ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO. Percorsi didattici di educazione alimentare. Il latte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO. Percorsi didattici di educazione alimentare. Il latte"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO Percorsi didattici di educazione alimentare Il latte

2 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 2

3 1 I A - Cairoli Uso i sensi per il latte. 3

4 2 Giochiamo con i sensi I B - Cairoli 4

5 3 Giochiamo con i sensi I C - Cairoli 5

6 4 Alla scoperta del latte I B, I C- Cairoli Alla scoperta del latte Il latte e il nostro corpo 6

7 5 Un esperienza con il latte II A, II B- Vico 7

8 8

9 56 L uso del latte nei popoli III B - Vico (Disegno a cura della I C - Ariosto) Il latte fin dall antichità è stato un alimento molto diffuso tra i popoli, da quando l uomo ha iniziato a praticare l agricoltura e l allevamento dei capi di bestiame. Il latte consumato dagli uomini primitivi era soprattutto di capra, di pecora e di asina. Più tardi i Romani usarono latte di mucca e impararono tecniche di lavorazione del latte e dei suoi derivati. Oggi la conoscenza di altri popoli, diversi dal nostro, ci ha fatto avvicinare ai loro usi e costumi e anche all uso del latte. In Lapponia si usa il latte di renna, in India il latte di bufala, nel Nord Africa il latte di cammella, in Madagascar quello di zebù, animale simile alla mucca, ma con la gobba, diffuso nei paesi caldi come l Africa e l Asia. Lo zebù viene allevato per la carne, il latte e il cuoio. È un animale molto resistente alle malattie tropicali e ai parassiti. Il latte dunque è utilizzato in tutto il mondo. Nel mondo occidentale si usa il latte di mucca, di capra e di pecora. Invece in quello orientale si usa quello di bufala, cammella, zebù e di capra. Il latte di cammella è leggermente più salato del latte di mucca, ha un alto valore nutrizionale, è tre volte più ricco di vitamina C di quello di mucca, è ricco di ferro e di vitamina B e di acidi insaturi, cioè che non fanno male. Esistono anche i dolci fatti con il latte di cammella, anche il cioccolato, con basso contenuto calorico. 9

10 7 Il formaggio in filastrocca IV A - Vico Latte, sale poi il caglio aggiungiamo e il formaggio otteniamo. Un formaggio genuino e qualcuno prima o poi ci farà un bel panino. Nel formaggio con i buchi sembran passati tanti bruchi. A pasta molle o pasta dura sempre vien dalla natura. Il formaggio a crosta dura è come se avesse intorno delle mura. A pasta molle e crosta fiorita i francesi al brie danno vita. Il mascarpone e lo stracchino son diversi dal pecorino. La mozzarellina è piccolina e la provola è più grandina. Il pecorino romano va d accordo con il parmigiano. Nell alpeggio si produce il taleggio. La caciotta cicciottona è molto golosona. Con sale, caglio e latte quante forme si son fatte! 10

11 28 Lo yogurt: produzione e caratteristiche IV B - Vico 11

12 9 Storia di due vitellini - Visita alla fattoria IV C, IV D - Vico MUCCA ALLEVATA ALLO STATO NATURALE ALIMENTAZIONE PESO RIPRODUZIONE CICLO DELLA VITA Pascola nei prati. Mangia erba, fieno, paglia, circa Kg al giorno. Fa movimento. Pesa circa 400 Kg A due anni partorisce uno o due vitellini. Continua a partorire per diversi anni. Allatta il vitellino. Produce circa venti, venticinque litri di latte al giorno. Il vitellino fa cinque poppate al giorno succhiando il latte dalla mamma. L uomo utilizza solo quello che avanza al vitellino. Vive venti trenta anni 12

13 MUCCA ALLEVATA ALLO STATO NON NATURALE ALIMENTAZIONE PESO RIPRODUZIONE CICLO DELLA VITA Resta sempre chiusa nella stalla. Mangia prodotti artificiali (mangimi). Non fa movimento e ingrassa. Pesa circa 500 Kg A due anni partorisce uno o due vitellini Non partorisce più di due otre volte. Non allatta il vitellino..produce circa trenta, quaranta litri di latte al giorno. Il vitellino beve latte in polvere, e non conosce la sua mamma. L uomo vende tutto il latte che produce. Dopo quattro o cinque anni viene portata al mattatoio. 13

14 10 Quante cose nel latte che beviamo! IV C, IV D - Vico, III F- Ariosto Il latte è uno dei pochi alimenti completi perché contiene sia carboidrati che grassi e proteine. Ecco perché i cuccioli degli animali più evoluti e i bambini nei primi mesi di vita si possono nutrire solo con il latte! Come facciamo però a scoprire se davvero nel latte ci sono grassi, zuccheri e proteine? Con l aiuto delle compagne di terza media verifichiamo quante cose ci sono nel latte. Per riconoscere le proteine si usa un indicatore chiamato biureto, costituito da due liquidi: il biureto A (azzurro) e il biureto B (trasparente). Se prendiamo una proteina e aggiungiamo il biureto A e il biureto B, il colore da azzurro diventa viola. Le compagne di terza F hanno messo il Biureto A e il Biureto B in tre provette contenenti acqua, la proteina del sangue e il latte. La proteina del latte ed il latte sono diventati viola, l acqua è rimasta azzurra 14

15 Per riconoscere gli zuccheri nel latte si usa un indicatore chiamato Fehling, costituito da due liquidi: il Fehling A (azzurro) e il Fehling B (trasparente). Se scaldiamo il Fehling A insieme al Fehling B e aggiungiamo uno zucchero il colore da azzurro diventa rosso. Le compagne di terza F hanno messo il Fehling A e il Fehling B in tre provette contenenti acqua, fruttosio e latte e le hanno riscaldate. Il fruttosio ed il latte sono diventati rossi, l acqua è rimasta azzurra. Per riconoscere i grassi nel latte useremo della carta assorbente. Se il grasso cade sulla carta assorbente lascia una macchia (alone). Le compagne di terza F hanno messo su 3 fazzoletti assorbenti una goccia di acqua, una goccia di latte e una di latte e le hanno lasciate evaporare. L olio ed il latte hanno lasciato un alone, l acqua no. 15

16 11 Gli animali da latte nel mondo IV C, IV D- Vico 16

17 12 La prima colazione I A - Ariosto Una buona colazione migliora la giornata! Ma i risultati della nostra indagine dimostrano che non tutti seguono questo consiglio. Abbiamo chiesto, infatti, ai ragazzi delle classi prime della nostra scuola se hanno l abitudine di fare colazione la mattina. Alcuni, spesso per la fretta, prima di venire a scuola non mangiano nulla o prendono appena un po di latte, a volte qualche biscotto. I nutrizionisti però ricordano che bisogna mangiare al mattino perché una buona colazione fornisce al nostro organismo il carburante cioè l energia necessaria per affrontare il lavoro della giornata. Quindi ragazzi ricordiamoci di mangiare la mattina perché una buona colazione migliora l attenzione, la memoria, il rendimento scolastico. Ma cosa mangiare? L alimento base della prima colazione è il latte perché contiene tante sostanze nutritive per crescere e per dare energia. CLASSE SI NO TOTALE ALUNNI 1 A B C F TOTALE SI NO 17

18 Ma cosa mangiano i ragazzi a colazione? Alimento 1 A 1 B 1 C 1 F Totale Latte Latte e caffé Latte e cacao Tè Succo di frutta Fette biscottate Marmellata Biscotti Burro Altro (orzo, cerali, merendine, ) Altro 16% Latte 13% Burro 2% Latte e caffé 7% Latte Latte e caffé Latte e cacao Tè Succo di frutta Biscotti 22% Marmellata 9% Fette biscottate 8% Tè 5% Succo di frutta 5% Latte e cacao 13% Fette biscottate Marmellata Biscotti Burro Altro 18

19 13 La storia del latte I C - Ariosto Le testimonianze più antiche Nella storia dei popoli antichi, nella mitologia classica, ma anche nei libri dell'antico Testamento troviamo riconosciuto il valore del latte come alimento prezioso per l'uomo. Dalla mitologia greca apprendiamo che la dea Era aveva una forte personalità grazie al latte di capra che le procuravano le Driadi. Omero intorno al 1300 a.c. ci racconta nell'odissea che il ciclope Polifemo "nei canestri di intrecciato vinco collocò il candido latte". Nell'Eneide Virgilio ci narra che la selvaggia e indomita vergine Camilla veniva allevata con latte di cavalla. Abramo, come possiamo leggere nel libro della Genesi (Gen.18,8), nell'accogliere i tre messaggeri celesti venuti ad annunciargli la miracolosa gravidanza di Sara, offrì loro "latte acido e fresco". Nel codice di Hammurabi, re di Babilonia nel XVIII secolo a.c., possiamo trovare un preciso riferimento alle tasse imposte sul latte e sui suoi derivati. L'ipotesi che il primo latte animale entrato nell'alimentazione umana sia stato quello degli ovini e dei caprini, sembra confermata dai reperti archeozoologici che fanno risalire al 6000 a.c. la domesticazione di questi animali. I tipi di latte conosciuti nell'antichità ed usati nell'alimentazione dovevano essere parecchi: Aristotele ( a.c) nella Storia degli animali cita quello di cammella come il più fluido, seguito da quello di cavalla e da quello di asina, indicando però quello vaccino come il più denso e quindi il più adatto ad essere lavorato. Le prime testimonianze pittoriche sulla pratica della mungitura risalgono al 3100a.C. e sono state trovate durante gli scavi della città di Ur in Mesopotamia: raffigurano un uomo che seduto su uno sgabello, munge una vacca raccogliendone il latte in un secchio. Il latte presso i Romani Per i Romani il latte era simbolo di fecondità e ricchezza. Sembra che sia stato Romolo a stabilire che ogni libagione agli dei prevedesse il latte di capra, di vacca, di asina o di giumenta. Nella Roma antica il pane aromatizzato era considerato un pasto completo se accompagnato per il prandium di mezzogiorno da latte, vino e acqua. Popolari erano poi le lactenzia cioè potentine e minestre di latte e cereali. Da Plinio apprendiamo la ricetta in uso fino all'età imperiale di un latte aromatizzato con crescione di terra e sedano di montagna pestati e lasciati a macerare. Si tratta di latte di capra che 19

20 era giudicato all'epoca il più adatto all'uomo. Il latte vaccino era infatti raro e comunque sconsigliato dai medici. Con l'avvento dell'impero e lo sviluppo dell'allevamento delle pecore si finirà per consumarne anche il latte ritenuto però troppo pesante e saporito. Catone consiglia di bere una scodella di latte di pecora appena munto per combattere la stanchezza, aggiungendovi un cucchiaio di miele e qualche foglia di menta. Galeno suggerisce di utilizzare un decotto di latte di capra e rosmarino per rimediare ad un'alimentazione disordinata. Plinio, per rallentare l'invecchiamento del corpo e della mente, raccomandava di condire con latte cagliato fiori di pesco, malva, fragola e primula. Dal calmiere dei prezzi imposto da Diocleziano sappiamo che il latte a Roma costava poco ed anche per questo se ne sentiva la mancanza nei mesi estivi, quando le greggi abbandonavano i centri abitati per i pascoli in montagna. Il latte nel Medioevo Nell'alto Medioevo i nuovi conquistatori, quei Barbari che i Romani con disprezzo chiamavano "mangiatori di carne e bevitori di latte," consumavano la frumenty, cioè la gelatina ottenuta dal frumento mondato e messo a macerare in acqua bollente, miscelandola con latte e miele. Nel basso Medioevo, grazie all'impulso dato all'allevamento zootecnico, fu incrementato il consumo di carne e latticini. Il consumo del latte fu invece limitato, soprattutto nei centri urbani a causa della sua difficile conservazione Si può rilevare che nelle legislazioni dei Comuni sono rare le norme di carattere igienico relative alla vendita e al commercio del latte. La medicina ufficiale del Medioevo sconsigliava un uso indiscriminato di latte: lo si poteva bere soprattutto nei mesi invernali e comunque solo appena munto per evitare i pericoli insiti nell'assumerlo inacidito o coagulato. In alcuni testi dei secoli XI-XII, troviamo il latte indicato come antidoto contro i veleni. Il latte in età moderna Alla fine del 1400 Pantaleone da Confienza, un medico di Torino, nonché archiatra dei Savoia, scrisse un trattato sulle proprietà del latte, intitolato Summa Lacticiniorum, un'opera innovativa che inaugurò un filone di studi per tutto il Le conoscenze medico scientifiche in relazione alle proprietà organolettiche del latte, non progredirono però molto fino al XIX secolo dal momento che nel Dizionario d'agricoltura del fiorentino Ignazio Ronconi troviamo elencate le stesse caratteristiche del latte enunciate da Pantaleone da Confienza. Per la nascita di un'industria lattierocasearia specializzata, bisognerà aspettare l'iniziativa dei Paesi Bassi che, a metà del XVIII secolo, produrranno tanto latte da poter esportare burro e formaggio nei Paesi vicini. 20

21 14 Modi di dire I C - Ariosto Alcuni modi di dire diffusi in Italia mettono in evidenza come il latte sia elemento di grande pregio. Si dice per indicare uno stato di grande felicità Si usa questa espressione per indicare la depressione conseguente ad un grosso danno Si dice per indicare qualcosa di raro e prelibato: è infatti il nome di delicato e sostanzioso liquore fatto di zucchero, uova e latte. 21

22 15 Il latte nel laboratorio di cucina I F - Ariosto Il burro Ingredienti: ½ litro di panna, 15 gocce di limone. Attrezzature: sbattitore elettrico, contenitore refrigerato. 2 Versare la panna nel contenitore refrigerato e aggiungere 15 gocce di limone 3 Frullare fino ad ottenere la panna montata Continuando a frullare la panna diventa sempre più solida 5 Ora la parte solida è divisa dalla parte liquida 6 Con un mestolo forato si raccoglie la parte solida Il burro viene messo a purificare in piccole porzioni in acqua e ghiaccio 8 Il prodotto finito sarà di circa 200gr e può essere conservato per qualche giorno in una vaschetta in frigo 22

23 Lo yogurt 1-Ingredienti: 1 lt di latte intero UHT a lunga conservazione 2 bustine di fermenti lattici Sciogliere i fermenti con una piccola quantità di latte 3-Mescolare bene per eliminare tutti i grumi 4-Aggiungere il resto del latte e mescolare bene Versare il latte con i fermenti nei vasetti 6-Siatemare i vasetti nella yogurtiera Chiudere la yogurtiera, attaccare la spina e lasciare agire i fermenti per circa 10 ore 8-Lo yogurt può essere consumato al naturale o con una aggiunta di panna montata e zucchero a velo 23

24 Home cheese Ricotta? 1-Ingredienti: 1 lt di latte intero, 4 gr di solfato di Magnesio 2-Riscaldare il latte a Pesare 4 gr di solfato di magnesio Versare il solfato di magnesio nel latte caldo, mescolare velocemente e togliere dal fuoco Raccogliere i fiocchi che affiorano e filtrare in un telo di lino 6-Eliminare l eccesso di liquido con una leggera pressatura 7-Si ottengono così circa 200 gr di home-cheese 8-Aggiungendo yogurt e un pizzico di sale si ottiene un formaggio simile al caprino, aggiungendo della panna uno simile al Philadelphia 24

25 16 I globuli di grasso presenti nel latte II B - Ariosto Questo che vediamo sotto è un bicchiere di latte, dentro il bicchiere il latte appare tutto di un colore, ma questa bevanda è formata da tante altre sostanze piccolissime che noi non possiamo vedere. Infatti abbiamo l acqua (che è il principale costituente) rappresentata da una specie di orsetto con le orecchie (la molecola H 2 O) e il globulo di grasso che è rappresentato da una specie di pettine dentro un palloncino rivestito da una pellicina gialla (che separa il grasso all interno dall acqua all esterno). 25

26 17 Il latte nell alimentazione II F - Ariosto 26

27 18 Il latte: ideale per la prima colazione! II G - Ariosto 27

28 19 Giochiamo con il latte III A - Ariosto 28

29 20 Al seno è un altra cosa! III C - Ariosto L allattamento nell uomo, come in tutti i mammiferi, è un fatto naturale che presenta notevoli aspetti positivi: favorire un legame affettivo profondo tra madre e piccolo e proseguire il rapporto creatosi durante la gravidanza. Il bambino può risentire, durante l allattamento, il calore,il battito e le emozioni materne che lo hanno cullato nel grembo. Il latte materno è il migliore alimento che si possa offrire al neonato: come in ogni mammifero, anche per l uomo esso è completo, il più adatto al fabbisogno del bambino per digeribilità, apporto nutritivo e garanzie igieniche. Il latte secreto dalla mammella nei primi 5-6 giorni dopo il parto è chiamato colostro,un liquido più giallo e più denso del latte successivo e più ricco di proteine, povero di grassi e zuccheri; il suo colore dipende dalla presenza di carotene, contiene meno caseina, elevati livelli di zinco ed è particolarmente ricco di anticorpi. È l alimento ideale dopo il calo fisiologico dei primi giorni di vita. La composizione del latte materno cambia con la crescita del bambino. Dal latte il piccolo riceve acqua, proteine, grassi, zuccheri, vitamine essenziali (A,E,D,C). Esso contiene meno grassi saturi rispetto ad altri, poco ferro, che tuttavia copre adeguatamente il fabbisogno del bambino, fermenti lattici e anticorpi. E in grado di garantire la prevenzione di carie, allergie, infezioni, sovrappeso e obesità nel bambino, mentre nella madre l allattamento può costituire una forma di prevenzione per il tumore al seno. L Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l allattamento esclusivo al seno per i primi sei mesi. Composizione per 100g : Acqua 87.5g Proteine 1.1g Grassi 4g Lattosio 7g 10% 12% 78% Indagine allattamento al seno allattamento misto allattamento artificiale L allattamento materno può essere sostituito con latte artificiale. In passato è stato spesso utilizzato come sostitutivo il latte d asina più simile, per composizione, a quello di donna. Nessun tipo di latte potrà però mai sostituire il valore del latte materno, alimento di origine naturale, biologico, garantito e tutelato dal Consorzio Madre-Natura, Consorzio da difendere affinché il latte rimanga fonte primaria di vita. Da un indagine fatta nella nostra scuola, su un campione di 100 alunni, risulta che il 78% è stato allattato al seno, il 12% è stato allattato in modo misto e il 10% con il latte artificiale. 29

30 21 Scegliere il latte giusto III F - Ariosto Il latte è un alimento ricco di tutte le sostanze nutritive, indicato per i bambini ed i ragazzi. Esistono molti tipi di latte ma la maggioranza consuma latte di mucca. Molte persone scelgono il latte a seconda del contenuto di grasso, altre dei tempi di conservazione. Negli ultimi anni, poi, accanto ai tipi di latte tradizionale quali i pastorizzati, i freschi pastorizzati, a media e lunga conservazione, ecc., troviamo i latti modificati come ad esempio i latti ad alta digeribilità contraddistinti dalla sigla HD, nei quali viene ridotto il contenuto di lattosio, di cui molte persone sono intolleranti. Quanti tipi di latte? 1. latte fresco pastorizzato: scade dopo 6 giorni. La pastorizzazione consiste nella distruzione di tutti i microrganismi patogeni. Ma ne restano alcuni che danno il sapore al latte. 2. latte fresco d alta qualità: è definito con molta precisione da una norma di legge. Deve essere ottenuto da un latte crudo proveniente dalle stalle ed è prodotto solo nel tipo intero e le proteine devono essere di 32 grammi/litro. È un latte più nutriente. Il latte ad alta qualità richiede tecniche di allevamento e di lavorazione avanzate. Chi lo produce deve avere una specifica autorizzazione. 3. a lunga conservazione: è riscaldato a 140 gradi per eliminare i batteri e può essere conservato per un lungo periodo. 4. latte sterilizzato: è sottoposto a lungo trattamento ad alta temperatura, si può conservare per quasi sei mesi a temperatura ambiente. 5. latti speciali: Sono latti con aggiunte o trattati in modo particolare. In alcuni casi vengono aggiunti al latte alcuni fermenti, oppure numerose marche rimettono le vitamine perse nel trattamento, in alcuni latti viene ridotto il lattosio per chi ha difficoltà nel digerire il latte normale. Il latte da agricoltura biologica (un metodo di produzione che adotta strategie e tecniche di coltivazione naturale, senza far ricorso a sostanze chimiche) era prodotto nel tipo a lunga conservazione, oggi lo troviamo di quasi tutti i tipi. Il latte microfiltrato è un latte trattato con un procedimento di filtraggio che permette di eliminare circa la totalità dei batteri presenti. Questa tecnica permette di aumentare il tempo di conservazione del latte senza diminuire il valore nutritivo. 6. crudo alla stalla: il Ministero ha autorizzato gli allevatori alla vendita del latte crudo direttamente alla stalla. Le ASL garantiscono la massima sicurezza igienica del prodotto. Il latte deve essere mantenuto ad una temperatura inferiore ai 6 gradi e venduto entro 2 giorni. In questo modo il latte non perde nulla del suo valore nutritivo. Cosa cercare allora nell etichetta del latte? Ogni prodotto ha l obbligo di riportare nelle etichette informazioni riguardanti il prodotto. Le etichette devono riportare: - la denominazione di vendita (obbliga il prodotto ad essere venduto con il suo vero nome, vietando i nomi di fantasia) - l elenco degli ingredienti (indica quali ingredienti sono stati usati per il prodotto. Gli alimenti che impiegano un solo ingrediente, ad esempio burro, latte, riso non necessitano l elenco) - il quantitativo netto (indica il peso dell alimento privo della confezione. Esso viene indicato in g, o kg per i prodotti solidi, e in l, cl, ml per i liquidi) -il termine minimo di conservazione (indica il periodo entro il quale il alimento garantisce immutato le proprie qualità organolettiche e nutrizionali) - la modalità di conservazione specificando,qualora il prodotto lo richieda, la necessità di seguire particolari accorgimenti ( indica come deve essere conservato l alimento) 30

31 - le istruzioni per l uso (indica come si deve usare l alimento) - il luogo d origine e di provenienza (indica da dove arriva e dove è stato prodotto l alimento) - il nome o la ragione sociale o il marchio ( permette al consumatore di avere un ulteriore elemento a disposizione per valutare l affidabilità di un prodotto) - la sede dello stabilimento (consente di acquisire un ulteriore dato,utile per accertare,ad esempio l effettiva provenienza e forse anche la freschezza di un alimento). Per il latte inoltre, oltre alle indicazioni previste in materia di bollatura sanitaria ed etichettatura, troviamo anche: a) la natura del trattamento termico subito dal latte; b) qualsiasi menzione in chiaro o in codice che consenta l identificazione della data dell ultimo trattamento termico; c) per il latte pastorizzato, la temperatura alla quale il prodotto deve essere conservato; d) oltre allo stabilimento di confezionamento, anche il luogo di produzione e di allevamento; e) la data di confezionamento. Ai fini della durabilità (data di scadenza) dei latti alimentari a breve conservazione il Ministero delle politiche agricole e forestali ha recentemente stabilito che la data di scadenza per il latte fresco pastorizzato ed il latte fresco pastorizzato di alta qualità è determinata nel sesto giorno successivo a quello del trattamento termico, mentre per il latte microfiltrato fresco pastorizzato tale data è fissata nel decimo giorno successivo a quello del trattamento termico. L allungamento del termine di scadenza e quindi di durabilità di tali latti, rispetto a quanto previsto in passato, si è reso possibile per i progressi ottenuti in campo tecnologico e scientifico. 31

32 Partecipanti Classi e docenti dell Istituto Comprensivo Via Luigi Rizzo, 1 di Roma, partecipanti al progetto: 1 A Cairoli (insegnanti: M. Antonietta Achilli, Adriana Diotallevi) 1 B Cairoli (insegnanti: Francesca Altavilla, M. Maddalena Capparella, Anna Nuzzo) 1 C Cairoli (insegnanti: Mirella Leonetti, Cristina Di Domenico) II A Vico (insegnanti: Valeria Cicetti, M. Loreta Friggi, Sabrina Parazzini) II B Vico ( insegnanti: Federico Guidotti, Giulia Ramaglia) III B Vico (insegnanti: Mariella Balzamo, Micaela Ragno, Deanna Falcioni, Angela Ferro, M. Antonietta De Gennaro) IV A Vico (insegnanti: Lucia Pietrangeli, Mario Ceppi, Angela Ferro) IV B Vico (insegnanti: Simona Ferro, Ines Fionda, Sabrina Parazzini) IV C Vico ( insegnanti: Angela Collu, Alessandra Parisi, Rita Scanzani, Iside Saravo, Paola Mancini, Brunella Maiolini, Ludovica Palmieri) IV D Vico (insegnanti: Angela Collu, Alessandra Parisi, Rita Scanzani, Rosa Massa, M. Antonietta De Gennaro, Ludovica Palmieri, Brunella Maiolini) I A Ariosto (insegnanti: Maria Montanaro, Maria Moccia) I C Ariosto (insegnanti: Paola Lambardi, M. Gabriella Bocci) I F Ariosto (insegnanti: Ludovica Palmieri, Tommasina Iannotta) II B Ariosto (insegnanti: M. Antonietta De Gennaro) II F Ariosto (insegnanti: Maria Carnovale, Ciro Perla) II G Ariosto (insegnanti: Laura Novelli, Ciro Perla) III A Ariosto (insegnanti: Maria Montanaro, Maria Moccia) III C Ariosto (insegnanti: Rosa Guerrini, M. Gabriella Bocci) III F Ariosto (insegnanti: Brunella Maiolini, Teresa Iannitto) Insegnanti referenti: Maria Montanaro, Rita Scanzani Composizione grafica: Brunella Maiolini RINGRAZIAMENTI La realizzazione di questo opuscolo è stata possibile grazie anche al contributo dell Assessorato all Agricoltura della Regione Lazio. La copertina è stata realizzata dall alunno Simone Salvati della classe IV C Vico 32

Introduzione Con il latte / senza il latte

Introduzione Con il latte / senza il latte Introduzione Con il latte / senza il latte è un modulo didattico del curriculum MaestraNatura, un programma sperimentale di educazione alimentare attraverso il cibo. Obiettivo del modulo è permettere ai

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Latticini e formaggi confezionati

Latticini e formaggi confezionati Denominazione Descrizione Unità Foto Bianco di Montegalda Burro soster Burro Hombre Formaggio semi-stagionato a pasta molle a coagulazione lattico/presamica con sviluppo di muffa bianca sulla crosta (pennicillum

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo. Livello 1. (Per i bambini dai 5 agli 8 anni)

Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo. Livello 1. (Per i bambini dai 5 agli 8 anni) Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo Livello 1 (Per i bambini dai 5 agli 8 anni) (1) Perché bisogna bere il latte? Perché fa bene alla salute Perché fa bene ai denti Perché fa bene

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE (g/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 48 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I LATTICINI I prodotti derivati dal latte sono : i formaggi, la panna, il burro e lo yogurt FORMAGGIO Il formaggio, è il prodotto ottenuto dalla coagulazione acida o presamica

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Cos è lo yogurt? 2. Quali sono le sue caratteristiche? 3. Come si produce lo yogurt? 4. Che origini storiche ha lo yogurt? 5. In che modo è utile per l organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI:

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria Associazione SERAF Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto EUREKA Uno PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo

Dettagli

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana*

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Sono due gli errori che non ci permettono di perdere il peso in eccesso e tornare a vivere una vita sana e felice,

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Da dove viene... Il latte? Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale

Da dove viene... Il latte? Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Da dove viene... Il latte? Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

Il bianco che colora la tua giornata

Il bianco che colora la tua giornata Il bianco che colora la tua giornata LA STORIA La Industrie Meridionali Alimentari s.r.l. è stata costituita nel 1986 con una compagine societaria composta maggiormente da giovani, con l intento di realizzare

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI?

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI? di chelatte sei? DI CHE LATTE SEI? Di che latte sei? è l opuscolo creato dal Centro Latte Rapallo (Latte Tigullio) con l obiettivo di informare i consumatori sulle peculiarità proprie di ogni latte, aiutandoli

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA Testi a cura di: Chiara Musella, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Il latte: cos è e come si forma? Il latte

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA!

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! LA LINEA DELLA MIGROS SENZA LATTOSIO NÉ LATTE Senza lattosio Senza latte I PRODOTTI DELLA MIGROS PER PERSONE ALLERGICHE, PER NON DOVER RINUNCIARE A NULLA ANCHE IN CASO D INTOLLERANZE.

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE.

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. CATALOGO PRODOTTI I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. MONTE VERONESE D ALLEVO Formaggio tipico da tavola proveniente dalle zone montane della provincia di Verona. Pasta semicotta prodotta esclusivamente

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA Continuità S.E. I.Calvino - S.M. Follereau Tematica portante: ricerca di alcune sostanze negli alimenti Nuclei fondanti:unitarietà-diversità-trasformazioni Obiettivi

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

L evoluzione dei sapori

L evoluzione dei sapori Cosa mangiavano i nostri bisnonni? La preparazione del cibo allora e oggi Il ruolo della tecnologia in cucina L evoluzione dei sapori OGM e conservazione alimentare Cosa mangiavano i nostri bisnonni..

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

Corso FSE - Mis. D1 - Provincia di Grosseto - Matricola : GR20050646. T3S : Tipicità a 3 Spighe

Corso FSE - Mis. D1 - Provincia di Grosseto - Matricola : GR20050646. T3S : Tipicità a 3 Spighe Corso FSE - Mis. D1 - Provincia di Grosseto - Matricola : GR20050646 T3S : Tipicità a 3 Spighe Pecorino Toscano DOP Abbinamenti Il Pecorino Toscano DOP fresco si presta particolarmente ad essere degustato

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Caffè solubile al 100 %

Caffè solubile al 100 % catalogo hotel hotel Da oltre sessant anni, Robo è sinonimo di garanzia e qualità. I nostri prodotti stuzzicanti, gustosi e genuini ci hanno permesso di raggiungere una posizione di prestigio nel settore

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. (Giuseppe Verdi) Metti un momento di tranquillità nel bel mezzo del pomeriggio da godersi a casa propria con le amiche... solo il tempo di preparare un

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA.

Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA. Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA. La visita alla centrale del latte Mukki di Firenze ha lo scopo di farci comprendere le varie fasi di lavorazione

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Fattoria didattica La Fonte per la scuola.

Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Le giornate che proponiamo offrono la possibilità di approfondire il legame che unisce il cibo, l'ambiente e la salute e di riflettere su una più consapevole

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle.

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle. Referente Email Matelica 5 Stelle info@matelica5stelle.it Data revisione 3.10.2011 1 : salute, sapore, ambiente e risparmio Secondo una stima di Coldiretti i distributori di latte crudo sul territorio

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Ricette per una sana alimentazione

Ricette per una sana alimentazione Ricette per una sana alimentazione Renza Berruti Cristina Deorsola www.bancacrasti.it Premessa Le attuali conoscenze scientifiche dimostrano che l incidenza di molte patologie croniche è legata alla dieta

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli