I Disease Management Teams nel Contesto della Gestione del Rischio Clinico.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Disease Management Teams nel Contesto della Gestione del Rischio Clinico."

Transcript

1 LOMI A. (*) I Disease Management Teams nel Contesto della Gestione del Rischio Clinico. Lavoro presentato al XII Congresso Nazionale COMLAS. Bologna, 24,25 e 26 Ottobre Paper presented at the XII National Meeting of COMLAS. Bologna, Italy, Oct. 24,25, (*) Coordinatore Scientifico, Centro Medico Legale s.r.l., Genova, Italy. Abstract: Are Disease Management Teams a tool to avoid lawsuits? As Medical Malpractice cases are rising both in number and in economical value and many Doctors, who see their Patients as potential plaintiffs, often order unnecessary tests, treatments or procedures, is paramount to focus on patient-centered systems, as Disease Management Teams certainly are. Putting together different skills to chart the track a Patient will follow to be properly diagnosed and treated is Good Medical Practice: the best kind of Defensive Medicine you can use to avoid lawsuits. Doctors have the right to ask to their Administration a safe working environment focused on system defences, barriers and safeguards against adverse events. Riassunto: Il sistema dei Disease Management Teams è descritto quale esempio di buona pratica clinica, centrata sul Paziente e finalizzata ad una personalizzazione del percorso diagnostico e terapeutico. Le sue intrinseche caratteristiche sono tali da ridurre la possibilità di accadimento di eventi indesiderati. In tempi in cui il timore di essere coinvolti in procedimenti giudiziari è sempre più diffuso tra i Medici, ed in cui alcuni pongono in essere comportamenti di medicina difensiva, che sono del tutto inutili quando non dannosi, deve essere sottolineato che soltanto la buona pratica clinica è una vera medicina difensiva e che l obiettivo per i Medici non deve essere quello di trovare sistemi per evitare di essere sottoposti a richieste di risarcimento o procedimenti penali, ma quello di pretendere da parte dell organizzazione di cui fanno parte il rafforzamento delle metodiche finalizzate a ridurre gli errori di sistema ed implementare le barriere che si interpongono tra l inevitabile errore umano e l evento di danno. ijlm.it,2013,2,1 Pag. 83

2 Negli ultimi vent anni abbiamo assistito ad un aumento rilevante delle richieste di risarcimento rivolte a Medici e Strutture Sanitarie 1. Si tratta di un fenomeno diffuso nel mondo ed è immaginabile che la tendenza in questo senso sia inarrestabile e sia impossibile una difesa acritica dello status quo ante. D altra parte, sebbene una parte delle richieste di risarcimento abbia scarsi se non nulli fondamenti tecnici, una parte consistente evidenzia carenze organizzative, gestionali e professionali che causano morti e disabilità evitabili e meritevoli di risarcimento. Queste differenti condizioni di lavoro hanno comportato diverse modifiche nell operato dei Medici: alcuni di essi, unitamente ad un illuminato gruppo di Amministratori della Sanità privata e pubblica, divenuti consapevoli della possibilità di incorrere in errori dannosi per i propri pazienti, ha portato ad una maggiore attenzione verso comportamenti virtuosi volti alla prevenzione dell errore, delle inadeguatezze strutturali e delle loro conseguenze dannose; altri hanno reagito ponendo in essere meccanismi essenzialmente difensivi e di contrapposizione tra la classe medica ed il resto del mondo, talora decisamente paranoidi. Questo ha portato alla nascita di comportamenti volti esclusivamente alla difesa del Medico, indipendentemente dall effettivo beneficio nei confronti degli ammalati e della comunità, inquadrabili nel vasto capitolo delle cosiddetta medicina difensiva. La prevenzione degli eventi indesiderati è fondata sulla buona pratica della Medicina ed in realtà l unica vera Medicina Difensiva è quella fondata sulla buona pratica clinica. Sembra lapalissiano sostenere che il contenzioso diminuisce se si migliorano i rapporti tra il personale Sanitario ed i cittadini che 1 Secondo I dati ANIA nel period vi è stato un incremento del 228% (da a ) delle richieste di risarcimento ricevute da Medici e Strutture Sanitarie. Di questi, almeno la metà non avrebbero avuto seguito. ANIA: L assicurazione Italiana , pag ijlm.it,2013,2,1 Pag. 84

3 hanno bisogno del lavoro dei Medici, degli Infermieri e dei Tecnici e se si riducono gli eventi avversi evitabili utilizzando i noti strumenti di prevenzione. Ma alle pratiche virtuose molti hanno preferito comportamenti che danno una illusoria sensazione di essere protetti. Come ricordano RENKEMA e Coll. in un recente articolo 2, mettere in atto comportamenti sicuri verso i Pazienti è una componente intrinseca dell etica del Medico e dei suoi standards professionali. Ciononostante, Medici pongono in essere comportamenti che vanno contro la sicurezza del Paziente, inclusa la pratica della Medicina difensiva, l omissione della segnalazione degli eventi indesiderati e l esitazione nel comunicare ai Pazienti gli eventi avversi. E inoltre ingenuo pensare che la prescrizione di esami diagnostici o terapie inutili possa evitare richieste di risarcimento od azioni penali per medical malpractice, poiché nei migliori dei casi saranno ininfluenti nella valutazione del caso, e nel peggiore avranno inciso negativamente sulla sua evoluzione per gli effetti collaterali ed il tempo perso per la loro effettuazione. Comporteranno comunque dei costi evitabili e quindi sottrarranno risorse al Servizio Sanitario Nazionale, od alle Compagnie che gestiscono le polizze sanitarie, od agli stessi Pazienti. La buona pratica della Medicina è in evoluzione come la Medicina stessa: non è più sufficiente (ne possibile) sapere tutto e di tutto e dedicarsi con assiduità ed attenzione ai propri Pazienti quando si lavora in un sistema organizzato, quali sono oggi quelli Ospedalieri o Territoriali, od integrati, in cui il lavoro del singolo è soltanto un tassello di un mosaico più vasto. Si tratta di subire l organizzazione, o di esserne protagonisti. Il Servizio Sanitario Pubblico vede sempre più spesso gli Operatori della Salute essere vittime di uno strapotere amministrativo, che ha cessato da tempo di essere ancillare al core business della Sanità per divenire predominante. La Sanità privata deve costantemente confrontarsi con la necessità di generare utili. 2 Renkema E., Broekhuis M., Ahaus K. : Conditions that influence the impact of malpractice litigation risk on physicians behavior regarding patient safety. BMC Health Services Research 2014, 14:38. ijlm.it,2013,2,1 Pag. 85

4 La necessità di attuare reali forme di collaborazione tra le le figure professionali che hanno le diverse competenze necessarie per gestire patologie di particolare complessità, avvalendosi al contempo di linee guida condivise tra i diversi operatori, ha portato alla costituzione di teams predefiniti in cui il lavoro comune diviene sinergico, attraverso una stretta condivisione degli interventi sui singoli casi. A questo nuovo modello organizzativo, che si contrappose all inizio alla divisione di ruoli tra i Medici, che curavano, e gli Infermieri, che si prendevano cura, consegue l individuazione di modalità di intervento conseguenti alle necessità della situazione ed una focalizzazione sul Paziente (ed il suo ambiente familiare e sociale) all interno di un rapporto collaborativo 3 che coinvolga anche questi ultimi. Una revisione della letteratura effettuata da Zwarentein e Coll. nel , nell ambito della Cochrane Collaboration evidenziò gli effetti positivi della collaborazione interprofessionale. L introduzione di un sistema codificato di collaborazione interprofessionale e di percorsi terapeutici predefiniti per le maggiori patologie fu attuata sin dagli anni 90 dello scorso secolo. Dapprima riguardò pazienti dimessi dall Ospedale 5. Nel 1997 fu condotta una ricerca su 582 ricoverati per insufficienza cardiaca congestizia 6 : i pazienti seguiti dal Disease Management Team (DMT) appositamente costituito ebbero una miglior aderenza alle linee guida, una riduzione delle giornate di degenza, senza che vi fosse un incremento delle 3 Baumann A.O., Deber R.B., Silverman B.E., Mallette C.M.: Who cares? Who cures? The ongoing debate in the provision of health care. Journal of Advanced Nursing, 28 (5), , Zwarentein, M. ; Goldman, J.; Reeves, S.: Interprofessional collaboration: effects of practice-based interventions on professional practice and healthcare outcomes. Cochrane Database Of Systematic Reviews, 3, Rich M.W.; Gray D.B.; Beckham V.; Wittenberg C.; Luther P.: Effect of a multidisciplinary intervention on medication compliance in elderly patients with congestive heart failure. Am J Med., 1996, 101, 3: Costantini O, Huck K, Carlson MD, et al.: Impact of a Guideline-Based Disease Management Team on Outcomes of Hospitalized Patients With Congestive Heart Failure. Arch Intern Med. 2001;161(2): ijlm.it,2013,2,1 Pag. 86

5 riammissioni nei successivi 30 giorni, ed una diminuzione dei costi per ricovero. Fu evidenziato che i risultati erano migliori rispetto alla sola introduzione delle linee guida e che un problema rilevante era costituito dalla scarsa compliance verso le linee guida da parte dei Medici, che il sistema del DMT riduceva notevolmente. Ma è nella gestione delle patologie neoplastiche che questa metodologia ha trovato diffusione e consenso. Va premesso che gli Oncologi sono avvezzi a lavorare sulla base di procedure e linee guida condivise, ma ciononostante l approccio integrato e centrato sul singolo malato ha evitato le perdite di tempo ed energie che comportava l intervento a competenze successive, in cui solitamente prima interveniva il Chirurgo, poi il Radioterapista ed infine l Oncologo Medico, mentre non era definito e chiaro chi dovesse occuparsi del follow-up. E stato dimostrato che la valutazione dei Pazienti nei DMT non comporta un significativo aumento dei tempi da dedicare al singolo Paziente 7 e presenta vantaggi ben superiori al peso della ulteriore incombenza richiesta al personale 8. La loro diffusione, aumentata in modo rilevante dopo la pubblicazione del Calman Hine Report britannico del , interessa ormai il mondo intero, sia pure con alcune differenze organizzativo-gestionali locali 10. Nel corso degli anni sono stati proposti metodi per valutare la qualità del loro operato 11. Il 7 Mullan, B.J., Brown J.S., Lowe, D., Rogers, S.N., Shaw, R.J.: Analysis of time taken to discuss new patients with head and neck cancer in multidisciplinary team meetings. British Journal of Oral and Maxillofacial Surgery. Volume 52, Issue 2, February 2014, Pages Westin, T., Stalfors, J.: Tumour boards/multidisciplinary head and neck cancer meetings: are they of value to patients, treating staff or a political additional drain on healthcare resources? Current Opinion in Otolaryngology & Head & Neck Surgery. 16(2): , April Calman KC, Hine J. A policy framework for commissioning cancer services. A report by the Expert Advisory Group on Cancer to the Chief Medical Officers of England and Wales, Department of Health: London Saini, K.S. e Coll.: Role of the multidisciplinary team in breast cancer management: results from a large international survey involving 39 countries. Ann Oncol (2012) 23 (4): Taylor C. e Coll.: Measuring the quality of MDT working: an observational approach. BMC Cancer 2012, 12:202 ijlm.it,2013,2,1 Pag. 87

6 questionario di autovalutazione, destinato alle strutture che richiedono l accreditamento all OECI (Organization of European Cancer Institutes), prevede una serie di quesiti sui DMT, la cui organizzazione è considerata uno degli indicatori di qualità della struttura 12. In conclusione, possiamo auspicare che una miglior organizzazione delle attività diagnostiche e terapeutiche, centrata sul singolo paziente, riduca quegli errori di sistema che sono fondamento degli eventi indesiderati e quindi delle azioni legali che ne derivano. Usando le parole di Reason 13, possono essere utilizzati due diversi approcci alla prevenzione di questi eventi: uno focalizzato sulle carenze dei singoli operatori, in cui si vuole credere che persone cattive mettano in atto comportamenti aberranti e gli errori costituiscono questioni morali, meritevoli di sanzione 14 ; l altro approccio è invece fondato sulla valutazione delle condizioni di lavoro e dei sistemi di difesa che debbono essere messi in atto per prevenire che l errore umano generi conseguenze negative 15. Come sottolinea l inventore del Swiss cheese model of system accidents a tutti ben noto, difese, barriere e salvaguardie operano un ruolo centrale nell approccio 12 OECI: Questionnaire. OECI Quality standards. OECI, Brussels, scaricato il 24/12/ Reason, J.: Human error: models and management. BMJ. Mar 18, 2000; 320(7237): It views these unsafe acts as arising primarily from aberrant mental processes such as forgetfulness, inattention, poor motivation, carelessness, negligence, and recklessness. Naturally enough, the associated countermeasures are directed mainly at reducing unwanted variability in human behaviour. These methods include poster campaigns that appeal to people's sense of fear, writing another procedure (or adding to existing ones), disciplinary measures, threat of litigation, retraining, naming, blaming, and shaming. Followers of this approach tend to treat errors as moral issues, assuming that bad things happen to bad people. Reason, Op. Cit. 15 The basic premise in the system approach is that humans are fallible and errors are to be expected, even in the best organisations. Errors are seen as consequences rather than causes, having their origins not so much in the perversity of human nature as in upstream systemic factors. These include recurrent error traps in the workplace and the organisational processes that give rise to them. Countermeasures are based on the assumption that though we cannot change the human condition, we can change the conditions under which humans work. A central idea is that of system defences. All hazardous technologies possess barriers and safeguards. When an adverse event occurs, the important issue is not who blundered, but how and why the defences failed. Reason, Op. Cit. ijlm.it,2013,2,1 Pag. 88

7 sistemico. Se si implementano e poi mantengono questi sistemi, gli effetti dei comportamenti umani incongrui saranno minimizzati. Ma, se ci si ferma a sanzionare l errore del singolo, soddisfatti di aver così trovato la causa dell evento indesiderato, si mantengono le vere ragioni che cagioneranno analoghi eventi futuri. ijlm.it,2013,2,1 Pag. 89

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale Ugo Moretti 1. Adverse events Adverse event Any abnormal sign, symptom, or laboratory test, or any syndromic combination of

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE ott - dic 2013 1 In linea con quanto indicato nel Piano di Previsione delle attività di Clinical Risk Management relative all anno

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas Barbara Labella Agenas Un bilancio 1. Definizione dell oggetto (scope) dell Osservatorio 2. Definizione

Dettagli

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia

Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Sicurezza del paziente e rischio clinico in Radioterapia U.L.S.S. n. 9 TREVISO, 10 Dicembre 2014 Approccio Prospettico alla Sicurezza del Paziente in Radioterapia Marie Claire Cantone Universitàdegli Studi

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE Medical malpractice claims analysis - 5 edizione 2013 Indice Dati di analisi Il campione Analisi RRD Analisi temporale Stato e tipologia delle pratiche

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 3 Struttura aziendale di Risk Management DIREZIONE STRATEGICA

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità?

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Riccardo Tartaglia, MD, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it/rischioclinico High Reliability Organizations (HROs) HROs

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

Informazione e salute : l esperienza di Corriere salute.it

Informazione e salute : l esperienza di Corriere salute.it Comunicazione sociale per la salute SALUTE 2.0 ESPERIENZE E INTERROGATIVI VENERDI 26 NOVEMBRE 2010 Biblioteca Universitaria di Bologna - Bologna Informazione e salute : l esperienza di Corriere salute.it

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità

Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità Firenze 27 Marzo 2015 Rischio Sanitario verso un nuovo modello di Sanità Riccardo Tartaglia, MD, OM, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it La sicurezza del paziente è la più

Dettagli

L esperienza dei meeting multidisciplinari (MDMs) in una Breast Unit. Eraldo O. Bucci Istituto Ospedaliero Multimedica Castellanza (VA)

L esperienza dei meeting multidisciplinari (MDMs) in una Breast Unit. Eraldo O. Bucci Istituto Ospedaliero Multimedica Castellanza (VA) L esperienza dei meeting multidisciplinari (MDMs) in una Breast Unit Eraldo O. Bucci Istituto Ospedaliero Multimedica Castellanza (VA) Una precisazione onde evitare Sinonimi di MDMs in letteratura Tumour

Dettagli

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale 12 settembre 2015 Direttive anticipate: distinzione Direttive anticipate

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012 La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza Responsabilità e compiti dell AIFA Laura Sottosanti Roma, 13 settembre 2012 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI BIOETICHE ENRICO LARGHERO ITALIA 8 MILIONI RICOVERI/ANNO 320.000 (4%) danni per errori medici ed eventi avversi 14.000-50.000 decessi 260 milioni

Dettagli

LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie"

LETTI PER VOI: Selezione Avversa e Polizze Sanitarie LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie" a cura di Cinzia Di Novi Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Lo stato di salute individuale

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166. 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147

19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166. 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147 19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147 5% REAZIONE TRASFUSIONALE PER INCOMPATIBILITÀ AB0 casi 44 4% MORTE, COMA O GRAVI

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Roberto Tarquini David Coletta Dipartimento Interaziendale per la Continuità dell Assistenza

Dettagli

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Le BREAST UNITS : Quale integrazione con lo screening? We found that the introduction of teams providing multidisciplinary care for the treatment of breast cancer

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA APPLICAZIONE DEL MODELLO DELLA REGIONE VENETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL PAZIENTE ATTRAVERSO L USO DELLA SCHEDA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpoint surrogati e outcome nella malattia metastatica Giovanni L. Pappagallo Ufficio di Epidemiologia

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione L'afasia è una disabilità acquisita della comunicazione dovuta ad un danno alle aree cerebrali del linguaggio,

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza

Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento Lo scenario della Sanità negli ultimi 20 anni Imponente accelerazione della produzione di conoscenze scientifiche

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE Isola d Elba 3-5 ottobre 2014 Centro Congressi la Biodola COMPLESSITA CURA CAMBIAMENTO DEL BISOGNO DI CURE Paziente fragile frequent user a forte necessità

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

L.E.Pacifici MD PhD Croce Rossa Italiana

L.E.Pacifici MD PhD Croce Rossa Italiana L.E.Pacifici MD PhD Croce Rossa Italiana Il diritto alla salute dei rifugiati trova il suo fondamento nella Convenzione di Ginevra del 1951, nella parte relativa allo status di rifugiato: Gli Stati Contraenti

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

Prefazione. 1. Fiori A., Evoluzione del contenzioso per responsabilità medica, FNOMCeO, Atti del Convegno di Studio, Roma, 26 giugno 1999, Giuffrè.

Prefazione. 1. Fiori A., Evoluzione del contenzioso per responsabilità medica, FNOMCeO, Atti del Convegno di Studio, Roma, 26 giugno 1999, Giuffrè. Prefazione Quando le persone chiedono di spiegare loro perché la responsabilità professionale medica (o, meglio, sanitaria, visto che il fenomeno si sta allargando a tutti i professionisti della salute,

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Ernesto Mola via Degli Aranci n.2, 73100, Lecce Telefono +39 0832 317901 Cellulare: +39 347 3723172 Fax E-mail ernestomola.mola@gmail.com

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PREMESSA Rispondere ai bisogni di salute della popolazione

Dettagli

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Le infezioni post operatorie nel paziente chirurgico Vicenza, 27 febbraio 2009 Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Giuseppe Murolo, MD Ministero del Lavoro, della Salute e delle

Dettagli