PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)"

Transcript

1 PIANO Lauree Scientifiche (IMIA) Università degli Studi di Napoli Federico II POLARITA E MISIBILITÀ DI LIQUIDI PREMESSA Le caratteristiche e la solubilità delle sostanze sono influenzate dalla natura dei legami esistenti tra gli atomi e tra le molecole di cui esse sono costituite e inoltre, quando sono in soluzione, dalla natura dei solventi che possono essere polari, poco polari o apolari. on questa esperienza si vuole far comprendere il concetto di polarità e di simmetria nelle molecole attraverso l uso di sostanze facilmente reperibili. In particolare, si osserverà il comportamento di liquidi diversi (acqua, acetone e alcol etilico) nei confronti di un campo elettrostatico positivo e negativo e che cosa accade quando questi vengono mescolati tra loro. Si sperimenterà, inoltre, la solubilità di solidi in liquidi con polarità diversa OBIETTIVI - Riconoscere la polarità di una sostanza usando un campo elettrostatico - Esaminare gli effetti della polarità delle molecole a) sulla miscibilità b) sulla solubilità Nella sezione QUALOSA IN PIÚ.. si riporta un modo semplice per confrontare la diversa densità di liquidi immiscibili e separarli. ENNI TEORII - Una molecola polare è una molecola che è dotata di un dipolo elettrico. Molecole polari hanno interazioni elettriche, molto più forti che nelle molecole apolari, fra di loro e con altre sostanze polari. - La polarità è dovuta alla presenza di legami polari e alla geometria molecolare. - Un legame è polare quando c'è differenza di elettronegatività fra gli atomi legati - Se ci sono diversi legami polari in una molecola, i loro dipoli si sommano vettorialmente. Questo può dar luogo a un dipolo risultante, come nell'acqua. - Se la molecola è simmetrica, la somma vettoriale dei dipoli può essere zero e dar luogo a una molecola non polare, come il biossido di carbonio o il tetracloruro di carbonio. - Molecole polari sono attratte da un corpo elettrizzato. - Liquidi polari si mescolano facilmente fra di loro, come pure si mescolano fra di loro liquidi non polari. E' difficile mescolare liquidi polari e non polari. - Anche i solidi, se sono polari (fino al limite di ionici) si sciolgono di solito in solventi polari (acqua). Solidi non polari si sciolgono preferibilmente in solventi non polari (macchie di grasso si eliminano con la benzina). MATERIALE OORRENTE una bacchetta di ebanite (o penna Bic) una bacchetta di legno o di vetro 1 buretta 16 provette 1 cilindro in vetro graduato con becco da 10 ml panno di lana 1 imbuto di vetro 1

2 1 becher pennarello vetrografico o etichette 3 pipette-pasteur con gommini n-esano ml alcol etilico ml diclorometano ml acqua distillata 300 ml naftalene (naftalina) mg (mezzo cucchiaino) saccarosio (comune zucchero da tavola) mg (mezzo cucchiaino) cloruro di sodio (sale da cucina) mg (mezzo cucchiaino) blu di metilene (pochi mg) tetrafenilporfirina (pochi mg) un phono PROEDIMENTO PARTE PRIMA In questa prima parte si effettuano osservazioni sul comportamento di alcuni liquidi in presenza di un campo elettrostatico. POLARITA DEI LIQUIDI a) In una buretta si versano ml di acqua. Si strofinano le bacchette con un panno di lana; si apre il rubinetto della buretta avvicinando al sottile getto d acqua ciascuna bacchetta. osa si nota avvicinando la bacchetta di ebanite (o penna bic)? osa si nota avvicinando la bacchetta di legno (o di vetro)? b) In una altra buretta si versano ml di esano. Si strofinano le bacchette con un panno di lana; si apre il rubinetto della buretta avvicinando al sottile getto d esano ciascuna bacchetta. osa si nota avvicinando la bacchetta di ebanite (o penna bic)? osa si nota avvicinando la bacchetta di legno (o di vetro)? c) Svuotare la buretta, asciugare con soffio d aria sotto cappa e ripetere l esperimento b) con alcol etilico. Si annota il comportamento nella tabella: Sostanze Bacchetta di ebanite (o penna bic) n esano alcol etilico acqua Bacchetta di legno (o vetro) Polarità -Esaminare le formule di struttura dei liquidi utilizzati riportati nell appendice e giustificare il loro comportamento nei confronti del campo elettrostatico. PARTE SEONDA In questa seconda parte si osserva il comportamento di alcuni liquidi in riferimento alla loro miscibilità. MISIBILITA DI LIQUIDI -Preparare 4 provette e in ognuna versare 3 ml di acqua. -Aggiungere in ogni provetta 2 ml dei liquidi riportati nella tabella identificandoli con un pennarello vetrografico (o etichette). -Agitare ciascuna miscela ottenuta, riporre la provetta nel portaprovetta ed attendere circa 1 minuto. -Osservare il comportamento (miscibile, non-miscibile) delle 3 miscele e riportarlo nella prima riga della tabella. -Si ripete l operazione per gli altri 2 solventi (alcol etilico e n-esano). Acqua alcol etilico n-esano diclorometano Acqua alcol etilico n-esano 2

3 Discutere i risultati riportati in tabella sulla base delle strutture dei liquidi esaminati riportate in appendice e alla luce delle conclusioni della PRIMA PARTE. Nelle miscele eterogenee i due liquidi si separano e stratificano perché hanno densità diverse. - Osservare le provette e sulla base dei volumi usati determinare chi si stratifica sopra, ed è quindi il meno denso, e chi si stratifica sotto ed è quindi il più denso. - onfrontare con i dati di densità dei liquidi usati riportati nei testi. QUALOSA IN PIÚ E possibile confrontare, nelle miscele eterogenee realizzate precedentemente, la densità dei diversi liquidi, nonostante essi siano incolori e quindi inizialmente indistinguibili. Nella scheda sono stati utilizzati volumi diversi. Si può anche procedere come di seguito: -si aggiunge un ml di acqua e si verifica quale dei due liquidi nella provetta aumenta di volume e quindi qual è l acqua. Osservando se essa è stratificata sopra o sotto l altro liquido si può affermare se la densità del secondo liquido sia maggiore o minore di quella dell acqua; -si può aggiungere una piccolissima quantità di un colorante come il blu di metilene, che si scioglie in acqua e non nei solventi organici apolari. I due liquidi avranno a quel punto diverso colore e si potrà distinguere quale di essi, stratificato in basso, ha densità maggiore. Due liquidi immiscibili e di diversa densità possono essere separati servendosi di un imbuto separatore PARTE TERZA In questa sezione si osserva il comportamento di alcune sostanze solide in liquidi con diversa polarità. SOLUBILITA DI ALUNE SOSTANZE -Preparare tre beker contenenti 5 ml di acqua (solvente polare)e aggiungere, rispettivamente, una punta di spatola (ca. 300 mg) di naftalene, di saccarosio e di cloruro di sodio, identificando i diversi soluti con un pennarello vetrografico o un etichetta. -Agitare ciascuna miscela. -Riportare il comportamento (solubile, non-solubile) delle miscele nella tabella che segue. -Ripetere con n-esano (solvente apolare) acqua n-esano naftalene saccarosio cloruro di sodio Discutere i risultati ottenuti confrontando le strutture delle sostanze utilizzate con quelle dei solventi riportate in appendice. PARTE QUARTA In questa sezione si sperimenta come la diversa solubilità di sostanze in liquidi immiscibili può essere sfruttata per separarle. I solventi utilizzati sono acqua e diclorometano (cfr. il risultato ottenuto nella PARTE SEONDA quando alla provetta con acqua è stato aggiunto 1 ml di diclorometano) SOLUBILITÀ E TENIE DI SEPARAZIONE Sono a disposizione tre beute contenenti soluzioni in diclorometano di A- blu di metilene* B- tetrafenilporfirina 3

4 - blu di metilene e tetrafenilporfirina 1) Prelevare e mettere in una provetta 2 ml della soluzione A, aggiungere 3 ml di acqua e agitare osa si osserva? La fase acquosa è colorata in La fase diclorometanica è colorata in 2) Prelevare e mettere in una provetta 2 ml della soluzione B e aggiungervi 3 ml di acqua e agitare. osa si osserva? La fase acquosa è colorata in La fase diclorometanica è colorata in 3) Prelevare e mettere in una provetta 2 ml della soluzione e aggiungervi 3 ml di acqua e agitare. osa si osserva? La fase acquosa è colorata in. La fase diclorometanica è colorata in ommentare i risultati alla luce della polarità dei solventi e dei soluti. In alternativa al punto 3) avendo a disposizione un imbuto separatore si può procedere con la separazione della miscela 3) non aspirando con la pasteur ma utilizzando questa apparecchiatura. Si informerà lo studente che tale tecnica si chiama estrazione liquido-liquido ed è una importante procedura utilizzata nella normale pratica di laboratorio. Due liquidi immiscibili e di diversa densità possono essere separati: questa operazione si effettua utilizzando un imbuto separatore come quello riportato di fianco. 3bis) Si versa la miscela 3) nell imbuto mantenuto ad un sostegno utilizzando un imbutino di vetro. -si aggiungono 1 ml di cloruro di metilene e 2 ml di acqua. -si dibatte, si lascia stratificare. -si apre il rubinetto e lentamente si fa scendere in un becher la prima fase (quale?) fino a quando il menisco di separazione raggiunge il rubinetto che, a quel punto,viene chiuso. La parte restante viene recuperata dal rubinetto superiore (perché?) *N.B. E necessario preparare una soluzione diluita (di colore celeste) per evitare che parte del colorante (se in grande quantità) rimanga in diclorometano. N.B. Le soluzioni di blu di metilene e di tetrafenilporfirina devono essere preparate prima dell esercitazione e mescolate solo al momento dell uso QUALOSA IN PIÚ In questa parte lo studente verificherà che le soluzioni sature rappresentano situazioni di equilibrio dinamico. 4

5 Visualizzazione dell equilibrio dinamico in una soluzione satura - un barattolo di vetro con coperchio - Sale grosso da cucina, acqua distillata a) Pesare circa 70/80 g di sale grosso da cucina e metterli in un barattolo con circa 100 ml di acqua distillata. hiudere bene il barattolo, agitare bene per far sciogliere il sale (per quanto possibile) e successivamente lasciare riposare tutto il sistema per un giorno intero. b) Riprendere il barattolo con cautela e, dopo aver verificato la presenza di un corpo di fondo ben visibile, osservare attentamente la forma del deposito (Tale osservazione può essere fatta dall alto del barattolo, togliendo il coperchio o, molto meglio, osservando il contorno del deposito dal lato esterno del barattolo. Eventualmente può essere utile fotografarlo). c) Dopo almeno 5-6 ore, oppure anche il giorno successivo, osservare nuovamente: si noterà che il contorno del deposito è visibilmente mutato, pur senza che sia visibilmente mutata la quantità complessiva del deposito stesso. (L esperienza può essere portata avanti anche per diversi giorni, e si noterà ogni volta il mutamento della forma accompagnato però della costante persistenza del deposito sul fondo). ---ome si può spiegare questo fenomeno? In una soluzione acquosa è importante ricordare che un soluto può essere ionico o molecolare. L insegnante che voglia dimostrare la presenza di ioni lo potrà fare con una esperienza di conducibilità elettrica, costruendo un circuito contenente in serie una pila, una lampadina e la soluzione. La conducibilità elettrica si rivelerà osservando se si accende la lampadina 5

6 APPENDIE O O l l 2 O 3 2 O l 2 Acqua etanolo n-esano diclorometano Na + l - cloruro di sodio Naftalene Formula di struttura abbreviata del naftalene Rappresentazione a linee ed angoli: modo abbreviato di disegnare formule di struttura in cui un vertice rappresenta un atomo di carbonio ed una linea un legame. Saccarosio Blu di metilene Tetrafenilporfirina 6

7 Questionario: In questa parte sono forniti ulteriori quesiti da cui il docente potrà attingere per verificare la comprensione dell argomento trattato Le molecole polari presentano un dipolo. osa sta ad indicare questa affermazione? A cosa è dovuta la polarità delle molecole? Perché l acqua e l alcol etilico sono completamente miscibili tra loro? ome si può generalizzare il comportamento dei liquidi riguardo la miscibilità? ome si può generalizzare il comportamento delle sostanze riguardo la solubilità? ome si può determinare, senza fare calcoli, la densità relativa di diversi liquidi? Affinché una molecola sia polare, l'esistenza in essa di legami covalenti polari è: A) ondizione né necessaria né sufficiente B) ondizione sufficiente, ma non necessaria ) ondizione necessaria e sufficiente D) ondizione necessaria, ma non sufficiente Ordinare le seguenti formule per polarità crescente delle molecole: N O F Nella serie F l Br I il momento dipolare è decrescente. Mettere in relazione questo fatto con la posizione degli elementi nel sistema periodico. Il legame B-F è indubbiamente polare. Spiegare perché il momento dipolare di BF 3 è nullo, e confrontare con la molecola di PF 3 il cui momento dipolare è diverso da zero. Il saccarosio, uno zucchero solido molecolare, si scioglie nell'acqua. Perché? Progettare un'esperienza che metta in relazione la solubilità o la miscibilità di due sostanze con le variazioni di temperatura e di pressione. osa si potrebbe misurare con quest'esperienza? Il tetraclorometano (tetracloruro di carbonio) è una sostanza apolare al contrario del triclorometano che è polare. Spiegare la ragione di questa differenza. L'alcol etilico è un buon solvente del saccarosio. A quali tipi di legami intermolecolari è dovuta questa proprietà? ome potrebbe essere separata una miscela di acqua e n-esano? Mescolando acqua, alcol etilico e tetracloruro di carbonio si ottiene una miscela con una, due o tre fasi? Spiegare perché un grasso si scioglie in n-esano. Il n-eptano ( 7 16 ) è un idrocarburo che bolle a 98. L'acetone ( 3 O 3 ) bolle invece a 56. Perché l'acetone, nonostante sia polare, bolle a temperatura più bassa? 7

8 SEDE DI SIUREZZA a) ALOOL ETILIO Formula: 3 2 O / 2 6 O Peso molecolare 46,10 g/mol Stato Fisico, Aspetto: Liquido incolore, con odore caratteristico. PERIOLI FISII: Il vapore si miscela bene con aria, si formano facilmente miscele esplosive PERIOLI IMII: Reagisce lentamente con ipoclorito di calcio, ossido d'argento e ammoniaca causando pericolo di incendio e esplosione. Reagisce violentemente con forti ossidanti causando pericolo di incendio ed esplosione. VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione dei suoi vapori e per ingestione. RISI PER INALAZIONE: Una contaminazione dannosa dell'aria sarà raggiunta abbastanza lentamente per evaporazione della sostanza a 20. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: La sostanza e' irritante per gli occhi. La sostanza può determinare effetti sul fegato, sui reni e sul sistema nervoso centrale, causando stato di incoscienza. E' indicata l'osservazione medica. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: ontatti ripetuti o prolungati con la cute possono causare dermatiti. E' possibile che questa sostanza sia cancerogena per l'uomo. PREVENZIONE Guanti protettivi. Vestiario protettivo Occhiali protettivi a mascherina.. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. UTE Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. OI Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente) quindi contattare un medico. INGESTIONE Risciacquare la bocca. Sottoporre all'attenzione del medico. 8

9 SMALTIMENTO Non immettere il prodotto nelle fognature Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata b) n-esano Formula: 6 14 Peso molecolare 86,20 g/mol Stato Fisico, Aspetto: Liquido incolore volatile, con odore caratteristico. PERIOLI FISII: Il vapore è più pesante dell'aria e può spostarsi lungo il suolo; è possibile una accensione a distanza. PERIOLI IMII: Reagisce con forti ossidanti causando pericolo incendio e esplosione. Attacca alcune plastiche, gomma e rivestimenti. VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione dei suoi vapori e per ingestione. RISI PER INALAZIONE: Una contaminazione dannosa dell'aria può essere raggiunta assai rapidamente per evaporazione della sostanza a 20. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: La sostanza e' irritante per la cute Se il liquido viene ingerito, l'aspirazione nei polmoni può portare a polmonite chimica. L'esposizione ad elevate concentrazioni potrebbe provocare attenuazione della vigilanza. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: ontatti ripetuti o prolungati con la cute possono causare dermatiti. La sostanza può avere effetto sul sistema nervoso centrale e sistema nervoso periferico, causando polineuropatia. Test su animali indicano la possibilità che questa sostanza possa causare tossicità per la riproduzione o lo sviluppo umano. PREVENZIONE Guanti protettivi. Vestiario protettivo Occhiali protettivi a mascherina, visiera, o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. Sottoporre all attenzione del medico. UTE Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. Sottoporre all attenzione del medico. OI 9

10 Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente) quindi contattare un medico. INGESTIONE Risciacquare la bocca. NON indurre il vomito. Riposo. Sottoporre all'attenzione del medico. MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE La sostanza è tossica per gli organismi acquatici. SMALTIMENTO Non immettere il prodotto nelle fognature Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata c) DILOROMETANO (cloruro di metilene) Formula: 2 l 2 Peso molecolare: 84,93 g/mol Stato Fisico, Aspetto: liquido incolore con odore di cloro. PERIOLI IMII: La sostanza reagisce, a temperature elevate, con alluminio e zinco. Genera prodotti di decomposizione dannosi: acido cloridrico, monossido di carbonio, andride carbonica. VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione dei suoi vapori, per ingestione e per contatto con occhi e pelle. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: L'ingestione e l'inalazione possono essere nocive. Il contatto con la pelle non provoca danno. Il contatto con gli occhi può provocare irritazioni. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: Vi è un sospetto di attività cancerogena: gli esperimenti su animali non sono facilmente estrapolabili all'uomo. Usare le opportune cautele. PREVENZIONE Guanti protettivi. Vestiario protettivo. Visiera, o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. Sottoporre all'attenzione del medico se ci sono disturbi. UTE Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. Sottoporre all'attenzione del medico se ci sono irritazioni persistenti. OI 10

11 Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente). ontattare un medico in presenza di irritazioni. INGESTIONE ontattare un medico in caso di persistenza di sintomi di malessere. MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE La sostanza è pericolosa per le acque. SMALTIMENTO Non immettere il prodotto nelle fognature Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata d) NAFTALENE Formula: 10 8 Peso molecolare 128,18 g/mol Stato fisico;aspetto: Solido in varie forme, bianco, con odore caratteristico. PERIOLI FISII: In forma pulverulenta o granulare, è possibile l'esplosione della polvere miscelata con aria. PERIOLI IMII: Alla combustione, forma gas tossici e irritanti. Reagisce con forti ossidanti VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione, attraverso la cute e per ingestione RISI PER INALAZIONE: Una contaminazione dannosa dell'aria sarà raggiunta abbastanza lentamente per evaporazione della sostanza a 20. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: La sostanza può determinare effetti sul sangue, causando lesioni alle cellule ematiche (emolisi). Gli effetti possono essere ritardati. L'esposizione per ingestione può portare alla morte. E' indicata l'osservazione medica. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: La sostanza può avere effetto sul sangue, causando anemia emolitica cronica. La sostanza può avere effetto sugli occhi, causando sviluppo di cataratta. E' possibile che questa sostanza sia cancerogena per l'uomo PREVENZIONE Guanti protettivi. Occhiali di sicurezza. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. Lavarsi le mani prima di mangiare. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. Sottoporre all'attenzione del medico. 11

12 UTE Sciacquare la cute con abbondante acqua o con una doccia. OI Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente), quindi contattare un medico. INGESTIONE Riposo. Sottoporre all'attenzione del medico. MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE La sostanza è molto tossica per gli organismi acquatici. La sostanza può causare effetti a lungo termine nell'ambiente acquatico. SMALTIMENTO Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata Non smaltire il prodotto insieme ai rifiuti domestici Non immettere nelle fognature e) SAAROSIO Formula: O 11 Peso molecolare 342,30 g/mol Stato fisico;aspetto: Solido in varie forme, bianco. PERIOLI FISII: In forma pulverulenta o granulare, è possibile l'esplosione della polvere miscelata con aria. PERIOLI IMII: Reagisce con forti ossidanti causando pericolo di incendio. VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione e per ingestione. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: Può causare irritazione meccanica. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: La sostanza può avere effetto sui denti, causando carie dentali ontatti ripetuti o prolungati con la cute possono causare dermatiti. PREVENZIONE Guanti protettivi. Occhiali protettivi a mascherina. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. 12

13 UTE Sciacquare la cute con abbondante acqua o con una doccia. OI Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente), quindi contattare un medico. f) BLU DI METILENE Formula: ln 3 S. 2 O Peso molecolare: 319,85 g/mol (anidro). Stato Fisico, Aspetto: liquido scuro, blu. PERIOLI FISII: Durante la combustione sono emessi fumi tossici. VIE DI ESPOSIZIONE: La sostanza può essere assorbita nell'organismo per inalazione dei suoi vapori e per ingestione. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: La sostanza è nociva per ingestione, irritante per la pelle e per gli occhi. L inalazione di vapori può causare nausee e cefalee. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: L ingestione di grandi quantità provoca irritazione delle vie urinarie. Non si scartano altre caratteristiche pericolose. PREVENZIONE Guanti protettivi. Vestiario protettivo. Occhiali protettivi a mascherina. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. PRIMO SOORSO INALAZIONE Trasportare la persona all aria aperta. UTE Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua abbondante. OI Sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente). INGESTIONE Bere abbondante acqua. Provocare il vomito. hiedere l aiuto di un medico. SMALTIMENTO Non immettere il prodotto nelle fognature. Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata. 13

14 g) TETRAFENILPORFIRINA Formula: N 4 Peso molecolare: 614,74 g/mol Stato Fisico, Aspetto: solido viola scuro. La sostanza non è classificata come pericolosa. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE A BREVE TERMINE: L'ingestione non provoca danno. Il contatto con gli occhi può provocare arrossamenti e lacrimazione. Può essere pericoloso il contatto con ferite aperte. L'inalazione, ad alte concentrazioni, può essere pericolosa per persone con alterate funzionalità respiratorie. EFFETTI DELL'ESPOSIZIONE RIPETUTA O A LUNGO TERMINE: ontatti ripetuti o prolungati non provocano alterazioni croniche della salute. L'esposizione a lungo termine ad elevate concentrazioni di polveri può alterare le funzionalità polmonari. PREVENZIONE Guanti protettivi. Vestiario protettivo. Visiera, o protezione oculare abbinata a protezione delle vie respiratorie. Non mangiare, bere o fumare durante il lavoro. PRIMO SOORSO INALAZIONE Aria fresca, riposo. Sottoporre all'attenzione del medico se ci sono irritazioni. UTE Rimuovere i vestiti contaminati. Sciacquare e poi lavare la cute con acqua e sapone. Sottoporre all'attenzione del medico se ci sono irritazioni. OI Prima sciacquare con abbondante acqua per alcuni minuti (rimuovere le lenti a contatto se è possibile farlo agevolmente). ontattare un medico in presenza di irritazioni. INGESTIONE Bere subito un bicchiere d'acqua. Sottoporre all'attenzione del medico in caso di dubbi. SMALTIMENTO Non immettere il prodotto nelle fognature Riciclare se possibile o rivolgersi ad azienda specializzata 14

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No.: 515 9152, 515 90, 515 927, 515 94, 515 96, 515 941, 515 958, 515 959, 515 965,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

: perma High temp. grease SF03

: perma High temp. grease SF03 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/5 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 203086 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA Scheda di sicurezza Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No 590 285, 590 2842, 590 2859, 590 290, 590 20 Utilizzazione della sostanza/preparato

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 56Z011898, 56P011820 Numero CAS: 7681-11-0 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART A Codice prodotto :

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA . SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del Prodotto: Foglio numero: 777200 1. 0. 0 Codice del Prodotto: 777200

Dettagli

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tel. 041.56.76.041 Fax. 041.89.44.178 mistretta-delorenzi@libero.ti www.mistrettasrl.com SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tipo confezione: Tappo: Codice di Vendita:

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010 2/09 18.10.2011 4 RLAB DG RLAB 1 di 7 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Identificazione del preparato: Nome commerciale ALCOOL ETILICO DENATURATO 90 AMACASA / Prim / LINDOR

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Informazioni sul prodotto Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli