Paolo Ghezzi Assessore all Ambiente del Comune di Pisa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Ghezzi Assessore all Ambiente del Comune di Pisa"

Transcript

1

2

3

4

5 Nel 2005 è stato presentato alla Città il primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente: un volume articolato in cui sono contenute molte informazioni relative alle diverse componenti del nostro ambiente e la loro evoluzione nel tempo, strumento di conoscenza e di informazione partendo dal quale è possibile delineare strategie di miglioramento e politiche di gestione delle pressioni ambientali del nostro territorio. Il Rapporto sullo Stato dell Ambiente, così redatto, non rappresenta un efficacie mezzo di comunicazione nè un adeguato strumento didattico rivolto ai ragazzi delle nostre scuole che sono, invece, i primi a dover essere coinvolti in un percorso di corretta informazione ambientale. Per comunicare con i ragazzi, attraverso un lavoro coordinato e condiviso con le scuole, abbiamo così pensato di tradurre i contenuti del rapporto in un linguaggio più semplice, scientificamente corretto ed esaustivo ma di immediata comprensione e di stimolo all interattività e al desiderio di approfondimento di queste importanti tematiche. È nato così questo primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Junior che mi auguro possa contribuire ad una corretta informazione sui temi ambientali, stimolando nei ragazzi la voglia di conoscenza e la capacità di un analisi obbiettiva dei problemi del nostro territorio. Paolo Ghezzi Assessore all Ambiente del Comune di Pisa

6 Cari ragazzi e ragazze, il manuale che state per leggere vuole essere uno spunto per aprire una finestra sulle problematiche ambientali, ma non solo! Vuole anche dare importanza al contributo che ognuno di noi può dare alla salvaguardia e alla tutela dell ambiente in cui vive. Nelle prime pagine sono illustrati alcuni concetti fondamentali che saranno utili per sfogliare i capitoli di questo manualetto. Ciascun capitolo (che tratterà un tema ambientale) si aprirà con la sezione COS E? COME STA? dove troverete alcune informazioni generali sul tema e la descrizione dei principali problemi che lo affliggono. Seguirà e nel nostro territorio? la descrizione della situazione del territorio comunale, estrapolata direttamente dal Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Pisa dell anno 2004, affiancata dalle opinioni degli abitanti sondate attraverso un indagine sulla percezione nel territorio comunale denominata PROGETTO S.PER.A. - Sostenibilità e PERcezione Ambientale dei cittadini nel Comune di Pisa e realizzata nel In particolare, dove possibile è stata valutata la situazione esistente e cosa ne pensano i cittadini, dando alcuni giudizi secondo la legenda riportata di seguito: LEGENDA LA SITUAZIONE situazione positiva COSA NE PENSANO I CITTADINI? situazione percepita positivamente situazione incerta situazione incerta situazione negativa situazione percepita negativamente situazione che necessita di ulteriori indagini situazione che necessità di ulteriore approfondimento Arriveranno poi le parti più divertenti! PASSIAMO ALL AZIONE, LO SAPEVI CHE e GIOCHIAMO? dove potrete trovare curiosità, azioni da galateo ambientale, simpatici test e giochi da fare da soli o in classe. Al fine di fornire spunti di approfondimento verranno inoltre riportati per ciascun tema, nella sezione LINK UTILI per saperne di più, alcuni dei principali siti di riferimento. Per capire meglio i termini più difficili (evidenziati di rosso) vi aiuterà il GLOSSA- RIO, nella parte finale. Infine, un elenco telefonico dei soggetti territoriali operanti nel settore dell ambiente denominato PAGINE GIALLE AMBIENTALI sarà a vostra disposizione. Buona lettura!

7 INDICE...PER COMINCIARE... 9 ACQUA RIFIUTI ENERGIA ARIA PAESAGGIO E NATURA SISTEMA URBANO E PER FINIRE GLOSSARIO PAGINE GIALLE AMBIENTALI... 70

8

9 ...PER COMINCIARE ALCUNI CONCETTI GENERALI È difficile dare una definizione di Ambiente e Inquinamento, poiché si tratta di concetti in continua evoluzione che cambiano con il mutare della legislazione, dell interpretazione dei giudici e della sensibilità umana, comunque si può provare a definire: Ambiente: in poche parole tutto ciò che ci circonda; il nostro contesto e ciò che permette la nostra vita: aria, acqua, risorse, strade, persone, alberi, animali... e le relazioni che legano gli organismi tra loro e con gli elementi fisici. Inquinamento: introduzione diretta o indiretta, a seguito di attività umana, di sostanze, vibrazioni, calore o rumore nell aria, nell acqua o nel suolo, che potrebbero nuocere alla salute umana o alla qualità dell ambiente, causare deterioramento di beni materiali (D.Lgs. 4 agosto 1999). Sviluppo sostenibile: in alternativa al modello a crescita illimitata, in questi ultimi anni è stato proposto con sempre più forza un modello che è stato definito di sviluppo sostenibile. Secondo quanto affermato nel documento Il futuro di noi tutti stilato nel 1987 dalla Commissione Mondiale sull Ambiente e lo Sviluppo (conosciuto come Rapporto Brundtland dal nome del Primo Ministro norvegese, la signora G.H. Brundtland, che presiedeva la Commissione), per sviluppo sostenibile s intende lo sviluppo che soddisfa i bisogni dell attuale generazione senza compromettere la capacità di quelle future di soddisfare i loro. Ciò significa in altre parole trovare un giusto equilibrio tra esigenze economiche e di modernizzazione della vita sociale e tutela dell ambiente. Un modello di sviluppo sostenibile non accetta la crescita ad ogni costo ma ipotizza una crescita per lo sviluppo e quindi sceglie tra diversi tipi di crescita; e per scegliere dovremo imparare a porci delle domande significative del tipo: 9

10 A che cosa serve? Chi ne trarrà vantaggio? Potrà armonizzarsi con l ambiente? Per comprendere meglio i concetti di crescita e sviluppo consultiamo il dizionario: crescere significa aumentare di dimensioni, sviluppare significa invece non solo aumentare di dimensioni, ma soprattutto aumentare in modo armonioso. In definitiva, mentre il termine crescita evidenzia solo gli aspetti quantitativi in aumento, il termine sviluppo invita a porre attenzione anche agli aspetti qualitativi dell aumentare, che nel nostro caso sono aspetti relazionati alla qualità della vita. Cambiare il modello a crescita illimitata in favore di un modello di sviluppo sostenibile non comporta una rinuncia a priori della crescita. In pratica un modello di sviluppo sostenibile non si lascia guidare solo dal profitto, ma sceglie di privilegiare in primo luogo il benessere reale dei cittadini presenti e futuri. L UNIONE EUROPEA E L AMBIENTE L inquinamento, in quanto fenomeno legato alla presenza dell uomo, non è eliminabile, tuttavia è possibile trovare un equilibrio tra attività umane e tutela dell ambiente. Ciò avviene emanando leggi per regolamentare i comportamenti che possono essere dannosi all ambiente: consentendo determinate attività solo con atti autorizzati e imponendo obblighi o divieti. L UNIONE EUROPEA persegue tra i suoi obiettivi quello della salvaguardia dell ambiente e delle risorse naturali, anche a protezione della salute umana. L effettiva attenzione alle problematiche ambientali da parte dell Unione Europea si è avuta dal 1987 a seguito dell emanazione dell Atto Unico Europeo. Tra i principi che ispirano la politica comunitaria ci sono: principio di precauzione in base al quale vanno adottate tutte la misure necessarie per evitare danni all ambiente da parte di chi svolge attività rischiose; principio di azione preventiva finalizzato alla predisposizione di misure per limitare il rischio di danni all ambiente; 10

11 principio di correzione in via prioritaria alla fonte dei danni causati all ambiente; principio del chi inquina paga secondo il quale, se si causa un danno all ambiente si è tenuti al risarcimento. Con l adesione all Unione Europea, ciascuno Stato membro è soggetto, e più o meno vincolato, agli atti che gli organi comunitari possono emanare (regolamenti, direttive, decisioni). Per saperne di più, è possibile consultare il sito: 11

12 6 GIOCHIAMO? 6 Componi le parole e potrai confrontare il significato di due termini che generalmente vengono considerati sinonimi: crescita e sviluppo Prova a utilizzare le lettere contenute nel riquadro in basso per costruire le parole. Ad ogni parola corrisponde un punteggio; occorre raggiungere almeno 40 punti. Le parole che riguardano i temi ambientali valgono il doppio. Il valore delle parole è riportato in tabella a fianco. NUMERO DI LETTERE CHE COMPONGONO LA PAROLA PUNTI Facciamo un esempio: con la parola CINEMA di 6 lettere guadagni 6 punti con la parola AMBIENTE (tema ambientale) di otto lettere guadagni 16 punti (8X2) O PIù 8 In questo gioco ci sono due modi diversi per ottenere il punteggio: o usare molte parole brevi più facili da trovare o usare parole lunghe e riguardanti l ambiente che sono difficili da trovare, ma che valgono molti punti In altri termini, per raggiungere il punteggio richiesto dal gioco, puoi puntare sulla quantità o sulla qualità delle parole. L A R T M E F P G T C R I B O E L V C I N O S A M Fonte: rielaborazione da Relazione sullo Stato dell Ambiente Junior Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio,

13 ACQUA COS E? e COME STA? L acqua è il composto chimico maggiormente presente sulla superficie terrestre, infatti ne occupa il 71% sotto forma di oceani, mari, acque interne (stato liquido) e ghiacciai (stato solido). È anche il principale costituente degli organismi viventi ed è l elemento nel quale si origina la vita. Il continuo scambio di acqua tra superficie terrestre e atmosfera è chiamato ciclo idrologico. L energia che alimenta il ciclo, favorendo il movimento dell acqua, è il calore solare. Per opera dell energia del Sole, l acqua che si trova nella fascia più superficiale di mari ed oceani, è soggetta ad evaporazione e passa in atmosfera. Anche la parte presente sulla superficie del suolo (fiumi, laghi, ghiacciai) evapora progressivamente ed entra in atmosfera. Allo stesso modo, la maggior parte dell acqua assorbita dalle radici delle piante evapora in atmosfera per il fenomeno della traspirazione. La quantità di acqua passata in atmosfera si condensa poi sotto forma di nubi, libere di muoversi secondo i venti; in certe condizioni di temperatura e di pressione l acqua ricade sulla superficie della terra sotto forma di precipitazioni (pioggia, grandine e neve). A questo punto vi sono due possibilità: LO SCORRIMENTO/ l acqua che arriva al suolo viene in piccola parte assorbita dalla vegetazione, in parte scivola sulla superficie del suolo e va ad alimentare torrenti e fiumi, ritornando verso il mare; L INFILTRAZIONE/ l acqua penetra nel terreno (per effetto della forza di gravità e a 13

14 condizione che questo sia permeabile) e si accumula nel sottosuolo dove forma le acque di falda. Risulta evidente che l unica fonte di approvvigionamento di acqua dolce sulla terra ferma è rappresentata dalle precipitazioni; l uomo potrebbe accrescere la disponibilità di acqua dolce soltanto privando artificialmente di sale l acqua del mare, ma tale processo è complesso e assai dispendioso. Esistono tuttavia fattori imputabili all uomo e alla società industriale che possono impoverire od ostacolare l accumulo di riserve di acqua: il disboscamento che ostacola l infiltrazione delle acque nel terreno, favorendo lo scorrimento superficiale, l intenso sfruttamento delle falde acquifere, ecc. Inoltre l uomo con la sua attività provoca deterioramento qualitativo ed inquinamento delle acque superficiali e sotterranee. Dopo averle utilizzate, le acque reflue provenienti da usi domestici, agrozootecnici e industriali vengono restituite all ambiente con caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche diverse da quelle delle acque in entrata. Ecco che diventa necessario un trattamento preventivo di depurazione delle acque di scarico prima che queste vengano reimmesse nell ambiente naturale. e nel nostro territorio? Qualità delle acque superficiali e costiere Qualità delle acque sotterranee LA SITUAZIONE La qualità delle acque del Fiume Arno appare sufficiente. Rimane critico l inquinamento delle acque dei fossi dei bacini di Pisa nord e di Pisa sud. Rimangono situazioni di forte inquinamento localizzato in corrispondenza delle foci del Fiume Arno, del Fiume Morto e del Torrente Calambrone Le acque sotterranee del comune si caratterizzano per la presenza localizzata di particolari sostanze chimiche (ferro e manganese) o per la bassa disponibilità di acqua soprattutto nei mesi estivi COSA NE PENSANO I CITTADINI? Quasi l 80% degli intervistati ritiene alto o molto alto l inquinamento delle acque superficiali Circa il 23% della popolazione intervistata non ha saputo esprimere un parere. Oltre il 45% del restante campione ritiene alto o molto alto il livello di inquinamento del suolo e delle acque sotterranee 14

15 Consumi idrici da acquedotto K La rete dell acquedotto serve praticamente tutta la popolazione. Si rilevano elevate perdite di acqua dalle tubazioni. I dati disponibili evidenziano un leggero aumento dei consumi idrici da acquedotto. Il valore medio della dotazione idrica comunale risulta pari a 219 l/ab.giorno nel 2003 J Oltre il 65% degli intervistati ritiene sufficiente, più che sufficiente o buona la disponibilità di acqua potabile Depurazione delle acque reflue L Il comune non riesce ancora a depurare tutte le acque reflue prodotte. Per risolvere tale problema, sono previsti interventi di potenziamento delle capacità depurative degli impianti attualmente funzionanti (quali: Pisa Nord - San Jacopo; Pisa Est - La Fontina; Pisa Sud; Oratoio; Tirrenia; Marina di Pisa) L Circa il 65% del campione indagato ritiene inadeguato lo stato del sistema fognario comunale Passiamo all Azione SAPRESTI INDICARE ALMENO 3 AZIONI PER RISPARMIARE ACQUA POTABILE? Eccone alcune Ripara i rubinetti e le tubature che gocciolano Un rubinetto che gocciola al ritmo di 90 gocce al minuto spreca litri di acqua all anno; un foro di un millimetro in una tubatura, provoca in un giorno, una perdita di litri di acqua potabile; Applica un frangiflutto al rubinetto per arricchire d aria il getto d acqua Consente ad una famiglia di tre persone di risparmiare fino a litri di acqua all anno; Scegli un modello di WC con il doppio flusso Si risparmiano così circa litri all anno; Fai la doccia al posto del bagno Si risparmiano litri di acqua potabile all anno; Chiudi il getto d acqua mentre ti insaponi o ti lavi i denti Si può risparmiare fino a litri l anno per una famiglia di tre persone; 15

16 Usa lavatrice e lavastoviglie a pieno carico C è un risparmio pari a / litri di acqua potabile all anno per famiglia; Pulisci i piatti subito dopo i pasti per togliere lo sporco più grossolano e condisci la pasta nel tegame ancora caldo evitando di sporcare un altra terrina Questi piccoli accorgimenti permettono un risparmio idrico, energetico e di detersivi; Limita i lavaggi del motorino o dell auto, utilizzando comunque dei secchi e non l acqua corrente Si possono risparmiare circa 130 litri per ogni lavaggio; Innaffia l orto con acqua piovana raccolta precedentemente e i fiori e le piante in vaso con acqua già utilizzata per lavare verdura e frutta Si possono così recuperare oltre litri di acqua potabile all anno. Lo sapevi che Ogni volta che fai il bagno in vasca hai bisogno di 150 LITRI Per ogni doccia che fai ti occorrono dai 30 ai 50 LITRI Ogni volta che tiri lo sciacquone del water consumi 15 LITRI Ogni volta che ti lavi le mani ti occorrono 1,5 LITRI Quando ti lavi i denti lasciando scorrere l acqua sprechi 30 LITRI ma se non lasci scorrere l acqua per lavarti i denti ti occorrono solo 2 litri! AGGIUNGI A QUESTI CONSUMI 6 LITRI DI ACQUA GIORNALIERI CHE TI SERVONO PER BERE E CUCINARE, 20 LITRI PER LAVARE I PIATTI E 100 LITRI AD OGNI LAVATRICE. Se la somma di tutti i consumi settimanali supera i 1300 litri, puoi migliorare il tuo comportamento seguendo le azioni per il risparmio idrico. 16

17 6 GIOCHIAMO? 6 Prova a numerare in ordine crescente di consumi idrici pro capite le seguenti azioni, dall azione che necessita di un minimo consumo di acqua a quella che ne consuma un quantitativo massimo. Fare il bagno in vasca Fare la doccia (di 3 min.) Lavare in lavatrice Lavare i piatti a mano Lavarsi i denti (senza lasciare aperto il rubinetto) Lavarsi le mani Tirare lo sciacquone Bere e cucinare (per una persona al giorno) soluzione 1 Lavarsi le mani 1-1,5 litri 2 Lavarsi i denti 2 litri 3 Bere e cucinare 6 litri 4 Tirare lo sciacquone litri 5 Lavare i piatti a mano 20 litri 6 Fare la doccia 40 litri 7 Lavare in lavatrice litri 8 Fare il bagno in vasca litri 6 GIOCHIAMO? 6 Leggi le etichette delle acque minerali, raccogli i dati e confrontale rispondendo a semplici domande. Prima però ti diamo qualche informazione su come si legge un etichetta. L acqua minerale si differenzia dall acqua potabile per l assenza di qualsiasi trattamento di disinfezione. Ne consegue che l acqua minerale è spesso, ma non sempre, di qualità superiore ad un acqua potabile soprattutto nelle caratteristiche più evidenti come sapore ed odore. Per l assenza di trattamenti di disinfezione le acque minerali richiedono una serie di precauzioni e di impianti avanzati per l estrazione e l imbottigliamento. Le acque minerali presentano dei limiti di accettabilità, per alcune sostanze definite contaminanti o indesiderabili, diversi dai corrispondenti limiti per le acque potabili. Generalmente i valori limite per le acque minerali sono più restrittivi di quelli relativi alle acque potabili. 17

18 Si osserva comunque che il numero di parametri di controllo previsti per le due differenti tipologie di acque è quasi lo stesso (52 parametri per le acque destinate al consumo umano [potabili] e 51 parametri per le acque minerali). Poiché l acqua minerale costituisce al momento una tipologia di acqua ad uso umano di diffuso utilizzo e poiché le etichette riportate sulle bottiglie contengono informazioni di notevole interesse, si ritiene importante descrivere le principali caratteristiche di un acqua minerale: Anidride carbonica/ più il valore è alto e più l acqua è frizzante ; ph/ è il parametro che misura l acidità dell acqua. Più il valore è inferiore a 7 e più l acqua è acidula (ad esempio l aceto ha ph circa 4, il limone 3); più il valore è superiore a 7 e più l acqua è il contrario di acidula, cioè alcalina. Il ph delle acque naturali è generalmente compreso tra 6,5 e 8,0; Residuo fisso/è il peso di tutti i minerali presenti nell acqua, quindi più è basso più l acqua è leggera e viceversa. Generalmente si pensa che un acqua minerale sia migliore quanto più è leggera, ma non è così, dipende dalle esigenze del consumatore; Risultati analitici/ è l elenco dei singoli minerali espressi in ioni, cioè la composizione dettagliata del residuo fisso. Gli ioni possono essere definiti atomi o gruppi di atomi inquieti perché hanno perso qualche elettrone (quelli con segno +) o ne hanno catturato qualcuno in più (quelli con segno -). Avendo cariche elettriche contrarie, i singoli ioni tenderebbero a ricongiungersi, ma l acqua ha il potere di tenerli separati. Alcuni esempi di ioni presenti: ione sodio (Na+); ione potassio (K+); ione calcio (Ca++); ione magnesio (Mg++); ione stronzio (Sr++); ione manganese (Mn++); ione cloro(cl-); ione fluoro (F-); ione nitrico (NO3-); ione solforico (SO4--). Durezza/ questa indicazione non è obbligatoria, ma a volte è riportata. Rappresenta il valore del calcare sciolto nell acqua espresso in gradi francesi : quindi più è alto e più l acqua è calcarea. Conducibilità elettrica/ a volte in etichetta è chiamata conduttività ed è espressa in ms/cm (micro siemens al centimetro). I minerali presenti in forma ionica consentono il passaggio di corrente elettrica nell acqua e quindi, più minerali ci sono, più l acqua presenta una conducibilità alta. 1. Individualmente o suddivisi in gruppi analizzate le etichette di almeno 6 tipi di acqua minerale. Per ciascun tipo rilevate i seguenti dati e riportateli in tabella: gli elementi chimici prevalentemente contenuti le rispettive quantita il residuo fisso il ph la presenza di anidride carbonica (CO 2 ) la durezza dell acqua espressa in gradi francesi da leggere e calcolare cosi : [quantita di calcio (Ca++) x 2,5 + quantità di magnesio (Mg++) x 4,1] : 10 18

19 2. Confrontate ora i diversi tipi di acqua per dedurre: il campione più calcareo e duro (con Ca++) il campione contenente più sodio (Na+) il campione con più fluoro (F-) il campione con più magnesio (Mg++) il campione con più potassio (K+) 3. Provate ora a individuare tra quelle indicate l acqua minerale con le caratteristiche e le proprietà più adatte a soddisfare le esigenze dell organismo in diverse situazioni di vita, realizzando gli abbinamenti con una freccia: ACQUA MINERALE NATURALE 1) Senza CO 2 2) A ridotto contenuto di sodio (Na+) 3) Oligominarale a basso residuo fisso 4) Ricca di fluoro (F-) e calcio (Ca++) 5) Addizionata di CO 2 6) Ricca di minerali tra cui potassio (K+) SITUAZIONE PROPOSTA A) Per rinforzare la struttura dei denti e proteggerli da carie B) Dopo un impegno sportivo in una giornata molto calda C) Per il tuo papà che soffre di calcoli renali D) Per diluire il latte nel biberon della tua sorellina E) Per la nonna che è un po ipertesa F) Per il nonno che ha problemi di digestione soluzione 1 - D (perché la CO 2 è un gas e non adatta a chi ha problemi gastrici) 2 - E (perché non è consigliata alle persone affette da malattie cardiovascolari) 3 - C (perché non è calcarea e previene la formazione di calcoli) 4 - A (per evitare la carie dentaria) 5 - F (perché aiuta la digestione) 6 - B (perché il potassio è necessario per un buon funzionamento delle cellule) Fonte: rielaborazione da H2O-Oh! L acqua che beviamo Unione Nazionale Consumatori,

20 6 GIOCHIAMO? 6 Esperimento: prova a costruire in casa o in classe il tuo depuratore e a metterlo in funzione. Potrai osservare e capire alcune delle fasi alla base di un processo di depurazione. MATERIALI pianale in legno o in compensato di circa 70X70 cm 4 vaschette di alluminio o plastica (3 di uguali dimensioni, 1 più piccola) 2 cannucce da bibita e alcune mollette o clips ferma-carta 3 scatole da scarpe di altezza cm silicone sabbia, olio, sapone, zucchero, ghiaia, pezzetti di sughero, foglie triturate, lievito di birra se possibile un ossigenatore da acquario ALLESTIMENTO DELL ESPERIENZA Sopra il pianale di compensato incollate due scatole da scarpe sovrapposte; incollate l altra scatola di fianco a queste in modo da realizzare una specie di scaletta. Prendete la vaschetta più piccola e una delle altre più grandi e praticate in entrambe un foro a 2 cm dal fondo delle dimensioni della cannuccia, in modo che i fori siano allineati. Disponete la vaschetta piccola all interno di quella grande e fate passare una cannuccia pieghevole dai due fori e sigillatela con del silicone. Ponete queste vaschette sulla scatola più alta. Adesso prendete un altra vaschetta e praticate due fori lateralmente: in uno inserite una cannuccia ripiegata e nell altro il tubicino di gomma collegato all ossigenatore e sigillate il tutto con un po di silicone. Posizionate questa vaschetta sul gradino intermedio della scaletta formata dalle scatole. Ponete l ultima vaschetta sul pianale di compensato. Serrate le estremità delle cannucce con delle mollette. SPIEGAZIONE DELL ESPERIENZA Prendete dell acqua e mescolatela bene con sapone, olio, sabbia, zucchero, ghiaia, pezzi di sughero, pezzetti di foglia, lievito di birra. Versate quest acqua (che simula un acqua di scarico) nella vaschetta piccola in alto. Attivate la fase iniziale di eliminazione dei componenti del refluo che galleggiano (olio, saponi, sughero, foglie) attraverso la tecnica dello sfioramento. Proprio perché questi galleggiano aggiungendo gradualmente acqua nella vaschetta, li si vedrà fuoriuscire per sversamento (ovviamente accompagnati da un po di acqua). Lasciando riposare per alcuni minuti e aprendo poi l estremità della cannuccia, in modo che l acqua della prima vaschetta scenda in quella più in basso, vedremo che quest acqua è molto meno carica dei componenti mescolati, soprattutto di quelli più pesanti, che si sono depositati sul fondo della vaschetta in alto (vasca di sedimentazione). L acqua è ora ferma nella vaschetta intermedia (vasca di ossidazione); se accendiamo l ossigenatore si creeranno le condizioni favorevoli per la degradazione della sostanza organica da parte dei microrganismi (lievito di birra). Dopo che sarà aperta anche la seconda cannuccia, noterete come l acqua sarà più pulita di quella versata inizialmente; nell ultima vasca (vasca di sedimentazione secondaria) si completerà il nostro processo di depurazione con la sedimentazione degli ultimi composti rimasti in sospensione. 20

21 Prototipo di IMPIANTO DI DEPURAZIONE FAI DA TE LINK UTILI (per saperne di più) REGIONE TOSCANA - SEZIONE ACQUE COMUNE DI PISA - SEZIONE ACQUE ARPAT - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana da cui si può accedere a SIRA - Sistema Informativo Regionale Ambientale della Toscana in cui sono contenuti moltissimi dati riguardanti la qualità delle acque toscane ATO 2- Autorità di Ambito Territoriale Ottimale 2 Basso Valdarno ACQUE S.p.A. Potrai trovare qui alcuni consigli utili per il risparmio d acqua in casa e informazioni sul Progetto Formativo di didattica ambientale denominato acque Tour rivolto alle scolaresche di ogni ordine e grado, ma che può interessare anche famiglie e/o gruppi di adulti. Inoltre è attiva un interessante sezione che permette di conoscere la qualità dell acqua erogata, selezionando il Comune di residenza nel territorio servito dall azienda. 21

22 RIFIUTI COS E? e COME STA? Per rifiuto si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi, abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. Normalmente gli esseri viventi si approvvigionano di risorse e si disfano di rifiuti; siamo quindi tutti coinvolti nella produzione di rifiuti che devono essere gestiti correttamente, perché, se abbandonati nell ambiente, lo inquinano per periodi di tempo lunghi con conseguenze anche molto gravi. Ogni giorno dalle nostre case, dalle attività produttive, da quelle agricole e commerciali escono, sotto varie forme, masse diverse di rifiuti. Così dalle attività produttive derivano i Rifiuti Industriali quali: prodotti chimici, residui di vernici, emissioni di gas, polveri, imballaggi, metalli, scarti di legno, scarti di pellame, scarti di materiale tessile ecc.; le famiglie invece producono i Rifiuti Urbani che sono costituiti principalmente da residui organici, come scarti di verdura, avanzi di cibo, oltre agli imballaggi in plastica, lattine, carta, pile, vetro, farmaci scaduti, ecc. Si stima che ogni giorno produciamo circa 1,5 Kg a testa di rifiuti urbani, mentre la produzione di rifiuti industriali è collegata al progresso e allo sviluppo tecnologico. Tutti questi rifiuti devono essere correttamente gestiti, cioè non devono essere abbandonati in qualsiasi luogo, bensì sistemati in appositi contenitori o consegnati a persone competenti per il loro smaltimento; lo smaltimento dei rifiuti è quindi un problema che sta assumendo proporzioni mondiali, ma che ogni paese deve risolvere internamente. Le discariche controllate e gli altri impianti di distruzione dei rifiuti sono però divenuti insufficienti ed anche male accettati dalla popolazione se non trasformati adeguatamente. Il Decreto Ronchi ci suggerisce e indirizza verso una minore produzione di rifiuti, e verso una intensificazione del loro recupero e del loro riciclaggio. 22

23 Questo è possibile solo attraverso il processo della raccolta differenziata, che consente di separare i rifiuti secondo caratteristiche di omogeneità delle merci e permette di poterli indirizzare a impianti di riciclaggio. La raccolta differenziata e il riciclaggio consentono quindi di recuperare risorse che andrebbero altrimenti disperse, riducendo il volume di rifiuti da smaltire in discarica o da incenerire e di conseguenza i costi di smaltimento, rendere possibile il riciclo di materiali e il loro riutilizzo per la produzione di nuovi oggetti. e nel nostro territorio? Produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata LA SITUAZIONE La quantità dei rifiuti urbani raccolti è progressivamente aumentata. La produzione di rifiuti pro capite del comune di Pisa (circa 900 kg/ab/ anno nel 2004) risulta nettamente superiore rispetto a quella provinciale e regionale. I quantitativi di rifiuto raccolto in modo differenziato sono in continua crescita, per l anno 2004 la percentuale di RD risulta paria al 40,23%. Il Comune è impegnato in una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata e per promuovere la diminuzione della produzione di rifiuto all origine. Ottimi appaiono i risultati nella raccolta differenziata, con l organizzazione dell intero territorio con isole ecologiche e ricorrendo alla raccolta porta a porta nel centro storico. Infine, è stato recentemente rivisto e potenziato l assetto del servizio di raccolta dei rifiuti da parte della Geofor. COSA NE PENSANO I CITTADINI? Quasi il 75% degli intervistati ritiene elevato o molto elevato il quantitativo di rifiuti prodotti nel Comune Passiamo all Azione ALCUNE REGOLE-CONSIGLI PER AVERE UN COMPORTAMENTO CORRETTO QUANDO GETTI VIA I RIFIUTI... non abbandonare sul suolo pubblico rifiuti di alcun genere, ma utilizza sempre gli appositi cassonetti; non abbandonare rifiuti al di sopra o comunque al di fuori dei cassonetti; 23

24 non conferire i rifiuti nei cassonetti allo stato sfuso, ma preventivamente racchiudili nei sacchi; nei contenitori dell indifferenziato (RSU) non introdurre rifiuti sfusi, liquidi, infiammabili e comunque speciali e/o pericolosi; separa sempre dai rifiuti urbani e dai rifiuti ad essi assimilati le frazioni merceologiche recuperabili e/o pericolose e conferiscile in modo differenziato al servizio pubblico di raccolta seguendo lo specchietto riportato di seguito; rimuovi dal suolo pubblico, servendoti di apposita attrezzatura, escrementi dei propri cani e di altri animali. Come raccogliere? MATERIALE SI NO VETRO CARTA PLASTICA METALLI ORGANICO INGOMBRANTI bottiglie e flaconi di vetro giornali e riviste; quaderni, carta da fax, scatole di biscotti, confezioni di pasta, buste di carta per il pane, interno rotoli di carta igienica e carta-casa bottiglie e flaconi in plastica, sacchetti, imballaggi in polisterolo, pellicole di plastica per imballaggi lattine in alluminio, barattoli di metallo per alimenti (fagioli e tonno), imballaggi in tetrapak (latte e succhi di frutta) sfalci, piccole potature, fiori recisi, scarti di frutta e verdura, fondi di caffè e filtri di tè, avanzi di pane, pasta, riso, pesce e cibi in genere, salviette di carta, segatura, paglia, escrementi di animali mobili, materassi, reti da letto, frigoriferi, elettrodomestici in genere, computers, televisori, sfalci di grandi dimensioni piatti e tazza in ceramica porcellana, oggetti in terracotta, specchi, lampadine, tubi al neon carta carbone, plastificata (crackers e fette biscottate), imballaggi in tetrapak (latte e succhi di frutta), carta unta, bicchieri e piatti di carta custodie di CD, musicassette e DVD, piatti, posate e bicchieri di plastica, elementi di automobili barattoli in metallo che contengono prodotti tossici o infiammabili, bombolette spray in genere stracci o altro materiale di origine non organica veicoli, calcinacci e scarti di edilizia 24

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza

Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Non mi sciupare! Scuola Primaria di Maggiate Classe terza Carta Europea dell'acqua promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'europa 1) Non c'è vita senza acqua. L'acqua è un bene prezioso,

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

un bene prezioso da non sprecare

un bene prezioso da non sprecare ACQUA un bene prezioso da non sprecare Consumo giornaliero di acqua per abitante USA 425 l L acqua dolce è solo circa l 1% Francia 150 l dell acqua totale della terra. Italia 215 l Africa 10 20 l Un abitante

Dettagli

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind2 2 21/02/2011 15.11.06 IL RISPARMIO ENERGETICO IN CASA piccoli gesti, grandi vantaggi Il risparmio energetico è

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future.

VILLA FARALDI Differenziamoci. Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. VILLA FARALDI Differenziamoci Con il porta a porta per liberarci dei rifiuti in modo intelligente, per noi e per le generazioni future. !!!!! SIAMO IMPEGNATI NEL MIGLIORAMENTO CONTINUO, AIUTATECI A RISPETTARE

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA

L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA 1 L ACQUA: UNA RISORSA LIMITATA Dr. Francesco Capoccia Etica e Società Osimo (An) - Palazzo Campana 30 Maggio 2013 2 La consideriamo una risorsa illimitata L acqua è il più importante elemento necessario

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge.

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. I ragazzi delle scuole medie, i loro genitori e professori: insieme per pulire il futuro Che progetti hai per il tuo futuro? Il

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI Come tutelare l ambiente ed accrescere lo sviluppo sostenibile attraverso i nostri comportamenti quotidiani Il manuale che state per leggere intende promuovere

Dettagli

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile La partenza da casa In ufficio La pausa pranzo Si torna

Dettagli

Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche

Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche ACQUA AZIONE ACQUA Bisogna sapere che ogni italiano consuma in media, per le sole necessità domestiche, circa 210 litri di acqua al giorno, l equivalente di due vasche da bagno piene. Di questi, solo 2

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012 Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 211-212 La Scuola Media, da sempre sensibile alla difesa dell ambiente

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

Comportamenti Sostenibili

Comportamenti Sostenibili Comportamenti Sostenibili Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES COMPORTAMENTI SOSTENIBILI L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io!

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Di energia voi ragazzi ve ne intendete: ne avete così tanta! Per giocare, andare a scuola, studiare, fare i compiti, fare sport, correre, saltare. Ma

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco!

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco! Ciao bambini, Sono Carolina Riciclina. Gli amici del bosco hanno bisogno del vostro aiuto. Impariamo insieme a differenziare i rifiuti, solo in questo modo potremo distruggere Orco Sporco. Bene, è semplice

Dettagli

La Produzione e distribuzione dell energia

La Produzione e distribuzione dell energia ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - PLESSO B.Croce - TORINO APPUNTI DI TECNOLOGIA La Produzione e distribuzione dell energia A.S. 2015-2016 LUMINOSA TERMICA LE FORME DELL ENERGIA MECCANICA ELETTRICA CHIMICA

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito

Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito RAFFRONTO CON ALTRE REALTA 2 RACCOLTA DIFFERENZIATA A BOLOGNA

Dettagli

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico

L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico A Pisogne L'inizio della raccolta differenziata del rifiuto organico Oltre alle raccolte differenziate avviate da tempo ora si possono recuperare anche: residui da sfalci e potature (erba, rami e foglie)

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Scuola: Classe: Data:

Scuola: Classe: Data: L Agenda 21 Locale dei Comuni di Gorle, Nembro, Ranica e Torre Boldone Questionario di indagine ambientale Scuola: Classe: Data: Di solito in che modo o con che mezzo vieni a scuola? (scegliere max 1 risposta)

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla

RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla F A C C I A M O L A D I F F E R E N Z A!!! RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA rifiuti organici

Dettagli

Happy Home Wallet. Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse

Happy Home Wallet. Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse Una guida che vi aiuta a risparmiare le vostre risorse 1 Introduzione... 3 Come cambiare i modelli di consumo privato?... 4 Come salvaguardare le nostre risorse: Acqua?... 6 Come salvaguardare le nostre

Dettagli

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO COMUNE DI SALE MARASINO L obiettivo delle norme italiane, conforme alle indicazioni dell Unione Europea, è il 65% di Raccolta Differenziata entro il 31 dicembre 2012 per garantire una migliore qualità

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

Progetto ecoschool: raccolta differenziata

Progetto ecoschool: raccolta differenziata Progetto ecoschool: raccolta differenziata Chi semina. raccoglie? 23/06/2010 progetto raccolta differenziata 1 Introduzione Conoscere le diverse tipologie di rifiuti Cosa fare per migliorare la raccolta?

Dettagli

Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE

Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE Pag. 1 di 5 Oggetto Istruzione MODALITÀ OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE 0 20.05.2013 EMISSIONE RGQ DT PRS Rev. Data Descrizione Modifica Redatto Approvato Autorizzato Pag. 2 di 5

Dettagli

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Autore Annalisa Salomone Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Il riciclaggio un autoanalisi Questionario

Il riciclaggio un autoanalisi Questionario Obiettivi Gli alunni riepilogano i fondamenti del riciclaggio e riflettono sul loro comportamento in relazione al riciclaggio. Contenuto e attività Gli alunni verificano con un test se sono degli «eroi

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF Se Tutto Fosse Costruito Così... La nostra classe con la Professoressa

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Piccoli accorgimenti da adottare a casa ed in ufficio Risparmio energetico Il risparmio energetico è l insieme dei comportamenti, processi e interventi

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Analisi della situazione attuale Fra le fonti di spreco energetico all interno della

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine.

L energia. Pre-ascolto. sprecare l energia è stupido perché... 1. Osservate e descrivete l immagine. L energia L energia 08 Pre-ascolto 1. Osservate e descrivete l immagine. (campagna promossa dal WWF Italia nell ambito di Generazione Clima, luglio 2007) 2. Completate per iscritto il messaggio contenuto

Dettagli

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Il presente questionario fa parte di una fase molto importante del progetto Cinisellese Sostenibile promosso dall Assessorato all Agenda 21

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER IL PROGETTO ZEROWASTE PRO IL TEMA DEI RIFIUTI Il tema dei rifiuti riguarda tutti noi. Stiamo producendo una sempre maggiore Per ulteriori informazioni

Dettagli

= 1.000 litri + SI RISPARMIA

= 1.000 litri + SI RISPARMIA Acqua SI CONSUMA + SI RISPARMIA lavare i piatti igiene personale consumo giornaliero pro capite di acqua potabile i consumi contrassegnati con potrebbero essere sostituiti con acqua piovana altri utilizzi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso. Capannori 20 Novembre 2010

Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso. Capannori 20 Novembre 2010 Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso Capannori 20 Novembre 2010 Obiettivo dello studio: Proporre soluzioni al problema del conferimento in discarica delle capsule in plastica per caffè

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI

LE ENERGIE RINNOVABILI LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso erroneamente definite come energie che rispettano l ambiente. Ci sono diversi tipi

Dettagli

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Ognuno di noi produce circa 30 kg di plastica ogni anno: se questa plastica fosse completamente riciclata, in un comune di 35.000 abitanti si

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

ECOCALENDARIO 2016 NORDALENTO CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA. Stampato su carta riciclata

ECOCALENDARIO 2016 NORDALENTO CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA. Stampato su carta riciclata ECOCALENDARIO 0 CITTÀ DI FRANCAVILLA AL MARE FACCIAMO LA DIFFERENZA Stampato su carta riciclata Organico N.B. USARE BUSTE COMPOSTABILI Avanzi di cibo crudo e cotto scarti di frutta e verdura, alimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane IL RIFIUTO I rifiuti

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

CARTA, CARTONCINO, CARTONE

CARTA, CARTONCINO, CARTONE CARTA, CARTONCINO, CARTONE QUALI SI: giornali e riviste, tabulati di fotocopie, carta da pacchi, imballaggi di carta e cartoncini in genere, sacchetti di carta, scatole e scatoloni anche ondulato, cartoni

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Quanto male stiamo facendo al nostro bellissimo pianeta azzurro? Dagli ettari di foreste decapitate, alle stragi di tonni, all ennesima petroliera

Dettagli