CARTA DEI SERVIZI DIVISIONE CITTÀ BIANCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DIVISIONE CITTÀ BIANCA"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DIVISIONE CITTÀ BIANCA 1

2 2 LA CARTA DEI SERVIZI di INI, ISTITUTO NEUROTRAUMATOLOGICO ITALIANO - CITTÀ BIANCA è stata realizzata in ottemperanza al DPCM 19 mag Schema generale di riferimento della carta dei servizi pubblici sanitari. GRUPPO DI LAVORO Jessica Veronica Faroni Direttore Generale - Manager Sanitario Manuela Mizzoni Responsabile Amministrativo della Struttura Direzione Sanitaria Primario Responsabili delle singole Unità Operative VALIDITÀ La presente edizione della Carta dei Servizi è stata effettuata nel mese di maggio SISTEMA DI QUALITÀ La Struttura è certificata da parte di IMQ/CSQ sin dal 2000 e ha un sistema di gestione qualità conforme alle norme UNI EN ISO 9001:2008. DIREZIONE SANITARIA Dott. Patrizio Pasqualitto DIVISIONE CITTÀ BIANCA 3 PRINCIPI, VALORI E POLITICHE 4 DIRITTI DEL MALATO 6 UBICAZIONE 8 CONTATTI 9 IMPEGNI 10 STANDARD DI QUALITÀ 12 VERIFICHE E RICOVERO 13 RICOVERO IN RIABILITAZIONE 14 RICOVERO IN RSA 15 STRUTTURA E SERVIZI 17 REPARTI DI DEGENZA E ATTIVITÀ AMBULATORIALI 20 RIABILITAZIONE 21 ATTIVITÀ AMBULATORIALI 22 PRENOTAZIONE ON LINE 32 TUTELA DELLA PRIVACY 33 REGOLAMENTO INTERNO 34 REGOLAMENTO DI PUBBLICA TUTELA 35 RINGRAZIAMENTI E NUMERI UTILI 38 Per informazioni utili INI S.p.a. - Via Foiano, 4 - Veroli (FR) Tel /81 - Fax

3 4 5 CARTA DEI SERVIZI DIVISIONE CITTÀ BIANCA La Carta dei Servizi di Città Bianca, frutto del lavoro sinergico della Direzione Sanitaria, del Primario e dei Responsabili delle singole Unità Operative, è un documento realizzato per offrire una conoscenza approfondita dei servizi e degli impegni assunti dalla Casa di Cura per poter assicurare ai propri pazienti i più elevati standard di qualità. A completamento delle informazioni più generali viene proposta una descrizione approfondita di tutti i servizi medici e di assistenza, i reparti in cui essi si svolgono, come vi si accede e infine come si può migliorare il rapporto tra utente e organizzazione del servizio sanitario della Casa di Cura. A tal proposito i pazienti vengono invitati a fornire suggerimenti, osservazioni e segnalazioni, attraverso la compilazione di questionari e della modulistica preposta. IL CONTRIBUTO DEGLI UTENTI PERMETTE DI MIGLIORARE LE PRESTAZIONI OFFERTE E LA LORO SODDISFAZIONE.

4 6 7 PRINCIPI DELLA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è stata concepita con lo scopo di guidare all interno della nostra struttura i cittadini utenti e di fornire tutte le notizie necessarie per usufruire appieno dei servizi. QUESTO DOCUMENTO NON RAPPRESENTA TUTTAVIA UN SEMPLICE OPUSCOLO INFORMATIVO. La carta infatti è disciplinata e prevista da diverse norme statali quali: La legge n. 273 dell La direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del La legge n. 196/ riservatezza sui dati sensibili (Legge Privacy) Il D.L.vo n.81/ misure di prevenzione e sicurezza sul lavoro Con la Carta dei Servizi vogliamo garantire l impegno formale che la nostra Casa di cura assume nei confronti dei propri clienti al fine di soddisfarne le aspettative. L impegno consiste nel: Dare informazioni corrette ed aggiornate Offrire servizi efficaci ed efficienti Assicurare la trasparenza dei propri atti Definire standard di qualità ed obiettivi di miglioramento Consentire la partecipazione del cittadino utente Garantire la tutela rispetto ad eventuali disservizi prevedendo possibilità di reclamo. PRINCIPI DELLA CARTA DEI SERVIZI Anche nell erogazione dei servizi sanitari deve essere rispettata la dignità della persona senza alcuna distinzione di sesso, razza, nazionalità, religione, lingua ed opinioni politiche, così come sancito dall art.3 della costituzione. Eguaglianza vuol dire anche divieto di fare discriminazioni, nell erogazione del servizio, nei confronti di categorie di utenti con particolari esigenze come ad esempio i portatori di handicap. Imparzialità Gli operatori dei servizi pubblici devono evitare atteggiamenti di imparzialità ed ingiustizia od anche comportamenti non obbiettivi nei confronti degli utenti. Continuità Fra tutti i servizi pubblici, quello sanitario in modo particolare deve essere regolare e continuo. I casi di funzionamento irregolare o di sospensione del servizio devono essere regolati espressamente dalla legge o rientrare negli aspetti organizzativi del servizio. Diritto di scelta Il cittadino può scegliere la struttura sanitaria presso cui farsi curare, ovunque sul territorio nazionale. Le norme vigenti indicano il modo in cui viene progressivamente attuato questo diritto del cittadino utente, che deve poter scegliere anche sotto criteri di efficienza, di umanizzazione e di fiducia. Partecipazione Il diritto di partecipazione del cittadino nei confronti del servizio sanitario pubblico va inteso come informazione, personalizzazione, umanizzazione del servizio. Secondo il principio stabilito dalla legge 241/90 l utente ha diritto di accesso alle informazioni che lo riguardano; egli può inoltre formulare osservazioni e suggerimenti per il miglioramento del servizio, e fornire una propria valutazione sulla qualità delle prestazioni fruite. Efficienza ed efficacia Il servizio Sanitario deve essere erogato in modo da garantire l efficienza e l efficacia attraverso l utilizzo di misure idonee al raggiungimento di tali obiettivi ottimizzando l impiego delle risorse assegnate. LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI È LO STRUMENTO ATTRAVERSO IL QUALE QUESTI PRINCIPI, APPARENTEMENTE ASTRATTI NEL LORO ENUNCIATO, POSSONO TROVARE UNA CONCRETA ATTUAZIONE. PRINCIPI, VALORI E POLITICHE PRINCIPI, VALORI E POLITICHE

5 8 9 La struttura nella redazione della Carta dei Servizi ha inoltre fatto propri i 14 diritti enunciati nella CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DEL MALATO: 1. Diritto a misure preventive. Ogni individuo ha diritto a servizi appropriati a prevenire la malattia. 2. Diritto all accesso. Ogni individuo ha il diritto di accedere ai servizi sanitari che il suo stato di salute richiede. I servizi sanitari devono garantire eguale accesso a ognuno, senza discriminazioni sulla base delle risorse finanziarie, del luogo di residenza, del tipo di malattia o del momento di accesso al servizio. 3. Diritto alla informazione. Ogni individuo ha il diritto di accedere a tutti i tipi di informazione che riguardano il suo stato di salute e i servizi sanitari e come utilizzarli, nonché a tutti quelli che la ricerca scientifica e la innovazione tecnologica rendono disponibili. 4. Diritto al consenso. Ogni individuo ha il diritto ad accedere a tutte le informazioni che lo possono mettere in grado di partecipare attivamente alle decisioni che riguardano la sua salute. Queste informazioni sono un prerequisito per ogni procedura e trattamento, ivi compresa la partecipazione alla ricerca scientifica. 5. Diritto alla libera scelta. Ogni individuo ha il diritto di scegliere liberamente tra differenti procedure ed erogatori di trattamenti sanitari sulla base di adeguate informazioni. 6. Diritto alla privacy e alla confidenzialità. Ogni individuo ha il diritto alla confidenzialità delle informazioni di carattere personale, incluse quelle che riguardano il suo stato di salute e le possibili procedure diagnostiche o terapeutiche, così come ha diritto alla protezione della sua privacy durante l attuazione di esami diagnostici, visite specialistiche e trattamenti medicochirurgici in generale. 7. Diritto al rispetto del tempo dei pazienti. Ogni individuo ha diritto a ricevere i necessari trattamenti sanitari in un periodo di tempo veloce e predeterminato. Questo diritto si applica a ogni fase del trattamento. 8. Diritto al rispetto di standard di qualità. Ogni individuo ha il diritto di accedere a servizi sanitari di alta qualità, sulla base della definizione e del rispetto di precisi standard. 9. Diritto alla sicurezza. Ogni individuo ha il diritto di essere libero da danni derivanti dal cattivo funzionamento dei servizi sanitari, dalla malpractice e dagli errori medici, e ha il diritto di accesso a servizi e trattamenti sanitari che garantiscano elevati standard di sicurezza. 10. Diritto all innovazione. Ogni individuo ha il diritto all accesso a procedure innovative, incluse quelle diagnostiche, secondo gli standard internazionali e indipendentemente da considerazioni economiche o finanziarie. 11. Diritto a evitare le sofferenze e il dolore non necessari. Ogni individuo ha il diritto di evitare quanta più sofferenza possibile, in ogni fase della sua malattia. 12. Diritto a un trattamento personalizzato. Ogni individuo ha il diritto a programmi diagnostici o terapeutici quanto più possibile adatti alle sue personali esigenze. 13. Diritto al reclamo. Ogni individuo ha il diritto di reclamare ogni qual volta abbia sofferto un danno e ha il diritto a ricevere una risposta o un altro tipo di reazione. 14. Diritto al risarcimento. Ogni individuo ha il diritto di ricevere un sufficiente risarcimento in un tempo ragionevolmente breve ogni qual volta abbia sofferto un danno fisico ovvero morale e psicologico causato da un trattamento di un servizio sanitario. DIRITTI DEL MALATO DIRITTI DEL MALATO

6 10 11 La Casa di Cura INI Città Bianca è posta sul territorio di Veroli (FR) ed è una struttura sanitaria accreditata con il S.S.N. (DCA del ). È a disposizione dei suoi utenti per interventi di riabilitazione post acuzie e più precisamente le prestazioni riguardano: Ricoveri ordinari per riabilitazione neuromotoria Ricoveri ordinari per riabilitazionemotoria Ricoveri ordinari per la riabilitazione cardiologica Ricoveri ordinari per la riabilitazione respiratoria Riabilitazione motoria, neuromotoria e cardiorespiratoria in Day hospital. Ricoveri in RSA (mantenimento Alto 98 posti letto). Ricoveri in RSA (Assistenza intensiva 20 posti letto). È stata inaugurata operativamente nel giugno del 1999 e, nonostante la sua giovane storia, si è affermata validamente nell ambito degli Istituti altamente qualificati presenti nella regione Lazio. È ubicata alla sommità di una piccola collina ad una altezza di circa 450 metri sul l.m. e si affaccia su un ampia, gradevole e salubre valle dove sono assenti insediamenti industriali, circondata da ampie zone verdi e silenziose. Contatti Centralino: 0775/3380 Ufficio Accettazione: Tel 0775/ / Fax 0775/ Ufficio Ricoveri: 0775/ Ufficio URP/Gestione Dimissioni difficili: 0775/ Provenienza da Nord e da Sud AUTOSTRADA A1 Uscita Ferentino Seguire indicazioni per Sora e successivamente Veroli/Giglio di Veroli; raggiunto il centro di Giglio di Veroli, seguire le indicazioni INI Città Bianca. TRENO Stazione Frosinone e poi autobus di linea fino a Giglio di Veroli; coincidenza per Foiano. UBICAZIONE CONTATTI

7 12 13 La Casa di Cura garantisce la presenza di un Ufficio di Relazioni con il Pubblico e di Gestione delle Dimissioni difficili per i pazienti fragili identificati in ingresso a rischio di dimissioni. Area personalizzazione e umanizzazione dell assistenza Area della continuità dei percorsi assistenziali Al momento della dimissione viene consegnata una lettera in cui sono riportate le informazioni cliniche, infermieristiche ed assistenziali. Viene assicurata la continuità terapeutica attraverso opportuni collegamenti tra struttura di degenza e punti distrettuali per le cure domiciliari. Area procedure burocratiche ed amministrative La Casa di Cura garantisce lo snellimento delle procedure burocratiche e amministrative: per la fornitura di protesi e ausili agli aventi diritto; per le valutazioni del CAD/ASL di appartenenza; per le pratiche di invalidità, accompagno, indennità di frequenza, interventi a sostegno del reddito. Le problematiche amministrative correlate alle necessità assistenziali degli utenti stranieri degenti presso la nostra struttura sono sistematicamente gestite in collaborazione con l ufficio multi etnico della ASL. La Casa di Cura garantisce all atto del ricovero un accoglienza personalizzata attraverso un colloquio iniziale e la consegna della Carta dei Servizi. Assicura al paziente l informazione sui trattamenti sanitari praticati, sull offerta sanitaria, sulla modulistica di accesso e tempi di attesa. Propone menù personalizzati, previa valutazione medica e dietetica, anche in relazione al credo religioso. Garantisce all interno della struttura punti informativi (INI INFORMA). Area ascolto e valutazione dei bisogni espressi L Ufficio URP promuove l ascolto dei propri utenti attraverso la realizzazione di indagini sulla soddisfazione volte ad ottimizzare e migliorare la qualità dei servizi offerti anche attraverso segnalazione e/o reclami. IMPEGNI IMPEGNI

8 14 15 Tabella standard di qualità Momento Indicatore Standard di Qualità Richiesta di ricovero per i reparti ospedalieri Richiesta di ricovero dal domicilio Informazioni sui servizi Partecipazione Inoltro reclamo Ritiro copia cartella clinica Ritiro referti laboratorio analisi Ritiro referti diagnostica per immagini Continuità dei percorsi assistenziali Snellimento delle procedure burocratiche ed amministrative Mediamente intercorrono tra prenotazione e ricovero 24 ore N di giorni che mediamente intercorrono tra prenotazione e ricovero N. 5 N Carta dei Servizi consegnate all atto del ricovero Punti informativi (INI INFOR- MA) Valutazione della soddisfazione degli utenti: > 70% Risposta Tempo di attesa per risposta: max 20 gg Tempo di attesa: Stessa giornata per esami di routine 2-5 giorni per altri esami Tempo di attesa: 12 ore per richieste interne 2-3 gg per le richieste esterne entro le 24 ore 5 gg Consegna a tutti 1 punto informativo per ogni piano 70% Risposta 20 gg Stessa giornata per esami di routine 2-5 giorni per altri esami 12 ore per richieste interne 2-3 gg per le richieste esterne N di richieste valutazione CAD Attivazione per tutti i richiedenti N delle richieste per la fornitura di protesi e ausili N accertamenti per invalidità N valutazioni CAD Richieste inoltrate per tutti gli aventi diritto STANDARD DI QUALITÀ VERIFICHE Per gli impegni assunti, la Direzione adotta i seguenti strumenti: Verifiche periodiche da parte del Responsabile Qualità. Verifica sistematica da parte del Direttore Sanitario dell esecuzione corretta del servizio. Verifica dei progetti riabilitativi. Audit clinico e supervisione della corretta e completa compilazione delle cartelle cliniche. La Casa di Cura, inoltre, effettua la rilevazione del grado di soddisfazione degli Utenti rispetto al comfort e alla qualità del trattamento ricevuto attraverso un apposito questionario regolarmente distribuito. La Casa di Cura garantisce una continua indagine promovendo la distribuzione della presente carta dei servizi, la distribuzione dei questionari e la verifica dell attuazione degli standard attraverso una relazione annuale sui risultati conseguiti. Il ricovero ordinario e in day hospital Il ricovero in riabilitazione post-acuzie, in regime ordinario o in day hospital, avviene previa compilazione di un modulo. A seguito della D.G.R. n. 266 del 12/04/2007 pubblicata sul Bollettino Ufficiale Reg. Lazio del 09/06/2007 possono essere ricoverati pazienti provenienti da reparto per acuti in seguito ad un evento e/o intervento chirurgico non antecedente a giorni 30 dall ingresso previsto nella nostra Casa di Cura. Eventuali difformità dovranno essere debitamente motivate attraverso documentazione clinica dell ospedale proponente. Patologie Neuromotorie ingravescenti potranno essere valutate per il ricovero, ancorché provenienti da casa. Le domande, consegnate o inviate per fax (0775/338171) all Ufficio Accettazione, verranno valutate dal personale medico afferente ai reparti riabilitativi della Casa di Cura INI Città Bianca. VERIFICHE E RICOVERO

9 16 17 RICOVERO IN RSA Il ricovero in RSA (Mantenimento Alto e RSA Assistenza intensiva) avviene previa valutazione del paziente da parte dell Unità Valutativa Territoriale (UVT) dei Centri di Assistenza Domiciliare (CAD). L interessato o suo familiare deve presentare la richiesta di valutazione presso il proprio distretto ASL compilando un apposito modulo. L Unità Valutativa (UVT) effettuerà una visita per stabilire l idoneità al ricovero e ottenuto il verbale di autorizzazione si potrà effettuare il ricovero dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore RICOVERO IN RIABILITAZIONE L esito della domanda può essere: Accettazione della domanda Richiesta di ulteriori informazioni cliniche Rifiuto del ricovero. Nel caso la domanda venga accettata, il paziente viene messo in lista di attesa; appena disponibile il posto letto l eventuale data del ricovero verrà comunicata tramite fax alla direzione sanitaria dell ospedale proponente. La RSA Mantenimento Alto e RSA Assistenza Intensiva, è ubicata al secondo e terzo piano della Casa di Cura ed accoglie complessivamente 118 ospiti. Nello specifico, la struttura ad alta intensità assistenziale, dispone di n. 20 posti letto per ospiti non autosufficienti suddivisi in due nuclei da dieci posti ciascuno. È finalizzata al trattamento di pazienti: stato vegetativo stati di coscienza minima SLA o altre sindromi neurovegetative in fase avanzata con necessità di assistenza respiratoria, portatori di tracheotomia, nutrizione artificiale (enterale o parenterale), o comunque confinati a letto e con dipendenza totale per l alimentazione, il controllo degli sfinteri, l igiene personale, in fase di stabilizzazione clinica che abbiano completato i necessari precedenti programmi di riabilitazione ma che per problematiche sociali e/o cliniche non possono essere assistiti a domicilio. In questo reparto viene garantita un accoglienza prolungata basata sul nursing multi professionale per la prevenzione di complicanze secondarie e terziarie quali decubiti, infezioni, deformità osteoarticolari, ecc. Al momento dell ingresso il paziente dovrà essere accompagnato da un familiare e munito, ai sensi della normativa vigente, dei seguenti documenti: Carta di identità Numero di codice regionale Nome e codice del medico curante Documentazione clinica relativa al periodo precedente il ricovero (cartelle cliniche, radiografie, analisi, prescrizioni di terapie effettuate ed altri accertamenti diagnostici già eseguiti). RICOVERO IN RIABILITAZIONE RICOVERO IN RSA

10 18 19 I PAZIENTI OSPITI DELLA RESIDENZA ASSISTENZIALE SONO ASSISTITI DA: Personale medico di libera scelta, medici di medicina generale; Personale infermieristico; Personale ausiliario; Terapisti della riabilitazione; Terapisti occupazionali; Personale O.T.A. È inoltre garantita la presenza di un assistente sociale. La RSA, ad alto livello assistenziale (mantenimento A), è una struttura extraospedaliera socio-sanitaria, a prevalente valenza sanitaria, destinata a persone non autosufficienti con limitazioni di ogni genere (fisiche, mentali e sociali) non assistibili a domicilio e richiedenti trattamenti continui ma non specifiche prestazioni ospedaliere. Gli ospiti al fine di migliorare e mantenere la propria autonomia svolgono regolarmente cicli di fisiokinesiterapia a cui si integrano quotidianamente le attività occupazionali negli specifici laboratori. La segnaletica colorata posta sul pavimento facilita lo spostamento degli utenti all interno della struttura. Informazioni sull organizzazione della struttura e dei servizi Contatti Centralino T Ufficio Accetazione T Medico Responsabile Dott. C. Romaniello T Assistente Sociale T E Coordinatore Infermieristico RSA Mantenimento Alto T Caposala RSA Assistenza Intensiva T RICOVERO IN RSA INI Città Bianca è articolata su 5 piani così organizzati: PIANO INTERRATO PRIMO PIANO PIANO TERRA SECONDO E TERZO PIANO STRUTTURA E SERVIZI

11 20 21 PIANO INTERRATO Servizio di Radioterapia Infermeria Acceleratore Lineare con Simulatore Ambulatorio Radioterapico primo piano Ufficio Accettazione Ambulatoriale Ufficio Accettazione Ricoveri Direzione Amministrativa Bar - Ristorante Sala d attesa Auditorium - Aula Didattica Biblioteca Reparto di riabilitazione neuromotoria e motoria Reparto di riabilitazione cardiorespiratoria SECONDO E TERZO piano R.S.A (Mantenimento Alto e Assistenza intensiva) Infermeria Degenze ospiti Responsabile medico Assistente Sociale PIANO terra Direzione Sanitaria Primario Raggruppamento Riabilitazione Ufficio U.R.P./ Gestione Dimissioni difficili Ambulatorio Dietistica Laboratorio Analisi Radiologia tradizionale Tomografia Assiale Computerizzata (T.C.) Risonanza Magnetica Nucleare (RM) Ecografia Ambulatori specialistici Palestra e Terapia Fisica/ piscina Logopedia Day hospital riabilitativo STRUTTURA E SERVIZI STRUTTURA E SERVIZI

12 22 23 Nei reparti di degenza si effettuano interventi di riabilitazione post acuzie. Reparto di riabilitazione motoria e neuromotoria Si effettuano trattamenti riabilitativi per: Postumi di traumi osteo-articolari, fratture femore, fratture grandi articolazioni Sindrome da allettamento Postumi di intervento sull apparato osteoarticolare Patologie del tessuto connettivo: Artrite reumatoide; Spondilite anchilosante Patologie del sistema nervoso centrale e periferico Postumi di eventi cerebrovascolari acuti: Esiti di ictus ischemico ed embolico; Emorragie cerebrali Postumi di interventi di neurochirurgia Reparto di riabilitazione cardio-respiratoria Prevede il trattamento di patologie legate all apparato cardio-respiratorio: Esiti da intervento di cardiochirurgia Cardiopatia ischemica Infarto del miocardio Scompenso cardiaco Enfisema polmonare Insufficienza respiratoria Broncopatie cronico-ostruttive Interstiziopatie Resposanbile raggruppamento riabilitativo PROF. R.M. AZZOPARDI Aiuto medico dirigente motoria e neuromotoria DOTT. R. PROIETTI Aiuto medico dirigente cardiorespiratoria DOTT. R. ROMANIELLO Coordinatore infermieristico Coordinatore dei fisioterapisti Studio medico Le attività di riabilitazione LE TECNICHE MAGGIORMENTE USATE Idrokinesi terapia individuale e di gruppo Idromassaggio Metodiche neuromotorie LE TERAPIE CON MEZZI FISICI Diatermia da contatto Magnetoterapia (pulsata e continua) Laserterapia a scansione Infrarossi Radarterapia Correnti T.E.N.S. RIABILITAZIONE LOGOPEDICA Ginnastica posturale Linfodrenaggio manuale Massoterapia Terapia cardio-vascolare Correnti diadinamiche Elettrostimolazioni Pressoterapia Ionoforesi Ultrasuonoterapia Prevede il trattamento dei deficit del linguaggio espressivo e recettivo, della lettura, della scrittura. Vengono pertanto trattate le seguenti patologie: Afasia Disfagia Disartria Aprassia Disfonia Anartria Disprassia REPARTI DI DEGENZA E ATTIVITÀ AMBULATORIALI RIABILITAZIONE

13 24 25 Visite Specialistiche in regime di accreditamento Cardiologia Chirurgia Generale Chirurgia Plastica Chirurgia Vascolare Dermosfilopatia Diagnostica per immagini - Radiodiagnostica Laboratorio generale di base, specializzato, Laboratorio di base con settori specializzati Medicina dello sport Medicina Fisica e Riabilitazione Nefrologia Neurochirurgia Neurologia Oculistica Oncologia Ortopedia e Traumatologia Otorinolaringoiatra Pneumologia Psichiatria RM Urologia Le prestazioni delle visite e degli esami si effettuano telefonando ai numeri o di persona presso l ufficio accettazione ambulatoriale sito al primo piano dal lunedi al sabato. Il personale dell accettazione provvederà a fornire tutte le informazioni richieste e le indicazioni sugli esami che necessitano di particolare modalità di preparazione. I referti degli esami si ritirano presso gli ambulatori dove si sono effettuati. CARDIOLOGIA VISITA SPECIALISTICA CARDIOLOGICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA CARDIOLOGICA Visita Successiva P. ECOCARDIOGRAMMA (COLOR DOPPLER) P. HOLTER 24H PRESSORIO P. HOLTER 24H CARDIACO P. TEST ERGOMETRICO (Su pedana) NEUROLOGIA ELETTROMIOGRAFIA SEMPLICE (EMG) Analisi qualitativa o quantativa per muscolo - Escluso: EMG dell occhio (95.25), EMG dello sfintere uretrale (89.23), quello con polisonnogramma (89.17) VELOCITÀ DI CONDUZIONE NERVOSA MOTORIA Per nervo VELOCITÀ DI CONDUZIONE NERVOSA SENSITIVA Per nervo VISITA SPECIALlSTICA NEUROLOGICA Prima Visita VISITA SPECIALlSTICA NEUROLOGICA Visita Successiva Mercoledi e Giovedi 9:00/13:00 PRIVATO Martedi 9:30/12:00 Giovedi 15:00/18:00 Martedi 15:00/17:00 PRIVATO Sabato 9:00/13:00 ATTIVITÀ AMBULATORIALI ATTIVITÀ AMBULATORIALI

14 26 27 Chirurgia generale VISITA SPECIALISTICA CHIRURGIA GENERALE - Prima Visita VISITA SPECIALISTICA CHIRURGIA GENERALE - Visita Successiva neurochirurgia P. VISITA SPECIALISTICA NEUROCHIRURGICA - Prima Visita P. VISITA SPECIALISTICA NEUROCHIRURGICA - Visita Successiva OCULISTICA VISITA SPECIALISTICA OCULISTICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA OCULISTICA Visita Successiva ORTOPEDIA VISITA SPECIALISTICA ORTOPEDICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA ORTOPEDICA Visita Successiva INFILTRAZIONI INTRA ARTICOLARI PRIVATO Sabato 10:00/17:00 PRIVATO 1ª Domenica del mese 11:00/19:00 Giovedi 12:00/15:00 Martedi 8:30/10:00 13:00/18:00 Giovedi 8:30/10:00 ATTIVITÀ AMBULATORIALI ATTIVITÀ AMBULATORIALI OTORINOLARINGOIATRIA VISITA SPECIALISTICA ORL - Prima Visita e PRIVATO Venerdi VISITA SPECIALISTICA ORL 14:00/17:00 Visita Successiva P. ESAME AUDIOMETRICO P. ESAME IMPEDENZIOMETRICO P. ESAME VESTIBOLARE P. FIBROLARINGOSCOPIA P. VALUTAZIONE DISFONIA P. VALUTAZIONE DEGLUTIZIONE NEUROPSICOLOGIA CLINICA VISITA SPECIALISTICA NEUROPSICOLOGICA CLINICA - Prima Visita VISITA SPECIALISTICA NEUROPSICOLOGICA CLINICA - Visita Successiva STIMOLAZIONE TRANSCRANICA A COR- RENTE CONTINUA (Depressione, Ansia, Panico) Tutti i giorni 10:00/13:00

15 28 29 UROLOGIA RADIOTERAPIA VISITA SPECIALISTICA UROLOGICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA UROLOGICA Visita Successiva PRIVATO Lunedi 15:00/17:00 Giovedi 16:00/18:00 VISITA PRE TRATTAMENTO RADIOTERAPICO TELETERAPIA CON ACCELERATORE LINEARE A CAMPO FISSO TELETERAPIA CON ACCELERATORE LINEARE A CAMPI TELETERAPIA CON ELETTRONI Obbligatorio il Nullaosta ASL di Frosinone PRIVATO Tutti i giorni DERMATOLOGIA Per informazioni: Dott.ssa FEDELE VISITA SPECIALISTICA DERMATOLOGICA Prima Visita REUMATOLOGIA VISITA SPECIALISTICA DERMATOLOGICA Visita Successiva VISITA SPECIALISTICA REUMATOLOGICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA REUMATOLOGICA Visita Successiva Martedi Giovedi 10:00/12:00 PNEUMOLOGIA VISITA SPECIALISTICA PNEUMOLOGICA Prima Visita VISITA SPECIALISTICA PNEUMOLOGICA Visita Successiva P. SPIROMETRIA P. PRICK TEST POLLINI - INALANTI - ALIMENTI Martedi 9:30/12:00 PRIVATO Lunedi 15:00/17:00 INFILTRAZIONIU PARAVERTEBRALI / INTRARTICOLARI P. EMOGASANALISI ATTIVITÀ AMBULATORIALI ATTIVITÀ AMBULATORIALI

16 30 31 MEDICINA ESTETICA P. VISITA SPECIALISTICA ESTETICA Prima Visita P. VISITA SPECIALISTICA ESTETICA Visita Successiva P. BIORIVITALIZZAZIONE P. TRATTAMENTO CON TOSSINA BOTULINICA Preventivo DIETOLOGIA LIPOLITICA ANTICELLULITE P. ENDERMOLOGIE P. FILLER P. VALUTAZIONE DEGLUTIZIONE P. LIPOLISI P. OZONOTERAPIA P. PEELING Preventivo Preventivo TECNICA SONDINO NASO-GASTRICO TECNICA SONDINO SENZA SONDINO DIETOLOGIA P. VISITA SPECIALISTICA DIETOLOGICA Prima Visita P. VISITA SPECIALISTICA DIETOLOGICA Visita Successiva P. IMPEDENZIOMETRIA PRIVATO Martedi 10:00/12:00 PRIVATO Martedi 10:00/12:00 FISIATRIA E FISIOTERAPIA RIEDUCAZIONE MOTORIA INDIVIDUALE IN MOTULESO GRAVE STRUMENTALE COMPLESSA - Per seduta di 30 minuti (Ciclo di dieci sedute) RIEDUCAZIONE MOTORIA INDIVIDUALE IN MOTULESO GRAVE SEMPLICE - Icluso: Biofeedback - Per seduta di 30 minuti (Ciclo di dieci sedute) RIEDUCAZIONE MOTORIA INDIVIDUALE IN MOTULESO SEGMENTALE STRUMENTALE COMPLESSA - Per seduta di 30 minuti (Ciclo di dieci sedute) RIEDUCAZIONE MOTORIA INDIVIDUALE IN MOTULESO SEGMENTALE SEMPLICE - Icluso: Biofeedback - Per seduta di 30 minuti (Ciclo di dieci sedute) RIEDUCAZIONE MOTORIA IN GRUPPO - Per seduta di 30 minuti max 5 pazienti (Ciclo di dieci sedute) IRRADIAZIONE INFRAROSSA - Per seduta ELETTROTERAPIA DI MUSCOLI NORMO O DENERVATI DELLA MANO O DEL VISO - Per seduta (Ciclo di dieci sedute) ELETTROTERAPIA DI MUSCOLI NORMO O DENERVATI DI ALTRI DISTRETTI - Per seduta (Ciclo di dieci sedute) ARTROCENTESI - Aspirazione articolare INIEZIONE DI SOSTANZE TERAPEUTICHE NELL ARTICOLAZIONE O NEL LEGAMENTO VISITA SPECIALISTICA FISIATRICA DI CONTROLLO VISITA SPECIALISTICA FISIATRICA ATTIVITÀ AMBULATORIALI ATTIVITÀ AMBULATORIALI

17 32 33 FISIATRIA E FISIOTERAPIA P. ESERCIZI POSTURALI - PROPRIOCETTIVI - Per seduta individuale di 60 minuti P. ESERCIZI POSTURALI - Metodo MEZIERES - Per seduta individuale di 60 minuti P. DIADERMIA, TECAR - Terapia P. MASSOTERAPIA - Distrettuale Riflessogena P. IONOFORESI - Terapia P. DIADINAMICA P. RADAR TERAPIA P. IRRADIAZIONE INFRAROSSA - Per seduta P. PRESSOTERAPIA P. TENS P. MAGNETOTERAPIA P. LASERTERAPIA P. ESERCIZI RESPIRATORI P. PUVA - Psoraleni e UV-A Terapia P. IDROKINESI - Terapia Individuale P. IDROKINESI - Terapia di Gruppo P. LOGOTERAPIA LABORATORIO ANALISI CHIMICO CLINICHE MICROBIOLOGICHE ORARIO APERTURA SERVIZIO Da Lunedi a Sabato ore 8:00 / ore 14:00 Servizio Tel ORARIO APERTURA SERVIZIO Da Lunedi a Sabato ore 8:00 / ore 14:00 Servizio Tel ORARIO APERTURA SERVIZIO RADIOLOGIA TRADIZIONALE - RM DIAGNOSTICA ECOGRAFICA Lunedi a Mercoledi ore 14:00 / ore 15:00 Venerdi ore 9:30 / ore 10:30 Sabato ore 10:00 / ore 12:00 Servizio Tel Analisi in Convenzione Analisi in Convenzione Servizio PRIVATO ATTIVITÀ AMBULATORIALI ATTIVITÀ AMBULATORIALI

18 34 35 PRENOTAZIONE ON LINE delle visite mediche specialistiche ed esami diagnostici È attivo un sistema informatico, accessibile tramite il sito che permette di prenotare on line visite mediche specialistiche ed esami diagnostici offerti da tutte le strutture sanitarie del gruppo. La procedura è semplice e si avvale di quattro diversi metodi di ricerca: sede, reparto, medico, parola chiave. Una volta dato il consenso per il trattamento dei dati personali, la richiesta viene inviata ad un operatore che la riceve sotto forma di . Il richiedente riceverà in tempo reale, sia sulla pagina web da cui ha inviato la richiesta, sia sulla propria casella di posta elettronica, il seguente messaggio NORE- PLY generato automaticamente dal sistema: La sua richiesta è stata inviata con successo ad un nostro operatore, che provvederà a contattarla entro breve tempo. Grazie per averci scelto. Alla richiesta giunta al Centro di coordinamento delle prenotazioni on line segue dapprima un contatto telefonico da parte di un operatore INI e poi l inoltro tramite della conferma dell avvenuta prestazione. Sul sito web è inoltre possibile accedere a tante altre informazioni tra cui quelle riguardanti: tutte le prestazioni sanitarie effettuate nelle varie strutture del Gruppo INI e la loro ubicazione; la formazione con l indicazione di convegni, giornate di studio e seminari; l ufficio comunicazione e stampa con i suoi comunicati e le pubblicazioni; l area multimediale con i filmati riguardanti la vita delle struttura. La Struttura ottempera ai requisiti sul trattamento e la protezione dei dati personali come da D.Lgs 196/2003: Codice di protezione dei dati personali. Ai sensi di detto decreto all atto dell inserimento in trattamento l utente firma un modulo che autorizza il centro al trattamento dei dati personali esclusivamente per fini istituzionali. Il conferimento dei dati è obbligatorio e il loro eventuale mancato conferimento comporta l impossibilità di trattare i dati personali e di conseguenza di eseguire il trattamento. Consenso informato SCARICA LA NOSTRA APP O VISITA IL NOSTRO SITO All atto della presa in carico dell utente da parte dell equipe medica riabilitativa, l utente viene informato dal medico che apre la cartella clinica ed esegue l anamnesi, sui trattamenti che andrà ad effettuare. Il medico informa il paziente su eventuali rischi connessi all erogazione della prestazione, sulla terapia farmacologica, sui benefici che ne derivano e sulla necessità della sua collaborazione per il successo del progetto riabilitativo. Contestualmente richiede il consenso scritto alla prestazione. PRENOTAZIONE ON LINE TUTELA DELLA PRIVACY

19 36 37 REGOLAMENTO INTERNO Nell interesse del paziente è assolutamente vietato fumare nelle camere e nei corridoi dei reparti. La visita medica è un momento diagnostico-terapeutico fondamentale ed è quindi assolutamente necessario negli orari previsti dal giro visite rimanere nella propria stanza. È severamente vietato gettare rifiuti o qualsiasi altra cosa dalle finestre; è altresì proibito nelle camere di degenza l uso di fornelli elettrici, macchine da caffè, ferri da stiro, lavare biancheria. In un luogo affollato come un luogo di ricovero, il furto o lo smarrimento di denaro, gioielli o altri valori sono sempre possibili; la struttura non si assume responsabilità per questi inconvenienti. Consigliamo quindi di portare soltanto gli effetti personali strettamente necessari. Ogni osservazione o reclamo dovrà essere fatto presso l ufficio URP. È proibito portare dall esterno all ospite medicinali, alimenti, bevande, senza il consenso del personale dell assistenza. È consentito utilizzare radio o televisori portatili di proprietà dell ospite solo mantenendoli a basso volume ed a patto che non arrechino disturbo agli altri ricoverati. Rispettare gli orari delle visite non trattenendosi oltre il periodo fissato. Tenere basso il tono della voce. È vietato introdurre animali. È vietato offrire mance al personale di servizio ancorché come manifestazione di gratitudine verso chi si prende cura degli ospiti con la dovuta professionalità e sincera dedizione. Informazione, Accoglienza, Tutela e Partecipazione Titolo 1. presentazione delle osservazioni, opposizioni, denunce e reclami. SOGGETTI LEGITTIMATI Art. 1 Gli utenti, parenti o affini, organismi di volontariato o tutela dei diritti accreditati presso la Regione o presso la U.S.L. possono presentare osservazioni, opposizioni o reclami contro gli atti, i comportamenti, le situazioni ambientali che negano o limitano, direttamente o indirettamente la fruibilità delle prestazioni di assistenza sanitaria e sociale. MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL DIRITTO Art. 2 Gli utenti e gli altri soggetti come individuati dall art. 1, esercitano il proprio diritto con: 1. Lettera in carta semplice consegnata all Ufficio di Relazioni con il Pubblico; 2. Compilazione di apposito modello sottoscritto dall utente, distribuito presso l U.R.P.; 3. Segnalazione telefonica o fax all Ufficio sopra citatato; 4. Colloquio con l operatore Sociologo dell U.R.P. Per le segnalazioni telefoniche e per i colloqui, verrà annotato quanto segnalato con l acquisizione dei dati per le comunicazioni di merito. La segnalazione verbale sarà acquisita in presenza di un testimone. TERMINI PROCEDURALI Art. 3 Le osservazioni, le opposizioni o i reclami dovranno essere presentati o ricevuti nei modi sopra elencati, entro 15 giorni dal momento in cui l interessato abbia avuto REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO DI PUBBLICA TUTELA

20 38 39 conoscenza dell atto o comportamento lesivo dei diritti in armonia con quanto disposto dall art.14, comma 5, del Decreto legislativo 502/92, come modificato dal Decreto Legislativo 517/93. Art. 4 Le osservazioni, le opposizioni o i reclami, comunque presentati o ricevuti nei modi sopra indicati dall Ufficio di Relazioni con il Pubblico, qualora non trovino immediata soluzione, devono essere istruiti e trasmessi alle Funzioni Competenti entro un termine massimo di giorni tre affinché questi, ove possibile, adottino tutte le misure necessarie a rimuovere l eventuale disservizio. Funzione Competente, in base alla tipologia riscontrata. Predisporre l attività istruttoria per l esame di quanto contenuto nel reclamo, acquisendo tutti gli elementi necessari alla formulazione della risposta al cittadino. Fornire all utente tutte le informazioni e quanto altro necessario per garantire la tutela dei diritti ad esso riconosciuto dalla normativa vigente i materia. Predisporre la chiusura del reclamo dopo l avvenuta risoluzione, nel caso l utente dichiari insoddisfacente la risposta ricevuta, provvede ad attivare la procedura di riesame. Art. 5 Le Funzioni competenti forniranno nel termine perentorio di 15 giorni all Ufficio di Relazioni con il Pubblico tutte le informazioni necessarie per consentire di comunicare appropriata risposta ai soggetti di cui all art.1, entro 15 giorni. Entro 15 giorni dal ricevimento della risposta il soggetto legittimato, qualora non ritenga soddisfacente la risposta ricevuta, puo avviare procedura di riesame attraverso l invio di apposita istanza all Ufficio di relazioni con il Pubblico. SERVIZIO DI RELAZIONI CON IL PUBBLICO Art. 6 Al servizio di Relazioni con il Pubblico sono attribuite le seguenti funzioni: Ricevere le osservazioni, le opposizioni o reclami di cui all art. 1, presentati dai soggetti legittimati per la tutela del cittadino, attraverso gli atti o i comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilità delle prestazioni di assistenza sanitaria e sociale. Accertare la natura del reclamo e provvedere a classificarlo in: 1. Reclamo sanitario; 2. Reclamo amministrativo; 3. Reclamo alberghiero. Predisporre l attività istruttoria e provvedere a dare tempestiva risposta al cittadino per le segnalazioni di più agevole definizione. Predisporre l attività istruttoria provvedendo allo smistamento del reclamo alla REGOLAMENTO DI PUBBLICA TUTELA REGOLAMENTO DI PUBBLICA TUTELA

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SANITARI

CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI SANITARI 2015 Gentile Ospite, abbiamo il piacere di presentarle la nostra Carta dei Servizi. Questo strumento, grazie anche alla Sua gentile e preziosa partecipazione, ci consente di

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

POLO RIABILITATIVO DEL LEVANTE LIGURE. La Spezia CARTA DEI SERVIZI

POLO RIABILITATIVO DEL LEVANTE LIGURE. La Spezia CARTA DEI SERVIZI POLO RIABILITATIVO DEL LEVANTE LIGURE La Spezia CARTA DEI SERVIZI Indice Amis, ve raccomandi la mia baracca... pag. 3 Il Polo Riabilitativo del Levante Ligure l Cenni storici pag. 5 l La struttura pag.

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PUNTA MOLINO Beach Resort & SPA

PUNTA MOLINO Beach Resort & SPA In Particolare... La nostra Palestra ed il Centro Benessere offrono i più completi servizi di qualità ed ultima tecnologia con completi trattamenti estetici. Un nuovo concetto nel quale potrà godere della

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli