Anche la mensa scolastica diventa un occasione importante per imparare a mangiare tutto e in giusta quantità.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anche la mensa scolastica diventa un occasione importante per imparare a mangiare tutto e in giusta quantità."

Transcript

1 n IL 7 Febbraio 2011 è iniziato il progetto Mastro Gufo il laboratorio di giornalismo che si svolgeva a scuola ogni lunedì per due ore. Il primo giorno ho conosciuto le insegnanti, che ci hanno posto delle domande sul perché ci eravamo i- scritti al corso, poi insieme abbiamo cercato di conoscere le parti di cui è formato il giornale: gli occhielli, l articolo di fondo, la pubblicità, gli strilli. Poi ci hanno distribuito il giornalino della scuola stampato lo scorso anno, perché lo leggessimo, ne conoscessimo l impostazione e decidessimo insieme come progettare quello di quest anno. Durante il secondo incontro abbiamo visto un filmato che ci ha mostrato il lavoro del giornalista e lo svolgimento di una giornata in una redazione. In classe, abbiamo cominciato a scrivere i nostri articoli a gruppi di due i nostri articoli: essi potevano occupare una o più pagine. Purtroppo alle successive lezioni non ho potuto partecipare perché mi sono ammalata. Quando sono rientrata a scuola le maestre ci hanno spiegato che non era più possibile svolgere il laboratorio perché i tagli effettuati dal Ministero erano tali da dover sospendere tutte le iniziative extrascolastiche. Io sono rimasta molto dispiaciuta perché mi piaceva partecipare a questo progetto. In questi giorni sto cercando di rimediare scrivendo da sola un giornalino. Barbara Cufaro Petroni Anche la mensa scolastica diventa un occasione importante per imparare a mangiare tutto e in giusta quantità. Mangiare frutta e verdura tutti i giorni è il modo migliore per stare bene, perché esse contengono le vitamine, sostanze che ci fanno crescere bene e pieni di energie. Alcune classi della nostra scuola hanno aderito al programma Frutta nelle scuole. In alcune sezione è stato avviato un percorso di educazione alimentare, cominciando a diversificare la merenda scolastica e a introdurre la frutta e la verdura uno due giorni alla settimana. Quali gli obiettivi? Eccoli: Incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini; indirizzando i criteri di scelta e le singole azioni affinché si affermi la consapevolezza tra sana alimentazione e benessere fisico; offrire ai bambini più occasioni, ripetute nel tempo, per conoscere i prodotti naturali diversi in varietà e tipologia. Si spera che il prossimo anno il progetto sia esteso a tutte le classe della scuola. All inizio dell anno scolastico, a settembre, abbiamo deciso, insieme alle maestre, la merenda della settimana scolastica. Dopo lunghe discussioni, abbiamo così stabilito: lunedì: frutta, martedì: panino con il prosciutto; Mercoledì: biscotti o merendine; Giovedì: frutta; Venerdì: taralli o cracker; Sabato: panino con il formaggio o con la marmellata. Abbiamo deciso queste merende per mangiare cose sane e sempre diverse. Francesca CIoce

2 Alunni II A-B Noi alunni delle classi II A e II B abbiamo svolto un laboratorio sui dinosauri. Dal mese di gennaio abbiamo incontrato, una volta alla settimana, l archeologo dott. Francesco Sanseverino e insieme alle insegnanti abbiamo scoperto come, dove e quando sono comparsi i dinosauri; abbiamo imparato a conoscere le loro famiglie, come si nutrivano, come vivevano e come alla fine sono scomparsi. Se volete saperne di più andate sul sito della scuola e troverete il nostro interessante lavoro. Buona visione sul sito: B A I dinosauri carnivori avevano grandi mascelle,denti affilati come coltelli per tagliare la carne e artigli ricurvi per afferrare la preda. Erano piccoli, leggeri veloci corridori e agili nell attacco. Quelli erbivori avevano denti aguzzi per tagliare le foglie dure, stomaco grande, pancia grande e coda e zampe per appoggiarsi. Dovevano mangiare tanto e impiegavano tanto tempo per digerire quello che avevano mangiato. Ingerivano anche pietre che servivano a maciullare il cibo. PAGINA 2 Alunni II A-B Giocate con noi. Leggete e rispondete. Qual è il carnivoro A o B? Verifica la tua risposta alla pagina seguente.

3 La risposta al gioco precedente:il carnivoro è B Fare scuola sul campo! Roma : La città eterna Dopo aver sognato per un anno intero la gita di fine anno, finalmente il 16 maggio il sogno si è avverato! Il luogo scelto? Formidabile: Roma! Tre giorni con i compagni di classe per una gita indimenticabile. Eravamo felici di stare tre giorni senza la famiglia, perché questo significava essere diventati grandi e responsabili. La prima grande emozione è stata salire sul verde Gianicolo da cui si ammirano spettacolari panorami! E poi a mezzogiorno lo sparo del cannone! Che botto! Gli occhi si sono riempiti di immagini stupende come cartoline: il Quirinale, l Altare della Patria, il Pantheon e che dire di San Pietro con la incantevole Pietà di Michelangelo: siamo rimasti a bocca aperta! La visita al Colosseo è stata una visione unica: per la grande emozione; alcuni di noi sono riusciti a immaginarlo pieno di gladiatori e di leoni. In realtà Roma è tutta una grande emo- Tantissimo tempo fa l uomo non esisteva e gli animali e le piante erano molto diversi da quelli di oggi. Per raccontare la storia della terra e della vita bisogna contare il tempo in milioni di anni. I dinosauri comparvero sulla terra milioni di anni fa e a quel tempo l era si chiamava ME- SOZOICA. Il Mesozoico, a sua volta, si divide in tre periodi: TRIASSICO, GIURASSICO, CRETACICO. Alunni II A-B zione: una città abbracciata dal Tevere che ha cullato nel passato Romolo e Remo e ancora oggi scorre orgoglioso nella città più bella del mondo! Le nostre emozioni sono state tantissime anche di fronte a monumenti che avevamo visto già! Ma come tutte le cose belle è finita presto! La città è eterna la gita no! Peccato. Ruggero Gomes e Angelica Treglia Al tempo dei dinosauri la terra era tutta unita, i continenti non erano separati tra loro e la terra si chiamava PANGEA. Siamo andati alla Fiera del Levante e nel planetario abbiamo visto il nostro sistema solare e la terra con tutti i suoi continenti ormai separati. Alunni II A-B PAGINA 3

4 Una buona igiene orale salva i nostri denti Consigli di un amica! Cari bambini, non dimentichiamo che una buona igiene orale è determinata anche da una sana educazione alimentare, per questo motivo mi raccomando, non mangiate tanti cibi dolci o esageratamente zuccherati come merendine, gomme da masticare, torte e... Giulia Merra Difendiamo i nostri denti dalle carie Ricordiamo di lavare i denti non appena abbiamo finito di mangiare, perché i germi, i batteri, cominciano a scavare la carie con delle pale immaginarie e riescono in breve tempo a corrodere lo smalto dei denti fino ad arrivare al nervo e poi iniziano i dolori e tanti dolori!! Lavate allora i denti almeno tre volte al giorno, subito dopo i pasti principali con il dentifricio e lo spazzolino. Spazzolate a lungo e ricordate: il lavaggio, va effettuato, dall alto verso il basso nell arcata superiore e, dal basso verso l alto nell arcata inferiore;inoltre deve durare almeno 5 minuti. Giulia Merra Come è fatto un dente? Il dente è composto dalla corona, che è la parte del dente che si sviluppa fuori dalla gengiva; essa è ricoperta dallo smalto dentale. C è il colletto che divide la corona dalla radice. Infine la radice che troviamo alla base di ogni dente,innervata dai vasi sanguigni ed dai nervi che portano il sangue e il nutrimento. Piergiusto Rnieri PAGINA 4

5 Lunedì 14 marzo siamo andati al teatro Piccinni per festeggiare i 150 anni dell Unità d Italia. Noi, alunni di seconda abbiamo cantato L addio del volontario toscano e O tricolore guidati dal maestro Giovanni Rota. Infine abbiamo proiettato su un grande schermo la storia di Vittorio Emanuele II, il primo re d Italia. Noi l abbiamo scritta e abbiamo fatto i disegni, mentre le nostre insegnanti hanno realiz- zato il Power Point. Altri bambini hanno eseguito diversi canti popolari delle regioni italiane; altri ancora hanno recitato Garibaldi fu ferito. È stata una bellissima giornata! Siamo stati molto felici perché i nostri genitori hanno detto che siamo stati bravissimi e anche perché siamo saliti sul palco del nostro bellissimo teatro. Romeo Papapresta Imparare a leggere un quadro è facile: bisogna avere...occhio! Il 6 dicembre scorso, gli alunni delle classi II A e II B sono andati ad una mostra di quadri, presso la galleria del signor Roberto Tortora. Ci ha accolti il proprietario, critico d arte. Egli ci ha insegnato a leggere I quadri, a dare un titolo e a leggere la firma dell autore. I quadri erano tutti molto belli, ma quello che ci è piaciuto di più è stato il dipinto che rappresentava la foresta con tanti alberi, fiori e alcune anfore. A molti invece è piaciuto un quadro che noi abbiamo intitolato Il paese caramellato, perché aveva tanti colori che ci ricordavano le carte delle caramelle. Il sig. Tortora ci ha offerto i biscotti, i succhi di frutta e i cioccolatini. Dopo siamo tornati a scuola veramente soddisfatti!. Virginia Ladisa e Fabrizia Ladisa PAGINA 5

6 R i o - n e r o in Vulture, è un paesino della Basilicata, paese circondato da boschi ricchi di castagni. A fine ottob r e, s i a - m o andati proprio lì, per raccogliere le castagne. Siamo partiti da Bari molto presto al mattino e siamo arrivati nel bosco intorno alle 11,00. Ci siamo inoltrati nel fitto della vegetazione e abbiamo raccolto castagne, ricci, foglie, funghi e pietre. Abbiamo osservato: i castagni, le querce e i cespugli; con l aiuto di un esperto abbiamo osservato, toccato, annusato e registrato le nostre osservazioni. I tronchi dei castagni erano lisci e sottili, mentre quelli delle querce erano rugosi e tortuosi. Le foglie dei castagni erano larghe, lanceolate, con i margini seghettati, le nervature evidenti, i colori dal rosso al giallo oro; mentre quelli delle querce erano verdi, ovate e con le spine lungo i bordi. Anche le pietre avevano un colore diverso, più scuro, quasi nero: rocce venute fuori tanto tempo fa dai vulcani. Al termine siamo andati via e abbiamo visitato i laghi vulcanici di Monticchio: due lagni circondati da boschi ricchi di castagni e tanti altri alberi. Quindi siamo andati a pranzo in una masseria e al termine abbiamo gustato le caldarroste. Abbiamo, quindi, visitato le stalle... quanti animali! C erano le mucche, le capre, i maiali, le pecore, i capretti e i cavalli. Al termine siamo tornati a Bari. È stata una splendida giornata e noi ci siamo divertiti molto! Emanuele Lapenna PAGINA 6

7 Dall osservazione alla registrazione Nome comune Albero Castagno alto e massiccio Chioma Tronco Foglie larga, con foglie verdi, che cadono in autunno. ramificato, con corteccia grigio - scura e liscia. lunghe, lanceolate, con nervature laterali, con margine seghettato. di colore verde lucido, Fiore di colore bianco. Fiorisce a giugno - luglio. Frutto cupola spinosa a forma di riccio, con spine acute e pungenti; a maturazione si apre lasciando u- scire da 1 a 3 le castagne. Dove si trova è diffusa in tutte le regioni italiane. Dall osservazione svolta in classe notiamo che il riccio di castagna è una capsula spinosa marrone con sfumature verdi e rosse; si presenta un po aperto e nel suo interno si vede il frutto: la castagna. Le spine della cupola servono a difendere il frutto dagli animali. Al suo interno la cupola spinosa è pelosa e morbida per contenere la castagna. Simona Melibeo Osservo a occhio nudo: il riccio PAGINA 7

8 Il carnevale di Venezia Le origini del Carnevale di Venezia risalgono al X secolo. Il Senato della Serenissima ufficializzò l esistenza del Carnevale nel 1296 con un editto che dichiarava il Martedì Grasso giornata festiva. Nel corso dei secoli successivi la durata della festa si ingrandì. Il Carnevale veneziano cominciava normalmente il 26 dicembre per concludersi il giorno delle Ceneri. Durante questo periodo, spesso venivano concesse licenze per l utilizzo delle maschere dal 1 ottobre e spesso si assisteva a banchetti durante la Quaresima. Nel 1638 Venezia conquistò il titolo di città del Carnevale diventando un attrazione turistica p e r t u t t a l Europa. Il travestimento veneziano per eccellenza è la bauta, indossata da uomini e donne: una mantellina nera abbinata ad un cappello tricorno nero e una maschera bianca che copriva tutto il viso. Giulia Merra Durante il Carnevale l identità personale, il sesso, la classe sociale non esistono più, si entra a far parte della grande illusione del Carnevale. Lungo le calli, per i canali invasi da maschere il saluto era:"buongiorno siora maschera L ultimo giorno in piazza San Marco si brucia l effige del Carnevale. PAGINA 8

9 Matt Groening, alla sua prima esperienza di animatore, l 8 settembre 1986, inventa la serie de I Simpson, diventandone, in seguito, anche il produttore. Nel 1990 Homer e la sua famiglia diventano un vero e proprio fenomeno televisivo, battendo ogni record di ascolti. Il personaggio principale della serie è senza dubbio Homer Simpson, il capofamiglia.. Egli lavora nella centrale nucleare di Springfield, come supervisore alla sicurezza. Homer ha circa 38 anni ed è il tipico uomo moderno: ciccione, spaccone, sconsiderato, stupido ed ottuso. È sposato con Marge Bouvier, una casalinga dai capelli blu, raccolti in uno chignon spropositatamente alto. Dolce e intelligente è proprio lei l unica vera responsabile della famiglia. I tre figli sono: Bent, il monellaccio poco studioso, il bulletto della scuola di Springfield, terrore dei maestri e del direttore; Lisa, intelligente, suonatrice di sax e un po secchiona; la piccola Maggie,la piccola di casa, molto intelligente e sveglia per la sua età. Una famiglia che ha riscosso molto successo presso giovani e meno giovani perché rispecchia la famiglia tipo americana e, forse, anche quella italiana. Giulia Merra La famiglia vive in una classica casa americana circondata da un bel giardino, nella cittadina di Springfield. La centrale nucleare inquina le acque della zona con le sue scorie radioattive, ma garantisce il lavoro a molti abitanti e ad Homer. Nonno Abraham, pensionato, vive nella casa di riposo di Springfield PAGINA 9

10 Amici dei bambini! I Puffi sono una tribù di piccoli gnomi blu che abitano in casettine bianche ricavate dai funghi. Sono molto tranquilli e vivono in armonia fra loro e ciascun abitante ha un ruolo ben preciso. C è il puffo pasticcere, il dormiglione, il pittore, il musicista, il forzuto, il burlone... L unico figura femminile è Puffetta dalla lunga chioma gialla color oro. Anche nella loro tribù esiste un capo supremo, in questo caso è il Grande Puffo che al contrario degli altri ha un berretto, i pantaloni rossi e una folta barba bianca. Il nemico numero uno dei puffi è Gargamella, una specie di stregone umano, che vive in un castello diroccato, insieme al suo fedele gatto nero, Birba. Gargamella vuole catturare il popolo di Puffolandia per cucinare tutti i suoi abitanti in un grande pentolone. I nostri a- mici devono combattere anche i briganti che vogliono rubare il loro preziosissimo tesoro. Per fortuna i Puffi hanno un amico umano, che li aiuta: John. Allora forza Puffi, tutti i bambini sono con voi!!! Giulia Merra I Puffi vivono in un villaggio dove le casette sono dei bellissimi e coloratissimi funghi. Immerso nella natura, probabilmente verso il confine franco-belga, vive uno strano popolo di piccoli omini blu: i puffi. Non sono gnomi, né elfi né nani! PAGINA 10 Il malvagio mago Gargamella

11 Un castello da visitare! Un giorno del mese di aprile, siamo andati a visitare il castello Svevo e, visto che era molto vicino alla scuola, siamo andati a piedi. Siamo partiti e dopo poco tempo siamo arrivati: fuori dal castello, abbiamo incontrato la nostra esperta Maria. Ella ci ha mostrato il fossato dicendoci che prima era pieno di acqua, ma adesso non c è più. Abbiamo visto le mura e il ponte, ora fisso, dove prima c era il ponte levatoio. Sulle mura esterne abbiamo notato le caditoie, da cui i soldati lanciavano l olio bollente e le aperture dietro le quali mettevano i cannoni. Siamo poi entrati nel cortile attraversando il bellissimo portale federiciano. Dal cortile siamo entrati nella piccola cappella dedicata a San Stanislao e poi nella sala, fatta costruire da Carlo d Angiò, che una volta era destinata ai soldati. Siamo saliti, quindi, attraverso la bella scalinata, nelle sale del piano superiore e l esperta ci ha mostrato la porta che conduce alla torre di San Francesco, chiamata così perché ha ospitato il Santo, quando è passato da Bari. Abbiamo poi visto le altre due torri: quella del semaforo e dei minorenni. L ultima torre non l abbiamo vista perché è stata distrutta tanto tempo fa. Sabino Cautilli e Giovanni Fullone PAGINA 11

12 A Bari: un castello ricco di storia Circa novecento anni fa un re Normanno, Ruggero II conquistò Bari e fece costruire un castello vicino alle mura della città. Il castello fu subito distrutto: prima da un altro re, poi dai Baresi che non amavano i Normanni. Molti anni dopo Federico II di Svevia, diventato re, ordinò il restauro del castello e lo fece abbellire con un portale e alcune colonne nel cortile. PAGE 12

13 Quando Bari fu conquista dai Francesi, il re Carlo d Angiò fece sistemare il cortile per la cavalleria e fece aprire una porta sul lato del mare, per fuggire in caso di pericolo. Passarono molti anni e la duchessa Isabella d Aragona venne ad abitare a Bari. Intorno al castello fece costruire i bastioni, grosse mura che resistevano alle cannonate. La figlia Bona Sforza, diventata grande, sposò Sigismondo Jaghellone e fu incoronata regina di Polonia. Ordinò di rendere il castello più elegante per farne una dimora principesca. Negli anni che seguirono nessun re abitò più il castello e allora divenne prigione e caserma per i soldati. Alunni classe II A-B PAGE 13 disegni di Elena Carbonara

14 Come realizzare dinosauri con la tecnica pop - up. Provate a realizzare soggetti con questa tecnica. Questi cartoncini sono stati realizzati con la tecnica del pop up. Se vuoi realizzarlo anche tu, ti suggerisco il procedimento.. Su un cartoncino piegato a metà, traccia due linee parallele dalla piegatura del foglio verso l esterno, lunghe 3 cm e distanti tra loro 4 cm. Tenendo il foglio chiuso, taglia lungo le linee. Apri il foglio e solleva il segmento tagliato piegandolo verso l interno del biglietto. Schiaccia le piegature in modo da farlo sollevare prima di incollare il disegno del dinosauro. Disegna sullo sfondo l habitat del tuo mastodontico animale preistorico!!! Alunni III B PAGE 14

15 Una tecnica eccezionale. Provate a realizzare soggetti con questa tecnica Segui le istruzioni: Prendi un cartoncino, piegalo a metà e disegna un arco; Traccia delle linee verticali dentro l arco. Taglia e piega lungo l arco tutte le striscioline. Riporta le strisce nella posizione iniziale, apri il cartoncino e spingi la pancia all interno; Adesso, con la tua fantasia, divertiti a disegnare delle figure intorno alla pancia, puoi anche inventare degli acrostici o versi in rima. Alunni classe III B - C Soggetti realizzati con la tecnica del pop up con pance e pancioni. PAGE 15

16 Una bambina a Bari La mamma era Isabella d Aragona e il suo papà era il duca di Milano Gian Galeazzo Sforza. Bona viveva nel castello con l unico fratello, Francesco e le sorelline Ippolita e Bianca Maria. Il papà, duca di Milano, morì quando Bona aveva pochi anni e Ludovico il Moro divenne il nuovo duca. Bona aveva otto anni quando venne a vivere a Bari con la sua mamma Isabella; le sorelline, Ippolita e Bianca Maria, erano morte, mentre Francesco era stato portato via in Francia. Fecero un lungo viaggio da Milano, a Mantova, a Bologna, a Napoli a Ischia e poi arrivarono a Bari. Qui trovarono un castello piccolo e in gran parte distrutto, ma Isabella non si perse d animo e cominciò i lavori di restauro, che lo resero più sicuro, più grande e molto più principesco. Infatti fece costruire i bastioni, con feritoie e bocche per i cannoni, per renderlo sicuro e possente; e lungo le mura, fece mettere archetti ciechi per renderlo più bello e armonioso. Nel cortile diede ordine di costruire un ampia scalinata e, al primo piano, altre stanze per sé e la sua figliola. Nell ampio cortile Bona Sforza giocava con la sua amichetta, sotto gli occhi vigili della nutrice e delle ancelle che, nel frattempo, cucivano e ricamavano. Quando non giocava, Bona Sforza studiava molto: le piaceva leggere le poesie, le Sacre Scritture e amava suonare il monocordio. Ella aveva molti bravi maestri. Federica Piazzolla e Carlo de Corato Bona Sforza: duchessa di Bari e regina dii Polonia. Bona Sforza nacque a Vigevano I genitori di Bona Sforza: Gian Galeazzo Sforza e Isabella d Aragona e abitò nel palazzo Ducale di Milano PAGINA 16

17 La mia aula si trova al terzo piano di un edificio un po vecchiotto costruito su strade molto trafficate. Dentro la mia aula si possono sentire i rumori dei tacchi delle maestre, il fruscio dei fogli stropicciati sotto le penne come foglie secche sotto i piedi. Si sente il rumore delle macchine che si affollano per la strada, l esile voce delle maestre che ogni tanto chiacchierano e che rendono l atmosfera molto rilassante. L unica cosa che però rovina tutto è l urlo acuto e prolungato delle maestre delle altre classi, il fastidioso ronzio delle mosche, delle zanzare in primavera, il dolce, ma continuo vocio dei compagni, simile al cinguettio degli uccellini. Il rumore delle sedie o dei banchi che si spostano, poi, fa ormai parte della vita di ogni scolaro. Durante la ricreazione gli schiamazzi dei bambini mi gonfiano la testa come un palloncino mentre il soave bisbiglio delle mie amiche me la fanno sgonfiare. Nell insieme di tutti questi suoni e rumori io mi trovo bene, mi sento tranquilla e a mio agio, tanto che vorrei non dover lasciare più questa scuola. Mio nonno si chiama Michele. Mi piace perché racconta tante barzellette. Io lo incontro ogni domenica quando vado a pranzo a casa sua e con lui mangio tanti dolci, gioco a carte e vinco sempre! Roberta Maffei Msaffei Roberta Maffei ALESSIA LIONETTI Dedicato ai nonni... Vi voglio bene perchè ci fate tante coccole e siete i nonni migliori del mondo! Alunni II E PAGINA 17

18 I sogni di bambini! Da grande vorrei tanto diventare una cantante perché quando canto mi sento me stessa, svuoto la mia rabbia e la tristezza e divento felice. Ho iniziato a provare queste sensazioni giornalmente, a casa, ma anche a scuola, durante le recite. Fare la cantante ha anche i suoi lati negativi, perché se diventassi famosa non a- vrei una vita privata normale; sarei continuamente pedinata da tutti, ma sono sicura che riuscire a superare questi o- stacoli, perché per me il canto è magico e speciale. Riuscire a cantare in pubblico sarebbe la cosa più bella che potrebbe succedermi, ma purtroppo mi vergogno talmente tanto che lo faccio soltanto quando sono sola. E allora noto la bellezza della spontaneità e riesco ad essere me stessa. A me piace soprattutto il canto lirico. E la mia passione! A volte mi capita di cantare per sentirmi meglio, ma lo faccio soprattutto quando sono felice. Insomma io canto e canterei sempre! Proprio per q u e s t a m i a p a s s i o n e quest estate farò un corso per imparare a modulare la mia voce e per non aver vergogna del pubblico, così realizzerò il mio sogno e potrò essere felice per sempre. Anche se non riuscirò a diventare famosa non mi abbatterò e cantare resterà per sempre il mio hobby preferito. Elena Pacucci I grandi della musica I miei sogni di bambina Da grande farò la calciatrice perché mi piace giocare a calcio, soprattutto togliere la palla all avversario. Forse farò anche l esploratrice perché mi piace e- splorare e amo l avventura, la natura e curiosare nei boschi con l attrezzatura dell esploratore! Roberta Maffei PAGINA 18

19 Fino in fondo è la canzone che Luca Barbarossa e Raquel del Rosario hanno presentato nella sessantunesima edizione di Sanremo La romantica canzone esprime dei bellissimi sentimenti e fa capire che le cose vanno fatte fino in fondo e non superficialmente. Dalla prima volta che ho ascoltato questa canzone, mi è piaciuta subito. I due cantanti hanno voci interessanti, bellissime, soprattutto Raquel del Rosario. Spero che insieme incidano altre canzoni. Giulia Merra Un bel giorno, nello splendido bosco Certosino, nacque una ghiandaia e la chiamarono Pianterina. Con la piccola ghiandaia abbiamo imparato a conoscere gli abitanti del bosco e i pericoli a cui essi vanno incontro. La ghiandaia Pianterina e il bosco Certonsino è un bel libro con immagini stupende. Noi ci siamo divertiti molto a leggerlo e vi consigliamo di leggerlo anche voi. L autore è Margherita Lillo e l editore è Torre Nebbia Francesca Cioce All ombra di una millenaria quercia la nostra esperta, alla Masseria dei Monelli, ci ha raccontato che: Le ghiandaie sono ghiotte di ghiande; le raccolgono e le nascondono per poterle mangiare poi con tutta comodità, ma dimenticano dove le hanno nascoste e, dopo un po di tempo, nascono nuovi alberi: le querce. Alunni classe II B PAGINA 19

20 La mia mamma ricorda della grande felicità che sentiva quando mi aspettava. Mamma immaginava che fossi una bella bimba, buona, gentile e intelligente e aveva tanto desiderio di abbracciarmi forte al suo cuore. Per questo accarezzava la pancia nella speranza di sentire le mie parti del corpo. Finalmente quando la pancia diventò molto grande riusciva a distinguere la mia testolina e il mio piedino. Mia madre trascorreva molto tempo a parlarmi, a giocare con pupazzetti sonori e insieme ascoltavamo della musica dai suoni dolci. La mia mamma pensava alla scelta di un nome bello e giusto per me. Giorgia Nicole. PEPE Ora vi racconto... La mia mamma ha sempre raccontato che per nascere ho fatto un lunghissimo viaggio. Esistevo già nel cuore della mia mamma e del mio papà quando erano giovani. Poi, grazie al loro amore, sono arrivata nella pancia della mia mamma e lì sono rimasta al calduccio per crescere e giocare. Poi, un pomeriggio d autunno, sono finalmente nata e ho potuto abbracciare la mia mamma. Nella pancia ho lasciato un mio pezzettino dal quale è nata mia sorella Sofia Carolina, poi mia sorella ha lasciato un suo pezzettino per far nascere il nostro fratellino, Giorgia Nicole. PEPE PAGINA 20

21 La masseria dei Monelli Durante la visita alla masseria del Monelli abbiamo osservato tante cose interessanti. C erano : I filari di alberi da frutta: ciliegi e ulivi; i muretti a secco per definire il confine della masseria; tanti cespugli, verdi; tanti fiori colorati: margherite e papaveri; Tanti animali: cani e capretti; La voliera: galline, pavoni, galli, colombe bianche. È STATO MERAVIGLIOSO AN- DARE IN MASSERIA!!! Alunni I D Inizio Preparare il solco con una paletta; Togliere le pietre; Creare con il chiantaturo la dimora per le piantine; Mettere il compost (concime) sulle piantine; La Masseria dei Monelli Mettere la paglia intorno alle Piantine; Annaffiare tutte le piantine. Fine Diagramma di flusso: preparare il terreno per le nostre piantine PAGINA 21

22 Volare, che passione!! Il giorno 3 maggio siamo andati in pullman all aeroporto. Io e i miei compagni eravamo tanto emozionati e molti di noi non vi erano mai stati. Siamo entrati nel terminal passeggeri e siamo passati al checkin, come dei veri viaggiatori: abbiamo presentato il nostro documento e h a n n o m e s s o un etichetta ai nostri zaini e poi siamo passati al controllo del metal detector. Quindi, saliti su un pullman, siamo stati condotti alla falconeria, ai margini delle piste. Ci aspettava un esperto falconiere che ci ha parlato del pericolo che uccelli come i piccioni e i gabbiani possano procurare agli aerei in fase di decollo e atterraggio perché possono rompere i motori entrando attraverso le eliche. Per questo vengono addestrati uccelli predatori che fanno finti attacchi a uccelli imprudenti. Abbiamo visto un aquila e un falco all opera e li abbiamo accarezzati: che bella sensazione! Siamo poi saliti su un aereo e l a bbiamo i n va s o. Quanti bottoni nella cabina di pilotaggio! Eravamo stanchi, ma volevamo scoprire più cose. Dopo una lunga salita siamo entrati nella torre di controllo e di là vedevamo il panorama. Viste da lì le macchine erano piccolissime! Un aereo è sbucato dalle nubi ed è atterrato sulla pista, mentre un altro decollava. Nella torre, i controllori di volo parlavano in inglese con i piloti. A quel punto avevamo un certo languorino e abbiamo pranzato in un locale dell aeroporto. Questa esperienza ci ha fatto vivere un giorno da viaggiatori e ora molti di noi sognano di prendere il volo. Alunni classe III D- E Siamo entrati nel terminal passeggeri e siamo passati al check-in e al controllo del metal detector. PAGE 22

23 Provare a vivere come gli uomini preistorici! Sabato 9 aprile è stata una giornata fantastica! Ci siamo recati alla grotta Santa Croce di Bisceglie. Appena arrivati, abbiamo percorso un tragitto in discesa nella lama: intorno a noi c era una ricca vegetazione e sul fondo scorreva un torrente che abbiamo attraversato grazie ad un ponticello. Si sentivano i cinguetii degli uccelli, lo scroscio dell acqua e il rumore delle pietroline sotto i nostri piedi. C erano ad attenderci dei capi scout molto ospitali. Siamo entrati nella grotta: era buia, u- mida e fredda. Alcuni fari la illuminavano e seguendo la nostra guida abbia- mo osservato i pannelli didattici che spiegavano il ritrovamento del femore dell uomo di Neanderthal e la stuoia del Neolitico. Ad un certo punto ci hanno fatto indossare dei caschi: ci siamo trasformati in piccoli speleologi e abbiamo perlustrato la parte più profonda della grotta. Usciti all aperto siamo stati avvolti dai caldi raggi del sole. Quindi sono iniziati i laboratori. Indossate delle pellicce, ovviamente sintetiche, ci siamo trasformati in una tribù di uomini preistorici. Sembrava veramente di essere nel passato! Abbiamo seguito la lavorazione della pietra, scoprendo i p r o g r e s s i c h e l uomo ha compiuto nella tecnologia: da una semplice pietra scheggiata ad una sofisticata ascia. Abbiamo provato ad accendere il fuoco con degli archetti e siamo rimasti incantati a vedere la fiamma scaturita dalle pietre focaie che la guida ha strofinato. Abbiamo modellato vasi con l argilla e fabbricato collane con corde e conchiglie. Insomma per una giornata ci è sembrato di vivere nella preistoria! Alunni classe III D- E Intorno a noi ricca vegetazione e sullo sfondo un torrente... Piccoli speleologi alla riscossa PAGE 23

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba PERCORSI DIDATTICI La fiaba di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-10 anni La fiaba è un genere letterario di origine popolare, che nasce dalla tradizione orale e solitamente

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose?

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? I nomi Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? Semplice...l'uomo moltissimi anni fa, per non fare confusione. Osserva lo strano oggetto

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli