MARKETING INNOVATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARKETING INNOVATION"

Transcript

1 MARKETING INNOVATION

2 BRAINWRITING Tecnica di gruppo (6-8 partecipanti) con facilitatore o senza 30 minuti È un alternativa al brainstorming per generare divergenza in un gruppo le cui persone potrebbero inibirsi a vicenda Funzionamento: COME FARE A RIDURRE LO SPRECO DI CIBI NEI RISTORANTI? IDEA 1 IDEA 2 IDEA 3 Ad ogni partecipante viene dato un modulo delle idee : una griglia con 3 colonne e tante righe numerate (6-8), con la domanda o il problema ben specificati in alto Al via, ogni partecipante scrive 3 idee sul suo modulo e lo mette sul tavolo Dopo aver fatto ciò, pesca un altro modulo qualsiasi e scrive altre 3 idee, facendosi stimolare dalle idee che vi trova già scritte e così via

3 S.C.A.M.P.E.R. Tecnica di gruppo (6-8 partecipanti), veloce (20-30 minuti) Funziona come una seduta di brainstorming, ma prevede la generazione di idee a partire da alcuni verbi di trasformazione (SCAMPER sta per): Substitute: chi altro, cos altro, altri materiali, ingredienti, ecc.? Combine: assortire, combinare, mescolare (che cosa?) Adapt: copiare da, rendere simile a Modify/Magnify/Minify: cosa aggiungere, cosa togliere, cosa allungare, cosa accorciare Put to other uses: quali usi? Eliminate: cosa togliere, cosa tagliare Rearrange/Reverse: cosa rovesciare, cosa scambiare Il facilitatore usa le domande, una ad una, per stimolare le idee dei membri del gruppo È possibile sviluppare e utilizzare una propria lista di verbi

4 BRAINSTORMING Tecnica di gruppo (6-8 partecipanti) con facilitatore 20 minuti Abbatte la barriera della censura (anche l auto-censura) Funzionamento: Un facilitatore si occupa di dare le regole al gruppo: 1. Argomento definito 2. Tempo limitato 3. Nessun commento ammesso Il facilitatore scrive in modo che rimangano ben visibili tutte le idee (IDEA GENERA IDEA) senza censurare Il facilitatore stimola il gruppo a tirar fuori più idee possibili e crea un clima in cui si può dire tutto Finito il brainstorming le voci che non sono chiare vengono spiegate dalle persone che le hanno dette, in modo che tutti capiscano bene che cosa quella persona intendesse dire Dall idea il facilitatore governa il processo di trasformazione dell idea in soluzione

5 ASSOCIAZIONE FORZATA E una tecnica di gruppo (6-8 partecipanti) per gruppi a forte divergenza E molto veloce: minuti Prevede una definizione preventiva del problema e la scelta di un originator (es. vocabolario) Funzionamento: Proporre la definizione del problema Sulla base dell originator, scegliere un oggetto per l associazione (è consigliabile un oggetto appartenente ad un universo distante da quello del problema (es. oggetto meccanico per problema organizzativo, ecc.) Con brainstorming, fare una lista (lunga) di tutte le caratteristiche dell oggetto in questione Andando a ruota libera, provare ad applicare ogni caratteristica della lista al proprio problema Se il gruppo esagera o si blocca, cambiare oggetto e ripartire E una tecnica utile quando i gruppi con il semplice brainstorming si bloccano per mancanza di idee

6 ASSOCIAZIONE FORZATA (2) Tutto come la precedente e dopo la definizione del problema 30 minuti Invece di utilizzare un originator, il facilitatore sceglie due oggetti lontani dal problema (possono essere presi oggetti presenti sul posto; es. penna e calamaio ) Chiede quindi al gruppo: con questi oggetti, come posso risolvere il problema? Il gruppo risponde andando a ruota libera (come brainstorming) Se il gruppo esagera o si blocca, cambiare oggetti e ripartire

7 ATTRIBUTE LISTING Tecnica semplice per produrre nuove idee di prodotto Utilizzabile individualmente o in gruppo (6-8 persone) 20 minuti Produce moltissime idee inattuabili, ma sviluppa originalità Preparazione: Creare una lista delle parti componenti (attributi) del prodotto (es. ruote, telaio, sospensioni, carrozzeria, ecc.) Funzionamento: Utilizzare il brainstorming o altra tecnica divergente per generare idee di modifica di ciascun attributo Combinare le modifiche in idee di prodotto Sviluppare ulteriormente le idee attraverso l associazione libera

8 ESPLORAZIONE MORFOLOGICA Originata nel campo dell astrofisica negli anni 40 E` una tecnica individuale che si può usare in gruppo (6-8 persone) Prevede un accurata preparazione dell argomento: Definire l oggetto sul quale intervenire (es. la trama di un film) Elencare le dimensioni dell oggetto sulle quali intervenire e creare una griglia con tante colonne quante sono le dimensioni (4-8) Per ogni dimensione elencare tutte le alternative possibili nella propria colonna (una decina) Utilizzare questa matrice come fonte per la divergenza: Prendere un alternativa da una colonna e associarla ad un alternativa a caso di un altra colonna, mescolando attraverso le dimensioni Elaborare ulteriormente le idee e ricercare anche idee nuove e fuori dallo schema Rispettare le regole della divergenza sia individualmente sia in gruppo

9 ESPLORAZIONE SISTEMATICA Simile all analisi morfologica, si può usare con gruppi numerosi (10-20 persone) Preparazione: Si costruisce una matrice che riporta in testa alle colonne le caratteristiche del problema/oggetto In testa a ciascuna riga si mettono invece le caratteristiche del contesto ambientale (es. contesti di utilizzo, destinatari del prodotto, ecc.) E possibile dividere il lavoro tra sottogruppi, affidando alcune celle ad un gruppo ed alcune ad un altro Funzionamento: Per mezzo di un brainstorming o di un altra tecnica (es. SCAMPER) si generano idee all interno di ogni cella della matrice Si dispongono le idee in colonna, ottenendo una nuova matrice (eliminare i doppioni) Si procede quindi combinando le idee attraverso le colonne

10 RIDEFINIZIONE DEL PROBLEMA Tecnica di gruppo (6-8 partecipanti) con lavoro scritto, utile per la ridefinizione dei problemi Funzionamento: - Il facilitatore presenta il problema in modo sintetico - Poi invita i partecipanti a completare la frase: Per me il problema e, con tutti i finali che ciascuno riesce ad immaginare(10 min) - I completamenti vengono condivisi, a partire da chi ne ha prodotti di più - Al termine può seguire una sessione "a ruota libera (10-15 min) per aumentare il numero delle idee È importante rispettare le regole della divergenza

11 VIAGGIO NELL ALTRO MONDO Tecnica di gruppo (6-8 partecipanti) che si basa su un lavoro preliminare di definizione del problema Funzionamento: - Si sceglie come medium una situazione appartenente ad un contesto lontano da quello dei partecipanti (es. il medioevo, la civiltà egizia, le caverne) - Il facilitatore dà una breve descrizione del contesto individuato, per stimolare l immaginazione - Quindi pone la domanda: che cosa succede al nostro problema? Si procede a giro di tavolo o a ruota libera con descrizioni sintetiche

12 VIR (VISUALLY IDENTIFYING RELATIONSHIP) È una tecnica che ti permette di utilizzare immagini non correlate tra di loro per trovare idee nuove Si presentano differenti figure che fungono da stimolo, poster ad esempio, e che vengono osservate da tutti i partecipanti. In seguito si chiede al gruppo di fare connessioni creative tra di esse o semplicemente di combinarle in un unica immagine. Qualcosa di interessante emergerà di sicuro, qualcosa che può essere trasformato in una soluzione ad un dato problema.

13 IMMAGINAZIONE Utile con problemi che esistono da tempo. Immaginiamo che sia stata trovata la soluzione (qualsiasi). Una persona descrive lo scenario una volta attuata l ipotetica soluzione. Aiuta a superare le barriere mentali ( è una cosa che abbiamo già provato ). Es: la produttività è aumentata del 50%. Immaginate la situazione nell attività con strumenti/persone La nostra immaginazione è l unico limite a quel che possiamo sperare nel futuro Charles F. Kettering

14 TRASFORMAZIONE Utile per trasformare e modificare parametri della situazione. Tecnica del cosa accadrebbe se. Es: Cosa accadrebbe se noi suddividessimo/ aggiungessimo/ sottraessimo.?

15 INVERSIONE/SIMMETRIA I partecipanti considerano il problema da un punto di vista opposto. Es: Come utilizzare personale meno qualificato? invece del reale problema Come assumere personale più qualificato?

16 FATTORE IMPOSSIBILE INTERMEDIO Introdurre almeno un fattore la cui realizzazione è quasi impossibile. Se si verificasse X come potremmo agire in questa situazione?. In questo modo si aprirà la strada a nuove idee, alcune anche attuabili se venisse eliminato il fattore impossibile. Potremmo fare molte più cose se non le credessimo impossibili Chetien Malesherbes

17 MIND MAPPING Questo metodo consiste in una libera associazione di idee e nel flusso dei pensieri. La persona disegna al centro del foglio un cerchio e dentro scrive la definizione del problema. Quindi la persona può disegnare altri cerchi intorno a quello centrale che rappresentano le associazioni (non le soluzioni) che sono legate a questo cerchio. Ogni nuovo cerchio diventa la base per nuove associazioni. Quando la pagina è piena la persona può esaminare la mappa che ha ottenuto prendendo in considerazione una di queste serie di ingranaggi che ha ottenuto con lo scopo di trovare una soluzione.

18 PENSIERO LATERALE SEI CAPPELLI PER PENSARE Questa tecnica ci permette di separare i vari tipi di pensiero e di portarli a termine separatamente. Pensare con 6 cappelli porta alcuni vantaggi: difesa dell io; dirigere l attenzione su alcuni aspetti in particolare; convenienza. Il cappello bianco: è un colore neutro e oggettivo. Riguarda dati e fatti oggettivi. Il cappello rosso: suggerisce ira, rabbia ed emozioni. Fornisce il punto di vista emotivo. Il cappello nero: è cupo e negativo. Svela il perchè una cosa non può essere fatta. Il cappello giallo: colore solare e positivo, è un cappello da ottimista e comprende la speranza e i pensieri positivi. Il cappello verde: evoca l immagine dell erba, di vegetazione e di crescita fertile e abbondante. Indica la creativita e il prodursi di nuove idee. Il cappello blu: e un colore freddo, è il colore del cielo che tutto sovrasta. È connesso al controllo e all organizzazione del processo di pensiero, quindi anche all uso di altri cappelli.

19 PENSIERO LATERALE FOCALIZZAZIONE SEMPLICE. Scegliere un settore a cui nessuno aveva prestato molta attenzione. Focalizzare la propria attenzione cercando di migliorare leggermente le cose. Utilizzare poi le tecniche creative più adatte Indicata per risolvere problemi del tipo. Come fare a e per tutte le richieste migliorative. SPECIFICA. Quando è importante sapere dove concentrare gli sforzi creativi è necessario individuare un soggetto. GENERALE. Definire un area generale di focalizzazione (idee nuove nel campo della telefonia) FINALIZZATA. Quando dobbiamo ottenere un Miglioramento in una direzione ben definita. È il livello più specifico di quello Generale. Un altra buona tecnica all interno della focalizzazione è quella di riformulare il focus: le parole che scegliamo per descrivere un problema o una difficoltà possono influenzare il corso del pensiero.

20 PENSIERO LATERALE SFIDA È una modalità rivolta a mettere in discussione un metodo o un processo. Non nel senso critico, ma nella volontà di arrivare ad una soluzione unica. Perchè non possiamo farlo in un altro modo? Ci sono diverse tecniche: 1. Blocco ( supponiamo che non si possa fare così, come allora?) 2. Fuga per liberarsi dai metodi utilizzati abitualmente ( se non dovessimo soddisfare i nostri clienti, cosa potremmo fare?) 3. Abbandono. Abbandonare il metodo finora utilizzato. Completamene e definitivamente. QUALE ALTRA CRAVATTA POSSO METTERMI?

21 PENSIERO LATERALE PROVOCAZIONE Per mettere in crisi i modelli. Nella provocazione facciamo un affermazione e poi l effetto di questa affermazione ne fornisce la giustificazione. Le automobili dovrebbero avere le ruote quadre. Gli aerei dovrebbero atterrare con le ruote per aria Si dovrebbero chiudere le lettere dopo averle impostate. Inquinamento fiume: la fabbrica è a valle di se stessa. La provocazione genera instabilità che permette al sistema di trovare un nuovo equilibrio.

22 P.A.P.S.A. H. JAOUI IL METODO P.A.P.S.A. (5 TAPPE PER GENERARE) Cogliere il problema interamente con ingenuita P Percezione Scoprire la sua struttura profonda A Analisi Immaginare un gran numero di soluzioni P Produzione Gerarchizzare e decidere in funzione del futuro S Selezione Rendere tutti veri sostenitori dell innovazione A Applicazione HO MAI MESSO IN PRATICA QUALCUNA DI QUESTE TECNICHE? CON CHE RISULTATO?

23 PENSIERO LATERALE MOVIMENTO Non è sufficiente astrarre il giudizio, bisogna poter fare qualcos altro. Bisogna saper usare il movimento attraverso 5 tecniche: Estrarre un principio: derivare qualcosa dalla provocazione. Focus sulle differenze: confrontare la provocazione con l idea attuale Attimo per attimo: cercare di visualizzare cosa accadrebbe attimo per attimo Aspetti positivi: scoprire gli aspetti validi della provocazione Circostanze: quali sono le circostanze in cui questa provocazione sarebbe valida?

24 PENSIERO LATERALE VENTAGLIO DI CONCETTI Si parte da un concetto iniziale che trasformato in relazione all obiettivo diventa il nuovo riferimento per altre idee. Si forma così un ventaglio di concetti alle cui estremità si trova l obiettivo del nostro pensiero creativo Es. Obiettivo: ridurre i consumi di acqua I concetti potrebbero essere: Usare l acqua con maggiore efficienza Ridurre gli sprechi Scoraggiarne l uso Educazione Da qui può partire un altro concetto come aumentare il rifornimento d acqua che porta a Trovare nuove sorgenti Riciclare Ridurre le perdite lungo il percorso dalla fonte al punto di utilizzo E così via Obiettivo/Direzioni/Concetti/Idee

25 PENSIERO LATERALE Si prende una parola che non abbia assolutamente alcun rapporto con la situazione in esame e vincoliamo quella a questa. Partendo da questo accostamento cerchiamo di sviluppare nuove idee. 1. Fotocopiatrice/Naso 2. Sigaretta/Semaforo 3. Disoccupazione/Dentiera ENTRATA CASUALE

26 WHY NOT? CRESO (VI secolo a.c.). Ultimo re di Lidia, regnò dal 560 al 546 a.c. Figlio di Aliatte, salito al trono sottomise le città greche d'asia minore. Ricchissimo, elargì doni straordinari a molti santuari di Grecia quale Didime, Delfi e l'artemisio. Preoccupato dal sorgere della potenza persiana, si alleò con Egitto, Babilonia e Sparta. Tuttavia nel 546 Ciro il Grande lo sorprese e lo costrinse alla capitolazione. Che cosa farebbe Creso? Un sistema semplice per risolvere un problema e farlo risolvere a qualcun altro; si deve solo trovare la persona giusta. Per stimolare una riflessione di vasta portata alle persone vengono concesse risorse immense (come quelle di Creso): se esiste una soluzione la troveranno sicuramente! Cosa farebbe una persona con notevoli risorse, in termini di conoscenze, denaro o tempo, per risolvere il problema? Soluzioni in cerca di problemi Saper porre le domande giuste presuppone una capacità diversa dal saper trovare le risposte giuste Supponi di aver ideato una nuova ed efficace soluzione Quali altri problemi potrebbe risolvere? Si giudichi un uomo dalle sue domande e non dalle sue risposte

27 Vediamo da vicino altre 4 tecniche per innovare

28 ATTRIBUTE DEPENDENCY TEMPLATE Il Faro di Alessandria, costruito tra il 286 e il 246 a.c., è considerato una delle sette meraviglie del mondo. Ci vollero molti anni di pianificazione e progettazione per erigere questo faro alto 134 metri. Fu costruito, sotto la direzione di un brillante architetto, per indicare la via del porto ai marinai nelle notti tempestose, ma anche per celebrare il nome di Alessandria e dei suoi governanti. Il Re Tolomeo II, che sponsorizzava il progetto, desiderava mettere un marchio di proprietà su questo patrimonio immenso. L architetto greco era un genio e assegnava grande importanza al merito che avrebbe ricevuto per la sua impresa; pur attribuendo grande valore al denaro e alla visione di Tolomeo, non di meno avrebbe voluto assicurarsi un riconoscimento del proprio genio e della propria impresa rispetto alle generazioni future. L architetto si rese conto che anche solo sollevando il problema del riconoscimento del suo merito avrebbe potuto abbreviare la propria vita IN MOLTI CASI UN IDEA INNOVATIVA NASCE DAL TENTATIVO DI RISOLVERE UN DILEMMA Desiderio di ottenere fama grazie al progetto Desiderio di continuare a vivere L architetto incise il suo nome sulla pietra del faro, con una benedizione per coloro che avrebbero letto le sue parole; successivamente coprì le pietre e l incisione con dell intonaco, sul quale incise in pompa magna il nome di Tolomeo II, ed elogi per le sue azioni. Dopo molti anni sia l architetto che il re morirono ma le forze della natura continuarono a lavorare: il sole, il vento e l aria salmastra portarono allo sgretolamento il rivestimento del faro facendo scomparire il nome di Tolomeo e lasciando comparire il nome dell architetto Sastrato di Cnidia. L architetto aveva creato una dipendenza tra due variabili precedentemente non correlate: IL MERITO E IL TEMPO; il merito, inesistente all inizio, poteva essere raggiunto solo attraverso il passare del tempo. L ATTRIBUTE TEMPLATE SI BASA SULL IDENTIFICAZIONE DI DUE VARIABILI INDIPENDENTI E CREA UNA NUOVA DIPENDENZA TRA ESSE

29 Domino s Pizza è uno dei leader mondiali nella consegna di pizze a domicilio. Il suo successo è dovuto, almeno in parte, all introduzione di una nuova idea: la promessa che il prezzo della pizza venga ridotto ogni volta che il tempo di attesa per la consegna superi i 30 minuti. Questa nuova e originale promessa ha scatenato una rapida crescita del giro di affari della Domino s. All impegno da parte dell azienda di fornire un servizio rapido, si associa la scommessa da parte del cliente che spera in un ritardo di consegna! Anche in questo esempio si è creata una nuova relazione tra due variabili che prima erano indipendenti: prezzo e tempo. Nel momento un cui un concorrente porta un innovazione al concetto del servizio, si crea il seguente dilemma: Domino s dovrà scegliere tra una mossa di accostamento ( mee too ) o la decisione di ignorarlo completamente? La novità proposta da Domino s è l aver creato una nuova dipendenza, nella quale il prezzo è costruito come una funzione a gradini se la consegna avviene entro 30 minuti, la pizza ha prezzo pieno, da 30 minuti in poi diventa meno costosa. IL TEMPO E IMPORTANTE PER QUALSIASI PRODOTTO O SERVIZIO E MERITA DI ESSERE SEMPRE INSERITO NELL ELENCO DELLE VARIABILI

30 Non è semplice definire una variabile. Essa è un elemento soggetto a cambiamento misurabile. La misura può essere esatta (quantitativa) o categorica (es. bellezza). È importante distinguere Componenti e Variabili, vediamo alcuni esempi: Componenti Variabili Occhi Zucchero in una torta Manico e testa del martello Viti Colore degli occhi, chiarezza della visione Il peso dello zucchero aggiunto alla miscela per la torta, la dolcezza della torta Lunghezza, spessore, altezza e peso del martello Numero di viti, lunghezza e spessore delle viti. Prezzo Prezzo Temperatura Temperatura Un grafico che descriva due variabili indipendenti ha un inclinazione diversa da 0 (Y = costante). La rappresentazione grafica tipica dell Attribute dependency è: la transizione da una retta orizzontale nel grafico (assenza di dipendenza tra variabili) e una funzione a gradini. Matematicamente, la funzione viene descritta come funzione a gradini : Y1 = costante, Y1 = Y(X).

31 Applicazione dell Attribute Template per generare versioni diverse dello stesso prodotto o servizio: il processo ideativo Negli esempi precedenti il risultato della nuova relazione tra variabili era lo stesso prodotto. Ci sono casi, invece, in cui nascono diverse versioni dello stesso prodotto o servizio: qui la nuova dipendenza è tra gli attributi del prodotto. Vediamo due esempi: 1) Alcune marche di pannolini usa e getta distinguono i pannolini per il giorno da quelli per la notte. La necessità di assorbimento e di comodità è diversa di notte rispetto al giorno, quando il pannolino deve sopportare il movimento e il suo assorbimento può essere inferiore grazie alla maggiore frequenza di sostituzione. Il genitore può scegliere il pannolino più adatto per il momento della giornata. assorbimento Momento del giorno 2) Le pappe per i bambini un tempo era uguale a tutte le età, tuttavia a un certo punto sono state sviluppate combinazioni diverse per diverse fasi dello sviluppo dei neonati. Composizione del cibo Età del bambino

32 IL REPLACEMENTI TEMPLATE Thomas Alva Edison è stato uno dei più grandi geni della storia della tecnologia. Un aneddoto a proposito di Edison narra che i suoi ospiti si lamentavano della difficoltà di aprire il cancello della sua abitazione, operazione che richiedeva di esercitare una notevole forza. Poco prima di morire, Edison rivelò il suo segreto: il cancello era collegato a una pompa ad acqua e chiunque lo aprisse, senza saperlo, pompava acqua per riempire la sua piscina privata. Il Template, o modello, sotteso l ingegnosa soluzione di Edison è il REPLACEMENT TEMPLATE : sfruttare le risorse disponibili nelle immediate vicinanze del prodotto o del servizio per sostituire un suo componente. La funzione del componente eliminato verrà assolta più economicamente e efficacemente da un nuovo componente esterno nelle immediate vicinanze del prodotto/servizio (nell aneddoto di Edison erano i suoi amici ad assolvere alla funzione di attivazione della pompa della piscina!) Ripensiamo all esempio del Faro di Alessandria. L architetto aveva usato anche lo schema Replacement Template. Egli ha usato risorse disponibili nelle immediate vicinanze del faro (umidità, acqua e sale) per adempiere alla funzione di rendere il suo nome immortale. Il REPLACEMENT TEMPLATE SI BASA SULLA SOSTITUZIONE DI UNA RISORSA O UN COMPONENTE CHE ESISTE NEL SISTEMA O NELLE SUE IMMEDIATE VICINANZE, AL FINE DI ADEMPIERE ALLA FUNZIONE NECESSARIA

33 Riprendendo l esempio della catena DOMINO S Pizza ipotizziamo che il nuovo obiettivo sia contrastare la concorrenza offrendo un nuovo esclusivo vantaggio alla clientela. Eliminiamo un componente essenziale dalla configurazione del servizio - il forno - ma lasciamo la sua funzione Pizza Forno Scooter CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA DI PIZZA A DOMICILIO Pizza? Scooter PRIMA FASE DELL IMPLEMENTAZIONE DEL REPLACEMENT TEMPLATE NEL SISTEMA DI PIZZA A DOMICILIO Il nuovo componente deve essere: 1) vicino al campo d azione del problema 2) adempiere alla funzione rimasta orfana (cuocere la pizza) Pizza Motore Scooter SOSTITUZIONE DEL RUOLO DEL FORNO TRAMITE UN COMPONENTE DELLO SCOOTER

34 Il motore dello scooter assolve ad entrambe le condizioni!!!! Da una configurazione di servizio ne abbiamo creata una nuova: ora dobbiamo verificare se abbiamo risolto un problema o abbiamo creato una risposta a una nuova necessità. La Domino s Pizza, per esempio, potrebbe sfruttare questa nuova configurazione di servizio per offrire un vantaggio competitivo di non poco conto alla sua clientela: 1) Consegnare prima dei concorrenti le pizze poiché la cottura termina sulla scooter! 2) Consegnare la pizza più gustosa perché ben calda certo è che occorrerà affidare alla Ricerca e Sviluppo la progettazione di uno scooter che cuoce le pizze e predisporre un rituale di consegna che rassicuri il cliente PRESCRIZIONI OPERATIVE 1. Create un elenco di componenti interni (che il produttore controlla) 2. Create un elenco di componenti esterni (al di fuori del controllo del produttore) 3. Costruire la configurazione di un prodotto, indicando tutti i legami di controllo che si desiderano tra i componenti elencati 4. Individuate i componenti essenziali, marcateli e annotate la loro funzione su ciascun legame 5. Scegliete un componente e essenziale, escludetelo dalla configurazione ma lasciate la funzione che svolgeva 6. Analizzate i componenti dello spazio circostante e compilate una lista di componenti dotati di caratteristiche o funzioni simili a quelle del componente escluso 7. Collegate ciascun componente dell elenco nuovo alla funzione priva del componente. Descrivete un modello fisico della nuova configurazione. 8. Cercate un vantaggio di mercato nuovo, che sia derivato dalla sostituzione che avete creato. Ricordate che il principio la funzione segue la forma è a vostra disposizione. Non ignorate alcuna nuova quota di mercato che potrebbe risultare dalla dimensione che avete raggiunto 9. A seconda del successo ottenuto, decidete se continuare a legare altri componenti disponibili nell ambiente circostante al legame orfano, oppure se escludere altri componenti essenziali

35 DISPLACEMENT TEMPLATE Agli inizi degli anni Settanta, dopo una lunga campagna pubblicitaria, gli sforzi compiuti per lanciare sul mercato statunitense dei cibi a base di miscela solubile (tra essi, naturalmente, il caffè istantaneo e vari tipi di minestre) finalmente diedero i risultati sperati. Tra le innovazioni introdotte nel mercato vi era una miscela per torte fatte in casa. Il concetto era che il cliente comprasse la miscela, la mescolasse con dell acqua, la versasse in una tortiera e la infornasse. Ci si aspettava un grande successo ma non fu così.. I clienti volevano aggiungere un tocco personale alla preparazione del prodotto. Vennero tolte le uova dalla miscele e venne indicato di aggiungerle al prodotto: la vendita del preparato per le torte andò alle stelle! La confezione sottovuoto si basa su un principio semplice: eliminare l aria dal prodotto confezionato, che consente di conservare freschi prodotti alimentari, quali la carne e i succhi di frutta naturali. Evitare che i prodotti confezionati entrino in contatto con l aria permette una conservazione prolungata e rende più semplici sia l immagazzinamento che l uso Secondo Il Displacement Template è possibile eliminare dalla configurazione di un prodotto un componente interno insieme alla sua funzione, e ottenere così un nuovo prodotto o servizio (es 1. togliere le uova e la loro funzione; es. 2 togliere l aria dal secondo, senza l aggiunta di altro componente!)

36 IL DISPLACEMENT TEMPLATE SI RIFERISCE ALL ESCLUSIONE DI UN COMPONENTE INTRINSECO E DELLE SUE FUNZIONI DALLA CONFIGURAZIONE DEL PRODOTTO, IN MODO DA CAUSARE UNA MODIFICA QUALITATIVA DELLA CONFIGURAZIONE STESSA Il Displacement Template non è da confondere con il Replacement T., in cui viene rimosso il componente interno (il forno per la Domino s Pizza ad esempio) ma lasciata la sua funzione (assolta da un nuovo componente, lo scooter) Quiz? Inventa un prodotto che c è già con il Displacement Template Prendi una sedia e togli un suo componente fondamentale insieme alla sua funzione. Ad esempio le gambe. Non sostituire le gambe e la loro funzione con alcunché. A chi può servire una sedia senza gambe? * *Può forse servire a te in spiaggia, per gustarti il panorama con i piedi a mollo sulla battigia, comodamente seduto sulla tua sedia senza gambe. O forse serve in alternativa al seggiolone per il tuo bimbo, che può mangiare a tavola con tutti voi

37 Gli esiti dell utilizzo del Displacement Template non coincidono con l approccio Unbundling (la diminuzione quantitativa di un prodotto o la versione ridotta un servizio di in termini di efficacia e qualità, con conseguente abbassamento di prezzo.) Ad accezione del prezzo inferiore, l Unbundling non crea ulteriori vantaggi come invece il Displacement Template DISPLACEMENT E UNBUNDLING Prodotto Displacement Unbundling Vantaggi Motociclo X Un nuovo sport Piano assicurativo con premi più bassi ma minor copertura Walkman (primo modello Sony) Crema solare protezione minore per dare un abbronzatura migliore in inverno X X X Radio compatta portatile Adatta per l inverno e le stagioni intermedie Sapone senza sapone X Migliore per la pelle Crema solare con coefficiente di protezione minore a un prezzo più basso X Calendario senza giorni della settimana, per l uso in anni diversi Caffè decaffeinato Guanti senza dita X X X Uso economico Più sano, non contiene stimolanti Consentono movimenti liberi e il contatto tra le dita

38 Un opzione quantitativa del DISPLACEMENT TEMPLATE Negli Stati Uniti i cataloghi di vendita sul mercato tendono a essere molto voluminosi, per contenere quante più informazioni possibile. Quando sul mercato è apparso un catalogo di dimensioni assai ridotte rispetto al solito, le quote di vendita hanno sorpreso tutti gli esperti di marketing del settore. Chi aveva sviluppato tale catalogo aveva notato che le librerie impilano i cataloghi. Un catalogo piccolo perciò, ha un vantaggio evidente: a causa delle dimensioni ridotte non può essere messo in fondo alla pila, perchè la renderebbe instabile. I librai pertanto lo mettono in cima alla pila e il consumatore vede per primo il piccolo catalogo. Tale modifica ha provocato un aumento delle vendite del catalogo. A volte non è necessario eliminare un componente e la sua funzione ma basta diminuire o aumentare uno dei suoi parametri per migliorarne l efficacia, o per ottenere un nuovo prodotto. Come nel caso della saponetta che trovate qui sotto All inizio del ventesimo secolo, un errore sulla linea di produzione provocò la comparsa di una bolla d aria al centro della saponetta Ivory della Procter& Gamble. Con un azione di marketing dettata dalla sincerità, l azienda annunciò che c era stato un errore e che avrebbero sostituito tutte le saponette difettose. Quando le saponette furono rimandate alla fabbrica, un impiegato notò che tali saponette presentavano un vantaggio rispetto alle altre: grazie alla loro bassa densità galleggiavano nell acqua del bagno. Perciò quando chi si fa il bagno lascia cadere la saponetta nell acqua, il tempo necessario per recuperarla è molto più breve e pertanto si dissolve meno lentamente di una saponetta normale. Si tratta quindi di un prodotto nuovo, pratico e con più di un vantaggio!

39 DESCRIZIONE OPERATIVA 1. Compilate un elenco di componenti interni (che il produttore ha sotto controllo) 2. Compilate un elenco di componenti esterni (che il produttore non ha sotto controllo) 3. Costruite una configurazione di prodotto e indicate tutti i legami che desiderate tra i componenti elencati 4. Individuate i componenti fondamentali, segnateli ed elencate le funzioni alle quali adempiono in tutte le connessioni 5. Selezionate un componete fondamentale ed escludetelo, insieme alla sua funzione, dalla configurazione 6. Cercate di trovare un vantaggio di mercato per il prodotto che risulta dal Displacement che avete operato. Ricordate che il principio funzione segue forma è a vostra disposizione. Cercate di trovare nuove nicchie di mercato che potrebbero trarre giovamento dall eliminazione

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

TEMPLATE UN APPROCCIO STRUTTURATO AL PROCESSO CREATIVO

TEMPLATE UN APPROCCIO STRUTTURATO AL PROCESSO CREATIVO CREATIVITY TEMPLATE UN APPROCCIO STRUTTURATO AL PROCESSO CREATIVO Creativity template 1/35 STRUMENTI SIAMO QUI! tecniche fasi Predisposizione 1 Mappatura Esterna 2 Mappatura Interna 3 Processo Creativo

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente Introduzione IMSV 0.8 (In Media Stat Virtus) Manuale Utente IMSV è una applicazione che calcola che voti può'prendere uno studente negli esami che gli mancano per ottenere la media che desidera. Importante:

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

Vuoi scoprire un nuovo mondo di sapori?

Vuoi scoprire un nuovo mondo di sapori? Vuoi scoprire un nuovo mondo di sapori? Il vapore è l ingrediente segreto L ingrediente segreto per un gusto straordinario è ora svelato... Come fanno gli Chef stellati Michelin ad ottenere un pollo così

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA CO 2 footprint Aid 2 IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA Obiettivi: Gli studenti diventano consapevoli di come il loro contributo nelle emissioni di CO2 dipenda dalla loro scelta del mezzo di trasporto

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business?

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Utente Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Specifica da 3 a 5 diversi gruppi di utenti per il tuo concetto e fai una dettagliata descrizione di una persona per ciascun gruppo. Fai

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Il presente e il futuro della Professione Finanziaria in Italia

Il presente e il futuro della Professione Finanziaria in Italia Conferenza istituzionale Il presente e il futuro della Professione Finanziaria in Italia D o c e n t e : Francesco PRIORE IL PERSONAL BRANDING DEL PROFESSIONISTA DELLA FINANZA 2 Sommario: Il personal branding

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8!

Quanto alcol sto bevendo? Moltiplica per 8! www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Quanto alcol sto

Dettagli

Il calendario di Windows Vista

Il calendario di Windows Vista Il calendario di Windows Vista Una delle novità introdotte in Windows Vista è il Calendario di Windows, un programma utilissimo per la gestione degli appuntamenti, delle ricorrenze e delle attività lavorative

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Scadenziario e Rubrica

Scadenziario e Rubrica Scadenziario e Rubrica Breve panoramica Lo Scadenziario è un software creato con lo scopo di avere sempre sotto controllo i propri impegni e le proprie attività da svolgere. Quante volte ci si dimentica

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Scheda assaggio espresso

Scheda assaggio espresso Scheda assaggio espresso Istruzioni per la compilazione Introduzione Il proposito della scheda di assaggio dell Espresso è quello di descrivere la qualità dei prodotti esaminati, attraverso 11 descrittori

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi 1. Come funzionano i motori di ricerca Una panoramica generale sul funzionamento dei motori di ricerca risultati). 2. Come le persone

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

utilizzare in classe IL KIT COME

utilizzare in classe IL KIT COME COME utilizzare IL KIT in classe Tutte le attività interattive che si trovano nel software affrontano in modo diversificato e sfaccettato i temi dell agricoltura sostenibile, sovranità alimentare, sostenibilità

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

IL PENSIERO LATERALE. Ovvero come abbassare la cultura al popolo invece di elevare il popolo alla cultura

IL PENSIERO LATERALE. Ovvero come abbassare la cultura al popolo invece di elevare il popolo alla cultura IL PENSIERO LATERALE Ovvero come abbassare la cultura al popolo invece di elevare il popolo alla cultura 1 Le due modalità del pensiero: Pensiero verticale: logico, usa la dialettica e il criterio di massima

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Documentazione del Software Altairnet S.r.l.

Documentazione del Software Altairnet S.r.l. Documentazione del Software Altairnet S.r.l. Contenuti Introduzione... 2 Primi Passi... 3 Iscrizione, conferma dell account e primo accesso... 3 Acquisto del pacchetto Stabilimento... 3 Configurazione

Dettagli

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO La realizzazione delle tastiere virtuali didattiche - 3 a parte Prosegue l articolo in cui l autore chiarisce che l individuazione o l impostazione della struttura logica

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini San Severino Marche Paciaroni Sara e Zega Michela - 1 - Titolo Some news in Med. Lasciatevi travolgere dalle nuove tecnologie. Abstract Oggi sono molte le

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Manuale di istruzioni

Manuale di istruzioni Manuale di istruzioni GESTIRE IL MERCATO ONLINE Pagina La Pagina Centrale...1 L Area di Lavoro...1 Inserimento dei vostri prodotti...2 Trovare offerte e richieste...3 Fare e ricevere proposte...4 Accettare

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

Verificate il vostro modello di business

Verificate il vostro modello di business Verificate il vostro modello di business a cura di Luigi Pavan Best Control www.best-control.it Dovete predisporre il modello di business per la vostra nuova attività o dovete verificare se quello esistente

Dettagli

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS

VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS VERIFICATE IL VOSTRO MODELLO DI BUSINESS Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1 Dovete

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

SEI CAPPELLI PER PENSARE

SEI CAPPELLI PER PENSARE SEI CAPPELLI PER PENSARE UNA TECNICA COLORATA PER LA VALUTAZIONE 6 cappelli 1/29 Strumenti SIAMO QUI! tecniche fasi 0 Predisposizione 1 Mappatura Esterna 2 Mappatura Interna 3 Generazio ne di idee 4 Valutazione

Dettagli

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI Con l intento di proseguire l osservazione sulle competenze che i bambini posseggono nei confronti della matematica è stata intrapresa una rivisitazione del

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

A Cognitive Dimensions Questionnaire Optimised for Users

A Cognitive Dimensions Questionnaire Optimised for Users A Cognitive Dimensions Questionnaire Optimised for Users Alan F. Blackwell, Cambridge University, UK Thomas R.G. Green, University of Leeds, UK Lorella Gabriele, Università della Calabria, IT - Translator

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Diamo forma alle idee

Diamo forma alle idee Diamo forma alle idee Cosa troverete in questa busta? Fase 1: Scegliere l ambito o l idea. Fase 2: Osservare il contesto e gli utenti Fase 3: Brainstorming, rovare fonti di ispirazione Fase 4: Seleziona

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli