G. BELLI Istituto di Patologia Vegetale Università di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. BELLI Istituto di Patologia Vegetale Università di Milano"

Transcript

1 Sessione V VITE COORDINATORE G. BELLI Istituto di Patologia Vegetale Università di Milano

2 Organismi patogeni di qualità degli vite 1 Digiaro M., S. Pollastro 2, P. La Notte 3, A. Santomauro 2, R. M. De Miccolis Angelini 2, N. Vovlas 4 PREMESSA 1. Funghi 1.1. Escoriosi, Necrosi corticale 1.2. Peronospora della vite 1.3. Oidio o Mal bianco della vite 1.4. Mal dell esca 1.5. Eutipiosi 1.6. Verticillosi 1.7. Marciume radicale fibroso 1.8. Marciume radicale lanoso 2. Nematodi 2.1. Xiphinema index 3.Virus 3.1. Virus dell arricciamento 3.2. Accartocciamento fogliare 3.3. Legno riccio

3 PREMESSA I DD.MM. del 14/4/1997 hanno introdotto una nuova categoria di materiali di moltiplicazione definita C.A.C. (Conformitas Agraria Communitatis) per la quale sono richiesti requisiti fitosanitari minimi per la commercializzazione. Tale normativa riguarda tutte le specie vegetali di interesse agrario ad eccezione della vite. Tale esclusione è dovuta alla preesistente normativa che regola la produzione e la commercializzazione dei materiali di propagazione della vite classificandoli nelle categorie base, certificato e standard. In base alle norme del Decreto del Presidente della Repubblica n del 24/12/69 (e successive modifiche ed integrazioni) che ha recepito la Direttiva Comunitaria 193/68, per le categorie Base e certificato è richiesta l esenzione da malattie da virus nocivi, in particolare da malformazioni infettive e accartocciamento fogliare senza alcun riferimento agli agenti causali, mentre per i materiali standard non è richiesta alcuna garanzia sanitaria, se non, genericamente, che le colture destinate alla loro produzione devono essere mantenute esenti da piante che presentino sintomi di malattie da virus (D.P.R. n.518 del 18/05/1982). La normativa, considerata all avanguardia nel 1968, risulta oggi, a trent anni dalla sua emanazione, carente e obsoleta. Il susseguirsi di emanazioni di Decreti non ha fatto altro che generare confusione tra gli operatori del settore agricolo e, paradossalmente, la vite, prima ed unica specie assoggettata ad un regime di certificazione obbligatoria per il suo precario stato sanitario, risulta oggi, fra le specie certificate, quella sottoposta al regime di produzione e commercializzazione meno severo e puntuale. Inoltre, la difficoltà di costituire materiale certificato rispondente ai requisiti sanitari attualmente richiesti per l omologazione dei cloni determina, soprattutto per le varietà ad interesse locale e minori, l impiego ad oltranza del materiale di categoria standard. Il grande malcontento tra gli operatori del settore viticolo suggerisce, soprattutto per agli aspetti fitosanitari, l esigenza di una revisione della normativa comunitaria che prenda in considerazione anche altri patogeni, tra virus, funghi e batteri, trasmissibili attraverso il materiale di propagazione. I ricercatori impegnati in questo progetto hanno quindi proposto, anche per la vite, nonostante la stessa sia stata esclusa dai succitati DD.MM., un elenco di patogeni che per comprovate

4 esperienze sono da ritenersi pregiudizievoli della qualità del materiale di propagazione stesso. Per ciascuno di questi è stata quindi realizzata una scheda in cui è riportato l inquadramento sistematico, le piante ospiti, la distribuzione geografica, le modalità di diffusione, la sintomatologia, la modalità di diagnosi e i principi su cui si basa la lotta. Inoltre, si è ritenuto utile indicare anche le fasi del processo produttivo che possono creare le condizioni per una possibile infezione (punti critici), gli obblighi che vivaisti e Servizio fitosanitario devono rispettare e, infine, alcuni consigli pratici rivolti agli agricoltori. In particolare, per quanto riguarda i funghi sono state inserite le specie responsabili dell Escoriosi, Eutipiosi, Mal dell esca, Marciume radicale fibroso e lanoso e Verticillosi, tra i nematodi Xiphinema index e, per quanto riguarda i virus, le specie responsabili dell Arricciamento o Degenerazione infettiva, Accartocciamento fogliare e Legno riccio.

5 1. FUNGHI 1.1. Escoriosi, Necrosi corticale (Tav. I) Agente eziologico: Phomopsis viticola Inquadramento sistematico (Hawksworth et al, 1995): Fungo mitosporico In accordo alla precedente e più nota classificazione: Divisione Sottodivisione Classe Ordine Famiglia Genere Specie Eumycota Deuteromycotina Coelomycetes Sphaeropsidales Sphaeropsidaceae Phomopsis Phomopsis viticola (Sacc.) Sacc. Distribuzione geografica. Tutte le aree di coltivazione. Modalità di diffusione Lo svernamento del patogeno avviene in forma di micelio e di picnidi che si differenziano in modo consistente in inverno, soprattutto su tralci infetti di un anno e sui sarmenti lasciati sul terreno dopo la potatura. In primavera, dai picnidi maturi vengono estrusi, in cirri mucillaginosi, i picnoconidi di due tipologie (α e β) che sono trasportati da schizzi di pioggia sulla vegetazione recettiva. Solo i conidi di tipo α sono infettivi. Il trasporto a lunga distanza è operato essenzialmente con l impiego di materiale di propagazione infetto. Le prime infezioni avvengono dopo 3-4 settimane dalla ripresa vegetativa; la penetrazione avviene sia per via stomatica che mediante lesioni presenti sui giovani tralci. Piante ospiti. Vite Sintomatologia I sintomi si manifestano su tutte le parti verdi della pianta e cominciano a comparire poco dopo la ripresa vegetativa. Internodi basali dei germogli (primi 4-5): è possibile osservare la presenza di tacche nero-violacee (più o meno estese o confluenti) che possono interessare anche l intera circonferenza del germoglio stesso. Sui tralci, tali aree si presentano depresse, grigiastre e circondate da una banda nero-violacea. Nella parte basale dei sarmenti, si osservano fessurazioni longitudinali, più o meno superficiali che possono cingere completamente i tessuti basali del germoglio. Durante l inverno, le spaccature e le lacerazioni restano ben evidenti sui sarmenti; il periderma assume una colorazione prima biancastra e poi grigiastra a causa di infiltrazioni d aria nelle cellule corticali. Su queste aree, poi, appaiono dei minuscoli punti scuri, i picnidi del fungo. La pianta può assumere un aspetto cespuglioso e

6 presentare una ridotta vigoria per lo stentato o mancato sviluppo dei tralci, causato dalla morte delle gemme basali. Nei casi più gravi è possibile osservare la morte di intere branche o di tutta la pianta. Foglie: su entrambe le pagine fogliari, in genere dei primi quattro o cinque nodi, si può osservare la presenza di minute aree clorotiche che necrotizzano nella parte centrale. Quando numerose queste possono determinare bollosità e distorsioni delle foglie che tendono a cadere prematuramente. Grappoli: sui rachidi possono manifestarsi gli stessi sintomi descritti per i tralci. La comparsa di sintomi (marciume secco) sulle bacche è un evento raro nell area mediterranea. Diagnosi Osservazione dei sintomi in campo con rilievi a carico di foglie e germogli in primavera e/o in estate, isolamenti in coltura e osservazioni al microscopio. Lotta Di rilevante importanza interventi agronomici preventivi (scelta varietale e sanità del materiale di propagazione). È necessario evitare il ricorso a pratiche colturali che incrementano il vigore vegetativo della pianta. La malattia può essere fortemente limitata con la copertura dei vigneti ad uva da tavola con teli di polietilene per forzare l anticipo di maturazione. Interventi chimici: da prevedere solo nei vigneti di cultivar suscettibili ove sia stata rilevata la presenza della malattia. Per gli interventi proteggenti, da eseguire a partire dalla schiusura delle gemme (germogli di 3-5 cm), possono essere impiegati folpet, mancozeb e methiram; in seguito (dopo 7-10 giorni) sono da preferire formulati contenenti mancozeb perché associa un attività antiperonosporica. Lo zolfo bagnabile ad alte dosi presenta efficacia incostante, mentre gli inibitori della biosintesi degli steroli e di azoxystrobin e kresoximethyl, analoghi di sintesi delle strobiruline presentano attività solo parziale. Punti critici Per i vivaisti: il materiale di moltiplicazione deve provenire da piante madri ubicate in appositi campi; per la costituzione del campo di piante madri deve essere utilizzato materiale proveniente da viti prive di sintomi di escoriosi; le piante madri devono essere ben identificabili e sottoposte a regolari controlli per verificarne lo stato sanitario. Prestare molta attenzione alla sanità delle piante e del vigneto se le marze o le gemme devono essere prelevate da impianti commerciali. Per gli agricoltori: al momento dell impianto, prestare molta attenzione alla sanità del materiale di propagazione. Consigli pratici Per gli agricoltori: durante la potatura asportare al meglio tutti i tessuti infetti; ove la malattia è presente, evitare la trinciatura e l interramento dei sarmenti o l accantonamento degli stessi, ma raccogliere i residui di potatura e distruggerli col fuoco. Disinfettare gli attrezzi di potatura; Per i Servizi fitosanitari: esecuzione di ispezioni in campo ed analisi micologica da tralci e foglie di piante sospette.

7 TAVOLA I b a c d e f Escoriosi o necrosi corticale della vite: a) sintomi su germogli e rachidi; b) sintomi su foglia; c) sintomi su tralci; d) picnidi e cirri; e) conidi α; f) conidi β.

8 1.2. Peronospora della vite (Tav. II) Agente eziologico: Plasmopara viticola Inquadramento sistematico (Hawksworth et al., 1995) Phylum Ordine Famiglia Genere Specie Oomycota Peronosporales Peronosporaceae Plasmopara Plasmopara viticola (Berk. et Curt.) Berl. et De Toni Distribuzione geografica Tutte le aree di coltivazione. Modalità di diffusione La conservazione durante i mesi invernali avviene mediante le oospore presenti nelle foglie cadute sul terreno. In condizioni ambientali favorevoli le oospore germinano producendo macroconidi contenenti le zoospore. Queste, trasportate da schizzi d acqua sulla vegetazione, sono responsabili delle infezioni primarie. In seguito, sugli organi infetti, vengono prodotti gli zoosporangi e le zoospore responsabili dei successivi cicli di infezione. Piante ospiti: Vite Sintomatologia I sintomi si manifestano su tutte le parti della pianta. Foglie: I primi sintomi si osservano sulla pagina superiore dove si formano zone decolorate rotondeggianti simili a macchie d olio che, successivamente, possono divenire necrotiche. In condizioni di elevata umidità, sulla pagina inferiore, in corrispondenza delle macchie d olio, è osservabile la formazione di efflorescenze biancastre costituite dalle sporificazioni del patogeno. Verso la fine dell estate i sintomi si presentano in forma di piccole macchie necrotiche di forma poligonale delimitate dalle nervature (peronospora a mosaico). Filloptosi anticipata. Grappoli: Le infiorescenze possono essere infettate già da prima della fioritura, manifestando allessamenti e talora una caratteristica conformazione ad S del rachide; in seguito, se le condizioni ambientali sono favorevoli al fungo, possono essere ricoperte della caratteristica muffa bianca costituita dalle sporificazioni del patogeno. Sulle bacche, le infezioni determinano un marciume secco. Più tardivamente, quando le bacche hanno quasi raggiunto le dimensioni definitive, può manifestarsi un marciume bruno nella zona peduncolare delle bacche con i tessuti che acquistano una consistenza tenace e presentano un limite ben definito rispetto ai tessuti sani della porzione apicale; questi sintomi non sono accompagnati dalla presenza di sporificazioni del fungo (peronospora larvata). Germogli: è possibile rilevare la comparsa di aree prima idropiche, poi livide e quindi necrotiche, accompagnate da spaccature longitudinali, sulle quali può differenziarsi un efflorescenza biancastra costituita dalle sporificazioni del patogeno. Diagnosi. Osservazione dei sintomi in campo, camera umida e osservazioni al microscopio.

9 Lotta Interventi chimici: Nel periodo compreso fra il germogliamento e l inizio della fioritura e dopo l allegagione, intervenire alla comparsa delle prime macchie d olio eseguendo con tempestività un paio di trattamenti con cymoxanil (persistenza 3-5 giorni), per sfruttarne la capacità di bloccare infezioni in atto. In seguito, si possono eseguire applicazioni di formulati a più lunga persistenza, da cadenzare sulla base della pressione di malattia e della persistenza dei fungicidi impiegati, sino a quando l andamento meteorologico è favorevole alle infezioni. Qualora l estensione del vigneto renda impossibile la tempestività degli interventi, in tali periodi possono essere eseguiti trattamenti cautelativi se nella zona sono state osservate macchie d olio e le condizioni meteorologiche sono favorevoli alla malattia; in tal caso preferire formulati con persistenza di giorni. Anche in assenza di infezioni, sono consigliati due trattamenti cautelativi da eseguire uno all inizio ed uno alla fine della fioritura. In fase di invasatura, sono consigliabili 1-2 trattamenti di chiusura con composti rameici. I principi attivi sono i composti rameici, mancozeb, methiram, dimethomorph, azoxystrobin, cymoxanil, famoxadone, fenilammidi (benalaxyl, metalaxyl, oxadixyl), phosethyl-al. Punti critici Per i vivaisti: curare la protezione delle piante, in particolare delle barbatelle innestate. Per gli agricoltori: in condizioni ambientali favorevoli al patogeno, tenere sotto costante sorveglianza il vigneto. Consigli pratici Per gli agricoltori: equilibrare le concimazioni e le irrigazioni; evitare un eccessivo vigore vegetativo e di carico di produzione; effettuare la potatura verde e la sistemazione dei tralci ed una idonea preparazione dei grappoli. Per il Servizio fitosanitario: esecuzione di ispezioni in campo, camera umida e osservazioni al microscopio.

10 TAVOLA II a b c d e f Peronospora della vite: a) macchia d olio; b) peronospora larvata; c) rami sporangiofori e sporangi; d) sintomi su infiorescenze; e) sintomi su germogli; f) sporificazioni su grappoli.

11 1.3. Oidio o Mal bianco della vite (Tav. III) Agente eziologico: Uncinula necator Inquadramento sistematico (Hawksworth et al., 1995): Phylum Ordine Famiglia Genere Specie Ascomycota Erysiphales Erysiphaceae Uncinula Uncinula necator (Schw.) Burr. Distribuzione geografica. Tutte le aree di coltivazione. Modalità di diffusione Il patogeno può svernare come micelio e conidi nelle gemme o in forma di cleistoteci; la diffusione delle infezioni è affidata ai conidi prodotti sugli organi infetti e trasportati dal vento. Pianta ospite. Vite. Sintomatologia I sintomi si manifestano su tutte le parti della pianta. Grappoli: Le bacche sono suscettibili alle infezioni sino all invaiatura. I sintomi consistono in una tenue efflorescenza bianco grigiastra costituita dal micelio, dai conidiofori e dai conidi del patogeno, al di sotto dei quali, si riscontra una reticolatura necrotica Le bacche precocemente infette possono non svilupparsi e/o andare incontro a spaccature anche molto profonde. Sintomi analoghi sono osservabili su rachide e peduncoli. Foglie: Macchie rotondeggianti clorotiche, osservabili su entrambe le pagine fogliari, sulle quali può svilupparsi una tenue efflorescenza costituita dai conidiofori e dai conidi del patogeno. Successivamente, leggeri fenomeni necrotici a carico delle nervature. Germogli e tralci: Lesioni reticolate simili a quelle descritte sugli altri organi, che restano evidenti in forme di tacche brune anche dopo la lignificazione. Diagnosi: osservazione dei sintomi in campo e osservazioni al microscopio. Lotta Nella fase fra germogliamento e inizio fioritura possono essere necessari trattamenti con zolfo o dinocap solo nei seguenti casi: vigneti coperti da reti antigrandine, vigneti in cui si sono verificate gravi infezioni nell annata precedente, cultivar particolarmente suscettibili; vigneti in cui, a causa di particolari condizioni microclimatiche, le infezioni sono più precoci della norma. Trattamenti preventivi sono da eseguire subito prima della fioritura e a fine fioritura; nelle fasi comprese fra allegagione e invaiatura, le applicazioni devono essere modulate in funzione della persistenza dei prodotti impiegati e della pressione della malattia; per evitare il rischio di insorgenza di resistenza è consigliabile alternare fungicidi con diverso meccanismo d azione. Nei vigneti ad uva da tavola coperti per posticipare la raccolta, dopo l invaiatura sono consigliabili trattamenti con zolfo in polvere per prevenire le infezioni

12 tardive a carico dei rachidi. I pricipi attivi impiegabili sono zolfo, quinoxyfen, dinocap, azoxystrobin, IBS (hexaconazole, fenarimol, fenbuconazole, myclobutanil, nuarimol, penconazole, pyrifenox, tebuconazole, tetraconazole, triadimenol) e l antagonista Ampelomyces quisqualis. Punti critici Per i vivaisti: curare la protezione delle piante, in particolare delle barbatelle innestate. Per gli agricoltori: prevenire l insediamento del fungo nel vigneto. Consigli pratici Per gli agricoltori: equilibrare le concimazioni e le irrigazioni; evitare l eccessivo vigore vegetativo e di carico produttivo. Effettuare la potatura verde, le sistemazione dei tralci e una idonea preparazione dei grappoli. Alternare fungicidi con diverso meccanismo d azione. Per il Servizio fitosanitario: ispezioni in campo nei periodi primaverile ed estivo.

13 TAVOLA III a b c d e f g Oidio della vite: efflorescenze su a) foglie, b) grappoli; c) sintomi su tralci d) rami conidiofori; e) conidi; f) cleistoteci su foglie; g) aschi erompenti da cleistoteci.

14 1.4. Mal dell esca (Tav. IV e V) Agente eziologico. Malattia/e ad eziologia complessa causate da una molteplicità di organismi fungini dei quali non sono ancora stati chiariti i ruoli specifici e se essi agiscano in associazione, in successione fra loro o in maniera indipendente; le specie più costantemente associate alla malattia sono Fomitiporia punctata (= Phellinus punctatus), Phaeomoniella chlamydospora e alcune specie di Phaeoacremonium, in particolare P. aleophilum, P. inflatipes e P. angustius. Inquadramento sistematico In accordo alla precedente e più nota classificazione: Phylum Classe Ordine Famiglia Genere Specie Basidiomycota Teliomycetes Hymenochaetales Hymenochaetaceae Fomitiporia (= Phellinus) Fomitiporia punctata (P. Karst.) Murril [= Phellinus punctatus (Fr.) Pilàt] Divisione Eumycota Sottodiv. Deuteromycetes Classe Hyphomycetes Ordine Chaetothyriales Famiglia Herpotrichiellaceae Genere Phaeomoniella Specie Phaeomoniella chlamydospora (W. Gams, Crous, M.J. Wingf. et L. Mugnai) Crous et Gams: fungo mitosporico. Divisione Eumycota Sottodiv. Deuteromycetes Classe Hyphomycetes Ordine Hyphomycetales Famiglia Dematiacae Genere Phaeoacremonium Specie Phaeoacremonium aleophilum W. Gams, Crous, M.J. Wingf. et L. Mugnai; Phaeoacremonium inflatipes W. Gams, Crous et M.J. Wingf.; Phaeoacremonium angustius W. Gams, Crous et M.J. Wingf.: funghi mitosporici.

15 Distribuzione geografica. Funghi ubiquitari. Modalità di diffusione In mancanza di informazioni certe è prudente ritenere che la malattia possa essere trasmessa attraverso il materiale di moltiplicazione (barbatelle e talee) e con gli attrezzi di potatura. F. punctata si diffonde mediante basidiospore trasportate dal vento. P. chlamydospora e le diverse specie di Phaeoacremonium possono diffondere mediante conidi trasportati da schizzi d acqua. Piante ospiti Funghi polifagi, patogeni di numerose piante arboree di interesse agrario (agrumi, drupace, melo, olivo, vite, ecc.) e forestale (acacia, carpino, quercia, ecc.). Sintomatologia Nel periodo compreso tra giugno e settembre il mal dell esca si manifesta sui grappoli, e/o sulle foglie di singole branche o di piante intere. I sintomi della malattia si manifestano sia esternamente, a carico di foglie e grappoli, sia internamente, nel legno del ceppo e delle grosse branche. Foglie: Sintomo caratteristico, anche se non specifico, è la comparsa di macchie clorotiche delle dimensioni di pochi millimetri che, successivamente, tendono ad ingrandirsi e a confluire fino a formare una variegatura clorotica variabile dal giallastro al rosso-bruno che si estende dai tessuti del margine a quelli internervali (clorosi a ventaglio) rispettando le nervature principali. Grappoli: All invaiatura, o poco prima, possono comparire macchie puntiformi bruno violacee a distribuzione irregolare, o confluenti a formare bande longitudinali sulla superficie delle bacche; la maculatura interessa solo l epicarpo del frutto e non si estende ai tessuti sottostanti. Germogli: Ritardo della lignificazione. Zone non lignificate di colore verde scuro, frammiste ad altre parzialmente significate. Perdita di turgore. In primavera inoltrata e in estate si può avere la morte di alcuni germogli o di branche intere; parte delle gemme possono germogliare in ritardo. I tessuti, osservati in sezione, sono completamente imbruniti e disidratati. Ceppo: In sezione longitudinale piante giovani mostrano generalmente striature bruno nerastre. Su piante adulte o in età avanzata, il sintomo più frequente è la carie del legno che riguarda generalmente solo la zona più interna del ceppo; il tessuto legnoso appare fortemente disorganizzato e degradato, ha colorazione bianco giallastra, consistenza spugnosa ed è facilmente disgregabile. Lungo il ceppo possono formarsi spaccature longitudinali quando la carie si estende fino in prossimità della corteccia. L espressione dei sintomi descritta per foglie e grappoli non è costante da un anno all altro e i sintomi riscontrati su una pianta possono non evidenziarsi affatto nell anno successivo. La malattia può anche avere un decorso acuto che porta la pianta a morte improvvisa; ciò accade generalmente in luglio-agosto. In tali casi, la progressione ha andamento basipeto, al contrario di quanto accade nella forma cronica. Diagnosi Osservazione dei sintomi in campo. Osservazione delle alterazioni a carico del legno e isolamenti in coltura.

16 Lotta Non disponendo all attualità fungicidi specifici ed efficaci per il controllo della fitopatia, l unica forma di lotta è affidata alla prevenzione. Punti critici Per i vivaisti: il materiale di moltiplicazione deve provenire da piante madri ubicate in appositi campi. Per la costituzione di campi di piante madri deve essere utilizzato materiale proveniente da viti esenti da sintomi apparenti di mal dell esca. Le piante madri devono essere ben identificabili e sottoposte a regolari controlli, al fine di garantirne lo stato sanitario. In attesa dell allestimento di fonti primarie è possibile utilizzare piante localizzate in impianti commerciali, purché facilmente e costantemente individuabili, come piante madri. Estirpare tempestivamente dal campo di piante madri, viti che presentino carie del legno e/o basidiocarpi. I substrati utilizzati per la saldatura degli innesti devono essere sterili e non riciclati. Per gli agricoltori: al momento dell impianto, prestare molta attenzione alla sanità del materiale di propagazione. Consigli pratici Per gli agricoltori: identificare le piante che presentano sintomi di mal dell esca nel periodo estivo. Capitozzare o rimuovere tempestivamente le piante con sintomi di mal dell esca. Preferire forme di allevamento che non comportino grossi e frequenti tagli di potatura. Proteggere le ferite da taglio. Durante la potatura lasciare per ultime le piante che abbiano manifestato sintomi di mal dell esca. Disinfettare gli attrezzi per la potatura. Evitare l utilizzo di materiale di propagazione di dubbia origine. Per i Servizi fitosanitari: ispezioni in campo nel periodo estivo.

17 TAVOLA IV a b c d Mal dell esca e imbrunimenti delle barbatelle: a) sintomi su foglie di Victoria di un anno di età; b) sintomi su foglie; c) sintomi su grappoli; d) pianta apoplettica.

18 TAVOLA V Tavola 5 - Mal dell esca e imbrunimenti delle barbatelle: a) colonia di Phaeomoniella chlamydospora; b) punteggiature necrotiche in sezione trasversale; c) striature necrotiche in sezione longitudinale; d) carie incipiente; e) basidiocarpo di Fomitiporia punctata su Italia.

19 1.5. Eutipiosi Agente eziologico: Eutypa lata Inquadramento sistematico Phylum Ordine Famiglia Genere Specie Ascomycota Xylariales Xylariaceae Eutypa Eutypa lata (Pers.:Fr.) Tul. et C. Tul. [=Eutypa armeniacae Hansf. et Carter] Distribuzione geografica. fungo ubiquitario. Modalità di diffusione Il patogeno sverna in forma di periteci immersi in uno stroma nerastro e continuo sulla superficie di cancri e branche morte; in ambienti ad inverni miti dai periteci del patogeno, che raggiungono al maturità in primavera, fuoriescono subito dopo una pioggia le ascospore che sono disseminate dal vento. I periteci possono mantenersi vitali per almeno cinque anni. All interno dei tessuti il patogeno si conserva in forma di micelio e sulla superficie di cancri è possibile trovare i picnidi che, con l umidità favorevole, emettono dei cirri gelatinosi contenenti numerosi conidi filiformi. È prudente ritenere che la malattia possa essere trasmessa attraverso il materiale di moltiplicazione (barbatelle e talee) e con gli attrezzi di potatura. Piante ospiti Fungo polifago, attacca più di 80 specie vegetali legnose, frutticole, forestali e ornamentali con preferenza per albicocco, mandorlo, vite, melo e pero. Sintomatologia La malattia si manifesta nel primissimo periodo di sviluppo della vite principalmente a carico di foglie e germogli; i sintomi della malattia si manifestano anche internamente, nel legno del ceppo e delle grosse branche. Foglie: Le giovani foglie si presentano deformate, convesse e clorotiche, spesso si osserva la presenza di aree necrotiche in prossimità dei margini. Grappoli: Possono presentarsi fortemente acinellati. Germogli: I germogli, che hanno dimensioni di cm, si presentano deformati e clorotici, gli internodi possono presentarsi fortemente raccorciati. Ceppo: In sezione trasversale le piante mostrano aree a settore di colore bruno nerastre. L espressione dei sintomi può essere mascherata dalla espressione di altre sintomatologie dovute ad altri patogeni del legno.

20 Diagnosi Osservazione dei sintomi in campo. Osservazione delle alterazioni a carico del legno e isolamenti in coltura. Lotta Non disponendo all attualità fungicidi specifici ed efficaci per il controllo della fitopatia, l unica forma di lotta è affidata alla prevenzione. Punti critici Per i vivaisti: il materiale di moltiplicazione deve provenire da piante madri ubicate in appositi campi. Per la costituzione dei campi di piante madri deve essere utilizzato materiale proveniente da viti esenti da sintomi di eutipiosi e di mal dell esca. Le piante madri devono essere ben identificabili e sottoposte a regolari controlli, al fine di garantirne lo stato sanitario. In attesa dell allestimento di fonti primarie è possibile utilizzare come piante madri piante localizzate in impianti commerciali, purché facilmente e costantemente individuabili. I substrati utilizzati per la saldatura degli innesti devono essere sterili e non riciclati. Per gli agricoltori: al momento dell impianto, prestare molta attenzione alla sanità del materiale di propagazione. Consigli pratici Per gli agricoltori: identificare le piante che presentano sintomi di eutipiosi e mal dell esca nel periodo estivo. Rimuovere tempestivamente le piante sintomatiche. Preferire forme di allevamento che non comportino grossi e frequenti tagli di potatura. Proteggere le ferite da taglio. Potare per ultime e piante sintomatiche. Disinfettare gli attrezzi per la potatura. Evitare l utilizzo di materiale di propagazione di dubbia origine. Per i Servizi fitosanitari: ispezioni in campo nel periodo estivo.

21 1.6. Verticillosi Agente eziologico: Verticillium dahliae Inquadramento sistematico (Hawksworth et al., 1995) Phylum Ordine Famiglia Genere Specie Ascomycota Hypocreales Hypocreacae Verticillium Verticillium dahliae Kleb. Distribuzione geografica Fungo ubiquitario. Modalità di diffusione Le infezioni frequentemente si sviluppano quando le piante vengono messe a dimora in terreni che avevano in precedenza ospitato colture particolarmente suscettibili al patogeno. Sui residui della coltura precedente, così come nel terreno, è possibile rinvenire la presenza si microsclerozi che possono sopravvivere anche diversi anni in assenza dell ospite. Dai microsclerozi si sviluppa il micelio del patogeno che, quindi, si propaga mediante la produzione di conidi prodotti da fialidi portate su caratteristici rami conidiofori. La via di penetrazione nell ospite favorita è l apparato radicale. E prudente ritenere che la malattia possa essere trasmessa attraverso il materiale di moltiplicazione (barbatelle e talee) e con gli attrezzi di potatura. Piante ospiti Fungo polifago, patogeno di piante arboree (drupacee, olivo, vite, ecc.) e ortive (carciofo, melanzana, melone, patata, peperone, pomodoro, ecc.). Sintomatologia Durante la prima fase di sviluppo della coltura le piante non mostrano sintomi ma con l incremento della temperatura e la riduzione dell umidità del terreno è possibile rinvenire la presenza di germogli che disseccano. Con l avanzare delle infezioni si può osservare il deperimento generale della pianta o di sue parti e l appassimento progressivo delle foglie. La malattia provoca la morte della pianta in un tempo variabile a seconda delle condizioni pedoclimatiche e dello stato vegetativo della pianta colpita. Diagnosi Osservazione dei sintomi in campo. Osservazione delle alterazioni a carico del legno e isolamenti in coltura. Lotta Non disponendo di fungicidi specifici ed efficaci per il controllo della fitopatia, l unica forma di lotta è affidata alla prevenzione.

22 Punti critici Per i vivaisti: il materiale di moltiplicazione deve provenire da piante madri ubicate in appositi campi. Per la costituzione dei campi di piante madri deve essere utilizzato materiale proveniente da viti esenti da sintomi. Le piante madri devono essere ben identificabili e sottoposte a regolari controlli, al fine di garantirne lo stato sanitario. Devono essere scartati a priori gli appezzamenti nei quali sia stata in precedenza rinvenuta la presenza di casi attribuibili a vericillosi. In attesa dell allestimento di fonti primarie è possibile utilizzare come piante madri, viti localizzate in impianti commerciali, purché facilmente e costantemente individuabili. I barbatellai devono essere allestiti in impianti che non abbaiano in precedenza ospitato colture particolarmente suscettibili al patogeno. I substrati utilizzati per la saldatura degli innesti devono essere sterili e non riciclati. Per gli agricoltori: al momento dell impianto, prestare molta attenzione alla sanità del materiale di propagazione. Evitare di impiantare il vigneto in terreni in cui siano stati ospitati in precedenza colture suscettibili al patogeno e siano stati rinvenuti casi di verticilliosi. Evitare le consociazioni, anche di bordo, con colture ortive particolarmente suscettibili alla verticillosi. Consigli pratici Per gli agricoltori: nel periodo estivo identificare le piante che presentano sintomi di verticillosi. Rimuovere tempestivamente le piante sintomatiche. Potare per ultime le piante sintomatiche. Disinfettare gli attrezzi per la potatura. Evitare l utilizzo di materiale di propagazione di dubbia origine. Evitare le consociazioni con ortive particolarmente suscettibili. Per i Servizi fitosanitari: ispezioni in campo nel periodo estivo.

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

OenoHow Malattie principali della vite

OenoHow Malattie principali della vite OenoHow Malattie principali della vite Peronospera della vite Plasmopara viticola Comycota (Chromista) Peronospera della vite Plasmopara viticola Comycota (Chromista) - (giovani) Macchie rotondeggianti

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani 54 Terra e Vita [ SPECIALE DIFESA VITE ] n. 14/2008 Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani [ DI GIUSEPPE FRANCESCO SPORTELLI ] Ritenuta per lungo tempo un esclusiva dei vigneti vecchi, il mal

Dettagli

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA Mannini Franco - Istituto Virologia Vegetale, Unità Staccata Viticoltura, CNR, Grugliasco (TO) 1. Introduzione Negli ultimi decenni in tutti i Paesi in cui il

Dettagli

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO I virus che più comunemente colpiscono queste colture, e che negli ultimi anni hanno causato gravi perdite di prodotto commerciale, sono il virus del mosaico del cetriolo

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo agronomico

Rinnovo del patentino Modulo agronomico nforma.fito. Strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Rinnovo del patentino Modulo agronomico Lotte obbligatorie Pier Paolo Bortolotti Roberta

Dettagli

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 Laboratorio Fitopatologico SFR c/o Fondazione Minoprio, Azienda con Sistema di Qualità Certificato ISO 9001:2008 Norme

Dettagli

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Negli ultimi anni in numerosi vigneti della Bassa Atesina e della Val d Isarco sono state ripetutamente osservate viti con vistosi accartocciamenti

Dettagli

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M.

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Campagna 2014: Problematiche fitosanitarie del pomodoro Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Tridentino Il 2014 è stato

Dettagli

Le malattie del legno

Le malattie del legno Le malattie del legno della vite di origine fungina A cura di: Salvatorica Serra Dipartimento di Protezione delle Piante - Università di Sassari Renzo Peretto Dipartimento Produzioni Vegetali - Agenzia

Dettagli

Avversità delle piante coltivate

Avversità delle piante coltivate Avversità delle piante coltivate Le colture agrarie, in tutte le fasi del loro ciclo, possono essere soggette ad avversità di vario genere e si calcola che, ogni anno, circa il 30% della produzione mondiale

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

PATOLOGIA FORESTALE MALATTIE DELLA CHIOMA DELLE LATIFOGLIE

PATOLOGIA FORESTALE MALATTIE DELLA CHIOMA DELLE LATIFOGLIE MALATTIE DELLA CHIOMA CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO BAUSINVE 2010 PATOLOGIA FORESTALE III In questa vasta categoria sono comprese le malattie che colpiscono le foglie, i getti dell anno in corso

Dettagli

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE 2 a lezione Le malattie delle piante relatore: Davide Mondino Dottore Agronomo L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di Chiusano 23 davidemondino@lagrotecnico.it

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

Sharka sul pesco SINTOMI

Sharka sul pesco SINTOMI Sharka sul pesco La malattia comunemente nota con il nome di sharka risulta estremamente dannosa su pesco soprattutto in presenza del ceppo M, particolarmente virulento su questa drupacea. Se, a seguito

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

ACARI DELLA VITE ERIOFIDI. Eriofide della vite Colomerus (=Eriophyes) vitis (Pagenstecher)

ACARI DELLA VITE ERIOFIDI. Eriofide della vite Colomerus (=Eriophyes) vitis (Pagenstecher) libro definitivo 19.05.04 19-05-2004 18:13 Pagina 161 ACARI DELLA VITE Da oltre un trentennio gli acari fitofagi della vite hanno assunto notevole importanza poiché possono provocare ingenti danni. Questi

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

Il ciliegio : difesa e prospettive

Il ciliegio : difesa e prospettive Il ciliegio : difesa e prospettive Produzione Europea dati Istat 2005- SUPERFICIE COLTIVATA A CILIEGIO (CONFRONTO MEDIE 1990/93-2000/03) 18.000 +65,8% 16.000 14.000 Media 90/93 (ha) 12.000 10.000 8.000

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della Sicilia

Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della Sicilia Convegno: Strategie per il Miglioramento dell Orticoltura Protetta in Sicilia - Vittoria (RG), 25-26 Novembre 2005 Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della

Dettagli

Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria

Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria Edizione 2014 Insetti e acari Avversità Biologia e Sintomatologia Danni Elateridi Agriotes spp. Svernano come larva in differenti stadi o adulti

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite S.E. Legler, T. Caffi, and V. Rossi Istituto di Entomologia e Patologia Vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza

Dettagli

4- PIANTA DELL OLIVO

4- PIANTA DELL OLIVO 4- PIANTA DELL OLIVO CICLO BIOLOGICO: L'olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae. La pianta comincia a fruttificare verso il 3º-4º anno, inizia la piena produttività verso il 9º-10º anno; la maturità

Dettagli

Le principali malattie fungine del castagno

Le principali malattie fungine del castagno Le principali malattie fungine del castagno In Toscana il castagno è ampiamente diffuso, estendendosi dalle aree mediterranee fino alle quote più alte dell Appennino e dell Amiata. Grazie alla possibilità

Dettagli

TICCHIOLATURA DEL MELO (Venturia inaequalis)

TICCHIOLATURA DEL MELO (Venturia inaequalis) Schema TICCHIOLATURA DEL MELO () 1. classificazione 2. sintomi A. su foglie B. su fiori C. su frutti 3. ciclo (biologia ed epidemiologia) 4. lotta classificazione CLASSIFICAZIONE Ordine Ascomycetes foto

Dettagli

L occhio di pavone dell olivo

L occhio di pavone dell olivo L occhio di pavone dell olivo Spilocea oleagina (Cast.) Hugh Ordine: Hyphales Famiglia: Dematiaceae Fungo MITOSPORICO, a colonizzazione sub-cuticolare evade dal tessuto mediante conidiofori unicellulari,

Dettagli

Xylella fastidiosa (Wells et al.)

Xylella fastidiosa (Wells et al.) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE SISTEMATICA E DIFFUSIONE Xylella fastidiosa (Wells et al.) Xylella fastidiosa (XF) Welles et al. (1987) è un batterio gram-negativo non sporigeno appartenente alla famiglia

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

NOCE. Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis)

NOCE. Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis) Regione Campania -Se.S.I.R.C.A.- 1. MALATTIE BATTERICHE: Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis) CAMPIONAMENTO e SOGLIA DI PRINCIPI ATTIVI, caduta foglie apertura delle gemme - controllare

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Agricoltura biologica - DIFESA

Agricoltura biologica - DIFESA Agricoltura biologica - DIFESA Tecniche di irrorazione a basso dosaggio di rame per la lotta alla peronospora della vite di Paolo Francesconi, Giuseppe Santagata e Flavio Cantelli Sommario Associazione

Dettagli

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA Il brusone è la più dannosa malattia fungina del riso a livello mondiale ed è causata da un fungo ascomicete

Dettagli

Centro Studi Malattie degli Alberi

Centro Studi Malattie degli Alberi In questo numero: Patologia vegetale: le malattie della radice in vaso Chimica agraria: i terricci e la concimazione Periodico scientifico del settore florovivaistico a cura della redazione tecnica di

Dettagli

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L.

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L. Aggiornamenti sulla carie dell actinidia Di Marco S., Osti F. & Neri L. CNR IBIMET - Via Gobetti 101, Bologna Segnalazioni della malattia Prima segnalazione: anni 90 in impianti della Romagna ITALIA GRECIA

Dettagli

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei risultati delle sperimentazioni e delle esperienze maturate

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Il cancro batterico del pomodoro

Il cancro batterico del pomodoro Il cancro batterico del pomodoro Clavibacter michiganensis subsp. Michiganensis C. Gilli, Stazione di ricerca Agroscope Changins-Wädenswil ACW, Centro le Fougères, 1964 Conthey W. Heller, Stazione di ricerca

Dettagli

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) SINTOMI DEGLI

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE PROVINCIA DI PAVIA CO.PRO.VI. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE COMUNICATO N. 4 DEL 15/04/2014 ANDAMENTO CLIMATICO E FENOLOGICO Nel corso della settimana le temperature

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Presentazione Il rame, utilizzato come fungicida e battericida, svolge un ruolo

Dettagli

Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo

Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo Fra le coltura frutticole l actinidia è una delle meno suscettibili agli attacchi di fitofagi e patogeni. Alcune malattie, però, come

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia. Tesi di Laurea

Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia. Tesi di Laurea Università degli Studi di Udine Facoltà di Agraria Università degli Studi di Trento Facoltà di Ingegneria Istituto Agrario di San Michele all Adige Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Tesi di Laurea

Dettagli

ta ra g te in e n zio u d ro L oidio della vite

ta ra g te in e n zio u d ro L oidio della vite D. Angeli, I. Pertot L oidio della vite Produzione integrata Istituto Agrario di San Michele all Adige SafeCrop Centre Produzione integrata Il Centro SafeCrop, dell Istituto Agrario di San Michele all

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Progetto POM A32 Norme fitosanitarie e commercializzazione delle produzioni vivaistiche Locorotondo (BA), 4 7 dicembre 2001

Progetto POM A32 Norme fitosanitarie e commercializzazione delle produzioni vivaistiche Locorotondo (BA), 4 7 dicembre 2001 Sessione III DRUPACEE, NOCE e POMACEE COORDINATORE: A. QUACQUARELLI Istituto Sperimentale per la Patologia Vegetale, Ministero delle Politiche Agricole Forestali, Roma Organismi patogeni di qualità delle

Dettagli

-www.cpt-ti.ch/fito-

-www.cpt-ti.ch/fito- Occuparsi delle piante non è così facile come sembra, è infatti necessario avere delle conoscenze abbastanza approfondite per quel che riguarda la cura, le malattie più o meno comuni, le conseguenze in

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Metodologie di difesa fitosanitaria

Metodologie di difesa fitosanitaria Metodologie di difesa fitosanitaria La difesa delle piante con prodotti fitosanitari ebbe inizio con la scoperta della proprietà fungicida del solfato di rame avvenuta oltre un secolo fa. Per molto tempo

Dettagli

LA DIFESA ANTIPARASSITARIA DELL OLIVO. (funghi insetti minori - batteri)

LA DIFESA ANTIPARASSITARIA DELL OLIVO. (funghi insetti minori - batteri) LA DIFESA ANTIPARASSITARIA DELL OLIVO (funghi insetti minori - batteri) L occhio di pavone Si tratta di una malattia causata da un fungo: Spilocaea oleaginea conosciuta anche come Cycloconium oleagineum

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo Parte la difesa integrata obbligatoria (Dir. CEE 128/09): gli strumenti in aiuto alle aziende agricole Corte Benedettina Legnaro (PD) 4 Febbraio 2014 Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA)

PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA) PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA) 1.Premessa Come è noto il batterio Pseudomonas syringae pv actinidiae Takikawa, Serizawa, Ichikawa,

Dettagli

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive L influenza sull ambientamento dei portinnesti di ciliegio da coltivazione in vitro con l utilizzo di reti colorate valutata in una prova effettuata

Dettagli

/03/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

/03/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 10 del 10/0 /03/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Manuale di viticoltura. a cura di Maurizio Bottura

Manuale di viticoltura. a cura di Maurizio Bottura Manuale di viticoltura a cura di Maurizio Bottura Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico Manuale di viticoltura a cura di Maurizio Bottura Fondazione Edmund Mach Manuale di viticoltura

Dettagli

batterica batterico Agente Causale Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis

batterica batterico Agente Causale Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Cancro batterico Clavibacter michiganensis subsp. michiganensis Si osserva avvizzimento asimmetrico delle foglie e striature chiare lungo il rachide fogliare, i piccioli ed il fusto che, in seguito, si

Dettagli

Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta

Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta Perché le cicaline? Nel vigneto sono comunemente presenti diverse specie di cicaline (ordine Emitteri, sottordine Auchenorrinchi). Si tratta di insetti

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Peronospora della vite

Peronospora della vite Peronospora della vite Plasmopara viticola (Berk et Curt.) Berl. et De Toni Divisione: Eumycota Sottodiv.: Mastigomycotina Classe: Oomycetes Piante ospiti: vite Identificazione e sintomi Fig. 192. Classiche

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Le principali avversità del castagno: cinipide galligeno, cancro della corteccia, mal dell inchiostro,

Le principali avversità del castagno: cinipide galligeno, cancro della corteccia, mal dell inchiostro, Le principali avversità del castagno: cinipide galligeno, cancro della corteccia, mal dell inchiostro, 1 fersa, micopatie dei frutti, Gnomognopsis spp.. Chiavenna, 16 maggio 2015 A cura di: Dr. Agr. Andrea

Dettagli

Xylella fastidiosa. Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Regione Toscana

Xylella fastidiosa. Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Regione Toscana Regione Toscana Xylella fastidiosa Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale -

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO REGIONALE

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO REGIONALE TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO REGIONALE ex DGR 18/10 dell 11/05/2010 PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura AREA SERVIZI TECNICI E SCIENTIFICI, SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Tuta absoluta (Meyrick) minatrice fogliare del pomodoro (tomato leaf miner) Lista ALLERT

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023 Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e la eradicazione del batterio da quarantena Xylella fastidiosa associato al Complesso

Dettagli

Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti

Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti Le principali problematiche da malattia degli orti e dei frutteti Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Foto.A.Tantardini Milano, 11 marzo 2013 A cura di: Beniamino Cavagna

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl Avversità della patata Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl AVVERSITA PRINCIPALI PATATA Crittogame Peronospora Alternaria Rizoctonia Scabbie (argentea,comune, ecc) Fusarium Cancrena secca Nematodi

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto

Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Prof. Michele Iannizzotto Agenti di malattia Lotta biologica contro le crittogame e i batteri Negli ultimi anni è stata messa in evidenza

Dettagli