GESTIRE IL RISCHIO DEL FARMACO ATTRAVERSO IL CAMBIAMENTO: ESPERIENZA IN UN PRESIDIO OSPEDALIERO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIRE IL RISCHIO DEL FARMACO ATTRAVERSO IL CAMBIAMENTO: ESPERIENZA IN UN PRESIDIO OSPEDALIERO"

Transcript

1 GESTIRE IL RISCHIO DEL FARMACO ATTRAVERSO IL CAMBIAMENTO: ESPERIENZA IN UN PRESIDIO OSPEDALIERO di Erminia Ferrante, Daniela Corsi* Dirigente Infermieristico Presidio Evangelico Valdese, ASL TO *Responsabile SSD Qualità, ASL TO In Sintesi Il lavoro propone un esperienza di analisi dell errore nel processo di prescrizione e somministrazione dei farmaci nei reparti di degenza di chirurgia e medicina del Presidio Evangelico Valdese dell ASL TO di Torino. Attraverso una prima fase di rilevazione degli errori in un campione di cartelle, si è giunti alla progettazione e alla realizzazione di alcuni interventi correttivi, scelti sulla base della fattibilità e dell impatto. Dopo la realizzazione di una giornata formativa, si sono strutturati alcuni strumenti operativi che sono stati introdotti nella prassi assistenziale. Il foglio unico di terapia e l istruzione operativa per la gestione del processo di prescrizione e somministrazione del farmaco hanno costituito i due capisaldi del cambiamento. La loro accurata e ampia condivisione ne ha favorito l introduzione e l accettazione da parte di tutti gli operatori medici e infermieristici. Introduzione Il risk management (RM) non trova in letteratura e nella realtà operativa una definizione univoca, a riprova del fatto che si tratta di un ambito in continua evoluzione; i suoi contenuti e l impostazione metodologica presentano connotati e gradi di estensione differenti a seconda della fase del percorso storico e della scuola di pensiero cui si fa riferimento. Partendo dalla concezione del rischio quale «combinazione della probabilità di un evento e delle sue conseguenze» (Guida ISO/IEC 7: ), alcuni Autori del mondo imprenditoriale hanno proposto interessanti definizioni, ma in questo contesto ci si avvale della definizione di Dickson (99) che afferma: il risk management «è un meccanismo per gestire l esposizione al rischio che permette di riconoscere: gli eventi che potrebbero avere in futuro conseguenze dannose o sfortunate; la severità dell evento; e come potrebbero essere controllati». Nell intento di proporre una definizione operativa lo qualifica come «identificazione, analisi e controllo economico di quei rischi che potrebbero minacciare il patrimonio o la capacità di guadagno di un impresa». Non vi è dubbio che in Italia l esigenza di prevenzione e di riduzione dei rischi in ambito lavorativo sia ormai ampiamente avvertita dall opinione pubblica grazie anche alla pubblicazione del famoso DLgs 66/99, che seppur tardivo ha manifestato sul lungo periodo i suoi effetti positivi. La percezione del rischio che può correre il paziente in ambito ospedaliero è molto meno immediata: si pensa comunemente che la persona malata ricoverata con un determinato problema di salute possa trovare nella struttura risposte complessive e pertinenti al problema. La realtà può non corrispondere a questo comune sentire. Florence Nightingale circa un secolo fa manifestava la consapevolezza di dover garantire ai pazienti non solo la cura della malattia, ma anche un adeguata protezione per le eventuali «indesiderate conseguenze dell assistenza loro prestata, in aggiunta a quelle dovute alla loro malattia».

2 Il tema della prevenzione e della gestione del rischio è direttamente connesso con la natura del sistema sanitario, all interno del quale l errore e la possibilità di incidente non possono essere eliminati, ma occorre individuare e utilizzare ogni intervento possibile perché tali eventi siano, quantomeno, controllabili. L argomento di discussione deriva dal concetto di clinical governance, definito come «il contesto in cui i servizi sanitari si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dell assistenza e mantengono elevati livelli di prestazioni creando un ambiente che favorisce l espressione dell eccellenza clinica» (liberamente tradotto da A First Class Service, Department of Health, 998); in altre parole il governo clinico è una cornice al cui interno l organizzazione sanitaria contabilizza il continuo miglioramento della qualità dei servizi e la salvaguardia di elevati risultati di cura. Nell ottica considerata non si può dimenticare che l evoluzione in senso migliorativo degli strumenti organizzativi purtroppo non esclude la persistenza dell errore e/o di eventi avversi nel quotidiano ambito lavorativo nella cura dei pazienti. Si ritiene infatti che l obiettivo di riduzione dell errore possa essere perseguito e realizzato con uno studio più accurato circa le cause dell errore stesso e con la formazione del personale intesa a promuovere e sensibilizzare per la creazione della cultura della gestione del rischio. Peraltro il RM è un sistema di governo fondato su una metodologia logica e sistematica che consente, attraverso tappe successive, di identificare, analizzare, valutare, comunicare, eliminare e monitorare i rischi associati a qualsiasi attività o processo, in modo da rendere l organizzazione capace di minimizzare le perdite e massimizzare le opportunità e, in sanità, di ottimizzare il benessere in termini di salute per il paziente. Senza la conoscenza del rischio non c è la possibilità di preparare o di adottare azioni correttive o preventive. Questa fase di valutazione del rischio deve essere necessariamente un processo continuo, finalizzato al miglioramento, dato che, nel tempo, i fattori esterni o interni di rischio possono cambiare, e deve comprendere una previsione dei costi di gestione del rischio, in termini di risorse economiche, di capacità e di mezzi. I costi di gestione del rischio non devono chiaramente superare i costi di eventuali danni causati dal concretizzarsi del rischio stesso. Se la finalità del RM è di delineare il profilo di rischio dell impresa oggetto di analisi attraverso la ricerca e la strutturazione dei flussi di informazione utili a questo scopo (Corvino,996) allora è necessario un approccio che delinei le priorità da affrontare. Sotto il profilo operativo, il processo di RM si articola nelle seguenti attività (Anon, ):. stabilire il contesto;. identificare il rischio;. analizzare il rischio;. trattare il rischio.. valutare il rischio. Ognuna di queste attività deve essere monitorata e revisionata, concepita e realizzata in una logica di stretta interdipendenza con le altre attività, attraverso una continua comunicazione interna al processo (Anon, ). Essendo questo approccio acquisito e condiviso da tutti gli attori del servizio sanitario e, nell ambito delle aziende, dalle diverse aree che ne compongono la struttura organizzativa, la sua adozione consente di comunicare immediati input agli organi preposti, ai vari livelli, al governo del sistema, per avere immediate risposte e partecipazione nel ridisegnare il processo di assistenza sanitaria (Runciman, ). Il tema centrale del presente lavoro verte sull individuazione e sulla ricerca degli strumenti e dei metodi operativi e attuabili che assicurino la realizzazione di un cambiamento nella prassi assistenziale attraverso anche la condivisione di una cultura dell attenzione all errore che ne favorisce il riconoscimento, la prevenzione e la riduzione. Farmaci ed errore La sanità del terzo millennio si trova a dover fronteggiare una richiesta di prestazioni sanitarie in vertiginoso e costante aumento dovuta sia alla più lunga aspettativa di vita della popolazione sia al crescente bisogno dell individuo di vedere sconfitti a ogni costo la malattia e il dolore. In Italia la ricerca della qualità delle prestazioni in campo sanitario risale ai primi anni Novanta, tuttavia a tutt oggi l Italia non ha dati ufficiali sugli errori in corsia. Il CENSIS Centro Studi e Investimenti Sociali in Imparare dall errore. Carta della sicurezza nell esercizio della pratica medica ed assistenziale, promosso dal Tribunale per i diritti del malato analizza il contenuto degli articoli su testate nazionali per un periodo di mesi nell anno : ben articoli parlavano di casi di malasanità! Secondo il Tribunale per i diritti del malato, il,% dei contatti che il PiT (Progetto integrato di Tutela) Salute ha avuto nell anno è relativo a sospetti di errori di diagnosi e terapia e le principali aree di errori sono ortopedia, oncologia, ostetricia e chirurgia generale. A fronte di questi errori che cosa può fare il singolo operatore? L assistenza di qualità può diventare una realtà? L errore che ridonda nella maggior parte dei Paesi che hanno effettuato studi o programmi nazionali di gestione del rischio presi in considerazione riguarda la somministrazione dei farmaci processo nel quale è più facile rilevare e avere notizia dell avvenuto errore.

3 L area dei farmaci rappresenta una delle fasi più critiche del processo assistenziale in ambito ospedaliero (o è solo il più conosciuto e studiato). Si stima che le patologie e la mortalità correlate a errori di terapia facciano spendere più di 6 bilioni di dollari al sistema sanitario americano; una somma superiore a quella necessaria alla cura delle patologie cardiovascolari e del diabete. Le voci di spesa più consistenti sono gli eventi avversi da farmaco (ADEs) i quali provocano, solo negli Stati Uniti, circa. morti ogni anno. In Olanda il direttore dell Istituto per la Qualità in ambito sanitario (CBO) ha stimato che circa 6 persone muoiono ogni anno negli ospedali per errori di terapia, un numero di morti 6 volte maggiore di quello che si registra negli incidenti stradali. Si stima che su 8.. di ricoveri vi siano stati, a causa di errori medici o del sistema, danni alla salute nel % dei casi (.) e. morti. Il trend del rischio è in netto aumento visto che il numero degli errori da terapia è triplicato negli anni che vanno dal 98 al 99; solo nel, ad esempio, le richieste d intervento al Tribunale dei diritti del Malato hanno registrato una crescita del %. La frequenza dell errore in medicina è prevalente nel momento di prescrizione, preparazione e somministrazione dei farmaci. Uno degli strumenti più efficaci per il controllo e la prevenzione dell errore terapeutico è l utilizzo del foglio unico di terapia che riduce le probabilità di errore legato a procedure di ricopiatura, trascrizione ecc. Il medico prescrive e l infermiere registra la somministrazione, eliminando il passaggio della trascrizione della terapia e quindi una importante fonte di errore: una documentazione comune, che segue il paziente passo dopo passo durante il ricovero e che facilita il controllo delle registrazioni rendendo possibile la scoperta degli errori prima che questi possano tramutarsi in evento avverso con conseguente danno al paziente. L esperienza Il progetto si è realizzato all interno del Presidio Ospedaliero Evangelico Valdese di Torino dell ASL TO, dotato di 6 posti letto; sono presenti le specialità di Chirurgia generale, Chirurgia flebologica, Oculistica, Chirurgia plastica, Ginecologia, Anestesia, Ortopedia, Medicina interna, Diabetologia, Neurologia, Cardiologia, Oncologia. Il presidio ha una vocazione prevalentemente chirurgica di bassa-media complessità con una netta prevalenza di attività in regime di day surgery (7-7% del totale dei ricoveri). Il volume annuo di ricoveri totale è di.99 nell anno 7. Sebbene sia opportuno che un sistema di clinical governance debba essere applicato a tutto l ambito aziendale e non sia limitato alla gestione del solo rischio clinico, la ragione che ha spinto il Direttore sanitario e il Dirigente infermieristico del Presidio ad avviare il progetto nasce a gennaio del 6 a seguito di alcune segnalazioni di non conformità e di errori assistenziali (Nursing malpractice) riscontrati dal momento della prescrizione alla somministrazione e controllo degli effetti collaterali della terapia. Si è pertanto decisa visto il potenziale impatto sulla salute dei pazienti una valutazione della tipologia e del volume delle non conformità e degli eventuali errori che si verificavano. Si è costituito un gruppo di lavoro interno al Presidio con l obiettivo di definire un sistema di analisi delle condizioni di rischio possibili al fine di individuare idonei interventi correttivi e/o preventivi. Il percorso ha visto le seguenti tappe:. condivisione nel gruppo di lavoro della bibliografia e legislazione vigente;. scelta della tipologia di dati da raccogliere: il gruppo ha concordato di effettuare un indagine retrospettiva, esaminando cartelle cliniche e infermieristiche ( di area medica e 7 di area chirurgica) relative a pazienti dimessi in mesi dell anno 7 (aprile-giugno) nelle aree di degenza medica e chirurgica e provenienti dalle diverse specialità (Figure e );. coinvolgimento: del personale infermieristico e medico dei strutture di degenza con l obiettivo iniziale di informare il personale sanitario dello studio e renderli partecipi nella rilevazione;. elaborazione della scheda di raccolta dati: è stata predisposta una tabella con items, riferiti agli eventuali errori, con quantificazione degli stessi e specifica del carteggio (Tabella ).. Analisi dei dati; il dettaglio delle criticità rilevate è descritto nelle figure e separate per area di analisi e in figura cumulate per l intero Presidio. L analisi, pur non avendo pretesa di significatività visto l esiguo numero di documentazione sanitaria analizzata, compatibile con le risorse disponibili, fa emergere comunque alcune significative evidenze: la distribuzione dei dati è sovrapponibile nelle due aree esaminate ad eccezione dell item incongruenze che nell area chirurgica è particolarmente critico nella documentazione infermieristica. La motivazione è da ricercare nella prevalente tipologia di attività dell area chirurgica. Infatti la day surgery prevede un organizzazione snella, efficiente, rapida in cui la presenza del medico è ridotta esclusivamente alla visita di controllo pre-dimissione e l assistenza nel post-operatorio viene garantita dall équipe infermieristica che applica protocolli consolidati. In tal senso spesso la terapia da som-

4 Tab. Mappa dei rischi. Anomalia Descrizione anomalia Diaria Documentazione clinica infermieristica Identificazione paziente Orario farmaco Dosaggio farmaco Sigla operatore Sospensione farmaco Terapia al bisogno Terapia autogestita Correzione prescrizione Carteggio Incongruenza Terapia verbale Prescrizione senza riscontro Risultato terapeutico Non somministrazione Assenza identificativo del paziente Assenza orario di inizio somm.ne o variazione Dosaggio o posologia farmaco non indicata Sigla operatore, somministratore o prescrittore assente/non chiara Mancanza segnalazione sospensione farmaco Assenza prescr. terapia al bisogno o estemporanea Mancanza segnalazione terapia autogestita Correzione della prescrizione o delle annotazioni Impiego di modulo e/o carteggio errato Incongruenza (dosaggio, orario ecc.) tra prescrizione e carteggio o diaria infermieristica Presenza su carteggio o diaria infermieristica di prescrizione terapia verbale Prescrizione medica senza riscontro nella diaria infermieristica o carteggio terapia Mancata valutazione risultato terapeutico in seguito alla somministrazione Mancanza di motivazione alla non somministrazione di una terapia ministrare post-intervento è standardizzata e il medico non la riporta nel dettaglio (orari, modalità di somministrazione) ma si limita a indicare il farmaco e le dosi. Nella cartella infermieristica gli infermieri, in modo autonomo ma secondo una prassi consolidata, aggiungono orari e modalità di somministrazione. Ciò determina la maggior parte delle incongruenze rilevate tra i due carteggi analizzati. In molte cartelle è stata riscontrata la prescrizione con la dicitura come da protocollo, ma senza indicazione precisa del protocollo di riferimento né la presenza dello stesso in cartella; la cartella clinica risulta presentare un maggior numero di non conformità di quella infermieristica; particolarmente critica è l identificazione del prescrittore nelle cartelle cliniche, in quanto nella totalità dei documenti presi in esame non era presente la sigla del medico prescrittore. Questa criticità, pur risalendo a una consolidata prassi, non è accettabile in un ottica di corretta gestione del rischio e di rispetto delle professionalità e delle funzioni assistenziali;

5 Esaminate cartelle area medica multispecialistica Dh medico oncologico Oncologia Neurologia Cardiologia Medicina Fig. Area degenza medica. Suddivisione cartelle per specialità. Esaminate 7 cartelle area chirurgica multispecialistica Ortopedia 7 CHIRURGIA PLASTICA CHIRURGIA GENERALE Fig. Area degenza chirurgica. Suddivisione cartelle per specialità. non somministrazione risultato terapeutico prescr. senza riscontro terapia verbale incongruenza carteggio correzione prescrizione terapia autogestita terapia al bisogno sospensione farmaco sigla operatore dosaggio farmaco orario farmaco identificazione paziente diaria clinica dop. infermieristica Fig. Errori rilevati area medica.

6 non somministrazione risultato terapeutico prescr. senza riscontro terapia verbale incongruenza 9 carteggio correzione prescrizione terapia autogestita terapia al bisogno sospensione farmaco sigla operatore 7 dosaggio farmaco 6 orario farmaco 7 identificazione paziente diaria clinica dop. infermieristica Fig. Errori rilevati per area chirurgica. non somministrazione risultato terapeutico prescr. senza riscontro terapia verbale incongruenza carteggio correzione prescrizione terapia autogestita 8 terapia al bisogno sospensione farmaco sigla operatore 8 dosaggio farmaco orario farmaco identificazione paziente diaria clinica dop. infermieristica Fig. Errori rilevati area chirurgica-medica. nelle prescrizioni in cartelle clinica anche il dosaggio e l orario di somministrazione manifestano numerose carenze dovute a incompletezza, incongruenza tra i due carteggi (medico e infermieristico), assenza di una, dell altra o di entrambe le indicazioni. Ulteriori criticità riscontrate nello studio e discusse nel gruppo di lavoro sono: una generale insufficiente attenzione nella compilazione precisa e completa dei carteggi sia medici sia infermieristici; difficoltà nellla comunicazione tra operatori;

7 esagerato ricorso a sigle, acronimi, abbreviazioni spesso non utilizzati con il medesimo significato (ad esempio S può significare sia sostituito sia sospeso ); disomogeneo applicazione delle abbreviazioni di posologia, via, misurazione della prescrizione; ampio utilizzo della generica prescrizione al bisogno senza indicazione della durata, dei limiti posologici e talora neanche del farmaco (ad esempio antipiretico al bisogno); la prescrizione è quasi sempre effettuata con nomi commerciali che sono soggetti a variazioni frequenti o possibili sostituzioni; scarsa consapevolezza sugli eventuali danni al paziente, sulla responsabilità professionale (in particolare il personale infermieristico), sulle ricadute giudiziarie, sulle conoscenze di strumenti atti a migliorare il sistema organizzativo e quindi a evitare gli incidenti. Alla luce delle analisi e delle riflessioni indotte dalla rilevazione degli errori, il gruppo di lavoro ha individuato gli interventi più urgenti e importanti da intraprendere:. realizzazione di un progetto formativo;. descrizione delle fasi del processo del farmaco dalla prescrizione alla somministrazione al fine di attribuire le responsabilità;. utilizzo del prontuario terapeutico presente nel Presidio consultabile in intranet;. revisione o elaborazione di protocolli terapeutici con definizione del principio attivo del farmaco;. elaborazione di un elenco di acronimi e sigle condiviso dai gruppi professionali; 6. applicazione di braccialetto identificativo ai pazienti ricoverati; 7. elaborazione del foglio unico di terapia. Risultati Progetto formativo È stata organizzata una giornata di formazione rivolta a Infermieri, medici, farmacisti, tecnici sanitari del Presidio dal titolo Il rischio clinico: l uso sicuro del farmaco in ospedale, con l obiettivo di: saper governare il processo assistenziale con competenza al fine di evitare eventi avversi (ridurre i danni al paziente); sviluppare conoscenze teoriche e abilità tecniche e pratiche sul tema in questione, adottando metodi e strumenti scientifici indicati dalla professione stessa; migliorare le relazioni fra gli operatori e con l utenza. Si è scelto di associare più professionalità in aula per garantire che già in questa fase di formazione vi sia la possibilità di un confronto diretto tra gli operatori presenti contemporaneamente nei reparti e quindi si possono simulare casi concreti le cui soluzioni siano mediate dai diversi attori. dirigente responsabile Ufficio qualità: concetti base sul clinical governance-risk management, uso e applicazione di metodi e strumenti. direttore sanitario: compilazione e custodia della documentazione sanitaria; medico legale: errori nell uso dei farmaci: ricadute giuridiche; farmacologo: Il rischio da farmaci nella letteratura scientifica; direttore Laboratorio diagnostica: Il laboratorio analisi ed il rischio di errori da farmaci; dirigente area critica: eventi avversi legati all uso dei farmaci in sala operatoria; dirigente oncologo: prevenzione degli errori; farmacista: strategie per migliorare la sicurezza del uso dei farmaci in ospedale; infermiere dirigente: gestione del rischio da farmaco nella continuità assistenziale. Il processo di audit applicato all assistenza infermieristica. Descrizione fasi del processo e attribuzione responsabilità elenco acronimi e sigle Il gruppo di lavoro ha descritto le fasi del processo del farmaco, che sono state condivise con tutto il personale durante le riunioni di équipe; questo ha permesso di rendere consapevoli della complessità del processo stesso, delle ripetute occasioni di errore, chiarendo ruoli e responsabilità delle diverse figure professionali coinvolte. È stata quindi predisposta, verificata e condivisa un istruzione operativa in cui è stato anche inserito un glossario unico delle sigle e degli acronimi da utilizzare in modo omogeneo da tutti i prescrittori. Prontuario terapeutico aziendale Oltre alla giornata formativa che ha sottolineato e ribadito con forza l importanza di utilizzare per le prescrizioni prevalentemente il prontuario terapeutico aziendale, al fine di evitare confusioni e sovrapposizione di farmaci similari, si è provveduto a una verifica su tutti i computer disponibili nei reparti della possibilità di accedere velocemente all area intranet e quindi al prontuario. Il Servizio Farmaceutico ha attivato un sistema di monitoraggio di tutti i farmaci prescritti e ha predisposto una scheda per la prescrizione di farmaci fuori prontuario che deve riportare la motivazione terapeutica. Protocolli terapeutici I protocolli maggiormente utilizzati (antibioticoterapia pre-operatoria, terapia antitrombotica

8 pre-operatoria) sono stati revisionati dai clinici, descritti in procedure specifiche e istruzioni operative (ad esempio gestione del paziente chirurgico), approvati dalla Direzione di Presidio e diffusi al personale medico e infermieristico. Braccialetto identificativo Il braccialetto identificativo è stato assegnato in dotazione ai reparti ed è stato concordato con i coordinatori di non utilizzarlo per i pazienti di day surgery e di day hospital sia per i costi troppo elevati vista la numerosità dei pazienti, sia perché il rischio valutato di errore terapeutico per errore di identificazione del paziente è estremamente basso in quanto il paziente è vigile e cosciente. Si è quindi preferito adottare nell ottica di ottimizzare le risorse e contenere i costi una procedura di controllo verbale dell identità del paziente a ogni somministrazione terapeutica. Foglio unico di terapia La predisposizione di un modello di foglio unico di terapia ha visto il gruppo di lavoro impegnato per alcuni mesi e si è dimostrato il risultato più complesso da raggiungere per difficoltà legate sia alla struttura grafica dello strumento (grandezza, tipologia di carta, spazi di scrittura ), sia all organizzazione assistenziale dei reparti, sia infine e forse è la difficoltà più insormontabile alla cultura e alla prassi consolidata. Dapprima sono stati ricercati in letteratura e in altre realtà operative sul territorio nazionale modelli di fogli unici già in uso; successivamente è stata predisposta una prima bozza, poi sottoposta in più riprese alla valutazione di un gruppo allargato di operatori dei reparti. Quando si è giunti a una sufficiente condivisione di un modello è stata effettuata una sperimentazione in due reparti (Medicina e Chirurgia generale) che ha permesso di evidenziare ulteriori punti critici e di apportare le ultime modifiche. Conclusioni Il cambiamento degli ultimi anni ha reso più complesso garantire all utenza una risposta efficace ed efficiente, se non altro per il fatto che il cittadino ha diritto di essere informato su tutte le pratiche assistenziali a cui viene sottoposto. La macchina organizzativa è sempre più burocratizzata, le risorse sono ridotte, viene chiesto agli operatori di saperle utilizzare in modo appropriato. Gli elementi professionali legati allo sviluppo di pratiche definite di buona qualità che prevengono o riducono la situazione di rischio sono oggi fondamentali, sia per il fenomeno degli errori, che influisce sul buon andamento del processo curativo, sia per l evidente ricaduta sui costi che l intero sistema deve reggere nel caso di fenomeni di malpractice. In tale logica, il concetto di responsabilità dei professionisti diventa pregnante, per dimostrare, anche attraverso l outcome, che hanno agito secondo le regole di buona pratica. L esperienza è attualmente in corso e si sta dimostrando interessante e stimolante non solo per il gruppo di progetto ma anche per il personale man mano che viene coinvolto nelle attività. La metodologia adottata nell affrontare il problema ha favorito una migliore modalità relazionale e di approccio organizzativo tra infermieri e medici. La prima fase ha fornito alla Direzione sanitaria e infermieristica una conoscenza dello stato dell arte illustrata dagli stessi attori dell assistenza e ha permesso di ottenere un analisi dei rischi puri o potenziali. Non è facile definire i migliori percorsi assistenziali, le migliori best practices infermieristiche e risulta difficile prevedere quale sarà l impatto sull organizzazione dall attivazione del progetto formativo alla sperimentazione sul campo. Sin dalle fasi iniziali del progetto, è stata indicata come prioritaria una trasformazione culturale intesa ad abbandonare l atteggiamento assunto sinora di fronte all errore clinico: si risolve normalmente nell individuazione di eventuali provvedimenti sanzionatori e nel sostanziale occultamento dell errore per passare a un atteggiamento aperto e proattivo che consiste nel prevedere e prevenire, per quanto è possibile, gli incidenti e i danni prima che succedano. Dopo la fase formativa e con la compiuta realizzazione del progetto, sarà possibile diffondere fra tutti gli operatori la cultura della gestione del rischio sanitario, prevenire gli incidenti in ambito clinico e ridurre i danni derivati ai pazienti. Bibliografia di riferimento Allnutt MF. Human Error: models and management. BMJ ; : Anon. Guidelines for managing risk in healthcare. Sidney, Australian/New Zeland Hand-book. Standards Australia International. Benci L. Commento alla Sentenza 878/ Corte Cassazione Roma. Rivista di Diritto delle Professioni Sanitarie ; (): -. Cadamuro Morgante M, Pavan G. Risk management sulle registrazioni e sulle documentazioni infermieristiche. Management infermieristico ; : -. Censis. Rischi ed errori nella sanità italiana, la gestione delle responsabilità nelle politiche assicurative per la salute, realizzata con la collaborazione Assomedico. Roma, Censis, ; -. Cinotti R. La gestione del rischio. In: Grilli R, Taroni F. Governo Clinico. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore,.

9 Corvino GP. Il Risk Management: obiettivi, struttura logica e processi. In: Forestieri G. (a cura di). Risk Management, strumenti e politiche per la gestione dei rischi puri dell impresa. EGEA, Milano, 996, pp.. Cosmi L, Fidani S, Palermi MG. Un indagine sulla diffusione di sistemi di Risk Management nelle aziende sanitarie. Il caso della Regione Marche, Mecosan ; :. Del Vecchio M (a cura di). Il risk management nelle aziende sanitarie. Lisa Cosmi, McGraw-Hill, Milano,. Dickson G. Principles of Risk Management. Quality in Health care 99; : Forestieri G. Lo sviluppo del Risk Management. Condizioni, limiti, opportunità per le imprese e per il mondo assicurativo. In: Forestieri G (a cura di). Risk Management, strumenti e politiche per la gestione dei rischi puri dell impresa. EGEA, Milano, 996, pp. -. Gianino MM, Borghese R, Russo R. Risk Management: dalle imprese alle aziende sanitarie. Sistemi & Impresa ; -. Gilardoni A. La protezione aziendale, impostazione strategica e gestionale. EGEA, Milano, 99. Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizzation (JCAHO). Revision to Joint Commission standards in support of patient safety and medical/health care error reduction. JCAHO, OakBrook Terrace,. Kramen SS, Hamm G. Risk Management: extreme honesty may be the best policy. Annal Intern Med 999; :96-7. Lifelong Learning and Lifewide Learning. Agenzia nazionale dell educazione, Stoccolma,. Mills DH, von Bolschwing GE. Clinical Risk Management: esperiences from the United States. Quality in Health Care 99; : Moss F. Risk Management and quality of care. Quality in Health Care 99; : -7. Murphy A, Priestley R. Controls assurance e Risk Management nell ambito del National Health Service. Mecosan ; 9: 7-8. Ovretveit J. Lacune nella sicurezza sanitaria. Una revisione della letteratura. QA ;, : 7-8. Pisani R. Il processo di gestione: le politiche di finanziamento del rischio. In: G. Forestieri (a cura di). Risk Management, strumenti e politiche per la gestione dei rischi puri dell impresa. EGEA, Milano, 996, pp Reason JT. Diagnosis vulnerable system syndrome : an essential prerequisite to effective risk management. Quality in Health Care; ; : -. Reason JT. Convegno La gestione del Rischio nelle organizzazioni sanitarie. Firenze, gennaio. Rugiadini A. Organizzazione d impresa. Giuffrè ed. Milano, 979. Runciman WB. Lessons from the Australian, Patient safety foundation. Setting up a national patient safety surveillance system is this the right model? Quality & Safety in Health Care, ; : 6. SAI. Standards Australia, leader nel Risk Management. U&C ;. Sanz C. Disegno di un programma di Risk Management. CQI 998;. Tousijn W. Le professioni sanitarie: per un rinnovamento della logica professionale. Economia e Lavoro ; 7. Walshe K. Adverse events in health care: issues in measurement. Quality in Health Care ; 9: 7-. Wilkinson AP. Nursing malpractice. Nursin Library, Issue: June 998, in Com, 998. Wolff AM et al. Detecting and reducing hospital adverse events: outcomes of the Wimmera clinical risk management program. MJA ; 7: 6-6. Abstract This article presents an analysis of the errors made in the prescription and administration of medicinal products in surgical and medical wards at Evangelico Valdese Hospital, managed by Turin Local Health Authority. An initial phase involving the identification of errors in a sample of medical records was followed by the planning and implementation of a number of corrective actions, chosen for their feasibility and impact. After a training day, a number of work tools were devised and introduced into everyday practice. The single therapy sheet and operating instructions for the management of the medicine prescription and administration process were the two cornerstones of the change. The fact that they were actively and extensively implemented favoured introduction and acceptance by all medical and nursing staff.

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Software di supporto alla presa in carico integrata

Software di supporto alla presa in carico integrata Software di supporto alla presa in carico integrata 1 Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana L ambulatorio Pro-Attivo Il CCM in Toscana altre figure coinvolte nella presa in carico integrata

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management SISTEMA INCIDENT REPORT ING P001/S501 rev data note 0 01/12/12 Prima emissione 1 11/9/2015 Adeguamento a format aziendale REDAZIONE VERIFICA

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa

Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa Progetto Gestione Rischio Clinico ASL 3 Bassano del Grappa L ULSS 3 ha sviluppato, a partire dal 2009, un modello organizzativo finalizzato a migliorare la sicurezza del paziente; il punto di partenza

Dettagli

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup.

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup. La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna Agenda Il rischio in sanità: specificità Conseguenze economiche e assicurative Premesse

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 di Simona Ghigo, SC Direzione Sanitaria Presidio Savigliano Saluzzo, ASL CN1; Guido Cento, SC Ufficio Qualità Integrato

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano Dott. Giorgio Magon 1856 Organizzazione scientifica del lavoro 2010 2014 La progettualità in I.E.O. Fase 2: Analisi Benchmarking

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

1 Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del malato Coordinamento nazionale Associazioni Malati Cronici

1 Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del malato Coordinamento nazionale Associazioni Malati Cronici 1 Cittadinanzattiva Tribunale per i diritti del malato Coordinamento nazionale Associazioni Malati Cronici 2 Parere per la consultazione pubblica avviata dalla Direzione Generale Impresa e Industria (Commissione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Accenture negli anni ha sviluppato un importante presenza in

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena. Francesca Novaco

La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena. Francesca Novaco La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena Francesca Novaco I principi Attenzione alla sicurezza del paziente Il governo clinico La concezione organizzativa dell errore Le linee di azione 1. Il

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI In base alla delibera della Giunta Regionale N 225 del 3/4/2006, la direzione sanitaria

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale MARCO GANASSI AZIENDA OSP.REGGIO EMILIA ANIMO - BOLOGNA 17MAGGIO 2010 1 CONTESTO ASSISTENZIALE Si possono individuare 3 attori: UTENTE PROFESSIONISTA

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi Genova 28/11/2012 Avv. Tiziana Rumi 1 Decreto Balduzzi: D.L. 13/09/12 n. 158 (C.5440 del 13.09.12) ART. 3-bis (Unità di risk management, osservatori per il monitoraggio dei contenziosi e istituzione dell'osservatorio

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena Francesca Novaco Bologna 25 Maggio 2006 L azienda Usl di Modena 47 Comuni in provincia di Modena 2.690 Kmq la superficie della provincia

Dettagli

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 la L. 24.11.2003 n. 326. PUBBLICITÀ PRESSO I MEDICI,

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE ott - dic 2013 1 In linea con quanto indicato nel Piano di Previsione delle attività di Clinical Risk Management relative all anno

Dettagli

C.I. IN SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI SANITARI DOTT.SSA G. DE AMICIS

C.I. IN SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI SANITARI DOTT.SSA G. DE AMICIS Corso di laurea specialistica in scienze infermieristiche e ostetriche C.I. IN SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI SANITARI DOTT.SSA G. DE AMICIS Contenuti Organizzazione del lavoro: approcci

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery. Francesca Lecci

SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery. Francesca Lecci SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery Francesca Lecci 1 Agenda 1. Premessa 2. L azione sui ricavi 3. L azione sui costi 4. Conclusioni Agenda 1. Premessa

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA INDICE AMBITO LEGALE-REGOLATORIO-CLINICO PAG. 2 AMBITO FORMATIVO-CULTURALE-ORGANIZZATIVO PAG. 3 FINANZIAMENTO E RIMBORSABILITÀ DELLE PRESTAZIONI PAG. 4

Dettagli

I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi

I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi Roma ISS 18-19 19 Febbraio 2008 Nicoletta Musacchio In questo sistema complesso: tre gli elementi imprescindibili

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

Quality e Risk Management

Quality e Risk Management Lo sviluppo della funzione di Quality e Risk Management nell ASL di Cagliari i Dott.ssa Rita Pilloni Cagliari i 18 marzo 09 La funzione di gestione dei rischi e patient safety nell Asl di Cagliari Direzione

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA

SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA Allegato A SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA Paragrafo 1 Introduzione La Regione Toscana organizza un Sistema Regionale di Farmacovigilanza sui Farmaci

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli