Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14"

Transcript

1 Azienda U.L.SS. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Relazione finale Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 213/14 A cura di: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Direttore: Celestino Piz Referente: dott.ssa Blanca Ojeda Montes Tel:

2 Presentazione studenti in buona salute imparano meglio Una scuola che promuove salute contribuisce in modo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi pedagogici e sociali dei propri alunni (IUHPE 29.) In questo documento si presenta l andamento dell attività di Promozione della Salute nelle istituzioni scolastiche relativamente all anno scolastico 213/14 ed i risultati ottenuti con le scuole che hanno preso parte ai progetti. L offerta progettuale proposta alle scuole mirava sostanzialmente a favorire l adozione di corretti stili di vita da parte degli studenti, per prevenire e contrastare i principali fattori di rischio comportamentali per la loro salute. I progetti proposti sono 29, suddivisi in aree tematiche, rispetto ai quali, come si può cogliere dalla lettura del documento, le istituzioni scolastiche hanno risposto con molto interesse e partecipazione. Infatti, dal confronto dei dati con quelli dell anno precedente, il 213/14 registra un forte incremento della popolazione scolastica che partecipa e questo oltre a gratificarci deve tradursi anche in spinta alla ricerca di argomenti sempre più attuali e vicini ai vissuti ed esperienze dei ragazzi. In quest ottica va letta anche l esigenza di una revisione metodologica che emerge chiaramente come punto critico nei progetti realizzati (v. grafico 13). Infatti, 17 progetti su 29 privilegiano gli incontri informativi di tipo frontale mentre solo 6 utilizzano strategie interattive - partecipative volte all acquisizione di competenze ed abilità di vita come indicato dall OMS e dalla IUHPE. Si impone perciò un ripensamento sulle progettualità e sui metodi da utilizzare nell ambito della Promozione della Salute. Il documento si articola in due parti, la prima illustra i dati complessivi di attività ricavati dalle schede di censimento compilate dai referenti di progetto e, la seconda, riporta i risultati dei singoli progetti, ottenuti tramite la somministrazione di questionari di gradimento o di performance. OMS = organizzazione Mondiale della Sanità IUHPE =International Union for Health Promotion and Education 2

3 I PARTE DATI COMPLESSIVI 3

4 Progetti di Promozione della Salute anno scolastico 213/14 L offerta Ulss presentata nel volume Progetti per la Promozione della Salute nella scuola si articolava in 29 progetti, suddivisi nelle seguenti aree tematiche: Alimentazione Consumo responsabile di alimenti di origine animale Ho inseguito l ape dal fiore al miele Il latte dalle stalle alla tavola Il mare un immenso e ricco prato azzurro Leggimi e ti dirò chi sono Progetto corpo Rischi alimentari Occhio all etichetta Motoria Muoviti e vivi in salute Prevenzione e doping Dipendenze (alcol droga fumo) Ap & Ap Appigli e Appartenenze C era una volta e poi vissero sani e contenti (fumo) Meno alcol più gusto Scuola D+ Sfumiamo i dubbi (fumo) Siamo sicuri? Smoke Free Class Competition (fumo) Minori e nuove tecnologie Salute Dentale Sorridi I-denti-Kit Affettiva sessuale Educazione all affettività Prevenzione andrologica nelle scuole Prevenzione dell AIDS e delle MST Sicurezza Affy fiuttapericolo Farmaci a Scuola Il primo soccorso nelle scuole Pensasicuro 4

5 Zooantropologica Balla con i lupi Un mondo di animali amici Servizi coinvolti nei progetti di Promozione della Salute a. s. 213/14 I servizi promotori delle progettualità sopra citate sono stati: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Unità Operativa di Medicina Sportiva Servizio Igiene degli alimenti di origine animale (SIAOA) Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Unità Territoriale Veterinaria 1 3 (UTV 1-3) Servizio Territoriale Tossicodipendenze di Vicenza - Noventa (SERT) Dipartimento Adolescenza e Famiglia (IAF) Unità Operativa di Urologia Nel grafico 1 sono riportati l ambito d intervento ed il numero di progetti dei diversi Servizi che costituiscono la rete per la promozione della salute dell Azienda. Grafico 1 N. progetti alimentazione a. motoria tabagismo nuove tecnologie s. dentale sicurezza Progetti di promozione della salute proposti a.s. 213/14 alimentazione alcol, droghe alimentazione zooantropol. sicurezza s. sessuale s. sessuale s. sessuale a. motoria Spes Siaoa Sert Sian Utv Sisp Iaf Urologia Med. Sport Servizi Accanto ai servizi promotori, altri servizi hanno collaborato in alcuni progetti, come il SUEM 118 di Vicenza e Noventa Vicentina (per il progetto Primo Soccorso), l Unita Operativa di Pediatria (per il progetto Farmacia a scuola) e la Lega Italiana contro i tumori (LILT) di Vicenza (per i progetti di prevenzione del tabagismo a scuola). 5

6 Scuole impegnate nei progetti di promozione della salute Il grafico 2 riporta quante, delle 349 scuole presenti sul territorio dell ULSS 6 di Vicenza, hanno presentato richiesta di progetto 167 (48%). Non hanno invece inoltrato alcuna domanda 182 scuole pari al 52%. Esiste quindi ancora un buon numero di scuole su cui è possibile estendere l attività di promozione della salute. Grafico 2 Scuole che hanno richiesto i progetti Ulss numero Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Le scuole 167 che hanno richiesto l attivazione di progetti ULSS comprendono i diversi ordini e gradi di scuole, dai nidi alle scuole superiori, sia private che pubbliche. Richieste da parte delle scuole per ordine e grado Il Grafico 3 illustra le richieste pervenute dai diversi ordini di scuola sul totale delle domande. Ad esempio: 98 richieste avanzate dalla scuola dell infanzia rappresentano il 3% di tutte le richieste. Grafico 3 Richieste pervenute per ordine/grado n. richieste % 11 3% 98 27% 9 15% 49 25% nido infanzia primaria secondaria I secondaria II scuola 83 6

7 Scuole richiedenti per ordine e grado Nel grafico 4 si riporta il numero di scuole richiedenti per ordine e grado in rapporto alle scuole che non hanno, invece, avanzato alcun tipo di richiesta Grafico 4 Scuole richiedenti - non richiedenti per ordine/grado n. scuole nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Dalle 167 scuole interessate, sono pervenute 331 richieste d intervento per la realizzazione di progetti di promozione della Salute. Un unica scuola poteva infatti formulare più richieste per i progetti proposti. La tabella riassume il numero di richieste per ordine di scuola. Ordine scolastico Scuole Richiedenti Richieste di intervento Richieste di intervento pervenute esaudite Asili nido Scuole dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria I Scuola secondaria II Totale Nella tabella di seguito è riportato, in relazione a ciascun progetto, il numero di richieste pervenute dalle scuole, il numero di studenti e il personale docente e non coinvolti nei progetti. 7

8 Progetto N. richieste N. alunni N. insegnanti e altro personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici Totale

9 Rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite Il grafico 5 rappresenta le richieste d intervento esaudite per ordine e grado di scuola. Dal grafico si evince che i servizi dell ULSS hanno soddisfatto 295 richieste (89% di quelle pervenute) mentre 36 non sono state esaudite. Tale mancanza è da attribuire alle seguenti motivazioni: 16 scuole che avevano inoltrato richiesta d intervento successivamente hanno comunicato l impossibilità di darvi seguito richiesta per motivi prevalentemente organizzativi; 5 scuola per mancata partecipazione da parte di personale scolastico ai corsi organizzati; 12 scuole hanno richiesto l attivazione di un progetto per target diverso da quello indicato; 3 richieste, avanzate direttamente dalle scuole ai singoli servizi promotori sono state smarrite. Il grafico 5 evidenzia il rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite ed il grafico 6 il numero di richieste esaudite e non. Grafico 5 e 6 Richieste pervenute e richieste esaudite n. richieste pervenute esaudite nido infanzia primaria secondaria I scuola secondaria II rapporto tra richieste esaudite e non esaudite 12 n. richieste nido infanzia primaria secondaria I secondaria II non esaudite esaudite scuola Distribuzione degli interventi per area tematica Gli interventi effettuati da parte degli operatori (ULSS e non) per soddisfare le richieste delle scuole possono essere raggruppate per area tematica per prendere atto delle tematiche più richieste. Nel grafico si può vedere ad es., che la tematica maggiormente richiesta e trattata è quella sulla sicurezza che raggiunge il 46% sul totale. Le percentuali sopra alle colonne 9

10 rappresentano la proporzione degli interventi effettuati per area tematica sul totale. Ad esempio: sicurezza 135 interventi su 295 = 46 %. Grafico 7 Interventi effettuati per area tematica numero % % 49 17% 49 9% % 8 2% 7 sicurezza s. dentale dipendenze alimentazione s. sessuale a. motoria zooantropologia area tematica Distribuzione degli interventi per Servizio Il grafico 8 illustra quali sono stati i Servizi più frequentemente coinvolti, e riporta la distribuzione degli interventi anche in percentuale rispetto al totale. Le percentuali sopra alle colonne rappresentano la proporzione degli interventi effettuati dal Servizio sul totale degli interventi effettuati. Ad esempio 25/295 = 69%. Grafico 8 Distribuzione degli interventi per servizio 8% 7% 69% numero 6% 5% 4% 3% 2% 1% % Spes 25 Sert Vi 7% 21 Siaoa 7% 2 Iaf 3% 9 Sert Nov 3% 8 Sisp 3% 8 Urologia 2% 7 Med.sport 2% 5 Sian 2% 5 Utv3 1% 4 Utv1 1% 3 Servizio Il Servizio maggiormente coinvolto risulta lo SPES, con 25 interventi su 295. Questo dato va chiaramente letto in relazione all offerta progettuale dello SPES che si articolava su 11 progetti (v. grafico 1). 1

11 Destinatari dei progetti Il grafico 9 e la tabella sottostante illustrano quali sono stati i destinatari degli interventi di promozione della salute, distinti per ordine di scuola. Dai dati di attività forniti dai singoli servizi, risulta che gli interventi hanno coinvolto complessivamente 796 classi, studenti e Insegnanti. Grafico 9 Destinatari dei progetti di promozione della salute numero nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Classi Alunni Insegnanti Copertura sul totale della popolazione scolastica L offerta progettuale dell Azienda nell ambito della Promozione della Salute si è rivolta alla popolazione scolastica frequentante le scuole presenti sul territorio dell Ulss. Ogni progetto si proponeva specifici obiettivi da raggiungere e si rivolgeva perciò ad un target identificato in relazione ai diversi ordini/gradi di scuola. Nei grafici di seguito si riportano le percentuali di popolazione scolastica raggiunta per ordine e grado di scuola ed il totale di copertura complessiva. Grafico 1 Copertura della popolazione scolastica secondaria II 68% 32% secondaria I 25% 75% scuola primaria 1% 9% infanzia 15% 85% % 2% 4% 6% 8% 1% % alunni raggiunti % alunni non raggiunti 11

12 Grafico 11 Copertura della popolazione scolastica Alunni non raggiunti Alunni raggiunti Valutazione dei progetti di promozione della Salute Per verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi, la maggioranza dei progetti ha previsto una valutazione: di processo, delle conoscenze e dei comportamenti, come riportato nella tabella e nel grafico 12. Progetti a. s. 213/14 12 Valutazione di processo Valutazione conoscenze Valutazione comportamenti Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze X X Balla con i lupi X C'era una volta... X X Consumo resp. di alimenti di origine animale X X Educazione all'affettività X Farmaci a scuola X X Ho inseguito l'ape dal fiore al miele X X I-denti-kit X X Il latte... dalle stalle alla tavola X Il mare... un immenso e ricco prato azzurro X Il primo soccorso nelle scuole X X Leggimi e ti dirò chi sono X X Meno alcol più gusto X X X Minori e nuove tecnologie X X X Muoviti e vivi in salute X Occhio all'etichetta! X X Pensasicuro X Prevenzione andrologica X X Prevenzione dell'aids e delle MST X X X Prevenzione e Doping X Progetto corpo X Rischi alimentari X X Scuola D+ X X Sfumiamo i dubbi X X Siamo... sicuri? X X Smoke Free Class Competition X Sorridi! X X Un mondo di animali amici Totale

13 Grafico 12 Valutazione di processo cambiamenti nelle conoscenze cambiamenti nei comportamenti Il grafico 13 riassume le metodologie utilizzate per numero di progetti. Grafico 13 Metodologia utilizzata Peer Education Life Skills incontri frontali (2+) incontri frontali (1) Dati a confronto: dal 211 ad oggi Prendendo in considerazione i progetti di promozione della salute negli ultimi tre anni scolastici, il grafico 14 mette in evidenza l incremento progressivo di partecipazione, negli anni, da parte delle scuole, degli studenti e dei docenti. Grafico 14 Progetti di promozione della salute 211/12-212/13-213/ numero n scuole n. studenti n. docenti 211/12 212/13 213/14 13

14 II PARTE DATI PER SINGOLO PROGETTO 14

15 Progetti svolti anno scolastico 213/14 Progetto richieste richieste alunni docenti altro pervenute evase formati* personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta... e vissero felici e contenti Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato azzurro Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici TOTALE *si tratta di docenti che hanno partecipato a corsi di formazione specifica. 15

16 AFFY FIUTAPERICOLO Affy Fiutapericolo AP & AP APPIGLI E APPARTENENZE Ap & Ap - Appigli e Appartenenze BALLA CON I LUPI Balla con i lupi

17 C ERA UNA VOLTA... E VISSERO FELICI E CONTENTI C'era una volta... e vissero felici e contenti CONSUMO RESPONSABILE DI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Consumo responsabile di alimenti di origine animale EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Educazione all'affettività

18 Questionario somministrato agli studenti (Scala di gradimento da 1 = basso a 5 = alto) 1. Sono stati trattati argomenti che mi interessano 2. Il modo con cui sono stati trattati è efficace risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 21% 35% 41% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 15% 43% 4% 1% 5% % 1% 2% % 5% % 1% 2% scala di gradimento scala di gradimento risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 3. Ho apprezzato l'incontro perché argomenti di cui parlo poco con i genitori 1% 11% 27% 24% 28% scala di gradimento risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4. Diapositive chiare 41% 24% 24% 9% 2% scala di gradimento 5. Chiarezza espositiva risposte 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 51% 33% 12% 1% 3% scala di gradimento 18

19 6. Ho imparato cose che non sapevo 7. Ho capito meglio cose che sapevo già risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 26% 25% 22% 15% 13% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4% 32% 18% 6% 3% scala di gradimento scala di gradimento 8. Operatori disponibili a rispondere alle domande risposte 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 68% 24% 1% 2% 5% scala di gradimento FARMACI A SCUOLA Farmaci a scuola Gradimento dei corsi di formazione Qualità espositiva dei relatori 2% 1% 4% 58% ottimo buono sufficiente 32% ottimo buono sufficiente 67% 19

20 Grado di rilevanza della tematica % 34% 66% molto interessante interessante poco interessante Questionario sottoposto ai docenti al termine del corso 1. Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di emergenza? a) informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte b) informazioni logistiche c) informazioni relative all'evento d) tutte le precedenti 2. Cosa è opportuno fare in caso si manifesti un episodio convulsivo in un bambino? a) se possibile, mettere il bambino delicatamente su un fianco, per evitare che aspiri muco o saliva b) cercare di forzare l'apertura della bocca c) somministrare liquidi per via orale d) cercare di far rinvenire il bambino scuotendolo Quando è necessario intervenire con il glucagone, in caso di crisi ipoglicemica di un bambino 3. diabetico a scuola? a) solo se c'è perdita di conoscenza b) se la glicemia è inferiore a 7 mg/dl c) se la glicemia è inferiore a 3 mg/dl 4. Quali fattori possono determinare una crisi ipoglicemica in un bambino diabetico a scuola? a) somministrazione di un dosaggio eccessivo di insulina b) poca introduzione di carboidrati c) eccessivo esercizio fisico d) tutte le precedenti 5. Come si somministra l'adrenalina Fastjekt, prescritta in caso di shok anafilattico a scuola? a) per via orale b) per via sottocutanea o intramuscolare c) per via endorettale d) per via aerosolica In ambito scolastico la somministrazione di farmaci va effettuata dal personale docente e non 6. docente solo in caso di: a) situazioni di patologie croniche invalidanti e pregiudizievoli alla salute b) solo per quei farmaci che non è possibile somministrare fuori dell'orario scolastico c) in presenza di certificazione di un medico convenzionato e di assenso dei genitori d) con il supporto, per il personale scolastico, di una formazione specifica e) tutte le precedenti 2

21 Farmaci a scuola - test sulle conoscenze n. risposte domande risposte errate risposte giuste HO INSEGUITO L APE DAL FIORE AL MIELE Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-DENTI-KIT I-denti-kit

22 IL LATTE...DALLE STALLE ALLA TAVOLA Il latte... dalle stalle alla tavola IL MARE... UN IMMENSO E RICCO PRATO AZZURRO Il mare... un immenso e ricco prato azzurro

23 Test sulle conoscenze e risultati prima e dopo il corso 1. Che cosa sono i pesci? a) animali che vivono nell'acqua e che possono avere pinne o zampe, come le tartarughe marine b) animali che vivono nell'acqua e respirano l'ossigeno disciolto in essa mediante branchie. Non possiedono zampe bensì pinne c) animali che vivono nell acqua, che si muovono con le pinne, che vivono solo se sono allo stato selvatico (non possono essere allevati) 2. Perché il pesce azzurro viene chiamato così? a) Per il colore del dorso b) Per il colore delle pinne c) Per il colore delle branchie 3. Unisci con una linea il nome del pesce con la foto giusta che corrisponde al nome Alice Pesce sciabola Aguglia Merluzzo Sgombro Sardina 4. Il pesce azzurro costa a) di meno dell altro pesce b) di più dell altro pesce c) tanto quanto l altro pesce 5. Tra i nutrienti importanti presenti nel pesce azzurro che fanno bene alla salute vanno ricordati a) acidi grassi insaturi essenziali (omega 2) b) acidi grassi saturi essenziali (omega 4) c) acidi grassi polinsaturi essenziali (omega 3) 6. I due modi per pescare il pesce azzurro sono a) Fonti luminose e Volanti b) Fonti fosforescenti e Plananti c) Fonti rumorose e Idrovolanti 7. Per riconoscere se un pesce è fresco bisogna a) guardare dentro la bocca, togliere l opercolo, tirare le pinne b) guardare l occhio, l opercolo e le branchie; annusare il pesce, premere sul corpo con la punta di un dito c) guardare le pinne, togliere gli occhi, strizzare il corpo fra le dita 8. In casa il pesce fresco va conservato a) In frigorifero fra e 3 gradi centigradi (mangiare entro ore) b) In frigorifero fra e -3 gradi centigradi (mangiare entro 48-6 ore) c) Nella credenza a temperatura ambiente (mangiare entro 24 ore) 9. In casa il pesce freschissimo può essere conservato nel freezer a) fino a 2 mesi b) fino a 3 mesi c) fino a 5 mesi 1. E meglio mangiare il pesce azzurro a) fresco, in giornata, crudo (come si fa in estremo oriente) b) fresco, in giornata, cotto (almeno 12 per non meno di 15 minuti) c) fresco, in giornata, dopo averlo cotto (almeno a 6 C per non meno di 1 minuti) 23

24 Risposte al questionario prima Risposte al questionario dopo risposte risposte sbagliate risposte giuste risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Il mare... risposte al questionario 1% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 49% 51% risposte giuste risposte sbagliate 93% risposte giuste 7% risposte sbagliate prima risposte dopo IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE Il primo soccorso nelle scuole

25 Questionario sottoposto ai ragazzi prima e dopo il corso 1. a) b) 2. a) b) c) 3. a) b) c) 4. a) b) c) 5. a) b) c) In caso assista ad un incidente, chi ha il dovere di chiamare i soccorsi? Qualsiasi cittadino, anche se minorenne Qualsiasi cittadino maggiorenne Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di incidente? Solo informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte Solo informazioni sulla dinamica dell'incidente Informazioni sul luogo e sulla dinamica dell'incidente e sullo stato di salute degli infortunati Individua la sequenza corretta per prestare soccorso Proteggere se stessi e gli altri, avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Iniziare a soccorrere l'infortunato, poi avvertire il 118 Come è corretto praticare il massaggio cardiaco? Con lente e prolungate compressioni, circa 2 compressioni al minuto Con una frequenza elevata, almeno 1 compressioni al minuto Con una frequena non superiore alle 6 compressioni al minuto Esprimi la tua opinione (Vero/Falso): In caso di trauma è meglio non spostare l'infortunato E' opportuno dare da bere ad un infortunato per aiutarlo a riprendersi Arrivati dove c'è un incidente, bisogna subito accertarsi che non ci siano rischi per i soccorritori Risposte prima del corso Risposte dopo il corso n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Risposte dopo il corso 1% giuste sbagliate 9% 25

26 LEGGIMI E TI DIRÒ CHI SONO Leggimi e ti dirò chi sono MENO ALCOL PIÙ GUSTO Meno alcol più gusto MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Minori e nuove tecnologie

27 MUOVITI E VIVI IN SALUTE Muoviti e vivi in salute Indagine sui bambini della scuola primaria 1. Quante ore dedichi durante la settimana all'attività motoria (sport, camminate, giochi al parco, bicicletta ed altro?) a) 2-3 ore alla settimana 39% b) 4-5 ore alla settimana 29% c) più di 5 ore alla settimana 32% 2. Durante la settimana pratichi uno sport? a) sì 83% b) no 17% 3. Se pratichi uno sport durante la settimana, scrivilo qui sotto Nuoto 22% Pallavolo 15% Calcio 15% Basket 12% Danza 1% Ginnastica artistica 7% Tennis 5% Karate 5% Equitazione 3% Golf 2% altro 5% Attività motoria dei bambini intervistati 8% 7% 6% 5% 4% 3% 68% 2% 1% % meno di 5 ore a settimana 32% più di 5 ore a settimana 27

28 Questionario sottoposto ai bambini prima e dopo l incontro PRIMA DOPO 1. Secondo te l'attività motoria fa bene alla salute? a) Sì 96% 98% b) No % % c) Non so 4% 2% Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività 2. motoria? *a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni 31% 46% b) Almeno 2 ore alla settimana 37% 27% c) Almeno 4 ore alla settimana 32% 27% 3. Esprimi la tua opinione (Vero/Falso) Vero Vero a) Alla mia età è importante fare movimento 95% 99% b) L'attività motoria fa bene al mio cuore 78% 99% c) Fare attività motoria aiuta a rendere più forti le mie ossa 98% 99% d) Alla mia età è importante praticare uno sport 9% 93% *risposta corretta domanda n. 2. Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività motoria? dopo prima 27% 27% 32% 37% 31% 46% c) Almeno 4 ore alla settimana b) Almeno 2 ore alla settimana a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni % 1% 2% 3% 4% 5% OCCHIO ALL ETICHETTA! Occhio all'etichetta!

29 PENSASICURO Pensasicuro PREVENZIONE ANDROLOGICA Prevenzione andrologica PREVENZIONE DELL AIDS E DELLE MST Prevenzione dell'aids e delle MST

30 PREVENZIONE E DOPING Prevenzione e Doping PROGETTO CORPO Progetto corpo RISCHI ALIMENTARI Rischi alimentari

31 SCUOLA D+ Scuola D SFUMIAMO I DUBBI Sfumiamo i dubbi

32 Questionario n. 1 (prima) per valutare il grado di conoscenze prima e dopo dell intervento 1. La sostanza che nella sigaretta provoca dipendenza è: a) la nicotina b) il benzopirene c) il monossido di carbonio 2. La nicotina è responsabile di: a) bronchite cronica b) problemi cardiocircolatori c) dipendenza 3. Il fumo di sigaretta contiene: a) ossido di carbonio b) polonio c) cacao d) arsenico e) ammoniaca f) acetone g) catrame 4. Il tuo apparato respiratorio: a) elimina sempre tutte le sostanze inquinanti che entrano con l'aria respirata b) oltre un certo limite non riesce più ad eliminare le sostanze tossiche per cui esse si accumulano al suo interno 5. Stare in un luogo chiuso in cui altri fumano è molto meno dannoso che sostare in un incrocio in un'ora di punta a) VERO b) FALSO 6. Cominciare a fumare durante l'adolescenza comporta i seguenti rischi: a) si resta piccoli di statura b) aumenta la percentuale di sterilità in età adulta c) si ha il 5% di possibilità di ammalare di tumore in età adulta se non si smette 7. Il fumo di sigaretta provoca all'adolescente questi problemi: a) alitosi b) aumento dell'accumulo di cellulite c) sviluppo ridotto dell'apparato respiratorio (polmoni più piccoli) 8. E' più pericoloso cominciare a fumare a 13 anni che a 2 a) VERO b) FALSO 9. Essere esposto a fumo passivo ogni tanto non ha nessuna conseguenza sulla salute a) VERO b) FALSO 1. Le tue cellule hanno bisogno: a) di ossigeno b) di ossido di carbonio 32

33 Sfumiamo i dubbi - questionario "prima" Sfumiamo i dubbi - questionario "dopo" n. risposte risposte errate risposte giuste n. risposte risposte errate risposte giuste domande domande Sfumiamo i dubbi - questionario risposte giuste 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 75% 53% PRIMA DOPO prima e dopo intervento SIAMO... SICURI? Siamo... sicuri?

34 SMOKE FREE CLASS COMPETITION Smoke Free Class Competition SORRIDI! Sorridi! Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno 5% 45% 4% 36% b.ni senza carie b.ni con carie bambini 3% 2% 15% 64% 1% % malocclusioni abitud. viziate 34

35 Bambini caries free negli ultimi 6 anni 66% 65% 64% 63% 62% 61% 6% 59% 58% 57% 65% 64% 62% 62% 6% 6% 28/9 29/1 21/11 211/12 212/13 213/14 UN MONDO DI ANIMALI AMICI Un mondo di animali amici Aspetti da tenere presente nello sviluppo delle progettualità future Dall elaborazione dei questionari somministrati, agli studenti e agli insegnanti, risulta che l offerta progettuale dell ULSS è ritenuta importante per il tipo degli argomenti trattati. Questo è confermato anche dalla maggiore partecipazione ai progetti per l annualità considerata. Inoltre, dalla valutazione delle conoscenze con i questionari somministrati prima e dopo, risulta evidente l acquisizione delle informazioni a seguito dei corsi e/o interventi effettuati. Tuttavia alla luce di quanto emerge dal censimento delle metodologie utilizzate (v. grafico 13) sarebbe opportuno rivedere le progettualità per ri-orientare la programmazione puntando non solo a fornire informazioni corrette ma allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di vita che nella Promozione della Salute risultano fondamentali per l efficacia degli interventi, come indicato dall OMS e dall IUHPE. 35

A cura: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute Ulss 6, Vicenza Direttore: Dr. Celestino Piz Via IV Novembre, 46 36100 Vicenza

A cura: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute Ulss 6, Vicenza Direttore: Dr. Celestino Piz Via IV Novembre, 46 36100 Vicenza 1 A cura: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute Ulss 6, Vicenza Direttore: Dr. Celestino Piz Via IV Novembre, 46 36100 Vicenza Referente: Dr.ssa Blanca Ojeda Montes Tel. 0444/752335 e-mail.

Dettagli

Servizio Promozione Educazione alla Salute

Servizio Promozione Educazione alla Salute U.O.C Materno-Infantile Servizio Promozione Educazione alla Salute Relazione finale attività svolte nelle Scuole anno scolastico 2009/10 PREMESSA Tutti i bambini e i giovani hanno diritto e dovrebbero

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE. dott.ssa Alessandra Fabbri

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE. dott.ssa Alessandra Fabbri DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE dott.ssa Alessandra Fabbri La nostra salute è come un puzzle tanti sono i FATTORIche influiscono sulla SALUTE : Fattori genetici e costituzionali Ambiente

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

SPORT PER TUTTI, DOPING PER NESSUNO

SPORT PER TUTTI, DOPING PER NESSUNO SPORT PER TUTTI, DOPING PER NESSUNO Per capire le abitudini, gli stili e le principali attività dei giovani, si è ritenuto opportuno promuovere alcune valutazioni. Per questo motivo, è stato somministrato

Dettagli

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento.

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Gruppo 2 M. f. g. CERVELLO Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Nervo ottico Diminuzione della vista e della sensibilità ai colori GOLA Cancro della laringe e della faringe

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello!

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello! io ballo e non mi sballo! Contro la droga usa il cervello! Pasticche, trip, acidi, funghetti, LSD, anfe, speed, spinelli... illusioni che ti rendono schiavo di un mondo irreale e che fanno seriamente male

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18

Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18 Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18 Scuola Titolo Tematica Tipologia Destinatari Asilo No 0-3anni Gestione delle emozioni nella 1 infanzia Prevenzione del disagio

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014 LICEO ARTISTICO STATALE GIACOMO E PIO MANZU BERGAMO SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2013-2014 Nonostante i seri problemi e i continui tagli che gravano sulla scuola, la Commissione Salute continua a

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive:

Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive: Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 Pagina 1 Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive: nicotina,

Dettagli

NO SMOKING BE HAPPY È

NO SMOKING BE HAPPY È NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 1 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 7 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 13 SUL SITO DEL

Dettagli

NO SMOKING BE HAPPY È

NO SMOKING BE HAPPY È NSBH_NA_LEAFLET_02 19-01-2010 17:32 Pagina 1 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_NA_LEAFLET_02 19-01-2010 17:32 Pagina 7 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_NA_LEAFLET_02 19-01-2010 17:32 Pagina 13 SUL SITO DEL

Dettagli

Adolescenti e socialità

Adolescenti e socialità Con il Patrocinio di: Indagine nazionale Adolescenti e socialità In collaborazione con: anno 2012 2013 Nota metodologica L indagine è stata realizzata mediante somministrazione di un questionario a risposte

Dettagli

scheda-progetto delle attività di promozione della salute

scheda-progetto delle attività di promozione della salute scheda-progetto delle attività di promozione della salute 1 titolo, operatore e anno di avvio: parte generale dati scuola e/o scuola capofila di rete 2 CIRCOLO DIDATTICO DI BRESCIA Via Trieste, n.31 -

Dettagli

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Giorgio Merlani Ufficio del medico cantonale Servizio promozione e valutazione sanitaria & Fondazione idée:sport Principali sostanze contenute nel fumo

Dettagli

Progetti intersettoriali di Comunità per la promozione di una sana alimentazione e di una regolare attività fisica a partire dall infanzia

Progetti intersettoriali di Comunità per la promozione di una sana alimentazione e di una regolare attività fisica a partire dall infanzia CORSO DI AGGIORNAMENTO Mangia Giusto Muoviti con Gusto Progetti intersettoriali di Comunità per la promozione di una sana alimentazione e di una regolare attività fisica a partire dall infanzia Alberto

Dettagli

Educazione alla Salute e all Alimentazione

Educazione alla Salute e all Alimentazione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A m a l f i Educazione alla Salute e all Alimentazione Curricolo continuo Scuole dell Infanzia Primaria Secondaria I Premessa In passato la salute era definita in maniera riduttiva:

Dettagli

eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe

eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe eccessi e dipendenze: vizi, fumo, alcool e droghe Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario

Dettagli

"INFANZIA A COLORI" PROGRAMMA DI PREVENZIONE ALL'ABITUDINE AL FUMO DI TABACCO

INFANZIA A COLORI PROGRAMMA DI PREVENZIONE ALL'ABITUDINE AL FUMO DI TABACCO "INFANZIA A COLORI" PROGRAMMA DI PREVENZIONE ALL'ABITUDINE AL FUMO DI TABACCO PROMOTORE DEL PROGETTO Dipartimento di Prevenzione Igiene e Sanità Pubblica COLLABORATORI INTERNI ALL'ASL Gruppo Aziendale

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

La cultura della sicurezza

La cultura della sicurezza Area tematica La cultura della sicurezza Progetti 1. Il primo soccorso nella scuola 2. Il primo soccorso nella scuola con supporto delle funzioni vitali in età pediatrica (PBLS) 3. PBLS, supporto delle

Dettagli

SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE. Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE. Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Anno scolastico 2010-2011 1 Servizio di educazione alla salute e

Dettagli

DELLA BUONA SALUTE. Libro da colorare

DELLA BUONA SALUTE. Libro da colorare L DELLA BUONA SALUTE Libro da colorare A per ACQUA pulita Usala tutti i giorni per lavarti e per bere. B come BISOGNA NON PARLARE con gli sconosciuti. Mai entrare nell auto di uno sconosciuto, mai seguirlo

Dettagli

WORKSHOP INTERREGIONALE

WORKSHOP INTERREGIONALE WORKSHOP INTERREGIONALE PREVENZIONE DEL TABAGISMO NEI LUOGHI DI LAVORO: REALTA E PROSPETTIVE Roma 12 novembre 2010 La prevenzione tabagismo e del fumo passivo nei luoghi di lavoro nei progetti CCM l esperienza

Dettagli

Luciana Orlandi Responsabile Educazione alla salute A.USL Anna Maria Arroi: Coordinatore Distretto di Modena

Luciana Orlandi Responsabile Educazione alla salute A.USL Anna Maria Arroi: Coordinatore Distretto di Modena Migliorare la rete per l apprendimento, la prevenzione e la promozione della salute per garantire un elevata qualità di vita ai minori di tutte le etnie Luciana Orlandi Responsabile Educazione alla salute

Dettagli

PROGETTO REGIONALE Percorsi di salute e di benessere per gli adolescenti LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO

PROGETTO REGIONALE Percorsi di salute e di benessere per gli adolescenti LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO PROGETTO REGIONALE Percorsi di salute e di benessere per gli adolescenti LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO Le parole chiave del progetto: bellezza, ambiente, salute, scuola territorio, stare bene, cultura,

Dettagli

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO PENSO DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO In collaborazione con: Acat 23 di Piove di Sacco Dipartimento

Dettagli

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze Comune di Cervia Comune di Ravenna Comune di Russi QUESTIONARIO Per alunni neo-arrivati Fonte: COSPE Firenze 1 Ciao! Sei appena arrivato in questa scuola e anche nella nostra città. Sappiamo che per te,

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O

E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O 1 MORTI PER FUMO IN ITALIA 90.000 MORTI ALL ANNO 40% PER TUMORE 30% PER ENFISEMA 30% PER MALATTIE CARDIOVASCOLARI LA VITA DEL FUMATORE SI ACCORCIA

Dettagli

Gli Infermieri nel progetto Ministeriale «Promotore della Salute» Negli Istituti Penitenziari: l esperienza in Lombardia F. Castelvedere, C.

Gli Infermieri nel progetto Ministeriale «Promotore della Salute» Negli Istituti Penitenziari: l esperienza in Lombardia F. Castelvedere, C. Gli Infermieri nel progetto Ministeriale «Promotore della Salute» Negli Istituti Penitenziari: l esperienza in Lombardia F. Castelvedere, C. Brunori SPEDALI CIVILI DI BRESCIA AZIENDA OSPEDALIERA Istituti

Dettagli

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE INCONTRI 28 APRILE 2015 11 MAGGIO 2015 PREMESSA La salute, nel suo significato di benessere

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco ANNO SCOLASTICO 2014/15 La LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Lecco, realizza da diversi

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2012/2013 Distretto 1 e 2 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Dirigente medico: dr.ssa

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

con il patrocinio della Educare divertendo Opuscolo informativo sui rischi per la salute dei bambini causati dall'esposizione al fumo passivo

con il patrocinio della Educare divertendo Opuscolo informativo sui rischi per la salute dei bambini causati dall'esposizione al fumo passivo con il patrocinio della Educare divertendo Opuscolo informativo sui rischi per la salute dei bambini causati dall'esposizione al fumo passivo Ciao amici, sono Delfi, il vostro amico delfino. Oggi voglio

Dettagli

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione )

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione ) Facsimile di scheda per la rilevazione dei progetti di promozione della salute (predisposta dalla Regione Lombardia nell anno 2004) PROGETTO n Anno di inizio 200_ 1) TITOLO DEL PROGETTO: 2) AREE TEMATICHE:

Dettagli

Rivista semestrale -

Rivista semestrale - Rivista semestrale - Promozione di stili di vita salutari per la prevenzione cardiovascolare: l esperienza di un medico di famiglia 2010-03-22 13:03:15 admin Dott.ssa Lina Bianconi Medico di Medicina Generale

Dettagli

Presentazione del trial di valutazione dell efficacia efficacia dei programmi regionali di prevenzione dell abitudine al fumo nei giovani

Presentazione del trial di valutazione dell efficacia efficacia dei programmi regionali di prevenzione dell abitudine al fumo nei giovani IN COLLABORAZIONE CON: Università Avogadro del Piemonte Orientale Università di Modena e Reggio Emilia Istituto di Prevenzione Oncologica della Toscana Presentazione del trial di valutazione dell efficacia

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative Foto: UFSPO / Ulrich Känzig 1 Il tabacco è tossico corretta Il tabacco contiene nicotina, una sostanza presente soprattutto nella pianta di tabacco

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. eccessivo aumento del peso controllare, limitare. bruciare la propria pelle

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. eccessivo aumento del peso controllare, limitare. bruciare la propria pelle Unità 7 La prevenzione CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come prevenire alcune malattie parole relative alla prevenzione e a stili di vita sani l uso dell

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO PROPOSTE DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2015/2016 BASSANO - ASIAGO I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi di seguito riportati, in coerenza

Dettagli

La città a misura di bambino

La città a misura di bambino La città a misura di bambino Alessandro Bordin Docente di Gestione Ambientale Università di Padova e ITS RED Padova e Verona Una Città amica dei bambini (o a misura di bambini) è un sistema di buon governo

Dettagli

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica 1 Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica Data / / Studio No RND NB: Si prega di mettere un pallino nella casella usando la matita che vi viene consegnata Questionario

Dettagli

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il gruppo di lavoro di Educazione alla Salute dell Istituto Comprensivo Nori

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI 5. EDUCAZIONE ALLA SALUTE 5.1 PREVENZIONE 5.1.1. PREVENZIONE:MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Conoscenza anatomica e fisiologica degli apparati riproduttori Conoscenza della capacità di difesa immunitaria

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Sani stili di vita. Nutrirsi di salute Marzo 2012. Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita?

Sani stili di vita. Nutrirsi di salute Marzo 2012. Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita? Nutrirsi di salute Marzo 2012 Sani stili di vita Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita? Siamo spesso alla ricerca dell elisir di lunga vita, ma non sempre disposti a qualche piccolo sacrificio,

Dettagli

Info Day Guadagnare Salute 2011 GUADAGNARE SALUTE IN A.S.S. 4 I comportamenti protettivi nei giovani e l uso di sostanze: il progetto Unplugged Simonetta Micossi Luciano Ciccone Molti progetti per le diverse

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro.

A cura di dott.ssa Simona Diana, psicologa referente peer education AUSL MO Area Nord e Area Centro. Progetto: Educazione tra pari in tema di affettività, sessualità e tutela della salute riproduttiva (con eventuale integrazione a progetto SerT- scuole libere da alcol in alcuni Istituti scolastici) A

Dettagli

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti C.L.S. Il Cuore della Luna del Sud ( Associazione no profit di promozione sociale ) Anno scolastico 2014-2015 S.M.I.L.E. un sorriso per tutti a cura del Dott. Progetto di Promozione ed Educazione alla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta Gruppo Didattica della Sicurezza Rete di Verona - Sicurezza a Scuola Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta 1. Introduzione. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella fascia d età della

Dettagli

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati:

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati: Relazione funzione strumentale area 3 Progetto educazione alla salute Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo Lercara Friddi-Castronovo di sicilia Prof. Grazia Madonia- Prof. Maria Lino Durante

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS CONEGLIANO, 19 OTTOBRE 2012 E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS Bolzonello Igor & Massimo Santinello -Il progetto P.A.A.S.S. è la conseguenza

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE VENETO. Azienda U.L.SS. n. 6 VICENZA. www.ulssvicenza.it. per

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE VENETO. Azienda U.L.SS. n. 6 VICENZA. www.ulssvicenza.it. per SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE VENETO Azienda U.L.SS. n. 6 VICENZA www.ulssvicenza.it CATALOGO ATALOGO 2008/2009 INIZIATIVE - PROGETTI CORSI DI FORMAZIONE per LA PROMOZIONE DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

Programmi di promozione della salute nelle aziende

Programmi di promozione della salute nelle aziende Promozione della salute in azienda, il miglioramento del benessere nei luoghi di lavoro Programmi di promozione della salute nelle aziende Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento Area della Medicina

Dettagli

conosci le regole del gioco?

conosci le regole del gioco? Sesso: conosci le regole del gioco? Quanto ti prendi cura del tuo corpo? 2 Prendersi cura del proprio corpo è fondamentale per vivere in armonia con sé stessi e con gli altri. Tenersi in forma non significa

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura di Bruna

Dettagli

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo L educazione alla salute rappresenta il processo educativo grazie al quale i soggetti

Dettagli

Rapporto finale dell indagine con questionari

Rapporto finale dell indagine con questionari Risultati dell iniziativa di prevenzione cardiovascolare Riguardiamoci il cuore Firenze - marzo 2011 Rapporto finale dell indagine con questionari sulle opinioni dei partecipanti Il rapporto è stato curato

Dettagli

Le terapie di Gruppo e la funzione dei Gruppi di Sostegno

Le terapie di Gruppo e la funzione dei Gruppi di Sostegno Le terapie di Gruppo e la funzione dei Gruppi di Sostegno I Corsi di gruppo per smettere di fumare Formazione intraziendale, Udine novembre - dicembre 1 Duilia Zanon CPTT Dipartimento delle Dipendenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2013/2014 Per il secondo anno consecutivo la nostra scuola ha continuato nelle

Dettagli