CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE"

Transcript

1 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA *** RASSEGNA STAMPA 14 maggio 2008 Titoli dei quotidiani Avvocati Il Sole 24 Ore Legali alla prova dell e-learning Professioni Il Sole 24 Ore Il Sole 24 Ore Italia Oggi Italia Oggi Italia Oggi Italia Oggi L antiriciclaggio cambia i reati fiscali Partita la corsa alle 28 presidenze di commissione Deleghe pronte a via XX Settembre Dalle parti di Scajola comincia la nuova era dell'atomo Ora dati trasparenti Le Casse guardano ai senza albo La Repubblica Ma è stop alle liberalizzazioni tra tassisti e notai vince il monopolio Giustizia Il Sole 24 Ore La Repubblica Corriere della Sera Il Messaggero Sicurezza, spesa fuori dal patto Maroni-Moratti, vertice per Milano Un commissario per l'emergenza rom Clandestini, anche l Ue studia il giro di vite GIURISPRUDENZA Il Sole 24 Ore Italia Oggi Sindaci a tutta decadenza Sindaci, imparzialità stringente FLASH

2 *** Avvocati Giovanni Parente, Elena Pasquini, il Sole 24 Ore (Roma) pag. 15 Legali alla prova dell e-learning Guardare avanti per una professione di respiro sempre più europeo. Il nuovo mandato di Alessandro Cassiani, 71 anni, riconfermato al vertice dell Ordine degli avvocati romani, si ispira a questo imperativo. La gestione di un Ordine che conta un numero di avvocati pari a quello di tutta la Francia non è cosa da poco. La sfida, però, è rappresentata dall imposizione agli ordini regionali dell aggiornamento a tutti gli iscritti, sottolinea Cassiani. La chiave di volta potrebbe essere la formazione online con cui sarebbe più semplice programmare interventi mirati a qualificazione e aggiornamento. Il modello potrebbe essere quello messo in pratica dall Ordine dei commercialisti di Roma che punta sulla formazione a distanza. Intanto il Consiglio ha pensato di tutelare i suoi iscritti da un possibile procedimento disciplinare in caso non fosse in grado di garantire l aggiornamento: una delibera prevede che qualora un avvocato tenti per otto volte l iscrizione a un corso, non rientrando tra i frequentanti per motivi di affollamento, egli sarà esonerato dalla formazione. E la qualità deve guidare ogni gradino della professione, a partire dal praticantato. Il controllo sul periodo di pratica già ridurrebbe il numero degli iscritti: all esame di novembre precisa Cassiani. Mentre si attende l introduzione del processo telematico che eviterebbe agli avvocati lunghe file nelle cancellerie, l Ordine cerca di introdurre nuove attività che aiutino i giovani a inserirsi nel mercato professionale europeo: ne è un esempio l istituzione della Commissione di diritto comparato, coordinata dagli avvocati Paolo Nesta e Goffedo Maria Barbantini. L avvocato Arditi di Castelvetere insieme a Sandro Fasciotti e Antonio Conte si occupa della commissione famiglia e spiega che le ultime elezioni hanno aperto la strada agli avvocati che esercitano quotidianamente in tribunale. Per la competenza e il numero dei suoi componenti (circa 40), la commissione è stata divisa in cinque dipartimenti. Suggerirà correttivi alle leggi del settore ma punterà anche a sviluppare contatti diretti con i magistrati, creando gruppi di lavoro con quelli che si occupano di diritto minorile e di famiglia e protocolli d udienza.

3 Professioni Elezioni Marco Rogari, Roberto Turno, Il Sole 24 Ore pag. 2 Partita la corsa alle 28 presidenze di commissione Parte la corsa alle presidenze delle commissioni di Camera e Senato: la Lega preme per avere il massimo dei posti (almeno 5), An pretende risarcimenti (ne avrebbe solo 6), forza Italia non cede e i piccoli (Dc, autonomie, Pri, Mussolini) sgomitano. Sarà un risiko. Battaglia per le due Affari costituzionali: alla Camera tra Donato Bruno e La Loggia (Fi), col dubbio del passaggio di Bruno alla Giustizia dove calano le quotazioni di Giulia Buongiorno (An). Al Senato Carlo Vissini (Fi) vede l ombra di Pisanu, quotato però all Antimafia, con Andrea Pastore (fi) outsider. Per la Giustizia al Senato è corsa tra Giuseppe Valentino (An) e Antonino Caruso (An). Agli Esteri fanno corsa Dini (in alternativa alla Difesa) e Domenico Nania (An). Il nome di Pera circola per gli Esteri. Alla Camera per gli Esteri corrono Martino (Fi), Margherita Boniver (Fi) e Stefano Stefani (Lega). Luigi Ramponi (An) con Sergio De Gregorio e ancora Dini sono quotati alla Difesa del Senato. Per la stessa commissione alla Camera sono in lizza Martino, Roberto Speciale (An), Filippo Ascierto (An) e Salvatore Cicu (Fi). Lotta all ultimo colpo per le commissioni economiche. Al Senato per il Bilancio il più gettonato è Antonio Azzolini (Fi), alla Camera Mancarlo Giorgetti (Lega). Per le Finanze al Senato partita aperta tra Baldassarri (in pista anche per il Bilancio), Massimo Garavaglia (Lega) e Giampiero Cantoni (Fi); alla Camera testa a testa tra Maurizio Leo (An) e Gianfranco Conte (Fi). Gianni Fava (Lega), Mario Calducci (Fi), Beatrice Lorenzin (Fi) e Stefania Saglia (Fi) puntano alle Attività produttive della Camera, all Industria del Senato spuntano Garavaglia e Lucio Malan (Fi). E ancora: Grillo (Fi) è dato quasi per certo ai Lavori pubblici del Senato; Giiuseppe Valditara (an), Franco Asciutti (Fi) e Ombretta Colli (Fi) premono sulla Cultura del Senato, Valentina Aprea (Fi), Gennaro Malgari (An) e Benedetto Granata (An) a quella della Camera. Mario Landolfi (An) e Andrea Gibelli (Lega) puntano a Trasporti e Telecomunicazioni della Camera. Domenico Di Virglio (Fi) è Alessandra Mussolini per la Sanità della Camera, mentre Cesare Cursi (an) e Antonio Tommasini (Fi) corrono per la Sanità del Senato. Paolo Bonazzi (Fi) è il più quotato all Agricoltura, Stefano Stefani (Lega) aspira all Ambiente alla Camera, An punta al Senato su Alessio Butti. Partita a sé sulle commissioni Lavoro con Oreste Toffani (An) o Mario Ferrara (Pdl) che avanzano e Cantoni in attesa. Alla Camera punta il Carroccio con Giampiero Dozzo (o all Agricoltura) e Angelo Alessandri, ma sale il pressing di Giorgio La Malfa (Pri). Infine le commissioni di garanzia. In corsa per la vigilanza Rai sono Giovanna Meandri e Marco Follini (Pd) e Leoluca Orlando (Idv). Per i servizi segreti spunta Francesco Rutelli ma è tensione con Arturo Parisi. Ma è corsa anche per altre poltrone, tutte per la maggioranza. Dagli enti di previdenza a Schengen, dall anagrafe tributaria fino ai rifiuti. Le scommesse sono aperte.

4 Stefano Sansonetti, Italia Oggi pag. 7 Deleghe pronte a via XX Settembre La squadra di via XX Settembre è pronta a scendere in campo. Lo schema non ha ancora il timbro dell'ufficialità, ma i ruoli ormai sono tutti più o meno definiti. Quanto ai cinque sottosegretari che lavoreranno a stretto contatto con il ministro dell'economia, Giulio Tremonti, le deleghe stanno prendendo corpo. Per Luigi Casero, tremontiano doc e già responsabile economico di Forza Italia, si profila una competenza pesante su demanio e territorio. Per realizzare quanto sia nevralgico il settore demaniale, basti ricordare come una parte importante del programma economico del Pdl sia costruita su un vasto piano di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Altrettanto centrale è la supervisione delle operazioni che fanno capo all'agenzia del territorio, alle prese con il difficile piano di decentramento catastale intrapreso dal precedente governo. Deleghe di rilievo verranno assunte anche da Alberto Giorgetti, proveniente da An. Per lui sono in serbo i giochi e le dogane. Anche qui è appena il caso di ricordare l'importanza dell'aams (futura Agenzia dei giochi), soprattutto in termini di raccolta di risorse che il settore garantisce allo stato. Per Daniele Molgora, esponente del Carroccio che era già stato sottosegretario di Tremonti, è pronta una delega sul federalismo fiscale, obiettivo prioritario della Lega. All'interno di questo perimetro, poi, Molgora si occuperà in generale della materia delle entrate. Sarà invece Giuseppe Vegas, da sempre uomo dei conti di Forza Italia, a dover gestire un'autentica patata bollente, ovvero tutta la fase di gestazione e sviluppo della legge finanziaria. Del resto su questo terreno sdrucciolevole aveva già avuto modo di operare nel precedente governo del centro-destra. Per concludere c'è Nicola Cosentino, altro esponente forzista. Per il già coordinatore azzurro della Campania la competenza sarà su tesoro, personale e Cipe. Anche negli altri posti che contano a via XX Settembre, peraltro, lo staff di Tremonti va pian piano delineandosi. Dato per assodato il ritorno di Vincenzo Fortunato come capo di gabinetto, secondo alcune indiscrezioni Marco Milanese, già capo della segreteria del ministro ed eletto alla camera, diventerebbe consigliere politico del titolare del dicastero. E in questa veste, in sostanza, curerebbe i rapporti con i gruppi parlamentari. Novità in arrivo, infine, anche sul versante dell'agenzia delle entrate. Secondo alcune fonti di via Cristoforo Colombo, Massimo Romano, messo in sella due anni fa da Vincenzo Visco, sarebbe a un passo dalle dimissioni. Secondo quanto filtra, in pratica, Romano opterebbe per la carta delle dimissioni per potersi difendere meglio nella bufera giudiziaria che lo sta coinvolgendo in relazione alla pubblicazione on line dei redditi. È però altrettanto evidente che il destino di Romano, con l'uscita di scena di Visco, appariva piuttosto segnato. Come suo successore, al momento, parrebbe in pole position Attilio Befera, già direttore centrale amministrazione dell'agenzia delle entrate e adesso amministratore delegato di Equitalia, la società pubblica di riscossione dei tributi. Tremonti, del resto, ha apprezzato molto la sua conduzione del braccio operativo del fisco. Nei giorni scorsi, peraltro, è stata costituita Equitalia giustizia (100% Equitalia), società che, in base all'ultima Finanziaria, dovrà occuparsi di riscossione dei crediti di giustizia in convenzione con il dicastero di via Arenula. Al vertice della spa sono stati individuati due personaggi dati in ascesa con il ritorno di Tremonti. Si tratta di Luigi Magistro, che è vicepresidente della nuova società, e di Marco Di Capua, che ne sarà consigliere. Anche quest'ultimo, secondo alcuni, potrebbe diventare direttore delle Entrate. O almeno potrebbe riprendersi la direzione dell'accertamento fiscale, che già aveva con Tremonti.

5 Gianpiero DiSanto,Italia Oggi pag. 7 Dalle parti di Scajola comincia la nuova era dell'atomo Con una coppia di sottosegretari così, Claudio Scajola, ministro dello sviluppo economico, può dormire sonni tranquilli: nessuno cercherà di ostacolare il suo progetto di preparare il terreno per il ritorno alle centrali nucleari. Anzi, considerati i precedenti, è certo che Adolfo Urso e Ugo Martinat, ex di Alleanza nazionale, faranno di tutto per accelerare la conversione dell'italia all'atomo. I due, che saranno affiancati dall'altro sottosegretario Paolo Romani, (in predicato di assumere l'incarico di viceministro con delega per le comunicazioni), non hanno certo perso tempo. Urso, in particolare, appena insediata la camera dei deputati, il cinque maggio ha depositato un malloppo di proposte di legge di cui è primo firmatario. Tra queste, appunto, «Disposizioni per la formulazione del piano energetico nazionale e per la realizzazione di nuovi impianti nucleari». Sul ritorno dell'italia all'atomo, insomma, i nuovi vertici del dicastero di via Veneto si troveranno perfettamente allineati, se è vero che anche Martinat, tra le numerose proposte di legge presentate nel corso della passata legislatura, ne aveva inserita una sull'energia nucleare. Ma al di là di quella che è una strategia già tracciata e delle deleghe che due dei tre sottosegretari avranno (Urso si occuperà con tutta probabilità del commercio con l'estero, come aveva fatto del resto nel precedente governo Berlusconi) è certo che l'attività parlamentare dei due esponenti del partito di via della Scrofa rende piuttosto bene l'idea delle loro intenzioni. Urso, nella sua recentissima infornata di idee legislative, ha spaziato: c'è l'ormai irrinunciabile progetto di sopprimere le comunità montane e non mancano le «Nuove norme in materia di servizio idrico integrato». Poi, tanto per non dimenticare le liberalizzazioni, via con una bella delega per il riordino dei servizi pubblici locali, dopo il tentativo fallito del già ministro delle politiche regionali, Linda Lanzillotta, di far passare le sue idee in proposito. Ancora, «Disposizioni in materia di partecipazioni della Società Italia Lavoro spa alle società miste per i servizi pubblici». Di commercio estero, per ora, neanche a parlarne, se non per il progetto di legge che vuole introdurre modifiche «alla legge 20 luglio 2004, n.189, in materia di divieto di utilizzo di pelli di foca e loro derivati a fini commerciali». Urso, però, è ormai un esperto di commercio internazionale e farà di certo valere la sua esperienza appena tornato in viale Boston. Martinat, che nei due governi Berlusconi era stato viceministro delle infrastrutture, questa volta farà altre cose. L'uomo, del resto, ha molte idee, come dimostrano molte iniziative legislative di cui si è fatto promotore in passato. Qualche anno orsono presentò una proposta di legge per il ritorno dei lavori forzati (con stipendio, però) per i detenuti italiani, che potrebbero così pagarsi il soggiorno in cella, per esempio, con la bonifica delle discariche di rifiuti o con la sistemazione degli argini dei fiumi. Sistemata l'emergenza munnezza, potrebbe tornare utile anche l'abbattimento delle aliquote previdenziali a carico dei proprietari di immobili che decidono di assumere un portiere, considerato anche un utile strumento di lotta contro il «dilagare della microcriminalità». O la trovata di creare un albo per «autisti di organi istituzionali», dotati di diploma di istruzione secondaria, di perfetta conoscenza di almeno una lingua straniera, e di altri requisiti indispensabili per condurre auto blu e personalità a bordo. Scajola è già lì che prende nota.

6 Antiriciclaggio L intervento Emanuele Fisicaro, Il Sole 24 Ore pag. 31 L antiriciclaggio cambia i reati fiscali Dopo l entrata in vigore del decreto legislativo 231 del 2007, confermato anche nella bozza di Testo Unico antiriciclaggio che ha attuato la direttiva Ue 60 del 2005 sulla prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento al terrorismo, è necessario rivedere i cosiddetti reati presupposto. Si deve verificare se includere ancora tra i reati presupposto il reato di evasione fiscale in senso stretto o, viceversa, considerare sempre tra i reati presupposto la sola frode fiscale per emissione e utilizzo di fatture false per operazioni inesistenti, che è cosa diversa (cioè un risparmio d imposta). Nella logica penalistica si può affermare che per il riciclaggio di denaro di provenienza illecita si indica, nella sostanza, la reimmissione nell economia legale di proventi derivanti da attività criminose per dissimularne o occultarne l origine delittuosa ( ). Il legislatore, con la legge 328/93, aveva ampliato la sfera dei reati presupposto, includendo tutti i reati non colposi, per rafforzare il contrasto dei comportamenti illeciti della criminalità organizzata da una parte e riportare la fattispecie incriminatrice in linea con la più moderna concezione di riciclaggio dall altra. Con l entra in vigore del Dlgs 74 del 2000 è stato rivisitato l intero assetto delle sanzioni penali, escludendo tutte le fattispecie colpose e lasciando solo quelli di natura delittuosa (dichiarazione fraudolenta, dichiarazione infedele e omessa dichiarazione se si superano determinate soglie quantitative). A queste ipotesi di reati presupposto vanno aggiunte altre figure quali emissione e utilizzazione di fatture e di altri documenti per operazioni inesistenti. Con l antiriciclaggio è stata però introdotta la previsione del Customer Due Diligence e gli strumenti da questa prevista, per essere efficaci, richiedono che l intera attività sia finalizzata al contrasto del riciclaggio di denaro proveniente da attività delittuosa. Secondo le nuove regole, quando si parla di binomio frode fiscale-riciclaggio non bisogna confondere la provenienza della cosa dal delitto con l attinenza di una cosa al delitto. Guardando agli elementi costitutivi del crimine, oggetto materiale del riciclaggio sono da considerare solo le cose ottenute con il delitto presupposto, che hanno determinato un espansione del patrimonio. L evasione origina invece da attività lecita, sostanziandosi solo nell evitare il decremento patrimoniale a seguito del pagamento dei tributi. Tuttavia entrambi i comportamenti, per il reato di riciclaggio, realizzano attualmente condotte illecite e presupposte alla figura criminosa. Poiché la Customer Due Diligence prevede una complessità di obblighi a carico dei destinatari della normativa antiriciclaggio, è necessario che essi si attuino esclusivamente per contrastare la provenienza illecita del denaro; senza effettuare la Due Diligence su soggetti la cui provvista di denaro è di provenienza lecita. Il legislatore ha un alternativa: modificare il dl 74 del 2000 (prevedendo che integra il reato di frode fiscale qualsiasi importo evasivo) o viceversa per il nuovo assetto sull antiriciclaggio escludere dai reati presupposto la frode fiscale derivante da evasione. La figura delittuosa presupposta al reato di riciclaggio dovrebbe considerarsi solo l emissione e/o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (articolo 2 e 8 del Dlgs 74) Una previsione diversa non consente una piena operatività della legge antiriciclaggio; si usa la Due diligence non per il fine per cu è stata creata ma solo per accertamento fiscale.

7 Sabina Pignataro, Italia Oggi pag. 47 Ora dati trasparenti Europa Dopo l'intervento della Commissione europea, anche il Mediatore europeo chiede che i database on line comunitari siano più accessibili per i cittadini europei. E così, ieri, per accelerare la riforma della normativa in materia di accesso del pubblico ai documenti, Nikiforos Diamandouros ha lanciato una consultazione tra i difensori civici nei 27 stati membri, auspicando di poter disporre entro la fine di maggio delle informazioni sulle «miglior pratiche» applicate nei singoli stati membri per garantire un accesso ottimale del cittadini comunitari alle banche date on line dell'unione europea. Già da ora, comunque, Diamandouros ha proposto di instaurare un obbligo generale per l'amministrazione europea di rendere i database il più trasparente possibile. Ogni anno infatti cresce il numero di ricorsi per mancanza di trasparenza e nel 2007 hanno rappresentato il 28% di tutte le lamentele ricevute dall'ombudsman. L'iniziativa di Diamandouros trova spunto nel ricorso presentato nel 2005 da un giornalista danese in seguito al rifiuto della Commissione europea di trasmettere le informazioni relative ai beneficiari di sovvenzioni agricole europee. Questo ostacolo tuttavia è stato nel frattempo superato dato che l'ue ha deciso che entro aprile 2009 tutti gli stati membri saranno tenuti a pubblicare i nomi e l'importo ricevuto. Tra le altra iniziative, settimana scorsa, il Mediatore ha ottenuto il placet dell'aula sulla proposta di revisione dello statuto dell'ombudsman che potrebbe consentirgli di avere accesso a tutta la documentazione delle istituzioni dell'ue. Manca ancora il voto dei ministri Ue, ma, se il parere fosse positivo, nessuna informazione gli potrà essere negata per motivi di segretezza, a patto però che egli preservi il carattere confidenziale dei documenti a cui accede. Soddisfazione per questa iniziativa è stata espressa da Margot Wallström, commissario europeo responsabile per la Comunicazione: «Il diritto dei cittadini a sapere è fondamentale in ogni sistema democratico. L'accesso ai documenti è uno strumento essenziale della democrazia e ora ci apprestiamo a migliorarlo». Va rilevato, comunque, che il Trattato riconosce già ai cittadini e ai residenti nell'unione europea il diritto di accesso ai documenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione. I principi relativi a tale diritto di accesso sono definiti nel regolamento (CE) n. 1049/2001, che si applica dal 3 dicembre 2001.

8 Previdenza Ignazio Marino, Italia Oggi pag. 49 Le Casse guardano ai senza albo Le casse di previdenza delle professioni sono tentate di aprire le porte a chi non è iscritto all'albo. Complici i nuovi e più stringenti criteri per la redazione dei bilanci tecnici, mai come in questo periodo i consigli di amministrazione di diversi enti si stanno guardando intorno. E prima del 21 agosto 2008, termine ultimo per l'invio delle proiezioni attuariali a 50 anni, potrebbero essere approvate delle delibere destinate a cambiare il panorama della previdenza privata fino a oggi appannaggio delle sole professioni ordinistiche. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi, infatti, almeno due casse, quella dei ragionieri e quella dei periti industriali, starebbero ragionando al loro interno sulla possibile apertura ai professionisti non ordinistici attualmente iscritti alla gestione separata dell'inps. Mentre un terzo ente, quello degli infermieri (Enpapi), ha già iniziato la sua campagna acquisti. Il caso dei ragionieri è quello più spinoso: La cassa guidata da Paolo Saltarelli già in passato è stata tentata dalle sirene dei senza albo. In cerca di un migliore futuro previdenziale ci sono i tributaristi (circa 10 mila) e i revisori non iscritti all'albo unico (circa 40 mila). Le cifre sono quelle diffuse dai presidenti delle associazioni di riferimento (Lapet, Ancot, Ancit, Int, Inrc ecc.), i quali negli ultimi anni hanno avuto frequenti contatti con la dirigenza dell'istituto di previdenza dei ragionieri. Se la trattativa non è andata in porto è perché la fusione degli albi dei ragionieri e dei dottori commercialisti ha imposto una riflessione sulla possibile unificazione anche dei rispettivi enti. Strada, almeno fino a oggi, ritenuta non praticabile dagli stessi interessati. Ma mentre i circa 60 mila praticanti commercialisti blindano i conti della cassa dottori, i tirocinanti ragionieri non esistono più per via dell'albo unico. E il futuro previdenziale degli esperti contabili (eredi dei ragionieri) non è poi così definito. Da qui la tentazione di Saltarelli di creare una nuova prospettiva. Periti industriali a crescita zero: È questa la situazione rilevata dal Censis nel 41 Rapporto sulla condizione del paese. Gli accessi all'albo, fra il 2006 e il 2007, infatti, sono diminuiti dello 0,4%. Peggio se la passano solo i chimici (-0,8%), questi ultimi all'interno di un ente pluricategoriale (Enpapi). All'Ente di previdenza dei periti (Eppi) guidato da Florio Bendinelli, sempre secondo quanto risulta a IO, non dispiacerebbe inglobare in tutto o in parte i circa 30 mila informatici (non iscritti all'albo degli ingegneri) per migliorare la prospettiva interna. Intanto gli infermieri si sono lanciati: L'Enpapi ha già recuperato (sulla carta) i 30 mila professionisti dell'area infermieristica erroneamente iscritti alla gestione separata Inps. Non solo. La platea è in fase di allargamento, dato che il presidente Mario Schiavon e i suoi consiglieri pensano di far crescere la famiglia con altri 50 mila ingressi fra le diverse professionalità del settore. Senza cassa ci sono fisioterapisti, naturopati, osteopati, chinesiologi ecc. A ottobre un convegno a tema promosso dall'enpapi cercherà di accorciare le distanze dall'obiettivo. Le mosse possibili: Dalle parole ai fatti, però, la cosa non è semplice. In linea di principio le casse dei professionisti sono enti di diritto privato e quindi autonome, anche se la giurisprudenza spesso è stata di altro avviso. Fermo restando il suo parere contrario ad aprire le casse ai non ordinistici, per il presidente dell'associazione degli enti privatizzati Maurizio de Tilla «una semplice delibera non basta per far allargare la massa critica dei contribuenti ma serve una legge di revisione, almeno per gli enti di vecchia generazione». Cioè quelli che hanno scelto di privatizzarsi nel 1994 (tipo i ragionieri, gli avvocati, i consulenti del lavoro). Situazione più semplice per le casse di nuova generazione, ovvero quelle nate nel 1996 come l'eppi, Enpapi, Epap (pluricategoriale). L'articolo 3 del dlgs 103/96 prevede la possibilità per categorie professionali affini di iscriversi a una forma di previdenza obbligatoria già esistente.

9 Liberalizzazioni Alberto Statera, La Repubblica pag. 29 Ma è stop alle liberalizzazioni tra tassisti e notai vince il monopolio «Economia e società socchiusa» vanno in scena quest anno, ai tempi del tremontiano «lato oscuro della globalizzazione», al Forum «Economia e società aperta». Soltanto un anno fa qui, nel cuore della borghesia milanese «illuminata», sembrava dovesse sbocciare una nuova primavera einaudiana, liberale, fatta di competizione, di centralità del cittadino oggi mortificato in una società rinchiusa nel protezionismo, nel privilegio, nella casta, nell italianità, nella corporazione. Prodi governava da meno di un anno, Bersani e Veltroni battagliavano con i tassisti e con i notai, Visco con gli evasori fiscali. Il superforum della Bocconi e del Corriere della Sera sembrava quasi il congresso di un nascente «partito dei liberisti» con la missione dichiarata dal professor Mario Monti di persuadere classi dirigenti spesso sorde a riconoscere, al di là della «tirannia del breve termine», come la chiamava Einaudi, la superiorità del mercato pur con einaudiana «regolazione». Colse il punto Francesco Giavazzi, autore dell Agenda delle liberalizzazioni: sì, servirebbe un partito dei liberisti, ma quanti voti prenderebbe? Adesso, dopo le elezioni del 13 e 14 aprile, e dopo il ballottaggio che ha portato all elezione di un post-fascista a sindaco di Roma, lo sappiamo, perché lo dicono i flussi elettorali: di voti ne prenderebbe pochi. Non voterebbero il partito dei liberisti tutti i garantiti, nè quella parte di italiani meno garantita che deve affrontare il mercato aperto e la globalizzazione e chiede di esserne protetto, con la domanda prevalente di sicurezza contro «gli stranieri in casa nostra», di un fisco «amico» e di dazi contro la concorrenza. Ciò che prontamente ha colto Giulio Tremonti che con il suo best-seller è ormai l unico vero teorico non del Forzaleghismo, ma del Legaforzismo.Le liberalizzazioni non si possono arrestare, proclama nell aula magna del palazzo della Borsa a Piazza degli Affari, di fronte all inclita platea, il rettore della Bocconi Angelo Provasoli. Ma chi l ha detto? Nessuno ha forse visto i caroselli (e i saluti romani) dei taxisti per festeggiare l elezione a sindaco di Roma di Gianni Alemanno, difensore in piazza dei diritti della «castina» delle autobianche insidiata da pallidi liberisti come Bersani e Veltroni? Premi Nobel come Michael Spence, convocati da Monti qui a Milano, non nascondono le riserve sui processi globali, perché - dicono - l interdipendenza va oltre la capacità di gestirla. Insegna la crisi dei subprime. Ma i tassisti? Un altro più antico Nobel, Milton Friedman, ne fece un famoso «caso di scuola» già nel 1962: è un mercato semplice quello dei taxi - domanda e offerta - che però, inquinato da regolamenti, lobby, mafie, politica, diventa l epitome del controllo oligpolistico e un insulto a tutte le teorie del libero mercato.ma chi tra gli elettori percepisce il tentativo di liberalizzazione delle mobilità cittadina come una riforma essenziale quando con il salario non arriva più a fine mese? Taxi? Vocabolo noto a New York, a Londra e Milano, ma inedito nella fascia pedemontana d Italia, nella città diffusa che va da Torino a Udine, cosparsa di microimprese, di artigiani, di operai che per raggiungere il posto di lavoro devono fare ore di treno-pendolari o percorrere mulattiere d asfalto intasate dalle auto di colleghi-concorrenti extracomunitari e affollate di prostitute dell est. Sono quelli che hanno dato il 30% alla Lega di Bossi sull impianto ideologico tremontizzato. Qui nessuno prende il taxi. E pochi lo prendono in città, se non quel popolo di fannulloni ipergarantiti a posto fisso che ora il ministro Renato Brunetta - dio gli salvi l anima - ha giurato di licenziare senza colpo ferire. Ha ragione Letizia Moratti quando dice che ormai gli stati nazionali sono troppo piccoli per affrontare il global e troppo grandi per pensare alle esigenze cittadine. Lei, titolare dell Expo miliardario di Milano, rilancia il «glocal», e non fa sconti sulla «valorizzazione degli elementi di merito» propri delle società aperte. Riceve giustamente l applauso più

10 caloroso a Palazzo Mezzanotte. Altro che i premi Nobel. Ma nessuno dei bocconiani aperturisti le obietta che ha da poco nominato capo del suo dipartimento alla ristorazione un dentista, che forse baderà alle possibile carie dei consumatori, e che ha così diviso le 43 poltrone di potere comunali a sua disposizione: 15 a Forza Italia, 8 ad An, 5v alla Lega, 4 all Udc, 5 ai suoi di fiducia. Elementi di merito considerati a Milano? Lo racconterà bene l ex assessore Vittorio Sgarbi, che, in nome della società aperta e all ombra del più democratico Alemanno sarà l esegeta dei piccoli peccati della grande e illuminata borghesia milanese morattiana. Che sembra per la verità un poco attratta dal revival statalista per fronteggiare il lato oscuro della globalizzazione. Malpensa, Alitalia, l orgoglio padano che non può cedere alla globalizzazione. Facciamo magari Ferro-Alitalia, ha minacciato Berlusconi, mettiamo insieme treni e aerei. C è la cordata di Bruno Ermolli? Se non c è, pazienza, c è la Cassa Depositi e Prestiti, c è Sviluppo Italia, c è Bancoposta, l Eni, l Enel, le banche indebitate che cercano di salvare i loro impieghi. Ottenuti i ministeri pesanti, sapete a cosa aspira Umberto Bossi, il vero vincitore delle elezioni del 13 e 14 aprile? Alla presidenza dell Enel, che vuole affidare al suo sindaco di Busto Arsizio Gianfranco Tosi. Altro che ministeri pesanti. Dice giustamente il governatore della Banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet davanti al cotè bocconiano: come fai a fermare il boom di India e Cina, che ormai si avviano a rappresentare il 60% dell economia mondiale? Gli fa eco il nostro banchiere globalizzato Alessandro Profumo, segnalando che il problema è semmai come governare l impatto, posto che la globalizzazione nella storia ha tante fasi: diciottesimo secolo, industrializzazione, anni Settanta o, se vogliamo, Atene, Roma Imperiale, bizantini, urbanesimo, industrializzazione. E che chi nelle democrazie moderne va a votare pensa con la «tirannia del breve termine»: vorrei che la storia dell umanità girasse bene, ma perché dovrei pagare proprio io? «Io e Bossi riscriveremo Marx», disse una volta scherzosamente Giulio Tremonti presentandosi a Torino a un incontro mondano col leader della Lega. Ma con la paura o con la speranza? - dovrebbero chiedergli, parafrasando il titolo del suo ultimo libro, i liberisti bocconiani al prossimo appuntamento del Forum.

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli