PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems. Stato: 18/02/2010. ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems. Stato: 18/02/2010. ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17"

Transcript

1 PACCHETTO IVA 2010 (SERVIZI INTERNAZIONALI) RADIX ERP Software by ACS Data Systems Stato: 18/02/2010 ACS Data Systems SpA Pagina 1 di 17

2 INDICE Indice... 2 Introduzione... 3 Pacchetto IVA 2010 e modifiche in RADIX... 4 Ampliamenti tabelle... 5 Codici IVA... 5 Parametri Tabelle anagrafiche... 6 Causali contabili... 7 Registrazione contabile Registrazione di una prestazione di servizio resa Registrazione di una prestazione di servizio ricevuta Liquidazione IVA periodica Documenti di vendita Gestione acquisti Causali di acquisto Registrazione di acquisto ACS Data Systems SpA Pagina 2 di 17

3 INTRODUZIONE Il Consiglio dei Ministri ha licenziato la versione definitiva del decreto legislativo n. 79 del 22 gennaio 2010 che recepisce le direttive europee in materia di territorialità delle prestazioni di servizi. Nonostante il decreto non sia ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, le nuove regole, previste dalle direttive, sono entrate in vigore a partire dal 1 gennaio Questa assenza formale delle nuove disposizioni porta a condizioni di incertezza negli operatori nell applicazione delle nuove disposizioni (come si è potuto apprendere anche dalla stampa specializzata). Le nuove disposizioni riguardano la territorialità delle prestazioni di servizi nei rapporti con l estero e definiscono il luogo dove la prestazione è soggetta ad IVA e le regole da osservare da parte del prestatore e del committente. Cambia profondamente il quadro delle regole da applicare per le prestazioni di servizi tra soggetti passivi - imprese e professionisti (B2B), mentre rimane sostanzialmente ferma tra imprese e privati (B2C). Per quanto riguarda le cessioni ed acquisti di beni le regole sono rimaste in sostanza invariate (eccezioni sono in riferimento alla registrazione diretta ed al rappresentante fiscale). Per le prestazioni di servizi rese e ricevute a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, viene a cessare completamente l applicazione delle regole particolari, dettate sino al 31 dicembre 2009 dal DL 331/1993 (servizi intracomunitarie); a partire da tale data, anche per le prestazioni di servizi rese e ricevute in ambito comunitario si deve fare riferimento alle regole contenute nel Dpr 633/1972. Per i servizi prestati a soggetti passivi, la regola generale relativa al luogo della loro prestazione è basata sul luogo in cui è stabilito il destinatario, cioè il committente, non su quello in cui è stabilito il prestatore, indipendentemente dal luogo di effettuazione del servizio. Committente Fino al 31/12/2009 Dal 01/01/2010 (nuova regolal) B2B tra imprese Luogo del prestatore Luogo del committente B2C impresa a privato Luogo del prestatore Premesso il quadro generale, si deve immediatamente aggiungere che la regola sopra descritta è oggetto di numerose eccezioni. Di seguito le più importanti eccezioni (B2B): Prestazioni di servizi relativi ad immobili Locazione breve di mezzi di trasporto Prestazioni di eventi e manifestazioni Servizi di restorazione e di catering Trasporto di persone. Nei vari seminari, circolari di commercialisti e nella stampa questi argomenti sono stati trattati in modo esaustivi; perciò di seguito non si approfondirà ulteriormente questo tema a livello fiscale. L applicazione della nuova regola generale prevede che si passi da un criterio basato sul luogo dove è stabilito il prestatore ad un criterio basato sul luogo dove è stabilito il committente (soggetto passivo, non privato), indipendentemente dove materialmente è stata eseguita la prestazione. Il prestatore emette fattura senza applicazione dell IVA (operazione fuori campo IVA art. 7-ter); il committente estero invece applica il sistema di reverse charge. Se si tratta di un servizi reso verso un soggetto estero UE l operazione deve essere inserita nell elenco Intrastat. Viceversa, se il committente della prestazione è un soggetto passivo residente ed il prestatore è un impresa estera, quest ultima emette fattura senza applicazione dell IVA; tutti gli obblighi relativi all applicazione ACS Data Systems SpA Pagina 3 di 17

4 dell IVA sono a carico del committente, il quale dovrà procedere all autofatturazione dell operazione secondo il meccanismo del reverse charge (art. 17,2 Dpr 633/72). Secondo informazioni dell Agenzia delle Entrate per i servizi ricevuti da prestatori UE verrebbe reintrodotto, al posto della procedura di autofattura, il modo di integrazione della fattura emessa dal prestatore comunitario (come nel caso degli acquisti intracomunitari). Se il prestatore è un soggetto UE l operazione deve essere inserita nell elenco Intrastat. A partire dal 2010 sono state introdotte nuove disposizioni riguardanti gli elenchi riepilogativi Intrastat: Inserimento delle prestazioni internazionali rese e ricevute nei confronti dei paese dell UE negli elenchi Intrastat (nuovi moduli ed esportazione file) Obbligo dell invio telematico (non più consegna cartacea) Nuovi limiti e abolizione della dichiarazione annuale. Dato che la normativa di recepimento della nuova disciplina non è stata ancora pubblicata, la consegna degli elenchi può essere fatta in base alle disposizioni del Questo significa che per il momento devono essere inseriti negli elenchi solamente le cessioni e gli acquisti intracomunitari di merce (e non le prestazioni di servizi UE). Questo è stato confermato anche dalla circolare dell Agenzia delle Entrate n. 5/E del 17/02/2010. Secondo un informazione della dogana, i movimenti devono essere consegnati in dogana sotto forma di un file (scambi.cee). Per i servizi internazionali UE la consegna sarà rinviata di qualche mese. Radix supporta l esportazione dei movimenti su file in base alla normativa vigente del Appena saranno rilasciate le nuove disposizioni questi verranno implementate in Radix. PACCHETTO IVA 2010 E MODIFICHE IN RADIX Le nuove disposizioni, almeno fino alla situazione del 18/02/2010, sono state implementate in Radix. Per la corretta gestione delle prestazioni di servizi internazionali sono stati ampliati i seguenti programmi: Codice IVA: nuovo gruppo IVA per i servizi internazionali resi Parametri IVA: nuovi campi per la proposta dei nuovi codici IVA Causale contabile: nuovo tipo trattamento IVA per i servizi internazionali ricevuti Contabilità: i servizi intracomunitari sono stati tolti e i servizi internazionali ricevuti aggiunti. Liquidazione periodica IVA: suddivisione dei totali IVA tra servizi internazionali UE e paesi terzi Vendita: selezione del tipo di movimento (cessione beni o servizi internazionali) per la proposta del codice IVA. Causali acquisto: inserimento causale contabile per i servizi internazionali Gestione acquisti: selezione automatica della causale contabile e del codice IVA in base alla provenienza del fornitore. Nei capitoli seguenti vengono trattati in dettaglio i singoli programmi. Note: in una versione precedente di Radix (distribuito come aggiornamento in gennaio) alcuni campi avevano un significato differente e dovevano essere adattati in riferimento alle nuove conoscenze in materia. Per questo trovate nei singoli capitoli note sulle modifiche. In caso aveste effettuato un aggiornamento a gennaio e già utilizzato queste nuove funzionalità descritte di seguito, Vi chiediamo cortesemente di verificare le registrazioni già effettuate ed eventualmente di adattarle alle nuove modifiche. ACS Data Systems SpA Pagina 4 di 17

5 AMPLIAMENTI TABELLE CODICI IVA Ogni codice IVA è abbinato ad un Gruppo IVA che definisce il tipo di operazione (p.es. vendita nazionale al 20%, cessione intracomunitaria NI art. 41, ecc.). Anche per i servizi internazionali sono stati aggiunti due nuovi gruppi: Servizi internazionali (UE): si tratta delle prestazioni di servizi resi nei rapporti con l estero con territorialità in un paese della Comunità. Servizi internazionali (paesi terzi): si tratta delle prestazioni di servizi resi nei rapporti con l estero con territorialità in un paese terzo (al di fuori della Comunità). Per favore create nel programma Codici IVA (menù Tabelle anagrafiche -> Contabilità & pagamenti) due codici IVA con questi gruppi per i servizi internazionali, uno nei confronti dei paesi UE e l altro nei confronti dei paesi terzi. Fuori campo IVA (servizi internaz. UE) Fuori campo IVA (servizi internaz. paesi terzi). Questi due codici vengono utilizzati per i servizi internazionali resi, cioè di vendita, e sono senza applicazione dell IVA fuori campo IVA art. 7-ter. Inoltre, per gli esportatori abituali queste operazioni non costituiscono più plafond. Note: è necessario creare due codici distinti per UE e paesi terzi. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del committente (cliente) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. ACS Data Systems SpA Pagina 5 di 17

6 Sarebbe possibile creare anche per i servizi ricevuti un codice IVA (autofattura art. 17,2) particolare. Dato che per le fatture ricevute il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile non è richiesto creare un codice IVA particolare per gli acquisti di servizi (si possono utilizzare i codici IVA normale come 20%, 10% ecc.).se comunque volesse utilizzare anche un codice per i servizi ricevuti, questo dovrebbe contenere le seguenti informazioni: Descrizione: 20% art. 17,2 servizi internaz. UE (oppure paesi terzi) Aliquota IVA: 20% (e/o 10% e/o 4%) Gruppo IVA: servizi internazionali EU oppure paesi terzi. Note: in una versione precedente di Radix questi ultimi due gruppi avevano un altro significato (servizi internazionali autofattura art. 17,2). Per cortesia, verificate i Vs. codici IVA e le registrazioni eventualmente già effettuate (che devono essere corrette). Note: Dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario bloccare questo codice IVA con data 31/12/2009. PARAMETRI TABELLE ANAGRAFICHE Per l introduzione dei nuovi gruppi IVA per i servizi internazionali sono stati ampliati anche i parametri dell IVA, che vengono proposti nei documenti di vendita. ACS Data Systems SpA Pagina 6 di 17

7 Inserite nel programma Parametri tabelle anagrafiche (menu Tabelle anagrafiche -> Tabelle) sulla pagina IVA i parametri per le seguenti operazioni: IVA servizi internazionali UE: codice IVA per i servizi resi nei confronti della UE IVA servizi internazionali paesi terzi: codice IVA per i servizi resi nei confronti dei paesi terzi. Questi codici vengono proposti durante l inserimento di documenti di vendita (ordine, bolla, fattura). Note: per favore verificate questi parametri per l anno 2010 (questi parametri sono legati all anno). Il campo per i servizi intracomunitari è visibile solamente fino al CAUSALI CONTABILI Come notato già prima, negli acquisti il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile (e non dal codice IVA). Per i servizi internazionali ricevuti il campo Trattamento IVA è stato ampliato: Per la registrazione dei servizi internazionali ricevuti create due causali contabili: Servizi internazionali ricevuti UE Servizi internazionali ricevuti paesi terzi. Note: è utile creare due causali contabili distinte per EU e paesi terzi. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del prestatore (fornitore) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. Sarebbe comunque possibile utilizzare un unica causale(ue) e poi modificare nella registrazione contabile il trattamento IVA. La causale contabile ha una struttura simile come quella dei servizi intracomunicaria. Di seguito verrà spiegata la creazione di una causale contabile per i servizi internazionali ricevuti in ambito UE, con le videate più importanti (i singoli campi possono avere un contenuto differente in base alla codifica specifica dell utente). ACS Data Systems SpA Pagina 7 di 17

8 La causale contabile viene creata con il programma Causali contabili (menù Contabilità -> Tabelle). ACS Data Systems SpA Pagina 8 di 17

9 Sulla pagina IVA i seguenti campo hanno particolare importanza: Tipo documento contabile: Acquisto (si tratta di servizi ricevuti) Registro IVA e registro aggiuntivo: per i servizi internazionali ricevuti viene applicato il sistema del reverse-charge; ciò significa che la registrazione va effettuata contemporaneamente nel registro degli acquisti e delle vendite. Per evitare una sovrapposizione della numerazione con le fatture normali si consiglia di utilizzare dei registri propri, sia per l acquisto che per le vendite (con una numerazione i- dentica). Inoltre, i servizi UE dovrebbero essere gestiti distintamente dai servizi di paesi terzi (per la dichiarazione Intrastat). Perciò si consigla la seguente proposta: o Per i servizi internazionali da UE si possono utilizzare gli stessi registri già utilizzati per gli acquisti intracomunicari; a causa della particolare causale contabile i servizi internazionali vengono sempre gestiti distintamente dagli acquisti anche se registrati nello stesso registro. In questo caso bisogna aggiungere alla descrizione del registro degli acquisti intracomunitari il testo e servizi internazionali UE. o Per i servizi internazionali da paesi terzi si possono utilizzare i registri esistenti per le autofatture; a causa della particolare causale contabile i servizi internazionali vengono sempre gestiti distintamente dalle altre autofatture (p.es. subappalti art. 17,6), anche se registrati nello stesso registro. Codice IVA: non è richiesto creare un codice IVA specifico perché il tipo di operazione viene già definita dalla causale contabile. Trattamento IVA: questo campo è stato ampliato dalle due opzioni servizi internazionali UE ovvero paesi terzi e definisce il tipo di operazione. Sulle pagine seguenti della causale vengono inseriti i conti contabili (contropartita IVA e costi) e le descrizioni del giornale. Note: in una versione precedente di Radix non è stata fatta distinzione tra servizi dall UE e da paesi terzi. Questa distinzione è diventata però necessaria. A causa delle varie eccezioni della norma non è sempre possibile dedurre dal paese del prestatore (fornitore) la territorialità del servizio come UE (=obbligo di elenchi intrastat) oppure come paese terzo. Per questo verificate le registrazioni già effettuate di servizi internazionali. Note: Dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario bloccare la causale dei servizi intracomunicari (se esistente) con data 31/12/2009. ACS Data Systems SpA Pagina 9 di 17

10 REGISTRAZIONE CONTABILE Gli ampliamenti descritti prima incidono sulla registrazione contabile. Di seguito verranno descritte le registrazioni contabili per i servizi internazionali resi e ricevuti. Questo vale se le registrazioni vengono effettuate direttamente; nel caso invece dell utilizzo della fatturazione e/o della gestione acquisti i parametri corretti come codice IVA e trattamento IVA vengono già definiti in questi programmi. REGISTRAZIONE DI UNA PRESTAZIONE DI SERVIZIO RESA Nel caso di una registrazione di un servizio internazionale reso (vendita) si può utilizzare la stessa causale contabile già utilizzata per le fatture clienti nazionali, perché il tipo di operazione viene definito dal codice IVA utilizzato. In questo caso utilizzate il codice IVA specifico per i servizi internazionali UE o paesi terzi, come descritto nel capitolo sui codici IVA. Sarebbe anche possibile creare una causale specifica, inserendo in questa come proposta il codice IVA in oggetto. Nel caso si utilizzi la fatturazione, le fatture vengono contabilizzate in modo automatico senza bisogno di una causale specifica. Note: verificate le registrazioni contabili di servizi internazionali già effettuate in precedenza. ACS Data Systems SpA Pagina 10 di 17

11 REGISTRAZIONE DI UNA PRESTAZIONE DI SERVIZIO RICEVUTA Nel caso di una registrazione contabile di un servizio internazionale ricevuto (acquisto) è necessario utilizzare delle causali contabili specifiche per i servizi internazionali dall UE o da paesi terzi (vedi capitolo sulle causali contabili), perché il tipo di operazione viene determinato dalla causale contabile. La causale per i servizi internazionali si basa su quella delle autofatture. Al contrario degli acquisti intracomunitari, i servizi internazionali possono essere registrati anche in valuta estera (p.es. prestazione di consulenza ricevuta da un paese terzo, fatturato in $). Per questo motivo la registrazione contabile presenta due videate del giornale, una per il fornitore e il costo (eventualmente in valuta estera) ed una per la registrazione dell IVA (sempre in ). Nella registrazione, simile agli acquisti intracomunitari, viene sempre inserito l imponibile. Il campo Trattamento IVA, proposto dalla causale contabile, definisce il tipo di operazione; è possibile variare questo campo da UE a paesi terzi e viceversa (se viene utilizzata soltanto una causale unica che richiede la distinzione tra UE e paesi terzi nella registrazione). Il codice IVA utilizzato nella registrazione può essere quello normale del 20%, perché il tipo di operazione viene già determinato dalla causale contabile (campo trattamento IVA), come negli acquisti intracomunitari, e non dal codice IVA. È però anche possibile, ma non richiesto, utilizzare un codice IVA specifico (che può essere inserito già nella causale contabile come proposta). ACS Data Systems SpA Pagina 11 di 17

12 Sulla pagina Giornale viene indicato il fornitore ed inserito la contropartita del costo; questa registrazione può avvenire anche in valuta estera. Sulla pagina successiva, Giornale IVA, viene creata automaticamente la registrazione IVA. La procedura descritta vale per i servizi sia dall UE che da paesi terzi; si cambia solamente la causale contabile ed eventualmente i registri IVA. ACS Data Systems SpA Pagina 12 di 17

13 Note: verificate le registrazioni contabili di servizi internazionali già effettuate in precedenza. LIQUIDAZIONE IVA PERIODICA Come avviene già per gli acquisti intracomunitari (ed in precedenza per i servizi intracomunitari) anche i servizi internazionali vengono esposti distintamente dalle altre operazioni nella liquidazione periodica IVA. In questo esempio per gli acquisti intracomunitari e per i servizi internazionali dall UE viene utilizzato lo stesso registro IVA, gli altri servizi internazionali da paesi terzi vengono esposti sul registro autofatture. ACS Data Systems SpA Pagina 13 di 17

14 DOCUMENTI DI VENDITA In Radix, per le vendite il tipo di operazione viene determinato dal codice IVA utilizzato. Per questo motivo è importante che nei documenti di vendita (offerta, ordine cliente, bolla e fattura) venga proposto il codice IVA corretto. Come già descritto nel capitolo sulla registrazione contabile anche nella fatturazione non è richiesta una causale di fatturazione specifica. In base alla provenienza del cliente (UE o paese terzo) viene determinato il campo del calcolo IVA: Estero UE: per i clienti dall UE viene inoltre distinto tra o Cessione intracomunitaria o Servizi internazionali Paesi terzi: per i clienti da paesi viene inoltre distinto tra o Cessioni (esportazioni) o Servizi internazionali. In base a questa selezione viene inserito il codice IVA, definito nei parametri, in ogni riga di movimento. Se in un secondo momento viene modificata questa selezione (p.es. da UE a paesi terzi oppure da cessioni a servizi), il codice IVA viene variato in tutte le righe del documento. In Radix, in base alla provenienza del cliente (nazionale, UE, paese terzo) viene proposto il valore del campo Calcolo IVA ; però non è possibile dedurre in modo automatico il tipo di movimento (cessione o servizio); questo deve essere selezionato manualmente. È consigliabile suddividere gli articoli di merci (cessioni) dai servizi su fatture distinte (per la dichiarazione Intrastat). ACS Data Systems SpA Pagina 14 di 17

15 GESTIONE ACQUISTI In Radix, il tipo di operazione viene determinato, per gli acquisti, dalla causale contabile utilizzata. Per questo motivo è importante che nella gestione acquisti viene proposta in modo automatico la causale contabile corretta; questa viene definita della causale di acquisto. CAUSALI DI ACQUISTO Per i servizi internazionali, identico alle autofatture, è necessaria una causale di acquisto specifica. Non è invece richiesto nella gestione acquisti un registro particolare perché le fatture vengono già contabilizzate, in base alla causale contabile, in registri IVA distinti (come descritto sopra nel capitolo sulla registrazione contabile). Da notare che la causale di acquisto deve avere come tipo di documento Autofattura. ACS Data Systems SpA Pagina 15 di 17

16 Sulla seconda pagina della causale, Registrazione, si definiscono le causali contabili che vengono proposte in modo automatico durante la registrazione dell acquisto. Autofattura nazionale: per autofatture normali come p.es. subappalti nel settore delle costruzioni Servizi internationali UE: per servizi da prestatore di un paese dell UE. Servizi internationali paesi terzi: per servizi da prestatore di un paese terzo. In base alla provenienza del fornitore viene proposta, al momento dell inserimento della fattura nella gestione acquisti, la causale contabile. Dato che negli acquisti il tipo di operazione viene definito dalla causale contabile, è possibile utilizzare anche un codice IVA normale (p.es. 20%). Non è invece richiesto utilizzare per gli acquisti un codice IVA specifico (p.es. 20%, art. 17,2) perché sulle stampe di totali IVA annuali e liquidazione periodica i servizi vengono esposti sempre distintamente in base alla causale contabile. È però possibile utilizzare un codice specifico che può essere definito nella causale di acquisto come valore di proposta. Note: verificate, dopo aver controllato le causali contabili, la definizione di questi nella causale di acquisto. ACS Data Systems SpA Pagina 16 di 17

17 DOCUMENTI DI ACQUISTO Per la registrazione di una fattura nella gestioni acquisti deve essere utilizzata una causale acquisti specifica, distinta dalle altre fatture (fatture nazionali, acquisti intracomunitari, bollette doganali). In base alla provenienza del fornitore viene automaticamente proposta la causale contabile predefinita nella causale acquisti. In caso di un eccezione la causale contabile può essere modifica manualmente (p.es. da UE a paesi terzi); questa causale viene poi utilizzata nella registrazione automatica della fattura in contabilità. Il codice IVA viene proposto dalla causale acquisti ovvero se vuota, dalla causale contabile; in caso contrario viene proposto il codice IVA normale. Note: dato che a partire dal 1 gennaio 2010, in ambito intracomunitario, è venuta a cessare completamente l applicazione delle regole sui servizi intercomunitari, dettate dall art. 40 DL 331/1993, è necessario modificare le registrazioni eventualmente già effettuate nel Questo documento è stato creato in base alla situazione attuale (18/02/2010). Per modifiche future come già annunciate dalla stampa specializzata, questa documentazione è da sostituire con una nuova versione. Sarà cura di ACS Data Systems spa informare i clienti tempestivamente sui nuovi sviluppi in materia.. ACS Data Systems SpA Pagina 17 di 17

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE 16 E 17 GENNAIO 2013 Metodologia Didattica STUDIO DEL SORBO SRL L'attività didattica si avvale di metodologie finalizzate a rendere il partecipante protagonista del processo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export primo secondo terzo Agenzia delle Dogan Le dogane

Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export primo secondo terzo Agenzia delle Dogan Le dogane Adempimenti fiscali e doganali riguardanti le operazioni di import/export Le imprese che intrattengono rapporti commerciali con l'estero devono rispettare alcuni adempimenti formali specifici. Essi riguardano

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 Alle Associazioni del sistema Confimi e alle relative Imprese associate REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI La legge di

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

n. 7 del 3 aprile 2015

n. 7 del 3 aprile 2015 n. 7 del 3 aprile 2015 FISCO In evidenza Mod. 730-4: comunicazione entro il 15 aprile pag. 2 Fatturazione elettronica: servizi per i commercialisti pag. 3 Tax credit per il turismo digitale pag. 4 LAVORO

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015 Direzione b Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 15/E Roma, 12 febbraio 2015 OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell IVA

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO. internet & trading. 70125 BARI V.le Borsellino e Falcone, 17 Tel. 080 5015538 Fax 080 5019726 info@initweb.

IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO. internet & trading. 70125 BARI V.le Borsellino e Falcone, 17 Tel. 080 5015538 Fax 080 5019726 info@initweb. IL TUO CLIENTE È SEMPRE PIÙ VICINO W W W. W E B C L I E N T. I T 0 2. P R I M A N O T A : I N F O & O P E R A T I V I T À 0 4. P R I M A N O T A : L E S T A M P E 0 5. F A T T U R A Z I O N E : I N F O

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

www.ecnews.it RISCOSSIONE BILANCIO IMPOSTE SUL REDDITO ADEMPIMENTI ENTI NON COMMERCIALI BACHECA

www.ecnews.it RISCOSSIONE BILANCIO IMPOSTE SUL REDDITO ADEMPIMENTI ENTI NON COMMERCIALI BACHECA Edizione di mercoledì 1 aprile 2015 RISCOSSIONE Stop al fermo se il bene mobile è strumentale all attività di Maurizio Tozzi BILANCIO I debiti commerciali: definizione e scorporo degli interessi impliciti

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli