Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo"

Transcript

1 Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo San Fruttuoso, il cioccolato non ha più segreti: abbiamo fatto ricerche approfondite sulla pianta del cacao e i suoi prodotti; poi le nostre esperienze in classe sono state completate nella visita a Novi Ligure allo stabilimento Elah - Dufour - Novi - Baratti e Milano, fondato nel 1982 dal Cavalier Flavio Repetto. Ringraziamo quanti hanno viaggiato intorno al mondo del cacao e su questo hanno scritto. Un mondo non solo di curiosità e di tradizioni, ma anche di novità e di insolite ricette. In questi mondi ci siamo immersi con curiosità e qua e là abbiamo raccolto Gli alunni della classe IV B 1

2 Cioccolata che passione Amaro, dolce, bianco, nero; si beve, si mangia, si assapora. Tante versioni e tanti modi di gustare una vera passione: il cioccolato. Scompare durante l estate, quando è concesso solo sotto forma di gelato e ricompare puntualmente ogni autunno per essere poi, durante l anno, il protagonista delle feste di Natale e della Pasqua. Celebrato in poesie, canzoni e film, conquista ogni giorno milioni di persone. 2

3 Quando è nato il cioccolato? Storia del cioccolato La sua storia risale nella notte dei tempi. Secondo i botanici, l albero del cacao cresceva spontaneamente 4000 anni prima di Cristo nei bacini dell Orinoco e del Rio delle Amazzoni. I primi a coltivare la pianta del cacao furono probabilmente i Maya intorno all anno 1000 a. C. che lo introdussero nello Yucatan. La coltura del cacao si diffuse poi tramite i Toltechi, nella zona attualmente occupata dal Messico e in seguito con gli Atzechi in tutto il centro America. Perché si dice che ha origini divine? Secondo una leggenda azteca, una principessa venne assalita dai nemici mentre custodiva le ricchezze dello sposo, un grande guerriero partito a difendere i confini dell impero. Rifiutando di rivelare dove fosse nascosto il tesoro, venne uccisa. Dal sangue versato dalla fedele sposa, nacque la pianta del cacao, il cui frutto nasconde un tesoro di semi amari come le sofferenze dell amore, forti come la virtù, lievemente arrossati come il sangue. Inoltre, il cioccolato è conosciuto come il cibo degli dei. Nel 1775 infatti il naturalista svedese Carlo Linneo diede all albero del cacao il nome Teobroma, parola greca che ha appunto questo significato. 3

4 Da dove deriva il suo nome? Il nome cioccolato deriva dal termine Maya xocolatl (che secondo il missionario inglese del 600,Thomas Gage sarebbe composto dalla parola atle che nell antica lingua messicana vuol dire acqua e da xoc, cioè il rumore che fa la bevanda mentre viene sbattuta dentro i recipienti perchè faccia la schiuma)e dalla parola cacao in azteco cacahuatl. Come è arrivato fino a noi? Il primo europeo a scoprire il cioccolato senza però dargli troppa importanza, fu Cristoforo Colombo nel 1502 quando approdò a Guanaja isola davanti all Honduras. A capire invece, il potenziale valore commerciale dei chicchi di cacao fu Hernando Cortez. Il conquistatore spagnolo nel 1519, rimase incuriosito dall alto valore che gli attribuivano gli Aztechi. Questi infatti, usavano i semi come mezzo di pagamento: tre o quattro bastavano per acquistare una zucca dieci per un coniglio, cento per uno schiavo. Nel 1538 Cortez portò le fave di cacao con sé in dono all imperatore Carlo V ma gli spagnoli non gradirono molto il gusto amaro e piccante di questa bevanda. Furono i frati grandi esperti di infusi e miscele a fare la fortuna del cioccolato creando una bevanda dolce e gustosa questi, infatti, sostituirono il pepe e il peperoncino presenti nella ricetta originale con zucchero e vaniglia. 4

5 Come e quando il cioccolato riuscì a varcare i confini spagnoli? In Italia il cioccolato arrivò nel 1606 grazie a un commerciante fiorentino Antonio Carlett. Nove anni dopo arrivò ufficialmente in Francia in occasione del matrimonio tra la spagnola Anna D Austria e Luigi XIII di Francia, poi in Olanda in Germania dove però le tasse imposte dal governo lo resero ancor più un prodotto per pochi, e in Inghilterra dove la prima apparizione è datata 1650, quando venne introdotto nella comunità di Oxford nel Un altra regina di origine spagnola, l infanta Maria Teresa d Austria, sposa di Luigi XIV, consacrò l abitudine di servire il cioccolato nei saloni sfarzosi di Versailles, tanto che una sua cameriera personale, addetta al preciso e unico compito di preparare la squisita bevanda, fu soprannominata la Molina, prendendo spunto dal termine spagnolo molinillo un frullino di legno da agitare per formare una deliziosa schiuma nella cioccolata calda. 5

6 Quattro secoli di storia Cristoforo Colombo, al suo quarto viaggio nelle Americhe, scopre il cacao ma non lo riconosce. I semi di cacao erano così preziosi che venivano usati come moneta I conquistadores di Hernan Cortez portano in Europa i semi di cacao dopo aver assaggiato l originalissima xocolatl dell imperatore azteco Momtezuca. Si trattava di una bevanda ricavata abbrustolendo e pestando i frutti del cacao, cui venivano aggiunti spezie ed acqua. Gli Aztechi la consideravano di origine divina, perchè eliminava la fatica e stimolava le qualità psichiche e quelle fisiche In Italia già si produce cioccolato, in particolare a Venezia e Firenze. Anche i Francesi ne vanno matti, prima fra tutti la regina Maria Teresa, moglie del re Sole. I Tedeschi, invece, lo scoprono nel 1646, gli Inglesi nel Ultimi gli Svizzeri, che però, come ben sappiamo, recuperano ben presto il tempo perduto. Oltre Oceano, gli Americani la scopriranno nel Il cardinale Lorenzo Brancaccio, golosissimo di cioccolato, lo assolve e il cioccolato, come l acqua e il vino, può entrare in sacrestia. Il clero si era trovato a disquisire sulla natura della bevanda, perché le dame spagnole avevano preso l abitudine di berla subito dopo la messa: prima fu la servitù a portare in chiesa le caraffe fumanti, poi i monaci si offrirono di sostituire i domestici Per la prima volta, a Barcellona, il cioccolato viene lavorato meccanicamente dal fabbricante di cioccolato signor Fernandez Viene prodotta in Inghilterra la prima tavoletta di cioccolato. È il risultato di una lunga ricerca per riuscire a solidificare il cioccolato. A contendersi la paternità dell impresa sono i Torinesi con l invenzione di un certo 6

7 Bozzelli, genovese, che nel 1802 studiò una macchina idraulica per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia e lo svizzero Cailler L Olandese Conrad Van Hauten inventa un torchio speciale e riesce così a separare il burro di cacao dalla polvere di cacao Nasce a Vienna la Sachertorte, opera di Eduard Sacher, il cuoco personale del cancelliere e ministro degli Esteri asburgico Metternich, che aveva chiesto per una cena un dolce denso, compatto e virile Nasce a Torino il gianduiotto, che prende il nome dalla popolare maschera di Carnevale Gianduia inventata nel Lo Svizzero Daniel Peter inventa il cioccolato al latte, sfruttando una produzione di Henrì Nestlè, la farina lattea Nasce la Novi, come confetteria che produce caramelle e cioccolato Nasce a Genova, la Elah La Perugina lancia il bacio, uno dei cioccolatini più famosi in Italia. Particolare veramente curioso, il bacio nasce quasi per caso per poter riutilizzare i frammenti delle nocciole triturate Nasce a Genova, la Dufour Elah e Doufur si uniscono Elah e Dufour assorbono la Novi e riaprono la produzione del cioccolato A Febbraio, il Gremi Provincial de Patisseria Confiteria y Bolleria di Barcellona, realizza il cioccolatino più grande del mondo: è un modellino di 4000 Kg che raffigura una imbarcazione spagnola A Maggio, Boccaglio (Bs), Alfredo Pontoglio prepara un unica tazza di 500 litri di cioccolata La Baratti Milano entra a far parte della Elah - Dufour - Novi 7

8 Curiosità storiche Il cioccolato cibo degli Dei, come lo definì Carlo Linneo, celebre naturalista svedese, proprio in virtù delle sue qualità salutari, è un peccato di gola che però fa bene alla salute: dà energia e favorisce il buon umore. E il modo più dolce di coccolarsi: persino Goldoni ne La conversazione cantava Viva per la cioccolata. Mentre G.B. Anfossi, settecentesco cultore dell arte del mangiare nei suoi trattati gastronomici innalzando il mitico ingrediente a dono celeste sentenziava: Gli dei bevono ambrosia, gli uomini cioccolata. Napoleone III arrivò addirittura a liberare il cacao dal gravame delle tasse, considerandolo alimento fisicamente e moralmente salutare per tutta la popolazione. Sulla tavola sia letteraria che cinematografica del principe di Salina, protagonista del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, campeggiano collinette di profiteroles alla cioccolata, marroni e grasse come l humus della piana di Catania Molti scrittori, saggisti e autori di fama mondiale hanno dato al cioccolato l onore di apparire nei loro scritti: da Oscar Wilde a Milan Kundera, da Bulgakov a Joyce, da Manzoni a Gadda, Nabokov, Orwell solo per citare i più famosi. Ciascuno di loro ha dedicato alcune righe o a volte intere pagine al cibo degli dei, dando al lettore un breve, ma significativo segno di quanto sia universale, senza tempo e senza confini, la passione che coinvolge e accomuna i cioccolosi di tutto il mondo. Non scappano a questa regola nemmeno i divi del cinema, anzi, basti pensare all incredibile quantità di cioccolatini che Alfred Hitchcock mangiava durante le riprese dei suoi film o ancora ad Arnold Schwarzenegger che si fa spedire ancora oggi il suo dolce preferito (la Sachertorte) dall Austria fino a Los Angeles. 8

9 Nanni Moretti ironicamente rimprovera coloro che non sanno apprezzare il cioccolato, di voler continuare a farsi del male e si lascia sorprendere, nel film Bianca, ad affogare nottetempo i propri dispiaceri dentro a un gigantesco contenitore di fluida e morbida crema al cioccolato. Ma l ammirazione per il cioccolato si spinge oltre ed entra addirittura nei titoli originali di alcuni film di grande successo internazionale come ad esempio Cioccolato bollente (1988): nella catena di montaggio di una fabbrica di cioccolatini a rischio di fallimento, tre operai cadono nella vasca per l impasto del ripieno. Da quel giorno le vendite subiscono un impennata, il pubblico va in delirio per il nuovo gusto, che però pone un problema di non facile soluzione: quello degli ingredienti. Cacao si intitola uno dei capolavori di Jorge Amado scrittore brasiliano; la protagonista di Chocolat, recente e clamoroso successo di Ioanne Haris, addirittura rivoluziona la vita di un intero paese, triste e bigotto, praticando e insegnando l amore per il cioccolato. C è anche Come l acqua per il cioccolato del 1992, tratto dall omonimo best-seller, oppure ancora il fantasioso Fragola e cioccolato del 1993 vincitore dell Orso d argento al Festival di Berlino 1994 in cui la consumazione di un gelato ai gusti di fragola e cioccolato nel celebre locale Coppella di L Avana, a Cuba, diventa occasione di conoscenza e amicizia profonda fra un artista anticonformista e di un giovane militante comunista. Poi c è il classico Pane e cioccolato, film del Il protagonista, un emigrato italiano in Svizzera interpretato da Nino Manfredi, fa questa classica merenda in un parco prima di venire duramente sanzionato dalle irreprensibili guardie elvetiche per una banale infrazione. 9

10 Un famoso gruppo rock americano degli anni a cavallo tra i 60 e i 70, I Chicago, su un loro album, avevano il nome scritto come se fosse stato fatto di cioccolato e pare addirittura che prima di ogni concerto la band pretendesse un chilo di cioccolatini a testa La stravagante cantante pop inglese Pop G, per lanciare il suo nuovo album, Fresh, ha convinto il frastornato reporter del quotidiano inglese The Sun, Andy Coulson, ad farsi imbrattare di cioccolato da lei. Le cinque foto che documentano l insolito avvenimento sono successivamente apparse nell edizione del Sun, dove si vede un audacissima Gina G, in un ridottissimo bikini, che dapprima inizia a pennellare il reporter, poi si fa ricoprire di cioccolato liquido. 10

11 BEVANDA O MEDICINA? Secondo gli Aztechi una tazza di xocolatl eliminava la fatica e stimolava le forze fisiche e mentale. Dottori e speciali lo prescrivono nella cura di organismi debilitati. Addirittura si diffuse l uso di servire cioccolato in chiesa alle dame, per sopportare il protrarsi delle funzioni religiose, scatenando l indignazione di vescovi e di prelati. In difesa del cioccolato si espresse però papa Pio V che, nel 1569, zittì chi era chi era contrario al suo consumo durante i periodi di digiuno, affermando ufficialmente che una tazza di cioccolato, in quanto liquida era certamente consentita. L uso della cioccolata come medicamento era molto diffuso come testimonia il libro del medico francese Nicolas de Blegny (1687) Le bon esage du the, du caffè et du chocolat pour la preparation et pour la guerision des malades dove viene prescritto per i mali dello stomaco, le febbri, le malattie nervose e gli sfoghi di bile. Anthelme Brillat-Savarin nel libretto Fisiologia del gusto, ovvero Meditazioni di gastronomia trascendente, pubblicato nel 1825, lo consigliava addirittura come digestivo. Il cioccolato, croce e delizia, è sempre sotto processo è vero? Il signor Teobroma Cacao meglio conosciuto cioccolato, ha subito recentemente un vero e proprio processo penale con tanto di avvocati e giudici veri. La prima udienza si è tenuta presso l aula magna dell Università di Pavia l 11 aprile del I capi d accusa erano molti: attentato alla linea e alla salute; circonvenzione di incapaci a resistere alla golosità e associazione a delinquere di stampo gastronomico. Organizzato in collaborazione con Chococlub, il processo si è poi concluso con sopralluogo sul luogo del delitto in cui ben 21 pasticceri e 7 ditte dolciarie hanno deliziato i presenti con oltre 1500 chili di cioccolato. 11

12 LA PIANTA DEL CACAO Il cacao è il nome comune della Teobroma cacao (cibo degli dei) e del prodotto derivato dai suoi semi. La pianta del cacao ha portamento arboreo e può raggiungere sei metri di altezza; è caratterizzata da grandi foglie lucide, lunghe anche 30 cm e da piccoli fiori rosati inseriti sul tronco e sui rami vecchi. Solo una piccola percentuale delle migliaia di fiori prodotti annualmente da ciascuna pianta arriva a sviluppare frutti carichi di semi. Questi ultimi, chiamati fave di cacao, sono contenuti in un baccello di colore giallo o rossastro. La coltivazione del cacao, tipica di climi tropicali caldo umidi, era originariamente presente solo in Sud America; dal XVI secolo fu introdotta in Africa. Attualmente, il cacao destinato alla lavorazione industriale proviene soprattutto dalla Costa d Avorio, dal Ghana, dall Ecuador e dal Brasile. 12

13 Il frutto del cacao Il frutto del cacao ha forma allungata, pesante da 300 a 500 gr, lungo da 10 a 35cm, a buccia liscia o verrucosa. Questo bacca è percorsa da 10 solchi longitudinali. Ha colore verdognolo che diventa rosso - bruno o maturazione contiene una polpa gelatinosa in cui si trovano da venti a cinquanta semi piatti lunghi circa 2,5 cm. Questi semi di colore rosa sono disposti in cinque file il suo nome è CA- BOSSA o CABOSSIDE che è della famiglia sterculiacee. I semi, detti fave di cacao, sono avvolti in una sostanza biancastra, gelatinosa ed altamente zuccherina. Le principali varietà È originario dell America tropicale e quindi vuole un clima caldo umido. Secondo la classificazione in uso recentemente in America Latina, i tipi di cacao prodotti sono tre: Criollo, Forastero e Trinitario. CRIOLLO: Significa indigeno ed è il nome che gli Spagnoli diedero al cacao prodotto dagli Atzechi. In questo tipo di cacao i baccelli contenenti i semi sono allungati e scanalati di colore verde al loro spuntare che diventa arancio rosso alla maturazione. I semi sono di aspetto biancastro e opaco. Viene coltivata in Messico,Venezuela, Colombia e in alcune regioni asiatiche. È una varietà molto buona e di gradevole sapore, tuttavia è di scarsa resa e poco resistente alle malattie, per cui oggi c è la tendenza ad abbandonarla a favore di altre colture. FORASTERO: è la pianta del cacao originaria dell alto bacino del Rio delle Amazzoni (Brasile). Il suo baccello è rotondeggiante, piuttosto liscio e si presenta inizialmente verdastro per poi passare giallo brillante alla maturazione. 13

14 Questo cacao comprende l ottima produzione brasiliana, il Nactional, prodotto in Equador e varie specie coltivate in altri paesi dell America Latina, a Giava e nello Sri Lanka. TRINITARIO: è profondamente diversa dalle precedenti, sembra abbia avuto origine da una mescolanza di Criollo proveniente dall isola di Trinidad (Carabi) e di Forastero Oggi è molto diffuso e costituisce un gruppo omogeneo I suoi baccelli presentano un tipico colore e danno un ottimo cacao, abbastanza simile nel sapore e nella qualità al Forastero. Riportiamo alcune delle varietà più conosciute: COSTA D AVORIO: è uno dei più utilizzati come cacao massa. Le fave sono abbastanza regolari,non molto aromatiche, colore scuro. GHANA: le fave sono tondeggianti, di sapore delicato. Per questo motivo è utilizzato soprattutto per il cioccolato al latte o alle nocciole. NIGERIA: ha caratteristiche molto simili ai due precedenti. BAHIA: è un cacao massa prodotto in Brasile. Dove ci sono piantagioni dove vi sono piantagioni dalla varietà forastero imbridata, simile all amelonado Africano. MALESIA: La produzione di questo cacao è incrementata moltissimo in questi ultimi anni. La qualità è piuttosto scadente a causa dell elevata acidità del burro di cacao. ARRIBA: è uno dei migliori cacao fine che si trovano in confine, apprezzato soprattutto per l eccellente aroma floreale. Proveniente dall Ecuador dove si trovano molte piantagioni della varietà trinitario. MARACAIBO: prodotto nelle piantagioni di varietà criollo del Venezuela è molto pregiato sia per la qualità delle fave grandi, rotonde e ben fermentate, sia per l aroma dolce fruttato. 14

15 STANDARS INTERNAZIONALI Il cacao di qualità mercantile è il prodotto fermentato ed essiccato, costituito da fave intere di pezzatura ragionevolmente uniforme, prive di odori inquinanti (in particolare di fumo), non infestate da insetti ed esenti da sostanze estranee. Una prima classificazione divide il cacao in due grandi categorie: CACAO BULK O MASSA : rappresenta circa il 90% del quantitativo mondiale ed è un prodotto di qualità uniforme, con un aroma discreto, che consente di ottenere un cioccolato dal gusto gradevole, senza caratteristiche salienti. Questo tipo di cacao è fornito dalle piantagioni della varietà Forastero e di un ibrido, molto simile al Forastero, chiamato Amelonado. I maggiori produttori sono i paesi del West Africa (Ghana, Nigeria, Costa D Avorio, molte zone del Brasile, la Repubblica Domenicana ), alcuni paesi dell Est Asiatico (Nuova Guinea, Malesia ) CACAO FINE O AROMATICO : è un cacao di qualità molto elevata, prodotto dalle piante della varietà Criollo e Trinitario. L aroma è eccellente e varia a seconda del paese di provenienza (Centro e Sud America, Celyon, Trinidad ecc.). Normalmente non è utilizzato da solo, bensì in aggiunta al cacao massa per migliorarne il gusto. Nell ambito di queste due grandi categorie esiste poi una classificazione specifica riferita al paese produttore, che è la sola utilizzata dal punto di vista commerciale. In base alla provenienza del prodotto i semi di cacao si suddividono in: CACAO AMERICANO: il più apprezzato è quello Messicano, ma viene coltivato anche in Venezuela, Colombia,Guatemala ed Equador, molto ricercato è anche il Bahia coltivato in Brasile. CACAO ASIATICO: viene prodotto nello Sri Lanka e a Giava. CACAO AFRICANO: particolarmente ricercato la qualità coltivata in Camerun e in Madagascar. 15

16 LAVORAZIONE DEL CACAO Ecco come delle fave di cacao si trasformano in tavoletta. Raccolta. I frutti maturi vengono raccolti uno ad uno a mano. Accatastati con cura, vengono immediatamente tagliati a metà con un macete. Fermentazione della varietà del cacao. Una volta liberati dall involucro esterno, i semi, con tutta la loro guaina biancastra, vengono ammassati e coperti con foglie di banano o messi in contenitori per far partire il processo della fermentazione. Questa operazione riduce notevolmente la presenza dell amaro e dell astringenza contenuta nel seme. Inoltre è un passaggio importantissimo perché si sviluppa l aroma del cacao. Questo periodo varia da 1 a 7 giorni a seconda Essiccazione I semi ormai liberati dalla mucillagine,vengono distesi al sole (sul selciato o in cassetti con rotelle) o messi in essiccatori. Questa operazione serve a ridurre l umidità passando dal 60% al 5-6%. I semi a questo punto cambiano colore. 16

17 Separazione Separazione dei semi delle parti impure quali parti residue di cabossa, ecc. Avviene meccanicamente. Tostatura Le fave di cacao sono pronte per la tostatrice, alimentata con legno di ulivo. L esperto apre la macchina per la torrefazione: le fave di cacao sono ormai tostate e si riversano nel contenitore per il raffreddamento che avviene tramite pale in movimento. Ad intervalli regolari viene tolta dalla tostatrice una piccola quantità, che di volta in volta gli esperti esaminano attentamente per valutare il giusto grado di tostatura. Attraverso il procedimento della tostatura si controlla la temperatura dell aria che passa nel cacao, ogni varietà di cacao necessita di un grado diverso di torrefazione; ad esempio i semi Giava, acquistati in Italia solo da alcuni produttori, hanno bisogno di una tostatura lenta e delicata, data la loro caratteristica pellicola chiara e sottile, che li rende particolarmente adatti per la base del cioccolato al latte. Frantumazione I semi di cacao raffreddati passano nel rompicacao. Esso è una sorta di frantoio che, con un procedimento di ventilazione e di stacciatura, libera i semi dal guscio e li fran- 17

18 tuma. A questo punto i semi di cacao, ridotti a granella, vengono miscelati sapientemente secondo la ricetta degli esperti e vengono fatti passare nella macina i cui rulli di granito rendono sottilissima la grana di cacao e sotto lo effetto del calore, che arriva a 45, il burro di cacao entra in fusione producendo una pasta densa e profumata. La pasta di cacao, che impiega circa 24 ore a solidificarsi completamente, viene ridotta in panetti (lingotti) i quali vengono immagazzinati e conservati fino a due mesi, sempre pronti per diventare invitanti praline, tavolette o uova di Pasqua. La pasta di cacao viene poi lavorata in una seconda macina in cui si aggiunge lo zucchero e gli altri eventuali ingredienti a seconda se si vuole produrre cioccolato al latte alle nocciole ecc.. Raffinazione Operazione indispensabile per eliminare eventuali parti solide e granulose. La pasta di cacao passa attraverso una serie di presse che riducono notevolmente le parti solide. Concaggio Questa macchina attraverso un movimento rotatorio continuo, mescola il prodotto della raffinazione facendo uscire buona parte delle rimanenti sostanze acide senza alcuna perdita della componente aromatica. È a questo punto della lavorazione che vengono aggiunti gli altri ingredienti. Questa operazione può durare da poche ore a più giorni e più si prolunga più morbido vellutato risulterà il cioccolato. Si ottiene così la cosiddetta copertura. 18

19 Temperaggio Dai 40 del concaggio il cioccolato passa dai 28 per poi rialzarsi ai 31 attraverso l operazione del temperaggio, in una macchina chiamata appunto temperatrice. Questo brusco passaggio di temperatura è indispensabile per avere un prodotto finale lucido e consistente, perchè modifica i cristalli di burro di cacao contenuti. Modellaggio Il cioccolato temperato rimane fluido per circa 15 minuti, quindi occorre lavorarlo subito modellandolo con le apposite macchine per donargli le diverse forme (gianduiotto, praline, tavolette.) oppure colandolo con la ricopritrice per avvolgere i gustosi cioccolatini. 19

20 Principali qualità di cioccolato CIOCCOLATO FONDENTE E costituito da zucchero, pasta di cacao, burro di cacao, lecitina di soja e vaniglia. In base al contenuto di elementi di cacao e burro, il cioccolato fondente è classificato in: 1. CIOCCOLATO deve contenere almeno il 25% di elementi totali di cacao (pasta e burro) ed almeno il 18% di burro di cacao. 2. CIOCCOLATO COMUNE deve contenere il 30 % di elementi totali di cacao ed almeno il 18% di burro di cacao. 3. CIOCCOLATO EXTRA deve contenere almeno il 45% di elementi totali di cacao ed almeno il 28% di burro di cacao. 4. CIOCCOLATO DI COPERTURA deve contenere almeno il 31% di burro di cacao CIOCCOLATO AL LATTE E quello che contiene, oltre agli ingredienti del fondente (zucchero, pasta cacao e burro di cacao) anche il latte disidratato, con o senza aggiunta di burro vaccino, In funzione della composizione si distinguono i seguenti tipi: CIOCCOLATO AL LATTE deve contenere almeno il 25% di elementi di cacao, almeno il 14% di sostanza secca di origine lattica e non più del 55% di zucchero. CIOCCOLATO COMUNE AL LATTE deve contenere almeno il 20% di elementi di cacao, almeno il 20% di sostanza secca proveniente dal latte, almeno il 5% di grasso butirrico e non più del 55% di zucchero. CIOCCOLATO AL LATTE FINISSIMO deve contenere almeno il 30% di elementi di cacao, almeno il 18% di sostanza secca proveniente dal latte, almeno il 4, 5 di grasso butirrico e non più del 50% di saccarosio. 20

21 CIOCCOLATO DI COPERTURA AL LATTE cioccolato al latte il cui tenore minimo di sostanze grasse è pari o superiore al 31%. CIOCCOLATO GIANDUJA E entrato nell uso comune chiamare Gianduia il cioccolato che contiene nocciole. Anche in questo caso la legge ha una classificazione ben precisa. CIOCCOLATO ALLE NOCCIOLE GIANDUJA E il prodotto ottenuto miscelando un cioccolato, il cui tenore totale di elementi di cacao sia almeno del 32% e di cacao secco sgrassato dell 8%, con pasta di nocciole in quantità variabile dal 20 al 40%.Si possono inoltre aggiungere sostanze di origine lattica in quantità massima del 5% e mandorle o nocciole in pezzi in proporzione tale che il loro peso, aggiunto a quello delle nocciole macinate, non superi il 60% del peso totale del prodotto. CIOCCOLATO AL LATTE ED ALLE NOCCIOLE E il prodotto ottenuto dal cioccolato al latte, il cui tenore minimo di sostanza secca di origine lattica sia del 10%, da un lato e da nocciole finemente macinate dall altro, in proporzione tale che gr, 100 di prodotto contengono da un minimo di gr.15 ad un massimo di gr.40 di nocciole. Possono essere aggiunte mandorle o nocciole intere o in pezzi in proporzione tale che il loro peso non superi il 60% del peso totale del prodotto. Le denominazioni Gianduiotto e Nocciolato, entrate nell uso comune non sono comprese nelle definizioni ufficiali di legge. E quindi obbligatorio indicare in etichetta anche la denominazione di legge, che per il Gianduiotto è Cioccolato alle nocciole Gianduia e per il Nocciolato Cioccolato Gianduia con nocciole intere. 21

22 CIOCCOLATO BIANCO E quello ottenuto dal burro di cacao, saccarosio, latte ed eventualmente grasso butirrico. Deve contenere almeno il 20% di burro di cacao, il 14% di sostanza secca di origine lattica, il 3, 5% di grasso butirrico e non più del 55% di saccarosio. PRALINA o CIOCCOLATINO E il prodotto della dimensione di un boccone costituito da: cioccolato ripieno, purchè la parte di cioccolato sia almeno il 25% del peso totale; giustapposizione di cioccolato ed altre sostanze commestibili, purchè la parte di cioccolato sia ben distinguibile e rappresenti almeno il 25% del peso totale; miscela di cioccolato (almeno il 25%) ed altre sostanze, purchè queste non siano farine, amidi e fecole, oppure sostanze che contengano materie grasse diverse dal burro di cacao e dal burro vaccino. USO DEL BURRO DI CACAO Il seme del cacao contiene circa il 50 % di grassi vari, fra cui il burro di cacao. Questa sostanza, formata da esteri degli acidi oleico e palmitici, ha colore bianco-giallastro e sapore gradevole. Oltre che nella preparazione del cioccolato, il burro di cacao viene usato in farmacopea come eccipiente per pomate, supposte ecc., e in cosmetica nella composizione di creme e rossetti. 22

23 Cioccolato, tavolette, cioccolatini e Quando fu inventata la tavoletta? Per tutto il Settecento il cioccolato era solo una bevanda. Il primato della creazione del cioccolato solido è attribuito allo svizzero Francois Louis Cailler, nei primi anni dell Ottocento. Ma solo una ventina di anni più tardi, in Inghilterra, fu messa a punto la prima tavoletta. Prodotta da Fry&Sons: consisteva in un miscuglio granuloso che, oltre al cacao, conteneva liquore e zucchero. Ma fu Rud Lindt nel 1879 a produrre a Berna una tavoletta rettangolare di cioccolata fondente. La Sacher Fu grazie all incontentabile principe di Metternich che Franz Sacher, sedicenne pasticcere, inventò la Sachertorte. Il povero pasticcere realizzò una serie di dolci diversi, tutti a base di cioccolato, per riuscire a soddisfare la richiesta di una torta densa, compatta e virile da parte del cancelliere austriaco, inguaribile goloso Buona, ma non eccelsa! Questo era il commento dello statista dopo avere assaggiato i dolci proposti dal pasticcere. Solo dopo aver provato questa torta soffice, dall intenso sapore di cioccolato ma non stucchevole, farcita di marmellata all albicocca e rivestita da una glassa di fondente, Metternich diede la sua approvazione. Era il Sacher decise allora di dare il suo nome alla torta, destinata a diventare famosa in tutto il mondo. Ma come tutti i grandi successi ecco che qualcun altro vuole rivendicare la paternità di questo dolce: Eduard Demel titolare della più celebre pasticceria dell epoca proclamava che la classica Sacher era la sua con le seguenti varianti: niente farcitura e la marmellata d albicocca appena sotto la glassa. La 23

24 diatriba portò ad un processo della durata di sei anni. Alla fine vinsero i nipoti di Franz. Il gianduiotto L invenzione della pasta gianduia è tipicamente italiana, e spetta ai cioccolatieri torinesi. Nel 1806, a causa del blocco napoleonico, era quasi impossibile rifornirsi di cacao, che fra le altre cose, aveva un costo altissimo; allora pensarono di mescolarlo con le molto più economiche ed ottime nocciole piemontesi. Ridotte in polvere venivano impastate al cacao dando origine ad un cioccolato con poco cacao ma gustosissimo. A farla diventare una vera e propria specialità fu la ditta Caffarel - Procher, che nel 1865 inventò un nuovo cioccolatino dalla caratteristica forma a spicchio. Il suo primo nome fu givu, che in dialetto torinese significa bocconcino. Riguardo l attuale nome esistono due versioni: la prima, durante il carnevale del 1866, un attore vestito da Gianduia (maschera tipica torinese) ebbe l idea di regalare tanti givu ai bambini; la seconda semplicemente dal nome della maschera torinese. Il cremino Fiat Molti si saranno chiesti se per Fiat si intende la celebre fabbrica automobilistica e, se sì, quale nesso c è con il cioccolato. Ecco svelato il dilemma. Nel 1911 la fabbrica di automobili Fiat indice un concorso fra tutti i cioccolatieri italiani per l invenzione di un nuovo cioccolatino, da riservare in esclusiva alla Fiat che intende usarlo a scopi pubblicitari. Vince il concorso un cremino a forma di cubo, con quattro strati (invece dei soli tre) alternati di cioccolato e pasta di mandorle ideato da Aldo Majani di Bologna. E un successo travolgente ma solo la Fiat può distribuire il nuovo cioccolatino. Solo nel 1913 Majani ottiene il permesso di vendere il nuovo cremino a condizione che mantenga il nome Fiat. Più tardi verrà brevettato il tutto il mondo. 24

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

La filiera del Theobroma il cibo degli dei

La filiera del Theobroma il cibo degli dei Theobroma il cibo degli dei Le piantagioni di cacao Foto di Federica Petronilli Il cacao è una specie prettamente tropicale e cresce solamente in una fascia compresa tra 20 di latitudine NORD e 20 di latitudine

Dettagli

LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI.

LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI. LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI. ALLA BASE DELLA PIRAMIDE SONO PRESENTI GLI ALIMENTI CHE POSSIAMO UTILIZZARE

Dettagli

IL CACAO E IL CIOCCOLATO LA PIANTA DEL CACAO

IL CACAO E IL CIOCCOLATO LA PIANTA DEL CACAO IL CACAO E IL CIOCCOLATO LA PIANTA DEL CACAO Il cacao (Theobroma cacao, L. 1753) è una pianta della famiglia delle Sterculiaceae (attribuita alle Malvaceae dalla classificazione APG), originaria dell'america

Dettagli

Dal Cacao al Cioccolato. Alla scoperta delle origini del cioccolato

Dal Cacao al Cioccolato. Alla scoperta delle origini del cioccolato Dal Cacao al Cioccolato Alla scoperta delle origini del cioccolato CHE COS È IL CHOCODAY? Il Chocoday intende celebrare e promuovere il Cioccolato di qualità: cioè un prodotto ottenuto esclusivamente con

Dettagli

VISITA GUIDATA 8 MARZO

VISITA GUIDATA 8 MARZO VISITA GUIDATA 8 MARZO 2013 SPERONE (AVELLINO) - laboratori italiani del cioccolato PROGRAMMA DELLA VISITA - Arrivo in pullman a La Cioccolateria - Accoglienza e brevi nozioni sulla storia del cioccolato

Dettagli

DOLCI SAPERI: IL CIOCCOLATO

DOLCI SAPERI: IL CIOCCOLATO DOLCI SAPERI: IL CIOCCOLATO VALORI DA GUSTARE Il Commercio Equo e Solidale fa veramente la differenza: per il cacao il prezzo riconosciuto dalle Centrali di importazione è oltre il 25% superiore a quello

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE

GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE GIUSO: UN SECOLO DI INNOVAZIONE Giuso nasce nel 1919, in un piccolo laboratorio artigianale. Da allora ha vissuto, condiviso e raccontato una storia di successo, fino a diventare oggi una solida realtà

Dettagli

IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA

IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA IL CIOCCOLATO ed il VINO COME MEDICINA Mauro Campanini 10 novembre 2014 Simon Leleux ( Parigi 1818-1885).La pausa Theobroma cacao Nel 1737 il cacao viene classificato dal botanico Linnè nel genere teobroma

Dettagli

Cacao e cioccolato l etichettatura dei prodotti di cacao e del cioccolato D.lgs. 178/2003 denominazioni di vendita burro di cacao

Cacao e cioccolato l etichettatura dei prodotti di cacao e del cioccolato D.lgs. 178/2003 denominazioni di vendita burro di cacao Cacao e cioccolato Il cioccolato deriva da una serie di processi di produzione che hanno inizio a partire dalla tostatura dei semi della pianta del cacao (Theobroma cacao) e continuano con la miscelazione

Dettagli

Il Cioccolato, tra origini e creatività. di Mirco Marconi Ferrara 5 dicembre 2008

Il Cioccolato, tra origini e creatività. di Mirco Marconi Ferrara 5 dicembre 2008 Il Cioccolato, tra origini e creatività di Mirco Marconi Ferrara 5 dicembre 2008 Che cosa è il cioccolato? La materia prima sono le fave di cacao Può essere semplicemente un attore non protagonista di

Dettagli

Claudio Venturini Pastry Chef www.claudioventurini.eu

Claudio Venturini Pastry Chef www.claudioventurini.eu Claudio Venturini Pastry Chef www.claudioventurini.eu Maggio 2013 BIGNÈ AL CIOCCOLATO Ingredienti (per la pasta Choux) Acqua 500 g, Farina "00" 300 g, Burro 200 g, Sale fino 10 g, Uova intere 10 di numero

Dettagli

Niente nasce senza passione

Niente nasce senza passione catalogo web Niente nasce senza passione Chi Siamo Passion Cocoa Una Creatività che guarda alla tradizione. Queste potrebbero essere le giuste parole per definire Passion Cocoa. Noi, che con il nostro

Dettagli

PRA172 PRA170 PRA126. GRAPPA: Il sapore intenso e deciso della tradizione in una combinazione perfetta col cioccolato fondente.

PRA172 PRA170 PRA126. GRAPPA: Il sapore intenso e deciso della tradizione in una combinazione perfetta col cioccolato fondente. 2011 2012 GRAPPA: Il sapore intenso e deciso della tradizione in una combinazione perfetta col cioccolato fondente. PRA117 PISTACCHIO: Dal morbido cuore verde che sprigiona una fragranza al palato indimenticabile.

Dettagli

dal 1910 una tradizione lunga 100 anni

dal 1910 una tradizione lunga 100 anni dal 1910 una tradizione lunga 100 anni " Quando ero piccola, mia madre mi mandava spesso, insieme a mia sorella, a comprare dei biscotti, che rivendeva nel suo negozio, da uno dei più bravi torronai del

Dettagli

Sommario LA STORIA LE PROPRIETÀ LA SALUTE IN CUCINA LE RICETTE. Le origini. Le sue virtù. I benefici. Lavorazione. I menu

Sommario LA STORIA LE PROPRIETÀ LA SALUTE IN CUCINA LE RICETTE. Le origini. Le sue virtù. I benefici. Lavorazione. I menu Sommario Le origini Il cibo povero più amato dai sovrani 7 LA STORIA Le sue virtù Mangia la pizza e resti in salute 19 LE PROPRIETÀ I benefici I trucchi per renderla meno calorica 43 LA SALUTE Lavorazione

Dettagli

pag. 5 La Bilanciatura pag. 6 Le Basi pag. 8 Nocciola Alba Extra pag.10 Pistacchio Sicilia pag.12 Gianduia Amara pag.14 Yogurt pag.

pag. 5 La Bilanciatura pag. 6 Le Basi pag. 8 Nocciola Alba Extra pag.10 Pistacchio Sicilia pag.12 Gianduia Amara pag.14 Yogurt pag. rio pag. 5 La Bilanciatura pag. 6 Le Basi pag. 8 Nocciola Alba Extra pag.10 Pistacchio Sicilia pag.12 Gianduia Amara pag.14 Yogurt pag.16 Cioccolato pag.18 Creme Bruleé pag.20 Pinolo Puro pag.22 Mandorla

Dettagli

PASTICCERIA TARANTOLA

PASTICCERIA TARANTOLA DOLCI TENTAZIONI PASTICCERIA TARANTOLA DOLCI TENTAZIONI Pasticceria Tarantola è nata da una tradizione che nel tempo è rimasta fedele ai suoi valori. Le nostre proposte si sono evolute in base alle esigenze

Dettagli

L attuale produzione La Provenzale è articolata in 8 referenze che rispettano accuratamente cinque regole imprescindibili:

L attuale produzione La Provenzale è articolata in 8 referenze che rispettano accuratamente cinque regole imprescindibili: L attuale produzione La Provenzale è articolata in 8 referenze che rispettano accuratamente cinque regole imprescindibili: > Selezione rigorosa delle materie prime Massima cura è riposta nella selezione

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L etichetta di panettone, pandoro, colomba, savoiardo, amaretto e amaretto morbido NOVITÀ

Dettagli

Scelgono Caffarel. Gli specialisti della dolcezza non hanno dubbi.

Scelgono Caffarel. Gli specialisti della dolcezza non hanno dubbi. Le ricette Gli specialisti della dolcezza non hanno dubbi. Scelgono Caffarel. DALL INIZIO DELLA STORIA DELLA PASTICCERIA ITALIANA A OGGI, L ARTIGIANO PASTICCERE HA SEMPRE AVUTO NECESSITÀ DI MATERIE DI

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ CAFFÈ AROMA CLUB CREMA & AROMA TIERRA AROMA POINT DEK Miscela 100% Arabica dal gusto persistente e dalla crema vellutata e consistente. Miscela di caffè dal piacevole

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

L esclusivo stampo di Choco-Scuola interpretato dal Maestro Luca Mannori Campione del Mondo di Pasticceria.

L esclusivo stampo di Choco-Scuola interpretato dal Maestro Luca Mannori Campione del Mondo di Pasticceria. L esclusivo stampo di Choco-Scuola interpretato dal Maestro Luca Mannori Campione del Mondo di Pasticceria. CONSULENZA DEDICATA AI PROFESSIONISTI. Per consigli sull utilizzo dei prodotti Icam Linea Professionale

Dettagli

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ

Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ Living COFFEE IL PIACERE DELLA PAUSA CAFFÈ CAFFÈ DOLCE INTENSO TIERRA RICCO DECAFFEINATO Pregiata miscela 100% Arabica, dal gusto dolce e aromatico e dalla crema consistente e persistente. Corposa miscela

Dettagli

Ricette di pasticceria nazionale e internazionale

Ricette di pasticceria nazionale e internazionale 1 Italia Torta delizia Per l impasto base due forme con diametro di 22 cm di pan di Spagna alle mandorle 700-800 g di crema pasticcera classica Per la pasta marzapane per decoro 200 g di mandorle 200 g

Dettagli

GELATO BUONO E SICURO SEMPRE: ECCO IL VADEMECUM IGI PER TRASPORTARE E CONSERVARE AL MEGLIO LA BONTA DEL GELATO

GELATO BUONO E SICURO SEMPRE: ECCO IL VADEMECUM IGI PER TRASPORTARE E CONSERVARE AL MEGLIO LA BONTA DEL GELATO GELATO BUONO E SICURO SEMPRE: ECCO IL VADEMECUM IGI PER TRASPORTARE E CONSERVARE AL MEGLIO LA BONTA DEL GELATO Estate uguale gelato. E nella bella stagione il desiderio di un rinfrescante gelato si trasforma

Dettagli

Le Confezioni Cavo. Via Montevideo, 43R., Genova tel/fax 010 316 733 email: info@cavo.it

Le Confezioni Cavo. Via Montevideo, 43R., Genova tel/fax 010 316 733 email: info@cavo.it Premio esposizione di Genova 1900 Premio esposizione di Alessandria 1901 Premio esposizione di Londra 1903 Premio esposizione di Perugia 1904 Gran Premio di Londra 1905 Gran Premio di Parigi 1907 Gran

Dettagli

tortapistocchi FIRENZE

tortapistocchi FIRENZE tortapistocchi FIRENZE ...quella del Pistocchi!!! Cioccolato Fondente. Che passione. Una torta morbida e cremosa, spolverata di un sottile velo di cacao amaro. Questa la nostra Torta Fondente di Cioccolato.

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

ANALISI SENSORIALE. Anche nel momento del fine pasto entra in gioco la cultura: gli italiani amano finire un pranzo con l espresso o con la

ANALISI SENSORIALE. Anche nel momento del fine pasto entra in gioco la cultura: gli italiani amano finire un pranzo con l espresso o con la Gli abbinamenti del fine pasto all italiana Caffè, grappa e dolce sono i classici distintivi del fine pasto all italiana. Come abbinarli per ottenere il maggior piacere possibile? Lo rivelano i test di

Dettagli

I Torroni. Torrone di pistacchio. Ingredienti: Pistacchio di Bronte (70%), zucchero, miele. Torrone di mandorle

I Torroni. Torrone di pistacchio. Ingredienti: Pistacchio di Bronte (70%), zucchero, miele. Torrone di mandorle I Torroni Unendo il verde del pistacchio, il giallo del miele e il bianco delle mandorle, i cosiddetti turrunari creavano un dolce artigianale che racchiudeva in sè profumi e sapori tipici di questa terra,

Dettagli

dietro le quinte Aspetti nutrizionali Aspetti igienico-sanitari Aspetti tecnologici Aspetti sensoriali

dietro le quinte Aspetti nutrizionali Aspetti igienico-sanitari Aspetti tecnologici Aspetti sensoriali dietro le quinte Aspetti nutrizionali Aspetti igienico-sanitari Aspetti tecnologici Aspetti sensoriali Aspetti Nutrizionali Perché fa bene?(senza esagerare!) Per 100 g di prodotto Valore energetico (kcal)

Dettagli

ALTA GAMMA T o p q u a l i t y

ALTA GAMMA T o p q u a l i t y ALTA GAMMA T o p q u a l i t y DISTILLATO 50 PURO 100% RHUM AGRICOLE 50 SELECTION KIRSCH 50 SELECTION WILLIAMS 50 La sapiente miscela di rhum artigianali della Jamaica e Martinica, espressione del caldo

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Il marchio Maison della Nocciola è strettamente legato alla Nocciola Piemonte IGP, da sempre simbolo delle Langhe, e rappresenta il proseguimento di

Il marchio Maison della Nocciola è strettamente legato alla Nocciola Piemonte IGP, da sempre simbolo delle Langhe, e rappresenta il proseguimento di CATALOGO 2015 Il marchio Maison della Nocciola è strettamente legato alla Nocciola Piemonte IGP, da sempre simbolo delle Langhe, e rappresenta il proseguimento di una prestigiosa tradizione di una famiglia

Dettagli

L evoluzione dei lievitati. Panettone e colomba artigianale con 36 ore di lievitazione naturale

L evoluzione dei lievitati. Panettone e colomba artigianale con 36 ore di lievitazione naturale L evoluzione dei lievitati Panettone e colomba artigianale con 36 ore di lievitazione naturale LA STORIA DI UNA PASSIONE, IL FUTURO DI UNA TRADIZIONE Il rispetto del prodotto e della sua qualità si esprime

Dettagli

L etichetta di panettone, pandoro, colomba, savoiardo, amaretto e amaretto morbido

L etichetta di panettone, pandoro, colomba, savoiardo, amaretto e amaretto morbido L etichetta di panettone, pandoro, colomba, savoiardo, amaretto e amaretto morbido Un disciplinare di produzione per alcuni prodotti da forno Il d.m. 22 luglio 2005, in vigore dal 29 gennaio 2006, definisce

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta del Cacao e Cioccolato uno Novità Normative La normativa che disciplina il

Dettagli

Gangemi Confetti e Cioccolato

Gangemi Confetti e Cioccolato 01 Indice 02 La Confetteria Gangemi... pag 05 Confetti al cioccolato... pag 09 Confetti alla mandorla... pag 13 Agrumetti... pag 17 Gocce Verdi... pag 19 Specialità... pag 21 Pasqua... pag 25 Pralineria...

Dettagli

L etichetta del cacao e del cioccolato

L etichetta del cacao e del cioccolato L etichetta del cacao e del cioccolato La normativa vigente (All. I, d.lgs. n. 178/2003) definisce per i prodotti di cacao e di cioccolato le seguenti denominazioni di vendita: 1. Burro di cacao. Sostanza

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Categoria: TORTA CHOCO LIMO DARK CP

Categoria: TORTA CHOCO LIMO DARK CP Categoria: TORTA CHOCO LIMO DARK CP Massa g Pezzi Materie prime / semifabbricato C Mousse lime Mousse cioccolato lime 90 Zucchero 140 gr. zucchero 40 Burro 60 acqua 30 Succo lime 10% zucchero 120 tuorlo

Dettagli

I CANTUCCI I CANTUCCI sono biscotti della tradizione Toscana. Cotti a forma allungata di filoncino, vengono tagliati in diagonale, creando così i famosi pezzetti iniziali e finali, detti appunto cantucci

Dettagli

Dott. Francesco De Dominicis

Dott. Francesco De Dominicis Unione CNA Alimentare Associazione di Bologna 40127 Bologna Viale Aldo Moro, 22 Tel. 051.299241-051.299207 Fax 051.299295 Web:www.bo.cna.it E-mail: cnaalimentare@bo.cna.it Alla C. Att. ne delle Aziende

Dettagli

Il cioccolato. La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita!

Il cioccolato. La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita! Il cioccolato La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita! Gabriele D Annunzio La poetica di D Annunzio IL PIACERE si ebbe nel 1850 con: Si ebbe il perfezionamento delle nuove

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DULCIOLIVA Gabriele d Annunzio,

LA NOSTRA STORIA DULCIOLIVA Gabriele d Annunzio, LA NOSTRA STORIA La DULCIOLIVA è un azienda storica fondata in Piemonte nel 1924 dai F.lli Luigi e Cesare Oliva nella località di Borgo S.Dalmazzo, in provincia di Cuneo, ai piedi del monte Bisalta, il

Dettagli

geometrico Mezza sfera con ganache Torta con tavolette la Casetta

geometrico Mezza sfera con ganache Torta con tavolette la Casetta geometrico Mezza sfera con ganache Torta con tavolette la Casetta Maestra Decora Rosa Maria Martìn Dueñas Scopri le tecniche e i segreti per realizzare cioccolatini, decorazioni e torte da Maestro. Sarà

Dettagli

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com HOT DRINKS Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com Prendere & preparare a casa Tè aromatici Tè alle arance e menta Ingredienti per 1 tazza di tè: V arancia 1 rametto di menta fresca 2.5 dl di

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Dal 1987, l azienda Artigianale VALTORTE fondata dai fratelli D. e A. Riente è specializzata nella produzione di pasticceria surgelata e gelati al

Dal 1987, l azienda Artigianale VALTORTE fondata dai fratelli D. e A. Riente è specializzata nella produzione di pasticceria surgelata e gelati al Dal 1987, l azienda Artigianale VALTORTE fondata dai fratelli D. e A. Riente è specializzata nella produzione di pasticceria surgelata e gelati al servizio del cliente per offrire una vasta scelta di prodotti

Dettagli

L a s c i a t ev i tenta re da ll a q ua l ità

L a s c i a t ev i tenta re da ll a q ua l ità D o l c e z z e A r t i g i a n a l i L A C A N N O L E R I A S I C I L I A N A L a s c i a t ev i tenta re da ll a q ua l ità L a s c i a t ev i tenta re Pagina 2 I Cannoli Siciliani O r igini I cannoli

Dettagli

L Espresso Italiano e il Cappuccino Italiano Certificati

L Espresso Italiano e il Cappuccino Italiano Certificati L Espresso Italiano e il Cappuccino Italiano Certificati L Istituto Nazionale Espresso Italiano L espresso costituisce ormai uno dei simboli del made in Italy di maggior successo a livello mondiale. Per

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5:

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5: Unità 5: Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia Nella prima unità abbiamo visto come da tanti tipi di fiori possono nascere vari tipi di miele. Ogni fiore, infatti, ha un nettare differente e di conseguenza

Dettagli

COPPE DI CREMA E PERE

COPPE DI CREMA E PERE Dolci CREMA (RICETTA BASE) 4 tuorli d uovo 4 cucchiai di farina 1 scorza di limone Sbattere le uova con lo zucchero ed aggiungere la farina, il latte e la scorza di limone. Cuocere per 10 minuti, mescolando

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

NOCCIOLA N.1 TOSTATA. N. 1 - NOCCIOLA TOSTATA 150 gr. - sacchetto sotto vuoto in scatoletta

NOCCIOLA N.1 TOSTATA. N. 1 - NOCCIOLA TOSTATA 150 gr. - sacchetto sotto vuoto in scatoletta CATALOGO 2014 LE NOCCIOLE NOCCIOLA N.1 TOSTATA La rinomata Nocciola Piemonte Igpsgusciata e tostata senza l'aggiunta di ulteriori ingredienti. Per chi ama il sapore del frutto nella sua gustosa semplicità.

Dettagli

Una lezione sul cibo per. per la scuola dell infanzia

Una lezione sul cibo per. per la scuola dell infanzia Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Legale: via Corridoni 7, 20122 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Concerto un dessert molto cremoso e fresco nell assaggio ma non freddo al palato. Di questo semifreddo esistono quattro versioni: cacao, nocciola,

Concerto un dessert molto cremoso e fresco nell assaggio ma non freddo al palato. Di questo semifreddo esistono quattro versioni: cacao, nocciola, Concerto un dessert molto cremoso e fresco nell assaggio ma non freddo al palato. Di questo semifreddo esistono quattro versioni: cacao, nocciola, pistacchio e yogurt. In questo caso parliamo del Concerto

Dettagli

I prodotti presenti in questo catalogo sono realizzati da o con materie prime da alcuni dei 150 produttori di alimentari ed artigianato di Asia,

I prodotti presenti in questo catalogo sono realizzati da o con materie prime da alcuni dei 150 produttori di alimentari ed artigianato di Asia, Natale 2014 La proposta Altromercato I prodotti presenti in questo catalogo sono realizzati da o con materie prime da alcuni dei 150 produttori di alimentari ed artigianato di Asia, Africa e America Latina

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

GELATO ARTIGIANALE NATURALE

GELATO ARTIGIANALE NATURALE GELATO ARTIGIANALE NATURALE i ricoperti i cremosi i semilavorati i sorbetti gli stecchi IL GELATO ARTIGIANALE Il nostro gelato artigianale, preparato con prodotti freschi, si presenta intensamente cremoso

Dettagli

Confezione ACQUAMARINA. Confezione AGATA

Confezione ACQUAMARINA. Confezione AGATA Confezione ACQUAMARINA Cioccolata in tazza La Sfiziosa Tavoletta di Cioccolato 100g Giandujotto 100g Confezione AGATA Il Nocciolato 250g Tavoletta di Cioccolato Bassinati (Mandorla o Zenzero o Fave di

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Catalogo regalo 2014/2015

Catalogo regalo 2014/2015 azienda agricola www.saporidiieri.com Catalogo regalo 2014/2015 Titolare Antonella Finocchi tel. +39 349 4602350 www.saporidiieri.com info@erbemagiche.net 1-N1 Scatole di plexiglass Preziose e trasparenti

Dettagli

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura!

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Carissimi amici, grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Purtroppo per noi, però, è arrivato il momento di salutarvi, perché non solo siamo alla fine dell

Dettagli

Dolci e gelati vegani

Dolci e gelati vegani Dolci e gelati vegani I dolci incuriosiscono maggiormente, perché si pensa che non si possano realizzare senza latte, burro, uova. In realtà, al posto del latte vaccino basta usare latte vegetale (di soia,

Dettagli

Benvenuti nel mondo. della seduzione

Benvenuti nel mondo. della seduzione dal 1936 Benvenuti nel mondo della seduzione QUAL È IL TUO CAPRICCIO OGGI? In una parola: versatilità. Con lo stesso prodotto puoi decorare il gelato tradizionale, vaschette e coppe all interno e in superficie,

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Ateneo Della Cucina Italiana Coordinatore Michele D Agostino

Ateneo Della Cucina Italiana Coordinatore Michele D Agostino CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE U.R.C.M. I DESSERT AL PIATTO PER LA RISTORAZIONE NUOVE TENDENZE, 28 29 OTTOBRE 2014 DOCENTE: PASTRY CHEF GIUSEPPE MANCINI COORDINAMENTO: ATENEO DELLA CUCINA ITALIANA

Dettagli

Un azienda una famiglia

Un azienda una famiglia Un azienda una famiglia L azienda Fratelli De Andreis, immersa nel verde dell entroterra ligure, è una realtà a conduzione familiare in costante evoluzione dove la qualità e la genuità dei prodotti sono

Dettagli

Ogni albero produce circa 80 cabosse due volte all'anno.

Ogni albero produce circa 80 cabosse due volte all'anno. Relazione sul progetto I fabbricanti del cioccolato Il giorno12 febbraio la classe I A della Scuola Secondaria C. Goldoni ha partecipato all'uscita didattica al punto vendita della Coop di Fiesso d'artico.

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA GRUPPO DI LAVORO Alberto Luca Somaschini Luca Mussi Ulmini Nicola DOSI E INGREDIENTI PER 4 PERSONE 250 gr di yogurt naturale biologico (n 2 vasetti piccoli) 100 gr di

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. (Giuseppe Verdi) Metti un momento di tranquillità nel bel mezzo del pomeriggio da godersi a casa propria con le amiche... solo il tempo di preparare un

Dettagli

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g Linea DietaZero Forever, alimenti bilanciati per l equilibrio del peso Pizzero Preparazione Aprire la busta e versare il contenuto in una ciotola aggiungendo 8 gr di olio extravergine di oliva e 30 gr

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

bevande vegetali e succhi di frutta biologici www.isolabio.it

bevande vegetali e succhi di frutta biologici www.isolabio.it bevande vegetali e succhi di frutta biologici www.isolabio.it the le delizie spremute bevanda di riso drink avena drink miglio succhi con gocce di riso giò fruit nettari premium crema di riso drink farro

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Torta Capoccio al Pistacchio

Torta Capoccio al Pistacchio All azienda Mastrangelo, giovane e innovativa, abbiamo ben presente il valore della tradizione e dei sapori di una volta. La ricchezza del gusto ereditata dalla nostra terra, il Molise, ci consente oggi

Dettagli

Il MemoIrca. Linea Surrogati di Cioccolato

Il MemoIrca. Linea Surrogati di Cioccolato Il MemoIrca Surrogati di Cioccolato Nobel Cric-Crac, Nives Poker Coperture Arancia - Limone Puret Gianduia - Avorio Pepita Nives, Marabù Scagliette Codette Covervit Surrogati di Cioccolato website: http:

Dettagli

La decorazione in Pasticceria

La decorazione in Pasticceria 1 La tendenza generale in materia di decorazione in pasticceria è ora rivolta alla semplificazione. Il ruolo dell immaginazione è sempre più importante, ampliando il campo d azione della personalità del

Dettagli

via L.Campanini 14 40066 Pieve di Cento ( BO) tel. 051.975510 http://omarbusi.blogspot.com mail: omar.busi@alice.it facebook: omar busi

via L.Campanini 14 40066 Pieve di Cento ( BO) tel. 051.975510 http://omarbusi.blogspot.com mail: omar.busi@alice.it facebook: omar busi via L.Campanini 14 40066 Pieve di Cento ( BO) tel. 051.975510 http://omarbusi.blogspot.com mail: omar.busi@alice.it facebook: omar busi TRIANGOLO ALBICOCCHE INTERE&CONFETTURA EXTRA ALBICOCCHE FARINA 00

Dettagli

Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta

Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta Tanti frutti per un unica passione. La Marmellata Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta Cara amica, siamo lieti di proporti una raccolta delle confetture più richieste e amate dalle nostre

Dettagli

TORTA A STRATI DI HALLOWEEN

TORTA A STRATI DI HALLOWEEN TORTA A STRATI DI HALLOWEEN 1 CATEGORIA: DOLCI Presentazione Nota: Più tempo di raffreddamento Più zucchero a velo q.b. per spolverizzare La torta a strati di Halloween è una torta molto elaborata ma vi

Dettagli

Tradizioni di Natale. 3 prodotti, Euro 30,00. www.cadelfico.it

Tradizioni di Natale. 3 prodotti, Euro 30,00. www.cadelfico.it Tradizioni di Natale 3 prodotti, Euro 30,00 Un regalo con i profumi e i sapori del Natale a casa dei nonni: Biscotti di pasta frolla Cavalli a dondolo (360 grammi) de La cucina di Annalisa, Torrone tradizionale

Dettagli

BiancoLievito. Impasta, Lievita, Cuoci biancolievito.com. Torta Moka. Per la Massa Montata al Caffè Burro Morbido Zucchero Semolato.

BiancoLievito. Impasta, Lievita, Cuoci biancolievito.com. Torta Moka. Per la Massa Montata al Caffè Burro Morbido Zucchero Semolato. Torta Moka Per la Massa Montata al Caffè Burro Morbido Zucchero Semolato Uova Intere Farina Amido di Mais Sale Baking Vaniglia 180gr 160gr 40gr 4gr 12gr 4gr Per la Crema al Burro al Caffè Burro Morbido

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Prodotti Novità 2015

Prodotti Novità 2015 Prodotti Novità 2015 Gelato PRODOTTI NOVITà 2015 D PRODOTTI RUBICONE: una qualità certificata ISO 9001. In più, scopri a catalogo i prodotti certificati nel rispetto dei principi HALAL e KOSHER. Base Himalaya

Dettagli

CUCINA ITALIANA SEMPLICE ARTIGIANALE SENZA GLUTINE

CUCINA ITALIANA SEMPLICE ARTIGIANALE SENZA GLUTINE 2015 LALLA S Kitchen propone solo prodotti artigianali senza glutine: brioches, pane, pasta fresca, pizza, dolci e molto altro. Un assortimento vario e di qualità, frutto di una scrupolosa ricerca condotta

Dettagli

Capitolo 1 Le calorie dei dolci pag 1 L umidità I grassi Le calorie degli ingredienti Le calorie dei dolci tradizionali

Capitolo 1 Le calorie dei dolci pag 1 L umidità I grassi Le calorie degli ingredienti Le calorie dei dolci tradizionali Capitolo 1 Le calorie dei dolci pag 1 L umidità I grassi Le calorie degli ingredienti Le calorie dei dolci tradizionali Capitolo 2 Dolci e peso forma pag 7 Appetibilità dei dolci Il peso specifico Dolci

Dettagli

Antica Torrefazione Fiorentina

Antica Torrefazione Fiorentina Antica Torrefazione Fiorentina La sua storia Alla fine del 1800 Nonno Alfredo iniziò a lavorare molto presto, ed all età di sei anni divenne apprendista nella drogheria che aveva sede in Piazza della Signoria

Dettagli

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA INTRODUZIONE Questo libro è stato realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia Chizzolini di Brescia con la collaborazione dell insegnante del laboratorio di cucina. A noi bambini piace giocare con

Dettagli