UNITÀ 5 - L ORGANIZZAZIONE E LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ 5 - L ORGANIZZAZIONE E LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO"

Transcript

1 Lezione 1 Struttura, apparato tegumentario e salute Approfondimento - La pelle può ustionarsi: come prevenire e curare Attenzione all abbronzatura L esposizione della pelle all aria e al sole ne favorisce l ossigenazione e la produzione di vitamina D. Va tuttavia ricordato che l esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti (UV), quelli che provocano l abbronzatura, può esser molto dannosa per le cellule del derma. L eccessiva esposizione alle radiazioni, infatti, oltre a provocarne l invecchiamento precoce, può causare scottature anche gravi (ustioni), una irritazione detta eritema solare e tumori maligni come i melanomi. Perciò quando ci si espone al sole bisogna prendere alcune precauzioni: iniziare con pochi minuti al giorno e aumentare pian piano il tempo di esposizione; evitare di stare al sole nelle ore più calde (dalle 11 alle 16); proteggere sempre la pelle con creme od oli solari con potere filtrante e ripetere l applicazione più volte al giorno, soprattutto dopo le nuotate; scegliere la crema od olio solare in base al fattore di protezione solare (SPF) e al tipo di pelle: per pelli chiare è consigliato un fattore di protezione alto, mentre per le carnagioni più scure un fattore di protezione medio; proteggere il capo con un cappello e gli occhi con occhiali con le lenti scure; bere spesso acqua per sostituire i liquidi persi. Come comportarsi in caso di ustioni 1. per prima cosa bisogna mettere la parte ustionata sotto l acqua fredda (almeno 5 minuti) per abbassare la temperatura ed evitare che l ustione si estenda in profondità; 2. togliere intorno alla parte colpita eventuali anelli, orologi, cinture, calze ecc. poiché potrebbe gonfiarsi a seguito dell irritazione; 3. coprire la zona ustionata con una benda sterile. Attenzione: è sempre opportuno rivolgersi al medico per fargli controllare la lesione. Che cosa non bisogna assolutamente fare? - non va versato sopra alcol; - non vanno applicate pomate, oli o grassi in genere; - non vanno messi cerotti; - non vanno staccati vestiti o altro nel caso si siano attaccati alla pelle nella zona ustionata; - se si formano delle vesciche non vanno forate. 1

2 Lezione 1 Struttura, apparato tegumentario e salute Approfondimento - L individuazione di una malattia attraverso la diagnosi La diagnosi consiste nell'individuazione di una determinata malattia: essa viene espressa dal medico che, per definirla, si avvale dell esame oggettivo (osservazione diretta del paziente), dei sintomi riferiti dal paziente, spesso di esami di laboratorio o strumentali e di referti medici specialistici. Anche l anamnesi, cioè la documentazione storica personale del paziente, è molto utile al medico per effettuare una corretta diagnosi. Evidentemente più precoce e precisa risulta la diagnosi di una malattia, più tempestiva sarà la prescrizione della cura adeguata. Per ottenere delle diagnosi precoci spesso si ricorre al check-up, che consiste in un indagine individuale periodica, che si effettua generalmente in ospedale in assenza di sintomi soggettivi. Tale verifica ha lo scopo di riconoscere precocemente eventuali malattie nascoste o asintomatiche. Lo screening, invece, è un indagine che viene effettuata su intere popolazioni o su particolari gruppi di individui a rischio, per evidenziare determinate malattie (per esempio il tumore al retto o all utero). Generalmente sono stati osservati nei pazienti due comportamenti, opposti ed entrambi scorretti, nei confronti della prevenzione: il paziente che, sentendosi bene, ritiene superfluo sottoporsi a qualsiasi accertamento medico; il paziente che, in preda all ansia, richiede e si sottopone continuamente ad accertamenti diagnostici, per la maggior parte inutili. Logicamente il comportamento corretto è quello di chi segue le norme di prevenzione per evitare di esporsi a eventuali malattie e che, anche in assenza di sintomi, si sottopone periodicamente a una visita medica di controllo. Infatti, fare prevenzione non consiste unicamente nel sottoporsi a un elevato numero di esami o visite mediche, ma piuttosto nel seguire alcune norme di comportamento adeguate all ambiente in cui si vive e si lavora, al fine di eliminare o ridurre i rischi di una malattia prima che questa possa essere contratta o di curarla alla sua prima manifestazione. 2

3 Lezione 1 Struttura, apparato tegumentario e salute Approfondimento - Come curare le malattie infettive con i farmaci La somministrazione di chemioterapici, cioè di farmaci per curare le malattie infettive, ha avuto un considerevole sviluppo con la scoperta dei sulfamidici e degli antibiotici. Sono, queste, le sostanze che uccidono o inibiscono la crescita di microrganismi patogeni che hanno già infettato un organismo. La prima tappa dell era degli antibiotici risale al 1928, anno in cui Alexander Fleming ( ) pervenne alla sua celebre scoperta: la penicillina, una muffa che arresta la crescita dei batteri. Dopo anni di ricerca finalmente, nel 1940, egli riuscì a produrre il farmaco che da allora ha salvato un numero incalcolabile di vite umane. Da quel momento la scienza ha fatto passi da gigante e gli antibiotici a nostra disposizione sono oggi numerosissimi; molti sono prodotti da batteri e alcuni da funghi. Molti altri, tra cui la stessa penicillina, possono essere ora sintetizzati in laboratorio. Gli antibiotici contrastano i batteri con diverse modalità: impedendo la formazione della parete cellulare; inibendo la produzione di ATP; bloccando la sintesi proteica; distruggendo il corretto avvolgimento della molecola di DNA; inibendo l espressione genica. Qualunque sia la loro modalità d attacco, gli antibiotici impediscono la proliferazione batterica e permettono, così, alle difese immunitarie dell organismo di organizzarsi e contrastare l infezione. L uso di tali farmaci ha salvato numerose vite umane, ma l abuso che oggi se ne fa ha evidenziato un nuovo pericolo: la comparsa di ceppi batterici resistenti a questi stessi farmaci. Questi batteri devono la loro resistenza agli antibiotici a particolari geni che possono trovarsi o nel cromosoma batterico o nei plasmidi. Alcuni geni della resistenza sono ereditari, altri derivano da mutazioni casuali (tra i batteri sono molto più frequenti che tra gli eucarioti), altri ancora provengono da altri batteri attraverso meccanismi di coniugazione (v. unità 4, lezione 3, approfondimento on-line Il Regno dei Batteri ). Infine, non dimentichiamoci che l uso eccessivo di antibiotici può recare effetti indesiderati su flore batteriche non patogene, come, per esempio, quelle che convivono con noi nel nostro intestino. È stato riscontrato, infatti, che un assunzione prolungata di antibiotici può sterminare intere popolazioni di batteri risparmiando solo quelli che risultano essere resistenti all azione del farmaco. Queste cellule batteriche si moltiplicano e producono un intera popolazione costituita da individui resistenti, che rendono in questo modo inefficace il farmaco[fig. 1]. Questa è una delle ragioni per cui i medici più accorti cercano di limitare l uso degli antibiotici e i laboratori farmaceutici cercano di sintetizzarne sempre di nuovi. 3

4 Lezione 4 La nutrizione: l apparato digerente Approfondimento - La dentizione e la carie dentale La dentazione I denti sono costituiti dalla corona, che è la parte libera visibile nella bocca, e dalla radice, inserita nell alveolo; la zona di unione fra queste due parti è detta colletto. I denti sono formati da un tipo speciale di lamine ossee (avorio o dentina). Nella corona la dentina è ricoperta dallo smalto, nella radice dal cemento. All interno di ogni singolo dente vi è la polpa dentaria, ricca di vasi sanguigni e di terminazioni nervose [fig. 1]. La prima dentizione, dentizione lattea, inizia con i primi denti verso il 6 mese di vita e a circa sette anni il bambino possiede 20 denti (mancano i molari). L uomo adulto possiede 32 denti di forma diversa e con compiti diversi distribuiti nell arcata dentale superiore e inferiore: anteriormente si hanno gli incisivi, in numero di 4 nel mascellare superiore e 4 nella mandibola. Essi servono ad afferrare e tagliare gli alimenti. I canini, forti e appuntiti, servono a lacerare: sono in numero di 4, uno a ogni lato degli incisivi. Vi sono infine i premolari (8) e i molari (12), che servono a triturare: questi hanno corone massicce e provviste di più rilievi [fig. 2]. Fig. 1. La struttura del dente. Fig. 2. Disposizione dei denti nelle due arcate dentarie. La carie dentale La malattia più diffusa dei denti è la carie dentale. Oggi si ammette che questa sia essenzialmente una malattia della civiltà, benché lesioni ai denti siano state riscontrate anche in scheletri di uomini preistorici (Pitecantropo e Uomo di Neanderthal). Infatti tra le popolazioni primitive questa malattia è abbastanza rara ed essa compare non appena questi popoli vengono a contatto con la civiltà. Si ritiene che la carie si formi in zone dei denti dove i germi ristagnano (placca dentaria) e trovano un ambiente favorevole al loro sviluppo. L igiene e la cura dei denti consiste nella pulizia che deve essere fatta dopo ogni pasto, onde evitare il più possibile il proliferare dei germi patogeni. Il disinfettante più idoneo è il fluoro, che si trova nei dentifrici e anche in pastiglie da sciogliere lentamente in bocca. Importante è l esame periodico della bocca da parte del dentista per riconoscere la carie allo stadio 4

5 iniziale (1 e 2 grado). In questo periodo la carie non dà fastidio e la cura, facile e non dolorosa, si limita all otturazione. La cura della carie nel 3 e 4 grado richiede l asportazione parziale o totale della polpa, seguita dalla otturazione del dente cariato o, in caso estremo, l asportazione del dente ormai diventato irrecuperabile [fig. 3]. Fig. 3. Disegno rappresentante le diverse possibili evoluzioni della carie. Quando la penetrazione è estrema, il dente deve essere rimosso. 5

6 Lezione 3 Il trasporto: il sistema circolatorio e l apparato escretore Approfondimento - I gruppi sanguigni Quando si verifica un elevata perdita di sangue o per una ferita o perché un individuo viene sottoposto a un operazione chirurgica, è necessario integrare quello perduto con altro sangue o dello stesso individuo o di individui diversi. Ciò è possibile mediante la trasfusione. I primi tentativi di trasfusione di sangue tra individui diversi si ebbero nel secolo scorso, ma si rivelarono estremamente pericolosi. Capitava, infatti, che chi riceveva sangue rischiasse di morire, a causa della formazione di piccoli ammassi che si formavano nelle arterie del trasfuso (la persona che riceve il sangue) e che andavano a occludere i vasi sanguigni. Già verso la fine del 1800 si era riusciti a scoprire che nel sangue erano presenti delle sostanze, le agglutinine, che avevano la proprietà di ammassare i globuli rossi e quindi di ostruire i vasi sanguigni. In seguito si scoprì che il sangue umano può appartenere a quattro diversi gruppi sanguigni. Pertanto, prima di effettuare una trasfusione, è essenziale stabilire che il sangue del donatore sia compatibile con quello del ricevente. La classificazione dei gruppi sanguigni è basata sulla differenza degli antigeni A e B presenti sui globuli rossi. Si distinguono pertanto quattro gruppi diversi: A, B, AB e 0 (quest ultimo significa senza antigene) [fig. 1]: il gruppo A è presente nel 44% circa della popolazione italiana. Gli individui appartenenti a questo gruppo possono donare il sangue solo a individui dei gruppi A e AB e riceverlo soltanto da quelli del gruppo A e del gruppo 0; il gruppo B è presente nel 14% circa della popolazione italiana e gli individui appartenenti a questo gruppo possono donare il sangue a chi appartiene al gruppo B o al gruppo AB, mentre possono riceverlo soltanto da chi fa parte del gruppo B o del gruppo 0; il gruppo AB è piuttosto raro ed è posseduto solamente dal 3% circa degli Italiani che, sui globuli rossi, presentano sia l antigene A sia l antigene B. Essi possono donare il sangue soltanto a individui del gruppo AB; al contrario possono riceverlo da individui di tutti e quattro i gruppi (A-B-AB-0). Per tale motivo vengono detti riceventi universali; il gruppo 0 (zero) è posseduto dal 39% circa degli Italiani. Essi sono detti donatori universali perché possono donare il loro sangue agli appartenenti di tutti gli altri gruppi e possono riceverlo solamente da quelli del gruppo 0. Fig. 1. antigene: sostanza che provoca con l individuo con cui viene a contatto una reazione antagonista che tende a eliminarlo. 6

7 Il gruppo sanguigno è un carattere che si eredita e la sua frequenza varia tra i gruppi etnici: gli Indios del Sud America, per esempio, appartengono in maggioranza al gruppo 0, mentre gli asiatici possiedono per lo più il gruppo B. Oltre ai quattro gruppi già indicati vi sono, poi, dei sottogruppi (chiamati M, N, MN e Rh) di cui si deve tener conto in casi particolari; fra questi, il più importante è il fattore Rh. Rh deriva da Rhesus, nome di una scimmia, Macacus rhesus, nel sangue della quale venne scoperto. Il fattore Rh è presente nell 85% degli individui. Tale fattore può essere presente sulla superficie dei globuli rossi e si indica, allora, con Rh+, cioè Rh positivo; se invece è assente si indica con Rh, cioè Rh negativo. Il fattore Rh può creare problemi soprattutto in caso di gravidanza. Accade, infatti, abbastanza di frequente, che la madre sia Rh negativa e il figlio Rh positivo, avendo ereditato tale fattore dal padre. Nel corso iniziale della gravidanza la madre non subisce complicazioni, poiché non ha ancora avuto modo d incontrare l antigene del figlio. Però nelle ultime settimane, quelle vicine al parto, una certa quantità di sangue del feto si mescola al sangue della madre e la madre produce anticorpi anti-rh+. Nel caso si verifichi una seconda gravidanza e il feto presenti un fattore Rh positivo, le agglutinine anti-rh entrano nel sangue del feto e causano l agglutinazione dei globuli rossi Rh positivi, provocandone la distruzione. Se non si interviene subito dopo la nascita, con immediate trasfusioni che hanno lo scopo di evitare la sensibilizzazione contro il fattore Rh del figlio, il neonato può morire [fig. 2]. Attualmente, però, a una madre Rh che ha partorito un figlio Rh+ viene effettuata una cura per evitare eventuali rischi al feto nel caso di una seconda gravidanza. Fig. 2. Schema dei rapporti fra anticorpi materni e antigene Rh dell embrione. A) Negli ultimi tempi precedenti il parto, alcuni globuli rossi del feto penetrano nella circolazione della madre stimolando la produzione di anti-rh. B) Nella successiva gravidanza gli anticorpi materni raggiungono il sistema circolatorio del feto causando l agglutinazione dei globuli Rh+. 7

8 Lezione 5 La difesa: il sistema immunitario Approfondimento - La scoperta dei vaccini Lo storico Tucidide, anni fa, scrisse che i malati di peste potevano essere assistiti solo da coloro che ne erano già stati colpiti e che erano riusciti a sopravvivere. Si sapeva, già allora, infatti, che molte malattie infettive si contraggono una sola volta. Naturalmente nessuno aveva compreso che ciò era la conseguenza del meccanismo con cui era avvenuta la loro guarigione, cioè che l organismo guarito da una malattia risulta immunizzato verso di essa. Il medico inglese Edward Jenner ( ), alla fine del XVIII secolo, fu il primo a supporre che provocando malattie infettive in miniatura si sarebbe potuto evitare il rischio di contrarle in forme gravi, spesso letali. Egli aveva osservato, infatti, che le mungitrici che avevano contratto sulle mani il vaiolo vaccino, mungendo mucche infette, non si ammalavano di vaiolo. Il medico provò allora a inoculare una minima dose di pus provocato dal vaiolo bovino sulla pelle di un bambino. Dopo due mesi iniettò allo stesso bambino una dose letale di germi di vaiolo con il risultato che il bimbo non manifestò alcun sintomo della malattia. Non tutti compresero l importanza di tale scoperta, tanto che i Francesi, per disprezzo, coniarono il termine vaccinazione (letteralmente, bovinizzazione) per ridicolizzare la pratica inventata da Jenner. Ben presto, però, i risultati diedero ragione al medico inglese: infatti, in soli 18 mesi, il tasso di mortalità per vaiolo si ridusse a Londra di due terzi. Il massimo tributo a Jenner risale tuttavia al 1978, anno in cui la campagna internazionale intensiva di vaccinazione è riuscita a debellare completamente il vaiolo! Il termine vaccinazione fu ripreso poi dallo scienziato francese Louis Pasteur ( ) questa volta in omaggio a Jenner e usato per indicare l introduzione volontaria nell individuo di germi o virus (attenuati o uccisi) o di tossine private del loro potere tossico, al fine di procurargli uno stato di immunità attiva. Oggi la vaccinazione è una pratica molto comune e per produrre i vaccini si fa ricorso all ingegneria genetica (vedi Unità 3, Lezione 4). 8

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione

Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione DURANTE La più importante sorgente di raggi ultravioletti è il sole. Mentre i raggi UVC vengono quasi completamente assorbiti dallo strato di ozono dell

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE

ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE Cod. ID: Data: Paziente: ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE Test reagente del Gruppo Sanguigno per test in provetta piastra/vetrino GRUPPO SANGUIGNO COS E IL TEST PER L ANALISI DEL GRUPPO

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

AMO STARE ALL ARIA APERTA

AMO STARE ALL ARIA APERTA AMO STARE ALL ARIA APERTA MA MI PROTEGGO DAL SOLE PRECAUZIONI E COMPORTAMENTI CORRETTI PER TUTTI è necessario evitare l esposizione nelle ore centrali della giornata, fare attenzione ai riflessi (neve,

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

I pericoli del sole. Informazioni per chi lavora all aria aperta

I pericoli del sole. Informazioni per chi lavora all aria aperta I pericoli del sole Informazioni per chi lavora all aria aperta Il sole amico e nemico Il sole è vita. I raggi del sole hanno un effetto stimolante e salutare sul nostro corpo e sul nostro umore e ci donano

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi: Conoscere le

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante

Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante BIOGRAFIA Edward Jenner, famoso medico inglese nato a Berkley, nel Gloucerstershire, il 17 maggio 1749 e morto il 26 gennaio 1823, divenne

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari.

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. piùinforma GENOVA: VIAGGIO TRA CINEMA, ARTE, SPORT E CULTURA DELLA SALUTE Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. PREVENZIONE DELLE MALATTIE DELLA PELLE

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Il Sole: un amico... per la pelle

Il Sole: un amico... per la pelle Laboratorio Privato Ovadese - Poliambulatorio Numero uno - Luglio 2014 Periodico sulla salute a cura del Comitato Scientifico di LABO Il Sole: un amico... per la pelle estate, vacanze, abbronzatura ma

Dettagli

SE HAI CARA LA PELLE DA 90 ANNI LILT È CON TE

SE HAI CARA LA PELLE DA 90 ANNI LILT È CON TE SE HAI CARA LA PELLE DA 90 ANNI LILT È CON TE Previeni i tumori cutanei e l invecchiamento precoce della pelle: ti aspettiamo con consigli, materiale informativo ed indicazioni per le visite di controllo

Dettagli

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione Livello 1 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/5 Riferimento Tutto il materiale informativo per gli studenti Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro

Dettagli

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana Anno I Numero 57 AVVISO Giuramento di Galeno: -Sabato 15 Dicembre 2012 - Concorso Straordinario: - bando della Toscana Notizie in Rilievo Salute e Benessere 1. Le proprietà curative degli oli essenziali

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 Il corpo umano Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 MAPPE Il sistema nervoso svolge diverse funzioni: percepisce gli stimoli, li memorizza e formula risposte adeguate. Il

Dettagli

Il sole ed il suo effetto sull organismo

Il sole ed il suo effetto sull organismo Il sole ed il suo effetto sull organismo Il sole è fonte di luce, vitalità e benessere, sempre che sia usato correttamente ed in giusta dose. In caso contrario i suoi effetti sono dannosi per pelle, occhi

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

SOLARI Il sole, amico o nemico?

SOLARI Il sole, amico o nemico? SOLARI Il sole, amico o nemico? Il sole è la stella più vicina a noi. È una fonte di piacere. I suoi raggi, tuttavia, possono nuocere alla pelle. I raggi solari hanno due componenti che ci interessano

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

BLOOD GAME IL GIOCO DEL SANGUE

BLOOD GAME IL GIOCO DEL SANGUE BLOOD GAME IL GIOCO DEL SANGUE Che cos'è il tipo di sangue? Karl Landsteiner è lo scopritore dei gruppi sanguigni umani, lo scienziato che con i suoi studi ha permesso di evitare errori fatali. Se prima

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Alberto Viale I CROMOSOMI

Alberto Viale I CROMOSOMI Alberto Viale I CROMOSOMI DA MENDEL ALLA GENETICA AL DNA ALLE MUTAZIONI I cromosomi sono dei particolari bastoncelli colorati situati nel nucleo delle cellule. Sono presenti nelle cellule di ogni organismo

Dettagli

La Radiazione da Raggi Ultravioletti di origine solare

La Radiazione da Raggi Ultravioletti di origine solare La Radiazione da Raggi Ultravioletti di origine solare (1) Premessa L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

Il sangue Soluzioni alle domande

Il sangue Soluzioni alle domande Il sangue Soluzioni alle domande Pagina 6 Dove si formano le cellule sanguigne? c) Nel midollo osseo (pagina 7) Qual è la percentuale di tutto il peso corporeo costituita dal sangue? c) 8% (pagina 12)

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Meglio informati sulla presa degli antibiotici

Meglio informati sulla presa degli antibiotici Informazioni per i pazienti Meglio informati sulla presa degli antibiotici 13116-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Antibiotici» 1 Indice Gli antibiotici. Cosa sono e

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Melanomi. Fellow of Ebopras European Board of Plastic Reconstructive and Aesthetic Surgery

Melanomi. Fellow of Ebopras European Board of Plastic Reconstructive and Aesthetic Surgery Chirurgia Melanomi Il melanoma cutaneo è un tumore che colpisce la pelle, derivante dalle cellule deputate alla produzione di colore e che, per la sua elevata tendenza invasiva, è responsabile della maggior

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

ATTENZIONE ALLE ZECCHE

ATTENZIONE ALLE ZECCHE ATTENZIONE ALLE ZECCHE Prevenzione della Malattia di Lyme In collaborazione con: Centro di riferimento regionale per la Borreliosi di Lyme Azienda Usl di Ravenna GISML - Gruppo italiano studio Malattia

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 2 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/6 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro individuale Tempo

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con aminobisfosfonati, sarebbe opportuno

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle I tumori maligni cutanei sono di diversa forma. Particolarmente frequente

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 Il docente di Laboratorio "Esercitazione in Odontotecnica concorre a far conseguire allo studente, al termine del periodo quinquennale di istruzione professionale

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Eritemi solari e herpes labiale

Eritemi solari e herpes labiale Eritemi solari e herpes labiale ERITEMI SOLARI E HERPES LABIALE L eritema solare è un ustione di primo grado che si manifesta a seguito di una prolungata esposizione ai raggi UV; solitamente, la comparsa

Dettagli

Sommario. Capitolo 1. Capitolo 2. Capitolo 3. Capitolo 4. È la natura l arma di difesa migliore 7. I rimedi più effi caci contro virus e batteri 19

Sommario. Capitolo 1. Capitolo 2. Capitolo 3. Capitolo 4. È la natura l arma di difesa migliore 7. I rimedi più effi caci contro virus e batteri 19 Sommario Capitolo 1 È la natura l arma di difesa migliore 7 Capitolo 2 I rimedi più effi caci contro virus e batteri 19 Capitolo 3 Come affrontare le principali infezioni 73 Capitolo 4 Mangia così e non

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, MARZO 2015 Lupus Eritematoso Sistemico

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

Il sole. Come ci si abbronza

Il sole. Come ci si abbronza IL SOLE TI FA BENE? Il sole I quattro elementi fondamentali per la nostra vita e il nostro benessere sono l aria, l acqua, la terra e il sole. Se uno di questi elementi venisse a mancare, allora molto

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con farmaci quali aminobisfosfonati,

Dettagli

Da Pasteur alla pastorizzazione di Laura Cassata

Da Pasteur alla pastorizzazione di Laura Cassata Da Pasteur alla pastorizzazione di Laura Cassata Autore Laura Cassata Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I grado Percorso collegato Vermi, puzze e illustrissimi scienziati

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente microsfere Guida per il paziente all impiego della Radioterapia Interna Selettiva (SIRT) nei tumori epatici tramite impiego di microsfere Il presente foglio illustrativo è stato elaborato dalla Sirtex

Dettagli

1 edizione ottobre 1999. Collaborazione medica a cura dell ufficio direzione sanitaria dell AVIS - ABVS Regionale Veneto.

1 edizione ottobre 1999. Collaborazione medica a cura dell ufficio direzione sanitaria dell AVIS - ABVS Regionale Veneto. L Amico Sangue Edito dall AVIS - ABVS Regionale Veneto Via dell Ospedale n 1 31100 Treviso Tel. 0422 405088 Fax 0422 325042 E-mail: avis.veneto@avis.it http://www.avis.it/veneto 1 edizione ottobre 1999

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

MultiMedica. Prevenire il Melanoma in modo semplice e sicuro. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. Mappatura dei Nei. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Prevenire il Melanoma in modo semplice e sicuro. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. Mappatura dei Nei. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) Centralino 02.242091 MultiMedica Castellanza Viale Piemonte,

Dettagli