Rimozione Amalgama. Autore: Umberto Galbiati. ************* *********** Protocollo Rimozione Protetta Amalgama.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rimozione Amalgama. Autore: Umberto Galbiati. ************* *********** Protocollo Rimozione Protetta Amalgama. www.naturopatiadentale."

Transcript

1 Rimozione Amalgama ************* *********** Protocollo Rimozione Protetta Amalgama Autore: Umberto Galbiati

2 Prendi l iniziativa! Mi sono trovato al posto giusto nel momento giusto; in questo c entra molto la fortuna. Con me, nello stesso posto, c erano anche altre persone. La differenza è che io ebbi una visione. Vidi una possibilità. Alcuni, nello stesso posto in cui ero io, ebbero la stessa mia visione. La differenza è che io presi un iniziativa immediata e concreta! Bill Gates

3 Se hai amalgame in bocca allora sei nel posto giusto al momento giusto Non aspettare oltre per passare all azione! Come accertarsi che è realmente necessario togliere tutte le amalgame? Risposta: è sempre bene rimuovere le amalgame; raramente una persona non è migliorata dopo averlo fatto. Prima Dopo Tuttavia, a volte non è sufficiente rimuovere l amalgama per risolvere tutti i sintomi, ma può aumentare le probabilità di guarigione!

4 Sintomi collegati alla presenza di Amalgama Dentale Eccessiva stanchezza cronica e difficoltà di alzarsi alla mattina Ridotta energia, indisposizione intellettuale, perdita di memoria a breve termine Irrequietezza, depressione, irritabilità, ombrosità Aumento salivazione, presenza cronica di catarro nel naso e vie respiratorie Infiammazioni mucose orali, gengive sanguinanti, allentamento dei denti Diarrea improvvisa, lieve emorragia e dolori intestinali Eczema, dermatite, orticaria, difficoltà uditiva Digestione difficoltosa, perdita appetito Cambiamenti nella vista, difficoltà di linguaggio e nella scrittura Linfocitosi, polineuropatia, dolori articolari Aumentata frequenza carie dentale e suscettibilità generale alle malattie Disturbi sessuali, danni fetali, modificazioni tiroidee

5 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE L amalgama dentale è un materiale creato nel 1826 per eseguire otturazioni metalliche economiche, composta al 50% da metalli triturati in polveri fini (argento, stagno, zinco, rame) e dal restante 50% da mercurio con tracce di tallio. tallio

6 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE Il mercurio, il tallio e lo stagno, reagendo tra loro e con varie sostanze presenti in bocca (batteri, acidi, basi, ioni, ecc.), si trasformano in composti estremamente tossici che si depositano in vari organi del corpo: ghiandole endocrine, tiroide, testicoli, prostata, fegato, pancreas, reni, capelli, e nel cervello. In quest ultimo sono state riscontrate le concentrazioni più alte.

7 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE In America, già nel 1840, ne fu proibito l uso per via di numerose intossicazioni ma fu reintrodotta per motivi economici nel 1855

8 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE Fin dal 1926 il Prof. Alfred Stock aveva pubblicato un poderoso studio sulla materia nel quale rendeva noti al mondo i pericoli d intossicazione da vapori di mercurio causati dalle amalgame presenti in bocca. A causa dei suoi studi, egli stesso morì di un intossicazione cronica da mercurio!

9 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE Recentemente, in Norvegia, Svezia e Danimarca, l utilizzo dell amalgama dentale sull essere umano di qualsiasi condizione, sesso ed età è addirittura un grave reato punito dalla legge. Persino la Russia ha accertato le numerose intossicazioni croniche causate dalle amalgame e ne ha definitivamente proibito l uso!

10 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE In Germania esiste una sentenza del tribunale di Francoforte basato su una perizia eseguita all Università di Kiel dal Prof. Wasserman, che condanna una ditta tedesca, produttrice di amalgama dentale, a rifondere i danni causati a un numero considerevole di pazienti. A seguito della sentenza la ditta rinunciò a produrre amalgama, ma solo per la Germania, e accettò di pagare 1,5 mil. di D.M. per evitare il procedimento penale. In Italia esiste il d.l.10/10/2001, ma non tutela nessuno!

11 UN PO DI STORIA DELL AMALGAMA DENTALE Quanto mercurio si libera dalle otturazioni? Radics, Till, Pleva, Jerome, sono ricercatori di fama internazionale: ognuno ha rilevato e definito il quantitativo di esposizione al mercurio proveniente dalle amalgame per giorno. Il massimo è 150 mcg/die L O.M.S. dice che sono ammessi, come esposizione massima, 43 mcg/die di mercurio In U.S.A. questo limite è di 10 mcg/die SOLO dalle amalgame ci perviene, a testa, un quantitativo da 1 a 29 mcg/die, ai quali va aggiunto tutto il resto: inalazione, ingestione, farmaci, ecc.

12 Allarme: presenza di amalgama! Nel caso di presenza d amalgama il dentista olistico ha il compito di valutare attentamente e in modo diverso che i pazienti: a) Non presentino ancora sintomi b) Abbiano già dei sintomi associabili alla presenza di metalli pesanti, ma che possono anche sopportare un piccolo peggioramento momentaneo c) Abbiano già dei sintomi gravi, patologie neurologiche avanzate, allergie gravi, psoriasi, malattie auto-immuni in fase di reazione, in cui un peggioramento, anche lieve, potrebbe costituire un grosso problema.

13 Allarme: presenza di amalgama! La procedura di rimozione dell'amalgama, sulla base del gruppo d appartenenza (a-b-c), dovrebbe essere differenziata come segue: a) b) c) Previa preparazione naturopatica, nella prima seduta rimuovere una sola otturazione ed osservare la reazione immediata. Se non vi è reazione alcuna, si possono eliminare 1-2 amalgame anche nella stessa seduta. Previa preparazione naturopatica, nella prima seduta rimuovere una otturazione e osservare la reazione immediata come nel gruppo a). Se non vi è sintomo alcuno, ma non vi è certezza di risposta, si possono eliminare anche più amalgame per volta a partire dalla seconda seduta. Bisogna preparare la persona tramite il potenziamento degli apparati emuntori con vari trattamenti naturopatici specifici e rimuovere una amalgama per volta posticipando, per una settimana come minimo, la rimozione della successiva amalgama.

14 Allarme: presenza di amalgama! Lo scopo della procedura di rimozione dell amalgama in triplice protezione è: rimuovere l'amalgama dalla bocca, limitando al minimo l eventuale sviluppo dei nocivi vapori di mercurio; chelare, nel contempo, quello ancora presente negli organi interni. N.B.: l amalgama è considerata una concausa della malattia; una rimozione inadeguata può far precipitare la già precaria situazione drammaticamente!

15 Allarme: presenza di amalgama! Ecco l elenco gli strumenti per raggiungere l'obiettivo: diga di gomma pesante viola che trattiene il mercurio fresa in carburo di tungsteno (una nuova a ogni rimozione d amalgama) doppio aspiratore chirurgico a meno di 0,5 cm. dall'amalgama rimozione in pezzi più grossi possibili, con il minimo di fresatura abbondantissima irrigazione d acqua e risciacquo con argento colloidale copertura del volto e degli occhi della persona insufflazione nasale di aria o di ossigeno protezione degli operatori e aerazione dell ambiente e, naturalmente, la terapia naturopatica di chelazione. La rimozione delle otturazioni dentali d amalgama essendo affidata all'intervento del trapano, è un operazione a elevato rischio a causa della vaporizzazione dell etil e del metil-mercurio contenuto nelle otturazioni stesse. L'attività richiede una gestione della sicurezza d enorme attenzione!

16 Allarme: presenza di amalgama! Pre-requisito indispensabile, per qualsiasi intervento di rimozione di amalgama è la conoscenza e l applicazione da parte del dentista, del "Protocollo di Rimozione delle Amalgame Dentali in Triplice Protezione. Un'intossicazione acuta di mercurio prodotta dalla vaporizzazione di una amalgama rimossa, che si aggiunga alla intossicazione cronica causata dalle micro dosi rilasciate per anni dalle stesse otturazioni presenti in bocca, non è di beneficio in nessun caso.

17 Allarme: presenza di amalgama! Il micro-mercurialismo cronico è sempre da temere, così come qualsiasi altro episodio d intossicazione acuta da vapori di mercurio e può risultare addirittura devastante in un certo numero di pazienti già intossicati! Accanto al Protocollo di Rimozione in Triplice Protezione, di chiaro stampo medico olistico, è consigliato attuare un altro Protocollo di tipo Naturopatico, basato su trattamenti naturali.

18 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Tre elementi tecnici e meccanici costituiscono il cuore del protocollo: 1. il trapano e le frese 2. la tecnica d enucleazione 3. l'aspirazione diretta sull'otturazione E importante rilevare che la diga di gomma pesante utilizzata dai dentisti più informati in tema di rimozione protetta delle amalgame per isolare il campo operatorio dalla saliva e dal vapore acqueo espirato purtroppo, da sola, non è assolutamente sufficiente! La rimozione d amalgama, effettuata tramite la consueta usura dell otturazione con l impiego delle frese diamantate e senza l ausilio della doppia aspirazione, può creare intorno al campo di lavoro concentrazioni di vapori di mercurio che raggiungono o superano i mcg per metro cubo d aria.

19 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI L uso del trapano e delle frese Da evitare sono le frese dure (diamantate): ideali sono le frese morbide (carburo di tungsteno). Usare una fresa monouso montata su un moltiplicatore di giri ad anello rosso: la fresa morbida e il moltiplicatore consentono di avere un taglio minimamente abrasivo a bassa velocità e alto torque a bassa temperatura. Queste frese di piccole dimensioni ma molto efficaci hanno lame a taglio incrociato e a testa lavorante, per abbreviare il più possibile i tempi della rimozione.

20 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI L uso del trapano e delle frese Da evitare è la rimozione per vaporizzazione e/o polverizzazione. In tal modo vapori di mercurio (fino a volte superiori ai limiti stabiliti per ambienti di lavoro), sono veicolati tramite il nervo olfattivo direttamente al cervello e attraverso i polmoni, direttamente in circolo nel sangue [Richards 1985].

21 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Ci sono solo 2 possibilità per eseguire la corretta rimozione protetta: il "Protocollo Svedese" e la "Tecnica d Enucleazione". 1. Il Protocollo Svedese è la tecnica di rimozione dell'amalgama usata dal dentista quando fa un incisione in mezzo all otturazione d amalgama con il trapano, proseguendo poi con leve e scalpelli nel tentativo d evitare l ulteriore uso del trapano. 2. Con la Tecnica d Enuclazione i livelli d esposizione al mercurio possono essere ulteriormente abbattuti perché, in una buona metà dei casi, l estrazione dell otturazione può essere effettuata per enucleazione cioè, come se si togliesse una pietra preziosa incastonata in un anello, intera e senza romperla. Purtroppo, l enucleazione non è possibile nei casi in cui l amalgama è stata sigillata in profondità nel canale dentale o quando la cavità, riempita dall otturazione, ha notevoli sotto-squadri.

22 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Breve descrizione della Tecnica d Enucleazione Nella tecnica d enucleazione, la rimozione avviene sezionando l amalgama lungo l interfaccia (bordi di contatto) tra otturazione e dente. Eliminando i sottosquadri creati dal precedente dentista, responsabili della ritenzione meccanica dell amalgama, si può facilmente effettuare la rimozione (enucleazione) senza usare pesantemente la punta del trapano sull'amalgama. Lo smalto da sacrificare è generalmente già compromesso e/o da eliminare in ogni caso; perché annerito (elettro-deposizione di mercurio/migrazione di ioni metallici post-ossidazione), per preparare la cavità in modo tecnicamente scrupoloso.

23 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Operare con l ausilio di uno stereo-microscopio ottico o con degli occhialini prismatici/gallileiani ingranditori, facilita le manovre di disincastonatura dell amalgama da rimuovere. Con la metodica descritta è possibile eliminare l'amalgama, in un blocco intero, nel 70% dei casi. Nel 30% dei casi, o non è possibile perimetrare del tutto l'amalgama o l'otturazione presenta sottosquadri troppo complicati perciò si riesce a rimuovere solo una piccola parte di otturazione integra, mentre il resto è ancora ben incastrato nel dente. L alternativa, nel caso precedente, è rappresentata dalla combinazione con il protocollo svedese.

24 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Irrigazione Entrambe le operazioni di rimozione descritte dovrebbero essere effettuate sotto costante irrigazione, magari con acqua osmotizzata a C, che permette il raffreddamento della fresa e il contemporaneo abbattimento dei vapori di mercurio (l'hg comincia a vaporizzarsi alla temperatura di 20,5 C). Al termine della procedura, il campo di lavoro è lavato abbondantemente con getto d aria e d acqua e con irrigazioni d argento colloidale prima di rimuovere la cannula d aspirazione.

25 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Aspirazione diretta sull'otturazione, tipo "cappa", dei vapori Durante la fase della rimozione una forte aspirazione localizzata è mantenuta in contatto con il fianco del dente al fine di creare una notevole depressione. Per fare ciò una cannula d ampio diametro con puntale a 45 è collegata a una potente aspirazione chirurgica ad anello liquido. In alcuni casi, per aumentare l efficacia dell aspiratore chirurgico lo si può incappucciare con un aspiratore chirurgico tipo "Clean-up" che agisce da cappa aspirante sul dente. Se ben gestiti dall'assistente dentale i dispositivi aspirano sino al 90% dei pericolosi e invisibili vapori di mercurio che si liberano nell operazione.

26 PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELLE AMALGAME DENTALI Altri elementi del protocollo di rimozione dell amalgama dentale: Il campo di lavoro è isolato tramite la pesante diga di gomma viola, che provvede a separare il cavo orale dal dente su cui si lavora. Il foglio privo di lattice della diga (latex-free anche per evitare possibili allergie alle proteine del lattice) funge da barriera, consentendo di evitare il contatto o l ingestione accidentale di eventuali macro particelle o schegge prodotte durante la rimozione. I vapori di mercurio possono ricadere direttamente negli occhi e poi accumularsi nel cervello. Gli occhi della persona devono essere protetti con garza bagnata o occhiali protettivi e con apposite tovagliette in spugna e in retina trasparente per evitare claustrofobia.

27 In azione: fase di rimozione amalgama in tripla protezione presso uno studio olistico

28 Rimozione amalgama in triplice protezione Amalgame in bocca prima della rimozione protetta

29 Rimozione amalgama in triplice protezione Radiografia endorale prima della rimozione protetta

30 Rimozione amalgama in triplice protezione Protezione del paziente prima della rimozione protetta

31 Rimozione amalgama in triplice protezione Protezione del paziente prima della rimozione protetta

32 Rimozione amalgama in triplice protezione Applicazione diga viola prima della rimozione protetta

33 Rimozione amalgama in triplice protezione Rimozione protetta effettuata: presenza carie secondarie

34 Rimozione amalgama in triplice protezione Amalgame in bocca prima della rimozione protetta

35 Rimozione amalgama in triplice protezione Perimetrazione delle amalgame con la fresa

36 Rimozione amalgama in triplice protezione Disincastonatura delle amalgame con micro-scalpello

37 Rimozione amalgama in triplice protezione Rimozione protetta effettuata: presenza carie secondarie

38 Rimozione amalgama in triplice protezione Pulizia e disinfezione cavità con argento colloidale

39 Rimozione amalgama in triplice protezione Creazione del build-up in composito biocompatibile

40 Rimozione amalgama in triplice protezione Intarsi in composito biocompatibile cementati in bocca

41 Rimozione amalgama in triplice protezione Preparazione e build-up dopo la rimozione protetta

42 Rimozione amalgama in triplice protezione Intarsio in composito biocompatibile cementato in bocca

43 F.A.Q. SULLA CHELAZIONE DEI METALLI PESANTI Ho delle amalgame in bocca e voglio usare il protocollo di rimozione per rimuovere la fonte tossica, come devo fare? 1a regola della tossicologia clinica: la tecnica di disintossicazione deve precedere e affiancare la rimozione delle fonti d intossicazione. L argomento trattato non riguarda solo chi ha otturazioni in amalgama. Ci sono molte persone che possono essere state a contatto con il mercurio e altri metalli pesanti tramite: le vaccinazioni il consumo di pesce di mare l inquinamento cittadino la rottura di termometri l uso di cosmetici e dei liquidi per lenti a contatto l inquinamento industriale durante il lavoro e, anche se non ce ne accorgiamo, il mercurio è dappertutto!

44 F.A.Q. SULLA CHELAZIONE DEI METALLI PESANTI Dove vanno a finire i metalli pesanti e il mercurio, quando entrano nel corpo? Ciò è determinato dal nostro organo geneticamente più debole. Il mercurio ha la preferenza di legarsi con i gruppi solfidrici delle proteine quindi, sono da considerarsi organi bersaglio: il cervello i reni il fegato le ghiandole (surrenali, tiroide, prostata, pineale, ecc.). Com è noto, i metalli sono lipo-solubili, quindi il grasso corporeo ne contiene una determinata quantità; di conseguenza: attenzione alle CURE DIMAGRANTI perché si ri-manda in circolo il mercurio ivi depositato.

45 BUONA SALUTE Autore: Umberto Galbiati

Dott. Michele Abbattista

Dott. Michele Abbattista Elementi chimici presenti nei Materiali Dentali Mercurio, Nichel, Cromo, Cadmio, Piombo, Rame, Argento, Zinco, Cobalto, Palladio, Titanio, Ferro, Alluminio, Fluoro, Stagno. MERCURIO Cos è? Simbolo Hg =

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

RIMOZIONE PROTETTA DELLE OTTURAZIONI IN AMALGAMA L

RIMOZIONE PROTETTA DELLE OTTURAZIONI IN AMALGAMA L L'AMALGAMA L amalgama era un materiale utilizzato per le otturazioni dentali, composto per il 50% da mercurio, una sostanza molto tossica. L amalgama è una soluzione solida in cui la fase dispersa è una

Dettagli

Quick Up. Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi

Quick Up. Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi Un kit per tutte le esigenze di cementazione In molti casi, la tenuta delle protesi totali è insoddisfacente.

Dettagli

Uno studio condotto da Green Cross e Pure Earth mette in evidenza la pericolosità di alcune sostanze per la salute dell uomo e dell ambiente

Uno studio condotto da Green Cross e Pure Earth mette in evidenza la pericolosità di alcune sostanze per la salute dell uomo e dell ambiente Uno studio condotto da Green Cross e Pure Earth mette in evidenza la pericolosità di alcune sostanze per la salute dell uomo e dell ambiente Quali sono le sostanze più inquinanti del Pianeta? Green Cross

Dettagli

L odontoiatria conservativa

L odontoiatria conservativa Gianfranco Politano L odontoiatria conservativa come ripariamo un dente cariato Una pubblicazione dello: L autore! Gianfranco Politano Laureato in odontoiatria e protesi dentale all universita di Modena

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Ascorbic Acid 90% Granulation

Ascorbic Acid 90% Granulation Scheda di Sicurezza Ascorbic Acid 90% Granulation in accordo con il Regolamento (CE) n. 1907/2006 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Nome del prodotto Ascorbic Acid

Dettagli

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina Scheda 7 Produzione: Macchina: FILM STAMPA FLESSOGRAFICA Scopo della lavorazione Con la stampa flessografica vengono depositati sul film di materiale plastico, mediante gruppi di stampa a cilindri, vari

Dettagli

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione: Eberhard-Finckh-Straße Nome Commerciale: S-U-DENTA-VLIES 39 D-89075 Ulm (Donau) Germany Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1

Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1 Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1 SDS n.: 27618 WWEU09000481 revisione: 06.11.2009 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Identificazione della

Dettagli

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento.

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Gruppo 2 M. f. g. CERVELLO Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Nervo ottico Diminuzione della vista e della sensibilità ai colori GOLA Cancro della laringe e della faringe

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 Materia 3 è una vernice decorativa ecologica in dispersione acquosa. Materia 3 è un prodotto caratterizzato dall utilizzo di speciali additivi che creano uno speciale

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.02 del 31/05/2006 COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.02 del 31/05/2006 COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' NOME COMMERCIALE: OLIO ESSENZIALE ARANCIO AMARO Codice commerciale: OL.ES.11 Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

MANIPOLAZIONE DEL TONER

MANIPOLAZIONE DEL TONER Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalità... 2 Principali condizioni di rischio connesse all operazione di sostituzione del toner... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Protesi dentaria in caso di allergia ai metalli

Protesi dentaria in caso di allergia ai metalli L allergia ai metalli inasprisce la vita di tanti pazienti, che devono confrontarsi non solo con i sintomi, ma anche col fatto che nel loro caso la protesi dentaria è più complicata. L allergia ai metalli,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline. Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.it www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA MONOSSIDO DI CARBONIO Le cause Ventilazione Combustione Evacuazione

Dettagli

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA - DENOMINAZIONE DEL PRESIDIO EXYDINA 10 - SOCIETA PRODUTTRICE COFARM srl-via MATTEOTTI 12 SANREMO TEL.0184532703 2) COMPOSIZIONE

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

0476 (ente certificatore)

0476 (ente certificatore) PRODUTTORE Il produttore degli articoli DB+ e DB+LUX è: Bettini spa Via Industriale 11 23084 Monte Marenzo (LC) MARCATURA CE 0476 (ente certificatore) IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Manufatti in ceramica

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Trióxido de di-antimonio 1.2 Nome della societá

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA (DIRETTIVE CEE 88/379-93/112-D.M. SANITA' 28-1-92) 1. - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' RESPONSABILE DELL' IMMISSIONE IN COMMERCIO : Nome del

Dettagli

131339 Glicerina PA-ACS-ISO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

131339 Glicerina PA-ACS-ISO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Glicerina 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro III Cloruro 6-idrato 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

Ligosan 140 mg/g gel periodontale Doxiciclina. 1. Che cos è Ligosan e a che cosa serve. 2. Cosa deve sapere prima di prendere Ligosan

Ligosan 140 mg/g gel periodontale Doxiciclina. 1. Che cos è Ligosan e a che cosa serve. 2. Cosa deve sapere prima di prendere Ligosan Page 1 of 6 Foglio illustrativo: Informazioni per il Paziente Ligosan 140 mg/g gel periodontale Doxiciclina Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale. Conservi questo foglio. Potrebbe

Dettagli

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico

La st rument azione chirurgica. Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico La st rument azione chirurgica Prof. Robert o Mont isci Chirurgia vascolare - Policlinico L elettrochirurgia Nella seconda metà del XIX secolo, la scoperta del fatto che una corrente elettrica

Dettagli

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Rame II Ossido 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A.

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA Via Galvani, 14-294 Corsico (MI) - Italy Tel. (+39) 2 4586435 - Fax (+39) 2 4586984 e-mail: info@pandoralloys.com Internet: www.pandoralloys.com 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Potasio Hidróxido... % 1.2 Nome della societá

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO Pagina 1 di 5 DETERGENTE SGRASSANTE ALCALINO CONCENTRATO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA NOME PRODOTTO: TIPO DI PRODOTTO ED IMPIEGO: NOME DEL DISTRIBUTORE: INDIRIZZO COMPLETO: DETERGENTE

Dettagli

Igiene orale tradizionale

Igiene orale tradizionale www. wa t er pi k. c om. hk 58 BENVENUTO Igiene orale tradizionale Complimenti, scegliendo l idropulsore dentale Waterpik Ultra siete sulla strada giusta per ottenere una migliore salute gengivale e un

Dettagli

NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING

NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING ALLEGATO A) NOTIFICA DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO E DI PIERCING DATI IDENTIFICATIVI DELLA STRUTTURA Denominazione:.. Indirizzo:... Proprietà:. Responsabile: Orario di esercizio:. Data di inizio dell attività:../../

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

Scheda dati di sicurezza Conforme a ( CE ) n.1907/2006-iso 11014-1

Scheda dati di sicurezza Conforme a ( CE ) n.1907/2006-iso 11014-1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Definizione del prodotto: Uso previsto: Elementi identificatori della società/impresa: Responsabile della scheda di sicurezza: Numero

Dettagli

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Università degli Studi MagnaGræcia Facoltà di Farmacia Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Francesco Ortuso Obiettivi Dare informazioni sul comportamento da tenere in laboratorio. Porre

Dettagli

Corso formazione alla Cura di malati di SLA

Corso formazione alla Cura di malati di SLA Corso formazione alla Cura di malati di SLA Respirazione - Segni e Sintomi NIV Tracheostomia Aspirazione Dott. P. Bruno UOC Pneumologia Az. Osp. Sant Andrea Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Università

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO POLICAR PRODUTTORE/FORNITORE MAFO S.R.L. INDIRIZZO Via A. Laterizio, 73-80035 NOLA (NA) TEL./FAX 081/8037226 E-mail: info@mafo.it PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A 081/8037226

Dettagli

ITALIANO 100% BIANCO. Restauri senza metallo in zirconia di alta qualità

ITALIANO 100% BIANCO. Restauri senza metallo in zirconia di alta qualità ITALIANO 100% BIANCO Restauri senza metallo in zirconia di alta qualità 100% BIANCO Lo zirconio è il minerale più antico e più abbondantemente presente nella crosta terrestre. Da questo elemento si ricava

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Per una protezione quotidiana dalla carie accurata dei colletti dentali scoperti efficace ma delicata del margine gengivale Balsamo per le gengive Nuovo

Dettagli

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO 1 CICLO BIOGEOCHIMICO DEL MERCURIO Hg Hg ++ CH 3 Hg Hg ++ CH 3 Hg 2 MERCURIO FONTI 1 L IMMISSIONE DI Hg NELL AMBIENTE E ESSENZIALMENTE LEGATA ALL INQUINAMENTO INDUSTRIALE.

Dettagli

ODONTOIATRIA INFANTILE

ODONTOIATRIA INFANTILE ODONTOIATRIA INFANTILE IGIENE ORALE E PREVENZIONE NELLE NOSTRE STRUTTURE ODONTOIATRICHE SI APPLICANO PROTOCOLLI CHE PREVEDONO L APPLICAZIONE DI TECNOLOGIE AVANZATE PER OTTENERE UN ODONTOIATRIA PREVENTIVA

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Come si usano gli strumenti Smartburs II?

Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Come si usano gli strumenti Smartburs II? Cosa sono gli strumenti Smartburs II? Caratteristiche del prodotto Perché scegliere Smartburs II per le lesioni profonde? Vantaggi per dentista e paziente Come si usano gli strumenti Smartburs II? Supporto

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DI UN CABLAGGIO

NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DI UN CABLAGGIO NOTE ELEMENTARI PER UNA CORRETTA EECUZIONE DI UN CABLAGGIO La realizzazione di un cablaggio non è un lavoro molto difficile. Purchè si rispettino quelle precauzioni necessarie alla sicurezza del volo.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Reattivo B di Voges Proskauer 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Scheda dei dati di sicurezza VINILIKA D2 valida da: 01/2012 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Indicazioni sul prodotto: Nome commerciale: VINILIKA D2 (Colla vinilica

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE. Denominazione: Verde di Malachite Ossalato (C.I. 42000) Formula: C 52

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE. Denominazione: Verde di Malachite Ossalato (C.I. 42000) Formula: C 52 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sales de Acido Oxálico 1.2 Nome della societá

Dettagli

La corrosione dei metalli delle leghe dentali

La corrosione dei metalli delle leghe dentali La corrosione dei metalli delle leghe dentali Le leghe metalliche usate per la costruzione delle protesi dentarie mobili ma sopratutto fsse, sono state concepite allo scopo di non nuocere all'organismo,

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

Ionolux. Ionolux. Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile

Ionolux. Ionolux. Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile Ionolux Vetroionomero da restauro fotopolimerizzabile materiali vetroionomeri di VOCO prodotti sicuri che vi aiutano nel trattamento quotidiano dei vostri pazienti Per più di vent anni VOCO è attiva nella

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Prodotti in fibra continua di vetro

Prodotti in fibra continua di vetro SEZIONE 0. INFORMAZIONI GENERALI Questi prodotti sono articoli ai sensi dell Articolo 3.3 del regolamento (CE) No. 1907/2006 (REACH). Non contengono sostanze destinate a essere rilasciate in condizioni

Dettagli

guida pratica per la salute orale del paziente disabile

guida pratica per la salute orale del paziente disabile Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Odontostomatologia Direttore: Prof.ssa Pietrina Franca Lugliè guida pratica per la salute orale del paziente disabile A cura dell Igienista dentale

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Il flussante Ecoflux ACQUA 4000 della serie no clean rappresenta un significativo sviluppo tecnologico dei flussanti organici, esso è idrosolubile ed è completamente costituito

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Gemadol 10% crema Etofenamato

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Gemadol 10% crema Etofenamato Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Gemadol 10% crema Etofenamato 000020_024180_20150829_Rev 01 Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Implacem Pagina 1 di 3 Data di revisione 5 ottobre 2006

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Implacem Pagina 1 di 3 Data di revisione 5 ottobre 2006 Pagina 1 di 3 1. Identificazione del preparato e della società 1.1 Nome commerciale del prodotto: Pasta base 1.2 Descrizione del prodotto: Cemento per cementazioni implantari 1.3 Identificazione della

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause www.meyle.com Pompe acqua MEYLE tecnica innovativa, anziché fine prematura! La corretta scelta di singoli componenti determina la qualità delle pompe

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

Protocollo Chirurgico: SurgiGuide supportata da mucosa

Protocollo Chirurgico: SurgiGuide supportata da mucosa Protocollo Chirurgico: SurgiGuide supportata da mucosa Il seguente documento descrive la procedura di utilizzo di SurgiGuide supportate da mucosa in chirurgia orale. Il manuale contiene informazioni sia

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 142833 Cafeina (R.F.E., USP, BP, Ph. Eur.) PRS-CODEX 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato

Dettagli

prima Situazione iniziale

prima Situazione iniziale ...nel bel mezzo... prima Situazione iniziale Circa dieci anni fa mi sono stati estratti i miei ultimi denti. Mi furono inserite due protesi totali, che all inizio avevano una buona tenuta e che mi permettevano

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa IX INDICE 1. Storia dell odontoiatria restaurativa 2. Embriologia ed istologia 2.1. Cenni di embriologia 2.1.1. Embriologia dell organo dentale 2.1.2. Formazione dello smalto 2.1.3. Formazione della dentina

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

TINTURE AD OSSIDAZIONE

TINTURE AD OSSIDAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO AD USO PROFESSIONALE TINTURE AD OSSIDAZIONE INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: PLURA COLORAZIONE 1:1,5 Descrizione prodotto: Azienda: associazione di coloranti

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli