LO STRESS LAVORATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STRESS LAVORATIVO"

Transcript

1 LO STRESS LAVORATIVO Patrizia Marciano * Riassunto. La gestione delle risorse umane in ambito lavorativo ha assunto negli ultimi anni un ruolo di fondamentale importanza,tanto da rientrare negli obiettivi primari di qualsiasi azienda. Studi recenti hanno più volte ribadito l importanza di evidenziare e prevenire le condizioni di stress lavorativo. Questo articolo vuole chiarire queste problematiche e indicare delle strategie di gestione delle stress lavorativo;esso integra molti aspetti del fenomeno e diversi punti di vista. Parole chiave. Stress, ambiente, lavoro. Summary. The management of the uman resources in working within has assumed during the last years a role of fundamental importance,much to re-enter in objects of whichever company.recent studies many times have confirmed the importance to evidence and to present the conditions of working stress. This article wants to clear these problematics and to indicate strategies of management of working stress, it completes many aspects of the phenomenon and various point of view. Key words. Stress, work, strategies Introduzione La maggior parte delle persone trascorre almeno per cinque giorni la settimana un terzo della propria giornata in un luogo di lavoro. Gran parte di questo tempo viene impiegato in lavori che prevedono l intervento anche di altre persone, con le quali si può instaurare anche un rapporto di amicizia. Le statistiche sociali ci informano però che almeno la metà delle persone non ha amici sul posto di lavoro. Nonostante la bassa percentuale di coloro che amano trascorrere in propri ambiente di vita del tempo con i colleghi, i rapporti di lavoro devono ritenersi importanti dal momento che se buoni e specie se improntati alla solidarietà reciproca costituiscono una solida fonte di benessere e sicurezza. I cambiamenti oggi in atto nel mondo del lavoro rischiano di minare seriamente la salute fisica e mentale di milioni di lavoratori, costretti ad adattarsi, e in tempi rapidi, alle strategie aziendali che sono sempre più raffinate e mutevoli, perché a loro volta costrette a rispondere in modo adeguato alle innovazioni tecnologiche, e alle richieste del mercato sempre più competitivo. Si sta correndo il rischio di considerare il lavoratore come un robot iperefficiente che deve rispondere ad esigenze qualitative legate esclusivamente ala produttività aziendale. Il problema è così sentito che il risultato di un indagine promossa dall Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro ha identificato nello stress e nei fattori psico sociali ad esso connesse, le priorità attuali e future della ricerca. Lo stato di malattia correlato allo stress rappresenta quindi il principale motivo di preoccupazione in relazione all impatto che esercita sulla vita dei singoli individui e sulla produttività delle organizzazioni e dei paesi. Lo stress correlato al lavoro, è diventato una delle sfide principali per la salute sul lavoro in ambito europeo. La stessa cosa si può affermare per tutti i paesi sviluppati a tecnologia avanzata. Così per lo stress psico sociale l esperienza di stress dipende dalla capacità dei singoli di far fronte alle richieste provenienti dal lavoro, dal modo in cui riescono a soddisfarle e a questioni connesse al controllo e al sostegno. Lo stress nell ambito di un modello transazionale, è ormai universalmente definito come uno stato psicologico che, oltre che esserne parte, riflette un progresso più ampio di interazione tra le persone e il loro ambiente di lavoro. Ne consegue che la misurazione dello stress si deve basare essenzialmente su misure soggettive che si concentrano sul processo di valutazione, sull esperienza emotiva e sull interazione persona ambiente. Tuttavia, le misure soggettive di valutazione sono di per sé insufficienti e si è molto dibattuto sui problemi metodologici sollevati dalla affettività negativa e dalla varianza di metodo comune. L attuale letteratura ha individuato l esigenza di determinare la validità dei dati soggettivi in relazione a prove ulteriori ed esterne, come ad esempio la strategia di triangolazione delle prove. La misurazione del processo di stress risulta comunque essere complessa e non adeguatamente trattata da misure singole ed esclusive. * Psicologa,cultore della materia psicologia dello sviluppo e della comunicazione presso l Università di Cassino QUALE Psicologia, 2007, 29 34

2 Esistono prove inconfutabili che l esperienza di stress sul lavoro sia associata a cambiamenti del comportamento e della funzione fisiologica, entrambi dannosi per la salute dei lavoratori dipendenti. Molto si conosce dei meccanismi alla base di questi effetti, e una particolare attenzione è stata dedicata alle patologie che possono essere associate ad una attività immunitaria ridotta, nonché quelle legate più tradizionalmente allo stress come le cardiovascolarità. Sono stati ben definiti alcuni effetti psichici, come la sindrome del burn-out, il cui incremento sembra essere correlato agli attuali cambiamenti, dipendenti dal processo di globalizzazione, che si stanno verificando nel mondo del lavoro. Molte indagini sullo stress non riescono a fornire una base sufficientemente dettagliata per efficaci programmi di intervento. La letteratura scientifica indica che i programmi di intervento che hanno come obiettivo la struttura organizzativa, anziché i singoli dipendenti sono quelli da cui si possono ottenere i maggiori benefici. Questo tipo di intervento si può attuare in maniera rapida e ottenere un riscontro positivo garantendo il rispetto dell operatore e dalla sua professionalità e introducendo una politica che ottimizzi la gestione delle risorse umane. La premessa è comunque data dal garantire un ambiente di lavoro con strutture adeguate e il rispetto delle norme contrattuali. I programmi di intervento indirizzati ai singoli operatori sono più difficili da gestire e richiedono molto tempo in quanto ci si confronta con diverse strutture di personalità. In pratica però si ricorre quasi sempre a questa seconda tipologia di intervento in quanto non mette in discussione la struttura organizzativa ed ha un costo economico inferiore. Secondo l attuale tendenza del pensiero legale in Europa, lo stress correlato al lavoro rappresenta una tematica sia attuale che futura per la salute e la sicurezza e in quanto tale, dovrebbe essere trattata con lo stesso modo logico e sistematico applicato ad altre questioni in materia di salute e sicurezza. La nostra capacità di comprendere e gestire questa problematica sta migliorando e gli studi fin qui proposti appaiono promettenti. Nel continuare ad affrontare questa sfida è quanto mai necessario non parlare più di prevenzione di disagio psichico in risposta alle problematiche lavorative, quanto di promozione del benessere. Il lavoro non è un nemico da sconfiggere ma un alleato indispensabile per il miglioramento della qualità della nostra vita. Lo stress come fattore di rischio lavorativo. Relazioni disfunzionali con superiori, colleghi o subordinati, isolamento e scarso sostegno interpersonale sul lavoro, sono correlati con elevati livelli di stress. Il ruolo nell ambito di una organizzazione può essere fonte di stress se scarsamente definito o caratterizzato da ambiguità. L attuale sistema economico tutto basato sul profitto a breve termine contrasta con i principi della qualità del lavoro ed entra spesso in conflitto con i valori che i dipendenti più devoti hanno in relazione al loro lavoro. Numerose organizzazioni stanno in pratica sopprimendo l aspetto personale del loro rapporto con i clienti, svilendo in tal modo il ruolo e la professionalità acquisita, spesso dopo anni di esperienza, dei loro migliori collaboratori. Molte organizzazioni preoccupate solo dal profitto a breve termine, hanno effettuato scelte spesso incoerenti con i loro valori centrali e con quelli dei loro dipendenti, riducendo gli aspetti più dispendiosi e tra questi il servizio clienti. Gli obiettivi generali cioè entrano spesso in conflitto con la loro realizzazione concreta. L impossibilità di realizzare un mondo organizzativo in cui si crede e che si desidera non può essere considerata un esperienza trascurabile. Essa colpisce proprio il centro del rapporto uomo lavoro, specie se si tratta di individui professionalmente preparati, sensibili e con spiccato senso di appartenenza. Altra forma di gratificazione che si sta perdendo è la sicurezza del lavoro. Non esistono più le posizioni di fiducia garantite da anni di leale collaborazione. Le scale salariali sono strutturate in maniera tale che lo stipendio più basso ricevuto all atto dell ingresso nel mondo del lavoro aumenti poi progressivamente in coincidenza con gli scatti di anzianità o con una promozione. Questo meccanismo si basa sul concetto che lo stipendio elevato ottenuto a fine carriera compensa quello basso iniziale. Ma i ridimensionamenti, i licenziamenti e i pensionamenti anticipati hanno finito per rendere vano questo meccanismo, cosicché i compensi salariali complessivi risultano di molto ridotti. Come abbiamo accennato in precedenza sta venendo meno anche quella forma di gratificazione spirituale denominata compenso interiore. Le persone, che svolgendo il proprio lavoro risolvono problemi anche tecnicamente difficili con professionalità intraprendenza e professionalità, acquisiscono senza dubbio di ritorno uno stato di benessere mentale. A causa degli attuali processi di ristrutturazione, le organizzazioni incontrano notevoli difficoltà nel preservare senso di fiducia, lealtà e rispetto reciproco. Non investono più risorse per costituire una forte comunità professionale, dal momento che gli investimenti hanno l unica finalità del profitto a breve termine, dimostrando così di avere uno scarso interesse per il benessere dei propri dipendenti. Le direzioni non attribuiscono più alcun valore alle valutazioni espresse dai dipendenti circa le priorità da perseguire. In conclusione si può senza dubbio affermare che lo scarso potere di controllo e l impossibilità di usare e sviluppare nuove tecniche e conoscenze costituiscono elementi fortemente stressogeni. L aumento invece della possibilità di pianificare e controllare il proprio lavoro e la partecipazione alle decisioni che lo riguardano sono condizioni QUALE Psicologia, 2007, 29 35

3 universalmente riconosciute come favorevoli per raggiungere una buona soddisfazione con rafforzamento dell autostima. Le divergenze di opinioni sono all ordine del giorno nei luoghi di lavoro. Tuttavia se incanalate in un confronto costruttivo e affrontate in modo appropriato possono avere effetti positivi come : - rapporti rafforzati; - aumento di fiducia verso l interlocutore; - aumento dell autostima; - crescita della creatività e della produttività. I rapporti di lavoro possono essere quindi fonte di sicurezza, soddisfazione e amicizia. Tuttavia essi tendono ad essere piuttosto superficiali e sfociano in un conflitto più spesso di quanto succeda con i rapporti di amicizia o con quelli familiari(7), a causa delle aspettative nettamente diverse. In un rapporto di lavoro in genere ci si aspetta crescita personale e vantaggi finanziari, mentre in un rapporto di amicizia è lo stesso rapporto l oggetto dell interesse. Nel mondo del lavoro i rapporti sono in genere funzionali all attività svolta. La soddisfazione aumenta se poi questi rapporti sono anche di natura amichevole e cooperativa. Alcuni studiosi hanno elaborato delle vere e proprie teorie per spiegare in termini di rapporto costo-benefici i diversi livelli di soddisfazione derivanti dalle relazioni che si instaurano nei posti di lavoro. Secondo la teoria dell equità (8) le relazioni più appaganti sono quelle in cui i benefici sono in equilibrio con i costi e cioè una relazione con un collega risulta soddisfacente se entrambe le parti sanno di poter contare sull altra in termini di collaborazione e nella condivisione delle responsabilità e del carico di lavoro. Spesso in un gruppo un componente, spinto dal desiderio di promozione tende ad assumersi maggiori responsabilità, senza che ciò costituisca necessariamente una fonte di squilibrio. L importante è la percezione da entrambe le parti che quanto ricevono sia equo. Secondo la teoria dell investimento (9) la maggiore soddisfazione si trae da quei rapporti che garantiscono compensi alti che comunque superano le aspettative a fronte di bassi costi. Questa seconda teoria, contrariamente alla prima si applica bene ai rapporti lavorativi di tipo gerarchico. Con il proprio superiore si instaura una relazione soddisfacente se oltre agli ordini si ricevono conoscenze, abilità e gratificazioni. Come è stato detto in precedenza il contrasto se trasformato in confronto costruttivo può diventare positivo, ma se gli obiettivi delle parti non sono compatibili, se viene meno la fiducia e nessuno si assume la responsabilità di arrivare a un compromesso allora nasce il conflitto. I rapporti informali tra colleghi possono stimolare la cooperazione ma anche favorire la creazione di sottogruppi che tendono ad escludere una o più persone dalla rete dei rapporti informali. Si può arrivare fino ad isolare completamente una persona escludendola dalla circolazione delle informazioni e dal processo decisionale. Più un gruppo è coeso, con dinamiche di relazione ormai consolidate, maggiore è la soddisfazione di coloro che ne fanno parte, ma nello stesso tempo è più alto il rischio di comportamenti negativi nei confronti dei non appartenenti al gruppo. La coesione è spesso rafforzata dalla percezione di una minaccia esterna. L appartenenza ad un gruppo anzi è spesso vista come alibi per ostacolare l inserimento di persone etichettate come diverse. E quello che succede alle donne in alcuni ambienti lavorativi come le forze dell ordine e l industria o agli uomini nella scuola materna ed elementare. Gli stessi stereotipi che riguardano il sesso o la razza possono servire per giustificare comportamenti discriminanti nei confronti di neoassunti, disabili e lavoratori e lavoratrici omosessuali. Gli effetti dello stress sulla salute. In rapporto al tipo di stress subito, alla sua durata, alla nostra capacità di controllarlo, vengono attivati, più del solito e più degli altri, alcuni sistemi endocrini che, alla lunga, possono produrre la malattia, prevalentemente fisica o prevalentemente psichiatrica (20). Gli effetti fisici sono in genere correlati con un innalzamento di adrenalina e cortisolo, ormai universalmente riconosciuti come ormoni dello stress che agiscono in modo particolare nei confronti di alcuni organi o apparati come quello endocrino, cardiovascolare ed immunitario. Le alterazioni immunitarie indotte da stress possono favorire la comparsa delle seguenti tipologie di malattie: - autoimmunitarie; - infettive; - neoplastiche; - psichiatriche. Nelle cavie sottoposte a stress è stata constatata una ipersensibilità cutanea verso un agente chimico normalmente innocuo. In uno studio chimico su soggetti asmatici si è visto che questi, pur non essendo riconducibili entro una sola categoria basata sui tratti della personalità, presentavano tutti dei conflitti legati ad un inconscio desiderio di dipendenza che poteva essere fatto risalire al rapporto con i genitori. Inoltre le crisi di asma allergica si presentavano in concomitanza di avvenimenti che frustravano questo bisogno di dipendenza. La storia individuale dell organismo gioca un ruolo determinante nello sviluppo delle funzioni del sistema immunitario. Di fatti in animali da esperimento sottoposti durante lo sviluppo a stress lievi, si è potuto evidenziare un aumento della risposta immunitaria. Per quanto riguarda la risposta autoimmune si è trovata una correlazione tra numerose patologie dipendenti da questa disfunzione del sistema immunitario (artrite reumatoide, lupus eritematosus sistemico, sclerosi multipla e QUALE Psicologia, 2007, 29 36

4 morbo di Graves)) e specifici tratti della personalità, inoltre è stato possibile ricollegare l insorgenza dei primi sintomi patologici ad avvenimenti particolarmente carichi dal punto di vista emotivo. Inoltre la rapidità di progressione delle malattie e la gravità del degrado fisiologico prodotto e la mancanza di risposta al trattamento sono stati messi in relazione con la capacità di pazienti di approntare efficaci difese psicologiche (coping) nei confronti della situazione, con l ansia e la depressione che ne derivano. Valutazione gestione e prevenzione dello stress lavorativo. Esiste un considerevole numero di studi che trattano gli stressors in ogni ambiente di lavoro. Tuttavia la ricerca sulla natura e sugli effetti di un pericolo non coincide con la valutazione del rischio associato (51). Gran parte degli studi pubblicati fornisce una quantità esigua di dati che potrebbero essere utilizzati per una valutazione dei rischi. Molte ricerche tendono ad individuare solo i pericoli o solo i risultati, mentre una valutazione dei rischi ha l obiettivo di stabilire un associazione tra i pericoli e le conseguenze per la salute. Ciò può essere senz altro attribuito al fatto che la maggior parte degli interventi per la gestione dello stress si pone come obiettivo l individuo e non l organizzazione, che considera più economico e meno complicato questo tipo di intervento. Si tratta spesso di progetti disponibili in forma standardizzata, completamente avulsi dal progetto di diagnosi dei problemi. La psicologia del lavoro ha mutuato il concetto di valutazione dei rischi dal campo del controllo dei rischi fisici (decreto legislativo 626/94). Questa impostazione presenta il vantaggio di essere una strategia che il datore di lavoro già conosce e fornisce al tempo stesso una struttura integrata che potrebbe contenere i rischi psicosociali come ulteriore categoria di pericoli da rilevare sul posto di lavoro. Emergono tuttavia notevoli difficoltà quando si cerca di ampliare l impostazione della valutazione dei rischi fino ad includere i rischi psicosociali. Non è difatti possibile stabilire una esatta simmetria concettuale tra rischi fisici e psicosociali. L esposizione a determinati livelli di rumore (D.Lgs. 277/91) viene riconosciuta come un rischio incontestabile per la salute di ciascun lavoratore, così come si può affermare che alcune sostanze siano sicure per tutti. Queste affermazioni espresse con una precisione quasi matematica non possono essere traslate con altrettanta sicurezza, sulla maggior parte dei rischi psicosociali. Questa natura ambigua dei rischi psicosociali contribuisce anche a rendere ancora più difficile la creazione di rapporti causali tra pericolo e danno.(52). La letteratura scientifica sulla gestione dei rischi risulta essere ancora più scarsa rispetto a quella disponibile sulla valutazione dei rischi. Oltre alle rassegne degli interventi di gestione dello stress, gran parte delle pubblicazioni sull argomento si limitano a fornire norme, raccomandazioni e orientamenti su quello che equivale alla buona pratica con alcuni contenuti psicologici, oppure ancora indicazioni standard generali per un ambiente di lavoro più sano (53). Inoltre, il mancato esame dell efficacia dei programmi di gestione dello stress rimane uno dei limiti principali della letteratura scientifica (54). Nonostante le difficoltà fin qui descritte appare utile in qualche maniera cercare di classificare la gestione dello stress sulla base dei suoi obiettivi, delle strategie e dell agente mediante (55). Sebbene solo poche organizzazioni sembrano affrontare in modo diretto ed intenzionale la gestione dello stress sul lavoro, le azioni che vengono adottate possono essere classificate nei termini dei loro obiettivi impliciti. Si possono individuare almeno tre diversi obiettivi che sono stati adottati dalle organizzazioni per gestire lo stress occupazionale e i suoi effetti sulla salute (56): 1. prevenzione: controllo dei rischi e dell esposizione attraverso la pianificazione e la formazione dei lavoratori per ridurre le loro possibilità di andare incontro a situazioni di stress. 2. Reazione tempestiva: gestione e risoluzione dei problemi di gruppo, volta a migliorare la capacità dell organizzazione (o della direzione) di riconoscere e di affrontare i problemi nel momento in cui si presentano. 3. Riabilitazione: appoggio ulteriore (inclusa la consulenza) per aiutare i lavoratori ad affrontare i problemi esistenti e a ritrovare l equilibrio. Nell ambito di questo modello si opera spesso una distinzione tra quegli obiettivi che si concentrano e si focalizzano sull organizzazione (gestione dello stress organizzativo) e quelli che riguardano e si concentrano sull individuo (gestione dello stress individuale). Sebbene la letteratura dedichi attualmente una certa attenzione ad entrambi gli approcci, gran parte della pratica è maggiormente orientata verso un approccio individuale e più clinico (ritenuto come già detto più semplice e meno costoso). Allo stesso tempo, mentre viene dedicata una discreta attenzione alle strategie preventive e riabilitative, le strategie reattive ricevono un attenzione minore. In considerazione della distinzione operativa tra i diversi obiettivi possibili (56) è opportuno accoppiare i concetti di agente e obiettivo in tre modi differenti che danno origine ad altrettante domande (55): QUALE Psicologia, 2007, 29 37

5 - organizzazione come agente ed obiettivo: quali misure può adottare l organizzazione per mettere ordine nella propria struttura? - Organizzazione come agente e lavoratore come obiettivo: quali misure può adottare l organizzazione per migliorare l appoggio offerto ai lavoratori? - Lavoratore come agente ed obiettivo: cosa possono fare i singoli lavoratori per gestire meglio il proprio lavoro e le eventuali esperienze di stress ad esso collegati? In realtà la seconda e la terza domanda coincidono in quanto si interrogano se l organizzazione possa assistere i singoli a darsi aiuto. Questo spesso rappresenta l obiettivo esplicito dei programmi di sostegno per i lavoratori dipendenti. Logicamente esiste un quarto accoppiamento (il lavoratore come agente e l organizzazione come obiettivo) in cui si descrive il coinvolgimento dei lavoratori nello sviluppo organizzativo. In sintesi esistono tre tipi comuni di intervento che si possono riscontrare nella letteratura sulla gestione dello stress: il primario che prevede alcune forme di sviluppo organizzativo o del lavoro che tendono a ridurre gli stressors (controllo dei rischi) e includono la progettazione del lavoro e l ergonomia (57); il secondario si basa sulla formazione del lavoratore sia in termini di promozione della salute che di capacità psicologiche (58); il terziario è incentrato sull assistenza al lavoratore dipendente, fornendo per lo più servizi di counseling. Tuttavia nonostante la copiosa letteratura presente sull argomento è difficile determinare l efficacia relativa dei programmi in questione, a causa delle carenze metodologiche e alla mancanza di valutazioni adeguate. Le valutazioni dovrebbero comprendere le analisi dei costi e dei benefici e le stime relative alla soddisfazione dei lavoratori dipendenti, gli stressors del lavoro, il rendimento, l assenteismo e le condizioni di salute. Questo però avviene di rado. Uno dei vantaggi che gli interventi di tipo primario per la riduzione dello stress comportano, consiste nel fatto che cercano di modificare stressors comuni a tutti, schivando in questo modo gli effetti di selezione, presenti invece negli interventi di tipo secondario o terziario in quanto su base volontaria (59). Gli interventi primari risultano però essere i meno comuni in quanto in un contesto organizzativo cambiare la natura del lavoro o dell organizzazione può essere ritenuto più scoraggiante e complesso che non semplicemente far ricorso a qualche altro tipo di intervento (60). Da un indagine condotta negli Stati Uniti (61), sono emerse opinioni nettamente contrapposte sullo stress tra gruppi sindacali e dirigenziali. Mentre la direzione sottolinea gli interventi individuali (secondari e terziari) in cui personalità, problemi familiari o stile di vita vengono considerati come le principali fonti di stress, per i gruppi sindacali i fattori sociali ed organizzativi, come la progettazione del lavoro e lo stile di gestione, rappresentano entrambi obiettivi più adatti e responsabili su cui concentrare gli interventi. Va poi sottolineato come a volte i miglioramenti descritti ad esito degli interventi secondari e terziari possono in realtà essere dovuti ad effetti non specifici, quali la credibilità del trattamento, le aspettative o addirittura il solo sedersi tranquillamente. Riportiamo di seguito alcune indicazioni pragmatiche da tenere presenti nel caso vengano messi in atto progetti di intervento (62). Il processo di intervento deve essere voluto dal vertice e da questo deve essere almeno sponsorizzato, bisogna tentare ogni strada per promuovere un pronunciamento del vertice in carica, al fine di sostenere l avvio e la realizzazione. E facile teorizzare la necessità di avere un vertice che si metta alla testa di un processo di cambiamento utile alla competitività dell azienda e all accrescimento della cultura e del benessere dei lavoratori. Bisogna però essere coscienti del fatto che proprio in quelle organizzazioni piene di stressors e pertanto più bisognose di intervento ci si trova spesso di fronte a vertici non coesi,qualche volta in conflitto, in altri casi distratti da fatti personali, se non addirittura precari nell incarico. In questi casi molto dipende da quelle persone attive e innovative che hanno a cuore le sorti dell azienda, sulle cui spalle ricade la responsabilità di promuovere i possibili cambiamenti anche con il rischio di invadere il campo altrui. Tutte le parti in causa devono essere coinvolte, anche se in misura diversa per evitare veti palesi od occulti durante e soprattutto alla fine della fase diagnostica e progettuale. Il gruppo di progetto deve essere sufficientemente rappresentativo delle parti in causa e in particolare di quelle maggiormente coinvolte dal processo di intervento. Il numero delle professionalità da includere deriva dalla complessità del problema del cambiamento che si intende e si è capace di attivare. Il numero dei consulenti da coinvolgere e il momento del loro coinvolgimento deve essere strettamente regolato in base alle necessità di arricchimento conoscitivo del gruppo impegnato nel progetto. L obiettivo dell intervento deve essere chiaro, formalmente espresso e comunemente condiviso alla partenza. Le fasi, i tempi, le risorse umane ed economiche, i supporti organizzativi e tecnici devono essere definiti a monte nel modo più puntuale possibile, ma i risultati intermedi possono costituire momenti importanti per decisioni d investimento su di esso. La comunicazione interna, come presupposto dell intervento e come strumento di facilitazione dalla sua propagazione, diventa importante. Comunicare la volontà del vertice risulta stimolante, comunicare modalità omogenee di analisi diventa utile, comunicare soluzioni progettuali diventa conveniente, comunicare le aspettative delle parti e i suggerimenti di miglioramento diventa organizzativamente fluidificante. QUALE Psicologia, 2007, 29 38

6 In questo senso la comunicazione interna diventa allo stesso tempo strumento di informazione ma anche di formazione e consolidamento di una cultura dell organizzazione che si concretizza intorno al modo con cui si cerca di raggiungere nuovi risultati nell affrontare i problemi di ieri. Nel momento però in cui tutto ciò avviene e le conseguenze si cominciano a misurare nei comportamenti delle persone che appartengono all organizzazione, si potrà anche avvertire nella qualità delle relazioni che si stabiliscono con l esterno. L azienda non è un sistema chiuso. Coloro che vi appartengono cooperano con l esterno. Sono esse stesse parte del contesto sociale che la circonda e la giudica. Non vi può essere comunicazione interna staccata dall esterno. Oggi comunicare significa fondamentalmente esprimere se stessi. L ampiezza del campo di intervento diventa maggiore, tanto da coinvolgere quasi sempre l intera organizzazione. Limitare l intervento a un ambito circoscritto non risponde alle necessità che spesso la situazione attuale richiede. Sperare che i successi in un area possano avere applicazione e diffusione successiva in aree diverse non è in linea con le necessità di tempestività d azione e di risultati né con quelle di diffusione dei miglioramenti e di omogenizzazione contestuale dei comportamenti e delle procedure di riferimento. È difficile ottenere risultati positivi se prima non vengono garantiti alcuni requisiti fondamentali, come il rispetto delle norme contrattuali, il comfort dell ambiente, la completa dotazione dell organico e la precisa definizione dei ruoli delle singole professionalità e degli obiettivi aziendali. Nella valutazione complessiva di un sistema organizzativo è difficile stabilire con precisione i limiti delle condizioni minime di operatività. Tendenzialmente alcuni operatori hanno una visione del tutto personale dell attività da svolgere, indipendente dagli standard previsti dall Azienda. Questo fatto può favorire un atteggiamento oppositivo è innescare una reazione a catena in cui vi è da una parte, l Azienda che non chiarisce a se stessa e agli altri i propri obiettivi, e dall altra l operatore che ritiene, a torto o a ragione, di doversi difendere dal sistema organizzativo, visto come un entità persecutoria. La difficoltà di programmare interventi preventivi sull operatore sono ovvie poiché ci si confronta con singole strutture di personalità di personalità e non è possibile l attuazione di programmi strettamente individuali. Occorre stabilire quali obiettivi concreti un azienda deve porsi per ottenere una collaborazione attiva da parte di ogni singolo operatore. La formazione svolge un ruolo importantissimo all interno di un organizzazione specie se attivata non solo nella fase iniziale ma in modo permanente per ogni operatore. Nel 1984 per conto del NIOSH sono stati riesaminati (63) tredici studi sulla gestione dello stress incentrati sulla formazione in tecniche quali il rilassamento ed altre capacità comportamentali, la meditazione, il biofeedback e la ristrutturazione cognitiva. Quasi tutti i programmi esaminati prevedevano l insegnamento di forme di rilassamento, in combinazione, con l insegnamento di capacità comportamentali e cognitive. Ciò di norma, prevedeva, un insieme di tecniche diverse comprendenti il training di assertività ed efficacia personale, la ristrutturazione cognitiva ed il rimodellamento delle percezioni personali mediante ragionamento logico. In tutti gli studi si è avuto il rafforzamento dell autostima e il senso di valore personale. I vantaggi derivati sono stati misurati con le riduzioni dei livelli di attivazione fisiologica della tensione e dell ansia, dei disturbi del sonno e delle malattie somatiche. Per alcuni lavoratori si è registrato inoltre un aumento della capacità di affrontare problemi in ambito lavorativo e domestico. I programmi per la gestione dello stress individuale oltre a quelli appena descritti presentano anche altri vantaggi. In primo luogo possono essere determinati e valutati in tempi brevi e non comportano l interruzione dell attività lavorative rutinaria possono poi essere adattati alle esigenze dei singoli lavoratori e possono anche contribuire a controllate i problemi che non siano di lavoro. Si possono infine collegare a programmi di assistenza per i lavoratori (counseling). Il principale svantaggio è rappresentato dal fatto che questi programmi non sono messi a punto per eliminare o ridurre le fonti di stress sul lavoro, ma solo per insegnare ai lavoratori delle strategie di coping più efficaci. I motivi di questa discrepanza sono già stati descritti in precedenza. Per quanto attiene ai costi inerenti l erogazione delle varie tecniche, il biofeedback è probabilmente la tecnica più costosa, mentre la meditazione rappresenta la tecnica meno cara. In uno (64) dei pochi studi che hanno tentato di valutare il rapporto costi-benefici è stato calcolato che per ogni dollaro speso nei programmi per la gestione dello stress individuale,è possibile avere un ricavo di 5.52 $ USA a seguito di una attività sintomatica ridotta e ad un aumento del rendimento. Compito dell organizzazione è quello di salvaguardare la salute dei propri dipendenti, di motivarli, di seguirli professionalmente, di stringere con loro un rapporto di fedeltà tale da prevedere uno scambio di fiducia reciproca finalizzato al raggiungimento degli obiettivi attraverso la collaborazione. L operatore deve sentirsi sempre motivato e gratificato non solo economicamente. Un turnover di operatori è indicativo di un inadeguata politica aziendale, con danno notevole sia in termini di perdita di persone valide che di inserimento di nuovo personale da formare. È quindi necessario prestare la massima attenzione alle risorse già esistenti, sulle quali ogni investimento preventivo non può che produrre effetti positivi, soprattutto se gli interventi vengono condotti da personale specializzato, discussi con serenità e pianificati con estrema chiarezza. QUALE Psicologia, 2007, 29 39

7 Ogni intervento deve essere specifico, studiato in relazione alla situazione in cui si interviene e personalizzato; ogni operatore deve infatti sentirsi garantito e protagonista del progetto. Estrapoliamo alcuni concetti per tracciare nel concreto alcune strategie operative sia da parte dell organizzazione che del lavoratore. Un organizzazione che mira a contenere il disagio lavorativo in termini di stress dovrebbe permanentemente divulgare gli obiettivi, contenere gli adempimenti burocratici, coinvolgere gli operatori anche attraverso incontri periodici, introdurre gratificazione, provvedere alla formazione permanente e istituire attività di sostegno. I lavoratori invece dovrebbero confrontarsi periodicamente con gli altri, monitorare le situazioni a rischio, ottimizzare la gestione del tempo lavorativo, autovalutare costantemente i risultati, migliorare la capacità di comunicazione e riconoscere i propri limiti. La messa in atto di strategie operative che consentano di accrescere la capacità di risolvere i problemi senza perdere tempo in inutili vittimismi, di favorire il mantenimento delle aspettative lavorative a un livello realistico e di sviluppare la capacità di risolvere le situazioni lavorative conflittuali intuendo e sviluppando solo le opportunità migliori non fanno che rendere il lavoratore parte sempre più integrante della struttura organizzativa (65). Molto utile è il rafforzamento dell autostima di cui riportiamo alcune indicazioni utili sulle strategie da adottare: (66) affrontare i compiti difficili come sfide da vincere e non come pericoli da evitare; avere obiettivi ambiziosi, realistici e impegnarsi sul serio per raggiungerli; intensificare e mantenere costantemente alto l impegno di fronte alle difficoltà della vita; non spaventarsi di fronte agli insuccessi ma recuperare al più presto la fiducia in se stessi; lavorare per acquisire sempre maggiori abilità, competenze e professionalità; affrontare le difficoltà con la convinzione di poter controllare la situazione; essere convinti che un atteggiamento positivo nei confronti della vita assicura il successo personale, riduce lo stress e rende l individuo meno vulnerabile. Un ottica positiva della vita è tipica delle personalità vincenti, con uno stile di vita globalmente efficace. Negli ultimi tempi si è registrato un notevole sviluppo dei programmi di assistenza per i dipendenti, la cui origine è da ricollegare alle preoccupazioni delle organizzazioni in relazione al costo dell alcolismo. Nella loro forma più ridotta questi programmi si concentrano sul concetto di raccogliere i pezzi, con servizi di counseling per i dipendenti in difficoltà, occupandosi dell assunzione di droghe, crisi personali, problemi familiari e coniugali. Altri programmi, di più ampio respiro, si occupano anche di questioni quali il pensionamento imminente, e la ricollocazione. Numerosi sono i vari livelli di assistenza che si possono offrire in questo modo. Il servizio può essere interno o esterno col ricorso ad organismi specializzati in tali programmi di assistenza. In uno studio (67) effettuato sui dipendenti della società delle poste britannica si è confrontata la salute psicologica e l assenteismo di coloro che facevano ricorso a servizio di counseling con un ampio gruppo di controllo. I risultati hanno evidenziato l efficacia del counseling per migliorare la salute psicologica e l assenteismo ma non per la soddisfazione del lavoro e l impegno. Non è semplice gestire programmi di intervento di questo tipo a causa del precario equilibrio esistente tra l assistenza agli individui e la tutela degli interessi delle organizzazioni. Negli Stati Uniti c è per esempio un forte interesse per le implicazioni legali di questi programmi chiamati EAP e (Emploee Assistance Programmes). Per alcuni tali programmi aumentano la responsabilità civile dell organizzazione, altri li interpretano come effetto di una più generale tendenza assistenziale nei rapporti di lavoro, altri ancora li considerano una conquista del movimento sindacale. In qualche caso sono utilizzati per offrire un opportunità nei casi in cui il licenziamento è inevitabile per i lavoratori con tali problemi.(68). È stato calcolato negli USA che il programma EAP per l assistenza di circa lavoratori all anno abbia fatto risparmiare circa 37 milioni di dollari all anno alla G. M. (General Motors). (69) Molte critiche sono state tuttavia espresse sugli indicatori di efficacia dei programmi EAP, quali l analisi costibenefici, l analisi della redditività dei costi, l analisi di utilità, l indagine sugli atteggiamenti dei dipendenti o la campionatura dei casi statistici. In tutte queste valutazioni, l indipendenza dell analista si deve combinare con il mantenimento della riservatezza e l integrità dei dati del programma. La riconciliazione di queste esigenze, unitamente alle necessità della direzione, rende estremamente problematica la valutazione degli EAP, esponendoli alle critiche delle parti interessate. (70) Una componente degli EAP di ampio respiro è spesso la formazione per la gestione dello stress. Tuttavia questi interventi spesso vengono offerti senza alcun collegamento al counseling o ad altre forme di assistenza per i dipendenti. Bibliografia Krech D. Crutchfield R. S., Ballachey E. L. (1970): Individuo e società, Giunti Editore Firenze. QUALE Psicologia, 2007, 29 40

8 Rose Steven P.R. (1978) le basi biologiche del comportamento vol. II - pp Cabib S. Pugliesi Allegra S. (1995) lo stress pp Phillips K. (1993), Boiling Point: Democrats, Republicans, and the decline of middle class prosperity, New York, Random House. S. Anderson e J. Cavanaugh, Ceo Win, Workers lose (1996): How Wall Street rewards job destroyers. In the institute for policy studies. Third annual analisys of executive compensation Washington, D.C.. The institute for policy studies. Maslach C., Leiter M.P. (1997): The truth about burnout. How organizations cause personal stress and what to do about it, Jossey-Bass Inc., USA Argyle M. e Henderson M. The anatomy of relationship, Harmondsworth, Penguin. Walster E.N., Walster G.W. e Berscherid E. (1978): Equity theory and research, Boston, Allyn & Bacon. Rusbult C.E. (1983): A longitudinal test of the investment model: the development (and determination) of satisfaction and commitment in heterosexual investments, Journal of personality and social psycology, vol. 45, pp Robert J. Edelmann (2001): Conflitti interpersonali nel lavoro. Casa editrice Centro studi Erickson. Gutek B.A. e Morasch B. (1982): Sex ratios, sex role spillover and sexual harassment of women at work, Journal of social issues, vol. 38, pp Kanter R. (1979): Men and Woman of the corporation, New York, Basic Books. Rhodes S. (1983): Age related differences in work attitudes and behaviour: A review Psichological bullettin, vol. 97, pp Lasch C. (1992): Il paradiso in terra. Il progresso e la sua critica. Feltrinelli Editore, Milano. Sorensen G. e Verbrugge L. (1987): Woman, work and health. Ann. Rev. Public Health, 8, pp Potter B. (1993): Beating job burnout: how to transform work pressure into productivity Berkeley. Calif. Ronin Publishing. Gadbois C.H., Queinnecy.(1984): Travail de nuit, rithmes cyrcadiens et regulation des activites. Le Travail Humain, 47, 3. Candura U. Iavicoli N. (2000) La sorveglianza sanitaria nei lavoratori turnisti. Folia Med. Vol 7 III, pp Iavicoli S., Setini A., Dettinger P., Zito G., Petyx M. (2001): Stress occupazionale, sviluppo di malattiae psiconeuroimmunologia: stato dell arte. Prevenzione oggi, h. 3 anno XIII, pp Bottaccioli F. (1997): Psiconeuroimmunologia. L altra medicina studio/51 Edizioni Red pp Macaluso M.C. (1993): Humor, healt and healing. Anna journal, 20(1); pp Rosenman H.R. (1993): Psycological influences o the variability of plasma cholesterol, Homeostasis 34. pp Timio M. (1980): Stress e cardiopatie, Lombardo, Roma. Marino A.; Costa R. (1990): Cuore e stress; Clinica terapeutica 133(4); pp Levy B.S.; Wegman D.H. (2000): Occupational Health. Little brown and company, Boston. Caudell K.A., Gallucci B.B.(1995): Neuroendocrine and immunological responses of women to stress. Western journal of nursing research, 17(6): pp Karasek R.A. (1981): Job decision latitude, job demand and cardiovascular diseases: a prospective study of swedish men, American journal of public health. 71(2), pp Tomei F., Baccolo T.P., 1220 A, Papaleo B., Perseclaino B., Rosati M.V. (1998); Occupational cardiovascular risk factors. J.B. Chang Ed. Text Book of angiology. Zeller J.M., Mc Cain N.L., Mc Cann J.J., Swanson B., Colletti M.A. (1996): Methodological issues in psychoneuroimmunology research. Nursing research 45(5), pp Biondi M, Palma A. (1992): Stress e malattie infettive. La psicosomatica nella pratica clinica. Il pensiero scientifico, Roma. Pancheri P., Biondi M. (1987): Stress, emozioni e cancro. Il pensiero scientifico, Roma. Muneoka K et al. (1994) : Periodic maternal deprivation induced potentiation of the negative feedback sensivity to glucocorticoids, Neuroscience letters, pp Flood P.(1994): The immunology of neoplasia, L.H. Sigal, Immunology and inflammation, McGraw Hill, New York. Spiegel (1989): Effect of psychosocial treatment on survival of patients with metastatic brest cancer. Lancet,2, pp Colligan M.J. Smith M.J. Hurrel J.J. (1977) occupational incidence rates of mental health disorders. Journal of human stress, 3, Jones J.M. Barge B.N. Steffy B.D. Fay L.M. Kunz LK Wuebker LI (1998) stress and medical malpractice: organizational risk assessment and intervention. Journal of applied psychology, 73, Barth P.S. (1990) Worker compensation for mental stress cases. Behavioural science and the law, 8, 358. Degero, bekaroglum. Orema, Orems. Uluutku N. Soyluc (1996) Polymorphonuclear, Elastase levels in depressive disorders. Biological psychiatry, 39, Justice B. (1994). Critical life events and the onset of illness, cpmprehensive therapy, 20, Bagnara S. Vian M. (1993) Stress e organizzazione del lavoro. Medicina del Lavoro Crepet M., Utet Torino. QUALE Psicologia, 2007, 29 41

9 Millis P.J. Dimsdale J.E. (1996) The effects of acute psychologic stress on cellular adhesion molecules, journal of psycosomatic research 41, Freudenberger H.J. (1974). Staff Burn out. Journal of social issues 30, Veninga R. (1979) administrator burn out causes and cures. Hosp Proc. 6, Maeder T. (1990) Il guaritore ferito psicologia contemporanea 98, Acanfora L. (2002) Come logora insegnare il burn out degli insegnanti. Edizioni Magi, Roma. Cherniss C. (1980) Staff burn out, Job stress in the human service. Sage publications inc., Beverly Hills, California. Pellegrino F. (2000) la sindrome del burn-out Centro Scientifico editore Torino 2, Madlach C. (1982) burn-out the cost of caring Prentice Hall Press inc., New York (La syndrome del Burnout: il prezzo dell aiuto agli altri, Cittadella Editrice, Assisi 1992). Selye H. (1982) A me sembravano tutti malati, Psicologia contemporanea 53, Malsow A.H. (1973) motivazione e personalità, Armando, Roma. Cox T., Cow (1993) Psychological and Organizational Hazards: monitoring and control. Occasional series in occupational health, n 5, World Health Organization, Copenaghen, Denmark. Johnson J.V., Hall E.M. (1996) dialectic between conceptual and causal enquiry in psychological work environment research. Journal of Occupational Health Psychology 1, Kompier M.A.J., Geurts S.A.E., Grundeman R.W.M., Vink P., Smulders P.G.W. (1998) cases in stress prevention: the success of a participative and stepwise approach. Stress medicine 14, Van Der Hek H., Plomp H.N. (1997) occupational stress management programmes: a practical overview of published effect studies. Occupational medicine 47, Newman J.E., Beehr T.A. (1979) personal and organizational strategies for handling job stress: a review of research and opinion. Personnel Psychology 32, Cox T., Howarth I. (1990) organizational health, culture and helping, Work 2 stress 4, Jones J.W., Barge B.N., Steffy B.D., Fay L.M., Kunz LK., Wuebker L.J. (1988) stress and medical malpractice organizational risk assessment and intervention Journal of applied psychology 73, Lindquist T.L., Cooper C.L., (1999) using lifestyle and coping to reduce job stress and improve health in at risk office workers. Stress medicine vol. 15, Bruke R.J. (1993) organizational level interventions to reduce occupational stressors. Work and stress 7, Briner R. (1997) improving stress assessment: toward an evidence based approach to organizational stress intervention. Journal of psychosomatic research 43, Singer J.A., Neale M.S., Schwartz G.E., Schwartz J. (1986) conflicting prospective on stress reduction in occupational settings: a system approach to their resolution. In M.F. Cataldo & T.J. coates eds Health and industry: A behavioural medicine perspective. Wiley and sons, New York. Di Gregorio R (2002) La Formazione intervento nelle organizzazioni; esperienze e strumenti, Edizioni Guerini e associate 20, Murphy L.R. (1984) occupational stress management: a review and appraisal, journal of occupational psychology 57, Schwartz G. (1980) stress management in occupational setting. Public Health reports 95, Veniga R.L. (1983) burn-out and personality. Clinical gerontologist 2, Bandura A. (1996) il senso di autoefficacia. Centro studi Erickson Trento. QUALE Psicologia, 2007, 29 42

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO Di Vincenza Bruno e Franco Simonini Parole chiave Rischio psicosociale, stress, sistemi sociali, organizzazione del lavoro IL RISCHIO PSICOSOCIALE E

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

Rischi psicosociali e priorità per la ricerca in Europa

Rischi psicosociali e priorità per la ricerca in Europa Stress da lavoro correlato: analisi dei processi organizzativi Roma 26 settembre 2014 Rischi psicosociali e priorità per la ricerca in Europa Dr. Maurizio Martinelli APOLIS Associazione di Psicologia delle

Dettagli

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa - I risultati della ricerca - Maria Borcsa Quadro generale 1. Storia della ricerca sul burn-out 2. Definizione del costrutto: Cos è il burn-out? 3. Aspetti diagnostici 4. Quando sopraggiunge il burn-out?

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING NELLO SPISAL DI PADOVA

ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING NELLO SPISAL DI PADOVA IL DISAGIO PSICOLOGICO E LA COSTRITTIVITA ORGANIZZATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO STRUMENTI DI PREVENZIONE POSSIBILI. RUOLO DEGLI SPISAL Padova, 15 novembre 2006 ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze?

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? G GERONTOL 2006;55:68-72 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO ORIGINALE ORIGINAL ARTICLE La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? Can family

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE 1 Prof. Isabella Corradini Psicologia sociale e del Lavoro Responsabile Area Psicologica Osservatorio Rischi Psico-sociali Università

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015 IL SINDACATO DEGLI INFERMIERI ITALIANI Indirizzi internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali) E/Mail info@nursingup.it - Numero Verde gratuito : 800959529 ( da telefono fisso) OSSERVATORIO

Dettagli

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica

Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Francesca Larese Filon Università di Trieste Dipartimento di Scienze di Medicina Pubblica Stress La legislazione Art. 28 del D. Lgs 81/2008 La valutazione dei rischi... Deve riguardare tutti i rischi

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI RISCHI PSICOSOCIALI E STRESS LAVORO- CORRELATO AI SENSI DEL D. LGS 81/08 ART. 37 COMMA 1 LETT. b) CONOSCENZE DI BASE DELLO STRESS NEL CONTESTO LAVORATIVO E PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Le competenze di base del counselling per una scelta consapevole in ambito vaccinale

Le competenze di base del counselling per una scelta consapevole in ambito vaccinale Il counselling per un informazione personalizzata e una scelta consapevole in ambito vaccinale II Livello Le competenze di base del counselling per una scelta consapevole in ambito vaccinale Barbara De

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo Sono costituiti da persone e/o famiglie che condividono un problema e che si incontrano per assicurarsi reciproca assistenza e sostegno, per superare una situazione

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015 VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE Edizione 2015 Il training alle abilità sociali e l auto aiuto come strumenti di riabilitazione e inclusione sociale Dr.ssa Mariella Battipaglia Diagnosi

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL VENETO Convegno ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Metodo per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Antonia Ballottin Psicologo del Lavoro Spisal Ulss 20

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO 1. EFFETTI NEGATIVI DEL LAVORO ORGANIZZATO E' il 23esimo dipendente che si

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

Servizio sociale e politiche di community care

Servizio sociale e politiche di community care SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE DI COMMUNITY CARE 15 1 Servizio sociale e politiche di community care Nei servizi sociali britannici, le politiche sociali orientate all assistenza decentrata sul territorio,

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI Il ruolo della famiglia e della scuola nello sviluppo della sicurezza dei ragazzi. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane

Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane Workshop Promuovere la cultura del benessere per prevenire e gestire il rischio SLC nelle organizzazioni Bari, 25 giugno 2015 Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane GIANCARLO TANUCCI

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Un modello di analisi dei modelli di direzione del personale per le Province e i Comuni del Mezzogiorno.

Un modello di analisi dei modelli di direzione del personale per le Province e i Comuni del Mezzogiorno. Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Attività dirette al rafforzamento degli Uffici addetti alle politiche e alla gestione del personale delle Amministrazioni degli Enti Locali delle

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

AUTISMO E SCUOLA. Inserimenti scolastici e metodi educativi. Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini. Della Società Cooperativa Sociale

AUTISMO E SCUOLA. Inserimenti scolastici e metodi educativi. Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini. Della Società Cooperativa Sociale AUTISMO E SCUOLA Inserimenti scolastici e metodi educativi Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini Della Società Cooperativa Sociale Spazio Aperto Servizi Punta visibile dell iceberg: Vediamo i sintomi Massa

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA 3 MODULO: Gli sguardi si incontrano Tavola Rotonda La giusta vicinanza nella relazione di aiuto Bosisio Parini (LC), 19 marzo 2010 Relatore: Antonella DELLE

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi

Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi Psicologia del lavoro e delle organizzazioni nuove opportunità per futuri psicologi A cura di Monica Fiorentino Agenzia Liguria Lavoro A settembre, l Ordine degli Psicologi della Liguria ha riproposto

Dettagli

Sviluppo professionale Autovalutazione. Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership. Fondamentali Lavoro di gruppo

Sviluppo professionale Autovalutazione. Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership. Fondamentali Lavoro di gruppo Workshop OBIETTIVI Sviluppo professionale Autovalutazione STRUMENTI Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership GESTIONE PROGETTI Fondamentali Lavoro di gruppo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione del rischio stress lavoro correlato deve essere finalizzata all individuazione e all attuazione di misure di

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli