Scienze Infermieristiche ed Ostetriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scienze Infermieristiche ed Ostetriche"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Facoltà di Medicina e Chirurgia Prova di Selezione per il Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Fascicolo delle Domande Applicare qui il CODICE TEST ATTENZIONE NON APRIRE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO PROVA A cura di: Università degli Studi di Verona Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

2

3 1. Durante le cure personali l anziano affetto da demenza può reagire con agitazione e aggressività. Quale approccio è consigliato per prevenire queste reazioni? A) coprire la persona con l asciugamano, mantenere caldo il corpo ad eccezione delle singole parti che si stanno lavando, accettare comportamenti reattivi e non contrastare* B) lavare le parti del corpo da quelle più sensibili a quelle meno; accettare comportamenti reattivi e non contrastare C) evitare di avvertirlo della necessità di fare il bagno molto tempo prima D) utilizzare un atteggiamento di fermezza di fronte al rifiuto e non commentare le sue reazioni E) usare prodotti molto schiumosi, evitare distrazioni e dedicarsi al suo corpo 2. Nell addestrare una persona con difficoltà nella vestizione per inabilità ad un emisoma quali istruzioni sono più corrette: A) iniziare ad indossare la camicia dall arto leso e poi procedere con l arto sano, nella svestizione iniziare dall arto sano e poi procedere verso quello leso* B) iniziare ad indossare la camicia dall arto sano e poi procedere con l arto leso, nella svestizione iniziare dall arto leso e poi procedere verso quello sano C) iniziare ad indossare la camicia dall arto leso e poi procedere con l arto sano, nella svestizione procedere con lo stesso ordine D) iniziare ad indossare il pantalone dall arto sano e poi procedere con l arto leso, nella svestizione procedere con lo stesso ordine E) iniziare ad indossare camicia o pantalone sempre dall arto sano, mentre nella svestizione l ordine è indifferente 3. Nell istruire una persona sui prodotti più adatti per l igiene orale quale tra le seguenti indicazioni è la più corretta: A) i colluttori medicati contenenti clorexidina vanno utilizzati in modo costante e a lungo termine per il loro effetto antiplacca B) il sodio bicarbonato è consigliato per l igiene quotidiana del cavo orale in quanto riduce la proliferazione batterica C) i prodotti contenenti fluoro sono indicati per la prevenzione delle carie dentali e hanno proprietà antiplacca* D) il collutorio idroalcolico contenente fluoro è consigliato alle persone con stomatite da chemioterapia per ridurre la placca e il potere antibatterico E) il collutorio può sostituire l uso del dentifricio 4. Nel caso di dubbi sull esito del pap-test, quale esame è opportuno eseguire? A) TAC pelvica B) Colposcopia* C) Ecografia addomino-pelvica D) Isteroscopia E) Laparoscopia 5. Nell accertare la dispnea di una persona il primo dato da rilevare è: A) la percezione riferita dal paziente circa la sua difficoltà di respiro* B) frequenza respiratoria e caratteristiche del respiro C) colorito cutaneo a livello mucose, in particolare per rilevare cianosi o pallore D) l utilizzo dei muscoli accessori come l uso dello sternocleidomastoideo E) la presenza di fattori scatenanti e la difficoltà ad effettuare attività Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 1

4 6. Una paziente affetta da BPCO è in trattamento con seguente terapia domiciliare: - Serevent (salmeterolo) 2 puff X2 - Clenil (beclometasone dipropionato) 2 puff X2 - Ventolin (salbutamolo) 1 puff al bisogno L infermiere domiciliare chiede di descrivere la modalità di come assume la terapia inalatoria. La paziente risponde: ogni giorno verso le 9.00 e le assumo la terapia inalatoria: prima il Clenil e dopo alcuni minuti il Serevent ; poi sciacquo abbondantemente la bocca. Assumo il Ventolin solo quando ne sento la necessità. Per assumere i farmaci scuoto la bomboletta ed inserisco il distanziatore, appoggio le labbra al boccaglio, attivo lo spray ed eseguo alcuni respiri profondi. L infermiere deduce che la paziente necessita di: A) un rinforzo positivo poiché adotta comportamenti corretti B) uno schema che riporti l ordine di assunzione dei farmaci* C) addestramento sul coordinamento delle fasi di erogazione-insufflazione-inspirio D) un intervento educativo completo sulla gestione della terapia inalatoria E) addestramento sulla sequenza di azioni di preparazione dello spray e distanziatore 7. Le indicazioni più recenti relative al digiuno preoperatorio prima di un intervento chirurgico di elezione nei pazienti con motilità gastroenterica integra, sono di: A) assumere una dieta leggera il giorno prima dell intervento chirurgico e rimanere a digiuno dalla mezzanotte B) non assumere cibi solidi nelle 6 ore e liquidi chiari nelle 2 ore antecedenti l intervento* C) non assumere cibi solidi e liquidi chiari nelle 6 ore antecedenti l intervento chirurgico D) assumere una dieta normale il giorno prima dell intervento chirurgico e rimanere a digiuno, dalla mezzanotte E) assumere cibi solidi e liquidi chiari fino a 2 ore prima dell intervento 8. La faccia materna della placenta appena partorita presenta una serie di caratteristiche. Individuare la risposta errata: A) non è ricoperta dalle membrane amniotiche B) è di colore grigiastro nel feto anemico C) al suo centro di solito è presente l inserzione del cordone ombelicale* D) presenta strutture denominate cotiledoni E) è di colore rosso intenso 9. Rispetto alle patologia del liquido amniotico individuare la risposta errata: A) il poliamnios si riscontra nella gravida diabetica B) l oligoamnios può essere associato a malformazioni congenite relative alle vie escretrici del feto C) il poliamnios è associato ad atresia esofagea del feto D) l oligoamnios è associato a iposviluppo fetale E) si parla di poliamnios quando la quantità del liquido amniotico è superiore a 1000 ml* 10. Tra gli acronimi/sigle sotto-elencate, adottate nella pratica ostetrica, individuare la risposta errata: A) D.B.P. : diametro biparietale del feto B) C.R.L. : lunghezza vertice-sacro dell embrione C) O.C.T. : test ossitocina (Oxytocin challenge test) D) M.A.F. : Movimenti attivi follicolari* E) A.F.I. : Amniotic fluid index 2 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

5 11. Una paziente in 4 giornata postoperatoria chiama l infermiere nel tardo pomeriggio riferendo un dolore in sede di incisione chirurgica pari a 5 su scala NRS. Il giorno precedente è stata sospesa la terapia per via peridurale e impostato un trattamento con Perfalgan (paracetamolo) 1000 mg 1 filala due volte al giorno. Quale intervento è corretto? A) rassicura la signora avvisandola che fra un ora è previsto l analgesico.. B) fornisce un supporto emotivo, indica alla signora che il dolore è normale in questa fase C) rileva i parametri vitali per indagare meglio la presenza e natura del dolore riferito D) consiglia alla signora di richiamare se il dolore dovesse peggiorare E) anticipa la terapia analgesica prevista* 12. La badante di una anziana signora al momento del ricovero in ginecologia per un intervento comunica che la sua signora normalmente sente lo stimolo alla minzione ma non è in grado di andare in bagno. La signora necessita di aiuto ed è sovrappeso. Come gestire questo bisogno? A) eseguire dei cateterismi estemporanei B) posizionare un catetere vescicale a permanenza C) mettere il pannolone D) fornire il campanello per chiamare e mettere la padella quando sente lo stimolo* E) suggerire ai famigliari la necessità della presenza della badante durante il ricovero 13. Durante una visita domiciliare la figlia che assiste l anziana madre riferisce che ha la febbre da 2 giorni e che ha applicato due coperte, le ha preparato un brodo di carne e posizionato un impacco freddo a livello inguinale. L infermiere delle cure domiciliari quali consigli dovrebbe fornire? A) sta gestendo la signora Rita in modo corretto, continui in questo modo B) le consiglierei di togliere le coperte * C) le consiglierei di applicare l impacco freddo a livello frontale D) eviterei di farle assumere il brodo di carne E) consultare il medico per una terapia antibiotica 14. L infermiere/ostetrica, responsabile dell assistenza di un gruppo di malate, in base alle informazioni ricevute nel corso della visita medica identifica le attività da gestire con priorità e/o tempestività. Indicare la risposta contenente le azioni prioritarie A) somministrare 800 ml di H 2 O tramite sondino nasogastrico al paziente che oggi ha inserito il sondino; rimuovere catetere vescicale e controllare la diuresi al paziente con pregressa ritenzione urinaria B) somministrare 10 UI di insulina rapida s/c e successivamente ricontrollare lo stick glicemico: predisporre infusione con glucosata 5% + 10 meq di NaCl alla signora con iposodiemia* C) sospendere terapia infusionale e rimuovere ago cannula; cambiare la medicazione dell ulcera del piede alla signora con diabete D) prenotare visita cardiologica, pesare ed eseguire ECG di controllo al paziente entrato da tre giorni per scompenso E) impostare monitoraggio glicemico pre e postprandiale; medicare lesione da decubito e programmare consulenza fisioterapica alla signora con ictus Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 3

6 15. Una studentessa deve eseguire i prelievi ematici a due pazienti: Angela, di 75 anni, in preparazione a intervento di ernia inguinale e Anna, operata il giorno prima, di cui si conosce la positività HBV. Si prepara i seguenti dispositivi di protezione individuale: per Angela guanti monouso, per Anna mascherina, occhiali antischizzo, guanti. Considerate le evidenze contenute nelle Linee guida sui dispositivi individuali Lo studente: A) adotta un comportamento corretto B) dovrebbe utilizzare per Angela guanti monouso, per Anna occhiali antischizzo, guanti, mascherina e camice protettivo C) dovrebbe utilizzare occhiali antischizzo, guanti, mascherina e camice protettivo in entrambi i casi D) dovrebbe utilizzare guanti monouso e occhiali antischizzo in entrambi i casi* E) dovrebbe utilizzare solo i guanti monouso in entrambi i casi 16. Una signora viene alimentata tramite PEG ed assume il seguente schema terapeutico - Alimentazione dalle ore 10 alle e dalle 23 alle Acido Acetilsalicilico 100mg (Cardioaspirina ) 1 c /die - Furosemide ( Lasix ) 25 mg 1c + 1c - Lansoprazolo (Lansox orodispersibile )30 mg 1c - Alprazolam (Xanax ) cp Quale fra i seguenti schemi terapeutici predisponi per la signora? orari A) Cardioaspirina 100mg 1c Lasix 25 1cp 1c 1c Lansox 30 mg 1c Xanax cp 1cp B) C) D) * E) orari Cardioaspirina 100mg 1c Lasix 25 1cp 1c 1c Lansox 30 mg 1c Xanax cp 1cp orari Cardioaspirina 100mg 1c Furosemide 25 1cp 1c 1c Lansox 30 mg 1c Xanax cp 1cp orari Cardioaspirina 100mg 1c Furosemide 25 1cp 1c 1c Lansox 30 mg 1c Xanax cp 1cp orari Cardioaspirina 100mg 1c Furosemide 25 1cp 1c 1c Lansox 30 mg 1c Xanax cp 1cp 4 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

7 17. Nel delirium del paziente anziano vi è compromissione: A) solo dell'attenzione B) di tutte le funzioni cognitive* C) solo della memoria D) solo dell'orientamento temporo-spaziale E) solo della memoria a breve termine 18. È stato prescritto di somministrare Elopram 16 mg. Il farmaco è disponibile come Elopram gocce 40 mg/ml. La confezione riporta 1ml = 20 gtt (gocce). Quante gocce si devono somministrare? A) 32 gtt B) 50 gtt C) 5 gtt D) 8 gtt* E) 24 gtt 19. Alla signora Carla viene prescritta un infusione di dopamina ad un dosaggio di 4 mcg/kg/min. A quanti ml/h deve essere infusa la soluzione considerando che la signora Carla pesa 70 kg e la soluzione è composta da glucosata 5% 200ml + Revivan (dopamina) 400 mg? A) 2.8 ml/h B) 10.4 ml/h C) 14,8 ml/h D) 8.4 ml/h* E) 28 ml/h 20. Nelle donne, il rischio di disturbi dell'umore è particolarmente elevato: A) nella pubertà B) nel primo trimestre di gravidanza C) nel periodo postpartum* D) prima del matrimonio E) nel periodo premenopausale 21. Il signor Mario è affetto da demenza di grado moderato. Viene ricoverato per iperpiressia, decadimento delle condizioni generali e aggravamento della disfagia. E seguito a domicilio dalla moglie e da alcuni giorni da una badante. Durante il ricovero entrambe vengono educate rispetto alla gestione della disfagia. Durante il pasto l infermiere si ferma per supervisionare la badante mentre imbocca il signor Mario e nota che la badante posiziona comodamente Mario seduto con la schiena dritta; quando lo imbocca tiene una mano sulla fronte per accompagnare la deglutizione con un lieve movimento all indietro della testa. Nel passato di verdura aggiunge dell addensante; lo aggiunge anche nell acqua che somministra poi utilizzando per comodità uno schizzettone. Dopo il pasto fa mantenere a Mario la posizione seduta. L infermiere deduce che l assistente (badante) necessita di: A) addestramento rispetto al posizionamento del corpo, del capo durante il pasto e in fase di deglutizione B) addestramento rispetto al posizionamento del corpo e alle modalità di somministrare liquidi durante la giornata C) addestramento rispetto a posizione del capo durante il pasto e in fase di deglutizione e modalità di somministrare liquidi durante la giornata* D) intervento educativo completo rispetto alla gestione della disfagia e alla scelta degli alimenti E) un rinforzo positivo perché sta adottando comportamenti corretti Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 5

8 22. In previsione della dimissione di un paziente con cirrosi epatica compensata quali informazioni relative ai segni e sintomi di peggioramento del quadro clinico ritieni importante trasmettere al paziente e al caregiver? A) Aumento del peso superiore a 500g/die, oliguria,confusione mentale, sanguinamenti * B) Aumento del peso superiore a 200g/die, presenza edemi anche dopo il riposo notturno,poliuria C) Diminuzione del peso pari a 200g/die, poliuria, confusione mentale, sanguinamenti D) Aumento del peso superiore a 200g/die, oliguria, confusione mentale, vertigini E) Diminuzione del peso superiore a 500g/die, diarrea, presenza edemi dopo il riposo notturno, oliguria 23. Ad un paziente di 50 Kg si devono somministrare 3 volte al giorno 25 mg di un farmaco per Kg di peso corporeo. Avendo a disposizione una soluzione di farmaco alla concentrazione di 15g/100 ml quanti ml di soluzione occorrono per 10 giorni di terapia? A) 250 ml* B) 25 ml C) 18 ml D) 180 ml E) 50 ml 24. Si devono somministrare 250mg di un farmaco, aspirandoli da una fiala da 10 ml in soluzione al 5%. Quanti ml di soluzione si dovranno aspirare? A) 10 ml B) 5 ml* C) 2,5 ml D) 1 ml E) 0,5 ml 25. Si vogliono iniettare 200 mg di un farmaco, aspirandolo da un flacone da 10 ml contenente il 5% di sostanza; quanta soluzione si deve aspirare? A) 4 ml* B) 0,4 ml C) 2 ml D) 0,2 ml E) 5 ml 26. Indicare la causa più frequente di sterilità femminile (valore percentuale): A) genetica B) ormonale (assenza di ovulazione)* C) vaginale D) uterina E) tubarica 27. Rispetto ai fenomeni tipici nell evento nascita, individuare la definizione errata: A) i morsi uterini sono manifestazioni dolorose in sede uterina durante la fase dilatante del travaglio * B) le lochiazioni sono perdite ematiche che provengono dalla cavità uterina in puerperio C) la marcatura in travaglio è un segno di evoluzione della dilatazione della bocca uterina D) per effetto Poseiro si intende la sindrome ipotensiva supina nella gravida/partoriente E) il premito è la sensazione di spinta nella donna partoriente 6 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

9 28. Rispetto alla conformazione del vestibolo vaginale, individuare la risposta errata: A) è visibile divaricando le piccole labbra B) è costituito dal Monte di Venere* C) contiene il meato uretrale D) contiene gli orifici dei dotti escretori delle ghiandole di Bartolino E) contiene l imene 29. L ipertensione gestazionale è legata ad una serie di fattori di rischio. Tra quelli materni, individuare la risposta errata: A) pluriparità* B) gemellarità C) età superiore a 35 anni D) obesità E) dieta ipercalorica 30. La manovra di Rigter viene utilizzata nella pratica ostetrica. Individuare la sua finalità, indicando la risposta errata: A) serve per valutare la dilatazione cervicale nella prima fase del travaglio attraverso l esplorazione B) serve per favorire l espulsione della testa al momento del parto, agendo con il palmo della mano sul perineo* C) serve per valutare lo sviluppo uterino a termine di gravidanza utilizzando il nastro metrico D) serve per rilevare le contrazioni uterine durante il travaglio con la palpazione addominale E) serve per valutare la dimensione del feto in gravidanza mediante l ecografo 31. La rottura di utero spontanea è associata a diversi fattori di rischio. Indicare la risposta errata: A) multiparità B) idrocefalia C) spinte espulsive intense* D) sproporzione feto-pelvica E) presentazioni anomale 32. In un reparto chirurgico l infermiere/ostetrica indica che per indossare in modo corretto ed efficace le calze elastiche a compressione graduata è necessario infilarle: A) al mattino prima di alzarsi stando seduti sul bordo del letto B) dopo l igiene personale in bagno stando con le gambe distese sul piano del letto C) stando in piedi dopo aver svolto qualche passo D) al mattino prima di alzarsi e con la gamba alzata* E) dopo avere deambulato o svolto esercizi fisioterapici in posizione seduta 33. Nella comunicazione professionale le risposte non dovrebbero essere vaghe ma precise e dirette. In un colloquio con una signora che afferma La situazione con i miei figli comincia a sfuggirmi di mano. Siamo al punto che non danno ascolto né a me né a mio marito se non quando li minacciamo. Ma a nessuno piace dover sempre minacciare i propri figli, vero? Quale tra le seguenti risposte è la più specifica A) mi sta dicendo che i suoi figli sono troppo ribelli. B) se ho ben capito, i suoi figli si comportano male a meno che lei o suo marito non li minacciate* C) mi vuole dire che è difficile fare i genitori oggi ed avere ubbidienza dai figli D) in altre parole, non vuole essere costretta ad agire in questo modo E) se ho ben capito, questo modo di comportarsi non le va a genio Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 7

10 34. Supponiamo che durante l orario di consultazione al Consultorio familiare state parlando da circa mezz ora con una ragazza di sedici anni che ha problemi con i genitori. Vi dice : Mi trattano come se avessi dodici anni anziché sedici. Fai questo, stai qui, no, non ti lasciamo andare. Forse non mi comporto sempre da persona adulta, ma credo di essere diventata un po più responsabile. E come se non volessero perdermi di vista per paura di quello che potrei fare. Lo facciamo per te mi dicono. Non vedo l ora di andarmene Quale delle seguenti possibili risposte è la più efficace A) sei arrabbiata perché i tuoi genitori non ti permettono di assumerti le tue responsabilità, al giorno d oggi non è facile dare fiducia ai giovani con tutto quello che si sente B) non è facile vivere al giorno d oggi né per i figli né fare i genitori. C) sei scoraggiata perché non puoi dimostrare di essere grande abbastanza da poterti assumere le tue responsabilità e vuoi dimostrarlo. Un primo passo da fare in questo senso potrebbe essere compilare un elenco di tutto ciò che potresti fare per dimostrarti responsabile agli occhi dei tuoi genitori; * D) in altre parole, i tuoi genitori sembrano essere troppo protettivi, hanno paura di lasciarti crescere, ma sono come tutti i genitori. E) provi un senso di frustrazione perché non riesci a far capire ai tuoi genitori che sei cresciuta e vorresti dimostrarglielo chiaramente 35. Cos'è il transfert? A) la reazione emotiva dello psicoanalista a espressioni e comportamenti dell'analizzato B) la ripetizione di vissuti infantili, incongrui con la situazione attuale, spostati sullo psicoanalista* C) un meccanismo di difesa che consiste nel negare i propri conflitti D) un meccanismo di difesa che consiste nel proiettare all'esterno i vissuti inaccettabili E) esteriorizzazione dei conflitti interiori 36. Nel sonno REM si verificano: A) ipertono muscolare e scialorrea B) movimenti oculari rapidi e atonia muscolare* C) risveglio ed euforia D) paralisi transitorie dei muscoli oculari estrinseci E) dispnea, acufeni, tetraparesi spastica 37. A quale classe di composti appartengono i trigliceridi? A) carboidrati B) esteri* C) chetoni D) steroli E) eteri 38. Qual è il fabbisogno calorico giornaliero di un uomo, in condizioni di riposo? A) 100 Kcal/kg di peso desiderabile B) 80 Kcal/kg di peso desiderabile C) 60 Kcal/kg di peso desiderabile D) 30 Kcal/kg di peso desiderabile* E) 10 Kcal/kg di peso desiderabile 39. Qual è il potere calorico fisiologico medio di 1 g di lipidi? A) 5 Kcal/g B) 8,3 Kcal/g C) 9,3 Kcal/g* D) 12 Kcal/g E) 13 Kcal/g 8 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

11 40. L'indice di massa corporea indica obesità nell'uomo adulto se: A) compreso tra 18 e 22 B) inferiore a 14 C) compreso tra 22 e 28 D) superiore a 30* E) superiore a Nel campo della. la situazione della sicurezza non è buona ed esistono ampi margini di miglioramento: La quantificazione degli incidenti risulta chiaramente dai dati del Rapporto annuale del sistema di emovigilanza inglese, l incidenza degli errori che portano alla trasfusione di unità di emocomponenti errati al paziente è del 71%, ben maggiore della somma dell incidenza di tutti gli altri incidenti della trasfusione. Questa tipologia di incidente, quasi esclusivamente dovuto a errore umano, può determinare l insorgenza del danno più grave legato alla trasfusione: la. da incompatibilità AB0, potenzialmente fatale (10% di decessi). Il riscontro degli incidenti che determinano danno clinico al paziente è solo la punta dell iceberg che, oltre a questi fortunatamente rari incidenti, comprende anche tutti gli incidenti trasfusionali in cui sono state trasfuse unità AB0- compatibili e tutti quelli che avrebbero potuto causare una trasfusione sbagliata, ma che sono stati intercettati prima dell accadere dell evento (.). A) transfusion safety, reazione emolitica acuta, near miss* B) blood safety, reazione, hazard C) transfusion safety, reazione, errore umano D) blood safety, syndrome, hazard E) transfusion safety, reazione emolitica acuta, errore di identificazione del paziente 42. Per reazione avversa da farmaci specifica si intende: A) un evento clinico avverso che ha come unica causa un determinato farmaco e non avviene naturalmente o per altre cause* B) un evento clinico avverso causato da un farmaco con uno specifico meccanismo d azione C) un evento clinico avverso che viene attribuito specificatamente ad una classe di farmaci piuttosto cha ad un altra D) un evento clinico avverso che ha come concausa uno specifico fattore oltre al farmaco (es. l età del paziente) E) un evento clinico avverso che compare specificatamente in alcuni tipi di pazienti rispetto ad altri. Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 9

12 Nella dottrina psicologica e pedagogica contemporanea assistiamo alla nascita di due prospettive relative al gioco; la prima costruisce un autentica pedagogia dell atteggiamento ludico, a carattere puerocentrico, che ha interpretato il gioco come primum della dinamica formativa. Si tratta di una prospettiva che ha il suo modello storico in Froebel e che si è sviluppata attraverso l esperienza attivistica: il principio regolatore dell animazione sociale e culturale che si radica in una nuance poliforme dell attività ludica, intrecciata indissolubilmente all immaginazione, alla creatività, alla libertà. Accanto a questa corrente neo-froebeliana c è un indirizzo di psicologia funzionalistica che si proietta sulla dimensione didattica, utilizzando il fenomeno del gioco in termini scientifici e sperimentali; è la linea della Montessori, di Decroly, di De Bartolomeis, che si è evoluta nel senso della pedagogia e delle sue recenti acquisizioni. Queste due prospettive, puerocentrica e sperimentale, non esauriscono tout-court le problematiche di una possibile teoria globale del gioco, e si può riconoscere una terza via, interpretativa e comprendente, che studia l attività ludica in relazione con la psicologia dello sviluppo, e i temi ad essa collegati della vita cognitiva ed emotiva. Tale linea comprendente supera le istanze della pedagogia e della psicologia classicamente intese, e si svolge nel segno di una Weltanschauung molto più eclettica, aperta ai contributi di tutta la rubrica delle scienze umane. Per Donald W. Winnicot il gioco rientra tra i fenomeni transazionali, quelle attività nelle quali il soggetto in età evolutiva esperisce il passaggio dalla dipendenza all autonomia, imparando a star solo conservando una certa fiducia in una realtà positiva che lo protegge. Secondo la riflessione di Donald W. Winnicot il soggetto in età evolutiva, che è stato a sua volta oggetto di cura parentali da parte della madre, può gradualmente emanciparsi dalla sensazione di sentirsi un entità non distinta dalla madre, entrando in una fase di interazione e di elaborazione dei simboli radicati nella sua esperienza del mondo. Il gioco è un fenomeno transazionale come altre attività di tipo espressivo e creativo, che può servirsi di particolari giocattoli (come orsi di peluche o bambole) o oggetti usati per scopi ludici. Il gioco partecipa pienamente di queste attività potenziali e sperimentali, con l attivazione di una dimensione linguistica solipsistica e dell immaginazione come chiave di accesso alla realtà. Per questa via, Winnicot sembra sintetizzare i contributi più significativi della psicologia dello sviluppo; riconducibili a questo settore di studi sono i nomi di tre illustri modelli della cultura novecentesca, cioè Jean Piaget, Lev Semenovic Vigotskij, Melanie Klein. (da Domenico Turco, La funzione del gioco nella prassi formativa, adattato da Selexi S.r.l.) 43. In base alle informazioni contenute nel brano, quale delle seguenti alternative è deducibile? A) il modello sperimentale si svolge nel segno di una Weltanschauung molto più eclettica rispetto al modello puerocentrico B) la prospettiva di Melanie Klein si è sviluppata attraverso il principio regolatore dell animazione sociale e culturale C) Froebel difende un indirizzo di psicologia funzionalistica che si proietta sulla dimensione didattica D) la prospettiva sperimentale, insieme alla prospettiva puerocentrica di Froebel, esaurisce tutte le problematiche di una possibile teoria globale del gioco E) l attività ludica può essere studiata in relazione alla psicologia dello sviluppo e ai temi della vita cognitiva ed emotiva.* 44. Quale potrebbe essere il titolo del brano? A) teoria del gioco nella psicologia dello sviluppo B) l evoluzione della funzione del gioco C) l atteggiamento ludico nei bambini D) l importanza del gioco nella psicologia sociale E) gioco e simbologia degli affetti* 45. In base a quanto riportato nel brano, è possibile dedurre che il medico, psichiatra e pedagogista belga Decroly: A) fonda la propria didattica sulla teoria dei centri d interesse B) si concentra sulla dimensione didattica, utilizzando il fenomeno del gioco in termini scientifici e sperimentali* C) interpreta il gioco come primum della dinamica formativa D) sviluppa una teoria basata sul modello di Fröbel E) difende la prospettiva dell atteggiamento ludico, a carattere puerocentrico 10 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

13 Sul Corriere della Sera di qualche giorno fa c era la notizia che su Internet grandi motori di ricerca metteranno a nostra disposizione milioni di libri e ci si domandava se questo avrebbe comportato la scomparsa delle biblioteche a cui siamo abituati da secoli [ ] Ma il vero grande pericolo di questa trasformazione mi sembra un altro: [ ] Chi farà la scelta? Quali criteri seguirà nel prendere e nello scartare? Alcune previsioni non è facile farle. La storia è sempre stata scritta da chi ha il dominio politico, culturale e tecnologico. Egli ha imposto la sua lingua e la sua visione del mondo. [ ] Oggi chi deciderà cosa è importante leggere e che cosa non lo è? Coloro che dominano la cultura mondiale con la loro potenza e con la loro lingua: gli anglosassoni. [ ] Questo e non altro è il pericolo. La perdita di tutto ciò che è diverso, deviante, non capito, non visto, rifiutato. Perché io dico ai governi, agli studiosi di tutti i paesi del mondo: per favore, salvate il nostro passato [ ] Lottate per inserire nella grande biblioteca tutto ciò che potete del vostro patrimonio nazionale, nella lingua originale. Tutto, non solo quello che vi pare buono e quello che vi pare cattivo ora. Perché saranno gli storici, gli studiosi, gli uomini del futuro a decidere cosa era o non era importante. La Chiesa cattolica medieovale non avrebbe messo il Corano tra i libri da salvare e oggi gli integralisti islamici non vi metterebbero la Divina Commedia [ ] (da Francesco Alberoni, Pubblico e privato, Corriere della sera, 26/04/ Individuate, tra i titoli proposti, il solo che si adatta pienamente all articolo citato: A) salvate l italiano (e altre lingue) nella superbiblioteca* B) rifiutiamo di piegarci all uso diffuso della lingua inglese C) un nuovo motore di ricerca: la cultura universale senza esclusioni di sorta D) presto su Internet uno specchio fedele ed esauriente di tutta la storia dell uomo E) con Internet, non più censura culturale 47. Individuate, tra le considerazioni sotto elencate, la sola rigorosamente dedotta dal testo citato di Alberoni: A) nella biblioteca di Internet l unico problema del lettore è quello di scegliere quale leggere tra milioni di testi B) è naturale che su Internet non tutte le testimonianze del passato vengano conservate, e a ciò bisogna rassegnarsi ed adeguarsi C) la scomparsa delle biblioteche tradizionali può e deve essere contrastata in tutti i modi D) gli italiani, come gli altri, dovrebbero battersi per salvare il proprio patrimonio culturale e la propria lingua* E) il Corano e la Divina Commedia sono opere a forte rischio di scomparsa 48. Le enunciazioni di principio qui riportate sono tutte alla base del discorso di Alberoni, eccetto una. Individuatela: A) in ogni cultura ci possono essere elementi preziosi, e non sempre i migliori giudici in merito sono i contemporanei B) sono sempre stati i vincitori, i detentori del potere a scrivere la storia C) l uso di nuovi mezzi di comunicazione comporta, come ogni novità, dei rischi di cui è bene tenere conto D) la difesa della propria lingua non è un atto di superbia nazionalistica, ma un dovere bei confronti dei posteri E) sbaglia chi si ostina a conservare il maggior numero possibile di opere: in ogni cultura ci sono cose che meritano di essere dimenticate per sempre* 49. Un forestiero, in una città di abitanti, racconta una storia così straordinaria che i 3 amici, a cui l'ha raccontata, la raccontano ognuno a 3 persone. Queste 9 persone a loro volta la raccontano ognuno ad altre 3 persone e così via. Ammettendo che la storia sia stata raccontata alle 8 del mattino e che occorra un quarto d'ora per raccontarla, a che ora sarà conosciuta dall'intera città? A) dopo mezzogiorno B) solo verso sera, intorno alle C) prima delle del mattino* D) dopo 24 ore E) dopo 1 ora 1 45 minuti Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 11

14 50. Scartare una delle cinque rappresentazioni grafiche. A) figura A B) figura B C) figura C* D) figura D E) figura E 51. Quale tra le seguenti affermazioni non è contenuta nel Codice Deontologico dell infermiere: A) l infermiere, nel caso di conflitti determinati da diverse visioni etiche, si impegna a trovare la soluzione attraverso il dialogo. Qualora vi fosse e persistesse una richiesta di attività in contrasto con i principi etici della professione e con i propri valori, si avvale della clausola di coscienza, facendosi garante delle prestazioni necessarie per l incolumità e la vita dell assistito. B) l'infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiorna saperi e competenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull'esperienza e la ricerca. Progetta, svolge e partecipa ad attività di formazione. Promuove, attiva e partecipa alla ricerca e cura la diffusione dei risultati. C) l'infermiere assume responsabilità in base al proprio livello di competenza e ricorre, se necessario, all'intervento o alla consulenza di infermieri esperti o specialisti. Presta consulenza ponendo le proprie conoscenze ed abilità a disposizione della comunità professionale. D) l'infermiere si attiva per l'analisi dei dilemmi etici vissuti nell'operatività quotidiana e promuove il ricorso alla consulenza etica, anche al fine di contribuire all approfondimento della riflessione bioetica. E) l infermiere si impegna nei confronti della persona assistita a presentarsi al primo incontro, spiegare chi è e cosa può fare per lui, farsi riconoscere attraverso la divisa e il cartellino di riconoscimento.* 52. La Legge 42/1999 in materia di personale sanitario: A) suddivide il suddetto personale in due categorie: di professioni sanitarie e professioni sanitarie ausiliarie B) suddivide il suddetto personale in tre categorie: di professioni sanitarie, professioni sanitarie ausiliarie e arti ausiliarie della professioni sanitarie C) supera tutte le precedenti terminologie nell unica dizione professioni sanitarie* D) istituisce la Dirigenza per le professioni sanitarie E) differenzia le competenze mediche da quelle delle professioni sanitarie 53. Nell'ambito della colpa generica, imperizia significa: A) avventatezza B) svogliatezza e leggerezza C) superficialità e carenza di sollecitudine D) carenza della preparazione tecnica adeguata e necessaria* E) disattenzione e dimenticanza 54. Per la legge sulla tutela dei malati di mente, il trattamento sanitario obbligatorio prevede la durata: A) un mese B) di quindici giorni C) di quindici giorni prolungabili su richiesta motivata al Sindaco D) di sette giorni prolungabili su richiesta del Prefetto E) di sette giorni prolungabili su richiesta motivata al Sindaco* 12 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

15 55. Quali sono i requisiti medico-legali della malattia professionale? A) la malattia deve determinare almeno quaranta giorni di inabilità B) la malattia deve essersi manifestata dopo una esposizione allo specifico rischio professionale di almeno un anno C) la malattia deve dipendere dall'esposizione prolungata del lavoratore a sostanza nociva presente nell'attività lavorativa e deve rientrare in apposita lista o esserne dimostrata la causa lavorativa* D) la malattia deve essere ricompresa in uno specifico elenco e non può essere ammessa all'indennizzo, malattia che non ne sia compresa, dell'infortunio non hanno alcuna ristrettezza E) la malattia deriva da un'esposizione allo specifico rischio concentrata nel tempo 56. Per quale periodo di tempo il dipendente assente per malattia ha diritto alla conservazione del posto: A) per tutta la durata del periodo di malattia B) per un periodo non inferiore a sei mesi C) per un periodo di 18 mesi* D) per un periodo di 12 mesi rinnovabili E) se di ruolo per un periodo illimitato 57. Quale tra le seguenti affermazioni relative al testamento biologico non è vera : A) è l'espressione della volontà di una persona, sulle terapie che intende o non intende accettare se dovesse trovarsi nella condizione di non poter esprimere il proprio diritto di scegliere se essere sottoposto o meno a trattamenti permanenti con macchine artificiali che impediscano una normale vita di relazione B) l'italia ha ratificato nel 2001 la Convenzione sui diritti umani e la biomedicina (L. 28 marzo 2001, n.145) di Oviedo del 1997 che stabilisce che «i desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione» C) il Testamento biologico è stato recepito solo recentemente in Italia con una legge* D) il documento del Comitato Nazionale di Bioetica afferma che i medici dovranno non solo tenere in considerazione le direttive anticipate scritte su un foglio firmato dall'interessato, ma anche documentare per iscritto nella cartella clinica le sue azioni rispetto alle dichiarazioni anticipate, sia che vengano attuate o disattese E) in attesa di una legge che regoli la materia è in atto, in molti comuni italiani, è stata promossa una raccolta della dichiarazione anticipata di trattamento dei cittadini residenti nel territorio interessato 58. Decidi di affidare ad un OSS la mobilizzazione di una paziente operata di isterectomia in via laparotomica in 2 giornata postoperatoria. Sulla base di quali valutazioni hai deciso di affidare tale attività? A) è già stata mobilizzata, non ha avuto problemi e le attuali condizioni di salute sono stabili* B) non ha ulteriori perdite dai drenaggi e le condizioni attuali di salute sono stabili C) è già stata mobilizzata, la PA di ieri era 130/70 mmhg D) non è mai stata mobilizzata, ma le condizioni attuali sono buone E) la PA di ieri si è mantenuta sui 130/70 mmhg e non ha perdite dai drenaggi 59. L obbligo di non rivelare il segreto professionale è: A) un obbligo giuridico ma non deontologico B) non è un obbligo giuridico, ma solo deontologico C) è un obbligo giuridico per tutelare il paziente * D) è un obbligo deontologico per tutelare il paziente E) è un obbligo giuridico e deontologico 60. La lista dei componenti di un Comitato etico: A) deve essere sempre resa pubblica* B) deve essere resa pubblica solo per le strutture sanitarie private C) deve essere resa pubblica solo per le strutture sanitarie profit D) può essere resa pubblica E) non deve essere resa pubblica Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 13

16 61. Dovendo produrre una miscela a due componenti A e B il cui rapporto in peso è 1,75 : 1 e avendo a disposizione 50 gr di A. Quanto B devo impiegare? A) 50 * 1,75 B) ,75 C) 50 / 1,75* D) 1,75 / 50 E) 50 + ( 50 / 1,75 ) 62. Cosa rappresenta 16 dozzine A) 16 / 12 B) 12 / 16 C) D) 16 * 12 * E) (16-12)* Considerate la seguente tabellina. Qual è la percentuale di soggetti che pratica sport tra i non fumatori? A) (54/198)*100=27.3% B) (54/103)*100=52.4% * C) (54/86)*100=62.8% D) (86/198)*100=43.4% E) (86/103)*100=83.5% 14 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

17 64. In un campione di 70 sciatori abituali viene valutato il numero di fratture per soggetto tra il 1990 ed il La distribuzione di frequenze è presentata attraverso il seguente istogramma a barre. La moda della variabile numero di fratture è A) 4 fratture B) 2 e 3 fratture C) Non è possibile calcolare la moda D) 0 fratture* E) 0 e 1 fratture 65. Su 10 soggetti è stata misurata la pressione diastolica ottenendo una media di 135 mmhg; la stessa misurazione è stata effettuata su altri 50 soggetti e si è ottenuta una media pari a 115 mmhg; qual è la media della pressione sui 60 soggetti? A) mmhg B) mmhg C) 125 mmhg D) 130 mmhg E) mmhg* 66. In un periodo di 3 mesi, i giorni di assenza per malattia di 15 operai in una piccola fabbrica sono i seguenti: 39, 0, 1, 1, 10, 0, 1, 5, 0, 2, 0, 0, 1, 0, 0. La mediana è pari a: A) 8 B) 1* C) 0.5 D) 0 E) La ROM è: A) una parte della RAM B) contenuta nell hard disk C) il sistema operativo D) la memoria ad accesso casuale E) una memoria di sola lettura* Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 15

18 68. Per approfondire la tematica del turnover infermieristico trovi i seguenti articoli, dai titoli quale ti sembra il più pertinente? A) the effects of job characteristics and individual characteristics on job satisfaction and burnout in community nursing. B) nursing leadership and management effects work environments. C) outcomes of Interventions to Improve Hospital Nursing Work Environments. D) effect of perceptions of pay equity on employees motivation, involvement, satisfaction and performance. E) nurses leaving intentions: antecedent and mediating factors. * 69. The patient who refuses nursing care When a patient refuses nursing care, nurses respond by giving information until the patient finally accedes to the procedure. Nurses will go to great lengths to achieve patients agreement to the procedure, but the extent to which the agreement remains voluntary cannot be ascertained by the data collected in this study. If the patient does not eventually agree to a procedure, there is evidence that nurses will administer the care in the absence of consent. A) nurses do not spend much waiting for the patient s consent B) if patients do not agree to the treatment, the care will not be administered C) if patients do not agree to the treatment, the care will be administered* D) nurses do not give information to the patient in order to accede to the procedure E) the information gathered in the study proves that the consent is always voluntary 70. I seguenti dati, relativi al mercurio a temperatura ambiente, sono tutti corretti ECCETTO UNO. Quale? A) densità assoluta = 13,6 g/cm3 B) densità assoluta = 13,6 kg/m3* C) densità relativa = 13,6 D) peso specifico assoluto = 136 N/dm3 E) volume specifico = 1/13,6 cm3/g 71. Una "complicanza" del processo del lutto può più frequentemente condurre a: A) attacchi di panico B) crisi catatoniche C) depressione* D) episodi schizofrenici E) nessuno dei casi indicati 72. Il "Problem Solving" si riferisce a: A) la capacità di comprendere ed eseguire comandi scritti B) la soluzione di conflitti inconsci problematici C) la capacità di risolvere problemi matematici D) la capacità di elaborare calcolo mentale complesso E) deriva dalla psicologia cognitiva e si riferisce alla capacità di identificare e risolvere i problemi in generale.* 73. Quale dei seguenti studiosi ha introdotto il concetto di "inconscio collettivo"? A) Mead B) Freud C) Kardiner D) Ey E) Jung* 16 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

19 74. Le seguenti affermazioni descrivono concezioni e riti sulla morte nelle diverse culture-religioni. Indica l esatta sequenza di Vero o di Falso: Non è generalmente accettabile nascondere a un buddista il fatto che sta morendo, perché il momento che precede la morte è molto importante per la sua salvezza e deve prepararsi. Nell Islamismo la morte è presentata come un cammino verso Dio, ineluttabile. Tutto quello che succede (malattia, dolore, morte) è voluto e permesso da Dio, e va accettato, per questo non è ammissibile il cosiddetto accanimento terapeutico, talora nemmeno la sedazione del dolore è accettata. Nell Islam la cura della salma deve essere fatta dalla famiglia: uomini per uomini, donne per donne. Il personale può toccare la salma solo con i guanti. L eutanasia, la cremazione e l autopsia sono proibite (salvo che per motivi medico legali). Prima della morte i cattolici praticanti desiderano la somministrazione di sacramenti e il sacerdote va chiamato quando il paziente è ancora cosciente. Nella cultura ebraica se il decesso avviene di sabato, i giudei non possono toccare il corpo, quindi tocca al personale farlo indossando sempre i guanti. A) V,V,V,V,V,* B) F,V,V,V,F C) FFV,V,V, D) V,V,V,FF, E) V,F,V,V,F 75. Scegli la definizione più appropriata per educazione non formale : A) ogni attività educativa organizzata al di fuori del sistema di istruzione formale e che offre specifici percorsi formativi rivolti a particolari gruppi di persone;* B) l esperienza quotidiana attraverso cui ogni individuo acquisisce attitudini, valori, abilità e conoscenze utili per la sua maturazione; C) la parte del sistema di istruzione che si occupa della formazione professionale; D) i percorsi di tirocinio professionale pensati per l acquisizione di competenze relazionali; E) gli aspetti emotivo-affettivi della relazione educativa. 76. Psicologia significa etimologicamente: A) studio dei comportamenti B) analisi dei comportamenti C) studio dell anima* D) spirito ed emozioni E) logica dei popoli 77. La pulsione è un concetto cardine della teoria: A) psicoanalitica* B) comportamentista C) cognitivista D) wundtiana E) sistemica 78. La parola Gestalt significa: A) forma* B) unità C) inconscio D) comportamento E) emozione Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori. 17

20 79. Tutte le informazioni necessarie per l attribuzione di un paziente ad uno specifico DRG sono contenute: A) solo nella cartella clinica B) nella scheda di dimissione ospedaliera* C) nella relazione sanitaria di dimissione D) nell anagrafe sanitaria dell ulss E) nel registro di sala operatoria 80. Con comunicazione non verbale si intende: A) le intenzioni del mittente, che si esprimono attraverso il linguaggio del corpo B) è quella parte della comunicazione che comprende tutti gli aspetti di uno scambio comunicativo non concernenti il livello puramente semantico del messaggio* C) è quella parte della comunicazione che riguarda atteggiamenti e motivazioni D) lo scambio di sguardi tra mittente e ricevente. Comunicazione che spesso disconferma quanto precisato nella comunicazione verbale E) la capacità degli animali di comunicare attraverso il movimento 18 Diritti Riservati. La riproduzione e l uso di questo materiale sono vietati senza l autorizzazione degli autori

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa ASSISTENZA INFERMIERISTICA NEL POST

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig.

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig. d insieme di quanto già fatto nel corso dei tuoi studi ed aiutando modo più facile ed efficace le attività future. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Informazione e consenso all anestesia

Informazione e consenso all anestesia Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato Informazione e consenso all anestesia Roberto Zoppellari Direttore UO Anestesia e Rianimazione Ospedaliera roberto.zoppellari@unife.it

Dettagli

Scheda per accertamento - MAP

Scheda per accertamento - MAP SISTEMA NERVOSO 1 responsività responsività responsività COSCIENZA Vigile Soporosa Non responsiva ORIENTAMENTO Orientata Disorientata Confusa Funzione dell'orientamento non valutabile in quanto persona

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

COMMISSIONE IGIENE E SANITA

COMMISSIONE IGIENE E SANITA Alla COMMISSIONE IGIENE E SANITA del Senato della Repubblica 14 marzo 2007 Associazione Italiana Malattia di Alzheimer A.I.M.A. Patrizia Spadin - presidente I numeri della demenza (quasi 900.000 dementi

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante

Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante 9 Corso Multiprofessionale di Nursing L ASSISTENZA ALL ANZIANO: NUOVI PROBLEMI, NUOVE RISPOSTE Firenze, 27 Novembre 2008 Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante C. Melchiori Coordinatore

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE.

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. CODICE DELLO STUDIO: DATA DEL DOCUMENTO: CENTRO N.: N. DI ARRUOLAMENTO: INIZIALI DEL PAZIENTE: PAGINA N. 1 DI 10 PAGINE Gentili Mamme e Papà,

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

ASP Catanzaro Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme U.O. Neonatologia e TIN Direttore: dott. S. A. Canepa Relatore: Filomena Cuda Catanzaro, 07/06/2008 Bambino nelle prime quattro settimane di vita extra-uterina.

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico C.d.L. Infermieristica

Obiettivi di tirocinio clinico C.d.L. Infermieristica Ente Ecclesiastico Ospedale Generale F. Miulli Polo Formativo della Facolta di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Triennale in Scienze Infermieristiche 70021 Acquaviva delle Fonti (BARI) Tel. - Fax 080

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 4 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico Dott., per proseguire

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio

Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio: chi è protagonista..sono importanti..ma.. I Consigli..

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Sede di Ascoli Piceno SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO a.a. 2011 2012 COORDINATORE AFPTC Dott.Silvano Troiani 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG VII Congresso Nazionale AME/ANIED 10 novembre 2012, Roma Relatore: Maria Cristina Barion 1. Evoluzione dell organizzazione della MG 2. La realtà del comune di Cumiana (TO) 4. Competenze necessarie 5. Conclusione

Dettagli

DIAGNOSI di GRAVIDANZA

DIAGNOSI di GRAVIDANZA DIAGNOSI di GRAVIDANZA Anamnesi ed Esame Obiettivo Generale Segni di Gravidanza ed danamnesi Ostetrica t Esame Ostetrico Esami di laboratorio Ecografia Segni di Gravidanza SEGNI DI PROBABILITÀ amenorrea

Dettagli

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore PATOLOGIE CHIRURGICHE DELLA PARETE ADDOMINALE IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA Gentile signora, il nostro Centro partecipa a un progetto di ricerca che si propone di confrontare il beneficio dell assunzione di dosaggi diversi di acido folico,

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO MALATTIE TUMORALI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Le manifestazioni del dolore

Le manifestazioni del dolore Le manifestazioni del dolore Riconoscere la sofferenza Dirigente Assistenza Infermieristica Annamaria Marzi Infermiera Professionale Rosanna Sassi Hospice Casa Madonna dell Uliveto Albinea -Reggio Emilia

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Introduzione La Collaboratrice Sanitaria (CS) CRS è una persona che svolge la propria attività, dopo aver seguito una formazione riconosciuta

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione Scheda di Valutazione dell Operatore Socio Sanitario Dipartimento Unità

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Revisione n. 7 del 20 GIUGNO 2013 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - II semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa 48 12. Esercizi su come infondere fiducia Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA Esercizio 6. Accettare ciò che una madre pensa Gli esempi da 1 a 3 sono concetti errati in cui le madri potrebbero

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ Sig.ra... maggiorenne, Documento d'identità/passaporto num..., stato civile..., e Sr/ Sig.ra...

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli