NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA e APPROFONDIMENTI"

Transcript

1 NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio I.V.A e INTRASTAT La presente guida normativa ha lo scopo di approfondirne la conoscenza, mediante nozioni schematiche ed organiche sui termini di scadenza, sulle novità del provvedimento, la sua applicazione, i casi di esclusione, ed i riferimenti legislativi di merito. SCADENZARIO INTRASTAT 2010 PERIODICITA SCADENZA N O T E Mensile Entro il 19 del mese successivo Presentazione solo telematica Trimestrale Entro il 19 del mese successivo Presentazione solo al trimestre di riferimento telematica Annuale Non più prevista PREMESSA Il modello Intrastat, denominato anche Elenco Intrastat, è stato introdotto dall art. 50 del D.L. 331/1993 a seguito dell abolizione delle barriere doganali all interno della Comunità Europea nel L articolo 24 della Legge n. 88/2009, (c.d. Legge Comunitaria 2008), ha introdotto numerose modifiche alla legge Iva nazionale che sono entrate in vigore nel corso del L art. 1 della citata legge ha delegato, altresì, il Governo all emanazione delle disposizioni necessarie al recepimento delle Direttive CE n. 8 e 117 del 2008 in materia di territorialità dei servizi, Intrastat e contrasto alle frodi Iva e che modificano la Direttiva 2006/112/CE, nonché della Direttiva CE n. 9, sempre del 2008, che abroga e sostituisce la Direttiva n. 79/1072/CE (VIII^ Direttiva), in materia di rimborsi Iva ai soggetti residenti in altro Stato comunitario. Mediante il Modello Intrastat vengono elencati all Agenzia delle Dogane tutti gli acquisti e le cessioni di beni mobili effettuati da parte di ogni soggetto nazionale, titolare di partita Iva nei confronti di fornitori e di clienti appartenenti ad uno stato membro dell Unione Europea. NOVITA Dal 1 di gennaio sono entrate in vigore alcune nuove norme per le operazioni intracomunitarie che riguardano: Prestazioni di servizi UE: la Direttiva n. 2008/8/CE del 12/02/2008 (Direttiva Servizi) ha apportato rilevanti modifiche alla Direttiva n. 2006/112/CE del 28/11/2006 (Direttiva IVA) in merito al luogo delle prestazioni di servizi, cambiando la regola generale di imponibilità Iva. Dal 2010, se il committente (ovvero il cliente) è soggetto passivo di imposta, l Iva viene (di regola) assolta nel paese del committente stesso con il meccanismo del reverse charge (in passato l Iva veniva assolta nel paese del prestatore). Intrastat 2010: la Direttiva n. 2006/112/CE (Direttiva IVA) ha variato i limiti della periodicità dei modelli Intrastat, ne ha abrogato la periodicità Annuale ed ha introdotto l obbligo di compilazione dei modelli anche per le prestazioni di servizi (nuovi modelli Intra-1 quater, Intra-1 quinquies, Intra-2 quater, Intra-2 quinquies). Il primo termine (provvisorio) della prima trasmissione telematica è fissato al 19/02/2010, in relazione alla comunicazione del mese di gennaio Nel dettaglio le novità: - verrà esteso l obbligo della presentazione degli elenchi Intrastat anche alle prestazioni di servizi effettuate in ambito comunitario; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

2 - si renderà obbligatoria la presentazione per via esclusivamente telematica delle dichiarazioni Intrastat riferite ai periodi decorrenti dal 2010; - verrà eliminata la cadenza di presentazione annuale; - nuove soglie per determinare la periodicità di presentazione mensile/trimestrale; - nuove modalità per il cambio di periodicità. PRESTAZIONI DI SERVIZI La direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 riguarda non soltanto la territorialità dei servizi, ma introduce diverse innovazioni, come l ampliamento dell inversione contabile nei servizi internazionali, l obbligo di presentazione degli elenchi Intrastat per i servizi comunitari e l obbligo per gli enti non commerciali di assolvere l imposta nel loro paese se ricevono servizi da soggetti non residenti. E stata quindi modificata la filosofia sinora seguita dalle direttive comunitarie che individuavano nello Stato del prestatore il luogo della tassazione dei servizi generici. Le nuove norme individuano il paese di tassazione come il luogo in cui avviene il consumo effettivo del servizio, con la seguente distinzione: 1) servizi prestati a soggetti passivi d imposta B2B (business to business): secondo la nuova regola la territorialità è guidata dal luogo di stabilimento del committente, per cui il luogo di tassazione è quello in cui risiede il destinatario e non più quello il cui è stabilito il prestatore (art. 44 della direttiva 2006/112/CE); 2) servizi prestati a persone che non sono soggetti passivi (privati consumatori) B2C (business to consumer): viene mantenuta la vecchia regola generale, secondo cui il luogo di tassazione è quello in cui il prestatore ha stabilito la sede della propria attività economica (art. 45 della direttiva 2006/112/CE). TERRITORIALITA Con riguardo alla territorialità, il recepimento della direttiva ha portato ad un nuovo testo dell art. 7 che dal 01/01/2010 è stato suddiviso in 7 nuovi articoli (dal 7 al 7-septies), i cui contenuti sono così riepilogati: Art. 7 Art. 7-bis Art. 7-ter Art. 7-quater Art. 7-quinquies Art. 7-sexies Art. 7-septies Definizione Cessioni di beni Prestazioni di servizi (regola generale) Particolari prestazioni di servizi Prestazioni di servizi culturali, artisti, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e simili Particolari prestazioni di servizi resi a committenti non soggetti passivi (privati) Particolari prestazioni di servizi resi a committenti non soggetti passivi (privati) Extra-Ue L art. 7-ter detta la regola generale: Servizi resi a soggetti passivi (B2B business to business): il criterio applicabile è quello per cui si considerano effettuate nel luogo in cui è stabilito il committente (regola inversa rispetto a quella in vigore fino al 2009) art. 7-ter, co.1, let. a); [art. 44 direttiva n. 112/2006/CE]. Servizi resi a privati (B2C business to consumer): il criterio applicabile è quello del domicilio del prestatore (conferma della regola precedente) art. 7-ter, co.1, let.b); [art. 45 direttiva n. 112/2006/CE]. Prestatore italiano e committente soggetto passivo non residente: l imposta sarà applicata nel paese del cliente e il prestatore italiano, pur non dovendo addebitare l Iva, dovrà rispettare alcuni obblighi imposti dalla direttiva 2008/08: - emettere la fattura, richiamando il titolo e la norma di non assoggettamento a imposta in Italia; - riportare il numero di partita Iva del cliente, se comunitario; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

3 - compilare il nuovo modello Intrastat per i servizi resi a soggetti stabiliti in altri paesi UE, in cui gli stessi dovranno assolvere l Iva con il meccanismo dell inversione contabile. Prestatore italiano e committente privato consumatore (o soggetto passivo che non agisce in quanto tale): i servizi saranno soggetti ad Iva in Italia, paese del prestatore. Esempio: una impresa italiana rende un servizio ad una società estera e la sola qualificazione soggettiva del committente comporta che il servizio non deve essere assoggettato ad Iva in Italia, ma segue la regola della tassazione nel paese del committente, che se comunitaria applicherà le regole dell inversione contabile. Più difficile è l individuazione della posizione del cliente quando lo stesso è una persona fisica, il quale può agire nell ambito di una attività d impresa (arte / professione) o di privato; nel primo caso sarà fuori campo Iva, in quanto tassata nel paese del committente, mentre nel secondo caso sarà sempre assoggetta ad Iva, in quanto tassate nel paese del prestatore. Per verificare se il soggetto è passivo, in ambito comunitario è possibile interrogare il sistema Vies, mentre per i paesi extracomunitari sarà sempre necessario farsi rilasciare una dichiarazione. Deroghe oggettive Alla regola generale, si affiancano le deroghe di natura oggettiva, per particolari prestazioni di servizi resi a soggetti passivi di imposta (B2B business to business): prestazioni di servizi relativi a beni immobili: il criterio applicabile è quello in cui si trova l immobile art. 7-quater, let. a); [art. 47 direttiva 112/2006/CE]. Sono da comprendere nella stessa identificazione: - le prestazioni rese da periti e da agenti immobiliari; - la fornitura di alloggio nel settore alberghiero o in settori analoghi (campi vacanze, campeggi); - la cessione di utilizzazione di un bene immobile; - le prestazioni inerenti alla preparazione e al coordinamento dell esecuzione di lavoro edili. prestazioni di trasporto di passeggeri: i criterio sono molteplici, in quanto occorre distinguere la tipologia del trasporto. Se il trasporto è di passeggeri, rileva la distanza percorsa (proporzionale) nel territorio nazionale art. 7-quater, let. b); [art. 48 direttiva 112/2006/CE]. Per i trasporti non intracomunitari di beni, rileva la distanza percorsa nel territorio dello Stato e se resi a soggetti passivi, ricadono nella regola generale del domicilio del committente art. 7-ter; se resi a privati art. 7-sexies, let. b); [art. 49 direttiva 112/2006/CE]. Per i trasporti intracomunitari di beni, se il committente è un soggetto passivo Ue, ricadono nella regola generale del domicilio del committente art. 7-ter; se il committente è un privato o Extra-Ue, rileva il luogo di inizio o partenza del trasporto art. 7-sexies, let. c); [art. 50 direttiva 112/2006/CE]. Servizi di ristorazione e catering: il criterio generale individua la territorialità nel luogo in cui sono materialmente eseguite le prestazioni art. 7-quater, let. c); [art. 55 direttiva 112/2006/CE]. Se tali prestazioni sono rese a bordo di navi, aerei o treni durante il trasporto di passeggeri all interno della comunità, le stesse sono da assoggettare ad imposta se il luogo di partenza del trasporto è situato nello Stato art. 7-quater, let. d); [art. 57 direttiva 112/2006/CE]. locazioni e noleggi di mezzi di trasporto: occorre distinguere tra breve e lungo termine. A lungo termine se reso a soggetto passivo Ue, vale la regola del B2B (domicilio del committente) art. 7-ter; se invece resi a privati o da soggetti passivi stabiliti fuori della comunità, si considerano territorialmente rilevanti in Italia se ivi utilizzati art. 7-sexies, let. e). Differenti le regole per i noleggi e breve termine (30 gg per i mezzi di trasporto e 90 gg per i natanti), dove le prestazioni rese da oggetti residenti si considerano territoriali se utilizzate in Italia o in altri paesi Ue e le prestazioni rese da soggetti Extra-Ue si considerano territoriali se utilizzate in Italia art. 7-quater, let. e); [art. 56 direttiva 112/2006/CE]. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

4 Servizi culturali, scientifici, artistici, didattici, sportivi e ricreativi, fiere ed esposizioni: si considerano effettuate nel territorio dello Stato quando le medesime attività sono ivi materialmente svolte art. 7-quinquies; [art. 53 direttiva 112/2006/CE]. Prestazioni di intermediazione: se il committente è soggetto passivo, si applica la regola generale e la territorialità è individuata presso il domicilio del committente art. 7-ter; nel limitato caso in cui il committente è un privato, la territorialità è individuata dal luogo dell operazione intermediata art. 7-sexies, let. a); [art. 46 direttiva 112/2006/CE]. Lavorazioni su beni mobili: si il committente è soggetto passivo, si applica la regola generale e la territorialità è individuata presso il domicilio del committente art. 7-ter. Al contrario nel caso B2C si applica il criterio del luogo di esecuzione della prestazione art. 7-sexies, let. d); [art. 54 direttiva 112/2006/CE]. Deroghe soggettive Vi sono poi ulteriori criteri in deroga (art. 7 sexies e septies) che riguardano solo le prestazioni a soggetti privati (B2C business to consumer): Territorialità delle prestazioni rese tramite mezzi elettronici rese da soggetti Extra-Ue a committenti domiciliati nel territorio dello Stato o ivi residente, senza domicilio all estero art. 7-sexies, let. f); [art. 58 direttiva 112/2006/CE]. Servizi di telecomunicazione e radiodiffusione quando sono rese a prestatori stabiliti nel territorio dello Stato a committenti residenti o domiciliati nel territorio della Comunità, ovvero Exta-Ue art. 7-sexies, let. f); [art. 59 ter direttiva 112/2006/CE]. Diritti d autore, pubblicità, consulenze, ecc., se resi a committenti non soggetti passivi, domiciliati e residenti fuori dalla Comunità, non rileva la territorialità art. 7-septies; [art. 59 direttiva 112/2006/CE]. RIFERIMENTO TEMPORALE Trattandosi di prestazione di servizi, la regola di riferimento sarà quella del momento di effettuazione dell operazione, vale a dire in generale non quando è ultimata, ma quando avviene il pagamento. Tuttavia, se prima del pagamento viene emessa fattura o si paga in parte il corrispettivo, l operazione si considera effettuata limitatamente all importo pagato o fatturato. Quindi, nel periodo transitorio, per non dover considerate le prestazioni di servizi già eseguite nel 2009 con le nuove regole 2010 occorre fare riferimento alla data di fatturazione. PLAFOND Una conseguenza diretta è la riduzione dei benefici del plafond, infatti i servizi collegati alla movimentazione dei beni all interno della UE, forniti da operatori Italiani a soggetti passivi d imposta comunitari saranno fuori campo Iva e non saranno più conteggiati né per calcolare lo status di esportatore abituale né per determinare l ammontare del plafond disponibile, che consente l acquisto e l importazione di beni e servizi senza pagamento di Iva. Si tratta di: 1) lavorazioni, trasformazioni e riparazioni intracomunitarie; 2) trasporti intracomunitari e relative intermediazioni; 3) prestazioni accessorie ai trasporti intracomunitari e relative intermediazioni. Per compensare la perdita della qualifica di esportatore abituale, dovrebbe essere consentita la possibilità di richiedere il rimborso infrannuale senza attendere la dichiarazione annuale. LAVORAZIONI Anche le lavorazioni su beni mobili materiali (trasformazioni, riparazioni, perfezionamento e manipolazione) sono interessate dalle novità. Dal 2010 le prestazioni fornite a clienti non residenti in Italia, saranno fatturate fuori campo Iva, indipendentemente dal luogo della materiale esecuzione del servizio e dalla circostanza che il bene, al termine della lavorazione, esca dal territorio italiano. SOGGETTI OBBLIGATI Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

5 Sono obbligati alla presentazione degli elenchi riepilogativi in Dogana i soggetti passivi d imposta sul valore aggiunto che scambiano beni o servizi con soggetti passivi d imposta in altro Stato UE ed enti, associazioni o altre organizzazioni non soggette passive che effettuano acquisti di beni comunitari per un ammontare superiore ad euro (era 8.263,31 fino al 2009), al netto dell imposta applicata nello stato membro d origine. OPERAZIONI SOGGETTE ALLA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRA É obbligatorio indicare negli elenchi Intrastat le seguenti operazioni rilevanti ai fini Iva: acquisti e cessioni di beni mobili da fornitori e clienti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato; servizi connessi agli acquisti e alle cessioni di beni mobili da fornitori e clienti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato; movimenti di merci diversi dagli acquisti e dalle cessioni da e verso soggetti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato. In questo ultimo caso, l elenco non deve essere compilato ai fini fiscali, ma ai soli fini statistici. Dal 2010 deve contenere, in aggiunta alle merci, sia gli acquisti che le forniture di servizi tra soggetti passivi d imposta stabiliti in due paesi Ue fra quelli fra cui opera l istituto del reverse charge per l assolvimento dell imposta nel paese del committente. MODALITA DI PRESENTAZIONE Fino al 2009 la presentazione dei modelli poteva avvenire presso l Ufficio dell Agenzia delle Dogane competente per territorio nelle seguenti modalità: cartacea manuale - presentando il modello direttamente all Ufficio dell Agenzia delle Dogane competente in formato cartaceo; manuale con floppy disk - presentando il modello direttamente all Ufficio dell Agenzia delle Dogane in formato floppy disk; telematica - presentando l elenco degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie in via telematica all Agenzia delle Dogane tramite il sistema telematico EDI. Dal 2010 la presentazione è obbligatoria in via esclusivamente telematica delle dichiarazioni Intra riferite a periodi decorrenti dal La prima presentazione telematica dovrebbe partire dal 30 aprile L adesione al servizio telematico dell Agenzia delle Dogane da parte degli interessati e come accreditarsi al sistema è disponibile sul sito: TERMINI DI PRESENTAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT Fino al 2009 la presentazione dei modelli all Agenzia delle Dogane doveva avvenire con cadenza mensile, trimestrale o annuale a seconda del volume delle operazioni intracomunitarie effettuate nel corso dell anno, ed entro le seguenti scadenze: mensile - entro il giorno 20 del mese successivo; trimestrale - entro la fine del mese successivo alla fine del trimestre precedente; annuale entro il 31 gennaio dell anno successivo. Dal 2010 è solo più prevista la presentazione mensile e trimestrale, con l eliminazione della scadenza annuale, entro le seguenti scadenze: mensile - entro il giorno 19 del mese successivo; trimestrale - entro il giorno 19 del mese successivo alla fine del trimestre precedente. Per le date definitive, occorre attendere il decreto legislativo attuativo. PERIODICITA PER GLI ACQUISTI E PRESTAZIONI INTRACOMUNITARI Fino al 2009 avevano l obbligo di presentazione della dichiarazione con cadenza mensile gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di acquisti intracomunitari superiore a euro Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

6 ,00 mentre la scadenza era annuale per gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di acquisti intracomunitari inferiore a euro ,00. Dal 2010 scompare definitivamente la possibilità di presentare i modelli Intrastat annualmente: la nuova periodicità prevede che gli acquisti riepilogativi delle operazioni intracomunitarie siano presentati mensilmente, con la possibilità di presentazione trimestrale se il volume delle operazioni è inferiore a / euro (la soglia non è ancora stata definita). ACQUISTI INTRACOMUNITARI Intra 2 Ammontare Periodicità Termine Dati Oltre di acquisti Fino a di acquisti Mensile Trimestrale Entro il giorno 19 del mese successivo Entro il giorno 19 del mese successivo al trimestre Fiscali e statistici Fiscali (col da 1 a 7) PERIODICITA DELLE VENDITE E PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE Fino al 2009 avevano l obbligo di presentazione della dichiarazione con cadenza mensile gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie superiore a euro ,00 mentre la scadenza era trimestrale per gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie superiore a euro ,00 ma inferiore ad euro ,00; annuale per coloro che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie inferiore ad euro ,00. Dal 2010 scompare definitivamente la possibilità di presentare i modelli Intrastat annualmente: la nuova periodicità prevede che gli acquisti riepilogativi delle operazioni intracomunitarie siano presentati mensilmente, con la possibilità di presentazione trimestrale se il volume delle operazioni è inferiore a / euro (la soglia non è ancora stata definita). CESSIONI INTRACOMUNITARIE Intra 1 Ammontare Periodicità Termine Dati Oltre di cessioni Fino a di cessioni Mensile Trimestrale Entro il giorno 19 del mese successivo Entro il giorno 19 del mese successivo al trimestre Fiscali e statistici Fiscali (col da 1 a 6) MODIFICA DELLE PERIODICITA Fino al 2009, nel caso di superamento dei parametri in corso d anno l operatore aveva l obbligo di modificare la periodicità di presentazione nel corso dell anno stesso. In particolare qualora nel corso dell anno si superava la soglia per la periodicità di presentazione superiore a quella in corso si doveva cambiare periodicità dal mese/trimestre successivo al trimestre nel quale è stata superata la soglia. Si tenga anche conto che nel primo anno di attività (o nel primo anno in cui inizia l attività degli scambi intracomunitari), la periodicità degli elenchi va rapportata alla previsione degli acquisti e/o delle vendite che si ritiene di realizzare nell anno, salvo poi modificarla in caso di superamento delle soglie, come in precedenza illustrato. Dal 2010 sono previste nuove modalità per il cambio di periodicità nella presentazione dei modelli. DATI DA INDICARE NEI MODELLI Nelle sezioni bis e ter (per le rettifiche) vanno riportati, raggruppati per tipi di operazioni riferite al medesimo soggetto, tutte le cessioni o gli acquisti di beni registrati (o soggetti a registrazione) nel periodo (mese o trimestre) di riferimento. In particolare, per gli acquisti, si ricorda che occorre fare riferimento al periodo di ricevimento della fattura estera che, in ogni caso, non può mai andare oltre il Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

7 mese successivo all effettuazione dell operazione, coincidente con la consegna del bene. Le operazioni per le quali anteriormente alla consegna o spedizione dei beni sia stata emessa fattura o pagato in tutto o in parte il corrispettivo, devono essere comprese negli elenchi relativi al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o spedizione dei beni, per l ammontare complessivo delle operazioni medesime. Due nuove sezioni quater e quinquies (per le rettifiche) dal 2010 raccolgono le prestazioni di servizio rese (Intra-1) e ricevute (Intra-2). Per questi nuovi modelli oltre ai dati già noti (stato di appartenenza e codice Iva), viene anche richiesto il numero e la data di riferimento della fattura emessa o ricevuta, una nuova classificazione dei servizi (con un codice a sei cifre), la modalità di erogazione del servizio (continuativo o puntuale), informazioni dettagliate riguardo la modalità di pagamento o di incasso del corrispettivo della prestazione (bonifico bancario o con modalità differenti) ed il paese in cui è avvenuto il pagamento. CONTROLLO DELLE PARTITE IVA COMUNITARIE Una delle principali problematiche che ricorrono nel mondo degli scambi intracomunitari deve essere ricercato nella verifica della validità della partita Iva del cliente/fornitore. E possibile controllare la validità di una partita Iva comunitaria verificando che il codice è formalmente valido ed attribuito ad un soggetto passivo d imposta. Si può accedere al servizio fornito dall Agenzia delle Entrate direttamente dal sito: Il cedente nazionale deve verificare la validità della partita Iva del cliente comunitario, in quanto nel caso in cui venga accertato che tale codice identificativo è formalmente errato o semplicemente cessato (non più valido) l operazione di cessione non avrebbe più i presupposti della cessione intracomunitaria (articolo 41 della legge 427/93) e il cedente nazionale si espone alla richiesta dell Iva nazionale e alla sanzione da 1 a 2 volte la medesima Iva. Nell ottica degli acquisti intracomunitari il venir meno della partita Iva del fornitore espone l acquirente nazionale ad una sanzione per l errata compilazione del modello Intrastat e alla non corretta compilazione della dichiarazione Iva. Se l acquirente italiano avesse saputo fin da subito che il fornitore era privo di una valida partita Iva avrebbe assolto l imposta emettendo autofattura ex art. 17 DPR 633/72 anziché integrare con l Iva la fattura del fornitore. I PAESI DELL UNIONE EUROPEA Nella tabella che segue sono riepilogati i paesi membri della UE, al fine della corretta individuazione delle operazioni da riepilogare negli elenchi. Codice ISO Stato Membro N.ro caratteri codice Iva AT AUSTRIA 9 BE BELGIO 9 BG BULGARIA 9 ovvero 10 CY CIPRO 9 DK DANIMARCA 8 EE ESTONIA 9 DE GERMANIA 9 EL GRECIA 9 FI FINLANDIA 8 FR FRANCIA 11 GB GRAN BRETAGNA 5 ovvero 9 ovvero 12 IE IRLANDA 8 IT ITALIA 11 LV LETTONIA 9 ovvero 11 LT LITUANIA 9 ovvero 12 LU LUSSEMBURGO 8 Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

8 MT MALTA 8 NL OLANDA 12 PL POLONIA 10 PT PORTOGALLO 9 CZ REPUBBLICA CECA 8 ovvero 9 ovvero 10 SK REPUBBLICA SLOVACCA 9 ovvero 10 RO ROMANIA 10 SI SLOVENIA 8 ES SPAGNA 9 SE SVEZIA 12 HU UNGHERIA 8 SAN MARINO: per quanto riguarda la compilazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni verso la Repubblica di San Marino, il codice ISO da utilizzare è SM e la lunghezza del codice Iva degli acquirenti sammarinesi è di 5 caratteri. SANZIONI Le sanzioni Amministrative, relative alle violazioni dei dati fiscali, sono previste dal D.Lgs. 471/97: VIOLAZIONE Omessa presentazione dell elenco SANZIONE sanzione da euro 516 a euro per ciascun elenco sanzione da euro 258 a euro 516 Presentazione tardiva della dichiarazione, ma entro 30 giorni dalla richiesta dell Ufficio Presentazione tardiva della dichiarazione, a seguito di sanzione di euro 103 ravvedimento operoso spontaneo Dichiarazione infedele, incompleta o inesatta sanzione da euro 516 a euro 1032 La sanzione non si applica se i dati mancanti o inesatti vengono integrati o corretti, anche a seguito di richiesta degli uffici preposti Le sanzioni relative alle violazioni di natura statistica, sono previste dal D.Lgs. 322/89: VIOLAZIONE SANZIONE Omissione o inesattezza dei dati sanzione da euro 516 a euro Omissione o inesattezza dei dati, purchè integrati nel sanzione da euro 258 a euro termine fissato dall Ufficio Integrazione o correttezza spontanea dei dati nessuna sanzione mancanti o inesatti RAVVEDIMENTO OPEROSO La mancata presentazione dei modelli Intrastat nei termini prescritti comporta la sanzione da 516,00 a 1.032,00 È però possibile ricorrere all istituto del ravvedimento qualora si provveda alla presentazione e al versamento della relativa sanzione ridotta entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. La sanzione da ravvedimento operoso è conteggiata nella misura di 1/5 del minimo, pari a 103 a norma della lett. b) comma 1 dell art. 13 del D.Lgs. 472/97. Nella pratica il versamento della sanzione avviene con Modello F24, indicando quale codice tributo 8911 e quale anno di riferimento l anno cui si riferisce la violazione; il versamento deve essere contestuale alla presentazione del modello. Studio Ansaldi srl corso piave 4, Alba (CN) La riproduzione con qualsiasi mezzo è vietata. Tutti i diritti sono riservati. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA SCHEDA MONOGRAFICA TMG INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA Data aggiornamento scheda 12 giugno 2013 Redattore Davide David Il 1 luglio 2013 la Croazia entrerà a far parte dell Unione europea.

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72.

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72. TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Il principio generale e speciale Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE, c.d. "Direttiva Servizi", grazie al D.Lgs. n. 18/2010, è stata modificata

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Spett.li CLIENTI / LORO SEDI SPECIALE: NOVITA IVA IN MATERIA DI TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Con la presente circolare lo studio desidera ricordare ai Gentili Clienti che dal 01 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva. Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010)

STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva. Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010) STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010) Territorialità Convegno del 9 aprile 2009 NOVITA PER IL REDDITO

Dettagli

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA)

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA) Dott. Sandro Malevolti Dott. Massimo Morandi Dott.ssa Laura Cimino - Dott. Massimiliano Manfredi - Dott. Fabio Pirgher Firenze, 12 gennaio 2010 AI SIGNORI CLIENTI Loro Sedi OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 4 del 26 gennaio 2010 IVA nei rapporti con l estero

Dettagli

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni).

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni). 09 febbraio 2012 INTRASTAT: Periodicità degli elenchi e termini di presentazione Con la presente comunicazione si intende fornire un quadro completo dei principali adempimenti in materia di compilazione

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 31 dicembre 2009

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 31 dicembre 2009 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2009 OGGETTO: Disciplina IVA del luogo di prestazione dei servizi Direttiva n. 2008/8/CE del Consiglio del 12 febbraio 2008 2 INDICE Premessa...3

Dettagli

I.V.A. Le nuove regole sulla territorialità

I.V.A. Le nuove regole sulla territorialità I.V.A. Le nuove regole sulla territorialità Sondrio 25 maggio 2010 Nella Gazzetta Ufficiale n. 41 del 19 febbraio 2010 è stato pubblicato il decreto legislativo 11 febbraio 2010, n. 18 con il quale sono

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

I. Luogo di effettuazione delle operazioni

I. Luogo di effettuazione delle operazioni 606 IVA TERRITORIALITÀ Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 1 Territorialità 3652 Territorio dell Italia (art. 7 DPR 633/72) Per territorio dell Italia si intende il territorio soggetto alla sovranità

Dettagli

S T U D I O C A P R A & A S S O C I A T I

S T U D I O C A P R A & A S S O C I A T I Stradone San Fermo, 20 37121 Verona tel. 045.8030145 r.a. telefax 045.8010778 studio@studiocapraeassociati.it www.studiocapraeassociati.it Giuseppe Capra Marco Bazzani Nicola Cappellari Angela Peretti

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Circolare informativa: Settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: Settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità

Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità DIRITTO TRIBUTARIO Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità Contenuti I. Imposte dirette 1. Riduzione dell acconto IRPEF per il 2009 2. Agevolazioni IRPEF per le spese

Dettagli

18.3.2010 - PRESTAZIONI DI SERVIZI INTRACOMUNITARI DALL 1.1.2010

18.3.2010 - PRESTAZIONI DI SERVIZI INTRACOMUNITARI DALL 1.1.2010 18.3.2010 - PRESTAZIONI DI SERVIZI INTRACOMUNITARI DALL 1.1.2010 GENERALITA I nuovi criteri di territorialità Iva in vigore dall 1.1.2010 col cosiddetto VAT PACKAGE sono in sintesi i seguenti: - per i

Dettagli

Il Sistema Intrastat

Il Sistema Intrastat Il Sistema Intrastat Il Cammino dell Unione Europea 2 Le Tappe 7 febbraio 1992 Trattato di Maastricht: il 1 gennaio 1993 nasce l Unione Europea (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Paesi Bassi,

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010

Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010 Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010 Legnano, 14 gennaio 2010 Claudia Salvini Area Internazionalizzazione Confindustria Alto Milanese NORMATIVA DI RIFERIMENTO DIRETTIVA 8/2008/CE DIRETTIVA

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

Iva nelle operazioni con l estero

Iva nelle operazioni con l estero Genova, 5 febbraio 2015 Iva nelle operazioni con l estero Dott.ssa Carla Bellieni Dott. Fabrizio Moscatelli 1 La territorialità delle operazioni L'IVA si applica sulle operazioni che soddisfano tre requisiti

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

Il Sistema Intrastat

Il Sistema Intrastat Il Sistema Intrastat Il Cammino dell Unione Europea 2013 CROAZIA 28 2 Le Tappe 7 febbraio 1992 Trattato di Maastricht: il 1 gennaio 1993 nasce l Unione Europea (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio,

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto Fisco e Estero di Matteo Balzanelli I profili Iva dell e-commerce indiretto La notevole evoluzione e diffusione delle tecnologie informatiche degli ultimi quindici anni ha fortemente influenzato la vita

Dettagli

CIRCOLARE n. 2/2-3/2010 A TUTTI I CLIENTI OGGETTO:

CIRCOLARE n. 2/2-3/2010 A TUTTI I CLIENTI OGGETTO: Via Piva 59/B - 31049 Valdobbiadene (TV) Tel. 0423/976355 (e c/o 975706) r.a. - Fax 0423/975936 E-MAIL: camilotto@nemnet.it c.f.: CML VNN 52T11 M048L - p. i.v.a.: 00596180265 Valdobbiadene, 22 gennaio

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA IN QUESTA CIRCOLARE: 1. D.Lgs. 18/2010 e recepimento delle Direttive comunitarie; 2. Nuove disposizioni sulla territorialità; 3. Territorialità per i servizi «generici»; 4. Deroghe

Dettagli

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 169 11.06.2015 E-commerce: le modalità di fatturazione D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

OGGETTO: NOVITA IVA E FINANZIARIA 2010

OGGETTO: NOVITA IVA E FINANZIARIA 2010 Pieve di Soligo, 01.02.2010 Circolare n. 1 OGGETTO: VITA IVA E FINANZIARIA 2010 1) VITA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO, IN VIGORE ALL 01/01/2010 Con un D.Lgs. in fase di pubblicazione in G.U., che recepisce

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) E-commerce: regime fiscale Iva Il commercio elettronico indiretto Il commercio elettronico diretto Il Mini Sportello Unico Dott. Alberto Perani 1 E-commerce:

Dettagli

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A.

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. Il quadro VJ è riservato all indicazione di particolari tipologie di operazioni, per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario

Dettagli

TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI NELL IVA

TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI NELL IVA TERRITORIALITA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI NELL IVA a cura di Franco Ricca Novembre 2013 1 IL LUOGO DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI (artt. 7 e ss., DPR 633/72) Regola generale Criteri speciali Rapporti tra

Dettagli

Il nuovo quadro giuridico delineatosi, ai fini IVA, con il recepimento delle direttive comunitarie 2008/8CE, 2008/9CE e 2008/117CE

Il nuovo quadro giuridico delineatosi, ai fini IVA, con il recepimento delle direttive comunitarie 2008/8CE, 2008/9CE e 2008/117CE Incontro di studio Elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie Cosa cambia dal 1 gennaio 2010 Il nuovo quadro giuridico delineatosi, ai fini IVA, con il recepimento delle direttive comunitarie

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative a cura di Marco Politano Torino Martedì, 08 novembre 2011 Modelli Intrastat Elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie di beni

Dettagli

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 18 Marzo 2010 Oggetto: Circolare del 18.03.2010 Argomento nr. 1) AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO Dal 1 gennaio

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-84XK8U24404 Data ultima modifica 02/03/2011 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità, Intrastat Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Oggetto: DIRETTIVA IVA E PRINCIPALI NOVITÀ FISCALI DI FINE ANNO

Oggetto: DIRETTIVA IVA E PRINCIPALI NOVITÀ FISCALI DI FINE ANNO A tutti i ns. clienti Loro indirizzi Bolzano, 08 gennaio 2010 Oggetto: DIRETTIVA IVA E PRINCIPALI NOVITÀ FISCALI DI FINE ANNO DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI

Dettagli

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu

Novità IVA 2011. Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011. giorgio@studioconfente.eu Novità IVA 2011 Associazione italiana dottori commercialisti Milano, 1 febbraio 2011 La dichiarazione IVA autonoma (Circolare Agenzia delle entrate 1/E del 25 gennaio 2011) Tutti i contribuenti possono

Dettagli

IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO VIES PAG.02 Sospensione soggettività Iva intracomunitaria operatori nazionali non iscritti nel VIES Relazione D.L. 78/2010 la norma in commento ha l obiettivo di regolare

Dettagli

servizi N. 14 Territorialità delle prestazioni di Regola generale Deroghe (art. 7 quater - 7 septies, D.P.R. 633/1972)

servizi N. 14 Territorialità delle prestazioni di Regola generale Deroghe (art. 7 quater - 7 septies, D.P.R. 633/1972) N. 14 Territorialità delle prestazioni di servizi Regola generale Deroghe (art. 7 quater - 7 septies, D.P.R. 633/1972) 0 Territorialità prestazioni di servizi: regola generale e deroghe Il requisito della

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 2004R0911 IT 01.01.2007 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 911/2004 DELLA COMMISSIONE del 29 aprile

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli