Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale. Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 2013/14"

Transcript

1 Azienda U.L.SS. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Relazione finale Risultati sui progetti di Promozione della Salute nella Scuola Anno scolastico 213/14 A cura di: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Direttore: Celestino Piz Referente: dott.ssa Blanca Ojeda Montes Tel:

2 Presentazione studenti in buona salute imparano meglio Una scuola che promuove salute contribuisce in modo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi pedagogici e sociali dei propri alunni (IUHPE 29.) In questo documento si presenta l andamento dell attività di Promozione della Salute nelle istituzioni scolastiche relativamente all anno scolastico 213/14 ed i risultati ottenuti con le scuole che hanno preso parte ai progetti. L offerta progettuale proposta alle scuole mirava sostanzialmente a favorire l adozione di corretti stili di vita da parte degli studenti, per prevenire e contrastare i principali fattori di rischio comportamentali per la loro salute. I progetti proposti sono 29, suddivisi in aree tematiche, rispetto ai quali, come si può cogliere dalla lettura del documento, le istituzioni scolastiche hanno risposto con molto interesse e partecipazione. Infatti, dal confronto dei dati con quelli dell anno precedente, il 213/14 registra un forte incremento della popolazione scolastica che partecipa e questo oltre a gratificarci deve tradursi anche in spinta alla ricerca di argomenti sempre più attuali e vicini ai vissuti ed esperienze dei ragazzi. In quest ottica va letta anche l esigenza di una revisione metodologica che emerge chiaramente come punto critico nei progetti realizzati (v. grafico 13). Infatti, 17 progetti su 29 privilegiano gli incontri informativi di tipo frontale mentre solo 6 utilizzano strategie interattive - partecipative volte all acquisizione di competenze ed abilità di vita come indicato dall OMS e dalla IUHPE. Si impone perciò un ripensamento sulle progettualità e sui metodi da utilizzare nell ambito della Promozione della Salute. Il documento si articola in due parti, la prima illustra i dati complessivi di attività ricavati dalle schede di censimento compilate dai referenti di progetto e, la seconda, riporta i risultati dei singoli progetti, ottenuti tramite la somministrazione di questionari di gradimento o di performance. OMS = organizzazione Mondiale della Sanità IUHPE =International Union for Health Promotion and Education 2

3 I PARTE DATI COMPLESSIVI 3

4 Progetti di Promozione della Salute anno scolastico 213/14 L offerta Ulss presentata nel volume Progetti per la Promozione della Salute nella scuola si articolava in 29 progetti, suddivisi nelle seguenti aree tematiche: Alimentazione Consumo responsabile di alimenti di origine animale Ho inseguito l ape dal fiore al miele Il latte dalle stalle alla tavola Il mare un immenso e ricco prato azzurro Leggimi e ti dirò chi sono Progetto corpo Rischi alimentari Occhio all etichetta Motoria Muoviti e vivi in salute Prevenzione e doping Dipendenze (alcol droga fumo) Ap & Ap Appigli e Appartenenze C era una volta e poi vissero sani e contenti (fumo) Meno alcol più gusto Scuola D+ Sfumiamo i dubbi (fumo) Siamo sicuri? Smoke Free Class Competition (fumo) Minori e nuove tecnologie Salute Dentale Sorridi I-denti-Kit Affettiva sessuale Educazione all affettività Prevenzione andrologica nelle scuole Prevenzione dell AIDS e delle MST Sicurezza Affy fiuttapericolo Farmaci a Scuola Il primo soccorso nelle scuole Pensasicuro 4

5 Zooantropologica Balla con i lupi Un mondo di animali amici Servizi coinvolti nei progetti di Promozione della Salute a. s. 213/14 I servizi promotori delle progettualità sopra citate sono stati: Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Unità Operativa di Medicina Sportiva Servizio Igiene degli alimenti di origine animale (SIAOA) Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Unità Territoriale Veterinaria 1 3 (UTV 1-3) Servizio Territoriale Tossicodipendenze di Vicenza - Noventa (SERT) Dipartimento Adolescenza e Famiglia (IAF) Unità Operativa di Urologia Nel grafico 1 sono riportati l ambito d intervento ed il numero di progetti dei diversi Servizi che costituiscono la rete per la promozione della salute dell Azienda. Grafico 1 N. progetti alimentazione a. motoria tabagismo nuove tecnologie s. dentale sicurezza Progetti di promozione della salute proposti a.s. 213/14 alimentazione alcol, droghe alimentazione zooantropol. sicurezza s. sessuale s. sessuale s. sessuale a. motoria Spes Siaoa Sert Sian Utv Sisp Iaf Urologia Med. Sport Servizi Accanto ai servizi promotori, altri servizi hanno collaborato in alcuni progetti, come il SUEM 118 di Vicenza e Noventa Vicentina (per il progetto Primo Soccorso), l Unita Operativa di Pediatria (per il progetto Farmacia a scuola) e la Lega Italiana contro i tumori (LILT) di Vicenza (per i progetti di prevenzione del tabagismo a scuola). 5

6 Scuole impegnate nei progetti di promozione della salute Il grafico 2 riporta quante, delle 349 scuole presenti sul territorio dell ULSS 6 di Vicenza, hanno presentato richiesta di progetto 167 (48%). Non hanno invece inoltrato alcuna domanda 182 scuole pari al 52%. Esiste quindi ancora un buon numero di scuole su cui è possibile estendere l attività di promozione della salute. Grafico 2 Scuole che hanno richiesto i progetti Ulss numero Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Le scuole 167 che hanno richiesto l attivazione di progetti ULSS comprendono i diversi ordini e gradi di scuole, dai nidi alle scuole superiori, sia private che pubbliche. Richieste da parte delle scuole per ordine e grado Il Grafico 3 illustra le richieste pervenute dai diversi ordini di scuola sul totale delle domande. Ad esempio: 98 richieste avanzate dalla scuola dell infanzia rappresentano il 3% di tutte le richieste. Grafico 3 Richieste pervenute per ordine/grado n. richieste % 11 3% 98 27% 9 15% 49 25% nido infanzia primaria secondaria I secondaria II scuola 83 6

7 Scuole richiedenti per ordine e grado Nel grafico 4 si riporta il numero di scuole richiedenti per ordine e grado in rapporto alle scuole che non hanno, invece, avanzato alcun tipo di richiesta Grafico 4 Scuole richiedenti - non richiedenti per ordine/grado n. scuole nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Scuole richiedenti Scuole non richiedenti Dalle 167 scuole interessate, sono pervenute 331 richieste d intervento per la realizzazione di progetti di promozione della Salute. Un unica scuola poteva infatti formulare più richieste per i progetti proposti. La tabella riassume il numero di richieste per ordine di scuola. Ordine scolastico Scuole Richiedenti Richieste di intervento Richieste di intervento pervenute esaudite Asili nido Scuole dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria I Scuola secondaria II Totale Nella tabella di seguito è riportato, in relazione a ciascun progetto, il numero di richieste pervenute dalle scuole, il numero di studenti e il personale docente e non coinvolti nei progetti. 7

8 Progetto N. richieste N. alunni N. insegnanti e altro personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici Totale

9 Rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite Il grafico 5 rappresenta le richieste d intervento esaudite per ordine e grado di scuola. Dal grafico si evince che i servizi dell ULSS hanno soddisfatto 295 richieste (89% di quelle pervenute) mentre 36 non sono state esaudite. Tale mancanza è da attribuire alle seguenti motivazioni: 16 scuole che avevano inoltrato richiesta d intervento successivamente hanno comunicato l impossibilità di darvi seguito richiesta per motivi prevalentemente organizzativi; 5 scuola per mancata partecipazione da parte di personale scolastico ai corsi organizzati; 12 scuole hanno richiesto l attivazione di un progetto per target diverso da quello indicato; 3 richieste, avanzate direttamente dalle scuole ai singoli servizi promotori sono state smarrite. Il grafico 5 evidenzia il rapporto tra richieste pervenute e richieste esaudite ed il grafico 6 il numero di richieste esaudite e non. Grafico 5 e 6 Richieste pervenute e richieste esaudite n. richieste pervenute esaudite nido infanzia primaria secondaria I scuola secondaria II rapporto tra richieste esaudite e non esaudite 12 n. richieste nido infanzia primaria secondaria I secondaria II non esaudite esaudite scuola Distribuzione degli interventi per area tematica Gli interventi effettuati da parte degli operatori (ULSS e non) per soddisfare le richieste delle scuole possono essere raggruppate per area tematica per prendere atto delle tematiche più richieste. Nel grafico si può vedere ad es., che la tematica maggiormente richiesta e trattata è quella sulla sicurezza che raggiunge il 46% sul totale. Le percentuali sopra alle colonne 9

10 rappresentano la proporzione degli interventi effettuati per area tematica sul totale. Ad esempio: sicurezza 135 interventi su 295 = 46 %. Grafico 7 Interventi effettuati per area tematica numero % % 49 17% 49 9% % 8 2% 7 sicurezza s. dentale dipendenze alimentazione s. sessuale a. motoria zooantropologia area tematica Distribuzione degli interventi per Servizio Il grafico 8 illustra quali sono stati i Servizi più frequentemente coinvolti, e riporta la distribuzione degli interventi anche in percentuale rispetto al totale. Le percentuali sopra alle colonne rappresentano la proporzione degli interventi effettuati dal Servizio sul totale degli interventi effettuati. Ad esempio 25/295 = 69%. Grafico 8 Distribuzione degli interventi per servizio 8% 7% 69% numero 6% 5% 4% 3% 2% 1% % Spes 25 Sert Vi 7% 21 Siaoa 7% 2 Iaf 3% 9 Sert Nov 3% 8 Sisp 3% 8 Urologia 2% 7 Med.sport 2% 5 Sian 2% 5 Utv3 1% 4 Utv1 1% 3 Servizio Il Servizio maggiormente coinvolto risulta lo SPES, con 25 interventi su 295. Questo dato va chiaramente letto in relazione all offerta progettuale dello SPES che si articolava su 11 progetti (v. grafico 1). 1

11 Destinatari dei progetti Il grafico 9 e la tabella sottostante illustrano quali sono stati i destinatari degli interventi di promozione della salute, distinti per ordine di scuola. Dai dati di attività forniti dai singoli servizi, risulta che gli interventi hanno coinvolto complessivamente 796 classi, studenti e Insegnanti. Grafico 9 Destinatari dei progetti di promozione della salute numero nido infanzia primaria secondaria I secondaria II Classi Alunni Insegnanti Copertura sul totale della popolazione scolastica L offerta progettuale dell Azienda nell ambito della Promozione della Salute si è rivolta alla popolazione scolastica frequentante le scuole presenti sul territorio dell Ulss. Ogni progetto si proponeva specifici obiettivi da raggiungere e si rivolgeva perciò ad un target identificato in relazione ai diversi ordini/gradi di scuola. Nei grafici di seguito si riportano le percentuali di popolazione scolastica raggiunta per ordine e grado di scuola ed il totale di copertura complessiva. Grafico 1 Copertura della popolazione scolastica secondaria II 68% 32% secondaria I 25% 75% scuola primaria 1% 9% infanzia 15% 85% % 2% 4% 6% 8% 1% % alunni raggiunti % alunni non raggiunti 11

12 Grafico 11 Copertura della popolazione scolastica Alunni non raggiunti Alunni raggiunti Valutazione dei progetti di promozione della Salute Per verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi, la maggioranza dei progetti ha previsto una valutazione: di processo, delle conoscenze e dei comportamenti, come riportato nella tabella e nel grafico 12. Progetti a. s. 213/14 12 Valutazione di processo Valutazione conoscenze Valutazione comportamenti Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze X X Balla con i lupi X C'era una volta... X X Consumo resp. di alimenti di origine animale X X Educazione all'affettività X Farmaci a scuola X X Ho inseguito l'ape dal fiore al miele X X I-denti-kit X X Il latte... dalle stalle alla tavola X Il mare... un immenso e ricco prato azzurro X Il primo soccorso nelle scuole X X Leggimi e ti dirò chi sono X X Meno alcol più gusto X X X Minori e nuove tecnologie X X X Muoviti e vivi in salute X Occhio all'etichetta! X X Pensasicuro X Prevenzione andrologica X X Prevenzione dell'aids e delle MST X X X Prevenzione e Doping X Progetto corpo X Rischi alimentari X X Scuola D+ X X Sfumiamo i dubbi X X Siamo... sicuri? X X Smoke Free Class Competition X Sorridi! X X Un mondo di animali amici Totale

13 Grafico 12 Valutazione di processo cambiamenti nelle conoscenze cambiamenti nei comportamenti Il grafico 13 riassume le metodologie utilizzate per numero di progetti. Grafico 13 Metodologia utilizzata Peer Education Life Skills incontri frontali (2+) incontri frontali (1) Dati a confronto: dal 211 ad oggi Prendendo in considerazione i progetti di promozione della salute negli ultimi tre anni scolastici, il grafico 14 mette in evidenza l incremento progressivo di partecipazione, negli anni, da parte delle scuole, degli studenti e dei docenti. Grafico 14 Progetti di promozione della salute 211/12-212/13-213/ numero n scuole n. studenti n. docenti 211/12 212/13 213/14 13

14 II PARTE DATI PER SINGOLO PROGETTO 14

15 Progetti svolti anno scolastico 213/14 Progetto richieste richieste alunni docenti altro pervenute evase formati* personale Affy Fiutapericolo Ap & Ap - Appigli e Appartenenze Balla con i lupi C'era una volta... e vissero felici e contenti Consumo resp. di alimenti di origine animale Educazione all'affettività Farmaci a scuola Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-denti-kit Il latte... dalle stalle alla tavola Il mare... un immenso e ricco prato azzurro Il primo soccorso nelle scuole Leggimi e ti dirò chi sono Meno alcol più gusto Minori e nuove tecnologie Muoviti e vivi in salute Occhio all'etichetta! Pensasicuro Prevenzione andrologica Prevenzione dell'aids e delle MST Prevenzione e Doping Progetto corpo Rischi alimentari Scuola D Sfumiamo i dubbi Siamo... sicuri? Smoke Free Class Competition Sorridi! Un mondo di animali amici TOTALE *si tratta di docenti che hanno partecipato a corsi di formazione specifica. 15

16 AFFY FIUTAPERICOLO Affy Fiutapericolo AP & AP APPIGLI E APPARTENENZE Ap & Ap - Appigli e Appartenenze BALLA CON I LUPI Balla con i lupi

17 C ERA UNA VOLTA... E VISSERO FELICI E CONTENTI C'era una volta... e vissero felici e contenti CONSUMO RESPONSABILE DI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Consumo responsabile di alimenti di origine animale EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Educazione all'affettività

18 Questionario somministrato agli studenti (Scala di gradimento da 1 = basso a 5 = alto) 1. Sono stati trattati argomenti che mi interessano 2. Il modo con cui sono stati trattati è efficace risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 21% 35% 41% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 15% 43% 4% 1% 5% % 1% 2% % 5% % 1% 2% scala di gradimento scala di gradimento risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 3. Ho apprezzato l'incontro perché argomenti di cui parlo poco con i genitori 1% 11% 27% 24% 28% scala di gradimento risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4. Diapositive chiare 41% 24% 24% 9% 2% scala di gradimento 5. Chiarezza espositiva risposte 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 51% 33% 12% 1% 3% scala di gradimento 18

19 6. Ho imparato cose che non sapevo 7. Ho capito meglio cose che sapevo già risposte 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 26% 25% 22% 15% 13% risposte 45% 4% 35% 3% 25% 2% 15% 1% 5% % 4% 32% 18% 6% 3% scala di gradimento scala di gradimento 8. Operatori disponibili a rispondere alle domande risposte 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 68% 24% 1% 2% 5% scala di gradimento FARMACI A SCUOLA Farmaci a scuola Gradimento dei corsi di formazione Qualità espositiva dei relatori 2% 1% 4% 58% ottimo buono sufficiente 32% ottimo buono sufficiente 67% 19

20 Grado di rilevanza della tematica % 34% 66% molto interessante interessante poco interessante Questionario sottoposto ai docenti al termine del corso 1. Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di emergenza? a) informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte b) informazioni logistiche c) informazioni relative all'evento d) tutte le precedenti 2. Cosa è opportuno fare in caso si manifesti un episodio convulsivo in un bambino? a) se possibile, mettere il bambino delicatamente su un fianco, per evitare che aspiri muco o saliva b) cercare di forzare l'apertura della bocca c) somministrare liquidi per via orale d) cercare di far rinvenire il bambino scuotendolo Quando è necessario intervenire con il glucagone, in caso di crisi ipoglicemica di un bambino 3. diabetico a scuola? a) solo se c'è perdita di conoscenza b) se la glicemia è inferiore a 7 mg/dl c) se la glicemia è inferiore a 3 mg/dl 4. Quali fattori possono determinare una crisi ipoglicemica in un bambino diabetico a scuola? a) somministrazione di un dosaggio eccessivo di insulina b) poca introduzione di carboidrati c) eccessivo esercizio fisico d) tutte le precedenti 5. Come si somministra l'adrenalina Fastjekt, prescritta in caso di shok anafilattico a scuola? a) per via orale b) per via sottocutanea o intramuscolare c) per via endorettale d) per via aerosolica In ambito scolastico la somministrazione di farmaci va effettuata dal personale docente e non 6. docente solo in caso di: a) situazioni di patologie croniche invalidanti e pregiudizievoli alla salute b) solo per quei farmaci che non è possibile somministrare fuori dell'orario scolastico c) in presenza di certificazione di un medico convenzionato e di assenso dei genitori d) con il supporto, per il personale scolastico, di una formazione specifica e) tutte le precedenti 2

21 Farmaci a scuola - test sulle conoscenze n. risposte domande risposte errate risposte giuste HO INSEGUITO L APE DAL FIORE AL MIELE Ho inseguito l'ape dal fiore al miele I-DENTI-KIT I-denti-kit

22 IL LATTE...DALLE STALLE ALLA TAVOLA Il latte... dalle stalle alla tavola IL MARE... UN IMMENSO E RICCO PRATO AZZURRO Il mare... un immenso e ricco prato azzurro

23 Test sulle conoscenze e risultati prima e dopo il corso 1. Che cosa sono i pesci? a) animali che vivono nell'acqua e che possono avere pinne o zampe, come le tartarughe marine b) animali che vivono nell'acqua e respirano l'ossigeno disciolto in essa mediante branchie. Non possiedono zampe bensì pinne c) animali che vivono nell acqua, che si muovono con le pinne, che vivono solo se sono allo stato selvatico (non possono essere allevati) 2. Perché il pesce azzurro viene chiamato così? a) Per il colore del dorso b) Per il colore delle pinne c) Per il colore delle branchie 3. Unisci con una linea il nome del pesce con la foto giusta che corrisponde al nome Alice Pesce sciabola Aguglia Merluzzo Sgombro Sardina 4. Il pesce azzurro costa a) di meno dell altro pesce b) di più dell altro pesce c) tanto quanto l altro pesce 5. Tra i nutrienti importanti presenti nel pesce azzurro che fanno bene alla salute vanno ricordati a) acidi grassi insaturi essenziali (omega 2) b) acidi grassi saturi essenziali (omega 4) c) acidi grassi polinsaturi essenziali (omega 3) 6. I due modi per pescare il pesce azzurro sono a) Fonti luminose e Volanti b) Fonti fosforescenti e Plananti c) Fonti rumorose e Idrovolanti 7. Per riconoscere se un pesce è fresco bisogna a) guardare dentro la bocca, togliere l opercolo, tirare le pinne b) guardare l occhio, l opercolo e le branchie; annusare il pesce, premere sul corpo con la punta di un dito c) guardare le pinne, togliere gli occhi, strizzare il corpo fra le dita 8. In casa il pesce fresco va conservato a) In frigorifero fra e 3 gradi centigradi (mangiare entro ore) b) In frigorifero fra e -3 gradi centigradi (mangiare entro 48-6 ore) c) Nella credenza a temperatura ambiente (mangiare entro 24 ore) 9. In casa il pesce freschissimo può essere conservato nel freezer a) fino a 2 mesi b) fino a 3 mesi c) fino a 5 mesi 1. E meglio mangiare il pesce azzurro a) fresco, in giornata, crudo (come si fa in estremo oriente) b) fresco, in giornata, cotto (almeno 12 per non meno di 15 minuti) c) fresco, in giornata, dopo averlo cotto (almeno a 6 C per non meno di 1 minuti) 23

24 Risposte al questionario prima Risposte al questionario dopo risposte risposte sbagliate risposte giuste risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Il mare... risposte al questionario 1% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 49% 51% risposte giuste risposte sbagliate 93% risposte giuste 7% risposte sbagliate prima risposte dopo IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE Il primo soccorso nelle scuole

25 Questionario sottoposto ai ragazzi prima e dopo il corso 1. a) b) 2. a) b) c) 3. a) b) c) 4. a) b) c) 5. a) b) c) In caso assista ad un incidente, chi ha il dovere di chiamare i soccorsi? Qualsiasi cittadino, anche se minorenne Qualsiasi cittadino maggiorenne Quali sono le informazioni da fornire telefonicamente al SUEM (118) in caso di incidente? Solo informazioni sanitarie riguardanti le persone coinvolte Solo informazioni sulla dinamica dell'incidente Informazioni sul luogo e sulla dinamica dell'incidente e sullo stato di salute degli infortunati Individua la sequenza corretta per prestare soccorso Proteggere se stessi e gli altri, avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Avvertire il 118, quindi soccorrere l'infortunato Iniziare a soccorrere l'infortunato, poi avvertire il 118 Come è corretto praticare il massaggio cardiaco? Con lente e prolungate compressioni, circa 2 compressioni al minuto Con una frequenza elevata, almeno 1 compressioni al minuto Con una frequena non superiore alle 6 compressioni al minuto Esprimi la tua opinione (Vero/Falso): In caso di trauma è meglio non spostare l'infortunato E' opportuno dare da bere ad un infortunato per aiutarlo a riprendersi Arrivati dove c'è un incidente, bisogna subito accertarsi che non ci siano rischi per i soccorritori Risposte prima del corso Risposte dopo il corso n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste n. di risposte risposte sbagliate risposte giuste domande domande Risposte dopo il corso 1% giuste sbagliate 9% 25

26 LEGGIMI E TI DIRÒ CHI SONO Leggimi e ti dirò chi sono MENO ALCOL PIÙ GUSTO Meno alcol più gusto MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Minori e nuove tecnologie

27 MUOVITI E VIVI IN SALUTE Muoviti e vivi in salute Indagine sui bambini della scuola primaria 1. Quante ore dedichi durante la settimana all'attività motoria (sport, camminate, giochi al parco, bicicletta ed altro?) a) 2-3 ore alla settimana 39% b) 4-5 ore alla settimana 29% c) più di 5 ore alla settimana 32% 2. Durante la settimana pratichi uno sport? a) sì 83% b) no 17% 3. Se pratichi uno sport durante la settimana, scrivilo qui sotto Nuoto 22% Pallavolo 15% Calcio 15% Basket 12% Danza 1% Ginnastica artistica 7% Tennis 5% Karate 5% Equitazione 3% Golf 2% altro 5% Attività motoria dei bambini intervistati 8% 7% 6% 5% 4% 3% 68% 2% 1% % meno di 5 ore a settimana 32% più di 5 ore a settimana 27

28 Questionario sottoposto ai bambini prima e dopo l incontro PRIMA DOPO 1. Secondo te l'attività motoria fa bene alla salute? a) Sì 96% 98% b) No % % c) Non so 4% 2% Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività 2. motoria? *a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni 31% 46% b) Almeno 2 ore alla settimana 37% 27% c) Almeno 4 ore alla settimana 32% 27% 3. Esprimi la tua opinione (Vero/Falso) Vero Vero a) Alla mia età è importante fare movimento 95% 99% b) L'attività motoria fa bene al mio cuore 78% 99% c) Fare attività motoria aiuta a rendere più forti le mie ossa 98% 99% d) Alla mia età è importante praticare uno sport 9% 93% *risposta corretta domanda n. 2. Per la tua salute, quante ore sarebbe giusto dedicare all'attività motoria? dopo prima 27% 27% 32% 37% 31% 46% c) Almeno 4 ore alla settimana b) Almeno 2 ore alla settimana a) Almeno 1 ora al giorno tutti i giorni % 1% 2% 3% 4% 5% OCCHIO ALL ETICHETTA! Occhio all'etichetta!

29 PENSASICURO Pensasicuro PREVENZIONE ANDROLOGICA Prevenzione andrologica PREVENZIONE DELL AIDS E DELLE MST Prevenzione dell'aids e delle MST

30 PREVENZIONE E DOPING Prevenzione e Doping PROGETTO CORPO Progetto corpo RISCHI ALIMENTARI Rischi alimentari

31 SCUOLA D+ Scuola D SFUMIAMO I DUBBI Sfumiamo i dubbi

32 Questionario n. 1 (prima) per valutare il grado di conoscenze prima e dopo dell intervento 1. La sostanza che nella sigaretta provoca dipendenza è: a) la nicotina b) il benzopirene c) il monossido di carbonio 2. La nicotina è responsabile di: a) bronchite cronica b) problemi cardiocircolatori c) dipendenza 3. Il fumo di sigaretta contiene: a) ossido di carbonio b) polonio c) cacao d) arsenico e) ammoniaca f) acetone g) catrame 4. Il tuo apparato respiratorio: a) elimina sempre tutte le sostanze inquinanti che entrano con l'aria respirata b) oltre un certo limite non riesce più ad eliminare le sostanze tossiche per cui esse si accumulano al suo interno 5. Stare in un luogo chiuso in cui altri fumano è molto meno dannoso che sostare in un incrocio in un'ora di punta a) VERO b) FALSO 6. Cominciare a fumare durante l'adolescenza comporta i seguenti rischi: a) si resta piccoli di statura b) aumenta la percentuale di sterilità in età adulta c) si ha il 5% di possibilità di ammalare di tumore in età adulta se non si smette 7. Il fumo di sigaretta provoca all'adolescente questi problemi: a) alitosi b) aumento dell'accumulo di cellulite c) sviluppo ridotto dell'apparato respiratorio (polmoni più piccoli) 8. E' più pericoloso cominciare a fumare a 13 anni che a 2 a) VERO b) FALSO 9. Essere esposto a fumo passivo ogni tanto non ha nessuna conseguenza sulla salute a) VERO b) FALSO 1. Le tue cellule hanno bisogno: a) di ossigeno b) di ossido di carbonio 32

33 Sfumiamo i dubbi - questionario "prima" Sfumiamo i dubbi - questionario "dopo" n. risposte risposte errate risposte giuste n. risposte risposte errate risposte giuste domande domande Sfumiamo i dubbi - questionario risposte giuste 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % 75% 53% PRIMA DOPO prima e dopo intervento SIAMO... SICURI? Siamo... sicuri?

34 SMOKE FREE CLASS COMPETITION Smoke Free Class Competition SORRIDI! Sorridi! Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno Risultati delle visite ai bambini scuola dell'infanzia 3 anno 5% 45% 4% 36% b.ni senza carie b.ni con carie bambini 3% 2% 15% 64% 1% % malocclusioni abitud. viziate 34

35 Bambini caries free negli ultimi 6 anni 66% 65% 64% 63% 62% 61% 6% 59% 58% 57% 65% 64% 62% 62% 6% 6% 28/9 29/1 21/11 211/12 212/13 213/14 UN MONDO DI ANIMALI AMICI Un mondo di animali amici Aspetti da tenere presente nello sviluppo delle progettualità future Dall elaborazione dei questionari somministrati, agli studenti e agli insegnanti, risulta che l offerta progettuale dell ULSS è ritenuta importante per il tipo degli argomenti trattati. Questo è confermato anche dalla maggiore partecipazione ai progetti per l annualità considerata. Inoltre, dalla valutazione delle conoscenze con i questionari somministrati prima e dopo, risulta evidente l acquisizione delle informazioni a seguito dei corsi e/o interventi effettuati. Tuttavia alla luce di quanto emerge dal censimento delle metodologie utilizzate (v. grafico 13) sarebbe opportuno rivedere le progettualità per ri-orientare la programmazione puntando non solo a fornire informazioni corrette ma allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di vita che nella Promozione della Salute risultano fondamentali per l efficacia degli interventi, come indicato dall OMS e dall IUHPE. 35

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny Domanda 1 codifica ٱ Domanda 2 codifica ٱ Domanda 3 codifica ٱ Domanda 4 codifica ٱ Domanda 5 codifica ٱ Domanda 6 codifica ٱ Scomparsi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

C era una volta... Nel castello di Roccabisaccia è un giorno di festa tutti sono contenti perché è finalmente pace con i vicini del regno, dopo una guerra lunga dieci anni! Re Baldassarre medita di preparare

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli