Sviluppare la cultura della sicurezza a cura di Gloria Giuricin

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppare la cultura della sicurezza a cura di Gloria Giuricin"

Transcript

1 1 Sviluppare la cultura della sicurezza a cura di Gloria Giuricin Preambolo: in questa relazione si è scelto di partire da un articolo del nostro Codice Deontologico: art 9 L infermiere, nell agire professionale, si impegna ad operare con prudenza al fine di non nuocere, per arrivare al Risk Management nella logica del governo clinico. I sanitari sentono sempre più il bisogno di riflettere sul valore etico del proprio operato e sui principi e criteri morali a cui è giusto ispirarsi nella pratica clinica e assistenziale. L etica sanitaria, attraverso tutte le sue declinazioni, rappresenta il tentativo unitario di fornire una risposta a questo ordine di quesiti. Naturalmente l etica non può prefiggersi lo scopo di ottenere un assoluta convergenza su un unico insieme di valori non in conflitto tra loro, ma deve creare una base comune di discussione e ingenerare la consapevolezza di quali sono gli obiettivi e l insieme, perennemente aperto al divenire, dei valori che orientano l agire dei sanitari. Negare l assolutezza dei valori non significa negare esistano dei valori M.A. La Torre, La cosa importante è non dimenticare che il nostro insieme di valori e di principi etici può essere rivisto e modificato per le più varie ragioni, per trasformazioni personali e per nuove esperienze di vita. Ogni essere umano è motivato ad agire in una certa maniera perché per lui contano i valori e i principi che legittimano quel modo di comportarsi. Ogni professionista sanitario ha quindi una prospettiva morale, che è cosa distinta dal sapere scientifico. Secondo Hume e molti altri pensatori, scienza ed etica sono nettamente distinti: i dati e i saperi non possono costituire la ragione unica per assumere e giustificare i principi di ordine etico - morale. La scienza si occupa di ciò che è, l etica di ciò che deve essere. La prima studia la realtà, l altra regola il comportamento e la convivenza umana. La valutazione delle probabilità fa parte della scienza naturale mentre la valutazione delle utilità implica anche un giudizio etico di valore. Tutto il preludio per arrivare al significato etico della parola prudenza. Nel linguaggio comune la parola prudenza trova largo impiego nella vita quotidiana e viene inteso come cautela, come lentezza, come esitazione: guidare con prudenza, amministrare i propri bene con prudenza, parlare prudente; il politico prudente è quello che riesce ad ottenere quello che vuole senza esporsi troppo, senza gesti clamorosi. C è anche una visione negativa della prudenza dove l aggettivo (prudente) serve ad accrescere il significato negativo del sostantivo (ipocrisia), per cui essa è diventata sinonimo di doppiezza o di dissimulazione ovvero di viltà o di paura. Se anche non si giunge a tanto, l accezione comune del termine rinvia a un atteggiamento di tipo pragmatico più che morale, per cui, quando va bene, è sinonimo di fare attenzione: così l espressione sii prudente non è una esortazione etica quanto un invito tecnico; insomma, se ne fa una questione meramente tecnica. Gli antiche greci di fronte al termine prudenza, invece, hanno aperto una discussione filosofica - morale che è proseguita nei secoli (Aristotele, Kant, Maritain, Jonas) fino ad oggi. Per Aristotele ( a.c.) è saggio o prudente chi è capace di deliberare bene su ciò che è buono e vantaggioso non da un punto di vista parziale, come per esempio la salute, o per la forza o la ricchezza, ma su ciò che è buono e utile per una vita felice in senso globale. Pertanto secondo Aristotele la prudenza è veramente tale solo se ha per fine il bene, vale a dire la vera felicità. Secondo il filosofo essa non è una scienza, non è una tecnica e nemmeno un arte giacchè questa produce, la prudenza ha per oggetto l azione. Da qui egli riconosce il carattere pratico della prudenza. Essa, per poter deliberare, deve vertere non sulle cose che non possono stare diversamente, bensì su quelle che dipendono da noi, cioè dalle azioni umane, sulle scelte, che possono essere di un tipo piuttosto che un altro. La prudenza poiché delibera è rivolta alla prassi, all azione.

2 Fattore importante da tenere presente è l età dell uomo, se giovane e privo di esperienza sarà meno prudente. L esperienza arricchisce di quei particolari che sono fondamentali per adottare l atteggiamento prudente unito giocoforza all intelligenza, un intelligenza che è quasi percezione. È con Cicerone ( A.C.) che il concetto di phronesis (saggezza pratica) viene tradotto con prudentia. Nel trattato Sui doveri ( De Officis) la prudenza è distinta dalla sapienza, ma assieme a questa è inserita, con la giustizia, la fortezza e la temperanza, tra le quattro virtù principali, fonti di ogni dovere, secondo un modello presente già in Platone. Successivamente, la dottrina della filosofia stoica sulle quattro virtù cardinali (prudenza, giustizia,fortezza, temperanza) fu collegata da Ambrogio e da Agostino alla dottrina delle tre «virtù soprannaturali» o «teologali», fede, speranza e amore, le quali sono chiamate «teologali» perché sono riferite direttamente a Dio. Dunque, i Padri della Chiesa diedero a queste quattro virtù il nome di cardinali, e ad esse affiancarono altre tre virtù, dette teologali (fede, speranza, carità), che rappresentano un dono della grazia divina. Sulla linea aristotelica, Tommaso d Aquino definisce la prudenza come la «retta norma di tutte le azioni», quella che dirige le altre virtù indicando loro regola e misura, quella che guida immediatamente il giudizio di coscienza, per cui l'uomo prudente decide e ordina la propria condotta seguendo questo giudizio; ne consegue che un atto umano, oltre ad essere buono in se stesso, deve anche essere equilibrato; diversamente il rischio è quello di snaturare anche le altre virtù in quanto sarebbero esercitate in maniera squilibrata. Per comprendere il ruolo centrale che nell etica di Tommaso gioca la prudenza bisogna tenere presente la concezione che egli ha della scelta e, quindi, della libertà umana. Per l Aquinate l uomo possiede due facoltà spirituali che è in grado di orientare al bene: l intelletto (per il bene teorico) e la volontà (per il bene pratico): la terza, rappresentata dai sensi, resta, invece, fuori dall ambito dell etica. La scelta, sostiene Tommaso, è propria della volontà, la quale in sé è già orientata al bene. Ma per scegliere rettamente, la volontà ha bisogno dell intelletto che la deve illuminare, giudicando ciò che va fatto e ciò che, invece, va evitato: una tale illuminazione morale è quella che Tommaso chiama sinderesi, per cui la scelta è opera di intelletto e di volontà. Quest unione passa attraverso il giudizio pratico, cioè attraverso quell attività della ragione che è in grado di mediare tra la norma generale e la conoscenza del caso particolare e che è, appunto, la prudenza. Definita, quindi, come la «retta ragione dell agire» (recta ratio agibilium), e quindi distinta dalla (recta ratio factibilium), la prudenza è considerata anche l «auriga delle virtù» perché, pur non avendo un fine suo proprio, le spetta il compito fondamentale di indirizzare tutte le altre virtù verso il «giusto mezzo». La prudenza alla luce della persona A voler sintetizzare quanto stiamo dicendo, e avanzare una proposta, si potrebbe anzitutto ricordare che nella classicità precristiana e cristiana la prudenza fu considerata virtù somma, mentre nell età moderna è stata declassata a virtù particolare da legare a comportamenti di mera abilità ovvero di discutibile apprezzamento. Proprio in merito alla connotazione che la prudenza assume nell età moderna, si possono avanzare due osservazioni con riferimento alle due concezioni in qualche modo esemplari della modernità, vale a dire quelle di Gracian (Baltasar Gracián y Morales (Belmonte de Calatayud, 8 gennaio 1601 Tarazona, 6 dicembre 1658) è stato un gesuita, scrittore e filosofo spagnolo) e di Kant (Königsberg, 22 aprile 1724 Königsberg, 12 febbraio 1804). Riguardo al primo si può dire che la 2

3 giustificazione gracianiana 1, secondo cui bisognava sopravvivere nelle difficili corti europee questo non sembra che possa legittimare l alterazione del significato classico di prudenza; e altrettanto deve ripetersi oggi con riferimento ai non meno difficili ambienti di lavoro: si può comprendere l atteggiamento di Gracian, ma non giustificarlo. Anche riguardo al secondo, si può dire con Berti che 2 la svalutazione kantiana della prudenza, la sua riduzione a semplice abilità, a mera tecnica, addirittura ad astuzia, è comprensibile solo nel quadro di un'etica della pura convinzione, ma è del tutto inaccettabile nel quadro di un'etica della responsabilità, quale oggi viene imposta dall'interdipendenza che, fra tutti gli uomini, è resa possibile dallo sviluppo straordinario della tecnica. Ne consegue la necessità di non considerare la prudenza né scienza né tecnica, né stoltezza né furbizia. Ed è questa consapevolezza che emerge, se la virtù della prudenza viene ripensata alla luce della categoria di persona. Infatti, nell ottica del personalismo alcuni caratteri del comportamento prudente appaiono in tutta la loro consistenza etica. Sotto questo profilo la riproposta della prudenza operata da Joseph Pieper 3 (May 4, November 6,1997) appare notevolmente interessante, in quanto propone una riflessione alla luce dell insegnamento tomista calato nel contesto della contemporaneità. Proprio nell ottica della persona si potrebbe dare una duplice definizione di prudenza, e dire che la prudenza non è avarizia spirituale, nel senso che essere prudente non significa giocare al risparmio, tirarsi indietro, defilarsi, cioè non prendere posizione, non spendersi, non impegnarsi o non impegnarsi più di tanto ; e non è nemmeno artificiosità calcolante, nel senso che essere prudente non significa giocare su più tavoli o fare carte false o barcamenarsi più o meno furbescamente; la prudenza invece è equilibrio, e come tale è auriga virtutum, misura di tutte le virtù e, in questo, senso, espressione della dignità della persona, o, meglio, assunzione della dignità della persona come misura dell agire, per cui potremmo anche dire che la prudenza è virtù indissolubilmente legata alla consapevolezza della dignità della persona e alla cura di salvaguardarla con coerenza non meno che con realismo. Oggi la prudenza sembra essere meno una premessa quanto piuttosto un elusione del bene. Il bene è prudenza: questa affermazione suona quasi assurda per noi. Oppure la si fraintende come la formula di un etica utilitaristica. Infatti prudenza sembra abbia più affinità con l utile, col bonum utile, che col bonum honestuma (col nobile). La preminenza della prudenza significa che la realizzazione del bene presuppone la conoscenza della realtà. Fare il bene può solo colui che sappia come sono e come stanno le cose. La preminenza della prudenza significa che in nessun modo sono sufficienti la cosiddetta buona intenzione o il buon proposito. La realizzazione del bene presuppone che il nostro agire sia conforme alla situazione reale, cioè alle realtà concrete, che circondano una concreta azione umana, e che quindi prendiamo sul serio queste concrete realtà con lucida obiettività. La prudenza sta al Nord della mia anima come la prua intelligente, che conduce tutta la nave Paul Claudel, e sempre lo stesso sutore afferma; la prudenza è la paziente lanterna che non ci indica il futuro lontano, bensì l immediato. È alla prudenza che si riferisce la via e il mezzo. Dunque, l uomo virtuoso non è un avaro spirituale né un calcolatore egoista né uno squilibrato valoriale, ma un generoso e un responsabile che opera all insegna del discernimento, cioè della capacità di analizzare e interpretare le situazioni, e della decisionalità, cioè della capacità di prendere decisioni evitando di lasciar decidere altri o il caso ovvero di decidere in modo sconsiderato e frettoloso. 1 Oracolo manuale e arte di prudenza 2 Per Aristotele la prudenza era la più grande virtù del politico, la capacità di vedere le cose buone per sé e per gli altri uomini. Per san Tommaso essa guidava le altre virtù verso il giusto mezzo. Kant invece la relegò fuori dalla sfera morale. 3 Le quattro virtù cardinali: prudenza, giustizia, fortezza, temperanza. Notre Dame, Indiana,

4 Si potrebbe allora affermare che la prudenza ha un duplice carattere: obbedienziale : è virtù che chiede di saper ascoltare la propria coscienza e gli altri; e responsoriale : è virtù che chiede di saper parlare alla propria coscienza e agli altri. In tal modo, si restituisce alla prudenza la sua connotazione di virtù cardinale, anzi della prima delle virtù cardinali, della virtù principe, come guida delle altre virtù : tanto dal punto di vista individuale quanto da quello sociale. Pertanto agire secondo coscienza non significa fare ciò che sembra buono, bensì fare ciò di cui si è sicuri che sia veramente buono (Rhonheimer M.,1994). Il termine coscienza viene dal latino coscientia e indica letteralmente un scienza, congiunto al prefisso con, esso indica un sapere complessivo, personale e responsabile. L insistenza con cui la cultura degli ultimi due secoli ha posto, il tema della coscienza-autocoscienza esprime, pur nella diversità delle correnti di pensiero, una particolare sensibilità e attenzione verso un aspetto fondamentale della dignità dell uomo, quello di poter egli e di dover gestire in maniera autonoma (non eteronoma) e responsabile la propria esistenza. L importanza di agire secondo coscienza esprime il rifiuto di un comportamento prettamente legalistico che si esaurirebbe con un comportamento rispettoso della norma quand anche essa sia riconosciuta come valore fisso, assoluto e immutabile. Una coscienza guidata dal di fuori (eteronoma) sarebbe inautentica, e l agire dell uomo non sarebbe morale. Rispetto alle norme che sono oggettive, la coscienza è soggettiva in quanto appartiene al soggetto che interiorizza e fa sua la norma esteriore. La coscienza è il luogo e la capacità soggettiva di accoglienza e di adesione alle leggi operative. Pertanto, va distinto l agire dell uomo ( actus hominis): agire spontaneo, istintivo) dall agire umano ( actus humanus: agire proprio dell uomo, che deriva dalla consapevolezza razionale e da un libero atto di volontà) e l agire morale ( actus moralis): ovvero l agire proprio dell uomo quando corrisponde a ciò che deve essere, all ordine dei valori oggettivi ossia dei principi morali, percepiti dalla coscienza e interpretati e precisati in relazione alla situazione e alle circostanze dell agire. Nell operare umano vanno fatte due distinzioni: il facere, opere sono gli artefatti, le costruzioni che sfidano il tempo; l agere, opera è l uomo stesso, l io umano che tende alla sua perfezione nell operare bene di momento in momento.per l uomo non vi è nessuna tecnica dell agire bene, garantita una volta per tutte da volontarismi o decisionismi. La realizzazione del bene non è alla portata dell osservanza formalistica di una prescrione, imposta alla volontà di un subordinato, dall impescrutabile potere di un superiore. Solo una continua apertura al reale, resa possibile dalla capacità di prescindere da se stessi, la disponibilità di lasciarsi condurre di volta in volta dall esperienza, consente all uomo azioni buone che non sono prodotti dell industriosità individuale, ma passi nell autorealizzazione personale. Alla luce di quanto scritto la professione infermieristica tanto più si organizza e si configura tanto più è portata a darsi delle regole che definiscano i doveri dei suoi membri. L immagine che essa dà di se stessa, il suo buon funzionamento, la fiducia, presupposto indispensabile per l esercizio di ogni professione, di coloro che si affidano alle prestazioni di un professionista si basano sul rispetto che questi ha delle regole e dei doveri professionali. L insieme di queste regole e doveri costituisce la Deontologia. Nel linguaggio odierno deontologia ( dal greco DEON, dovere e LOGOS, parola, scienza) indica i doveri che riguardano un gruppo professionale, ossia gli obblighi e le responsabilità, i compiti e le convenienze, i dettami e le norme che ispirano un comportamento professionale corretto. Le norme che regolano l agire umano sono fondamentalmente di due tipi: norme giuridiche e norme (principi morali). Il Diritto e la morale sono le due categorie fondamentali di una riflessione etica. L etica, in quanto riflessione critica sell ethos (cioè sul costume e sui suoi presupposti culturali e normativi, sia giuridici sia morali) si distingue da una scienza empirica, che si limita ad una pura e semplice descrizione dei fatti ( dei comportamenti, delle azioni). Essa cerca, invece, di darne una valutazione, un giudizio in quanto si interroga se ciò che è corrisponde a ciò che dovrebbe essere, se il fatto (ciò che si fa o si vuole fare) corrisponde ad un valore. Ad esempio riguardo alle applicazioni delle varie tecnologie riproduttive, o riguardo ad una eventuale pratica dell eutanasia.. l etica si domanda se ciò che si fa corrisponde a ciò che è giusto ( che si dovrebbe fare). 4

5 La scienza e il progresso devono servire l uomo, si può allora dire che la misura di ogni giudizio etico sulle applicazioni della scienza è il bene autentico e integrale della persona umana ( ovvero ogni individuo appartenente alla specie umana, qualunque siano le sue condizioni fisiche, psichiche e mentali. In che cosa consiste concretamente il bene integrale della persona? Per persona umana si intende indicare ogni individuo appartenete alla specie umana, qualunque siano le condizioni fisiche, psichiche e mentali. Le riflessioni sui problemi legati alla professione infermieristica hanno come punto di partenza e costante riferimento l uomo e i valori connessi al suo essere. La persona umana, reale e storica, singolare ed esistente nella intersoggettività e nel suo ambiente vitale è il supporto e dà significato a ogni discorso etico sulla scienza medica e sulle sue applicazioni. Le leggi esprimono e determinano la forma della partecipazione dell individuo alla vita sociale, al bene comune, alla stessa sussistenza della società. L osservanza delle leggi è la prima e fondamentale forma di solidarietà e di collaborazione ad una vita comunitaria organizzata e stabile. Alcuni esempi di certa e riconosciuta carta valoriale del e per l uomo. Carta dei Diritti, approvata dall Unione Europea a Nizza nel Articolo 1 Dignità umana La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata. Articolo 2 Diritto alla vita 1. Ogni individuo ha diritto alla vita. 2. Nessuno può essere condannato alla pena di morte, né giustiziato. Articolo 3 Diritto all'integrità della persona 1. Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica. 2. Nell'ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati:. il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge,. il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle persone,. il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro,. il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani. Costituzione Italiana entrata in vigore 1 gennaio 1948 Articolo 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Articolo 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. 5

6 Articolo 32 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Una responsabilità in senso pieno richiede che la coscienza professionale dell infermiere sia fondata non solo su competenze e abilità tecniche o su una deontologia estrinseca, ma sull assunzione del valore della dignità umana come vera anima della deontologia infermieristica. In assenza di una visione chiara e adeguata della dignità umana, i beni ricercati dalla professione infermieristica potranno essere realizzati solo parzialmente, poiché non sono sufficientemente mirati al protagonista che le professioni sanitarie intendono servire, cioè l uomo stesso. È in questa prospettiva che il Codice Deontologico si fa guida, non come semplice prescrittore di comportamenti, ma come guida per la realizzazione di un autentica coscienza professionale. Il Codice non darà risposte a che cosa devo fare?, ma a come devo comportarmi per realizzare perfettamente la mia identità professionale?. La seconda parte dell art. n. 9 cita al fine di non nuocere, appare evidente il precetto primum non nocere, comune a tutte le professioni sanitarie, ovvero al principio della non- maleficità. Garantire la sicurezza del paziente rappresenta oggi un interesse di rilevanza internazionale, tanto nella prassi medica, quanto in quella infermieristica. A muovere la riflessione etico-deontologica con una maggiore attenzione verso la prassi clinica interviene da un lato la crescente incidenza di casi di responsabilità professionale legata alla malpractice, ma dall altro anche la consapevolezza etica, certamente profondamente radicata nella professione infermieristica, del primum non nocere.. È dal ragionamento bioetico che nascono i principi sui quali si fonda l operato delle figure protagoniste nell atto sanitario: Principio di autonomia: esige che si rispettino le richieste del malato, che devono essere libere e informate. Esige la sua autonomia, ma anche la graduazione della verità in un percorso di alleanza terapeutica; Principio di beneficenza: esige che il sanitario senta come dovere il fatto di fare il bene del malato, che deve essere contestualizzato (prevenzione, diagnosi, terapia, riabilitazione, prevenzione secondaria, cronicizzazione). Per fare questo si richiede professionalità, competenza, aggiornamento, perizia. Principio di non maleficenza: esige che il sanitario abbia prudenza. Esige un calcolo costobeneficio e quindi una capacità di contestualizzare il problema, esige la valutazione della qualità della vita. Principio di giustizia: impone di valutare le conseguenze sociali delle scelte al di là del rapporto singolo. Per società vanno intese le persone vicine, i familiari, ma anche la collettività: stato, regioni, aziende sanitarie, ambiente naturale ed urbano, future generazioni con una valutazione delle risorse in gioco anche a lungo termine. Pone problemi di equità e di priorità nella distribuzione delle risorse. Richiede la definizione dei partecipanti ad un patto sociale. Principio di integrità morale della professione: il sanitario ha diritto di essere rispettato nella sua autonomia morale ( secondo coscienza) e professionale ( secondo scienza) come un soggetto proprio. Questo principio ci parla del conflitto di interessi del medico e dell infermiere, conflitto che può essere clinico o economico, ma che va esplicitato nel consenso informato. Il Prof. Sandro Spinanti durante un suo corso di bioetica rivolto agli infermieri dice: nell ambito di una formazione sanitaria aggiornata e continuativa è necessario acquisire strumenti di riflessione e 6

7 quelle competenze concettuali, e quelle capacità relazionali necessarie per dare concretezza al Patto con il cittadino che gli infermieri hanno adottato come specifico programma culturale. Il Patto è espressione della sana beneficialità che ha sin dalle origini motivato l assistenza sanitaria e che non potrà mai scomparire finchè ci sarà qualcuno che soffre e un altro che per sua competenza è in grado di aiutarlo. Questo non deve essere inteso come il ben noto paternalismo medico giacchè oggi non ha più ragione di esistere. Il richiamo dei principi etici della professione a loro volta basati sul rispetto dei diritti fondamentali dell uomo conferma che sono proprio questi a costituire la condizione che giustifica l assunzione di qualsiasi responsabilità dell infermiere. In altre parole si conferma che tutta la professione ha senso solo se inquadrata nella prospettiva etica dei diritti umani, e che proprio in virtù di questa prospettiva si muove l impegno dell infermiere a tutela del valore della salute, valore che egli riconosce costituzionalmente inteso come bene del singolo e come interesse della collettività. I Codici professionali si fanno portavoce di questo principio, richiamando con forza, tra le responsabilità dei professionisti sanitari, l impegno per la sicurezza del paziente. È necessario scendere ancora un gradino nel ragionamento: per fare un lavoro accurato non basta l abilità tecnica che esso richiede ma bisogna prim ancora compiere un escursione politica che consiste nel riconoscere l altro. Bisogna essere convinti che l altro abbia un peso, che sia rispettabile e rilevante, che il suo giudizio ci stia a cuore e che possa esserci utile o nocivo. La propensione al lavoro ben fatto scaturisce da una doppia rappresentazione interna: quella dell orgoglio di sé e delle proprie qualità, e insieme quella della considerazione dell altro e del riconoscimento delle sue aspettative. La teoria del sé e la teoria dell altro venne così definita da Giacomo Leopardi nel 1824 Come altrove è il maggior pregio il rispettar gli altri, il risparmiare il loro amor proprio, senza di che non vi può aver società, il lusingarlo senza bassezza, il proccurar che gli altri sieno contenti di voi, così in Italia la principale e la più necessaria dote di chi vuol conversare, è il mostrar con le parole ogni sorta di disprezzo verso l altrui, l offendere quanto più si possa il loro amor proprio, il lasciarli il più possibile mal soddisfatti di se stessi e per conseguenza di voi. dal Discorso sopra lo stato presente del costumi dagl Italiani, pag. 67, L agire professionale quindi se da un lato si esplicita attraverso il percorso didattico, il codice civile, la deontologia, dall altro è composta anche di quella parte assolutamente personale che può pesare sulla bilancia n modo importante verso l eccellenza o verso il pressappoco o nell ancor meno. la scarsa prudenza Per molto tempo il controllo dell errore è stato affidato al singolo professionista, l attenzione, oggi, sempre di più è portata a livello istituzionale. La prestazione che vede coinvolti gli infermieri, indipendentemente dall ambito clinico ove essi operano (prevenzione, riabilitazione, cura) è la somministrazione dei farmaci. Partiamo da un analisi dei termini: prescrizione e ricetta, solitamente usati senza particolare distinzione nel linguaggio comune. È fuori discussione che la ricetta medica sia caratterizzata da una prescrizione di farmaci, ma al tempo stesso è un atto più ampio e un atto più ristretto della prescrizione. Più ampio perché essendo rivolta alle farmacie, ha natura di certificato ; è un atto più ristretto in quanto non contiene le reali istruzioni operative che in genere contiene una prescrizione medica di farmaci. Al contempo la prescrizione medica è qualcosa di più e di meno della ricetta. È meno in quanto non ha rilevanza esterna, si rivolge ad altri professionisti sanitari spesso contenuta in atti più complessi ( vedi cartella clinica), o destinata direttamente al paziente; è più della ricetta in quanto deve contenere nel dettaglio le istruzioni operative che in genere la ricetta non contiene. Dal punto di vista medico-scientifico il medico prescrive il farmaco in seguito ad un processo logico, cronologico e sequenziale. In particolare, giunge alla prescrizione dopo avere attuato le seguenti attività: 7

8 8 Anamnesi del paziente Esame obiettivo Analisi della diagnostica Ragionamento diagnostico complessivo e individuazione di una sorta di graduatoria e fissazione delle situazioni in ordine di importanza Individuazione di una serie di patologie o di quadri clinici che possono essere inquadrati nel raggruppamento nosologico individuato Scelta della diagnosi certa o probabile Scelta dell impostazione terapeutica Dopo questo percorso, avviene la prescrizione che si realizza fondandosi sui seguenti principi: informare il paziente, acquisirne il consenso, agire secondo evidenza scientifica, garantire un impiego appropriato delle risorse, perseguire la beneficialità del paziente e l astensione da pratiche di accanimento terapeutico agendo indipendentemente senza condizionamenti. All infermiere compete la somministrazione, che non è mera pratica, ma presuppone conoscenze clinico scientifiche e tecniche che lo abilitano a tale attività Non solo, come cita l autore Avvocato Giannantonio Barbieri: l infermiere non è l esecutore di atti decisi da altri, ma è responsabile, tra le altre e a titolo esemplificativo, dell identificazione dei bisogni di assistenza infermieristica, della ricerca degli strumenti, dei metodi, delle competenze e delle tecniche tese a fornire una risposta a tali bisogni. Esistono atti medici esclusivi, o meglio atti sanitari praticabili in via esclusiva dal medico, così esistono atti sanitari praticabili in via esclusiva dagli infermieri, qualificabili atti infermieristici. Per contro come ci ricorda l Avvocato Luca Benci si assiste alla acquisizione da parte del popolo di determinate attività sanitarie per esempio di autodiagnostica (stik glicemia, colesterolo, pressione arteriosa, test di gravidanza) per cui parlare di attività sanitarie volendo dividerle in modo preciso e lineare oggi è molto più difficile, oggi che dopo il riconoscimento delle professioni sanitarie non mediche si sente ancora parlare di paramedici, primario abolito nel 1995 e parasanitario che non vuol dire nulla. La somministrazione dei farmaci, che è un atto specificamente infermieristico all interno dell ospedale e case di cura ed è in assoluto il campo in cui maggiormente si verificano errori, soprattutto per quanto concerne la terapia parenterale anche perché è più facile che venga scoperta. In una ricerca durata di 10 mesi e svoltasi ad Empoli (2005) è risultato che il 55% degli errori in generale appartengono al personale infermieristico: 61% dei casi vi è stata un errata trascrizione della terapia 15% una preparazione non corretta del paziente per esami diagnostici 13% caduta accidentale del paziente 6% prelievi non eseguiti 5% smarrimento delle provette. Per quanto concerne la somministrazione dei farmaci gli errori avvenuti sono: 36% il nome del farmaco o il suo dosaggio o la sua posologia erano scritti diversamente sulla cartella clinica e sulla scheda infermieristica 28% il dosaggio non era specificato 19% mancava la prescrizione medica 17% non specificava sulla cartella clinica l interruzione della somministrazione del farmaco. Come si sbaglia: Omissione di un intervento necessario Scarsa attenzione o negligenza Violazione di un processo diagnostico o terapeutico Inesperienza in procedure invasive Difetto di conoscenze

9 Insufficiente competenza clinica Insufficiente capacità di collegare i dati del paziente con le conoscenze Errore di prescrizione, informazione, compilazione Nel Regno Unito il termine americano Nursing malpractice è tradotto Clinical neglicence, espressione usata per un infrazione di assistenza da parte dei sanitari, ivi inclusi medici e infermieri. Secondo l art. 433 del Codice Penale chiunque detiene per il commercio, pone in commercio o somministra farmaci guasti o imperfetti è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa non inferiore a 100 Euro. Ad oggi l orientamento giurisprudenziale è il seguente: non ha alcun fondamento la distinzione tra la detenzione per il commercio e la detenzione per la somministrazione prospettata dal ricorrente dal momento che sia l una sia l altra rendono probabile, o quanto meno possibile, l utilizzazione concreta del medicinale guasto o imperfetto a scopo terapeutico. Negli Ospedali e nei Distretti la responsabilità della farmacia di unità di reparto è del capo sala e degli/le infermieri/e, non del Direttore di Struttura, nelle farmacie del farmacista e nelle cliniche private del Direttore Sanitario. Molto spesso si è portati negli ambiti lavorativi-professionali ad imputare all organizzazione la causa di errori, difficoltà, demotivazione che portano ad una leggerezza nel proprio operato. Un po di vero in questa analisi c è. Il paradigma più avanzato analizza i rapporti tra persona e organizzazione, e quello delle competenze consente di realizzare un equilibrio reciprocamente più soddisfacente tra il contributo che le persone danno e il sistema delle ricompense che ricevono dalla loro partecipazione ad attività organizzate. Il valore aggiunto non è ricercare e approfondire l introspezione psicologica del dipendente o evidenziare gli schemi operativi e le regole organizzative quale medicamento per migliorare la qualità dell uno e dell altra, ma osservare il rapporto persona-organizzazione. La persona competente non può fare a meno dell organizzazione e nessuna organizzazione può fare a meno della persona competente. Competente è la persona a cui compete qualcosa, ma anche che è abile nel farla, cioè possiede capacità, conoscenze ed esperienze finalizzate. Ridurre gli errori, migliorare le prestazioni erogate legano inevitabilmente professionisti e organizzazione e quest importante obiettivo viene affrontato attraverso il Risk management nella logica del governo clinico. La presente relazione è stata liberamente tratta dai testi presenti in bibliografia. Bibliografia Luca Benci La prescrizione e la somministrazione dei farmaci Mc Graw-Hill, 2007 G. Del Poeta, F. Mazzufero, M. Canepa il Risk management nella logica del governo clinico Mc Graw-Hill, 2006 Annalisa Silvestro Commentario al Codice deontologico dell infermiere 2009, ed. Mc Graw Hill Miro Coffari dal Seminario Management infermieristico: riflessioni e prospettive eticodeontologiche nel contesto sanitario attuale, 2007 R. Vaccani Professionalità, attitudine e carriera ETASLIBRI,1992 P. Rotondi, A. Saggin Persona e organizzazione Mc Graw-Hill, 2002 R. Simone Il Paese del pressappoco Garzanti, 2005 Enrico Berti Alasdair MacIntyre: comunità e tradizione Internet Mosè Furlan, Alessandra Bernardi, Renzo Pegoraro Etica delle professioni sanitarie ed. Piccin, Internet: Google prudenza in ambito professionale

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI

APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI IL CONTESTO LEGISLATIVO: SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO STORICO D.P.R. n. 547 del 27 aprile 1955, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. n.

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Perché la Provincia istituisce il Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento? La Provincia

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti LA VERITA AL MALATO Indagine tra i medici ospedalieri dell ASL CN 1 Dr. Ciravegna Giovanni FACOLTA TEOLOGICA DELL ITALIA SETTENTRIONALE Sezione parallela di Torino Biennio di specializzazione in Teologia

Dettagli

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA ASSOCIAZIONE ITALIANA CASE MANAGER LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA GIANNANTONIO BARBIERI studiobarbieri@iol.it Firenze, 17 ottobre 2014 Nell adempiere l

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (55)

LEGGE REGIONALE N. (55) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 3 marzo 2015 -----

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

Formare un professionista eticamente consapevole. Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende

Formare un professionista eticamente consapevole. Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende Formare un professionista eticamente consapevole Conscio dei valori morali in gioco nelle decisioni che egli suggerisce o prende Introduzione alla bioetica C.Viafora FrancoAngeli Editore CATTORINI PAOLO

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia?

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Corso IPASVI Il codice deontologico dell infermiere 2009. Una guida per fronteggiare le sfide nella pratica quotidiana dell assistenza infermieristica

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

1964: Dichiarazione di Helsinki - World Medical Association

1964: Dichiarazione di Helsinki - World Medical Association Il consenso informato nel nursing Lucia Farina 12/12/2006 1947: il Codice di Norimberga - diritto della persona: conoscere e scegliere consapevolmente, ed in piena libertà, l inserimento in progetti di

Dettagli

E QUINDI SANZIONABILE.

E QUINDI SANZIONABILE. Il codice deontologico tra continuità e innovazione Inf. Plebani Simona Segretario Collegio IPASVI Bergamo Significato di deontologia Il termine coniato da J. Bentham nel 1834 deriva da to deon Indica

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA IO NON SO CHI SEI, NON SO A CHE RAZZA APPARTIENI, NON SO CHI E IL TUO DIO. MA

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 55

PROPOSTA DI LEGGE N. 55 presentata dai consiglieri Pustetto, Bagatin, Bianchi, Colautti, Cremaschi, Da Giau, Dal Zovo, Frattolin, Gratton, Gregoris, Lauri, Liva, Martines, Rotelli, Sergo, Travanut, Ussai, Ziberna, Sibau, Novelli,

Dettagli

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate.

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Centro di riferimento regionale SLA La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Sono in PS dell ospedale, l ambulanza mi ha portato qui, mio padre non vuole fare la tracheostomia,

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO Dipartimento di Salute Mentale ASL 2 Savonese Aula Magna Campus Universitario Savona

Dettagli

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani La storia è fatta di eventi, vicende e ricorrenze. Così è anche per il cammino delle infermiere e degli infermieri italiani che, con i Collegi provinciali

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

La bioetica delle virtù. 1. Dall etica dei principi alla ripresa aristotelica dell etica della virtù

La bioetica delle virtù. 1. Dall etica dei principi alla ripresa aristotelica dell etica della virtù RIFLESSIONI ETICA DELLA PROFESSIONE La bioetica delle virtù 1. Dall etica dei principi alla ripresa aristotelica dell etica della virtù L area anglofona si è distinta per il predominio della ispirazione

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

VELLETRI 9-109 BUONGIORNO A TUTTI CPS INFERMIERA BIASCIUCCI DONATELLA

VELLETRI 9-109 BUONGIORNO A TUTTI CPS INFERMIERA BIASCIUCCI DONATELLA VELLETRI 9-109 10-1111 Marzo 2009 BUONGIORNO A TUTTI CPS INFERMIERA BIASCIUCCI DONATELLA PATTO INFERMIERE-CITTADINO: 12 MAGGIO 1996 Io infermiere mi impegno nei tuoi confronti a: PRESENTARMI al nostro

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini Costituzione della Repubblica Italiana Diritti e doveri dei cittadini Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge

Dettagli

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA Egregio prof. Ceriscioli, intanto ci congratuliamo con lei per la sua

Dettagli

COMPONENTE IMPRESCINDIBILE DELLA PROFESSIONALITA DI TUTTI GLI OPERATORI. Corso OSS 2012 - ETICA - Dott.ssa Marina Pecorale

COMPONENTE IMPRESCINDIBILE DELLA PROFESSIONALITA DI TUTTI GLI OPERATORI. Corso OSS 2012 - ETICA - Dott.ssa Marina Pecorale COMPONENTE IMPRESCINDIBILE DELLA PROFESSIONALITA DI TUTTI GLI OPERATORI RISPETTARE L UOMO NELLA SUA DIGNITA PERSONALE, NEI SUOI DIRITTI E DOVERI, NEI SUOI BISOGNI FONDAMENTALI L uomo è un valore in sé,

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano Prof. M. Calipari Dichiarazioni Anticipate di Trattamento nella attualità del dibattito bioetico italiano L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011- Introduzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Essere infermiere: significato etico o significato professionale

Essere infermiere: significato etico o significato professionale Essere infermiere: significato etico o significato professionale ma chi è? Laura D Addio, infermiera dal 1982, esperta di deontologia infermieristica, attualmente Responsabile della Formazione Aziendale

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza )

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Pagina1 1 Relazione interpersonale medico e paziente: consenso informato, ( A cura dell, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Nel rapporto tra medico e paziente, nel rispetto dell inviolabile principio

Dettagli

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVA Gestione delle fasi avanzate e terminali QdV QdM FASI DI AGGRAVAMENTO

Dettagli

Donazione organi: il ruolo strategico che potrebbe essere rivestito dal personale infermieristico

Donazione organi: il ruolo strategico che potrebbe essere rivestito dal personale infermieristico POLITICA SANITARIA Donazione organi: il ruolo strategico che potrebbe essere rivestito dal personale infermieristico Le risultanze di uno studio condotto presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA Brescia, 1 dicembre 2012 Il valore etico della medicina dei trapianti Adelaide Conti - Cattedra di Medicina Legale Università degli Studi di Brescia ETICA DEI

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali Istituto Oncologico Marchigiano onlus CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali dott. Marco Nocchi Regione Marche Servizio Politiche Sociali 1 LA BIOETICA tra nascere

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Etica ed Economia Fabiano Longoni. Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009

Etica ed Economia Fabiano Longoni. Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009 Etica ed Economia Fabiano Longoni Casinò di Venezia - 29 gennaio 2009 Etica ed economia Una azione è perfetta quando contiene in se i fini (il benessere dei più) che si è data (Aristotele) essi si raggiungono

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione Seppur brevemente, bisognerà delineare i principi vigenti nell'ambito della responsabilità medica soffermandosi sulla distinzione esistente nella

Dettagli

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU)

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU) Corso di Laurea in Infermieristica PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Organizzazione e gestione dei processi assistenziali ( 4 CFU) AREA DI APPRENDIMENTO Discipline medico legali, economiche ed infermieristiche

Dettagli

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA Prof. ssa Rossana Cecchi Dipartimento di Scienze anatomiche, istologiche, medico-legali e dell apparato locomotore Università Sapienza - Roma COSTITUZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Dottrina Sociale della Chiesa e Costituzione Italiana: laici e cattolici a servizio del Paese reale MODULO 3 ETICA E POLITICA: DIRITTI, VALORI, CULTURA ED EDUCAZIONE IN TERRA DI

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

Associazione Consulenti Cristiani. Codice Deontologico per i Counselor

Associazione Consulenti Cristiani. Codice Deontologico per i Counselor Associazione Consulenti Cristiani Codice Deontologico per i Counselor INDICE PAG 1. Premessa 3 2. Struttura del counseling cristiano 4 2.1 terminologia di base 4 2.2 base del counseling cristiano 4 2.3

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE Prof. Maurizio Pietro Faggioni La diagnosi prenatale è un atto medico che coinvolge la responsabilità del medico verso due pazienti: la madre e il nascituro.

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it

La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it Azienda USL Latina U.O.C. di Oncologia Medica Direttore Dott. Modesto D Aprile La terapia del dolore oncologico dal farmaco alla gestione globale www.oncologialatina.it comunicare Ti sto imparando, uomo,

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO

CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO SIEROPOSITIVO La Carta dei diritti del bambino con HIV/AIDS è frutto di una Consensus Conference organizzata dal Gruppo di Immunologia della

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche Collegio Interprovinciale Ostetriche Torino-Asti Responsabilità professionale dell ostetrica: evoluzione normativa e aspetti giuridici Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche 31

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE DISEGNO DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l'accanimento terapeutico d'iniziativa dei senatori:

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli