INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO"

Transcript

1 INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO Iram Mushtaq, Ostetrica Laura Malgrati, Ostetrica Daniela Calistri INTRODUZIONE: La nascita è di per sé un fenomeno naturale e nella grande maggioranza dei casi non c è bisogno di alcun intervento; ciò che serve è soltanto l osservazione vigile, l appoggio morale e la protezione dalle interferenze degli uomini ( G.J.Kloosterman) Con questo presupposto, lo scopo della mia tesi è offrire un tentativo di riflessione intorno alle modalità di assistenza al parto. La ricerca trova la sua spinta iniziale in studi già svolti nel passato, i quali hanno rilevato la progressiva medicalizzazione del processo della nascita, determinata dall'uso non giustificato di procedure durante il travaglio e il parto. Queste procedure possono disturbare i ritmi ed i tempi insiti nella fisiologia naturale dell'evento nascita e possono rendere necessari ulteriori interventi medici. La conseguenza di ciò può essere quella di alimentare nella donna un bisogno di dipendenza ed un senso di insicurezza, insieme alla sfiducia nelle proprie potenzialità, sia fisiche che psichiche, utili ad affrontare un'esperienza tanto importante, ma anche tanto temuta. Questa ricerca è incentrata sulla manovra di Kristeller, che costituisce un abitudine prettamente italiana e per la quale non vi sono studi sufficienti di valutazione dei suoi benefici e rischi. L obbiettivo principale della mia tesi è quello di capire con quale percentuale si ricorre all impiego di tale manovra, quali sono i possibili rischi e benefici materno-fetali che possono essere determinati dal suo utilizzo e se gli operatori sanitari sono a conoscenza delle complicazioni che potrebbe comportare. Un ulteriore obbiettivo è di confrontare le evidenze scientifiche con la pratica assistenziale, per capire se le raccomandazioni delle linee guida ostetriche sono note agli operatori sanitari, e se vengono messe in pratica assistenziale. Per raggiungere tale scopo sono stati somministrati dei questionari anonimi alle ostetriche e alle donne che hanno avuto un parto spontaneo per via vaginale. Questi questionari hanno dei contenuti complementari che rendono possibile un confronto. I questionari delle ostetriche contenevano delle domande basate sulla conoscenza della tecnica, delle indicazioni, delle complicazioni e sulla percezione dell uso/abuso di tale manovra. Invece i questionari delle donne erano incentrati a porre delle domande a carattere generale, ad esempio sulle modalità e vissuto del parto, quale fosse la posizione assunta, a quelle più specifiche, se è stata praticata la manovra di Kristeller, da chi e quante volte è stata eseguita. Le donne dovrebbero avere l opportunità di prendere decisioni informate sulle cure e trattamenti necessari. Una buona comunicazione tra i professionisti sanitari e la donna è essenziale. Tutte le informazioni fornite dovrebbero essere appropriate e accessibili alle donne, ai loro partner e familiari, prendendo in considerazione ogni bisogno supplementare sia fisico che cognitivo (NICE, Clinical Guideline: Intrapartum care. Settembre 2007). 1

2 LA TECNICA Nella manovra di Kristeller viene applicata una pressione fundica dall operatore tramite l avambraccio sulla parte più alta dell utero in direzione della pelvi formando un angolo di con la colonna vertebr ale materna. La pressione è applicata in concomitanza con la contrazione uterina dall inizio della seconda fase del travaglio (definita come dilatazione completa della cervice uterina associata a sensazione materna di premito) fino all espulsione della testa fetale. La donna deve essere in posizione ginecologica, la pressione sul fondo uterino può essere esercitata con le mani o anche con il braccio e l avambraccio, afferrando in questo caso il bordo del lettino da parto con la mano e circondando col braccio e l avambraccio il fondo dell utero. La pressione deve essere esercitata senza violenza, in modo sincrono con gli sforzi espulsivi della donna, durante la contrazione uterina. Di norma tale manovra non deve essere ripetuta più di 3 o 4 volte. E importante che venga eseguita nell ultima parte del periodo espulsivo, quando la testa fetale si trova al piano perineale, in caso di sofferenza fetale acuta, per esaurimento delle forze materne. LE INDICAZIONI 1)In caso d ipocinesia uterina secondaria, associata ad azione deficiente dei muscoli ausiliari del parto; 2) In caso di sofferenza fetale in avanzato periodo espulsivo 3) In caso di difficoltosa espulsione delle spalle nelle presentazione cefaliche 4) Come intervento coadiuvante in caso di estrazione con il forcipe o con la ventosa. 5) in caso di esaurimento delle forze materne. Le condizioni permettenti sono date dall'assenza di sproporzione feto-pelvica, dall'assenza di ostacoli alla progressione dovuta alle parti molli e dall'assenza di sovra distensione del segmento inferiore. E' necessaria molta cautela in presenza di pregresse cicatrici isterotomiche che potrebbero andare incontro a deiscenza. Infine, è preferibile che la parte presentata abbia raggiunto lo stretto inferiore. Alcune evidenze scientifiche recenti, affermano che non ci sono indicazioni mediche valide per l applicazione della manovra di Kristeller. 1 1 Biomedical Research 2010; 21 (3): Age old practice of Uterine Fundal Pressure in Labor - more risky than beneficial Rajiv Mahendru*, Savita Malik*, Tina Anand** *Department of Obstetrics and Gynecology, M.M.I.M.S.R. Mullana, Ambala, Haryana, India **Consultant Anaesthetist, CH Ambala City,India 2

3 E consigliata a seconda del contesto clinico, ad esempio come intervento coadiuvante al parto operativo (forcipe, ventosa ostetrica); Se la manovra di Kristeller è stata praticata nonostante queste raccomandazioni, deve essere scritta e documentata nella cartella clinica della donna da parte del responsabile (il conteso, le procedure utilizzate e le eventuali difficoltà incontrate.) 2 LE CONTROINDICAZIONI 1) Distocia di spalle: E una complicazione improvvisa, che si verifica durante il parto, caratterizzata dalla mancata espulsione delle spalle dopo la fuoriuscita della testa, di un feto in presentazione cefalica. In altre parole si verifica quando la testa fetale è già disimpegnata e le spalle sono fisse perciò non possono disimpegnarsi. In questo caso bisogna evitare la manovre di Kristeller perchè la pressione sul fondo uterino è associata a un alta percentuale di complicanze neonatali e può esitare in una rottura d utero. 2) Parto gemellare: Nel corso del parto gemellare, sopratutto nell assistenza all espulsione del primo feto, è opportuno non praticare la MK. 3) Placenta previa. 4) Parto vaginale dopo taglio cesareo: Si va ad agire su un utero sottoposto a un precedente intervento, in una fase di periodo espulsivo in cui l utero è molto stanco, di conseguenza si aumenta ulteriormente il rischio di rottura d utero. 5) Inadeguata dilatazione cervicale: E assolutamente vietato l utilizzo della MK prima della dilatazione completa, se tale manovra viene praticata prima della dilatazione completa, comporta gravi complicazioni materno - fetali, in quanto un eccessiva forza impiegata su una bocca uterina non completamente dilatata, comporta delle lacerazioni cervicali e un aumentato rischio di rottura d utero. Invece nel feto una pressione talmente elevata potrebbe causare una emorragia intracranica. 2 HAS / Guidelines Department / January 2007 French National College of Gynaecologists and Obstetricians National Council of Midwives National College of Midwives National Organisation of Midwife Trade Unions 3

4 6) Sproporzione feto-pelvica: E una condizione in cui, lo spazio utile per il passaggio del corpo fetale attraverso lo scavo pelvico è insufficiente, per cui, in altre parole, il feto è più grande di quanto il bacino può permettere. Di conseguenza la progressione della testa fetale è ostacolata a causa della sproporzione tra la testa fetale e la pelvi materna, pertanto l utilizzo della MK in questi casi non può che portare ad esiti disastrosi, la madre incorre il rischio di rottura d utero, fratture ossee, a livello costale, coccigee, e della sinfisi pubica; invece il neonato è a rischio di emorragia endocranica, lesioni a livello del plesso brachiale, frattura della clavicola. 7) Precedente cicatrice uterina. RICERCA SCOPO DELLA RICERCA Lo scopo principale della mia tesi è quello di verificare quali sono i possibili rischi e benefici materni, fetali e neonatali associati all utilizzo della manovra di Kristeller e con quale modalità e frequenza si ricorre all impiego di tale manovra. L interesse per tale argomento nasce dalla consapevolezza che il parto è un evento fisiologico, l ostetrica è la figura principale e deve salvaguardare che tale evento avvenga secondo i criteri della fisiologia. Un ulteriore obiettivo è quello di confrontare le evidenze scientifiche sull argomento con la pratica assistenziale. MATERIALI E METODI DI RICERCA Per l elaborazione di questa tesi sono stati distribuiti dei questionari presso l istituto ostetrico ginecologico Luigi Mangiagalli, nel periodo compreso tra giugno settembre/2010. Sono sati distribuiti 100 questionari alle puerpere, che hanno avuto un parto spontaneo, in prima e seconda giornata, i criteri di inclusione che ho ritenuto importante considerare sono i seguenti: Parto vaginale eutocico Età gestazionale compresa tra 37-41settimane Feto singolo in presentazione cefalica di vertice Assenza di patologia ostetriche materne Assenza di patologie fetali Placenta normalmente inserita I questionari somministrati sono stati compilati insieme alle puerpere, garantendo l anonimato. Successivamente alla compilazione dei questionari sono state consultate le cartelle cliniche delle donne, dalle quali sono stati estrapolati i seguenti dati: 4

5 MATERNI Modalità del parto Durata periodo espulsivo Esecuzione o meno dell episiotomia e la tipologia di episiotomia praticata Presenza o meno della lacerazione e il grado della lacerazione Esecuzione manovra di Kristeller Numero di Kristeller effettuate Motivazione dell impiego MK NEONATALI Peso alla nascita Punteggio di Apgar PH del funicolo Le domande contenute nel questionario indagano sulla: posizione delle donne nel periodo espulsivo, se è stata eseguita la MK, chi era l operatore che l ha eseguita e quante volte è stata praticata, se è stata eseguita l episiotomia, il vissuto personale riguardo al parto in generale, il benessere neonatale subito dopo la nascita. L ultima parte dell elaborato analizza i risultati di un questionario proposto alle Ostetriche della clinica LUIGI MANGIAGALLI ; sono stati consegnati personalmente 60 questionari nei reparti di puerperio e sala parto, di cui sono stati restituiti compilati 35 questionari. Anche questi questionari sono del tutto anonimi, distribuiti nel periodo compreso tra giugno settembre Il contenuto dei questionari è centrato sulla conoscenza della tecnica ed eventuali complicanze materne, fetali e neonatali della manovra di Kristeller, la loro percezione sul vissuto e frequenza nella pratica assistenziale. 5

6 ANALISI DEI DATI RACCOLTI DAI QUESTIONARI SOMMINISTRATI ALLE DONNE: % 87% 8 84% Grafico % Analgesia epidurale 43% 9% Incitamenti a spingere 13% lacerazioni, episiotomia, manovra di Kristeller, neonato sul addome. Il grafico mostra sul totale del campione quante sono le donne che nella clinica L. Mangiagalli hanno avuto: incitamenti a spingere, analgesia peridurale, Tutte queste donne hanno avuto un parto spontaneo vaginale, apparentemente fisiologico, si può notare dal grafico come è alta la percentuale delle donne che hanno avuto un parto medicalizzato. È da evidenziare il fatto che al 48% delle donne è stata praticata la manovra di Kristeller. 2 48%52% Lacerazioni Episiotomia Manovra di Kristeller 16% Neonato sul addome SI NO Grafico Tasso Episiotomia 95,83% 65,38% 34,61% 4,16% Episio No Episio MK Senza MK Questo grafico mette in relazione il numero di episiotomie eseguite con il ricorso alla manovra di Kristeller e quelle praticate senza l utilizzo di tale manovra. È emerso che utilizzando la manovra di Kristeller, si innalza esponenzialmente la percentuale di ricorso all episiotomie, infatti è stata praticata nel 95,83% dei casi nel gruppo di donne con l utilizzo della MK 3 mentre senza l impiego di questa manovra nel 65,83% dei casi si è ricorsi all episiotomia e in una buona percentuale 34,61% dei casi non è stata praticata. 3 per ragioni pratiche si indica manovra di Kristeller come MK 6

7 Ha avuto delle lacerazioni spontanee a livello perineale? Grafico 4 Lacerazioni ,25% ,75% Lacerazioni MK (4) Senza MK (16) No Lacerazioni percentuale di lacerazioni è del 56,25% delle quali la maggior parte sono di primo grado. Il restante 43,75% non ha avuto lacerazioni. Il grafico mostra la percentuale di lacerazioni nei due gruppi, la percentuale di lacerazione nel gruppo con MK, è del 10, in questo gruppo tutte le lacerazioni sono di secondo grado, ciò significa tutte le donne a cui è stata praticata la MK senza aver eseguito l episiotomia si sono lacerate spontaneamente. mentre nel gruppo senza MK la Ha richiesto l analgesia epidurale durante il suo travaglio di parto? Grafico 5 Analgesia peridurale Questo grafico illustra il rapporto tra le donne ,42% 39,58% 51,92% 48,08% che hanno richiesto analgesia peridurale e quelle che non l hanno richiesta in base all impiego o meno della MK. Dal seguente grafico si può vedere che nel gruppo di donne che hanno ricevuto la MK, la 3 percentuale di analgesia peridurale è del 2 1 MK Senza MK SI No 60,42% rispetto al 51,92% gruppo di donne che non hanno avuto la MK.Di conseguenza questo si può dedurre che l analgesia peridurale aumenta la probabilità di ricorso alla MK. 7

8 Nel periodo espulsivo in che posizione si trovava? Grafico ,0 84,62% 0,0 Posizione 15,38% 0,0 0,0 Ginecologica Accovacciata Carponi Altro 0,0 0,0 Il grafico sottostante illustra la posizione assunta dalle donne nel periodo espulsivo, si può notare che la maggior parte delle donne del nostro campione a prescindere dall impiego o meno della manovra di Kristeller ha assunto la posizione ginecologica o litotomica. Nel gruppo di donne che hanno avuto la MK, il 10 delle donne si trovavano in posizione ginecologica, mentre nel gruppo di donne che non hanno avuto la MK 84,62% si trovavano in posizione ginecologica, invece il 15.38% hanno partorito in posizione accovacciata. MK Senza MK Chi era l operatore, che ha eseguito la manovra di Kristeller? Grafico 7 Ostetrica/o 27% Infermiera/e 6% Operatore MK Altro 2% Medico 65% Questo grafico analizza quali sono gli operatori responsabili dell impiego della MK nel campione di donne alle quali è stata praticata. E noto che questa manovra è di competenza medica, ma dalla ricerca emerge che anche altri operatori sanitari l hanno praticata. Precisamente nel 65% dei casi è stato il medico, nel 27% ostetrica/o, nel 6% infermiera/e, nel 2% altro, (notiamo che per un totale di 35% questa manovra non è stata eseguita dal medico). In un caso che rappresenta il 2% nel grafico questa manovra è stata praticata da un papà. Riporto una testimonianza: Donna : mio marito si è messo a spingere da solo sulla mia pancia, poi è arrivato un medico che li ha detto che questa è una manovra che usiamo per facilitare il parto, e poi me la ha fatta anche lui. 8

9 Quante volte è stata praticata tale manovra? Grafico 8 Quattro 23% Numero di volte Altro 4% Tre 13% Due 35% Una sola 25% Il grafico rappresenta il numero di volte che viene impiegata la MK in una contrazione. Questa domanda ha portato gli operatori a riflettere sulla questione, generalmente in una contrazione la donna riesce a fare due spinte efficaci quindi il massimo numero di volte che si può ricorrere a questa manovra in una contrazione è di due volte. Questa è l opzione maggiormente optata, però bisogna valutare che il 23% la impiega quattro volte, il 13% tre volte, il 4% altro. ANALISI DEI DATI RACCOLTI DAI QUESTIONARI SOMMINISTRATI ALLE OSTETRICHE: La tecnica corretta per eseguire La Manovra di Kristeller: Grafico Conoscenza tecnica della MK 6 4 Tecnica corretta Tecnica errata Il grafico indaga sulla conoscenza da parte delle Ostetriche riguardo alla tecnica da applicare per eseguire la manovra di Kristeller, sono state fornite tre opzioni tra le quali bisognava scegliere la risposta esatta: il 4 delle Ostetriche ha dato la risposta corretta, mentre il 6 non conosce la tecnica da impiegare. La risposta maggiormente optata dalle Ostetriche era l opzione A, che prevedeva un angolo di 90 per eseguire la MK, tale angolo necessita di una forza notevolmente superiore a quella applicata con un angolo di Queste risposte sono frutto di ciò che si fa o si vede fare nella pratica assistenziale. 9

10 Quando deve essere eseguita la MK? Grafico Quando eseguire MK? 54% 46% Ris. Esatta Ris. Errata Nel grafico soprastante notiamo qual è la conoscenza delle ostetriche riguardo al momento in cui deve essere impiegata la MK. si può notare che il 46% conosce il momento per ricorrere a tale manovra, mentre un 54% non né a conoscenza. Molte ostetriche ritengono che l inizio del periodo espulsivo coincida con la dilatazione completa, infatti, l opzione maggiormente scelta è proprio quella in cui si sostiene che la MK debba essere impiegata nel periodo espulsivo. Il 54% delle ostetriche non ha dato la risposta più completa e precisa, nonostante tra le possibili risposte fosse presente anche l opzione di ricorrere a tale manovra dal premito incoercibile fino alla espulsione della testa, ovvero la risposta completa e precisa. Quali sono le indicazioni che rendono necessaria l applicazione della MK? Grafico 3 Indicazioni MK 7 66% Per poter impiegare la MK è necessario riconoscere le situazioni in cui si può ricorrere a questa tecnica e quelle in cui è meglio evitarla. 6 Questo grafico illustra che: il 66% delle % ostetriche non conosce le indicazioni d applicazione di tale manovra, solo un 34% ha dato la risposta esatta. 3 2 Questo dato è abbastanza allarmante, in quanto, se non si conoscono le indicazioni d applicazione di questa manovra, molte volte si 1 ricorre a questa tecnica senza necessità, Ris. Esatta Ris. Erratta esponendo a dei rischi inutili la madre e il feto. 10

11 Con l uso di MK si evitano parti operativi? 5 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% Si evitano parti operativi con la MK? 46% 37% 17% Si No Non so Grafico 4 E noto che la MK è un intervento coadiuvante al parto operativo, anzi possiamo dire che l utilizzo stesso di questa tecnica lo rende operativo. Mentre dal grafico emerge: che il 46% ritiene che con la MK si possono evitare i parti operativi, un 17% dice di non sapere e solo un 37% da la risposta esatta E' indicata nei parti operativi? 69% 23% 9% Grafico 5 Il grafico a fianco è strettamente correlato al grafico 4, in quanto, la maggior parte delle Ostetriche (69%) conosce che la MK è indicata nei parti operativi, ma non sa che serve come intervento coadiuvante,e non per evitare il parto operativo. Si No Non so 11

12 La MK può essere utile per risolvere la distocia di spalle? Grafico 6 La MK è utile nella distocia di spalle? % Il grafico soprastante analizza se è utile o meno ricorrere a questa manovra nella distocia di spalle. Le linee guida sulla 7 distocia di spalle vietano assolutamente 6 5 l utilizzo della MK per risolvere tale complicanza; infatti, anche dal grafico emerge che il 83% delle ostetriche è 4 informata sul fatto che nella distocia di spalle 3 non si usa la MK, solo una piccola % 3% percentuale(3%) non conosce questa controindicazione. Si No Non so La Manovra di Kristeller da chi deve essere effettuata? Grafico 7 Chi esegue MK 8 8 Dal grafico emerge che l 8 delle Ostetriche sanno che la MK è di competenza medica, mentre un 2 ritiene che è anche di 7 competenza dell ostetrica. 6 5 Se confrontiamo questo grafico con il grafico 7 dei dati raccolti dai questionari sottoposti alle donne, vediamo che solo nel 65% dei casi la MK era stata eseguita dal medico contro un 8 che è emerso da questo grafico. Invece per le ostetriche abbiamo un 27% nell altro grafico e un 2 in questo. Bisogna, 1 però, tenere anche presente che il campione dei Medico Ostetrica questionari sottoposti alle donne era più 12

13 numeroso rispetto ai questionari posti alle ostetriche. Quale è il numero massimo di volte che la MK può essere eseguita in una contrazione? Grafico 8 Illimitato Tre/quattro volte 17% Numero di MK in una contazione? Non so 6% Altro 9% Questo grafico rappresenta il numero delle volte con cui viene impiegata la MK in una contrazione. Il 68% delle ostetriche dice che la MK, non deve essere impiegata più di due volte in una contrazione, il 17% tre/quattro volte, il 9% sostiene che deve essere al massimo una sola volta in una contrazione. Questo grafico, confrontato con il grafico 8 ottenuto dai dati raccolti dai questionari somministrati alle donne, ci mostra che: la MK è stata impiegata due volte nel 68% dei casi contro un 35% dell altro grafico; invece il 17% (tre/quattro volte) contro un 36%. Perciò si può dedurre che, pur conoscendo il numero di volte consigliato per la manovra, nella pratica assistenziale ciò non viene considerato dalla maggioranza. Due volte 68% Quali sono le possibili complicazioni materne provocate da questa manovra? Quali sono le possibili complicazioni fetali? Grafico 11 Complicazioni materne e fetali 9 86% Il grafico soprastante ci illustra la conoscenza delle ostetriche sulle possibili complicazioni 8 71% materne e fetali associate alla MK. 7 Si nota che l 86% è informato sulle % complicazioni materne, e solo un14% non ha informazioni relative a tale argomento, invece per quanto riguarda le complicazioni fetali si ha una situazione paradossale, il 71% non ha % Ris. Esatta Ris. Erratta idea quali potrebbero essere la possibili complicanze fetali, solo un 29% fornisce la risposta corretta. Complicazioni materne da MK Complicazioni fetali da MK 13

14 La MK comporta un maggior numero di lacerazioni o episiotomie? Grafico 12 MK comporta maggior numeo di lacerzioni/ episiotomia? % Questo grafico rappresenta il parere delle ostetriche, sulla possibile relazione tra la MK e le lacerazioni perineali ed episiotomie. Il 91% delle ostetriche ritiene che l uso della MK incrementa sia il numero di lacerazioni che di episiotomie, questo dato viene confermato dall analisi dei dati ricavati dalla prima parte della ricerca ( grafico 2, grafico 4) % 3% Si No Non so CONCLUSIONI: Dall analisi dei questionari è emerso in modo evidente, che la manovra di Kristeller viene impiegata con una frequenza di gran lunga superiore a quella consigliata dalle linee guida ostetriche, nonostante mediamente la durata del periodo espulsivo fosse nei limiti della fisiologia (34.44minuti) e i neonati nella maggior parte dei casi abbiano avuto sia un punteggio di Apgar che un ph buono alla nascita, quindi non si capisce come mai la MK sia stata impiegata con una frequenza così elevata; poiché è particolarmente pericolosa dovrebbe essere riservata proprio agli ultimi sforzi espulsivi ed in caso di effettiva necessità. Purtroppo dalla ricerca emerge che la maggior parte delle ostetriche non conoscono la modalità, il momento e le indicazioni per poter ricorrere a questa tecnica. È da evitare l uso generalizzato della manovra di Kristeller per accelerare la discesa della parte presentata. Rif: racc.oms categ. C Modalità assistenziali per le quali non esistono sufficienti prove d efficacia per una raccomandazione che dovrebbero pertanto essere impiegata con cautela finché la ricerca non abbia chiarito l argomento. È una manovra non esente da rischi, particolarmente dolorosa per la donna e da riservarsi ai casi di sofferenza fetale acuta, con parte presentata al piano perineale. (linee guida parto fisiologico, USL2,1999) Inoltre se impiegata in modo particolarmente brusco potrebbe provocare effetti collaterali quali ampie lacerazioni alla vagina, danni alla vescica urinaria, contusioni alle pareti addominali ed uterine, danni ai 14

15 legamenti uterini che danno sostegno all utero, compromissione della circolazione placentare con conseguente riduzione dell ossigenazione fetale, frattura di costole o lesioni del bacino a livello della cartilagine dell osso pubico. La maggioranza delle ostetriche è informata per quanto riguarda le complicazioni materne, ma questa conoscenza è solo parziale, in quanto si ritiene che la MK sia una manovra del tutto innocua per il feto. In generale si attribuisce poca importanza all esecuzione della MK, poiché la maggioranza ritiene che sia praticamente innocua, a prova di ciò è la frequente mancanza di segnalazione dell esecuzione nella cartella clinica, nonostante tutte le ostetriche ne siano a conoscenza. L uso della manovra di Kristeller è giustificato in ospedale come un aiuto che il personale offre alla partoriente, laddove le sue spinte siano diventate inefficaci e vi sia un effettiva necessità. Il problema si pone però in quanto la stessa posizione istituzionalizzata per il parto, quella litotomica, rende più difficile per la donna esprimere da sola la forza necessaria all espulsione, oltreché privarla dell aiuto della forza di gravità. Se intervengono poi anche gli incitamenti a spingere quando ancora fisiologicamente il corpo della donna non è pronto e la testa fetale non è ancora profondamente incuneata nel canale del parto, vi è il rischio che la donna si trovi stremata ed incapace di spingere autonomamente con le proprie forze. A questo punto non resta che accettare un intervento, che un tempo veniva chiamato, non a caso, forcipe dall alto (Braibanti,1993). Anche per quanto riguarda l informazione sulla motivazione e sulla necessità dell intervento, si è rilevato che nel 52.08% prima dell esecuzione non è stata data alcuna informazione, mentre nel 47,91% sono state informate sulla necessità dell intervento. Ma il problema è se, quanto presentato come necessario lo sarebbe realmente in termini di rischio reale per la madre e il feto, in un processo che rispetti l evolversi fisiologico del parto. Non diventa invece necessario all interno di un certo tipo di conduzione ostetrica quale quella vigente, in cui sembra che molti bambini hanno problemi a nascere senza l intervento medico. La necessità non è forse indotta dallo stesso insieme di pratiche mediche degli operatori che sembrano che non vogliano rispettare i ritmi, i tempi dettati dalle esigenze della donna, percepite da questa in modo naturale e personale, in sintonia con il bene del proprio bambino? Quindi dalla ricerca è chiaramente emerso: La percentuale di ricorso alla MK supera notevolmente quella consigliata, infatti è stata impiegata nel 48% dei casi, in contrasto con la percezione delle ostetriche che nel 69% dei casi ritengono che non sia una manovra impiegata di routine; Utilizzo della MK comporta un maggior numero di lacerazioni(100)% e ricorso all episiotomia(95,83%); le donne a cui è stata eseguita la MK e hanno avuto necessità di praticare l episiotomia, in tutti questi casi è stata praticata l un episiotomia di tipo paramediana; Tutte le donne a cui è stata effettuata la MK si trovavano in posizione litotomica; La richiesta di analgesia peridurale al parto aumenta la probabilità di ricorso alla MK; Nel 35% dei casi la MK è stata impiegata da figure non autorizzate a ricorrere a questa tecnica; Nel 67% dei casi è stata considerata una manovra tra molto e abbastanza dolorosa, inoltre è emerso che influisce in modo negativo su vissuto del parto; 15

16 Nel 47.91% non è stata data alcuna informazione prima di ricorrere a tale tecnica; Il 6 delle ostetriche non conosce la tecnica corretta per impiegare la MK, Il 54% non sa il momento in cui deve essere fatta, addirittura il 66% non ha idea di quali siano le indicazioni per ricorrere a tale tecnica; La maggior parte delle ostetriche sono informate sulle complicazioni materne, mentre non sanno quali potrebbero essere le possibili complicazioni fetali; Tutte le ostetriche ritengono che la MK debba essere segnalata in cartella clinica e prima dell esecuzione le donne debbano essere informate, ma ciò nella pratica assistenziale non viene fatto; Sembra che la MK venga impiegata senza necessità, per accelerare il periodo espulsivo, a causa dell ansia e fretta degli operatori. Strategie per ridurre il ricorso alla MK: Favorire un ambiente in cui la donna possa assumere delle posizioni libere, diverse da quella litotomica, le quali permettano alla testa fetale di incunearsi nel canale del parto, e alla donna di spingere efficacemente, sfruttando anche la forza di gravità; Cercare di evitare che l analgesia peridurale venga effettuata precocemente o vicino al periodo espulsivo, promuovere tecniche alternative per alleviare il dolore come massaggi, respirazione, bagni; Creare un rapporto positivo con la donna, incoraggiarla a non perdere l autostima; L uso del partogramma si rivela fondamentale perché permette un immediata comprensione dell evoluzione del travaglio ed una precoce individuazione di un eventuale travaglio prolungato; Tenere e mantenere la calma nel periodo espulsivo; Non incitare la donna a spingere, finché non avverte spontaneamente il premito; Quando possibile, consentire la rotazione esterna della testa fetale spontaneamente, riducendo così la possibilità di incorrere nelle distocie; Limitare il più possibile l uso di ossitocina. 16

17 Bibliografia: 1. Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato La patologia nel puerperio, docente Paola Agnese Mauri, Anno-Accademico Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato La patologia in Ginecologia, docente Mirella Di Martino, Anno-Accademico Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato la patologia nel travaglio e nel parto, docente Muggiasca, Anno-Accademico Pescetto, De Cecco, Pecorari, Ragni Manuale di ostetricia e ginecologia, Seu Edit. 5. D. Berlingieri, ginecologia e ostetricia, manuale per studenti e medici di base, Piccin. 6. H. Martius, G. Martius, Operazioni Ostetriche, Seu Roma, Regione Lombardia manuale della cartelle clinica seconda edizione Rajiv Mahendru, Savita Malik, Tina Anand, Age old practice of Uterine Fundal Pressure in Labor - more risky than beneficial Biomedical Research 2010;Department of Obstetrics and Gynecology, M.M.I.M.S.R. Mullana, Ambala, Haryana, India. 9. HAS / Guidelines Department / January 2007, French National College of Gynaecologists and Obstetricians, National Council of Midwives, National College of Midwives, National Organisation of Midwife Trade Unions. 10. Olimpia Sanlorenzo, Serena Solfrini, Enrico Falcone*, Domenico De Aloysio Incontinenza urinaria femminile: studio epidemiologico in un ambulatorio di medicina generale, Clinica Ostetrica e Ginecologica e Fisiopatologia Ginecologica della Terza Età Università degli Studi di Bologna, aprile F.Greco, M.Finocchiaro, Neurologia Fetale E Neonatale Seconda edizione C. Amiel-Tison, C. Sureau and S.M. Shnider, Cerebral handicap in full-term neonates related to the mechanical forces of labour 1988 Mar;2(1): Mollberg M, Hagberg H, Bager B, Lilja H, Ladfors L. Risk factors for obstetric brachial plexus palsy among neonates delivered by vacuum extraction Nov;106(5 Pt 1): Buljina A, Zubcević S, Catibusić F. Obstetrical injuries of the brachial plexus, Med Arh. 2000;54(5-6): David Peleg MD, Jamal Hasnin MD and Eliezer Shalev MD, Fractured clavicle and Erb's palsy unrelated to birth trauma,nursing Malpractice Edited By Patricia W.Iyer, 1997 Nov;177(5): Cosner KR. Use of fundal pressure during the second stage labour. American Journal of Midwifery.1996; 41: Matsuo K, Shiki Y, Yamasaki M, Shimoya K. Use of uterine fundal pressure maneuver at vaginal delivery and risk of severe perineal laceration. Arch Gynecol Obstet. 2009; 5 18.Pan HS, Huang LW, Hwang JL et al. Uterine rupture in an unscarred uterus after application of fundal pressure, A case report. J Reprod Med.2002; 19.Zetterström, Jan Md; López, Annika Md; Anzén, Bo Md, Phd; Norman, Margareta Md, Phd; Holmström, Bo Md, Phd; Mellgren, Anders Md, Phd, Anal Sphincter Tears at Vaginal Delivery: Risk Factors and Clinical Outcome of Primary Repair, July

18 20.Kathleen Rice Simpson and Eric Knox, The Role Of Fundal Pressure May Api, O., Balcin, M. E., Ugurel, V., Api, M., Turan, C., & Unal, O. The effect of uterine fundal pressure on the duration of the second stage of labor: A randomized controlled trial, Merhi, Zaher O. MD; Awonuga, Awoniyi O. MB, BS, The Role Of Uterine Fundal Pressure In The Management Of The Second Stage Of Labor: A Reappraisal, Mertihan Kurdoglu, Ali Kolusari, Recep Yildizhan, Ertan Adali And Hanim Guler Sahin. Delayed Diagnosis Of An Atypical Rupture Of An Unscarred Uterus Due To Assisted Fundal Pressure: A Case Report, Il parto in ospedale. Una ricerca a Bologana, Alessandrina Grimandi, prima edizione Sitografia:

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte linea guida 22 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA:

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: DAI DATI ALLE SCELTE La valutazione dei risultati delle aziende territoriali toscane a cura di: Sabina Nuti Direttore Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant'Anna

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria Università degli Studi di Bari Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2009/2010 Test di Teoria/pratica pertinente alla

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 Razionale dell utilizzazione del monitoraggio elettronico fetale (EFM) in travaglio di parto EFM Ipossia fetale Acidosi metabolica PROVVEDIMENTI

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli