determinato volume di soluzione concentrata e vi si aggiunge la quantità opportuna di solvente puro,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "determinato volume di soluzione concentrata e vi si aggiunge la quantità opportuna di solvente puro,"

Transcript

1 Preparazione delle soluzioni Per preparare una soluzione a una determinata concentrazione si opera in modo diverso a seconda che si parta da un solido puro (preparazione per pesata) oppure da una soluzione (preparazione per diluizione). A. Nella preparazione per pesata: si pesa una determinata quantità di solido e si porta al volume desiderato aggiungendo l'appropriata quantità di solvente. B. Nella preparazione per diluizione: si preleva un determinato volume di soluzione concentrata e vi si aggiunge la quantità opportuna di solvente puro, oppure, partendo da due soluzioni a concentrazione diversa, si preparano soluzioni a concentrazioni intermedie, mescolando, secondo precisi rapporti, volumi diversi delle soluzioni a disposizione. Quando una soluzione viene diluita, il volume della stessa aumenta e la sua concentrazione diminuisce, ma restano costanti la quantità (n) e la massa (m) del soluto, calcolate come prodotto della concentrazione per il volume: n = C(mol/L) V (L) m= C (g/l) V (L)

2 Pertanto, quando una soluzione di concentrazione C 1 viene preparata a partire da un'altra a concentrazione maggiore C 2, la quantità di soluto prelevata da quest'ultima, corrispondente a C 2 V 2, deve essere uguale alla quantità C 1 V 1 presente nella soluzione preparata, ossia: C 1 V 1 = C 2 V 2 dove le concentrazioni C 1 e C 2 sono espresse nelle stesse unità di misura: per esempio, in g/l o mol/l o massa relativa percentuale. Quando invece si usano due (o più) soluzioni a concentrazioni diverse, per prepararne un'altra a concentrazione intermedia è necessario tener conto che la quantità di soluto presente in quest'ultima deve essere uguale alla somma di quelle prelevate dalle soluzioni date. Se queste hanno concentrazioni diverse, C 1 e C 2, e quella da preparare ha concentrazione C 3, si ha: C 3 V 3 = C 1 V 1 + C 2 V 2 Le soluzioni così preparate risentono, in generale, delle semplificazioni di calcolo (effetti della temperatura e della densità) che sono dell'ordine di alcune unità percentuali.

3 Esempi di preparazione di soluzioni per pesata Per preparare una soluzione di molarità nota bisogna pesare la massa necessaria di reagente puro, scioglierla nel solvente in un matraccio tarato, diluire con altro solvente fino al volume finale richiesto e infine agitare bene capovolgendo il matraccio almeno 20 volte. Esempio 1. Preparazione di una soluzione a molarità nota Il solfato rameico si trova comunemente in commercio come sale pentaidrato, CuSO 4 5H 2 O, ovvero nel solido cristallino sono contenute cinque moli di H 2 O per mole di CuSO 4. Il peso formula di CuSO 4 5H 2 O (=CuSO 9 H l0 ) è 249,69 g/mol. Quanti grammi di CuSO 4 5H 2 O devono essere sciolti in un matraccio da 250 ml per preparare una soluzione contenente Cu 2+ 8,00 mm? Soluzione Una soluzione 8,00 mm contiene 8,00x10-3 mol/l di soluto. Poiché 250 ml corrispondono a 0,250 L, sono necessarie 8,00x10-3 mol x 0,250 L = 2,00x10-3 mol CuSO 4 5 H 2 O L La massa richiesta di reagente è (2,00x10-3 mol) g,69 mol 249 = 0,499 g

4 Il procedimento da seguire consiste nel pesare 0,499 g di CuSO 4 5H 2 O solido in un matraccio tarato da 250 ml, aggiungere circa 200 ml di acqua distillata e agitare per sciogliere il reagente. Quindi si diluisce con acqua distillata fino alla tacca di 250 ml e si capovolge il matraccio 20 volte per assicurare una completa miscelazione. La soluzione risultante contiene Cu 2+ 8,00 mm. Esempio 2 Preparare 150 ml di una soluzione alcolica di KOH (m r = 10%) L alcol usato è a 90 con d = 0,833g/mL Soluzione La massa di alcol contenuta in 150 ml di soluzione è: m alcol =V d =150mL 0,833 g/ml=125 g La massa di KOH presente nella soluzione alcolica è: g m KOH = = 14g 90 Procedimento Si pesano 14 g di KOH, si sciolgono in 150 ml di alcol agitando fino alla totale dissoluzione del solido. Questa soluzione viene di solito utilizzata per la pulizia della vetreria come sgrassante, quindi la precisione è scarsa.

5 Esempio 3. Preparare 2 L di soluzione di H 2 SO 4 1 M a partre da H 2 SO 4 concentrato (m r =96%, d = 1,84 g/ml) Soluzione. Per preparare 2 L di soluzione di H 2 SO 4 1 M occorrono n (H 2 SO 4 )= 2L 1 mol (H 2 SO 4 )/L = 2 mol (H 2 SO 4 ) corrispondenti a : m(h 2 SO 4 ) = 2 mol (H 2 SO 4 ) MM (H 2 SO 4 ) = = 2 mol (H 2 SO 4 ) 98 g/mol (H 2 SO 4 ) = 196 g di H 2 SO 4 puro (100%) La massa di H 2 SO 4 m (H 2 SO 4 ) = concentrato è g = 204g 96 Procedimento. Si pesano 204 g di H 2 SO 4 concentrato in un beker asciutto, poi si solubilizzano in circa 1 L di acqua (versando l acido nell acqua lentamente e agitando perché la reazione è fortemente esotermica) e si portano al volume di 2 L con acqua dopo adeguato raffreddamento (la soluzione è bollente e può provocare ustioni) in un matraccio tarato

6 Preparazioni di soluzioni per diluizione Le soluzioni diluite possono essere preparate da soluzioni concentrate. Un certo volume o una certa massa della soluzione concentrata sono trasferiti in un matraccio tarato e diluiti con il solvente fino al volume richiesto. Il numero di moli di reagente contenute in V litri di soluzione a concentrazione M moli per litro è dato dal prodotto M V = (mol/l)(l) = mol. Quando una soluzione viene diluita da una concentrazione più alta a una più bassa, il numero di moli di soluto resta invariato. Possiamo quindi uguagliare il numero di moli contenute nella soluzione concentrata (conc) e nella soluzione diluita (dil). Formula delle diluizioni: M con V conc = M dil. V dil Moli prelevate dalla soluzione concentrata Moli contenute nella soluzione diluita

7 Esempio1 Preparazione di una soluzione 0,1 M di HCl La molarità dell'hcl concentrato per uso di laboratorio è 12,1 M. Quanti millilitri di questo reagente devono essere diluiti a 1,00 L per preparare una soluzione 0,100 M di HCl? Soluzione Il volume richiesto di soluzione. concentrata si ottiene dall'equazione : M con V conc = M dil.v dil (12,1 M)(x ml) = (0,100 M)(1000 ml) x = 8,26 ml È opportuno esprimere entrambi i volumi in ml o in L. L'importante è usare le stesse unità di volume in entrambi i membri dell'equazione, in modo che le unità di misura si cancellino. Per preparare la soluzione 0,100 M di HCl si introducono 8,26 ml di HCl concentrato in un matraccio tarato da 1 L e si aggiungono circa 900 ml di acqua. Dopo avere agitato per mescolare, si diluisce con acqua fino alla tacca di 1 L e si rovescia il matraccio 20 volte per assicurare la miscelazione completa. NB. La soluzione così preparata è circa 0,1 M. Questa concentrazione viene detta nominale perché la soluzione di partenza ha una concentrazione incerta, in quanto il gas HCl sciolto sotto pressione si disperde nell aria tutte le volte che il recipiente che lo contiene viene aperto. Analoga considerazione va fatta per tutti i gas sciolti nell acqua; (per esempio NH 3 e CO 2 ).

8 Esempio 2. Preparare 2 L di soluzione di HCl 1 M a partire da HCl ( m r = 37%; d= 1,18 g/ml) Soluzione. Per preparare 2 L di soluzione di HCl 1 M occorrono : n (HCl) = 2L 1 mol (HCl) /L = 2 mol (HCl) corrispondenti a: m(hcl) = 2 mol (HCl) MM (HCl) = 2 mol(hcl) 36,5 g/mol (HCl) = 71 g (puro) La massa di HCl concentrato è : 100 m HCl = 71 g = 191, 9g (HCl al 37%) 37 corrispondenti a un volume di : V HCl = 191,9 g/1,18 g/ml = 162,6 ml Procedimento Si versano 162,6 ml di HCl concentrato in un cilindro asciutto ( sotto cappa, perché HCl è un gas in soluzione acquosa e, come la NH 3 o la CO 2 dell acqua gassata, tende a lasciare la soluzione e a tornare nella fase gassosa ), si solubilizzano in circa 1 L di acqua (lentamente, perché la solubilizzazione degli acidi concentrati è sempre un operazione delicata); alla fine si porta al volume di 2 L, con acqua in un recipiente adatto. :

9 Esempio 3. Un calcolo di diluizione più complicato Una soluzione di ammoniaca in acqua è chiamata idrossido di ammonio a causa dell'equilibrio NH 3 + H 2 O NH OH - Ammoniaca Ione ammonio Ione idrossido La densità dell'idrossido di ammonio concentrato, che contiene il 28,0% p/p di NH 3, è 0,899 g/ml. Quale volume di questo reagente deve essere diluito a 500 ml per ottenere una soluzione 0,250 M di NH 3? Soluzione Per usare l'equazione M con V conc = M dil.v dil dobbiamo determinare la molarità del reagente concentrato. La densità ci dice che il reagente contiene 0,899 grammi di soluzione per millilitro e la percentuale in peso che esso contiene è 0,280 grammi di NH 3 per grammo di soluzione. Per trovare la molarità di NH 3 nella soluzione concentrata bisogna conoscere le moli di NH 3 in un litro di soluzione: grammi di NH 3 per litro = 899 soluzione L gnh 3 gnh x0,280 = 252 g soluzione L g 3

10 molarità di NH 3 = gnh L gnh 3 17,03 molnh 3 molnh = 14,8 L 3 = 14,8M Ora si può usare l'equazione M con V conc = M dil.v dil per trovare il volume di NH 3 14,8 M necessario per preparare 500 ml di NH 3 0,250 M: M con V conc = M dil.v dil 14,8 mol L V con = mol 0,250 0,500L L V con = 8, L = 8,45mL La procedura corretta è di introdurre 8,45 ml di reagente concentrato in un matraccio tarato da 500 ml, aggiungere circa 400 ml di acqua e agitare per mescolare. Quindi si diluisce esattamente a 500 ml con acqua e si capovolge il matraccio 20 volte per mescolare bene.

11 Esempio Preparazione di una soluzione con concentrazione espressa in parti per milione L'acqua potabile di solito contiene 1,6 ppm di ione fluoruro (F - ) per prevenire la carie. Si consideri un serbatoio d'acqua con un diametro di 450 m e una profondità di 10 m. a. Quanti litri di una soluzione 0,10 M di NaF si devono aggiungere all'acqua contenuta nel serbatoio per ottenere una concentrazione di F - di 1,6 ppm? b. In alternativa, quanti grammi di NaF solido si dovrebbero usare? Soluzione. a. Assumendo che la densità dell'acqua nel serbatoio sia circa 1,00 g/ml, una concentrazione di F - di 1,6 ppm corrisponde a 1, g F - /ml o 1, gf 1000 ml ml L = 1, gf L Il peso atomico del fluoro è 19,00, quindi la molarità desiderata di ione fluoruro è [F - 5 ] desiderata nel serbatoio = = 8,42 10 M 3 gf 10 L gf 19,00 mol Il volume del serbatoio è πr 2 h, dove r è il raggio e h è l' altezza: 1,6

12 volume del serbatoio = πr 2 h (225 m) 2 l0 m = 1, m 3 Per usare la formula della diluizione, bisogna convertire i m 3 in litri. In un metro cubo ci sono 1000 L. Il volume in litri del serbatoio è quindi: volume del serbatoio (L)=1, m L/m 3 =1, L A questo punto possiamo usare la formula delle diluizioni: M con V conc 0,10 mol L V conc = M dil. V dil = 8, mol L 9 ( 1,59 10 L) V conc = 1, L Sono necessari 1,3 milioni di litri di soluzione 0,10 M di F - Notare che nel calcolo è stata fatta l'ipotesi che il volume finale della soluzione nel serbatoio sia ancora 1, L. Infatti la quantità aggiunta di reagente (poco più di 10 6 L) è piccola rispetto a 10 9 L, e quindi l'approssimazione che il volume della soluzione nel serbatoio resti invariato è ragionevolmente valida. b. Anche se in alternativa si usa NaF solido, la concentrtazione di F - da raggiungere è ancora 8, M. Il numero di moli di F - che devono essere aggiunte alla riserva è (1, L) (8, mol/ L)=1, mol F -. Poiché una mole di NaF fornisce una mole di F -, occorrono (1, mol NaF) (41,99 g NaF/mol NaF) = 5, grammi di NaF.

13 Solubilità La maggior parte delle prove analitiche di laboratorio vengono eseguite in soluzione. Nell'analisi di una miscela solida la prima operazione da compiere è la solubilizzazione del campione in un solvente adatto. Piccole quantità di campione vengono saggiate con diversi solventi, quali H 2 O, HCl, HNO 3 ecc. in modo da stabilire quale fra questi risulta il più adatto a portare in soluzione tutti i componenti del campione. Nella tabella 1 vengono riportate a livello qualitativo le solubilità dei composti più comuni in alcuni solventi.

14 Tab a1 appendice

15 A livello quantitativo la solubilità esprime il massimo valore del rapporto tra la quantità di soluto, in grammi o in moli, e il volume di solvente che lo scioglie a una determinata temperatura. Quindi per solubilità s'intende la massima concentrazione ionica ottenibile a ogni temperatura. Nella tabella 2 viene riportata la solubilità di alcuni composti in acqua a 25 C espressa in grammi di soluto per 100 ml di acqua. Disponendo, per esempio, di cloruro di ammonio solido, è possibile preparare, a 25 C, una serie di soluzioni con un contenuto di cloruro variabile da zero al valore massimo di 37,2 g per 100mL dih 2 O. Quando al solvente si aggiunge a piccole dosi il solido in esame, si ha un aumento graduale della concentrazione della soluzione fino a un valore limite, superato il quale qualsiasi quantità di solido aggiunto non passa in soluzione ma resta disciolto come corpo di fondo; a questo punto la soluzione è satura. Fra il solido indisciolto e la soluzione c'è un continuo scambio di particelle e a una certa temperatura si raggiunge una situazione di equilibrio in cui il numero di particelle che passano in un certo tempo in soluzione, formando ioni idratati, è uguale al

16 numero di ioni idratati che, nello stesso tempo, cristallizzano sul solido. Pertanto la composizione nella soluzione resta costante, come pure resta costante la quantità di soluto in eccesso. Una soluzione a una certa temperatura è satura quando contiene il massimo di sostanza disciolta per unità di volume. Questo è garantito dalla presenza di soluto allo stato solido in equilibrio con la soluzione. Prima della saturazione, il processo di solubilizzazione è preponderante rispetto a quello di cristallizzazione e la composizione della soluzione varia mano a mano che si aggiunge il soluto. Una soluzione può anche essere soprassatura, cioè contenere una quantità di soluto superiore a quella corrispondente alla saturazione. Si tratta di una condizione di instabilità per cui la soluzione tende a diventare spontaneamente satura con un processo di cristallizzazione preponderante rispetto a quello di solubilizzazione del corpo di fondo.

17 Solubilità e temperatura La temperatura alla quale il processo di solubilizzazione viene realizzato riveste un ruolo di notevole importanza e, come in un qualunque equilibrio, si ha che, in accordo con il principio di Le Châtelier e Brown, la solubilità aumenta all'aumentare della temperatura se il processo avviene con assorbimento di calore ( H > O): questo è il caso più frequente negli equilibri di solubilizzazione. Se invece il processo avviene con liberazione di calore ( H < 0), un aumento di temperatura ostacola il processo e pertanto fa diminuire la solubilità. Infine, se il processo avviene senza assorbimento o cessione di calore, la solubilità è indipendente dalla variazione della temperatura. Nel caso di soluzioni di gas la solubilità varia anche con la pressione e quindi, a temperatura costante, la solubilità di un gas in un liquido aumenta per diffusione con l'aumentare della pressione (legge di Henry).

18 Analisi Gravimetrica La gravimetria è quella parte della chimica analitica che si occupa di tutti i problemi, teorici e pratici, che riguardano le analisi in cui il risultato è dato dalla pesata della sostanza. Mediante gravimetria si possono determinare: -la maggior parte degli anioni e dei cationi inorganici; - numerose specie neutre come l acqua, il biossido di zolfo, il biossido di carbonio e lo iodio; -tutta una serie di sostanze organiche come il lattosio nei latticini, i salicilati nei farmaci, la fenolftaleina nei lassativi, la nicotina nei pesticidi, il colesterolo nei cereali, e la benzaldeide negli estratti di mandorla. L' analisi gravimetrica consiste in un insieme di operazioni in cui il componente da determinare viene isolato, come elemento oppure come composto a composizione chimica ben definita, pesato e dalla misura ottenuta si risale alla quantità o alla massa del componente cercato. Escludendo l'analisi gravimetrica per elettrodeposizione, che è un tipo di analisi strumentale si hanno principalmente due metodi:

19 analisi per precipitazione: il componente viene separato trasformandolo in un composto poco solubile che dopo opportuni trattamenti viene pesato; analisi per volatilizzazione: il componente viene determinato sfruttando la volatilità di un suo costituente (per esempio l' acqua di cristallizzazione nella determinazione dei sali idrati) oppure quella di un suo derivato (per esempio, il diossido di carbonio nella determinazione dei carbonati). Determinando la perdita della massa pesata del campione, si hanno i dati per risalire alla quantità o alla massa del componente in esame. Il metodo più usato nella pratica di laboratorio è quello per precipitazione. Analisi gravimetrica per precipitazione Nell'analisi di base si parte da campioni analitici che possono essere solidi o liquidi. Se il campione è solido richiede un trattamento preliminare: pesata del campione; dissoluzione del campione per avere una soluzione acquosa limpida; a cui seguono le seguenti fasi operative:

20 trasferimento quantitativo nel matraccio tarato; portata a volume e prelievo di un'aliquota nota del campione; precipitazione; operatività nella precipitazione; filtrazione e lavaggio del precipitato; essiccamento e calcinazione del precipitato; pesata del prodotto ottenuto; calcoli per arrivare alla risposta analitica. Pesata del campione La sostanza da analizzare, posta in un pesafiltri asciutto e tarato viene pesata alla bilancia analitica: la massa del campione si determina per differenza tra la massa del pesafiltri + sostanza e la massa del pesafiltri vuoto. È importante ricordare che il campione pesato deve essere a temperatura ambiente. La massa di campione da pesare non è arbitraria, ma deve essere determinata in base al grado di accuratezza richiesto nella pesata.

21 Dissoluzione del campione I reattivi e le tecniche usate per la dissoluzione variano a seconda della natura del campione da analizzare. I metodi più spesso utilizzati sono: a. attacco diretto con solvente opportuno: -acqua (per sali alcalini); -HCl dil. o concentrato (per carbonati, idrossidi e leghe di alluminio); -HNO 3 dil. o concentrato (per bronzi, ottoni, alcuni solfuri e acciai). -HNO HCI, acqua regia (per leghe di oro o di platino e per alcuni solfuri). -H 2 SO 4 (per minerali di alluminio, arsenico, manganese e cianuri). -alcali come NaOH (per molti metalli anfoteri come l'alluminio e leghe).

22 b. fusione con una delle sostanze di seguito elencate e ripresa con acqua della massa fusa dopo raffreddamento: -Na 2 CO 3 o Na 2 CO 3 + K 2 CO 3 (per solfati insolubili, silicati e alcune leghe di ferro); -KHSO 4 (per molti ossidi, quali Al 2 O 3, Fe 2 0 3, Cr ). Trasferimento quantitativo La soluzione, viene trasferita quantitativamente in un matraccio tarato, diluita e portata a volume. Da qui si preleva l'aliquota destinata all'analisi con una pitpetta graduata. matraccio Il trasferimento quantitativo consiste nel trasferire il 100% del campione analitico da un recipiente a un altro.

23 Se il campione è solido, si trova in genere su un vetro da orologio o in un pesafiltri. Se il campione è liquido o in soluzione, si trova in un becher o in una beuta. Di solito il campione deve essere trasferito in un matraccio tarato mediante un imbuto a gambo corto. Il solido viene travasato appoggiando il vetro d'orologio sull'imbuto inclinandolo e accompagnando il movimento del solido con la spatola o con un sottile spruzzo di acqua. Alla fine del lavoro tutti i recipienti e gli attrezzi usati vanno lavati con sottili spruzzi di acqua, avendo cura di raccogliere le acque di lavaggio insieme al campione. Portare a volume L'operazione di portare a volume consiste nell'aggiungere alla soluzione del campione acqua distillata fino a un determinato volume indicato con una incisione sul collo del matraccio, agitando per ottenere una soluzione omogenea.

24 L' operazione deve essere effettuata alla temperatura di taratura indicata sul matraccio, e serve per diluire il campione e per poter disporre di più aliquote uguali per l'analisi. Su ogni aliquota prelevata si effettua poi l'operazione di precipitazione. Precipitazione L' operazione della precipitazione consiste nella formazione di un composto poco solubile del componente in esame. Dato che la separazione deve essere quantitativa, ossia in soluzione deve rimanere una quantità del componente inferiore all'accuratezza dell'analisi, le condizioni operative (temperatura, agitazione, diluizione della soluzione, velocità con cui viene aggiunto il reattivo precipitante e sua concentrazione) sono fattori molto importanti ai fini della purezza e delle dimensioni delle particelle del precipitato, che possono essere di due tipi: particelle colloidali [diametro inferiore a circa 10 µm-( mm) ]che non sono visibili a occhio nudo, non precipitano e non sono trattenute dai comuni mezzi filtranti;

25 particelle cristalline [diametro superiore a 10 µm ( mm) ] che precipitano facilmente e che sono trattenute dai comuni mezzi filtranti. La grandezza delle particelle di un precipitato è influenzata da variabili sperimentali come la solubilità del precipitato, la temperatura, le concentrazioni dei reagenti, e la velocità con cui i reagenti vengono miscelati, ed è correlata ad una singola proprietà del sistema detta Supersaturazione relativa(rss) : RSS = Q S S dove Q= concentrazione del soluto in un certo istante S= solubilità all equilibrio. La supersaturazione relativa (RSS) può essere usata per stimare e controllare le dimensioni del precipitato. Pertanto quando (Q-S)/S è grande, il precipitato tende ad essere colloidale; quando (Q-S)/S è piccolo, è più probabile un solido cristallino. La formazione di precipitati si realizza da soluzioni soprassature.

26 I precipitati si formano per - nucleazione - per crescita della particella. La nucleazione è un processo in cui un numero minimo di atomi, ioni o molecole si riunisce per dare una particella solida stabile. Se predomina la nucleazione, si forma un gran numero di particelle molto piccole. La crescita della particella è la crescita tridimensionale di un nucleo in un cristallo di maggiori dimensioni. Se predomina la crescita delle particelle, si ottiene un numero minore di particelle più grandi. Quando l'aggiunta del reattivo precipitante ha prodotto una determinata soprassaturazione, gli ioni si aggregano per formare semplici raggruppamenti detti nuclei o germi di cristallizzazione, che poi si accrescono per l'apporto di altri ioni provenienti dalla soluzione soprassatura.

27 Si possono avere diversi meccanismi di accrescimento dei nuclei, che possono portare a precipitati con caratteristiche ben diverse. Si possono distinguere: a. precipitati cristallini puri (o quasi}; b. precipitati cristallini che inglobano ioni estranei (precipitati impuri); c. precipitati colloidali e gelatinosi. I precipitati cristallini si formano quando la soprassaturazione della soluzione è bassa. In questo modo i nuclei si ingrossano fissando gli ioni che si trovano ancora in soluzione. Il precipitato in questo caso risulta costituito da agglomerati abbastanza grandi che sedimentano facilmente. Quando la soprassaturazione è alta, si formano molti nuclei di cristallizzazione di piccole dimensioni che non hanno la possibilità di ingrossarsi, e il precipitato in questo caso risulta costituito da cristallini piccoli. I precipitati impuri sono spesso contaminati da ioni e da sali estranei poco solubili che precipitano

28 insieme al composto in esame, provocando una coprecipitazione. La coprecipitazione può essere spiegata essenzialmente attraverso meccanismi quali: adsorbimento; postprecipitazione; occlusione ionica. L 'adsorbimento si ha quando il precipitato formatosi è costituito da particelle piccole, che presentando una grande area superficiale. Hanno un'elevata capacità di adsorbire ioni presenti in soluzione. La postprecipitazione, invece, è la precipitazione di una sostanza solubile che precipita dopo che è stata completata la precipitazione dello ione in esame. Un esempio di postprecipitazione si ha nella precipitazione del Ca 2+ come ossalato in presenza di Mg 2+.Se il precipitato viene lasciato a contatto con la soluzione, sulla sua superficie precipita MgC 2 O 4 in quantità indeterminata.

29 L'occlusione, si ha quando le impurezze sono costituite da ioni di piccole dimensioni che si inseriscono negli spazi interstiziali del reticolo cristallino del precipitato. Questi tipi di coprecipitazione sono i principali responsabili del grado di esattezza di un'analisi. L' entità della coprecipitazione può essere ridotta operando con soluzioni diluite a caldo, aggiungendo lentamente il reattivo precipitante e sotto agitazione, lasciando digerire il precipitato a contatto con la soluzione madre. Durante la digestione le particelle si comportano da nuclei di aggregrazione e diventano più grosse, più cristalline e più pure. Per quanto riguarda i composti poco solubili di tipo colloidale, bisogna tener presente che in una soluzione dove è presente un eccesso di una delle specie ioniche che li costituiscono, adsorbono facilmente in superficie gli ioni in eccesso, che avendo stessa carica richiamano controioni dalla soluzione: si formano così due strati elettrici stabili, uno sul solido e uno nella soluzione intorno al solido

30 Es., se a una soluzione di AgNO 3 viene aggiunta lentamente una soluzione di NaCl, il precipitato AgCl che si forma, inizialmente adsorbe gli ioni Ag +, presenti in eccesso, e rimane carico positivamente (adsorbimento primario); viceversa, rimane carico negativamente se a una soluzione di NaCl si aggiunge lentamente AgNO 3. (~figura 3.4). pag 75 Per il principio dell'elettroneutralità questo strato di ioni adsorbiti deve essere controbilanciato da uno strato di ioni di carica opposta, detto strato di bilanciamento. Per avere un ingrossamento e quindi un precipitato filtrabile (coagulazione) bisogna diminuire il potenziale del doppio strato; questo obiettivo può essere raggiunto con: forte agitazione e alta temperatura, che aumentano la frequenza e l'energia degli urti fra le particelle e quindi la probabilità della loro unione;

31 aggiunta di un elettrolita, che rende più polare la soluzione e quindi diminuisce la formazione di queste particelle. In alcuni casi le particelle di composti pochissimo solubili (caso di idrossidi e solfuri) formano legami con il reagente senza avere il tempo di rompere tutti i legami con il solvente, che rimane intrappolato in una grossa struttura reticolare che può arrivare a comprendere anche tutta la soluzione. A volte questa struttura è stabile, come nella gelatina; a volte è instabile e, lasciando digerire a caldo la soluzione e aggiungendovi un elettrolita, la struttura reticolare si smonta e si formano pian piano i legami più stabili del composto solido che coagulando sedimenta ed è facilmente filtrabile. Precipitazione: fasi operative Le tecniche operative più opportune per ottenere un precipitato puro consistono principalmente in uno o più accorgimenti qui di seguito elencati: Eliminazione degli ioni che possono coprecipitare mediante precipitazioni preliminari.

32 Doppia precipitazione, che consiste nella precipitazione, filtrazione, lavaggio, dissoluzione e riprecipitazione della soluzione. La doppia precipitazione viene generalmente utilizzata per composti colloidali, come quelli dell'idrossido di alluminio e di ferro ottenuti per trattamento con NH 3. Il precipitato viene filtrato, lavato e poi sciolto in H Cl diluito e sottoposto a caldo alla seconda precipitazione. Precipitazione da soluzioni diluite con reattivi diluiti aggiunti molto lentamente. Precipitazione a caldo: a temperature elevate l'adsorbimento è sfavorito per la maggior energia cinetica delle particelle. Digestione: il precipitato viene lasciato a riposo a contatto con la soluzione madre a caldo o a freddo per un certo periodo di tempo. Durante questo riposo si ha: a. il completamento della coagulazione per i solidi colloidali;

33 b. la dissoluzione dei cristalli piccoli: i cristalli di dimensioni piccole, più solubili di quelli grossi, si ridisciolgono e riprecipitano lentamente andando a ingrossare i cristalli già esistenti; c. la purificazione del precipitato: per effetto del continuo processo di dissoluzione e ricristallizzazione i cristalli precipitati hanno l' opportunità di perdere sostanze estranee eventualmente coprecipitate durante la fase di precipitazione e di diventare più puri; Precipitazione in fase omogenea, consistente nell'aggiungere alla soluzione in esame una sostanza che produca lentamente, per fenomeni di idrolisi, il reattivo precipitante. In questo modo si forma uno stato di saturazione omogeneamente distribuito, cui consegue una formazione di precipitati cristallini abbastanza puri e filtrabili. Es. nella precipitazione del BaSO 4 da una soluzione contenente ioni Ba 2+, il reattivo precipitante si forma aggiungendo acido solfammico, NH 2 SO 3 H, che per idrolisi produce lentamente e a caldo ioni solfato.

34 Modalità della precipitazione quantitativa. Si preleva dal matraccio tarato un determinato volume di soluzione con una buretta o con una pipetta tarata e lo si pone in un becher da ml. Si diluisce, si aggiungono, se necessario tamponi o complessanti e si riscalda. Il reattivo precipitante viene aggiunto goccia a goccia facendolo scorrere lungo le pareti del becher e agitando la soluzione continuamente con una bacchetta di vetro, in modo da ottenere precipitati formati da particelle grosse e sufficientemente pure. Quando la precipitazione appare completa, si lascia depositare il precipitato e quindi si controlla se la precipitazione è avvenuta in maniera quantitativa. A tale scopo, alla soluzione limpida sovrastante il precipitato, si aggiungono alcune gocce di reattivo precipitante: se non si ha alcun intorbidamento la precipitazione è completa, altrimenti si aggiunge dell'altro reattivo precipitante Un grande eccesso di reattivo precipitante deve essere evitato per non avere l' effetto sale o la formazione di complessi solubili; invece, per sfruttare l'effetto dello ione comune, occorre usarne un piccolo eccesso (20 30%) rispetto a quello teorico.

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 Indice RIASSUNTO 2 INTRODUZIONE 4 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni Descrizione del prodotto Rivestimento epossidico vetrificante senza solvente, atossico, per contatto con alimenti ed alcoolici, olii e grassi. Classificazione secondo Direttiva 2004/42/CE - Dlgs 161/06:

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli