Servizio delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche Gruppo Evidence Based Nursing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche Gruppo Evidence Based Nursing"

Transcript

1 Servizio delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche Gruppo Evidence Based Nursing Progetto Prevenzione Cadute in Ospedale

2 INDICE PROGETTO PREVENZIONE CADUTE Premessa pag. 4 INDAGINE EPIDEMIOLOGICA pag. 5 tabella I pag. 5 tabelle II pag. 7 tabella II/bis pag. 7 tabella III pag. 8 grafico infortuni pag. 9 grafico fasce d età (Gennaio-Giugno) pag. 10 grafico per tipologia di caduta pag. 10 grafico per eventi pag. 11 SCOPO DELLA RICERCA pag. 13 SPERIMENTAZIONE pag. 13 IPOTESI DI RICERCA pag. 13 OBIETTIVO DELLA RICERCA OBIETTIVO GENERALE pag. 14 OBIETTIVI SPECIFICI pag. 14 CAMPO DI INDAGINE CAMPIONE pag. 14 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE popolazione inclusa pag. 15 popolazione esclusa pag. 15 AREA DI ANALISI AREE DI INTERESSE pag. 15 TECNICHE E STRUMENTI DI INDAGINE SCHEDA RILEVAZIONE CADUTE PAZIENTI pag. 15 SCALA VALUTAZIONE RISCHIO CADUTE pag. 16 CONSENSO INFORMATIVO ALLO STUDIO DI RICERCA PROTOCOLLO A pag. 16 PROTOCOLLO B pag. 17 2

3 GRIGLIE RILEVAZIONE DATI SPERIMENTAZIONE PROGRAMMA INFORMATICO PER L ELABORAZIONE DEI DATI -ISTRUZIONI OPERATIVE PER I COLLABORATORI- ATTIVITÀ pag. 17 DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLE ATTIVITÀ DI RICERCA pag. 19 TIMING DIAGRAMMA DI GANTT pag. 20 RISORSE UTILIZZATE pag. 21 ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 ALLEGATO 4 3

4 PROGETTO PREVENZIONE CADUTE PREMESSA La caduta accidentale di un paziente ricoverato presso una struttura ospedaliera rappresenta un evento grave, tale evento è individuato dal Ministero della Salute, nell ambito del Rischio Clinico come Evento Sentinella. Negli ultimi tempi, presso la Ns. Azienda, si sono verificati più casi di questi eventi avversi che hanno posto in cattiva luce l operato dei Professionisti che vi lavorano, al punto da caratterizzare tali episodi con l uso di uno sgradevole termine quale quello conosciuto come Malpractice. Appare doveroso, quindi, focalizzare questo aspetto da parte del Servizio delle Professioni Sanitarie di questa Azienda Ospedaliera, tenendo conto che il ruolo infermieristico assolve ad una funzione essenziale in merito all assistenza e quindi l infermiere stesso, quale Professionista responsabile dell atto assistenziale, deve essere in grado di attuare strategie offensive per la prevenzione di tale fenomeno. Questo è possibile anche attraverso una specifica ricerca che, analizzando in maniera scientifica il fenomeno, permetta di individuare le criticità inerenti l oggetto di studio ed elabori successivamente le strategie difensive sotto forma di Linee Guida che consentiranno all intero gruppo infermieristico di agire in maniera univoca e coerente, abbandonando quell agire spontaneistico che troppo spesso vanifica e mortifica gli atti assistenziali. L A.O.R.N. A. Cardarelli di Napoli è un azienda che presenta quale Mission Aziendale l assistenza sanitaria rivolta all Emergenza ed all Alta Specialità (essendo punto di riferimento per l Italia Meridionale per quanto riguarda alcune specialità) ed essendo dotata di D.E.A. di II livello oltre all elisoccorso. Le finalità stesse dell Azienda rappresentano un richiamo molto forte per l utenza che si rivolge, spesso in modo inappropriato, alla Ns. Azienda causando un notevole sovraffollamento con conseguenti problemi nell erogazione dell Assistenza, che si concretizzano drammaticamente con i cosiddetti ricoveri in barella. Ai suddetti problemi si riesce a sopperire con un forte spirito di abnegazione da parte del personale dedito all assistenza; tale dedizione però non sempre è sufficiente a fronteggiare problematiche tanto complesse per la cronica carenza di strumenti che supportino l operato degli infermieri stessi. 4

5 INDAGINE EPIDEMIOLOGICA Presso l A.O.R.N. A. Cardarelli di Napoli è stata condotta un indagine retrospettiva durata sei mesi (dall 1 gennaio al 30 giugno 2007) sulle cadute dei degenti, analizzando le schede di denuncia di infortunio compilate ai fini assicurativi e inoltrate alla Direzione Sanitaria. Nella tabella seguente sono riportati i principali dati di attività dell Azienda analizzati: Tab. I Dati attività A.O.R.N. A. Cardarelli (1 Gennaio 30 Giugno) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno N dimessi Giornate di degenza Degenza media 8,47 7,92 7,51 7,72 7,81 7,69 PL complessivi Le variabili scelte per questa analisi riguardano sia le informazioni sul degente infortunato (sesso, età, data di ingresso, diagnosi di ammissione, U.O. di degenza) che l infortunio stesso (data e ora, modalità e luogo, sede e grado dell eventuale lesione riportata). Nell analisi delle cadute sono stati calcolati i seguenti indici in accordo con la letteratura nazionale ed internazionale: Indice di caduta per 1000 gg di degenza (= n di cadute / n gg degenza) x 1000; Indice di caduta per 1000 dimissioni (= n di cadute / n dimissioni) x 1000; Indice di caduta per posto letto (= n di cadute / n posti letto); Indice di lesività (%) (= n di cadute con lesioni / n cadute totali) x 100. Nel corso del periodo considerato sono stati effettuati ricoveri per giornate di degenza (DM= 7,84) e sono state segnalate 118 cadute con un indice di lesività del 28% (tabella II bis) che hanno coinvolto 117 degenti, di cui 45 femmine (38%) e 73 maschi (62%). L età media dei degenti al momento della caduta era di 57 Anni (range 1-89), più alta nelle femmine (59 anni) rispetto ai maschi (55 anni). La durata media delle degenze al momento 5

6 dell infortunio è stata di 8,5 giorni (range 1-17 giorni) e 18 infortuni si sono verificati nella prima giornata di degenza. Le diagnosi di ammissione più frequenti riguardavano principalmente le malattie dell apparato cardiocircolatorio (44%), e sintomi, segni e altri stati morbosi mal definiti (56%). Il tasso di ripetitività di infortunio dei 117 degenti, anche con modalità diverse, è risultato complessivamente dello 0,08% e nessun soggetto ha avuto infortuni nel corso di differenti ricoveri. L indice di caduta per 1000 giornate di degenza era 0,7, l indice di caduta per 1000 dimissioni 5,49 e quello per posto letto 0,125 (tabella II e II bis). Tab. II Indici di caduta (1 Gennaio 30 Giugno) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno N cadute Indice caduta x 1000 gg degenza 0,9 0,63 0,75 0,51 0,8 0,57 Indice caduta x 1000 dimissioni 7,64 5 5,7 3,95 6,22 4,44 Indice caduta x posti letto 0,28 0,18 0,24 0,15 0,24 0,17 Indice di lesività 6,8% 4,2% 5,9% 3,4% 4,2% 3,5% 6

7 Tab. II bis (indici complessivi I semestre 2007) I semestre 2007 N cadute I semestre Indice caduta x 1000 gg di degenza 0,7 Indice caduta x 1000 dimissioni 5,49 Indice caduta x posti letto 0,125 Indice di lesività 28 Riguardo la completezza delle schede di denuncia, emerge come nel corso del semestre considerato sia migliorata la qualità della compilazione ed è opportuno precisare che tramite il sistema sanitario informatizzato è stato possibile risalire ai dati mancanti relativi alla degenza ma non a quelli relativi all orario e alla modalità di infortunio. I tests statistici per determinare eventuali correlazioni tra età, gravità delle lesioni e diagnosi di ammissione non hanno evidenziato differenze statisticamente significative. È emersa una distribuzione uniforme per mese e giorno della settimana e la fascia oraria con maggior numero di cadute è risultata quella notturna ( ) con il 42% di cadute. La maggior parte degli infortuni si sono verificati in camera di degenza (75 pari al 63.5%) e la distribuzione per modalità e luogo è riportata nella tabella III. 7

8 Tab. III Distribuzione delle cadute per mobilità e luogo Modalità Cadute Stanza degenza Servizi igienici Atrio corridoio Ambulatorio Nei viali Totale Dal letto In reparto Dalla culla 5 5 Dalla barella Nei Viali Dalle scale Ambulatorio 1 1 Totale Analizzando la casistica complessiva, emerge come i dati di questa analisi siano confrontabili con la letteratura, sia per l indice di caduta che per modalità e luoghi di infortunio. Gli indici di caduta sono rimasti pressoché invariati nel corso dei primi 5 mesi, mentre nel mese di giugno si è assistito ad una loro diminuzione, l età dei degenti coinvolti è sovrapponibile per tutti i sei mesi e le UUOO nelle quali si sono verificati la maggioranza di infortuni sono: XII a Medicina, 16 eventi; Pediatria, 15 eventi; XIII a Medicina, 9 eventi; Cardiologia con UTIC, 7 eventi; Oncologia, 7 eventi. 8

9 da 0 a 16 anni 10 da 0 a 16 anni 10 8 da 0 a 16 anni 5 4 da 17 a 64 anni da 65 anni in su da 17 a 64 anni da 65 anni in su 5 1 da 17 a 64 anni da 65 anni in su 0 Grafico per numero di eventi 0 Grafico per numero di eventi 0 Grafico per numero di eventi GENNAIO 2007 FEBBRAIO 2007 MARZO da 0 a 16 anni da 17 a 64 anni da 65 anni in su da 0 a 16 anni da 17 a 64 anni da 65 anni in su da 0 a 16 anni da 17 a 64 anni da 65 anni in su 0 Grafico per numero di eventi 0 Grafico per numero di eventi 0 Grafico per numero di eventi APRILE 2007 MAGGIO 2007 GIUGNO

10 GRAFICO PER FASCE D ETA SETTEMBRE 2007 (GENNAIO GIUGNO) da 0 a 16 anni da 17 a 64 anni da 65 anni in su Grafico per numero di eventi GRAFICO PER TIPOLOGIA DI CADUTA 1 SETTEMBRE 2007 (GENNAIO GIUGNO) Cadute da barella Cadute dal letto Cadute in reparto Cadute dalla culla Cadute nei viali Cadute dalle scale Gennaio 07 Febbraio 07 Marzo 07 Aprile 07 Maggio 07 Giugno 07 10

11 11 UTIC 7 Chirurgia d'urgenza 4 Chirurgia Epato-Biliare 1 Chirurgia Pediatrica 1 Chirurgia Vascolare 1 CLSE 1 Dermatologia 1 Ematologia 2 Epatologia 2 Gastroenterologia 3 Ginecologia 2 II Cardiologia 1 III Medicina 4 IV Medicina 5 NCH d'urgenza 5 NCH Funzionale 3 Nefrologia 2 Oncologia 6 Ortotraumatologia 4 Oss. Chirurgica 4 VI Chirurgia 2 VII Chirurgia 2 X Medicina d'urgenza 4 XI Medicina 1 Pediatria 15 XII Medicina 16 XIII Medicina 9 XV Urologia 2 XVI Chirurgia 2 XXVI Neurologia 2 XXXI Pneumologia 1 XXXVI Pneumologia Grafico per Eventi / Reparto - PRIMO SEMESTRE 2007 UTIC Chirurgia d'urgenza Chirurgia Epato-Biliare Chirurgia Pediatrica Chirurgia Vascolare CLSE Dermatologia Ematologia Epatologia Gastroenterologia Ginecologia II Cardiologia III Medicina IV Medicina NCH d'urgenza NCH Funzionale Nefrologia Oncologia Ortotraumatologia Oss. Chirurgica Pediatria VI Chirurgia VII Chirurgia X Medicina d'urgenza XI Medicina XII Medicina XIII Medicina XV Urologia XVI Chirurgia XXVI Neurologia XXXI Pneumologia XXXVI Pneumologia

12 In accordo con altri studi si rileva come la fascia oraria più pericolosa sia quella notturna e vengono, sostanzialmente, confermati i dati relativi ai luoghi di infortunio. Quest indagine costituisce un punto di partenza per ridurre la frequenza del fenomeno cadute in ospedale e si inserisce nel contesto di un progetto di miglioramento della qualità dell assistenza che non può prescindere da una serie di azioni: Sensibilizzazione di tutto il personale addetto all assistenza sulla necessità di prevenire le cadute dei degenti; Diffusione dei dati relativi al fenomeno infortunistico tramite report periodici alle varie Unità Operative; Individuazione dei soggetti che, per patologie in atto o pregresse o per determinati trattamenti farmacologici, sono da considerare a maggior rischio di caduta; Esecuzione di un sopralluogo per rilevare i fattori concausali (clinici e non) non riportati nella scheda di denuncia (es. terapia farmacologica, disponibilità di presidi anticaduta, illuminazione dell ambiente, ecc.) In considerazione delle ripercussioni che ha il fenomeno delle cadute -sia sulla salute dei degenti che sulla struttura ospedaliera in termini di aggravio organizzativo ed economico conseguente al prolungamento della degenza-, appare quindi necessario attuare uno specifico Programma di Prevenzione delle cadute, la cui applicazione in altre realtà ospedaliere ha portato ad importanti miglioramenti. SCOPO DELLA RICERCA Lo scopo della ricerca è quello di verificare, sperimentalmente, l efficacia delle azioni di monitoraggio dei fattori di rischio di caduta per i pazienti ricoverati, nonché di verificare la capacità predittiva degli strumenti di valutazione del rischio caduta scelti dal gruppo di ricerca aziendale ed, inoltre di abbattere l incidenza del fenomeno cadute con relativa verifica sull impatto organizzativo. 12

13 SPERIMENTAZIONE La sperimentazione avrà la durata di 1 anno (1 ottobre settembre 2008). La sperimentazione coinvolgerà 4 Unità Operative così suddivise: Gruppo sperimentale (protocollo A) XII a Medicina XIII a Medicina Gruppo di controllo (protocollo B) Oncologia Cardiologia con UTIC IPOTESI DI RICERCA L ipotesi della ricerca è quella di verificare se l applicazione di interventi di prevenzione delle cadute accidentali rilevati attraverso strumenti validati, ovvero modificati, riduce l incidenza delle cadute stesse. OBIETTIVI DELLA RICERCA OBIETTIVO GENERALE Riduzione dal 30% al 50% delle cadute accidentali. OBIETTIVI SPECIFICI a) verificare frequenza e caratteristiche del fenomeno cadute nella Ns. Azienda; b) individuare le caratteristiche dei pazienti a rischio caduta; c) individuare i fattori di rischio ambientali e strutturali che aumentano il rischio di caduta; d) applicare il Protocollo Sperimentale ad almeno il 90% dei pazienti a rischio; e) validare strumenti di rilevazione e di indagine predisposti dal gruppo di ricerca aziendale. CAMPO DI INDAGINE CAMPIONE Il campione è definito dall insieme dei pazienti ricoverati presso le Unità Operative nelle quali, attraverso l indagine svolta dall 01/01/2007 al 30/06/2007, si sono verificate più 13

14 cadute accidentali. Tale campione parteciperà alla sperimentazione nel periodo che va dall 01/10/2007 al 30/09/2008. CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE: POPOLAZIONE INCLUSA Pazienti ricoverati presso le Unità Operative individuate attraverso lo studio osservazionale. POPOLAZIONE ESCLUSA Pazienti ricoverati presso altre Unità Operative; Pazienti a I.C.D. (Ingresso a Ciclo Diurno); Pazienti allettati con patologie gravi. AREA DI ANALISI AREE DI INTERESSE: 1. XII a Medicina interna ad indirizzo Angiologico e per lo Studio delle Cerebrovasculopatie; 2. XIII a Medicina ad indirizzo Geriatrico; 3. Oncologia; 4. Cardiologia con U.T.I.C. TECNICHE E STRUMENTI DI INDAGINE SCHEDA RILEVAZIONE CADUTE PAZIENTI (allegato 1) La scheda descrittiva è di facile interpretazione e compilazione e va compilata immediatamente, ovvero entro tre ore dopo l evento caduta. Essa è composta da quattro sezioni. La prima sezione è utile per la rilevazione dei dati anagrafici, dei dati relativi al ricovero (la data ricovero, le Unità Operative, la diagnosi d ingresso, ecc.) e dalla dichiarazione di chi era presente al momento dell evento. La seconda sezione riguarda la modalità della caduta (da posizione eretta, da seduto, dal letto, dalla barella o altro). La terza sezione indaga sui presunti motivi che hanno causato l evento (perdita di coscienza, di equilibrio, scivolata). La quarta ed ultima sezione serve per la rilevazione del luogo dove è avvenuto l evento (stanza, corridoio, bagno, scale, ecc.) e l eventuale lesione riportata. 14

15 SCALA VALUTAZIONE RISCHIO CADUTE (Conley mod.) (allegato 2) Per il nostro studio sperimentale abbiamo scelto, come strumento di valutazione del rischio cadute, la scala CONLEY a cui abbiamo apportato alcune modifiche per adeguarla alle nostre esigenze di ricerca. Ciò è dovuto al fatto che la scala Conley è specifica per una popolazione anziana (età uguale o maggiore di 65 anni) mentre il campione per la nostra sperimentazione non è stato scelto in base all età bensì alla tipologia di malato e all Unità Operativa di appartenenza. Infatti sono state scelte le quattro Unità Operative in cui sono stati osservati più eventi durante i sei mesi di osservazione. Tale sperimentazione servirà anche ad un eventuale validazione dello strumento modificato dal gruppo di ricerca aziendale. CONSENSO INFORMATO ALLO STUDIO DI RICERCA (allegato 3) PROTOCOLLO A (gruppo sperimentale) consenso informato; scala valutazione rischio cadute; protocollo assistenziale prevenzione cadute; scheda rilevazione cadute pazienti. PROTOCOLLO B (gruppo controllo) scheda rilevazione cadute pazienti. GRIGLIE RILEVAZIONE DATI SPERIMENTAZIONE PROGRAMMA INFORMATICO PER L ELABORAZIONE DEI DATI ISTRUZIONI OPERATIVE PER I COLLABORATORI (allegato 4) ATTIVITA 1. Individuazione del problema; 2. Raccolta bibliografica; 3. Predisposizione strumenti operativi; 4. Consulenza con uno statistico; 5. Stesura del progetto di ricerca; 6. Presentazione del progetto alla Direzione Aziendale; 7. Presentazione del progetto al Comitato Etico Aziendale; 15

16 8. Riunione di lavoro tra i Coordinatori di Unità Operativa, il Responsabile della ricerca e il Gruppo di Collaboratori; 9. Riunione di lavoro plenaria comprendente il Responsabile della Ricerca, il Gruppo dei Ricercatori, i Coordinatori di Unità Operativa e tutti i Collaboratori per la presentazione del progetto, dove verranno illustrate le istruzioni operative riguardanti l inclusione dei soggetti nello studio, i Protocolli Operativi e le griglie di rilevazione dei dati; 10. Riunione di lavoro tra il Consulente statistico ed il Gruppo di Ricerca per analizzare le eventuali osservazioni rilevate nell incontro con i Collaboratori della Ricerca; 11. Consegna del materiale ai coordinatori delle Unità Operative in cui avverrà la sperimentazione; 12. Selezione del campione da includere nel Progetto di Ricerca; 13. Richiesta di adesione al Progetto e consenso informato; 14. Definizione dei Gruppi (controllo e sperimentale), attribuzione di un codice e indicazione dei protocolli ad essi collegati; 15. Attivazione di una polizza assicurativa per i soggetti inclusi nel gruppo sperimentale (eventuale); 16. Inizio delle attività di ricerca nelle Unità Operative coinvolte; 17. Riunione di lavoro a metà ricerca tra Responsabile e Coordinatori; 18. Definizione del termine della sperimentazione; 19. Trasmissione griglie al centro-pilota (Direzione Infermieristica Aziendale); 20. Elaborazione dei dati con la consulenza dello Statistico; 21. Riunione di lavoro tra il gruppo di Ricercatori ed i Coordinatori per la presentazione e discussione dei risultati della ricerca; 22. Divulgazione dei risultati della ricerca; 23. Ringraziamenti. Per eventuali dubbi o chiarimenti contattare la Direzione Infermieristica Aziendale, per comunicare con i Responsabili della Ricerca, al n di telefono

17 DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLE ATTIVITA DI RICERCA Problema scientifico Raccolta bibliografica Strumenti operativi Consulenze Stesura progetto Presentazione Aziendale Riunione Coordinatori + ricercatori Riunione plenaria Riunione Coordinatori + Consulenti Consegna materiale ai Coordinatori Definizione Campione Adesione e consenso informato Definizione dei gruppi PROTOCOLLO A PROTOCOLLO B Inizio attività di sperimentazione Registrazione dati Riunione di lavoro a metà sperimentazione Termine sperimentazione Raccolta ed Elaborazione dati Riunione e discussione dei risultati Divulgazione risultati della sperimentazione 17

18 TIMING Diagramma di Gantt: attività progetto di ricerca Prevenzione Cadute in Ospedale Servizio delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche Progetto Prevenzione Cadute in Ospedale Individuazione del problema 02 Raccolta bibliografica 03 Predisposizione degli strumenti operativi 04 Consulenza epidemiologica 05 Stesura del progetto di ricerca 06 Presentazione del progetto alle Dir. Aziendali 07 Presentazione del progetto al Comitato Etico 08 Riunione tra coordinatori e ricercatori 09 Riunione plenaria 10 Riunione tra responsabile + ricercatori 11 Consegna materiale ai coordinatori 12 Selezione del campione (in Iª applicazione) 13 Richiesta adesione e consenso informato 14 Definizione dei gruppi (in Iª applicazione) 15 Attivazione polizza assicurativa (eventuale) 16 Inizio delle attività di ricerca 17 Riunione di lavoro a metà percorso di ricerca 18 Termine sperimentazione 19 Trasmissione dati al centro pilota 20 Elaborazione dei dati 21 Riunione termine applicazione progetto 22 Divulgazione dei risultati della ricerca 23 - Ringraziamenti Responsabile della ricerca Resp. + gruppi ricercatori Coordinatori di UU. OO. Coordinatori di UU. OO. 18

19 RISORSE UTILIZZATE UMANE N 1 Responsabile del progetto N 1 Responsabile della ricerca N 7 Infermieri Ricercatori N 4 Coordinatori di UUOO N 84 Infermieri di UUOO N 1 Consulente Statistico N 2 Assistenti Amministrativi N 1 Esperto grafico STRUMENTALI N 3 Personal Computer collegati in rete N 1 Fax + linea telefonica autonoma N 1 Fotocopiatrice BENI DI CONSUMO N 80 risme carta formato A4 N 40 risme carta formato A3 N 100 penne biro nere N 40 matite N 8 temperamatite N 80 evidenziatori vari colori N 8 spillatrici N 4 spillatrici grandi N 120 cartelline con alette N 20 faldoni varie misure N.B. Le risorse umane sono tutte reperibili tra i dipendenti dell Azienda, quindi non sono previsti costi aggiuntivi ai costi ordinari aziendali. 19

20 ALLEGATO 1 A.O.R.N. A. CARDARELLI Via A. Cardarelli, Napoli SERVIZIO PROFESSIONI INFERMIERISTICHE SCHEDA DESCRITTIVA DELLA CADUTA DEL PAZIENTE U.O... Cognome:... Nome:... Data di nascita:.../.../... (età...) Sesso: M F Data di ricovero:.../.../... Diagnosi: Data dell'evento:.../.../... Ora:... Chi era presente: nessuno altri pazienti familiari personale sanitario Altro Modalità caduta: caduto dalla posizione eretta caduto da seduto caduto dal letto caduto dalla barella Altro Motivo: perdita di forza perdita di equilibrio perdita di coscienza inciampato scivolato con pavimento asciutto scivolato con pavimento bagnato ignoto Altro Luogo: stanza corridoio bagno scale Altro:... Che cosa stava facendo il paziente quando è caduto?... Lesione riportata : tipo sede L Infermiere Ricercatore 20

21 ALLEGATO 2 SCALA DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DEL PAZIENTE Data di rilevazione../.../. Cognome. Nome... Data di nascita.../.../.. Sesso M F Data di ricovero./.../.. N.N. E caduto nel corso degli ultimi 3 mesi?. SI 1 NO 0 Ha mai avuto vertigini o capogiri negli ultimi 3 mesi? SI 1 NO 0 Ha necessità di andare in bagno con particolare frequenza. SI 1 NO 0 (meno di 3 ore)? Le è mai capitato di perdere urina e feci mentre si recava in bagno? SI1 NO0 Ha difficoltà a muoversi nel letto/barella?.. SI2 NO 0 Ha difficoltà a mantenersi in posizione eretta? SI2 NO0 Ha difficoltà a svolgere le normali attività quotidiane? SI1 NO0 Presenta una delle seguenti patologie? se SI quali: cerebrovascolari (ictus, tia, tumori cerebrali, trauma cranico) neurologiche (demenze, epilessia, sclerosi multipla, cefalea, etc ) cardiache (IMA, scompenso cardiaco, ipertensione, etc ) Deterioramento cognitivo (osservazione infermieristica) E disorientato e/o confuso? SI 2 NO 0 E agitato.. SI 2 NO 0 Presenta alterazioni della capacità di giudizio/mancanza del senso del pericolo?.. SI 2 NO 0 Presenta deficit della vista? SI 2 NO 0 21

22 Presenta deficit dell udito? SI 2 NO 0 Compromissione della marcia, passo strisciante, marcia instabile?.. SI 5 NO 0 Totale punteggio TABELLA RISCONTRO RISCHIO RISCHIO BASSO. da 0 Punti a 3 Punti RISCHIO MEDIO.. da 4 Punti a 8 Punti RISCHIO MEDIO-ALTO. da 9 Punti a 13 Punti RISCHIO ELEVATO. MAGGIORE di 13 Punti 22

23 ALLEGATO 3 MODULO DI CONSENSO INFORMATO Per la partecipazione da parte del paziente al protocollo di studio Progetto prevenzione cadute in ospedale 1 a Parte: da lasciare al paziente INTRODUZIONE Col presente modulo la invitiamo a partecipare ad uno studio che si propone di verificare se l applicazione di interventi di prevenzione delle cadute accidentali rilevati attraverso strumenti valicati (ovvero modificati), riduce l incidenza delle cadute stesse. La sua partecipazione a questo studio è completamente volontaria: un suo rifiuto a partecipare o il suo ritiro non comporterà alcuna penalità o perdita di benefici. Cos è il consenso informato Per partecipare allo studio in questione abbiamo bisogno del suo consenso. Questo consenso si deve basare su informazioni adeguate: solo dopo averle spiegato lo scopo dello studio e quale sarà il suo coinvolgimento, potrà decidere di firmare o meno questo modulo di consenso. Riservatezza La informiamo che, ai fini della sua partecipazione al presente studio, è necessario raccogliere i suoi dati personali ovvero le sue iniziali, il sesso, la data di nascita, i dati clinici ed eventuali altri dati in quanto funzionali alla corretta esecuzione dello studio. I dati in oggetto saranno trattati nel pieno rispetto della Legge 675/96 - relativa alla Tutela dei dati personali - e successive modifiche ed integrazioni. In ogni caso si tratterà sempre di dati da lei comunicati e non di dati pervenuti da altre fonti. I dati indicati saranno da noi raccolti e trasmessi in forma anonima, esclusivamente in funzione della realizzazione dello studio e della sua partecipazione ad esso. I dati non saranno diffusi - cioè resi pubblici, ad esempio attraverso pubblicazioni scientifiche, statistiche, convegni scientifici - se non in forma rigorosamente anonima. 23

24 MODULO DI CONSENSO INFORMATO al protocollo di studio: Progetto prevenzione cadute in ospedale II parte: da allegare alla scheda di raccolta dati Rispondere in modo appropriato apponendo una crocetta sul SI o sul NO Ho ricevuto informazioni adeguate sul protocollo Progetto prevenzione cadute in ospedale Ho avuto la possibilità di fare domande Ho ricevuto una risposta soddisfacente alle mie domande Ho parlato direttamente con l infermiere ricercatore Ho capito di essere libero di sospendere lo studio in qualsiasi momento senza fornire spiegazioni sulla sospensione e senza compromettere il mio rapporto con il medico che mi cura Accetto volontariamente di permettere l'accesso, in forma anonima, ai miei dati personali, anche quelli inerenti al mio stato di salute, raccolti nel corso delle visite mediche Sono stato informato ai sensi dell'art. 10 della Legge n. 675 sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, circa: (a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i miei dati personali (b) la natura facoltativa del conferimento di tali dati (c) la conseguenza di un mio eventuale rifiuto che renderebbe impossibile la mia partecipazione (d) i miei diritti contemplati nell'art. 13 della citata Legge 675/96 Acconsento, ai sensi della Legge n. 675, nonché dell'autorizzazione n. 2/1997 del Garante per la Protezione dei Dati Personali a che i miei dati vengano registrati e a che, in forma anonima, possano essere trattati con strumenti manuali, informatici e telematici e trasmessi a consulenti o collaboratori esterni allo studio, all'amministrazione finanziaria dello Stato, ad istituti previdenziali, assistenziali, assicurativi, ospedalieri per essere esaminati e per divenire, insieme ai dati di altri pazienti oggetto di analisi statistica Si Si Si Si Si Si Si Si No No No No No No No No ACCETTO DI PARTECIPARE A QUESTO STUDIO Si No Napoli lì / / Stampatello Firma Paziente o garante legale Stampatello Firma Infermiere ricercatore 24

25 ALLEGATO 4 PROTOCOLLO INFERMIERISTICO PER LA PREVENZIONE DELLE CADUTE Il protocollo ha lo scopo di prevenire il rischio di cadute accidentali durante il ricovero ospedaliero ed è destinato ai pazienti che presentano: alterazioni comportamentali alterazioni dello stato di coscienza alterazioni a carico dell apparato locomotore PROCEDURA 1) identificazione dei pazienti a maggior rischio di caduta 2) raccolta dati all ingresso (atta a valutare se ci sono state precedenti cadute e le circostanze in cui sono avvenute) 3) valutazione dello stato di coscienza del paziente (presenza di eventuali malattie acute o croniche, assunzione di psicofarmaci, droghe, vasodilatatori, diuretici, ipo e ipertensione) 4) introduzioni di modifiche ambientali nei locali che ospitano pazienti a rischio 5) illustrazione degli ausili a disposizione nella camera di degenza ( illuminazione, campanelli di chiamata, etc ) 6) illustrazione dell ubicazione dei servizi igienici e degli spazi comuni 7) fornitura di ausili per la deambulazione (tripodi, carrozzine, comoda, etc ) 8) valutare ed eventualmente suggerire al paziente l abbigliamento adeguato (calzature adeguate, divieto di pantaloni troppo lunghi o che non consentono libertà di movimento, etc ) 9) applicazione di mezzi contenitivi, previo consenso informato, (spondine per letto o barella) a quei pazienti con alterazione dello stato di coscienza. 25

26 INDICAZIONI GENERALI PER TUTTI I RISCHI ( BASSO, MEDIO, MEDIO-ALTO, ELEVATO) Si raccomanda: a) l uso di scarpe antiscivolo (evitare le ciabatte e controllare che il paziente indossi scarpe della giusta misura) b) l uso di abbigliamento adeguato (divieto per i pantaloni troppo lunghi o che non consentono libertà di movimento) c) il controllo del buon posizionamento del pannolone, se il paziente ne è portatore PROCEDURE PER IL RISCHIO BASSO La procedura per il rischio basso prevede il rispetto dei primi 6 punti da integrare con le direttive per le strategie ambientali che prevedono : 1) la rimozione del mobilio basso che può costituire inciampo alle persone 2) il controllo del giusto illuminamento degli ambienti di degenza 3) la verifica dell accessibilità da parte dei pazienti ai pulsanti di chiamata in aggiunta si raccomanda la non somministrazione dei diuretici prima del riposo notturno. PROCEDURE PER IL RISCHIO MEDIO E MEDIO-ALTO Far riferimento alle indicazioni per il rischio basso da completare con le seguenti raccomandazioni: 1) fornire ausili per la deambulazione ai pazienti con difficoltà motorie 2) assistenza ai pazienti con alterazioni del sensorio 3) divieto tassativo di recarsi da soli al bagno per i pazienti contemplati in questo livello di rischio PROCEDURE PER IL RISCHIO ELEVATO Per tale livello di rischio attenersi alle procedure previste per il rischio medio e medio-alto con l aggiunta della contenzione, previo consenso informato, ai pazienti con alterazione dello stato di coscienza. 26

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli