Indice analitico I-1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice analitico I-1"

Transcript

1 Indice analitico A Accanimento terapeutico 560 Acetilcolinesterasi, inibitori della 348 Acido ialuronico 78 Acqua corporea totale 445 Activities of Daily Living (ADL) 19, 579, 624 ADE, vedi Eventi avversi da farmaci ADR, vedi Reazioni avverse da farmaci Adrenopausa 87, 184 Afasia fluente 502 non fluente 502 progressiva non fluente 351 Age Related Cognitive Decline (ARCD) 335 Age-Associated Memory Impairment (AAMI) 334 Ageismo 26, 226, 571 Aldosterone 446 Algodistrofia simpatica riflessa 293 Alluce valgo 541 Allucinazioni visive 354 Alzheimer, malattia di, vedi Demenza Amiloide, beta 347 Amnesia Senile Benigna (Benign Senescent Forgetfulness, BSF) 334 Anamnesi 240 Andropausa 87 Anemia 401 da altre cause e da causa non nota 408 da carenza di ferro 486 da carenza di principi emoattivi 403 da disordine cronico 404 da insufficienza renale cronica 403 e cognitività 409 e malattie cardiovascolari 408 e mortalità 408 e stato funzionale 410 e tono dell umore 410 Angiotensina II 446 Anoressia sine causa 256 Antagonismo pleiotropico 71 Anterocollo 545 Anticoagulanti orali 52 Antidepressivi, farmaci NARI 385 NaSSA 385 SNRI 385 SSRI 385 triciclici (TCA) 230, 384 Antiossidanti 93 Antipsicotici, farmaci 332 Anziano fragile 15, 243, 245, 246, 434, 499 APO E 81 Apparato cardiocircolatorio 303 gastroenterico 305 locomotore 278 muscolare 304 osteoarticolare 304 respiratorio 304 uditivo 278 urinario 305 vestibolare 124 visivo 278 Artrite gottosa 540 reumatoide, 507, 540 Artrosi 246, 247, 505, 538, 540 coxartrosi 507 gonartrosi 507 Aspettativa di vita 1, 17 alla nascita 9 attiva 17 con disabilità 17 Asse ipotalamo-ipofisi-corticosurrene 88, 200, 257 ipotalamo-ipofisi-tiroide 256 Assideramento 435 Assistenza Continuativa (AC) 14, 625, 628 Assistenza Domiciliare (AD) 30, 516 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) 519, 631 Aterosclerosi 97 Atipia di presentazione delle malattie 227 Atrofia cerebrale 192 del nervo ottico 534 Attività fisica 388 B BADL, vedi Activities of Daily Living Barriere architettoniche 240 Barocettori 446 Barthel Index 581 Basalioma 112, 533 Benzodiazepine (BDZ) 297 Biodisponibilità 471 Bioetica 553 Body Mass Index (BMI) 46 Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) 283, 504, 537 C Caduta 277 conseguenze 279 epidemiologia 277 fisiopatologia 277 prevenzione 294 valutazione 293 Camptocormia 546 Capogiro 272 Carcinoma squamo-cellulare 533 Cardiogeriatria Appendice 6 Case mix Appendici 3 e 5 Cataratta 97, 113, 115 Centenari 7, 81 Centro di Massa Corporea (CMC) 271 I-1

2 diurno Appendice 3 ipotalamico della sete 446 Cerebropatia multiinfartuale 247 CHADS 2 score (Congestive Heart Failure) 54 Chair stand 250 Cheratiti croniche 534 Cheratosi attinica 112, 532, 533 seborroica 112 Chinesiterapia 500 Cisti sebacee del cuoio capelluto 531 Citochine pirogene 426 Codice di Deontologia Medica della Federazione Italiana dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri 554 di Norimberga 553 Cognitive Impairment No Dementia (CIND) 335 Collagene, invecchiamento del 103 Collasso da calore 424 Colpo di calore 424, 427 fisiopatologia 425 Comitato Nazionale di Bioetica 562 Comorbilità 12, 57, 362 Complessità patogenetica 267 Complesso Maggiore di Istocompatibilità 81 Comprehensive geriatric assessment, vedi Valutazione multidimensionale geriatrica Compressione della morbilità Appendice 5 Confusion Assessment Method (CAM) 330 Contenzione chimica 556 fisica 555 Continuità assistenziale Appendice 6 Contusione cerebrale 280 Convenzione di Oviedo 554 Corea di Huntington 356 Corpi di Hirano 195 di Lewy 195 di Pick 350 Cortisolo 88 Costipazione 536 Crisi ipoglicemica 228 Criteri di Boston 397 DSM-IV 330 Cupololitiasi 274 Cure palliative 560, Appendice 6 D Degenerazione cortico-basale 356 maculare senile 113, 534 Delirio paranoideo 113 Delirium 323, 450, 609 cause 325 demenza 328 diagnosi 329 epidemiologia 323 eziopatogenesi 325 farmaci 325 fattori precipitanti 327 fattori predisponenti 327 iperattivo 323 ipoattivo 323 misto 323 prevenzione 331 significato prognostico 328 terapia 332 tremens 327, 332 Demenza 485 a corpi di Lewy 353 da patologia dei piccoli vasi 357 da singoli infarti strategici 357 di Alzheimer 246 familiare 348 sporadica 346 terapia farmacologica 348 fronto-temporale 350 mista 357 multi-infartuale 357 semantica 352 vascolare 355 Depressione 228, 369 ansia 380 broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) 378 demenza 380 disabilità 381 maggiore 370 malattie cardiovascolari 376 malattie cerebrovascolari 376 mascherata 228 minore 371 mortalità 381 osteoporosi 379 patologie otorinolaringoiatriche 378 post-stroke 376 psicotica 370 Dermatite seborroica 530 Desensibilizzazione vestibolare 273 Deterioramento cognitivo 113, 267 mentale 241, 333 Mentale Senile Compensato 334 DHEAS (deidroepiandrosterone solfato) 109, 184 Diabete mellito 182 Dichiarazione di Helsinki 553 Dimissioni difficili 517 Dimorfismo cerebrale 101 Disabilità 16, 22, 271, 299, 498 catastrofica 18 dinamica Appendice 5 grave 18, 234 lieve 234 moderata 234 progressiva 18 Disartria 502 Disfunzione diastolica 392 sistolica 392 Disidratazione 448 Dispnea 229 Disponibilità energetica 255 Distonie assiali 545 cervicali 545 del tronco 546 Disturbo bipolare 371 d ansia generalizzato 371 del comportamento 338 del linguaggio 502 depressivo minore 371 di adattamento 371 I-2 INDICE ANALITICO

3 distimico 370 somatoforme 371 Dizziness 269 DNA mitocondriale (mtdna) 96 Do Not-Resuscitate (DNR) 561 Donepezil 348 DRG (Diagnosis Related Groups) 27, 107, 390, 516, Appendici 4 e 5 Drug-Induced Parkinsonism (DIP) 544 E Eccitotossicità 98 Effetto(i) coorte 108 periodo 107 sopravvivenza 108 Elastosi solare 111 Elettroconvulsiva, terapia 387 Ematoma epidurale 280 subdurale 279 Emi-inattenzione spaziale 502 Emorragia intraparenchimale 280 Emotrasfusione 411 Epidemiologia dell invecchiamento 270 e costi sociali nell anziano 281 Epidemiologia geriatrica Appendice 6 Epigenetica 89 Equilibrio, disturbi dello 119 Eritropoietina 180 Esame obiettivo 240 Estrogeni 109 Età media 12 Età mediana 9 Etica 553 Etnogeriatria 562 Eutanasia attiva 561 Euthyroid sick syndrome, vedi Sindrome del malato eutiroideo Eventi Avversi da Farmaci (Adverse Drugs Events - ADE) 465 Evidence Based Medicine (EBM) 39, 41, 60 F Failure to thrive 37, 486, 493 Farmacocinetica 230, 471 Farmacodinamica 230, 471 Farmaco-epidemiologia geriatrica Appendice 6 Fecondità 8 Fibre collagene 105 Fibrillazione atriale 543 Fibroblasti 82 Fibrosi dell aponeurosi palmare (morbo di Dupuytren) 540 Filtrazione glomerulare 445, 452 Food and Drug Administration (FDA) 42 Fotoinvecchiamento 108 Fragilità 14, 243 biologia 239 come stato di vulnerabilità 257 conclamata 260 conseguenze cliniche Appendice 7 criteri 620 disabilità 250 indicatori 245, 256 latente 260 modelli di di Bortz 249 di Brocklehurst 249 di Rockwood 257 di tipo concentrico 267 di tipo lineare 267 multifattoriale 328 pauci-sintomatica 260, 261 sindrome clinica 250 spirale 253 stadi 252 Frail elderly, vedi Anziano fragile Frattura 280 di femore 287 di femore prossimale 292 di omero prossimale 293 di polso 292 vertebrale 282, 291 Fumo di sigaretta 160 Functional Activities Questionnaire 590 G Galantamina 348 Gene age-1 81 Indy 80 klotho 83 methuselah 80 sir-2 80 Geriatria 61, 63, 64, 67, 262, 529, Appendici 3 e 6 insegnamento 67 Geriatric Depression Scale (GDS) 633, 636 Gerontogeni 71 Gerontologia 61, 67 Gerontologia e Geriatria (MED9) Appendice 6 Gerontoxon 114 Glicazione 90 Glicemia 257 Grip strength 250 H Handicap 498 Herpes Zoster (HZ) 531 I IADL, vedi Instrumental Activities of Daily Living Ictus 54 Idrocefalo normoteso 359 Idrossiguanosina (8-OHdG) 94 I-MAO 385 Immobilità 299 complicanze 501 Incontinenza urinaria 311, 501 classificazione 315 con urgenza (urge incontinence) 316 da alterato svuotamento 316 da rigurgito 316 da sforzo 315 da stress 315 diagnosi 316 dispositivi 319 funzionale 316 invecchiamento 314 persistente 315 terapia 319 transitoria 315 Indicatori di qualità 475 Indice di appropriatezza 475 di Exton-Smith 601 di fragilità (I.F.) di Rockwood 259 Indice analitico I-3

4 di vecchiaia 9, 12 Infarto del miocardio 227, 235 Informant Questionnaire on Cognitive Decline in the Elderly (IQCODE) 589 Instabilità nella marcia 228 omeostatica 225, 563 posturale 270, 273 Instrumental Activities of Daily Living (IADL) 19, 624 Insulinemia 257 Integrine 305 Intelligenza cristallizzata 211 fluida 211 Interazione(i) farmacologiche 472 farmaco-nutrienti 471 Interdizione 555 Intertrigine 530 Invecchiamento 72 al femminile 23 apparato cardiovascolare 147 apparato digerente 165 apparato respiratorio 157 apparato tegumentario 108 apparato urinario 171 cartilagine articolare 144 cervello 190 della popolazione 1 delle funzioni cognitive 565 di successo 207 ematopoiesi 213 eterogeneità 72, 225 fattori ambientali 84 fattori genetici 75 intrinseco 108 muscolo scheletrico 124 sistema endocrino 181 tessuto osseo 135 Ipercalcemia 453 Ipercifosi 548 Ipercolesterolemia 42 Iperpotassiemia 451 Ipertensione arteriosa 47, 171 nel grande vecchio 51 Ipertermia 425 Ipomobilità 296 Iponatremia 384, 449 Ipopotassiemia 451 Ipotermia accidentale 431 grave 436 lieve 434 moderata 436 Ipotesi colinergica della demenza 346 glutammatergica della demenza 346 ormetica dell invecchiamento 88 Isola di calore urbana 419 L Laminina-A 78 Laterocollo 545 Lavoro in équipe Appendice 6 LDL ossidate 97 Lesioni cutanee da decubito 306 da grattamento 530 da pressione, vedi da decubito precancerose 532 Limited Dementia 334 Linee Guida 37, 55 della valutazione multidimensionale Appendice 3 Linfedema 541 Linfoma non Hodgkin a cellule B 534 Lipofuscine 90 Livelli essenziali di assistenza (LEA) Appendice 3 Living will 561 Long term care 518 Longevità 75, 77, 95, Appendice 3 Luoghi delle cure 66 M Malattia acuta 32 cronica 32 di Alzheimer, vedi Demenza di Alzheimer di Fahr 356 di Ménière 274 di Parkinson 99, 544 di Parkinson con demenza 353 Malnutrizione 129, 256, 486, Appendice 6 Malpractice 32 Manovre salvavita 561 Marasma senile, vedi Failure to thrive Medicina Basata sull Evidenza (EBM) 39, 41, 57, 572, Appendice 3 centrata sul malato 62 centrata sulla malattia 37, 61 del caos 38 della complessità 35, 37 della semplicità 37 difensiva 32 geriatrica, vedi Geriatria interna 66 narrativa 36, 57, 61 opinion based medicine 61 Medico di famiglia 516 Melanoma 533 Memantina 349 Memory training 513 Menomazione 498 Menopausa 87, 187 Metabolismo energetico basale 256 Metodologia assistenziale 520 Mild Cognitive Disorder 335 Mild Cognitive Impairment - MCI (Declino Cognitivo Lieve) 336 Mini Mental State Examination (MMSE) 634, 586, Appendice 3 Mini Nutritional Assessment 599 Minimal Dementia 334 Minzione 311 Mitocondri 89, 91 Mitormesi 97 Mixedema 431, 433 Mnemotecniche 513 Modello assistenziale geriatrico Appendice 6 di Assistenza Continuativa (AC) 518 Monoaminossidasi (MAO) 203, 373 Morbilità 22, 420 Morbo di Parkinson, vedi Malattia di Parkinson Mortalità 418, 420 intraospedaliera 236 I-4 INDICE ANALITICO

5 Multifattorialità 229, 567 Multipatologia 12, 567 Musicoterapia 560 N Naranjo, algoritmo di 470 Narrative Based Medicine, vedi Medicina narrativa Natalità 7 National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) 308 Non aderenza 469, 477 Non thyroidal illness, vedi Sindrome del malato eutiroideo Non-amnestic MCI-multiple domain 336 Non-amnestic MCI-single domain 336 Norma 107 Normalità 107, 226 Nursing home, vedi Residenza Sanitaria Assistenziale O Obesità di tipo centrale 257 sarcopenica 133 Oldest old 44, 260 Old-old 245 Omeostasi 69, 87, 264 idrosalina 445 nell invecchiamento 108 Omeostenosi 69, 108 Oncologia geriatrica Appendice 6 Ondate di calore 420 Opinion Based Medicine, vedi Medicina Orecchio interno 120 medio 120 Organi di senso 271 Ormone(i) anabolizzanti 257 antidiuretico (ADH) 446 natriuretico atriale (ANP) 446 Ortostatismo 296 Osmocettori 446 Ospedalizzazione da ADR 466 Ossido nitrico (NO) 97 Osteoartrosi, vedi Artrosi Osteopenia 186, 285 Osteoporosi 181, 247, 284, 285 conclamata 285 da disuso 305 Osteosintesi 508 P Paralisi sopranucleare progressiva 356 Parkinson-demenza (PDD) 355 Parkinson-plus 544 Patologie da calore 424 Paura di cadere 293 Paziente anziano 225 personalità tipo 231 Pet-therapy 560 Piano di assistenza individualizzata (PAI) 522, Appendici 3 e 4 Sanitario Nazionale Appendice 3 Piccoli guadagni, vedi Small gains Polifarmacoterapia 231, 470 Polmonite 415 Porpora da farmaci 531 senile di Bateman 112, 530 Predeath 493 Predisposizione genetica 171 Presbiacusia 119, 121 di conduzione o trasmissiva 120 metabolica o striale 121, 122 neuronale 121, 122 sensoriale 120, 122 trasmissiva o di conduzione 122 Prescrizione inappropriata 469 Pre-sincope 270 Pressure Ulcer Scale for Healing (PUSH) 308, 603 Prevenzione delle cadute a domicilio 294 delle cadute in residenza 296 delle ulcere da decubito 306 primaria 571 secondaria 571 terziaria 571 Procollagene 105 Progeria 78 Progetto Obiettivo Salute dell Anziano Appendici 3 e 6 Prospettiva dimensionale 370 Proteina della fase acuta 425 dello shock termico 425 precursore dell amiloide (APP) 346 Proteoglicani 104 Proteosoma 93 Protettori d anca 297 Prurito 530 Pseudoiponatremia 449 Psicoterapia 388, Appendice 6 Punti più deboli, vedi Weakest link Q Questionable Dementia 334 R Radicali liberi 91 Randomized Controlled Trial (RCT) 40, 46 Rasoio di Ockham 267 Reactive Oxygen Species (ROS) 91 Reality Orientation Therapy (ROT) 511 Reazione Avversa da Farmaci (Adverse Drugs Reaction -ADR) 230, 465 Reminescenza, terapia di 512 Resident Assessment Instrument - Minimum Data Set (RAI- MDS) 521 Residenza Protetta (RP) 29 Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) 15, 29, 67, 447, 519, 625, Appendice 5 Resistenza biologica 100 Resource Uniform Groups (RUG) 524 Restrizione calorica 84, 88, 95 Rete dei servizi di Assistenza Continuativa Appendice 3 Retinopatia diabetica 534 Riabilitazione aspecifica 499 geriatrica Appendici 5 e 6 preventiva 497 specifica 500 cardiologica 504 deterioramento cognitivo e demenza 510, 513 frattura di femore 507 ictus cerebrale 500 malattia di Parkinson 503 Indice analitico I-5

6 osteoartrosi 505 respiratoria 504 Ricatto affettivo 233 Riduzione della natalità 1 Rimodellamento eccentrico 136 Rimotivazione, terapia di 513 Risposta della fase acuta 425 Rivastigmina 348 RNS, vedi Specie reattive dell azoto RSA, vedi Residenza Sanitaria Assistenziale S Sarcopenia 124, 128, 296 e termoregolazione 133 e tessuto osseo 133 Scala(e) della Tinetti 293 di Guralnik 584 Scompenso a cascata 14, 563, Appendice 6 acuto 303 cardiaco 389 diastolico 394 fisiopatologia 392 refrattario 398 sistolico 394 congestizio 227 omeostatico 264 terminale, vedi Failure to thrive Screening delle tireopatie 438 Scuola di Specializzazione in Geriatria Appendice 6 ordinamento Appendice 6 Secrezione di aldosterone 446 di renina 446 Self-neglect syndrome 422, 483 Self-neglecter 488 Senescenza replicativa 82, 220 Senile breakdown 483 Senile squalor syndrome 483 Sensazione della sete 446 di instabilità 269 Sensibilità propriocettiva 271 visiva 272 Servizi riabilitativi 516 territoriali 516 Short Physical Performance Battery, vedi Scala di Guralnik Short Portable Mental Status Questionnaire 588 Sickness Impact Profile 636 Silenziamento genetico 100 Simple Senile Dementia (SSD) 334 Sinchisi 116 Sindrome(i) a basso T 3 327, 441 a basso T a basso TSH 443 da allettamento 299, 302, 563 da disfunzione multiorgano 425, 429 da frizione iliaco-costale 292, 548 da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico (SIADH) 449 da prescrizione a cascata 468 del malato eutiroideo 184, 189, 437 delle gambe senza riposo 209 di Diogene 483 di Down 80 di Hutchinson-Gilford 78 di Pisa 547 di Werner 79 geriatriche 14, 228, 263, 486, 566, 628 menieriformi 274 metabolica 257 neurolettica maligna 429 parkinsoniane 503 progeroidi 76 serotoninergica 384, 429 tradizionale 263 Sintesi dell ormone antidiuretico (ADH) 446 dell ormone natriuretico atriale (ANP) 446 Sintomi somatici 374 Sirtuine (SIRT) 80 Sistema di assistenza socio-sanitaria integrata Appendice 3 di barriera 223 GABAergico 204 immunitario locale 163 mesocorticale 203 muscolo-scheletrico 272 nervoso 278 nervoso autonomo 151, 155 nervoso centrale 121, 271 Sanitario Pubblico statunitense (Medicare) 13 Small gains 63, 567 Social breakdown syndrome 483 Spasticità 502 Specialistiche trasversali 62 Specie reattive dell azoto 426 Spedalizzazione Domiciliare (SD) 520 Speranza di vita 75 Stabilità genomica 103 START (Screening Tool to Alert doctors to Right Treatment) 476 Static balance test 250 Statine 45 Stato cognitivo ed affettivo 240 confusionale acuto, vedi Delirium di disidratazione 447 fisico 239 funzionale 240 infiammatorio cronico 256 psico-affettivo e malattie cardiovascolari 235 socio-economico 240 Stipsi, vedi Costipazione STOPP (Screening Tool of Older Persons Prescriptions) 476 Stress 237 ossidativo 91, 93, 128, 160 e demenza di Alzheimer 99 e malattia di Parkinson 99 Stroke, vedi Ictus Strumenti di VMD Appendice 3 Struttura(e) demografica 1 post-acuzie Appendice 3 residenziali 516 Riabilitative (SR) 520 Studio(i) Longitudinale di Baltimora sull Invecchiamento 149, 180 longitudinali 107 I-6 INDICE ANALITICO

7 trasversali 107, 164 Superossido dismutasi (SOD) 80 T Tassi di mortalità 4, 6, 415 Team multidisciplinare 605, 623, Appendice 3 Tecniche comportamentali 318 di chinesiterapia passiva 500 di facilitazione od inibizione motoria 502 di fisiochinesiterapia attiva 500 Telomerasi 82 Telomeri 82, 90 Teoria(e) dell invecchiamento dei legami crociati 90 del collagene103 del declino della funzione mitocondriale 89 del declino della stabilità genica 89 del rate of living e della velocità metabolica 88 del soma usa e getta 72 dell accumulo di materiali di rifiuto 90 dell accumulo di mutazioni 71 dell antagonismo pleiotropico 71 dell espansione della morbilità 22 della compressione della morbilità 22 dello stress ossidativo 91, 142 evolutive adattative 69 evolutive non adattative 71 immunitaria 88 stocastiche 86 Terapia 3 R 511 aderenza alla 477 di Reminiscenza (Gruppi Remember) 512 di Rimotivazione 513 fisica 500 occupazionale 500 trombolitica Appendice 3 nell infarto miocardico acuto 41 Terminal drop 493 Termoregolazione 112 Tessuto connettivo, invecchiamento del 103 Test del Functional Reach 293 Testamento biologico 561 Testosterone 109 Tight junction 202 Timed Up and Go test (TUG) 596 Tireotossicosi 227 Transizione demografica 3 Traumi cranio-encefalici 279 Trichiasi 113, 114, 119 Trigger event 493 Tropocollagene 105 U Unità di Cura Intensiva 237 di Medicina Geriatrica per Acuti (UMG) 518 di post-acuzie 518, 620 di Valutazione ed Intervento Geriatrica (UVIG) Appendice 3 di Valutazione Geriatrica (UVG) 518, 629, Appendici 3 e 6 Geriatrica per Acuti (UGA) 612, 614, 618, Appendice 3 ortogeriatrica Appendice 3 Urge incontinence, vedi Incontinenza con urgenza Urine, concentrazione 446 Uveiti croniche 534 V Valutazione Multidimensionale Geriatrica (VMD) 61, 238, 239, 275, 495, 518, 520, 605, 622, Appendici 3, 5 e 6 VAOR-ADI (VAOR - Assistenza Domiciliare Integrata) 526, 631 Vasopressina, vedi Ormone antidiuretico Vertigine 269, 272 oggettiva 270 parossistica posizionale benigna 274 posizionale parossistica 273 soggettiva 270 da causa vascolare 274 Vescica instabile 314 Vie nervose afferenti 271 effettrici 271 Vitamine emoattive 486 Vulnerabilità 225 W Weakest link 228, 264, 271, 299, 312, 333, 391, 566 X Xeroderma pigmentoso 533 Z Zinco 97 Indice analitico I-7

8

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L attività del medico di medicina generale Modena, 24 febbraio 2007 ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Assistenza domiciliare integrata

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE Prot. 18 del 1/01/016 Avviso n. 5/16 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE Visto l art. 5 del Regolamento per l affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa, consulenza professionale

Dettagli

60 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Napoli, 25/27 Novembre 2015

60 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Napoli, 25/27 Novembre 2015 60 CONGRESSO NAZIONALE SIGG Napoli, 25/27 Novembre 2015 5 Mercoledì 25 Novembre 2015 16:30-17:30 INAUGURAZIONE Apertura del Congresso Saluti Inaugurali 17:30 18:15 Lettura Magistrale I FENOTIPI DELL INVECCHIAMENTO:

Dettagli

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MILD COGNITIVE IMPAIRMENT La patologia dementigena inizia molto prima delle manifestazioni cliniche della malattia. Esiste una fase

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO

Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO Università di Bologna DHEAS E FORZA MUSCOLARE IN DONNE AFFERENTI AD UN AMBULATORIO GERIATRICO Forti P. Maioli F. Servadei L. Martelli M. Pantieri G. Arnone G. Brunetti N. Scali C.R. Ravaglia G. Premesse

Dettagli

RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE

RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE RELAZIONE TRA DELIRIUM E STATO FUNZIONALE DOPO INTERVENTO PER FRATTURA DI FEMORE Maria Bennardo, Chiara Mussi, Pierluigi Giacobazzi e Luciano Belloi Centro di Valutazione e Ricerca Gerontologica Università

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE Indice Collaboratori, XIII Introduzione, XVII PARTE I EPIDEMIOLOGIA E CARICO DELLA MALATTIA Epidemiologia dei disturbi depressivi nell età senile, Identificazione del caso, Prevalenza, incidenza e distribuzione,

Dettagli

DEMENZE. Demenze secondarie

DEMENZE. Demenze secondarie Prof. Benvenuti DEMENZE La demenza è caratterizzata da un declino cognitivo che si manifesta con uno stato di coscienza normale e in assenza di altre malattie acute o sub-acute che possono causare un declino

Dettagli

LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico. 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio

LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico. 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio Cadute Le cadute nell anziano rappresentano uno dei primari problemi di sanità e di spesa pubblica,

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

Le cadute nell anziano

Le cadute nell anziano Le cadute nell anziano un problema sottovalutato LE CADUTE: CONSEGUENZE ED INDICATORE DI FRAGILITA Importante problema sanitario e sociale Causa frequente e potenzialmente prevedibile di elevata morbilità

Dettagli

La Depressione nel malato anziano

La Depressione nel malato anziano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN GERIATRIA La Depressione nel malato anziano Chiar.mo Prof. Ferdinando Pentimone Dott.ssa Michela Pazzaglia Firenze,

Dettagli

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE Filippo Bogetto Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino Dipartimento Salute Mentale Interaziendale To 1 - Molinette MODIFICAZIONI COGNITIVE

Dettagli

La L D eme m nz n a z

La L D eme m nz n a z La Demenza Background La demenza è una delle principali cause di disabilità nel mondo occidentale e rappresenta una priorità assistenziale, soprattutto in termini di costi, che aumenterà nei prossimi anni

Dettagli

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA IdL 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pagina 1 di 7 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott.ssa Cavalieri Luisa Idl 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pag.2 di 6 SCHEDA MEDICA INFORMATIVA (

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA. Il practice management del paziente anziano.

Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA. Il practice management del paziente anziano. Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA Il practice management del paziente anziano Forlì 2007 Obbiettivo Proporre al veterinario un approccio semplice e razionale

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Fragilità e autosufficienza Definizione di disabilità Prevalenza di disabilità Definizione di fragilità Fisiopatologia della fragilità Clinica della fragilità Interventi assistenziali www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

Cosa intendiamo per fragilità

Cosa intendiamo per fragilità Fragilità in Toscana: linee guida e esperienze Pisa, 10 novembre 2012 Cosa intendiamo per fragilità Enrico Mossello Unità Funzionale di Gerontologia e Geriatria Università degli Studi di Firenze Aspettativa

Dettagli

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare?

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Dr.ssa Elisabetta Corengia Dr.ssa Caterina Barrilà Ospedale Valduce Como Neurologia da Lo smemorato di Tapiola Arto Paasilinna

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Corso di Laurea in FISIOTERAPIA

Corso di Laurea in FISIOTERAPIA Disciplina: MEDICINA INTERNA Docente: Prof. Alessandro SQUIZZATO Scopo del corso è la trattazione sistematica delle più comuni patologie della Medicina Interna e delle sue principali Specializzazioni.

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Le dimensioni del problema Il dato stimato per demenza in Toscana nell anno 2010 è di 84.212 persone, con un tasso di incidenza

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Demenze : La sfida del Territorio Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Evoluzione Popolazione Italiana - Lori et al. 1995 DEMENZA SENILE QUARTA CAUSA

Dettagli

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori ix xiii xvii 1 Le basi biologiche: psiconeuroimmunologia e cancro Introduzione 2 La reazione allo stress 2 La risposta ormonale allo

Dettagli

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Infermieristica nella cronicità e nella disabilità (6 CFU)

PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO. Infermieristica nella cronicità e nella disabilità (6 CFU) Corso di Laurea in Infermieristica PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO Infermieristica nella cronicità e nella disabilità (6 CFU) AREA DI APPRENDIMENTO Discipline cliniche e discipline infermieristiche Al termine

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

Complicanze psico- cognitive dell ictus

Complicanze psico- cognitive dell ictus www.fisiokinesiterapia.biz Complicanze psico- cognitive dell ictus Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Depressione post-ictus L utilizzo di benzodiazepine e neurolettici

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA. DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20%

DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA. DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20% DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20% DEMENZE MENO FREQUENTI - M. di Creutzfeld - Jacob - M. di Binswanger

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati IDENTIFICAZIONE DEL CASO INDICE (MALATO/PROPOSITO) / FAMILIARE (campo obbligatorio, barrare se non interessa) Nome: Data di nascita: - Sesso: M F; Etnia e provenienza: -del proposito ; - della Madre, -

Dettagli

L Infermiere Specialist

L Infermiere Specialist COLLANA DI CORSI FAD - 30 crediti ECM Corsi formativi a distanza con libri professionalizzanti per l infermiere Undici corsi di formazione a distanza per l infermiere I bisogni di salute emergenti nella

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Università degli Studi di Trieste Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Prognostic value of multidimensional prognostic index on long term mortality, discharge

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il Punto Unico d Accesso e la presa in carico della persona Cagliari 10 dicembre 2008 La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE OARI LORETO 2013 LA CURA DELL ANZIANO Dr. Franco BELLUIGI TRE PUNTI DI VISTA DIFFERENTI Terenzio: Senectus ipsa morbus est. Simon de Beauvoir: si domandava se gli anziani fossero esseri

Dettagli

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa Centro di Ricerca in Riabilitazione Neuromotoria e Cognitiva Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Università degli Studi di Verona DEMENZA

Dettagli

Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer

Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer Che cos è la Malattia di Alzheimer? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer Che

Dettagli

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente Dott.ssa Oriana Fusco Centro Malattie dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

Prof. Antonio Benedetti. Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona

Prof. Antonio Benedetti. Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona La Facoltà di Medicina e Chirurgia per la Medicina di Genere Prof. Antonio Benedetti Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona Facoltà di Medicina e Chirurgia: compiti

Dettagli

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA)

L Anziano fragile. Omeostenosi. Omeostenosi. Non a caso. Sebbene. Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di Anziani Fragili (Studio ILSA) Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Unità Operativa Complessa di Geriatria Direttore: Marcello Romano L Anziano fragile Dopo i 75 anni incidenza esponenziale di

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

Il mondo invecchia Il mondo invecchia

Il mondo invecchia Il mondo invecchia Il mondo invecchia Il mondo invecchia Evoluzione della popolazione anziana per classi d età e tassi di demenza Il cervello invecchia DISTURBI INTELLETTIVI DEL CERVELLO ANZIANO Declino della memoria Riduzione

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica Archivio Corsi Area clinica/medica/specialistica Pianeta anziano: la gestione della complessità Argomenti di geriatria L amore e la sessualità nell anziano Disturbi cognitivi nell anziano Vita dell anziano

Dettagli

Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento. A.Zadini

Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento. A.Zadini Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento A.Zadini Exercise and Life-Satisfactory-Fitness: Complementary Strategies in the Prevention and Rehabilitation of Illnesses.( Jennen, Uhlenbruck,

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI modello standard CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Sabina Perelli Ercolini Data e Luogo di nascita 14-10-1971, Milano Qualifica Dirigente Medico di Geriatria Amministrazione Cremona

Dettagli

SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE

SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE Anni 80 Anni 90 Terzo Millennio 111206.ppt Population distribution by age in Italy 2009 24,1 55,7 14,5 5,7 2030 22,6 55,9 17,7 8,8 2050 21,9 45,1 19,5 13,5 0% 20%

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza L appropriatezza diagnostica tra evidenze e buon senso Savigliano, 11 Giugno 2011 Pazienti in trattamento cronico con farmaci: 60% ne assume due tipi La medicina del buon senso 25% assumono 4 o più tipi

Dettagli

La Demenza come, quando, perché

La Demenza come, quando, perché La Demenza come, quando, perché Si tratta di un disturbo acquisito, e con base organica, delle funzioni intellettive che sono state in precedenza acquisite: memoria (a breve e lungo termine) e almeno una

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto

Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto Michele Zito Geriatra - Università G.D Annunzio - Chieti GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DELL INSTABILITA DEL PAZIENTE ANZIANO Chieti

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA

Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA Gian Pasquale Ganzit Luca Stefanini DIABETE E ATTIVITÀ FISICA A cura di: Gian Pasquale Ganzit e Luca Stefanini Istituto di Medicina dello Sport, Torino SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58

Dettagli

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Cosa sono le patologie neurodegenerative Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del cervello, accomunate da un processo cronico e selettivo

Dettagli

LA SINDROME DA IMMOBILIZZAZIONE

LA SINDROME DA IMMOBILIZZAZIONE LA SINDROME DA IMMOBILIZZAZIONE Si definisce Sindrome da immobilizzazione o da allettamento il complesso di segni e sintomi a carico dei vari apparati, che si manifesta quando una persona è costretta all

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 Anziano Per la biologia e la medicina è anziano chi ha raggiunto un

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

( ) %'!"#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)"$& +1 (( (!)*%%!"(!!($%!&(

( ) %'!#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)$& +1 (( (!)*%%!(!!($%!&( !"##"$!"#!" %&#' ) %'!"#$%!&'!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'!)"$& +1!)*%%!"!!$%!&!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 2 & * ## $! #!"! "!""!+"&#,-!&! 1/3 4#56!7#5 # 8 1#/ 3 ' *,,!9%"$%!- 8 / #8,*)$!*:$9%"$%!-'

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Oltre all età molto avanzata anche altri fattori sono in grado di predire una condizione di fragilità: riduzione della vista, decadimento cognitivo o

Oltre all età molto avanzata anche altri fattori sono in grado di predire una condizione di fragilità: riduzione della vista, decadimento cognitivo o Lezioni 3 & 4 La fragilità Nella moderna geriatria si utilizza frequentemente il concetto di fragilità (in inglese = frailty) per cui si parla di anziani fragili. Anche se da un punto di vista intuitivo

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli