anno cinque numero undici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno cinque numero undici"

Transcript

1 11 anno cinque numero undici Mario Magnani 3 Editoriale Giovanni Martini, Monica Pisetta 4 Salute e sviluppo socio-economico Erio Ziglio 14 Investire in salute per il progresso socio-economico Gianfranco Domenighetti 21 Determinanti socio-economici della salute Jo ica Maucec-Zakotnik, Bojanka Štem, Tatjana Bu eti 29 Sviluppo economico e sociale in Slovenia: il Progetto Mura Christian Lunger 39 Turismo termale e del benessere: potenzialità per le regioni montane Peter Ambrozy 46 La sanità nel Land Carinzia Karl Wulz 49 Cooperazione internazionale per la cura dei malati Luigi Mittone 53 La riconversione delle strutture sanitarie periferiche 62 Tavola rotonda: Franco Menestrina, Gianni Battaiola, Renzo Rensi, Antonio Girardi, Marco Benedetti, Fausto Zeni, Paolo Tonelli, Fabio Bazzoli, Luigi Casanova, Mario Magnani, Erio Ziglio 104 Le conclusioni Erio Ziglio, Mario Magnani Scheda 111 Glossario

2 Serrati gli uni contro gli altri dalla crescita del loro numero e dalla moltiplicazione dei collegamenti, accomunati dal risveglio della speranza e dell angoscia per il futuro, gli uomini di domani lavoreranno per la formazione di una coscienza unica e di una conoscenza condivisa. Pierre Teilhard de Chardin Punto Omega, nel pensiero di Teilhard de Chardin, filosofo e teologo vissuto tra il 1881 e il 1955, è il punto di convergenza naturale dell umanità, laddove tendono tutte le coscienze, nella ricerca dell unità che sola può salvare l Uomo e la Terra. Punto Omega è anche il titolo scelto per la rivista quadrimestrale del Servizio sanitario del Trentino ideata nel 1995 da Giovanni Martini, poiché le sue pagine vogliono rappresentare un punto di incontro per tutti coloro che sono interessati ai temi della salute e della qualità della vita.

3 L Editoriale a decisione di organizzare e di realizzare la Giornata di studio Salute e sviluppo socio-economico - Sfide e opportunità per le regioni di montagna, nel contesto dell Anno Internazionale delle Montagne 2002, è nata con l obiettivo di dibattere un tema di grande rilevanza: come lo sviluppo socio-economico influenza la salute dell individuo e della popolazione e come, a sua volta, la salute può costituire una risorsa preziosa per la società e per l economia. L Organizzazione Mondiale della Sanità attribuisce grande importanza a questo tema e per questo ha istituito recentemente a Venezia una apposita struttura, denominata Ufficio Europeo per gli Investimenti in Salute e per lo Sviluppo, con il compito di coordinare le strategie e le iniziative che si svolgono nelle regioni europee. Con questo convegno ci siamo impegnati a porre le basi per un percorso di ragionamenti riferiti alla salute, con l intendimento di interagire costantemente con l Organizzazione Mondiale della Sanità - e nello specifico con l Ufficio di Venezia allo scopo di portare a compimento il programma di sviluppo sanitario e sociale nel quale siamo impegnati. La scelta di svolgere questo convegno a Rumo è motivata dal fatto che il 2002 è stato dichiarato Anno Internazionale delle Montagne e a Rumo si è concluso un percorso che, in Trentino e in Valle di Non in modo particolare, ha visto l organizzazione di Mountain Project, una serie di manifestazioni relative alla montagna, vista nei suoi molteplici aspetti e peculiarità. La Giornata di Rumo ha costituito l occasione per poterci confrontare con le esperienze di altre Regioni dell arco alpino, simili al Trentino per caratteristiche orografiche e di sviluppo socio economico. Un aspetto molto importante che vorrei sottolineare è la necessità di coinvolgere le comunità locali sui temi della salute. La salute della popolazione, infatti, potrà aumentare solo a patto che ciascuno sia in grado di essere responsabile della propria salute e che tale impegno possa essere guidato e sostenuto da comunità che si fanno carico della salute della popolazione come obiettivo prioritario di tutte le azioni politiche e amministrative. Vorrei infine rivolgere un ringraziamento al Sindaco di Rumo, Vito Fedrigoni, per aver ospitato questa giornata di studio nonché ai prestigiosi relatori italiani e stranieri, alle Autorità e al pubblico che numeroso ha partecipato all iniziativa. Mario Magnani Assessore provinciale alle Politiche sociali e alla Salute

4 Salute e sviluppo socio-economico: sfide e opportunità per le regioni di montagna Giovanni Martini, Monica Pisetta I principi e le evidenze scientifiche come presupposti del Convegno. Il contesto I tempi odierni sono caratterizzati da fenomeni di grande portata che stanno interessando tutte le regioni del mondo, impattando sul contesto socio-economico in modo rilevante ma differenziato. Fra i fenomeni più rilevanti possiamo evidenziare: 1. La globalizzazione, intesa come la crescente interdipendenza economica tra i paesi, realizzata attraverso l aumento del volume e delle varietà di beni e servizi scambiati internazionalmente, la crescita dei flussi internazionali di capitali e la rapida ed estesa diffusione della tecnologia. La globalizzazione è un fenomeno caratterizzato da una pluralità di dimensioni fra le quali una delle più rilevanti riguarda la competizione e la concorrenza fra regioni che producono beni o servizi simili. Collegati alla globalizzazione sono i consistenti flussi migratori che sono originati dall esigenza di risorse umane espressa dal mercato del lavoro oltre che da una maggiore libertà di movimento, soprattutto in uscita, delle persone. Gli immigrati in provincia di Trento sono circa (pari a poco più del 2% dell intera popolazione). Un altro aspetto è quello del crescente sviluppo e della diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione che hanno permesso un notevole balzo in avanti nelle relazioni fra persone, comunità ed istituzioni nonché una consistente diffusione dell informazione e della conoscenza che porta a una maggiore trasparenza dei vari sistemi e vicinanza fra le aree geografiche; 2. Alla globalizzazione fa da complemento la maggiore importanza e responsabilità che viene attribuita alle comunità locali. Abbiamo potuto osservare come negli ultimi anni ciascuna di esse abbia riscoperto e valorizzato le proprie origini ed identità culturali. Esse vengono ora chiamate a svolgere un ruolo di maggiore responsabilità nel governo e nella gestione anche attraverso la potestà e l autonomia di imposizione fiscale; 3. Le modifiche consistenti che si possono apprezzare nella struttura demografica. L invecchiamento della popolazione viene a costituire una sfida che per la prima volta si presenta sulla scena mondiale e della quale van 4

5 no debitamente studiate e affrontate le implicazioni in tutti settori dell attività politica. Questa situazione pone dei problemi di grande rilevanza non solo per il mercato del lavoro, ma soprattutto per il settore della sanità e dell assistenza e quindi relativamente al modello di sviluppo in generale. Limitandosi a sintetizzare il fenomeno in provincia di Trento, basti dire che nell anno 2000 le persone con età superiore ai 74 anni erano (pari all 8,5% dell intera popolazione), mentre quelle con età superiore agli 89 anni erano (pari allo 0,85% dell intera popolazione); l indice di vecchiaia (il rapporto fra la popolazione in età superiore ai 64 anni e quella sotto i 15 anni) è pari a 120: per ogni 100 persone giovani si registrano 120 persone anziane ; 4. I consistenti investimenti che vengono destinati al settore della sanità. L Azienda provinciale per i servizi sanitari costituisce la più grande azienda del Trentino, con un fatturato di 700 milioni di Euro e con un numero di dipendenti pari a circa unità. I fenomeni e gli aspetti appena considerati costituiscono alcuni fra i fattori principali di dibattito, di analisi e di nuove proposte in tutte le regioni d Europa, circa il modello di sviluppo socio-economico che ciascuna di esse intende perseguire nel medio periodo, in 5

6 Salute e sviluppo socio-economico una logica di adattamento e di adeguamento alle condizioni generali di contesto. È proprio di questi giorni un esteso dibattito sulla stampa locale, da parte dei rappresentanti delle categorie economiche e delle organizzazioni sindacali, proprio sul modello di sviluppo che si ritiene che il Trentino debba perseguire nei prossimi anni. In questa logica, il servizio sanitario provinciale, inteso come insieme di risorse umane, strutture, servizi e attività destinati alla prevenzione delle malattie nonché alla promozione, al mantenimento e al miglioramento della salute dei cittadini e della comunità, viene a costituire un importante fattore nel modello di sviluppo sociale ed economico che caratterizzerà il Trentino nel breve-medio periodo. I principi Vari documenti internazionali evidenziano il principio che la sanità nel suo complesso deve svolgere un ruolo importante per lo sviluppo di una comunità: - La Costituzione dell Organizzazione Mondiale della Sanità, sottoscritta nel 1946 dai rappresentanti di 61 Stati (fra cui l Italia), che nel preambolo, propone alcuni principi densi di significato fra i quali la ben nota definizione di salute come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattia o d infermità. Questo principio assegna agli Stati e alle loro articolazioni compiti che vanno ben al di là della semplice gestione di un sistema sanitario. Essi dovrebbero farsi carico di individuare e cercare, tramite opportune alleanze, di modificare quei fattori che influiscono negativamente sulla salute, promuovendo al contempo quelli favorevoli. Peraltro, in tale contesto, la salute viene considerata più un mezzo che un fine e può essere definita come una risorsa che consente alle persone di condurre una vita produttiva a livello individuale, sociale ed economico. - La Carta di Ottawa per la promozione della salute, adottata nel 1986, che definendo la promozione della salute come processo che consente alla gente 6

7 di esercitare un maggior controllo sulla propria salute al fine di migliorarla, individua in particolare fra le azioni da svolgere: - la creazione di ambienti che consentano di offrire l adeguato supporto alle persone per il perseguimento della salute nei contesti di vita e di lavoro, attraverso condizioni di maggiore sicurezza e gratificazione; - il rafforzamento dell azione delle comunità che devono essere adeguatamente sostenute per poter operare autonome scelte per quanto riguarda i problemi relativi alla salute; - il riorientamento dei servizi sanitari nella logica di renderli più adeguati ad interagire con gli altri settori, in modo tale da svolgere un azione comune per la salute della comunità di riferimento. - Il documento Health21: La salute per tutti nel 21 secolo, adottata nel 1998 dall Assemblea Mondiale della Sanità, che individua 21 obiettivi strategici che dovrebbero essere perseguiti a livello internazionale, nazionale e locale nei Paesi della Regione Europea. Health21 si basa su una serie di analisi e di valutazioni secondo le quali: - la salute costituisce la precondizione per il benessere e la qualità della vita e il riferimento per misurare la riduzione della povertà, la promozione della coesione sociale e l eliminazione della discriminazione; - è fondamentale l adozione di strategie multisettoriali per affrontare i determinanti della salute assicurandosi l alleanza da parte dei settori esterni alla sanità; - la salute è un elemento basilare per una crescita economica sostenibile; gli investimenti in salute attraverso un approccio intersettoriale non solo offrono nuove risorse per la salute, ma anche ulteriori benefici importanti, contribuendo nel medio periodo allo sviluppo sociale ed economico complessivo. Il Rapporto Il nostro comune futuro del 1987 (conosciuto anche come Rapporto Brundtland dal nome dell allora Presidente della Commissione Mondiale su Ambiente e Sviluppo e attuale Direttore Generale dell Organizzazione Mondiale della Sanità) che, nella logica di conciliare la crescita economica con l equa distribuzione delle risorse, definisce il concetto di sostenibilità correlandolo con quel modello di sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni della generazione presente, senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri. Nel Rapporto 7

8 Salute e sviluppo socio-economico si afferma che la sostenibilità richiede una considerazione dei bisogni e del benessere umani tale da comprendere variabili non economiche come l istruzione e la salute - La Québec Declaration on Ecotourism adottata nel 2002 che sostiene come il turismo costituisca un importante risorsa economica con delle complesse implicazioni di tipo sociale, economico ed ambientale, che possono comportare benefici e costi, anche in termini di salute, per le popolazioni locali e per l ambiente. Viene proposto che il turismo sia sempre di più caratterizzato dalla sostenibilità in modo da consentire la conservazione dell ambiente e delle tradizioni culturali e contribuire in modo significativo al benessere e alla salute delle popolazioni ospitanti. Le evidenze scientifiche Ci sono voluti parecchi anni per avere la consapevolezza che esistono delle disuguaglianze nella salute e c è la necessità di affrontarle. Aumentano sempre di più le conoscenze scientifiche sui determinanti sociali ed economici della salute. La necessità di indirizzare gli sforzi per affrontarli diventa sempre più chiara. Ciò significa occuparsene a livello di sanità pubblica diffondendo la conoscenza del problema. È ormai chiaro che anche nei paesi più ricchi le persone più ricche hanno una speranza di vita maggiore di quelle più povere. Gli stili e le condizioni di vita e di lavoro influenzano in modo significativo la salute e la longevità. Condizioni di povertà portano a peggiori condizioni di salute. Un ambiente malsano o un comportamento insalubre hanno effetti diretti dannosi. Ma anche le preoccupazioni e le insicurezze della vita quotidiana e la carenza di ambienti di sostegno hanno la loro influenza. Ciascuna persona ha la responsabilità di alimentarsi in modo corretto, di svolgere una certa quantità di attività fisica, di evitare il fumo e di non consumare troppo alcool, tuttavia c è la consapevolezza dell importanza per la salute delle condizioni sociali ed economiche che molto spesso sono fuori del controllo degli individui. Vengono di seguito esposte alcuni aspetti sociali ed economici che hanno un impatto significativo sulle condizioni di salute: - Livello sociale: Le persone che si trovano ai livelli più bassi della scala sociale, di norma, hanno il doppio della probabilità di contrarre malattie serie e di andare incontro a morte prematura rispetto alle persone che si trovano ai livelli più alti. Il livello sociale implica che lo svantaggio economico e gli effetti dell insicurezza, dell ansia e la mancanza di integrazione sociale si riflettano in modo significativo sulle condizioni di salute. Gli svantaggi (povertà, scarsa istruzione, condizioni 8

9 - abitative disagiate, ecc.) hanno un effetto cumulativo sulla salute. Favorire buone condizioni di salute significa ridurre i livelli di insuccesso scolastico e l insicurezza occupazionale. È dimostrato che i componenti delle società che aiutano i propri cittadini a svolgere ruoli attivi nella vita sociale, economica e culturale, sono in complesso più sani di quelli delle società i cui componenti devono affrontare l insicurezza, l esclusione e la deprivazione; Stress: condizioni sociali e psicologiche negative possono causare stress di lunga durata. L ansia ricorrente, l insicurezza, una scarsa autostima, l isolamento sociale e la mancanza di controllo sul proprio lavoro hanno degli effetti molto importanti sulla salute. Tali rischi psico-sociali che si accumulano nel corso della vita possono aumentare il rischio di sviluppare malattie mentali o addirittura portare a morte prematura. Nelle scuole, nelle aziende e nelle altre istituzioni, la qualità dell ambiente sociale è importante per la salute tanto quanto quella dell ambiente fisico. Le istituzioni in grado di offrire un senso di appartenenza e di valorizzare i propri collaboratori vengono ad essere luoghi più salubri di quelli dove le persone si sentono escluse e trascurate; - Esclusione sociale e povertà: i processi di esclusione sociale e la povertà hanno un grande impatto sulla salute. È dannosa per la salute non solo la depri 9

10 Salute e sviluppo socio-economico vazione materiale, ma anche quella sociale e psicologica legata alle condizioni di povertà. Le persone che hanno vissuto gran parte della loro vita in condizioni di povertà relativa (definita dall Unione Europea in termini di metà del reddito medio nazionale) generalmente si trovano in pessime condizioni di salute. Gli immigrati, i gruppi etnici minoritari, i lavoratori stranieri e i rifugiati sono categorie particolarmente vulnerabili in termini di esclusione sociale ed è molto probabile che i loro figli corrano rischi importanti per la salute. È poi abbastanza probabile che le persone malate, disabili, psicologicamente vulnerabili vengano poste ai margini delle comunità. Le persone con problemi psichici hanno spesso difficoltà ad avere un istruzione adeguata o a guadagnarsi da vivere. Le società che perseguono politi che di uguaglianza mostrano di avere livelli più rapidi di crescita economica e standard di salute più elevati; - Lavoro: numerosi studi effettuati in vari luoghi d Europa hanno dimostrato che la salute diminuisce laddove le persone hanno scarse opportunità di utilizzare le proprie capacità professionali e hanno scarsa possibilità di assumere decisioni. La mancanza di controllo sul proprio lavoro, in particolare, è fortemente correlata con un aumento del rischio di avere male alla schiena, di sviluppare malattie cardiovascolari e di aumentare le assenze per malattia. È stato dimostrato che questi rischi sono indipendenti dalle caratteristiche psicologiche delle persone osservate, ma dipendenti dalle caratteristiche del luogo di lavoro. Poiché non è accettabile scambiare la salute con la produttività, è importante che si creino dei circoli virtuosi: il miglioramento delle condizioni di lavoro porterà ad avere risorse umane più sane e ciò condurrà all aumento della produttività e così via. L adeguato coinvolgimento delle persone nell assunzione delle decisioni porterà conseguenti benefici in termini di salute, così come una riorganizzazione del lavoro che consenta alle persone di avere un maggior controllo sull attività che svolgono. È dannoso per la salute anche il lavoro che non prevede adeguate ricompense in termini economici, di autostima e di status. Vanno infine tenuti in considerazione tutti gli aspetti di miglioramento dell ergonomia; - Disoccupazione: la disoccupazione costituisce un rischio per la salute. È dimostrato che alti livelli di disoccupazione provocano l aumento del rischio di morte prematura. Gli effetti sulla salute della disoccupazione sono riconducibili alle conse 10

11 guenze psicologiche e ai problemi finanziari. L insicurezza del lavoro aumenta la probabilità di incorrere in patologie mentali (in particolare ansia e depressione) e cardiovascolari. Anche la qualità del lavoro ha la sua importanza; infatti lavori poco soddisfacenti o poco sicuri sono altrettanto dannosi quanto la disoccupazione, provocando un maggior numero di assenze per malattia e un più intenso utilizzo dei servizi sanitari. Tali rischi possono essere contrastati principalmente cercando di prevenire la disoccupazione e l insicurezza del posto di lavoro; - Trasporti: muoversi a piedi o in bicicletta o utilizzare i trasporti pubblici fa bene alla salute per quattro motivi: consente di svolgere attività fisica, riduce gli incidenti mortali, aumenta il contatto sociale e contribuisce alla riduzione dell inquinamento atmosferico. Nonostante i loro effetti dannosi per la salute i trasferimenti in automobile stanno aumentando rapidamente in tutta Europa, mentre quelli a piedi o in bicicletta diminuiscono. Le politiche pubbliche nazionali e locali devono sforzarsi di contrastare ed invertire questa tendenza. Sono molte le industrie che traggono profitti dall utilizzo dell automobile. Ma come nel ventesimo secolo si sono fatti sforzi per ridurre l uso di tabacco e il consumo di alcol e droghe, così nel ventunesimo secolo ci si dovrà impegnare a ridurre la dipendenza dall automobile. Il Convegno Sulla base delle considerazioni precedentemente esposte si è deciso di organizzare la Giornata di studio Salute e sviluppo socio-economico - Sfide e opportunità per le regioni di montagna svoltasi il 6 settembre 2002 a Rumo (Valle di Non) presso l Auditorium comunale. Gli obiettivi La Giornata di studio aveva una serie di obiettivi che vengono di seguito elencati: - Sensibilizzare gli operatori sanitari, sociali ed economici a condividere e applicare l approccio intersettoriale. Se è vero che gran parte della salute è il risultato di politiche realizzate in contesti esterni alla sanità, diventa indispensabile diffondere la consapevolezza che molte azioni che perseguono obiettivi non sanitari hanno un loro impatto sulla salute. È pertanto importante che, sulla base di questa consapevolezza, si possano instaurare alleanze finalizzate a tenere in considerazione, accanto agli aspetti economici, anche l impatto sulla salute della popolazione; - diffondere la conoscenza degli indirizzi strategici che l Organizzazione Mondiale della Sanità 11

12 Salute e sviluppo socio-economico ha elaborato e prodotto in merito a questa tematica; - conoscere alcune esperienze realizzate in questo campo in altre regioni d Europa, per valutare la possibilità di mutuare alcune indicazioni acquisendo gli aspetti positivi ed evitando gli eventuali errori; - favorire iniziative di cooperazione interregionale e transfrontaliera in tema di sanità e di promozione della salute con regioni che hanno caratteristiche geografiche e demografiche simili a quelle della Provincia di Trento. - favorire la realizzazione di iniziative di collaborazione continuativa fra la Provincia Autonoma di Trento e l Ufficio Europeo dell Organizzazione Mondiale della Salute per gli Investimenti in Salute e per lo Sviluppo di Venezia, soprattutto per quanto riguarda l interconnessione fra salute e sviluppo socio-economico nelle aree di montagna. Su questa base la Provincia Autonoma di Trento ha già stabilito di realizzare alcune importanti iniziative, quali: - L adesione al progetto internazionale dell Ufficio dell Ufficio Europeo per gli Investimenti in Salute e per lo Sviluppo dell Organizzazione Mondiale della Sanità di Venezia, denominato Indicatori sociali ed economici per la salute e lo sviluppo della popolazione ; - La costituzione di un Osservatorio sull equità nella salute, che nelle sue diverse accezioni viene ritenuta come obiettivo altamente significativo da indagare e da perseguire anche nel contesto territoriale trentino; - La valutazione della possibilità che il Trentino, in ragione della sua posizione logistica, possa proporsi in futuro come sede di alcune iniziative dell Ufficio dell Organizzazione Mondiale della Salute di Venezia, in particolare quelle riguardanti le tematiche della salute e della sanità e lo sviluppo socio-economico nelle aree di montagna. I partecipanti all iniziativa Al Convegno sono stati invitati i Responsabili e i Dirigenti sanitari e amministrativi del Servizio sanitario provinciale, gli Amministratori locali, le Associazioni imprenditoriali e le Organizzazioni sindacali. Alla Giornata hanno partecipato 250 persone. L iniziativa è stata organizzata dal Servizio Programmazione e Ricerca Sanitaria della Provincia Autonoma di Trento con la collaborazione di Mountain Project - organizzazione che si propone di rivalutare il patrimonio naturale, culturale, artistico e gastronomico della montagna, la sua flora e la sua fauna, riscoprirne i costumi, i colori, i sapori come fonti di benessere, analizzarne le immense potenzialità turistiche ed economiche per uno sviluppo eco-sostenibile - e del Comune di Rumo (Valle di Non). 12

13 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Carta di Ottawa per la Promozione della Salute in Punto Omega, n.5/6, Trento, 2001 [2] Colomer, C. and al. - Building Health Public Policies with Tourism and Agriculture as Partners in Leading Edge n.2 - WHO Regions for Health Network, 1996 [3] Domenighetti, G. Per una politica di sanità pubblica centrata sui bisogni della popolazione e non su quelli dei servizi in Punto Omega n.2/3,, Assessorato alle Politiche sociali e alla salute, Trento, 2000 [8] World Health Organization Health Promotion Glossary 1998 (www.who.int/hpr/backgroundhp/glossary/glossary.pdf) [9] World Health Organization Health21: la Salute per Tutti nel 21 Secolo in Punto Omega, n.2/3, Provincia Autonoma di Trento, Assessorato alle Politiche sociali e alla salute, Trento, 2000 [10]World Tourism Organization Québec Declaration on Ecotourism (www.worldtourism.org/sustainable/ecotourism2002/eng.pdf) [4] Levin, L., McMahon, L., Ziglio, E. (ed) - Economic change, social welfare and health in Europe - WHO, Copenhagen, 1994 [5] Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Lo Sviluppo Sostenibile Roma, 2002 [6] Whitehead, M. The concepts and principles of equity and health WHO, Copenhagen, 1990 [7] Wilkinson, R. Marmot, M. The Solid Facts, Social Determinants of Health WHO, Copenhagen, 1998 Giovanni Martini è Dirigente del Servizio Programmazione e Ricerca Sanitaria della ; Monica Pisetta è funzionario del medesimo Servizio. 13

14 Investire in salute per il progresso socio-economico Erio Ziglio Aumentare la speranza di vita e migliorare le condizioni di salute di una popolazione significa anche promuovere sviluppo economico. Il tema che avete scelto è di importanza cruciale per l Europa di oggi e per quella del futuro. L Europa, per l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è un Europa allargata: abbiamo, oggi, 51 Paesi che fanno parte della Regione europea dell OMS: circa 900 milioni di persone, distribuite per circa il 50% nella parte occidentale e per il rimanente 50% nella parte orientale. Pensare ai temi dello sviluppo oggi, in Europa, vuole dire parlare anche di problematiche di salute e di promozione della salute. Promuovere la salute significa, infatti, dare valore aggiunto allo sviluppo economico. Se pensiamo in questi termini la salute non può essere considerata come spesa, ma deve essere ritenuta un investimento. È un investimento necessario se vogliamo continuare a progredire nello sviluppo, che come OMS speriamo, sia caratterizzato da equità e sostenibilità, per ciascuna di queste 900 milioni di persone che popolano l area europea. Oggi è legittimo porsi la domanda - noi come tecnici, voi come operatori sanitari, politici, economici, sociali - se sia possibile produrre contemporaneamente condizioni di sviluppo e condizioni di salute in Europa. Io penso che le regioni e le comunità di montagna oggi hanno forse opportunità uniche da cogliere ed è su questo che io vorrei concentrare il mio intervento. Quando si parla di salute, normalmente, si pensa alla malattia e siccome gli inglesi dicono che un immagine vale più di mille parole io vorrei condividere con voi alcune immagini di salute e benessere, o non salute e non benessere, scattate da alcuni miei colleghi all OMS nel loro lavoro nei Paesi europei. Quindi lasciamo che le immagini parlino. 14

15 15

16 Investire in salute Come avete visto nelle due pagine precedenti ci sono delle immagini in bianco e nero e ci sono immagini a colori; noi dovremo cominciare a pensare tutti insieme - chi lavora nella sanità e chi lavora nel settore dello sviluppo economico - a come avere più immagini a colori oggi in Europa, nei paesi di montagna, e meno immagini in bianco e nero. Le immagini in bianco e nero ci inducono a pensare a come promuovere la salute. Secondo l OMS.la promozione della salute è il processo che mette in grado la popolazione di avere più controllo sui determinanti della salute stessa. Quali sono questi determinanti? Direi che ci sono almeno 4 grandi categorie di determinanti. Innanzitutto i determinanti genetici sui quali oggi in Europa, o perlomeno nella parte Nord del mondo, vengono investiti miliardi di dollari. Forse qualcuno di voi - sicuramente chi si occupa di sanità - sa del progetto Genoma, e delle ricerche che mirano ad avere più conoscenza della struttura del DNA delle persone. Che cosa noi potremmo prevedere come impatto di questi grandi investimenti? Senz altro ci saranno degli impatti interessanti: per esempio sarà possibile fare delle diagnosi e delle terapie più individualizzate perché conosceremo molto meglio il patrimonio genetico degli individui. Io non sottovaluto questo aspetto, ma di per sé questi grandi investimenti non creeranno condizioni migliori per la salute, ma piuttosto condizioni migliori per curare. Lasciamo da parte gli aspetti etici (come sapete ce ne sono molti) in cui non mi addentro. Noi dobbiamo concentrarci sugli aspetti utili a creare condizioni per la salute e per lo sviluppo, che sono più legate a determinanti sociali ed economici. L Organizzazione Mondiale della Salute ha deciso di aprire una struttura nuova, per 51 Paesi europei, che si dedichi completamente al tentativo di saperne di più sui determinanti sociali ed economici e a come utilizzarne l evidenza scientifica nei processi di riforma dei sistemi sanitari, nella formazione degli operatori sanitari, nella creazione di opportunità di cooperazione e di partnership con altri settori esterni alla sanità. Questo discorso sulla salute e lo sviluppo, oggi, per l Europa, è un discorso molto importante, su cui ci giocheremo gran parte delle opportunità che i nostri figli avranno di vivere una vita in pace, con buone opportunità di lavoro e buone opportunità di vivere in salute. La situazione europea non è, come molti credono, una situazione ideale: per esempio nel grafico 1 si possono vedere dei trend, degli andamenti degli ultimi 30 anni della speranza di vita degli europei. La parte verde è la speranza di vita media dei 15 paesi che fanno parte dell Unione Europea. Questa parte rossa è la media di speranza di vita di tutti i 51 Paesi di cui parlavo prima. Questa parte rossa a trattini è la speranza di vita 16

17 nei Paesi nati recentemente nell Est Europa. Vedete i dati importanti: l Europa, dal punto di vista degli indicatori sanitari, di speranza di vita, alla nascita era molto più omogenea 30 anni fa che non adesso. La speranza di vita di un italiano, di un finlandese e di un ungherese era più o meno la stessa; oggi, invece, ci sono dei grandi squilibri. Ci sono state anche delle situazioni drammatiche; ci sono alcuni Paesi europei dove la speranza di vita è diminuita. Quindi abbiamo di fronte delle grandi sfide per far sì che l Europa diventi più omogenea, dal punto di vista della salute, e non possiamo immaginarci di avere dei trend più confortanti in Europa pensando solamente a quello che possiamo fare all interno dei sistemi sanitari locali. Dirò di più, in maniera provocatoria: se oggi non riusciamo a lavorare con gli altri settori, e soprattutto a posizionare la salute all interno delle politiche di sviluppo dei paesi, delle regioni e delle aree locali europee, corriamo il rischio che i sistemi sanitari debbano accudire un numero sempre maggiore di vittime dello sviluppo disuguale, non sostenibile, eccetera. Potrei fornire altri dati, ma già così, in termini generali, possiamo essere d accordo sul fatto che oggi sia cruciale pensare in termini di salute e sviluppo; questo non è importante solo per l Europa orientale, ma è importantissimo anche per l Europa occidentale. Abbiamo disuguaglianze in fatto di salute anche in Paesi e zone molto ricche; abbiamo disuguaglianze che non sono accettabili dal punto di vista sanitario, ma, sempre di più, non saranno accet Grafico 1 Speranza di vita degli europei. Andamento degli anni Life expectancy at birth, in years Italy Spain EUROPE EU average NIS average 17

18 Investire in salute 18

19 tabili anche dal punto di vista dello sviluppo economico. Vorrei adesso fare alcune riflessioni conclusive. La prima considerazione da fare è che oggi le riforme dei sistemi sanitari non possono più concentrarsi solo su problematiche di accesso ai servizi, importantissime peraltro, o su come contenere i costi. Il grande dibattito di oggi, in Europa, è come assicurare l accesso ai servizi e contenere i costi. Oggi le riforme sanitarie dovrebbero essere molto più collegate ai processi di sviluppo, e chi lavora nella sanità ha tantissimo da offrire, ha competenze specifiche e poi sono disponibili evidenze scientifiche che dimostrano che aumentando la speranza di vita, soprattutto in condizioni di buona salute, abbiamo degli impatti molto positivi, in termini di sviluppo economico. Quindi ritorno a questo concetto: salute vuol dire investimento, non spesa. La seconda considerazione è che, oggi, nel pensare alla salute e allo sviluppo, siamo confortati da una nuova frontiera, per quanto riguarda la ricerca. Così come abbiamo una nuova frontiera per quanto riguarda la ricerca genetica, abbiamo una nuova frontiera in termini di evidenze scientifiche nel campo dei fattori sociali ed economici che possono aiutarci a orientare meglio i nostri investimenti. Vorrei, in modo molto semplice, darvi l idea, su come utilizzare l evidenza scientifica, che abbiamo oggi, su come definire modi d investimento per la salute e lo sviluppo, forse un po diversi da ciò che normalmente pensiamo e dai criteri che normalmente utilizziamo. C è una buona evidenza scientifica che dice che tutti gli investimenti, provenienti dal settore sanitario o da altri settori, che rafforzano il capitale sociale, cioè la qualità delle risorse umane che esistono e il rapporto fra risorse umane ed istituzioni, sono ottimi investimenti per creare salute e al tempo stesso per creare sviluppo. Sto parlando degli investimenti che aiutano a diminuire l esclusione sociale, che, purtroppo, in molti paesi, sta aumentando; questi sono ottimi investimenti per la salute, ottime condizioni per lo sviluppo economico e, quindi, investimenti che ci danno più sicurezza economica. Gli investimenti che ci aiutano a dare più risorse agli individui, alla collettività, ad esempio risorse per affrontare i grandi processi di cambiamento che viviamo oggi in Europa nelle politiche del lavoro, sono ottimi investimenti per la salute ed ottimi investimenti per lo sviluppo. Penso che i Paesi e le comunità di montagna hanno grandissime opportunità proprio perché il capitale sociale delle aree di montagna è notevole. L ultima cosa che noi vogliamo è che, per decisioni prese o all interno del settore sanitario o delle politiche di sviluppo o delle politiche del turismo, del lavoro o dei trasporti, questo capitale sociale 19

20 Investire in salute diminiusca, perché se diminuisce avremo tutta una serie di problemi di natura sociale, di natura sanitaria e di natura economica. Quindi se questo è un patrimonio notevole dei paesi di montagna e questa è la considerazione che vorrei fare - ne teniamo conto? lo misuriamo? discutiamo su come possiamo rafforzarlo? Sono molto contento che i partecipanti a questa Giornata di studio non provengano solo dal settore sanitario, ma anche dal mondo delle attività economiche, delle attività imprenditoriali, delle politiche agricole, delle politiche del turismo. Abbiamo un interesse comune a rafforzare questi tipi di elementi che esistono nelle nostre comunità. L ultima considerazione che vorrei fare è che oggi dobbiamo, da un certo punto di vista, pensare in modo diverso: dobbiamo pensare alla salute non solamente come assenza di malattia, ma dobbiamo anche agire in modo diverso, attraverso investimenti organizzati in maniera diversa. Per concludere, le opportunità per la salute e lo sviluppo sono connaturate, connesse alla nostra capacità di creare sinergie fra la salute, lo sviluppo sociale e lo sviluppo economico. Questi tre tipi di sviluppo devono trovare sinergie, altrimenti avremo problemi in futuro. In generale le amministrazioni statali, regionali e comunali sono organizzate in dipartimenti verticali, spesso con scarsa capacità di cooperare e di realizzare azioni intersettoriali. Dobbiamo quindi chiederci se il modo in cui noi siamo organizzati fa parte del problema, per quanto riguarda la salute e lo sviluppo, oppure se potrebbe far parte della soluzione. Forse i paesi di montagna, rispetto agli altri, per le loro tradizioni storiche, hanno sempre dovuto pensare in maniera intersettoriale. Quindi qui esiste un patrimonio storico da riconsiderare, da rivalutare. Si può vedere se è possibile avere un infrastruttura del modo in cui siamo organizzati, che sia più capace di creare sinergie in termini di sviluppo sociale ed economico. Le comunità di montagna, forse, hanno elementi e risorse uniche che dovremo cercare di rafforzare, sicuramente di non perdere. Sarà sempre di più un imperativo riuscire a collocare la salute all interno delle politiche di sviluppo dei nostri Paesi, delle nostre regioni e delle aree locali. Erio Ziglio è il Responsabile dell Ufficio Europeo per gli Investimenti in Salute e per lo Sviluppo dell Organizzazione Mondiale della Sanità, Venezia. 20

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Per una politica di sanità pubblica centrata sui bisogni della popolazione e non su quelli dei servizi

Per una politica di sanità pubblica centrata sui bisogni della popolazione e non su quelli dei servizi Per una politica di sanità pubblica centrata sui bisogni della popolazione e non su quelli dei servizi Gianfranco Domenighetti L obiettivo di una politica di sanità pubblica dovrebbe essere quello di promuovere

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Workshop e Know-how exchange OMS-Regioni Venezia, 21 giugno 2012 Questo workshop si inserisce nel contesto della

Dettagli

Erio Ziglio (*) and Eero Lathinen ( )

Erio Ziglio (*) and Eero Lathinen ( ) Il 20esimo anniversario della Carta di Ottawa: La promozione della salute - il concetto, i principi e le implicazioni di investimento per programmi e politiche Erio Ziglio (*) and Eero Lathinen ( ) (*)

Dettagli

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011 Francesca Russo Annarosa Pettenò Verona, 12 gennaio 2011 Determinanti della Salute McKeown (1976) dimostra che il ridursi della mortalità, osservato nel periodo 18701970, è da attribuirsi per il: - 40%

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi Giugno 2015 Indice Sintesi introduttiva del Piano provinciale

Dettagli

Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca

Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca MALATTIE RARE. ASSISTENZA, QUALITA, INTEGRAZIONE Cagliari 1 Marzo 2014 Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca La salute è uno stato di benessere fisico, psichico e sociale dell

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone Guadagnare salute e Territorio Daniela Galeone Fattori di rischio di malattia e morte prematura in Europa Decessi DALY* 1. Ipertensione 22% 1. Tabacco 12% 2. Tabacco 19% 2. Ipertensione 9% 3. Colesterolo

Dettagli

DISUGUAGLIANZE SOCIALI E SALUTE

DISUGUAGLIANZE SOCIALI E SALUTE Venerdì 19 Sabato 20 Novembre 2010 Aula del Rettorato Università D Annunzio Madonna delle Piane - CHIETI DISUGUAGLIANZE SOCIALI E SALUTE Maurizio Marceca Lo stato dell arte in Europa Intense, regolari,

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Introduzione La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Finalità La Carta di Bangkok definisce azioni e impegni necessari per agire sui determinanti di salute in un mondo

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

Seminario di formazione sulle politiche per gli stili di vita e la salute

Seminario di formazione sulle politiche per gli stili di vita e la salute Seminario di formazione sulle politiche per gli stili di vita e la salute Integrare le politiche per favorire stili di vita salutari strategie di sistema dal livello centrale a quello locale Montecatini

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Lotta alla povertà e all esclusione sociale

Lotta alla povertà e all esclusione sociale Giornata mondiale del Social Work 2010 I.F.S.W. Lotta alla povertà e all esclusione sociale Il CNOAS (Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali) sente il dovere deontologico di offrire il proprio contributo,

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

BIOETICA IN PILLOLE (a cura di Patrizia Zannini)

BIOETICA IN PILLOLE (a cura di Patrizia Zannini) BIOETICA IN PILLOLE (a cura di Patrizia Zannini) Che cosa è la Bioetica? Se non mi chiedono che cosa è la bioetica lo so, se invece me lo chiedono non lo so (G. Russo, Bioetica, in Enciclopedia di bioetica

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

689,2 x 100.000 292,2 x 100.000 Inequalities in life expectancy at birth Males by Local Authority 1997-99 Life expectancy at birth by Local Authority quintiles Longest (77 years and over) Longer (76 to

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012 Sintesi Programma nazionale Alcol 2008 2012 Programma nazionale Alcol 2008 2012 Genesi e contenuto del PNA Nel 2005 il Consiglio federale ha incaricato l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia Liliana Coppola DG Health Le malattie croniche: un allarme mondiale 57 milioni di

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica L infermiere in sanità pubblica: (Master in sanità pubblica) Ha competenze specifiche nell area della prevenzione allo scopo di attuare interventi volti al miglioramento

Dettagli

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE di REGIONE LOMBARDIA BOZZA documento da sottoporre all Assemblea dei Sindaci Ambito Valle Brembana per l inoltro in Regione Lombardia Regione Lombardia imposta tutta la sua

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: IL PERCORSO DELLA PROGETTAZIONE

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: IL PERCORSO DELLA PROGETTAZIONE SETTIMANA EUROPEA PER LA SICUREZZA 20-24 OTTOBRE 2014 PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: UN PERCORSO PER CONOSCERE CHI FA PREVENZIONE NEL TERRITORIO NOVARESE

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche

Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche Rapporto del gruppo di esperti «Ulteriore sviluppo della strategia in materia di mercati finanziari» Sfide regolatorie per la gestione patrimoniale transfrontaliera in Svizzera e opzioni strategiche 6

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre 1. Il 7 dicembre l OCSE ha presentato i risultati di PISA 2009. Nello stesso giorno

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria settembre 2004 Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria G Franco 10 Orientamenti della Regione Emilia- Romagna sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori Appropriatezza dell intervento

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Gli anziani e l alcol

Gli anziani e l alcol Informazioni per gli anziani e le persone coinvolte Gli anziani e l alcol Come comportarsi con l alcol in età avanzata senza avere problemi? Quali segnali possono indicare la presenza di un problema di

Dettagli

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS

Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS ALLEGATO A Piano regionale di lotta alla diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse e dell HIV/AIDS LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE E L INFEZIONE DA HIV/AIDS IN PIEMONTE Con l introduzione dei

Dettagli

Il Diritto alla Salute

Il Diritto alla Salute Il Diritto alla Salute Angelo Stefanini Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, Università di Bologna Osservatorio Italiano sulla Salute Globale (OISG) Diritto alla Salute Che cosa significa Salute?

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Esercitazioni sul tema:

Esercitazioni sul tema: Corso di formazione: Quale EBP nei Dipartimenti di Sanità Pubblica. Analizzare, condividere, sperimentare attività efficaci Esercitazioni sul tema: Empowerment del cittadino nella prevenzione del rischio

Dettagli

2 Meeting Rete Città Sane 12 dicembre 2014

2 Meeting Rete Città Sane 12 dicembre 2014 2 Meeting Rete Città Sane 12 dicembre 2014 2 Meeting Rete Città Sane 12/12/2014 Saluti autorità Apertura del convegno La RCS: due anni di lavoro con i Comuni L integrazione di diversi programmi di promozione

Dettagli

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17 I rischi psicosociali in Europa e gli obiettivi della Campagna Europea 2014-2015. Stato dell arte della Legge Regionale 8/2010 per la prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO

CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO REGIONE TOSCANA Assessorato alle Politiche Sociali CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO Volontari e comunità solidali Documento di lavoro elaborato in collaborazione con Centro Nazionale per il Volontariato

Dettagli

7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV

7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV 0,*/,25$5(/(6&82/($775$9(562/$6$/87( 7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV Documento tradotto da Better schools through Health - The Third European

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli

Equità efficacia nei sistemi sanitari

Equità efficacia nei sistemi sanitari ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19maggio, 5 giugno 2006 Equità efficacia nei sistemi sanitari Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale

Dettagli

Carta Europea sull azione di contrasto all obesità

Carta Europea sull azione di contrasto all obesità TRADUZIONE NON UFFICIALE A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE Carta Europea sull azione di contrasto all obesità Per affrontare l epidemia di obesità, che rappresenta una minaccia per la salute, l economia

Dettagli