Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03)"

Transcript

1 Lezione Odontoiatria Conservativa (18/03/03) Continuiamo a parlare di prevenzione di primo livello. Oltre l'uso dello spazzolino è importante usare anche il filo interdentale e/o lo scovolino. Nei pazienti in cui gli spazi interprossimali tra un elemento dentario ed un altro sono normali o ridotti, è consigliabile l'uso del filo interdentale che andrebbe usato almeno una volta al giorno. È importante consigliare al paziente l'uso del filo interdentale soprattutto quando questo presenti dei problemi di gengivite poiché il filo interdentale ha un'azione coadiuvante la detersione agendo nei primi tre millimetri del solco sottogengivale. La classica gengiva a buccia d'arancia del paziente è sinonimo di una gengiva sana, questo caratteristico aspetto è dovuto all'impronta delle fibre collagene che formano il legamento parodontale tutto intorno al dente. Il filo interdentale, per essere usato correttamente, deve essere prima di tutto tagliato in un'opportuna lunghezza e poi arrotolato con le sue estremità attorno a ciascuno dito medio. A questo punto il filo sarà comandato dai due indici nel caso dell'arcata inferiore e dai due pollici nel caso dell'arcata superiore. L'uso corretto del filo interdentale prevede che questo debba "scattare" tra un punto di contatto e l'altro, inoltre il filo dovrà andare delicatamente al di sotto del solco gengivale a livello della parete mesiale e distale dei denti corrispondenti in modo da rimuovere quello che non può essere opportunamente rimosso dallo spazzolino. Il movimento che si deve seguire deve avere un andamento verticale in senso apicocoronale. Qualcuno però consiglia anche un movimento che in modo figurato potrebbe essere paragonato a quello che viene seguito quando si lucidano le scarpe. Attenzione: il fatto che il filo interdentale possa rompersi o sfilacciarsi durante l'uso fra un dente l'altro, può anche rappresentare un importante elemento diagnostico, soprattutto a livello del settore molare ed in particolare possono essere prese in considerazione due possibilità: che ci sia una carie dentale fra un elemento e l'altro (l'interruzione della sostanza dura del dente può generare delle superfici irregolari e taglienti), che ci siano delle otturazioni incongrue o non ben costruite (presenza di sovracontorni taglienti). Il filo interdentale è disponibile anche sottoforma di fettuccia, quest ultima risulta meno traumatizzante rispetto al filo interdentale classico e ciò è importante soprattutto nel paziente che ha fretta che potrebbe procurarsi lesioni agendo con forza. Inoltre possiamo avere filo interdentale cerato o non cerato. In questo caso può essere preferibile raccomandare il filo interdentale non cerato in quanto è leggermente più ruvido e quindi deterge meglio dalla placca. Può essere opportuno consigliare al paziente l'uso di filo interdentale che sia anche fluorato. In questo modo, passando il filo interdentale dopo l'igiene orale generale, una piccola quantità di fluoro presente su questo filo può essere rilasciata lungo la parete dell'elemento dentale e a livello del solco gengivale. Dunque, mettendo un po' insieme le cose, potremmo dire che il filo interdentale ideale è una fettuccia fluorata da usarsi generalmente di sera. Quando gli spazi interdentali sono più ampi, o quando ci sia recessione gengivale, risulta utile l azione dello scovolino che può diventare addirittura indispensabile quando la recessione abbia esposto le radici, in quanto il filo interdentale avrebbe poco gioco a causa dell eccessivo spazio tra gli elementi.

2 Gli scovolini possono essere di tanti tipi diversi per quanto riguarda le misure, i materiali di costruzione e la forma. Attenzione: è importante che tutti i ponti e tutte le corone possano essere percorsi con uno scovolino per consentire una adeguata e costante rimozione della placca, per cui la progettazione tecnica deve essere fatta in modo corretto. Oltre a spazzolino da denti, filo interdentale e scovolino, possono essere citati anche altri strumenti che vengono utilizzati per l'igiene dentale come gli stuzzicadenti e le asole. Gli stuzzicadenti sono dei bastoncini di legno di arancio molto delicati che presentano una superficie d'azione fatta a triangolo, cuneiforme. Quando si usano vanno ad appoggiarsi delicatamente sulla papilla interdentale e vengono poi mossi in modo da rimuovere i residui di cibo presenti nello spazio interprossimale. Curiosità: ci sono anche stuzzicadenti (cunei di gomma) che possono essere utilizzati con un'azione stimolante sulla papilla interdentale nel caso in cui ce ne sia il bisogno. Le asole sono invece dei passafili nelle quali viene infilato il filo interdentale. Avendo una struttura rigida in punta vengono fatte passare al di sotto dello spazio interprossimale fra un dente e l'altro in modo tale da poter far passare anche il filo interdentale. Abitudini alimentari corrette Per mantenere un livello di acidità salivare il più possibile vicino alla normalità è necessario seguire poche semplicissime abitudini alimentari. Prima di tutto cercare di limitare l'assunzione di carboidrati ed in particolare è importante evitare l'assunzione di carboidrati fuori dai pasti come dolciumi, caramelle, gomme da masticare zuccherate, ecc.. Per quanto riguarda ad esempio le gomme da masticare è importante sceglierne contenenti dolcificanti alternativi e fluorate. Anche nel caso si voglia di bere un caffè o un tè sarebbe preferibile l'utilizzo di edulcoranti artificiali al posto del solito zucchero. Un'altra cosa importante da tener presente è quella di non assumere cibo prima di andare a dormire. Questo è fondamentale soprattutto nei piccoli pazienti, in particolare se si pensa ad alcune patologie che possono anche essere devastanti (ad es. "baby bottle syndrome" ovvero dare ad un bambino piccolo, prima di andare a letto, il classico biberon di latte caldo con intinto un po' di zucchero o di miele). Una dieta corretta dovrebbe prevedere l'assunzione di cibi ricchi di calcio, proteine, ecc.. Vanno privilegiati i cibi con alto potere masticante mentre andrebbero messi da parte tutti quei cibi che vengono assunti anche semplicemente sciogliendoli in bocca. In questo secondo caso infatti parliamo di sostanze alimentari che possono depositarsi più facilmente. Dunque è fondamentale una corretta educazione alimentare ai fini della prevenzione della patologia orale. La prevenzione però non è soltanto legata a una corretta dieta alimentare e ad una efficace igiene orale. La prevenzione può anche essere di tipo farmacologico, di tipo chimico, attraverso la somministrazione del fluoro. L'assunzione del fluoro dovrebbe già iniziare da parte della madre nel periodo prenatale e quindi da questo punto di vista risulta fondamentale il corretto intervento del pediatra che dovrà impegnarsi a somministrare le giuste dosi. La somministrazione di fluoro viene consigliata perché... riduce l'accumulo di placca

3 frena la produzione di acidi disturba l'adesione dei batteri allo smalto può trasferirsi allo smalto durante il processo di demineralizzazione-riprecipitazione diminuisce la sintesi dei polisaccaridi intra ed extra cellulari. In particolare è stata l'introduzione del fluoro nei dentifrici che ha fatto diminuire in modo drastico il numero di carie presenti nella popolazione. Il fluoro si deposita sui cristalli di idrossiapatite dei prismi dello smalto come una camicia, neutralizzando così gli acidi provenienti dal metabolismo della placca batterica. Quando però questa sorta di impermeabile si impoverisce o addirittura risulta assente, lo smalto può essere attaccato in modo costante e continuo, complice anche l'acidità della saliva si può avere in questo caso un'azione di dissoluzione e di apertura dei prismi dello smalto tale da permettere agli acidi prodotti dalla placca di arrivare ad agire anche in profondità. L'assunzione del fluoro può avvenire per via sistemica o per via topica. L'assunzione sistemica è quella più efficace e può avvenire secondo diverse modalità: compresse acqua fluorata sale fluorato (non presente in Italia; presente in Svizzera) Attenzione: nel caso in cui l'assunzione di fluoro avvenga seguendo contemporaneamente più modalità, è importante non eccedere nella dose assunta giornalmente per evitare il pericolo di andare incontro a fluorosi (condizione patologica in cui i tessuti duri del dente subiscono un cambio strutturale che li rende si più resistenti alla carie, ma al tempo stesso comporta degli inestetismi caratterizzati da macchie bruno scure ed altro ancora). Analizziamo ora una tabella del 2002 tratta dall'american Academy of Pediatrics. Supplementazione con fluoro per bambini Dosi di fluoro in mg/die in accordo con le dosi di fluoro presenti nell'acqua Età del bambino potabile (ppm) < 0.03 ppm ppm > 0.7 ppm 0-6 mesi mesi - 3 anni anni - 6 anni anni - 16 anni La tabella che è stata qui sopra riportata indica le dosi supplementari di fluoro che devono essere assunte nel caso in cui il valore di fluoro nell'acqua sia relativa a uno dei riferimenti indicati. Se una persona beve un'acqua minerale che presenti un valore di fluoro superiore a 1,5 mg/l allora si può tranquillamente dire a questa persona di non assumere compresse di fluoro supplementari. Molto più attendibile e considerata dall'attività scientifica internazionale è un'altra tabella, stilata dall'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sempre nel In questo caso si raccomanda la somministrazione per via generale di fluoro attraverso l'uso di compresse (Zymafluor) in cui i dosaggi consigliati sono:

4 Donne in gravidanza Bambini da 0 a 2 anni Bambini da 2 a 4 anni Soggetti da 4 a anni A partire dal sesto mese di gravidanza... 1 compressa da 1 mg, una volta al giorno fino al termine dell'allattamento 1 compressa da 0.25 mg, una volta al giorno 2 compresse da 0.25 mg, una volta al giorno 1 compressa da 1 mg, una volta al giorno L'assunzione topica avviene chiaramente dopo l'eruzione dei denti. Anche in questo caso l'assunzione può avvenire in diverso modo: dentifrici gel collutori fili interdentali materiali odontoiatrici (resine composite, cementi vetro-ionomerici) gomme da masticare. In linea generale per non esagerare con l'assunzione di sostanze contenenti fluoro si potrebbe procedere in questo modo: spazzolare i denti con un dentifricio al fluoro per tre volte al giorno; usare un collutorio fluorato per un minuto, una volta al giorno (la sera prima di andare a dormire); bere acqua normale. In questo caso, seguendo queste indicazioni, si potrebbe anche evitare di prendere la compressa di fluoro. I gel a base di fluoro possono essere utilizzati in diverse circostanze. Ad esempio questi gel possono essere utilizzati dall'odontoiatra alla fine di ogni otturazione, passandoli con uno spazzolino o un batufolo di cotone sulle otturazioni appena eseguite. Questo intervento ha l'obiettivo di cercare di remineralizzare e dare protezione allo smalto dopo l'aggressione subita ad opera del dentista. Questi gel possono poi essere utilizzati come conseguenza di una igiene orale professionale. In questo caso infatti, dopo un intervento di igiene orale professionale, i tubuli della dentina appaiono aperti e quindi i denti sono più sensibili, per questo motivo, si può dare indicazione al paziente di assumere questi gel come desensibilizzanti per 7-10 giorni. Il gel ha lo scopo di fare da impermeabile e da desensibilizzante, proteggendo i denti dall'attacco della placca batterica eventualmente presente in bocca; questi gel sono facilmente acquistabili nelle farmacie. (un gel fluorato è ad esempio l'elmex). La somministrazione di gel di norma avviene dopo l'igiene orale serale, passando per tutta la bocca con lo spazzolino e sputando la schiuma formatasi, senza sciacquarsi la bocca. L'applicazione topica di fluoro eseguita dal paziente stesso ha un effetto duraturo per tutta la notte. L'utilizzo di questi gel può essere anche un valido sussidio post-trattamento quando si effettua lo sbiancamento dei denti in quanto gli sbiancanti non sono altro che degli agenti chimici (di solito si tratta di perossido di carbamide) che non hanno alcun effetto collaterale se non quello di aprire i prismi dello smalto, detergerli e renderli più brillanti generando però una ipersensibilità dentale.

5 Sigillature dei solchi Una volta che si è provveduto ad attuare tutte queste manovre di prevenzione primaria (topiche o sistemiche, domiciliari o professionali,...) si può anche decidere di eseguire una prima manovra terapeutica, non aggressiva e sempre nel campo della profilassi della carie, che consiste nella sigillatura dei solchi. Gli elementi dentari che dovrebbero essere sigillati sono solitamente i primi e i secondi molari permanenti delle due arcate (superiore e inferiore). Questo intervento può essere fatto già quando questi denti sono fuori per metà del loro equatore clinico. L'intervento prevede diverse tappe: Isolare il dente con diga di gomma. Pulire il dente con uno spazzolino montato su un manipolo moltiplicatore fatto girare a basso numero di giri e utilizzando una pasta da profilassi fluorata. Dopo avere perfettamente pulito i solchi della superficie occlusale del dente, con una sonda si vanno a sondare i vari solchi stando ben attenti che questa non si impegni mai, anche solo minimamente. Avere l'assoluta certezza che i solchi non siano sondabili è estremamente importante e serve per avere la sicurezza di non andare a sigillare dei batteri al di sotto del materiale da sigillatura. A questo punto i solchi vengono puliti chimicamente e mordenzati. La mordenzatura è un'operazione che consiste nell'acidificare la superficie smaltea con un acido debole (acido ortofosforico al 37%). posto nei solchi grazie all'impiego di una siringhino per circa 30 secondi. Nel caso si voglia invece effettuare una sigillatura dei denti da latte, il mordenzante andrà mantenuto in loco per almeno 45 secondi. Durante la mordenzatura lo smalto si apre, si irruvidisce, ed è pronto ad ospitare delle sostanze che legano il materiale da sigillatura allo smalto stesso. Il dente viene ora risciacquato con un'abbondante getto d'acqua in modo da pulire questa superficie che è stata condizionata con l'acido ortofosforico. Si otterrà così una superficie gessosa (tipica del passaggio del mordenzante sullo smalto) che andrà asciugata e umettata con una resina adesiva. In questo caso, per posizionare la resina adesiva, si usa un piccolo scovolino (brush) che viene sfregato in modo corretto sulla superficie occlusale del dente per una quarantina di secondi. Lo strato di resina adesiva viene poi steso con un getto d'aria nei solchi e sopra la superficie occlusale. La resina adesiva viene poi polimerizzata utilizzando una luce appropriata (una luce alogena) e così bloccata all'interno dei prismi dello smalto. Viene quindi fatta colare una resina autopolimerizzante (un composito) sulla superficie occlusale del dente, composito che si presenta come un materiale fluido e scorrevole che viene depositato in piccole gocce con delle apposite siringhine e poi fatto scorrere con delle sonde appuntite all'interno dei solchi. Quando tutti i solchi saranno stati riempiti si potrà partire con la fotopolimerizzazione che sarà di 40 secondi per step. In questo modo la resina fluida potrà essere bloccata all'interno dei solchi. Si rimuovere la diga di gomma. Si andranno infine a "saggiare" i punti di contatto dei denti controllando che non ci siano dei rialzi occlusali causati dalle resine utilizzate. Il tempo esecutivo per compiere questa serie di passaggi è mediamente di circa cinque minuti per elemento dentale. Naturalmente l'isolamento del campo operatorio sotto diga di gomma ha il vantaggio di abbreviare i tempi. Nota bene: oggi giorno per le operazioni di sigillatura si usano le resine fluide (che sono degli compositi da otturazione definitiva) perché sono dei composti più stabili e che a differenza di altri composti utilizzati nel recente passato non saltano via nel giro di poco

6 tempo. In linea generale le sigillature fatte con queste resine fluide possono durare per anni. A seguito di un'operazione di sigillatura, si può vedere che l'anatomia del dente non ha assolutamente perso nella sua componente macroscopica, ma ha perso solamente nella sua componente microscopica, guadagnandoci però dal punto di vista dell'effetto anticarie. Questa che è stata ora descritta può essere considerata come la prima manovra di terapia, minimamente invasiva, che si può attuare sui denti dei pazienti con uno scopo preventivo. La profilassi secondaria consiste in tutta quella serie di trattamenti precoci che hanno lo scopo di limitare i danni di una malattia che può anche essere asintomatica. Come profilassi secondaria possiamo indicare: una visita di controllo, atta anche a controllare quanto fatto precedentemente; i "pilastri della primaria" che possono costituire una terapia precoce, se attuati appena si evidenzia una lesione. Nella profilassi secondaria potremmo anche inserire quelle piccole otturazioni o ricostruzioni delle carie dei solchi che vengono indicate in inglese come "preventing resin restorations". Se ad esempio un solco di un sesto viene ad essere intaccato da una lesione cariosa, allora in questo caso si può prendere una fresa (la più piccola che si ha a disposizione), aprire e pulire il solco togliendo lo smalto e completare l'operazione con la stessa metodica e con gli stessi materiali che vengono impiegati per fare le sigillature preventive. Quella che in pratica si viene a fare è una sigillatura estesa, una piccola otturazione preventiva che ha lo scopo di evitare che i batteri che hanno intaccato lo smalto a livello del solco possano raggiungere la dentina. Qualche autore come prevenzione consiglia anche, per quegli elementi che sono particolarmente anfrattuosi e hanno solchi molto profondi, di attuare una manovra clinica microinvasiva che si chiama "enamelo-plastica". In pratica, in questo caso, si va ad agire con una fresa a pallina e a levigare lo smalto in modo da trasformare un solco profondo in un solco più aperto. Dopo quest'operazione di allargamento, il solco, come negli altri casi, viene sigillato. Si può infine definire la profilassi terziaria che viene messa in atto quando la malattia e già così avanzata da non rendere più possibile una restitutio ad integrum. In questo caso si provvede ad attuare un ripristino della funzione con una adeguata terapia. In conservativa le manovre che si possono fare a questo punto consistono... nella realizzazione di restauri parziali (otturazioni e intarsi) nella realizzazione di corone protesiche. A una carie può seguire una preparazione cavitaria che porta ad ottenere una cavità che può essere di I, II, III, IV, V o VI classe (classi di Black). I classe: È una cavità a una superficie di preparazione che interessa principalmente le superfici occlusali dei premolari e dei molari in uno o più punti e anche il solco presente sulla superficie vestibolare dei denti molari. Rientrano nelle cavità di I classe anche quelle cavità localizzate a livello della superficie palatale dei denti anteriori superiori (incisivo centrale, incisivo laterale, canino).

7 II classe: È una cavità a due o più superfici. Se ad esempio è presente una carie sulla superficie mesiale o distale di un dente premolare o molare, per poter arrivare alla carie e rimuoverla siamo costretti ad aprire la cresta marginale corrispondente. Dunque è necessario coinvolgere parte del pavimento occlusale e la cresta marginale per poter andare a togliere una carie interprossimale. Operando in questo modo possiamo avere una cavità occluso-mesiale (O-M), una cavità occluso-distale (O-D) o ancora una cavità mesio-occluso-distale (M-O-D). Da quanto si può vedere anche una cavità a tre superfici è una cavità di II classe. Questo tipo di cavità si ottiene nel momento in cui uniremo l'istmo che separa le due cavità di II classe (quella occluso-mesiale e quella occluso-distale). Nelle cavità di II classe rientrano anche quelle cavità che comprendono il solco vestibolare dei denti molari. È da notare il fatto che in questa classe sono rispettate le cuspidi del dente. Curiosità: Nel primo molare inferiore abbiamo di solito tre canali. Di questi due si trovano nella parte mesiale dell'elemento dentale e sono posti uno vestibolarmente e l'altro lingualmente mentre il terzo è un unico grosso canale posto distalmente ai primi due e che solitamente è immediatamente sotto la fossa centrale. Attenzione: raramente ci può essere un canale mesiale compreso tra quello vestibolare e quello linguale mentre spesso, il canale distale è sdoppiato in due canali. Comunque, da quanto si può notare, se ne deduce che la cavità di accesso endodontica (quella per arrivare ai canali) è di forma triangolare. Non c'è dunque bisogno di andare a ricercare dei canali nella parte posteriore (metà distale) dell'elemento dentale. III classe: Comprende cavità localizzate esclusivamente nei settori frontali della bocca. Queste cavità si osservano a livello delle superfici interprossimali e quindi sono poste fra un elemento dentale e l'altro. Sono anch'esse delle cavità a due superfici. La III classe può essere sua volta distinta in "passante" e "non passante". Una III classe si definisce "passante" quando lo smalto vestibolare è assente perché è stato anche lui sottominato dalla carie (quindi c'è un buco continuo). Una III classe si definisce invece "non passante" quando una delle due pareti principali del dente (di solito quella vestibolare) rimane integra. IV classe: Comprende cavità localizzate esclusivamente nei settori frontali della bocca. Anche queste cavità coinvolgono le superfici interprossimali, ma a differenza delle cavità di III classe, si osserva la mancanza di un segmento, mesiale o distale, del margine incisale dell'elemento dentale. In pratica è come se si venisse ad avere una frattura dell'elemento dentale in cui manca parte della superficie vestibolare, parte della superficie linguale e parte della superficie interprossimale. Viene cioè "perso un angolo" dell'elemento dentale. Una frattura complicata si osserva nel momento in cui viene ad essere esposta anche la polpa del dente in questione. V classe: Comprende le cavità a carico del colletto dei denti (carie o erosioni del colletto). Queste cavità sono preferenzialmente vestibolari e solo raramente linguali o palatali. Possono interessare il colletto di qualsiasi dente e sono dovute a carie o ad abrasioni del colletto in seguito ad esempio a eccessivo spazzolamento.

8 VI classe: È una conseguenza della erosione degli elementi dentari localizzata generalmente a livello dei canini inferiori o superiori a causa della guida canina o in altri elementi a causa di guide e svincoli che percorsi e ripercorsi causano abrasioni. Queste fossette, caratteristiche della VI classe di Black, possono ritrovarsi su tutti gli elementi dentari interessando quindi... l'estremità incisale dei denti anteriori la punta delle cuspidi dei denti posteriori (in particolare le cuspidi di centrica, cioè quelle deputate alla masticazione, nonché le cuspidi vestibolari per i denti inferiori e cuspidi palatali per i denti superiori). Quelle viste finora sono delle cavità e quindi delle otturazioni intracoronali. Quando però queste otturazioni incominciano ad essere extracoronali o a comprendere una o più cuspidi, allora è più corretto parlare di ricostruzioni (ricostruzioni complesse). Una precisazione sulle otturazioni permette di distinguere tra otturazioni dirette e otturazioni indirette. Le otturazioni o le ricostruzioni dirette sono quelle che l'odontoiatra può fare direttamente alla poltrona e sul paziente, quelle indirette comprendono invece tutta l'intarsistica o comunque quando sia necessaria una ricostruzione protesica che coinvolge un laboratorio odontotecnico. In questo secondo caso, quasi sempre, sono necessari due appuntamenti: il primo appuntamento per preparare la cavità e prendere un'impronta che andrà poi spedita al laboratorio odontotecnico che realizzerà l intarsio ed un secondo appuntamento, in cui verrà cementato il lavoro nella bocca del paziente.

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa IX INDICE 1. Storia dell odontoiatria restaurativa 2. Embriologia ed istologia 2.1. Cenni di embriologia 2.1.1. Embriologia dell organo dentale 2.1.2. Formazione dello smalto 2.1.3. Formazione della dentina

Dettagli

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia OPUSCOLO IGIEE Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia In accordo UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

Attività ospedaliera con pazienti autistici

Attività ospedaliera con pazienti autistici Attività ospedaliera con pazienti autistici DIRIGENTE DR ARRIGONI CARLO RESPONSABILE DR TEALDI RODOLFO COLLABORATORI DR FIORELLINO MARIO MEDICO FREQUENTATORE INFERMIERE BONGIOVANNI ISABELLA GIRAUDI CARMEN

Dettagli

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE Una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere nel tempo i propri denti e le proprie gengive sane. I nemici principali della salute orale sono i batteri,

Dettagli

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente.

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente. PREVENZIONE INFANTILE L'infanzia è sicuramente il terreno più fertile per una corretta educazione sanitaria odontoiatrica. In queste fasce di età la prevenzione primaria è di particolare interesse. Essa

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Igiene orale e profilassi

Igiene orale e profilassi Igiene orale e profilassi Per igiene orale si intende la pulizia della cavità orale nella sua interezza, sia nei suoi tessuti duri come i denti sia nei suoi tessuti molli come le mucose. Tali argomenti

Dettagli

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana Guida interattiva all educazione orale nella prima infanzia A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana DALLA MAMMA AL BAMBINO Come mantenere sana la bocca dei nostri figli Educare i bambini

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione!

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso,

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

Studio Odontoiatrico. Dott. Pietro Bettanini

Studio Odontoiatrico. Dott. Pietro Bettanini Studio Odontoiatrico Dott. Pietro Bettanini Via Cavour, 105 39012 Merano Tel. 0473/212421 Fax 0473/258539 Un'alimentazione equilibrata è fondamentale per lo sviluppo e la salute dell'organismo e dei denti.

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe Come pulire i denti su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876

Dettagli

Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione e stoccaggio Manipolazione e stoccaggio Conservare nella confezione originale a temperatura ambiente. Non esporre a luce solare diretta, temperature eccessive, contaminazioni e fonti d ignizione. Vita utile del prodotto

Dettagli

2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa.

2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa. ODONTOIATRIA RESTAURATIVA (AIC - Accademia Italiana di Conservativa) 2.1 Introduzione Questo capitolo si occupa dei parametri operativi dell odontoiatria restaurativa. 2.2 Definizione di odontoiatria restaurativa

Dettagli

Sbiancamento dentale. Perché sbiancare i denti!

Sbiancamento dentale. Perché sbiancare i denti! Sbiancamento dentale Perché sbiancare i denti! Il sorriso e i denti di una persona sono tra le prime cose che noi guardiamo quando comunichiamo con gli altri. Un bel sorriso dà un'idea di igiene, di ordine,

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

2. Chiusura di gap e sostituzione del dente mancante 35 con ponte modellato direttamente nella regione 34-36

2. Chiusura di gap e sostituzione del dente mancante 35 con ponte modellato direttamente nella regione 34-36 GrandTEC Test Kit Egr. utilizzatore, Questo Test Kit è stato realizzato per permetterle di testare GrandTEC sul modello prima di usare il prodotto in una situazione clinica. GrandTEC è una striscia in

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE IL VERO MANUALE SULL IGIENE ORALE A CASA Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso, facilitando i rapporti con

Dettagli

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO Dott.ssa Federica Nosenzo Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria presso L Università di Milano Uni Ateneo Ivana Torretta Nerviano

Dettagli

LINEE GUIDA DI SALUTE ORALE NEL BAMBINO

LINEE GUIDA DI SALUTE ORALE NEL BAMBINO LINEE GUIDA DI SALUTE ORALE NEL BAMBINO La salute orale del bambino è un obiettivo per i genitori che sanno quanto sia importante per la qualità di vita del bambino. La bocca è infatti sede di funzioni

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE E uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della carie, insieme alla: sigillatura dei solchi Fluoroprofilassi Igiene orale Controlli periodici CARIE E ALIMENTAZIONE PLACCA

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

PREVALENZA PATOLOGIA CARIOSA

PREVALENZA PATOLOGIA CARIOSA PREVENZIONE il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute

Dettagli

Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia

Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia Odontoiatria Conservativa ed Endodonzia Che cos'è l'odontoiatria Conservativa? L'odontoiatria conservativa è una branca dell'odontoiatria che si occupa principalmente della cura della carie dentale. La

Dettagli

guida pratica per la salute orale del paziente disabile

guida pratica per la salute orale del paziente disabile Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Odontostomatologia Direttore: Prof.ssa Pietrina Franca Lugliè guida pratica per la salute orale del paziente disabile A cura dell Igienista dentale

Dettagli

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

Ricette per Splendidi Sorrisi

Ricette per Splendidi Sorrisi Ricette per Splendidi Sorrisi Le ricette La collaborazione ideale 3M ESPE è leader nella conservativa grazie a tecnologie sempre all avanguardia. Grazie al costante dialogo con i professionisti nel campo

Dettagli

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 1 DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA Denti e dentizioni DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 2 A seconda della loro morfologia distinguiamo quattro tipi di denti: - Gli incisivi - I canini - I premolari -

Dettagli

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Cari genitori, Promes Sanità lancia l iniziativa Giovani Sorrisi destinata ai pazienti più piccoli con l obiettivo di assicurare la salute della bocca dei

Dettagli

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA Linee guida per l igiene orale in caso di apparecchi ortodontici. Durante il periodo di trattamento con l apparecchiatura ortodontica il paziente deve mantenere

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Per una protezione quotidiana dalla carie accurata dei colletti dentali scoperti efficace ma delicata del margine gengivale Balsamo per le gengive Nuovo

Dettagli

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Daniela Batisti SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Guida per mamme e papà alla prevenzione della carie Daniela Batisti, Sporchicini nascosti tra i dentini Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie Opuscolo informativo per i pazienti I fluoruri per prevenire la carie Tutto quello che dovete sapere sui fluoruri Negli ultimi decenni, in Svizzera e in molti paesi industrializzati, si è assistito a una

Dettagli

L odontoiatria conservativa

L odontoiatria conservativa Gianfranco Politano L odontoiatria conservativa come ripariamo un dente cariato Una pubblicazione dello: L autore! Gianfranco Politano Laureato in odontoiatria e protesi dentale all universita di Modena

Dettagli

HIUSURA DI DIASTEMI CON RESTAURI DIRETTI IN COMPOSITO. www.tokuyama.it

HIUSURA DI DIASTEMI CON RESTAURI DIRETTI IN COMPOSITO. www.tokuyama.it C HIUSURA DI DIASTEMI CON RESTAURI DIRETTI IN COMPOSITO CHIUSURA DI DIASTEMI CON RESTAURI DIRETTI IN COMPOSITO FIG. 1 Ampi diastemi a carico del settore frontale superiore FIG. 2 Diastemi degli elementi

Dettagli

PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE

PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE PER GENGIVE PIÙ SANE MANUALE DI IGIENE ORALE DOMICILIARE SOLUZIONI COMPLETE PER L IGIENE ORALE D A L L A P R E V E N Z I O N E A L L A C U R A LA CORRETTA IGIENE ORALE TUTELA LA SALUTE DI TUTTO L ORGANISMO

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle controindicazioni. E consigliabile eseguire

Dettagli

Polimerizzazione Duale A Rilascio di Fluoruro Idrofilo Radiopaco Autoadesivo Automordenzante sulla Dentina

Polimerizzazione Duale A Rilascio di Fluoruro Idrofilo Radiopaco Autoadesivo Automordenzante sulla Dentina PULPDENT Embrace WetBond SPEE-DEE Build-Up Polimerizzazione Duale A Rilascio di Fluoruro Idrofilo Radiopaco Autoadesivo Automordenzante sulla Dentina DESCRIZIONE DEL PRODOTTO SPEE-DEE Build-Up è un materiale

Dettagli

Scovolini interdentali:

Scovolini interdentali: Scovolini interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una corretta igiene orale: questa la filosofia

Dettagli

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15.

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. E un iniziativa di guida per una corretta igiene orale Per rafforzare la relazione con i nostri clienti con pubblicazioni e articoli

Dettagli

PARODONTALE CON SCALING e PREPARAZIONI GNATOLOGICHE

PARODONTALE CON SCALING e PREPARAZIONI GNATOLOGICHE Elenco DEBRIDMENT: dei vassoi utilizzati TRATTAMENTO in sequenza al corso di PARODONTALE CON SCALING e levigatura PROTESI delle FISSA radici E PREPARAZIONI GNATOLOGICHE Vassoio 30 per portaimpronte.......................

Dettagli

Punte da ultrasuoni per odontoiatria restaurativa

Punte da ultrasuoni per odontoiatria restaurativa L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 6 n 1, 2003 Punte da ultrasuoni per odontoiatria restaurativa CHERILYN G. SHEET, DDS JACINTHE M. PAQUETTE, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI ODONTOIATRICHE Punte da ultrasuoni

Dettagli

Il sorriso è l espressione della salute

Il sorriso è l espressione della salute Il sorriso è l espressione della salute...esprimi la tua salute iniziando da un sorriso sano. PROGRAMMA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ORALE e IGIENE ALIMENTARE Introduzione L educazione alla salute rappresenta

Dettagli

Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2

Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2 Manuale Igiene.qxd 24-07-2012 17:10 Pagina 2 Sunstar Italiana s.r.l. Corso Italia 13 21047 Saronno (Va) Italia Tel. 02.96319003 - Fax 02.96319008 www.sunstargum.it - info.italy@it.sunstar.com SEGUICI SU

Dettagli

Estetica in odontoiatria.

Estetica in odontoiatria. Estetica in odontoiatria. Il tema Estetica viene trattato nei seguenti 8 Files. 1) Introduzione all Estetica in Odontoiatria. 2) Nozioni cliniche di estetica del sorriso, utili al paziente. 3) Analisi

Dettagli

CORSO INTENSIVO SU RIUNITO E SU DENTI CON LESIONI CARIOSE ARTIFICIALI DI CONSERVATIVA LIVELLO I: RESTAURI DI I, V, II CLASSE

CORSO INTENSIVO SU RIUNITO E SU DENTI CON LESIONI CARIOSE ARTIFICIALI DI CONSERVATIVA LIVELLO I: RESTAURI DI I, V, II CLASSE 1 CORSO INTENSIVO SU RIUNITO E SU DENTI CON LESIONI CARIOSE ARTIFICIALI DI CONSERVATIVA LIVELLO I: RESTAURI DI I, V, II CLASSE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A (Codice Ministeriale

Dettagli

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano Guida per il paziente Consigli utili per un sorriso sano 2 Denti sani per tutta la vita Hai parecchio da guadagnare dedicando ai tuoi denti qualche minuto di attenzione ogni giorno. Lo sapevi che una bocca

Dettagli

F.A.Q. (Domande Frequenti)

F.A.Q. (Domande Frequenti) F.A.Q. (Domande Frequenti) 1) QUANTO COSTA UNA VISITA? La prima visita è gratuita; 2) OGNI QUANTO DOVREI FARE L'ABLAZIONE DEL TARTARO? La frequenza con cui è opportuno farsi controllare dipenda essenzialmente

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

FLUOROSEAL. Estratto Bibliografico. a cura di: International Dental Supply Srl e Scientific Pharmaceutical Inc.

FLUOROSEAL. Estratto Bibliografico. a cura di: International Dental Supply Srl e Scientific Pharmaceutical Inc. FLUOROSEAL Sottofondo foto polimerizzabile auto adesivo con idrossiapatite Estratto Bibliografico a cura di: International Dental Supply Srl e Scientific Pharmaceutical Inc. con la collaborazione di: Dott.

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso La presa di una buona impronta è fondamentale perché gli allineatori

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA Dott.ssa Eva Pellegrini Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA L integrità di un dente può essere compromessa da molte cause, tra cui le più comuni sono: carie, erosione/abrasione e traumi. La Conservativa

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma:

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma: Studio Dentistico LE REGOLE D'ORO DELLA PREVENZIONE Prevenzione odontoiatrica a 360 - Corriere della salute - Articolo tratto da Corriere Salute, inserto del Corriere della Sera del 3 febbraio 2002-1-

Dettagli

a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive

a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive a cura di Giovanni Sammarco Francesca Manfrini Quaderno di aggiornamento odontoiatrico Analisi del paziente cariorecettivo e metodiche mini-invasive INDICE INTRODUZIONE...9 1 - LA CARIE:...11 DEFINIZIONE

Dettagli

Mini Dossier Prevenzione N. 10-11/09

Mini Dossier Prevenzione N. 10-11/09 Le malattie della bocca ed i loro sintomi L IGIENE DELLA BOCCA La bocca è una parte molto importante del nostro corpo: il viso deve molto al sorriso e una bocca con denti cariati, macchiati, rotti o addirittura

Dettagli

L'angolo del sorriso

L'angolo del sorriso L'angolo del sorriso A cura di: Dott. Maria Cristina Ceccarelli, Laurata in Odontoiatria e Protesi Dentale, Specialista in Ortognatodonzia Daniela Martelli Diplomata in Igiene Dentale Questo è un breve

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONI PROTESICHE PER INLAY DI II CLASSE ESEGUITE DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI COMPLETI CON LA ANALISI

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T I U T I L I

A P P R O F O N D I M E N T I U T I L I A P P R O F O N D I M E N T I U T I L I Com'è composta la dentizione decidua e a che età avviene l'eruzione dei dentini da latte? I denti da latte sono in tutto 20, cinque per ogni emiarcata. Spuntano

Dettagli

Anestesia Locale Indolore

Anestesia Locale Indolore Anestesia Locale Indolore Particolare cura a non far avvertire disagi durante l'effettuazione della Anestesia Locale MicroDose Test iniziale, per valutare eventuali reazioni con dosi farmacologiche minime.

Dettagli

«I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia

«I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia «I DENTI E L IGIENE ORALE» Lunedì 14 Dicembre 2015 Scuola media statale Padre Pio Torremaggiore Dott. Antonio Recchia IL DENTE CORONA RADICE SMALTO DENTINA CEMENTO RADICOLARE POLPA OSSO ALVEOLARE GENGIVA

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

che cos è la cariologia?

che cos è la cariologia? che cos è la cariologia? La cariologia promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono i tessuti duri dei denti (smalto, dentina), la

Dettagli

CLINICAL GUIDE - BY DR. NOBORU TAKAHASHI

CLINICAL GUIDE - BY DR. NOBORU TAKAHASHI CLINICAL GUIDE - BY DR. NOBORU TAKAHASHI Indice 4 5 6 6 8 0 4 5 8 9 Introduzione Materiale Presa del colore Rifinitura e lucidatura Restauri posteriori Cavità di I a classe superficiale Cavità di II a

Dettagli

CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE

CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE 1 CORSO PRATICO SU RIUNITO E SU SIMULATORI CON TESSUTI DI PROTESI FISSA LIVELLO II: INLAYS, ONLAYS, FACCETTE E PROTESI DI INTERE ARCATE CORSO COMPLETO (PARTE A + PARTE B): 30 CREDITI ECM PARTE A: 15 CREDITI

Dettagli

ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE

ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE La garanzia copre le seguenti prestazioni: VISITE Visita unica o prima in ambulatorio Visita specialistica ANESTESIA Anestesia di superficie Anestesista locale o

Dettagli

Carta Servizi PROTESI DENTALE

Carta Servizi PROTESI DENTALE Dott. Antonio Calabrese Carta Servizi PROTESI DENTALE La Protesi Dentale è quella branca odontoiatrica che si occupa della sostituzione dei denti naturali andati persi. Se uno o più denti sono andati perduti

Dettagli

MATERIALI E METODI. I casi sono stati tutti documentati fotograficamente.

MATERIALI E METODI. I casi sono stati tutti documentati fotograficamente. PREMESSA Nonostante l evidente progresso che nel campo dei materiali per otturazioni estetiche è stato compiuto in questi anni, molti problemi restano ancora da risolvere per ottenere i risultati di durata,

Dettagli

Programma di promozione alla salute orale & igiene alimentare

Programma di promozione alla salute orale & igiene alimentare Programma di promozione alla salute orale & igiene alimentare Introduzione L'educazione alla salute rappresenta uno dei mezzi vincenti attraverso cui fondare e diffondere una cultura di prevenzione. Il

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

che cos è l odontoiatria protesica?

che cos è l odontoiatria protesica? che cos è l odontoiatria protesica? L odontoiatria protesica è quella disciplina che si occupa di ristabilire e mantenere le funzioni orali e l aspetto estetico del paziente attraverso il restauro dei

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle

Dettagli

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Il Progetto Prevenzione, un idea di CLD nata nel 2011 e curata dalla dott.ssa Sara Zambelli, si prefiggeva di comprendere quanto l igiene orale

Dettagli

CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI

CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI CEMENTI PROVVISORI & DEFINITIVI Cementi provvisori e definitivi La ricerca e lo sviluppo, uniti all impegno nel migliorare costantemente i prodotti hanno permesso la formulazione dei cementi provvisori

Dettagli

Estetica in odontoiatria.

Estetica in odontoiatria. Estetica in odontoiatria. Il tema Estetica viene trattato nei seguenti 8 Files. 1) Introduzione all Estetica in Odontoiatria. 2) Nozioni cliniche di estetica del sorriso, utili al paziente. 3) Analisi

Dettagli

L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO

L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO F-SPLINT-AID SLIM di POLYDENTIA SA L IMPIEGO IN PARODONTOLOGIA DEL NASTRO IN FIBRA DI VETRO PRE- IMPREGNATO DI AGENTE ADESIVO Introduzione generale F-Splint-Aid Slim è un nastro in fibra di vetro pre-impregnato

Dettagli

Definizione carie. Smalto e dentina sono i tessuti duri del dente più facilmente attaccabili dai batteri cariogeni

Definizione carie. Smalto e dentina sono i tessuti duri del dente più facilmente attaccabili dai batteri cariogeni Lezione del 13/03/03 Definizione carie La carie è una malattia ad epidemiologia vastissima, tanto da essere la seconda malattia al mondo di tipo batterico in quanto a diffusione. La sua eziologia è di

Dettagli

TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA

TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA DIAGNOSTICA Euro VISITA 24 VISITA DI CONTROLLO 20 VISITA ODONTOIATRICA URGENTE 50 ALTRA RADIOGRAFIA ENDORALE (per ogni radiogramma aggiuntivo) 15 RADIOGRAFIA

Dettagli

I denti, un bene prezioso.

I denti, un bene prezioso. I denti, un bene prezioso. Direzione Generale Sanità Struttura Piani e Programmi www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 840.000.006 Televideo di RAI 3 pp. 530-535 La salute della bocca: consigli per

Dettagli

Lezione per tutti i livelli (6-15 anni) I fluoruri. Obiettivi didattici

Lezione per tutti i livelli (6-15 anni) I fluoruri. Obiettivi didattici Lezione per tutti i livelli (6-15 anni) I fluoruri Obiettivi didattici La lezione può prevedere i seguenti obiettivi, che verranno opportunamente adattati al livello base, medio e superiore: Gli alunni

Dettagli

Ionolux. Ionolux. Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile

Ionolux. Ionolux. Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile Ionolux Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile materiali vetroionomeri di VOCO prodotti sicuri che vi aiutano nel trattamento quotidiano dei vostri pazienti Per più di vent anni VOCO è attiva nella

Dettagli

Diagnosi di carie. Classificazione della carie

Diagnosi di carie. Classificazione della carie Diagnosi di carie La Scuola di Medicina Dentale dell'università di Ginevra definisce l'odontoiatria conservativa come "l'insieme dei procedimenti clinici atti alla conservazione dei denti naturali e al

Dettagli

LA GUIDA DEI GENITORI

LA GUIDA DEI GENITORI LA GUIDA DEI GENITORI La cura dei denti dei bambini. Dai bambini più piccoli agli adolescenti, un sorriso per volta. L igiene orale in America PROBLEMA Nel maggio del 2001, lo studio del Surgeon General,

Dettagli

Igiene orale Informazioni utili per una corretta igiene orale

Igiene orale Informazioni utili per una corretta igiene orale Igiene orale Informazioni utili per una corretta igiene orale Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

Libretto Sanitario Odontoiatrico

Libretto Sanitario Odontoiatrico Libretto Sanitario Odontoiatrico PRESENTAZIONE Il Servizio sanitario nazionale ha tradizionalmente dedicato un impegno limitato alla salute del cavo orale e all assistenza odontoiatrica, nonostante siano

Dettagli