La pubblicizzazione dei risultati delle cure ospedaliere in Italia nel 2011 (Public release degli outcome ospedalieri)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pubblicizzazione dei risultati delle cure ospedaliere in Italia nel 2011 (Public release degli outcome ospedalieri)"

Transcript

1 La pubblicizzazione dei risultati delle cure ospedaliere in Italia nel 2011 (Public release degli outcome ospedalieri) Plinio Pinna Pintor 1)Introduzione necesse est enim ut veniant scandala Frase del Vangelo in Matteo 18, 7 Gli scandali possono anche essere utili perché rivelando un male danno occasione a curarlo Il detto evangelico può rappresentare un buon incipit per il tema della pubblicizzazione degli esiti, in quanto, intriso di grande saggezza, ci dice dopo 2000 anni che gli scandali, cioè i mali resi di pubblico dominio, possono creare l occasione per la loro correzione. Nel 2000 (Dopo Cristo) il documento del NHS An organisation with a memory 1 esprime ancora oggi il concetto che la consapevolezza pubblica degli errori è una condizione e uno stimolo a correggerli. Sarà sempre così. Da decenni, infatti, gli studiosi si sono posti il problema: sarà utile, e per chi, rendere pubblici i risultati delle cure effettuate negli ospedali e dai medici. Indipendentemente dalla utilità della pubblicizzazione i per il miglioramento dei servizi e dei trattamenti, è certo che i più interessati a pubblicare i dati sui risultati delle cure ospedaliere sono i mezzi di stampa: quotidiani, periodici, agenzie giornalistiche e televisive: in altre parole i giornalisti. La sanità, peraltro, fa sempre notizia, sia essa buona (nuove scoperte, interventi rari e miracolosi salvavita), sia essa cattiva (errori, processi, i Si pubblica su riviste e libri medico-scientifici, si pubblicizza su la stampa destinata al grande pubblico, la TV e altri media. 1

2 condanne) dal momento che tutti, consapevoli o meno, presto o tardi tutti avranno un problema di salute. La recente iniziativa di pubblicizzare i risultati delle cure in Italia non sfugge al rischio che, come di fatto è avvenuto, la grande stampa se ne impossessi immediatamente, anche perché ne viene passivamente coinvolta con interviste, spesso sollecitate. Non è da oggi che la tensione fra stampa, ospedali e medici sulla pubblicizzazione dei risultati delle cure, si è svolta ad armi impari e le istituzioni sanitarie in Usa hanno perso la causa contro i giornali. Negli USA e nell UK la legislazione sulla libertà di stampa è categorica (es. Freedom of Information Act del 1966 in USA e del 2000 in UK). E da prevedere, pertanto, come si è verificato in altre numerose sentenze del Tribunale di Strasburgo e della stessa Corte Europea dei Diritti dell Uomo ii, che le eventuali contestazioni da parte di medici e ospedali, del diritto di pubblicare i risultati, in linea di principio risultino perdenti a meno che non vi siano nei contenuti elementi di falsità o presunti tali. Se i dati saranno metodologicamente inconfutabili, la loro pubblicizzazione sarebbe inattaccabile. ii La Corte Europea dei Diritti dell Uomo (CEDU) sancisce che la libertà di stampa prevale sulla riservatezza ed a questo principio gli Stati Europei sono tenuti ad uniformarsi. Giornalisti per la Costituzione. 24 Febbraio

3 2) Il programma nazionale esiti (PNE) Notizie e considerazioni Nel maggio del 2010, in una intervista al Quotidiano Sanità 2, il Dott. Carlo Perucci presenta alla comunità scientifica il Programma Nazionale Esiti, di cui è direttore, sotto l egida dell Agenas, Agenzia Nazionale Servizi Sanitari. L ambizioso programma è stato realizzato per consentire la valutazione comparativa degli esiti delle cure ospedaliere del SSN, per la prima volta su scala nazionale, utilizzando indicatori selezionati e coerenti con la reale capacità di risposta assistenziale delle strutture con lo scopo di innescare una competizione virtuosa fra i medici, stimolata dal confronto degli esiti delle loro cure resi pubblici. Il programma si è sviluppato seguendo un modello già ampiamente adottato nei paesi anglosassoni 3 ; in una prima fase, l inserimento dei dati in una piattaforma Web accessibile solo con l uso di username e password, successivamente estesa al grande pubblico, fornendo dati presentati in forma semplificata ( Pubblic release ). Alla data della presentazione del programma erano già disponibili all Agenas i dati di valutazione di alcune regioni italiane (Toscana e Lazio) e ne era prevista l estensione a tutti gli ospedali e a tutte le ASL d Italia. I risultati di questa ricerca, secondo il direttore, consentiranno, inoltre, di conoscere per la prima volta gli effetti sulla salute della popolazione Italiana prodotti dai servizi sanitari, ospedali e dalle cure primarie. Gli indicatori verranno perfezionati e saranno di facile comprensione come: la mortalità a 30 giorni dopo bypass aorto-coronarico, la proporzione di colecistectomie laparoscopiche e la durata della relativa degenza e le relative 3

4 complicanze a 30 giorni, la percentuale di parti cesarei primari, la percentuale di interventi chirurgici entro 48 ore dalla frattura del femore. Dall'intervista inoltre si apprende che i primi dati confermano il noto dislivello di qualità tra nord e sud Italia, con alcune eccezioni in controtendenza. A più di un anno di distanza, il in un articolo del Corriere della Sera 4 sotto il titolo allarmante Le due Italie della Sanità - by pass più rischioso al sud e la classifica riservata - sotto esame 1470 strutture si accenna alla discussione in atto sulla opportunità di rendere pubblica la classifica definita la pagella degli ospedali. Vengono riportate con dovizia di indicazioni ( classifiche riservate! ) in evidente contraddizione con il titolo i riferimenti agli indicatori dei più importanti centri ospedalieri delle grandi città italiane: Milano, Torino, Brescia, Bergamo, Firenze, Roma e Palermo. Altrettanto contraddittoria appare la conclusione dell'articolo in cui ci si pone la domanda se è opportuno mettere i risultati a disposizione della comunità oltre che dei decisori come se l'aver riportato nel medesimo articolo i risultati circostanziati per città ed ospedali in un quotidiano di larga diffusione non fosse già una messa a disposizione della comunità! Anche sul Sole 24 ore, come si legge sul Quotidiano Sanità 5, vengono riportati in forma aggregata per regione i risultati delle indagini Agenas sottolineando, come negli articoli precedenti, le differenze vistose degli indicatori di qualità e l'ampia forbice fra Nord e Sud d'italia, con alcune rare eccezioni. Va rilevato infine che nel contesto delle notizie riportate nel citato articolo si accenna agli scopi fondamentali della ricerca ed agli auspicati effetti delle pubblicizzazioni: consentire ai pazienti la scelta dei migliori centri in cui farsi curare e contemporaneamente innescare uno stimolo al miglioramento della performance dei centri, consentita dal confronto degli esiti dei diversi centri. 4

5 3) Programma Nazionale Esiti Commenti e bibliografia L'iniziativa del Dr Perucci e dell'agenas con il progetto Programma Nazionale Esiti per l'estensione della raccolta dei dati e la metodologia adottata è innovativa per il nostro paese e qualunque sforzo per completare l'indagine è meritorio. In Italia infatti i dati sugli esiti dell'attività di ricovero per acuti e ancora di più quella per lungodegenti psichiatrici e dell'assistenza territoriale sono scarsi e frammentari. Per quanto riguarda gli eventi avversi e gli errori, la Commissione Ministeriale iii lavora alla sua raccolta, ma si sa che sovente i dati rappresentano la punta dell' iceberg, non sussistendo un sistema di raccolta obbligatoria da parte degli organi del SSN. Quello che sappiamo deriva dalle denunce 6 dei sinistri alle assicurazioni 7 sovente viziate da interessi di rivalsa e, forse più vicino alla realtà, quello del Tribunale del Malato pubblicato annualmente dal PIT Salute 8. iii Commissione parlamentare d inchiesta sugli errori in campo sanitario e i disavanzi sanitari regionali, presieduta da Leoluca Orlando. Dotata degli stessi poteri e delle stesse limitazioni dell autorità giudiziaria, la Commissione parlamentare esercita le sue competenze nel rispetto del ruolo della magistratura. 5

6 Siamo in attesa che l'ambizioso e difficile (non solo in Italia) progetto di valutazione venga portato a termine. Vale la pena, in proposito, ricordare quanto tempo è stato necessario in Inghilterra per riuscire ad ottenere dai Trust, organizzazioni periferiche del NHS equivalenti alle nostre ASL, i dati sugli eventi avversi come dimostra il grafico(fig.1) in cui si osserva la crescita della partecipazione all'iniziativa indicata dal numero di Trust che hanno fornito i dati 9. Non ci sarebbe da meravigliarsi se anche in Figura 1. Dati del NRLS (National and Reporting and Learning System). Numero dei trusts che effettuano le segnalazioni e numero di incidenti segnalati mensilmente al mese da Novembre 2003 al Marzo Italia la raccolta dei dati richiedesse più tempo di quello preconizzato. Va detto che l'aver circoscritto a pochi indicatori il censimento è facilitante anche se potenzialmente limitante per una classificazione che è basata su un punteggio riduttivo Nelle notizie stampa che ho precedentemente citato non figurano indicazioni metodologiche circostanziate in particolare sulla sorgente dei dati che risulterebbero ricavati dalle SDO. E' controverso il loro uso ai fini della stratificazione del rischio , indicizzazione ineludibile per la valutazione degli esiti specie mortalità e complicanze. E' ben noto che la mancanza di stratificazione nella casistica in base al rischio di mortalità e complicanze all'atto del ricovero e non alla dimissione, ha sempre reso discutibile l'uso dei dati amministrativi ai fini della classificazione degli esiti iv. E' altrettanto noto che quando si iv La stratificazione del rischio utilizzando i dati amministrativi (SDO) è stata severamente criticata negli studi sul rapporto volume chirurgia ed esito (S.F. Khuri) 6

7 tratta di grandi numeri, nella fattispecie si parla di più di dati, la stratificazione basata sull'analisi delle cartelle è molto difficile e costosa. Gli effetti e l utilità della pubblicizzazione dei risultati clinici Le nostre conoscenze sugli effetti e la eventuale utilità della pubblicizzazione delle performance dei medici, degli ospedali e delle organizzazioni che finanziano l assistenza sanitaria derivano fondamentalmente da tre recenti rassegne, le prime due: Fung , Sekelle (Rand) 14 di 18 articoli pubblicati dal 1986 al 1999 e di 45 dal 2000 al 2006, selezionati da molte centinaia, in quanto rispondenti ai severi criteri di inclusione basati sulle prove di efficacia (EPCs) v. A questa serie vanno aggiunti altri 4 articoli della terza rassegna olandese (Ketalaar 2011) 15 su una popolazione di pazienti e 1560 ospedali negli USA. In Italia disponiamo della recente pubblicazione originale di Pinnarelli 16 sui dati raccolti dalle ASL di Toscana e Lazio. I lavori selezionati in questi studi riguardano esclusivamente l impatto della pubblicizzazione sulla selezione degli ospedali, dei singoli professionisti da parte degli utenti, sulle iniziative per il miglioramento della qualità e sui risultati clinici dell attività ospedaliera e dei singoli professionisti. Le ricerche citate dalle rassegne di Fung e Sekelle sono state aggregate in base a due categorie generali: quelle riguardanti il processo selettivo e quelle riguardanti il cambiamento secondo lo schema di Berwick 17 (fig. 2). v EPCs: Evidence Based Practice Center della AHRQ. Si occupano di recensire tutta la letteratura scientifica rilevante su argomenti clinici, comportamentali, organizzativi e di finanziamento per produrre report sulle evidenze e valutazioni sulla tecnologia (technology assessments). Questi rapporti sono utilizzati per sviluppare decisioni sulla copertura del servizio sanitario, misure di miglioramento della qualità, materiale educativo, strumenti operativi, linee guida e schemi di ricerca. Gli EPCs si occupano anche di ricerche sulla metodologia delle systematic reviews. 7

8 Two pathways for improving performance through release of publicly reporting performance data Berwick DM, James B, Coye MJ. Connections between quality measurement and improvement.med Care 2003 Jan;41(1 Suppl):I30-8. Fig. 2 L influenza della pubblicizzazione sulla selezione è indicata dalla frequenza con la quale gli utenti scelgono da chi e dove farsi curare, cioè da quali medici e in quali ospedali, dopo essere stati informati dalle notizie dai media sulle loro performance. Il cambiamento si riferisce sia alle iniziative stimolate dalla pubblicizzazione per il miglioramento della qualità delle cure (qualità di processo), sia dagli esiti clinici (qualità degli outcome), nonché alle ripercussioni indesiderate sui dei diversi erogatori delle cure, assicurazioni (Health plans vi ), medici singoli e ospedali.come affermano gli autori delle rassegne l eterogeneità degli scopi e del disegno degli studi ha reso impossibile un aggregazione dei dati. Anche la loro sintesi narrativa è sommaria, e pertanto rende vi La performance degli Health Plans è stata da anni oggetto di valutazione negli USA da parte di una delle Grandi Organizzazioni dei Consumatori: (CAHPS vedi nota VII) Consumer Assesment Health Plan System corrispondente ad altre organizzazioni di consumatori come AvMA in UK (Action against Medical Accidents. e in Italia il PIT Salute (Cittadinazattiva Tribunale per i diritti del malato. 8

9 incerta, se non impossibile, una conclusione generale sugli effetti della pubblicizzazione, salvo per alcuni di essi. La scelta degli ospedali non è in generale influenzata dalla pubblicizzazione dei loro risultati clinici, e in ogni caso ciò avviene per breve durata e per eventi gravi (ad esempio la mortalità). Al contrario nella maggioranza delle ricerche vi sono prove che la pubblicizzazione dei risultati delle cure da parte di singoli professionisti influenza significativamente la loro scelta da parte degli utenti. Le iniziative per il miglioramento della qualità infine, sono significativamente stimolate dalla publicizzazione analogamente alle precedenti. La rassegna di Ketalaar ha lo scopo di verificare se la pubblicizzazione dei dati di performance modifica il comportamento dei consumatori e degli erogatori nelle scelte e nel cambiamento della qualità delle cure. Nella ricerca sono stati analizzati, in 4 ricerche, 3 negli USA e 1 nel Canada, i comportamenti di più di consumatori e di 1500 ospedali. La pubblicizzazione dei dati del CAHPS vii, ha prodotto effetti di breve durata (2 mesi) sulle variazioni del numero di interventi di bypass e sulla scelta degli ospedali a basso numero di complicanze dopo discectomia lombare. Nello studio Canadese si sono evidenziati cambiamenti migliorativi della performance sia nel trattamento dell infarto miocardio acuto e dello scompenso, sia nella mortalità per infarto. Infine, si sono registrate molte iniziative per il miglioramento della qualità degli ospedali dopo la pubblicizzazione del report card 18. vii CAHPS (Consumer Assessment of Healthcare Providers and Systems). Le indagini promosse da questa associazione chiedono ai consumatori ed ai pazienti di riferire le loro valutazioni in merito alle proprie esperienze con l assistenza sanitaria. Queste indagini riguardano argomenti che sono importanti per i consumatori e focalizzati sugli aspetti di qualità che i consumatori sono più idonei a valutare come le abilità comunicative degli operatori e la facilità di accesso ai servizi sanitari. Il programma CAHPS è finanziato e supervisionato dalla Agenzia Governativa per la Qualità e Ricerca in ambito sanitario (AHRQ) che lavora a stretto contatto con un consorzio di enti di ricerca pubblici e privati. 9

10 I risultati della rassegna di Ketalaar confermano sostanzialmente la tendenza riscontrata nelle due rassegne precedenti: poche le prove che la pubblicizzazione modifichi il comportamento dei consumatori per quanto riguarda la scelta del curante e del luogo di cura, se non per brevi periodi; al contrario dimostrazione di efficacia sul cambiamento, cioè iniziative per il miglioramento delle cure (nel caso specifico dell infarto cardiaco e dello scompenso cardiaco) e anche dell outcome clinico (mortalità dell infarto miocardio acuto). Effetti indesiderati (uninteded) Se la pubblicizzazione può produrre effetti utili per pazienti, gli ospedali ed i medici nel garantire informazioni per confrontare la qualità dei servizi e dei medici al fine delle scelte ed innescare un processo di miglioramento, in determinate circostanze può, al contrario, produrre effetti negativi e comunque indesiderati. Tra questi i più rilevanti sono ad esempio la migrazione dei pazienti 19 nei centri con risultati apparentemente migliori negli interventi di by-pass, come è successo nello stato di New York dopo la pubblicizzazione obbligatoria dei CSRC (Cardiac Surgery Report Card) e, nello stesso periodo, la tendenza da parte dei cardiochirurghi a rifiutare l intervento ai pazienti più gravi 20 che, tra l altro, sono quelli che ne traggono maggior beneficio. Altro rilevante esempio di effetto indesiderato è contenuto nello studio effettuato su una numerosa popolazione 8.9 milioni di residenti in strutture per postacuti (Nursing Home) dal 1999 al 2005 e presentato nello scorso luglio a Houston 21. In questo studio si è riscontrato che dopo la pubblicizzazione del punteggio di qualità da parte del Nursing Home Compare viii, da effettuare dopo 14 giorni di ricovero, si è osservato un modesto ma viii Nursing Home Compare. Guida pubblicata on line (http://www.medicare.gov/nhcompare) nel Novembre 2002 dai CMS (Centers for Medicare and Medicaid Services) atta a misurare e confrontare la qualità delle cure in più di 10

11 significativo aumento della dimissione prima del 14 giorno dei pazienti più gravi escludendoli così dal controllo di qualità; la dimissione precoce tuttavia ha aumentato la costosa e rischiosa reospedalizzazione per i malati più gravi, più anziani e più fragili dimessi troppo precocemente. Nella recente ricerca di Pinnarelli 22, circoscritta al momento a due regioni italiane (Toscana e Lazio) è stato documentato un significativo miglioramento della performance attribuibile alla pubblicizzazione, consistente nell aumento del numero di interveti tempestivi (entro le 48 ore) dopo la frattura del femore. CONCLUSIONE In conclusione, tutti gli studi sino ad ora pubblicati, dimostrano sia pure con aree di incertezza e contraddizione, che la strategia della pubblicizzazione si è dimostrata efficace sia negli Usa, sia in Canada e come dimostrano i primi risultati del Programma nazionale Esiti anche in circoscritte aree geografiche in Italia. I settori nei quali la pubblicizzazione ha dimostrato di avere effetto sono i seguenti: 1) scarsa e transitoria efficacia sulla scelta dei luoghi di cura più documentata per la scelta dei singoli professionisti; 2) ben documentato l effetto stimolante sulle iniziative degli ospedali e dei professionisti per il miglioramento della qualità 3) incerto l effetto sui risultati clinici; 4) accertati alcuni effetti indesiderati da non sottovalutare per i danni ai pazienti: azione, omissione, migrazione. 17,000 centri per lungo degenti di Medicare o Medicaid.. La guida prende in considerazione 10 misure di qualità, tre delle quali specifiche per pazienti ospitati in centri post-acuzie. 11

12 Il Programma nazionale Esiti per la prima volta in Italia di così ampia portata (tutte le ASL e tutti gli ospedali, è senza dubbio encomiabile, con l auspicio che abbia maggior fortuna delle iniziative precedenti. Se la validità dei dati e la loro elaborazione sarà inoppugnabile, si eviteranno contenziosi con la stampa e discredito di medici e ospedali come è avvenuto in passato quando la pubblicizzazione di graduatorie basate sulla mortalità greggia dei centri cardiochirugici italiani nel 1999, ha compromesso per un certo tempo la reputazione di alcuni di essi ed è stata una severa punizione, in molti casi immeritata sia per gli ospedali, sia per i chirurghi per la perdita di referenti cardiologi e di pazienti 23. E pertinente in proposito l autorevole monito dell ex direttore del NEJM Kassirer contro la divulgazione di informazioni di qualsiasi natura sulla performance degli ospedali e dei chirurghi che non abbiano una validità scientificamente provata. Il pubblico ha il diritto di conoscere la qualità del suo medico, ma è irresponsabile diffondere informazioni di dubbia validità suscettibile di essere interpretate in modi diametralmente opposti o troppo tecnici per essere apprese dai profani 24. Si ringraziano il Dr. Marco Bobbio e Walter Picco per la revisione del testo e della bibliografia BIBLIOGRAFIA 1 Department of Health Expert Group (Chairman, CMO). An organisation with a memory. Report of an expert group on learning from adverse events in the NHS chaired by the Chief Medical Officer. The Stationery Office Limited. June Maragò E, Conti L. Arriva la valutazione degli esiti delle cure. QS 25 maggio Martin N. Marshall, Paul G. Shekelle, Huw T.O. Davies and Peter C. Smith Public Reporting On Quality In The United States And The United Kingdom. Health Aff May 2003 vol. 22 no

13 4 De Bac M. Le due Italie della Sanità. Bypass più rischioso al Sud. La classifica riservata: sotto esame 1470 strutture. Corriere della Sera Redazionale. Le pagelle agli ospedali /2. Nuove anticipazioni sul programma nazionale esiti. QS 8 novembre Perrone M. In corsia crescono le denunce. Aumentate del 10% quelle per responsabilità civile contro ASL e ospedali. Il sole 24 ore. 13 settembre Ultimo rapporto ANIA in tema di malpractice. Aumentano le denunce contro ASL, in calo il contenzioso contro i medici. Adnkronos Salute - Quovadis, newsletter del 23/07/ Cittadinazaattiva. Tribunale per i diritti del malato. 14 Rapporto PiT Salute Diritti al taglio. 9 National Patient Safety Agency. Building a memory. PSO report. 18 September Donald E. Fry, Michael B. Pine, Harmon S. Jordan, David C. Hoaglin, Barbara Jones, Roger Meimban The hazards of using administrative data to measure surgical quality. Am Surg November; 72(11): Hannan EL, Kilburn H Jr, Lindsey ML, Lewis R. Clinical versus administrative data bases for CABG surgery. Does it matter? Med Care Oct;30(10): Lee DS, Donovan L, Austin PC, Gong Y, Liu PP, Rouleau JL, Tu JV. Comparison of coding of heart failure and comorbidities in administrative and clinical data for use in outcomes research. Med Care Feb;43(2): Fung CH, Lim YW, Mattke S, Damberg C, Shekelle PG. Systematic review: the evidence that publishing patient are performance data improves quality of care. Ann Intern Med Jan 15;148(2): Review. 14 Paul G Shekelle, Yee-Wei Lim, Soeren Mattke, Cheryl Damberg Does public release of performance results improve quality of care? A systematic review Rand Corporation. QQUIP. The Health Foundation Ketelaar NA, Faber MJ, Flottorp S, Rygh LH, Deane KH, Eccles MP. Public release of performance data in changing the behaviour of healthcare consumers, professionals or organisations. Cochrane Database Syst Rev Nov 16 Pinnarelli L, Nuti S, Sorge C, Davoli M, Fusco D, Agabiti N, Vainieri M, Perucci CA. What drives hospital performance? The impact of comparative outcome evaluation of patients admitted for hip fracture in two Italian regions. BMJ Qual Saf Feb;21(2): Epub 2011 Oct Berwick DM, James B, Coye MJ. Connections between quality measurement and improvement. Med Care Jan;41(1 Suppl):I Hannan EL, Kilburn H Jr, O'Donnell JF, Lukacik G, Shields EP. Adult open heart surgery in New York State. An analysis of risk factors and hospital mortality rates. JAMA Dec 5;264(21): Omoigui NA, Miller DP, Brown KJ, et al. Outmigration for coronary bypass surgery in an era of public dissemination of clinical outcomes Circulation 1996;93: Moscucci M, Eagle KA, Share D, et al. Public reporting and case selection for percutaneous coronary interventions J Am Coll Cardiol 2005;45: R Tamara Konetzka (University of Chicago. Dept of Health Studies), Dan Polsky, Rachel Werner (University of Pennsylvania) and Elizabeth Stuart. Unintended Effects of Public Reporting: Selective Discharge from Nursing Homes. Presentation at ihea 2011 Congress 13

14 22 Pinnarelli L, Nuti S et al - ibidem 23 Pinna Pintor P. La pubblicizzazione dei risultati e la stratificazione del rischio in Cardiochirurgia. QA 2004; 15: Kassirer JP. The use and abuse of practice profiles. N Engl J Med Mar 3;330(9): /02/

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Progetto: Valutazione della performance: programma di Valutazione delle decisioni e delle attività delle strutture sanitarie

Progetto: Valutazione della performance: programma di Valutazione delle decisioni e delle attività delle strutture sanitarie Progetto: Valutazione della performance: programma di Valutazione delle decisioni e delle attività delle strutture sanitarie PROPONENTE: Agenas - Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali COSTO:

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Piano Nazionale esiti

Piano Nazionale esiti 594 Gli indicatori sulla salute N. 205-2015 Piano Nazionale esiti Luigi Pinnarelli 1, Alice Basiglini 2, Danilo Fusco 3, Marina Davoli 4, Gruppo di lavoro Centro operativo programma nazionale esiti 5 1

Dettagli

Abruzzo: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Abruzzo: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Abruzzo: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

Calabria: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Calabria: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Calabria: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT)

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Membri del Gruppo di Ricerca: Prof. Roger Watson (UK) Prof. Giancarlo Icardi (IT) Dott.ssa Antonella

Dettagli

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Istituti di cura, posti letto, per tipo di istituto - Anno 1999 Istituti Posti letto TIPO DI

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità

Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità Riccardo Tartaglia, MD, OM, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it La sicurezza del paziente è la più

Dettagli

PER I PICCOLI OSPEDALI IN ITALIA QUALE DESTINO? Pinna Pintor Plinio, Picco Walter, Caneparo Andrea Fondazione Arturo Pinna Pintor, Torino

PER I PICCOLI OSPEDALI IN ITALIA QUALE DESTINO? Pinna Pintor Plinio, Picco Walter, Caneparo Andrea Fondazione Arturo Pinna Pintor, Torino PER I PICCOLI OSPEDALI IN ITALIA QUALE DESTINO? Pinna Pintor Plinio, Picco Walter, Caneparo Andrea Fondazione Arturo Pinna Pintor, Torino Rassegna narrativa della letteratura 1 PREMESSA Sono trascorsi

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Aut Mecine OPTIGOV: Optimizing Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Ricciar, W., Campana, A. *, Specchia, M.L. Department of Public, Catholic University of the Sacred Heart, Roma,

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE I sistemi di Incident Reporting L Incident Reporting SIMG Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio 2011 Sistemi di segnalazione (Reporting) Componente

Dettagli

Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco

Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco Firenze, 3-4 Dicembre 2005 Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco Perché una Consensus Conference sullo scompenso cardiaco: metodologia, tempistica e aspetti organizzativi

Dettagli

Puglia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Puglia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Puglia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Analisi strutturata del problema

Analisi strutturata del problema SCHEDA PROGETTO L impatto della proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera del 2

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

Sardegna: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Sardegna: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Sardegna: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

l focus sicurezza dei pazienti nei rapporti sanitari

l focus sicurezza dei pazienti nei rapporti sanitari N. 205-2015 Gli indicatori sulla salute 623 l focus sicurezza dei pazienti nei rapporti sanitari Giulio Toccafondi, Giulia Dagliana Centro Gestione rischio clinico e sicurezza del paziente della Regione

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

LA GOVERNANCE INTEGRATA

LA GOVERNANCE INTEGRATA XXIX Congresso Nazionale SIFO 2008 Napoli,12-15 ottobre 2008 Funzioni clinico Assistenziali nell area critica LA GOVERNANCE INTEGRATA l esperienza della APSS di Trento Giovanni M. Guarrera Unità per la

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Centro Studi EBP Ausl Cesena EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Elena Balestri, Lorenzo Freschi fisioterapisti U.O.M.R. Ospedale

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Unità di Degenza a Didattica Integrata laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Padova 2 maggio 204 Dott. Graziano Cosaro Degenza Didattica Integrata

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Che cosa influenza le aspettative dei pazienti?

Che cosa influenza le aspettative dei pazienti? La medicina impossibile Sanità tra realtà e utopia la medicina generale Torino, 13 giugno 2015 GUIDO GIUSTETTO Medico di Medicina Generale Presidente Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri - Torino Che

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning.

Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning. Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning. Valentina Comba Responsabile del Centro E-Learning Ateneo di Bologna Rita Iori Responsabile Biblioteca

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Fax dell Ufficio 0426940452 E-mail istituzionale r.palmieri@ulss19adria.veneto.it

Fax dell Ufficio 0426940452 E-mail istituzionale r.palmieri@ulss19adria.veneto.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Palmieri Rosa Data di Nascita 20-08-1963 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione ASL 19 Adria (RO) Incarico Attuale -Dirigente Medico Internista -Specialista

Dettagli

L Incident Reporting

L Incident Reporting ESPERIENZE IN TEMA DI RISK MANAGEMENT METODOLOGIA, STRUMENTI,, APPLICAZIONI L Incident Reporting Dott. Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro Il sistema di incident reporting: cos è L incident

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Gennaio 2007 Pagina 1 di 7 RESPONSABILE SCIENTIFICO Dottor Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro COORDINATORE

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

I conflitti di interesse delle associazioni. Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

I conflitti di interesse delle associazioni. Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I conflitti di interesse delle associazioni Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I conflitti di interesse delle associazioni di pazienti Cinzia Colombo IRCCS - Istituto

Dettagli

Il sistema di Incident reporting

Il sistema di Incident reporting Il sistema di Incident reporting L esperienza della Regione Emilia-Romagna Elementi di scenario Forte interesse della letteratura agli errori in Medicina Attenzione dei mass media agli episodi di malasanità

Dettagli

7 novembre 2012. Emilia Romagna: via alla gestione diretta del contenzioso

7 novembre 2012. Emilia Romagna: via alla gestione diretta del contenzioso 1 7 novembre 2012 Emilia Romagna: via alla gestione diretta del contenzioso L'Emilia Romagna si farà carico dei risarcimenti da contenzioso medico legale più onerosi. A decidere in tal senso è stata, ieri,

Dettagli

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità?

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Riccardo Tartaglia, MD, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it/rischioclinico High Reliability Organizations (HROs) HROs

Dettagli

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Sviluppo sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione e gestione degli eventi avversi Gestione della relazione e della comunicazione interna e

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo Torino 8 novembre 2011 Sessione Parallela Qualità dell Assistenza Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Giovanni Luca De Fiore Vicolo della Batteria Nomentana, 8 00162 Roma Telefono 068600255 Fax 0686282250

Dettagli

Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi

Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi Giulio Toccafondi, Ph.D, CRM Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente Regione Toscana http://www.regione.toscana.it/centro-gestione-rischio-clinico

Dettagli

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 2011 treatment effects Beneficial 4% 15% Likely to be beneficial 45% Trade off between Benefits and 23% harms Unlikely

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna

FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna FSE ed EHR vs Taccuino e PHR Il percorso della Emilia Romagna Trento, 21 marzo 2014 Anna Darchini Agenda Approccio Emilia Romagna EHR Componenti approccio lineare Stato dell arte La Visione verso Taccuino

Dettagli

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE Medical malpractice claims analysis - 5 edizione 2013 Indice Dati di analisi Il campione Analisi RRD Analisi temporale Stato e tipologia delle pratiche

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

L Incident Reporting della medicina generale. Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG

L Incident Reporting della medicina generale. Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG L Incident Reporting della medicina generale Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG Il ciclo della sicurezza Sistemi di prevenzione Apprendi e migliora Ridurre i rischi Limitare i

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Roberto Manzato Convegno «La responsabilità medica» Milano 20 novembre 2012 Roberto Manzato 1 MESSAGGI CHIAVE Molti paesi

Dettagli

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente F. Antonio Compostella e Maria Ines Axerio Martedì 6 novembre Venezia Palazzo Balbi, Sala Travi

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte

Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte Quale spazio per le logiche mercantili in sanità? Giuseppe Clerico e Roberto Zanola* Università del Piemonte orientale- CORIPE Piemonte Giuseppe Clerico è Professore ordinario di Scienza delle Finanze

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI

Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI VALIDAZIONE NAZIONALE DI UN INDICATORE PROGNOSTICO BASATO SU

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli