A.G.D. Grosseto PRESA IN CARICO AL CAMPO END POINTS INCONTRO INDIVIDUALE BAMBINO-GENITORI-EQUIPE TUTOR E SISTEMAZIONE LOGISTICA SOCIALIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.G.D. Grosseto 1. 4. PRESA IN CARICO AL CAMPO END POINTS INCONTRO INDIVIDUALE BAMBINO-GENITORI-EQUIPE TUTOR E SISTEMAZIONE LOGISTICA SOCIALIZZAZIONE"

Transcript

1 1. 4. PRESA IN CARICO AL CAMPO END POINTS INCONTRO INDIVIDUALE BAMBINO-GENITORI-EQUIPE o informazione, organizzazione e finalità del campo o conoscenza situazione clinica, psicologica, sociale o regole del campo (valutazione, aspettative e stato emotivo dei genitori) o aspettative del campo o obiettivi minimi o questionario livello ansia TUTOR E SISTEMAZIONE LOGISTICA o ruolo del tutor o sistemazione nelle camere o inserimento gruppo SOCIALIZZAZIONE o attività ludica ragazzi e tutor o scambio opinioni gruppo dei genitori/equipe o pranzo PRESENTAZIONE DEL CAMPO o esposizione del direttore o presentazione equipe o regole, programma di lavoro o obiettivi SCHEDE DI RIFERIMENTO dosi insulina praticate il giorno precedente inizio campo sk 12 grafica controllo e terapia giornaliera sk 13 a chi rivolgersi sk 14 giornata tipo campo sk 15 programma didattico sk 16 aspettative genitori sk 17 A.G.D. Grosseto 54

2 Il momento iniziale, PRESA IN CARICO, è delicato e deve essere affrontato con la massima attenzione perché dalla sua correttezza dipende, in larga misura, la buona riuscita del iniziativa. La presa in carico, infatti, condiziona enormemente la motivazione a partecipare e la tranquillità con cui i genitori accettano di lasciare da soli i figli con le conseguenti ripercussioni positive che si protrarranno per tutta la durata del campo. Gli end points da raggiungere sono: INCONTRO INDIVIDUALE BAMBINO-GENITORE-EQUIPE Al momento del arrivo il ragazzo ed i suoi genitori devono incontrare l equipe e ricevere le informazioni adeguate sulla organizzazione e la finalità del campo. Verrà approfondita la conoscenza della situazione clinica, di quella psicologica e di quella sociale per meglio individuare le problematiche del ragazzo ed i suoi interessi specifici. Un atenzione particolare verà data ale abitudini alimentari, di attività motorie ed alle attitudini terapeutiche. Verranno discusse le regole del campo ed in modo particolare la comunicazione con i genitori e l uso del telefono celulare. Bisogna prendere nota del trattamento insulinico ed alimentare efetuato prima del arivo al campo. Ci si accerterà che tutto il necessario terapeutico (reflettometro, penne, insuline ecc.) ed il corredo siano disponibili e conosciuti dal ragazzo VALUTAZIONE ASPETTATIVE E STATO EMOTIVO DEI GENITORI I genitori verranno invitati ad esprimere liberamente le loro aspettative dal campo e quali siano, per loro, gli obiettivi minimi che pensano si possano raggiungere. Quali siano a loro giudizio i livelli di conoscenza e competenza del loro figlio e quali quelli positivi da raggiungere. Verrà somministrato un questionario per valutare il loro livello di ansia e si cercherà di dare loro il massimo delle conoscenze perché affidino con serenità ll figlio al equipe, accetandone il distacco. TUTOR E SISTEMAZIONE LOGISTICA Al termine del colloquio iniziale al ragazzo ed ai genitori verrà presentato il tutor e ne verrà specificato il ruolo. Sarà il tutor che accompagnerà il ragazzo in stanza, lo aiuterà nella sistemazione del bagaglio, cercando una conoscenza più approfondita, verificherà la dotazione terapeutica e, se necessario, farà eseguire il primo trattamento e/o la prima valutazione glicemica. Sempre il tutor lo presenterà agli altri ragazzi e curerà l inserimento nel gruppo. SOCIALIZZAZIONE Per dare sicurezza e tranquillità a tutti è necessario un momento di socializzazione che si può realizzare per i ragazzi mediante una attività ludica guidata dai tutors e per i genitori con la facilitazione, da parte dal equipe, ad uno scambio tra di loro di opinioni e di conoscenze, mano a mano che si concludono i colloqui individuali. Il momento finale può essere identificato con il pranzo consumato tutti assieme al termine della mattinata di arrivo. PRESENTAZIONE DEL CAMPO A.G.D. Grosseto E condotadal Direttore in una sede adeguata al termine del pranzo e prima della partenza dei genitori. 55

3 Verà presentato personalmente ciascun membro del equipe indicandone il ruolo e le funzioni. Verranno spiegate in dettaglio le regole generali del campo, gli orari di massima a cui attenersi. Il programma di lavoro, con i relativi contenuti didattici e ludici, verrà dettagliato e presentato con le indicazioni degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Verà dato risalto al ruolo del rappresentante del Associazione e dela sua funzione organizzativa. Saranno indicati la data ed il luogo della gita ed i relativi contenuti. Verranno, infine, ribadite le modalità comunicative durante il campo e date le indicazioni per la valutazione e la verifica finale al momento della conclusione del campo. A.G.D. Grosseto 56

4 [ sk 12 NOTA In questa sezione la sk risulterä compilata dal genitore] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO SK DA CONSEGNARE ALL'ARRIVO AL CAMPO, AL PERSONALE SANITARIO Dosi di insulina praticate da mio/a figlio/a GIORNO ANTECEDENTE INIZIO CAMPO TIPO DI INSULINA UTILIZZATO MATTINO UNITA ORE 13 ORE 20 NOTTE GIORNO INIZIO CAMPO UNITA TIPO DI INSULINA UTILIZZATO MATTINO

5 DATA CAMPO SCUOLA - GROSSETO Nominativo [ sk 13 ] ORE 8 ORE 10,30 ORE 12,30 ORE 16,30 ORE 19,30 ORE 22,30 ORE 3 NOTE GLICEMIA GLICOSURIA INSULINA GLICEMIA GLICEMIA INSULINA GLICOSURIA GLICEMIA GLICEMIA INSULINA GLICEMIA GLICOSURIA INSULINA GLICEMIA SABATO VENERDI' GIOVEDI' MERCOLEDI' MARTEDI' LUNEDI' DOMENICA SABATO AGD GR Insulina/casa Dose ore 8 - U Dose ore 13 - U Dose ore 20 - U Dose ore 22,30 - U Insulina/casa Dose ore 8 - U Dose ore 13 - U Dose ore 20 - U Dose ore 22,30 - U PORZIONI DI CARBOIDRATI PREVISTE 8 10, ,30 20 RISULTATI OTTENUTI NEL 1 QUIZ RISULTATI OTTENUTI NEL 2 QUIZ

6 [ sk 14 ] A CHI RIVOLGERSI D.ssa Susanna Falorni Dott. Gabriele Barlocco D.ssa Mariangela Bernardi All infermiera Rosella ed alle sue colleghe Per fare il punto su te stesso Animazione Lucia Per consigliarti con degli amici che hanno il tuo stesso problema TUTOR Per tutto quello che va male

7 [ sk 15 ] PROGRAMMA GIORNATA TIPO AL CAMPO SCUOLA ORA CONTROLLI TERAPIA PASTI DIDATTICA ATTIVITA LUDICA 8,00 Sveglia 8,15 Glicemia/Glicosuria Terapia 8,45 Colazione 9.30 LEZIONI 10,00 10,30 Controlli Spuntino 11,00 11,30 12,00 12,30 Controlli Terapia Pranzo 14,00 15,00 15,30 16,00 16,30 Controlli Spuntino LEZIONI 17,00 17,30 18,00 18,30 19,00 19,30 Glicemia/Glicosuria Terapia 20,00 Cena 21,00 22,30 23,00 Controlli Event.Terapia SI DORME!!!! 23,30 RIUNIONE STAFF

8 [ sk 16 ] Sa ba to Campo scuola per bambini con diabete - Grosseto AZIENDA USL 9 GROSSETO U.O. PEDIATRIA E NEONATOLOGIA A.G.D. ASOCIAZIONE PER L AIUTO AI GIOVANI DIABETICI - Ore 10.00: Attivazione campo a cura personale preposto Ore 11.30: Arrivo dei bambini e colloquio con i genitori Ore 13.00: Pranzo Ore 1Ore 14,30: PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA (con bambini e genitori) Ore 1Ore 15.30: SALUTO AI GENITORI - QUIZ D INGRESSO Ore 16.30: Glicemia - (glicosuria) - spuntino Ore 17.00: CONOSCIAMOCI - CHI SIAMO (psicopedagogista + tutors) Ore 18.00: Piscina & Attività ludica Ore 19.30: Glicemia - terapia insulinica Ore 20.00: Cena. Ore 21.30: Facciamo il punto con i tutors Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) - terapia.insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE Do me ni ca Lu ne dì Ore 08.00: Sveglia e sistemazione camera Ore 08.20: Glicemia - (glicosuria) - terapia insulinica. Ore 08.45: Colazione. Ore 09.15: SOCIOGRAMMA Ore 09.30: 1 INCONTRO EDUCATIVO: RAGIONANDO SUL PROPRIO SCHEMA INSULINICO Ore 10.30: Glicemie e Spuntino. Ore 11.30: 2 INCONTRO EDUCATIVO: INIETTO BENE L INSULINA? (infermiere + tutors) Ore 12.30: Glicemia e terapia insulinica. Ore 13.00: Pranzo. Ore 14.00: Tempo libero Ore 15,30: 3 INCONTRO EDUCATIVO: ASPETTI PRATICI (infermiere+ tutors) Ore 16.30: Glicemia (glicosuria) - spuntino. Ore 17.00: Piscina & Attività ludica Ore 19.30: Glicemia e terapia insulinica Ore 20.00: Cena. Ore 21.30: Facciamo il punto con i tutors Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) - terapia. insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE Ore 08.00: Sveglia, controlli,terapia e colazione come ieri Ore 09.30: 4 I.E.: COME MANGIO Ore 10.30: Glicemia e Spuntino. Ore 11.30: 5 I.E.: MI MUOVO ABBASTANZA? Ore 12.30: Glicemia e Terapia insulinica. Ore 13.00: Pranzo. Ore 14.00: Tempo libero Ore 15.30: 6 I.E. RAPPORTO CON IL CIBO (psicopedagogista + tutors) Ore 16.30: Glicemia (glicosuria) - spuntino. Ore 17.00: Piscina Ore 19.30: Glicemia e terapia insulinica Ore 20.00: Cena. Ore 21.30: Facciamo il punto con i tutors Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) - terapia insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE 1

9 Marte dì Mer Giov Ve ner dì Sab Ore 08.00: Sveglia, controlli,terapia e colazione come ieri Ore 09.30: 7 I.E.: IPOGLICEMIA Ore 10.30: Glicemia - spuntino. Ore 11.00: 8 I.E. COSA SIGNIFICA PER ME ESSERE DIABETICO (psicopedagogista + tutors.) Ore 12.30: Glicemia e Terapia insulinica. Ore 13.00: Pranzo. Ore 14.00: Tempo libero Ore 15.30: 9 I.E.: PREPARIAMOCI ALLA GITA - 10 I.E. Aiuto. La febbre! Ore 16.30: Glicemia (glicosuria) - spuntino. Ore 16.30: 11 I.E. DRAMMATIZZAZIONE: IPOGLICEMIA (psicopedagogista + tutors.) Ore 17.30: Piscina Ore 19.30: Glicemie e terapia insulinica Ore 20.00: Cena. Ore 21.30: Facciamo il punto con i tutors Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) - terapia insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE Ore 08.00: Sveglia, controlli,terapia e colazione come ieri Ore 09.30: Partenza per gita Feniglia - Bicicletta + Bagno + pranzo al sacco- Rientro per le 19,30 Ore 08.00: Sveglia, controlli,terapia e colazione come ieri Ore 09.45: 12 I.E.: IMPARIAMO A LAVARCI I DENTI (Attività pratica con i tutors) Ore 10.30: Glicemie e Spuntino. Ore 11.00: 13 I.E. MA GLI ADULTI COME DOVREBBERO COMPORTARSI? (psicop.+ tutors) Ore 12.30: Glicemia e Terapia insulinica. Ore 13.00: Pranzo. Ore 14.00: Tempo libero Ore 15,30: 14 I.E. COME CI CONTROLLIAMO Ore 16.30: Glicemia (glicosuria) - spuntino. Ore 16.30: Piscina Ore 19.30: Glicemia e terapia insulinica Ore 20.00: Cena Ore 21.00: Facciamo il punto con i tutors Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) terapia insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE. Ore 08.00: Sveglia, controlli,terapia e colazione come ieri Ore 09.15: SOCIOGRAMMA Ore 09.30: QUIZ FINALI SULLE CONOSCENZE Ore 10.30: Glicemia - spuntino. Ore 11.00: CORREZIONE QUIZ (medici) Ore 11.00: Bambini: Come vorremmo che fosse il prossimo campo (psicopedagogista) Ore 12.30: Glicemia e Terapia insulinica. Ore 13.00: Pranzo. Ore 14.00: Prepariamo l incontro con i genitori dei più piccoli (psicopedagogista + tutors) Ore 15.30: 15 I.E. RIPASSIAMO CIO CHE SAPPIAMO MENO Ore 16.30: Glicemia - (glicosuria) - spuntino. Ore 16.30: Attività ludica Ore 19.30: Glicemia e terapia insulinica Ore 20.00: Cena. Ore 21,00: Festa di fine campo Ore 22.30: Glicemia (glicosuria) terapia insulinica Ore 23.00: RIUNIONE DEL PERSONALE Ore 08.00: Sveglia Ore 08.20: Glicemia e terapia insulinica. Ore 08.45: Colazione poi > Bambini, FACCIAMO LE VALIGIE E LIBERIAMO LE CAMERE Ore 09.30: COLLOQUI CON I GENITORI Ore 13.00: Pranzo e saluti Pediatria ed Associazione Ore 15.00: Chiusura del campo 2

10 [ sk 17 ] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE SCHEDA ASPETTATIVE GENITORI Padre Madre del bambino Sesso M F Data e luogo di nascita del genitore[ / / ] Residenza Professione Composizione nucleo familiare: Genitori n Figli n Altri n Da quanto tempo è stato diagnosticato il diabete a suo figlio? Meno di un anno Un anno Da uno a due anni Più di due anni SE È PIÙ DI UN ANNO, PERCHÉ NON HA MAI PARTECIPATO AI CAMPI SCUOLA? Non ne ero informato Non vengono organizzati nella mia zona di residenza Per motivi di lavoro Per difficoltà di organizzazione familiare Non avevo fiducia nell'organizzazione del campo Altro (specificare) PERCHÉ HA DECISO DI FAR PARTECIPARE SUO/A FIGLIO/A AL CAMPO SCUOLA? Per riuscire a conoscere meglio le "problematiche" del diabete Per rendersi utile nella gestione della "patologia" diabetica Per attenuare la tensione che il "problema" diabete comporta Altro (da specificare) QUALI SONO LE SUE ASPETTATIVE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE A QUESTO CAMPO SCUOLA?

11 VALUTAZIONE INIZIALE END POINTS QUIZ D INGRESSO TEST SULL ANSIA QUESTIONARI ASPETTATIVE SOCIOGRAMMA SCHEDE DI RIFERIMENTO QUIZ INGRESSO PER I PIU GRANDI sk 18 QUIZ INGRESSO PER I PIU PICCOLI sk 19 MI SENTO SICURO sk 20 MI SENTO CALMO sk 21 QUESTIONARIO ASPETTATIVE DEL RAGAZZO sk 22 64

12 L approfondimento delle conoscenze ottenute con la scheda ed il colloquio iniziale con i genitori verrà realizzato dall equipe mediante l osservazione attenta del processo iniziale di adattamento del ragazzo appena entrato nel campo. Il suo modo di porsi istintivo, talvolta spavaldo, talvolta distaccato, talvolta distratto o addirittura assente deve essere colto immediatamente per avviare con lui un dialogo soddisfacente. Sarà utile farlo avvicinare oltre che dal tutor da figure diverse (medico, infermiere, psicologo) per poter meglio individuare il percorso più adeguato a coinvolgerlo. Inoltre strumenti specifici verranno utilizzati per oggettivare la situazione: quiz d ingresso che evidenzieranno le conoscenze presenti ed il grado relativo di competenza sui principali argomenti che verranno trattati negli incontri didattici. Sono somministrati differentemente in base all età dei ragazzi test sull ansia che permette di valutare come il ragazzo ha affrontato la sua storia e quale è il suo vissuto della malattia anche mediante la somministrazione del questionario S.T.A.I. nella forma Y-1 per i ragazzi più grandi questionario sulle aspettative che il ragazzo ha sul campo sociogramma, che viene svolto il 2, 4 e 7 giorno, per cercare di comprendere le dinamiche relazionali e di interazione nel gruppo, per poter approntare modalità educative che permettano di arginare eventuali situazioni di difficoltà risultato finale della valutazione iniziale (realizzato mediante una riunione valutativa dell equipe effettuato nel pomeriggio durante la pausa ludica dei ragazzi) sarà la definitiva configurazione del programma didattico e del supporto psico-pedagogico nonché la distribuzione in gruppi di lavoro dei ragazzi in base all età, ai problemi evidenziati ed alle conoscenze emerse. 65

13 [ sk 18 ] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Cognome Nome Data / / Fai un segno sulla risposta che ritieni giusta 1 - Nel soggetto senza diabete il pancreas produce insulina in quantità maggiore quando [A] mangia [B] lavora [C] digiuna [D] fa sport 2 - Di solito il glucosio compare nelle urine quando la glicemia [A] è ancora normale [B] appena supera i 140 mg/dl [C] appena supera i 180 mg/dl [D] non so 3 - L'acetone è [A] una sostanza prodotta dall'organismo quando non può usare gli zuccheri [B] una sostanza che si trova sempre nelle urine dei diabetici [C] una sostanza che si trova nelle urine di chi mangia molta verdura [D] non so 4 - Qual è il valore normale della glicemia a digiuno? [A] 150 mg/dl [B] tra 60 e 120 mg/dl [C] 200 mg/dl [D] 180 mg/dl Gruppo A 5 - A parità di peso forniscono più energia [A] i grassi [B] le proteine [C] le vitamine [D] gli zuccheri 1

14 6 - Immagina che la tua dieta preveda a pranzo del pane e che la casa in cui ti trovi ne sia sprovvista. Con quale dei seguenti alimenti può essere sostituito? [A] prosciutto [B] riso [C] mozzarella [D] frutta 7 - Uno dei seguenti gruppi di alimenti contiene zucchero a rapido assorbimento, quale? [A] riso, pasta [B] biscotti [C] panino e focaccia [D] latte, succhi di frutta 8 - Uno dei seguenti gruppi di alimenti contiene zucchero a lento assorbimento, quale? [A] latte [B] succo di frutta, aranciata [C] pane, riso, pasta [D] zucchero, caramelle 9 - Lo spuntino più indicato prima di affrontare una partita di calcio, una lunga passeggiata o un'ora di attività in palestra è: [A] una stecca di cioccolata [B] un gelato [C] un panino con poca marmellata [D] una porzione di formaggio 10 - Che cosa è indicato per correggere rapidamente una crisi ipoglicemica? [A] 25 gr. di pane [B] 30 gr. di biscotti [C] 1 zolletta di zucchero [D] 1 mela + 3 crakers 11 - I segni più frequenti dell'ipoglicemia sono: [A] vampate di calore, prurito, diarrea [B] fame, tremore, debolezza [C] bisogno di urinare, sete, vomito [D] non so 12 - Se prima di pranzo si manifesta un'ipoglicemia il pasto deve essere: [A] anticipato prima dell'iniezione di insulina [B] iniziato dopo 30 minuti dall'iniezione di insulina [C] iniziato dopo 60 minuti dall'iniezione di insulina [D] abbondante senza iniezione di insulina 2

15 13 - Quando c'è troppo zucchero nel sangue [A] si urina di più e si ha sete [B] si suda molto e si può svenire [C] si sente freddo [D] non so 14 - Quale di queste situazioni costituisce un'emergenza e richiede provvedimenti immediati? [A] molto zucchero nelle urine [+++], acetone assente [B] zucchero nelle urine assente, molto acetone nelle urine [+++] [C] zucchero [+++] ed acetone [+++] nelle urine presenti entrambi in forte quantità [D] non so 15 - Se il diabete è scompensato (molto zucchero ed acetone nelle urine, glicemia alta) nell'attesa del medico occorre: [A] mettersi a riposo ed aspettare [B] camminare molto e mangiare meno [C] mettersi a riposo, bere, iniettarsi dosi supplementari di insulina pronta [D] non so 16 - L'insulina contenuta nelle cartucce per la penna [penfil] può essere utilizzata: [A] solo con la penna [B] indifferentemente, sia con la penna che con la siringa 17 - Quanto devi aspettare per mangiare dopo la somministrazione di insulina rapida (Es. Humulin R o Actrapid) se la glicemia è superiore a 200 mg/dl? [A] 10 minuti [B] 30 minuti [C] 45 minuti 18 - Quando si avrà l'effetto dell'insulina intermedia (Es. Humulin I o Protaphane) iniettata alle ore 20.00? [A] tra le ore 21 e le 24 [B] principalmente durante la notte [C] durante il mattino successivo [D] tra le 20 e le Quando si avrà l'effetto dell'insulina rapida iniettata (Es Humulini R o Actrapid) alle ore 7.30? [A] nel pomeriggio [B] durante la mattinata fino al pranzo delle ore 12 [C] dopo cena [D] soltanto tra le 8.00 e le

16 20 - E' bene iniziare l'attività fisica in un momento in cui la glicemia è: [A] inferiore ad 80 mg/dl [B] tra 100 e 180 mg/dl [C] superiore a 250 mg/dl [D] è indifferente 21 - Se tutte le mattine trovo zucchero nelle urine (glicosuria) e acetone (acetonuria) [A] diminuisco l insulina intermedia della sera [B] aumento l insulina intermedia della sera [C] diminuisco l insulina rapida prima di cena [D] mangio meno a cena 22 - In caso di febbre alta, in assenza di vomito, bisogna: [A] sospendere l'insulina [B] diminuire la dose d'insulina [C] continuare l'insulina alle dosi abituali e, se necessario, aumentarla [D] non so 23 - In caso di vomito: [A] non mangi e non inietti insulina [B] non mangi e inietti insulina [C] bevi a piccoli sorsi liquidi zuccherati e inietti insulina rapida [D] mangi e inietti insulina intermedia 24 - L'emoglobina glicosilata [HbA1c] è un esame del sangue che serve ad indicare l'andamento delle glicemie: [A] nelle due settimane precedenti [B] nei due/tre mesi precedenti [C] nei sei mesi precedenti [D] non so 25 Come devo mantenere il mio valore di HbA1c [A] inferiore o uguale a 7,5 [B] inferiore o uguale a 8,5 [C] inferiore o uguale a 5,5 Risposte corrette... N Risposte errate o nulle N 4

17 [ sk 19 ] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Cognome Nome Data: / / Fai un segno sulla risposta che ritieni giusta 1. La glicemia è: [A] lo zucchero nel sangue [B] lo zucchero nelle urine [C] lo zucchero contenuto negli alimenti 2. Dopo i pasti principali la glicemia: [A] sale [B] scende [C] rimane invariata 3. La sostanza che fa diminuire la glicemia è: [A] l'insulina [B] il glucagone 4. Perché un bambino diventa diabetico? [A] perché ha mangiato troppi dolci [B] è stato vicino ad un altro bambino diabetico [C] perché viene a mancare l'insulina 5. Gli zuccheri sono contenuti: [A] nel pane e nella pasta [B] nella carne e nel pesce [C] nella verdura 1

18 6. Una porzione di pane si può sostituire con: [A] una porzione equivalente di riso o di pasta [B] una porzione di carne [C] una porzione di formaggio 7. I grassi, o lipidi, sono contenuti: [A] nell'olio [B] nella frutta [C] nel pane 8. L'insulina pronta (rapida) ha un aspetto: [A] limpido [B] torbido 9. L'insulina ad azione intermedia (lenta) ha un aspetto: [A] limpido [B] torbido 10. Quando viene effettuata l iniezione di insulina l ago: [A] si sfila immediatamente [B] si lascia in sede per 10 secondi [C] si lascia in sede per 1 minuto 11. L'iniezione di insulina va effettuata: [A] sempre nel solito posto [B] a rotazione in diverse zone del corpo [C] è indifferente 12. L'insulina che si utilizza tutti i giorni deve essere conservata: [A] a temperatura ambiente, all'ombra e lontano da fonti di calore [B] in frigorifero [C] sotto la luce del sole 13. L'insulina contenuta nelle cartucce per la penna può essere utilizzata: [A] solo con la penna [B] indifferentemente, sia con la penna che con la siringa 2

19 14. IPOGLICEMIA significa: [A] molto zucchero nel sangue [B] poco zucchero nel sangue [C] poco zucchero nelle urine 15. I primi sintomi dell'ipoglicemia sono: [A] tremori, sudorazione, pallore [B] sete intensa [C] desiderio di fare la pipì 16. Quando avverti i primi sintomi dell'ipoglicemia devi: [A] Mangiare subito cibi contenenti zucchero [B] fare la puntura d'insulina [C] metterti a riposo aspettando che ti passi 17. GLICOSURIA significa: [A] presenza di zucchero nelle urine [B] presenza di zucchero nel sangue 18. Qual è il valore normale della glicemia a digiuno? [A] tra 60 e 120 mg/dl [B] 150 mg/dl [C] 180 mg/dl 19. IPERGLICEMIA significa: [A] poco zucchero nel sangue [B] molto zucchero nelle urine [C] molto zucchero nel sangue 20. In caso di febbre alta bisogna: [A] sospendere l'insulina [B] ridurre la dose d'insulina [C] continuare l'insulina alle dosi abituali e, se necessario, aumentarla [D] non so Risposte corrette N. errate N. Nessuna risposta N. 3

20 [ sk 20 ] PER NULLA UN PO MI SENTO SICURO? ABBASTANZA MOLTO

21 [ sk 21 ] PER NULLA UN PO MI SENTO CALMO? ABBASTANZA MOLTO

22 [ sk 22 ] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO ASPETTATIVE RAGAZZI Cognome/Nome Età Hai mai partecipato ad altri campi scuola? SI NO Se SI quante volte? Ti ricordi dove sei stato? Se NO perché non hai mai partecipato prima d ora? Chi ti ha aiutato nella scelta di venire al campo questa volta? Cosa ti piacerebbe fare in questa settimana? C è qualcosa che ti preoccupa? SI NO Se SI, cosa?

23 1.6 SVOLGIMENTO DEL CAMPO END POINTS ATTIVITA DIDATTICA o Metaplan o forme interattive o lezioni di 45 minuti o schede riassuntive ATTIVITA LUDICA o impianti sportivi o spazi liberi o gita o animazione ALIMENTAZIONE o definizione individuale calorie o porzioni o self service o controllo equipe sulle assunzioni alimentari a vista CONTROLLO METABOLICO o chek point o registro glicemia-insuline o adattamento dose concordato o controllo notturno o tecnica iniezione sotto supervisione IL PUNTO SERALE DELL EQUIPE o riunione equipe o ridefinizione direttive o aggiustamento ruoli o programma giorno successivo

24 SCHEDE DI RIFERIMENTO conosciamo l insulina sk 23 tecnica iniezione con siringa sk 24 tecnica iniezione con penna sk 25 come ci controlliamo sk 26 ipoglicemia sk 27 labirinto zuccheri semplici sk 28 labirinto zuccheri complessi sk 29 labirinto fibre sk 30 gli zuccheri sk 31 liste scambio per carboidrati sk 32 come mangio. come dovrei mangiare sk 33 aiuto.. la febbre sk 34 igiene dentale sk 35 prepariamoci alla gita sk 36 cosa portare nei viaggi sk 37 mi muovo abbastanza? sk 38

25 Una volta completata la valutazione iniziale, concordato il programma definitivo di lavoro e ridefinita la matrice di responsabilità, il campo avvia le sue attività con il concorso di tutta l equipe, dei tutor ed ovviamente dei ragazzi. Gli end points da tener presenti sono: ATTIVITÀ DIDATTICA Il programma didattico viene svolto da pediatri e infermieri con esperienza specifica di diabetologia, dalla psicopedagogista che conduce gli incontri insieme ai tutors. L attività didattica si svolge in forma interattiva con l uso del metaplan e la suddivisione in piccoli gruppi in modo da facilitare la partecipazione attiva dei ragazzi. L incontro educativo ha in genere la durata di 45 minuti. Alla fine di ogni lezione viene consegnata una scheda riassuntiva degli argomenti svolti. Gli argomenti che potrebbero risultare più noiosi vengono svolti utilizzando materiale appositamente approntato in forma più ludica (cruciverba, disegni da colorare ecc). Lo svolgimento degli incontri viene preceduto dai quiz d ingresso che permettono al personale docente di individuare i concetti in cui i ragazzi sono più carenti e rafforzare con interventi specifici ed individuali tali argomenti. Alla fine del campo vengono somministrati i quiz di uscita per valutare l apprendimento acquisito. Dall analisi dei risultati viene valutato se vi sono ancora concetti non ben assimilati e l ultima ora viene utilizzata per rinforzare tali argomenti. Gli incontri educativi, durante il campo, sono almeno 10 e riguardano i seguenti argomenti Azione delle insuline e schemi Tecniche d iniezione Alimentazione Attività fisica Ipoglicemia Norme di comportamento durante le gite Norme di comportamento durante le malattie Autocontrollo Igiene dentale Ripasso finale L incontro sulla ipoglicemia in genere è seguito da una drammatizzazione preparata dai ragazzi e tutors. La psicopedagogista,sempre con la presenza dei diabetici-guida, promuove almeno 5 incontri con i ragazzi : Sociogramma Rapporto con il cibo Rapporto con l attività fisica Rapporto con gli adulti Rapporto con il proprio diabete In genere la psicologa tratta nella stessa giornata gli argomenti affrontati dai medici ed infermiere visti e vissuti da una angolatura diversa. ATTIVITA LUDICA Il campo scuola è anche il momento ideale per stimolare cambiamenti allo stile di vita, sotto il controllo del medico, non solo per ciò che riguarda lo schema di cura ma anche rispetto all attività fisica, cambiamenti che a domicilio sono più difficili. Inoltre rappresenta un enorme stimolo ad aderire ad un programma di vita non certo fondato sull insicurezza e sulla diversità, ma sul convincimento di non essere diversi dagli altri a patto che si rispettino determinate regole. Grazie anche all attività ludica, la vita del campo distrae dalle comuni preoccupazioni e permette di sviluppare un rapporto che non si limita al trattamento delle sole manifestazioni

26 della malattia, ma che consideri anche le conseguenze sulla vita psico-affettiva e relazionale. Pertanto sono disponibili due piscine, un campo di calcio e di tennis e tanti spazi liberi. I ragazzi hanno così la possibilità, tra una lezione e l altra e tra un controllo e l altro, di liberare le loro energie, la loro creatività e fantasia, di ridimensionare le loro preoccupazioni ed ansie partecipando ad attività ludiche preventivamente organizzate o a giochi liberamente scelti. Compito dell equipe sarà quello di controllare e monitorare l attività fisica evidenziandone i risultati sul controllo metabolico e sulle sue implicazioni per le dosi e gli schemi di trattamento insulinico e sulla quali-quantità dell apporto calorico. I tutors dovranno essere attenti nello stimolare i ragazzi, evitando la pigrizia di alcuni e gli eccessi di altri e sempre, comunque, attenti a far evidenziare ai ragazzi momenti di difficoltà ed eventuali necessità di controllo glicemico in base ai disturbi denunciati. All interno dell attività un attenzione particolare è rivolta all organizzazione e gestione della gita. Abitualmente dura un giorno ed è fatta fuori dal campo per sperimentare con i ragazzi i contenuti e le modalità di gestione di una situazione particolare e gioiosa che, opportunamente preparata, non incide in alcun modo sulle necessità di controllo e cura del proprio stato. E preceduta da un intervento didattico specifico durante il quale si discute dei problemi che la situazione può provocare e dei metodi più coerenti per risolverli, del necessario per affrontare le eventuali emergenze e della condotta da tenere in presenza di tale eventualità. I ragazzi sono stimolati a preparare il loro zaino con quanto necessario ed a calcolare, in base all attività da svolgere, il fabbisogno alimentare. E opportuno fare in modo che l organizzazione sia adeguata sia per il momento del trasporto, sia per la disponibilità degli alimenti, sia per le attrezzature necessarie. Sarà necessario portare una vettura attrezzata per ogni emergenza con materiale completo per pronto soccorso. Tutta l equipe dovrà essere presente e partecipare direttamente alle attività previste con adesione diretta. Attenzione dovrà essere posta al rispetto degli orari ed alla regolarità dei controlli metabolici. L obiettivo è quello di far vivere una giornata serena fuori casa senza per questo vi siano complicanze di nessun tipo e di affrontare la propria situazione anche in presenza di estranei e senza l ombrello protettivo del proprio ambiente familiare. ALIMENTAZIONE Per ogni ragazzo viene definito il contenuto dietetico e viene concordata la sua distribuzione nel corso della giornata. Abitualmente si definiscono cinque momenti di alimentazione (colazione, pranzo, cena, spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio), tenendo comunque conto delle necessità individuali. Si stimola l autogestione dell introito calorico mediante il self-service monitorato e controllato al fine di evitare eccessi o difetti pericolosi. Si insegna a valutare a vista le assunzioni ed a riequilibrare adeguatamente le dosi secondo il valore glicemico. Rilievo viene dato alla correttezza delle porzioni glucidiche in presenza di ipoglicemia. Tutti i membri dell equipe partecipano attivamente alla trasmissione delle conoscenze ed alle verifiche opportune. Compito del personale infermieristico è la necessaria pulizia delle stanze in cui non è infrequente trovare ogni tipo di spuntino compresi i più deleteri. L obiettivo finale è quello di ottenere una buona comprensione, quasi automatica, del proprio fabbisogno e della capacità della sua distribuzione nei contenuti e nei tempi

27 CONTROLLO METABOLICO Viene sistemato adeguatamente un chek-point con un tavolo attrezzato (cotone, disinfettante, pungidito, reflettometro ecc ) al quale accedono i ragazzi per eseguire i controlli glicemici. Alternativamente i controlli potranno essere effettuati in camera alla presenza del tutor e/o dell infermiera. Ogni ragazzo riferirà poi personalmente al medico il valore del controllo, ne discuterà con lui il significato ed insieme decideranno la dose ed il tipo di insulina da somministrare con le eventuali modificazioni dell apporto calorico quali quantitativo. Il tutto verrà regolarmente riportato su un apposito registro longitudinale che permette di avere sottocchio immediatamente l andamento complessivo del ragazzo e le variazioni apportate. La tenuta del registro è compito specifico del medico e costituisce documento clinico essenziale. Mediamente vengono effettuati sei controlli giornalieri ma l adattamento al singolo caso è fondamentale per non creare eccessive differenze rispetto alle abitudini domiciliari. Il controllo notturno (glicemia, spuntino, altro ) è effettuato solo al bisogno su indicazione del medico. La somministrazione di insulina viene fatta singolarmente dai ragazzi nella propria stanza con la supervisione del tutor e/o dell infermiera che ne valuterà la capacità nella preparazione, nella iniezione e nella scelta della sede. L obbiettivo finale è quello di ottenere una adeguata competenza sia pratica che teorica nel controllo e nel trattamento. IL PUNTO SERALE DELL EQUIPE Al termine di ogni giornata, dopo la somministrazione della dose bed-time e con i ragazzi a riposo nelle loro stanze, si procede alla riunione dell équipe finalizzata alla valutazione della giornata e all analisi dei problemi emersi ma anche, in modo motivazionale, dei risultati positivi raggiunti rispetto agli obbiettivi prefissati. E il momento della ridefinizione degli obbiettivi, se necessario e dell aggiustamento dei ruoli delle diverse figure dello staff. Si annotano le conclusioni, si discutono con i tutors e si predispone in modo definitivo il programma del giorno successivo.

28 CAMPO SCUOLA GROSSETO CONOSCIAMO L INSULINA [ sk 23] Prima di imparare a modificare le dosi di insulina Ä necessario conoscerne la durata d azione ed il proprio schema di terapia RAPIDA INTERMEDIA ANALOGO LISPRO ANALOGO ASPART INIZIA: DOPO 30 HA LA MASSIMA AZIONE: dopo 1,5 3 ore FINISCE: dopo 5 ore [HUMULIN R ACTRAPID ] INIZIA: DOPO 1 ora e 30 HA LA MASSIMA AZIONE: dopo 4 5 ore FINISCE: dopo 8 ore [HUMULIN I PROTAPHANE ] INIZIA: DOPO 5 15 minuti HA LA MASSIMA AZIONE: dopo 1 a ora FINISCE: dopo 3,5 4,5 ore [HUMALOG] E una nuova molecola che non si aggrega nella sede di iniezione e quindi viene assorbita pié velocemente. INIZIA: DOPO minuti HA LA MASSIMA AZIONE: tra la 1 a e la 3 a ora FINISCE: dopo 3 5 ore [NOVORAPID] ANALOGO GLARGINE ANALOGO DETEMIR E RELATIVAMENTE COSTANTE PER ORE [ LANTUS ] E RELATIVAMENTE COSTANTE PER ORE [ LEVEMIR ]

29 INSULINA DA SIRINGA = 100 U.I./ml INSULINA DA PENNA = 100 U.I./ml I N S U L I N A LIMPIDA = RAPIDA OPALESCENTE = INTERMEDIA E LENTA I N S U L I N A Quando uso l insulina lenta, poiché tende a precipitare in fondo al flacone, prima di prelevarla con la siringa devo agitare leggermente il flacone L insulina che uso tutti i giorni la conservo a temperatura ambiente. (fino a 28Ñ/30Ñ non perde di attivitö) Le insuline di riserva le tengo in frigorifero L azione dell insulina: Varia con la zona d iniezione Å piç rapida durante l esercizio muscolare Å piç rapida a temperature alte (bagno caldo o febbre) Å rallentata dal freddo Å minore sulle lipodistrofie

30 [ sk 24] TECNICA D INIEZIONE CON SIRINGA DI PLASTICA Lavarsi le mani Preparare il materiale su un piano Bagnare il cotone con il disinfettante Se si usa insulina lenta ruotare più volte il flacone tra le mani Aprire una siringa dal suo involucro ed eseguire la prova del pistone più volte Aspirare in siringa tante unità d aria quante ne servono d insulina per la somministrazione Disinfettare il tappo del flacone con uno dei batuffoli di cotone disinfettati Immettere l aria nel flacone Capovolgere l insieme siringa e flacone tenendoli con una mano all altezza degli occhi Aspirare l insulina prescritta Battere con l unghia sul corpo della siringa dal basso verso l alto per far uscire eventuali bolle d aria aiutandosi con il pistone Controllare la quantità d insulina aspirata Estrarre la siringa dal flacone e proteggere l ago con la sua custodia per posarla sul tavolo Disinfettare la sede d iniezione con l altro batuffolo Impugnare la siringa come una penna Sollevare una plica di tessuto Pungere la pelle con inclinazione compresa tra i 45 ed i 90 Aspirare leggermente Se si aspira un po di sangue estrarre l ago e gettare il tutto ripetendo da capo tutta la tecnica Se con l aspirazione non esce il sangue procedere all iniezione dell insulina lentamente Aspettare qualche secondo Estrarre l ago per 2-3 millimetri e attendere 10 secondi Estrarre completamente l ago Tamponare con cotone e disinfettante Non massaggiare COME MISCELARE DUE INSULINE (RAPIDA E LENTA) Disinfettare i due cappucci d insulina Fare la prova del pistone alla siringa Aspirare tanta aria quante unità servono d insulina lenta Immettere l aria nel flaconcino della lenta Sfilare l ago dal flacone Aspirare tante unità d aria quante ne servono d insulina rapida Immettere l aria nel flacone della rapida tenendo anche questo flacone appoggiato su un piano con la siringa perpendicolare al tappo Senza sfilare l ago capovolgere l insieme flacone-siringa e porlo all altezza degli occhi tenendolo con una mano Aspirare l insulina rapida pari alle unità da iniettare Picchiettare lungo la camicia della siringa per togliere eventuali bolle d aria aiutandosi col pistone Ricontrollare l esattezza delle unità aspirate Togliere l ago dal flacone mantenendolo ancora capovolto Tenendo saldo il pistone pungere adesso il tappo del flacone dell insulina lenta mantenendolo capovolto Aspirare le unità occorrenti Rimuovere l ago dal flacone ancora capovolto Procedere immediatamente all iniezione Da ricordare: aspirare sempre prima la rapida e poi la lenta per evitare la contaminazione dei flaconi! Se si contamina il flacone di rapida (limpida) con la lenta (torbida) si deve gettare il flacone e ricominciare daccapo sostituendo tutto il materiale.

31 TECNICA D INIEZIONE CON PENNA La penna è pronta all uso se: Contiene una fiala d insulina sufficiente e non scaduta Dopo l ultimo cambio di fiala si è fatta uscire una goccia d insulina dall ago L ago è saldamente avvitato in sede Sono state selezionate, con l apposito comando, le unità d insulina occorrenti TECNICA PER SEQUENZA Lavarsi le mani Scoprire l area prescelta per l insulina Disinfettarla Togliere il cappuccio dalla penna e il proteggi-ago Impugnare la penna come per scrivere Pungere perpendicolarmente la pelle con decisione (meglio se in una plica sollevata) Iniettare l insulina premendo completamente il pulsante Attendere 3 o 4 secondi Ritirare l ago per 2 millimetri Contare fino a 10 secondi Togliere completamente l ago dalla cute Tamponare (mai massaggiare) Verificare che non ci sia fuoriuscita d insulina sia dalla sede d iniezione sia dall ago dopo che è stato estratto L AGO DEVE ESSERE USATO UNA SOLA VOLTA MONTANDOLO SUBITO PRIMA E SMONTANDOLO SUBITO DOPO L INIEZIONE LUOGHI D INIEZIONE Sedi iniezioni Glutei U.O.Pediatria & AGD Grosseto

32 [ sk 26] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO COME CI CONTROLLIAMO PER UN BUON CONTROLLO METABOLICO E IMPORTANTE VALUTARE: 1] GLICEMIA valore dello zucchero nel sangue 2] GLICOSURIA valore dello zucchero nelle urine 3] CHETONURIA 4] EMOGLOBINA GLICOSILATA presenza di chetoni nelle urine rispecchia la media delle glicemie negli ultimi 2-3 mesi GLICEMIA SI MISURA Prima di colazione Prima di pranzo Prima di cena 2 h dopo il pranzo 2 h dopo la cena Alle 3 del mattino IN FASE DI EQUILIBRIO 2-3 GLICEMIE AL GIORNO GLICOSURIA E PRESENTE QUANDO LA GLICEMIA SUPERA 180 MG/DL. HA UN SIGNIFICATO RETROSPETTIVO ED INDICA IL VALORE DELLA GLICEMIA NELLE ORE PRECEDENTI L ESAME AL RISVEGLIO Iperglicemia notturna PRIMA DI PRANZO PRIMA DI CENA Iperglicemia del mattino Iperglicemia del pomeriggio 1

33 CHETONURIA E PRESENTE QUANDO PER MANCANZA DI INSULINA LA CELLULA ANZICCHE UTILIZZARE GLI ZUCCHERI, UTILIZZA I GRASSI I CUI PRODOTTI DI DISGREGAZIONE SONO I CHETONI CERCARE I CHETONI QUANDO LA GLICEMIA SUPERA 300 mg/dl ACETONE A RISCHIO ACETONE NON A RISCHIO +++ ACETONE +++ GLICOSURIA +++ ACETONE NO GLICOSURIA INIETTARE INSULINA PRONTA 10% della dose giornaliera ogni 2 ore finché la glicemia non scende sotto i 200 mg/dl EMOGLOBINA GLICATA Controllare ogni 3 mesi 2

34 Sk 27 &$0326&82/$3(5%$0%,1,&21',$%(7( GROSSETO,32*/,&(0,$ E un insiem e di sintom i che si presentano quando si abbassa la glicem ia, Non è legata ad un valore preciso di glicem ia x i i /(**(5$ i i i Fam e eccessiva Aum ento frequenza cardiaca Mal di testa Sudorazione eccessiva Trem ori alle gam be x 0(',$ i i Alterazioni del com portamento (crisi di rabbia, di pianto, di riso) Vista annebbiata x *5$9( i i Perdita di conoscenza Convulsioni,32 I nsulina in eccesso &$86( Or ar io del past o salt at o At t ivit à f isica eccessiva (ORXVR

35 IPOGLICEMIA COSA FACCIO? ASSUMO IMMEDIATAMENTE 15 GR. DI ZUCCHERI A RAPIDO ASSORBIMENTO (Uno solo dei seguenti alimenti) 3 CUCCHIAINI DA THE DI ZUCCHERO 1 BICCHIERE DI LATTE (200 ml) + 1 ZOLLETTA DI ZUCCHERO Ä BICCHIERE (100 ml) DI SUCCO DI FRUTTA 3 ZOLLETTE DI ZUCCHERO 1 BICCHIERE E Ä (300 ml) DI LATTE 1 BICCHIERE (200 ml) DI COCA- COLA 1 MELA 1 CUCCHIAIO DA MINESTRA DI MIELE O MARMELLATA Se i sintomi NON si attenuano dopo 15 minuti, assumere nuovamente 15 gr. di zuccheri semplici Con la scomparsa dei sintomi ed al ritorno della glicemia normale assumere grammi di zuccheri a lento assorbimento 30 gr. di pane 3 fette biscottate 4 biscotti marie 20 gr. di grissini 3 crackers ASPETTARE MINUTI PRIMA DI RIPRENDERE LE ATTIVITA PRECEDENTI

36 [ sk 28] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Collegare con una linea continua tutti gli alimenti che contengono ZUCCHERI SEMPLICI. La linea deve unire due caselle con un lato comune, non in diagonale. INIZIO Miele Mela Uovo Formaggio Burro Patate Pane Zucchero Pollo Riso Insalata Sedano Pasta Succco di frutta Latte Coca Cola Hamburger Prosciutto Crackers Piselli Salame Marmellata Caramelle Maionese Carciofi Carote Fette biscottate Pera Uva Pesce Grissini Mortadella Bistecca Cioccolata FINE

37 [ sk 29] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Collegare con una linea continua tutti gli alimenti che contengono ZUCCHERI COMPLESSI La linea deve unire 2 caselle con un lato comune, non in diagonale. INIZIO Pasta Pane Mela Pesce Piselli Cioccolata Maionese Crackers Pizza Hamburger Latte Würstel FormaggioProsciutto Grissini Riso Patate Uva Arance Burro Uovo Sedano Biscotti Salame Bistecca Pesca Insalata Carote Fette bisc. Pollo Banana Coca Cola Caramelle Cioccolata FINE

38 [ sk 30] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Collegare con una linea continua tutti gli alimenti che contengono FIBRE. La linea deve unire due caselle con un lato comune, NON in diagonale. INIZIO Carote Mela Carciofi Formaggio Uovo Yogurt Burro Insalata Bistecca Spinaci Banana Pera Pane integrale Gelato Riso integrale Pollo Prosciutto Latte Hamburger Arance Piselli Sedano Uva FINE

39 CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO GLI ZUCCHERI: SI DISTINGUONO IN DUE TIPI A RAPIDO ASSORBIMENTO ZUCCHERO MIELE SUCCHI DI FRUTTA GELATI E DOLCI A LENTO ASSORBIMENTO PANE PASTA RISO COME VARIA LA GLICEMIA CON ZUCCHERI SEMPLICI La glicemia aumenta dopo CON ZUCCHERI COMPLESSI La glicemia aumenta dopo 10 minut i 1 or a PER VARIARE LA TUA ALIMENTAZIONE PUOI SCAMBIARE Frutta con Frutta o Gelati Verdura con Verdura Pane con Patate o Pasta o Legumi secchi Si scambiano: Zuccheri semplici con Zuccheri Semplici Zuccheri Complessi con Zuccheri Complessi Esempi Se vuoi un gelato a pranzo o a cena RINUNCI ALLA FRUTTA Se vuoi più pasta a pranzo MANGI MENO PANE Se vuoi le patatine fritte RINUNCI AL PANE o mangi meno pasta ZUCCHERI 55,0% Alimentazione corretta Grassi 15,0% Proteine 30,0%

40

41 [ sk 33 ] CAMPO SCUOLA PER BAMBINI CON DIABETE GROSSETO Ognuno di noi ha bisogno, ogni giorno, di una DETERMINATA QUANTITA DI ENERGIA che dipende da: Peso corporeo Metabolismo basale Attività fisica Particolari condizioni fisiologiche (accrescimento, gravidanza, allattamento) Il bilancio energetico è dato dal rapporto tra CALORIE INTRODOTTE e CALORIE CONSUMATE Se prevalgono le calorie introdotte si avrà un sovrappeso Se prevalgono le calorie consumate si avrà un dimagrimento Quindi, ognuno di noi deve sapere qual è il suo FABBISOGNO CALORICO e quante calorie forniscono gli alimenti che mangia 1

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Informazioni per la scuola

Informazioni per la scuola A.G.D. Informazioni per la scuola 1 Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante che il personale scolastico sia a conoscenza che uno degli allievi è diabetico

Dettagli

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1)

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Anche i bambini possono avere il diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante

Dettagli

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini Guida per conoscere ed affrontare serenamente il diabete di tipo 1 all esordio sommario Controllo glicemico 04 Cos è l emoglobina glicata (HbA1C)? 05

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA NSULNA L NSULNA viene somministrata sottocute tramite iniezioni con apposite siringhe monouso o penne da insulina. COME S CONSERVA L NSULNA? L insulina di scorta si conserva nella parte bassa del frigo

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica 1 Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica Data / / Studio No RND NB: Si prega di mettere un pallino nella casella usando la matita che vi viene consegnata Questionario

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER EDUCATORI

QUESTIONARIO PER EDUCATORI www.okkio3a.liguria.org Codice ID questionario _ _ _ _ _ _ _ _ ASL Scuola Classe QUESTIONARIO PER EDUCATORI 1. Elenca alcuni alimenti o bevande che contengono zuccheri: 2. Hai l abitudine di fare la colazione

Dettagli

Diabete e situazioni particolari

Diabete e situazioni particolari Diabete e situazioni particolari MALATTIE, VIAGGI E FESTE Lilly Che succede se mi ammalo? Quando si è ammalati è necessario curarsi con attenzione per evitare complicanze o un aumento della glicemia. QUALUNQUE

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente.

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. a cura di Giuseppe Chiumello con la collaborazione di Riccardo Bonfanti, Franco Meschi e Matteo Viscardi Centro Regionale

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA.

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA. INTRODUZIONE Da un indagine condotta dal CONI Provinciale di Milano, risulta che 3 bambini su 10 sono in sovrappeso e obesi. Ciò è dovuto soprattutto ad abitudini alimentari errate e a un eccessiva sedentarietà.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche PER L AUTOSOMMINIS DI INSULINA

Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche PER L AUTOSOMMINIS DI INSULINA Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche MANUALE ALE DI ISTRU TRUZIONI PER L AUTOSOMMINIS TOSOMMINISTRA TRAZIONE DI INSULINA L INSULINA L insulina è un ormone proteico secreto da cellule del pancreas,

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( )

un bambino ( ) a che ora parti da casa per andare a scuola Spesso ( ) ( ) INDOVINA COSA MANGIO Ciao! La Commissione Mensa, composta dai genitori di alcuni ragazzi che frequentano la tua stessa scuola, si occupa di ciò che mangi in mensa. Il suo obiettivo è quello di migliorare

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN MONTAGNA. Alessandro Berretti: istruttore sezionale

ALIMENTAZIONE IN MONTAGNA. Alessandro Berretti: istruttore sezionale ALIMENTAZIONE IN MONTAGNA Alessandro Berretti: istruttore sezionale scopi dell'alimentazione suddivisone degli alimenti e loro caratteristiche fabbisogno idrico e calorico alimenti di uso comune in montagna

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO CivitilloOsteopathicCenter ServiziodiOsteopatiadelloSport info@osteopatiacivitillo.com Tel0823/1688251Cell335/8437244 L ALIMENTAZIONEDELLOSPORTIVO Un corretto piano alimentare deve essere interamente integrato

Dettagli

Diabete Chiavi in mano

Diabete Chiavi in mano Diabete Chiavi in mano Gestione metabolica e clinica della malattia diabetica e prevenzione delle complicanze MANUALE PER LA TERAPIA INSULINICA CON INIETTORI A PENNA Nel soggetto non diabetico due sono

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI

PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI Booklet_8_emergenza_def_rete:Layout 1 21/04/10 10:39 Pagina 1 PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI DELLE PERSONE CON DIABETE LOGO _ ORIGINALE / RIDUZIONE PER LEGGIBILITA' Con il Patrocinio di: 09/04/2010 Booklet_8_emergenza_def_rete:Layout

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 Inf.Loredana Guidozzi Centro Regionale di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica Responsabile Dott.ssa S. Toni EDUCAZIONE TERAPEUTICA : L Educazione Terapeutica nasce negli

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Iniezione

Il decalogo del diabetico. L Iniezione I L Iniezione L insulina è un ormone prodotto dalle beta cellule delle isole di Langherans del pancreas, necessario per l utilizzo del glucosio e per mantenere normale la concentrazione di zucchero nel

Dettagli