PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute. Colella Anna. Dalla cellula.agli apparati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute. Colella Anna. Dalla cellula.agli apparati"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute Colella Anna Dalla cellula.agli apparati

2 INDICE La Cellula pag. 3 I Tessuti pag. 8 Gli Organi pag. 9 Gli Apparati pag. 10 Le parti del corpo umano pag. 15 L Apparato scheletrico pag. 17 L Apparato Muscolare pag. 29 L Apparato Digerente pag. 35 I Denti pag. 44 L Alimentazione pag. 52 L Apparato respiratorio pag. 67 L Apparato circolatorio pag. 74 Il Sistema di Rivestimento (pelle, peli, unghie) pag. 83 I Cinque Sensi: il tatto pag. 89 la vista pag. 90 il gusto pag. 93 l olfatto pag. 94 l udito pag. 95 L Apparato Escretore pag. 96 L Apparato di Riproduzione pag. 101 Il Sistema Nervoso pag. 113 Il Sistema Endocrino pag

3 LA CELLULA La casa è costruita con i mattoni Il mosaico è costruito con le tessere L uomo è costruito con le cellule QUINDI, La CELLULA è la più piccola parte di un essere vivente. Esse sono così piccole che si possono vedere solo al microscopio. 3

4 Ci sono esseri viventi UNICELLULARI = 1 sola cellula PLURICELLULARI = tante cellule Il protozoo è un essere vivente formato da una sola cellula Il corpo umano è formato da miliardi e miliardi di cellule. Ogni essere vivente: NASCE CRESCE SI RIPRODUCE MUORE Noi facciamo tutte queste cose perché sono le nostre cellule che nascono, crescono, si nutrono, si riproducono, invecchiano e muoiono. 4

5 La parola cellula significa piccola cella, ma racchiude tantissime cose che ci permettono di vivere. Tutte le cellule hanno: MEMBRANA CELLULARE che - protegge la cellula - dà una forma alla cellula - permette solo ad alcune sostanze di entrare; NUCLEO che - è al centro della cellula - contiene tutte le informazioni della specie a cui appartiene (come è): colore dei capelli, degli occhi, l altezza, il colore della pelle,.. CITOPLASMA che - è una sostanza gelatinosa che contiene acqua, sali minerali, zuccheri, proteine; ORGANULI CELLULARI (mitocondri, ribosomi, ) MITOCONDRI producono energia per la cellula RIBOSOMI producono proteine 5

6 LA FORMA DELLE CELLULE In tutti gli esseri viventi le cellule sono organizzate in gruppi: tutte le cellule di un gruppo hanno la stessa forma e sono specializzate nello stesso lavoro (cellule del sangue, cellule nervose, cellule della pelle,.) Le cellule possono essere di forme diverse, a seconda del tipo di lavoro che svolgono: ROTONDA - cellule del sangue; - hanno forma rotonda; - portano l ossigeno a tutte le cellule del corpo; OVALE - cellule della mucosa della bocca; - hanno forma ovale; A FUSO - cellule dei muscoli; - hanno forma affusolata; - si allungano e si accorciano, sono elastiche. RAMIFICATA - cellule del cervello; - hanno forma di stella; - portano al cervello i messaggi di dolore, caldo, freddo, gli odori e i sapori; 6

7 Le cellule, quindi, non sono tutte uguali citoplasma e nucleo spinti contro la membrana grasso MUSCOLI OSSA prolungamenti nucleo nucleo PELLE CERVELLO 7

8 TESSUTI Un gruppo di cellule specializzate nello stesso lavoro forma un TESSUTO: Tanti fili insieme formano un filo tessuto tante cellule insieme formano un cellula tessuto Ci sono tanti tipi di tessuto: TESSUTO EPITELIALE TESSUTO MUSCOLARE forma la pelle: ricopre e protegge tutto il corpo. forma il muscolo. 8

9 TESSUTO OSSEO TESSUTO CONNETTIVO forma lo scheletro Lo troviamo nei padiglioni auricolari, nel naso,. ORGANI Due o più tessuti formano un ORGANO. serve a costruire tessuto coperta gonna pantaloni servono a costruire Un insieme di tessuti un ORGANO 9

10 Sono organi: il cuore i polmoni lo stomaco il cervello l intestino il fegato i reni.. APPARATI Più organi riuniti insieme per svolgere una determinata funzione (lavoro) formano un APPARATO. servono a costruire Un insieme di organi un APPARATO APPARATO DIGERENTE 10

11 APPARATO APPARATO APPARATO SISTEMA CIRCOLATORIO DIGERENTE LOCOMOTORE NERVOSO cuore bocca ossa cervello vasi sanguigni esofago muscoli midollo spinale stomaco nervi intestino attraverso il sangue trasporta ossigeno trasforma il cibo permette il movimento in ogni parte del corpo che ingoiamo del corpo coordina e controlla gli stimoli che arrivano dall esterno Un insieme di APPARATI formano il CORPO UMANO. 11

12 un insieme di formano un TESSUTO formano un ORGANO formano un APPARATO CELLULE Un insieme di un insieme di TESSUT I ORGANI 12

13 13

14 LA RIPRODUZIONE DELLE CELLULE Ecco come si riproduce una cellula del corpo umano: La riproduzione dura circa 1 ora e si può seguire al microscopio. Da una cellula se ne formano due, identiche alla prima. 14

15 IL CORPO UMANO Il corpo umano è formato da tre grandi parti: TESTA TRONCO ARTI 15

16 16

17 APPARATO SCHELETRICO L insieme delle ossa (206) del corpo umano forma lo SCHELETRO sostiene protegge gli organi interni insieme ai muscoli il peso del corpo (cervello, cuore, polmoni) permette il movimento 17

18 18

19 Le ossa sono ricche di sali di calcio osseina le rendono dure e resistenti le rendono elastiche Le ossa sono di tre tipi: OSSA LUNGHE OSSA CORTE OSSA PIATTE (gambe, braccia) (mani, piedi,..) (testa, bacino,..) Dentro contengono una sostanza molle, il midollo osseo che ha la funzione di produrre i globuli rossi e tutte le altre cellule del sangue. 19

20 Lo scheletro dell uomo è formato da: SCHELETRO DELLA TESTA - CRANIO - OSSA DELLA FACCIA (sono ossa piatte e unite tra loro, tranne la mandibola che è un osso mobile) racchiude il cervello 20

21 SCHELETRO DEL TRONCO - COLONNA VERTEBRALE - CASSA TORACICA formata da 33 ossa, chiamate vertebre formata da: (ossa corte). -12 costole - lo sterno Tra le vertebre ci sono cuscinetti di cartilagine (tessuto più elastico del tessuto osseo) che impedisce alle vertebre di urtare l una contro l altra, quando saltiamo o ci pieghiamo. Dentro le vertebre passa il midollo spinale. protegge il cuore e i polmoni La colonna vertebrale termina con l osso sacro. - CINTURA SCAPOLARE - CINTURA PELVICA formata da: formata dalle - 2 scapole ossa del bacino - 2 clavicole racchiude la vescica e l intestino 21

22 SCHELETRO DEGLI ARTI SUPERIORI - OSSA DEL BRACCIO - OSSA DELL AVAMBRACCIO (sono ossa molto lunghe) - omero - ulna - radio - OSSA DELLA MANO - carpo - metacarpo - falangi 22

23 SCHELETRO DEGLI ARTI INFERIORI - OSSA DELLA COSCIA - OSSA DELLA GAMBA (sono ossa molto lunghe) - femore - tibia - perone - OSSA DEL PIEDE - tarso - me tatarso - falangi 23

24 LE ARTICOLAZIONI Le ossa, essendo rigide (dure), sono unite da articolazioni che rendono possibili tutti i movimenti. Le articolazioni sono al polso, al gomito, all omero, al collo, al bacino, al ginocchio, alla caviglia, alla colonna vertebrale, ecc Alcune articolazioni, come quella del gomito, consentono il movimento in una sola direzione. Nell articolazione del femore, come in quella della spalla, i movimenti possono avvenire in tutte le direzioni. Nelle articolazioni le ossa sono unite tra loro da fibre resistenti chiamate legamenti. Fra le estremità delle ossa ci sono due strati di cartilagine che hanno la funzione di evitare il contatto fra le ossa. Il liquido sinoviale agisce come un olio e facilita il movimento. 24

25 MALATTIE DELLO SCHELETRO MALATTIA CAUSE SINTOMI RACHITISMO Cattiva alimentazione soprattutto mancanza di vitamina D e di sali minerali. Si manifesta con l incurvamento delle ossa lunghe delle gambe e la deviazione della colonna vertebrale. TERAPIA Vita all aperto, stare molto al sole e alimentazione ricca di vitamine. 25

26 MALATTIA CAUSE SINTOMI SCOLIOSI (deviazione della colonna vertebrale) posizione scorretta dolori alla schiena TERAPIA - mantenere una posizione corretta sia in piedi che seduti; - ginnastica medica 26

27 LA FRATTURA Dopo una grave caduta tutte le ossa del nostro corpo possono subire una frattura, cioè si rompono. Il medico, dopo aver fatto una radiografia, cioè una fotografia che serve a vedere il tipo di frattura, fa combaciare con cura le due parti dell osso. Il medico mette il gesso per tenere fermo l osso. L ingessatura viene tolta quando l osso è guarito. 27

28 MALATTIA CAUSE SINTOMI OSTEOPOROSI (diminuzione del calcio nel tessuto osseo) Colpisce soprattutto le donne dopo i 50 anni Le ossa diventano molto fragili. TERAPIA -Mangiare cibi che contengono calcio; - ginnastica; - esposizione al sole; - medicine; Il medico che cura le malattie delle ossa e dei muscoli si chiama: ORTOPEDICO 28

29 APPARATO MUSCOLARE I muscoli masse carnose che ricoprono lo scheletro danno robustezza al nostro corpo permettono il movimento sono attaccati alle ossa per mezzo di fibre elastiche, i tendini; agendo come elastici, i muscoli fanno muovere le ossa a cui sono collegati. si contraggono (accorciano) o si rilassano (allungano): in questo modo permettono il movimento. 29

30 30

31 31

32 In ogni muscolo sono presenti filamenti nervosi che ne controllano la contrazione e molti vasi sanguigni che portano le sostanze energetiche utili per lo svolgimento del loro lavoro. A seconda del tipo di funzionamento i muscoli si dividono in: MUSCOLI VOLONTARI MUSCOLI INVOLONTARI La loro contrazione è regolata sono muscoli che lavorano sempre, dalla nostra volontà. giorno e notte, anche se noi non ce Sono i muscoli che fanno muovere ne accorgiamo. Lavorano senza le braccia, le gambe, la testa. bisogno di alcun comando. Sono i muscoli delle pareti dello stomaco, dell intestino, dei vasi sanguigni e del cuore è un muscolo che non riposa mai; per tutta la vita pompa il sangue in circolo per tutto il corpo. 32

33 MALATTIE DEI MUSCOLI MALATTIA CAUSE SINTOMI TENDINITE Infiammazione dei tendini Ripetizione continua di piccoli traumi (sovraffaticamento); Avviene anche a causa di un attività fisica di cui non si è abituati; Dolore, gonfiore e difficoltà nel movimento. TERAPIA Riposo; Medicine antinfiammatori; 33

34 ACIDO LATTICO È una sostanza che si produce quando aumenta l intensità dell esercizio e che il sangue deve riuscire ad eliminare. Se nei muscoli si accumula sempre più l acido lattico, tanto da non riuscire ad eliminarlo in fretta, si ha bruciore al muscolo e stanchezza. Si dovrebbe fare riposare il muscolo, in modo da permettere al sangue di portare via l acido lattico. CRAMPI Contrazioni muscolari violente, involontarie ed improvvise che si presentano durante uno sforzo ma anche durante la notte. CAUSE Poco ossigeno nei muscoli, perdita di liquidi e sali minerali in conseguenza di uno sforzo prolungato. SINTOMI Forte ed improvviso dolore al muscolo che appare contratto e duro. TERAPIA Compiere allungamenti del muscolo colpito, bere liquidi e sali minerali e, fare impacchi caldi. 34

35 L APPARATO DIGERENTE 35

36 L APPARATO DIGERENTE L apparato digerente è un tubo di circa 10 metri di lunghezza. È composto da: bocca denti lingua ghiandole salivari faringe bocca faringe collega la bocca all esofago e alla laringe (apparato respiratorio) esofago esofago fegato stomaco stomaco intestino pancreas intestino tenue intestino crasso intestino fegato pancreas 36

37 bocca denti hanno forma diversa a seconda della funzione svolta e servono per la masticazione. ghiandole salivari producono la saliva importante per la digestione. lingua è un muscolo che serve ad articolare il linguaggio alla masticazione spingendo il cibo sotto i denti. Sulla lingua ci sono anche le papille gustative che ci permettono di distinguere 4 sapori: acido, amaro, salato, dolce. Nella faringe c è l epiglottide che, quando si abbassa, chiude la laringe al passaggio del cibo; quando si alza, invece, permette all aria di entrare in trachea. 37

38 esofago È un tubo lungo 25 centimetri che collega la faringe allo stomaco. stomaco parte di tubo a forma di sacco formato da tanti strati muscolari; quello più interno contiene numerose ghiandole che producono il succo gastrico importanti per la digestione. intestino Lungo tubo attorcigliato formato da tessuto muscolare che si contrae continuamente. È formato: - dall intestino tenue: è lungo circa 7 metri dal quale sboccano due grosse ghiandole: il fegato, situato nella parte superiore destra e ha il compito di produrre la bile, un liquido che permette l assorbimento dei grassi e delle vitamine e di eliminare le sostanze tossiche; il pancreas situato nella parte sinistra, dietro lo stomaco e ha il compito di produrre il succo pancreatico; L intestino tenue ha il compito di assorbire i prodotti della digestione. 38

39 - dall intestino crasso: è lungo 1,6 metri e in esso sono presenti numerosi batteri necessari alla digestione. Alla fine vi è il retto che sbocca all esterno con l apertura anale. intestino crasso (colon) appendice intestino tenue ( circa 7 metri) retto 39

40 LA DIGESTIONE NELL UOMO La digestione è un insieme di fasi che ci permettono di assimilare i cibi. Che cosa succede al cibo quando entra in bocca? 1. Nella bocca il cibo durante la masticazione viene triturato dai denti, si rompe e si impasta con la saliva trasformandosi in una poltiglia che viene chiamata bolo alimentare. 2. Con la deglutizione il bolo passa dalla bocca alla faringe, poi, attraverso l esofago arriva allo stomaco. 3. Nello stomaco il cibo si deposita e viene continuamente rimescolato, in seguito alle contrazione delle sue pareti, al succo gastrico. Nello stomaco il bolo diventa quasi liquido e viene chiamato chimo. 4. Quando il chimo esce dallo stomaco ed entra nell intestino tenue inizia il processo di assorbimento. Qui, incontra la bile (prodotta dal fegato) e il succo pancreatico (prodotto dal pancreas) che trasformano il chimo e lo riducono in un liquido detto chilo. 5. Man mano che il chilo scende lungo l intestino incontra i villi intestinali, piccole protuberanze che contengono i capillari sanguigni. Le molecole degli alimenti passano attraverso le pareti dei villi e, da questi, passano al fegato. Le sostanze nutritive depurate nel fegato vengono trasportate al cuore; poi, grazie alla circolazione del sangue, vengono distribuite alle cellule di tutto il corpo. Nell ultimo tratto dell intestino, l intestino crasso, si raccolgono le sostanze che non sono state digerite e che vengono eliminate attraverso l ano come rifiuti solidi: le feci. 40

41 41

42 LE MALATTIE DELL APPARATO DIGERENTE I DENTI, se non curati, si possono ammalare e bucarsi: questa malattia si chiama carie. Quando le GHIANDOLE SALIVARI si infiammano, abbiamo una malattia che si chiama parotite o orecchioni. Se una parte dello STOMACO si infiamma, abbiamo la gastrite. Se si forma una ferita sullo stomaco abbiamo l ulcera. La parte finale del colon (una parte di intestino crasso) si chiama APPENDICE; l infiammazione dell appendice provoca una malattia che si chiama appendicite. 42

43 L infiammazione del colon si chiama colite. A causa di un virus, il FEGATO può infiammarsi; questa malattia si chiama epatite virale. Il medico che cura le malattie dell apparato digerente e dell intestino si chiama: GASTROENTEROLOGO 43

44 I DENTI I denti sono inseriti nella gengiva servono a triturare il cibo bambino adulto 20 denti 32 denti INCISIVI sono 8 servono a tagliare e afferrare il cibo CANINI sono 4 servono a strappare il cibo PREMOLARI sono 8 servono a triturare il cibo MOLARI sono 12 servono a triturare (tagliare a pezzettini) il cibo 44

45 IL DENTE parte che si vede parte che non si vede corona dentina formata da una sostanza robusta: la dentina ricoperta da un tessuto duro: lo smalto radice radice inserito nell osso della mascella e mandibola formata da una sostanza un po gialla: il cemento dentro il dente si trova la polpa dentaria con vasi sanguigni e nervi 45

46 LA PREVENZIONE DENTALE Ci sono cibi che contengono lo zucchero: le torte i pasticcini i biscotti i gelati il cioccolato il chewing-gum le bibite: aranciata coca cola Tutti questi alimenti che contengono zuccheri, rimangono sui denti più a lungo facendo aumentare gli acidi nella bocca e, di conseguenza, provocano la CARIE. I cibi amici dei nostri denti sono: latte verdura fresca formaggi carne uova pesce cereali: pasta pane 46

47 LA PLACCA DENTARIA Insieme appiccicoso di batteri che si attaccano tra un dente e l altro o vicino alla gengiva...ogni volta che mangiamo e non laviamo i denti La placca può causare: CARIE TARTARO PIORREA Il medico che cura le malattie dei denti si chiama: DENTISTA 47

48 COME FA UN DENTE A CARIARSI? La placca provoca dei piccoli buchi sul dente. I batteri della carie entrano nel dente e vanno più a fondo fino ad attaccare la dentina.. se la carie penetra ancora più a fondo, arriva alla polpa e poi, alla radice. In questo caso, la persona sente grandi dolori e successivamente, il dente muore. 48

49 IL TARTARO Placca depositata per tanto tempo sul dente. Con il passare del tempo, lo spazzolino non riesce più a togliere il tartaro: bisogna andare dal dentista. Quando fra un dente e la gengiva si forma il tartaro, sai cosa succede? Si crea una infiammazione estesa; il dente si allontana lentamente dalla gengiva e dall osso diventando sempre più mobile fino a cadere. Questa malattia delle gengive che si ritirano si chiama PIORREA. 49

50 IGIENE ORALE La pulizia dei denti è molto importante. I denti devono essere mantenuti puliti usando correttamente lo spazzolino. Lo spazzolino deve essere usato dopo ogni pasto. Il movimento dello spazzolino deve essere verticale, dalla gengiva al dente. Il dentifricio serve a far scivolare via lo sporco dai denti. 50

51 Il filo interdentale serve a togliere il cibo tra un dente e l altro. Per togliere la placca si possono usare delle pastiglie che mettono in evidenza le parti sporche. IL FLUORO Sostanza che si trova nell acqua, nel pesce, nel the, nei succhi di agrumi, ecc.. Il Fluoro è molto importante per curare la carie perché non fa sviluppare i batteri della placca. Il Fluoro entra nello smalto del dente facendolo diventare più forte. Se c è già la carie, accelera la guarigione. Il fluoro può essere preso attraverso l alimentazione compresse 51

52 L ALIMENTAZIONE Il nostro corpo per essere sano ha bisogno di diversi alimenti (cibi). Gli alimenti possono essere inseriti in 3 gruppi: PROTEINE ZUCCHERI o CARBOIDRATI GRASSI Il nostro corpo ha bisogno anche di: ACQUA VITAMINE SALI MINERALI RICORDA CHE OGNI GRUPPO È INDISPENSABILE 52

53 A COSA SERVONO? Servono a costruire e a sostituire le cellule che formano i diversi tessuti del corpo umano; quindi, servono a far crescere il nostro corpo. DOVE SI TROVANO? PROTEINE DI ORIGINE ANIMALE Carne Pe sce Latte e formaggi Uova PROTEINE PROTEINE DI ORIGINE VEGETALE Legumi: lenticchie fagioli piselli fave ceci 53

54 A COSA SERVONO? Gli zuccheri si combinano con l ossigeno dell aria assorbita durante la respirazione e producono energia necessaria al corpo umano per svolgere tutte le attività fisiche: camminare, saltare, studiare. Sono contenuti nei dolci: DOVE SI TROVANO? marmellata cioccolato zucchero ZUCCHERI o CARBOIDRATI latte e in minore quantità nei cereali: pasta riso pane patate 54

55 A COSA SERVONO? Oltre a fornire energia, i grassi: - partecipano alla formazione delle cellule nervose e del cervello; DOVE SI TROVANO? GRASSI DI ORIGINE ANIMALE burro carne grassa GRASSI - formano lo strato che serve a proteggere gli organi interni; - mantengono costante (sempre uguale) la temperatura del corpo. Pur essendo importanti, i grassi non devono essere abbondanti nell alimentazione, perché l eccesso che non viene assorbito si accumula in alcune zone del corpo causando obesità. formaggi GRASSI DI ORIGINE VEGETALE Olio frutta secca 55

56 L ACQUA è indispensabile permette l assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine mantiene costante la temperatura del corpo evaporando sottoforma di sudore, l acqua fa uscire calore dal corpo e lo mantiene a una temperatura di C (gradi centigradi) Il nostro corpo è costituito da circa 65% di acqua che viene eliminata attraverso il sudore e le urine. 65% BISOGNA, QUINDI, BERE CIRCA 2 LITRI DI ACQUA AL GIORNO. 56

57 LE VITAMINE sono indispensabili non vengono costruite all interno del corpo, ma sono contenute negli alimenti freschi e crudi che dobbiamo assolutamente mangiare. Favoriscono il funzionamento e le crescita dell organismo e ci difendono dalle malattie. LIPOSOLUBILI (che si sciolgono nei grassi) IDROSOLUBILI (che si sciolgono nell acqua) A D E C B PP K 57

58 A COSA SERVONO? - serve ad avere una pelle liscia e sana; DOVE SI TROVA? tuorlo d uovo carote VITAMINA A - è importante anche per la crescita e per gli occhi; peperoni zucca broccoli Si possono avere malattie: SE QUESTA VITAMINA MANCA... alla pelle, che diventa simile alla pelle del rospo. agli occhi (cecità notturna) La persona vede bene di giorno, ma quando arriva la sera non vede quasi più niente. 58

59 A COSA SERVONO? DOVE SI TROVA? - serve a mantenere sano il Sistema Nervoso (cervello e nervi); carne uova VITAMINA - regola la formazione dei globuli rossi; fagioli piselli B latte pomodori SE QUESTA VITAMINA MANCA... Si possono avere disturbi: all Apparato Digerente al cuore malattie al Sistema Nervoso Questa malattia si chiama BERI-BERI La persona non riesce a camminare perchè non funzionano più i nervi delle gambe. 59

60 A COSA SERVONO? DOVE SI TROVA? - fa diventare più robuste le pareti delle vene; agrumi: limoni arance VITAMINA C - serve per lo sviluppo dei denti; - ci protegge dalle infezioni (mal di gola, ecc...); fragole pomodori Si possono avere: SE QUESTA VITAMINA MANCA... Ane mia (diminuiscono nel sangue i globuli rossi); Emorragie (fuoriuscita di sangue dalle vene) Le gengive diventano gonfie e sanguinano con facilità. Questa malattia si chiama SCORBUTO 60

61 A COSA SERVONO? - serve a far depositare il calcio nelle ossa e nei denti; DOVE SI TROVA? latte VITAMINA tuorlo d uovo D pesce SE QUESTA VITAMINA MANCA... Le ossa non si sviluppano e si incurvano: Questa grave malattia si chiama RACHITISMO 61

62 A COSA SERVONO? - serve a mantenere sana la pelle; DOVE SI TROVA? carne VITAMINA - protegge i tessuti del nostro corpo; verdure: spinaci cavoli PP melanzane cereali: pane pasta SE QUESTA VITAMINA MANCA... La pelle diventa rugosa e si squama. Questa grave malattia si chiama PELLAGR A 62

63 I SALI MINERALI I sali minerali partecipano alla formazione dei tessuti. SALI MINERALI A COSA SERVE? DOVE SI TROVA? CALCIO (Ca) Serve alla formazione delle ossa, dei denti e per la coagulazione del sangue È contenuto nel: - latte - formaggio - gelato - yogurt FERRO (Fe) Si trova nel sangue. FOSFORO (P) Serve a trasportare l ossigeno nel sangue. I globuli rossi senza ossigeno si distruggono e non riescono a portare l ossigeno in tutto il corpo. È importante per lo sviluppo del cervello ed anche quando si ha bisogno di utilizzare energia subito. È contenuto nella: - carne - spinaci - uova - fagioli - lenticchie È contenuto nel: - pesce - verdure - cereali POTASSIO (K) MAGNESIO (Mg) IODIO ( I ) SODIO (Na) 63

64 ESAMINIAMO LA COMPOSIZIONE DI ALCUNI ALIMENTI PROTEINE ZUCCHERI GRASSI SALI MINERALI VITAMINE ACQUA PROTEINE GRASSI SALI MINERALI PROTEINE GRASSI VITAMINE SALI MINERALI Come vedi questi alimenti contengono tante sostanze nutritive e sono molto importanti per la dieta di un bambino. 64

65 CHE COSA DOBBIAMO MANGIARE? BISOGNA MANGIARE POCO QUESTI ALIMENTI Il burro, l olio, i dolci, le bibite, le caramelle contengono molti grassi. QUESTI ALIMENTI FANNO MOLTO BENE ALLA SALUTE Il latte, le uova, il pesce, la carne, i formaggi, i legumi contengono molte proteine. La frutta e la verdura contengono vitamine e sali minerali. QUESTI ALIMENTI DEVONO ESSERE MANGIATI TUTTI I GIORNI QUESTI ALIMENTI DEVONO ESSERE MANGIATI TUTTI I GIORNI I CEREALI (pane, pasta, riso) contengono molti carboidrati 65

66 IL VALORE CALORICO DEGLI ALIMENTI Quando sentiamo lo stimolo della fame vuol dire che le energie del nostro corpo stanno per finire. Ogni giorno bisognerebbe assumere attraverso il cibo una quantità di energia pari a quella che si consuma durante la giornata. La quantità di energia si misura con la caloria. Le calorie in un alimento sono tante se ci sono tanti grassi e tanti zuccheri. Per esempio: BURRO = 900 calorie FORMAGGIO = 500 calorie (contengono tanti grassi e, quindi, tante calorie) FRUTTA = 90 calorie VERDURA = 50 calorie (contengono pochi grassi e, quindi, poche calorie) Le calorie vengono consumate se facciamo del movimento. Per esempio: ANDARE IN BICICLETTA si consumano 150 calorie STUDIARE 25 calorie CORRERE NUOTARE 490 calorie 500 calorie 66

67 L APPARATO RESPIRATORIO L apparato respiratorio serve per fare entrare l ossigeno all interno del corpo e eliminare l anidride carbonica prodotta nelle cellule. nei polmoni questo scambio avviene L apparato respiratorio è formato da diverse parti collegate tra loro: naso bocca faringe laringe trachea bronchi polmoni 67

68 CHE COSA INCONTRA L ARIA DURANTE IL SUO PERCORSO? Naso e bocca servono come entrata e uscita dell aria. Durante l inspirazione l aria entra dalle narici, dove si pulisce per la presenza di peli che trattengono la polvere e si riscalda attraverso le fosse nasali (parte posteriore del naso). Arriva poi alla faringe che è un canale che permette il passaggio sia dell aria, sia del cibo e dal quale partono alcune vie, una per l apparato respiratorio, uno per l apparato digerente. Per separare l aria dal cibo, la faringe ha una lamina mobile, l epiglottide, che si chiude solo in presenza di cibo, mentre rimane aperta per far passare l aria nell apparato respiratorio. 68

69 Dalla faringe l aria arriva nella laringe, una cavità all interno della quale si trovano le corde vocali. Quando l aria esce dai polmoni, le corde vocali vibrano ed emettono suoni diversi. Dalla laringe si passa alla trachea, un tubo lungo circa 12 cm. Esso è formato da una serie di anelli cartilaginei. All interno della trachea ci sono delle ciglia che puliscono l aria che entra. Quando entra un po di polvere nella trachea, noi facciamo la tosse facendo uscire tutto ciò che è entrato che ci può far soffocare. La trachea continua dividendosi in due rami: i bronchi che entrano nei polmoni. All interno dei polmoni, i bronchi si suddividono in ramificazioni sempre più piccoli chiamati bronchioli. 69

70 Dai bronchioli, l aria passa negli alveoli polmonari che sono cavità ricoperti da vene e capillari nelle quali avviene lo scambio tra ossigeno e anidride carbonica. I polmoni sono due organi spugnosi rivestiti da una membrana di protezione detta pleura. Essi si dilatano (diventano più grossi) quando l aria entra (inspirazione) e si restringono (diventano più piccoli) quando esce l aria (espirazione). 70

71 I polmoni sono protetti dalla gabbia toracica e sono avvolti in una membrana detta PLEURA. 1 foglietto 2 foglietto La pleura è una membrana sierosa (di liquido) formata da due foglietti: un foglietto avvolge i polmoni e l altro aderisce alla cavità toracica. Tra i due foglietti c è una piccola quantità di liquido che permette loro di scorrere l uno sull altro, consentendo i movimenti dei polmoni durante la respirazione. 71

72 LA RESPIRAZIONE DELL UOMO La respirazione avviene attraverso due movimenti: INSPIRAZIONE ESPIRAZIONE L aria entra; Il torace si dilata e aumenta di volume; si alzano le costole e si abbassa il diaframma. Si abbassano le costole e il diaframma si alza; i polmoni si restringono spingendo l aria verso l esterno. Il diaframma è un muscolo che separa il torace dall addome e sul quale poggiano i polmoni. Esso si muove senza che noi ce ne accorgiamo. 72

73 Che cosa succede all aria quando entra nel nostro corpo? L ossigeno contenuto nell aria, una volta entrato nei polmoni, passa nei capillari sanguigni, si lega all emoglobina contenuta nei globuli rossi e viene infine portato dal sangue a ogni singola cellula. L anidride carbonica viene riportata dai globuli rossi fino ai polmoni da dove viene espulsa al momento dell espirazione. LE MALATTIE PIÚ DIFFUSE DELL APPARATO RESPIRATORIO MALATTIA CAUSA SINTOMI TERAPIA INFLUENZA FARINGITE (infiammazione della faringe) LARINGITE (infiammazione della laringe) BRONCHITE (infiammazione dei bronchi) POLMONITE (infiammazione dei polmoni) PLEURITE (infiammazione della pleura) freddo-umidità-virus freddo-umidità-virus freddo-umiditàmicrobi freddo-nebbiapioggia-microbi virus-batteri virus-batteri, o malattie polmonari come il tumore. febbre, debolezza, disturbi respiratori e intestinali. bruciore alla gola, dolori quando ingoiamo, febbre. febbre, dolori alla gola e al collo, tosse. bruciori al torace, tosse forte, febbre. brividi, dolore al torace, febbre alta, affanno. forte dolore, difficoltà a respirare. riposo a letto, medicine, vitamina C. riposo, medicine. riposo, parlare poco,bere molto, medicine. riposo, medicine riposo, medicine (antibiotici) medicine (antibiotici) Il medico che cura le malattie dell apparato respiratorio si chiama: PNEUMOLOGO 73

74 L APPARATO CIRCOLATORIO L apparato circolatorio è un insieme di canali che servono per trasportare il sangue che contiene le sostanze nutritive l ossigeno i prodotti di rifiuto L apparato circolatorio è formato da: CUORE SANGUIGNI (vene, arterie) CAPILLARI (venosi, arteriosi) 74

75 Il CUORE è un muscolo situato al centro della cassa toracica ed è protetto da una membrana chiamata pericardio. Esso si muove continuamente, di giorno e di notte, per tutta la vita. Porta il sangue dal cuore a tutto il corpo Porta il sangue dal corpo al cuore Porta il sangue ai polmoni. Portano il sangue dai polmoni al cuore Il cuore è suddiviso in 4 cavità: Com è fatto il cuore? - atrio destro - atrio sinistro - ventricolo destro - ventricolo sinistro Gli atri comunicano con i ventricoli mediante due valvole sono valvole a nido di rondine non permettono al sangue di tornare indietro. 75

76 Il sangue scorre all interno dei VASI in due direzioni diverse: Il sangue pulito, ricco di ossigeno che esce dal cuore e va verso la periferia del corpo è trasportato dalle ARTERIE. Il sangue sporco, carico di anidride carbonica e di sostanze di rifiuto, che dalla periferia ritorna al cuore, è trasportato dalle VENE. - scorrono in profondità - scorrono in superficie; (tranne quelle dei polsi, caviglie, tempie e collo); - hanno pareti spesse ed elastiche; - hanno pareti più sottili e meno elastiche; - il sangue scorre velocemente - il sangue scorre lentamente perché ha la forza impressa perché non ha più la forza dal cuore; impressa dal cuore; Il sangue venoso e il sangue arterioso non si mescolano mai. Dal cuore il sangue viene spinto nelle arterie che si dilatano e si contraggono, spingendo il sangue nei CAPILLARI hanno pareti molto sottili infatti le sostanze nutritive e l ossigeno attraversano i capillari per raggiungere tutte le cellule del corpo; l anidride carbonica e le sostanze di rifiuto passano dalle cellule al sangue attraverso i capillari; 76

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli