che girano intorno a sofisticate personalissime ricerche, alla Iñaki, per intenderci, brillerebbe. Non che a Sasso non brilli. Solo che, chi percorre la Porrettana, a meno di non essere munito di guide e segnaletica gastronomica, è autorizzato ad aspettarsi altro. Un microcosmo di normalità e non certo dei fuori pista così visionari.

2 Rave cucina A pochi chilometri d auto dal ristorante incontri del resto angoli di natura selvaggia, posti così smarriti che i ragazzi si infilano per sentieri e radure a farci i rave party. È un Appennino da streghe, lugubre e melanconico, l ideale per sognare ad occhi aperti. Qui viene a ricaricarsi l Aurora, ogni tanto. A lei piace camminare nel bosco. In solitudine. Si toglie la divisa, infila gli scarponi e via, ad annusare umori, a raccogliere foglie e pensieri. Essere sola e pensare. Lo adoro. Ricordo un pomeriggio di tanti anni fa quando, tornata a casa da scuola, non trovai nessuno in cucina. I miei mi avevano lasciato per pranzo una sogliola ormai gelida. Me la mangiai con gusto pensando a quale universo di pace ci fosse in quella solitudine. Anche adesso, vedere la cucina deserta e a mia disposizione è pura felicità. Lì mi escono le idee. C è da capirla. Nella villetta, dove abitano insieme ristorante e famiglie, la promiscuità familiar gastronomica porta vantaggi e svantaggi. Le quattro mura racchiudono un percorso familiare italiano, italianissimo : Maria, la mamma, arriva a Bologna dalla Sicilia a otto anni. Dodicesima di tredici fratelli si porterà per sempre nel cuore lo struggente sole del sud e il ricordo della fame vera. Con Mario, il marito, si conoscono sui banchi di scuola. Con lui dividerà poi il percorso della cucina imparando, sin da ragazza, l arte della sfoglina. Lui, chef di lungo corso, scuola alberghiera a Bologna, uomo spigoloso e severo, è l interprete del più classico repertorio dei piatti cult bolognesi con anni di lavoro nei ristoranti della città e molte, troppe, stagioni sulla Riviera Romagnola: Noi figli, ricorda Aurora, seguivamo il babbo nelle sue trasferte stagionali, tra Lido del Savio e Milano Marittima. Ma ho sempre visto quel lavoro solo e soltanto come il mestiere del babbo. Ero una bambina che viveva di fantasie e le fantasie mi portavano altrove. Mia madre si scordava persino di darmi da mangiare tanto ero silenziosa e autonoma. Mi metteva in mano una pallina rossa e io ci giocavo per ore. Ho sempre galoppato con la testa. La ristorazione non mi riguardava. Era roba dei miei genitori. Mi tenevo ai margini, mi sentivo solo una spettatrice. Però mi è venuto naturale iscrivermi alla scuola alberghiera. È su questo abbrivio familiare che nell 83 entra nella cucina della trattoria di Sasso presa in affitto dai genitori. Una famiglia ingombrante Il cammino è solo apparentemente in discesa. Prima di trovare il suo centro Aurora consuma ribellioni e identificazioni: La mia è una famiglia ingombrante. Mia madre collega il cibo al voler dimostrare il suo bene. Il perno della sua cucina è la fame, quella sofferta da piccola. Il pranzo della domenica in famiglia è un affare di stato. Io sono l opposto. Per questo il lunedì digiuno, cerco di prendere le distanze da questo modo tutto meridionale e ossessivo di concepire il cibo. Ho la necessità di raffreddare la materia. Sento l esigenza, fisica, di una cucina leggera. Da piccola non mangiavo quasi nulla, ero totalmente disinteressata al cibo. Puré, puré, solo puré e qualche fettina di prosciutto cotto. Mi piaceva un gusto e mi innamoravo di quello. Se sentivo l ombra del pepe era un dramma. Ci ho messo molto tempo ad accostarmi alla cucina bolognese. Le polpette guai perché ci avevano messo il pepe. Poi, incredibilmente, mi sono innamorata delle spezie e ne avverto ogni impercettibile sfumatura. Sono la prima a stupirmi della mia crescita gustativa. Il gusto di Aurora cresce man mano che il suo distacco dalla cucina si colma. Un ruolo chiave lo gioca il feeling paterno. All inizio, racconta, facevo la spola tra la cucina e la sala. La mattina aiutavo i miei genitori in cucina e poi uscivo in sala a dare una mano a mio fratello. Massimo, per la sua esuberanza e facilità di comunicazione, aveva già trovato la sua naturale collocazione. Aurora soffre invece l arroganza e l aggressività dei clienti. Il mondo della sala ha a che fare con questi aspetti. Devi saperla reggere. Io purtroppo tendo a chiudermi come le lumache. Ero la più indifesa. Ma è un lavoro che mi è servito. Di fatto organizzavo le comande mentre Massimo prendeva le ordinazioni ai tavoli. Il mio compito era di seguire i piatti in cucina. Un lavoro che continuo a fare stando dall altra parte e si può dire che le comande camminino da sole. Se mai vi accorgerete del ritmo oliato e serratissimo con cui marciano i piatti, ne saprete la ragione. 103

3 corretto, pacato, profondo, mentre pesca qua e là in codici linguistici molto locali. Come nella Crema di pollo, un piatto dell attuale menu, che fruga nell abitudine tutta padana di litigarsi zampe e creste di gallina cotte nel brodo, un elegia di paesaggi nordici, di cascine padane, di pollai Zampe e creste sono la cosa che più adoro. Avevo pensato di servire la zampa intera, ma non era effettivamente un bel vedere, così l ho disossata a crudo con un bisturi e l ho cotta nel grasso d oca. Questo grumo calloso dalla texture irripetibile è immerso in una crema di pollo appena tiepida preparata con petti e cosce bollite per 40 minuti, setacciati e pacossati. Il tutto servito appena tiepido perché il caldo tirerebbe fuori quelle note di carne cotta che hai quando scaldi un arrosto. Le creste bollite sono invece essiccate e fritte. A stemperare le note grasse una salsa di ristretto di Milocca (un vino fortificato siciliano) appena dipinta sul piatto. Ai fornelli una lotta La responsabilità della divisa Alla fine degli anni Novanta, con l acquisto dell attuale ristorante, i genitori sentono l esigenza di definire i ruoli dei due figli. Aurora passa dunque stabilmente in cucina: È stata la svolta, quando ho iniziato a prendermi delle responsabilità, mi sono appassionata. Ho persino avvertito il cambiamento a livello gustativo. La crescita passa ovviamente attraverso l ennesima ribellione (ma meglio sarebbe dire resistenza) nei confronti dell incombente eredità culinaria paterna. Babbo cucinava ricco, grasso, rotondo? Bene, io dovevo fare l opposto. Via burro, panna, strutto (già, ma poi la povera piadina come la fai, senza il benedetto strutto? Per fortuna i genitori su questo non le hanno dato spazio ). Con il babbo c è in ballo il mestiere vero, la divisa. Esigente, severo, di poche parole, è però il primo a capire, da professionista, quando è il momento di cedere il passo alla figlia. Sa che il repertorio dei tortellini, di cui lui è maestro ( Sì, i tortellini del babbo si distinguono, beh, se non li fa bene lui è vissuto a Sant Agata Bolognese dove si impara a farne di perfetti, dei piccoli ombelichi ) non può essere il repertorio di Aurora. Tutti i miei piatti, riflette lei, devono sempre avere un loro perché, qualcosa che li giustifichi a miei occhi. Devono avere un senso. Se no non riesco a farli. Sì, certo, ammette a malincuore, ci possono essere anche piatti senza un perché. Magari il tortellino non mi rappresenta ma per chi viene da fuori ne fanno voglia ed è bene che ci siano. Lo slang di Aurora fa tutt uno con il suo linguaggio culinario, pertinente, La spontaneità e l improvvisazione mi piacciono ma non mi appartengono. Io trovo soddisfazione quando posso dare alle persone un pensiero in più. Non mi accontento del buono. Ho bisogno di aver prima affrontato un vissuto con il piatto altrimenti non mi sembra di aver dato il meglio di me. Questo lavoro di approfondimento passa all inizio attraverso la tentazione di levare tanto, troppo. Sentivo i gusti in maniera esasperata. Mi arrivavano chiari e forti, e quasi mai mi trovavo d accordo con i miei familiari. Non parliamo poi dei gusti mediterranei. Mi rimbombavano in testa. In un certo senso è stato più semplice sperimentare con i piatti del sud, fare una grande pulizia con quei sapori. A lungo ci sono state nel nostro ristorante come due linee non dichiarate. Si vedeva che io andavo decisamente per un altra strada ma questa schizofrenia per fortuna non è durata a lungo. La maturazione piena arriva a partire dal Quando farà definitivamente i conti con quel potere maschile che ha ancora in mano la cucina. C è il padre ma c è anche un fidanzato che da tanti anni lavora al suo fianco. Conosciuto nel materno e familiare sud delle vacanze estive a Scicli, fresco Il prato Lumaca, lumachina che esci dalla casina... Ricordo di un gioco, una filastrocca e una lumaca che non vuole uscire dal guscio e allora una foglia di acetosella del cortile per tentare la bestiolina a uscire. Dopo aver mondato le lumache metterle a cuocere con poca acqua fredda a fuoco basso e coperte. Una volta bollite condire con burro all aglio, Parmigiano e pane, avvolgere in un impasto di pane tipo crescentina e friggere in olio bollente. Concludere il piatto adagiando le lumache sulle erbe aromatiche di stagione e, naturalmente, non può mancate l acetosella. 105

4 AURORA MAZZUCCHELLI ragioniere, per amore si è trasferito a Sasso trovando impiego non tra le carte ma tra le pentole del ristorante. Un nucleo familiare strutturato professionalmente nel quale Aurora si saprà imporre. Mio padre, essendo un professionista, era in grado di capire lo scopo che volevo raggiungere. Rispettava le mie idee e il mio riflettere sulla cucina. Ogni piatto è un parto Pian piano dunque il gioco in cucina si capovolge e il babbo si trova a fare da aiuto alla figlia. Les jeux sono faits. Ora è giusto dare al babbo ciò che è del babbo. A un certo punto ho capito che ero andata troppo oltre, avevo eliminato per esempio troppe parti grasse. Il Raviolo di Parmigiano al profumo di lavanda e noce moscata e mandorle è il piatto simbolo di questo percorso e del buon compromesso raggiunto. Nel 2000 questi ravioli li avrei serviti semplicemente bolliti. Oggi li servo con una salsa di brodo montata a burro. Nella farcitura ci trovi il sapore di lavanda, la freschezza e l aromaticità tipica di Bologna con il sapore della noce moscata, il tutto avvolto dalla morbidezza della salsa. Anche il Tortello di maialino, alloro e mela è un simbolo della dialettica familiare. La mia idea era di farne un piatto strapulito, solo bollito, e ho girato molto intorno alla faccenda. Volevo arrivare a un concetto di purezza e pulizia quasi giapponese, evidentemente troppo difficile da tenere qui in Romagna. Avevo questo desiderio di servirlo semplicemente bollito, in un canovaccio intiepidito al vapore. I miei familiari non erano però d accordo, iniziarono a trovargli un sacco di difetti. Non è igienico, è insipido, non sa di nulla e così via. Allora pensai di mettere come condimento al tortello l alloro e la mela o del vin brulé con il pepe lungo del Bengala e, a parte, un infuso di limone, chiodi di garofano e alloro. A me piaceva però mancava sempre qualcosa. La sfoglia continuava ad avere un che di lesso. Un pomeriggio durante una lunga passeggiata con mia madre sono arrivata a trovare un compromesso. Al massimo potevo arrivare a saltarli con un po di guanciale di Mora Romagnola per togliere quella sensazione di sfoglia bollita. Quei tortelli sono stati un parto. Ogni piatto è un parto. Con la famiglia a fare da levatrice. Una brigata al minimo A un certo punto del mio percorso ho iniziato a far respirare il contesto, l ambiente. Decisivo nel 2002 lo stage da Herbert Hintner del ristorante Zur Rose di San Michele Appiano dove Aurora va per un mese. Una volta ingenuamente gli chiesi quale fosse la regola per abbinare i contorni. Mi rispose: pensa sempre all habitat degli animali che cucini, pensa sempre al contesto. Fu il mio faro. A quel punto il mio mondo fantastico è partito per la tangente. Dopo quel primo stage il mio modo di fare cucina è cambiato radicalmente. Mi sono messa in gioco. E lì sono saltati tutti gli equilibri. Purtroppo il mio ex compagno non era interessato quanto me al cambiamento. O forse invidiava la mia determinazione. Non lo so. Quando però a poco a poco ho avvertito di essere io la chef ho sentito una libertà immensa. Coscetta di rana Verde, verde, verde. Quando si disegna una rana ecco il primo colore che si usa. Disossare le rane, prelevare le cosce lasciando l ossicino che verrà usato come manico. Cuocere velocemente con del burro nocciola, sale e pepe, lasciare intiepidire. Nel frattempo preparare un impasto di pane, fare dei piccoli panini con all interno le coscette di rana e friggere in olio. Porre nel piatto, come base, una salsa verde con l aglio selvatico che si trova nelle nostre colline emiliane. Un altro stage, questa volta da Gaetano Trovato a Colle Val d Elsa, le regala un iniezione di fiducia: Mi ha dato l autostima di cui avevo bisogno. Io sono quella che si mette perennemente in discussione. È la mia seconda pelle. Figurarsi che non ho la patente perché mi domando che cosa possa pensare quello che guida dietro di me. Da Paolo Lopriore prende invece il senso dei pochi elementi essenziali. È il suo modo di esprimersi, lui è realmente così, non ci sono forzature. Tutto gli viene naturale. Da Martin Berasategui nel 2006 ha la visione di che cosa invece la sua cucina non sarebbe mai stata: una brigata di cinquanta persone, assurdo. Giornate intere senza servire a nulla, devastante. Dopo questo non ho più fatto stages. La mia cucina è l opposto. Noi siamo in cinque compresi i due stagisti. Faccio molta fatica a delegare, ad abituarmi alla presenza di una persona all interno del mio spazio. 107

5 Cremoso al limone e salsa alla salvia Il materno sud Il fratello complice Anche lo spazio della cucina è a misura strettamente familiare con il bel tavolone apparecchiato per il pasto della brigata. E con regole di ingaggio molto severe dettate da mamma Maria. Tutto è lindo e pulito, le padelle di alluminio brillano. Mia madre è maniaca del pulito. Ha codificato l iter da seguire per lustrare le padelle: paglietta saponata e olio di gomito. Se non fanno così, conferma Maria, me ne accorgo. Noi in Sicilia le pentole le lucidavamo al mare con la sabbia. Con l acqua di pomodoro ci sgrassavamo i tegami attorno ai manici. Già, l acqua di pomodoro. I raggi del materno sud filtrano anche attraverso la nebbia e l umidità. È un bel rito fare la passata. Sono belle usanze anche se ti stanchi da morire e l acidità ti si impregna nelle mani. Fai bollire i pomodori per un ora, separi l acqua che dovrebbe poi essere restituita alle bucce. In Sicilia ci fanno lo strattu che mettono a seccare al sole. Ma noi il sole non ce l abbiamo e l acqua la buttiamo. La polpa la facciamo di nuovo bollire tre ore e a fine cottura aggiungiamo aglio, basilico e sale. La scorsa estate abbiamo deciso di non fare la passata visto che l anno prima ne avevamo lavorato una tonnellata. Ma ora che i vasi si stanno esaurendo, ce la amministriamo come oro. Il gioco a rimpiattino con la cultura del sud è rintracciabile in ogni piatto. Nella passione per i piccoli fritti, per esempio: delle lumache si è detto, ma anche la coscetta di Rana viene avvolta nella pasta di pane, fritta e depositata su una salsa di aglietto fresco. Ma sono forse i dolci a far trasparire una valenza mediterranea con quella sapidità marina che costruisce la singolare coerenza del menu. Il Cremoso al limone con la salsa alla salvia e la meringa bianca è un esplosione di sud oggettivizzata nel limone siciliano. Il Cremoso al cioccolato è un alberello di Natale decorato con tutte le erbe aromatiche. Nasce dal pane e cioccolato della scuola elementare, dall idea della merenda ed è l esempio di una crescita gustativa improntata alla pulizia dei sapori che nei dolci ha il suo perfetto svolgimento. Come ne La Castagna con la sua purea, cioccolato bianco al rosmarino, miele al sesamo nero, croccante all arancio e spezie. Resta comunque l umida velatura dell Appennino a marcare stretta la cucina di Aurora. Il bosco lo scorgi anche dalle finestre del ristorante. Il Risotto d autunno nasce dal desiderio di restituire la sensazione delle foglie umide appena smosse che si respira in certi momenti dell anno. È preparato con un infuso di foglie (lavanda essiccata, acero, quercia, betulla, frassino), castagne affettate e mallo di noci (noci tenute a mollo per dieci giorni cambiando ripetutamente l acqua). Trattandosi di un decotto di foglie rimane di fondo una tonalità dolce e dunque c è stato molto da discutere tra noi su come equilibrare il sale. È stato molto faticoso metterlo in carreggiata. È infatti il suo piatto più estremo, dove sparisce qualsiasi collegamento con i sapori codificati, un gioco tra naso e bocca, tutto centrato sulle sapidità naturali. Se lo servi a scatola chiusa senza spiegazioni hai un 50 per cento di gradimento, spiega Massimo, cui spetta il compito di proporlo in sala. È un piatto difficilissimo e io tremo quando non viene scelto all interno di un percorso di degustazione ma come piatto principale. Per fortuna i piatti che sento io, li sente anche mio fratello. Massimo in sala è una spalla perfetta e non solo per le proposte di abbinamento con i vini (la cantina raccoglie tante etichette fuori dai soliti ranghi). Sa bene a quali azzardi arrivi la cucina della sorella. Come ne L Agnello in testa di cui però è stato un perfetto complice. Tutto è nato dal 6 aprile 2009, con il terremoto d Abruzzo. Un produttore 109

6 di Scanno aveva smesso di vendere i suoi agnelli ed era arrivato al nord per farsi conoscere. Con Gregorio Rotolo abbiamo fatto amicizia e così ho chiesto a mia sorella: Se mi faccio vendere le teste riesci a creare un piatto? Per la verità avevo in mente la testina gratinata. Ma lei è andata ben oltre. Quel piatto, riflette Aurora, è stata un autentica sfida. La nostra curiosità di chef ci porta a spostarci verso gusti meno consueti, verso tagli meno usati. C è tutto un mondo di gusti sconosciuti che ho voluto esplorare. Così il cervello crudo è stato pacossato e portato a crema, la lingua è diventata un semifreddo e la guancia uno stracotto. Il tutto spolverato da croccante pane gratinato al Pecorino Ragusano. Dice Massimo: Quando lo porto al tavolo, lo metto lì e me ne vado. Scappo. Mai spiegarlo prima!. Ristorante Marconi Via Porrettana 291, Sasso Marconi (BO), Italia Tel: Il pollo Un piatto antipasto che nasce dall irresistibile voglia di servire la zampa di pollo, il boccone riservato per me da mio padre ogni volta che si preparava il brodo. Il suo gusto pieno e grasso e la sua consistenza carnosa e tenace che poi si scioglie in bocca. Prima di tutto si deve disossare la zampa con l aiuto di un bisturi, dopo averla pelata, cucinarla in confit all interno del suo grasso ottenuto cuocendo le pelli. Questo il punto di partenza per raccontare il pollo e il suo razzolare nell aia. Zampa di pollo, creste soffiate, terra di cipolla bruciata, lumache, mostarda di mela, semente e ristretto di vino. 111

7 AURORA MAZZUCCHELLI Risotto d autunno Probabilmente la mia stagione preferita, umida, colorata, profumata. Tutto ha inizio da una passeggiata. Pioviggina e le foglie umide al di sotto degli alberi vengono mosse dai miei passi, l odore mi rapisce la mente e un solo pensiero tornando a casa: mettere questa sensazione nel piatto, in un mio piatto. Dopo aver raccolto foglie di acero, betulla, frassino e quercia, fare un decotto, usare il liquido così ottenuto per cuocere il riso, varietà Antica Rosa di Carnaroli. Mantecare con pochissimo burro e condire con salsa di mallo di noci e castagne crude. L autunno, con il suo sapore e colore. Agnello in testa 6 aprile 2009, trema la terra dell Abruzzo e piccoli artigiani con antichi mestieri si trovano in viaggio per l Italia con i loro prodotti da vendere. Così la conoscenza con Gregorio Rotolo di Scanno, un uomo della montagna, robusto e forte, dall aspetto simpatico con il maglione di lana e una berretta rossa sul capo. Ha portato dei formaggi e ci racconta di dove abita e del suo gregge di agnelli liberi sulle montagne. Ho immediatamente comprato i suoi agnelli e sentito la differenza, e tra lombi, carne e cosce mi sono chiesta: perché non usare la testa? Guance e lingue cotte a 80 C per 3 ore sottovuoto e il loro cervello bollito e frullato così da creare una crema. Dei dadi di pane conditi con il provolone cacio e dell origano selvatico.

8 AURORA MAZZUCCHELLI Capriolo, il bosco, le foglie e i frutti La collaborazione, lo scambio, la stima, il territorio, ecco cosa c è dentro questo piatto. Una filiera di caccia, nata da poco e Aldo Zivieri della macelleria Zivieri di Monzuno ne fa parte; capriolo, cervo, cinghiale, animali che sovrappopolano il nostro Appennino e pertanto destinati all abbattimento, ora vengono macellati e venduti nel rispetto delle regole. Prendere la coscia di capriolo lasciata frollare per sei settimane, ricavare dei pezzi, brasare in padella di ferro e lasciare riposare in modo che perda il sangue in eccesso. Fare il fondo di cottura con le sue ossa, con foglie e corteccia di alberi, così da ottenere un sapore di bosco, abbinare i frutti essiccati come castagne, mirtilli, ribes e fiori di ibiscus. Servire la carne al sangue con il suo fondo e i frutti; in bocca si sprigionerà tutta la succulenza fiabesca del bosco. Cioccolato, pane ed erbe Davanti a me una lavagna nera, il gessetto bianco e i banchi di legno, la scuola elementare a tempo pieno e la merenda più golosa per tutti i bambini: barretta di cioccolato e pane. Fare una mousse di cioccolato fondente, prendere della mollica di pane ed essiccarla in forno, frullare con del crumble alla nocciola così da ottenere un croccante sbricioloso. Condire il cioccolato con semi di cardamomo, il pane croccante, santonina, menta, origano e melissa. Le erbe negli anni 80 non c erano, ma ora sono cresciuta e si cambia... anche nel gusto

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

- 1 reference coded [1,94% Coverage]

<Documents\bo_min_3_F_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,94% Coverage] - 1 reference coded [1,94% Coverage] Reference 1-1,94% Coverage Spesso andiamo al cinese, prendiamo il cibo da asporto, è raro che andiamo fuori a mangiare, anzi quando

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

CIBO SOSTENIBILE IN ITALIA. Amanda Chivil

CIBO SOSTENIBILE IN ITALIA. Amanda Chivil CIBO SOSTENIBILE IN ITALIA Amanda Chivil Cibo sostenibile in Italia Che cos è sostenibilità Secondo l EPA degli Stati Uniti, sostenibilità crea e mantiene le condizioni in cui gli esseri umani e la natura

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia LE RICETTE DI CARLO CRACCO Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia ingredienti pasta

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Abbiamo imparato quando e perché si è formata l Unione Europea e da quanti paesi era composta.

Abbiamo imparato quando e perché si è formata l Unione Europea e da quanti paesi era composta. VIAGGIO IN EUROPA Abbiamo imparato quando e perché si è formata l Unione Europea e da quanti paesi era composta. Oggi ne fanno parte 27 paesi e altri chiedono di farne parte... Quest anno il progetto della

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Identità di Pasta 2013: La cucina Melting Pot di Anthony Genovese

Identità di Pasta 2013: La cucina Melting Pot di Anthony Genovese Identità di Pasta 2013: La cucina Melting Pot di Anthony Genovese Articolo di Lorenzo Sandano Foto: Matteo Desiderio Siamo a Milano per Identità Golose 2013, l importante evento curato da Paolo Marchi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Te la do io l America

Te la do io l America JOE BASTIANICH Te la do io l America Italia-New York 50 ricette andata e ritorno SOMMARIO te la do io l america 7 breakfast 11 sn a ck 35 s alad 57 s a Nd W ich 83 H a mburger & Ho t dog 113 m a in course

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform La ricetta della cucina fatta in casa di Châteauform La cucina fatta in casa di Châteauform Châteauform compie 16 anni - come vola il tempo! Se c è un settore in cui è bene che il tempo non passi in fretta,

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura DESCRIVIAMO UN MOSTRO Tratto dai nostri disegni con l aiuto di domande guida LAVORO DI GIULIO IL MOSTRO DI CUI VI PARLO E UN MOSTRO BUONO.

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Carta Fata. Una scoperta bella e buona.

Carta Fata. Una scoperta bella e buona. Carta Fata. Una scoperta bella e buona. Carta Fata è la nuova tecnologia di cottura che permette allo chef di esprimere tutta la propria creatività in cucina. Uno strumento che trasforma ogni gesto in

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 10 I RISTORANTI A BOLOGNA A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 I RISTORANTI A BOLOGNA 1 DIALOGO PRINCIPALE A- Buonasera. B- Buonasera, avete

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA 1 CIRCOLO ANNO SC. 2003-2004 PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 Ins. Aiolfi Anna Cognolato Grazia novembre 2003 Documentazione a cura di Aiolfi Anna Promuovere e

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA. Collezione Autunno 2011. Chef Paolo Dal Bosco

Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA. Collezione Autunno 2011. Chef Paolo Dal Bosco Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA Collezione Autunno 2011 Chef Paolo Dal Bosco Risotto con tartufo del Baldo, patate affumicate, trombette nere e gocce di Valpolicella 350 gr riso vialone nano 700

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Menu à la carte. Antipasti. Antipasto Villa Pigna 19,00 (Antipasto misto con specialità della casa)

Menu à la carte. Antipasti. Antipasto Villa Pigna 19,00 (Antipasto misto con specialità della casa) Menu à la carte Antipasti Antipasto 19,00 (Antipasto misto con specialità della casa) Tris di carpacci 12,00 (carne salada, petto d anatra affumicato, insalata di porcini) Prosciutto nostrano tagliato

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST Compra con la testa Cucina con il cuore varia Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07688-3 Prima edizione

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

La pasta viene dalla Terra

La pasta viene dalla Terra La pasta viene dalla Terra Ho scelto grani duri tenaci per dar vita ad una semola dorata, omogenea e vellutata. Ho usato le classiche trafile di bronzo e un essiccazione attenta a bassa temperatura per

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more

http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more http://allovermakeup.blogspot.it/2013/11/primaspremitura-by-ideatoscana.html#more domenica 17 novembre 2013 Prima spremitura by Ideatoscana Salve bimbe! Oggi voglio parlarvi di un azienda che utilizza

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Menu delle feste dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Morbido di cioccolato Baccalà mantecato riso croccante

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Istituto comprensivo di Ittiri Lavoro di gruppo eseguito dagli alunni della scuola primaria classe seconda C

Istituto comprensivo di Ittiri Lavoro di gruppo eseguito dagli alunni della scuola primaria classe seconda C Istituto comprensivo di Ittiri Lavoro di gruppo eseguito dagli alunni della scuola primaria classe seconda C Disegna la scena del film che ti è piaciuta di più Il babbo di un bambino è preoccupato perché

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno. Lezione 7 Intervista con Maria Luisa Vassallo, lettrice del Ministero degli Affari Esteri e docente di Lingua Italiana e traduzione presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 Cognome e nome:. Data:.. TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 1. Scrivi i nomi sotto le immagini............. 1 2. Completa le frasi. Prendo due chili di Per fare la torta devo comprare anche le Per favore,

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 Brodo Alla Verdure e WARSTEINER ANTIPASTO pagina 7 Sciatt Frittelle della Valtellina PRIMO PIATTO pagina 9 Risotto con WARSTEINER barbabietola e spuma di gorgonzola

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli