PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems. Stato: 18/02/2010. ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems. Stato: 18/02/2010. ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17"

Transcript

1 PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems Stato: 18/02/2010 ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17

2 INDICE Indice... 2 Introduzione... 3 Pacchetto IVA 2010 e modifiche in RADIX... 4 Ampliamenti tabelle... 5 Codici IVA... 5 Parametri Tabelle anagrafiche... 6 Causali contabili... 7 Registrazione contabile Registrazione di una prestazione di servizio resa Registrazione di una prestazione di servizio ricevuta Liquidazione IVA periodica Documenti di vendita Gestione acquisti Causali di acquisto Registrazione di acquisto ACS Data Systems SpA Pagina 2 di 17

3 INTRODUZIONE Il Consiglio dei Ministri ha licenziato la versione definitiva del decreto legislativo n. 79 del 22 gennaio 2010 che recepisce le direttive europee in materia di territorialità delle prestazioni di servizi. Nonostante il decreto non sia ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, le nuove regole, previste dalle direttive, sono entrate in vigore a partire dal 1 gennaio Questa assenza formale delle nuove disposizioni porta a condizioni di incertezza negli operatori nell applicazione delle nuove disposizioni (come si è potuto apprendere anche dalla stampa specializzata). Le nuove disposizioni riguardano la territorialità delle prestazioni di servizi nei rapporti con l estero e definiscono il luogo dove la prestazione è soggetta ad IVA e le regole da osservare da parte del prestatore e del committente. Cambia profondamente il quadro delle regole da applicare per le prestazioni di servizi tra soggetti passivi - imprese e professionisti (B2B), mentre rimane sostanzialmente ferma tra imprese e privati (B2C). Per quanto riguarda le cessioni ed acquisti di beni le regole sono rimaste in sostanza invariate (eccezioni sono in riferimento alla registrazione diretta ed al rappresentante fiscale). Per le prestazioni di servizi rese e ricevute a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, viene a cessare completamente l applicazione delle regole particolari, dettate sino al 31 dicembre 2009 dal DL 331/1993 (servizi intracomunitarie); a partire da tale data, anche per le prestazioni di servizi rese e ricevute in ambito comunitario si deve fare riferimento alle regole contenute nel Dpr 633/1972. Per i servizi prestati a soggetti passivi, la regola generale relativa al luogo della loro prestazione è basata sul luogo in cui è stabilito il destinatario, cioè il committente, non su quello in cui è stabilito il prestatore, indipendentemente dal luogo di effettuazione del servizio. Committente Fino al 31/12/2009 Dal 01/01/2010 (nuova regolal) B2B tra imprese Luogo del prestatore Luogo del committente B2C impresa a privato Luogo del prestatore Premesso il quadro generale, si deve immediatamente aggiungere che la regola sopra descritta è oggetto di numerose eccezioni. Di seguito le più importanti eccezioni (B2B): Prestazioni di servizi relativi ad immobili Locazione breve di mezzi di trasporto Prestazioni di eventi e manifestazioni Servizi di restorazione e di catering Trasporto di persone. Nei vari seminari, circolari di commercialisti e nella stampa questi argomenti sono stati trattati in modo esaustivi; perciò di seguito non si approfondirà ulteriormente questo tema a livello fiscale. L applicazione della nuova regola generale prevede che si passi da un criterio basato sul luogo dove è stabilito il prestatore ad un criterio basato sul luogo dove è stabilito il committente (soggetto passivo, non privato), indipendentemente dove materialmente è stata eseguita la prestazione. Il prestatore emette fattura senza applicazione dell IVA (operazione fuori campo IVA art. 7-ter); il committente estero invece applica il sistema di reverse charge. Se si tratta di un servizi reso verso un soggetto estero UE l operazione deve essere inserita nell elenco Intrastat. Viceversa, se il committente della prestazione è un soggetto passivo residente ed il prestatore è un impresa estera, quest ultima emette fattura senza applicazione dell IVA; tutti gli obblighi relativi all applicazione ACS Data Systems SpA Pagina 3 di 17

4 dell IVA sono a carico del committente, il quale dovrà procedere all autofatturazione dell operazione secondo il meccanismo del reverse charge (art. 17,2 Dpr 633/72). Secondo informazioni dell Agenzia delle Entrate per i servizi ricevuti da prestatori UE verrebbe reintrodotto, al posto della procedura di autofattura, il modo di integrazione della fattura emessa dal prestatore comunitario (come nel caso degli acquisti intracomunitari). Se il prestatore è un soggetto UE l operazione deve essere inserita nell elenco Intrastat. A partire dal 2010 sono state introdotte nuove disposizioni riguardanti gli elenchi riepilogativi Intrastat: Inserimento delle prestazioni internazionali rese e ricevute nei confronti dei paese dell UE negli elenchi Intrastat (nuovi moduli ed esportazione file) Obbligo dell invio telematico (non più consegna cartacea) Nuovi limiti e abolizione della dichiarazione annuale. Dato che la normativa di recepimento della nuova disciplina non è stata ancora pubblicata, la consegna degli elenchi può essere fatta in base alle disposizioni del Questo significa che per il momento devono essere inseriti negli elenchi solamente le cessioni e gli acquisti intracomunitari di merce (e non le prestazioni di servizi UE). Questo è stato confermato anche dalla circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E del 17/02/2010. Secondo un informazione della dogana, i movimenti devono essere consegnati in dogana sotto forma di un file (scambi.cee). Per i servizi internazionali UE la consegna sarà rinviata di qualche mese. Radix supporta l esportazione dei movimenti su file in base alla normativa vigente del Appena saranno rilasciate le nuove disposizioni questi verranno implementate in Radix. PACCHETTO IVA 2010 E MODIFICHE IN RADIX Le nuove disposizioni, almeno fino alla situazione del 18/02/2010, sono state implementate in Radix. Per la corretta gestione delle prestazioni di servizi internazionali sono stati ampliati i seguenti programmi: Codice IVA: nuovo gruppo IVA per i servizi internazionali resi Parametri IVA: nuovi campi per la proposta dei nuovi codici IVA Causale contabile: nuovo tipo trattamento IVA per i servizi internazionali ricevuti Contabilità: i servizi intracomunitari sono stati tolti e i servizi internazionali ricevuti aggiunti. Liquidazione periodica IVA: suddivisione dei totali IVA tra servizi internazionali UE e paesi terzi Vendita: selezione del tipo di movimento (cessione beni o servizi internazionali) per la proposta del codice IVA. Causali acquisto: inserimento causale contabile per i servizi internazionali Gestione acquisti: selezione automatica della causale contabile e del codice IVA in base alla provenienza del fornitore. Nei capitoli seguenti vengono trattati in dettaglio i singoli programmi. Note: in una versione precedente di Radix (distribuito come aggiornamento in gennaio) alcuni campi avevano un significato differente e dovevano essere adattati in riferimento alle nuove conoscenze in materia. Per questo trovate nei singoli capitoli note sulle modifiche. In caso aveste effettuato un aggiornamento a gennaio e già utilizzato queste nuove funzionalità descritte di seguito, Vi chiediamo cortesemente di verificare le registrazioni già effettuate ed eventualmente di adattarle alle nuove modifiche. ACS Data Systems SpA Pagina 4 di 17

5 AMPLIAMENTI TABELLE CODICI IVA Ogni codice IVA è abbinato ad un Gruppo IVA che definisce il tipo di operazione (p.es. vendita nazionale al 20%, cessione intracomunitaria NI art. 41, ecc.). Anche per i servizi internazionali sono stati aggiunti due nuovi gruppi: Servizi internazionali (UE): si tratta delle prestazioni di servizi resi nei rapporti con l estero con territorialità in un paese della Comunità. Servizi internazionali (paesi terzi): si tratta delle prestazioni di servizi resi nei rapporti con l estero con territorialità in un paese terzo (al di fuori della Comunità). Per favore create nel programma Codici IVA (menù Tabelle anagrafiche -> Contabilità & pagamenti) due codici IVA con questi gruppi per i servizi internazionali, uno nei confronti dei paesi UE e l altro nei confronti dei paesi terzi. Fuori campo IVA (servizi internaz. UE) Fuori campo IVA (servizi internaz. paesi terzi). Questi due codici vengono utilizzati per i servizi internazionali resi, cioè di vendita, e sono senza applicazione dell IVA fuori campo IVA art. 7-ter. Inoltre, per gli esportatori abituali queste operazioni non costituiscono più plafond. Note: è necessario creare due codici distinti per UE e paesi terzi. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del committente (cliente) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. ACS Data Systems SpA Pagina 5 di 17

6 Sarebbe possibile creare anche per i servizi ricevuti un codice IVA (autofattura art. 17,2) particolare. Dato che per le fatture ricevute il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile non è richiesto creare un codice IVA particolare per gli acquisti di servizi (si possono utilizzare i codici IVA normale come 20%, 10% ecc.).se comunque volesse utilizzare anche un codice per i servizi ricevuti, questo dovrebbe contenere le seguenti informazioni: Descrizione: 20% art. 17,2 servizi internaz. UE (oppure paesi terzi) Aliquota IVA: 20% (e/o 10% e/o 4%) Gruppo IVA: servizi internazionali EU oppure paesi terzi. Note: in una versione precedente di Radix questi ultimi due gruppi avevano un altro significato (servizi internazionali autofattura art. 17,2). Per cortesia, verificate i Vs. codici IVA e le registrazioni eventualmente già effettuate (che devono essere corrette). Note: Dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario bloccare questo codice IVA con data 31/12/2009. PARAMETRI TABELLE ANAGRAFICHE Per l introduzione dei nuovi gruppi IVA per i servizi internazionali sono stati ampliati anche i parametri dell IVA, che vengono proposti nei documenti di vendita. ACS Data Systems SpA Pagina 6 di 17

7 Inserite nel programma Parametri tabelle anagrafiche (menu Tabelle anagrafiche -> Tabelle) sulla pagina IVA i parametri per le seguenti operazioni: IVA servizi internazionali UE: codice IVA per i servizi resi nei confronti della UE IVA servizi internazionali paesi terzi: codice IVA per i servizi resi nei confronti dei paesi terzi. Questi codici vengono proposti durante l inserimento di documenti di vendita (ordine, bolla, fattura). Note: per favore verificate questi parametri per l anno 2010 (questi parametri sono legati all anno). Il campo per i servizi intracomunitari è visibile solamente fino al CAUSALI CONTABILI Come notato già prima, negli acquisti il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile (e non dal codice IVA). Per i servizi internazionali ricevuti il campo Trattamento IVA è stato ampliato: Per la registrazione dei servizi internazionali ricevuti create due causali contabili: Servizi internazionali ricevuti UE Servizi internazionali ricevuti paesi terzi. Note: è utile creare due causali contabili distinte per EU e paesi terzi. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del prestatore (fornitore) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. Sarebbe comunque possibile utilizzare un unica causale(ue) e poi modificare nella registrazione contabile il trattamento IVA. La causale contabile ha una struttura simile come quella dei servizi intracomunicaria. Di seguito verrà spiegata la creazione di una causale contabile per i servizi internazionali ricevuti in ambito UE, con le videate più importanti (i singoli campi possono avere un contenuto differente in base alla codifica specifica dell utente). ACS Data Systems SpA Pagina 7 di 17

8 La causale contabile viene creata con il programma Causali contabili (menù Contabilità -> Tabelle). ACS Data Systems SpA Pagina 8 di 17

9 Sulla pagina IVA i seguenti campo hanno particolare importanza: Tipo documento contabile: Acquisto (si tratta di servizi ricevuti) Registro IVA e registro aggiuntivo: per i servizi internazionali ricevuti viene applicato il sistema del reverse-charge; ciò significa che la registrazione va effettuata contemporaneamente nel registro degli acquisti e delle vendite. Per evitare una sovrapposizione della numerazione con le fatture normali si consiglia di utilizzare dei registri propri, sia per l acquisto che per le vendite (con una numerazione i- dentica). Inoltre, i servizi UE dovrebbero essere gestiti distintamente dai servizi di paesi terzi (per la dichiarazione Intrastat). Perciò si consigla la seguente proposta: o Per i servizi internazionali da UE si possono utilizzare gli stessi registri già utilizzati per gli acquisti intracomunicari; a causa della particolare causale contabile i servizi internazionali vengono sempre gestiti distintamente dagli acquisti anche se registrati nello stesso registro. In questo caso bisogna aggiungere alla descrizione del registro degli acquisti intracomunitari il testo e servizi internazionali UE. o Per i servizi internazionali da paesi terzi si possono utilizzare i registri esistenti per le autofatture; a causa della particolare causale contabile i servizi internazionali vengono sempre gestiti distintamente dalle altre autofatture (p.es. subappalti art. 17,6), anche se registrati nello stesso registro. Codice IVA: non è richiesto creare un codice IVA specifico perché il tipo di operazione viene già definita dalla causale contabile. Trattamento IVA: questo campo è stato ampliato dalle due opzioni servizi internazionali UE ovvero paesi terzi e definisce il tipo di operazione. Sulle pagine seguenti della causale vengono inseriti i conti contabili (contropartita IVA e costi) e le descrizioni del giornale. Note: in una versione precedente di Radix non è stata fatta distinzione tra servizi dall UE e da paesi terzi. Questa distinzione è diventata però necessaria. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del prestatore (fornitore) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. Per questo verificate le registrazioni già effettuate di servizi internazionali. Note: Dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario bloccare la causale dei servizi intracomunicari (se esistente) con data 31/12/2009. ACS Data Systems SpA Pagina 9 di 17

10 REGISTRAZIONE CONTABILE Gli ampliamenti descritti prima incidono sulla registrazione contabile. Di seguito verranno descritte le registrazioni contabili per i servizi internazionali resi e ricevuti. Questo vale se le registrazioni vengono effettuate direttamente; nel caso invece dell utilizzo della fatturazione e/o della gestione acquisti i parametri corretti come codice IVA e trattamento IVA vengono già definiti in questi programmi. REGISTRAZIONE DI UNA PRESTAZIONE DI SERVIZIO RESA Nel caso di una registrazione di un servizio internazionale reso (vendita) si può utilizzare la stessa causale contabile già utilizzata per le fatture clienti nazionali, perché il tipo di operazione viene definito dal codice IVA utilizzato. In questo caso utilizzate il codice IVA specifico per i servizi internazionali UE o paesi terzi, come descritto nel capitolo sui codici IVA. Sarebbe anche possibile creare una causale specifica, inserendo in questa come proposta il codice IVA in oggetto. Nel caso si utilizzi la fatturazione, le fatture vengono contabilizzate in modo automatico senza bisogno di una causale specifica. Note: verificate le registrazioni contabili di servizi internazionali già effettuate in precedenza. ACS Data Systems SpA Pagina 10 di 17

11 REGISTRAZIONE DI UNA PRESTAZIONE DI SERVIZIO RICEVUTA Nel caso di una registrazione contabile di un servizio internazionale ricevuto (acquisto) è necessario utilizzare delle causali contabili specifiche per i servizi internazionali dall UE o da paesi terzi (vedi capitolo sulle causali contabili), perché il tipo di operazione viene determinato dalla causale contabile. La causale per i servizi internazionali si basa su quella delle autofatture. Al contrario degli acquisti intracomunitari, i servizi internazionali possono essere registrati anche in valuta estera (p.es. prestazione di consulenza ricevuta da un paese terzo, fatturato in $). Per questo motivo la registrazione contabile presenta due videate del giornale, una per il fornitore e il costo (eventualmente in valuta estera) ed una per la registrazione dell IVA (sempre in ). Nella registrazione, simile agli acquisti intracomunitari, viene sempre inserito l imponibile. Il campo Trattamento IVA, proposto dalla causale contabile, definisce il tipo di operazione; è possibile variare questo campo da UE a paesi terzi e viceversa (se viene utilizzata soltanto una causale unica che richiede la distinzione tra UE e paesi terzi nella registrazione). Il codice IVA utilizzato nella registrazione può essere quello normale del 20%, perché il tipo di operazione viene già determinato dalla causale contabile (campo trattamento IVA), come negli acquisti intracomunitari, e non dal codice IVA. È però anche possibile, ma non richiesto, utilizzare un codice IVA specifico (che può essere inserito già nella causale contabile come proposta). ACS Data Systems SpA Pagina 11 di 17

12 Sulla pagina Giornale viene indicato il fornitore ed inserito la contropartita del costo; questa registrazione può avvenire anche in valuta estera. Sulla pagina successiva, Giornale IVA, viene creata automaticamente la registrazione IVA. La procedura descritta vale per i servizi sia dall UE che da paesi terzi; si cambia solamente la causale contabile ed eventualmente i registri IVA. ACS Data Systems SpA Pagina 12 di 17

13 Note: verificate le registrazioni contabili di servizi internazionali già effettuate in precedenza. LIQUIDAZIONE IVA PERIODICA Come avviene già per gli acquisti intracomunitari (ed in precedenza per i servizi intracomunitari) anche i servizi internazionali vengono esposti distintamente dalle altre operazioni nella liquidazione periodica IVA. In questo esempio per gli acquisti intracomunitari e per i servizi internazionali dall UE viene utilizzato lo stesso registro IVA, gli altri servizi internazionali da paesi terzi vengono esposti sul registro autofatture. ACS Data Systems SpA Pagina 13 di 17

14 DOCUMENTI DI VENDITA In Radix, per le vendite il tipo di operazione viene determinato dal codice IVA utilizzato. Per questo motivo è importante che nei documenti di vendita (offerta, ordine cliente, bolla e fattura) venga proposto il codice IVA corretto. Come già descritto nel capitolo sulla registrazione contabile anche nella fatturazione non è richiesta una causale di fatturazione specifica. In base alla provenienza del cliente (UE o paese terzo) viene determinato il campo del calcolo IVA: Estero UE: per i clienti dall UE viene inoltre distinto tra o Cessione intracomunitaria o Servizi internazionali Paesi terzi: per i clienti da paesi viene inoltre distinto tra o Cessioni (esportazioni) o Servizi internazionali. In base a questa selezione viene inserito il codice IVA, definito nei parametri, in ogni riga di movimento. Se in un secondo momento viene modificata questa selezione (p.es. da UE a paesi terzi oppure da cessioni a servizi), il codice IVA viene variato in tutte le righe del documento. In Radix, in base alla provenienza del cliente (nazionale, UE, paese terzo) viene proposto il valore del campo Calcolo IVA ; però non è possibile dedurre in modo automatico il tipo di movimento (cessione o servizio); questo deve essere selezionato manualmente. È consigliabile suddividere gli articoli di merci (cessioni) dai servizi su fatture distinte (per la dichiarazione Intrastat). ACS Data Systems SpA Pagina 14 di 17

15 GESTIONE ACQUISTI In Radix, il tipo di operazione viene determinato, per gli acquisti, dalla causale contabile utilizzata. Per questo motivo è importante che nella gestione acquisti viene proposta in modo automatico la causale contabile corretta; questa viene definita della causale di acquisto. CAUSALI DI ACQUISTO Per i servizi internazionali, identico alle autofatture, è necessaria una causale di acquisto specifica. Non è invece richiesto nella gestione acquisti un registro particolare perché le fatture vengono già contabilizzate, in base alla causale contabile, in registri IVA distinti (come descritto sopra nel capitolo sulla registrazione contabile). Da notare che la causale di acquisto deve avere come tipo di documento Autofattura. ACS Data Systems SpA Pagina 15 di 17

16 Sulla seconda pagina della causale, Registrazione, si definiscono le causali contabili che vengono proposte in modo automatico durante la registrazione dell acquisto. Autofattura nazionale: per autofatture normali come p.es. subappalti nel settore delle costruzioni Servizi internationali UE: per servizi da prestatore di un paese dell UE. Servizi internationali paesi terzi: per servizi da prestatore di un paese terzo. In base alla provenienza del fornitore viene proposta, al momento dell inserimento della fattura nella gestione acquisti, la causale contabile. Dato che negli acquisti il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile, è possibile utilizzare anche un codice IVA normale (p.es. 20%). Non è invece richiesto utilizzare per gli acquisti un codice IVA specifico (p.es. 20%, art. 17,2) perché sulle stampe di totali IVA annuali e liquidazione periodica i servizi vengono esposti sempre distintamente in base alla causale contabile. È però possibile utilizzare un codice specifico che può essere definito nella causale di acquisto come valore di proposta. Note: verificate, dopo aver controllato le causali contabili, la definizione di questi nella causale di acquisto. ACS Data Systems SpA Pagina 16 di 17

17 DOCUMENTI DI ACQUISTO Per la registrazione di una fattura nella gestioni acquisti deve essere utilizzata una causale acquisti specifica, distinta dalle altre fatture (fatture nazionali, acquisti intracomunitari, bollette doganali). In base alla provenienza del fornitore viene automaticamente proposta la causale contabile predefinita nella causale acquisti. In caso di un eccezione la causale contabile può essere modifica manualmente (p.es. da UE a paesi terzi); questa causale viene poi utilizzata nella registrazione automatica della fattura in contabilità. Il codice IVA viene proposto dalla causale acquisti ovvero se vuota, dalla causale contabile; in caso contrario viene proposto il codice IVA normale. Note: dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario modificare le registrazioni eventualmente già effettuate nel Questo documento è stato creato in base alla situazione attuale (18/02/2010). Per modifiche future come già annunciate dalla stampa specializzata, questa documentazione è da sostituire con una nuova versione. Sarà cura di ACS Data Systems spa informare i clienti tempestivamente sui nuovi sviluppi in materia.. ACS Data Systems SpA Pagina 17 di 17

ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO)

ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) RADIX ERP by ACS Data Systems Comunicazione telematica art 21 del DL. 72/2010 (spesometro) Operazioni IVA 2012 Release: 31.10.2013 ACS Data Systems AG/spa 1 / 23

Dettagli

ELENCO CLIENTI / FORNITORI

ELENCO CLIENTI / FORNITORI ELENCO CLIENTI / FORNITORI RADIX ERP BY ACS DATA SYSTEMS Comunicazione telematica art 21 del DL. 72/2010 (spesometro) Release: 27.12.2011 ACS Data Systems AG/spa 1 / 27 INDICE Indice... 2 Introduzione...

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

Regime Iva delle provvigioni. Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010

Regime Iva delle provvigioni. Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010 Regime Iva delle provvigioni Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010 2 - cessioni di beni in Italia - cessioni di beni dall Italia ad uno Stato membro UE Trattandosi

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 21 dicembre 2012 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Servizi internazionali e Cee modifiche normative e nuovi obblighi in materia IVA. Con la presente circolare si esaminano

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

REVERSE CHARGE PREMESSA...2. OPERATIVITA IN BUSINESS...2 Ditta prestatore di servizi...2 Ditta committente...3 REVERSE CHARGE MISTO.

REVERSE CHARGE PREMESSA...2. OPERATIVITA IN BUSINESS...2 Ditta prestatore di servizi...2 Ditta committente...3 REVERSE CHARGE MISTO. REVERSE CHARGE. PREMESSA...2 OPERATIVITA IN BUSINESS...2 Ditta prestatore di servizi...2 Ditta committente...3 REVERSE CHARGE MISTO.4 CONTABILIZZAZIONE...6 1 PREMESSA Il meccanismo del reverse charge (o

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA. RADIX ERP by ACS Data Systems. Release: 30.09.2013. ACS Data Systems AG/Spa 1 / 8

AUMENTO ALIQUOTA IVA. RADIX ERP by ACS Data Systems. Release: 30.09.2013. ACS Data Systems AG/Spa 1 / 8 AUMENTO ALIQUOTA IVA RADIX ERP by ACS Data Systems Release: 30.09.2013 ACS Data Systems AG/Spa 1 / 8 I N D I C E Indice... 2 Introduzione... 3 Momento di applicazione della nuova aliquota... 3 Utilizzo

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

ELENCO CLIENTI E FORNITORI

ELENCO CLIENTI E FORNITORI ELENCO CLIENTI E FORNITORI (COMUNICAZIONE TELEMATICA ART 21 DEL DL. 72/2010 - SPESOMETRO) Fiscal Software by ACS Data Systems Release: 10.01.2012 ACS Data Systems spa/ag 1 / 19 INDICE Indice... 2 Introduzione...

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2010.0.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE O C S E 1 Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE Francesco Campanile Dirigente Ministero Economia e Finanze Revisore dei conti CNSD Dottore commercialista Docente di Diritto Tributario internazionale

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE Introduzione INTRODUZIONE Per poter considerare rilevanti ai fini IVA le operazioni effettuate dagli operatori economici, deve sussistere contemporaneamente, oltre ai presupposti soggettivo, oggettivo

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD Modulo Versione Run Time ebridge 02.43.00 Modulo Base 01.85.01 Modulo Base Contabile 02.08.02 Contabilità

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità - Intrastat. Oggetto Modulo Intrastat

FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità - Intrastat. Oggetto Modulo Intrastat Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità - Intrastat Oggetto Modulo Intrastat * in giallo le modifiche apportate rispetto

Dettagli

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009 Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A partire dall 1.1.2010, per effetto di 2 Direttive comunitarie l adempimento della presentazione degli

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

Intra 2010 Invio telematico

Intra 2010 Invio telematico Intra 2010 Invio telematico A seguito dell'entrata in vigore del decreto attuativo che recepisce le nuove normative europee in materia di modelli INTRA, dal 2010 non sono più accettati i modelli cartacei

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

La nuova dichiarazione d intento

La nuova dichiarazione d intento La nuova dichiarazione d intento Settore Fisco e Diritto d Impresa Questo materiale è predisposto da Assolombarda per i propri associati. Ogni altra forma di utilizzo o riproduzione non è consentita senza

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22%

Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22% Pag. 1 Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22% 30 Settembre 2013 Pagina 1 di 11 Pag. 2 sommario Dal 1 Ottobre 2013 aumento IVA... 3 Premessa... 3 Cessioni di Beni... 3 Prestazioni di Servizi... 3 Acquisti

Dettagli

TERRITORIALITA IVA e INTRASTAT AGENZIE VIAGGIO

TERRITORIALITA IVA e INTRASTAT AGENZIE VIAGGIO Emilia Romagna e Marche TERRITORIALITA IVA e INTRASTAT AGENZIE VIAGGIO A cura di. Anna Rag.Pancaldi TERRITORIALITA IVA DECRETO LEGISLATIVO 11 Febbraio 2010 N.18 ( pubblicato il 19/02/2010) RIFORMULAZIONE

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Claudia Balestra Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Emanuela Tarulli Dott. Marco

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Dott. Giorgio Amendolara Consulente Informatico Aziendale

Dott. Giorgio Amendolara Consulente Informatico Aziendale COME REGISTRARE LE BOLLE DOGANALI IN CAPITAL Per la registrazione delle Bolle Doganali in Capital, procedere come segue: Creare nel Piano dei Conti un Mastro Fornitori Extra UE o 0202000 FORNITORI EXTRA

Dettagli

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I nuovi modelli Intrastat... 5 Circolare n. 6 Novità modelli Intrastat (D.Lgs. 18.2.2010, n. 11) Indice 1 Premessa... 2 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5 3.1 Obbligo di inclusione

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI TRACCIABILITÀDEIFLUSSIFINANZIARI RADIX ERPbyACSDataSystems Release:29.08.2011 ACSDataSystemsSpA 1/8 INDICE Indice... 2 Gestione codici CIG e CUP... 3 Inserimento CIG (Codice Identificativo Gara) e CUP

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Spett.li CLIENTI / LORO SEDI SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Con la presente circolare lo studio desidera ricordare ai Gentili Clienti che dal 01 gennaio

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: NUOVE MODALITA DI FATTURAZIONE 1. Premesse, riferimenti normativi e decorrenza Il cosiddetto Decreto Salva infrazioni (D.L. 216/2012),

Dettagli

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA)

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA) Dott. Sandro Malevolti Dott. Massimo Morandi Dott.ssa Laura Cimino - Dott. Massimiliano Manfredi - Dott. Fabio Pirgher Firenze, 12 gennaio 2010 AI SIGNORI CLIENTI Loro Sedi OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-84XK8U24404 Data ultima modifica 02/03/2011 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità, Intrastat Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra

Dettagli

Recenti novità in materia di IVA

Recenti novità in materia di IVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Recenti novità in materia di IVA Legge di stabilità: le novità introdotte a seguito del recepimento della Direttiva 13 luglio 2010 n. 2010/45/UE Stefano Maffi

Dettagli

documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi

documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi 24 ottobre 2012 A cura della Commissione di studio Fiscalità degli Enti Presidente Nicola Tonveronachi Componenti Giuseppe Cambria Roberto Candela

Dettagli

NOTE OPERATIVE Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010

NOTE OPERATIVE Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010 Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010 Sommario 1. Modello Intrastat: novità 2010... 2 Integrazione dati Intrastat... 2 Supporto magnetico... 2 Stampa Modello... 2 Consegna dichiarazioni Intrastat all'agenzia

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

Iva nelle operazioni con l estero

Iva nelle operazioni con l estero Genova, 5 febbraio 2015 Iva nelle operazioni con l estero Dott.ssa Carla Bellieni Dott. Fabrizio Moscatelli 1 La territorialità delle operazioni L'IVA si applica sulle operazioni che soddisfano tre requisiti

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi A cura di Caterina Gastone Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio IVA 1 I presupposti

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

CIRCOLARE n. 2/2-3/2010 A TUTTI I CLIENTI OGGETTO:

CIRCOLARE n. 2/2-3/2010 A TUTTI I CLIENTI OGGETTO: Via Piva 59/B - 31049 Valdobbiadene (TV) Tel. 0423/976355 (e c/o 975706) r.a. - Fax 0423/975936 E-MAIL: camilotto@nemnet.it c.f.: CML VNN 52T11 M048L - p. i.v.a.: 00596180265 Valdobbiadene, 22 gennaio

Dettagli

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E-COMMERCE Cosa tratteremo: Intendiamoci sui termini Imposte dirette IVA INTENDIAMOCI SUI TERMINI Il commercio elettronico è un attività commerciale che

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT

GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT L anno 2008 non ha apportato sostanziali modifiche sia alle modalità sia ai termini di presentazione delle dichiarazioni intrastat. Pertanto con la presente trattazione ci limitiamo

Dettagli

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti:

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti: Consulenza aziendale consulenza settore turismo elaborazione dati contabili formazione del personale Roma, 12 Gennaio 2013 CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 /2013 OGGETTO: LEGGE DI STABILITÀ 2013 NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Piazza Cavour n.29, 60100 Ancona (AN) Tel.: 071-202538 071-204315 Fax: 071-57360 Posta elettronica: laura.biagioni@consulentiassociati.com LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Ancona,

Dettagli

Elenchi Intrastat. Indice degli argomenti. Premessa. Operazioni preliminari. Inserimento manuale dei movimenti e presentazione

Elenchi Intrastat. Indice degli argomenti. Premessa. Operazioni preliminari. Inserimento manuale dei movimenti e presentazione Elenchi Intrastat Indice degli argomenti Premessa Operazioni preliminari Inserimento manuale dei movimenti e presentazione Collegamento con la Contabilità Collegamento con il ciclo attivo e passivo Generazione

Dettagli