NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA e APPROFONDIMENTI"

Transcript

1 NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio I.V.A e INTRASTAT La presente guida normativa ha lo scopo di approfondirne la conoscenza, mediante nozioni schematiche ed organiche sui termini di scadenza, sulle novità del provvedimento, la sua applicazione, i casi di esclusione, ed i riferimenti legislativi di merito. SCADENZARIO INTRASTAT 2010 PERIODICITA SCADENZA N O T E Mensile Entro il 19 del mese successivo Presentazione solo telematica Trimestrale Entro il 19 del mese successivo Presentazione solo al trimestre di riferimento telematica Annuale Non più prevista PREMESSA Il modello Intrastat, denominato anche Elenco Intrastat, è stato introdotto dall art. 50 del D.L. 331/1993 a seguito dell abolizione delle barriere doganali all interno della Comunità Europea nel L articolo 24 della Legge n. 88/2009, (c.d. Legge Comunitaria 2008), ha introdotto numerose modifiche alla legge Iva nazionale che sono entrate in vigore nel corso del L art. 1 della citata legge ha delegato, altresì, il Governo all emanazione delle disposizioni necessarie al recepimento delle Direttive CE n. 8 e 117 del 2008 in materia di territorialità dei servizi, Intrastat e contrasto alle frodi Iva e che modificano la Direttiva 2006/112/CE, nonché della Direttiva CE n. 9, sempre del 2008, che abroga e sostituisce la Direttiva n. 79/1072/CE (VIII^ Direttiva), in materia di rimborsi Iva ai soggetti residenti in altro Stato comunitario. Mediante il Modello Intrastat vengono elencati all Agenzia delle Dogane tutti gli acquisti e le cessioni di beni mobili effettuati da parte di ogni soggetto nazionale, titolare di partita Iva nei confronti di fornitori e di clienti appartenenti ad uno stato membro dell Unione Europea. NOVITA Dal 1 di gennaio sono entrate in vigore alcune nuove norme per le operazioni intracomunitarie che riguardano: Prestazioni di servizi UE: la Direttiva n. 2008/8/CE del 12/02/2008 (Direttiva Servizi) ha apportato rilevanti modifiche alla Direttiva n. 2006/112/CE del 28/11/2006 (Direttiva IVA) in merito al luogo delle prestazioni di servizi, cambiando la regola generale di imponibilità Iva. Dal 2010, se il committente (ovvero il cliente) è soggetto passivo di imposta, l Iva viene (di regola) assolta nel paese del committente stesso con il meccanismo del reverse charge (in passato l Iva veniva assolta nel paese del prestatore). Intrastat 2010: la Direttiva n. 2006/112/CE (Direttiva IVA) ha variato i limiti della periodicità dei modelli Intrastat, ne ha abrogato la periodicità Annuale ed ha introdotto l obbligo di compilazione dei modelli anche per le prestazioni di servizi (nuovi modelli Intra-1 quater, Intra-1 quinquies, Intra-2 quater, Intra-2 quinquies). Il primo termine (provvisorio) della prima trasmissione telematica è fissato al 19/02/2010, in relazione alla comunicazione del mese di gennaio Nel dettaglio le novità: - verrà esteso l obbligo della presentazione degli elenchi Intrastat anche alle prestazioni di servizi effettuate in ambito comunitario; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

2 - si renderà obbligatoria la presentazione per via esclusivamente telematica delle dichiarazioni Intrastat riferite ai periodi decorrenti dal 2010; - verrà eliminata la cadenza di presentazione annuale; - nuove soglie per determinare la periodicità di presentazione mensile/trimestrale; - nuove modalità per il cambio di periodicità. PRESTAZIONI DI SERVIZI La direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 riguarda non soltanto la territorialità dei servizi, ma introduce diverse innovazioni, come l ampliamento dell inversione contabile nei servizi internazionali, l obbligo di presentazione degli elenchi Intrastat per i servizi comunitari e l obbligo per gli enti non commerciali di assolvere l imposta nel loro paese se ricevono servizi da soggetti non residenti. E stata quindi modificata la filosofia sinora seguita dalle direttive comunitarie che individuavano nello Stato del prestatore il luogo della tassazione dei servizi generici. Le nuove norme individuano il paese di tassazione come il luogo in cui avviene il consumo effettivo del servizio, con la seguente distinzione: 1) servizi prestati a soggetti passivi d imposta B2B (business to business): secondo la nuova regola la territorialità è guidata dal luogo di stabilimento del committente, per cui il luogo di tassazione è quello in cui risiede il destinatario e non più quello il cui è stabilito il prestatore (art. 44 della direttiva 2006/112/CE); 2) servizi prestati a persone che non sono soggetti passivi (privati consumatori) B2C (business to consumer): viene mantenuta la vecchia regola generale, secondo cui il luogo di tassazione è quello in cui il prestatore ha stabilito la sede della propria attività economica (art. 45 della direttiva 2006/112/CE). TERRITORIALITA Con riguardo alla territorialità, il recepimento della direttiva ha portato ad un nuovo testo dell art. 7 che dal 01/01/2010 è stato suddiviso in 7 nuovi articoli (dal 7 al 7-septies), i cui contenuti sono così riepilogati: Art. 7 Art. 7-bis Art. 7-ter Art. 7-quater Art. 7-quinquies Art. 7-sexies Art. 7-septies Definizione Cessioni di beni Prestazioni di servizi (regola generale) Particolari prestazioni di servizi Prestazioni di servizi culturali, artisti, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e simili Particolari prestazioni di servizi resi a committenti non soggetti passivi (privati) Particolari prestazioni di servizi resi a committenti non soggetti passivi (privati) Extra-Ue L art. 7-ter detta la regola generale: Servizi resi a soggetti passivi (B2B business to business): il criterio applicabile è quello per cui si considerano effettuate nel luogo in cui è stabilito il committente (regola inversa rispetto a quella in vigore fino al 2009) art. 7-ter, co.1, let. a); [art. 44 direttiva n. 112/2006/CE]. Servizi resi a privati (B2C business to consumer): il criterio applicabile è quello del domicilio del prestatore (conferma della regola precedente) art. 7-ter, co.1, let.b); [art. 45 direttiva n. 112/2006/CE]. Prestatore italiano e committente soggetto passivo non residente: l imposta sarà applicata nel paese del cliente e il prestatore italiano, pur non dovendo addebitare l Iva, dovrà rispettare alcuni obblighi imposti dalla direttiva 2008/08: - emettere la fattura, richiamando il titolo e la norma di non assoggettamento a imposta in Italia; - riportare il numero di partita Iva del cliente, se comunitario; Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

3 - compilare il nuovo modello Intrastat per i servizi resi a soggetti stabiliti in altri paesi UE, in cui gli stessi dovranno assolvere l Iva con il meccanismo dell inversione contabile. Prestatore italiano e committente privato consumatore (o soggetto passivo che non agisce in quanto tale): i servizi saranno soggetti ad Iva in Italia, paese del prestatore. Esempio: una impresa italiana rende un servizio ad una società estera e la sola qualificazione soggettiva del committente comporta che il servizio non deve essere assoggettato ad Iva in Italia, ma segue la regola della tassazione nel paese del committente, che se comunitaria applicherà le regole dell inversione contabile. Più difficile è l individuazione della posizione del cliente quando lo stesso è una persona fisica, il quale può agire nell ambito di una attività d impresa (arte / professione) o di privato; nel primo caso sarà fuori campo Iva, in quanto tassata nel paese del committente, mentre nel secondo caso sarà sempre assoggetta ad Iva, in quanto tassate nel paese del prestatore. Per verificare se il soggetto è passivo, in ambito comunitario è possibile interrogare il sistema Vies, mentre per i paesi extracomunitari sarà sempre necessario farsi rilasciare una dichiarazione. Deroghe oggettive Alla regola generale, si affiancano le deroghe di natura oggettiva, per particolari prestazioni di servizi resi a soggetti passivi di imposta (B2B business to business): prestazioni di servizi relativi a beni immobili: il criterio applicabile è quello in cui si trova l immobile art. 7-quater, let. a); [art. 47 direttiva 112/2006/CE]. Sono da comprendere nella stessa identificazione: - le prestazioni rese da periti e da agenti immobiliari; - la fornitura di alloggio nel settore alberghiero o in settori analoghi (campi vacanze, campeggi); - la cessione di utilizzazione di un bene immobile; - le prestazioni inerenti alla preparazione e al coordinamento dell esecuzione di lavoro edili. prestazioni di trasporto di passeggeri: i criterio sono molteplici, in quanto occorre distinguere la tipologia del trasporto. Se il trasporto è di passeggeri, rileva la distanza percorsa (proporzionale) nel territorio nazionale art. 7-quater, let. b); [art. 48 direttiva 112/2006/CE]. Per i trasporti non intracomunitari di beni, rileva la distanza percorsa nel territorio dello Stato e se resi a soggetti passivi, ricadono nella regola generale del domicilio del committente art. 7-ter; se resi a privati art. 7-sexies, let. b); [art. 49 direttiva 112/2006/CE]. Per i trasporti intracomunitari di beni, se il committente è un soggetto passivo Ue, ricadono nella regola generale del domicilio del committente art. 7-ter; se il committente è un privato o Extra-Ue, rileva il luogo di inizio o partenza del trasporto art. 7-sexies, let. c); [art. 50 direttiva 112/2006/CE]. Servizi di ristorazione e catering: il criterio generale individua la territorialità nel luogo in cui sono materialmente eseguite le prestazioni art. 7-quater, let. c); [art. 55 direttiva 112/2006/CE]. Se tali prestazioni sono rese a bordo di navi, aerei o treni durante il trasporto di passeggeri all interno della comunità, le stesse sono da assoggettare ad imposta se il luogo di partenza del trasporto è situato nello Stato art. 7-quater, let. d); [art. 57 direttiva 112/2006/CE]. locazioni e noleggi di mezzi di trasporto: occorre distinguere tra breve e lungo termine. A lungo termine se reso a soggetto passivo Ue, vale la regola del B2B (domicilio del committente) art. 7-ter; se invece resi a privati o da soggetti passivi stabiliti fuori della comunità, si considerano territorialmente rilevanti in Italia se ivi utilizzati art. 7-sexies, let. e). Differenti le regole per i noleggi e breve termine (30 gg per i mezzi di trasporto e 90 gg per i natanti), dove le prestazioni rese da oggetti residenti si considerano territoriali se utilizzate in Italia o in altri paesi Ue e le prestazioni rese da soggetti Extra-Ue si considerano territoriali se utilizzate in Italia art. 7-quater, let. e); [art. 56 direttiva 112/2006/CE]. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

4 Servizi culturali, scientifici, artistici, didattici, sportivi e ricreativi, fiere ed esposizioni: si considerano effettuate nel territorio dello Stato quando le medesime attività sono ivi materialmente svolte art. 7-quinquies; [art. 53 direttiva 112/2006/CE]. Prestazioni di intermediazione: se il committente è soggetto passivo, si applica la regola generale e la territorialità è individuata presso il domicilio del committente art. 7-ter; nel limitato caso in cui il committente è un privato, la territorialità è individuata dal luogo dell operazione intermediata art. 7-sexies, let. a); [art. 46 direttiva 112/2006/CE]. Lavorazioni su beni mobili: si il committente è soggetto passivo, si applica la regola generale e la territorialità è individuata presso il domicilio del committente art. 7-ter. Al contrario nel caso B2C si applica il criterio del luogo di esecuzione della prestazione art. 7-sexies, let. d); [art. 54 direttiva 112/2006/CE]. Deroghe soggettive Vi sono poi ulteriori criteri in deroga (art. 7 sexies e septies) che riguardano solo le prestazioni a soggetti privati (B2C business to consumer): Territorialità delle prestazioni rese tramite mezzi elettronici rese da soggetti Extra-Ue a committenti domiciliati nel territorio dello Stato o ivi residente, senza domicilio all estero art. 7-sexies, let. f); [art. 58 direttiva 112/2006/CE]. Servizi di telecomunicazione e radiodiffusione quando sono rese a prestatori stabiliti nel territorio dello Stato a committenti residenti o domiciliati nel territorio della Comunità, ovvero Exta-Ue art. 7-sexies, let. f); [art. 59 ter direttiva 112/2006/CE]. Diritti d autore, pubblicità, consulenze, ecc., se resi a committenti non soggetti passivi, domiciliati e residenti fuori dalla Comunità, non rileva la territorialità art. 7-septies; [art. 59 direttiva 112/2006/CE]. RIFERIMENTO TEMPORALE Trattandosi di prestazione di servizi, la regola di riferimento sarà quella del momento di effettuazione dell operazione, vale a dire in generale non quando è ultimata, ma quando avviene il pagamento. Tuttavia, se prima del pagamento viene emessa fattura o si paga in parte il corrispettivo, l operazione si considera effettuata limitatamente all importo pagato o fatturato. Quindi, nel periodo transitorio, per non dover considerate le prestazioni di servizi già eseguite nel 2009 con le nuove regole 2010 occorre fare riferimento alla data di fatturazione. PLAFOND Una conseguenza diretta è la riduzione dei benefici del plafond, infatti i servizi collegati alla movimentazione dei beni all interno della UE, forniti da operatori Italiani a soggetti passivi d imposta comunitari saranno fuori campo Iva e non saranno più conteggiati né per calcolare lo status di esportatore abituale né per determinare l ammontare del plafond disponibile, che consente l acquisto e l importazione di beni e servizi senza pagamento di Iva. Si tratta di: 1) lavorazioni, trasformazioni e riparazioni intracomunitarie; 2) trasporti intracomunitari e relative intermediazioni; 3) prestazioni accessorie ai trasporti intracomunitari e relative intermediazioni. Per compensare la perdita della qualifica di esportatore abituale, dovrebbe essere consentita la possibilità di richiedere il rimborso infrannuale senza attendere la dichiarazione annuale. LAVORAZIONI Anche le lavorazioni su beni mobili materiali (trasformazioni, riparazioni, perfezionamento e manipolazione) sono interessate dalle novità. Dal 2010 le prestazioni fornite a clienti non residenti in Italia, saranno fatturate fuori campo Iva, indipendentemente dal luogo della materiale esecuzione del servizio e dalla circostanza che il bene, al termine della lavorazione, esca dal territorio italiano. SOGGETTI OBBLIGATI Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

5 Sono obbligati alla presentazione degli elenchi riepilogativi in Dogana i soggetti passivi d imposta sul valore aggiunto che scambiano beni o servizi con soggetti passivi d imposta in altro Stato UE ed enti, associazioni o altre organizzazioni non soggette passive che effettuano acquisti di beni comunitari per un ammontare superiore ad euro (era 8.263,31 fino al 2009), al netto dell imposta applicata nello stato membro d origine. OPERAZIONI SOGGETTE ALLA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRA É obbligatorio indicare negli elenchi Intrastat le seguenti operazioni rilevanti ai fini Iva: acquisti e cessioni di beni mobili da fornitori e clienti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato; servizi connessi agli acquisti e alle cessioni di beni mobili da fornitori e clienti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato; movimenti di merci diversi dagli acquisti e dalle cessioni da e verso soggetti appartenenti a stati membri della UE e titolari di partita Iva nel proprio stato. In questo ultimo caso, l elenco non deve essere compilato ai fini fiscali, ma ai soli fini statistici. Dal 2010 deve contenere, in aggiunta alle merci, sia gli acquisti che le forniture di servizi tra soggetti passivi d imposta stabiliti in due paesi Ue fra quelli fra cui opera l istituto del reverse charge per l assolvimento dell imposta nel paese del committente. MODALITA DI PRESENTAZIONE Fino al 2009 la presentazione dei modelli poteva avvenire presso l Ufficio dell Agenzia delle Dogane competente per territorio nelle seguenti modalità: cartacea manuale - presentando il modello direttamente all Ufficio dell Agenzia delle Dogane competente in formato cartaceo; manuale con floppy disk - presentando il modello direttamente all Ufficio dell Agenzia delle Dogane in formato floppy disk; telematica - presentando l elenco degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie in via telematica all Agenzia delle Dogane tramite il sistema telematico EDI. Dal 2010 la presentazione è obbligatoria in via esclusivamente telematica delle dichiarazioni Intra riferite a periodi decorrenti dal La prima presentazione telematica dovrebbe partire dal 30 aprile L adesione al servizio telematico dell Agenzia delle Dogane da parte degli interessati e come accreditarsi al sistema è disponibile sul sito: TERMINI DI PRESENTAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT Fino al 2009 la presentazione dei modelli all Agenzia delle Dogane doveva avvenire con cadenza mensile, trimestrale o annuale a seconda del volume delle operazioni intracomunitarie effettuate nel corso dell anno, ed entro le seguenti scadenze: mensile - entro il giorno 20 del mese successivo; trimestrale - entro la fine del mese successivo alla fine del trimestre precedente; annuale entro il 31 gennaio dell anno successivo. Dal 2010 è solo più prevista la presentazione mensile e trimestrale, con l eliminazione della scadenza annuale, entro le seguenti scadenze: mensile - entro il giorno 19 del mese successivo; trimestrale - entro il giorno 19 del mese successivo alla fine del trimestre precedente. Per le date definitive, occorre attendere il decreto legislativo attuativo. PERIODICITA PER GLI ACQUISTI E PRESTAZIONI INTRACOMUNITARI Fino al 2009 avevano l obbligo di presentazione della dichiarazione con cadenza mensile gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di acquisti intracomunitari superiore a euro Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

6 ,00 mentre la scadenza era annuale per gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di acquisti intracomunitari inferiore a euro ,00. Dal 2010 scompare definitivamente la possibilità di presentare i modelli Intrastat annualmente: la nuova periodicità prevede che gli acquisti riepilogativi delle operazioni intracomunitarie siano presentati mensilmente, con la possibilità di presentazione trimestrale se il volume delle operazioni è inferiore a / euro (la soglia non è ancora stata definita). ACQUISTI INTRACOMUNITARI Intra 2 Ammontare Periodicità Termine Dati Oltre di acquisti Fino a di acquisti Mensile Trimestrale Entro il giorno 19 del mese successivo Entro il giorno 19 del mese successivo al trimestre Fiscali e statistici Fiscali (col da 1 a 7) PERIODICITA DELLE VENDITE E PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE Fino al 2009 avevano l obbligo di presentazione della dichiarazione con cadenza mensile gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie superiore a euro ,00 mentre la scadenza era trimestrale per gli operatori che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie superiore a euro ,00 ma inferiore ad euro ,00; annuale per coloro che avevano realizzato nell anno precedente un ammontare di cessioni intracomunitarie inferiore ad euro ,00. Dal 2010 scompare definitivamente la possibilità di presentare i modelli Intrastat annualmente: la nuova periodicità prevede che gli acquisti riepilogativi delle operazioni intracomunitarie siano presentati mensilmente, con la possibilità di presentazione trimestrale se il volume delle operazioni è inferiore a / euro (la soglia non è ancora stata definita). CESSIONI INTRACOMUNITARIE Intra 1 Ammontare Periodicità Termine Dati Oltre di cessioni Fino a di cessioni Mensile Trimestrale Entro il giorno 19 del mese successivo Entro il giorno 19 del mese successivo al trimestre Fiscali e statistici Fiscali (col da 1 a 6) MODIFICA DELLE PERIODICITA Fino al 2009, nel caso di superamento dei parametri in corso d anno l operatore aveva l obbligo di modificare la periodicità di presentazione nel corso dell anno stesso. In particolare qualora nel corso dell anno si superava la soglia per la periodicità di presentazione superiore a quella in corso si doveva cambiare periodicità dal mese/trimestre successivo al trimestre nel quale è stata superata la soglia. Si tenga anche conto che nel primo anno di attività (o nel primo anno in cui inizia l attività degli scambi intracomunitari), la periodicità degli elenchi va rapportata alla previsione degli acquisti e/o delle vendite che si ritiene di realizzare nell anno, salvo poi modificarla in caso di superamento delle soglie, come in precedenza illustrato. Dal 2010 sono previste nuove modalità per il cambio di periodicità nella presentazione dei modelli. DATI DA INDICARE NEI MODELLI Nelle sezioni bis e ter (per le rettifiche) vanno riportati, raggruppati per tipi di operazioni riferite al medesimo soggetto, tutte le cessioni o gli acquisti di beni registrati (o soggetti a registrazione) nel periodo (mese o trimestre) di riferimento. In particolare, per gli acquisti, si ricorda che occorre fare riferimento al periodo di ricevimento della fattura estera che, in ogni caso, non può mai andare oltre il Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

7 mese successivo all effettuazione dell operazione, coincidente con la consegna del bene. Le operazioni per le quali anteriormente alla consegna o spedizione dei beni sia stata emessa fattura o pagato in tutto o in parte il corrispettivo, devono essere comprese negli elenchi relativi al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o spedizione dei beni, per l ammontare complessivo delle operazioni medesime. Due nuove sezioni quater e quinquies (per le rettifiche) dal 2010 raccolgono le prestazioni di servizio rese (Intra-1) e ricevute (Intra-2). Per questi nuovi modelli oltre ai dati già noti (stato di appartenenza e codice Iva), viene anche richiesto il numero e la data di riferimento della fattura emessa o ricevuta, una nuova classificazione dei servizi (con un codice a sei cifre), la modalità di erogazione del servizio (continuativo o puntuale), informazioni dettagliate riguardo la modalità di pagamento o di incasso del corrispettivo della prestazione (bonifico bancario o con modalità differenti) ed il paese in cui è avvenuto il pagamento. CONTROLLO DELLE PARTITE IVA COMUNITARIE Una delle principali problematiche che ricorrono nel mondo degli scambi intracomunitari deve essere ricercato nella verifica della validità della partita Iva del cliente/fornitore. E possibile controllare la validità di una partita Iva comunitaria verificando che il codice è formalmente valido ed attribuito ad un soggetto passivo d imposta. Si può accedere al servizio fornito dall Agenzia delle Entrate direttamente dal sito: Il cedente nazionale deve verificare la validità della partita Iva del cliente comunitario, in quanto nel caso in cui venga accertato che tale codice identificativo è formalmente errato o semplicemente cessato (non più valido) l operazione di cessione non avrebbe più i presupposti della cessione intracomunitaria (articolo 41 della legge 427/93) e il cedente nazionale si espone alla richiesta dell Iva nazionale e alla sanzione da 1 a 2 volte la medesima Iva. Nell ottica degli acquisti intracomunitari il venir meno della partita Iva del fornitore espone l acquirente nazionale ad una sanzione per l errata compilazione del modello Intrastat e alla non corretta compilazione della dichiarazione Iva. Se l acquirente italiano avesse saputo fin da subito che il fornitore era privo di una valida partita Iva avrebbe assolto l imposta emettendo autofattura ex art. 17 DPR 633/72 anziché integrare con l Iva la fattura del fornitore. I PAESI DELL UNIONE EUROPEA Nella tabella che segue sono riepilogati i paesi membri della UE, al fine della corretta individuazione delle operazioni da riepilogare negli elenchi. Codice ISO Stato Membro N.ro caratteri codice Iva AT AUSTRIA 9 BE BELGIO 9 BG BULGARIA 9 ovvero 10 CY CIPRO 9 DK DANIMARCA 8 EE ESTONIA 9 DE GERMANIA 9 EL GRECIA 9 FI FINLANDIA 8 FR FRANCIA 11 GB GRAN BRETAGNA 5 ovvero 9 ovvero 12 IE IRLANDA 8 IT ITALIA 11 LV LETTONIA 9 ovvero 11 LT LITUANIA 9 ovvero 12 LU LUSSEMBURGO 8 Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

8 MT MALTA 8 NL OLANDA 12 PL POLONIA 10 PT PORTOGALLO 9 CZ REPUBBLICA CECA 8 ovvero 9 ovvero 10 SK REPUBBLICA SLOVACCA 9 ovvero 10 RO ROMANIA 10 SI SLOVENIA 8 ES SPAGNA 9 SE SVEZIA 12 HU UNGHERIA 8 SAN MARINO: per quanto riguarda la compilazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni verso la Repubblica di San Marino, il codice ISO da utilizzare è SM e la lunghezza del codice Iva degli acquirenti sammarinesi è di 5 caratteri. SANZIONI Le sanzioni Amministrative, relative alle violazioni dei dati fiscali, sono previste dal D.Lgs. 471/97: VIOLAZIONE Omessa presentazione dell elenco SANZIONE sanzione da euro 516 a euro per ciascun elenco sanzione da euro 258 a euro 516 Presentazione tardiva della dichiarazione, ma entro 30 giorni dalla richiesta dell Ufficio Presentazione tardiva della dichiarazione, a seguito di sanzione di euro 103 ravvedimento operoso spontaneo Dichiarazione infedele, incompleta o inesatta sanzione da euro 516 a euro 1032 La sanzione non si applica se i dati mancanti o inesatti vengono integrati o corretti, anche a seguito di richiesta degli uffici preposti Le sanzioni relative alle violazioni di natura statistica, sono previste dal D.Lgs. 322/89: VIOLAZIONE SANZIONE Omissione o inesattezza dei dati sanzione da euro 516 a euro Omissione o inesattezza dei dati, purchè integrati nel sanzione da euro 258 a euro termine fissato dall Ufficio Integrazione o correttezza spontanea dei dati nessuna sanzione mancanti o inesatti RAVVEDIMENTO OPEROSO La mancata presentazione dei modelli Intrastat nei termini prescritti comporta la sanzione da 516,00 a 1.032,00 È però possibile ricorrere all istituto del ravvedimento qualora si provveda alla presentazione e al versamento della relativa sanzione ridotta entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. La sanzione da ravvedimento operoso è conteggiata nella misura di 1/5 del minimo, pari a 103 a norma della lett. b) comma 1 dell art. 13 del D.Lgs. 472/97. Nella pratica il versamento della sanzione avviene con Modello F24, indicando quale codice tributo 8911 e quale anno di riferimento l anno cui si riferisce la violazione; il versamento deve essere contestuale alla presentazione del modello. Studio Ansaldi srl corso piave 4, Alba (CN) La riproduzione con qualsiasi mezzo è vietata. Tutti i diritti sono riservati. Studio Ansaldi s.r.l autore: Ansaldi Giovanni

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 Alle Associazioni del sistema Confimi e alle relative Imprese associate REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI La legge di

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli