LA POSTURA PER TUTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POSTURA PER TUTTI"

Transcript

1 LA POSTURA PER TUTTI

2 LA POSTURA PER TUTTI DEFINIZIONE DI POSTURA La postura è la posizione che assume il corpo nello spazio e la relazione spaziale tra le varie parti del corpo (es. arti, schiena,collo, testa) al fine di garantire la posizione eretta e il movimento (funzione antigravitaria statica e dinamica). IMPORTANZA DELLA POSTURA Una postura corretta è importante al fine di consentire un buon equilibrio in piedi, durante il cammino e qualsiasi movimento della vita quotidiana, evitando che muscoli e articolazioni lavorino in modo sproporzionato rispetto alle loro capacità. Ciò si traduce in un rallentamento dell usura delle parti sollecitate, riduzione dei processi infiammatori e quindi del dolore, nonché rallentamento dei fenomeni artrosici-degenerativi. REGOLAZIONE DEL SISTEMA TONICO POSTURALE Il nostro corpo in ogni momento deve relazionarsi con l ambiente esterno per garantire la posizione eretta, il movimento e contrastare la forza di gravità. Per ottenere ciò, il cervello si avvale di vari sistemi sensoriali quali: PIEDE: mette in relazione tutto il corpo con il terreno ed è particolarmente ricco di sensori che raccolgono stimoli tattili, meccanici, termici, dolorifici ecc.; FUNZIONE VISIVA: rappresentata dall occhio e i muscoli deputati al suo movimento; VESTIBOLO: sistema deputato a garantire l equilibrio; SISTEMA CRANIO-MANDIBOLARE-DEGLUTITORIO: costituito dai denti, dalle relative ossa di supporto (mandibola e mascellare), dai muscoli masticatori e deglutitori. APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO: è l esecutore materiale della posizione eretta e del movimento, ma è anche particolarmente ricco di strutture sensoriali che informano costantemente il cervello sulle tensioni muscolari, il movimento articolare, partecipando quindi alla regolazione dell equilibrio posturale. CUTE: intesa come organo di senso, in quanto particolarmente ricco di sensori tattili, termici, dolorifici. Questi sistemi raccolgono gli stimoli esterni e li inviano al cervello che li elabora fornendo una risposta adeguata all ambiente esterno e garantendo la posizione eretta, il movimento e l equilibrio corporeo. CRITERI DI NORMALITA In condizioni normali la linea bipupillare, la linea bisiliaca e la linea bisacromiale sono orizzontali (la spalla del braccio dominante può essere lievemente più bassa e anteriore). I fenomeni di rotazione-torsione a carico delle spalle e del bacino sono minimi. Di profilo la nuca, l apice della curva dorsale, i glutei e i talloni sono sulla stessa verticale. Linea bipupillare Linea bisacromiale Linea bisiliaca Linea di simmetria 2 3

3 MODULAZIONE DEL SISTEMA POSTURALE In base alle conoscenze scientifiche attuali è quindi possibile modificare il sistema posturale, interagendo con i suoi sistemi sensoriali di regolazione. Tecnicamente ciò è possibile a livello di: PIEDE: attraverso solette propriocettive; OCCHIO: attraverso visual training, prismi, lenti; SISTEMA VESTIBOLARE: attraverso la rieducazione vestibolare; BOCCA: nel bambino mediante una ortodonzia moderna (miofunzionale) che attraverso apparecchi mobili e le forze muscolari della bocca, favorisce il corretto sviluppo delle ossa facciali e il corretto allineamento dentario; nell adulto attraverso l utilizzo di particolari apparecchi mobili chiamati bite in grado di riequilibrare l occlusione. Mediante la terapia miofunzionale linguale (Metodo Garliner) inoltre si correggono i disturbi della deglutizione e del mal-posizionamento linguale. APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO: attraverso la rieducazione posturale globale e la terapia manuale osteopatica; tecniche che permettono di riequilibrare le tensioni muscolari e migliorare la mobilità articolare. Studio e trattamento posturale richiedono pertanto l intervento di diverse figure professionali (osteopata, posturologo, optometrista, odontoiatra, togliere gnatologo, logopedista, rieducatore posturale, ecc.), che collaborino tra di loro con un approccio interdisciplinare nei confronti del paziente e delle sue problematiche. Centro di interesse non è più soltanto la riduzione del sintomo, ma la ricerca e il trattamento delle cause che l hanno generato. Obiettivo non è la cura esclusiva della singola struttura anatomica dolente, ma il tentativo di raggiungere un nuovo equilibrio del sistema posturale. OSTEOPATIA E TERAPIA MANUALE L osteopatia nasce in America alla fine del XIX sec. grazie al Dott. Andrew T. Still. Questa disciplina si basa sulla conoscenza approfondita di anatomia, fisiologia e biomeccanica, considerando l uomo nella sua interezza e globalità. Il suo fine non è la cura del sintomo, ma la ricerca e il trattamento della causa. L osteopatia si basa su alcuni principi fondamentali: 1 Tutte le strutture del corpo (muscoli, articolazioni, ma anche visceri, cranio ecc..) hanno una loro mobilità propria; il loro movimento equilibrato è fondamentale per il benessere psico-fisico. La lesione osteopatica consiste nella riduzione, alterazione e perdita del movimento di una struttura corporea (es: perdita della fisiologica mobilità di una articolazione). Questo non determina soltanto una lesione locale a livello della parte interessata, ma anche di tutte le altre strutture funzionalmente correlate (catena lesionale). Tali lesioni possono essere diagnosticate e trattate attraverso la palpazione ed il successivo trattamento manuale (la cosiddetta terapia manuale osteopatica o manipolazione ). 2 La funzione governa la struttura e viceversa. Es: la forma di un osso dipende dalla funzione che deve svolgere e quindi dalle forze meccaniche e sollecitazioni muscolari alle quali è sottoposto. Anomale tensioni muscolari e conseguenti carichi meccanici alterati possono nel tempo modificare la struttura dell osso. Questa a sua volta può essere causa di alterazione delle forze meccaniche e delle tensioni muscolari; struttura e funzione sono perciò indissolubilmente interdipendenti. 3 Il corpo è un sistema omeostatico: è cioè un sistema in equilibrio dinamico con capacità di autoregolarsi (omeostasi). Tale capacità di autoregolazione garantisce il benessere psico-fisico e l adattamento ambientale. L osteopatia cerca semplicemente di aiutare il corpo a ritrovare e mantenere la propria capacità di autoregolazione (omeostasi) eliminando le eventuali lesioni che possono impedire il raggiungimento di tale equilibrio (es.: blocco di alcune vertebre che impedisce un buon funzionamento della schiena). 4 5

4 LE CATENE MUSCOLARI Le catene muscolari sono un insieme di muscoli intimamente collegati tra loro da una specifica finalità funzionale (es. estensione tronco). Queste catene sono fondamentali in quanto realizzano in modo concreto lo schema posturale elaborato dal cervello. Un buon equilibrio tra le varie catene muscolari si traduce in un buon equilibrio posturale. Queste catene sono l elemento di congiunzione tra i vari distretti corporei e mettono in correlazione strutture apparentemente lontane tra loro (es. tronco-piede). Possiamo distinguere diverse catene muscolari (secondo L.Busquet): Catena di chiusura: Catena linguale: favorisce appiattimento del piede, rotazione interna di tibia e femore, accorciamento funzionale dell arto inferiore, torsione del tronco con anteposizione delle spalle. Se iperfunzionante può causare: piede piatto-valgo, ginocchio valgo, torsione di bacino e tronco, falso accorciamento arto inf.. situata nel corpo in sede prevalentemente antero-mediana, è fondamentale nel meccanismo di suzione-deglutizione. Se iperfunzionante può causare: collo e testa in avanti, aumento delle curve della schiena, ventre prominente, ginocchio valgo. Catena statica posteriore: si attiva quando siamo fermi in piedi. Catena di estensione: Catena di flessione: Catena di apertura: favorisce l estensione delle dita dei piedi, del ginocchio, dell anca e del tronco. Se iperfunzionante può causare: aumento dell appoggio metatarsale, ginocchio recurvato, antiversione di bacino, aumento delle curve della schiena. favorisce la flessione delle dita del piede, del ginocchio, dell anca e del tronco. Se iperfunzionante può causare: dita a martello dei piedi, ginocchio flesso, retroversione di bacino, diminuzione delle curve della schiena. favorisce appoggio sull esterno del piede, rotazione esterna di tibia e femore, allungamento funzionale dell arto inferiore, torsione del tronco, retroposizione delle spalle. Se iperfunzionante può causare: piede cavo, ginocchio varo, torsione di bacino e tronco, falso allungamento arto inf.. Tali catene possono essere riequilibrate attraverso varie tecniche ginnico-fisioterapiche quali Metodo Meziere, Metodo Souchard, Metodo Pancafit 6 7

5 SISTEMA CRANIO-MANDIBOLARE La bocca, attraverso i suoi muscoli facenti parte delle catene muscolari, entra in relazione con il corpo; un problema a livello della bocca, quindi, può provocare disequilibrio del collo, e condizionare il sistema posturale; diventa fondamentale, perciò, correggere l occlusione inserendola nella globalità del sistema posturale. Principali cause di malfunzionamento del sistema cranio-mandibolare: Non corretti rapporti dentari tra le arcate mascellare e mandibolare; denti mancanti Terapie odontoiatriche quali otturazioni mal eseguite; Ortodonzia mal eseguita; Traumi mandibolari che alterino la funzione dell articolazione della mandibola; Alterata deglutizione (la lingua, attraverso la sua forza meccanica, può determinare lo spostamento degli elementi dentari, soprattutto nel bambino!) Digrignamento e bruxismo notturno responsabili di un forte aumento delle tensioni muscolari a partire dai muscoli masticatori. L approccio terapeutico consiste quindi nel corretto riposizionamento di denti e/o mandibola, attraverso varie metodiche: BITE DI DEPROGRAMMAZIONE o RIPOSIZIONAMENTO, cioè una doccia in materiale morbido o rigido, interposto tra i denti, che impedisca alle arcate di chiudere in modo scorretto e favorisca un graduale riequilibrio della bocca e dei suoi muscoli; ORTODONZIA MIOFUNZIONALE che agisce utilizzando le forze muscolari del paziente e apparecchi prevalentemente mobili, al fine di armonizzare la struttura ossea facciale e le arcate dentarie; solo in una seconda fase, se necessario, si ricorre ad una eventuale ortodonzia fissa finale di allineamento dei denti (che utilizza forze meccaniche di allineamento esterno). RIEDUCAZIONE della DEGLUTIZIONE per armonizzare le forze dei muscoli della lingua, labbra, guance, ottimizzare la posizione linguale e la deglutizione. Alcuni sintomi maggiormente correlati a disfunzione cranio-mandibolare Mal di testa Nevralgie facciali Dolori nelle zone dell orecchio Click e rumori di scroscio durante l apertura-chiusura della bocca Dolore cervicale e dorsale, Dolori alle spalle Mal di schiena La sintomatologia frequentemente è maggiore al risveglio 8 9

6 RUOLO DELLA DEGLUTIZIONE La lingua svolge un ruolo fondamentale nel corretto sviluppo del sistema cranico-mandibolare (osso mascellare, mandibola, dentizione) e posturale. La posizione linguale corretta prevede che essa si trovi appena al di sotto del palato duro, subito dietro gli incisivi superiori (spot linguale). Lo sviluppo della deglutizione avviene in età neonatale, durante la fase di allattamento al seno. È in tale fase, quindi, che si pongono le basi per una postura ed occlusione dentale corrette. Il meccanismo è semplice e istintivo: per succhiare il latte il neonato deve serrare fortemente le labbra al seno materno e con la lingua favorire il deflusso dell alimento all interno della bocca mediante il movimento della lingua che viene portata sulla parte alta del palato duro. Le forze meccaniche che vengono così ad agire su ossa e denti sono di due tipi: dall interno la lingua esercita una spinta in fuori e in avanti, favorendo l espansione del palato, dall esterno i muscoli delle labbra e guance contrastano tali forze, equilibrando lo sviluppo della struttura ossea e dentale. Attualmente purtroppo l allattamento al seno è sempre più sostituito dall allattamento artificiale con biberon. Questo implica un diverso meccanismo di suzione da parte del neonato sia nel movimento delle labbra che della lingua. Le labbra non hanno più necessità di serrare fortemente e la lingua deve posizionarsi più in basso per frenare il deflusso del latte. L impostazione di questa posizione linguale e labiale sbagliata conduce ad un errato sviluppo anatomico dell apparato orale. La spinta della lingua non si dirige più verso il palato duro ma sui denti, con relativi danni: Viene così impostata la cosiddetta DEGLUTIZIONE ATIPICA o VIZIATA che ha importanti ripercussioni locali e generali: alterato sviluppo cranio-mandibolare (specie di mandibola e mascellare superiore) scorretto sviluppo e posizionamento dentale (denti anteriori che sventagliano in avanti, ritardo nell eruzione dentaria, ecc.) patologie dell orecchio medio e delle vie aeree superiori: otiti, tonsilliti, adenoiditi recidivanti perturbazioni posturali la muscolatura linguale infatti non è un sistema isolato, ma rientra in quel complesso di muscoli che compone la CATENA MUSCOLARE LINGUALE. Il mal funzionamento della lingua si ripercuote su tutta la catena favorendo l assetto posturale tipico di soggetti con deglutizione atipica: testa e tronco protesi in avanti con aumento delle curve cervico-dorso-lombari, ventre prominente ecc. Fondamentale diventa quindi la rieducazione della lingua e della deglutizione attraverso le tecniche e gli esercizi della TERAPIA MIOFUNZIONALE (Metodo Garliner), metodica utilizzata in LOGOPEDIA. Il buon riposizionamento linguale e il conseguente riequilibrio muscolare favorirà così il corretto sviluppo dentale, mascellare e posturale. mancata espansione del palato duro (Palato Ristretto o Ogivale) alterato sviluppo dentale, a causa della spinta incessante e potente della lingua che non trova contrasto neppure nei muscoli delle labbra e guance, rimasti deboli)

7 IL FRENULO LINGUALE CHE COSA E IL FRENULO LINGUALE? Il frenulo linguale è quel filino verticale che si trova sotto la lingua e che si vede bene quando solleviamo la punta della lingua verso l alto. Normalmente la punta della lingua deve poter arrivare a toccare dietro ai denti incisivi superiori a bocca completamente aperta. CHE COSA E IL FRENULO LINGUALE CORTO? In seguito ad un banalissimo difetto congenito, tale filino, risulta essere corto e non permette alla lingua di muoversi e deglutire liberamente. COME SI CURA? Se il frenulo linguale non è troppo corto, lo si può allungare e rendere più elastico attraverso particolari esercizi linguali che vengono insegnati dalla logopedista (Metodo Garliner). Se il frenulo linguale è troppo corto, viene effettuato un piccolissimo intervento chirurgico chiamato frenulectomia; è un intervento ambulatoriale molto semplice, in anestesia locale, della durata di pochi minuti, effettuato con un particolare bisturi che taglia il frenulo senza danneggiare i tessuti e con sanguinamento minimo. In questo modo non sono necessari punti di sutura, il dolore è minimo e il paziente può già parlare e mangiare qualche ora dopo. Anche se viene effettuato l intervento, deve essere effettuata sempre la logopedia per far sì che la cicatrizzazione sia perfettamente elastica e la lingua inizi a muoversi e deglutire correttamente.il buon riposizionamento linguale e il conseguente riequilibrio muscolare favorirà così il corretto sviluppo dentale, mascellare e posturale. CHE COSA PUO PROVOCARE IL FRENULO LINGUALE CORTO? Questa piccola catena, che tiene bloccata la lingua, impedisce la corretta deglutizione e diventa pertanto, una delle cause di deglutizione atipica ( o meglio viziata ). L alterata deglutizione può essere responsabile di alterazione della bocca e dei denti quali: mal occlusione, alterato sviluppo del palato, tonsilliti, adenoiditi, otiti frequenti, ecc. Inoltre, essendo i muscoli linguali collegati ad altri muscoli di tutto il corpo, una scorretta funzionalità linguale, può favorire alterazioni posturali a carico di tutto il corpo quali: aumento delle curve della schiena (iperlordosi, dorso curvo), sbilanciamento in avanti del baricentro, ginocchia valghe, piede lasso, ecc

8 CHE COS E UN BITE Bite è un termine diventato di uso comune per indicare una placca, normalmente in resina dura o morbida, da porre tra le due arcate dentarie, al fine di modificarne le relazioni spaziali reciproche, senza modificare in modo permanente i denti e la loro disposizione. Di regola non sostituisce denti mancanti, ma si aggiunge e si interpone tra quelli preesistenti. Da comparsa occasionale nella routine delle cure odontoiatriche del passato, è diventato sempre più in uso nella cura dei disturbi occlusali e posturali. Attualmente assume un ruolo fondamentale nelle diagnosi e terapia dei disturbi posturali a partenza cranio-mandibolare. Assumendo come criterio il fondamentale comandamento del medico primum non nocere si preferisce assicurare il minor danno possibile alle componenti dentali, articolari e muscolari con l uso di un bite al fine di favorire il riequilibro del sistema craniomandibolare e posturale; in seguito, se necessario e sulla base del nuovo equilibrio raggiunto, si potranno effettuare anche i lavori odontoiatrici definitivi (protesi, impianti, ecc.). Principali indicazioni: Disturbi della masticazione Disfunzione dell articolazione temporo-mandibolare Dolore all articolazione temporo-mandibolare Digrignamento, bruxismo Cefalea, cervicalgia, dorsalgia, lombalgia Disturbi correlati ad alterata postura UNA NUOVA ORTODONZIA (ORTODONZIA MIOFUNZIONALE) La terapia ortopedica funzionale (ORTODONZIA MIOFUNZIONALE) fonda le sue basi sul corretto sviluppo cranio-facciale (non solo quindi sul corretto allineamento dei denti). Ciò è fondamentale non soltanto per una corretta occlusione e masticazione, ma anche per l intero sistema posturale. Intorno ai 12 anni, età media di inizio dell ortodonzia classica, il 90% della crescita facciale è già terminata e si può pertanto agire prevalentemente sui denti e scarsamente sullo sviluppo osseo facciale. E quindi essenziale poter intervenire prima che la crescita facciale si concluda al fine di favorirne il corretto sviluppo. Lo scopo principale dell ortodonzia miofunzionale consiste nell identificare atteggiamenti posturali sbagliati della muscolatura oro-facciale e correggerli mediante terapia (terapia funzionale), così da modificare denti e strutture ossee nei loro rapporti e dimensioni. Con tale metodica si utilizzano preferenzialmente APPARECCHI MOBILI e non fissi, che sfruttano le forze dei muscoli oro-facciali, per guidare il corretto sviluppo osseo e delle arcate dentarie. Tale approccio favorisce anche un più corretto accrescimento di tutto il sistema posturale del bambino e riduce l incidenza di spiacevoli effetti collaterali dell ortodonzia fissa (es. più facile insorgenza di carie a causa della difficoltosa pulizia dei denti, rischio di recidiva al termine del trattamento). Inoltre, in associazione all ortodonzia miofunzionale, viene effettuato un protocollo di sorveglianza periodica dell accrescimento posturale del bambino (attraverso specifici esami strumentali), al fine di intercettare e trattare tempestivamente eventuali disequilibri posturali

9 COSA SONO LE SOLETTE PROPIOCETTIVE Il piede, prima che organo di movimento, è organo di senso in quanto unica interfaccia tra corpo e suolo; in esso, infatti, sono contenuti milioni di sensori chiamati recettori estero-propiocettivi che inviano continuamente al cervello informazioni tattili, pressorie e dolorifiche necessarie per produrre un adattamento posturale. La SOLETTA PROPRIOCETTIVA sfrutta questa enorme potenzialità sensoriale del piede esercitando piccoli stimoli pressori in punti chiave della pianta del piede. Tali stimoli vengono somministrati utilizzando piccoli spessori (elementi) che vanno da 1 a 3 millimetri e che sono disposti in posizioni ben definite del piede a seconda della correzione che si vuole apportare e delle peculiarità del paziente. Gli elementi non possono superare i 3 millimetri di spessore perché altrimenti verrebbe fornito uno stimolo troppo intenso che il sistema sensoriale del piede non riuscirebbe più a raccogliere. La posizione strategica in cui vengono collocati gli spessori permette di stimolare per via neurologica riflessa una determinata CATENA MUSCOLARE. Grazie quindi a uno stimolo che parte dal piede, noi possiamo modificare tutto l assetto posturale attraverso la modulazione per via riflessa del tono di specifiche catene muscolari. Ciò è possibile perché la postura è un sistema DINAMICO NON LINEARE; non esiste infatti proporzionalità diretta tra stimolo fornito e risposta. Es.: se viene somministrato uno stimolo di intensità pari a 2, il corpo può reagire con una risposta di intensità molto più grande (es. 10) a causa dell intermediazione del cervello. Per questo uno stimolo podalico di bassa intensità può determinare una modificazione posturale significativa! Soletta in materiale indeformabile Spessore circa 2 millimetri Spessori (da 1 a 3 millimetri) FUNZIONE VISIVA E POSTURA Vedere, ovvero la capacità di discriminare, identificare, comprendere e interpretare le immagini è frutto di un processo di apprendimento che si sviluppa a partire dalla nascita e che condiziona in modo sostanziale lo sviluppo del sistema posturale. Per questo è di fondamentale importanza l individuazione precoce dei disturbi della funzione visiva nel bambino, al fine di consentire una corretta maturazione di tale sistema e quindi del sistema posturale. La visione in realtà è alquanto complessa e consta di numerose abilità visive : Visione Binoculare: consente di estrarre un unica immagine dalla sovrapposizione delle immagini provenienti dai due occhi; se le immagini provenienti dai due occhi sono diverse, il cervello sceglie l immagine più nitida e sopprime l altra (perdita di funzione dell occhio che fornisce l immagine meno nitida) Stereopsi: capacità di percepire la profondità e la tridimensionalità. Oculomotricità: abilità di muovere gli occhi nei vari campi di sguardo, a distanza ravvicinata o per lontano e di seguire il movimento degli oggetti. Convergenza: capacità di ruotare gli occhi all interno l uno verso l altro e di mantenerli in tale posizione nel tempo, per guardare oggetti a distanza ravvicinata (lettura, computer). Campo visivo: è l area visiva entro la quale è possibile scorgere stimoli luminosi, oggetti e movimenti, mantenendo lo sguardo diritto all infinito. Coordinazione occhio-mano e occhio-piede: è il risultato di più abilità percettive e motorie che vengono apprese nei primi anni di vita e sono altamente allenabili, come negli sport di destrezza e nelle attività artistiche quali musica e arti figurative. Negli abituali screening oftalmologici eseguiti in età prescolare, sovente i controlli si limitano al riconoscimento dei problemi visivi legati ad un calo dell acuità visiva per lontano (vedere i famosi 10/10 è sicuramente auspicabile ma non è tutto); normalmente non viene eseguito alcun test da vicino per indagare se esiste un problema visivo (spesso nascosto) che influisce su apprendimento e sistema posturale

10 La visione è un processo complesso e richiede una serie di abilità che non sono innate, ma vengono apprese dal giorno della nascita, si sviluppano e si modificano nel corso della crescita; per utilizzare entrambi gli occhi in modo efficiente e combinare in modo coerente le informazioni visive con quelle provenienti da altri canali sensoriali, come l udito, il tatto e il movimento, occorre sviluppare processi di apprendimento, in gran parte automatici, che occupano intensamente e continuamente l attività cerebrale del bambino. Fondamentale è il ruolo dello specialista della visione che deve individuare precocemente tali disfunzioni e curarle. Il trattamento consiste prevalentemente nel trainig visivo, cioè l allenamento e il miglioramento delle abilità visive attraverso particolari esercizi che vengono insegnati al bambino dallo specialista. Principali manifestazioni cliniche nei problemi della visione. Il bambino legge o scrive ad una distanza di 20 cm circa Muove la testa per seguire le righe del testo che sta leggendo Dice di vedere sfuocato o doppio. Utilizzo del dito o di un segnalibro per riuscire a tenere il segno durante la lettura. Tiene la testa molto inclinata durante la lettura o la scrittura. Scrive impugnando la penna in modo non corretto Si copre un occhio quando legge. Inverte le lettere p-q d-b Lamenta mal di testa Presenta occhi arrossati Insufficiente capacità attentiva nei lavori a distanza prossimale (lettura, studio, ecc). Urta facilmente mobili o oggetti ( bambino goffo ) LA RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE (RPG) La Rieducazione Posturale Globale è un tipo di fisioterapia che cambia il modo di percepirsi e di usare le parti del proprio corpo, con particolare riguardo alla postura, ai muscoli ed alla mobilità articolare. La maggior parte dei dolori di origine vertebrale è causata da movimenti e fattori che comportano un uso scorretto della colonna, quali vita sedentaria, stress, sovrappeso, posizioni di lavoro Il mantenimento delle curve fisiologiche è importantissimo per la resistenza della colonna vertebrale, che acquista una maggiore capacità di ammortizzare pressioni e sollecitazioni meccaniche. Il riequilibrio posturale riflette la conformazione di base del paziente, con una correzione dell equilibrio muscolare patologico indotto dalla malattia o dalle deformazioni muscolo-scheletriche. Da questo punto di vista il danno di una singola parte del corpo (ad esempio la pianta del piede) può evolvere in una sbagliata attitudine posturale che coinvolge la colonna vertebrale. La RPG viene applicata per: anomalie strutturali, come scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, ginocchia vare o valghe, piedi piatti o cavi; anomalie articolari cervicali, dorsali o lombari; anomalie respiratorie che riguardino l escursione toracica, diaframmatica, la frequenza ed il ritmo ventilatorio; limitazioni funzionali post-traumatiche; patologie dello sport; trattamento del perineo; trattamento del piede per detendere le strutture plantari in caso di alluce valgo, dita a martello, piede piatto, spina sotto e retro calcaneare (sperone clacaneare); 18 19

11 La seduta di RPG è individuale e si effettua una volta alla settimana, si consiglia un abbigliamento con costume a 2 pezzi o un intimo in cotone. L approccio di Rieducazione Posturale Globale è dolce ed è adatto sia ai bambini che alle persone anziane. Gli effetti più evidenti sono di tipo morfologico, considerando scheletro, muscolo ed articolazioni nel loro insieme, che generano il movimento e stabilizzano l insieme. Nelle sedute di Rieducazione Posturale Globale il paziente partecipa attivamente al trattamento. ESAMI STRUMENTALI PER LA VALUTAZIONE DELLA POSTURA STABILOMETRIA Sistema di rilevazione computerizzato che permette di valutare il baricentro corporeo e i suoi spostamenti. Permette di valutare: Gli squilibri del baricentro (anteriore, posteriore, lateralizzato) L influenza sulla postura di occhio, vestibolo, bocca, ecc.; L efficacia di trattamenti posturali; L evoluzione nel tempo dello spostamento del baricentro

12 BAROPODOMETRIA STATICA Sistema di rilevazione computerizzato che permette di valutare punto per punto la pressione esercitata dai piedi al suolo. Permette di valutare: Forma e tipo di piede (piede cavo, valgo, piatto, ecc.); Zone di iperappoggio (spesso causa di dolore e callosità); Idoneità delle scarpe sportive; Monitorare nel tempo l evoluzione dell appoggio plantare. VISUAL SPINE 3D - FORMETRIC Sistema a scansione luminosa che permette la ricostruzione tridimensionale della schiena attraverso un sistema computerizzato. Permette di valutare: La forma della schiena nella sua totalità; Calcolare l entità delle curve e delle rotazioni della schiena (cifosi, lordosi, scoliosi); Monitorare nel tempo l evoluzione delle scoliosi, dorsi curvi, iperlordosi. L esame può essere ripetuto tutte le volte che si vuole in quanto utilizza un raggio luminoso e non raggi x!!! Per questo motivo è molto utile per monitorare l accrescimento del bambino. BAROPODOMETRIA DINAMICA Sistema di rilevazione computerizzato che permette di valutare la dinamica del passo. Permette di valutare: L appoggio del piede durante il cammino; Le caratteristiche del cammino (lunghezza del passo, ecc.) Idoneità delle scarpe sportive durante il cammino; Monitorare nel tempo l evoluzione delle caratteristiche del cammino

13 PER CRESCERE MEGLIO Alcuni piccoli consigli per favorire un buon sviluppo posturale del bambino. L ALLATTAMENTO L allattamento al seno è la migliore condizione per un buon sviluppo delle arcate dentarie e della corretta deglutizione Se non è possibile l allattamento al seno utilizzare biberon corretti con tettarelle ortodontiche e flusso lento del latte (non allargare mai il foro delle tettarelle per favorire il succhiamento del bambino) Se possibile evitare il succhiamento del dito o l utilizzo del ciuccio; se si deve utilizzare un ciuccio preferire tipologie ortodontiche; al succhiamento del dito, preferire l utilizzo del ciuccio (è più facile togliere l abitudine al ciuccio che al dito!); utilizzare il ciuccio il meno possibile e cercare di toglierlo entro il primo anno LO SPORT Il nuoto è uno sport completo ma non è la panacea per il sistema posturale Va bene qualsiasi sport che stimoli il cammino, la corsa, l equilibrio, la coordinazione Gli sport con l utilizzo di palline, palloni, o oggetti in movimento sono particolarmente consigliati perché stimolano maggiormente l oculomotricità e la coordinazione Favorire l attività fisica-sportiva costante-moderata (almeno due volte alla settimana) I genitori devono dare il buon esempio a non essere pigri insegnando uno stile di vita dinamico e il meno possibile sedentario (quando possibile camminare e non utilizzare l auto, utilizzare le scale e non l ascensore, cercare attività all aria aperta, ridurre al minimo la vita sedentaria) LA POSIZIONE SEDUTA CORRETTA Insegnare già da piccoli la posizione seduta, le modalità di lettura e scrittura corrette Utilizzare i presidi che possano favorire la corretta abitudine di sedersi, scrivere, leggere (sedie ergonomiche, penne ergonomiche, leggio per lettura, corretta illuminazione, ecc.) LO SVEZZAMENTO Man mano che estrudono i dentini cercare di introdurre anche cibi più consistenti e duri per stimolare la masticazione Con la completa dentizione evitare di frullare gli alimenti e stimolare il bambino a masticare e mangiare lentamente IL CAMMINO Lasciare gattonare il bimbo il più possibile (favorisce la coordinazione degli arti e la formazione delle curve della schiena) Non forzare il bambino a camminare (non utilizzare girelli!) Quando inizia a camminare lasciarlo camminare scalzo il più possibile Non utilizzare scarpe troppo rigide e contenitive e con suole rigide (il piede deve essere il più possibile mobile ed in grado di sentire le asperità del terreno) Se si possiede un giardino farlo camminare, correre, giocare il più possibile scalzo Al mare farlo camminare, correre, giocare il più possibile scalzo 24 25

14 POSTURA SEDUTA CORRETTA I piedi devono appoggiare solidamente per terra (se ciò non è possibile, costruirsi un pacchetto con riviste o giornali da mettere sotto i piedi) Angolo tra gamba e coscia circa 90 Supporto o spinta lombare (vedi freccia) per mantenere la curva lombare Avambraccia devono appoggiare sulla scrivania Non accavallare le gambe Almeno ogni ora alzarsi e fare una piccola passeggiata Per posture sedute particolarmente prolungate è consigliato utilizzare sedie ergonomiche LETTURA Il mento deve distare dal libro almeno quanto la distanza pugno-gomito. Se possibile utilizzare un leggio per tenere il libro leggermente inclinato Utilizzare una buona fonte di illuminazione come ad es. lampadina ad incandescenza azzurrata di 60 Watt, montata su lampada mobile da tavolo, che illumini direttamente il libro. IMPUGNATURA CORRETTA DELLA PENNA Per il bambino è meglio utilizzare penne con impugnature ergonomiche che favoriscono tale presa ESEMPI DI POSTURE ERRATE Video perfettamente di fronte (no di lato!!!) Supporto lombare appena al di sopra della cintura Appoggio sotto i piedi, per avere le coscie un po sollevate dalla parte terminale della sedia 26 27

15 LO ZAINETTO SCOLASTICO Le ricerche scientifiche fino ad ora condotte, non hanno ancora dimostrato che lo zaino possa influire in maniera determinante sul sistema posturale e quindi sulle deformità vertebrali come scoliosi ed ipercifosi. Sembra esistere invece una maggior correlazione tra MAL DI SCHIENA e ZAINETTO; le ultime ricerche hanno evidenziato quanto segue: alcuni parametri correlati allo zainetto (fatica a portarlo, sentirlo pesante, tempo in cui viene portato) sono fattori di rischio per il mal di schiena, ma non sono pericolosi in se (forse con l eccezione del solo tempo di trasporto); il pericolo sembra derivare da una combinazione tra peso dello zainetto e fisico piu debole. I ragazzi che si allenano, che fanno piu sport a scuola e fuori sono, pertanto, in grado di meglio sopportare lo zainetto e quindi di avere anche meno mal di schiena. E meglio lo zainetto o la cartella? I vantaggi dello zainetto (carico simmetrico) rispetto alla cartella (carico asimmetrico) sembrano essere veramente ridotti, in quanto con la cartella è possibile cambiare frequentemente mano, riducendo l asimmetria di carico e l affaticamento della schiena Rispetto al problema dello zainetto (utilizzato per brevi momenti della giornata) sembra essere molto più importante la POSTURA SEDUTA PROLUNGATA (mantenuta per molte ore al giorno dal bambino); diventa quindi fondamentale l educazione fin da piccoli ad una corretta posizione seduta. Il DECALOGO DELLO ZAINETTO Consigli utili e ragionevoli per tutti Al momento dell acquisto ricordarsi che: 1. Lo zaino è come un vestito : controllare che la taglia non sia enorme 2. Uno zaino di grandi dimensioni sarà probabilmente uno zaino di grande peso 3. Gli zaini con aperture a soffietto offrono un maggior volume e danno un maggiore sbilanciamento posteriore 4. Uno zaino senza schienale provoca un accumulo del peso verso il basso (effetto sacco di patate ) 5. Anche lo zainetto a vuoto ha un suo peso che contribuisce al totale 6. Le bretelle devono essere ampie ed imbottite 7. E sempre meglio che ci sia una cintura addominale con fibbia 8. E opportuno che ci sia una solida e confortevole maniglia Modalità d uso: 1. Riempire lo zainetto partendo dallo schienale con i libri più grandi e pesanti e continuando con libri, quaderni o altro di dimensioni, volume e peso minore 2. Indossare lo zainetto utilizzando entrambe le bretelle 3. Regolare bene e sempre le fibbie delle bretelle 4. Ricordarsi di usare sempre e bene la cintura di fissaggio addominale 5. Lo schienale rigido dovrà essere sempre aderente alla schiena 6. La parte inferiore dello zainetto indossato non deve oltrepassare la linea delle anche 7. Saltuariamente si può usare lo zainetto, se il suo peso non è eccessivo, come cartella utilizzando l apposita maniglia Cosa evitare: 1. Portare lo zainetto su una spalla sola 2. Sovraccaricarlo con materiale non necessario 3. Sollevarlo rapidamente 4. Correre con lo zainetto in spalla 5. Tirare un compagno per lo zainetto 28 29

16 ALCUNI TESTI DI RIFERIMENTO POSTUROLOGIA - P.M. Gagey ed. Marrapese LA RIPROGRAMMAZIONE POSTURALE - B. Bricot ed. Statipro LA POSTURA - E. Lazzari ed. Martina LE CATENE MUSCOLARI - L. Busquet ed. Marrapese FISIOLOGIA ARTICOLARE - I.A. Capandji ed. Monduzzi Editore ORTODONZIA E POSTURA - S. Lentini ed. Martina ATM PATOLOGIA ARTICOLARE MUSCOLO-LIGAMENTOSA - Gagnesi ed. Piccin INTERFERENZE ORALI NELLE SINDROMI CRANIO-MANDIBOLO-CERVICALI E POSTURALI A. Pelosi ed. Castello editore VESTIBOLO E SPORT - G. Guidetti ed. Martina MEDICINA MANUALE - R. Maigne ed. utet LE CATENE MIOFASCIALI IN MEDICINA MANUALE - S. Colonna ed. Martina TERAPIA MIOFUNZIONALE - Ferrante PRINCIPALI ASSOCIAZIONI PER LO STUDIO DELLA POSTURA E DELLA TERAPIA MANUALE A.M.O.I. A.I.M.M. A.I.P.C. C.I.E.S. Italia C.I.E.S. Francia W.A.P.A.T. A.I.R.P.G. A.I.T.O.P. G.S.T.M. ASSOCIAZIONE MEDICI OSTEOPATI ITALIANI ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDICINA MANUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA DI POSTUROLOGIA CLINICA COLLEGIO INTERNAZIONALE STUDIO DELLA STATICA COLLEGE INTERNATIONAL D ETUDE DE LA STATIQUE WORD ACCADEMY OF POSTUROLOGY AND ASSOCIATED THERAPIES ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE ACCADEMIA ITALIANA DI TERAPIA OSTEOPATICA POSTURALE GRUPPO DI STUDIO DELLE TERAPIE MANUALI OSTEOS DE FRANCE GRUPPO DI STUDIO DELLE SCOLIOSI E DELLE PATOLOGIE VERTEBRALI A cura del Dott. Andrea Passerini Medico Chirurgo, Esperto in Osteopatia Master di primo livello in Posturologia 30 31

17 Per informazioni: Dott. Andrea Passerini

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli