Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14"

Transcript

1 Azienda U.L.SS. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Relazione finale Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 213/14 A cura di: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Direttore: Celestino Piz Referente: dott.ssa Blanca Ojeda Montes Tel:

2 Presentazione studenti in buona salute imparano meglio Una scuola che promuove salute contribuisce in modo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi pedagogici e sociali dei propri alunni (IUHPE 29.) In questo documento si presenta l andamento dell attività di Promozione della Salute nelle istituzioni scolastiche relativamente all anno scolastico 213/14 ed i risultati ottenuti con le scuole che hanno preso parte ai progetti. L offerta progettuale proposta alle scuole mirava sostanzialmente a favorire l adozione di corretti stili di vita da parte degli studenti, per prevenire e contrastare i principali fattori di rischio comportamentali per la loro salute. I progetti proposti sono 29, suddivisi in aree tematiche, rispetto ai quali, come si può cogliere dalla lettura del documento, le istituzioni scolastiche hanno risposto con molto interesse e partecipazione. Infatti, dal confronto dei dati con quelli dell anno precedente, il 213/14 registra un forte incremento della popolazione scolastica che partecipa e questo oltre a gratificarci deve tradursi anche in spinta alla ricerca di argomenti sempre più attuali e vicini ai vissuti ed esperienze dei ragazzi. In quest ottica va letta anche l esigenza di una revisione metodologica che emerge chiaramente come punto critico nei progetti realizzati (v. grafico 13). Infatti, 17 progetti su 29 privilegiano gli incontri informativi di tipo frontale mentre solo 6 utilizzano strategie interattive - partecipative volte all acquisizione di competenze ed abilità di vita come indicato dall OMS e dalla IUHPE. Si impone perciò un ripensamento sulle progettualità e sui metodi da utilizzare nell ambito della Promozione della Salute. Il documento si articola in due parti, la prima illustra i dati complessivi di attività ricavati dalle schede di censimento compilate dai referenti di progetto e, la seconda, riporta i risultati dei singoli progetti, ottenuti tramite la somministrazione di questionari di gradimento o di performance. OMS = organizzazione Mondiale della Sanità IUHPE =International Union for Health Promotion and Education 2

3 I PARTE DATI COMPLESSIVI 3

4 Progetti di Promozione della Salute anno scolastico 213/14 L offerta Ulss presentata nel volume Progetti per la Promozione della Salute nella scuola si articolava in 29 progetti, suddivisi nelle seguenti aree tematiche: Alimentazione Consumo responsabile di alimenti di origine animale Ho inseguito l ape dal fiore al miele Il latte dalle stalle alla tavola Il mare un immenso e ricco prato azzurro Leggimi e ti dirò chi sono Progetto corpo Rischi alimentari Occhio all etichetta Motoria Muoviti e vivi in salute Prevenzione e doping Dipendenze (alcol droga fumo) Ap & Ap Appigli e Appartenenze C era una volta e poi vissero sani e contenti (fumo) Meno alcol più gusto Scuola D+ Sfumiamo i dubbi (fumo) Siamo sicuri? Smoke Free Class Competition (fumo) Minori e nuove tecnologie Salute Dentale Sorridi I-denti-Kit Affettiva sessuale Educazione all affettività Prevenzione andrologica nelle scuole Prevenzione dell AIDS e delle MST Sicurezza Affy fiuttapericolo Farmaci a Scuola Il primo soccorso nelle scuole Pensasicuro 4

5 Zooantropologica Balla con i lupi Un mondo di animali amici Servizi coinvolti nei progetti di Promozione della Salute a. s. 213/14 I servizi promotori delle progettualità sopra citate sono stati: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Unità Operativa di Medicina Sportiva Servizio Igiene degli alimenti di origine animale (SIAOA) Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Unità Territoriale Veterinaria 1 3 (UTV 1-3) Servizio Territoriale Tossicodipendenze di Vicenza - Noventa (SERT) Dipartimento Adolescenza e Famiglia (IAF) Unità Operativa di Urologia Nel grafico 1 sono riportati l ambito d intervento ed il numero di progetti dei diversi Servizi che costituiscono la rete per la promozione della salute dell Azienda. Grafico 1 N. progetti alimentazione a. motoria tabagismo nuove tecnologie s. dentale sicurezza Progetti di promozione della salute proposti a.s. 213/14 alimentazione alcol, droghe alimentazione zooantropol. sicurezza s. sessuale s. sessuale s. sessuale a. motoria Spes Siaoa Sert Sian Utv Sisp Iaf Urologia Med. Sport Servizi Accanto ai servizi promotori, altri servizi hanno collaborato in alcuni progetti, come il SUEM 118 di Vicenza e Noventa Vicentina (per il progetto Primo Soccorso), l Unita Operativa di Pediatria (per il progetto Farmacia a scuola) e la Lega Italiana contro i tumori (LILT) di Vicenza (per i progetti di prevenzione del tabagismo a scuola). 5

6 Scuole impegnate nei progetti di promozione della salute Il grafico 2 riporta quante, delle 349 scuole presenti sul territorio dell ULSS 6 di Vicenza, hanno presentato richiesta di progetto 167 (48%). Non hanno invece inoltrato alcuna domanda 182 scuole pari al 52%. Esiste quindi ancora un buon numero di scuole su cui è possibile estendere l attività di promozione della salute. Grafico 2 Scuole che hanno richiesto i progetti Ulss numero Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Le scuole 167 che hanno richiesto l attivazione di progetti ULSS comprendono i diversi ordini e gradi di scuole, dai nidi alle scuole superiori, sia private che pubbliche. Richieste da parte delle scuole per ordine e grado Il Grafico 3 illustra le richieste pervenute dai diversi ordini di scuola sul totale delle domande. Ad esempio: 98 richieste avanzate dalla scuola dell infanzia rappresentano il 3% di tutte le richieste. Grafico 3 Richieste pervenute per ordine/grado n. richieste % 11 3% 98 27% 9 15% 49 25% nido infanzia primaria secondaria I secondaria II scuola 83 6

7 Scuole richiedenti per ordine e grado Nel grafico 4 si riporta il numero di scuole richiedenti per ordine e grado in rapporto alle scuole che non hanno, invece, avanzato alcun tipo di richiesta Grafico 4 Scuole richiedenti - non richiedenti per ordine/grado n. scuole nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Dalle 167 scuole interessate, sono pervenute 331 richieste d intervento per la realizzazione di progetti di promozione della Salute. Un unica scuola poteva infatti formulare più richieste per i progetti proposti. La tabella riassume il numero di richieste per ordine di scuola. Ordine scolastico Scuole Richiedenti Richieste di intervento Richieste di intervento pervenute esaudite Asili nido Scuole dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria I Scuola secondaria II Totale Nella tabella di seguito è riportato, in relazione a ciascun progetto, il numero di richieste pervenute dalle scuole, il numero di studenti e il personale docente e non coinvolti nei progetti. 7

8 Progetto N. richieste N. alunni N. insegnanti e altro personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici Totale

9 Rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite Il grafico 5 rappresenta le richieste d intervento esaudite per ordine e grado di scuola. Dal grafico si evince che i servizi dell ULSS hanno soddisfatto 295 richieste (89% di quelle pervenute) mentre 36 non sono state esaudite. Tale mancanza è da attribuire alle seguenti motivazioni: 16 scuole che avevano inoltrato richiesta d intervento successivamente hanno comunicato l impossibilità di darvi seguito richiesta per motivi prevalentemente organizzativi; 5 scuola per mancata partecipazione da parte di personale scolastico ai corsi organizzati; 12 scuole hanno richiesto l attivazione di un progetto per target diverso da quello indicato; 3 richieste, avanzate direttamente dalle scuole ai singoli servizi promotori sono state smarrite. Il grafico 5 evidenzia il rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite ed il grafico 6 il numero di richieste esaudite e non. Grafico 5 e 6 Richieste pervenute e richieste esaudite n. richieste pervenute esaudite nido infanzia primaria secondaria I scuola secondaria II rapporto tra richieste esaudite e non esaudite 12 n. richieste nido infanzia primaria secondaria I secondaria II non esaudite esaudite scuola Distribuzione degli interventi per area tematica Gli interventi effettuati da parte degli operatori (ULSS e non) per soddisfare le richieste delle scuole possono essere raggruppate per area tematica per prendere atto delle tematiche più richieste. Nel grafico si può vedere ad es., che la tematica maggiormente richiesta e trattata è quella sulla sicurezza che raggiunge il 46% sul totale. Le percentuali sopra alle colonne 9

10 rappresentano la proporzione degli interventi effettuati per area tematica sul totale. Ad esempio: sicurezza 135 interventi su 295 = 46 %. Grafico 7 Interventi effettuati per area tematica numero % % 49 17% 49 9% % 8 2% 7 sicurezza s. dentale dipendenze alimentazione s. sessuale a. motoria zooantropologia area tematica Distribuzione degli interventi per Servizio Il grafico 8 illustra quali sono stati i Servizi più frequentemente coinvolti, e riporta la distribuzione degli interventi anche in percentuale rispetto al totale. Le percentuali sopra alle colonne rappresentano la proporzione degli interventi effettuati dal Servizio sul totale degli interventi effettuati. Ad esempio 25/295 = 69%. Grafico 8 Distribuzione degli interventi per servizio 8% 7% 69% numero 6% 5% 4% 3% 2% 1% % Spes 25 Sert Vi 7% 21 Siaoa 7% 2 Iaf 3% 9 Sert Nov 3% 8 Sisp 3% 8 Urologia 2% 7 Med.sport 2% 5 Sian 2% 5 Utv3 1% 4 Utv1 1% 3 Servizio Il Servizio maggiormente coinvolto risulta lo SPES, con 25 interventi su 295. Questo dato va chiaramente letto in relazione all offerta progettuale dello SPES che si articolava su 11 progetti (v. grafico 1). 1

11 Destinatari dei progetti Il grafico 9 e la tabella sottostante illustrano quali sono stati i destinatari degli interventi di promozione della salute, distinti per ordine di scuola. Dai dati di attività forniti dai singoli servizi, risulta che gli interventi hanno coinvolto complessivamente 796 classi, studenti e Insegnanti. Grafico 9 Destinatari dei progetti di promozione della salute numero nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Classi Alunni Insegnanti Copertura sul totale della popolazione scolastica L offerta progettuale dell Azienda nell ambito della Promozione della Salute si è rivolta alla popolazione scolastica frequentante le scuole presenti sul territorio dell Ulss. Ogni progetto si proponeva specifici obiettivi da raggiungere e si rivolgeva perciò ad un target identificato in relazione ai diversi ordini/gradi di scuola. Nei grafici di seguito si riportano le percentuali di popolazione scolastica raggiunta per ordine e grado di scuola ed il totale di copertura complessiva. Grafico 1 Copertura della popolazione scolastica secondaria II 68% 32% secondaria I 25% 75% scuola primaria 1% 9% infanzia 15% 85% % 2% 4% 6% 8% 1% % alunni raggiunti % alunni non raggiunti 11

12 Grafico 11 Copertura della popolazione scolastica Alunni non raggiunti Alunni raggiunti Valutazione dei progetti di promozione della Salute Per verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi, la maggioranza dei progetti ha previsto una valutazione: di processo, delle conoscenze e dei comportamenti, come riportato nella tabella e nel grafico 12. Progetti a. s. 213/14 12 Valutazione di processo Valutazione conoscenze Valutazione comportamenti Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze X X Balla con i lupi X C'era una volta... X X Consumo resp. di alimenti di origine animale X X Educazione all'affettività X Farmaci a scuola X X Ho inseguito l'ape dal fiore al miele X X I-denti-kit X X Il latte... dalle stalle alla tavola X Il mare... un immenso e ricco prato azzurro X Il primo soccorso nelle scuole X X Leggimi e ti dirò chi sono X X Meno alcol più gusto X X X Minori e nuove tecnologie X X X Muoviti e vivi in salute X Occhio all'etichetta! X X Pensasicuro X Prevenzione andrologica X X Prevenzione dell'aids e delle MST X X X Prevenzione e Doping X Progetto corpo X Rischi alimentari X X Scuola D+ X X Sfumiamo i dubbi X X Siamo... sicuri? X X Smoke Free Class Competition X Sorridi! X X Un mondo di animali amici Totale

13 Grafico 12 Valutazione di processo cambiamenti nelle conoscenze cambiamenti nei comportamenti Il grafico 13 riassume le metodologie utilizzate per numero di progetti. Grafico 13 Metodologia utilizzata Peer Education Life Skills incontri frontali (2+) incontri frontali (1) Dati a confronto: dal 211 ad oggi Prendendo in considerazione i progetti di promozione della salute negli ultimi tre anni scolastici, il grafico 14 mette in evidenza l incremento progressivo di partecipazione, negli anni, da parte delle scuole, degli studenti e dei docenti. Grafico 14 Progetti di promozione della salute 211/12-212/13-213/ numero n scuole n. studenti n. docenti 211/12 212/13 213/14 13

14 II PARTE DATI PER SINGOLO PROGETTO 14

15 Progetti svolti anno scolastico 213/14 Progetto richieste richieste alunni docenti altro pervenute evase formati* personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta... e vissero felici e contenti Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato azzurro Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici TOTALE *si tratta di docenti che hanno partecipato a corsi di formazione specifica. 15

16 AFFY FIUTAPERICOLO Affy Fiutapericolo AP & AP APPIGLI E APPARTENENZE Ap & Ap - Appigli e Appartenenze BALLA CON I LUPI Balla con i lupi

17 C ERA UNA VOLTA... E VISSERO FELICI E CONTENTI C'era una volta... e vissero felici e contenti CONSUMO RESPONSABILE DI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Consumo responsabile di alimenti di origine animale EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Educazione all'affettività

18 Questionario somministrato agli studenti (Scala di gradimento da 1 = basso a 5 = alto) 1. Sono stati trattati argomenti che mi interessano 2. Il modo con cui sono stati trattati è efficace risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 21% 35% 41% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 15% 43% 4% 1% 5% % 1% 2% % 5% % 1% 2% scala di gradimento scala di gradimento risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 3. Ho apprezzato l'incontro perché argomenti di cui parlo poco con i genitori 1% 11% 27% 24% 28% scala di gradimento risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4. Diapositive chiare 41% 24% 24% 9% 2% scala di gradimento 5. Chiarezza espositiva risposte 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 51% 33% 12% 1% 3% scala di gradimento 18

19 6. Ho imparato cose che non sapevo 7. Ho capito meglio cose che sapevo già risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 26% 25% 22% 15% 13% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4% 32% 18% 6% 3% scala di gradimento scala di gradimento 8. Operatori disponibili a rispondere alle domande risposte 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 68% 24% 1% 2% 5% scala di gradimento FARMACI A SCUOLA Farmaci a scuola Gradimento dei corsi di formazione Qualità espositiva dei relatori 2% 1% 4% 58% ottimo buono sufficiente 32% ottimo buono sufficiente 67% 19

20 Grado di rilevanza della tematica % 34% 66% molto interessante interessante poco interessante Questionario sottoposto ai docenti al termine del corso 1. Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di emergenza? a) informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte b) informazioni logistiche c) informazioni relative all'evento d) tutte le precedenti 2. Cosa è opportuno fare in caso si manifesti un episodio convulsivo in un bambino? a) se possibile, mettere il bambino delicatamente su un fianco, per evitare che aspiri muco o saliva b) cercare di forzare l'apertura della bocca c) somministrare liquidi per via orale d) cercare di far rinvenire il bambino scuotendolo Quando è necessario intervenire con il glucagone, in caso di crisi ipoglicemica di un bambino 3. diabetico a scuola? a) solo se c'è perdita di conoscenza b) se la glicemia è inferiore a 7 mg/dl c) se la glicemia è inferiore a 3 mg/dl 4. Quali fattori possono determinare una crisi ipoglicemica in un bambino diabetico a scuola? a) somministrazione di un dosaggio eccessivo di insulina b) poca introduzione di carboidrati c) eccessivo esercizio fisico d) tutte le precedenti 5. Come si somministra l'adrenalina Fastjekt, prescritta in caso di shok anafilattico a scuola? a) per via orale b) per via sottocutanea o intramuscolare c) per via endorettale d) per via aerosolica In ambito scolastico la somministrazione di farmaci va effettuata dal personale docente e non 6. docente solo in caso di: a) situazioni di patologie croniche invalidanti e pregiudizievoli alla salute b) solo per quei farmaci che non è possibile somministrare fuori dell'orario scolastico c) in presenza di certificazione di un medico convenzionato e di assenso dei genitori d) con il supporto, per il personale scolastico, di una formazione specifica e) tutte le precedenti 2

21 Farmaci a scuola - test sulle conoscenze n. risposte domande risposte errate risposte giuste HO INSEGUITO L APE DAL FIORE AL MIELE Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-DENTI-KIT I-denti-kit

22 IL LATTE...DALLE STALLE ALLA TAVOLA Il latte... dalle stalle alla tavola IL MARE... UN IMMENSO E RICCO PRATO AZZURRO Il mare... un immenso e ricco prato azzurro

23 Test sulle conoscenze e risultati prima e dopo il corso 1. Che cosa sono i pesci? a) animali che vivono nell'acqua e che possono avere pinne o zampe, come le tartarughe marine b) animali che vivono nell'acqua e respirano l'ossigeno disciolto in essa mediante branchie. Non possiedono zampe bensì pinne c) animali che vivono nell acqua, che si muovono con le pinne, che vivono solo se sono allo stato selvatico (non possono essere allevati) 2. Perché il pesce azzurro viene chiamato così? a) Per il colore del dorso b) Per il colore delle pinne c) Per il colore delle branchie 3. Unisci con una linea il nome del pesce con la foto giusta che corrisponde al nome Alice Pesce sciabola Aguglia Merluzzo Sgombro Sardina 4. Il pesce azzurro costa a) di meno dell altro pesce b) di più dell altro pesce c) tanto quanto l altro pesce 5. Tra i nutrienti importanti presenti nel pesce azzurro che fanno bene alla salute vanno ricordati a) acidi grassi insaturi essenziali (omega 2) b) acidi grassi saturi essenziali (omega 4) c) acidi grassi polinsaturi essenziali (omega 3) 6. I due modi per pescare il pesce azzurro sono a) Fonti luminose e Volanti b) Fonti fosforescenti e Plananti c) Fonti rumorose e Idrovolanti 7. Per riconoscere se un pesce è fresco bisogna a) guardare dentro la bocca, togliere l opercolo, tirare le pinne b) guardare l occhio, l opercolo e le branchie; annusare il pesce, premere sul corpo con la punta di un dito c) guardare le pinne, togliere gli occhi, strizzare il corpo fra le dita 8. In casa il pesce fresco va conservato a) In frigorifero fra e 3 gradi centigradi (mangiare entro ore) b) In frigorifero fra e -3 gradi centigradi (mangiare entro 48-6 ore) c) Nella credenza a temperatura ambiente (mangiare entro 24 ore) 9. In casa il pesce freschissimo può essere conservato nel freezer a) fino a 2 mesi b) fino a 3 mesi c) fino a 5 mesi 1. E meglio mangiare il pesce azzurro a) fresco, in giornata, crudo (come si fa in estremo oriente) b) fresco, in giornata, cotto (almeno 12 per non meno di 15 minuti) c) fresco, in giornata, dopo averlo cotto (almeno a 6 C per non meno di 1 minuti) 23

24 Risposte al questionario prima Risposte al questionario dopo risposte risposte sbagliate risposte giuste risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Il mare... risposte al questionario 1% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 49% 51% risposte giuste risposte sbagliate 93% risposte giuste 7% risposte sbagliate prima risposte dopo IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE Il primo soccorso nelle scuole

25 Questionario sottoposto ai ragazzi prima e dopo il corso 1. a) b) 2. a) b) c) 3. a) b) c) 4. a) b) c) 5. a) b) c) In caso assista ad un incidente, chi ha il dovere di chiamare i soccorsi? Qualsiasi cittadino, anche se minorenne Qualsiasi cittadino maggiorenne Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di incidente? Solo informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte Solo informazioni sulla dinamica dell'incidente Informazioni sul luogo e sulla dinamica dell'incidente e sullo stato di salute degli infortunati Individua la sequenza corretta per prestare soccorso Proteggere se stessi e gli altri, avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Iniziare a soccorrere l'infortunato, poi avvertire il 118 Come è corretto praticare il massaggio cardiaco? Con lente e prolungate compressioni, circa 2 compressioni al minuto Con una frequenza elevata, almeno 1 compressioni al minuto Con una frequena non superiore alle 6 compressioni al minuto Esprimi la tua opinione (Vero/Falso): In caso di trauma è meglio non spostare l'infortunato E' opportuno dare da bere ad un infortunato per aiutarlo a riprendersi Arrivati dove c'è un incidente, bisogna subito accertarsi che non ci siano rischi per i soccorritori Risposte prima del corso Risposte dopo il corso n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Risposte dopo il corso 1% giuste sbagliate 9% 25

26 LEGGIMI E TI DIRÒ CHI SONO Leggimi e ti dirò chi sono MENO ALCOL PIÙ GUSTO Meno alcol più gusto MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Minori e nuove tecnologie

27 MUOVITI E VIVI IN SALUTE Muoviti e vivi in salute Indagine sui bambini della scuola primaria 1. Quante ore dedichi durante la settimana all'attività motoria (sport, camminate, giochi al parco, bicicletta ed altro?) a) 2-3 ore alla settimana 39% b) 4-5 ore alla settimana 29% c) più di 5 ore alla settimana 32% 2. Durante la settimana pratichi uno sport? a) sì 83% b) no 17% 3. Se pratichi uno sport durante la settimana, scrivilo qui sotto Nuoto 22% Pallavolo 15% Calcio 15% Basket 12% Danza 1% Ginnastica artistica 7% Tennis 5% Karate 5% Equitazione 3% Golf 2% altro 5% Attività motoria dei bambini intervistati 8% 7% 6% 5% 4% 3% 68% 2% 1% % meno di 5 ore a settimana 32% più di 5 ore a settimana 27

28 Questionario sottoposto ai bambini prima e dopo l incontro PRIMA DOPO 1. Secondo te l'attività motoria fa bene alla salute? a) Sì 96% 98% b) No % % c) Non so 4% 2% Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività 2. motoria? *a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni 31% 46% b) Almeno 2 ore alla settimana 37% 27% c) Almeno 4 ore alla settimana 32% 27% 3. Esprimi la tua opinione (Vero/Falso) Vero Vero a) Alla mia età è importante fare movimento 95% 99% b) L'attività motoria fa bene al mio cuore 78% 99% c) Fare attività motoria aiuta a rendere più forti le mie ossa 98% 99% d) Alla mia età è importante praticare uno sport 9% 93% *risposta corretta domanda n. 2. Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività motoria? dopo prima 27% 27% 32% 37% 31% 46% c) Almeno 4 ore alla settimana b) Almeno 2 ore alla settimana a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni % 1% 2% 3% 4% 5% OCCHIO ALL ETICHETTA! Occhio all'etichetta!

29 PENSASICURO Pensasicuro PREVENZIONE ANDROLOGICA Prevenzione andrologica PREVENZIONE DELL AIDS E DELLE MST Prevenzione dell'aids e delle MST

30 PREVENZIONE E DOPING Prevenzione e Doping PROGETTO CORPO Progetto corpo RISCHI ALIMENTARI Rischi alimentari

31 SCUOLA D+ Scuola D SFUMIAMO I DUBBI Sfumiamo i dubbi

32 Questionario n. 1 (prima) per valutare il grado di conoscenze prima e dopo dell intervento 1. La sostanza che nella sigaretta provoca dipendenza è: a) la nicotina b) il benzopirene c) il monossido di carbonio 2. La nicotina è responsabile di: a) bronchite cronica b) problemi cardiocircolatori c) dipendenza 3. Il fumo di sigaretta contiene: a) ossido di carbonio b) polonio c) cacao d) arsenico e) ammoniaca f) acetone g) catrame 4. Il tuo apparato respiratorio: a) elimina sempre tutte le sostanze inquinanti che entrano con l'aria respirata b) oltre un certo limite non riesce più ad eliminare le sostanze tossiche per cui esse si accumulano al suo interno 5. Stare in un luogo chiuso in cui altri fumano è molto meno dannoso che sostare in un incrocio in un'ora di punta a) VERO b) FALSO 6. Cominciare a fumare durante l'adolescenza comporta i seguenti rischi: a) si resta piccoli di statura b) aumenta la percentuale di sterilità in età adulta c) si ha il 5% di possibilità di ammalare di tumore in età adulta se non si smette 7. Il fumo di sigaretta provoca all'adolescente questi problemi: a) alitosi b) aumento dell'accumulo di cellulite c) sviluppo ridotto dell'apparato respiratorio (polmoni più piccoli) 8. E' più pericoloso cominciare a fumare a 13 anni che a 2 a) VERO b) FALSO 9. Essere esposto a fumo passivo ogni tanto non ha nessuna conseguenza sulla salute a) VERO b) FALSO 1. Le tue cellule hanno bisogno: a) di ossigeno b) di ossido di carbonio 32

33 Sfumiamo i dubbi - questionario "prima" Sfumiamo i dubbi - questionario "dopo" n. risposte risposte errate risposte giuste n. risposte risposte errate risposte giuste domande domande Sfumiamo i dubbi - questionario risposte giuste 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 75% 53% PRIMA DOPO prima e dopo intervento SIAMO... SICURI? Siamo... sicuri?

34 SMOKE FREE CLASS COMPETITION Smoke Free Class Competition SORRIDI! Sorridi! Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno 5% 45% 4% 36% b.ni senza carie b.ni con carie bambini 3% 2% 15% 64% 1% % malocclusioni abitud. viziate 34

35 Bambini caries free negli ultimi 6 anni 66% 65% 64% 63% 62% 61% 6% 59% 58% 57% 65% 64% 62% 62% 6% 6% 28/9 29/1 21/11 211/12 212/13 213/14 UN MONDO DI ANIMALI AMICI Un mondo di animali amici Aspetti da tenere presente nello sviluppo delle progettualità future Dall elaborazione dei questionari somministrati, agli studenti e agli insegnanti, risulta che l offerta progettuale dell ULSS è ritenuta importante per il tipo degli argomenti trattati. Questo è confermato anche dalla maggiore partecipazione ai progetti per l annualità considerata. Inoltre, dalla valutazione delle conoscenze con i questionari somministrati prima e dopo, risulta evidente l acquisizione delle informazioni a seguito dei corsi e/o interventi effettuati. Tuttavia alla luce di quanto emerge dal censimento delle metodologie utilizzate (v. grafico 13) sarebbe opportuno rivedere le progettualità per ri-orientare la programmazione puntando non solo a fornire informazioni corrette ma allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di vita che nella Promozione della Salute risultano fondamentali per l efficacia degli interventi, come indicato dall OMS e dall IUHPE. 35

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello!

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello! io ballo e non mi sballo! Contro la droga usa il cervello! Pasticche, trip, acidi, funghetti, LSD, anfe, speed, spinelli... illusioni che ti rendono schiavo di un mondo irreale e che fanno seriamente male

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Giorgio Merlani Ufficio del medico cantonale Servizio promozione e valutazione sanitaria & Fondazione idée:sport Principali sostanze contenute nel fumo

Dettagli

NO SMOKING BE HAPPY È

NO SMOKING BE HAPPY È NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 1 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 7 SUL SITO DEL È COMPRENDE: NSBH_GE_LEAFLET_03 24-09-2010 16:43 Pagina 13 SUL SITO DEL

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

Adolescenti e socialità

Adolescenti e socialità Con il Patrocinio di: Indagine nazionale Adolescenti e socialità In collaborazione con: anno 2012 2013 Nota metodologica L indagine è stata realizzata mediante somministrazione di un questionario a risposte

Dettagli

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO COORDINAMENTO DEI COMITATI E DELLE ASSOCIAZIONI GENITORI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO RELAZIONE INCONTRI 28 APRILE 2015 11 MAGGIO 2015 PREMESSA La salute, nel suo significato di benessere

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta Gruppo Didattica della Sicurezza Rete di Verona - Sicurezza a Scuola Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta 1. Introduzione. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella fascia d età della

Dettagli

SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE. Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE. Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari SCUOLA E SANITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Proposte formative per la scuola promosse dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Anno scolastico 2010-2011 1 Servizio di educazione alla salute e

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute

Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute Guadagnare Salute è un iniziativa del Ministero della Salute (DPCM 4 maggio 2007) Ministero della Salute Per informazioni www.ministerosalute.it a cura del Ministero della Salute e di Publikompass Guadagnare

Dettagli

Ampliamento dell Offerta Formativa pof 2014-15

Ampliamento dell Offerta Formativa pof 2014-15 Ampliamento dell Offerta Formativa pof 2014-15 PROGETTO: GIOCHI MOTORI MINIBASKET Settore progettuale: ATTIVITÀ MOTORIE SCUOLA: INFANZIA AZIONI Attività motoria di gruppo come momento di formazione sociale

Dettagli

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo

l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo l infermiere e l educazione sanitaria ai cittadini: una proposta per la diffusione della cultura della donazione d organo L educazione alla salute rappresenta il processo educativo grazie al quale i soggetti

Dettagli

QUANTE VOLTE HAI PENSATO DI SMETTERE? QUESTA GUIDA PUÒ AIUTARTI DA SUBITO. 800-554088 GUIDA PRATICA DA LEGGERE, COMPILARE E PERSONALIZZARE

QUANTE VOLTE HAI PENSATO DI SMETTERE? QUESTA GUIDA PUÒ AIUTARTI DA SUBITO. 800-554088 GUIDA PRATICA DA LEGGERE, COMPILARE E PERSONALIZZARE Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcol e Droga GUIDA PRATICA DA LEGGERE, COMPILARE E PERSONALIZZARE Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcol e Droga ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA di I GRADO

SCUOLA SECONDARIA di I GRADO SCUOLA SECONDARIA di I GRADO Anno scolastico 2012/2013 Distretto 1 B A S S A N O D E L G R A P P A RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

PROMUOVERE LA SICUREZZA IN AUTO E IN CASA

PROMUOVERE LA SICUREZZA IN AUTO E IN CASA PROMUOVERE LA SICUREZZA IN AUTO E IN CASA Assistente Sanitaria Dott.ssa Mara Brunelli Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute Ulss 20 di Verona 1 5 AZIONE: PROTEGGERLO CON IL SEGGIOLINO PROMUOVERE

Dettagli

HEALTH PROMOTING SCHOOL

HEALTH PROMOTING SCHOOL HEALTH PROMOTING SCHOOL Milano, 5-6-7 giugno 2007 LA PROMOZIONE DELLA SALUTE La "Carta di Ottawa sulla Promozione della Salute (Ottawa Charter for Health Promotion - First International Conference on Health

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

PROMOTORE Servizi Socio Sanitari Val Seriana Consultorio Familiare. Servizi Socio Sanitari Val Seriana Consultorio Familiare

PROMOTORE Servizi Socio Sanitari Val Seriana Consultorio Familiare. Servizi Socio Sanitari Val Seriana Consultorio Familiare PROGETTO SUGLI STILI DI VITA. INTERVENTI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE RIVOLTI AGLI STUDENTI DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DELL AMBITO DELLA VALLE SERIANA E DELL AMBITO VAL SERIANA SUPERIORE E DELL AMBITO VAL

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati:

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati: Relazione funzione strumentale area 3 Progetto educazione alla salute Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo Lercara Friddi-Castronovo di sicilia Prof. Grazia Madonia- Prof. Maria Lino Durante

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE

SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE SEZIONE PROVINCIALE DI CUNEO IL PIACERE DELLA SALUTE BIBLIOGRAFIA Le informazioni contenute nell opuscolo sono state acquisite da: LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE www.mipaf.it (sito ufficiale del

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti C.L.S. Il Cuore della Luna del Sud ( Associazione no profit di promozione sociale ) Anno scolastico 2014-2015 S.M.I.L.E. un sorriso per tutti a cura del Dott. Progetto di Promozione ed Educazione alla

Dettagli

U.O.C. SPERIMENTAZIONE, FORMAZIONE, EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Direttore dr. Fabrizio Guaita SETTORE EDUCAZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE

U.O.C. SPERIMENTAZIONE, FORMAZIONE, EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Direttore dr. Fabrizio Guaita SETTORE EDUCAZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE U.O.C. SPERIMENTAZIONE, FORMAZIONE, EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Direttore dr. Fabrizio Guaita SETTORE EDUCAZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE Con l approvazione del nuovo Atto Aziendale il Settore

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA 1. MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA La maggior parte delle crisi in persone con epilessia nota non rappresenta una

Dettagli

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 SPAZIO GIOVANI A chi rivolgersi: Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 Dove: Piazzale Milano, 2 2 piano - blocco B Fax: 0523.317735 Email:

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO PROPOSTE DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2015/2016 BASSANO - ASIAGO I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi di seguito riportati, in coerenza

Dettagli

Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola

Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola proposta di iniziative di promozione della salute nel territorio dell Area Vasta 3 dell ASUR Marche: PAESAGGI DI PREVENZIONE per le scuole

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati Cancro Ictus Bronchite Malattie provocate Danni provocati All apparato respiratorio All apparato cardiovascolare All apparato digerente All

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura di Bruna

Dettagli

UNITA DIDATTICA 6 : Uso dei farmaci - 118 - Primo Soccorso OBIETTIVI SPECIFICI

UNITA DIDATTICA 6 : Uso dei farmaci - 118 - Primo Soccorso OBIETTIVI SPECIFICI ASL CITTA DI MILANO SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ANCHE A CASA CI SONO DEI PERICOLI... CERCHIAMOLI INSIEME PROGETTO DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI PER LE SCUOLE

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA BASSANO ASIAGO

SCUOLA PRIMARIA BASSANO ASIAGO PROPOSTE DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 BASSANO ASIAGO I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi di seguito riportati, in coerenza con il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Anno scolastico 2011/2012. Distretto 1 e 2

SCUOLA DELL INFANZIA. Anno scolastico 2011/2012. Distretto 1 e 2 SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2011/2012 Distretto 1 e 2 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 Dirigente medico: dr.ssa Annacatia MIOLA Collaboratori: Assistenti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

I dati di fatto più importanti sul fumo

I dati di fatto più importanti sul fumo I dati di fatto più importanti sul fumo sul fumo passivo sull industria del tabacco I dati di fatto più importanti sul fumo lucido 2 Quante persone fumano? Nel 2008 fumava occasionalmente o ogni giorno

Dettagli

Le iniziative e il Centro antifumo

Le iniziative e il Centro antifumo SEZIONE PROVINCIALE DI PARMA Conferenza Stampa 31 maggio 2008 Giornata mondiale senza tabacco Le iniziative e il Centro antifumo mercoledì 28 maggio 2008 - ore 11 sala riunioni AUSL di Parma Alla Conferenza

Dettagli

1. Per favore spiega brevemente con parole tue come definiresti un Disastro (Ti preghiamo di dare una tua definizione o scrivere non so)

1. Per favore spiega brevemente con parole tue come definiresti un Disastro (Ti preghiamo di dare una tua definizione o scrivere non so) Dipartimento Sanità Pubblica e Malattie Infettive Area Infermieristica Prof. Julita Sansoni Tel.06.4959255 w3.uniroma1.it/nursing Mail: julita.sansoni@uniroma1.it Roma 21.04.2011 Gentile Collega, sono

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2010/20 /2011 Distretto 2 ASIAGO INDICE Progetto 1 Pensasicuro Progetto 2 Mangio a Scuola e non solo - Miglioramento della qualità nella ristorazione collettiva scolastica

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE IN 4 MOSSE

GUADAGNARE SALUTE IN 4 MOSSE GUADAGNARE SALUTE IN 4 MOSSE 1+FRUTTA e VERDURA 2 + MOVIMENTO 3 NIENTE FUMO 4 POCO ALCOL GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Un programma di prevenzione al servizio dei cittadini a cura

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO 1. Premessa 2. Offerta formativa regionale 3. Personale 4.

Dettagli

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2014-2015

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2014-2015 LICEO ARTISTICO STATALE GIACOMO E PIO MANZU BERGAMO SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2014-2015 Nonostante i seri problemi e i continui tagli che gravano sulla scuola, la Commissione Salute ha continuato

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4

Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4 Catalogo dell offerta dei progetti di promozione della salute dell ASL TO4 Introduzione In un momento in cui diventa sempre più difficile conciliare le crescenti richieste di servizi sanitari con le risorse

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Progetto Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Introduzione all organizzazione del sistema dell emergenza e ai gesti del primo soccorso per i docenti e gli studenti delle scuole della Liguria.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola

Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola Il progetto Cuore - Alimentazione - Attività Fisica nella scuola Pier Luigi Temporelli Fondazione Italiana per la lotta alle Malattie Cardiovascolari - ONLUS Sviluppo dell aterosclerosi Adattato da Stary

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli