SOMMARIO. Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio pag. 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio 2015-2017 pag. 3"

Transcript

1 SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE Rinnovo degli Organi Istituzionali Ordinistici - Triennio pag. 3 NOTIZIARIO DELL ORDINE Rinnovo cariche ordinistiche per il triennio risultati elettorali» 5 Seduta di Consiglio del 23 luglio 2014» 7 Seduta di Consiglio dell'11 settembre 2014» 9 Arianna Bortolani, Geriatra, o forse meglio semplicemente medico» 12 Cambio di rotta in materia di malpractice sanitaria» 17 SPAZIO LIBERO Il Dottor Onorato lascia un vuoto» 20 1

2 INFORMAZIONI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO Lunedì, Mercoledì e Venerdì mattina ore 09.00/12.30 Martedì e Giovedì ore 09.00/16.00 Sabato chiuso. CHIUSURA FESTIVITÀ: Si comunica che gli Uffici dell Ordine rimarranno chiusi il 24 al 31 Dicembre 2014 e 2, 5 Gennaio I giorni 29 e 30 Dicembre gli uffici rimarranno aperti dalle ore 9.00 alle ore MANTOVA MEDICA È CONSULTABILE ANCHE SUL SITO WEB Via Pomponazzo n Mantova - tel.: 0376/ fax: 0376/ Posta elettronica certificata: Bollettino Ufficiale dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Mantova Bimestrale d informazione medica, inviato gratuitamente agli iscritti all Ordine ed agli Ordini Nazionali. Autorizz. Trib. Mantova , n. 111 Ordine dei Medici della Provincia di Mantova Stampa: Tipografia Commerciale srl (MN) Direttore Responsabile Dr. Stefano Bernardelli Consiglio Direttivo Presidente: Dr. Marco Collini Vice Presidente: Dr. Stefano Bernardelli Segretario: Dr. Adelmo Mambrini Tesoriere: Dr. Giampaolo Sabbioni Consiglieri: Dr.i Doriana Bertazzo, Fausto Bettini, Alfredo Bettoni, Pier Luigi Botti, Adriana Forapani, Antonio Graziano, Adelia Gringiani, Antonio Parma, Giancarlo Pascal, Elena Politano, Rinaldo Rondelli Consiglio Odontoiatri Dr. Valentino Staffoli Revisori dei conti Dr.i Daniela Gialdi, Anna Maria Monesi, Raffaella Rabbi Revisore supplente Dr. Carlo Bonfanti Commissione Odontoiatri Segretario: Dr. Valentino Staffoli Componenti: Dr.i Stefano Caramaschi, Guido Corghi, Renato Vaglia DELEGHE Rapporti con l Università, l Ospedale e le Fondazioni: Dr.i Collini, Pascal Rapporti con l ASL: Dr.i Politano, Rondelli Direzione del bollettino Mantova Medica : Dr. Bernardelli Comitato di redazione: il Consiglio in carica Rapporti con la medicina del territorio: dr.i Bettini, Bettoni, Gringiani Problemi del Personale: Dr. Mambrini Rapporti con i Medici operanti sul territorio: Dr.i Bernardelli, Bertazzo Problemi dei giovani medici: Dr.ssa Bertazzo Pubblicità odontoiatri: Dr.i Caramaschi, Corghi Pubblicità medici: Dr. Mambrini Rapporti con gli specialisti: Dr.sse Forapani, Politano Osservatorio anziani: Dr.sse Gringiani, Rabbi Rapporti con INPS ed ENPAM: Dr. Mambrini Rapporti interprofessionali: Dr.i Bettini, Bettoni, Botti Rapporti con la medicina privata: Dr. Graziano Problemi locali: Dr.i Bettoni, Mambrini Cultura e formazione medici: Dr.i Bernardelli, Botti, Graziano Cultura e formazione odontoiatri: Dr. Staffoli 2

3 L ANGOLO DEL PRESIDENTE RINNOVO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI ORDINISTICI TRIENNIO Le elezioni per il rinnovo degli Organi Istituzionali ordinistici triennio hanno visto la conferma del Consiglio Direttivo uscente. Il divario minimo di preferenze espresse ha premiato, a nostro avviso, la coesione e l armonia con cui si è operato in questi anni. Ora, nostro impegno ripagare la fiducia accordataci dai Colleghi, determinati a difendere l autonomia e l indipendenza della Professione. In questi giorni, il Libro bianco sullo sviluppo sociosanitario in Lombardia è all esame del Consiglio Regionale. Si prevede una radicale riorganizzazione dei Servizi sanitari: riduzione delle ASL in aree vaste sovraprovinciali e loro trasformazione in Agenzie con un milione di censiti; revisione dei poli ospedalieri e territoriali, con l intento di migliorare la continuità assistenziale; centralizzazione degli acquisti, in carico ad una unica Azienda Regionale. Queste, in sintesi, le revisioni macroscopiche al Sistema sociosanitario della Lombardia. Ma a livello periferico, in provincia, quali ripercussioni? Verremo associati, fusi con territori limitrofi e non Cremona, Lodi rimanendo marginali all area vasta, subalterni e arroccati sulla Fortezza Bastiani? O saremo pronti a partecipare quali comprimari nella Riforma? Anzitutto, saranno da tutelare alcune peculiarità, pur esplicitate nel Libro Bianco. La prossimità: vale a dire non perdere quei servizi specialistici efficienti e collaudati che appieno soddisfano la nostra Comunità; ciò ad evitare peregrinazioni e fughe verso Centri lontani, per cure altrettanto fruibili in loco, e per non depauperare la 3

4 L ANGOLO DEL PRESIDENTE nostra realtà sanitaria a livello di qualità, ove la direzione di varie Strutture cliniche fosse trasferita in altre città vedasi il caso ventilato della Anatomia patologica, del Servizio trasfusionale... Protagonisti: anche in questo nuovo sistema sociosanitario siano da intendere come primi attori il cittadino, paziente o in condizioni di fragilità, ed il Personale Sanitario, che a vario titolo, per le proprie specifiche competenze, è chiamato ad operare. Si invoca questo passaggio dal to cure al to care ; ma i tempi difficili in cui versiamo impongono continui, ulteriori sacrifici... Ora, il Personale Sanitario è carente di organico, senza turn-over, sottodimensionato alla mole di lavoro richiesto; si supplisce, a fatica, con straordinari non riconosciuti, con turni abnormi di lavoro. Per converso, a fronte di una quota considerata equa di Personale amministrativo, stimata nell ordine del 7% in Sanità, in Lombardia abbiamo un numero eccessivo, circa il 13%, doppio rispetto ad altre Regioni. Come non porre mano allora ad una revisione dell intero assetto burocratico-amministrativo? Queste le prime considerazioni che come Professionisti ci sentiamo di esprimere in tema di scelte della Sanità; considerazioni ed ausilio, se richiesto, puramente tecnici, svincolati da pulsioni localistiche e scevri da logiche di campanile. Un Ordine che mira, in sintonia con le Istituzioni, a perseguire qualità e sostenibilità di un Servizio Sanitario eccellente a favore della nostra Comunità. Come si vede, molta carne al fuoco!!!! Nel frattempo, a tutti i Colleghi ed alle loro Famiglie, un sereno Natale! 4

5 RINNOVO CARICHE ORDINISTICHE PER IL TRIENNIO Risultati elettorali A seguito delle elezioni per il rinnovo degli Organi Istituzionali dell Ordine, tenutesi il ottobre 2014 ed il novembre 2014 e delle sedute di insediamento degli stessi nel corso delle quali sono state assegnate le varie cariche, a norma degli artt. 2 e 20 del D.P.R n. 221 e dell art. 6 della legge 409/85, la composizione del Consiglio Direttivo, della Commissione Odontoiatri e del Collegio dei Revisori dei Conti in carica per il triennio risulta così composto: CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE VICE PRESIDENTE SEGRETARIO TESORIERE DR. MARCO COLLINI DR. STEFANO BERNARDELLI DR. ADELMO MAMBRINI DR. GIAMPAOLO SABBIONI (odontoiatra) CONSIGLIERI DR.SSA DORIANA BERTAZZO DR. FAUSTO BETTINI DR. ALFREDO BETTONI DR. PIER LUIGI BOTTI DR.SSA ADRIANA FORAPANI DR. ANTONIO GRAZIANO DR.SSA ADELIA GRINGIANI DR. ANTONIO PARMA DR. GIANCARLO PASCAL DR.SSA ELENA POLITANO DR. RINALDO RONDELLI DR. ARNALDO SABBIONI (odontoiatra) DR. VALENTINO STAFFOLI 5

6 COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI PRESIDENTE DR. GIAMPAOLO SABBIONI DR. ARNALDO SABBIONI DR. MAURIZIO ANDREASI BASSI DR. STEFANO CARAMASCHI DR. MAURIZIO SABBADINI COLLEGIO REVISORI DEI CONTI COMPONENTI SUPPLENTE DR.SSA EMMA CERINI DR.SSA DANIELA GIALDI DR.SSA RAFFAELLA RABBI DR. CARLO BONFANTI DOMUS SALUTIS CITTA DI LEGNAGO srl Azienda sanitaria privata certificata con sistema di qualità ISO 9001:2008 Autoriz. San. n del 16/08/ Direttore Sanitario Dr. Pasquale Adilardi Direttore Blocco Operatorio, Anestesia e rianimazione Dr. Lorenzo Banzi U. OPERATIVE DI CHIRURGIA GENERALE U. OPERATIVA DI CHIRURGIA PLASTICA U. OPERATIVA DI OCULISTICA U. OPERATIVA DI ORTOPEDIA E ARTROSCOPIA U. OPERATIVA DI GINECOLOGIA U. OPERATIVA DI OTORINOLARINGOIATRIA U. OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILOFACCIALE AMBULATORI SPECIALISTICI la clinica mette a disposizione ai medici esterni che ne fanno richiesta il gruppo operatorio, le degenze, gli ambulatori per i propri pazienti. Centro unico prenotazioni: Tel fax Viale dei Tigli, Legnago, Verona 6

7 VERBALE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DEL 23 LUGLIO 2014 Sono presenti i Colleghi Dr.i: Mambrini, Sabbioni, Gringiani, Politano, Bertazzo, Rondelli, Forapani, Staffoli, Bernardelli (Consiglieri); Gialdi (Revisori). Assenti giustificati dr.i: Nardini, Graziano, Parma, Pascal, Botti, Bettoni, Bettini (Consiglieri), Monesi e Rabbi (Revisori). Presiede il dr. Marco Collini. 1 Approvato il Verbale della seduta precedente senza alcuna variazione. 2 Approvate le seguenti variazioni dell Albo: Prima iscrizione Albo Medici Chirurghi: - Dott.ssa ALDROVANDI GIULIA - Dott. BAZZOLI MATTEO - Dott. BEDUSCHI FRANCESCO GIUSEPPE - Dott. BERGAMASCHI PAOLO - Dott.ssa BONELLI GIULIA - Dott.ssa MAESTRINI GIULIA - Dott.ssa MELDINI CONSUELO - Dott.ssa SCHIAVINATO SILVIA 3 ENPAM lettera del Presidente dell Ordine dei Medici di Sondrio Il Presidente dà notizia di una lettera a firma del presidente dell Ordine di Sondrio e membro del Consiglio di amministrazione dell ENPAM riguardante l atteggiamento ostruzionistico da parte di alcuni Ordini (con in testa Milano) in relazione alla riforma dello statuto dell ENPAM. Il dr. Mambrini, che per conto dell Ordine di Mantova partecipa alle riunioni del Consiglio Nazionale, rileva che tale atteggiamento si protrae ormai da qualche anno e ha riguardato prima gli investimenti dell Ente poi l amministrazione del patrimonio e per ultimo la riforma dello Statuto. L Ordine di Mantova concorda con Sondrio rilevando che l Ente di Previdenza negli ultimi anni è andato incontro a profondi cambiamenti nella gestione con riduzione dei costi ma soprattutto ascoltando i suggerimenti che da parte di Ordini, Sindacati, organismi di controllo sono giunti nel periodo di preparazione della riforma. Il Dr. Collini, riferendo del caso Stamina e delle decisioni contrastanti da vari Magistrati assunte, rileva come l atteggiamento di alcuni Ordini Provinciali (fra cui Milano in Lombardia) rischi di spaccare la Federazione. Oltre al caso ENPAM, cita il ricorso al TAR contro il nuovo Codice deontologico. 4 Alcolisti Anonimi Medici di Medicina Generale Gli Alcolisti Anonimi (AA) chiedono che l Ordine si faccia portavoce presso i Medici di Famiglia della richiesta dell affissione presso i loro studi di un manifesto con espressi gli scopi dell associazione. È allegata alla richiesta il testo dell accordo tra FIMMG Roma e AA. Su proposta del Presidente, si decide di lasciare ai singoli medici la scelta se af- 7

8 figgere o meno il manifesto che peraltro verrà pubblicato sul sito dell Ordine. 5 Medicina Generale: corsi per giovani medici Su richiesta di un neolaureato che vorrebbe incontrare i medici attualmente frequentanti il Corso di formazione in Medicina Generale, l Ordine ha contattato gli attuali frequentanti il Corso i quali si sono dichiarati disponibili ad incontrare presso la sede dell Ordine i neolaureati per uno scambio di opinioni. 6 Elezioni Consiglio Direttivo triennio Per quanto riguarda le elezioni per gli anni , il Consiglio ritiene di ripresentarsi, perlomeno per quanto riguarda i Colleghi che lo vorranno. Si ritiene, come per le scorse elezioni, di proporre una lista unica aperta a quanti, Consiglieri e non, vorranno esservi inclusi. Tuttavia si proporrà un incontro aperto alle varie componenti sindacali per discutere della questione. Dr. ADRIANA FORAPANI Specialistà in scienze dell alimentazione e Malattie Metaboliche HESPERIA MEDICAL SERVICE - Via I. Alpi Mantova - Tel Riceve per appuntamento cell Varie ed eventuali - Il Presidente illustra al Consiglio alcuni aspetti dell attività lavorativa del nostro personale, soprattutto per ciò che riguarda le funzioni reciproche e la necessità dell intercambiabilità dei ruoli. Per quanto riguarda una segretaria, assunta attraverso un agenzia, non è ancora possibile stabilire le modalità più convenienti per una eventuale stabilizzazione del rapporto di lavoro. - L AMMI ci invia il programma di un convegno su rischi professionali e medicina difensiva. Si delibera di dare il patrocinio e un contributo economico la cui entità verrà definita in seguito. - Viene girata alla Commissione Odontoiatri una segnalazione dell ordine di Cremona riguardante alcuni nostri iscritti che esercitano in quella provincia. - Infine viene dato il patrocinio a un convegno di Endocrinologia Pediatrica. Alle 22,30 non essendoci altri argomenti di discussione il Presidente dichiara chiusa la seduta. Il Presidente Il Segretario Dr. Marco Collini Dr. Adelmo Mambrini 8

9 VERBALE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DELL'11 SETTEMBRE 2014 Sono presenti i Colleghi Dr.i: Mambrini, Gringiani, Bertazzo, Rondelli, Staffoli, Bettoni, Pascal, Parma, Botti (Consiglieri); Gialdi (Revisore). Assenti giustificati dr.i: Bernardelli, Sabbioni, Forapani, Graziano, Politano, Bettini (Consiglieri), Monesi e Rabbi (Revisori). Presiede il dr. Marco Collini. In inizio di seduta, il Presidente ricorda la figura del collega Dr. Nardini recentemente scomparso e la sua infaticabile attività sia come Consigliere che come Presidente della Commissione Odontoiatri. Il Bollettino pubblicherà un ricordo della sua attività pluriennale. Approssimandosi la tornata elettorale per il prossimo triennio, il dr. Collini ringrazia anche il Consiglio per la collaborazione fornita e il senso di squadra fin qui dimostrato. 1 Approvato il Verbale della seduta precedente senza alcuna variazione. 2 Variazioni dell Albo: Nessuna variazione 3 Recepimento Nuovo Codice Deontologico. In un convegno che si terrà prossimamente a Barbassolo di Mantova, il Presidente parlerà del Nuovo Codice di Deontologia Medica che è stato finalmente approvato dopo due anni di lavoro e di confronti vivaci. Molte sono le novità introdotte su cui si avrà modo di riflettere. Il Consiglio recepisce all unanimità il NCD, e trasmetterà alla Federazione Centrale a Roma la sua adesione. Non si condivide la contrarietà espressa da parte di alcuni Ordini, in ispecie l OMCeO di Milano che ha posto ricorso al TAR contro il NCD. Si ritiene essere il NCD alta espressione della tutela della Professione e nel contempo la Carta con cui ci si presenta e raffronta con il cittadino. 4 Rinnovo Consiglio Direttivo Per il rinnovo del Consiglio direttivo per il triennio , il Consiglio approva la proposta del Presidente di ripresentare la squadra pressochè nella sua totalità, rammaricandosi della perdita del Presidente CAO Dott. Massimo Nardini. Motivo di ciò è la concordia e la condivisione dimostrata in tutto il mandato. Quindi il giudizio che si chiede ai Colleghi riguarderà l operato del Consiglio nel suo complesso. Come per il passato, 9

10 i Sindacati medici verranno convocati per ascoltare proposte, eventuali critiche e candidature da inserire nella lista. Poiché spesso è accaduto in passato che la prima tornata elettorale non avesse a raggiungere il quorum, si inviteranno ASL e Ospedale a dare notizia delle votazioni ai medici dipendenti e convenzionati invitandoli a recarsi alle urne. 5 Audizione Dott. XY Il Presidente informa il Consiglio che, avuta notizia della condanna penale inflitta, ha convocato in audizione il Collega in questione. Questi assicurava di evitare procedure e di non praticare terapie per le quali il medesimo è stato condannato; avendo il collega posto ricorso, non si ritiene di adire a procedimento disciplinare, fino alla definitiva pronuncia da parte della Magistratura. 6 Patrocini Viene concesso il patrocinio richiesto dall Ordine di Messina ad un convegno medico. 7 Assicurazione R.C. obbligatoria È entrato in vigore l obbligo assicurativo per tutti gli esercenti la professione medica e odontoiatrica. Anche se da varie parti sono state richieste proroghe, dai dati in nostro possesso risulterebbe che tra i nostri iscritti l assicurazione copra la quasi totalità dei professionisti. 8 Varie ed eventuali - Si stabilisce di mantenere invariato il compenso orario - ~ 32,00 per gli scrutatori alle prossime elezioni, in analogia a quanto stabilito anche dagli Ordini vicini (Brescia, Verona). - Su richiesta di un Collega e dopo esame dei titoli, viene approvata la DR. PIER LUIGI GIBELLI Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica CONSULENZE PREVIO APPUNTAMENTO Tel. 0376/ R.M. 335/ Dr. ENRICO AITINI Oncologo Medico ed Ematologo ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ONCOLOGIA MEDICA EUROPEAN SOCIETY OF MEDICAL ONCOLOGY HESPERIA MEDICAL SERVICE - Via I. Alpi Mantova - Tel cell

11 sua iscrizione nel registro degli esercenti la medicina omeopatica. - Su sollecitazione dell Unione Industriali in ordine alla certificazione di malattia per i lavoratori dipendenti, abbiamo richiesto all OMCeO di Bergamo copia di un Protocollo di intesa già operativo da anni stilato dall ASL, di concerto con INPS e Ordine dei Medici. Al Dott. Mambrini, delegato per i rapporti con l Istituto di Previdenza, viene dato mandato di prendere contatti per studiare un eventuale Protocollo presso di noi, di concerto con le OO.SS. dei Medici di Medicina Generale. - Infine il Presidente accenna a prossimi eventi culturali, in dicembre un convegno a cura dell AMMI sulla Responsabilità del Medico e a due incontri entro primavera in fase di definizione. Alle 22,30 non essendoci altri argomenti di discussione il Presidente dichiara chiusa la seduta. Il Presidente Il Segretario Dr. Marco Collini Dr. Adelmo Mambrini 11

12 ARIANNA BORTOLANI, Geriatra, o forse meglio semplicemente medico Sono rientrata pochi giorni fa dall Etiopia, dove ho lavorato per due anni e mezzo nell ambito di un progetto di sostegno alla salute materno infantile di Medici con l Africa CUAMM, presso l ospedale St. Luke Catholic Hospital and College of Nursing and Midwifery, a Wolisso, una cittadina di abitanti, situata 120 km a sud di Addis Abeba e attraversata dalla strada asfaltata che da dalla capitale porta a Jimma; sottinteso che invece le strade che collegano Wolisso con i villaggi e le cittadine attorno, asfaltate non lo sono... La nota non è solo geografica, ma ha risvolti significativi anche sulla salute e sulla possibilità di accesso ai servizi sanitari da parte della popolazione, rurale specialmente. Il ritardo nell accesso ai servizi sanitari legato alla difficoltà dei trasporti e alla carenza di infrastrutture è una delle difficoltà maggiori da affrontare soprattutto nell ambito della salute materno infantile: le complicanze ostetriche, come anche le prime cure del neonato, non ammettono ritardi e richiedono personale adeguatamente formato: è uno degli aspetti cruciali su cui si sta cercando di intervenire, a diversi livelli: dai forum di sensibilizzazione delle mamme nei villaggi, alla formazione del personale sanitario dei centri periferici, al servizio gratuito di ambulanza (più di 500 trasporti in 6 mesi), che può essere chiamata via cellulare a qualsiasi ora anche da casa, alla casa d attesa per le partorienti ad elevato rischio ostetrico e residenti in zone remote, alla disponibilità continua di attrezzature e personale specializzato in ospedale...me ne sono accorta fin dalla prima sera in cui sono arrivata a Wolisso: durante la cena, ospite della direttrice sanitaria (chirurgo polivalente) e della pediatra, siamo state quasi subito interrotte da una chiamata dalla sala parto per una mamma che aveva bisogno del cesareo e il bimbo sembrava già mostrare segni di sofferenza fetale: Ari, vuoi venire anche tu? E di li a poco mi sono trovata anch io ad imparare a prendermi cura dei neonati, almeno per quello che si riesce a fare con mezzi semplici: ossigeno, ambu, aspiratore, lettino riscaldato, alternandoci nelle guardie con la pediatra e dr. Nancy, una suora argentina e poi via via altri colleghi e personale locale che, grazie a momenti di formazione specifica e affiancamento stanno acquisendo competenze e passione per portare avanti questa attività, che è in aumento quasi esponenziale: 330 il primo anno di attività, più di 500 il secondo e stimiamo di raggiungere 700 quest anno. 12

13 È comunque una goccia, certo, ma è anche un segno che è possibile cercare di intervenire in modo integrato cercando di rafforzare i diversi livelli del sistema sanitario in collaborazione con gli altri molteplici attori coinvolti, per ottenere un obiettivo comune. E questo è un po lo stile e, non nascondo, talvolta anche la fatica, che ho incontrato anche negli altri ambiti in cui ho lavorato in questi anni, in particolare per quanto riguarda tubercolosi e HIV. L Etiopia rimane ancora tra i 22 paesi al mondo a più alta incidenza di TB (247casi ogni abitanti) e, nonostante la terapia sia gratuita e disponibile sia negli ospedali che nei centri di salute, con una mortalità di 18 decessi ogni abitanti, soprattutto nelle fasce produttive della popolazione. Ho assistito personalmente e con positivo stupore agli sforzi effettuati dal ministero negli ultimi anni per il miglioramento della gestione di questi pazienti, dalla diffusione capillare di sistemi di controllo di qualità per la microscopia diretta, all introduzione della microscopia a fluorescenza a livello di centri periferici, e di PCR real time Dr. LUCIANO NEGRISOLI Psichiatra e Psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalitical Association STUDIO Via Cocastelli Mantova Tel Riceve per appuntamento 13

14 per la diagnosi simultanea di tubercolosi e Rifampicino resistenza in 58 ospedali nel paese; nonostante questo però, la percentuale di casi diagnosticati rispetto agli attesi a livello nazionale rimane inaccettabilmente bassa (51%) e purtroppo in seppur lieve, riduzione, rivelando in questo, come anche in altri ambiti le contraddizioni di un paese che ha sicuramente le capacità e la spinta a raggiungere standard elevati, ma in cui la forbice con la maggioranza della popolazione è tutt altro che chiusa. E così a Wolisso, ospedale di riferimento per circa abitanti, ricoveri e visite ambulatoriali all anno, ci troviamo a diagnosticare circa 1000 casi di TB all anno, che significa 3-4 al giorno, con quadri radiologici tali da poterci fare un manuale...(ma con competenze e tempo che io non avevo!), ma talora anche con situazioni drammatiche da gestire: non posso e non voglio dimenticare la mamma morta di emottisi massiva il giorno dopo aver partorito un bel bimbo di due kili e mezzo, se solo fosse venuta prima, magari chissà...o quella bambina di 8 anni, affetta da malattia disseminata, con empiema sinistro massivo, che il papà sta continuando a portare a controllo tutti i mesi da due anni, perché vuole essere sicuro che vada tutto bene e la sua bimba non si ammali più... Non è facile immaginare quali difficoltà comporta in termini di trasporto, costi, cambiamento di mentalità, questo tipo di fedeltà che è richiesta ai malati cronici, cioè a tutti coloro che, 14

15 diabetici, ipertesi, cardiopatici, cirrotici, hanno necessità di controlli regolari e soprattutto di assumere la terapia senza interruzioni. Il problema dei diabetici, soprattutto insulino-dipendenti non è indifferente in un contesto in cui la possibilità di automonitoraggio domiciliare della glicemia, ma anche la disponibilità a domicilio di frigoriferi è pressoché inesistente, portando troppo spesso all insorgenza di complicanze croniche gravi anche in soggetti giovani. All ospedale di Wolisso si effettuano più di 2000 visite all anno, nell ambulatorio dedicato alle patologie cronico-degenerative, mentre i ricoveri per tali patologie superano i 500 all anno, con in testa patologie cardiovascolari e diabete. Si tratta sicuramente di un volume di attività inferiore rispetto ai parti e alle patologie infettive, ma non trascurabile e destinato ad aumentare, e, assieme anche alle patologie neoplastiche, a far riflettere clinici e amministratori su come far fronte a questo doppio carico di patologie, trasmissibili e non, in un contesto in cui le risorse rimangono comunque limitate e la sostenibilità dell ospedale sempre in bilico tra la necessità di offrire servizi di qualità ai pazienti e retribuzione dignitosa al personale senza però perdere di vista l accessibilità, soprattutto per le categorie più deboli... una bella sfida, non trovate? Per me invece la prossima sfida, sempre nell ambito di progetti CUAMM, sarà presso l ospedale di Yirol in Sud Sudan, a partire da novembre Arianna Bortolani, ho 38 anni, geriatra, o forse meglio semplicemente medico. DR. ANTONIO ARRIGONI Specialista in Ortopedia e Traumatologia Riceve per appuntamento presso il proprio Studio Viale Gorizia 21 - Mantova Tel. 0376/ e 335/

16 NOTE BIOGRAFICHE Arianna Bortolani Nata a Mantova 25/11/1975 Maturità scientifica al liceo Belfiore, Mantova Laurea in Medicina all università di Verona, luglio 2000 Specializzazione in Geriatria all università di Verona, ottobre 2004 Servizio di guardia medica e part time presso i reparti, Fondazione Mons. A. Mazzali, Mantova, dal 2003 al dicembre 2004 Dirigente medico presso il dipartimento di geriatria (2^ Geriatria fino alla sua chiusura poi 1^ Geriatria) dell azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, di ruolo dal 1 luglio Servizio intervallato dai seguenti periodi di cooperazione internazionale, inseriti in progetti di Medici con l Africa CUAMM : - settembre 2008-luglio 2010: Angal, Nebbi District, West Nile, Uganda. Attività clinica presso l ospedale cattolico St. Luke di Angal, diocesi di Nebbi, in particolare come responsabile della pediatria e dell unità nutrizionale. - gennaio 2012-ottobre 2014: Wolisso, South West Shoa Zone, Oromia, Ethiopia. Attività clinica e di coordinamento presso l ospedale cattolico St. Luke di Wolisso, in particolare come Responsabile del Dipartimento di Medicina dell adulto (reparto di medicina, visite ambulatoriali, pronto soccorso, ambulatorio patologie croniche) e coordinatore dei servizi TB/HIV (clinica HIV, ambulatorio TB e coordinamento gestione MDR-TB, degenze in unità di isolamento, implementazione metodica GeneXpert) - ottobre 2014: in attesa di trasferimento presso l ospedale di Yirol, Yirol County, Lakes State, South Sudan 16

17 CAMBIO DI ROTTA IN MATERIA DI MALPRACTICE SANITARIA: il Tribunale di Milano stabilisce che sara il paziente a dover dimostrare la responsabilità del medico Dopo un ventennio di consolidata Giurisprudenza italiana in materia di responsabilità civile del medico, il Tribunale di Milano ha ribaltato le sorti della cd. medicina difensiva. Infatti, la sentenza della I Sezione Civile del 17 luglio 2014 ha stabilito rivoluzionando completamente l ottica della malpractice medica che la colpa del medico deve essere provata dal paziente, al quale rimangono solo cinque anni per agire e non più dieci. Nella fattispecie un paziente citava in giudizio il Policlinico di Milano, presso il quale era stato ricoverato nell ottobre 2008 per un intervento di tiroidectomia totale, nonché il medico che aveva eseguito l intervento chirurgico, sostenendo di aver subito la paralisi bilaterale delle corde vocali quale diretta conseguenza ed in correlazione con l errato intervento eseguito da quest ultimo e richiedendo la condanna solidale dei responsabili per il danno alla salute ed il danno morale subiti nella misura di ,69 oltre rivalutazione monetaria e interessi. Il Policlinico, costituitosi in giudizio, esponeva che in occasione dell intervento di tiroidectomia totale erano sorte difficoltà a causa di un grosso nodulo nella parte destra, sede di pregressi fatti flogistici e degli esisti nella parte sinistra di un precedente intervento di ernia cervicale; che gli operatori non erano riusciti a isolare la corda vocale di destra, mentre quella sinistra era stata visualizzata e conservata; che dopo la fine dell intervento era insorta una crisi dispnoica che aveva reso necessaria l intubazione del paziente e il suo trasferimento in terapia intensiva, dove era rimasto fino al giorno successivo; che il paziente era stato dimesso il 29/10/2008 e dopo due giorni i chirurghi e gli specialisti avevano consigliato il ricovero presso altro nosocomio specializzato, dove era stato sottoposto a tracheotomia temporanea.... La Struttura Sanitaria convenuta precisava che l intervento eseguito dal medico non era affatto di routine, che le lesioni lamentate dal paziente costituivano complicanze prevedibili di tale tipo di intervento, che le stesse si erano verificate nonostante i sanitari avessero fatto quanto era loro esigibile per prevenirle e che trattandosi di una complicanza prevedibile indicata nel modulo di consenso sottoscritto dal paziente la stessa non era evitabile nel caso concreto dai sanitari. La sentenza, con un magistrale colpo di spugna, mediante la diversa qualificazione giuridica della colpa medica, non 17

18 più contrattuale ma extracontrattuale in linea con quanto previsto dalla Legge Balduzzi, ha il pregio di fare chiarezza sulla portata dell art 3 della L.189/2012 precisando che: 1) se un paziente/danneggiato agisce in giudizio nei confronti del solo medico con il quale è venuto in contatto presso la struttura sanitaria, senza allegare la conclusione di un contratto, la responsabilità di quel medico andrà ritenuta di natura extracontrattuale ex art c.c., ciò comportando un onere probatorio a carico del paziente ed un lasso temporale per agire ridotto a cinque anni; 2) se nel caso suddetto, oltre al medico è convenuta dal paziente anche la struttura sanitaria presso la quale il medico autore del fatto illecito ha operato, la disciplina andrà distinta STUDIO DI ECOGRAFIA ECO-COLOR DOPPLER AGO ASPIRATO DR. GIANANDREA BERTONI SPECIALISTA IN: Radiologia Diagnostica RICEVE PER APPUNTAMENTO Via Marangoni, 7 - Mantova cell. 348/ abit. 0376/ Via M. Azara, 6 - Tempio Pausania (SS) abit. 079/ (extracontrattuale per il medico ex art c.c. e contrattuale per la struttura ex art c.c.), con conseguente diverso atteggiarsi dell onere probatorio (a carico del paziente nel primo caso ed a carico della struttura nel secondo) e diverso termine di prescrizione del diritto al risarcimento ( 5 anni per il paziente nei confronti del medico, 10 anni per il paziente nei confronti della struttura); 3) la diversa qualificazione, nasce dal fatto che l art. 3 e la Balduzzi in generale non ha alcuna incidenza sul regime di responsabilità civile della struttura sanitaria (pubblica o privata) che risponderà in via contrattuale nei confronti del danneggiato anche per colpa dei suoi dipendenti o ausiliari. In sostanza, l illuminata sentenza torna a bilanciare la posizione del medico, in quanto se il cittadino non è in grado di allegare un contratto (concetto su cui si dovrà molto discutere in futuro essendo lecito ipotizzare, soprattutto in ambito ambulatoriale, la conclusione di un contratto per fatti concludenti ) e/o di dimostrare che il medico non abbia rispettato i protocolli, le linee guida e la buona prassi, sarà opportuno che desista dal coinvolgerlo in giudizio, limitando pertanto la sua azione nei confronti della struttura sanitaria (pubblica o privata) al cui interno si è verificato l evento, da esperirsi entro dieci anni dal verificarsi del fatto dannoso. Resta, tuttavia, a carico della struttura 18

19 sanitaria per il solo fatto di essere appartenente al S.S.N. - l onere della prova positiva che i danni patiti dal paziente non siano imputabili all operato dei suoi dipendenti e/o ausiliari, rispondendo, in difetto, di inadempimento contrattuale ai sensi dell art 1228 c.c (e ovviamente ai sensi dell art c.c.). Il Tribunale di Milano in linea con le previsioni della Legge Balduzzi - ha voluto così riequilibrare un rapporto tra medici e strutture fino ad oggi sproporzionato, veicolando le azioni giudiziarie verso l accertamento delle responsabilità non già del singolo medico (destinato, per definizione, nell arco della sua carriera a commettere un errore) ma della struttura sanitaria all interno della quale spesso per disfunzioni organizzative l errore si è verificato. Già infatti il legislatore del 2012 aveva ricondotto alla responsabilità da fatto illecito (cd. Aquiliana) ex art c.c. (e non più alla responsabilità contrattuale ex art c.c.) il contratto d opera (diverso dal contratto concluso con la struttura) prevedendo che l obbligazione risarcitoria del medico possa scaturire solo in presenza di tutti gli elementi costitutivi dell illecito aquiliano (che il danneggiato ha l onere di provare) e soggiace al regime di prescrizione quinquennale. Dunque, d ora in poi non è più il medico a dover provare la propria correttezza professionale, ma è il paziente che deve provare la colpa di quest ultimo. Tale inquadramento della responsabilità medica e il conseguente regime applicabile, unito all evoluzione che nel corso degli anni si è avuta in tema di danni non patrimoniali risarcibili e all accresciuta entità dei risarcimenti liquidati si legge nella sentenza ha indubitabilmente comportato un aumento dei casi in cui è stato possibile ravvisare una responsabilità civile del medico ospedaliero (chiamato direttamente a risarcire il danno sulla base del solo contatto con il paziente se non riesce a provare di essere esente da responsabilità ex art c.c.), una maggiore esposizione di tale categoria professionale al rischio di dover risarcire danni anche ingenti (con proporzionale aumento dei premi assicurativi) ed ha involontariamente finito per contribuire all esplosione del fenomeno della medicina difensiva come reazione al proliferare delle azioni di responsabilità promosse contro i medici. Avv.to Beatrice Biancardi Dr. PAOLO PREVIDI Specialista in Neurologia Specialista in Fisiatria Riceve presso Ambulatorio Angelo Custode Loc. 4 Venti - Curtatone (MN) Tel cell visite ed esecuzioni ecocolordoppler t.s.a. 19

20 SPAZIO LIBERO IL DOTTOR ONORATO LASCIA UN VUOTO Il più sincero ricordo penso sia quello lasciato dai tuoi pazienti. Ciao Renato! Stefano Bernardelli Ecco quello che non siamo riusciti a dire al funerale del dottor Renato Onorato. Caro dottore, è proprio difficile lasciarla andare sa? La sua partenza è stata troppo improvvisa, frettolosa. Si fermi ancora un attimo allora, si volti ancora un istante verso di noi, almeno il tempo di un grazie come si deve. È proprio un dovere ringraziarla per questi anni trascorsi insieme, anche perché ha scelto di abitare qui in mezzo a noi, in questo paese di campagna, che forse all inizio della sua carriera non le sarà sembrato granchè, ma che con i suoi ritmi lenti e la vita semplice sembrava fatto apposta per lei, come un abito cucito addosso su misura. E intanto sono trascorsi più di 30 anni. Lei ci conosce tutti, sa tutto di noi. Noi invece improvvisamente, abbiamo l impressione di non avere avuto il tempo di conoscerla abbastanza, di non avere avuto per lei la stessa cura e attenzione che lei invece ha riservato ai suoi pazienti. Allora quello che possiamo fare è ringraziarla con tutto l affetto di cui siamo capaci. Grazie per la sua presenza, costante e discreta, per la sua sensibilità, per le sue parole rassicuranti, per la sua profonda umanità. Lei possedeva la qualità dei grandi: la mitezza. Grazie per la sua simpatia, l irresistibile ironia capace di sdrammatizzare le situazioni difficili. Grazie di tutto dottor Onorato, adesso la affidiamo al nostro Padre Celeste perché si prenda cura di lei. I suoi affezionai pazienti di Malavicina 20

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Dario Focarelli Direttore Generale, ANIA Convegno «La responsabilità sanitaria: problemi e prospettive» Roma 20 marzo 2015 Agenda I messaggi

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

MEDICI CON L AFRICA CUAMM

MEDICI CON L AFRICA CUAMM MEDICI CON L AFRICA CUAMM SIAMO CONVINTI CHE LA SALUTE NON SIA UN BENE DI CONSUMO, MA UN DIRITTO UMANO FONDAMENTALE. Nata nel 1950, prima ONG in campo sanitario riconosciuta in italia, MEDICI CON L AFRICA

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 PREFAZIONE DI GIAN PIERO PICCOLI ALL ARTI- COLO DI Mauro Galbusera, Luca Peschiera di ARENABROKER Abbiamo analizzato in numerosi articoli apparsi

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

anno LI - luglio-agosto 2014 - n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LI - luglio-agosto 2014 - n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LI - luglio-agosto 2014 - n. 4 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Qualifica GIOVANNI RIGNANESE Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Cremona Dirigente

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Roberto Manzato Convegno «La responsabilità medica» Milano 20 novembre 2012 Roberto Manzato 1 MESSAGGI CHIAVE Molti paesi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B.

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. Dr. ALESSI Giuseppe Medici Associati Medico di Medicina Generale (cod.reg.43999) Dr.ssa ZANELLA NUCERA Alessandra Medico di Medicina Generale

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015 LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO Aspetti medico legali Chiavari, 18 settembre 2015 le problematiche medico legali relative al trattamento delle infezioni si inquadrano nel tema

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LI - maggio-giugno 2014 - n. 3 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE

Dettagli

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Dr. Nakandha Esther Magumba Trainee Internal Medicine Il programma è iniziato nel Novembre 2010, con la partecipazione di 17 studenti: 5

Dettagli

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 In tema di Responsabilità, occorre distinguere quelle relative: Alla Struttura Sanitaria; Al Medico Dipendente del SSN; Al Medico che svolge attività

Dettagli

anno LIII - Marzo / Aprile / Maggio 2016 N. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LIII - Marzo / Aprile / Maggio 2016 N. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LIII - Marzo / Aprile / Maggio 2016 N. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L angolo del Presidente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA GENERALE e CONTINUITA ASSISTENZIALE

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA GENERALE e CONTINUITA ASSISTENZIALE Area Cure Primarie e Continuità Assistenziale Direttore Dott.ssa Daniela Sgroi Via Casal Bernocchi, 73 00125 Roma Tel. 0656487-423/405/406 Fax 06 56487424 e-mail: daniela.sgroi@aslromad.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO

PRESENTAZIONE DEL CORSO AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA DIPARTIMENTO SPECIALITA MEDICO CHIRURGICHE, SCIENZE RADIOLOGICHE E SANITA PUBBLICA PRESENTAZIONE

Dettagli

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO Scopri un nuovo modo di stare bene Piazza Sant Agostino 1-20123 Milano www.cmsantagostino.it Pag. 1 di 7 INDICE 1. LA MISSION pag. 3 2. IL TARGET pag. 3 3. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO C.A.L.C.I.T. Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori del Chianti Fiorentino Onlus REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Approvato dall Assemblea Straordinaria del 29 maggio 2009 2 ORGANIGRAMMA (Rif.Statuto) ASSEMBLEA

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO 2012

RELAZIONE BILANCIO 2012 RELAZIONE BILANCIO 2012 Come per gli anni precedenti e date le indicazioni del Consiglio Direttivo, l anno 2012 ha visto la nostra Associazione impegnata principalmente sul fronte della sensibilizzazione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI La Repubblica Italiana tutela la salute, come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività. La tutela della salute

Dettagli

PROGETTO SANITA EXPO 2015 IL RUOLO DELLA MEDICNA TERRITORIALE. IL POLIAMBULATORIO DI VIA RUGABELLA (P.za Missori) - MILANO Arturo Bergonzi

PROGETTO SANITA EXPO 2015 IL RUOLO DELLA MEDICNA TERRITORIALE. IL POLIAMBULATORIO DI VIA RUGABELLA (P.za Missori) - MILANO Arturo Bergonzi PROGETTO SANITA EXPO 2015 IL RUOLO DELLA MEDICNA TERRITORIALE IL POLIAMBULATORIO DI VIA RUGABELLA (P.za Missori) - MILANO Arturo Bergonzi PROGETTO SANITA EXPO Oltre agli eventi didattici e scientifici

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE MOL Movimento per l Ospedale del Litorale ASSOCIAZIONE Mail: movimento.ospedale.litorale@gmail.com Facebook: Movimento per l Ospedale del Litorale Sito: www.jesoloforum.com- Ospedale Sede: via Aleardi

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale

anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale anno LII - marzo-aprile 2015 - n. 2 Poste Italiane S.p.A. - spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - DCB Mantova SOMMARIO L ANGOLO DEL PRESIDENTE

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA 1 di 5 10/03/2014 12:25 Azienda Sanitaria Locale N 5 "Spezzino" Cerca gimbe Home Contatti PEC Help Mappa Elenco Siti Tematici Posta Prevenzione Home PER IL CITTADINO Emergenza e 118 Ospedale Servizi territoriali

Dettagli

MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI. Short-version. Contenuti della carta dei servizi

MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI. Short-version. Contenuti della carta dei servizi MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI Short-version Contenuti della carta dei servizi Presentazione Composizione della medicina di Rete Sede Comune (SC) e Sedi Periferiche (SP) Attività ambulatoriale

Dettagli

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI non varia a seconda del sesso, come detta la direttiva UE) e con l ampiezza della copertura. In questo modo, il pagamento del premio (registrato in busta paga per i dipendenti) permette di accedere serenamente

Dettagli

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi.

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. CARTA DEI SERVIZI Presentazione Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. Questo importante strumento è stato concepito per portarla a conoscenza dei servizi erogati all

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Per prenotare, pagare il ticket

Per prenotare, pagare il ticket Per prenotare, pagare il ticket spostare, disdire, visite ed esami specialistici con il Servizio Sanitario Regionale occorre avere impegnativa del medico e Carta Regionale dei Servizi CRS, si possono utilizzare

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro

Dal sapere al saper fare. La professione medica: sguardo al futuro Dal sapere al saper fare La professione medica: sguardo al futuro Da grande.. vorrei fare il medico.. Un sogno che coinvolge circa 166mila giovani iscritti alle facoltà di medicina tra statali e private.(

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA

IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA Le fasi del percorso: 1. Invio 2. Valutazione 3. Restituzione 4. Invio a altro servizio o ad altro specialista

Dettagli

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Area cure primarie 1/8 Premessa I Medici di Medicina Generale e i Pediatri di libera scelta (comunemente definiti

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Lo scrivente Ivano Giuliani, nato a Terracina il 22/02/1963, ed ivi residente in via Arene n 158, tel. 0773/723069, dichiara nel seguente curriculum

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Novara, 5 marzo 2013 CONTINUITA E CENTRALITA DEL PAZIENTE: LE DIRETTRICI DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELL ASL NO Oggi, martedì 5 marzo 2013 alle 11.00, alla presenza del Presidente della Regione Piemonte,

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

Progetto formazione di personale paramedico per il Comboni Hospital presso il Comboni Centre di Sogakofe in Ghana

Progetto formazione di personale paramedico per il Comboni Hospital presso il Comboni Centre di Sogakofe in Ghana ASSOCIAZIONE COMBONI CENTRE DI SOGAKOFE IN GHANA O.N.L.U.S. Via Kennedy 2 24030 Pontida (BG) Cod. Fiscale: 91035480168 Tel 348 2260756 -Fax 045 515111 e-mail: mirkodelazzari@alice.it Codice IBAN C/C: IT31Z0542852880000000093900

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI.

III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI. BANDO DI GARA APPALTO ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI E VERSO I PRESTATORI DI LAVORO ASL 7 CARBONIA CIG 026398467B III AVVISO DI RETTICA E PRECISAZIONI. Si informa che l ASL n. 7

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2451 Seduta del 07/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO III MASTER POST-UNIVERSITARIO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO Direttore: Dott.ssa A. Chillà Coordinatori didattici: dott. A. Borzone, dr. A. Centanni

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

LA RESPONSABILITÁ PROFESSIONALE SANITARIA: NUOVI ORIENTAMENTI

LA RESPONSABILITÁ PROFESSIONALE SANITARIA: NUOVI ORIENTAMENTI LA RESPONSABILITÁ PROFESSIONALE SANITARIA: NUOVI ORIENTAMENTI LA PAROLA CHIAVE del nuovo corso PROFESSIONALE è: RESPONSABILITÁ il cui significato però può essere recepito in una duplice accezione: in termini

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO. Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30. FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B

CONSIGLIO DIRETTIVO. Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30. FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B CONSIGLIO DIRETTIVO Roma, giovedì 10 settembre 2015, ore 10.30 13.30 FNOMCeO - sala del comitato centrale II piano scala B Piazza Cola di Rienzo 80/A - Roma Ordine del Giorno: Comunicazioni del Presidente

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Indirizzo Ufficio Telefono ufficio 030 3717694 LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA

Dettagli

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale

STATUTO. Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001. Associazione senza fini di lucro e di attività sociale STATUTO Approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 25234 del 22 ottobre 2001 Associazione senza fini di lucro e di attività sociale Sezione Provinciale di Milano - Via Venezian 1 20133 Milano 1 TITOLO

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO Introduzione al Progetto La salute materno infantile è un indicatore importante del livello di sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C.

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C. Pagina 1 INDICE SCOPO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI MEDICINA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI LUNGODEGENZA RIABILITATIVA DATA PROSSIMA REVISIONE FEBBRAIO 2011 SCOPO Fornire al cittadino uno strumento chiaro e

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde

Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde Ipotesi di progetto per l istituzione di una biblioteca-ludoteca viaggiante sull Isola di Maio - Repubblica di Capo Verde Premessa Il bambino deve avere tutte le possibilità di dedicarsi a giochi e ad

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Dr. Roberto Callioni

Dr. Roberto Callioni Dr. Roberto Callioni Nato il 18 luglio 1954 a Bergamo, dove risiede, svolge esclusivamente attività libero professionale in qualità di Medico Chirurgo Odontoiatra in Bergamo e Treviglio (BG). Laureatosi

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza:

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Presidente dell Ordine dei Medici di Verona Via S. Paolo 16-37129 Verona Oggetto: Accordo per la MEDICINA

Dettagli

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13)

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Piattaforma rinnovo ACN (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Introduzione Negli ultimi quattro anni, cioè grosso modo dalla sigla degli ultimi ACN, la situazione economica del Paese è

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli