Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo"

Transcript

1 Per noi alunni della classe IV B della Scuola elementare C. Battisti dell Istituto Comprensivo San Fruttuoso, il cioccolato non ha più segreti: abbiamo fatto ricerche approfondite sulla pianta del cacao e i suoi prodotti; poi le nostre esperienze in classe sono state completate nella visita a Novi Ligure allo stabilimento Elah - Dufour - Novi - Baratti e Milano, fondato nel 1982 dal Cavalier Flavio Repetto. Ringraziamo quanti hanno viaggiato intorno al mondo del cacao e su questo hanno scritto. Un mondo non solo di curiosità e di tradizioni, ma anche di novità e di insolite ricette. In questi mondi ci siamo immersi con curiosità e qua e là abbiamo raccolto Gli alunni della classe IV B 1

2 Cioccolata che passione Amaro, dolce, bianco, nero; si beve, si mangia, si assapora. Tante versioni e tanti modi di gustare una vera passione: il cioccolato. Scompare durante l estate, quando è concesso solo sotto forma di gelato e ricompare puntualmente ogni autunno per essere poi, durante l anno, il protagonista delle feste di Natale e della Pasqua. Celebrato in poesie, canzoni e film, conquista ogni giorno milioni di persone. 2

3 Quando è nato il cioccolato? Storia del cioccolato La sua storia risale nella notte dei tempi. Secondo i botanici, l albero del cacao cresceva spontaneamente 4000 anni prima di Cristo nei bacini dell Orinoco e del Rio delle Amazzoni. I primi a coltivare la pianta del cacao furono probabilmente i Maya intorno all anno 1000 a. C. che lo introdussero nello Yucatan. La coltura del cacao si diffuse poi tramite i Toltechi, nella zona attualmente occupata dal Messico e in seguito con gli Atzechi in tutto il centro America. Perché si dice che ha origini divine? Secondo una leggenda azteca, una principessa venne assalita dai nemici mentre custodiva le ricchezze dello sposo, un grande guerriero partito a difendere i confini dell impero. Rifiutando di rivelare dove fosse nascosto il tesoro, venne uccisa. Dal sangue versato dalla fedele sposa, nacque la pianta del cacao, il cui frutto nasconde un tesoro di semi amari come le sofferenze dell amore, forti come la virtù, lievemente arrossati come il sangue. Inoltre, il cioccolato è conosciuto come il cibo degli dei. Nel 1775 infatti il naturalista svedese Carlo Linneo diede all albero del cacao il nome Teobroma, parola greca che ha appunto questo significato. 3

4 Da dove deriva il suo nome? Il nome cioccolato deriva dal termine Maya xocolatl (che secondo il missionario inglese del 600,Thomas Gage sarebbe composto dalla parola atle che nell antica lingua messicana vuol dire acqua e da xoc, cioè il rumore che fa la bevanda mentre viene sbattuta dentro i recipienti perchè faccia la schiuma)e dalla parola cacao in azteco cacahuatl. Come è arrivato fino a noi? Il primo europeo a scoprire il cioccolato senza però dargli troppa importanza, fu Cristoforo Colombo nel 1502 quando approdò a Guanaja isola davanti all Honduras. A capire invece, il potenziale valore commerciale dei chicchi di cacao fu Hernando Cortez. Il conquistatore spagnolo nel 1519, rimase incuriosito dall alto valore che gli attribuivano gli Aztechi. Questi infatti, usavano i semi come mezzo di pagamento: tre o quattro bastavano per acquistare una zucca dieci per un coniglio, cento per uno schiavo. Nel 1538 Cortez portò le fave di cacao con sé in dono all imperatore Carlo V ma gli spagnoli non gradirono molto il gusto amaro e piccante di questa bevanda. Furono i frati grandi esperti di infusi e miscele a fare la fortuna del cioccolato creando una bevanda dolce e gustosa questi, infatti, sostituirono il pepe e il peperoncino presenti nella ricetta originale con zucchero e vaniglia. 4

5 Come e quando il cioccolato riuscì a varcare i confini spagnoli? In Italia il cioccolato arrivò nel 1606 grazie a un commerciante fiorentino Antonio Carlett. Nove anni dopo arrivò ufficialmente in Francia in occasione del matrimonio tra la spagnola Anna D Austria e Luigi XIII di Francia, poi in Olanda in Germania dove però le tasse imposte dal governo lo resero ancor più un prodotto per pochi, e in Inghilterra dove la prima apparizione è datata 1650, quando venne introdotto nella comunità di Oxford nel Un altra regina di origine spagnola, l infanta Maria Teresa d Austria, sposa di Luigi XIV, consacrò l abitudine di servire il cioccolato nei saloni sfarzosi di Versailles, tanto che una sua cameriera personale, addetta al preciso e unico compito di preparare la squisita bevanda, fu soprannominata la Molina, prendendo spunto dal termine spagnolo molinillo un frullino di legno da agitare per formare una deliziosa schiuma nella cioccolata calda. 5

6 Quattro secoli di storia Cristoforo Colombo, al suo quarto viaggio nelle Americhe, scopre il cacao ma non lo riconosce. I semi di cacao erano così preziosi che venivano usati come moneta I conquistadores di Hernan Cortez portano in Europa i semi di cacao dopo aver assaggiato l originalissima xocolatl dell imperatore azteco Momtezuca. Si trattava di una bevanda ricavata abbrustolendo e pestando i frutti del cacao, cui venivano aggiunti spezie ed acqua. Gli Aztechi la consideravano di origine divina, perchè eliminava la fatica e stimolava le qualità psichiche e quelle fisiche In Italia già si produce cioccolato, in particolare a Venezia e Firenze. Anche i Francesi ne vanno matti, prima fra tutti la regina Maria Teresa, moglie del re Sole. I Tedeschi, invece, lo scoprono nel 1646, gli Inglesi nel Ultimi gli Svizzeri, che però, come ben sappiamo, recuperano ben presto il tempo perduto. Oltre Oceano, gli Americani la scopriranno nel Il cardinale Lorenzo Brancaccio, golosissimo di cioccolato, lo assolve e il cioccolato, come l acqua e il vino, può entrare in sacrestia. Il clero si era trovato a disquisire sulla natura della bevanda, perché le dame spagnole avevano preso l abitudine di berla subito dopo la messa: prima fu la servitù a portare in chiesa le caraffe fumanti, poi i monaci si offrirono di sostituire i domestici Per la prima volta, a Barcellona, il cioccolato viene lavorato meccanicamente dal fabbricante di cioccolato signor Fernandez Viene prodotta in Inghilterra la prima tavoletta di cioccolato. È il risultato di una lunga ricerca per riuscire a solidificare il cioccolato. A contendersi la paternità dell impresa sono i Torinesi con l invenzione di un certo 6

7 Bozzelli, genovese, che nel 1802 studiò una macchina idraulica per raffinare la pasta di cacao e miscelarla con zucchero e vaniglia e lo svizzero Cailler L Olandese Conrad Van Hauten inventa un torchio speciale e riesce così a separare il burro di cacao dalla polvere di cacao Nasce a Vienna la Sachertorte, opera di Eduard Sacher, il cuoco personale del cancelliere e ministro degli Esteri asburgico Metternich, che aveva chiesto per una cena un dolce denso, compatto e virile Nasce a Torino il gianduiotto, che prende il nome dalla popolare maschera di Carnevale Gianduia inventata nel Lo Svizzero Daniel Peter inventa il cioccolato al latte, sfruttando una produzione di Henrì Nestlè, la farina lattea Nasce la Novi, come confetteria che produce caramelle e cioccolato Nasce a Genova, la Elah La Perugina lancia il bacio, uno dei cioccolatini più famosi in Italia. Particolare veramente curioso, il bacio nasce quasi per caso per poter riutilizzare i frammenti delle nocciole triturate Nasce a Genova, la Dufour Elah e Doufur si uniscono Elah e Dufour assorbono la Novi e riaprono la produzione del cioccolato A Febbraio, il Gremi Provincial de Patisseria Confiteria y Bolleria di Barcellona, realizza il cioccolatino più grande del mondo: è un modellino di 4000 Kg che raffigura una imbarcazione spagnola A Maggio, Boccaglio (Bs), Alfredo Pontoglio prepara un unica tazza di 500 litri di cioccolata La Baratti Milano entra a far parte della Elah - Dufour - Novi 7

8 Curiosità storiche Il cioccolato cibo degli Dei, come lo definì Carlo Linneo, celebre naturalista svedese, proprio in virtù delle sue qualità salutari, è un peccato di gola che però fa bene alla salute: dà energia e favorisce il buon umore. E il modo più dolce di coccolarsi: persino Goldoni ne La conversazione cantava Viva per la cioccolata. Mentre G.B. Anfossi, settecentesco cultore dell arte del mangiare nei suoi trattati gastronomici innalzando il mitico ingrediente a dono celeste sentenziava: Gli dei bevono ambrosia, gli uomini cioccolata. Napoleone III arrivò addirittura a liberare il cacao dal gravame delle tasse, considerandolo alimento fisicamente e moralmente salutare per tutta la popolazione. Sulla tavola sia letteraria che cinematografica del principe di Salina, protagonista del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, campeggiano collinette di profiteroles alla cioccolata, marroni e grasse come l humus della piana di Catania Molti scrittori, saggisti e autori di fama mondiale hanno dato al cioccolato l onore di apparire nei loro scritti: da Oscar Wilde a Milan Kundera, da Bulgakov a Joyce, da Manzoni a Gadda, Nabokov, Orwell solo per citare i più famosi. Ciascuno di loro ha dedicato alcune righe o a volte intere pagine al cibo degli dei, dando al lettore un breve, ma significativo segno di quanto sia universale, senza tempo e senza confini, la passione che coinvolge e accomuna i cioccolosi di tutto il mondo. Non scappano a questa regola nemmeno i divi del cinema, anzi, basti pensare all incredibile quantità di cioccolatini che Alfred Hitchcock mangiava durante le riprese dei suoi film o ancora ad Arnold Schwarzenegger che si fa spedire ancora oggi il suo dolce preferito (la Sachertorte) dall Austria fino a Los Angeles. 8

9 Nanni Moretti ironicamente rimprovera coloro che non sanno apprezzare il cioccolato, di voler continuare a farsi del male e si lascia sorprendere, nel film Bianca, ad affogare nottetempo i propri dispiaceri dentro a un gigantesco contenitore di fluida e morbida crema al cioccolato. Ma l ammirazione per il cioccolato si spinge oltre ed entra addirittura nei titoli originali di alcuni film di grande successo internazionale come ad esempio Cioccolato bollente (1988): nella catena di montaggio di una fabbrica di cioccolatini a rischio di fallimento, tre operai cadono nella vasca per l impasto del ripieno. Da quel giorno le vendite subiscono un impennata, il pubblico va in delirio per il nuovo gusto, che però pone un problema di non facile soluzione: quello degli ingredienti. Cacao si intitola uno dei capolavori di Jorge Amado scrittore brasiliano; la protagonista di Chocolat, recente e clamoroso successo di Ioanne Haris, addirittura rivoluziona la vita di un intero paese, triste e bigotto, praticando e insegnando l amore per il cioccolato. C è anche Come l acqua per il cioccolato del 1992, tratto dall omonimo best-seller, oppure ancora il fantasioso Fragola e cioccolato del 1993 vincitore dell Orso d argento al Festival di Berlino 1994 in cui la consumazione di un gelato ai gusti di fragola e cioccolato nel celebre locale Coppella di L Avana, a Cuba, diventa occasione di conoscenza e amicizia profonda fra un artista anticonformista e di un giovane militante comunista. Poi c è il classico Pane e cioccolato, film del Il protagonista, un emigrato italiano in Svizzera interpretato da Nino Manfredi, fa questa classica merenda in un parco prima di venire duramente sanzionato dalle irreprensibili guardie elvetiche per una banale infrazione. 9

10 Un famoso gruppo rock americano degli anni a cavallo tra i 60 e i 70, I Chicago, su un loro album, avevano il nome scritto come se fosse stato fatto di cioccolato e pare addirittura che prima di ogni concerto la band pretendesse un chilo di cioccolatini a testa La stravagante cantante pop inglese Pop G, per lanciare il suo nuovo album, Fresh, ha convinto il frastornato reporter del quotidiano inglese The Sun, Andy Coulson, ad farsi imbrattare di cioccolato da lei. Le cinque foto che documentano l insolito avvenimento sono successivamente apparse nell edizione del Sun, dove si vede un audacissima Gina G, in un ridottissimo bikini, che dapprima inizia a pennellare il reporter, poi si fa ricoprire di cioccolato liquido. 10

11 BEVANDA O MEDICINA? Secondo gli Aztechi una tazza di xocolatl eliminava la fatica e stimolava le forze fisiche e mentale. Dottori e speciali lo prescrivono nella cura di organismi debilitati. Addirittura si diffuse l uso di servire cioccolato in chiesa alle dame, per sopportare il protrarsi delle funzioni religiose, scatenando l indignazione di vescovi e di prelati. In difesa del cioccolato si espresse però papa Pio V che, nel 1569, zittì chi era chi era contrario al suo consumo durante i periodi di digiuno, affermando ufficialmente che una tazza di cioccolato, in quanto liquida era certamente consentita. L uso della cioccolata come medicamento era molto diffuso come testimonia il libro del medico francese Nicolas de Blegny (1687) Le bon esage du the, du caffè et du chocolat pour la preparation et pour la guerision des malades dove viene prescritto per i mali dello stomaco, le febbri, le malattie nervose e gli sfoghi di bile. Anthelme Brillat-Savarin nel libretto Fisiologia del gusto, ovvero Meditazioni di gastronomia trascendente, pubblicato nel 1825, lo consigliava addirittura come digestivo. Il cioccolato, croce e delizia, è sempre sotto processo è vero? Il signor Teobroma Cacao meglio conosciuto cioccolato, ha subito recentemente un vero e proprio processo penale con tanto di avvocati e giudici veri. La prima udienza si è tenuta presso l aula magna dell Università di Pavia l 11 aprile del I capi d accusa erano molti: attentato alla linea e alla salute; circonvenzione di incapaci a resistere alla golosità e associazione a delinquere di stampo gastronomico. Organizzato in collaborazione con Chococlub, il processo si è poi concluso con sopralluogo sul luogo del delitto in cui ben 21 pasticceri e 7 ditte dolciarie hanno deliziato i presenti con oltre 1500 chili di cioccolato. 11

12 LA PIANTA DEL CACAO Il cacao è il nome comune della Teobroma cacao (cibo degli dei) e del prodotto derivato dai suoi semi. La pianta del cacao ha portamento arboreo e può raggiungere sei metri di altezza; è caratterizzata da grandi foglie lucide, lunghe anche 30 cm e da piccoli fiori rosati inseriti sul tronco e sui rami vecchi. Solo una piccola percentuale delle migliaia di fiori prodotti annualmente da ciascuna pianta arriva a sviluppare frutti carichi di semi. Questi ultimi, chiamati fave di cacao, sono contenuti in un baccello di colore giallo o rossastro. La coltivazione del cacao, tipica di climi tropicali caldo umidi, era originariamente presente solo in Sud America; dal XVI secolo fu introdotta in Africa. Attualmente, il cacao destinato alla lavorazione industriale proviene soprattutto dalla Costa d Avorio, dal Ghana, dall Ecuador e dal Brasile. 12

13 Il frutto del cacao Il frutto del cacao ha forma allungata, pesante da 300 a 500 gr, lungo da 10 a 35cm, a buccia liscia o verrucosa. Questo bacca è percorsa da 10 solchi longitudinali. Ha colore verdognolo che diventa rosso - bruno o maturazione contiene una polpa gelatinosa in cui si trovano da venti a cinquanta semi piatti lunghi circa 2,5 cm. Questi semi di colore rosa sono disposti in cinque file il suo nome è CA- BOSSA o CABOSSIDE che è della famiglia sterculiacee. I semi, detti fave di cacao, sono avvolti in una sostanza biancastra, gelatinosa ed altamente zuccherina. Le principali varietà È originario dell America tropicale e quindi vuole un clima caldo umido. Secondo la classificazione in uso recentemente in America Latina, i tipi di cacao prodotti sono tre: Criollo, Forastero e Trinitario. CRIOLLO: Significa indigeno ed è il nome che gli Spagnoli diedero al cacao prodotto dagli Atzechi. In questo tipo di cacao i baccelli contenenti i semi sono allungati e scanalati di colore verde al loro spuntare che diventa arancio rosso alla maturazione. I semi sono di aspetto biancastro e opaco. Viene coltivata in Messico,Venezuela, Colombia e in alcune regioni asiatiche. È una varietà molto buona e di gradevole sapore, tuttavia è di scarsa resa e poco resistente alle malattie, per cui oggi c è la tendenza ad abbandonarla a favore di altre colture. FORASTERO: è la pianta del cacao originaria dell alto bacino del Rio delle Amazzoni (Brasile). Il suo baccello è rotondeggiante, piuttosto liscio e si presenta inizialmente verdastro per poi passare giallo brillante alla maturazione. 13

14 Questo cacao comprende l ottima produzione brasiliana, il Nactional, prodotto in Equador e varie specie coltivate in altri paesi dell America Latina, a Giava e nello Sri Lanka. TRINITARIO: è profondamente diversa dalle precedenti, sembra abbia avuto origine da una mescolanza di Criollo proveniente dall isola di Trinidad (Carabi) e di Forastero Oggi è molto diffuso e costituisce un gruppo omogeneo I suoi baccelli presentano un tipico colore e danno un ottimo cacao, abbastanza simile nel sapore e nella qualità al Forastero. Riportiamo alcune delle varietà più conosciute: COSTA D AVORIO: è uno dei più utilizzati come cacao massa. Le fave sono abbastanza regolari,non molto aromatiche, colore scuro. GHANA: le fave sono tondeggianti, di sapore delicato. Per questo motivo è utilizzato soprattutto per il cioccolato al latte o alle nocciole. NIGERIA: ha caratteristiche molto simili ai due precedenti. BAHIA: è un cacao massa prodotto in Brasile. Dove ci sono piantagioni dove vi sono piantagioni dalla varietà forastero imbridata, simile all amelonado Africano. MALESIA: La produzione di questo cacao è incrementata moltissimo in questi ultimi anni. La qualità è piuttosto scadente a causa dell elevata acidità del burro di cacao. ARRIBA: è uno dei migliori cacao fine che si trovano in confine, apprezzato soprattutto per l eccellente aroma floreale. Proveniente dall Ecuador dove si trovano molte piantagioni della varietà trinitario. MARACAIBO: prodotto nelle piantagioni di varietà criollo del Venezuela è molto pregiato sia per la qualità delle fave grandi, rotonde e ben fermentate, sia per l aroma dolce fruttato. 14

15 STANDARS INTERNAZIONALI Il cacao di qualità mercantile è il prodotto fermentato ed essiccato, costituito da fave intere di pezzatura ragionevolmente uniforme, prive di odori inquinanti (in particolare di fumo), non infestate da insetti ed esenti da sostanze estranee. Una prima classificazione divide il cacao in due grandi categorie: CACAO BULK O MASSA : rappresenta circa il 90% del quantitativo mondiale ed è un prodotto di qualità uniforme, con un aroma discreto, che consente di ottenere un cioccolato dal gusto gradevole, senza caratteristiche salienti. Questo tipo di cacao è fornito dalle piantagioni della varietà Forastero e di un ibrido, molto simile al Forastero, chiamato Amelonado. I maggiori produttori sono i paesi del West Africa (Ghana, Nigeria, Costa D Avorio, molte zone del Brasile, la Repubblica Domenicana ), alcuni paesi dell Est Asiatico (Nuova Guinea, Malesia ) CACAO FINE O AROMATICO : è un cacao di qualità molto elevata, prodotto dalle piante della varietà Criollo e Trinitario. L aroma è eccellente e varia a seconda del paese di provenienza (Centro e Sud America, Celyon, Trinidad ecc.). Normalmente non è utilizzato da solo, bensì in aggiunta al cacao massa per migliorarne il gusto. Nell ambito di queste due grandi categorie esiste poi una classificazione specifica riferita al paese produttore, che è la sola utilizzata dal punto di vista commerciale. In base alla provenienza del prodotto i semi di cacao si suddividono in: CACAO AMERICANO: il più apprezzato è quello Messicano, ma viene coltivato anche in Venezuela, Colombia,Guatemala ed Equador, molto ricercato è anche il Bahia coltivato in Brasile. CACAO ASIATICO: viene prodotto nello Sri Lanka e a Giava. CACAO AFRICANO: particolarmente ricercato la qualità coltivata in Camerun e in Madagascar. 15

16 LAVORAZIONE DEL CACAO Ecco come delle fave di cacao si trasformano in tavoletta. Raccolta. I frutti maturi vengono raccolti uno ad uno a mano. Accatastati con cura, vengono immediatamente tagliati a metà con un macete. Fermentazione della varietà del cacao. Una volta liberati dall involucro esterno, i semi, con tutta la loro guaina biancastra, vengono ammassati e coperti con foglie di banano o messi in contenitori per far partire il processo della fermentazione. Questa operazione riduce notevolmente la presenza dell amaro e dell astringenza contenuta nel seme. Inoltre è un passaggio importantissimo perché si sviluppa l aroma del cacao. Questo periodo varia da 1 a 7 giorni a seconda Essiccazione I semi ormai liberati dalla mucillagine,vengono distesi al sole (sul selciato o in cassetti con rotelle) o messi in essiccatori. Questa operazione serve a ridurre l umidità passando dal 60% al 5-6%. I semi a questo punto cambiano colore. 16

17 Separazione Separazione dei semi delle parti impure quali parti residue di cabossa, ecc. Avviene meccanicamente. Tostatura Le fave di cacao sono pronte per la tostatrice, alimentata con legno di ulivo. L esperto apre la macchina per la torrefazione: le fave di cacao sono ormai tostate e si riversano nel contenitore per il raffreddamento che avviene tramite pale in movimento. Ad intervalli regolari viene tolta dalla tostatrice una piccola quantità, che di volta in volta gli esperti esaminano attentamente per valutare il giusto grado di tostatura. Attraverso il procedimento della tostatura si controlla la temperatura dell aria che passa nel cacao, ogni varietà di cacao necessita di un grado diverso di torrefazione; ad esempio i semi Giava, acquistati in Italia solo da alcuni produttori, hanno bisogno di una tostatura lenta e delicata, data la loro caratteristica pellicola chiara e sottile, che li rende particolarmente adatti per la base del cioccolato al latte. Frantumazione I semi di cacao raffreddati passano nel rompicacao. Esso è una sorta di frantoio che, con un procedimento di ventilazione e di stacciatura, libera i semi dal guscio e li fran- 17

18 tuma. A questo punto i semi di cacao, ridotti a granella, vengono miscelati sapientemente secondo la ricetta degli esperti e vengono fatti passare nella macina i cui rulli di granito rendono sottilissima la grana di cacao e sotto lo effetto del calore, che arriva a 45, il burro di cacao entra in fusione producendo una pasta densa e profumata. La pasta di cacao, che impiega circa 24 ore a solidificarsi completamente, viene ridotta in panetti (lingotti) i quali vengono immagazzinati e conservati fino a due mesi, sempre pronti per diventare invitanti praline, tavolette o uova di Pasqua. La pasta di cacao viene poi lavorata in una seconda macina in cui si aggiunge lo zucchero e gli altri eventuali ingredienti a seconda se si vuole produrre cioccolato al latte alle nocciole ecc.. Raffinazione Operazione indispensabile per eliminare eventuali parti solide e granulose. La pasta di cacao passa attraverso una serie di presse che riducono notevolmente le parti solide. Concaggio Questa macchina attraverso un movimento rotatorio continuo, mescola il prodotto della raffinazione facendo uscire buona parte delle rimanenti sostanze acide senza alcuna perdita della componente aromatica. È a questo punto della lavorazione che vengono aggiunti gli altri ingredienti. Questa operazione può durare da poche ore a più giorni e più si prolunga più morbido vellutato risulterà il cioccolato. Si ottiene così la cosiddetta copertura. 18

19 Temperaggio Dai 40 del concaggio il cioccolato passa dai 28 per poi rialzarsi ai 31 attraverso l operazione del temperaggio, in una macchina chiamata appunto temperatrice. Questo brusco passaggio di temperatura è indispensabile per avere un prodotto finale lucido e consistente, perchè modifica i cristalli di burro di cacao contenuti. Modellaggio Il cioccolato temperato rimane fluido per circa 15 minuti, quindi occorre lavorarlo subito modellandolo con le apposite macchine per donargli le diverse forme (gianduiotto, praline, tavolette.) oppure colandolo con la ricopritrice per avvolgere i gustosi cioccolatini. 19

20 Principali qualità di cioccolato CIOCCOLATO FONDENTE E costituito da zucchero, pasta di cacao, burro di cacao, lecitina di soja e vaniglia. In base al contenuto di elementi di cacao e burro, il cioccolato fondente è classificato in: 1. CIOCCOLATO deve contenere almeno il 25% di elementi totali di cacao (pasta e burro) ed almeno il 18% di burro di cacao. 2. CIOCCOLATO COMUNE deve contenere il 30 % di elementi totali di cacao ed almeno il 18% di burro di cacao. 3. CIOCCOLATO EXTRA deve contenere almeno il 45% di elementi totali di cacao ed almeno il 28% di burro di cacao. 4. CIOCCOLATO DI COPERTURA deve contenere almeno il 31% di burro di cacao CIOCCOLATO AL LATTE E quello che contiene, oltre agli ingredienti del fondente (zucchero, pasta cacao e burro di cacao) anche il latte disidratato, con o senza aggiunta di burro vaccino, In funzione della composizione si distinguono i seguenti tipi: CIOCCOLATO AL LATTE deve contenere almeno il 25% di elementi di cacao, almeno il 14% di sostanza secca di origine lattica e non più del 55% di zucchero. CIOCCOLATO COMUNE AL LATTE deve contenere almeno il 20% di elementi di cacao, almeno il 20% di sostanza secca proveniente dal latte, almeno il 5% di grasso butirrico e non più del 55% di zucchero. CIOCCOLATO AL LATTE FINISSIMO deve contenere almeno il 30% di elementi di cacao, almeno il 18% di sostanza secca proveniente dal latte, almeno il 4, 5 di grasso butirrico e non più del 50% di saccarosio. 20

21 CIOCCOLATO DI COPERTURA AL LATTE cioccolato al latte il cui tenore minimo di sostanze grasse è pari o superiore al 31%. CIOCCOLATO GIANDUJA E entrato nell uso comune chiamare Gianduia il cioccolato che contiene nocciole. Anche in questo caso la legge ha una classificazione ben precisa. CIOCCOLATO ALLE NOCCIOLE GIANDUJA E il prodotto ottenuto miscelando un cioccolato, il cui tenore totale di elementi di cacao sia almeno del 32% e di cacao secco sgrassato dell 8%, con pasta di nocciole in quantità variabile dal 20 al 40%.Si possono inoltre aggiungere sostanze di origine lattica in quantità massima del 5% e mandorle o nocciole in pezzi in proporzione tale che il loro peso, aggiunto a quello delle nocciole macinate, non superi il 60% del peso totale del prodotto. CIOCCOLATO AL LATTE ED ALLE NOCCIOLE E il prodotto ottenuto dal cioccolato al latte, il cui tenore minimo di sostanza secca di origine lattica sia del 10%, da un lato e da nocciole finemente macinate dall altro, in proporzione tale che gr, 100 di prodotto contengono da un minimo di gr.15 ad un massimo di gr.40 di nocciole. Possono essere aggiunte mandorle o nocciole intere o in pezzi in proporzione tale che il loro peso non superi il 60% del peso totale del prodotto. Le denominazioni Gianduiotto e Nocciolato, entrate nell uso comune non sono comprese nelle definizioni ufficiali di legge. E quindi obbligatorio indicare in etichetta anche la denominazione di legge, che per il Gianduiotto è Cioccolato alle nocciole Gianduia e per il Nocciolato Cioccolato Gianduia con nocciole intere. 21

22 CIOCCOLATO BIANCO E quello ottenuto dal burro di cacao, saccarosio, latte ed eventualmente grasso butirrico. Deve contenere almeno il 20% di burro di cacao, il 14% di sostanza secca di origine lattica, il 3, 5% di grasso butirrico e non più del 55% di saccarosio. PRALINA o CIOCCOLATINO E il prodotto della dimensione di un boccone costituito da: cioccolato ripieno, purchè la parte di cioccolato sia almeno il 25% del peso totale; giustapposizione di cioccolato ed altre sostanze commestibili, purchè la parte di cioccolato sia ben distinguibile e rappresenti almeno il 25% del peso totale; miscela di cioccolato (almeno il 25%) ed altre sostanze, purchè queste non siano farine, amidi e fecole, oppure sostanze che contengano materie grasse diverse dal burro di cacao e dal burro vaccino. USO DEL BURRO DI CACAO Il seme del cacao contiene circa il 50 % di grassi vari, fra cui il burro di cacao. Questa sostanza, formata da esteri degli acidi oleico e palmitici, ha colore bianco-giallastro e sapore gradevole. Oltre che nella preparazione del cioccolato, il burro di cacao viene usato in farmacopea come eccipiente per pomate, supposte ecc., e in cosmetica nella composizione di creme e rossetti. 22

23 Cioccolato, tavolette, cioccolatini e Quando fu inventata la tavoletta? Per tutto il Settecento il cioccolato era solo una bevanda. Il primato della creazione del cioccolato solido è attribuito allo svizzero Francois Louis Cailler, nei primi anni dell Ottocento. Ma solo una ventina di anni più tardi, in Inghilterra, fu messa a punto la prima tavoletta. Prodotta da Fry&Sons: consisteva in un miscuglio granuloso che, oltre al cacao, conteneva liquore e zucchero. Ma fu Rud Lindt nel 1879 a produrre a Berna una tavoletta rettangolare di cioccolata fondente. La Sacher Fu grazie all incontentabile principe di Metternich che Franz Sacher, sedicenne pasticcere, inventò la Sachertorte. Il povero pasticcere realizzò una serie di dolci diversi, tutti a base di cioccolato, per riuscire a soddisfare la richiesta di una torta densa, compatta e virile da parte del cancelliere austriaco, inguaribile goloso Buona, ma non eccelsa! Questo era il commento dello statista dopo avere assaggiato i dolci proposti dal pasticcere. Solo dopo aver provato questa torta soffice, dall intenso sapore di cioccolato ma non stucchevole, farcita di marmellata all albicocca e rivestita da una glassa di fondente, Metternich diede la sua approvazione. Era il Sacher decise allora di dare il suo nome alla torta, destinata a diventare famosa in tutto il mondo. Ma come tutti i grandi successi ecco che qualcun altro vuole rivendicare la paternità di questo dolce: Eduard Demel titolare della più celebre pasticceria dell epoca proclamava che la classica Sacher era la sua con le seguenti varianti: niente farcitura e la marmellata d albicocca appena sotto la glassa. La 23

24 diatriba portò ad un processo della durata di sei anni. Alla fine vinsero i nipoti di Franz. Il gianduiotto L invenzione della pasta gianduia è tipicamente italiana, e spetta ai cioccolatieri torinesi. Nel 1806, a causa del blocco napoleonico, era quasi impossibile rifornirsi di cacao, che fra le altre cose, aveva un costo altissimo; allora pensarono di mescolarlo con le molto più economiche ed ottime nocciole piemontesi. Ridotte in polvere venivano impastate al cacao dando origine ad un cioccolato con poco cacao ma gustosissimo. A farla diventare una vera e propria specialità fu la ditta Caffarel - Procher, che nel 1865 inventò un nuovo cioccolatino dalla caratteristica forma a spicchio. Il suo primo nome fu givu, che in dialetto torinese significa bocconcino. Riguardo l attuale nome esistono due versioni: la prima, durante il carnevale del 1866, un attore vestito da Gianduia (maschera tipica torinese) ebbe l idea di regalare tanti givu ai bambini; la seconda semplicemente dal nome della maschera torinese. Il cremino Fiat Molti si saranno chiesti se per Fiat si intende la celebre fabbrica automobilistica e, se sì, quale nesso c è con il cioccolato. Ecco svelato il dilemma. Nel 1911 la fabbrica di automobili Fiat indice un concorso fra tutti i cioccolatieri italiani per l invenzione di un nuovo cioccolatino, da riservare in esclusiva alla Fiat che intende usarlo a scopi pubblicitari. Vince il concorso un cremino a forma di cubo, con quattro strati (invece dei soli tre) alternati di cioccolato e pasta di mandorle ideato da Aldo Majani di Bologna. E un successo travolgente ma solo la Fiat può distribuire il nuovo cioccolatino. Solo nel 1913 Majani ottiene il permesso di vendere il nuovo cremino a condizione che mantenga il nome Fiat. Più tardi verrà brevettato il tutto il mondo. 24

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione Gentile Signora, con questo libro Le proponiamo, insieme alle più note ed apprezzate ricette delle precedenti edizioni, molte nuove idee di dolci da preparare in casa. L ampio ricettario è allo stesso

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli