Le awersità degli alberi da ornamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le awersità degli alberi da ornamento"

Transcript

1 Le awersità degli alberi da ornamento Gabriele Goidànich Concludiamo la panoramica sulle avversità degli alberi da ornamento, stralciata dall'omonimo Atlante di prossima pubblicazione, presentando alcuni pericolosi insetti fitofagi, gli agenti delle carie e la problematica dei traumi e delle ferite. Traumi e ferite Gli alberi ornamentali sono particolarmente soggetti a traumi e ferite siano esse provocate dalle operazioni colturali a cui vanno sottoposti, siano dovute ad incidenti del traffico quando collocati lungo le vie di comunicazione od in vicinanza di abitazioni, siano infine dovute ad azioni vandaliche quali purtroppo si ha molte occasioni di constatare nei parchi pubblici e più ancora nelle piccole aree verdi all'interno di agglomerati cittadini. Fra le operazioni colturali quella maggiormente responsabile di lesioni è la potatura, pratica di cui oltre a tutto è abbastanza facile abusare, ma che comunque si rende necessaria per correggere eventuali anormalità subentrate nella struttura della chioma, per adattare meglio l'albero agli spazi di cui dispone, per evitare che esso crei disturbi alla viabilità o sia causa di danno a cose e persone che sostino sotto la sua chioma allorché alterazioni subentrate nei tessuti legnosi rendono precaria la stabilità dell'albero intero o di parti di esso. Altro motivo di intervento cesorio può essere l'opportunità di ringiovanire la chioma in esemplari che per! età e per traversie subite hanno perso 18 la prestanza che in condizioni di normale sviluppo dovrebbero avere. Anche per facilitare il successo di interventi di prevenzione e di cura verso infezioni ed infestazioni si può rendere necessario sfoltire la vegetazione asportando consistenti parti della ramatura e lasciando, quindi, ferite aperte. Lesioni che talvolta compromettono la stessa sopravvivenza dell'albero sono dovute ad eventi metereologici, neve, gelo, venti, fulmini, ecc. Il carico della neve fa sentire i suoi effetti dannosi in modo particolare su alberi che per la loro struttura facilitano l'accumulo o non ne agevolano l'allontanamento al termine della nevicata. E il caso delle conifere, tanto più di quelle che hanno i rami lungamente orizzontali e con fogliame molto fitto che determina una ampia superficie di impatto della meteora. Il gelo è causa di lesioni che possono interessare solo gli strati più periferici degli organi legnosi e, allora, si risolvono in semplici necrosi superficiali transitorie se non è stato compromesso il cambio; altrimenti, nel tempo, si formano depressioni, cancri, eventualmente accompagnati da colatura di resina e di gomma. Quando l'effetto del gelo si fa risentire profondamente fino all'interno degli organi legnosi insorgono degli spacchi ad andamento Iongitudinale o semicircolare, singoli o concentrici, in corrispondenza delle linee di passaggio dal legno autunnale INFORMATORE FITOPATOLOGICO S/ 83

2 a quello primaverile nelle cerchie annuali di accrescimento. Gli spacchi longitudinali dipendono dal repentino contrarsi, per effetto dell'abbassamento termico, della corteccia e degli strati periferici del legno i quali vengono così forzati ad aprirsi un varco per compensare la costrizione sulla massa legnosa intema che mantiene il volume originario. Tali spacchi si realizzano di norma negli elementi esposti a sud, ove è molto accentuato lo sbalzo termico, in atmosfera gelida, al termine dei periodi di insolazione. Gli spacchi semicircolari («cipollatura»: termine che vuole indicare l'aspetto che presenta un bulbo di cipolla tagliato trasversalmente) dipendono dal più rapido disgelamento degli strati esterni del legno, mentre quelli interni rimangono contratti. Il vento, se riesce a far superare il grado di resistenza al piegamento cui può sottostare il tessuto legnoso, è causa di spezzatura di rami e di branche. Gli stessi effetti si hanno ancor più facilmente in presenza di gelo, che rende i tessuti fragili ed in alberi carichi di neve, tanto più quando questa sia bagnata, cioè carica di acqua e quindi pesante. L'eccesso di caldo è in grado di causare «Cancri» a causa del riverbero esercitato da parte di opere in muratura, piano stradale, argini in terra battuta, ecc. Il fulmine, a seconda della direzione di impatto sull'albero e, naturalmente, in rapporto alla consistenza del potenziale elettrico di cui è dotato, è causa di scortecciamenti, di squarci, di capitozzature e, perfino, di frantumazione di interi alberi. La cura delle ferite si basa sul principio di facilitare la cicatrizzazione della superficie esposta, in tempi e modi tali da evitare l'instaurarsi su di esse di processi di alterazione che portino, per azione diretta od indiretta, alla compromissione degli elementi interni. Per raggiungere le finalità indicate occorre rifilare gli orli delle ferite: ciò agevola l'attività degli elementi istologici cambiali che a tali orli si affacciano, sì da metterli in grado di compiere rapidamente ed efficacemente la loro azione riparatrice. Analoga ripulitura va fatta sulle superfici legnose esposte, le quali vanno poi protette, previa disinfezione, l) Ferita aperta per carie in un platano. con le apposite sostanze di cui si dirà. Tali superfici è bene siano per quanto più possibile asciutte al momento in cui si procede alla loro copertura, altrimenti è facile che il materiale a tal fine usato non faccia presa. In particolare per certi alberi, come betulle ed aceri, che possono «piangere» dalle lesioni, bisogna fare in modo che questa abbondante perdita di linfa si arresti (chiudendo provvisoriamente la ferita) e solo dopo procedere alla occlusione definitiva. In ogni caso e con tutti i sistemi di disinfezione e di copertura bisogna far attenzione a non compromettere la vitalità degli appena ricordati tessuti periferici di rigenerazione alla cui attività è affidato il recupero dell'integrità dell'organo lesionato. Come antisettico si può ricorrere ad una poltiglia bordolese ben neutralizzata o ad una soluzione di solfato di rame (0,5 kg in 15 litri di acqua) od anche di cloruro mercurico (20 gr in 10 litri di acqua). Quali materiali ricoprenti servono bene le resine poliviniliche tipo Vinavi! eventualmente potenziate con aggiunta di Benomil. Serve del pari l'asfalto che, però, dovendo essere applicato a caldo può nuocere ai tessuti vivi; altrimenti si ricorre all'asfalto sciolto in benzina od emulsionato in acqua (con eventuale aggiunta di 2 gr di sublimato corrosivo ogni litro di emulsione, al fine di conferire al materiale proprietà antisettiche); oppure il catrame (da solo o miscelato con creosoto, nella proporzione di 3 parti ed l parte). Da tener presente che le coperture sia di asfalto che di catrame facilmente si spaccano e richiedono ripassi per assicurare la loro efficienza. Utilizzabile anche la pasta bordolese (l,8 kg di solfato di rame in 10 litri di acqua, cui si aggiunge 3,6 kg di calce previamente sciolta in altri 10 litri di acqua) che si può distribuire a pennellature le quali, peraltro, dovrebbero ripetersi nel tempo dato che la copertura che ne risulta è poco durevole. Simile è il comportamento di una pasta ottenuta sciogliendo della biacca in olio di lino e da distribuire del pari con pennellature. Un materiale consigliabile risulta dalla miscela di 2 parti di lanolina, allungata con una parte di olio di semi di lino e con l'aggiunta di una soluzione di permanganato di potassio (0,25 della miscela lanolina-olio); il permanganato va prima sciolto in una piccola quantità di acetone. Bene si prestano anche le cere da innesto che, peraltro, possono risultare eccessivamente costose quando si debba intervenire su gran numero di tagli. Un prodotto su cui oggi si fa largo affidamento è il «Lac-balsam» che ha il pregio di resistere all'acqua e di permettere la traspirazione e respirazione dei tessuti sottostanti (qualità che manca a molti dei materiali ricoprenti sopra indicati), di essere elastico e malleabile e di adattarsi quindi alle modificazioni della superficie che si possono verificare nel corso della riparazione. Sono, peraltro, noti ed usati anche il «Pelton», il «Lego», il «Santar S.M.» (che contiene Captafol). Assai importante è, però, che in tutti i casi in cui ciò sia possibile, si eviti la produzione di ferite, specialmente di quelle di difficile riparazione. Si incominci dalla potatura, facendo in modo che l'asportazione delle branche di certe dimensioni non determini quegli spacchi che per il tipo di lesione che producono sono 19

3 difficilmente cicatrizzabili. La tecnica cui ricorrere è la seguente: si esegue a breve distanza dalla diramazione un primo taglio che interessa la metà inferiore della sezione della branca; ad esso segue un secondo taglio altrettanto profondo nella parte superiore. Il peso della branca provvede allo spontaneo distacco di questa; altrimenti si opera una leggera pressione verso il basso, ma in ogni caso la temuta lesione non ha, non può aver luogo. L'operazione va poi completata con l'eliminazione del moncone per evitare che esso sia possibile insediamento di processi di alterazione che poi penetrano all'interno. Al di fuori di questo pericolo l'asportazione dei monconi è una necessità se si vuole ottenere una buona cicatrizzazione della ferita : cicatrizzazione che può riuscire così perfetta da praticamente farne scomparire col tempo la traccia. I tagli - almeno quelli ampi - vanno sempre protetti in modo che non permettano il soffermarsi su di essi di umidità o detriti di terra e di foglie : il che costituirebbe minaccia per il buon esito delle medicazioni che si fossero fatte anche a regola d'arte. Per quanto detto, i tagli in vicinanza delle biforcazioni vanno praticati sempre in prossimità del punto di divergenza dei due elementi legnosi in modo che venga allontanato quello che al momento o, col crescere, aumentando di peso, potrebbe portare allo sbrancamento. Quando, per qualsiasi motivo, non appare opportuna l'eliminazione delle parti dell'albero in pericolo di sbrancamento, bisogna procedere alla loro fissazione con legature metalliche o di plastica, di sempre maggior resistenza quanto più elevata è la forza di leva che - data la sua grossezza e la dimensione delle ramificazioni periferiche - la parte interessata è in grado di esercitare sul punto di attacco. Per l'esecuzione di questi fissaggi non vi sono regole precise: qui può esplicarsi rinventiva e l'abilità dell'operatore. In certi casi, si presenta più opportuno ricorrere a fasce dotate di anelli per l'ancoramento dei cavetti metallici che vengono poi immobilizzati mediante i morsetti ad U. Tali fasce devono potersi allargare perché altrimenti, col tempo, sono causa di pericolose strozzature. 20 In altri casi converrà l'uso di semplici viti ad occhiello tra cui tendere i cavi: ciò se il legno ha consistenza tale da garantire la loro resistenza alla trazione che eserciterà il cavo di collegamento, sotto la sollecitazione che esso riceve dal peso delle parti collegate. Altrimenti è da ricorrere ad aste metalliche che attraversino (dopo aver praticato un foro mediante trapano) lo spessore della branca e che portino ad una delle due estremità un anello per l'ancoramento del cavo e dall'altra siano 2) Copertura con Lac-Balsam e cinghiatura. debitamente filettate per esser tenute in sito per mezzo di una madre-vite. Queste stesse aste metalliche, di maggiori dimensioni e con entrambe le estremità avvitabili, sono utilizzabili - singole o a coppie, anche ripetute - per fissare grosse brancature tra loro non molto distanziate; oppure per rinforzare i tronchi che minacciano di aprirsi dopo che in essi si sono determinate ferite profonde con le operazioni di slupatura o per incidenti metereologici. Altro modo per impedire la sbrancatura di parti molto pesanti che si intende conservare, è quello di applicare dei sostegni, delle staffe di consistenza tale che sopportino il carico che su di esse viene ad appoggiare. Con altrettanta cura vanno evitate le strozzature che si determinano, man mano che l'albero cresce, in corrispondenza delle legature, segnatamente a quelle fatte con materiale molto resistente, fili e cavi metallici in testa. Tali strozzature oltre a compromettere lo sviluppo delle 3) Esiti di un taglio mal fatto. ~) Particolare dei tiranti metallici. parti distali portano, se molto approfondite, alla spezzatura del ramo con tutte le conseguenze negative che, direttamente od indirettamente, sono connesse. Le legature quindi vanno fatte alquanto larghe; e, comunque, nei punti in cui contrastano con la corteccia dell'albero vanno provviste di uno spessore di protezione fatto di tessuto, di gomma, di materiale plastico. Altro modo di evitare lesioni agli alberi ornamentali, e tanto più a

4 quelli collocati in luoghi pubblici e - più particolarmente - in zone ove si svolge il traffico di mezzi di trasporto, è di circondare i tronchi di protezioni, in legno od in metallo, non importa quale che sia la loro forma, se rotondeggiante, se quadrata, a liste verticali od orizzontali, ecc. Anche quando si tratta dell'apparato radicale si deve cercare di limitare lesioni al minimo indispensabile in rapporto agli interventi che si praticano. Una occasione è fornita ripari rapidamente e completamente. La carie del legno 5) Stroncatura di un albero per il grave processo di carie in atto.. dalla necessità di scavare fossi per la messa in opera di cavi o di condutture o per circoscrivere la zona di espansione delle radici che disturbano strade, marciapiedi, costruzioni. Si deve in tali casi studiare un andamento dello scavo in modo da non interessare grosse radici. Se per forza di cose a questo non si può rinunciare bisogna ricorrere agli stessi accorgimenti indicati per le parti aeree (tagli lisci e protetti da materiali cicatrizzanti) per far sì che la lesione INFORMATORE FITOPATOLOGICO 5 / 83 È un processo che si riscontra molto comunemente negli alberi ornamentali di una certa età e che ha diversi gradi di dannosità in rapporto alla sua localizzazione o all'estensione che ha raggiunto. Praticamente tutti gli alberi ne vanno soggetti anche se più di frequente lo si constata nei platani, negli ippocastani, negli olmi e nei tigli. N ella sua essenza la carie consiste nella disgregazione dei tessuti operata da organismi fungini appartenenti a vari generi (Fomes, Poria, Lenzites, Coriolus, Polyporus, Phellinus, Daedalea, Ganoderma, ecc.), i quali grazie alla carica di enzimi di cui sono dotati riescono ad aggredire i componenti delle cellule trasformandole in un materiale che spesso viene a perdere qualsiasi somiglianza con quel~o da cui è derivato. Nei suoi termini finali i processi di carie riducono, infatti, il legno in una sostanza friabile che riempie le cavità prodottesi nei tronchi o nelle branche degli alberi od in qualche maniera ne fuoriesce accumulandosi nel terreno sottostante. Prima di raggiungere questo limite di trasformazione il legno si presenta variamente alterato, in modo da assumere aspetti di «carie bianca», «Carie bruna», «C. lamellare», «C. alveolare», «C. fibrosa», eçc... Le prime due definizioni sono in rapportb al tipo di componenti che gli agenti fungini aggrediscono e quindi digeriscono con preferenza: se si tratta di quelli cellulosici, fondamentalmente bianchi, ne risulta la carie bruna; al contrario si ha carie bianca quando le preferenze dei miceti sono per i componenti ligninici, scuri, le cosiddette «Sostanze incrostanti» delle pareti cellulosiche del legno. Gli altri termini indicano l'aspetto macroscopico dei tessuti cariati, indipendentemente dalle loro caratteristiche cromatiche. Il processo di carie ha come prima conseguenza dannosa la perdita delle funzioni meccaniche da parte del legno compromesso, per cui è fàcile che si verifichino rotture di varia rilevanza negli organi aerei periferici e spaccature o cadute di alberi interi. Alcuni degli agenti di carie ricordati, dopo aver alterato gli elementi del cilindro centrale, morti, sonb in grado di invadere anche i tessuti più esterni che sono invece vitali ed, in tal maniera, compromettere la sopravvivenza dell'albero. Ciò avviene segnatamente per quei funghi che sono capaci di insediarsi in alberi indenni, contrariamente a quanto è per i tipici agenti di carie che richiedono la presenza di ferite, di soluzioni di continuità di qualsiasi tipo per poter iniziare la loro opera di distruzione. La eliminazione della carie e gli interventi da compiere sugli alberi cariati è il banco di prova delle capacità degli addetti alla salvaguardia del verde ornamentale. Le tecniche cui ricorrere sono molte e assai differenti a seconda degli scopi che si vogliono raggiungere. Qualsiasi manuale che tratti il ca~ pitolo della «dendrochirurgia» ne fa menzione e descrizione. In sostanza si tratta di allontanare tutto il materiale legnoso alterato arrivando, con 21

5 arnesi ben affilati, a mettere a nudo il legno indenne ( «Slupatura») che va poi protetto da possibili successivi attacchi da parte dei medesimi-od altri funghi xilovori, sia disinfettando la superficie, sia facendo in modo che l'ambiente in cui i miceti cariogeni si vengono poi a trovare non risulti favorevole al loro sviluppo: quindi chiusura delle aperture da cui potrebbero penetrare nuovi germi o materiali che li ospitano ed, assieme, drenaggio delle cavità affinché non si soffermi acqua. Più problematica è la restituzione della solidità, della funzione meccanica ai tronchi cariati: l'impiego di materiali pesanti più che favorire la resistenza può aggravare l'instabilità dell'albero ed il ricorso a sostanze occludenti non facilmente rimovibili rende difficoltose le ispezioni per controllare lo «Stato di salute>> delle cavità e l'esecuzione di eventualmente necessari interventi di ulteriore «Slupatura». Per lungo tempo si è ricorso al cemento per le cavità relativamente piccole, mentre per le più ampie a vere e proprie opere di muratura usando mattoni di varie dimensioni al fine di occupare tutto lo spazio disponibile. I mattoni venivano tenuti in sito con calce ed il tutto era poi ricoperto con la medesima calce o con cemento. Si cadeva qui nell'inconveniente, prima indicato, della pesantezza della <<Otturazione>> e se il residuo legnoso che circondava la cavità era di limitato spessore o comunque non molto resistente poteva esser resa precaria la stabilità del tronco «operato>> sotto, ad esempio, la spinta generata da colpi di vento o per la tensione esercitata da una squilibratura della chioma. Va aggiunto che il materiale di cui s'è parlato è facilmente soggetto a spaccature specie se la cavità subisce deformazioni a seguito di urti o nel corso dell'accrescimento dell'albero. Meno pregiudizievole è l'impiego di materiale leggero, quali blocchi di legno inalterabile (per natura o per trattamenti ad hoc subiti), anch'essi disposti in modo da riempire quanto più possibile i vuoti interni e tra loro collegati mediante incastri o inchiodature. Più leggere di tutti gli occludenti sono le resine uretaniche: trattasi di preparati liquidi che si consolidano al momento che si mescolano fra loro: ne risulta una massa di no- 22 tevole resistenza anche alle sollecitazioni da deformazione e che per il modo con cui si forma riesce ad occupare tutti, anche i più irregolari, spazi della cavità. Il loro impiego, peraltro, richiede una abilità dell'operatore e certe condizioni ambientali, specie termiche, perché la solidificaziorie avvenga regolarmente. L'asfalto è pure risultato un buon materiale di riempimento per piccole cavità, anche se può rammollirsi nei periodi di forte caldo. Più che asfalto puro è indicato un impasto che si ottiene aggiungendo della segatura o piccoli truccioli di legno duro all'asfalto fatto liquefare. Tutto sommato la migliore risoluzione è, insomma, quella di non procedere alla otturazione delle cavità. Ciò specialmente quando il processo di carie è di limitata portata sì che la stabilità dell'albero non è compromessa o quando si teme che l'operazione di slupatura non sia riuscita ad eliminare completamente il processo di alterazione in atto. Una soluzione intermedia a quelle delineate è la messa in opera di una parete mobile che nasconda alla vista la cavità, qualora questa sembri, data la localizzazione dell'albero, troppo antiestetica. Con cavità aperta o chiusa può apparire necessario il rafforzamento delle pareti che la delimitano: ciò si raggiunge con la collocazione di aste metalliche o con l'apposizione di collari metallici o di materiale plastico (comunque, nel tempo, allentabili) collocati in varie posizioni: dopo che, naturalmente, la cavità erano state ripulite, disinfettate e protette in superficie nei modi prima indicati. Con ogni soluzione è altresì necessario, abbiamo già ricordato, impedire le infiltrazioni di acqua ed assicurare il drenaggio, debitamente schermando (non sigillando), le aperture per la prima finalità, procedendo a fori di scarico per la seconda. La saperda maggiore del pioppo Tutti i tipi di pioppo sono soggetti all'attacco di questo insetto cerambicide, le cui grosse larve scavano gallerie nei tessuti legnosi compromettendone in modo anche gravissimo la qualità e minacciando la sopravvivenza stessa della pianta se l'infestazione è forte ed il pioppo è giovane o indebolito per varie cause. L'insetto (Saperda carcharias) è un coleottero molto vistoso per le sue dimensioni e per le ampie antenne che ne coronano il capo. È lungo dai 2,5 ai 3 cm, di un color bruno-nero, rivestito peraltro da una peluria che gli conferisce un riflesso giallo-cinereo-rossiccio. Lo si trova in giugno-luglio fra i fogliami degli alberi (oltre che del pioppo, anche del salice) o ve si accoppia e procede poco dopo a deporre le uova tra la corteccia delle parti inferiori del tronco. Le larve che ne nascono, dopo aver svernato tra la corteccia, si pòrtano nel legno ove scavano gallerie ascendenti che divengono sempre più grosse man mano che la larva cresce d'età. Essa, a completo sviluppo è lunga mm, larga 6-7; di color bianco-rossiccio con grossi peli pure qi questo colore; rossiccio è anche il piccolo capo, dotato di antenne molto corte. La larva continua la sua attività xilovora per tutto l'anno, passa nelle gallerie il secondo inverno e fuoriesce all'inizio dell'estate successiva. La presenza delle gallerie all'interno dei tronchi è rilevabile anche dall'esterno per la presenza dei fori attraverso i quali vengono espulse notevoli quantità di rosura (l'altra rimane ad ingombrare il lume delle gallerie) assieme a colature di linfa che rigano vistosamente la superficie del tronco. I tronchi; in più, possono apparire deformati a causa di reazioni ipertrofiche che si producono attorno alle zone maggiormente tormentate dalle gallerie. I danni della saperda posscmo essere aggravati dal contemporaneo attacco di altri xilovori quali la Sesia apiforme o la S. tafaniforme (lepidotteri molto caratteristici per avere le ali in larga parte trasparenti e l'addome percorso trasversalmente da fasce di un giallo vivace) e, specialmente, il Cossus. Per la lotta anche qui si può ricorrere, come per il Cossus, alla insinuazione di un filo di ferro dolce, attraverso i fori, nelle gallerie fino a che queste non sono molto sviluppate e la rosura che le ingombra non impedisca di raggiungere e ferire la larva. Oppure si interviene con i fuscelli antitarlo e con la immissicme,

6 _,?.' tramite appositi iniettori, di sostanze liquide o gassose che si spandono nei meandri operati dalle larve. Sono operazioni piuttosto labori.ose, ma che sugli alberi ornamentali hanno la loro giustificazione d'applicabilità. Altrimenti negli impianti estesi e dove si verifichino infestazioni gravi vanno praticate in primavera (aprile-maggio) pennellature alle parti inferiori dei tronchi con emulsioni di parathion al 3-4 di p.a., capaci di colpire le larve non ancora penetrate 6) Saperda maggiore. in profondità. Consigliati sono anche i trattamenti, alla stessa epoca, con Parathion, Metil-parathion (100 gr di p.a. per hl di acqua), Triclorfon (Dipterex) e Fentoato (Cydial) alle dosi di 300 gr di p.a. per hl. Tali trattamenti, comunque, non sono necessari nel primo anno dell'impianto. Interesse vi è più che altro ad intervenire nel 2-4 anno irrorando i primi metri inferiori del fusto: ciò avrà benefica influenza sugli attacchi che l'insetto potrebbe produrre, negli anni venienti, nelle parti superiori del tronco irraggiungibili dagli irroratori. Meno dannosa e meno frequente è Saperda minore (Saperda populnea) che colpisce specialmente il Populus tremula. Come dice il nome è un insetto di dimensioni alquanto più piccole (lungo 9-15 mm), che ha comportamento simile a quella della S. maggiore e che si può perseguire ton analoghi criteri. Anche qui notevoli sono le reazioni ipertrofiche degli organi legnosi infestati. Entrambe le Saperde possono iniziare i loro attacchi fino dal vivaio, sì che è bene controllare, prima dell'impianto, che i giovani pioppi non ne siano colpiti. Abbastanza frequenti, specialmente sui vecchi alberi malandati, sono diversi altri Cerambicidi che si fanno subito riconoscere sia per le grosse dimensioni che, più ancora, 7) Galerucella luteola. l ',,.( j 8) Phytodecta viminalis... \...- (.\' ''. 'l'~.. ~ l.. ".t ~ '.rr l. ),r;f'' ~ ':.~., <~ l ~--, \. ' ' '-...rr,., r. ~ :/..\.;a ~ t.. \ l ~' '"'t~' '.~. 'Iii l " '. ~! per le lunghe antenne divaricate ed arcuate. Anche le relative larve sono di assai notevoli dimensioni e producono gallerie profondamente incidenti sulla compattezza dei tronchi: tanto più quando, come non di rado avvie.q.e, agiscono numerose in una stessa sede. La Galerucella dell'olmo È un coleottero crisomelide che allo stato adulto, ma specialmente a quello di larva si nutre delle foglie di olmo le cui lamine rimangono in larga parte o totalmente scheletrite, pur mantenendo almeno all'inizio la loro forma originale: l'erosione operata dall'insetto lascia infatti intatte le nervature e l'epidermide superiore del lembo. L'adulto è lungo sui 6-8 mm, di un color giallo cupo-verdastro, con tre macchie nere sul corsaletto e due fasce del medesimo colore verso il margine esterno delle elitre. La larva, che subisce diverse mute, inizialmente nerastra poi con varie maculature gialle, quando adulta misura sui 9 mm di lunghezza e 2,5 dì larghezza. La Galerucella luteola sverna come insetto perfetto riparato fra le cortecce e le cavità degli alberi o sul terreno in vicinanza di questi. In primavera, dopo essersi nutrita delle foglie sulle quali pratica delle erosioni irregolarmente rotondeggianti (sostanzialmente differenti da quelle!arvali), deposita gruppi di uova gialle da cui nascono le larve che in un paio di settimane sono mature, si trasformano in ninfe da cui derivano, dopo 7-10 giorni di quiescenza, i nuovi adulti che ripetono il ciclo. Se, come non di rado avviene, l'infestazione prende proporzioni massicce.tanto da praticamente privare l'albero di tutto l'apparato verde, l'olmo può andare soggetto a serie crisi di vitalità che, fra l'altro, lo rendono sensibile ad un contemporaneo o successivo attacco di altri fitofagi o a malattie dell'apparato aereo e di quello sotterraneo. Diversi altri Crisomelidi che hanno biologia ed attività fitofaga simile alla Galerucella, si riscontrano sulle alberature dei viali e dei parchi cittadini. Tra questi sono da ricordare la Crisomela del pioppo (Melasoma pupuli), la Crisomela del salice (C. saliceti), il Melasoma aeneum che può danneggiare gli ontani, la Phillodecta vitel/inae e la Phytodecta viminalis che si nutrono dei salici, quest'ultima delle alberature in zone montane. D 23

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali

Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali Il processo di prosciugamento: la Fase di Evaporazione, di Deumidificazone e l Effetto dei Sali Il processo di prosciugamento, dopo l'installazione del dispositivo Aquapol, si compone di fasi: La Fase

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra Fondaline per una efficace protezione delle opere sottoterra FONDALINE è una membrana bugnata in Polietilene ad Alta Densità (HDPE) resistente agli urti, che permette di proteggere facilmente le strutture

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden

FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden FAQ sui rivestimenti di facciata ventilata GFassaden 1) Dove si impiega il rivestimento per facciate GFassaden? Il sistema è stato ingegnerizzato per portare le facciate in legno a competere sia nei prezzi

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

EDILIZIA 12. Dosare. malta e cemento

EDILIZIA 12. Dosare. malta e cemento EDILIZIA 12 Dosare malta e cemento 1 La composizione della malta La malta si usa per assemblare mattoni e blocchi di calcestruzzo, per preparare l'intonaco per le facciate e preparare le solette,... CALCE

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

Piano di Manutenzione SOMMARIO

Piano di Manutenzione SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Travi in legno... 2 Travi in acciaio... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Travi in legno... 3 Travi in acciaio... 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 Travi in legno... 8 Travi in

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA NOBILIUM VEL Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA Origine: Il velo è un prodotto relativamente nuovo nel settore edilizio ed è principalmente associato alla fibra di vetro e/o

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

KEIM Lignosil. La pietra miliare delle superfici in legno

KEIM Lignosil. La pietra miliare delle superfici in legno KEIM Lignosil La pietra miliare delle superfici in legno Legno Un materiale con un anima e un carattere Nessun altro materiale, per costruzioni o lavorazioni, è così legato alla storia dell uomo come il

Dettagli

acqua Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica

acqua Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica Hydro Active Grout Flex Slv resina poliuretanica monocomponente non tossica Funzione Ha Flex Slv è una resina idroattiva poliuretanica da iniezione. Si tratta di una resina monocomponente con bassa viscosità,

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli La funzione dei fori di sfarfallamento I fori che si notano sulle travi e sui mobili, indipendentemente dalla specie infestante che li ha prodotti,

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Mordagà Mirko, Ingegnere, Docente a contratto presso DESTEC - Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi del Territorio e delle

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a

Sun&Glass. trasparenze che scaldano M.P.M M.P.M. R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i a t o r i i n v e t r o a d i n e r z i a R a d i at o r i i n v e t r o a d i n e r z i a è una linea di pannelli radianti in vetro prodotti dalla MPM trasparenze che scaldano M.P.M Via Rivarolo

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini Le vostre finestre e portefinestre in legno Albertini sono state verniciate con: Una mano di impregnante

Dettagli

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori Marco Mingozzi Giovanni Zambardi Le Officine Mingozzi si occupano della costruzione, sperimentazione ed espansione dei campi

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Come costruire una vera casa sull'albero

Come costruire una vera casa sull'albero Come costruire una vera casa sull'albero COSA OCCORRE 30 viti tirafondi da 15 cm con relative rondelle quadrate 8 viti tirafondi da 20 cm con rondelle 32 viti tirafondi da 10 cm con rondelle travi da 7,5x10

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA Approvato con delibera consiliare n.8 del 3 Febbraio 1997 1 PRINCIPI GENERALI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Rilevata l importanza

Dettagli

0,3-0,5 kg/m² ca. per rasature su pareti e contropareti in cartongesso trascurabile per applicazioni in condizioni normali

0,3-0,5 kg/m² ca. per rasature su pareti e contropareti in cartongesso trascurabile per applicazioni in condizioni normali FASSAJOINT 1H Stucco per cartongesso SCHEDA TECNICA TECHNICAL SHEET 1/9 COMPOSIZIONE FASSAJOINT 1H è un prodotto premiscelato composto da gesso, farina di roccia ed additivi specifici per migliorare la

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

delle pietre da rivestimento

delle pietre da rivestimento EDILIZIA 14 Realizzare la posa delle pietre da rivestimento 1 La scelta del materiale I criteri di scelta del materiale da rivestimento non sono legati solo all'aspetto estetico del prodotto (colore, tipologia,

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

VICRete Plus EN 1504-3

VICRete Plus EN 1504-3 VICRete Plus Prodotto di riparazione strutturale del calcestruzzo per mezzo di malte CC di riparazione (a base di cemento idraulico) Bettoncino per applicazione meccanizzata. Appositamente studiato per

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle

Dettagli

Francesco Sarti 734814

Francesco Sarti 734814 FMEA serramento con telaio in alluminio, finiture interne in legno e vetrocamera Francesco Sarti 734814 1 SCOMPOSIZIONE DEL SISTEMA Il sistema può essere scomposto in elementi semplici come segue: Falso

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

b. Discontinue o isolate zattere

b. Discontinue o isolate zattere Ordinarie o continue a.continue travi rovesce platee FONDAZIONI DIRETTE SUPERFICIALI plinti b. Discontinue o isolate zattere a.1 CONTINUE Quando il carico da trasmettere al terreno non è elevato e la struttura

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana UN TERMOMETRO PER LA POSA Serramenti in PVC Marco Piana 1 La posa in opera del componente in edilizia è da sempre argomento ampiamente discusso e controverso. Tutti gli operatori fanno riferimento alla

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Palme Progettista: Euro (si, magari ) Manovale: Hoot (ma che manovale!!!!) Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Euro: SEI UN DELINQUENTE Nico!!!!!

Dettagli

L odontoiatria conservativa

L odontoiatria conservativa Gianfranco Politano L odontoiatria conservativa come ripariamo un dente cariato Una pubblicazione dello: L autore! Gianfranco Politano Laureato in odontoiatria e protesi dentale all universita di Modena

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO LA TERMOGRAFIA, IL VALORE AGGIUNTO Per garantire una sempre più efficiente attività di manutenzione degli impianti fotovoltaici pur garantendo un basso canone di manutenzione la SIEM si avvarrà di dispositivi

Dettagli

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ

CEI EN 60204-1. Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Azienda TEST REPORT T.R. 000 XX/YY/ZZZZ Prove di verifica dell equipaggiamento elettrico :2006 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Parte 1: Regole generali Il Verificatore:

Dettagli

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello MANUTENZIONE E CURA DEGLI INFISSI Consigli per il trattamento conservativo degli infissi MEDEA Premessa: Tutti gli infissi esterni,

Dettagli

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni 12 3.1 Peso dell aria I corpi solidi hanno un loro peso, ma anche i corpi gassosi e quindi l aria,

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Barriera antiumidità a iniezione. Senza solventi. Ruredil

Barriera antiumidità a iniezione. Senza solventi. Ruredil Barriera antiumidità a iniezione Senza solventi Ruredil IN CARTUCCE PR ONTE ALL USO Ripristino Consolidamento Il problema L umidità nelle murature può essere causata da pioggia, condensa o risalita capillare

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid è uno speciale impermeabilizzante antidegrado per il calcestruzzo, la cui formulazione a base di vetro liquido e uno specifico catalizzatore,

Dettagli

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 Spett.le Comune di Castell Arquato c.se att.ne arch. Francesca Gozzi

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli.

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. I capelli sani danno risalto alla bellezza A prima vista i capelli non sembrerebbero avere effettivamente alcuna rilevanza sostanziale sotto il profilo

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli