Un progetto per la prevenzione e la cura delle lesioni da decubito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un progetto per la prevenzione e la cura delle lesioni da decubito"

Transcript

1 Un progetto per la prevenzione e la cura Ettore Cunietti*, Giovanna Saba*, Pietro Cipolla******, Giancarlo Rossi***, Paolo Bernocchi**, Lucio Raimondi****, Pasquale Esposito*, Anna Cornali*****, Ambrogio Maiocchi*, Giuseppe Imbalzano******* 1. INTRODUZIONE Viene descritto un progetto, realizzato in tre anni, finalizzato ad aumentare la sensibilità, le conoscenze e le abilità degli operatori dell Azienda Ospedaliera di Lodi nei confronti del tema della prevenzione e cura delle piaghe da decubito. Il progetto, pienamente operativo dal 1 gennaio 2008, sembra essere provvisto di alcuni aspetti potenzialmente positivi: la connessione fra richiesta informatica e valutazione del rischio, così come la descrizione dei decubiti rilevati crea un circolo virtuoso fra teoria e pratica; inoltre, viene incentivata l abitudine a classificare i decubiti e viene favorita l identificazione di quelli più iniziali, per i quali è critico il riconoscimento e l intervento precoce. L archivio elettronico supporta report periodici sulla frequenza dei pazienti a rischio decubiti e sulla prevalenza/incidenza dei decubiti. Lo sviluppo di lesioni da decubito (LD) è uno dei maggiori rischi a cui va incontro il paziente anziano quando viene ricoverato in un reparto ospedaliero; l incidenza di LD varia, a seconda delle statistiche, dall 1% al 38% (Thomas et al., 2003; Cudding et al., 2001). Allo sviluppo di LD sono connessi una serie di problemi: il principale consiste nel fatto che la loro presenza è una condizione che mette a rischio la vita del paziente (Thomas et al., 1996; Allman, 1989), soprattutto se il decubito è esteso e/o infetto; è una soluzione di continuo della cute da cui possono penetrare germi di tutti i tipi e diffondersi nell organismo, determinando infezioni sistemiche, a volte diffi cili da dominare. Inoltre, dalla lesione vengono persi materiali nobili quali eritrociti, plasma ed altre proteine che l organismo spesso ha diffi coltà a sintetizzare. È stato segnalato che i pazienti portatori di lesioni da decubito sono più pronti a sviluppare eventi acuti intercorrenti durante la degenza, hanno tempi di recupero più lunghi e degenze di durata maggiore (Thomas et al., 1997). Il carico del lavoro di nursing aumenta notevolmente se l équipe deve assistere pazienti affetti da decubiti; è stato osservato che oltre un certo numero di pazienti piagati, il carico assistenziale è tale che anche le équipe meglio organizzate presentano un crollo dell effi cienza e della qualità delle prestazioni. Alla presenza di piaghe è connesso anche un problema economico: il costo di cura di un decubito può variare da 500 a Euro (Bennet et al., 2004). Due temi, che sono emergenti, ri- 66 * U.O. Riabilitazione Generale e Geriatrica 1, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. ** U.O. Riabilitazione Specialistica 2, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. *** Uffi cio Beni e Servizi, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. **** Direzione Formazione, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. ***** Servizio di Farmacia, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. ****** Direzione Sanitaria Aziendale, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi. ******* Direttore Sanitario ASL di Bergamo, già Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi.

2 guardano il fatto che l incidenza di decubiti sta acquistando peso come un indicatore negativo della qualità dell assistenza erogata, non più solo nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA), ma anche nei reparti ospedalieri e, infi ne, che lo sviluppo di un decubito può diventare un motivo di citazione in giudizio dell équipe per malpractice, con conseguente richiesta di risarcimento (Bennet et al., 2000; Thomas et al., 1997). In base a queste considerazioni, è stata valutata l opportunità di aumentare il livello di sensibilità del personale di assistenza nei confronti del problema e, contemporaneamente, di migliorare le conoscenze e le abilità riguardo alla loro prevenzione e cura. Per raggiungere questo obiettivo è stato messo a punto un progetto da implementare in circa tre anni. 2. DESCRIZIONE E SVILUPPO DEL PROGETTO Il progetto si è articolato in fasi successive come riportato nella tabella 1. Le stesse vengono sinteticamente descritte nei seguenti sottoparagrafi STESURA DELLE LINEE GUIDA La prima fase, propedeutica alle successive, è consistita nella stesura delle Linee Guida aziendali sulla prevenzione ed il trattamento delle piaghe da decubito, allo scopo di mettere a disposizione un documento aggiornato e in grado di fungere da riferimento comune per tutti gli operatori sanitari dell Azienda e da riferimento anche alla Farmacia Ospedaliera per l acquisto delle medicazioni. Il testo contempla anche un capitolo riguardante il tema della diagnosi delle piaghe infette e per tale motivo è stato sottoposto alla verifi ca preventiva del Comitato per le Infezioni Ospedaliere; dopo l approvazione anche da parte della Direzione Sanitaria Aziendale, è diventato operativo, a disposizione delle Unità Operative e messo in rete nel sito dell Azienda 1. Il documento consta di un certo numero di allegati consistenti nella scheda di rilevamento e di medicazione dei decubiti e nelle schede di riposizionamento periodico del paziente a letto e in carrozzina DIFFUSIONE DELLE LINEE GUIDA Per conseguire l obiettivo di una diffusa conoscenza del testo, in collaborazione con la Direzione Formazione, è stata pianifi cata ed effettuata una serie di incontri della durata di circa 2 ore, diretti al personale infermieristico ed agli operatori OTA/ OSS per presentare il contenuto del documento ed illustrare gli obiettivi del progetto. Nel corso del 2007 sono stati effettuati 19 incontri accreditati ECM, consistenti in lezioni frontali seguite da discussione, a cui hanno partecipato 351 operatori: 4.6% erano Capo Sala, 69.3% Infermieri, 25.6% OTA/OSS e 0.7% Medici. Sono stati coinvolti anche gli OTA/OSS perché alla nuova fi gura dell OSS sono demandati, sotto il controllo dell infermiere, compiti di medicazioni semplici che, quindi, possono comprendere anche le lesioni da decubito, ma soprattutto perché un aspetto importante nella prevenzione delle lesioni è da leggersi nella quotidiana ed attenta sorveglianza dello stato della cute e la sua igiene, compito preminente degli operatori OTA/OSS ADDESTRAMENTO DEGLI INFERMIERI Contemporaneamente all avvio del ciclo di lezioni, è iniziata anche l attività di una piccola task force che, su chiamata del reparto, ha fornito consulenza al letto del paziente piagato o a rischio di decubiti, istruendo il personale sull applicazione delle Linee Guida, in particolare sulla valutazione del rischio di decubiti, sulle procedure di prevenzione, sulla defi nizione dello stadio, sulle modalità di detersione e sulla scelta delle medicazioni da utilizzare in relazione alle caratteristiche ed alle sedi delle lesioni già sviluppate. (1) id_sottosezione=1821&sezione=progetti. 67

3 Tabella 1 FASI E TIMING DEL PROGETTO ID FASI DEL PROGETTO STATO PRODOTTI DOCUMENTI 1. Stesura delle Linee Guida di Prevenzione e Cura delle Piaghe da Decubito. Completata nel Il testo fi nale è disponibile in rete 2. Documento e allegati (Schede varie). Vedi Prodotti. Approvazione del Comitato Infezioni Ospedaliere Diffusione delle Linee Guida di Prevenzione e Cura delle Piaghe da Decubito. Addestramento degli infermieri delle UU.OO. dei 4 Presidi. Scrittura e implementazione della Procedura Informatica per la richiesta di presidi antidecubito. Iniziata in marzo 2007; completata in dicembre Effettuati 19 incontri. Iniziato in febbraio 2007; prosegue su domanda delle UU.OO. In uso presso tutte le UU.OO. da gennaio Lezioni frontali (2 h) nei 4 Presidi a Capo Sala, Infermieri e OTA/OSS. Consulenze al letto su prevenzione, staging e trattamento decubiti. Maschera di richiesta disponibile sul web. di richiesta presidio alla ditta fornitrice. Archivio elettronico: utilizzo dei presidi. Archivio elettronico: misure del rischio e tipologia decubiti. Lezioni frontali ai Capo Sala e ai Referenti Decubiti da loro indicati. Fogli fi rme di presenza. apprendimento. gradimento. Richieste di consulenza. Consulenze in cartella clinica. Istruzioni Operative per la richiesta di presidio antidecubito. Copia . Manuale d uso del programma Addestramento del personale sull uso del programma informatico e sull uso dei presidi della ditta fornitrice. Defi nizione degli indicatori di outcome del progetto. Iniziato in settembre e concluso in dicembre Effettuati 4 incontri nei 4 Presidi dell A.O. Fogli fi rme di presenza. apprendimento. gradimento PROCEDURA INFORMATICA PER LA RICHIESTA DI PRESIDI ANTIDECUBITO (2) id_sottosezione=1821&sezione=progetti. Il discreto livello di sensibilizzazione dei reparti, tale da far lievitare l intensità di utilizzo dei materassi antidecubito, nonché di conoscenza della metodologia della valutazione del rischio mediante l impiego delle apposite scale di misurazione, sono alla base dell implementazione della procedura informatizzata di richiesta dei presidi antidecubito alla Ditta Fornitrice vincitrice della gara di appalto. La prima fase è consistita nella stesura della Procedura di Richiesta Presidi Antidecubito, in cui è stata descritta la modalità di accesso all utilizzo dei presidi antidecubito e quella relativa alla loro dismissione. Il percorso da seguire è stato disegnato per stabilire un collegamento fra la teoria e la pratica quotidiana. È il momento in cui le informazioni raccolte al letto del paziente relativamente al rischio di sviluppare un decubito o alla sede e stadio dei decubiti già presenti, vengono quantifi cate e tradotte in indicazioni pre-

4 cise sui presidi più idonei da utilizzare per quel paziente. Inoltre, la procedura ed i documenti ad essa collegati identifi cano la modulistica da utilizzare, le responsabilità delle fi gure coinvolte, la tempistica delle azioni ed, infi ne, le modalità di segnalazione di malfunzionamento. Il percorso ed i momenti decisionali sono rappresentati nel diagramma di fl usso riportato in fi gura 1. In pratica, all ingresso del paziente in reparto, l infermiere verifi - ca l integrità della cute con particolare attenzione per le sedi più frequenti di formazione dei decubiti. Se non rileva decubiti, ma ritiene che il paziente, in considerazione dell età, della patologia in atto e delle condizioni di autonomia nelle attività della vita quotidiana, sia potenzialmente a rischio di svilupparne, quantifi ca il rischio. Figura 1 DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLA PROCEDURA DI RICHIESTA/DISMISSIONE PRESIDI ANTIDECUBITO Per fare ciò utilizza una delle scale disponibili come moduli collegati alle Linee Guida (Scala di Waterlow, Scala di Norton, Scala di Braden). Nel caso in cui la misura confermi la presenza di rischio (di solito classifi cato come basso, medio, alto ed altissimo) o nel caso in cui riscontri la presenza di decubiti, accede al computer ed al programma di Richiesta Presidi Antidecubito. Utilizzando il software dedicato, inserisce i dati del paziente ed il punteggio totale della scala di misura del rischio o, nel caso di presenza di decubiti, il loro numero, sede e stadio secondo la classifi cazione National Pressure Ulcer Advisory Panel (NPUAP) 3. Il programma evidenzia il tipo di presidio necessario in funzione dei dati immessi (fi g. 2) e, alla conferma dell operatore, invia alla Ditta Fornitrice una con le indicazioni dell U.O., del paziente e del presidio richiesto. Questa entro 24 ore provvede alla consegna o al (3) htm. 69

5 ripristino, se il presidio era gia presente in reparto come assegnazione in stand-by (ciascuna U.O. ha preventivamente comunicato la tipologia dei materassi che utilizza con maggiore frequenza e che ritiene necessario avere a disposizione in standby ). Contestualmente alla Ditta Fornitrice, la medesima viene inviata all Uffi cio Beni e Servizi dell Azienda per il controllo di eventuali contestazioni. Nel caso in cui il paziente venga trasferito da un reparto all altro dello stesso presidio, l infermiere dell U.O. inviante accede al programma ed attiva la procedura trasferimento. Sul computer dell U. O. ricevente compare automaticamente la videata con le caratteristiche del presidio in uso. L U.O. ricevente non deve effettuare alcuna operazione fi - no al momento della dismissione. In questo caso, il presidio si sposta da una U.O. all altra con il paziente. La procedura trasferimento serve esclusivamente ad aggiornare l attribuzione dei costi e la rintracciabilità del presidio utilizzato. Quando non vi è più la necessità di utilizzare il presidio (es. per la dimissione del paziente), l infermiere accede al programma, richiama la scheda del paziente ed inserisce la data di fi ne utilizzo. Il programma invia contestualmente una all Uffi cio Beni e Servizi ed alla Ditta Fornitrice che provvederà al ritiro del presidio entro 24 ore. Il servizio è attivo 365 giorni l anno, festivi e notturni compresi. La Ditta Fornitrice invia mensilmente all Uffi cio Beni e Servizi un report di prefatturazione. La fatturazione avviene con cadenza mensile e si basa sui dati di utilizzo relativi ai presidi dismessi ed ai presidi attualmente in uso registrati sull archivio elettronico gestito dal programma. Il report comprende il riepilogo noleggi, distinti per presidio, ed il dettaglio dei noleggi suddiviso per U.O. Figura 2 IMMAGINE DELLA VIDEATA DEL PROGRAMMA DI RICHIESTA DI PRESIDIO ANTIDECUBITO Crea nuova richiesta Workbench richieste Presidi Antidecubito Cambia ruolo Logout UTENTE ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE ALL USO DEL PROGRAMMA E DEI PRESIDI DELLA DITTA FORNITRICE L addestramento del personale si è svolto negli ultimi mesi del 2007 (da settembre a dicembre) ed è consistito in 4 incontri accreditati ECM con i capo sala o con i referenti da loro indicati. È stato realizzato un incontro per ogni Presidio dell Azienda, durante i quali sono stati illustrati: la Procedura Operativa per la richiesta informatica, come descritto, il dettaglio delle operazioni da compiere al computer e le caratteristiche tecniche e le modalità d uso delle differenti tipologie di materassi antidecubito messi a disposizione dalla Ditta Fornitrice in base al capitolato della gara di appalto.

6 2.6. DEFINIZIONE DEGLI INDICATORI Il software appositamente creato gestisce un archivio elettronico dei dati anagrafi ci di tutti i pazienti, delle misure del rischio effettuate, del numero, sede e stadio delle piaghe rilevate, del tipo di presidio e della durata dell utilizzo per ogni singolo paziente. L archivio elettronico è la fonte per la produzione di report periodici relativi all utilizzo dei materassini ed ai costi sostenuti; allo stesso tempo è un sistema di sorveglianza della prevalenza/incidenza delle piaghe da decubito nell Azienda. In base ai dati archiviati, è possibile seguire l evoluzione dei pazienti dalla fase del rischio all eventuale comparsa della lesione da decubito, che comporta il cambio del tipo di materasso. La prevalenza/incidenza dei decubiti può essere stratifi cata per sede e/o per stadio, per U.O. e per presidio. In tal modo è possibile costruire una serie di indicatori per migliorare la qualità dell assistenza nel campo delle piaghe da decubito. A tale scopo è stata approntata una scheda che riporta il tipo di indicatore preso in considerazione (Asse): di struttura (s), di processo (p) e di esito (e); il criterio, cioè la regola assunta come norma di giudizio, l indicatore, ovvero la variabile che consente di ricavare informazioni valide (misurabili) e lo standard, intendendo, in questo caso, il valore atteso o prestabilito, giudicato compatibile con un risultato di qualità, al quale va comparato il valore ottenuto dell indicatore corrispondente. Fra gli indicatori di struttura, vi è il numero di postazioni informatiche collegabili ad internet presenti in ogni U.O. (standard: 1 per ogni sezione); fra gli indicatori di processo vi sono: la frequenza di misura del rischio sul totale dei pazienti anziani ricoverati, la frequenza di richiesta di un presidio e il tasso di prevalenza di pazienti a rischio di incidenza di decubiti. Fra gli indicatori di outcome del progetto, il principale è rappresentato dalle possibili variazioni nel tempo dei tassi di incidenza di nuovi decubiti a seguito del diffondersi dell abitudine a valutare il paziente anche sotto il profi lo del rischio di piaghe ed a mettere in atto gli interventi più opportuni. 3. CONSIDERAZIONI FINALI Dal 1 gennaio 2008 il progetto è completato e tutte le procedure collegate sono diventate pienamente operative. Dopo alcune diffi coltà iniziali, la procedura informatica è applicata da tutte le UU.OO. dell Azienda e, come conseguenza, è stato soppresso tutto il movimento cartaceo interno alla medesima; l unico documento che sussiste è il Documento di Trasporto che la Ditta Fornitrice lascia all U.O. ad ogni consegna di presidio. Sebbene sia prematura una valutazione delle ricadute del progetto, è tuttavia possibile fare alcune considerazioni. La penetrazione delle Linee Guida, valutata in base alla partecipazione agli incontri ed ai risultati dei questionari di gradimento e di valutazione dell apprendimento, è sicuramente soddisfacente. Pertanto, è lecito ritenere che siano notevolmente migliorate anche la sensibilità, le conoscenze e le abilità nei confronti del tema delle piaghe da decubito. Un aspetto che ci pare innovativo è quello di avere agganciato alla procedura burocratica della richiesta di un materasso antidecubito la valutazione e la misura del rischio mediante scale universalmente note e validate. In questo modo è stato creato un circolo virtuoso che obbliga a trasformare in numeri quelle che prima erano valutazioni soggettive, facendo seguire alla misura una decisione pratica. Lo stesso discorso vale per i pazienti piagati per i quali la richiesta del materasso passa attraverso la declinazione delle sedi di ogni singola lesione e la defi nizione dello stadio in base alla classifi cazione del NPUAP, che è la più conosciuta ed utilizzata in tutto il mondo. La conoscenza e l uso di questa classifi cazione è fondamentale, soprattutto per il riconoscimento degli stadi iniziali, quando la piaga si manifesta come un arrossamento che non sbianca alla digitopressione. Sapere distinguere l arrossamento di un area di cute dovuto ad un eritema da quello prodotto da un decubito in I stadio, è critico per intervenire precocemente non solo con il posizionamento di un materasso, ma anche con tutte le altre opzioni (riposizionamento periodico, mobilizzazione precoce, miglioramento dello stato nutrizionale, ecc.) che possono evitare la progressione agli stadi successivi, più pericolosi per il paziente, più impegnativi da trattare e più lenti a guarire. Un altro aspetto importante è la valorizzazione del ruolo dell infermiere che, in questo progetto, è autonomo nel decidere se valutare e, successivamente, nel richiedere il presi- 71

7 dio più indicato. Tutto il processo è affi dato alla sua sensibilità ed alla sua professionalità, senza la necessità di interventi da parte del medico. Come già accennato, un altro aspetto positivo di questo progetto è la possibilità di sorvegliare in tempo reale la prevalenza/incidenza dei decubiti nelle UU.OO. dell Azienda e, di conseguenza, di potere intervenire con correttivi (es. ulteriori incontri di presentazione delle Linee Guida, intensifi cazione della attività di consulenza al letto, ecc.). L indicatore di outcome principale, sotto questo profi lo, sarà la modifi cazione nel tempo dell incidenza di decubiti, che ci aspettiamo dimostri un trend continuo di riduzione. Se sarà così, avremo ottenuto un risultato importante e dalle molteplici ricadute positive: innanzitutto sulla salute del paziente, che non sarà più messa a rischio da questa patologia legata all ospedalizzazione; sui carichi assistenziali delle varie équipe, che risulteranno meno impegnativi; sulla durata delle degenze, che non saranno più prolungate oltre i loro limiti naturali; sui costi, la cui riduzione potrebbe compensare quelli del maggiore ricorso ai presidi antidecubito e sul rischio di essere imputati di malpractice per non avere previsto e/ o impedito lo sviluppo di una piaga da decubito. Bibliografia D.R. THOMAS, Are all pressure ulcers avoidable?, J Am Med Dir Assoc, 2003, n. 4, pp D.R. THOMAS, P.S. GOODE, P.H. TARQUINE E R.M. ALLMAN, Hospital-acquired pressure ulcers and risk of death, J Am Geriatr Soc, 1996, n. 44, pp D.R. THOMAS, Pressure Ulcers, in C.K. Cassel, H.J. Cohen, E.B. Larson et al., Eds. Geriatric Medicine, New York Sprinter, 1997, pp G. BENNET, C. DEALEY E J. POSNETT, The cost of pressure ulcers in the UK, Age Ageing, 2004, n. 33, pp J. CUDDIGAN, E.A. AYELLO, C. SUSSMAN E S. BAR- ANOSKI, Pressure Ulcers in America: Prevalence, Incidence and Implications for the Future, Reston Va: National Pressure Ulcer Advisory Panel, PUBLIC HEALTH CARE FINANCING ADMINISTRATION, Panel of Prediction and Prevention of Pressure Ulcers in Adults, Md: Public Health Care Financing Administration, Rockville, R.G. BENNET, J. O SULLIVAN, E.M. DE VITO e R. REMSBERG, The increasing medical malpractice risk related to pressure ulcers in the United States, in J Am Geriatr Soc, 2000, n. 47, pp R.M. ALLMAN, Pressure ulcers among the elderly, N Engl J Med, 1989, 320:

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej Commissione per la prevenzione, sorveglianza e trattamento delle lesioni da pressione Presidente dr. Rosolino Trabona S.C. Servizio

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI

LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI LESIONI DA DECUBITO NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO IN UN REPARTO PER ACUTI: PREVALENZA E CORRELATI CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E DELLA SALUTE

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA Carlo Fiori Elisa De Maestri Maria Teresa Parolini Rita Bormolini I dati oggetto del nostro studio si riferiscono al quinquennio 2006-2010 e riguardano un campione

Dettagli

Cos è PRENOTAZIONE ACCETTAZIONE

Cos è PRENOTAZIONE ACCETTAZIONE Cos è EliosPoli è una soluzione integrata che consente di gestire un ambulatorio dalla prenotazione al ritiro del referto. La soluzione comprende la licenza per l utilizzo del software, l installazione

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE Ingegneria Clinica PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE 05/06/2014 Pag. 2 di 13 INDICE 1) Diagrammi di flusso... 2)

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale Il monitoraggio della qualità dell assistenza in RSA: validazione di un set integrato e multidimensionale di indicatori quality ed equity oriented ad elevata fattibilità di rilevazione e trasferibilità

Dettagli

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino Il Risk Management in Ospedale Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino LA GESTIONE DEL RISCHIO: IL CONTESTO 2 Errare humanum est perseverare

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 INDICE Informazioni sul prodotto e sul servizio...2 Servizi accessori...3 Monitoraggio del servizio...3 Tempi di avvio della

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Progetto di informatizzazione della Cartella Clinica in Terapia Intensiva

Progetto di informatizzazione della Cartella Clinica in Terapia Intensiva zienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazion Progetto di informatizzazione della Cartella Clinica in Terapia Intensiva Reparti Terapia Intensiva

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus

Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus Carta dei Servizi RSA aperta Fondazione Santa Chiara Centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus 1 INDICE Destinatari p. 3 Descrizione dell unità d offerta p. 3 Modalità di erogazione delle prestazioni

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia Giuseppe Ettore ARNAS Garibaldi Catania Dipartimento Materno Infantile 1 Definizione del governo clinico sistema attraverso il quale le organizzazioni

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Riorganizzazione delle attività di trasporto sanitario nell ambito dell AOUP

Riorganizzazione delle attività di trasporto sanitario nell ambito dell AOUP Riorganizzazione delle attività di trasporto sanitario nell ambito dell AOUP Dr.ssa Gabriella Giuliano Direzione Medica Dr.ssa Marinella Pardi Direzione Infermieristica Riorganizzazione delle attività

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S A.S.L. TO 2 NORD ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S. AL FINE DI MIGLIORARE LA REGISTRAZIONE DEL PERCORSO CLINICO - ASSISTENZIALE DELLA PERSONA ASSISTITA GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Assistenza dei casi di violenza: triage e percorso in Pronto Soccorso

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Ridurre i ricoveri inappropriati: l'integrazione tra emergenza-urgenza e assistenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Gambassi Laura Data di nascita 02 01-1966 Qualifica Coll. Sanitario esperto Infermiere Incarico attuale Operation Manager - Direttore UOP Numero telefonico

Dettagli

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Unità di Degenza a Didattica Integrata laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Padova 2 maggio 204 Dott. Graziano Cosaro Degenza Didattica Integrata

Dettagli

La malnutrizione dell anziano

La malnutrizione dell anziano La malnutrizione dell anziano MEDICO DI FAMIGLIA FAMIGLIA E VICINATO SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SERVIZIO DI IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Paolo Spinella CASA

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 tra gli infermieri dei distretti,tutti i reparti ospedalieri ed il servizio di Pronto Soccorso Rev. 02 1

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

STATO DI SERVIZIO IN APSS

STATO DI SERVIZIO IN APSS F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ZAMPEDRI LUCIA VIA SPOLVERINE 24, PERGINE VALSUGANA, 38057 TRENTO Telefono 3479289485 Fax E-mail

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE Le malattie croniche respiratorie sono, a tutt oggi, tra le patologie a più alto impatto sulla sopravvivenza, sulla qualità di vita, e sull assorbimento di risorse sanitarie, economiche e professionali,

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE DI MEDICAZIONE PER GLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI R.A.F. / R.S.A.

PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE DI MEDICAZIONE PER GLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI R.A.F. / R.S.A. CONSULENZA INFERMIERISTICA MATERIALE STRUTTURE RESIDENZIALI Codice: PrSTCPD03 Data: 14 giugno 2012 Revisione:0 Pagina 1 di 9 PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE PER

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: La LETTERA di DIMISSIONE INFERMIERISTICA Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta PARLIAMO DI DIMISSIONE A DOMICILIO A.D.I. Quali possibilità ha il paziente anziano

Dettagli

IL PROGETTO PER RESPIRARE. Domiciliazione del paziente ventilato

IL PROGETTO PER RESPIRARE. Domiciliazione del paziente ventilato IL PROGETTO PER RESPIRARE Domiciliazione del paziente ventilato La nostra esperienza.. Giulia Marescotti Fisioterapista area intensiva MRI I DATI Anni Mielolesi ventilati dimessi 2002 / 2007 13 2008/ ottobre

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7 Struttura accreditata con le AASSLL di BERGAMO, BRESCIA, COMO, CREMONA, LECCO, LODI, MANTOVA, MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e VARESE per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli