LA COMUNICAZIONE CON I GENITORI DEL BAMBINO PREMATURO: DALLA PATOLOGIA NEONATALE ALLA RIABILITAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMUNICAZIONE CON I GENITORI DEL BAMBINO PREMATURO: DALLA PATOLOGIA NEONATALE ALLA RIABILITAZIONE"

Transcript

1 LA COMUNICAZIONE CON I GENITORI DEL BAMBINO PREMATURO: DALLA PATOLOGIA NEONATALE ALLA RIABILITAZIONE Odoardo Picciolini, Chiara Vegni, Roberto Cerabolini Premessa La nascita prematura rappresenta ancora un evento relativamente frequente: si calcola che l 8-10% delle nascite avviene prima del termine. Nell ambito della popolazione dei prematuri sono peraltro i VLBW (very low birth weight: peso alla nascita inferiore ai 1500 grammi) o ELBW (extremely low birth weight: peso alla nascita inferiore ai 1000 grammi) o i nati con grave prematurità (età gestazionale inferiore alle 30 settimane) a rappresentare la popolazione ad alto rischio sia di sopravvivenza che di sequele a distanza. Il numero elevato è conseguente a infezioni materne con precoce rottura delle membrane, all incremento delle gravidanze multiple, effetto della procreazione assistita, e all interruzione precoce della gravidanza in situazioni di grave alterazione della crescita fetale. L assistenza perinatale rivolta a questi neonati ha mostrato evidenti progressi negli ultimi anni con conseguente rilevante miglioramento della loro sopravvivenza, che ha raggiunto valori superiori al 90%. (Fanaroff A, Hack M, 2003). La possibilità di sopravvivenza, proporzionale a peso ed età gestazionale di nascita, si è spostata sempre più in basso sia per peso (anche < 500 gr) che per età gestazionale (anche a 24 settimane o meno). I fattori che hanno consentito questi risultati sono molteplici, dalla centralizzazione delle gravidanze ad alto rischio alla formazione avanzata del personale di assistenza, alla prevenzione e cura della patologia cardiorespiratoria neonatale del grave pretermine. L utilizzo crescente della terapia steroidea antenatale, la somministrazione di surfattante, le migliorate tecniche ventilatorie con uso precoce di supporti non invasivi (CPAP nasale), hanno portato alla crescente sopravvivenza. Accanto alle misure terapeutiche, che consentono una migliore assistenza per i problemi organici del piccolo neonato, negli ultimi anni sempre maggiore attenzione è stata dedicata alla gestione degli aspetti emotivocomportamentali e al sostegno alle madri: la care neonatale con l utilizzo della marsupioterapia, con attenzione alle cure posturali e al precoce attaccamento madre-neonato oltre ad avere incrementato la possibilità dell alimentazione naturale e la riduzione dei tempi di degenza, favorisce un più armonico sviluppo del neonato, con positive ricadute sul suo outcome.(kangaroo Mother Care Ed it. 2006). Il grave prematuro che viene dimesso dalle terapie intensive neonatali è un soggetto tuttavia che necessita, per il rischio evolutivo connesso alle sue caratteristiche e alla patologia che ha presentato in epoca neonatale, di un follow-up multidisciplinare che ne segua lo sviluppo fisico e psicomotorio nella sua globalità, favorendone la migliore qualità di vita a breve e lungo termine. Circa il 10% dei VLBW può presentare una disabilità a distanza (Paralisi Cerebrale, ritardo mentale, deficit sensoriale grave), mentre il 20% avrà disturbi minori dello sviluppo che potranno configurare in età prescolare e scolare disturbi di attenzione, comportamento ed apprendimento. La frequenza di sequele aumenta se il bambino alla nascita ha un peso inferiore ai 1000 grammi (disabilità 20%, anomalie minori 40-50%).(Mercier C 2003, Bhutta AT 2002, Anderson PJ 2004, Marlow N 2004, Friedman H 2005). Gli esiti psicomotori sono correlati al danno a livello cerebrale, che si manifesta come emorragia e/o ischemia, la cui gravità dipende dall estensione e dalla sede della lesione. E opportuno tuttavia sottolineare le difficoltà che conseguono al precoce distacco e allontanamento dalla madre e alla lunga ospedalizzazione, necessaria per consentire il raggiungimento delle condizioni di stabilità ed autonomia del piccolo neonato e quindi la possibilità del suo ritorno a casa. Di tutto questo si deve tener conto per una corretta gestione del bambino e della sua famiglia, una volta superate le difficoltà iniziali.

2 La nostra esperienza indica l opportunità che il piccolo sia inserito in un programma di follow up che si propone da un lato l individuazione precoce delle disarmonie dello sviluppo, dall altro la formulazione di proposte di intervento, considerando e integrando sia gli aspetti organici, che le difficoltà funzionali dei vari settori dello sviluppo, da quello somatico a quello psicomotorio ed emotivo Un servizio di follow up per il grave pretermine deve affiancare l assistenza del pediatra curante e fungere da riferimento, guidando il bambino e la sua famiglia, soprattutto in caso di patologia, nel difficile percorso del programma riabilitativo. In questo contesto si deve tener conto anche degli altri soggetti che sono strettamente implicati nella nascita pretermine: in primo luogo della mamma, con i suoi sensi di colpa per non essere riuscita a portare a termine la gravidanza e a realizzare il suo bambino ideale, che può sentirsi impotente, fino alla depressione, nel timore di non essere in grado di saper riconoscere e rispondere ai bisogni del suo bambino così piccolo e così fragile. E del padre, confuso e preoccupato anche per la propria compagna, col dubbio di non averle dato sufficienti attenzioni durante la gravidanza, che avverte sulle proprie spalle la responsabilità di garantire la sicurezza della famiglia. Ci sono nonni e parenti che qualche volta entrano in scena con l intento di sostenere i genitori affaticati e disorientati, col rischio di rompere i fragili equilibri di una coppia che cerca faticosamente di adattarsi ad una situazione del tutto nuova. Il bambino e i suoi genitori iniziano quindi il percorso di follow-up con l insicurezza di chi non conosce esattamente il proprio futuro, tanto più se alla nascita si sono presentati eventi patologici rilevanti. In letteratura molti contributi (Stroul & Friedman, 1996; Winnicott, 1975) indicano l opportunità che gli operatori sanitari si pongano al servizio di una famiglia aiutandola per il tempo necessario a promuovere il cambiamento e la ricostruzione di una maggior adeguatezza. In questa collaborazione tra specialista e familiari non specialisti si declina la prospettiva della costruzione di un ambiente terapeutico (Cerabolini e Comelli, 2006). L incontro di cure La consapevolezza che un intervento sullo sviluppo del bambino e sulla relazione con i genitori rappresenta un aspetto centrale nel follow-up del prematuro si è fatta strada nel tempo. Nel corso degli anni ci si è accorti di come lo sviluppo del bambino e la relazione con i genitori richiedesse un percorso di cure, di comunicazione e di presa in carico sempre più differenziato, con il coinvolgimento della famiglia. Non siamo di fronte a una malattia, che si gestisce con linee guida, ma allo sviluppo di bambini ciascuno con le sue peculiarità e spesso con le proprie diversità, uno sviluppo da comprendere, da osservare e da ascoltare, dei genitori da aiutare nella acquisizione di competenze. Lo sviluppo del bambino prematuro porta alla normalizzazione nella maggior parte dei casi. Tuttavia, nel % si manifestano anomalie cosiddette minori dello sviluppo motorio e cognitivo, e nel 10 % esiti maggiori quali paralisi cerebrale infantile, tanto più frequenti quanto più l età gestazionale e il peso alla nascita si abbassano (Bhutta 2002, Wilson-Costello 2005). Il confine tra patologia e normalità non è subito chiaro, talvolta lo diventa nel corso degli anni, e a volte ci chiediamo se esista davvero. Ci siamo accorti che occorreva sviluppare competenze e formazione. Competenze nella diagnosi precoce di nuove disabilità, prima non sperimentate. Abbiamo in carico bambini di settimane di età gestazionale e di g. alla nascita sempre più numerosi, di cui solo ora conosciamo gli esiti a lungo termine. (Marlow, 2004) I genitori ci fanno delle domande. Rispondere alle loro domande, in modo da facilitare le relazioni ed una crescita armoniosa senza pregiudicare il legame genitori-bambino non è facile. Le parole dei medici sono comunque pesanti, ma non devono essere pietre. Nel gruppo di lavoro sono state inserite nuove professionalità e intrapresi percorsi di formazione per tutti gli operatori: molti di loro hanno avuto esperienze di gruppi Balint, training psicoanalitico, vissuti corporei. L approccio è diventato sempre più un approccio Family Centered Care. (Policy statement of American Academy of Pediatrics, 2003) Si tratta di un nuovo modo di pensare intorno alle relazioni tra famiglie e agenti di cure (health care providers). I professionisti Family-centered riconoscono il ruolo vitale che le famiglie giocano nell assicurare la salute e il benessere di bambini, ragazzi, adolescenti e membri delle loro famiglie di tutte le età. I medici Family-centered partono dal presupposto che le famiglie, anche quelle che vivono in circostanze difficili portano punti di vista forti (strengths) e importanti alle loro esperienze di cura.

3 Le persone sono trattate con dignità e rispetto. I professionisti comunicano e condividono con i genitori informazioni complete e obiettive. Viene riconosciuta la forza e la individualità di ogni famiglia, rispettando i diversi metodi di coping. La parola care è riferita alla famiglia, nell accezione ampia di persone in relazione biologica, emotiva o legale. Una letteratura ormai ampia evidenzia come questo orientamento produca una riduzione dell ansietà del bambino e dei genitori, durante i ricoveri (King G., 1999). Si tratta di un modello di erogazione delle cure che enfatizza l importanza di fornire informazione, offrire ai genitori il controllo sull intervento clinico, rispettare il loro punto di vista, supportandoli nelle decisioni. L approccio prevede un supporto parent-toparent, che, come evidenziato dalla letteratura 1, aumenta la fiducia in sé e la capacità di problem-solving dei genitori, e un supporto family-to-family, che migliora la salute mentale delle madri di bambini con malattia cronica. Nel Canada e negli Stati Uniti vi è una sempre maggiore richiesta di ricovero negli ospedali che adottano tale modalità di erogazione delle cure. (King G., 1999) Secondo l Institute for Family-Centered Care (IFCC, 2002), vi è un crescente impatto della esperienza della FCC, non solo sugli esiti clinici ed evolutivi a lungo termine, ma anche sulle relazioni famiglia-bambino, sulla percezione delle cure da parte delle famiglie, e spesso anche sulle relazioni professionali nei gruppi di lavoro. Infatti, per i professionisti questo metodo porta ad una diversa percezione del peso della disabilità relativamente al proprio lavoro; ricoveri più brevi per i bambini; riduzione della istituzionalizzazione per bambini con ritardo mentale; minori cause legali e calo di malpractice. Studi canadesi evidenziano che la percezione dei genitori su informazione, supporto, comprensione e condivisione sono determinanti per gli outcomes: la percezione su come ricevono il trattamento e la soddisfazione nei confronti dei servizi di riabilitazione determina riduzione dello stress e benessere emotivo dei genitori; si modifica la percezione dei problemi del figlio, in quanto si riducono lo stress, l angoscia e la depressione con beneficio per i problemi comportamentali dei bambini; si modifica la percezione dei sistemi di supporto, con l attuazione di informazione strutturata, newsletters, centri di accoglienza, gruppi di supporto, che producono un miglioramento del funzionamento familiare. Già Winnicott suggeriva ai pediatri, nei loro incontri con le madri, di dare un appoggio-senza-interferenza e di...riconoscere una madre buona ed offrirle tutta l opportunità di maturare in vista del compito che l attende. Una madre può fare, e farà, degli errori, ma, se le servono a fare meglio in futuro, questi finiscono per trasformarsi in un arricchimento (Winnicott 1975, pag ). I genitori possono anche rappresentare una preziosa fonte d aiuto per l intervento con il bambino. Scrive Brafman: Molti genitori, una volta ottenuto l aiuto di cui hanno bisogno, possono mutare il proprio approccio al bambino e diventare degli agenti molto efficaci che operano per il miglioramento e la risoluzione dei suoi problemi. Percependo diversamente il bambino, i genitori possono cambiare il modo in cui lo trattano.... (Brafman, 2005, pag ). Tuttavia alcuni bambini sono alle prese con problemi che richiedono un aiuto maggiore di quanto qualsiasi genitore possa fornire e quindi, in una situazione del genere, dobbiamo tentare di aiutare i genitori a capire e accettare i limiti di ciò che possono fare per il figlio. (ivi, pag. 41) L apporto che può fornire la famiglia è stato particolarmente approfondito nel campo della riabilitazione, ed ha condotto gli operatori a ristrutturare il proprio intervento, prestando attenzione all evoluzione del processo adattativo che coinvolge l intero nucleo familiare. (Pierro, 1994). Nella prospettiva ecologica ciò significa interagire sia col bambino sia con la famiglia per rendere naturale un percorso evolutivo improbabile ( ) agendo sulle interazioni in atto, modificando alcune caratteristiche dell ambiente fisico ( ) modificando 1 Afferma l American Academy of Pediatrics (Policy statement, Pediatrics 2003): Vogliamo realizzare la collaborazione tra genitori e professionisti ai diversi livelli dell assistenza sanitaria: cura del bambino, sviluppo di programmi, formazione professionale, valutazione ed erogazione dei servizi. Fondamentale è favorire il supporto tra i genitori, così come tutte le iniziative politiche e istituzionali che provvedono al supporto emotivo, sociale ed economico per le famiglie. I bisogni di crescita del bambino e delle famiglie devono esssere considerati in tutti gli ambiti di erogazione delle cure. Riflettendo su alcuni decenni di lavoro con famiglie, pediatri, professionisti della salute e istituzioni, l American Academy of Pediatrics ha definito family-centered l intervento di care basato sulla comprensione che la famiglia è la fonte primaria di forza e supporto per il bambino, riconosce, inoltre, che i punti di vista e l informazione fornita dalle famiglie, dai bambini e dai giovani adulti sono importanti nella presa di decisione. Il policy statement sottolinea i principi chiave della FCC e i dati della letteratura recente che mette in relazione family-centered care ai migliori esiti di salute. La dichiarazione conclude con specifiche raccomandazioni affinché i pediatri possono integrare la FCC negli ospedali, ambulatori, settings di comunità, così come in sistemi di cura più estesi.

4 direttamente e indirettamente il modo di interagire dei familiari con il bambino, rendendolo ad essi più comprensibile e migliorando le possibilità comunicative attraverso la costruzione di codici specifici per patologia. (Pierro, 1994a, pag. 20). Nei fatti ciò comporta un complesso intervento interdisciplinare (non solo multidisciplinare), nel quale non basta moltiplicare il numero degli operatori e degli interventi, ma è soprattutto necessario il loro coordinamento (ivi, pag. 24). D altra parte, la valutazione delle competenze familiari è sempre necessaria per comprendere la condizione di un bambino. Il fatto che questi compia progressi appropriati all età nei vari stadi dello sviluppo parla non soltanto delle sue doti, ma indica anche che i genitori sono stati capaci di aiutarlo a realizzare quelle conquiste. L esperienza milanese dell Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva della Fondazione IRCCS Policlinico, Mangiagalli, Regina Elena La nostra esperienza è relativa all intervento su bambini a rischio neuroevolutivo, durante la degenza e dopo le dimissioni (percorso di follow-up e interventi riabilitativi). La casistica è di 200 bambini all anno, tra bambini prematuri, bambini con patologie neurologiche, bambini con sindromi. (Picciolini O, 2002) Dopo la dimissione l intervento ambulatoriale si sviluppa tramite 2 strutture integrate: Servizio di Follow-up Neonato a rischio che effettua il monitoraggio neuropediatrico Servizio di Abilitazione e Riabilitazione a partenza neonatale che organizza gli interventi specifici sul bambino e la famiglia. L intervento Luoghi e tempi dell'incontro di cure neuroevolutivo, a carattere multiprofesionale, comprende: valutazione dello sviluppo neurofunzionale intervento abilitativo e riabilitativo supporto alle competenze genitoriali L incontro di cure tra operatori, bambini e genitori si sviluppa attraverso luoghi e tempi diversi, in cui si incrociano le aspettative e le speranze, le competenze, i successi e anche le impotenze degli attori della cura, come è rappresentato dalla tabella 1:

5 I luoghi e le fasi dell intervento 1. Prima assistenza e decision making Il primo momento è l assistenza in sala parto, momento difficile per il medico in quanto l outcome neuroevolutivo complessivo dei VLBW (Very low birth weight), pur essendo notevolmente migliorato rispetto a 10 anni fa, evidenzia esiti ancora alti (Vegni C, 2004) In uno studio su 41 bambini nati presso la nostra Unità Operativa, nel periodo , con EG 26 settimane (extremely preterm o EPT) e valutati a 2 anni, osserviamo che il 15 % presenta anomalie maggiori (paralisi cerebrali infantili ed altre disabilità gravi), il 45% anomalie minori (impacci, clumsiness, deficit cognitivi, disturbi di apprendimento e socializzazione), mentre il 40% degli EPT ha uno sviluppo normale. Per questo i medici si chiedono quanto e fino a quando assistere (Orzalesi, 2005).

6 Un indagine conoscitiva su un ipotetico caso di grave sofferenza neonatale in un neonato pretermine e sul conseguente comportamento del medico e sull influenza dei genitori è stata condotta a livello europeo (EURONICS 2002), intervistando medici di alcuni paesi europei (Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svezia), sulla condotta da assumere in un caso simulato di nascita gravemente prematura. Era proposto il caso seguente: Una donna entra in travaglio alla 24a settimana compiuta. Nessun segno di distress fetale. Peso stimato 560 gr. Alla nascita Indice di Apgar a 1 minuto: 1. Alla domanda Che comportamento assumeresti in sala parto subito dopo la nascita?, rispondeva Comunque nessuna assistenza il 63% dei medici olandesi, il 18% dei francesi, il 4% dei medici italiani. Alla successiva domanda Terreste in considerazione la scelta eventuale dei genitori di non fornire alcuna assistenza al neonato? rispondeva Sì il 40% dei medici in Gran Bretagna, il 20% circa in Spagna, Germania e Francia, il 6% in Italia. La simulazione clinica proseguiva: Alcuni giorni dopo le condizioni del neonato peggiorano. Una eco cerebrale dimostra un emorragia massiva unilaterale, una dilatazione dei ventricoli con interessamento del parenchima cerebrale periventricolare. I genitori del neonato vengono informati. Alla domanda Continuereste l assistenza senza coinvolgere nella scelta i genitori del neonato? rispondeva Si, il 36% dei medici in Italia, il 20% in Spagna, il 3% in Inghilterra e Francia. Infine si proponeva: Immaginiamo che assecondando le scelte dei genitori sia stata presa la decisione di interrompere l assistenza, somministrate farmaci col proposito di accelerare la morte del neonato? ; a questa domanda rispondevano affermativamente il 38% dei medici in Francia, il 12% in Olanda, e nessuno in Italia. Ciò indica quanto sia complesso il decision making, come non solo l aspetto tecnico, ma le radici culturali, le problematiche etiche, unitamente al ruolo dei genitori condizionano le scelte cliniche. 2. L intervento nelle prime fasi di vita: la Care Il nostro primo contatto con il neonato è vicino alla culla. Le domande che l operatore si pone sono Quale processo il bambino sta cercando di portare a termine? Quale è il progetto del caregiver che osserva il bambino accanto alla culla? What is the infant attempting to accomplish?, What has the professional caregiver planned next for the infant? (Als, 1996). L intervento si sviluppa attraverso le competenze di un team multidisciplinare comprendente neonatologo, fisiatra, terapista della riabilitazione, psicomotricista, logopedista, psicologo. Accanto ad un primary professional team, che si occupa delle cure primarie al neonato, della sua sopravvivenza, e della stabilizzazione, poi, esiste un developmental team, che si occupa dello sviluppo delle funzioni adattive del neonato: care e intervento abilitativo, con la possibilità di avvalersi di tecniche specifiche. La care ha lo scopo di: - promuovere la stabilità del sistema neuro vegetativo e dei parametri vitali: frequenza cardiaca, respiratoria, saturazione di ossigeno; - facilitare l organizzazione e la stabilità degli stati comportamentali, con periodi di sonno alternati a periodi di veglia quieta; - facilitare la maturazione del sistema motorio, attraverso metodi di handling e holding, ricercando la flessione e la simmetria del capo sul tronco, la posizione sul fianco con adeguato sostegno alla parte posteriore del corpo; - favorire lo sviluppo delle competenze alimentari: suzione non nutritiva e poi alimentazione per os anziché per gavage.

7 Anche l ambiente di cure svolge un ruolo importante nella maturazione neurocomportamentale del bambino: il neonato è contenuto nel nido e avvolto nel wrapping (telino), poi vestito con calzine e body. Altre misure sono finalizzate alla protezione degli stimoli invasivi: riduzione della luce con telo coprincubatrice, tono di voce basso e attenzione ai rumori ambientali da parte degli operatori; contenimento cutaneo attraverso la mano dell operatore durante l assistenza. L intervento abilitativo si avvale anche di tecniche specifiche quali il massaggio, l ascolto della voce materna (Tomatis A 2002), la marsupioterapia o kangaroo mother care (Kangaroo Mother Care, 2006), tramite la quale si ricerca il contatto pelle a pelle madre-bambino. 3. Il coinvolgimento dei genitori Mentre continua l intervento con il neonato si approfondisce l intervento con il genitore. Parte integrante della care è promuovere l interazione con i genitori,ai quali vengono trasmessi gli accudimenti abilitativi : i genitori sono guidati nel contatto attraverso le mani, eseguendo movimenti lenti con il bambino in postura raccolta; sono guidati nelle prime esperienze alimentari del bambino e durante l igiene. Tutte le cure, anche le procedure per la riduzione del dolore sono svolte con il coinvolgimento dei genitori, Infine si organizzaano momenti specifici di incontro degli operatori di supporto alle competenze genitoriali (Fonagy P 1997). Da circa 4 anni si svolgono gruppi con i genitori. Ogni 15 giorni il neonatologo, il fisiatra, la fisioterapista, la psicologa e l infer-miere incontrano i genitori dei bambini ricoverati: partecipano in media genitori. Il gruppo risponde al bisogno di sapere e diventare più competenti, da parte dei genitori. L obiettivo è aiutare i genitori a sentirsi sostenuti nel percorso di cure del proprio bambino, sperimentando una condivisione della propria esperienza con altri genitori, valorizzare la presenza della madre in reparto e infine arricchire la comunicazione personale-genitori. Il metodo prevede incontri su temi specifici di carattere informativo, ma l ascolto delle domande esplicite ed implicite che emergono dagli interventi dei partecipanti e l attenzione a favorire lo scambio tra genitori, costituiscono lo strumento privilegiato per tutti gli operatori presenti alla riunione. I genitori propongono le angosce e le preoccupazioni per la salute del loro bambino; la loro competenza genitoriale viene messa a dura prova dalla necessaria dipendenza dagli esperti ai quali è affidata la cura del proprio figlio. Le madri riportano nei loro racconti il sentimento di grande colpa per non aver potuto portare a termine quell adeguato contenimento del proprio bambino che costituisce la naturale aspettativa di tutte le madri. I temi affrontati risultano di grande rilevanza nel sostenere il padre e la madre nell assunzione della loro genitorialità. Riguardano principalmente: genitore ideale e genitore reale, l impotenza nella terapia intensiva neonatale, le nuove responsabilità nella terapia postintensiva, la dimissione e la separazione dall ambiente di cure e dagli operatori, il ruolo genitoriale e la modalità per essere un genitore competente, la crescita del bambino e il significato da attribuire ai suoi comportamenti. Il gruppo dei genitori che si incontra in modo stabile favorisce l avvicinamento al bambino reale.

8 4. La dimissione Il momento della dimissione è molto delicato per i genitori, in quanto da una parte viene a mancare la struttura ospedaliera che è stata vissuta come protettiva per la sopravvivenza fisica del bambino e, dall altra, sentono rinnovata la sofferenza di genitori che non sono stati capaci di portare a termine la gravidanza, fornendo al bambino le condizioni più adeguate alla crescita. I fili che hanno tenuto i loro bambini in vita, che li hanno nutriti, sono diventati una realtà mentale da cui è difficile separarsi, sono ancora nella mente dei genitori. I medici rassicurano, ma talvolta allontanano, o per sensi di colpa o per la sofferenza prodotta in loro dalle comunicazioni. L accompagnamento dei genitori è fondamentale. Per questo prima della dimissione del neonato dal reparto, le stesse persone che seguiranno il bambino al follow-up incontrano i genitori. I genitori hanno la possibilità di conoscere già in reparto gli operatori che svolgeranno gli interventi, che in tal modo forniscono una garanzia di continuità nell aiuto alla crescita. 5. Il percorso di follow-up Il Servizio di follow-up è uno strumento di diagnosi, prognosi e di intervento con la funzione di: definire tempestivamente la normalità e le anomalie di sviluppo, comunicare ai genitori le valutazioni e rassicurali, quando possibile, supportarli nella comprensione dei disordini osservati predisporre gli interventi di modulazione e riabilitazione, rivolti alla coppia madre-bambino Ai genitori viene restituito l insieme della valutazione, in colloqui congiunti, da due o più figure professionali presenti negli incontri delle visite di controllo (fisiatra, psicomotricista, fisioterapista, psicologa). Gli interventi precoci e la riabilitazione sono parte integrante del follow-up, strumento non solo per individuare, ma anche per affrontare i disordini di sviluppo del prematuro. La valutazione clinica ha indirizzato la metodologia di lavoro man mano che ci mostra-va il tipo e la qualità delle ano-malie, osservate. I risultati hanno guidato la messa a punto dei metodi di osser-vazione, svilup-pando negli anni ipotesi e strategie di intervento per il bambino e la famiglia, consen-tendo, infine, di definire le caratteristiche del lavoro interdisciplinare, i ruoli e le funzioni del team multiprofessionale attualmente presenti. Si è sviluppato un modulo di intervento per bambini con disabilità. Sono stati sperimentati nuovi interventi di prevenzione, quali i gruppi mammabambino. 6. L intervento mamma-bambino La nascita prematura può determinare una compromissione delle funzioni di autoregolazione e di attaccamento, che giocano un ruolo primario nello sviluppo neurosensoriale ed emotivo del bambino. Il bambino presenta un corpo ed una mente non attrezzata a far fronte all impatto con le stimolazioni esterne e interne, che gli provocano sensazioni catastrofiche (pianti incontenibili, crisi respiratorie, vomiti, etc..). I nostri interventi sono rivolti ad aiutare le madri a mettersi in relazione con i messaggi non verbali del bambino, cercando di trovare insieme a loro, attraverso l interazione di gioco, la premessa per una apertura fiduciosa del bambino verso il mondo esterno. In questa esperienza si modellano le nuove capacità e le rappresentazioni mentali che costituiscono il nucleo della fiducia di base, primo codice del sapere. Il lavoro trasformativo, proposto dagli operatori, è lento e

9 difficile perché le esperienze originarie hanno fatto percepire alla mente del bambino un tipo di rappresentazione di sé e del mondo poco rassicurante che lui sente come unica e immodificabile. Così i comportamenti causati dalle sue iniziali delusioni rischiano di divenire le modalità con cui affronterà le esperienze evolutive successive: inibizione o instabilità. Beebe e Lachman (Beebe B, Lachmann FM 2002) rilevano che la qualità della coordinazione interattiva madre-bambino a 4 mesi è predittiva dell attaccamento e dello sviluppo percettivo e cognitivo a 2 anni. Sulla base di questi concetti un gruppo di 36 bambini VLBW, nati nel 2001, esenti da anomalie maggiori, sono stati randomizzati in due gruppi (n=18), paragonabili per peso alla nascita ed età gestazionale (Giannì 2006). Nel gruppo di intervento la coppia madre-bambino partecipava ad incontri di gruppo, 2 volte al mese, nel primo anno di vita, condotti da una psicologa ed una psicomotricista. L intervento era basato sulla regolazione delle emozioni e sulla promozione delle competenze percettive e cognitive all interno della interazione madre-bambino. Il gruppo di controllo non effettuava alcun intervento. Entrambi i gruppi sono stati valutati con la Griffiths Mental Development Scale, a 12, 24 e 36 mesi. A 36 mesi di età, i bambini del gruppo di intervento, confrontati con il gruppo controllo, hanno evidenziato punteggi significativamente più alti nelle scale personale-sociale, coordinazione occhio-mano e ragionamento pratico. I risultati suggeriscono che l intervento agisca favorendo lo sviluppo della identità, della rappresentazione simbolica e della capacità di astrazione nel bambino, confermando le ipotesi di partenza. Nonostante la necessità di effettuare ulteriori studi, con campioni più numerosi, un intervento precoce sulla qualità della interazione madre-bambino sembra possa incidere positivamente sull outcome neuroevolutivo del VLBW. 6. La comunicazione di patologia Si tratta di un processo, che si costruisce attraverso momenti successivi nel Servizio di Abilitazione e Riabilitazione. Dobbiamo partire dalle aspettative del genitore: che relazione immaginava con il suo bambino, e che bambino sta ora osservando?

10 La comunicazione di patologia interessa l area della relazione genitore-bambino, rompendone l equilibrio, modifica le aspettative del genitore nei riguardi del figlio, mortifica l immagine di sé come genitore competente, ferisce ciascun membro della coppia nella sua capacità di generare un figlio sano. Per il genitore il bambino reale si fa diverso dal bambino fantasticato, e la malattia del bambino evoca bisogni di dipendenza totale. La comunicazione col genitore può essere centrata sul danno (il danno ipotizzato, l esame strumentale, i segni di allarme, i rischi per lo sviluppo) oppure sul genitore (come sarà il mio bambino, camminerà, parlerà, cosa saprà fare, come sarà il mio rapporto con lui, come sarò io, le mie difficoltà, la mia accettazione...). Non può non tenere conto di com è il genitore: (chiede troppo, non chiede nulla, nega, è troppo angosciato, troppo distante, troppo conflittuale, troppo depresso; oppure è preoccupato, triste, ma sufficientemente capace di chiedere e di porsi in relazione con il bambino e con il personale...) né dell operatore, con la sua esperienza professionale, le sue competenze, la cultura e i valori, la formazione personale, il bisogno di trasmettere contenuti, il bisogno di essere terapeuta. Le difficoltà che ha il genitore le possono avere anche il medico o l infermiere; sono difficoltà di ascolto, difficoltà a tacere, difficoltà a comprendere di cosa ha bisogno quel genitore, difficoltà a offrire un contenimento (uno spazio e un tempo per esprimere il dolore, potersi arrabbiare, essere indirizzati, trovare soluzioni). E importante ascoltare ed astenersi dal giudizio, saper aspettare se il genitore non è pronto. Saper selezionare ciò che il genitore può recepire, ciò che il genitore desidera sapere o non sapere in quel momento. Tutte le comunicazioni che facciamo non devono minacciare il legame madre bambino. 7. La consegna della diagnosi Alla base della comunicazione della diagnosi vi è la presa in carico clinica: solo in un rapporto di fiducia la diagnosi può essere comunicata. Quando i meccanismi adattivi dei genitori stentano a funzionare, possono crearsi molte difese in loro, che rendono difficile non tanto accettare quanto capire e condividere. La rabbia e il dolore non facilitano la compliance. Il genitore deve sentire che dall altra parte c è competenza, accoglienza, comprensione, condivisione, soluzioni possibili. Il genitore deve percepire che sarà sostenuto nella storia dolorosa che sta iniziando, che vi sarà condivisione nel percorso, che pur nella sofferenza si possono ricercare soluzioni, che vi è un gruppo di professionisti in grado di aiutare il bambino nella sua crescita. Il professionista deve modularsi sulla capacità del genitore di riceverla: la diagnosi deve essere data quando ci sentiamo pronti a proporre soluzioni e quando il genitore sembra capace di ricercare soluzioni. Possiamo consegnarla se il genitore è in grado di comprenderla ed elaborarla, se diventa per lui uno strumento per costruire, non quella storia che il genitore si aspettava, ma un altra storia possibile. Come il padre di Giorgio, che rivolgendosi al bambino di un anno, dice: Il dottore ci sta dicendo che dovremo masticare proprio tante tavolette di neuroni. Altre volte il genitore non è in grado di accogliere la diagnosi. La mamma di Lisa: Dottore come va la mia bambina?,dottore: La sua bambina... Mamma di Lisa: La mia amica mi dice che sembra una bambina del tutto normale, Lei cosa ne dice?. Dottore: La sua. Mamma: Io la vedo bene, è allegra, fa di tutto. Il genitore potrà solo essere accompagnato nell avvicinarsi alla diagnosi. Potremo essere specchio delle sue parole, a volte vi sarà un accettazione se sapremo ricevere i suoi attacchi e le sue negazioni. Altrimenti la diagnosi diventa un cuneo che si frappone tra noi e il genitore, ma soprattutto tra il genitore e il bambino. In questi casi il bambino sarà un bambino impoverito non tanto dalla patologia, ma dall assenza di riconoscimento., e sarà anche molto difficile l integrazione delle parti di sé, la ristrutturazione delle aspettative, delle abitudini e delle attitudini. Non possiamo cambiare la pci, ma possiamo aiutare il bambino a cambiare, il bambino cresce, cambia comunque; è indispensabile avere in mente che i genitori hanno bisogno di tempo per trasformare il bambino immaginario nel bambino reale (Ferrari A 2005). E poi: cosa comporta essere caregivers di un soggetto diverso non solo dal punto di vista biologico, ma anche rispetto alle aspettative? Come promuovere la costruzione di competenze adattive, accettando consapevolmente i limiti? Come non fare del male con le nostre parole, non pregiudicare la costruzione di un legame di attaccamento madre-bambino?

11 Ci sembra necessario, in primo luogo, proporre domande aperte, stimolare la narrazione, ricercare, infine, una collusione riparativa che aiuti i genitori a superare i sensi di colpa del rifiuto. L accompagnamento dei genitori tiene conto di come è il genitore, segue il genitore nelle tappe della consapevolezza e della evoluzione clinica del bambino. A volte la gestione dell incertezza costituisce una dura prova in primo luogo per il medico, in particolare nei casi in cui non ci sono ancora certezze sulla prognosi dei disturbi presentati dal bambino. Allora, fronteggiare l ansia del genitore che chiede con insistenza certezze, che non sa accettare né attendere, può rivelarsi difficile, perché il medico può sentir intaccata la propria competenza e la propria reputazione professionale. Ma non basta la modificabilità del paziente e della famiglia, anche l ambiente di cure deve essere strutturato in maniera da favorire negli operatori il senso di appartenenza al gruppo di cura. E il contatto precoce degli operatori con il genitore, quando inizia il confronto con il bambino reale, che permette al genitore di non perdersi d animo. E l esistenza di un gruppo che condivide il progetto sui diversi aspetti del bambino, che fa sentire il genitore sostenuto, curato e capace. E la possibilità di usufruire di tipi di trattamento diversificati (non solo rieducativo) con professionisti interni e/o messi in rete, che fa sentire al genitore che sta facendo quanto è possibile per il proprio bambino. E fondamentale l abilitazione dei genitori, anche attraverso il supporto associativo fra genitori che permette, lentamente, lo sviluppo di una vita relazionale e sociale e ne consolida il legame con il luogo di cure. E questa è riabilitazione. 7. Il volontariato In tale prospettiva può rivelarsi utile il ricorso a relazioni di aiuto, fornite attraverso il sostegno di volontari che, intervenendo a domicilio dopo un adeguata preparazione, offrono ai genitori una condivisione dell impegno di accudire il bambino, la possibilità di un rapporto confidenziale, l opportunità di dedicare più tempo agli interessi e alle relazioni esterne, spesso mortificate dai carichi d impegno e dalle attenzioni ansiose rivolte al figlio. Tale intervento concede, in primo luogo, momenti di respiro ai genitori, alleggerendo il loro costante impegno nella cura di un figlio con esigenze speciali. Si può, così, migliorare la qualità di vita del nucleo familiare, grazie ad una miglior organizzazione dei genitori, e degli eventuali fratelli, nell impiego del tempo libero. Per quanto fortemente sentito, il bisogno di respiro è particolarmente difficile da ammettere da parte dei genitori, per via del sovraccarico di responsabilità, dei sensi di colpa e del bisogno di potersi fidare della persona che si rende disponibile ad accudire il figlio, fiducia che talvolta non viene accordata neppure a badanti o baby sitter. Per essere accolto, il volontariato proposto a questi genitori deve perciò possedere caratteristiche forti, sia per quanto riguarda la formazione e la supervisione dei volontari, sia per la disponibilità continuativa dello stesso volontario per un tempo consistente (mesi o qualche anno), anche se limitato a uno-due interventi settimanali. In tal modo, anche questo intervento di carattere sociale, interfacciato con l équipe sanitaria e riabilitativa, può fornire un importante contributo nel facilitare le condizioni di vita del bambino e del suo nucleo, attenuare il rischio dell emarginazione sociale, contribuire allo sviluppo psicologico del bambino. Conclusioni L intervento comporta da parte dei professionisti abilità tecniche specifiche e personali competenze relazionali che richiedono formazione e training specifici per operare in un gruppo di lavoro multiprofessionale. E la consapevolezza della stretta relazione tra valutazione (competenze prognostiche), intervento (competenze riabilitative) sviluppo ed outcome (conoscenze sull evoluzione somatica e neurofunzionale, cognitiva ed emotiva del bambino), che garantisce la competenza complessiva e l armonia del team multiprofessionale.

12 Il gruppo si pone come contenitore dei problemi di sviluppo del bambino e delle ansie e delle attese dei genitori. Il suo lavoro aiuta a completare ciò che si è interrotto con la nascita prematura, a riparare le disarmonie, a sviluppare fiducia e capacità di comprendere. Dopo il primo contenitore (utero materno), contenitore della vita, che ha interrotto troppo presto la sua funzione, e il secondo (la terapia intensiva neonatale), che assicura la sopravvivenza e la maturazione biologica, il gruppo di follow-up si pone come un terzo dispositivo, proiettato verso il futuro, di facilitazione della crescita e delle funzioni adattive e mentali. Bibliografia Als H, (1988), Developmental care in the newborn intensive care unit, Curr Opin Pediatr, 10(2), American Academy of Pediatrics, Policy Statement: Family-Centered Care and the Pediatrician s Role, Pediatrics Vol. 112 No 3 September 2003, pp Anderson PJ, Doyle LW and Victorian Infant Collaborative Study Group, (2004) Executive functioning in school- Aged Children who were born very preterm or with extremely low birth weight in the 1990s, Pediatrics, 114, Beebe B, Lachmann FM., Infant Research and Adult Treatment: Co-constructing Interactions, The Analytic Press, Hillsdale, Bhutta A.T. et all, (2002), Cognitive and behavioral outcome of school-aged children who were born preterm. A metaanalysis, JAMA, 288, Brafman A. Sciogliere il nodo. Colloqui terapeutici con bambini e genitori Magi, Roma, 2005 Cerabolini R., Comelli F. (a cura di), La cura del contesto nel disagio psichico, Quattroventi, Urbino, EURONIC (European Concerted Action Project), (2000), Parent s information and ethical decision-making in neonatal intensive care units: staff attitudes and opinions, J. Pediatr, 137, 608. Fanaroff A, Hack M., Walsh M.C., (2003), The NICHD neonatal research network: changes in practice and outcomes during the first 15 years, Seminars in Perinatology, 27, Fonagy P, Target M., (1997), Attachment and reflective function: their role in self-organization, Dev Psychopathol, 9, Ferrari A, Cioni G, Le Forme Spastiche della Paralisi Cerebrale Infantile: guida all esplorazione delle funzioni adattive, Springer Ed, Milano, Giannì M.L., Picciolini O, M. Ravasi, L. Gardon, C. Vegni, M. Fumagalli, F. Mosca, (2006 oct.), The effects of an early developmental mother-child intervention program on neurodevelopment outcome in very low birth weight infants: a pilot study, Early Hum Dev., 82(10), Gruppo di studio Società Italiana di Neonatologia sulla Care in neonatologia, Kangaroo Mother Care, Ed it del testo WHO, Acta Neonatologica & Pediatrica 2006; 1:5-39. Holm KE, Patterson JM, and Gurney JG, (2003), Parental Involvement and Family-Centered, Care in the Diagnostic and Treatment Phases of Childhood Cancer: Results From a Qualitative Study, Journal of Pediatric Oncology Nursing, Vol 20, No 6, King G., King S., Rosenbaum P., Goffin R., (1999), Family centered caregiving and well-being of parents of children with disabilities: linking process with outcome, Journal of Pediatrics Psychology, 24, 41-53,. Marlow N, (2004), Neurocognitive outcome after very preterm birth, Arch. Dis Child Fetal and Neontal, F224-F228. Mercier C. and the ELBW Follow-up Centers Vermont Oxford Network, (2003), Expanded follow up of the Health and Developmental Outcome of infants with birth weight (BW) less than 1001 grams(g), Ped Res, 53: 494A. Orzalesi M, Cuttini M, (2005), Ethical considerations in neonatal respiratory care, Biol Neonate, 87(4), , Epub 2005 Jun 1. Review. Picciolini O., Vegni C., Ravasi M, et al., (2002) Follow-up e Riabilitazione, Ped. Med. Chir. (Med. Surg. Ped.), 24, Pierro M., La riabilitazione precoce ecologica in Ferrari A, Cioni G. (a cura di), Paralisi cerebrali infantil,i Del Cerro Editore, Pisa, 1994 Rauh VA, Nurcombe B, Achenbach T, Howell C., (1990), The Mother-Infant Transaction Program. The content and implications of an invention for the mothers of low birthweight infants, Clin Perinatol, 17, Strul, B., Friedman R., The system of care concept and philosophy In: Stroul B. (Ed.) Children s Mental Health: Creating systems of cere in a changing society. Pag 3-21 Baltimre, Paul H,. Brookes Tomatis A, L orecchio e la vita, Baldini & Castoldi, Milano, Vegni C, Picciolini O, Giannì ML, Gardon L, Megliani C, Marini A, Mosca F, (2004), Il rischio neuroevolutivo nei very low birth weight: fattori prognostici, Acta Neonatologica e Pediatrica, 18, Wilson-Costello D, Friedman H, Minich N, Fanaroff A.A., and Hack M., (2005), Improved Survival rates with Increased Neurodevelopmental Disability for Extremely low birth weight Infants in the 1990s, Pediatrics, 115, Winnicott D. W. Dalla pediatria alla psicoanalisi, Martinelli, 1975.

Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011

Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011 Corso di Bioetica su Inizio Vita 2011 Le caratteristiche del neonato ammalato e del suo contesto famigliare Fiorella Balli Marisa Pugliese Carpi 10 Novembre 2011 La famiglia di fronte alla malattia shock

Dettagli

Ascoltare la voce della mamma secondo i principi dell audiopsicofonologia di A.A.Tomatis Risultati di uno studio di ricerca con neonati prematuri

Ascoltare la voce della mamma secondo i principi dell audiopsicofonologia di A.A.Tomatis Risultati di uno studio di ricerca con neonati prematuri Ascoltare la voce della mamma secondo i principi dell audiopsicofonologia di A.A.Tomatis Risultati di uno studio di ricerca con neonati prematuri Anna Meazza e Gino Piovani, Atelier di Movimento - Milano

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Paola Coscia A.F.D. Coordinatore Infermieristico S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Uno dei diritti

Dettagli

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare

Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Dalla Diagnosi Prenatale di Cardiopatia Congenita alla Care della famiglia: un percorso multidisciplinare Filomena GIAMMETTA Daniela SPINA I.R.C.C.S. G.GASLINI GENOVA U.O. CARDIOLOGIA U.O. OSTETRICIA e

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

IL RUOLO DEI SERVIZI TERRITORIALI NEL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DI BAMBINI CON PROBLEMI COMPLESSI. FT dott.ssa Alessia Bucci

IL RUOLO DEI SERVIZI TERRITORIALI NEL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DI BAMBINI CON PROBLEMI COMPLESSI. FT dott.ssa Alessia Bucci IL RUOLO DEI SERVIZI TERRITORIALI NEL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DI BAMBINI CON PROBLEMI COMPLESSI FT dott.ssa Alessia Bucci Centro Diurno Specialistico Salute Mentale e Riabilitazione Prima Infanzia Santa

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost.

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost. PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia Ost. Ferrero Federica Cuneo 18-19 ottobre 2012 QUALI I BISOGNI PSICOLOGICI IN OSTETRICIA QUALI

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Altana di Calenzano, 22 novembre 2008 MEDIAZIONE " processo per cui un soggetto neutrale

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera Verband der Psychomotoriktherapeutinnen und -therapeuten Association des thérapeutes en psychomotricité Associazione dei terapeuti della psicomotricità psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore

La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore La Casa dei Bambini e dei Genitori a San Rossore Promotori del progetto Il Progetto è stato proposto dal Comitato di presidenza della Tenuta di San Rossore In collaborazione con Regione Toscana, Ente Parco

Dettagli

Marta Bigozzi INSIEME PER IL RICONOSCIMENTO DEI DIRITTI

Marta Bigozzi INSIEME PER IL RICONOSCIMENTO DEI DIRITTI Marta Bigozzi Neuropsichiatra Infantile Referente Percorso Autismo Infanzia-Adolescenza ASL10 Firenze INSIEME PER IL RICONOSCIMENTO DEI DIRITTI Consulta per la Tutela della Salute Mentale Consulta invalidi

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine.

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine. Lazio Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Roma) (1) Educazione e Formazione delle neo mamme di neonati nati prematuramente e trasferiti presso OPBG per complicanze nel periodo neonatale con insorgenza di

Dettagli

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni Indice Presentazione di Giorgio Nardone XIX Presentazione di Giovanni Poles XXI Presentazione di Ines Testoni Emozioni senza via d uscita XXIII XXVII Parte teorica Capitolo 1 Lutto e perdita: dalle definizioni

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali A. La segnalazione tra servizi (Servizio Sociale, Psicologia, Npi, Ser.T., Alcologia, Salute Mentale) in presenza di minori con

Dettagli

IL PUNTO DI PARTENZA

IL PUNTO DI PARTENZA IL PUNTO DI PARTENZA Convocare o ricevere una convocazione durante l attesa di un esito di diagnosi prenatale è sempre difficile, fonte di angoscia o perlomeno di preoccupazione. Obiettivo delle donne:

Dettagli

Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015

Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015 Festival della Città Educativa Fase del Sapere Seminario Garantire la Salute: benessere, territorio e agenzie educative Palermo, 12 gennaio 2015 Concetta Polizzi Università degli Studi di Palermo Dipartimento

Dettagli

Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media

Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media Venerdì 18 febbraio 2005 Dott. Riccardo Venturini Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media Prima parte Il nuovo protocollo del Servizio Minori di San Marino Seconda Parte Francesco:

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

AMBULATORIO DEL NEUROSVILUPPO (0-6 ANNI)

AMBULATORIO DEL NEUROSVILUPPO (0-6 ANNI) AMBULATORIO DEL NEUROSVILUPPO (0-6 ANNI) Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra Infantile - Direttore Sanitario Dott.ssa Michela Bontorin, Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Gloria

Dettagli

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia Il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia contribuisce al dibattito sulla tematica della

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE L EDUCAZIONE TERAPEUTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIE CARDIACHE IL RUOLO DELL INFERMIERE Caterina Varaldo Monica Panucci dimensione fortemente individuale colei che è efficiente e in grado di svolgere le

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo

DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo Psicologia dello Sviluppo Corso aggiun+vo per le a0vità forma+ve per gli alunni in situazione di handicap nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria. A.A. 2013/2014 DoC.ssa Maria Giuseppina Bartolo

Dettagli

ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD

ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD ASPETTI RIABILITATIVI PICCOLI FORMA MILD Paola Francesca Ajmone, Gaia Kullmann Gruppo di lavoro Malattie rare e Disabilità complessa UONPIA Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Famiglia ed handicap

Famiglia ed handicap Famiglia ed handicap del Dott. Giuliano Franzan L'arrivo di un figlio è aspetto positivo che, comunque, altera gli equilibri di coppia e all interno della famiglia. La nascita di un figlio con disabilità

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29 PROGETTO INSIEME E MEGLIO! SPORTELLO DSA E BES SCUOLA PRIMARIA SPORTELLO DI ASCOLTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Progetto Insieme è meglio! - Sportello DSA e BES Scuola primaria. Finalità generali

Dettagli

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese)

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Benessere e compromissione delle capacità motorie: aspetti teorici e riflessioni Dott.ssa Nicoletta

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Il progetto un abbraccio che fa crescere. Dott.ssa Claudia Giustardi

Il progetto un abbraccio che fa crescere. Dott.ssa Claudia Giustardi Il progetto un abbraccio che fa crescere Dott.ssa Claudia Giustardi Il progetto Un abbraccio che fa crescere nasce con l intento di portare un sostegno concreto ai genitori di bambini nati prematuri attraverso

Dettagli

UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA UONPIA: NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Istruzioni per l uso www.ao.lodi.it Attività Sanitaria L Unità Strutturale Complessa (USC) NeuroPsichiatria Infantile ( UONPIA ) è un servizio

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

Psicologia, Oncologia e Cure palliative

Psicologia, Oncologia e Cure palliative Psicologia, Oncologia e Cure palliative Psicologia in ambito ospedaliero Corso di Aggiornamento Contenuti Ordinamento della professione di psicologo e deontologia Sviluppo cronologico della psiconcologia

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

La crisi morde la salute dei bambini

La crisi morde la salute dei bambini Intervista a Mario De Curtis, Ordinario di Pediatria dell' Università di Roma Sapienza La crisi morde la salute dei bambini I figli di madri straniere più a rischio di parto prematuro anche per carenza

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

Psicoeducazione: risultati di 3 anni di attività

Psicoeducazione: risultati di 3 anni di attività Come ottenere l aderenza alla terapia e il raggiungimento dei target terapeutici: la rete post sindrome coronarica acuta. GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE 2015 ore 14.20 19.10 Psicoeducazione: risultati di 3 anni di

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 201/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO Riabilitazione Fisioterapica in ambito pediatrico TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

LA RELAZIONE MADRE BAMBINO NELLA DEPRESSIONE MATERNA

LA RELAZIONE MADRE BAMBINO NELLA DEPRESSIONE MATERNA LA RELAZIONE MADRE BAMBINO NELLA DEPRESSIONE MATERNA In questa mia relazione ho pensato di partire dalla domanda che dà il titolo a questo convegno. La depressione post-partum:anche il pediatra se ne deve

Dettagli

Le manifestazioni del dolore

Le manifestazioni del dolore Le manifestazioni del dolore Riconoscere la sofferenza Dirigente Assistenza Infermieristica Annamaria Marzi Infermiera Professionale Rosanna Sassi Hospice Casa Madonna dell Uliveto Albinea -Reggio Emilia

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli