GRUPPO DI LAVORO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ORDINE REGIONALE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO DI LAVORO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ORDINE REGIONALE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA"

Transcript

1 GRUPPO DI LAVORO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ORDINE REGIONALE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA Premessa e quesito: Un collega del territorio bergamasco ha posto all Ordine un lungo, articolato e complesso quesito sul tema dell Amministrazione di Sostegno che può essere così riassunto in sintesi: - Molte nomine di AdS sono attribuite a Sindaci e / o responsabili dei servizi sociali, ma è l assistente sociale che svolge le funzioni di AdS ed esercita di fatto questo ruolo provvedendo a tutti gli adempimenti amministrativi, fiscali e pratici: è legittima questa delega di funzioni? - Quale responsabilità ha l assistente sociale che si trova ad interpretare ruoli diversi, contraddittori e a volte conflittuali intervenendo su persone con problemi di natura economica, di conflitti fra e con i parenti, di processi in corso, patrimoni mobiliari e immobiliari da gestire. - Come considerare e come porsi nei casi in cui l interesse della persona potrebbe confliggere con l interesse dell Ente o del Servizio che è datore di lavoro dell assistente sociale? - È corretto che il ruolo di AdS conferito ai Sindaci venga da loro svolto attraverso il conferimento delle funzioni agli Assistenti Sociali che già hanno in carico la persona come utente dei servizi? Risposta dell Ordine: Il quesito posto all Ordine ha offerto l occasione di un approfondimento della materia. La risposta è stata elaborata grazie alla collaborazione tra Gruppo consigliare sull Amministrazione di Sostegno (referente A.S. Daniela Polo - esperta sui temi della disabilità e della protezione giuridica delle persone fragili, già consulente dell Associazione Oltre Noi la vita ( ), membro del gruppo di conduzione del Progetto regionale Amministratore di Sostegno ( ) e autrice di COSA SAPERE SULL AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO - Erickson editore) e Gruppo consigliare Osservatorio Deontologico Regionale (referente A.S. Marilena Dorigo -). Il dato di partenza è la complessa situazione in cui si trovano molti Assistenti Sociali, spesso operativi in piccoli comuni, che dopo aver rilevato i fatti e le ragioni che rendono opportuna l attivazione di un ricorso per la nomina di un Amministratore di Sostegno (AdS) per un utente in carico, si trovano a seguire prima l iter del ricorso e poi, quando il ruolo di AdS viene attribuito al Sindaco, si trovano a doverne svolgere le funzioni su mandato, e talvolta delega, del Sindaco stesso. Chi pone la domanda rileva in questa procedura un elusione del dettato normativo e, sollevando i temi della legittimità, della responsabilità e del conflitto d interesse, chiede all Ordine degli Assistenti sociali di 1

2 Lombardia indicazioni sul corretto modo di agire quando le funzioni vengono attribuite all operatore che ha in cura o in carico l utente stesso. Si ritiene opportuno richiamare in premessa l art. 406 c.c. 1 che identifica i soggetti legittimati a presentare il ricorso per la nomina di un AdS: oltre ai parenti (coniugi, genitori, figli, nonni, zii e cugini) e agli affini (nuore, generi e suoceri) sono legittimati a promuovere il ricorso la persona stabilmente convivente, il tutore o curatore, il Pubblico Ministero ed i responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza della persona: i responsabili dei Servizi sanitari e sociali, sia pubblici che privati, hanno pertanto l obbligo all azione quando sono messi a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l'apertura del procedimento per la nomina di un AdS. La legge 6/2004 con questa disposizione dà piena applicazione dell art. 2 della Costituzione 2 che sancisce il dovere dello Stato di garantire a tutti la salvaguardia dei diritti inviolabili. Per proteggere i soggetti deboli lo Stato interviene solitamente con l organizzazione di Servizi che perseguendo gli interessi del singolo tutelano anche quelli generali di tutti i cittadini; oggi, garantendo la rappresentanza giuridica delle persone fragili, consente ad ogni cittadino il pieno accesso ai propri diritti e garantisce a tutti i cittadini le medesime effettive opportunità. Il dovere al sostegno da parte dello Stato e il diritto al sostegno del soggetto fragile trovano attuazione e compimento nel complesso dei doveri del singolo operatore che deve intervenire con tutti gli strumenti connessi all esercizio del proprio ruolo, e nel complesso dei doveri dei responsabili dei servizi che per effetto della legge 6/2004 dovranno promuovere l azione giuridica di tutela per le persone che non hanno parenti in grado di provvedervi. Di conseguenza potrebbe divenire penalmente rilevante e sanzionabile sia il comportamento omissivo dei responsabili dei Servizi socio-sanitari (senza distinzione tra servizi pubblici o privati ugualmente chiamati agli stessi doveri), sia il comportamento omissivo individuale degli operatori quando, a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del procedimento di Amministrazione di Sostegno, non segnalano tali fatti ai propri responsabili, danneggiano con ciò il soggetto fragile (l assenza di rappresentanza giuridica pone limiti per l accesso ai diritti, ostacola o impedisce la cura e la gestione degli interessi personali). L art. 406 c.c. esplicita che l obbligo all azione si attiva quando i responsabili dei servizi sanitari e sociali sono a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l'apertura del procedimento di amministrazione di sostegno (tra questi fatti va compresa l assenza di parenti in grado di presentare un ricorso). Quale metodologia d intervento, per un Assistente Sociale, è dunque adeguata? Una corretta applicazione della legge 6/2004 porta ad individuare le seguenti fasi: raccolta individuazione e analisi dei fatti che rendono opportuno il ricorso per la nomina di un AdS 1 Art (Soggetti). Il ricorso per l istituzione dell amministrazione di sostegno può essere proposto dallo stesso soggetto beneficiario, anche se minore, interdetto o inabilitato, ovvero da uno dei soggetti indicati nell articolo 417. Se il ricorso concerne persona interdetta o inabilitata il medesimo è presentato congiuntamente all istanza di revoca dell interdizione o dell inabilitazione davanti al giudice competente per quest ultima. I responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza della persona, ove a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l apertura del procedimento di amministrazione di sostegno, sono tenuti a proporre al giudice tutelare il ricorso di cui all articolo 407 o a fornirne comunque notizia al pubblico ministero. 2 Art. 2 - La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. 2

3 verifica dell esistenza di parenti legittimati e in grado di agire, ed eventuale loro supporto per renderli capaci di effettuare un ricorso adeguato, individuazione di eventuali conflittualità tra i parenti prima dell avvio del ricorso, individuazione dell Amministratore di Sostengo che dovrà essere nominato laddove è possibile, segnalazione ai responsabili dell opportunità dei promuovere il ricorso quando i legittimati non ci sono, non sono in grado di agire o non è opportuno che agiscano, supporto tecnico al responsabile del servizio per la redazione del ricorso, presenza in udienza su convocazione del Giudice, consulenza e/o eventuale supporto alla famiglia per la gestione del ruolo di AdS, se deontologicamente compatibili con l interesse del beneficiario. Se l Assistente Sociale valuta la necessità di un ricorso d ufficio comunica al proprio responsabile i fatti che lo rendono opportuno, e i Responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza della persona sono tenuti a proporre ricorso per la nomina di un AdS al Giudice Tutelare (o a fornirne notizia al pubblico ministero). Si noti come la legge identifichi con chiarezza chi è obbligato all azione, ovvero i Responsabili dei servizi direttamente impegnati nella cura e assistenza, senza identificare prevalenza alcuna tra servizi pubblici o privati o tra servizi sociali e sanitari, ma chiamando tutti alla medesima responsabilità. Questi soggetti non devono però ignorare il dovere primario della famiglia e dei parenti ed è bene avvertano l obbligo di farsi parte attiva per sollecitare le loro responsabilità, considerando l azione d ufficio solo dopo attenta valutazione dei fatti che determinano la necessità d agire. L applicazione della legge 6/2004 interviene sul modus operandi degli operatori sociali dettando obblighi e responsabilità da cui discendono anche linee d intervento sociale nuove che trovano nell azione preventiva l intervento più consono a contrastare le problematicità che l amministrazione di sostegno presenta oggi. Tra queste si possono comprendere: l opportunità che gli enti organizzino servizi di supporto e consulenza per le famiglie al fine di incrementare le loro competenze e favorire la presentazione del ricorso per la nomina dell AdS da parte dei parenti e degli affini così da contenere il più possibile i ricorsi d ufficio, che si trasformerebbero facilmente in gestioni d ufficio dell amministrazione di sostegno, l organizzazione azioni di sensibilizzazione e di formazione del volontariato per reperire e formare persone idonee per il ruolo di AdS e che il Giudice Tutelare ha facoltà di nominare ex art. 408 c.c. 3 onde evitare, per quanto possibile, che i Giudici nominino il Sindaco quando non ci sono famigliari in grado di ricoprire questo ruolo, 3 Art (Scelta dell amministratore di sostegno). La scelta dell amministratore di sostegno avviene con esclusivo riguardo alla cura ed agli interessi della persona del beneficiario. L amministratore di sostegno può essere designato dallo stesso interessato, in previsione della propria eventuale futura incapacità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata. In mancanza, ovvero in presenza di gravi motivi, il giudice tutelare può designare con decreto motivato un amministratore di sostegno diverso. Nella scelta, il giudice tutelare preferisce, ove possibile, il coniuge che non sia separato legalmente, la persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio o il fratello o la sorella, il parente entro il quarto grado ovvero il soggetto designato dal genitore superstite con testamento, atto pubblico o scrittura privata autenticata. Le designazioni di cui al primo comma possono essere revocate dall autore con le stesse forme. Non possono ricoprire le funzioni di amministratore di sostegno gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario. Il giudice tutelare, quando ne ravvisa l opportunità, e nel caso di designazione dell interessato quando ricorrano gravi motivi, può chiamare all incarico di amministratore di sostegno anche altra persona idonea, ovvero uno dei soggetti di cui al titolo II al cui legale rappresentante ovvero alla persona che questi ha facoltà di delegare con atto depositato presso l ufficio del giudice tutelare, competono tutti i doveri e tutte le facoltà previste nel presente capo. 3

4 la promozione e la gestione di elenchi di persone idonee, favorendo quando più possibile l adesione consapevole del candidato AdS al progetto di tutela della persona fragile, la promozione della collaborazione sussidiaria con organizzazioni del territorio che potrebbero per loro natura e mission gestire servizi di prossimità, vicinanza, cura e gestione degli interessi delle persone fragili (I comma art. 408) nel rispetto delle loro aspirazioni (I comma art. 410 c.c. 4 ). La legge 6/2004 è molto chiara quando afferma che non possono ricoprire le funzioni di AdS gli operatori dei servizi pubblici o privati che hanno in cura o in carico il beneficiario (III comma art. 408): non solo questi operatori sono esclusi dalla possibilità di essere nominati AdS, ma è improprio ed illegittimo anche il loro utilizzo quando il ruolo di AdS viene attribuito dal Giudice al responsabile legale dell ente. La ratio di questa norma sta nella possibile conflittualità tra i diversi ordini di interesse: quelli del beneficiario, quelli dell ente che fornisce i servizi dallo stesso fruiti, quelli dell operatore triangolato tra doveri diversi verso l ente da cui dipende e verso il cittadino che ha in cura o in carico (occorre ricordare che i bisogni più frequenti che affronta un AdS sono la scelta della struttura/servizio più idoneo, la partecipazione al costo del servizio, la tutela dei diritti del beneficiario che passa anche attraverso la verifica dell idoneità e della adeguatezza della struttura/servizio rispetto ai suoi specifici bisogni, l interlocuzione attiva con le istituzioni, ecc ) La delega da parte dei responsabili legali degli enti di compiti e funzioni di AdS all Assistente Sociale crea i presupposti di un atteggiamento di conflitto deontologico per gli Assistenti Sociali (codice deontologico assistenti sociali, Titolo III - Responsabilità dell'assistente sociale nei confronti della persona utente e cliente) che si trovano stretti tra la responsabilità verso l ente e quella verso l utente, oltre alla necessità di evitare all ente stesso ulteriori aggravi di impegno in tempi di contenimento della spesa pubblica. Parimenti, per evitare l aggravio delle competenze, i responsabili dei servizi potrebbero essere indotti ad esitare nell attivazione dei ricorsi per la nomina di AdS. E tutto ciò in pieno contrasto con il dettato normativo. Altra questione posta è la capacità tecnica degli assistenti sociali di affrontare la complessità dei compiti dell AdS. Qui vanno richiamati l art e 349 del c.c. 6 che si applicano anche all AdS e che indicano le sole caratteristiche di retta condotta, fedeltà e diligenza, senza l individuazione di alcuna capacità tecnica che porta a ritenere la normale diligenza del padre di famiglia come utile per questo ruolo (l AdS potrà avvalersi di servizi e professionisti quando necessari per compiti complessi, e previa autorizzazione del giudice) aspetti che nuovamente configgono con le carene di risorse degli enti in questa fase di crisi economica. 4 Art (Doveri dell amministratore di sostegno). Nello svolgimento dei suoi compiti l amministratore di sostegno deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario. L amministratore di sostegno deve tempestivamente informare il beneficiario circa gli atti da compiere nonchè il giudice tutelare in caso di dissenso con il beneficiario stesso. In caso di contrasto, di scelte o di atti dannosi ovvero di negligenza nel perseguire l interesse o nel soddisfare i bisogni o le richieste del beneficiario, questi, il pubblico ministero o gli altri soggetti di cui all articolo 406 possono ricorrere al giudice tutelare, che adotta con decreto motivato gli opportuni provvedimenti. L amministratore di sostegno non è tenuto a continuare nello svolgimento dei suoi compiti oltre dieci anni, ad eccezione dei casi in cui tale incarico è rivestito dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dagli ascendenti o dai discendenti. 5 Art Scelta del tutore..omississ In ogni caso la scelta deve cadere su persona idonea all ufficio, di ineccepibile condotta omissis 6 Art Giuramento del tutore Il tutore, prima di assumere l ufficio, presta davanti al giudice tutelare giuramento di esercitarlo con fedeltà e diligenza. 4

5 Ciò detto la figura dell assistente sociale è tra le più adeguate ad esercitare il ruolo di AdS, purché sia svincolata da doveri primari verso l ente datore di lavoro e posta in una condizione neutra per poter tutelare pienamente gli interessi di cura, di vita e patrimoniali del beneficiario. Quale via è identificabile perché un istituzione possa assolvere al ruolo di AdS nel pieno rispetto della legge 6/2004 che consente al suo rappresentante legale di delegare uno dei propri membri a esercitare le funzioni di tutela? Senza aver la pretesa di fornire soluzioni definitive è possibile proporre alcuni percorsi incontrati o sperimentati nell ambito del Progetto regionale AdS (e in parte utilizzati dalla Regione per definire le Linee di indirizzo per gli Uffici di protezione Giuridica (DGR N XI/ 4696 del ): individuare nell ambito dell organico dell ente operatori diversi da coloro che hanno in cura o in carico il beneficiario. Rappresentandolo solo giuridicamente, possono farsi portavoce dei suoi bisogni e delle sue aspirazioni relazionandosi con gli Assistenti Sociali che curano gli interventi nell ambito del suo progetto di vita. Gli enti potrebbero organizzare un proprio servizio di protezione giuridica anche in forma associata (ruolo degli Uffici di Piano). Così operando non è risolto il conflitto d interesse perché qualsiasi dipendente ha in via prioritaria obblighi verso il proprio datore di lavoro; utilizzare la via prevista dall ultimo comma dell art. 408 c.c. 7 ovvero reperire persone idonee utilizzando allo scopo strumenti di sensibilizzazione e di formazione. Come si è detto: è consigliabile predisporre elenchi con appositi regolamenti in collaborazione coi Giudici che se ne avvarranno per la nomina le garanzie necessarie; utilizzare la medesima disposizione della legge ed identificare sul territorio associazioni o fondazioni, stabilendo con esse accordi convenzionali, per conferire a loro il mandato di svolgere le funzioni di AdS nei casi in cui permane la responsabilità in capo al responsabile legale dell ente pubblico. E possibile anche segnalare al Giudice la convenzione fatta con l Associazione per consentire al Giudice di nominare direttamente il rappresentante legale dell associazione stessa, ma dovrà essere posta molta attenzione sui termini e soprattutto sulla durata dell accordo. Lo stato dell arte attuale non consente di proporre soluzioni certe e definitive, ma va sottolineato l ampio dibattito in corso, teso ad identificare il modo migliore per affrontare le ricadute che la legge 6/04, una legge di alto e indubbio valore etico, ha sulle famiglie, sui servizi pubblici e privati e nel settore non profit. Per il rafforzamento e radicamento del Sistema di Protezione Giuridica dovrà maggiormente affermarsi questa nuova cultura, dovranno aprirsi interlocuzioni istituzionali, dovranno generarsi cooperazioni e accordi e, non ultimo, dovranno essere reperite e destinate risorse. E di tutta evidenza che le vie sono solo tracciate e perciò non immediatamente percorribili, ma l impianto del Sistema per garantire il diritto alla rappresentanza giuridica a tutte le persone fragili è ormai stabilito e chiaro, così come sono chiari e definiti i compiti, i ruoli e le responsabilità dei diversi protagonisti. 7 art. 408 c.c. ultimo comma il giudice tutelare, quando ne ravvisa l opportunità, e nel caso di designazione dell interessato quando ricorrano gravi motivi, può chiamare all incarico di amministratore di sostegno anche altra persona idonea, ovvero uno dei soggetti di cui al titolo II al cui legale rappresentante ovvero alla persona che questi ha facoltà di delegare con atto depositato presso l ufficio del giudice tutelare, competono tutti i doveri e tutte le facoltà previste nel presente capo 5

FINALITA DELLA LEGGE finalità

FINALITA DELLA LEGGE finalità FINALITA DELLA LEGGE Art. 1 La presente legge ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell'espletamento

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela

La solidarietà nei rapporti di stretta parentela CONVEGNO MODENA (19 MAGGIO 2017) LA PATRIMONIALITA SFUGGENTE La solidarietà nei rapporti di stretta parentela Avv. Giuseppe Mazzucchiello 1 CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? RAPPRESENTA UN AIUTO PER

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Legge n. 6 del 2004 La legge n. 6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel Codice Civile la figura della AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (titolo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente

IL PROCEDIMENTO. Il Giudice competente IL PROCEDIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Il Giudice competente Giudice Tutelare (art. 405 c.c.) SEZ. DISTACCATA LA PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO MINISTERO È SOLO EVENTUALE LE REGOLE PROCESSUALI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PROFILO GIURIDICO E ASPETTI LEGISLATIVI Avv. Marco Caliandro 26 Gennaio 2013 Corso di Formazione per Amministratori di Sostegno Amministrazione di Sostegno La legge n. 6 del

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno GIROLAMI & ASSOCIATI s.a.s Consulenze aziendali L Amministratore di sostegno Con la legge 9 gennaio 2004, n. 9 è stata istituita nel nostro ordinamento, analogamente a quanto avviene ormai da tempo in

Dettagli

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014

L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore. Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 L'Amministratore di sostegno: L'istituto, il ruolo e il valore Avv. Erica Brindisi 12 dicembre 2014 CODICE CIVILE TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE Artt. 1-13 Art. 1. CAPACITA' GIURIDICA La capacità giuridica

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 6

Legge 9 gennaio 2004, n. 6 Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all istituzione dell amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

INDICE. PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA

INDICE. PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA INDICE Prefazione.... VII PARTE I BREVE SINTESI IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO, POTESTAv, TUTELA E CURATELA 1. La capacità giuridica e la capacità di agire... 3 2. Il procedimento di amministrazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV Legge 9 gennaio 2004 n. 6 375 B Attesto che la 2ª Commissione permanente (Giustizia), il 22 dicembre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa dei senatori

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO PRESIDIO OSPEDALIARO RIABILITATIVO B.V.CONSOLATA FATEBENEFRATELLI SAN MAURIZIO CANAVESE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO ASSISTENTE SOCIALE MARIADONZELLA A chi è rivolta la nuova legge istitutiva dell Amministratore

Dettagli

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia

L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Dalla tutela alla promozione dei Diritti L amministratore di Sostegno nella provincia di Pavia Le cose da sapere L amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di Sostegno (AdS) è stata introdotta

Dettagli

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE

LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE N. 6 DEL 2004: PASSATO, PRESENTE E FUTURO AVV. FULVIO LUZZI CONTI FORO DI UDINE LA LEGGE 9 GENNAIO 2004, N. 6 Ha introdotto al Libro Primo nel Codice Civile mediante la cd. Tecnica della novella

Dettagli

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno

Avv. Francesca Vitulo. L abc dell Amministrazione di Sostegno via Tiarini, 22 40129 Bologna tel 051 587 38 37 fax 051 587 38 39 Un futuro sereno per gli adulti con disabilità www.dopodinoi.org info@dopodinoi.org Avv. Francesca Vitulo L abc dell Amministrazione di

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 23 aprile 2016 Il Giudice Tutelare Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

CHI PUO ESSERE NOMINATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO?

CHI PUO ESSERE NOMINATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? CHI PUO ESSERE NOMINATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? La legge istitutiva dell'amministrazione di sostegno, ispirata dal valore cardine della centralità della Persona, anche in tema di scelta della figura

Dettagli

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento

L AMMINISTRATORE DI. Quadro normativo di riferimento L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Quadro normativo di riferimento a cura di MICHELA SCALCO CHI E L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO? E una sorta di tutore che affianca, nell espletamento delle funzioni di vita quotidiana,

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A D I S E G N O D I L E G G E N. 4298 approvato dalla II Commissione permanente (Giustizia) della Camera dei deputati il 20 ottobre 1999

Dettagli

L Amministratore di sostegno

L Amministratore di sostegno Associazione Famiglie Utenti Psichiatrici L Amministratore di sostegno La figura dell Amministratore di sostegno (A.S.), è stata introdotta con legge 9 gennaio 2004, n. 6. Il Legislatore ha così realizzato

Dettagli

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

INDICE AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO INDICE I AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO I Ratio e presupposti dell amministrazione di sostegno... 3 1.1 Genesi legislativa dell istituto... 3 1.2 La tutela della dignità della persona come criterio guida

Dettagli

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA?

LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Bassano del Grappa, 18 aprile 2008 LE DEMENZE DI GRADO AVANZATO AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, TUTORE o NULLA? Dott. Lorenzo Meloni - Causa - Gravità : quanto vale la demenza? * Valutazione medico legale

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Organizzazione di Volontariato Associazione Crescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Avv. M.T. Bettelli - Avv. A. Caligiuri http://aosp.bo.it/per.crescere

Dettagli

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013

La protezione giuridica delle persone fragili. Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 La protezione giuridica delle persone fragili Dr.ssa Viviana Pecis Cavagna Ufficio Protezione Giuridica ASL Bergamo Redona 19 Novembre 2013 Tre strumenti giuridici Con la a legge n. 6 del 9 gennaio 2004,

Dettagli

Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari

Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari Dipartimento Consiglio Comunale Servizio Segreteria del Consiglio Comunale e Gruppi Consiliari REGOLAMENTO NOMINE, DESIGNAZIONI E REVOCHE DI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE, SOCIETÀ ANCORCHE

Dettagli

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1.

Capo I FINALITA' DELLA LEGGE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1. LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6

HandyLex.org. Legge 9 gennaio 2004, n. 6 HandyLex.org Legge 9 gennaio 2004, n. 6 "Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA ASL DI CREMONA TRIBUNALE DI CREMONA IN TEMA DI PROTEZIONE GIURIDICA

PROTOCOLLO D INTESA TRA ASL DI CREMONA TRIBUNALE DI CREMONA IN TEMA DI PROTEZIONE GIURIDICA Tribunale di Cremona PROTOCOLLO D INTESA TRA ASL DI CREMONA E TRIBUNALE DI CREMONA IN TEMA DI PROTEZIONE GIURIDICA PREMESSO CHE - la Costituzione agli artt. 2 e 3 riconosce e garantisce i diritti inviolabili

Dettagli

Amministrazione di Sostegno

Amministrazione di Sostegno Medaglia d'oro al Valore Civile Amministrazione di Sostegno ISTRUZIONI PER L USO PROVINCIA di CUNEO Ufficio Provinciale Pubblica Tutela Settore Politiche Sociali e per la Famiglia Via XX Settembre, 48

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 PREMESSA La legge 6/2004 che istituisce l Amministratore di sostegno, è stata pensata per rispondere in modo diversificato e finalizzato ai bisogni

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Protocollo d intesa. Premesso

Protocollo d intesa. Premesso Protocollo d intesa tra Comune di Salerno, Tribunale di Salerno, Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Salerno e Cooperativa Sociale La Tavola Rotonda per la diffusione e la promozione dell Istituto

Dettagli

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno

guida alla lettura della legge per poter volare più in alto Progetto Amministrazione di sostegno Lecco l Amministratore di sostegno Progetto Amministrazione di sostegno Lecco una rete di sostegno alla fragilità per poter volare più in alto l Amministratore di sostegno guida alla lettura della legge Ente Capofila Progetto: Federazione

Dettagli

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO

AD UN ANNO E MEZZO DALL APPROVAZIONE: SIAMO ANCORA IN RODAGGIO A cura di Annamaria Cremona* L'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO L'Amministrazione di sostegno è un nuovo istituto che va ad aggiungersi agli altri istituti dell'interdizione e dell'inabilitazione, introducendo

Dettagli

Percorso di formazione per tutori volontari

Percorso di formazione per tutori volontari Percorso di formazione per tutori volontari Luigi Fadiga Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza LA TUTELA DEI DIRITTI DEL MINORE Bologna, 7 maggio 2013 Tutela - molti significati: tutela di beni

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI.

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. PROFILI NORMATIVI E GIURISPRUDENZIALI. www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Alberto Lorenzi Liliana Rullo Tutti i diritti riservati Alberto Lorenzi Liliana Rullo L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti La capacità giuridica è la idoneità a divenire titolari di diritti e di doveri. Nel nostro ordinamento per le

Dettagli

Codice etico. Confartigianato Imprese Varese

Codice etico. Confartigianato Imprese Varese Codice etico Confartigianato Imprese Varese Articolo 1 Finalità e principi... pag. 2 Articolo 2 Imprese associate... pag. 2 Articolo 3 Vertici associativi... pag. 3 Articolo 4 Rappresentanti esterni...

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA NUOVA NORMATIVA SULL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO La legge 9 gennaio 2004, n. 6, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l amministrazione di sostegno, rivolta a quanti «per effetto di una infermità

Dettagli

La corretta operatività bancaria. Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015

La corretta operatività bancaria. Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015 La corretta operatività bancaria a tutela dei soggetti deboli Torino, Palazzo di Giustizia 26 novembre 2015 Amministratori di sostegno in Italia L analisi dei dati nazionali evidenzia una crescita esponenziale

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO

REGOLAMENTO SANITARIO FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY * * * * REGOLAMENTO SANITARIO (approvato dal Consiglio Federale con deliberazione nr. 47 del 13 luglio 2007 e ratificato dalla Giunta Nazionale del CONI con delibera nr. 335

Dettagli

Deposito per l iscrizione dell atto costitutivo di società cooperativa (2523 c.c.)

Deposito per l iscrizione dell atto costitutivo di società cooperativa (2523 c.c.) Deposito per l iscrizione dell atto costitutivo di società cooperativa (2523 c.c.) SOGGETTI OBBLIGATI: il notaio che ha ricevuto l atto costitutivo (atto pubblico) 20 giorni. Se il notaio o gli amministratori

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 2004, n.6

LEGGE 9 gennaio 2004, n.6 LEGGE 9 gennaio 2004, n.6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418,

Dettagli

Page 1 of 12 LEGGE 9 gennaio 2004, n. 6 Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all'istituzione dell'amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388,

Dettagli

Principi di comportamento del Collegio sindacale di società non quotate: Attività del collegio sindacale nella crisi di impresa

Principi di comportamento del Collegio sindacale di società non quotate: Attività del collegio sindacale nella crisi di impresa MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Commissione Procedure Concorsuali (Presidente R. Rordorf) ALLEGATO B Principi di comportamento del Collegio sindacale di società non quotate: Attività del collegio sindacale nella

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SCRITTURA PRIVATA PER LA DELEGA DELLE FUNZIONI DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il sottoscritto nato a.. il, C.F., in qualità di e legale rappresentante pro tempore dell IRCAC -

Dettagli

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO *** Risposta alle domande più frequenti

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO *** Risposta alle domande più frequenti Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO *** Risposta alle domande

Dettagli

LA FIGURA DEL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO:

LA FIGURA DEL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: LA FIGURA DEL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: UN COLLABORATORE INDISPENSABILE PER IL DATORE DI LAVORO Agosto 2008 Presentiamo questo mese un articolo dell'ing.

Dettagli

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO)

(RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) MARCA DA BOLLO (RICORSO PER LA NOMINA DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO) EURO 27.00 Al GIUDICE TUTELARE DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI Il/La sottoscritto/a COGNOME NOME DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA

Dettagli

INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DELLA PROVINCIA PRESSO ENTI, AZIENDE, ISTITUZIONI (Art. 42, c. 2, D.Lgvo n.

INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DELLA PROVINCIA PRESSO ENTI, AZIENDE, ISTITUZIONI (Art. 42, c. 2, D.Lgvo n. INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DELLA PROVINCIA PRESSO ENTI, AZIENDE, ISTITUZIONI (Art. 42, c. 2, D.Lgvo n. 267/2000 Art. 23 c. 2 Statuto Provinciale) ART. 1 Ambito

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa -Legge n. 1966, 1939 - D.P.R. n. 136, 1975 - D. Lgs. n. 88, 1992 - D. Lgs. n. 58, 1998 (Legge Draghi)

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione...

INDICE. Schemi. Prefazione... Prefazione... Schemi p. XV 1 La separazione di fatto (art. 3 l. 898/70)... 3 2A Gli abusi familiari... 4 2B Gli abusi familiari: procedimento... 5 3 Il sequestro dei beni del coniuge allontanatosi dalla

Dettagli

Unioni civili: i principali articoli sui diritti e doveri patrimoniali

Unioni civili: i principali articoli sui diritti e doveri patrimoniali UNIONI CIVILI Nella legge entrata in vigore in Italia rimane l obbligo reciproco all assistenza morale e materiale e alla coabitazione ma viene cancellato l obbligo di fedeltà. Inoltre entrambe le parti

Dettagli

Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/ Napoli tel fax

Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/ Napoli tel fax Avv. Attilio Davide Patrocinante in Cassazione Centro Direzionale Isola E/4 80143 - Napoli tel. 081.5627070 - fax 081.5627069 Spett. le Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Corso Umberto

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 23/10/2014

Diritto commerciale l. Lezione del 23/10/2014 Diritto commerciale l Lezione del 23/10/2014 Capacità e impresa L esercizio dell attività di impresa richiede la piena capacità di agire È possibile l esercizio di attività di impresa -per conto e nell

Dettagli

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE

LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE LIBRO PRIMO: DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I: DELLE PERSONE FISICHE 1. Capacità giuridica. La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2785 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice IOANNUCCI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 FEBBRAIO 2004 Disposizioni in materia di agevolazioni delle pratiche

Dettagli

IL RENDICONTO CONDOMINIALE

IL RENDICONTO CONDOMINIALE IL RENDICONTO CONDOMINIALE 1 LA TENUTA DELLA CONTABILITA La corretta tenuta della contabilità è uno degli obblighi dell amministratore. Tutti i documenti e i registri previsti dalla norma (art. 1130/1130

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Capitolo I PREMESSA INDICE SOMMARIO Parte Prima L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Capitolo I PREMESSA 1. Dall interdizione all amministrazione di sostegno... Pag. 3 2. Appunto metodologico...» 8 3. Difficoltà di applicazione

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Tra. A.S.L. della provincia di Cremona

PROTOCOLLO OPERATIVO IN TEMA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. Tra. A.S.L. della provincia di Cremona Tribunale Ordinario di Crema Comune di Crema Ente Capofila Ambito Distrettuale Cremasco Azienda Speciale Consortile Comunità Sociale Cremasca A.S.L. della Provincia di Cremona PROTOCOLLO OPERATIVO IN TEMA

Dettagli

Studio di consulenza del lavoro il potere disciplinare del datore di lavoro

Studio di consulenza del lavoro  il potere disciplinare del datore di lavoro Studio di consulenza del lavoro www.dercole.org info@dercole.org il potere disciplinare del datore di lavoro Premessa I art. 2106 C.c. prevede che l inosservanza delle disposizioni contenute negli artt.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima GENERALITÀ. Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE INDICE-SOMMARIO Prefazione... xix Parte Prima GENERALITÀ Capitolo I LE FUNZIONI E I POTERI DEL GIUDICE TUTELARE 1.1. L istituzione del giudice tutelare... 3 1.2. La competenza... 6 1.2.1. La competenza

Dettagli

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE

AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE V2 AL TRIBUNALE ORDINARIO DI NOCERA INFERIORE Ricorso per la nomina di amministratore di sostegno AFFARI CIVILI NON CONTENZIOSI DA TRATTARSI IN CAMERA DI CONSIGLIO Il sottoscritto DATI ANAGRAFICI DEL RICORRENTE

Dettagli

GESTIONE DEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Sintesi -

GESTIONE DEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Sintesi - GESTIONE DEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Sintesi - INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PRINCIPI... 2 1 1. INTRODUZIONE FINCANTIERI opera in un quadro di concorrenza leale con onestà, integrità,

Dettagli

Il sottoscritto. nato a ( )il residente in. via tel. cell. grado di parentela. o beneficiario

Il sottoscritto. nato a ( )il residente in. via tel. cell. grado di parentela. o beneficiario TRIBUNALE ORDINARIO DI SIENA Ricorso per amministratore di sostegno Il sottoscritto nato a ( )il residente in via tel. cell. o beneficiario ricorre al Giudice Tutelare per la nomina di un Amministratore

Dettagli

APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01

APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01 APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01 SOMMARIO Art. 1 Scopo e ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Convocazione, voto e delibere dell Organismo pag. 3 Art. 3 Nomina

Dettagli

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 )

Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo XII Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia ( 1 ) Capo I ( 2 ) Dell'amministrazione di sostegno (1) Rubrica così

Dettagli

LINEE GUIDA DEL REGISTRO DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE ( approvate con Determinazione Dirigenziale n. 5680 del 27. 12.

LINEE GUIDA DEL REGISTRO DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE ( approvate con Determinazione Dirigenziale n. 5680 del 27. 12. Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute Direzione U. O. MINORI e FAMIGLIA ALL. A LINEE GUIDA DEL REGISTRO DEGLI AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO DI ROMA CAPITALE ( approvate con Determinazione

Dettagli

5 settembre 2016 CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI

5 settembre 2016 CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI 5 settembre 2016 1. Come si procede ad identificare il numero di professionisti che compongono il Consiglio dell Ordine? E successivamente come

Dettagli

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012

RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE. Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 RAPPRESENTANZA DEL MINORE: TUTORE E CURATORE Ordine Regionale ASSISTENTI SOCIALI Avv. ti Giuseppina Menicucci e Marco Grazioli settembre 2012 1 IL TUTORE Il tutore, come si evince dal testo degli artt.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA TRIATHLON REGOLAMENTO SANITARIO

FEDERAZIONE ITALIANA TRIATHLON REGOLAMENTO SANITARIO FEDERAZIONE ITALIANA TRIATHLON REGOLAMENTO SANITARIO Premessa Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche del Settore Sanitario della FITRI, nel rispetto delle normative nazionali e regionali,

Dettagli

Testo completo del Regolamento sull ordinamento e organizzazione dell Ufficio relazioni con il pubblico URP

Testo completo del Regolamento sull ordinamento e organizzazione dell Ufficio relazioni con il pubblico URP Testo completo del Regolamento sull ordinamento e organizzazione dell Ufficio relazioni con il pubblico URP REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO E ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO URP Art.

Dettagli

Roma 30 Novembre 2011 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità

Roma 30 Novembre 2011 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità REGOLAMENTO O.D.V. ALES Roma 30 Novembre 2011 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità Certificata ISO 9001:2008 Certificata OHSAS 18001:2007 ORGANISMO DI VIGILANZA In osservanza dell art. 6, comma

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO relatore Avv. Annalisa Valgimigli Dati ISTAT in Italia persone disabili: I portatori di handicap sono oltre due milioni e 600 mila su un totale di 57.000.000 di cittadini, di

Dettagli

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze

Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro. Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Il ruolo delle ASL in relazione alla sicurezza e igiene del lavoro Giuseppe Petrioli Direttore Dipartimento di Prevenzione ASL 10 di Firenze Enti preposti al controllo: ASL Azienda USL (Unità funzionali

Dettagli

L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA Dott. Annalisa DE VIVO Diretta 1 dicembre 2008 L AMBITO APPLICATIVO L adeguata verifica è dovuta (art. 16 d.lgs. 231/2007): a) per le prestazioni professionali aventi

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO. Commissione locale per la Formazione

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO. Commissione locale per la Formazione Regolamento 1. Costituzione ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO Commissione locale per la Formazione È costituita presso l ordine degli avvocati di Lagonegro la Commissione locale per la formazione professionale

Dettagli

ASOSTEGNODI UN OPPORTUNITÀ

ASOSTEGNODI UN OPPORTUNITÀ ASOSTEGNODI UN OPPORTUNITÀ ILPREGIONALE Il Progetto è promosso da Fondazione Cariplo, dal Coordinamento regionale dei CSV, dal Comitato di Gestione Lombardia In partnership con Ledha, Oltre Noi la Vita

Dettagli

CODACONS friuli venezia giulia. l amministrazione di sostegno. Cos è

CODACONS friuli venezia giulia. l amministrazione di sostegno. Cos è CODACONS friuli venezia giulia l amministrazione di sostegno Cos è Cos è l amministrazione di sostegno? Il legislatore italiano, dopo un lungo iter, con la legge n.6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO

REGOLAMENTO SANITARIO REGOLAMENTO SANITARIO Premessa Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche del Settore Sanitario Federale, nel rispetto della normativa nazionale e regionale, delle disposizioni del CIO,

Dettagli

Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno

Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno Regolamento del Registro Ambito S4 dei cittadini volontari disponibili a ricoprire l incarico di Amministratore di Sostegno Approvato con delibera del coordinamento istituzionale n. 24 del 22.07.2010 Comuni:

Dettagli

TRA. Il Tribunale per i Minorenni di Milano. Il Tribunale per i Minorenni di Brescia. I Tribunali Ordinari di:

TRA. Il Tribunale per i Minorenni di Milano. Il Tribunale per i Minorenni di Brescia. I Tribunali Ordinari di: TRIBUNALE PER I MINORENNI DI MILANO TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA TRA Il Tribunale per i Minorenni di Milano Il Tribunale per i Minorenni di Brescia I Tribunali Ordinari di: Bergamo - Brescia Busto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO Art. 1 - Competenze La Consulta Comunale del Lavoro è un organo con funzioni propositive e consultive nei confronti della Amministrazione Comunale in materia di politiche

Dettagli

NORME DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI PARTENARIATO

NORME DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI PARTENARIATO NORME DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI PARTENARIATO Pagina 1 di 9 Indice Premessa... 3 1 Oggetto del disciplinare... 3 2 Composizione del Tavolo di Partenariato.... 3 3 Il Presidente...

Dettagli

INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI

INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI 32 INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI AMMINISTRAZIONE 2014-2019 APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 108 REG./59 PROP.

Dettagli

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine 1. COSTITUZIONE E FUNZIONE DEL COMITATO REMUNERAZIONE E NOMINE 1.1 In ottemperanza alle disposizioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... SOMMARIO Presentazione... V CAPITOLO 1 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: LE NUOVE MI- SURE DI PROTEZIONE 1. Introduzione... 1 2. Il lungo cammino verso l introduzione dell amministrazione di sostegno... 3 3.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE PARTITO DEMOCRATICO MONSERRATO

REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE PARTITO DEMOCRATICO MONSERRATO REGOLAMENTO DEL GRUPPO CONSILIARE PARTITO DEMOCRATICO MONSERRATO ART. 1 (Costituzione del Gruppo) 1. Il gruppo è costituito dalle consigliere e dai consiglieri eletti nelle liste elettorali contrassegnate

Dettagli

REGOLAMENTO NOMINE. nelle PARTECIPATE dalla FONDAZIONE

REGOLAMENTO NOMINE. nelle PARTECIPATE dalla FONDAZIONE REGOLAMENTO NOMINE nelle PARTECIPATE dalla FONDAZIONE Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 7 luglio 2014 e modificato dal Consiglio Generale nella seduta del 13 luglio 2015 Pagina 1 di 5 TITOLO

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2015-2016 Lezione del 30 aprile 2016 Il Tribunale Ordinario Docenti: Alessandra Fralleoni

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/2001 SISTEMA DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE APPROVAZIONE 01 06/02/2017 Adozione Amministratore

Dettagli

NOZIONI. Capacità giuridica:

NOZIONI. Capacità giuridica: NOZIONI Capacità giuridica: E l attitudine di un soggetto ad essere titolare di rapporti giuridici. Si acquisisce normalmente con la nascita. Eccezionalmente la legge riconosce tuttavia alcuni diritti

Dettagli

LEGGE 5 GIUGNO 1989, N Artt. 1-4 (...) (2) Art. 5

LEGGE 5 GIUGNO 1989, N Artt. 1-4 (...) (2) Art. 5 LEGGE 5 GIUGNO 1989, N. 219 Nuove norme in tema di reati ministeriali e di reati previsti dall'articolo 90 della Costituzione (1) CAPO I Norme in materia di reati ministeriali Artt. 1-4 (...) (2) CAPO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI RICORSO PER LA NOMINA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI RICORSO PER LA NOMINA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI RICORSO PER LA NOMINA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Il ricorso può essere presentato in proprio o con l assistenza di un legale. Se presentato in proprio, il beneficiario

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SAI NEL SOSTEGNO AGLI AAdS NOMINATI. L esercizio del ruolo di AdS: parte teorica 19/12/2012

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SAI NEL SOSTEGNO AGLI AAdS NOMINATI. L esercizio del ruolo di AdS: parte teorica 19/12/2012 IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SAI NEL SOSTEGNO AGLI AAdS NOMINATI L esercizio del ruolo di AdS: parte teorica 1 DECRETO DI NOMINA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ART. 405 C.C. (emesso dal giudice tutelare

Dettagli

COMUNE DI PAVIA. P.G. n /09 Pavia, 18 dicembre 2009 Bando n. 14/09

COMUNE DI PAVIA. P.G. n /09 Pavia, 18 dicembre 2009 Bando n. 14/09 COMUNE DI PAVIA P.G. n. 27805/09 Pavia, 18 dicembre 2009 Bando n. 14/09 PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE PER LA DESIGNAZIONE DI UN RAPPRESENTANTE DEL COMUNE DI PAVIA NEL CONSIGLIO DI INDIRIZZO DELLA FONDAZIONE

Dettagli

Gli Approfondimenti della

Gli Approfondimenti della Gli Approfondimenti della APPROFONDIMENTO DEL 15/12/2015 Linee guida per la certificazione dei contratti di collaborazione con organi Istituzionali o politici 1 Le ragioni delle presenti linee guida Il

Dettagli

Comune di Brescia. Servizio Tutela. Corso di formazione per Amministratore di Sostegno di Sostegno Progetto AdS Brescia - 20/21.05.

Comune di Brescia. Servizio Tutela. Corso di formazione per Amministratore di Sostegno di Sostegno Progetto AdS Brescia - 20/21.05. Comune di Brescia Servizio Tutela Corso di formazione per Amministratore di Sostegno di Sostegno Progetto AdS Brescia - 20/21.05.2011 L Ufficio Tutela del Comune di Brescia L Ufficio Tutela nasce alla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 09 febbraio 2011

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 09 febbraio 2011 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 09 febbraio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Applicazione dell imposta di bollo alle procure speciali di cui all art. 63 del DPR 600 del 1973 e

Dettagli