INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO"

Transcript

1 INDICAZIONI ED APPROPRIATEZZA NELL UTILIZZO DELLA MANOVRA DI KRISTELLER: EVIDENZE SCIENTIFICHE E ROUTINE ASSISTENZIALE A CONFRONTO Iram Mushtaq, Ostetrica Laura Malgrati, Ostetrica Daniela Calistri INTRODUZIONE: La nascita è di per sé un fenomeno naturale e nella grande maggioranza dei casi non c è bisogno di alcun intervento; ciò che serve è soltanto l osservazione vigile, l appoggio morale e la protezione dalle interferenze degli uomini ( G.J.Kloosterman) Con questo presupposto, lo scopo della mia tesi è offrire un tentativo di riflessione intorno alle modalità di assistenza al parto. La ricerca trova la sua spinta iniziale in studi già svolti nel passato, i quali hanno rilevato la progressiva medicalizzazione del processo della nascita, determinata dall'uso non giustificato di procedure durante il travaglio e il parto. Queste procedure possono disturbare i ritmi ed i tempi insiti nella fisiologia naturale dell'evento nascita e possono rendere necessari ulteriori interventi medici. La conseguenza di ciò può essere quella di alimentare nella donna un bisogno di dipendenza ed un senso di insicurezza, insieme alla sfiducia nelle proprie potenzialità, sia fisiche che psichiche, utili ad affrontare un'esperienza tanto importante, ma anche tanto temuta. Questa ricerca è incentrata sulla manovra di Kristeller, che costituisce un abitudine prettamente italiana e per la quale non vi sono studi sufficienti di valutazione dei suoi benefici e rischi. L obbiettivo principale della mia tesi è quello di capire con quale percentuale si ricorre all impiego di tale manovra, quali sono i possibili rischi e benefici materno-fetali che possono essere determinati dal suo utilizzo e se gli operatori sanitari sono a conoscenza delle complicazioni che potrebbe comportare. Un ulteriore obbiettivo è di confrontare le evidenze scientifiche con la pratica assistenziale, per capire se le raccomandazioni delle linee guida ostetriche sono note agli operatori sanitari, e se vengono messe in pratica assistenziale. Per raggiungere tale scopo sono stati somministrati dei questionari anonimi alle ostetriche e alle donne che hanno avuto un parto spontaneo per via vaginale. Questi questionari hanno dei contenuti complementari che rendono possibile un confronto. I questionari delle ostetriche contenevano delle domande basate sulla conoscenza della tecnica, delle indicazioni, delle complicazioni e sulla percezione dell uso/abuso di tale manovra. Invece i questionari delle donne erano incentrati a porre delle domande a carattere generale, ad esempio sulle modalità e vissuto del parto, quale fosse la posizione assunta, a quelle più specifiche, se è stata praticata la manovra di Kristeller, da chi e quante volte è stata eseguita. Le donne dovrebbero avere l opportunità di prendere decisioni informate sulle cure e trattamenti necessari. Una buona comunicazione tra i professionisti sanitari e la donna è essenziale. Tutte le informazioni fornite dovrebbero essere appropriate e accessibili alle donne, ai loro partner e familiari, prendendo in considerazione ogni bisogno supplementare sia fisico che cognitivo (NICE, Clinical Guideline: Intrapartum care. Settembre 2007). 1

2 LA TECNICA Nella manovra di Kristeller viene applicata una pressione fundica dall operatore tramite l avambraccio sulla parte più alta dell utero in direzione della pelvi formando un angolo di con la colonna vertebr ale materna. La pressione è applicata in concomitanza con la contrazione uterina dall inizio della seconda fase del travaglio (definita come dilatazione completa della cervice uterina associata a sensazione materna di premito) fino all espulsione della testa fetale. La donna deve essere in posizione ginecologica, la pressione sul fondo uterino può essere esercitata con le mani o anche con il braccio e l avambraccio, afferrando in questo caso il bordo del lettino da parto con la mano e circondando col braccio e l avambraccio il fondo dell utero. La pressione deve essere esercitata senza violenza, in modo sincrono con gli sforzi espulsivi della donna, durante la contrazione uterina. Di norma tale manovra non deve essere ripetuta più di 3 o 4 volte. E importante che venga eseguita nell ultima parte del periodo espulsivo, quando la testa fetale si trova al piano perineale, in caso di sofferenza fetale acuta, per esaurimento delle forze materne. LE INDICAZIONI 1)In caso d ipocinesia uterina secondaria, associata ad azione deficiente dei muscoli ausiliari del parto; 2) In caso di sofferenza fetale in avanzato periodo espulsivo 3) In caso di difficoltosa espulsione delle spalle nelle presentazione cefaliche 4) Come intervento coadiuvante in caso di estrazione con il forcipe o con la ventosa. 5) in caso di esaurimento delle forze materne. Le condizioni permettenti sono date dall'assenza di sproporzione feto-pelvica, dall'assenza di ostacoli alla progressione dovuta alle parti molli e dall'assenza di sovra distensione del segmento inferiore. E' necessaria molta cautela in presenza di pregresse cicatrici isterotomiche che potrebbero andare incontro a deiscenza. Infine, è preferibile che la parte presentata abbia raggiunto lo stretto inferiore. Alcune evidenze scientifiche recenti, affermano che non ci sono indicazioni mediche valide per l applicazione della manovra di Kristeller. 1 1 Biomedical Research 2010; 21 (3): Age old practice of Uterine Fundal Pressure in Labor - more risky than beneficial Rajiv Mahendru*, Savita Malik*, Tina Anand** *Department of Obstetrics and Gynecology, M.M.I.M.S.R. Mullana, Ambala, Haryana, India **Consultant Anaesthetist, CH Ambala City,India 2

3 E consigliata a seconda del contesto clinico, ad esempio come intervento coadiuvante al parto operativo (forcipe, ventosa ostetrica); Se la manovra di Kristeller è stata praticata nonostante queste raccomandazioni, deve essere scritta e documentata nella cartella clinica della donna da parte del responsabile (il conteso, le procedure utilizzate e le eventuali difficoltà incontrate.) 2 LE CONTROINDICAZIONI 1) Distocia di spalle: E una complicazione improvvisa, che si verifica durante il parto, caratterizzata dalla mancata espulsione delle spalle dopo la fuoriuscita della testa, di un feto in presentazione cefalica. In altre parole si verifica quando la testa fetale è già disimpegnata e le spalle sono fisse perciò non possono disimpegnarsi. In questo caso bisogna evitare la manovre di Kristeller perchè la pressione sul fondo uterino è associata a un alta percentuale di complicanze neonatali e può esitare in una rottura d utero. 2) Parto gemellare: Nel corso del parto gemellare, sopratutto nell assistenza all espulsione del primo feto, è opportuno non praticare la MK. 3) Placenta previa. 4) Parto vaginale dopo taglio cesareo: Si va ad agire su un utero sottoposto a un precedente intervento, in una fase di periodo espulsivo in cui l utero è molto stanco, di conseguenza si aumenta ulteriormente il rischio di rottura d utero. 5) Inadeguata dilatazione cervicale: E assolutamente vietato l utilizzo della MK prima della dilatazione completa, se tale manovra viene praticata prima della dilatazione completa, comporta gravi complicazioni materno - fetali, in quanto un eccessiva forza impiegata su una bocca uterina non completamente dilatata, comporta delle lacerazioni cervicali e un aumentato rischio di rottura d utero. Invece nel feto una pressione talmente elevata potrebbe causare una emorragia intracranica. 2 HAS / Guidelines Department / January 2007 French National College of Gynaecologists and Obstetricians National Council of Midwives National College of Midwives National Organisation of Midwife Trade Unions 3

4 6) Sproporzione feto-pelvica: E una condizione in cui, lo spazio utile per il passaggio del corpo fetale attraverso lo scavo pelvico è insufficiente, per cui, in altre parole, il feto è più grande di quanto il bacino può permettere. Di conseguenza la progressione della testa fetale è ostacolata a causa della sproporzione tra la testa fetale e la pelvi materna, pertanto l utilizzo della MK in questi casi non può che portare ad esiti disastrosi, la madre incorre il rischio di rottura d utero, fratture ossee, a livello costale, coccigee, e della sinfisi pubica; invece il neonato è a rischio di emorragia endocranica, lesioni a livello del plesso brachiale, frattura della clavicola. 7) Precedente cicatrice uterina. RICERCA SCOPO DELLA RICERCA Lo scopo principale della mia tesi è quello di verificare quali sono i possibili rischi e benefici materni, fetali e neonatali associati all utilizzo della manovra di Kristeller e con quale modalità e frequenza si ricorre all impiego di tale manovra. L interesse per tale argomento nasce dalla consapevolezza che il parto è un evento fisiologico, l ostetrica è la figura principale e deve salvaguardare che tale evento avvenga secondo i criteri della fisiologia. Un ulteriore obiettivo è quello di confrontare le evidenze scientifiche sull argomento con la pratica assistenziale. MATERIALI E METODI DI RICERCA Per l elaborazione di questa tesi sono stati distribuiti dei questionari presso l istituto ostetrico ginecologico Luigi Mangiagalli, nel periodo compreso tra giugno settembre/2010. Sono sati distribuiti 100 questionari alle puerpere, che hanno avuto un parto spontaneo, in prima e seconda giornata, i criteri di inclusione che ho ritenuto importante considerare sono i seguenti: Parto vaginale eutocico Età gestazionale compresa tra 37-41settimane Feto singolo in presentazione cefalica di vertice Assenza di patologia ostetriche materne Assenza di patologie fetali Placenta normalmente inserita I questionari somministrati sono stati compilati insieme alle puerpere, garantendo l anonimato. Successivamente alla compilazione dei questionari sono state consultate le cartelle cliniche delle donne, dalle quali sono stati estrapolati i seguenti dati: 4

5 MATERNI Modalità del parto Durata periodo espulsivo Esecuzione o meno dell episiotomia e la tipologia di episiotomia praticata Presenza o meno della lacerazione e il grado della lacerazione Esecuzione manovra di Kristeller Numero di Kristeller effettuate Motivazione dell impiego MK NEONATALI Peso alla nascita Punteggio di Apgar PH del funicolo Le domande contenute nel questionario indagano sulla: posizione delle donne nel periodo espulsivo, se è stata eseguita la MK, chi era l operatore che l ha eseguita e quante volte è stata praticata, se è stata eseguita l episiotomia, il vissuto personale riguardo al parto in generale, il benessere neonatale subito dopo la nascita. L ultima parte dell elaborato analizza i risultati di un questionario proposto alle Ostetriche della clinica LUIGI MANGIAGALLI ; sono stati consegnati personalmente 60 questionari nei reparti di puerperio e sala parto, di cui sono stati restituiti compilati 35 questionari. Anche questi questionari sono del tutto anonimi, distribuiti nel periodo compreso tra giugno settembre Il contenuto dei questionari è centrato sulla conoscenza della tecnica ed eventuali complicanze materne, fetali e neonatali della manovra di Kristeller, la loro percezione sul vissuto e frequenza nella pratica assistenziale. 5

6 ANALISI DEI DATI RACCOLTI DAI QUESTIONARI SOMMINISTRATI ALLE DONNE: % 87% 8 84% Grafico % Analgesia epidurale 43% 9% Incitamenti a spingere 13% lacerazioni, episiotomia, manovra di Kristeller, neonato sul addome. Il grafico mostra sul totale del campione quante sono le donne che nella clinica L. Mangiagalli hanno avuto: incitamenti a spingere, analgesia peridurale, Tutte queste donne hanno avuto un parto spontaneo vaginale, apparentemente fisiologico, si può notare dal grafico come è alta la percentuale delle donne che hanno avuto un parto medicalizzato. È da evidenziare il fatto che al 48% delle donne è stata praticata la manovra di Kristeller. 2 48%52% Lacerazioni Episiotomia Manovra di Kristeller 16% Neonato sul addome SI NO Grafico Tasso Episiotomia 95,83% 65,38% 34,61% 4,16% Episio No Episio MK Senza MK Questo grafico mette in relazione il numero di episiotomie eseguite con il ricorso alla manovra di Kristeller e quelle praticate senza l utilizzo di tale manovra. È emerso che utilizzando la manovra di Kristeller, si innalza esponenzialmente la percentuale di ricorso all episiotomie, infatti è stata praticata nel 95,83% dei casi nel gruppo di donne con l utilizzo della MK 3 mentre senza l impiego di questa manovra nel 65,83% dei casi si è ricorsi all episiotomia e in una buona percentuale 34,61% dei casi non è stata praticata. 3 per ragioni pratiche si indica manovra di Kristeller come MK 6

7 Ha avuto delle lacerazioni spontanee a livello perineale? Grafico 4 Lacerazioni ,25% ,75% Lacerazioni MK (4) Senza MK (16) No Lacerazioni percentuale di lacerazioni è del 56,25% delle quali la maggior parte sono di primo grado. Il restante 43,75% non ha avuto lacerazioni. Il grafico mostra la percentuale di lacerazioni nei due gruppi, la percentuale di lacerazione nel gruppo con MK, è del 10, in questo gruppo tutte le lacerazioni sono di secondo grado, ciò significa tutte le donne a cui è stata praticata la MK senza aver eseguito l episiotomia si sono lacerate spontaneamente. mentre nel gruppo senza MK la Ha richiesto l analgesia epidurale durante il suo travaglio di parto? Grafico 5 Analgesia peridurale Questo grafico illustra il rapporto tra le donne ,42% 39,58% 51,92% 48,08% che hanno richiesto analgesia peridurale e quelle che non l hanno richiesta in base all impiego o meno della MK. Dal seguente grafico si può vedere che nel gruppo di donne che hanno ricevuto la MK, la 3 percentuale di analgesia peridurale è del 2 1 MK Senza MK SI No 60,42% rispetto al 51,92% gruppo di donne che non hanno avuto la MK.Di conseguenza questo si può dedurre che l analgesia peridurale aumenta la probabilità di ricorso alla MK. 7

8 Nel periodo espulsivo in che posizione si trovava? Grafico ,0 84,62% 0,0 Posizione 15,38% 0,0 0,0 Ginecologica Accovacciata Carponi Altro 0,0 0,0 Il grafico sottostante illustra la posizione assunta dalle donne nel periodo espulsivo, si può notare che la maggior parte delle donne del nostro campione a prescindere dall impiego o meno della manovra di Kristeller ha assunto la posizione ginecologica o litotomica. Nel gruppo di donne che hanno avuto la MK, il 10 delle donne si trovavano in posizione ginecologica, mentre nel gruppo di donne che non hanno avuto la MK 84,62% si trovavano in posizione ginecologica, invece il 15.38% hanno partorito in posizione accovacciata. MK Senza MK Chi era l operatore, che ha eseguito la manovra di Kristeller? Grafico 7 Ostetrica/o 27% Infermiera/e 6% Operatore MK Altro 2% Medico 65% Questo grafico analizza quali sono gli operatori responsabili dell impiego della MK nel campione di donne alle quali è stata praticata. E noto che questa manovra è di competenza medica, ma dalla ricerca emerge che anche altri operatori sanitari l hanno praticata. Precisamente nel 65% dei casi è stato il medico, nel 27% ostetrica/o, nel 6% infermiera/e, nel 2% altro, (notiamo che per un totale di 35% questa manovra non è stata eseguita dal medico). In un caso che rappresenta il 2% nel grafico questa manovra è stata praticata da un papà. Riporto una testimonianza: Donna : mio marito si è messo a spingere da solo sulla mia pancia, poi è arrivato un medico che li ha detto che questa è una manovra che usiamo per facilitare il parto, e poi me la ha fatta anche lui. 8

9 Quante volte è stata praticata tale manovra? Grafico 8 Quattro 23% Numero di volte Altro 4% Tre 13% Due 35% Una sola 25% Il grafico rappresenta il numero di volte che viene impiegata la MK in una contrazione. Questa domanda ha portato gli operatori a riflettere sulla questione, generalmente in una contrazione la donna riesce a fare due spinte efficaci quindi il massimo numero di volte che si può ricorrere a questa manovra in una contrazione è di due volte. Questa è l opzione maggiormente optata, però bisogna valutare che il 23% la impiega quattro volte, il 13% tre volte, il 4% altro. ANALISI DEI DATI RACCOLTI DAI QUESTIONARI SOMMINISTRATI ALLE OSTETRICHE: La tecnica corretta per eseguire La Manovra di Kristeller: Grafico Conoscenza tecnica della MK 6 4 Tecnica corretta Tecnica errata Il grafico indaga sulla conoscenza da parte delle Ostetriche riguardo alla tecnica da applicare per eseguire la manovra di Kristeller, sono state fornite tre opzioni tra le quali bisognava scegliere la risposta esatta: il 4 delle Ostetriche ha dato la risposta corretta, mentre il 6 non conosce la tecnica da impiegare. La risposta maggiormente optata dalle Ostetriche era l opzione A, che prevedeva un angolo di 90 per eseguire la MK, tale angolo necessita di una forza notevolmente superiore a quella applicata con un angolo di Queste risposte sono frutto di ciò che si fa o si vede fare nella pratica assistenziale. 9

10 Quando deve essere eseguita la MK? Grafico Quando eseguire MK? 54% 46% Ris. Esatta Ris. Errata Nel grafico soprastante notiamo qual è la conoscenza delle ostetriche riguardo al momento in cui deve essere impiegata la MK. si può notare che il 46% conosce il momento per ricorrere a tale manovra, mentre un 54% non né a conoscenza. Molte ostetriche ritengono che l inizio del periodo espulsivo coincida con la dilatazione completa, infatti, l opzione maggiormente scelta è proprio quella in cui si sostiene che la MK debba essere impiegata nel periodo espulsivo. Il 54% delle ostetriche non ha dato la risposta più completa e precisa, nonostante tra le possibili risposte fosse presente anche l opzione di ricorrere a tale manovra dal premito incoercibile fino alla espulsione della testa, ovvero la risposta completa e precisa. Quali sono le indicazioni che rendono necessaria l applicazione della MK? Grafico 3 Indicazioni MK 7 66% Per poter impiegare la MK è necessario riconoscere le situazioni in cui si può ricorrere a questa tecnica e quelle in cui è meglio evitarla. 6 Questo grafico illustra che: il 66% delle % ostetriche non conosce le indicazioni d applicazione di tale manovra, solo un 34% ha dato la risposta esatta. 3 2 Questo dato è abbastanza allarmante, in quanto, se non si conoscono le indicazioni d applicazione di questa manovra, molte volte si 1 ricorre a questa tecnica senza necessità, Ris. Esatta Ris. Erratta esponendo a dei rischi inutili la madre e il feto. 10

11 Con l uso di MK si evitano parti operativi? 5 45% 4 35% 3 25% 2 15% 1 5% Si evitano parti operativi con la MK? 46% 37% 17% Si No Non so Grafico 4 E noto che la MK è un intervento coadiuvante al parto operativo, anzi possiamo dire che l utilizzo stesso di questa tecnica lo rende operativo. Mentre dal grafico emerge: che il 46% ritiene che con la MK si possono evitare i parti operativi, un 17% dice di non sapere e solo un 37% da la risposta esatta E' indicata nei parti operativi? 69% 23% 9% Grafico 5 Il grafico a fianco è strettamente correlato al grafico 4, in quanto, la maggior parte delle Ostetriche (69%) conosce che la MK è indicata nei parti operativi, ma non sa che serve come intervento coadiuvante,e non per evitare il parto operativo. Si No Non so 11

12 La MK può essere utile per risolvere la distocia di spalle? Grafico 6 La MK è utile nella distocia di spalle? % Il grafico soprastante analizza se è utile o meno ricorrere a questa manovra nella distocia di spalle. Le linee guida sulla 7 distocia di spalle vietano assolutamente 6 5 l utilizzo della MK per risolvere tale complicanza; infatti, anche dal grafico emerge che il 83% delle ostetriche è 4 informata sul fatto che nella distocia di spalle 3 non si usa la MK, solo una piccola % 3% percentuale(3%) non conosce questa controindicazione. Si No Non so La Manovra di Kristeller da chi deve essere effettuata? Grafico 7 Chi esegue MK 8 8 Dal grafico emerge che l 8 delle Ostetriche sanno che la MK è di competenza medica, mentre un 2 ritiene che è anche di 7 competenza dell ostetrica. 6 5 Se confrontiamo questo grafico con il grafico 7 dei dati raccolti dai questionari sottoposti alle donne, vediamo che solo nel 65% dei casi la MK era stata eseguita dal medico contro un 8 che è emerso da questo grafico. Invece per le ostetriche abbiamo un 27% nell altro grafico e un 2 in questo. Bisogna, 1 però, tenere anche presente che il campione dei Medico Ostetrica questionari sottoposti alle donne era più 12

13 numeroso rispetto ai questionari posti alle ostetriche. Quale è il numero massimo di volte che la MK può essere eseguita in una contrazione? Grafico 8 Illimitato Tre/quattro volte 17% Numero di MK in una contazione? Non so 6% Altro 9% Questo grafico rappresenta il numero delle volte con cui viene impiegata la MK in una contrazione. Il 68% delle ostetriche dice che la MK, non deve essere impiegata più di due volte in una contrazione, il 17% tre/quattro volte, il 9% sostiene che deve essere al massimo una sola volta in una contrazione. Questo grafico, confrontato con il grafico 8 ottenuto dai dati raccolti dai questionari somministrati alle donne, ci mostra che: la MK è stata impiegata due volte nel 68% dei casi contro un 35% dell altro grafico; invece il 17% (tre/quattro volte) contro un 36%. Perciò si può dedurre che, pur conoscendo il numero di volte consigliato per la manovra, nella pratica assistenziale ciò non viene considerato dalla maggioranza. Due volte 68% Quali sono le possibili complicazioni materne provocate da questa manovra? Quali sono le possibili complicazioni fetali? Grafico 11 Complicazioni materne e fetali 9 86% Il grafico soprastante ci illustra la conoscenza delle ostetriche sulle possibili complicazioni 8 71% materne e fetali associate alla MK. 7 Si nota che l 86% è informato sulle % complicazioni materne, e solo un14% non ha informazioni relative a tale argomento, invece per quanto riguarda le complicazioni fetali si ha una situazione paradossale, il 71% non ha % Ris. Esatta Ris. Erratta idea quali potrebbero essere la possibili complicanze fetali, solo un 29% fornisce la risposta corretta. Complicazioni materne da MK Complicazioni fetali da MK 13

14 La MK comporta un maggior numero di lacerazioni o episiotomie? Grafico 12 MK comporta maggior numeo di lacerzioni/ episiotomia? % Questo grafico rappresenta il parere delle ostetriche, sulla possibile relazione tra la MK e le lacerazioni perineali ed episiotomie. Il 91% delle ostetriche ritiene che l uso della MK incrementa sia il numero di lacerazioni che di episiotomie, questo dato viene confermato dall analisi dei dati ricavati dalla prima parte della ricerca ( grafico 2, grafico 4) % 3% Si No Non so CONCLUSIONI: Dall analisi dei questionari è emerso in modo evidente, che la manovra di Kristeller viene impiegata con una frequenza di gran lunga superiore a quella consigliata dalle linee guida ostetriche, nonostante mediamente la durata del periodo espulsivo fosse nei limiti della fisiologia (34.44minuti) e i neonati nella maggior parte dei casi abbiano avuto sia un punteggio di Apgar che un ph buono alla nascita, quindi non si capisce come mai la MK sia stata impiegata con una frequenza così elevata; poiché è particolarmente pericolosa dovrebbe essere riservata proprio agli ultimi sforzi espulsivi ed in caso di effettiva necessità. Purtroppo dalla ricerca emerge che la maggior parte delle ostetriche non conoscono la modalità, il momento e le indicazioni per poter ricorrere a questa tecnica. È da evitare l uso generalizzato della manovra di Kristeller per accelerare la discesa della parte presentata. Rif: racc.oms categ. C Modalità assistenziali per le quali non esistono sufficienti prove d efficacia per una raccomandazione che dovrebbero pertanto essere impiegata con cautela finché la ricerca non abbia chiarito l argomento. È una manovra non esente da rischi, particolarmente dolorosa per la donna e da riservarsi ai casi di sofferenza fetale acuta, con parte presentata al piano perineale. (linee guida parto fisiologico, USL2,1999) Inoltre se impiegata in modo particolarmente brusco potrebbe provocare effetti collaterali quali ampie lacerazioni alla vagina, danni alla vescica urinaria, contusioni alle pareti addominali ed uterine, danni ai 14

15 legamenti uterini che danno sostegno all utero, compromissione della circolazione placentare con conseguente riduzione dell ossigenazione fetale, frattura di costole o lesioni del bacino a livello della cartilagine dell osso pubico. La maggioranza delle ostetriche è informata per quanto riguarda le complicazioni materne, ma questa conoscenza è solo parziale, in quanto si ritiene che la MK sia una manovra del tutto innocua per il feto. In generale si attribuisce poca importanza all esecuzione della MK, poiché la maggioranza ritiene che sia praticamente innocua, a prova di ciò è la frequente mancanza di segnalazione dell esecuzione nella cartella clinica, nonostante tutte le ostetriche ne siano a conoscenza. L uso della manovra di Kristeller è giustificato in ospedale come un aiuto che il personale offre alla partoriente, laddove le sue spinte siano diventate inefficaci e vi sia un effettiva necessità. Il problema si pone però in quanto la stessa posizione istituzionalizzata per il parto, quella litotomica, rende più difficile per la donna esprimere da sola la forza necessaria all espulsione, oltreché privarla dell aiuto della forza di gravità. Se intervengono poi anche gli incitamenti a spingere quando ancora fisiologicamente il corpo della donna non è pronto e la testa fetale non è ancora profondamente incuneata nel canale del parto, vi è il rischio che la donna si trovi stremata ed incapace di spingere autonomamente con le proprie forze. A questo punto non resta che accettare un intervento, che un tempo veniva chiamato, non a caso, forcipe dall alto (Braibanti,1993). Anche per quanto riguarda l informazione sulla motivazione e sulla necessità dell intervento, si è rilevato che nel 52.08% prima dell esecuzione non è stata data alcuna informazione, mentre nel 47,91% sono state informate sulla necessità dell intervento. Ma il problema è se, quanto presentato come necessario lo sarebbe realmente in termini di rischio reale per la madre e il feto, in un processo che rispetti l evolversi fisiologico del parto. Non diventa invece necessario all interno di un certo tipo di conduzione ostetrica quale quella vigente, in cui sembra che molti bambini hanno problemi a nascere senza l intervento medico. La necessità non è forse indotta dallo stesso insieme di pratiche mediche degli operatori che sembrano che non vogliano rispettare i ritmi, i tempi dettati dalle esigenze della donna, percepite da questa in modo naturale e personale, in sintonia con il bene del proprio bambino? Quindi dalla ricerca è chiaramente emerso: La percentuale di ricorso alla MK supera notevolmente quella consigliata, infatti è stata impiegata nel 48% dei casi, in contrasto con la percezione delle ostetriche che nel 69% dei casi ritengono che non sia una manovra impiegata di routine; Utilizzo della MK comporta un maggior numero di lacerazioni(100)% e ricorso all episiotomia(95,83%); le donne a cui è stata eseguita la MK e hanno avuto necessità di praticare l episiotomia, in tutti questi casi è stata praticata l un episiotomia di tipo paramediana; Tutte le donne a cui è stata effettuata la MK si trovavano in posizione litotomica; La richiesta di analgesia peridurale al parto aumenta la probabilità di ricorso alla MK; Nel 35% dei casi la MK è stata impiegata da figure non autorizzate a ricorrere a questa tecnica; Nel 67% dei casi è stata considerata una manovra tra molto e abbastanza dolorosa, inoltre è emerso che influisce in modo negativo su vissuto del parto; 15

16 Nel 47.91% non è stata data alcuna informazione prima di ricorrere a tale tecnica; Il 6 delle ostetriche non conosce la tecnica corretta per impiegare la MK, Il 54% non sa il momento in cui deve essere fatta, addirittura il 66% non ha idea di quali siano le indicazioni per ricorrere a tale tecnica; La maggior parte delle ostetriche sono informate sulle complicazioni materne, mentre non sanno quali potrebbero essere le possibili complicazioni fetali; Tutte le ostetriche ritengono che la MK debba essere segnalata in cartella clinica e prima dell esecuzione le donne debbano essere informate, ma ciò nella pratica assistenziale non viene fatto; Sembra che la MK venga impiegata senza necessità, per accelerare il periodo espulsivo, a causa dell ansia e fretta degli operatori. Strategie per ridurre il ricorso alla MK: Favorire un ambiente in cui la donna possa assumere delle posizioni libere, diverse da quella litotomica, le quali permettano alla testa fetale di incunearsi nel canale del parto, e alla donna di spingere efficacemente, sfruttando anche la forza di gravità; Cercare di evitare che l analgesia peridurale venga effettuata precocemente o vicino al periodo espulsivo, promuovere tecniche alternative per alleviare il dolore come massaggi, respirazione, bagni; Creare un rapporto positivo con la donna, incoraggiarla a non perdere l autostima; L uso del partogramma si rivela fondamentale perché permette un immediata comprensione dell evoluzione del travaglio ed una precoce individuazione di un eventuale travaglio prolungato; Tenere e mantenere la calma nel periodo espulsivo; Non incitare la donna a spingere, finché non avverte spontaneamente il premito; Quando possibile, consentire la rotazione esterna della testa fetale spontaneamente, riducendo così la possibilità di incorrere nelle distocie; Limitare il più possibile l uso di ossitocina. 16

17 Bibliografia: 1. Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato La patologia nel puerperio, docente Paola Agnese Mauri, Anno-Accademico Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato La patologia in Ginecologia, docente Mirella Di Martino, Anno-Accademico Appunti del corso di Laurea in ostetricia, Corso integrato la patologia nel travaglio e nel parto, docente Muggiasca, Anno-Accademico Pescetto, De Cecco, Pecorari, Ragni Manuale di ostetricia e ginecologia, Seu Edit. 5. D. Berlingieri, ginecologia e ostetricia, manuale per studenti e medici di base, Piccin. 6. H. Martius, G. Martius, Operazioni Ostetriche, Seu Roma, Regione Lombardia manuale della cartelle clinica seconda edizione Rajiv Mahendru, Savita Malik, Tina Anand, Age old practice of Uterine Fundal Pressure in Labor - more risky than beneficial Biomedical Research 2010;Department of Obstetrics and Gynecology, M.M.I.M.S.R. Mullana, Ambala, Haryana, India. 9. HAS / Guidelines Department / January 2007, French National College of Gynaecologists and Obstetricians, National Council of Midwives, National College of Midwives, National Organisation of Midwife Trade Unions. 10. Olimpia Sanlorenzo, Serena Solfrini, Enrico Falcone*, Domenico De Aloysio Incontinenza urinaria femminile: studio epidemiologico in un ambulatorio di medicina generale, Clinica Ostetrica e Ginecologica e Fisiopatologia Ginecologica della Terza Età Università degli Studi di Bologna, aprile F.Greco, M.Finocchiaro, Neurologia Fetale E Neonatale Seconda edizione C. Amiel-Tison, C. Sureau and S.M. Shnider, Cerebral handicap in full-term neonates related to the mechanical forces of labour 1988 Mar;2(1): Mollberg M, Hagberg H, Bager B, Lilja H, Ladfors L. Risk factors for obstetric brachial plexus palsy among neonates delivered by vacuum extraction Nov;106(5 Pt 1): Buljina A, Zubcević S, Catibusić F. Obstetrical injuries of the brachial plexus, Med Arh. 2000;54(5-6): David Peleg MD, Jamal Hasnin MD and Eliezer Shalev MD, Fractured clavicle and Erb's palsy unrelated to birth trauma,nursing Malpractice Edited By Patricia W.Iyer, 1997 Nov;177(5): Cosner KR. Use of fundal pressure during the second stage labour. American Journal of Midwifery.1996; 41: Matsuo K, Shiki Y, Yamasaki M, Shimoya K. Use of uterine fundal pressure maneuver at vaginal delivery and risk of severe perineal laceration. Arch Gynecol Obstet. 2009; 5 18.Pan HS, Huang LW, Hwang JL et al. Uterine rupture in an unscarred uterus after application of fundal pressure, A case report. J Reprod Med.2002; 19.Zetterström, Jan Md; López, Annika Md; Anzén, Bo Md, Phd; Norman, Margareta Md, Phd; Holmström, Bo Md, Phd; Mellgren, Anders Md, Phd, Anal Sphincter Tears at Vaginal Delivery: Risk Factors and Clinical Outcome of Primary Repair, July

18 20.Kathleen Rice Simpson and Eric Knox, The Role Of Fundal Pressure May Api, O., Balcin, M. E., Ugurel, V., Api, M., Turan, C., & Unal, O. The effect of uterine fundal pressure on the duration of the second stage of labor: A randomized controlled trial, Merhi, Zaher O. MD; Awonuga, Awoniyi O. MB, BS, The Role Of Uterine Fundal Pressure In The Management Of The Second Stage Of Labor: A Reappraisal, Mertihan Kurdoglu, Ali Kolusari, Recep Yildizhan, Ertan Adali And Hanim Guler Sahin. Delayed Diagnosis Of An Atypical Rupture Of An Unscarred Uterus Due To Assisted Fundal Pressure: A Case Report, Il parto in ospedale. Una ricerca a Bologana, Alessandrina Grimandi, prima edizione Sitografia:

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO INQUADRAMENTO E DEFINIZIONE Le spalle non escono spontaneamente dopo la fuoriuscita della testa del feto e sono necessarie ulteriori manovre ostetriche dopo

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE

PARTORIRE SENZA DOLORE PARTORIRE SENZA DOLORE Piccola guida ad uso della partoriente OSPEDALE SAN PIETRO FATEBENEFRATELLI Via Cassia, 600 - Roma 06.33581 Per ogni donna, la felicità che accompagna la nascita di un bambino è

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Corso di laurea in Ostetricia

Corso di laurea in Ostetricia Corso di laurea in Ostetricia SCHEDA PER L ILLUSTRAZIONE DEL PERCORSO DIDATTICO DISCIPLINARE Insegnamento Modulo Docente del Modulo Email da fornire agli studenti Settore scientifico disciplinare Programma

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3121 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COLONNESE, LOREFICE, GRILLO, SILVIA GIORDANO, LUIGI GALLO, CASO, BRESCIA, CARINELLI, CASTELLI,

Dettagli

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input IL MIO CORSO SONALE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e del percorso di

Dettagli

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12)

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. GINECOLOGIA E OSTETRICIA Linee

Dettagli

Parto sterile versus parto pulito

Parto sterile versus parto pulito Semine e raccolti: esperienze di ricerca delle Professioni Sanitarie Parto sterile versus parto pulito Una ricerca a sostegno della rilettura critica delle principali procedure adottate in sala parto per

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

La vostra esperienza può salvare delle vite!

La vostra esperienza può salvare delle vite! La vostra esperienza può salvare delle vite! Simulatore di parto 3B SIMone... c l o s e t o r e a l i t y Come l esperienza insegna, a parte i futuri genitori, sono veramente pochi i gruppi di pazienti

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa ASSISTENZA INFERMIERISTICA NEL POST

Dettagli

Assistenza Ostetrica

Assistenza Ostetrica Rimini imini 25 Marzo 2011 Amarcord Assistenza Ostetrica nella realtà dell Ospedale Porretta Terme (Bo) AUSL Bologna Ostetrica Anna Lisa Corsellini con la Coll. dell Ost. Ilenia Tugnetti Centro di Fisiologia

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Lezione 9: Principi Etici e Assistenza al Termine della Vita. Corso di Rianimazione Neonatale

Lezione 9: Principi Etici e Assistenza al Termine della Vita. Corso di Rianimazione Neonatale Lezione 9: Principi Etici e Assistenza al Termine della Vita Corso di Rianimazione Neonatale Principi etici e cure al termine della vita Contenuto della Lezione: Principi etici sull inizio o sull interruzione

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

Cosa di nuovo nel CedAP 2015

Cosa di nuovo nel CedAP 2015 La nascita in Emilia-Romagna Bologna, 13 novembre 2014 Cosa di nuovo nel CedAP 2015 Vittorio Basevi, SaPeRiDoc, Bologna Sovrappeso e obesità materna, Europa frequenza sovrappeso obesità Scozia 27.7% 20.7%

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Nicoletta Telleri ASPETTI TECNICI: L esecuzione del tracciato

Dettagli

Tossicodipendenze: tra persona e necessità

Tossicodipendenze: tra persona e necessità Tossicodipendenze: tra persona e necessità Direttore Generale Dr. Enrico Desideri Direttore Amministrativo Dr. Moraldo Neri Direttore Sanitario Dr.ssa Branka Vujovic Direttore servizi sociali Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA Gentilissimo/a, Cittadinanzattiva, e in particolare il Tribunale per i diritti del malato e il Coordinamento

Dettagli

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne?

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne? BREAST SCREENING ITALIAN The Facts SCREENING DEL SENO ITALIANO I fatti Cos è lo screening del seno? Lo screening del seno (mammografia) è un esame a raggi X del seno. L esame può rivelare la presenza di

Dettagli

2. BREVE EXCUSUS SULLE LINEE GUIDA: cosa sono, come nascono, a cosa

2. BREVE EXCUSUS SULLE LINEE GUIDA: cosa sono, come nascono, a cosa ASSISTENZA AL TRAVAGLIO E PARTO FISIOLOGICO :ANALISI E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA NICE CON QUELLE ITALIANE E LORO APPLICAZIONE Agnese Bettoni, Ostetrica Daniela Calistri, Ostetrica Paola Agnese Mauri

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01)

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) LAVORATRICI GESTANTI, PUERPEREO IN PERIODO DI ALLATTAMENTO Scopo

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Laura De Vitt. Per darvi un idea più precisa del mio percorso formativo vi fornisco alcune informazioni specifiche.

Laura De Vitt. Per darvi un idea più precisa del mio percorso formativo vi fornisco alcune informazioni specifiche. Laura De Vitt Laura De Vitt inizia l attività di ostetrica nel 1997 presso il reparto di Ostetricia dell Ospedale Civile Santa Maria degli Angeli di Pordenone, dopo aver maturato un esperienza decennale

Dettagli

Rapporto sulla Natalità

Rapporto sulla Natalità REGIONE CAMPANIA Azienda Sanitaria Locale NAPOLI 1 Rapporto sulla Natalità nella Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Anno 2005 A cura di: DOMENICO ESPOSITO - PATRIZIA NASTI - ANDREA SIMONETTI PREMESSA La

Dettagli

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori www.tecnostress.it Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori realizzata in collaborazione con: www.puntosicuro.it Il senso di questa ricerca Il tecnostress è una sindrome causata

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali?

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali? 9. I coni vaginali I coni vaginali sono stati ideati nel 1985 da Stanislov Plevnik come strumento di ausilio per valutare e rinforzare i muscoli del pavimento pelvico (perineo). Il pavimento pelvico forma,

Dettagli

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2014

L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2014 L EVENTO NASCITA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: RAPPORTO EPIDEMIOLOGICO SUI DATI DEI CERTIFICATI DI ASSISTENZA AL PARTO (CeDAP) - ANNO 2014 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi,

Dettagli

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base.

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base. I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base Laura Barbirato Febbraio/marzo 2011 1 Esistono i Disturbi da Deficit di Attenzione

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann Percorso nascita in CLINICA MANGIAGALLI - Milano Schede di Dimissione Ospedaliera e del Certificato di Assistenza al Parto 2009 e 2010 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO

Dettagli

Giulia Mandrino Monica contiero MAMME g r a v i d a n z a

Giulia Mandrino Monica contiero MAMME g r a v i d a n z a Giulia Mandrino Monica Contiero MAMME prêt-à-porter gravidanza Nel caso di eventuali errori od omissioni nelle citazioni delle fonti, la Casa Editrice provvederà, nella prossima edizione, alle rettifiche

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base.

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Frusca, T., Soregaroli, M., Lojacono A., Enterri, L., Platto, C., Bianchi U.A.

Dettagli

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009 Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre29 A cura del Comitato Scientifico del Circolo Che Guevara PRC-Navile Con il sostegno del Comitato Salute Pubblica zona Obiettivi

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Il rapporto nascita: nati nel 2008

Il rapporto nascita: nati nel 2008 Bologna 9 dicembre 2009 Il rapporto nascita: nati nel 2008 Dante Baronciani, 1 WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health le buone notizie Goodnews 2

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

La partoanalgesia nei Centri Nascita Pubblici dell ASLNA1Centro

La partoanalgesia nei Centri Nascita Pubblici dell ASLNA1Centro La partoanalgesia nei Centri Nascita Pubblici dell ASLNA1Centro 11 Corso Epidemiologia Perinatale Nascere in Campania: riflessioni in tema di appropriatezza Andrea Simonetti U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli