ULCERE CUTANEE: LUCI E OMBRE. DALL ESPERIENZA ALL EVIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ULCERE CUTANEE: LUCI E OMBRE. DALL ESPERIENZA ALL EVIDENZA"

Transcript

1 XII CONGRESSO NAZIONALE AIUC A s s o c i a z i o n e I t a l i a n a U l c e r e C u t a n e e ULCERE CUTANEE: LUCI E OMBRE. DALL ESPERIENZA ALL EVIDENZA Programma definitivo MILANO, CENTRO CONGRESSI SAN RAFFAELE SETTEMBRE 2013 Presidenti del congresso: Piero Bonadeo, Ornella Forma, Mario Marazzi

2 XII CONGRESSO NAZIONALE AIUC ASSOCIAZIONE ITALIANA ULCERE CUTANEE COMITATO SCIENTIFICO LOCALE S. Accardi, R. Cassino, U. Cazzarò, A. Crespi, T. Gaiani, A. Lombardi, G. Maierà, S. Mori, V. Rapisarda, C. Ricordi, A. Scalise, F. Topo, E. Trabucchi, G. Zambelli COMITATO ORGANIZZATORE LOCALE D. Basile, A.M. Ippolito, N. Leggio, R. Pirovano, G. Pitoia, A. Scotti CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE Presidente Past president Vicepresidente Segretario Rapporti con Assobiomedica Coordinamento sezioni regionali Tesoriere Recorder Coordinamento Gruppi di Studio Coordinatore sito web Giovanni Mosti Giorgio Guarnera Ornella Forma Carmelo Cuffaro Ornella Forma, Francesco Petrella Francesco Petrella Giacomo Failla Ferdinando Campitiello Alessandro Scalise Roberto Cassino CONSIGLIERI Patrizia Baroni, Francesco Calcopietro, Michelangelo Maria Di Salvo, Manuela Galleazzi, Domenico Gioffrè, Anna Lombardi, Marco Masina, Vincenzo Mattaliano, Giovanni Saladini REVISORI DEI CONTI Brunella Centanni, Giuseppe Nebbioso, Andrea Pestarino PROBIVIRI Alessandro Farris, Elia Ricci, Marco Romanelli Dopo 12 anni l AIUC ritorna a Milano per il XII Congresso Nazionale. Ancora una volta in una sede universitaria, l Università Vita-Salute San Raffaele, luogo, per definizione, di studio, di confronto e, non ultimo, di riflessione. Dalla sua fondazione nel 1999, l AIUC ha conosciuto un evoluzione esponenziale, in termini di visibilità nazionale ed internazionale nonché di interlocuzione con Società Scientifiche affini e con Istituzioni politiche e sociali, grazie a tutti coloro che, numerosi, ponendosi al servizio dell Associazione, l hanno sempre sostenuta e vitalizzata. Fine ultimo e fondamentale è quello di garantire al portatore di ulcera cutanea la migliore assistenza possibile. Quest ultima deriva dallo studio, dall aggiornamento e dalla professionalità di ogni operatore sanitario. Negli anni la Vulnologia, come corpo dottrinario, ha registrato un percorso in continua ascesa, con l affermazione di esperti e di ricercatori e, simultaneamente, con lo sviluppo di programmi aziendali del settore che hanno introdotto sul mercato un numero sempre più ragguardevole di tecnologie, di materiali e di dispositivi. Attualmente la tendenza è alla stazionarietà se non ad una certa e fisiologica deflessione. Sembra quindi giunto il momento di una doverosa pausa di riflessione. Lo scopo del Congresso si identifica nel rivalutare la disciplina nelle sue principali tematiche alla luce di un percorso non solo denso di successi ma anche di criticità e di ridimensionamento dopo anni di pratica. E questo tanto più in un momento particolarmente delicato dell etica e dell economia mondiale. Da oltre due decenni, in medicina, domina la regola di seguire una letteratura che fornisca prove di efficacia ovvero di evidenza. Se, da un lato, questo modello procedurale ha introdotto il rigore scientifico nello spirito puramente osservazionale del passato è pur vero che, così agendo, si è spesso caduti nell oltranzismo che ha portato a porre in secondo piano l esperienza quotidiana dalla quale, in realtà, deriva ogni speculazione. Occorre pertanto quella giusta discrezionalità che contempli il saggio contemperamento di ogni estremismo. Le tematiche congressuali, dunque, dovranno portare all attenzione dei partecipanti una visione moderna, aggiornata e criticamente sostenibile della Vulnologia che parta da solide esperienze, portando a conoscenza anche realtà poco note, per giungere ad evidenze concrete e condivise che consentano la prosecuzione di un cammino rinnovato, certamente non esente da difficoltà, e per tale motivo ancora più stimolante, scevro da quei vizi d origine che, perpetuandosi, condizionano negativamente lo sviluppo futuro della nostra disciplina. Si è detto che Milano è la miniatura esatta di una grande città: ha in piccole proporzioni tutto ciò che è proprio delle grandi capitali. Nell augurio che la nostra città possa offrire a tutti il meglio delle sue potenzialità e della sua attualità, favorendo coesione, condivisione, convivialità e spirito umanitario. Buon congresso a Milano. Piero Bonadeo, Ornella Forma, Mario Marazzi PRESIDENTI DEL CONGRESSO 2 3

3 TIMETABLE Momenti Associativi/Riunioni Gruppi di Studio Sessioni accreditate Sessioni parallele NON accreditate Simposi Aziendali LEGENDA 18 SETTEMBRE AULA CARAVELLA S. MARIA AULA CARAVELLA NINA AULA CARAVELLA PINTA AULA DIDATTICA 16,00-18,30 Riunione Coordinatori Regionali AIUC 18,30-21,00 Riunione Consiglio Direttivo AIUC 19 SETTEMBRE AULA CARAVELLA S. MARIA AULA CARAVELLA NINA AULA CARAVELLA PINTA AULA DIDATTICA STUDIO ORNELLA FORMA 1 STUDIO ORNELLA FORMA 2 STUDIO ORNELLA FORMA 3 08,30-10,15 La Medicina Iperbarica Il Microcircolo Riunione Consiglio Direttivo AIUC Ulcere Cutanee e Piede Diabetico Le medicazioni La Telemedicina Formazione in Vulnologia 10,15-10,30 Benvenuto del Presidente AIUC 10,30-12,30 L umanizzazione delle cure nel paziente vulnologico Il mondo sommerso delle vasculiti La ricerca in vulnologia 12,30-14,00 PAUSA 14,00-15,00 Assemblea Soci AIUC 15,00-17,00 Perché le lesioni da decubito sono in aumento? Da anni si parla di superfici 17,00-17,30 antidecubito: c è evidenza nell utilizzo? Regioni a confronto: luci e ombre sui modelli organizzativi regionali Le stomie: problemi aperti In collaborazione con AIOSS Le linfopatie: le conosciamo? Riunione del Comitato di Bioetica 17,45-19,00 Luci e ombre... inaugurazione del Congresso 20 SETTEMBRE AULA CARAVELLA S. MARIA AULA CARAVELLA NINA AULA CARAVELLA PINTA AULA DIDATTICA AREA POSTER 08,30-11,00 Luci e ombre sulla ricerca: il ruolo degli italiani 11,30-13,00 La pressione topica negativa La risposta della cute all intervento chirurgico Il piede diabetico infetto 13,00-14,30 14,30-16,30 Oltre il bendaggio: quando il linfedema diventa XXXL (*) 3M Italia Workshop: Medicina rigenerativa e lesioni cutanee. T-LYSYAL: una luce per il futuro (*) Sildeha Pharma 17,00-18,30 Età e strategie terapeutiche La gestione delle lesioni e la promozione del benessere del paziente. Un obiettivo comune tra Clinici, Sistema sanitario e Industria (*) Smith & Nephew Ossigenoterapia iperbarica Ozonuri e GAGs nel management delle ulcere (*) Alfa Wassermann Le nuove tecnologie: quando e come? Il dilemma degli antisettici in Vulnologia Un approccio integrato alla gestione delle ferite: complessità di trattamento, multidisciplinarietà e nuove tecnologie (*) KCI Medical Day-Surgery, One day-surgery e Week surgery Commissione Poster 21 SETTEMBRE AULA CARAVELLA S. MARIA AULA CARAVELLA NINA AULA CARAVELLA PINTA AULA DIDATTICA STUDIO ORNELLA FORMA 1 STUDIO ORNELLA FORMA 2 STUDIO ORNELLA FORMA 3 08,30-11,00 Luci e ombre della chirurgia plastica in Vulnologia Il paziente paraplegico Rischio di amputazione: "mal practis" (malpractice) Luci e ombre sulla ricerca: ciò 11,30-13,00 che si doveva fare e non si è fatto. 4 Come recuperare 5 (*) organizzato con il contributo non condizionante di

4 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE RIUNIONE DEI GRUPPI DI STUDIO AULA > CARAVELLA S. MARIA LA MEDICINA IPERBARICA Verso un documento di posizionamento condiviso sugli usi clinici della terapia iperbarica nei processi di riparazione tissutali E. RICCI (TO), R. INFASCELLI (NA) L ipossia/infezione nel ritardo di guarigione (la causa) e medical device terapeutici (soluzione) G. VEZZANI (PR) Sistemi di misurazione dell ipossia tissutale nella pratica clinica (la diagnosi) P. LONGOBARDI (RA), M. ROMANELLI (PI) Controversie sull uso dell oti nel processo di guarigione (il razionale) G. BOSCO (PD) Il paziente con indicazione all oti E. NASOLE (VR), G. CLERICI (MI) AULA > SERVIZIO DI VULNOLOGIA, STUDIO DI ORNELLA FORMA 2 LA TELEMEDICINA AULA > DIDATTICA ULCERE CUTANEE E DIABETE I percorsi assistenziali del piede diabetico Moderatori: P. BARONI (RA), L. DALLA PAOLA (RA), E. FAGLIA (MI) Il percorso assistenziale del piede diabetico ischemico E. FAGLIA (MI) Il percorso assistenziale del piede diabetico infetto L. DALLA PAOLA (RA) Esiste uno standard nella medicazione del piede diabetico? F. ROMAGNOLI (AN) L approccio infermieristico allo screening ed al trattamento del piede diabetico A. LOMBARDI (NO) La ossigenoterapia iperbarica: quali evidenze e quale ambito di impiego? P. LONGOBARDI (RA) STUDIO > SERVIZIO DI VULNOLOGIA, STUDIO DI ORNELLA FORMA 1 LE MEDICAZIONI STUDIO > CARAVELLA NINA IL MICROCIRCOLO Discussione aperta con i partecipanti su temi preordinati Conduttore: A. APOLLONIO (VT) - La patologia microcircolatoria nell ipertensione arteriosa - La patologia microcircolatoria nel diabete mellito - I farmaci attivi sulla microangiopatia diabetica ed ipertensiva - Suv 2: update - Proposte STUDIO > SERVIZIO DI VULNOLOGIA, STUDIO DI ORNELLA FORMA 3 FORMAZIONE IN VULNOLOGIA - Presentazione finalità del gruppo - Definizione delle attività - Distribuzione degli incarichi a assolvere - Stesura di verbale della riunione Discussione 6 7

5 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2013 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2013 Accreditata ECM AULA > CARAVELLA S. MARIA BENVENUTO DEL PRESIDENTE AIUC G. MOSTI (LU) SALUTO DEL PRESIDENTE ELETTO WUWHS M. ROMANELLI (PI) AULA > CARAVELLA S. MARIA L UMANIZZAZIONE DELLE CURE NEL PAZIENTE VULNOLOGICO Moderatori: G. GUARNERA (RM), P. GOBBI (MB) Dolore, speranze e cure G. GUARNERA (RM) Curare e prendersi cura del paziente vulnologico G. ZOPPEI (MI) Il rispetto dei valori (culturali, religiosi, e personali) e dei diritti del paziente: deontologia professionale e responsabilità dell infermiere P. GOBBI (MB) Dolore, sofferenza del paziente vulnologico. Aspettative di cura R. ZUCCHI (RM) AULA > CARAVELLA PINTA IL MONDO SOMMERSO DELLE VASCULITI Moderatori: M. PAPI (RM), G. ZAMBELLI (MI) Quale il ruolo della fisiopatologia nella diagnosi di vasculite? M. PAPI (RM) Le difficoltà nelle scelte terapeutiche M. ZUOLO (FE) Vasculiti e necrosi P. LUI (MN) AULA > DIDATTICA LA RICERCA IN VULNOLOGIA Moderatori: P.C. CUFFARO (TO), G.V. CORONA (PZ) Passato, presente e futuro E. RICCI (TO) La ricerca infermieristica A. FILIPPINI (VA) Esperienze e difficoltà attuali di un centro di ricerca S.E. ARAGONA (MI) Riflessioni del medico legale P. MANDELLI (MI) PRANZO AULA > CARAVELLA S. MARIA PERCHÉ LE LESIONI DA DECUBITO SONO IN AUMENTO? DA ANNI SI PARLA DI SUPERFICI ANTIDECUBITO: C È EVIDENZA NELL UTILIZZO? Moderatori: A. IPPOLITO (TO), A.M. PUCCIO (MI), R. CASSINO (TO), S. LUPI (MI) Qualità della superficie: eterno dilemma R. CASSINO (TO) Nuovi aspetti nutrizionali nella fisiopatologia della LDD R. AQUILANI (PV) Clinica ed evidenza a confronto: il biofilm nelle lesioni da decubito A. BIANCO (TO) Luci e ombre nella gestione del paziente ipomobile/allettato: riflessioni di un geriatra E. CASTEGNARO (PD) Luci e ombre nella gestione del paziente ipomobile/allettato: realtà infermieristica S. LUPI (MI) 8 9

6 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2013 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2013 Accreditata ECM AULA > CARAVELLA NINA REGIONI A CONFRONTO: LUCI E OMBRE SUI MODELLI ORGANIZZATIVI REGIONALI Moderatori: F. PETRELLA (NA), M. GALLEAZZI (TO) Progetto Calabria F. GIACINTO (CS) Progetto Veneto la centralizzazione degli acquisti L. ZORZI (PD) Progetto Friuli V. G. G. PAPA (TS) Progetto Piemonte P. SECRETO (TO) Progetto Lombardia NET-WASC vascolare A. SARCINA (BS) AULA > CARAVELLA PINTA LE STOMIE: PROBLEMI APERTI (IN COLLABORAZIONE CON AIOSS ) Moderatori: S. MORI (AL), I. NIGRA (AL) Il disegno pre-operatorio: utilità e percezione del paziente E. GIORATO (PD) Complicanze precoci: prevedibili o errore tecnico? I. NIGRA (AL) Complicanze tardive: uno scenario complesso R. RAVALDI (BO) I limiti della riabilitazione D. BATTILANA (RM) Convivere con una stomia nella società di oggi: è possibile? N. FAZZARI (RC) AULA > DIDATTICA LE LINFOPATIE: LE CONOSCIAMO? Moderatori: F. P. PALUMBO (PA), F. CALCOPIETRO (CZ) Confini fra flebopatie e linfopatie A. MACCIÒ (SV) Confini tra terapia medica e chirurgica C. ERETTA (GE) Terapia compressiva e qualità di vita del paziente F. MARIANI (SI) La formazione in linfologia V. GASBARRO (FE) Difficoltà e progressi nella gestione del paziente linfopatico U. CAZZARÒ (MI) Le linfopatie e i lea F. P. PALUMBO (PA) AULA > CARAVELLA S. MARIA LUCI E OMBRE... INAUGURAZIONE DEL CONGRESSO Moderatori: P.G. BONADEO (AL), O. FORMA (MI), M. MARAZZI (MI) AIUC per il sociale G. MOSTI (LU) Letture Magistrali Piaghe del corpo, dell anima e dello spirito G.B. AGUS (MI) Risoluzione delle ulcere cutanee con prodotti cellulari C. RICORDI (MIAMI, USA) In ricordo del Prof. l. Donati M. KLINGER (MI), E.TRABUCCHI (MI) 10 11

7 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013 VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013 Accreditata ECM AULA > CARAVELLA S. MARIA LUCI E OMBRE SULLA RICERCA: IL RUOLO DEGLI ITALIANI Moderatori: A. SCALISE (AN), E. TRABUCCHI (MI) Tavola Rotonda Intervengono: P. ROSSI (RM), V. FALANGA (BOSTON, USA), P. ZAMBONI (FE), C. RICORDI (MIAMI, USA) Lettura magistrale Dalla classificazione per molecola alla classificazione per funzione A. GRECO (FR) AULA > CARAVELLA S. MARIA LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA A DOMICILIO Moderatori: D. BASILE (MI), A. CRESPI (NO) Le pressione topica negativa a domicilio tra prescrizione e difficoltà G. VERNA (NO) La qualità di vita e la pressione topica negativa P. C. CUFFARO (TO) Nuove indicazioni G. STRATTA (MI) L uso della NPWT in traumatologia: il contributo dell infermiere esperto in wound care P. FORTE (BO) Usi ed abusi A. DELLA CORTE (NA) Pressione topica negativa e rimborsabilità S. ROVERI (MI) AULA > CARAVELLA NINA LA RISPOSTA DELLA CUTE ALL INTERVENTO CHIRURGICO Moderatori: F. CAMPITIELLO (SA), N. SCUDERI (RM) Riparazione tissutale e ferita chirurgica G. PAPA (TS) I confini tra infiammazione ed infezione S. VERALDI (MI) Il sito donatore: tra altruismo e rischio A. STEFANI (LU) e la prevenzione? M. PANGOS (TS) AULA > CARAVELLA PINTA IL PIEDE DIABETICO INFETTO Moderatori: M. M. DI SALVO (CT), L. C. OGNIBENE (MI) L emergenza della diagnosi G. CLERICI (MI) Esiste una microangiopatia periferica nel piede diabetico A. SCATENA (AR) Il trattamento antibiotico nel piede diabetico infetto T. ASCIONE (NA) Complementarietà delle cure C. NICOLETTI (BS) Come medicare un piede infetto? G. MAIERÀ (MI) La continuità assistenziale dall ospedale al territorio F. MUGNO (CT) AULA > DIDATTICA IL DILEMMA DEGLI ANTISETTICI IN VULNOLOGIA Moderatori: M. MASINA (BO), A. PEGHETTI (BO) Popolazioni batteriche e lesioni cutanee C. OLTOLINI (MI) Luci e ombre: antisettici e W.B.P. R. CASSINO (TO) Antisettici sì e no U. BOVONE (GE) Argento e biofilm G. FAILLA (CT) L infermiere al bivio: prescrizione, scientificità e paziente B. PAGGI (NO) Working Lunch AULA > CARAVELLA S. MARIA OLTRE IL BENDAGGIO: QUANDO IL LINFEDEMA DIVENTA XXXL (CON IL CONTRIBUTO NON CONDIZIONANTE DI 3M ITALIA) Relatori: M. GALEA (MI), B. MAENE (BELGIUM) :30 Il linfedema: fisiopatologia e bendaggio compressivo Il bendaggio ideale: perché 3M Coban M Coban 2 e i pazienti XXXL: casi clinici Psiche e cute F. MIGLIARA (BG) 14: Sessione pratica di bendaggio 12 13

8 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - VENERDÌ 20 SETTEMBRE AULA > CARAVELLA NINA LA GESTIONE DELLE LESIONI E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL PAZIENTE. UN OBIETTIVO COMUNE TRA CLINICI, SISTEMA SANITARIO E INDUSTRIA (CON IL CONTRIBUTO NON CONDIZIONANTE DI SMITH & NEPHEW) Il wellbeing / benessere del paziente con lesioni cutanee: principi gestionali S. BONELLI (MB) Come coniugare efficacia terapeutica e benessere di pazienti ed operatori. Criteri di scelta per la medicazione ideale M. CARNALI (AN) Working Lunch Working Lunch AULA > CARAVELLA PINTA OZONURI E GAGS NEL MANAGEMENT DELLE ULCERE (CON IL CONTRIBUTO NON CONDIZIONANTE DI ALFA WASSERMANN) Moderatori: G. MOSTI (LU), A. PEGHETTI (BO), A. APOLLONIO (VT) Introduzione fotografia nazionale del management in vulnologia Moderatore: G. MOSTI (LU) I Sessione: L ipossia nella gestione di ulcere e ferite E. RICCI (TO) Gli ozonuri in formulazione spray (azexin) nella clinica vulnologica P. LONGOBARDI (RA) Survey management ulcere e ferite: preliminary report A. PEGHETTI (BO) I gags nella modulazione della MMP-9 nelle ulcere venose (prevenzione, trattamento, recidive) F. MANNELLO (VT) Suv2: le ulcere venose nel paziente diabetico e/o iperteso A. APOLLONIO (VT) II Sessione (interattiva): L ipossia relativa nella clinica pratica: grading di condivisione: selezione di 3-4 casi con percorso di trattamento scritto per fornire un questionario con grading di condivisione E. RICCI (TO) Working Lunch AULA > DIDATTICA UN APPROCCIO INTEGRATO ALLA GESTIONE DELLE FERITE: COMPLESSITÀ DI TRATTAMENTO, MULTIDISCIPLINARIETÀ E NUOVE TECNOLOGIE (CON IL CONTRIBUTO NON CONDIZIONANTE DI KCI MEDICAL) AULA > CARAVELLA S. MARIA WORKSHOP: MEDICINA RIGENERATIVA E LESIONI CUTANEE. T-LYSYAL: UNA LUCE PER IL FUTURO (CON IL CONTRIBUTO NON CONDIZIONANTE DI SILDEHA PHARMA) Presidenti e Moderatori: V. FALANGA (BOSTON, USA), C. RICORDI (MIAMI, USA), G. RICEVUTI (PV) Introduzione e saluti dal presidente congresso AIUC M. MARAZZI (MI) Introduzione sul tema e saluto della Sildeha Pharma E. S. ARAGONA (MI) La medicina rigenerativa: stato dell arte. Nuovi prodotti e speranze per il futuro C. RICORDI (MIAMI, USA) Iper-essudazione nelle lesioni T-lysyal: immunologia del Wound Healing Moderatore: P. IPPONI (FI) cutanee croniche, problema A. LA SALA (RM) clinico ed umano: come Indicazioni e benefici clinici La medicina rigenerativa e le lesioni cutanee ridurre l impatto sui pazienti? della terapia a pressione negativa V. FALANGA (BOSTON, USA) F. MOSELLA (NA) con instillazione M. OTTONELLO (SV) Le lesioni cutanee nell anziano Ridurre i costi nel trattamento G. RICEVUTI (PV) delle lesioni cutanee: Il ruolo dell infermiere nella gestione l impossibile diventa realtà dei pazienti con ferite complesse: Repalysyal: un attivatore di processo M. LORENZONI (PV) approccio in-hospital di rigenerazione nel trattamento e per outpatients delle lesioni cutanee Discussione C. MAINO (MI) R. CASSINO (TO) La complessità non apparente 14 delle incisioni chiuse - risultati ed esperienza con Prevena C A. SCALISE (AN) 15

9 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013 Esperienze cliniche a confronto: La strumentalizzazione dei DRG AULA > CARAVELLA NINA AULA > CARAVELLA PINTA Le lesioni cutanee croniche: uso in vulnologia OSSIGENOTERAPIA IPERBARICA LE NUOVE TECNOLOGIE: QUANDO E COME? di Repalysyal per la rigenerazione tissutale E. RICCI (TO) A. M. PUCCIO (MI) Moderatori: G.A. SALADINI (CZ), E. NASOLE (VR) Moderatori: U. CAZZARÒ (MI), E.M. ABATI (BG) Il pensiero dei pazienti Nostra esperienza con un nuovo complesso molecolare (T-lysyal) Come, quando e perché P. LONGOBARDI (RA) Onde d urto M. C. D AGOSTINO (MI) G. ZAMBELLI (MI) nel trattamento delle lesioni da decubito e delle ulcere cutanee degli arti Le figure professionali Magnetoterapia Accreditata ECM E. CUNIETTI (MI), M. CARLI (LO) P. BARONI (RA) C. BRAGA (MI) Studio multicentrico osservazionale: medicazione L interpretazione dei risultati Fotodinamica AULA > CARAVELLA S. MARIA delle lesioni cutanee croniche e delle lesioni M. BRAUZZI (GR) A. CORSI (FI) ETÀ E STRATEGIE TERAPEUTICHE da decubito con Repalysyal crema Problematiche di rimborso L utilizzo di un dispositivo Moderatori: S.A. ACCARDI (BG), U. BOVONE (GE), Analisi del processo di rigenerazione tissutale in Italia a radiofrequenza bipolare E. MARCHITELLI (RM) da parte dell aggregato supramolecolare T-lysyal, F. S. GARUTI (MI) plasma-mediato nella utilizzato in medicazione primaria L abuso preparazione del fondo L età del paziente R. ADUSSI (LO), S. ROTA (PV), N. CASSINESI (MI) B. FARINA (BZ) delle lesioni cutanee in pazienti M. MASINA (BO) Un esperienza di gestione domiciliare di lesioni sottoposti a chirurgia L età dell operatore da decubito e ulcere cutanee: osservazione di 20 ricostruttiva A. CIRINCIONE (CO) pazienti seguiti al domicilio e trattati con T-lysyal R. GUERNIERO (NA) Estensione delle indicazioni C. PELLEGRINO (MI) chirurgiche Lettura: la valutazione delle lesioni cutanee. A. COSTANTINI (MI) AULA > DIDATTICA Ruolo di Repalysyal DAY-SURGERY, ONE DAY-SURGERY La prognosi C. LIGRESTI (AT) E WEEK SURGERY D. CUCINOTTA (BO) Conclusioni e saluti Il limite etico V. FALANGA (BOSTON, USA), C. RICORDI (MIAMI, Moderatori: S. CANONICO (NA), E. GIRALDI (PD) G. B. AGUS (MI) USA), G. RICEVUTI (PV) Tipologia degli interventi G. GUARNERA (RM) Deospedalizzazione e risorse economiche F. PETRELLA (NA) 16 17

10 PROGRAMMA SCIENTIFICO DEFINITIVO - SABATO 21 SETTEMBRE 2013 SABATO 21 SETTEMBRE 2013 Accreditata ECM AULA > CARAVELLA S. MARIA LUCI E OMBRE DELLA CHIRURGIA PLASTICA IN VULNOLOGIA Moderatori: V. RAPISARDA (MI), L. VAIENTI (MI) Quando serve l intervento e a chi? C. PEZZUTO (TO) Il ruolo determinante della preparazione M. PIERANGELI (AN) Effettiva disponibilità dei materiali A. PORTINCASA (FG) L impatto delle nuove tecnologie A. SCALISE (AN) AULA > CARAVELLA PINTA IL PAZIENTE PARAPLEGICO Moderatori: T. REDAELLI (MI), M. OTTONELLO (SV) Problematiche in fase acuta M. OTTONELLO (SV) Problematiche in fase cronica N. ZIGLIOLI (MI) Identificazione dei percorsi: applicabilità? P. FANIN (BO) Il paraplegico a domicilio N. D AQUARO (MI) Problematiche delle lesioni da decubito in età pediatrica L. SPAZZAPAN (TS) AULA > DIDATTICA RISCHIO DI AMPUTAZIONE: MAL PRACTIS (MALPRACTICE) Moderatori: F. TOPO (CE), G.ARPAIA (MI) Stato dell arte nella fisiopatologia dell ischemia critica P. E. MOLLO (FR) Il punto di vista dell angiologo M. M. DI SALVO (CT) Amputazione: gesto inevitabile? il punto di vista del chirurgo M. DOMANIN (MI) Il ritardo diagnostico-terapeutico G.FAILLA (CT) AULA > CARAVELLA S. MARIA LUCI E OMBRE SULLA RICERCA: CIÒ CHE SI DOVEVA FARE E NON SI È FATTO. COME RECUPERARE Moderatori: O. FORMA (MI), P.G. BONADEO (AL), M. MARAZZI (MI) Riflessioni dei presidenti AIUC Tavola Rotonda Intervengono: E. RICCI (TO), G. GUARNERA (RM), G. MOSTI (LU), P.G. BONADEO (AL) Intervento finale da un giovane: quali aspettative dall AIUC? D. BASILE (MI), F. MOSELLA (NA) Risorse e risultati: c è un condizionamento? A. SCOTTI (MI) La deiscenza del moncone di amputazione A. LOMBARDI (NO) CHIUSURA DEL CONGRESSO Ulcere croniche atipiche: come l istopatologia può aiutare il clinico vulnologo F. RONGIOLETTI (GE) Terapia compressiva e rischio di amputazione V. MATTALIANO (LU) 18 19

11 ELENCO POSTER 4 - SUPPORTO NUTRIZIONALE CON MISCELA PATO-SPECIFICA NEL PAZIENTE MALNUTRITO AFFETTO DA ULCERA DA PRESSIONE: TRIAL RANDOMIZZATO-CONTROLLATO E. CEREDA - C. KLERSY - M.SERIOLI - A. CRESPI F. D ANDREA 7 - UTILIZZO DI GEL PIASTRINICO IN RECIDIVA DI FRATTURA ESPOSTA DELLA TIBIA: CASO RIPORTATO G. M. LEONARDI - G. DI DOMENICO - S. PAGLIUCA C. NOCERA 8 - ASSOCIAZIONE DI ACIDO IALURONICO E GEL PIASTRINICO PER LA CHIUSURA DEFINITIVA DI UNA FERITA CHIRURGICA ADDOMINALE POST INTERVENTO DI LAPAROTOMIA: CASO RIPORTATO G. M. LEONARDI - G. DI DOMENICO - V. GUERRA NARDUCCI - C. NOCERA 11 - UTILIZZO DELLA NPWT CON FILLER A GARZA NELLA GESTIONE DELLE FERITE D ARMA DA FUOCO E NELLE PERDITE DI SOSTANZA DA I.E.D. (IMPROVISED EXPLOSIVE DEVICE) M. CAMPIONI 12 - LA NUOVA MEDICAZIONE A BASE DI CELLULOSA OSSIDATA E IONI CALCIO NEL TRATTAMENTO DELLE ULCERE VENOSE NON HEALING S. CONCAS 13 - COLLAGEN DRESSING APPLICATION FOR RE-STARTING THE WOUND HEALING PROCESS IN PATIENTS WITH COMPLEX WOUNDS T. EBERLEIN - N. MUSTAFI - M. ABEL - M. SCHMITZ A. ANDRIESSEN 14 - EVALUATION OF A CLINICAL PATHWAY USING MECHANICAL DEBRIDEMENT AN ANTIMICROBIAL AND A COLLAGEN DRESSING IN FIFTY-SIX PATIENTS WITH CHRONIC WOUNDS S. WOLBER - A. PHILIPPI - C. LANGE - M. GEIST J. KANIS - K. GRIESSHAMMER - T. EBERLEIN - M. ABEL 15 - W.A.R. AND W.I.R.E. NEW PREDICTION SCORES FOR EARLY IDENTIFICATION OF INFECTION AND CHRONIFICATION OF WOUNDS T. WILD - J. DISSEMOND - O. ASSADIAN T. EBERLEIN - M. ABEL 16 - BEDSIDE MEASUREMENT OF THE PH VALUE OF WOUNDS - A NEW MEASUREMENT DEVICE AND FIRST RESULTS IN CHRONIC NON-HEALING WOUNDS T. EBERLEIN - N. MUSTAFI - M. ABEL 17 - RANDOMIZED CONTROLLED PILOT STUDY COMPARING COLLAGEN AND FOAM DRESSINGS IN PRESSURE ULCER PATIENTS A. ANDRIESSEN - A. PIATKOWSKI - M. ABEL 18 - EFFICACY OF A COLLAGEN DRESSING APPLIED IN FIFTY PATIENTS WITH STAGNATING WOUNDS OF VARIOUS ETIOLOGIES A. ANDRIESSEN - A. VAN DEN WIJNGAARD 19 - COMPLEX CASE SERIES OF FRAIL ELDERLY PATIENTS WITH STAGNATING SKIN LACERATIONS TREATED WITH A COLLAGEN DRESSING IN A NURSING HOME SETTING A. ANDRIESSEN - R.VAN DAM - J. ALBLAS A. VAN DEN WIJNGAARD 20 - MEDICAZIONE A BASE DI GEL CON ARGENTO SULFADIAZINA: STUDIO OSSERVAZIONALE A. CRESPI 21 - LE ULCERE DA PRESSIONE IN ETÀ PEDIATRICA R. CRESPI 22 - IN VITRO ASSESSMENT OF THE EFFECT OF DIFFERENT WOUND DRESSINGS ON THE SKIN OR WOUND SURFACE USING A GELATINE-BASED TISSUE MODEL C. WIEGAND - S. SPRINGER - M. ABEL - P. RUTH U.C. HIPLER 23 - COMPARISON OF THE ADHESION DISPOSITION OF CONVENTIONAL AND MODERN WOUND DRESSINGS IN VITRO C. WIEGAND - S. SPRINGER - M. ZIEGER - M. ABEL P. RUTH - U.C. HIPLER 25 - DETERMINATION OF THE FLUID HOLDING CAPACITY (FHC) OF A NEW DEBRIDER* COMPARED TO CONVENTIONAL COTTON GAUZE C. WIEGAND - K. REDDERSEN - M. ABEL J. MULDOON - P. RUTH - U.-C. HIPLER 26 - ANALYSIS OF THE FLUID MANAGEMENT BY HYDROACTIVE WOUND DRESSINGS WITH THE HELP OF AN IN VITRO MACERATION MODEL C. WIEGAND - K. REDDERSEN - S. SPRINGER M. ABEL - P. RUTH - U.-C. HIPLER 27 - IN VITRO EVALUATION OF THE FLUID DISTRIBUTION IN DIFFERENT WOUND DRESSINGS DURING NEGATIVE PRESSURE WOUND THERAPY (NPWT) C. WIEGAND - S. SPRINGER - M. ABEL - P. RUTH U.-C. HIPLER 28 - UTILIZZO DEL PRP NELLE FERITE DIFFICILI: LA NOSTRA ESPERIENZA S. RICCI - M. GRIECO - E. CALEFFI 29 - CASO CLINICO: GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DI UNA DEISCENZA CHIRURGICA ADDOMINALE DA LAPARATOMIA CON NPWT IN PAZIENTE CRITICO N. PELLEGRINI - F. TAGLIABUE - C. RIPAMONTI D. SANSEVERINO - G. CHIAVENNA 20 21

12 30 - VALUTAZIONE DELLA VASCOLARIZZAZIONE DELLA RICOSTRUZIONE CON INNESTO E SOSTITUTO DERMICO VERSUS INNESTO NEL PIEDE DIABETICO MEDIANTE MISURAZIONE DELLA PTC02 L. SPAZZAPAN - G. PAPA - M. PANGOS L. MARTELLANI - C. STOCCO - Z. M. ARNEZ 31 - CHIRURGIA CONSERVATIVA, ANTIBIOTICOTERAPIA CON DAPTOMICINA E NUOVE TECNOLOGIE NELLA CURA DELLE INFEZIONI MODERATE E GRAVI DEI TESSUTI MOLLI E DELL OSTEOMIELITE DEL PIEDE DIABETICO G. PAPA - L. SPAZZAPAN - M. PANGOS L. MARTELLANI - C. STOCCO - Z. M. ARNEZ 32 - IL RUOLO DELL OLIO OZONIZZATO NEL TRATTAMENTO DI ULCERE ACUTE E CRONICHE K. HOXHA - P. BARONI - E. BEZZI - P.LONGOBARDI 33 - ACCELERARE LA GUARIGIONE DELLE FERITE USANDO PLASMA RICCO DI PIASTRINE (PRP), INNESTO CUTANEO E OSSIGENO TERAPIA IPERBARICA (OTI) K. HOXHA - P. BARONI - E. BEZZI - P. LONGOBARDI E. BONDIOLI - A. CARBONI - I. TOMASINI D. MELANDRI 34 - L IMPORTANZA DELLA PREPARAZIONE DEL LETTO DELLA FERITA NEL PROTOCOLLO TIMECARETM K. HOXHA - P. BARONI - E. BEZZI P. LONGOBARDI 35 - PROTOCOLLO OSPEDALIERO DI UN CENTRO DI TERZO LIVELLO SULLA MEDICAZIONE DELLE USTIONI DERMICHE C. STOCCO - G. PAPA - M. PANGOS L. SPAZZAPAN - L. MARTELLANI - Z. M. ARNEZ 36 - EVOLUZIONE DEI DISPOSITIVI PER NPWT NELL OTTICA DEL BENESSERE DEL PAZIENTE. LA GESTIONE DEL PAZIENTE OPERATO DI EXERESI MALATTIA PILONIDALE E LASCIATO GUARIRE PER 2 INTENZIONE M. CARNALI - R. RONCHI - L. FINOCCHI 37 - TRATTAMENTO DELLE ULCERE CRONICHE DEGLI ARTI INFERIORI CON TERAPIA IPERBARICA LOCOREGIONALE P. PASTORE - N. DI TULLIO - G. PIETRIS F. MARCELLI - T. SORDILLI 38 - VALUTAZIONE DI UNA NUOVA SCHIUMA DI POLIURETANO COMPOSITA NEL TRATTAMENTO DI FERITE IPERESSUDANTI F. MOSELLA - G. MOSELLA - G. TOSONE G. PALMIERO - M. GENTILE - P. FORESTIERI 39 - FERITE IPERESSUDANTI: TRATTAMENTO CON FIBRE DI CELLULOSA GELIFICANTI DI NUOVA GENERAZIONE F. MOSELLA - G. MOSELLA - G. VIVONA A. E. MARAOLO - S. MASCOLO - C. FORMISANO P. FORESTIERI 40 - QUANDO IL WELLBEING DIVENTA UN OBBIETTIVO PRIMARIO MEDICAZIONI PROGETTATE PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEL PAZIENTE E DEL CARE GIVER M. CARNALI - R. RONCHI - L. FINOCCHIO C. FERRETTI 41 - REGOLAZIONE DELLA RISPOSTA INFIAMMATORIA ASSOCIATA A RIGENERAZIONE TISSUTALE DA PARTE DI UN NUOVO AGGREGATO SUPRAMOLECOLARE A. LA SALA - L. VITIELLO - C. MAMMI - L. GATTA S. GORINI - M. CAPRIO - E. S. ARAGONA 43 - NOSTRA ESPERIENZA CON UN NUOVO COMPLESSO MOLECOLARE (T-LYSYAL) NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO E DELLE ULCERE CUTANEE DEGLI ARTI E. CUNIETTI - M. CARLI - A. MAESTRI - G. POZZI C. M. RAVELLI - F. FALVO - N. GEROUTIS P. CANTALUPPI 44 - L UTILIZZO DI UN IDROGEL A BASE DI PROPILBETAINA E POLIESANIDE* QUALE APPROCCIO INNOVATIVO NEL TRATTAMENTO DELLE RADIODERMITI DEL DISTRETTO TESTA COLLO M. GROSSO - A. LOMBARDO - E. FONTANA A. MERLIN - V. FORMICA - F. MORETTO M. RAMPINO 45 - L IDROFIBRA + AG* NELLA GESTIONE DELL INFEZIONE DELLE FERITE POST CHIRURGICHE DEL DISTRETTO CERVICO FACCIALE ( DIECI ANNI DI ESPERIENZA) A. LOMBARDO - E. FONTANA - M. GROSSO 46 - LA GESTIONE DI UNA LESIONE LOMBARE IPERESSUDANTE IN UN PAZIENTE PARAPLEGICO TRATTATO A DOMICILIO D. ROSSOLINI - R. GRILLINI - L. AVALTRONI M. E. BERTINI - M. BADIALI - L. BERNACCHIA M. ZINGARETTI 47 - LA GESTIONE DELL ESSUDATO DI UNA LESIONE SACRALE IN UNA PAZIENTE ALLETTATA GESTITA A DOMICILIO D. ROSSOLINI - R. GRILLINI - L. AVALRONI M. E. BERTINI - M. BADIALI - L. BERNACCHIA M. ZINGARETTI 22 23

13 48 - ULCERA NEURO-ISCHEMICA IN PIEDE DIABETICO TRATTATA CON SALE DI CALCIO IDROGENATO OSSIDATA CON FELTRO ASSORBENTE NON ASSORBENTE E. CAVANI 49 - USO DI SOSPENSIONI CELLULARI AUTOLOGHE NON COLTIVATE PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE VENOSE NON-HEALING DEGLI ARTI INFERIORI E. GIRALDI - G. SPREAFICO - U. BACCAGLINI 50 - LA GESTIONE DI UNA DEISCENZA CHIRURGICA IN UNA PAZIENTE A DOMICILIO T. LATTANZI - M. TESEI - D. ROSSOLINI 51 - LE LESIONI CUTANEE CRONICHE: USO DI NUOVO COMPLESSO MOLECOLARE (T-LYSYAL) PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE A. M. PUCCIO - L. SILINI - R. BAGAROLO 52 - IMPIEGO DELLA TERMOGRAFIA PER LA VALUTAZIONE QUALITATIVA DELLA VASODILATAZIONE CAPILLARE DEL LETTO DELL ULCERA VASCOLARE CRONICA A. DE MONTE - C. GORI 53 - INNESTO DI TESSUTO ADIPOSO AUTOLOGO: DAL TRATTAMENTO DELLE ULCERE POST- TRAUMATICHE EVIDENZE PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CRONICHE. F. CAVIGGIOLI - A. LISA - V. VINCI - L. CODOLINI M. E. A. KLINGER 54 - CASO CLINICO: GRAVI RETRAZIONI CICATRIZIALI AGLI ARTI SUPERIORI E INFERIORI IN ESITI DI USTIONE TRATTATE COMBINANDO ALLA CHIRURGIA L USO DI SOSTITUTI DERMICI* C.PARDO - G. G. CAPUTO - M. MARITAN M. GOVERNA 55 - L UTILIZZO DELLA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA IN VASTA FASCITE NECROTIZZANTE DELL ARTO SUPERIORE DA LESIONE IATROGENA M. FIORUZZI - C. S. SEVERGNINI - R. M. MEZZETTI 56 - GESTIONE DELLE LESIONI ESSUDANTI CON MEXTRA SUPERABSORBENT N. STIUBEI - R. LATELLA - S. NEGRO 57 - L EFFICACIA DI UN DETERGENTE A BASE DI PROPILBETAINA E POLISANIDE NELLA MEDICAZIONE DELL USTIONE NEL CENTRO USTIONI DI VERONA F.BOSCO - E. CAPRARELLA - E. VIGATO M. GOVERNA 58 - UTILIZZO DI COLLAGENASI E ACIDO IALURONICO NEL DEBRIDEMENT DELLE ULCERE N. STIUBEI - R. LATELLA - S. NEGRO 59 - TRATTAMENTO TOPICO DI OSSIGENO AOTI IN LDD SACRALE IV STADIO N. STIUBEI - R. LATELLA - S. NEGRO 60 - TRATTAMENTO TOPICO DI OSSIGENO AOTI MEDIANTE APPARECCHIATURA HYPERBOX N. STIUBEI - R. LATELLA - S. NEGRO - I. PANDELEA 61 - ULCERE VASCULITICHE E BENESSERE PSICO-FISICO L. NAVA 63 - L INFERMIERE SPECIALISTA COME VALORE AGGIUNTO NEL PERCORSO ASSISTENZIALE LESIONI CUTANEE DEL PAZIENTE PORTATORE DI LESIONI IN TRATTAMENTO CON TPN: MONITORAGGIO DEI RISULTATI S. SANDRONI 65 - STUDIO MULTICENTRICO OSSERVAZIONALE: MEDICAZIONE DELLE LESIONI CUTANEE CRONICHE E DA DECUBITO CON REPALYSYAL CREMA. PROCESSO DI RIGENERAZIONE TISSUTALE DA PARTE DELL AGGREGATO SUPRAMOLECOLARE T-LYSYAL R. ADUSSI - S. ROTA - P. MEDIANI - V. NEBULONE E. S. ARAGONA (5) 66 - LA NOSTRA ESPERIENZA NELL UTILIZZO DI CELLULE STAMINALI MESENCHIMALI ISOLATE DA LIPOASPIRATO PER LA TERAPIA DELLE ULCERE CUTANEE CRONICHE N. BERTOZZI - E. GRIGNAFFINI - L.QUARTA G. CARUANA - M. C. FINZI - E. RAPOSIO 67 - PILOT STUDY: APPLICAZIONE TOPICA DI SIMVASTATINA COME POSSIBILE INNOVAZIONE NELLA TERAPIA DELLE ULCERE CRONICHE DEGLI ARTI INFERIORI N. BERTOZZI - E. GRIGNAFFINI - L. QUARTA G. CARUANA - M.C. FINZI - E. RAPOSIO 68 - TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE TROFICHE DI NATURA ARTERIOSA DOPO RIVASCOLARIZZAZIONE DEI VASI DI GAMBA D. CECERE - E. CAPPELLO - S. FABOZZI F. POMPEO 69 - VALUTAZIONE DELL APPLICABILITÀ E DELL EFFICACIA DI UNA PASTA ANTIMICROBICA IN VARIE TIPOLOGIE DI ULCERE U. CAZZARÒ - O. FORMA - T. GAIANI 70 - DEISCENZA CHIRUGICA: LA NOSTRA ESPERIANZA CON LA NUOVA MEDICAZIONE A BASE DI CELLULOSA OSSIDATA E IONI CALCIO E. CORADDUZZA 71 - WOUND BED PREPARATION: IL DEBRIDMENT AD ULTRASUONI - RISULTATI PRELIMINARI PER LA VALUTAZIONE DI UN NUOVO DEVICE AD ULTRASUONI IN AMBIENTE AMBULATORIALE F. P. PALUMBO - S. SERANTONI - G.FAILLA F. ABBRITTI - L.GAZZABIN - E. LO IACONO M. M. DI SALVO 72 - UN CASO DI MALPRACTICE NELLA GESTIONE DI UN ULCERA DIFFICILE L. ROSSATI - G.G. CAPUTO - E. DALLA POZZA M. BRUTI - M. GOVERNA 24 25

14 73 - LESIONI DA PRESSIONE CORRELATE ALL UTILIZZO DI DISPOSITIVI MEDICI IN TERAPIA INTENSIVA: VALUTAZIONE INFERMIERISTICA E AZIONI DI MIGLIORAMENTO F. UCCELLI - M. SCATENI - M. PRADAL N. DE FEO C. FRANZÈ - R. PIERINI - M. ZARINI - C. BERNINI L. CONTI L. NERI - G. MASCAGNI - V. TONFONI E. L. LEYTON REYES 74 - BRADEN 2.0 QUALI PARAMETRI OGGETTIVI PER RENDERE PIÙ PREDITTIVA LA SCALA BRADEN? S. GASPERINI - L. GHIRARDELLI - E. MESSERE B. PAGGI - V. DINI - S. BARBANERA - M. ROMANELLI 75 - TERAPIA ADIUVANTE LA RIPARAZIONE TESSUTALE S. GASPERINI - L. GHIRARDELLI - E. MESSERE V. DINI - B.PAGGI - S. BARBANERA - M. ROMANELLI 76 - TRATTAMENTO DI FERITE CRONICHE: UN APPROCCIO INNOVATIVO B. PAGGI - S. GASPERINI - V. DINI - M. ROMANELLI 77 - LA COLLAGENASI, IL SUO CONTRIBUTO ALLA RIPARAZIONE TESSUTALE: REVISIONE BIBLIOGRAFICA B. PAGGI - S. GASPERINI 78 - NPWT MONOUSO: UNA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELLE NUOVE ESIGENZE SANITARIE A. MONTAGNESE 79 - MEDICAZIONI AVANZATE E CONFORMABILITÀ: UNA SFIDA CONTINUA S. GASPERINI - E. MESSERE - L. GHIRARDELLI B. PAGGI 80 - INNESTO DI CUTE OMOLOGA NELLE LESIONI DEGLI ARTI INFERIORI IN SOGGETTI AFFETTI DA BETA-TALASSEMIA INTERMEDIA - FOLLOW UP AD 1 ANNO F. P. PALUMBO - S. SERANTONI - F. ABBRITTI G. FAILLA - M. PERA - G. DI PAOLA V. MATTALIANO 81 - EFFICACIA DI SOLUZIONE A BASE DI SURFATTANTE E ALOE VERA NEL TRATTAMENTO DELLA CUTE SOTTO BENDAGGIO PROLUNGATO F. P. PALUMBO - S. SERANTONI - F. ABBRITTI M. PERA - G. FAILLA 82 - STRATEGIE TERAPEUTICHE PER ULCERE DIFFICILI A DIVERSA EZIOLOGIA A. FLORIO - A. SANTAGATA - F. ATTILIO L. M. RIZZO - R. POLICHETTI 83 - ULCERA CUTANEA A MANICOTTO DI GAMBA IN PAZIENTE CON SARCOMA DI KAPOSI E. NASOLE - S. MIGLIORE - C. NICOLETTI F. GIUFFREDA - A. ZUFFI 84 - INTERAZIONE GEL PIASTRINICO-IDROFIBRA ALL ARGENTO CON TECNOLOGIA HYDROFIBER NELLA TERAPIA DELLE ULCERE A GENESI VASCOLARE DEGLI ARTI INFERIORI P. DI GREGORIO 85 - QUALITÀ E APPROPRIATEZZA IN UN ULCERA VASCOLARE VENTENNALE DOLENTE L. NAVA - M. RITROVATO - G. MASCOLO C. FERRARI - R. MINOZZI - F. SCACCHETTI 86 - GESTIONE AMBULATORIALE DI UN ULCERA POST TRAUMATICA IN TEMPO DI CRISI L. NAVA - M. RITROVATO - G. MASCOLO C. FERRARI - F. RAMETTA - F. SCACCHETTI R.MINOZZI 87 - LA RIATTIVAZIONE DELLA PROLIFERAZIONE CELLULARE NELLE LESIONI CRONICHE NON-RESPONDER R. CASSINO - O. FORMA - E. S. ARAGONA A. IPPOLITO P. CUFFARO - A. CORSI 88 - LA RIMOZIONE DELL ESSUDATO MEDIANTE UNA MEDICAZIONE SUPERASSORBENTE DRENANTE R. CASSINO - O. FORMA - A. IPPOLITO P. CUFFARO - A. CORSI 89 - WOUND AREA SEVERITY INDEX (WASI): PROPOSTA ED ANALISI DI UN NUOVO INDICE DI VALUTAZIONE M. MACCHIA - V. DINI - S. GASPERINI - B. PAGGI V. TONFONI - M. ROMANELLI 90 - GESTIONE RAGIONATA MULTIDISCIPLINARE INTEGRATA IN UN CASO COMPLESSO DI PIEDE DIABETICO S. RONSIVALLE, MD; F.FARESIN, MD; M.RIGGI MD; R.LIPARI MD; F. PETTENUZZO MD; F. FRANZ MD S. RONSIVALLE - F. FARESIN - M. RIGGI - R. LIPARI F. PETTENUZZO - F. FRANZ 91 - VALUTAZIONE DELLA CORRELAZIONE TRA IPOTRANSFERRINEMIA E ULCERA CUTANEE CRONICHE A. CRISCI - G. LERRO - E. BOCCALONE 94 - UN ESPERIENZA DI GESTIONE DOMICILIARE DI LESIONI DA DECUBITO E ULCERE CUTANEE: OSSERVAZIONE DI 20 PAZIENTI SEGUITI AL DOMICILIO E TRATTATI CON T-LYS YAL C. PELLEGRINO - G. BROCCOLINI - D. BASILE G. MAIERÀ - M. D. MAULICINO - A. BAGHIN E. FERRARI - F. GIRALDO - L. PELUCCHI S. TORTORA 96 - GESTIONE DELLA SOVRAINFEZIONE DI UN ULCERA VASCOLARE CRONICA M. TESEI - M. SIGONA - T. LATTANZI M. CASTRICINI - D. ROSSOLINI 26 27

15 97 - VALUTAZIONE CLINICA DI UN NUOVO DISPOSITIVO A PRESSIONE TOPICA NEGATIVA NELLA GESTIONE DEGLI INNESTI CUTANEI PER IL TRATTAMENTO DI ULCERE NON HEALING F. P. PALUMBO - G. FAILLA - V. MATTALIANO S. SERANTONI - F. ABBRITTI - M. PERA M. M.DI SALVO 98 - ESPERIENZA DI UN AUDIT CLINICO SUL TEMA DELLA PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO C. SOLINAS - M. E. AUTERI - M.CIRONE D. AIRALDI - M. G. FERRERO - M. MARTOLINI I. MULLER - L. ROSA - S. PENAZZO - P. RUSTIGHI A. M. SACCONE 99 - EFFICACIA DI UN NUOVO SISTEMA DI DEBRIDEMENT NEL MANAGEMENT DELLE LESIONI DEGLI ARTI INFERIORI IN ETÀ GERIATRICA F. P. PALUMBO - S. SERANTONI - F. ABBRITTI G. FAILLA - M. M. DI SALVO IMPIEGO DI UN OLIOGEL NEL TRATTAMENTO DI LESIONI DIFFICILI SU PREGRESSA CICATRICE CHIRURGICA G. DIPAOLA - F. MANIACI - F. P. PALUMBO S. SERANTONI - B. I. BONFIGLIO CASE REPORT - ULCERE NEUROPATICHE IN PAZIENTE CON SPINA BIFIDA G. DIPAOLA - F. MANIACI - F. P. PALUMBO B.I. BONFIGLIO CASE REPORT - LESIONI DA PRESSIONE OCCIPITALI IN PAZIENTI IN TERAPIA INTENSIVA G. DIPAOLA - F. MANIACI - F. P. PALUMBO B. I. BONFIGLIO LA GESTIONE DI FERITE ALTAMENTE ESSUDANTI CON UNA MEDICAZIONE SUPERASSORBENTE : STUDIO OSSERVAZIONALE PRELIMINARE L. GAZZABIN - S. SERANTONI - T. PROCACCI M. BUCALOSSI - F. MARIANI - S. MANCINI F. P. PALUMBO - F. ABBRITTI ESISTE UN REALE VANTAGGIO NELL UTILIZZO DI LEMBI PERFORANTI NELLE LESIONI DA PRESSIONE? C. TARTAGLIONE - L. GRASSETTI - M. BOTTONI E. PETRUCCI - M. TORRESETTI - M. PIERANGELI A. SCALISE - G. DI BENEDETTO ELECTRONIC MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON FERITE DIFFICILI M. ORNELLI - L. GRASSETTI - M. BOTTONI M. GIOACCHINI - M. PIERANGELI - A. SCALISE G. DI BENEDETTO NPWT: L IMPORTANZA DI UNA ALTERNATIVA NELLA SCELTA DEL FILLER IN PAZIENTE CON INTOLLERANZA CUTANEA. CASE REPORT S.SILVESTRINI LESIONE IATROGENA DA CLEMATIS VITALBA O ERBA DEI CE3NCIOSI C. SOLINAS UTILIZZO DI UNA NUOVA MEDICAZIONE IN ARGENTO METALLICO (SILVER NYLON) PER IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI INFETTE G. MAIERÀ IL MIELE, UNA SOLUZIONE EFFICACE PER IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI CUTANEE G. MAIERÀ UTILIZZO DI MEDICAZIONI BIOATTIVE IN UN CASO DI CARCINOMA VERRUCOSO PERIANALE COMPETENZA INFERMIERISTICA E GESTIONE DEL DOLORE C. LANZONE IL WOUND CARE IN RADIOTERAPIA: STUDIO OSSERVAZIONALE SUL TRATTAMENTO DELLE RADIODERMITI. APPLICAZIONE DELLE BEST PRATICE ANCHE NELL UTILIZZO DELLA DOCUMENTAZIONE CLINICA R. P. TOMASIN - P. CARBONE - S. FERRANTE USO DI UN ANESTETICO TOPICO NEL DEBRIDMENT E. RICCI - F. MOFFA SULFADIAZINA D ARGENTO NEL TRATTAMENTO DI FERITE COLONIZZATE DA MRSA E. RICCI - M. GIARRATANA - M. PITTARELLO P. AMIONE ALTE FREQUENZE CONTROLLATE NEL TRATTAMENTO DI LESIONI CUTANEE CRONICHE DIFFICILI E. RICCI - M. PITTARELLO - M. GIARRATANA GLI OZONURI NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE SU CICATRICI E. RICCI - E. TONINI - S. FERRERO - B. PAGLIANO M. GIARRATANA LO STUDIO RITRALED: LE ALTEFREQUENZE CONTROLLATE NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI TROFICHE NEL PIEDE DIABETICO V. PRISCO - R. GRECO - B.L. FARINA AN INNOVATIVE TOOL FOR DIABETIC FOOT ULCER: THE D.A.N.T.E STUDY G. NAVALESI - L. MOLTENI TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA LA RADIOFREQUENZA NEL TRATTAMENTO DEL REFLUSSO SAFENICO IN PAZIENTI CON ULCERA VENOSA G. DIPAOLA - F. MANIACI - F. P. PALUMBO G. FAILLA - S. SERANTONI - B. I. BONFIGLIO CON INSTILLAZIONE: L ESPERIENZA DI UN CENTRO DI TERZO LIVELLO NEL TRATTAMENTO DELLE FERITE DIFFICILI M. PANGOS - G. PAPA - L. SPAZZAPAN L. MARTELLANI - C. STOCCO - Z. M. ARNEZ 29

16 INFORMAZIONI SCIENTIFICHE ACCREDITAMENTO ECM CONGRESSO Provider: ASSOCIAZIONE ITALIANA ULCERE CUTANEE ONLUS, D Provider n. 1556, Evento n Sono stati assegnati 4.5 crediti per le seguenti categorie: MEDICO CHIRURGO Angiologia; Dermatologia e Venereologia; Geriatria; Malattie Metaboliche e Diabetologia; Medicina Fisica e Riabilitazione; Medicina Interna; Chirurgia Generale; Chirurgia Plastica e Ricostruttiva; Chirurgia Vascolare; Ortopedia e Traumatologia; Anestesia e Rianimazione; Medicina Generale (Medici Di Famiglia); FARMACISTA Farmacia Ospedaliera; Farmacia Territoriale; PODOLOGO TECNICO ORTOPEDICO FISIOTERAPISTA INFERMIERE ESPOSIZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Nell area del Congresso verrà allestita una esposizione di materiale tecnico, farmaceutico e di editoria scientifica. POSTER I poster potranno essere affissi il giorno 19 settembre dalle ore alle ore e dovranno essere obbligatoriamente rimossi a termine evento entro il 21 settembre alle ore La commissione per la valutazione dei poster visionerà i lavori venerdì 20 settembre dalle ore alle ore 14.30, pertanto si richiede agli autori la presenza per la discussione con il comitato valutatore. La premiazione dei migliori poster avverrà durante la Cena Sociale. PREMIO GAETANO ROMANO PER IL MIGLIOR POSTER CONGRESSO AIUC 2013 Il premio è assegnato ai 4 migliori poster e al miglior poster infermieristico al Congresso. I premi consistono nell iscrizione gratuita al prossimo congresso AIUC. PREMIO SCIENTIFICO AIUC - DI TORA Commissione: giuria nominata all inizio dell anno dal Consiglio Direttivo AIUC e presieduta dal Presidente AIUC, formata in totale da 5 soci AIUC equamente distribuiti fra medici e non. I membri della giuria ed i loro collaboratori sono esclusi dal Premio. Il premio scientifico AIUC-Di Tora è riservato ai soci AIUC. Per l attribuzione del premio dell edizione 2013 sono stati presi in considerazione tutti i lavori pubblicati nell anno solare precedente (2012) sulla rivista Acta Vulnologica. L entità del premio è stabilita, anno per anno, dal Consiglio Direttivo. La consegna dei Premi sopra indicati è prevista sabato 21 settembre durante la chiusura dei lavori. ASSEMBLEA SOCI AIUC E VOTAZIONI L assemblea dei soci è convocata giovedì 19 settembre dalle ore alle ore in aula Caravella S. Maria. Il seggio elettorale sarà aperto per le votazioni giovedì 19 settembre dalle ore alle ore e venerdì 20 settembre dalle ore alle ore RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO AIUC Il Consiglio Direttivo si riunirà il giorno 18 settembre dalle ore alle ore presso il Centro Congressi San Raffaele, in Aula Caravella Nina e il giorno 19 settembre dalle ore alle in Aula Caravella Pinta. RIUNIONE COORDINATORI REGIONALI AIUC Nel corso del Congresso è prevista la Riunione dei Coordinatori Regionali AIUC che si terrà il giorno 18 settembre dalle ore alle ore presso il Centro Congressi San Raffaele, in Aula Caravella Nina. RIUNIONE DEL COMITATO DI BIOETICA AIUC Nel corso del Congresso è prevista la Riunione del Comitato di Bioetica AIUC che si terrà il giorno 19 settembre dalle ore alle ore presso il Congressi San Raffaele, Servizio di Vulnologia, Studio di Ornella Forma. VARIAZIONI Il Comitato Organizzatore e la Segreteria Organizzativa si riservano il diritto di apportare al programma tutte le variazioni che dovessero rendersi necessarie per ragioni tecniche e/o scientifiche. Qualsiasi aggiornamento del programma sarà segnalato sul sito

17 INFORMAZIONI GENERALI SEDE CONGRESSUALE Centro Congressi San Raffaele Via Olgettina, Milano SEGRETERIA La segreteria osserva il seguente orario: giovedì 19 settembre dalle ore alle ore venerdi 20 settembre dalle ore alle ore sabato 21 settembre dalle ore alle ore QUOTE DI ISCRIZIONE (COMPRENSIVE DI IVA 21%) La quota d iscrizione al Congresso include: Partecipazione ai lavori scientifici, Kit Congressuale, Attestato di partecipazione, Atti del Congresso. La quota d iscrizione Staff Aziende include: Kit Congressuale, Atti del Congresso. SOCI* AIUC NON SOCI AIUC CENA SOCIALE STUDENTI, SPECIALIZZANDI** STAFF AZIENDE BADGE 200,00 euro 350,00 euro 85,00 euro 100,00 euro 150,00 euro ATTESTATI DI PARTECIPAZIONE Gli attestati di partecipazione al XII Congresso Nazionale AIUC verranno consegnati esclusivamente Sabato 21 settembre 2013, presso la Segreteria Organizzativa AUDIOVISIVI E CENTRO SLIDE Al piano terra è a disposizione un centro audiovisivi per la consegna delle presentazioni dei Relatori delle varie sessioni. Si prega di consegnare le presentazioni con largo anticipo (almeno 3 ore prima) per agevolare l installazione sui PC di sala. È prevista la sola proiezione da personal computer con l utilizzo di Office 2000 (Power- Point) per Windows. Per proiezione di filmati VHS, o per altre particolari esigenze tecniche, gli Speaker sono pregati di contattare preventivamente la Segreteria Organizzativa. Non sarà possibile soddisfare tali richieste se effettuate in sede congressuale. È assolutamente necessario che eventuali files (filmati, video, immagini) siano memorizzati nella stessa cartella della presentazione di Power Point. I relatori che utilizzano sistemi Macintosh e presentazioni Keynote sono invitati a convertirli nel formato Power Point. LINGUA UFFICIALE E TRADUZIONE SIMULTANEA La lingua ufficiale del Congresso è l italiano. HOTEL La Segreteria Organizzativa mette a disposizione la sua Divisione Grandi Allotment, affiliata a CCI e dedicata in esclusiva alla gestione delle prenotazioni alberghiere, presso i migliori alberghi, a tariffe convenzionate. Presso la Segreteria, nei giorni 19 e 20 settembre, sarà presente un responsabile Grandi Allotment Hotel Reservation per richiedere informazioni relative agli hotel. CENA SOCIALE La cena sociale del congresso si terrà venerdì 20 settembre alle ore A ciascun partecipante regolarmente iscritto verrà rilasciato un badge che consentirà l accesso ai lavori scientifici e all area espositiva. Si prega di indossare sempre il proprio badge e di mostrarlo al personale preposto in caso di controllo. I badge sono di 3 tipi: - Badge con fascetta azzurra: PARTECIPANTI - Badge con fascetta rossa: RELATORI - Badge con fascetta gialla: ESPOSITORI * In regola con il pagamento della quota associazione dell anno corrente. Coloro che non fossero in regola con l iscrizione annuale pagheranno quota NON SOCI. ** Si richiede ai medici specializzandi di allegare certificato di iscrizione alla scuola di specializzazione

18 PLANIMETRIE CENTRO CONGRESSI SAN RAFFAELE PIANO ZERO CENTRO CONGRESSI SAN RAFFAELE 1 PIANO INTERRATO CENTRO CONGRESSI SAN RAFFAELE 2 PIANO INTERRATO SEGRETERIA 1 AULA CARAVELLA PINTA AREA ESPOSITIVA 4 AULA CARAVELLA S. MARIA AULA DIDATTICA 2 AULA CARAVELLA NINA AREA ESPOSITIVA GUARDAROBA 3 CENTRO SLIDE AREA POSTER 34 35

19 PATROCINI SI RINGRAZIA CON L ADESIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA COMUNE DI MILANO A.I.A.S. - ASSOCIAZIONE ITALIANA ASSISTENZA SPASTICI A.I.L.S. - ASSOCIAZIONE ITALIANA LOTTA ALLA SCLERODERMIA A.I.O.S.S. - ASSOCIAZIONE ITALIANA OPERATORI SANITARI STOMATERAPISTI A.I.S.D. - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL DOLORE A.S.B.I. - ASSOCIAZIONE SPINA BIFIDA ITALIA ONLUS AQUA ONLUS - ASSISTENZA QUOTIDIANA ANZIANI COLLEGIO IPASVI DI VARESE D.R.I. - DIABETES RESEARCH INSTITUTE FOUNDATION F.O.F.I. - FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI FEDERDOLORE - SOCIETÀ ITALIANA DEI CLINICI DEL DOLORE FEDERFARMA - FED. NAZIONALE UNITARIA DEI TITOLARI DI FARMACIA ITALIANI, SEZ. LOMBARDIA FONDAZIONE ITALIANA DIABETE ONLUS G.I.L.S. - GRUPPO ITALIANO PER LA LOTTA ALLA SCLERODERMIA GRUPPO ITALIANO LES PER LA LOTTA CONTRO IL LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO L.U.DE.S - LIBERA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE UMANE E TECNOLOGICHE ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DI LECCO S.I.A.P.A.V. - SOCIETÀ ITALIANA DI ANGIOLOGIA E PATOLOGIA VASCOLARE S.I.F.C.S. - SOCIETÀ ITALIANA DI FLEBOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE S.I.F.L. - SOCIETÀ ITALIANA DI FLEBOLINFOLOGIA S.I.M.G. - SOCIETÀ ITALIANA MEDICINA GENERALE S.I.M.S.I. - SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA SUBACQUEA ED IPERBARICA S.I.P.O - SOCIETÀ ITALIANA DI PODOLOGIA 36 37

20 FARMACEUTICI Fidia farmaceutici S.p.A. Via Ponte della Fabbrica, 3/A Abano Terme (PD) - Italy - Tel Fax

64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE

64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE 64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica MILANO (16) 17-19 Settembre 2015 PROSPETTO SPONSOR INFORMAZIONI GENERALI: Presidente: Prof. Riccardo Mazzola,

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE CONSENSUS INTERNAZIONALE MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE Review dell Expert Working Group REDATTORE: Suzie Calne EDITORE: Kathy Day CONSULTANT ADVISOR: Professor Gregory Schultz,

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Il paziente critico a domicilio

Il paziente critico a domicilio Società Italiana Cure Domiciliari 2 Congresso Nazionale 13-16 aprile 2005 NAPOLI Centro Congressi New Europe Hotel DEADLINE 1 MARZO 2005 ABSTRACT ONLINE Il paziente critico a domicilio - Programma - Sito

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA

GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE CHIRURGICHE DEL NEONATO: UPDATE COMUNICATO STAMPA Si terrà a Catania dal 30 Maggio all 1 Giugno 2013 un importante evento a livello nazionale che tratterà la tematica del neonato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management Il unitamente all Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia - Master di II livello in Project Manager in Sanità - ed i Collegi di Bari, BAT, Benevento, Bergamo, Campobasso, Caserta,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli