Registrazioni IVA particolari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Registrazioni IVA particolari"

Transcript

1 Registrazioni IVA particolari Tra le operazioni IVA, alcune necessitano di particolari modalità di registrazione. Le casistiche IVA prese in considerazione sono le seguenti: Operazioni intracomunitarie Operazioni con San Marino/Vaticano Acquisti di Oro/Argento Acquisti di Rottami Importazioni e bolle doganali (incluse bolle doganali per acquisto di Oro/Argento, Rottami, fattura spedizioniere, fattura fornitore estero) Operazioni di acquisto/cessione di oro e argento e di Rottami Prestazioni art. 17 c.6 Acquisti e vendite beni art. 74 c.1 (sistema monofase) Cessione omaggi di beni rientranti e non rientranti nell'attività di impresa Fatture in sospensione di imposta Costi e Ricavi fuori ambito IVA Fatture clienti già su registro corrispettivi Passaggi interni e Passaggi interni con attività in regime ventilante Tax-Free shopping cheque Documenti con totale pari a zero Documenti di sola IVA Cessioni di beni a San Marino Acquisti di tartufi da rivenditori occasionali Forniture di medicinali effettuate dai farmacisti Farmacia: Distinta contabile riepilogativa mensile Fatture di importo inferire a 154,94 euro Autofattura Tour operator Operazioni del margine occasionale Compensi corrisposti ai rivenditori autorizzati di biglietti viaggio e sosta Giochi di abilità e concorsi a pronostico Lotterie. Operazioni intracomunitarie Le operazioni intracomunitarie possono riferirsi: ad acquisti e cessioni di beni a prestazioni di servizi. Gli acquisti di beni intracomunitari devono essere annotati sia sul registro acquisti che sul registro vendite o sul registro corrispettivi. Per le operazioni riguardanti gli acquisti e le cessioni di oro/argento e di rottami si rimanda alle specifiche schede presenti nelle sezioni "Operazioni di acquisto/cessione di oro e argento" e "Operazioni di acquisto/cessione di Rottami". Per le operazioni riguardanti le prestazioni di servizi si rimanda alla specifica scheda "Servizi internazionali". Acquisto di beni intracomunitari Di seguito è riportata la sequenza operativa per gli acquisti di beni intracomunitari Gestione Ditte 1/107

2 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Intraue". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari; "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che intracomunitari. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione IntraUE" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Intraue". 7. Aggiornate il campo "Annotazione IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari; "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite nazionali/corrispettivi che intracomunitari. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni - Acquisti di beni intracomunitari Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "5 - Acquisto di beni UE" o "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 1. Richiamate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 2. Utilizzate qualsiasi codice IVA proposto in ricerca. 3. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA come "Beni UE". Cessione di beni intracomunitari Per le cessioni di beni intracomunitari procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni - Cessioni di beni intracomunitari 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito vendite specifico: "205 - Cessione beni UE" o "305 - Nota credito cessione beni UE". 2. Richiamate un cliente con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA con il titolo di non imponibilità corretto; la registrazione viene identificata ai fini IVA come "Beni UE". Operazioni con San Marino Le operazioni con San Marino possono riguardare sia scambi con l'italia, sia scambi con Paesi diversi dall'italia, ma che interessano comunque la dogana italiana. Nelle schede successive sono riportate le sequenze operative relative agli acquisti e alle cessioni con San Marino. Oro/argento e rottami Le operazioni di acquisto relative ad oro/argento e a rottami sono normali acquisti da San Marino da autofatturare. Mentre per le operazioni di cessione, si rimanda alle specifiche schede presenti nelle sezioni "Operazioni di acquisto/cessione di oro e argento" e "Operazioni di acquisto/cessione di Rottami". Servizi internazionali Per le operazioni riguardanti le prestazioni di servizi si rimanda alla specifica scheda "Servizi internazionali". 2/107

3 Anagrafica del partitario Nella sezione Dati anagrafici del partitario, nei Dati fiscali, deve essere indicata la nazionalità IVA UE sebbene San Marino non faccia parte del territorio comunitario (come definito dall'art. 7, c. 1, lett. b), DPR 633/1972). Questo è necessario perché la procedura riesca a compilare il Modello INTRA per le cessioni svolte verso questo stato. Come Stato UE dovrà essere impostato San Marino. Per poter indicare San Marino è possibile digitare lo stato SAN MARINO oppure richiamare l'elenco degli Stati esteri e azzerare il filtro sulla colonna APPARTENENZA UE. Acquisti senza indicazione dell'iva in fattura - Autofattura Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Autofatture". 3. Aggiornate il campo "Registro per annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano", indicando il tipo e il numero registro. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Autofatture S. Marino/Vaticano" per separare la numerazione delle autofatture S. Marino dagli altri acquisti. 5. Posizionatevi sul registro vendite e richiamate il tab "Autofatture", nel caso di annotazione sul registro vendite. 6. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano" per separare la numerazione delle autofatture S. Marino dalle normali registrazioni di vendite. Nel caso di annotazione sul registro corrispettivi l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano" è attivata di default. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "31 - Autofatture art. 17 c. 2 - S.Marino" "81 - Autofatture art. 17 c. 2 - S.Marino cod.ventilazione libero" "131 - Nota Credito art. 17 c. 2 - S.Marino" "181 - Nota Credito art. 17 c. 2 - S.Marino cod. ventilazione libero". 2. Richiamate un Fornitore con Nazionalità IVA = UE e con Stato UE = San Marino. 3. Utilizzate un codice IVA collegato ad un dei seguenti raggruppamenti IVA 28 - Autofatture - acquisti da ventilare Operazioni esenti art. 10 n. 11: oro e argento da investimento Acquisto beni ammort. S. Marino Autofatture art. 17 c Autofatture - Beni ammortizzabili Autofatture - Beni non ammortizzabili. 4. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA "Autofatture S. Marino" o "Autofatture ventil. San Marino". Acquisti senza indicazione dell'iva in fattura - Integrazione Servizi Contabili (SC3) - SISTEMI S.p.A. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Acquisti S.Marino". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti San Marino", indicando: "Solo acquisti San Marino" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti San Marino "Anche acquisti San Marino" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che con San Marino. 3/107

4 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti San Marino" se desiderate separare la numerazione degli acquisti San Marino dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione Acquisti San Marino" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Acquisti San Marino". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Acquisti San Marino", indicando: "Solo acquisti San Marino" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche acquisti San Marino" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite nazionali/corrispettivi che San Marino. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti San Marino" se desiderate separare la numerazione degli acquisti San Marino dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "13 - Integrazione fattura San Marino" "53 - Integrazione fattura San Marino - codice ventilazione libero" "113 - Nota credito integrazione fattura San Marino" "153 - Nota credito integrazione fattura San Marino - codice ventilazione libero". 2. Richiamate un Fornitore con Nazionalità IVA = UE e con Stato UE = San Marino. 3. Utilizzate un codice IVA NON specifico delle autofatture (es.: 22) o uno collegato ad uno dei seguenti raggruppamenti IVA: Operazioni esenti art. 10 n. 11: oro e argento da investimento Acquisto beni ammort. S. Marino. 4. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA "Integr/Autft S.Marino" o "Integ/autft.vent.SM". Acquisti con indicazione dell'iva in fattura Per gli acquisti di merci e di beni ammortizzabili da San Marino con imposta procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni (Regime IVA Normale) 1. Richiamate il tipo registrazione "1 - Fattura fornitori". 2. Richiamate un Fornitore con "Nazionalità IVA = UE" e "Stato UE = S. Marino". 3. Utilizzate il codice IVA specifico in caso di acquisto generico di merci da San Marino: a. SM04-4% - Acquisti da San Marino con imposta b. SM10-10% - Acquisti da San Marino con imposta c. SM20-20% - Acquisti da San Marino con imposta d. SM21-21% - Acquisti da San Marino con imposta e. SM22-22% - Acquisti da San Marino con imposta In caso di acquisto di un bene ammortizzabile utilizzate: SMB1-10% - Acquisti di beni ammortizzabili da San Marino con imposta SMBA - 20% - Acquisti di beni ammortizzabili da San Marino con imposta SMB2-21% - Acquisti di beni ammortizzabili da San Marino con imposta SMB3-22% - Acquisti di beni ammortizzabili da San Marino con imposta. Caricamento Registrazioni (Regime IVA Ventilante) 1. Richiamate il tipo registrazione "1 - Fattura fornitori". 2. Richiamate un Fornitore con "Nazionalità IVA = UE" e "Stato UE = S. Marino". 3. Utilizzate il codice IVA specifico: a. V021-20% - Acquisti da ventilare da San Marino con imposta b. V022-10% - Acquisti da ventilare da San Marino con imposta c. V023-4% - Acquisti da ventilare da San Marino con imposta d. V025-21% - Acquisti da ventilare da San Marino con imposta e. V027-22% - Acquisti da ventilare da San Marino con imposta. La registrazione viene identificata ai fini IVA come "Ventilazione". 4/107

5 Cessioni di beni Ai sensi dell'art. 71, c. 1 del DPR 633/72 e della Circolare Ministeriale 158/E dell'11/08/2000, per le cessioni di beni verso la Repubblica di San Marino, va annotata sul registro vendite, a margine della scrittura effettuata a fronte dell'emissione della fattura, la data dell'avvenuto ricevimento dell'esemplare della fattura vidimata dall'ufficio tributario della Repubblica di San Marino. In base al DM 24/12/1993: l'operatore economico italiano deve: emettere documento di trasporto o di consegna dei beni; emettere la fattura non imponibile in 4 esemplari, 3 dei quali devono essere consegnati all'acquirente; l'acquirente deve restituire all'operatore un esemplare della fattura vistata mediante apposita sezione su di essa o di una impronta recante la documentazione di introduzione nel territorio sanmarinese; il cedente italiano deve: registrare la fattura sul registro vendite secondo le modalità ordinarie annotando la data di ricezione della fattura vistata; conservare la fattura vistata; presentare l'elenco INTRASTAT per le cessioni compilato solo per la parte fiscale. Per la registrazione delle fatture per cessioni di beni a San Marino procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico: "207 - Cessioni di beni San Marino" "247 - Cessioni di oro/argento San Marino" "257 - Cessioni di rottami San Marino" "307 - Nota credito cessioni di beni San Marino" "347 - Nota credito cessioni di oro/argento San Marino" "357 - Nota credito cessioni di rottami San Marino". 2. Richiamate un Cliente con Nazionalità IVA = UE e Stato UE = S. Marino. 3. Utilizzate il codice IVA specifico "71 - Cessioni San Marino/Vaticano art. 71 c. 1 DPR 633/72". 4. Selezionate <Dettagli> ed inserite la data di ricezione della fattura vistata nel campo "Data di ricezione della fattura vistata da parte dell'ufficio tributario della Repubblica di San Marino". La data verrà stampata sul registro IVA nel campo "Note". Operazioni con Vaticano Nelle schede successive sono riportate le sequenze operative relative agli acquisti e alle cessioni con il Vaticano. Oro/argento e rottami Le operazioni di acquisto relative ad oro/argento e a rottami sono normali acquisti da Vaticano da autofatturare. Mentre per le operazioni di cessione, si rimanda alle specifiche schede presenti nelle sezioni "Operazioni di acquisto/cessione di oro e argento" e "Operazioni di acquisto/cessione di Rottami". Servizi internazionali Per le operazioni riguardanti le prestazioni di servizi si rimanda alla specifica scheda "Servizi internazionali". Autofattura 5/107

6 Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Autofatture". 3. Aggiornate il campo "Registro per annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano", indicando il tipo e il numero registro. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Autofatture S. Marino/Vaticano" per separare la numerazione delle autofatture Vaticano. 5. Posizionatevi sul registro vendite e richiamate il tab "Autofatture", nel caso di annotazione sul registro vendite. 6. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano" per separare la numerazione delle autofatture Vaticano dalle normali registrazioni di vendite. Nel caso di annotazione sul registro corrispettivi l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture S. Marino/Vaticano" è attivata di default. Caricamento registrazione 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "32 - Autofatture art. 17 c. 2 - Vaticano" "82 - Autofatture art. 17 c. 2 - Vaticano cod.ventilazione libero" "132 - Nota Credito art. 17 c.2 - Vaticano" "182 - Nota Credito art. 17 c.2 - Vaticano cod. ventilazione libero". 2. Richiamate un Fornitore con Nazionalità IVA = Fuori UE. 3. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA "Autofatture Vaticano" o "Autofatture/Ventilazione". Cessioni di beni Per la registrazione delle fatture per cessioni di beni a Vaticano procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico: "208 - Cessioni di beni Vaticano" "248 - Cessioni di oro/argento Vaticano" "258 - Cessioni di rottami Vaticano" "308 - Nota credito cessioni di beni Vaticano" "348 - Nota credito cessioni di oro/argento Vaticano" "358 - Nota credito cessioni di rottami Vaticano". 2. Richiamate un Cliente con Nazionalità IVA = Fuori UE. 3. Utilizzate il codice IVA specifico "71 - Cessioni San Marino/Vaticano art. 71 c. 1 DPR 633/72". Importazioni e bolla doganale Con il termine importazioni ci si riferisce esclusivamente all'introduzione in Italia di beni provenienti dai paesi Fuori UE. Le importazioni sono assoggettate all'iva al momento dell'introduzione dei beni nel territorio dello stato. L'IVA è applicata e liquidata dell'ufficio doganale che emette una bolla doganale che, ai fini IVA, svolge le stesse funzioni della fattura. L'imposta viene calcolata applicando l'aliquota stabilita per i beni importati su una base imponibile che comprende il valore dei beni importati, i diritti doganali e le spese di inoltro fino al luogo di destinazione all'interno del territorio doganale. In dichiarazione IVA le importazioni vengono totalizzate in un apposito rigo. 6/107

7 Le importazioni di beni comportano le seguenti registrazioni: registrazione della bolla doganale per rilevare contabilmente il debito IVA registrazione della fattura spedizioniere registrazione della fattura fornitore estero per rilevare il costo ed il debito verso il Fornitore. Bolla doganale Per la registrazione della bolla doganale relativa ai beni rivendita procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "20 - Bolla doganale" o "120 - Nota credito bolla doganale". 2. Utilizzate un Fornitore con "Nazionalità IVA = Fuori UE". 3. Associate al Fornitore un conto con Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili (nei PdC standard SISTEMI S1_SIS e SP_SIS il conto Bolla doganale, nei PdC correlati SISTEMI ORD, PROF e SEMP il conto Bolla doganale). 4. Utilizzate nella griglia di caricamento come Conto di Costo lo stesso conto Fornitore indicato in Testata e come codice IVA un qualunque codice IVA proposto in ricerca. La registrazione verrà identificata ai fini IVA come "Importazione". ATTENZIONE! Se la registrazione è rilevante per la Comunicazione black list deve essere indicato il fornitore appartenente alla black list e non il fornitore fittizio. Bolla doganale beni rivendita (regime IVA ventilante) Per la registrazione della bolla doganale relativa ai beni rivendita procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico: "20 - Bolla doganale" "70 - Bolla doganale cod.ventilazione libero" "120 - Nota credito bolla doganale" "170 - Nota credito bolla doganale cod.ventilazione libero". 2. Utilizzate un Fornitore con Nazionalità IVA = Fuori UE. 3. Associate al Fornitore un conto con Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili (nei PdC standard SISTEMI S1_SIS e SP_SIS , nei PdC correlati SISTEMI ORD, PROF e SEMP Bolla doganale). 4. Utilizzate nella griglia di caricamento come Conto di Costo lo stesso conto Fornitore indicato in Testata. 5. Utilizzate uno dei Codici IVA proposti da ricerca Codici IVA, appartenente alla categoria IVA "Ventilante". La registrazione verrà identificata ai fini IVA come "Importazione/Ventilazione". ATTENZIONE! Se la registrazione è rilevante per la Comunicazione black list deve essere indicato il fornitore appartenente alla black list e non il fornitore fittizio. Fattura spedizioniere Lo spedizioniere curerà le pratiche relative alla bolletta doganale ed emetterà una fattura che conterrà: l'importo dei propri servizi (imponibile IVA); l'importo dell'iva sui propri servizi; l'importo dei dazi anticipati in dogana (importo escluso dalla base imponibile art. 15, DPR 633/72); l'importo dell'iva sull'importazione anticipato in dogana (importo escluso dalla base imponibile art. 15, DPR 633/72). 7/107

8 Di seguito viene riportata la sequenza operativa per la registrazione della fattura spedizioniere. 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "25 - Fattura spedizioniere" o "125 - Nota credito fattura spedizioniere". 2. Indicate, per la registrazione dei servizi dello spedizioniere, un conto di prestazioni ed un codice IVA imponibile. 3. Indicate, per la registrazione dei dazi doganali, un conto di anticipazioni dazi doganali e come codice IVA il codice "ES15 - Escluso art. 15 DPR 633/72". 4. Indicate, per la registrazione IVA sull'importazione anticipata in Dogana: il conto associato al Fornitore utilizzato nella registrazione della Bolla doganale di riferimento (Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili, nei piani dei conti standard Bolla doganale); il codice IVA "ES15 - Escluso art. 15 DPR 633/72" (questa riga non deve essere indicata se sono stati importati oro/argento o rottami). Fattura fornitore estero Al ricevimento della fattura, l'importatore deve rilevare in contabilità il costo sostenuto per l'acquisto delle merci. La registrazione è fuori dal campo di applicazione dell'iva. Per la registrazione della fattura fornitore estero procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni - Fattura di acquisto sul registro acquisti 1. Richiamate il tipo registrazione "6 - Fattura fornitore fuori UE" o "106 - Nota credito fornitore fuori UE". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Fuori UE". 3. Utilizzate un codice IVA specifico per le importazioni "ES7B - Escluso art. 7 bis DPR 633/72". OPPURE Caricamento Registrazioni - Fattura di acquisto ai soli fini contabili Nel caso in cui la fattura, non sia stata ricevuta o non la si voglia rilevare sul Registro acquisti: 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito Prima nota specifico "505 - Documenti prima nota no IVA - Fornitori". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Fuori UE". 3. Impostate nella griglia di caricamento il conto di costo e l'importo in euro. Operazioni di acquisto/cessione di oro e argento Gli acquisti di oro da investimento in assenza di opzione risultano essere operazioni esenti: se acquisti nazionali, ai sensi dell'art. 10 c. 1 n. 11 DPR 633/72 se intracomunitari, ai sensi dell'art. 42 c. 1 del DL 331/93 se importazioni, ai sensi dell'art. 68 c. 1 lett. c) del DPR 633/72. Le cessioni di oro da investimento per opzione o le cessioni di oro e argento diverso da investimento, in base alla L. n. 7 del 17 gennaio 2000, risultano imponibili. L'imposta però è dovuta direttamente dal cessionario che, attraverso il meccanismo del Reverse - Charge, integra la fattura emessa dal cedente indicando l'aliquota e l'imposta dovuta e annotandola sia nel registro acquisti che in quello relativo alle fatture emesse o dei corrispettivi. Per le cessioni verso paesi UE, Fuori UE, San Marino e Vaticano devono essere adoperati i tipi registrazione e codici IVA utilizzati normalmente per tali tipi di cessione e non quelli specifici di oro e argento. 8/107

9 Reverse charge e regime del margine La procedura non permette la gestione del reverse charge in presenza di ditta in Regime del margine. Per gestire la casistica, è necessario creare un'altra attività anagrafica (con lo stesso codice ATECO della prima) sulla quale gestire le operazioni in reverse charge. In questo modo sarà possibile avere un'attività contabile e due attività IVA, la prima con regime del margine e la seconda con regime IVA normale. In Dichiarazione IVA, verranno predisposti due moduli, uno dei quali dovrà essere eliminato manualmente; occorrerà integrare il rimanente modulo con le operazioni che la procedura aveva predisposto sul modulo eliminato. Acquisti nazionali Per gli acquisti nazionali di oro e argento imponibili procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia Annotazione/Reverse-charge" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul registro acquisti e richiamate il tab "Acquisti art.17 c.5". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti art.17 c.5", indicando: "Solo art.17 c.5" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti Oro/Argento "Anche art.17 c.5" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di Oro/Argento. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti art.17 c.5" se desiderate separare la numerazione degli acquisti Oro/Argento dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per annotazione art.17 c.5" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Acquisti art.17 c.5". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Acquisti art.17 c.5", indicando: "Solo art.17 c.5" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni Oro/Argento "Anche art.17 c.5" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni di Oro/Argento. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti art.17 c.5" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti di Oro/Argento dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "41 - Acquisti art.17 c.5" o "141 - Nota credito acquisti art.17 c.5". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Italia". 3. Utilizzate un codice IVA per gli acquisti di oro da investimento per opzione: "OR14-22% - Acquisti di oro interno imponibile" "OR12-21% - Acquisti di oro interno imponibile" "OR10-20% - Acquisti di oro interno imponibile" oppure un codice IVA relativo agli acquisti di Oro/Argento con applicazione del reverse charge: "OR15-22% - Acquisti Oro - Reverse charge" "OR13-21% - Acquisti Oro - Reverse charge" "OR11-20% - Acquisti Oro - Reverse charge". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Oro/argento". Per gli acquisti nazionali di oro e argento esenti procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "1 - Fattura fornitori" o "101 - Nota credito fornitori". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Italia". 3. Utilizzate il codice IVA specifico per gli acquisti di Oro/Argento "E011 - Esente Art.10 N. 11 DPR 633/72". 9/107

10 Acquisti intracomunitari Per gli acquisti di oro/argento intracomunitari soggetti a doppia annotazione procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Intraue". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari; "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che intracomunitari. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione IntraUE" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Intraue". 7. Aggiornate il campo "Annotazione IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari; "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite/corrispettivi che acquisti intracomunitari. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate un tipo registrazione di ambito acquisti specifico per gli acquisti intracomunitari soggetti a doppia annotazione: "5 - Acquisto di beni UE" e "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Richiamate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di Oro/argento: "OR15-22% - Acquisti Oro - Reverse charge" "OR13-21% - Acquisti Oro - Reverse charge" "OR11-20% - Acquisti Oro - Reverse charge". 4. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA come "Oro UE". Per gli acquisti nazionali di oro e argento esenti o esenti perché il venditore ha optato per l'opzione nel suo paese procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "5 - Acquisto di beni UE" e "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = UE". 3. Utilizzate il codice IVA specifico per gli acquisti di Oro/Argento "E011 - Esente Art.10 N. 11 DPR 633/72"; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Beni UE". Importazioni Per le importazioni di Oro e Argento imponibili procedete come nel flusso operativo di seguito riportato. Gestione Ditte 10/107

11 1. Richiamate il ramo "Doppia Annotazione/Reverse-charge" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul registro acquisti e richiamate il tab "Acquisti art.17 c.5". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti art.17 c.5", indicando: "Solo art.17 c.5" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti Oro/Argento "Anche art.17 c.5" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di Oro/Argento. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti art.17 c.5" se desiderate separare la numerazione degli acquisti Oro/Argento dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per annotazione art.17 c.5" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Acquisti art.17 c.5". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Acquisti art.17 c.5", indicando: "Solo art.17 c.5" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni Oro/Argento "Anche art.17 c.5" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni di Oro/Argento. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti art.17 c.5" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti di Oro/Argento dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Piano dei Conti 1. Richiamate il tab "Conti" e create un conto di ultimo livello impostando nel tab "Definizione" il campo "Gestione partitario = Partitario Collegati Fornitori". Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "46 - Bolla doganale art.17 c.5" o "146 - Nota credito bolla doganale art.17 c.5". 2. Utilizzate un Fornitore con "Nazionalità IVA = Fuori UE". 3. Associate al Fornitore un conto con Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili. 4. Utilizzate sulla griglia di caricamento come Conto di Costo lo stesso conto Fornitore indicato in Testata. 5. Utilizzate il codice IVA specifico "OR15-22% - Acquisti Oro - Reverse charge" o "OR13-21% - Acquisti Oro - Reverse charge" o "OR11-20% - Acquisti Oro - Reverse charge". 6. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Importazione Oro/Argento". Per gli acquisti nazionali di oro e argento esenti o esenti perché il venditore ha optato per l'opzione nel suo paese procedete come nel flusso operativo di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "20 - Bolla doganale" e "120 - Nota credito bolla doganale". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Fuori UE". 3. Associate al Fornitore un conto con Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili. 4. Utilizzate sulla griglia di caricamento come Conto di Costo lo stesso conto Fornitore indicato in Testata. 5. Utilizzate il codice IVA specifico per gli acquisti di Oro/Argento "E011 - Esente Art.10 N. 11 DPR 633/72"; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Importazione". Cessioni nazionali Per le cessioni nazionali interne di oro e argento ai sensi dell'articolo 17 c.5 DPR 633/72 procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "241 - Cessioni art. 17 c. 5". 2. Richiamate un Cliente con "Nazionalità IVA = Italiana". 11/107

12 3. Utilizzate il codice IVA specifico "OR16 - Cessioni interne di oro industriale e argento" o "OR18 - Cessione oro da investimento imponibile per opzione". Per le cessioni nazionali interne di oro e argento ai sensi dell'articolo 10 n.11 DPR 633/72 procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "201 - Fattura clienti". 2. Richiamate un Cliente con "Nazionalità IVA = Italiana". 3. Utilizzate il codice IVA specifico "E011 - Esente art.10 n.11 DPR 633/72". Si segnala che per la corretta rilevazione di operazioni miste (ad esempio, con una riga da registrare con applicazione del reverse charge e una riga con codice IVA imponibile), occorre utilizzare il tipo registrazione 201 e non quello specifico del reverse charge. Operazioni di acquisto/cessione di Rottami L'art. 35 del DL 269/2003 ha introdotto delle sostanziali modifiche al regime IVA per le cessioni di rottami ferrosi. In base alla normativa "la fattura emessa dal cedente senza addebito dell'imposta deve essere integrata dal cessionario con l'indicazione dell'aliquota e della relativa imposta e deve essere annotata nel registro delle vendite entro il mese di ricevimento o anche successivamente ma comunque entro quindici giorni dal ricevimento e lo stesso documento ai fini della detrazione è annotato anche nel registro degli acquisti". Come per l'oro/argento, l'imposta è dovuta direttamente dal cessionario che, attraverso il meccanismo del Reverse - Charge, integra la fattura emessa dal cedente indicando l'aliquota e l'imposta dovuta e annotandola sia nel registro acquisti che in quello relativo alle fatture emesse o dei corrispettivi. Per le cessioni verso paesi UE, Fuori UE, San Marino e Vaticano devono essere adoperati i tipi registrazione e codici IVA utilizzati normalmente per tali tipi di cessione e non quelli specifici dei rottami. Reverse charge e regime del margine La procedura non permette la gestione del reverse charge in presenza di ditta in Regime del margine. Per gestire la casistica, è necessario creare un'altra attività anagrafica (con lo stesso codice ATECO della prima) sulla quale gestire le operazioni in reverse charge. In questo modo sarà possibile avere un'attività contabile e due attività IVA, la prima con regime del margine e la seconda con regime IVA normale. In Dichiarazione IVA, verranno predisposti due moduli, uno dei quali dovrà essere eliminato manualmente; occorrerà integrare il rimanente modulo con le operazioni che la procedura aveva predisposto sul modulo eliminato. Acquisti nazionali Per gli acquisti nazionali di rottami procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Reverse-charge" e richiamate il tab "Rottami". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti Rottami", indicando: "Solo Rottami" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti Oro/Argento "Anche Rottami" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di Rottami. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti Rottami" se desiderate separare la numerazione degli 12/107

13 acquisti Rottami dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione Rottami" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Reverse-charge". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Rottami", indicando: "Solo Rottami" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni Rottami "Anche Rottami" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni di Rottami. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti Rottami" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti di Rottami dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "47 - Acquisti di Rottami" o "147 - Nota credito acquisti di Rottami". 2. Utilizzate un fornitore con Nazionalità IVA = Italia. 3. Utilizzate il codice IVA specifico per gli acquisti di Rottami: "RO23-22% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)" "RO22-21% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)" "RO20-20% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento dell'annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA. Acquisti intracomunitari Per gli acquisti intracomunitari soggetti a doppia annotazione procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Intraue". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che intracomunitari. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione IntraUE" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Intraue". 7. Aggiornate il campo "Annotazione IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite nazionali/corrispettivi che intracomunitari. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "5 - Acquisto di beni UE" o "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Richiamate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di Rottami: "RO23-22% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)" "RO22-21% - Acquisti interni, UE, importazioni di rottami (art. 74 c. 7, 8)" "RO20-20% - Acquisti interni, UE, importazioni di rottami (art. 74 c. 7, 8)". 4. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA come "Rottami UE". 13/107

14 Importazioni Per le importazioni di Rottami procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Reverse-charge" e richiamate il tab "Rottami". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti Rottami", indicando: "Solo Rottami" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti Oro/Argento. "Anche Rottami" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di Rottami. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti Rottami" se desiderate separare la numerazione degli acquisti Rottami dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione Rottami" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Reverse-charge". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Rottami", indicando: "Solo Rottami" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni Rottami. "Anche Rottami" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni di Rottami. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti Rottami" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti di Rottami dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Piano dei Conti Richiamate il tab "Conti" e create un conto di ultimo livello impostando nel tab "Definizione" il campo "Gestione partitario = Partitario Collegati Fornitori". Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "49 - Bolla doganale Rottami" o "149 - Nota credito bolla doganale Rottami". 2. Utilizzate un Fornitore con Nazionalità IVA = Fuori UE. 3. Associate al Fornitore un conto con Partitario Collegato Fornitori senza la Gestione delle Partite contabili. 4. Utilizzate sulla griglia di caricamento come Conto di Costo lo stesso conto Fornitore indicato in Testata. 5. Utilizzate il codice IVA specifico relativo agli acquisti di Rottami: "RO23-22% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)", "RO22-21% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)", "RO20-20% - Acquisti interni, UE, importazione di rottami (art. 74 c. 7, 8)". 6. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Importazione Rottami". Cessioni nazionali Per le cessioni nazionali di rottami procedete come da flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "251 - Cessioni di rottami". 2. Richiamate un Cliente con "Nazionalità IVA = Italiana". 3. Utilizzate il codice IVA specifico "RO21 - Cessioni interne di rottami (senza IVA)". Si segnala che per la corretta rilevazione di operazioni miste (ad esempio, con una riga da registrare con applicazione del reverse charge e una riga con codice IVA imponibile), occorre utilizzare il tipo registrazione 201 e non quello specifico del reverse charge. 14/107

15 Operazioni di acquisto prestazioni art.17 c.6 La modifica introdotta dall'art. 35, c. 5, del DL n. 223/2006 inserisce un nuovo sesto comma nell'art. 17 del DPR n. 633/1972 che, in sostanza, estende il meccanismo del <reverse charge>, previsto per la cessione di oro, metalli preziosi e rottami, al settore dell'edilizia. La circolare n. 28/E del 2006 chiarisce che la nuova disposizione estende alle prestazioni di servizi rese nel settore edile dai subappaltatori il meccanismo dell'inversione contabile, rendendo l'appaltatore debitore dell'imposta e obbligandolo al relativo versamento, se soggetto passivo nel territorio dello Stato. Il meccanismo del reverse charge prevede quanto segue: la fattura viene emessa dal cedente senza addebito dell'imposta; la fattura deve essere integrata dal cessionario con l'indicazione dell'aliquota e della relativa imposta e deve essere annotata nel registro delle fatture o dei corrispettivi entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente, ma comunque entro 15 giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese: lo stesso documento, ai fini della detrazione, è annotato anche nel registro degli acquisti. Reverse charge e regime del margine La procedura non permette la gestione del reverse charge in presenza di ditta in Regime del margine. Per gestire la casistica, è necessario creare un'altra attività anagrafica (con lo stesso codice ATECO della prima) sulla quale gestire le operazioni in reverse charge. In questo modo sarà possibile avere un'attività contabile e due attività IVA, la prima con regime del margine e la seconda con regime IVA normale. In Dichiarazione IVA, verranno predisposti due moduli, uno dei quali dovrà essere eliminato manualmente; occorrerà integrare il rimanente modulo con le operazioni che la procedura aveva predisposto sul modulo eliminato. Acquisti Prestazioni art. 17 c. 6 (Italia) Per gli acquisti di Prestazioni art. 17 c. 6 procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Reverse-charge" e richiamate il tab "Art.17 c.6". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti art.17 c.6", indicando: "Solo Art.17 c.6" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 "Anche Art.17 c.6" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di relativi all'art. 17 c Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti Art.17 c.6" se desiderate separare la numerazione degli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione Art.17 c.6" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Art.17 c.6". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Art.17 c.6", indicando: "Solo Art.17 c.6" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni relative all'art. 17 c. 6. "Anche Art.17 c.6" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni relative all'art. 17 c Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti art.17 c.6" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "35 - Acquisti art.17 c.6" o "135 - Nota credito acquisti art.17 c.6". 2. Utilizzate un fornitore con Nazionalità IVA = Italia. 3. Utilizzate uno dei codici IVA specifici: "PS03-4% Prestazioni art.17 c.6" "PS04-10% Prestazioni art.17 c.6" "PS05-20% Prestazioni art.17 c.6" 15/107

16 "PS19-21% Prestazioni art.17 c.6" "PS25-22% Prestazioni art.17 c.6". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA. Acquisti no Italia Prestazioni art. 17 c. 6 In caso di prestazioni effettuate da non residenti privi di stabile organizzazione o di rappresentante fiscale in Italia, è l'acquirente o il committente, il soggetto obbligato ad emettere la fattura (autofattura). L'autofattura deve essere emessa in unico esemplare e deve essere registrata su registro acquisti e annotata su registro vendite/corrispettivi. L'ammontare delle autofatture deve essere riportato nella Dichiarazione Annuale IVA. Con le nuove disposizioni dettate dalla L.228 del 24/12/2012, a partire dal 01/01/2013, le fatture ricevute dal soggetto UE, devono essere integrate e non più autofatturate. Procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte - Per tutti i soggetti prima dell'entrata in vigore della L. 228/ Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Autofatture". 3. Aggiornate il campo "Registro per annotazione Autofatture", indicando il tipo e il numero registro. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Autofatture" per separare la numerazione delle autofatture dagli altri acquisti. 5. Posizionatevi sul registro vendite e richiamate il tab "Autofatture", nel caso di annotazione sul registro vendite. 6. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture" per separare la numerazione delle autofatture dalle normali registrazioni di vendite. Nel caso di annotazione sul registro corrispettivi l'opzione "Numerazione separata annotazione Autofatture" è attivata di default. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "30 - Autofatture art. 17 c. 2" "130 - Nota Credito art. 17 c. 2". 2. Richiamate un Fornitore con Nazionalità IVA = diversa da Italia. 3. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA come "Prestazione art.17 c.6 UE, Fuori UE, o San Marino, Vaticano" a seconda della nazionalità del fornitore utilizzato. 4. Richiamate i codici IVA specifici: "PS03-4% Prestazioni art.17 c.6" "PS04-10% Prestazioni art.17 c.6" "PS05-20% Prestazioni art.17 c.6" "PS19-21% Prestazioni art.17 c.6" "PS25-22% Prestazioni art.17 c.6". Gestione Ditte - Per i soggetti UE dopo dell'entrata in vigore della L. 228/ Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Intraue". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che intracomunitari. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione IntraUE" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Intraue". 7. Aggiornate il campo "Annotazione IntraUE", indicando: 16/107

17 "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite/corrispettivi che acquisti intracomunitari. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione di ambito acquisti specifico: "4 - Prestazioni di servizi UE" "104 - Nota credito prestazioni di servizi UE soggette a doppia annotazione". 2. Richiamate un Fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Selezionate <Integrazione> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione. La registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi e viene identificata ai fini IVA come "Prestazione art.17 c.6 UE". 4. Richiamate i codici IVA specifici: "PS03-4% Prestazioni art.17 c.6" "PS04-10% Prestazioni art.17 c.6" "PS05-20% Prestazioni art.17 c.6" "PS19-21% Prestazioni art.17 c.6" "PS25-22% Prestazioni art.17 c.6". Cessioni Prestazioni art.17 c.6 (Italia) Per le cessioni di Prestazioni art.17 c.6 (Italia) procedete come nel flusso di seguito riportato. Caricamento Registrazioni 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "212 - Cessioni art.17 c.6". 2. Richiamate un Cliente con "Nazionalità IVA = Italiana". 3. Utilizzate il codice IVA specifico "PS06 - Prestazioni art.17 c.6 (senza IVA)". Si segnala che per la corretta rilevazione di operazioni miste (ad esempio, con una riga da registrare con applicazione del reverse charge e una riga con codice IVA imponibile), occorre utilizzare il tipo registrazione 201 e non quello specifico del reverse charge. Operazioni di acquisto/cessione telefoni cellulari e componenti PC art. 17 c. 6 Il Consiglio Ecofin del 19/10/10 ha autorizzato l'italia, fino a tutto il 2014, ad estendere l'inversione contabile ai beni appartenenti alle categorie merceologiche di componenti personal computer e telefoni cellulari, ivi compresi i relativi componenti e accessori. Tale inversione contabile è regolata dall'art. 17 c. 6 del DPR n. 633/1972. Il meccanismo del reverse charge prevede quanto segue: la fattura viene emessa dal cedente senza addebito dell'imposta; la fattura deve essere integrata dal cessionario con l'indicazione dell'aliquota e della relativa imposta e deve essere annotata nel registro delle fatture o dei corrispettivi entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente, ma comunque entro 15 giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese: lo stesso documento, ai fini della detrazione, è annotato anche nel registro degli acquisti. Per le cessioni verso paesi UE, Fuori UE, San Marino e Vaticano devono essere adoperati i tipi registrazione e codici IVA utilizzati normalmente per tali tipi di cessione e non quelli di cessioni di componenti personal computer e telefoni cellulari. Reverse charge e regime del margine 17/107

18 La procedura non permette la gestione del reverse charge in presenza di ditta in Regime del margine. Per gestire la casistica, è necessario creare un'altra attività anagrafica (con lo stesso codice ATECO della prima) sulla quale gestire le operazioni in reverse charge. In questo modo sarà possibile avere un'attività contabile e due attività IVA, la prima con regime del margine e la seconda con regime IVA normale. In Dichiarazione IVA, verranno predisposti due moduli, uno dei quali dovrà essere eliminato manualmente; occorrerà integrare il rimanente modulo con le operazioni che la procedura aveva predisposto sul modulo eliminato. Acquisti interni di telefoni cellulari e componenti PC art. 17 c. 6 Per gli acquisti di telefoni cellulari e componenti personal computer art. 17 c. 6 procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Reverse-charge" e richiamate il tab "Art. 17 c. 6". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti art.17 c.6", indicando: "Solo Art. 17 c. 6" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti relativi all'art. 17 c. 6. "Anche Art. 17 c. 6" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di relativi all'art.17 c Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti Art.17 c.6" se desiderate separare la numerazione degli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione Art. 17 c. 6" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Art.17 c. 6". 7. Aggiornate il campo "Annotazione Art. 17 c. 6", indicando: "Solo Art. 17 c. 6" per gestire un sezionale distinto per le annotazioni relative all'art. 17 c. 6. "Anche Art. 17 c. 6" per avere un solo sezionale che accoglie sia le fatture emesse/corrispettivi che le annotazioni relative all'art. 17 c Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti art. 17 c. 6" se desiderate separare la numerazione delle annotazioni degli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 dalle altre fatture emesse/corrispettivi. Caricamento Registrazioni - beni destinati alla rivendita 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "35 - Acquisti art. 17 c. 6" o "135 - Nota credito acquisti art. 17 c. 6". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Italia". 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari (collegato al Raggruppamento IVA "562 - Telefoni cellulari art. 17 c. 6"): "TC22-22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6" "TC21-21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6" o un codice IVA specifico per gli acquisti di microprocessori art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "560 - Microprocessori art. 17 c. 6"): "PC22-22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6" "PC21-21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6" "PC20-20% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Tel.cell./PC art. 17 c. 6". Caricamento Registrazioni - attività Ventilante - monte acquisti 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "35 - Acquisti art. 17 c. 6" o "135 - Nota credito acquisti art. 17 c. 6". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Italia". 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "34 - Telefoni cellulari art.17 c.6 - ventilazione"): "VPC5-22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC3-21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC2-20% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" o un codice IVA specifico per gli acquisti di personal computer art. 17 c.6 (collegato al Raggruppamento 18/107

19 IVA "33 - Microprocessori art.17 c.6 - ventilazione"): "VPC6-22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC4-21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - ventilante". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Tel.cell./PC a. 17 c. 6/Ventil.". Caricamento Registrazioni - beni ammortizzabili 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "35 - Acquisti art. 17 c. 6" o "135 - Nota credito acquisti art. 17 c. 6". 2. Utilizzate un fornitore con "Nazionalità IVA = Italia". 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "563 - Telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili"): "TC4B - 22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "TC3B - 21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" o un codice IVA specifico per gli acquisti di personal computer art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "561 - Microprocessori art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili"): "PC4B - 22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "PC3B - 21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "PC2B - 20% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Tel.cell./PC art. 17 c. 6". Acquisti intracomunitari di telefoni cellulari e PC art. 17 c. 6 Per gli acquisti di telefoni cellulari e personal computer art. 17 c. 6 procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Intraue". 3. Aggiornate il campo "Registrazione acquisti IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia acquisti nazionali che intracomunitari. 4. Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dagli altri acquisti. 5. Indicate il "Registro per l'annotazione IntraUE" (tipo e numero). 6. Posizionatevi sul registro vendite o sul registro corrispettivi e richiamate il tab "Intraue". 7. Aggiornate il campo "Annotazione IntraUE", indicando: "Solo IntraUE" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti intracomunitari "Anche IntraUE" per avere un solo sezionale che accoglie sia vendite/corrispettivi che acquisti intracomunitari. 8. Attivate l'opzione "Numerazione separata annotazione Acquisti IntraUE" se desiderate separare la numerazione degli acquisti intracomunitari dalle vendite/corrispettivi. Caricamento Registrazioni - Beni destinati alla rivendita 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "5 - Acquisto di beni UE" e "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Utilizzate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari (collegato al Raggruppamento IVA "562 - Telefoni cellulari art. 17 c. 6"): "TC22-22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6" "TC21-21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6" o un codice IVA specifico per gli acquisti di microprocessori art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "560 - Microprocessori art. 17 c. 6"): 19/107

20 "PC22-22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6" "PC21-21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6" "PC20-20% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Tel.cellulari/PC UE". Caricamento Registrazioni - Attività Ventilante - Monte acquisti 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "5 - Acquisto di beni UE" e "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Utilizzate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "34 - Telefoni cellulari art.17 c.6 - ventilazione"): "VPC5-22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC3-21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC2-20% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - ventilante" o un codice IVA specifico per gli acquisti di personal computer art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "33 - Microprocessori art.17 c.6 - ventilazione"): "VPC6-22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - ventilante" "VPC4-21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - ventilante". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "UEVentilazione". Caricamento Registrazioni - Beni ammortizzabili 1. Richiamate il tipo registrazione specifico "5 - Acquisto di beni UE" e "105 - Nota credito acquisto di beni UE". 2. Utilizzate un fornitore con Nazionalità IVA = UE. 3. Utilizzate un codice IVA specifico per gli acquisti di telefoni cellulari art. 17 c. 6 (collegato al Raggruppamento IVA "563 - Telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili"): "TC4B - 22% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "TC3B - 21% - Acquisto di telefoni cellulari art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" o un codice IVA specifico per gli acquisti di personal computer art. 17 c.6 (collegato al Raggruppamento IVA "561 - Microprocessori art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili"): "PC4B - 22% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "PC3B - 21% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili" "PC2B - 20% - Acquisto di personal computer (Microprocessori) art. 17 c. 6 - Beni ammortizzabili". 4. Selezionate <Integrazioni> e richiamate il tab "Doppia annotazione" per visualizzare i dati di riferimento della annotazione; la registrazione crea in automatico l'annotazione sul registro vendite/corrispettivi ed è identificata ai fini IVA come "Tel.cellulari/PC UE". Importazioni di telefoni cellulari e personal computer art. 17 c. 6 Per le importazioni di telefoni cellulari e personal computer art. 17 c.6 procedete come da flusso di seguito riportato. Gestione Ditte 1. Richiamate il ramo "Doppia annotazione" dal tab "IVA". 2. Posizionatevi sul ramo "Reverse-charge" e richiamate il tab "Art. 17 c. 6". 3. Aggiornate il campo "Registrazione Acquisti art. 17 c. 6", indicando: "Solo Art. 17 c. 6" per gestire un sezionale distinto per gli acquisti relativi all'art.17 c.6. "Anche Art. 17 c. 6" per avere un solo sezionale che accoglie tutti gli acquisti compresi quelli di relativi all'art. 17 c Attivate l'opzione "Numerazione separata Acquisti Art.17 c.6" se desiderate separare la numerazione degli acquisti relativi all'art. 17 c. 6 dagli altri acquisti. 20/107

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export primo secondo terzo Agenzia delle Dogan Le dogane

Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export primo secondo terzo Agenzia delle Dogan Le dogane Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export Le imprese che intrattengono rapporti commerciali con l'estero devono rispettare alcuni adempimenti formali specifici. Essi riguardano

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 Alle Associazioni del sistema Confimi e alle relative Imprese associate REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI La legge di

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita Iniziativa promossa da Esselte Srl, con sede legale in Gorgonzola, Via Milano 35, 20064 (MI), P.IVA 00894090158,

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 15 Gennaio 2014

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 15 Gennaio 2014 RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 Gennaio 2014 OGGETTO: IVA - EXPO 2015 - regime di non imponibilità stabilito dall art. 10, comma 5, dell Accordo tra il Governo della Repubblica

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli