Studio Tributario e Societario. Depositi IVA. Barbara Rossi, Caterina Besio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio Tributario e Societario. Depositi IVA. Barbara Rossi, Caterina Besio"

Transcript

1 Studio Tributario e Societario Depositi IVA Barbara Rossi, Caterina Besio Genova, 15 dicembre 2011

2 Il quadro normativo = LA NORMA COMUNITARIA: l art. 16 della Direttiva 77/388/CEE (oggi trasfuso negli artt della Direttiva 2006/112/CE) prevede che: <<gli Stati membri possono( )prendere misure particolari per non sottoporre all'imposta sul valore aggiunto le operazioni seguenti o alcune di esse, a condizione che non mirino ad una utilizzazione e/o ad un consumo finali e che l'importo dell'imposta sul valore aggiunto percepito al momento dell'immissione in consumo corrisponda all'importo della tassa che avrebbe dovuto essere percepito se ognuna di tali operazioni fosse stata tassata all'importazione o all'interno del paese>> LA NORMA ITALIANA DI RECEPIMENTO: l art. 50 bis del D.L. n. 331/1993 prevede che <<sono istituiti, ai fini dell' imposta sul valore aggiunto, speciali depositi fiscali, in prosieguo denominati "depositi IVA", per la custodia di beni nazionali e comunitari che non siano destinati alla vendita al minuto nei locali dei depositi medesimi>> 2 Depositi IVA

3 La ratio della norma beni UE = beni extra UE EVITARE che i beni comunitari siano soggetti ad un TRATTAMENTO FISCALE MENO FAVOREVOLE rispetto a quello previsto per i beni provenienti da Paesi terzi che potevano usufruire dei depositi doganali DEPOSITI IVA DEPOSITI DOGANALI NB: Nei depositi doganali: beni non comunitari Nei depositi IVA: beni immessi in libera pratica 3 Depositi IVA

4 Depositi IVA I depositi IVA sono speciali depositi fiscali preordinati a facilitare la movimentazione e la custodia dei beni oggetto di traffici internazionali, nei quali in particolare, possono essere custoditi beni nazionali e comunitari che non siano destinati alla vendita al minuto nei locali dei depositi medesimi, ove: su tutte le merci introdotte nei depositi IVA, gli operatori devono aver assolto il pagamento dei dazi ove dovuti e gli altri diritti doganali diversi dall IVA. per quanto concerne l IVA, l'introduzione delle merci nel deposito IVA comporta che l'assolvimento dell'imposta è differito al momento della loro estrazione dal deposito per l'immissione in consumo nello Stato. 4 Depositi IVA

5 Depositi IVA Incremento utilizzo deposito IVA a partire dal 2010 a seguito introduzione del «reverse charge obbligatorio» per le cessioni locali effettuate da soggetti non residenti nei confronti di soggetti nazionali D. Lgs. n. 18 del 11/02/2010 che ha implementato art. 194, Direttiva UE 2006/112/CE Art. 17, comma 2, D.P.R. n. 633 del Depositi IVA

6 Depositi IVA Soggetti non residenti ancorché registrati ai fini IVA in Italia: - non possono più applicare l IVA sulle vendite (effettuate nei confronti di soggetti passivi stabiliti in Italia); - nell ipotesi di acquisti nazionali o importazione, si vengono a trovare in forte posizione creditoria Utilizzo dei depositi IVA 6 Depositi IVA

7 Cessioni a soggetto identificato in altro Stato membro con deposito IVA I No IVA F No IVA 7 Depositi IVA

8 Depositi IVA La cessione a soggetti comunitari da parte di soggetti nazionali: - fatturazione nei confronti della partita IVA UE del soggetto acquirente (non imponibile ai sensi dell art. 50-bis, comma 4, lett. c, D.P.R. n. 633 del 1972), anche se il soggetto UE è registrato ai fini IVA in Italia; - introduzione nel deposito IVA; (Risoluzione Agenzia Entrate n. 66/E del 15/05/2001) 8 Depositi IVA

9 Depositi IVA 1. LA GESTIONE DEL DEPOSITO SOGGETTI ABILITATI 2. ALTRE CONDIZIONI: LO SPAZIO FISICO LA GIUSTIFICAZIONE ECONOMICA 3. LE OPERAZIONI AGEVOLATE 4. LE IMPORTAZIONI 5. L ESTRAZIONE 6. GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE 7. LA DOCUMENTAZIONE DI SUPPORTO 8. LA CONTABILITA SPECIALE 9. IL RAPPRESENTANTE DEL SOGGETTO NON RESIDENTE 9 Depositi IVA

10 1. La gestione del deposito: soggetti abilitati 1. IMPRESE GIA AUTORIZZATE A GESTIRE UN DEPOSITO DOGANALE compresi quelli privati (tra cui il tipo E) o fiscali ai fini delle accise 2. IMPRESE DA AUTORIZZARE ALLA GESTIONE IN CONTO PROPRIO DEL DEPOSITO IVA ex art. 50 bis, comma 2 bis del D.L. 331/1993, è necessaria la PREVIA COMUNICAZIONE DELL UTILIZZO DEL DEPOSITO ANCHE COME DEPOSITO IVA, da inoltrare: all'ufficio doganale che esercita la vigilanza sull'impianto; alla D.R.E. territorialmente competente in relazione al luogo di dislocazione del deposito ex art 50 bis, comma 2 del D.L. 331/1993, è necessaria la AUTORIZZAZIONE della D.R.E. territorialmente competente a condizione che: non sono sottoposti a procedimento penale per reati finanziari; non hanno riportato condanne per reati finanziari; non hanno commesso violazioni gravi e ripetute, per loro natura od entità, alle disposizioni che disciplinano l'iva non sono sottoposti a procedure fallimentari, di concordato preventivo, di amministrazione controllata, né si trovano in stato di liquidazione. 10 Depositi IVA

11 1. segue - La gestione del deposito: soggetti abilitati 3. IMPRESE DA AUTORIZZARE ALLA GESTIONE IN CONTO TERZI DEL DEPOSITO IVA 3. ex art 50 bis, comma 2 del D.L. 331/1993, è necessaria la AUTORIZZAZIONE della D.R.E. territorialmente competente a condizione che in aggiunta ai requisiti sopra elencati: 4. siano società di capitali; società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata, società cooperative o enti; 5. abbiano un capitale/fondo di dotazione non sia inferiore a ,89 euro. NB la disponibilità di idonei locali per la custodia dei beni 11 Depositi IVA

12 2. Altre condizioni - lo spazio fisico I BENI DEVONO ESSERE MATERIALMENTE INTRODOTTI NEL DEPOSITO IVA NON E AMMISSIBILE ALCUNA FORMA DI DEPOSITO VIRTUALE NB distinzione fisica delle merci nel caso di deposito doganale in regime di deposito IVA 12 Depositi IVA

13 2. segue - Altre condizioni - lo spazio fisico deve esserci una REALE ESIGENZA ECONOMICA ALL IMMAGAZZINAMENTO DELLE MERCI NEL DEPOSITO IVA ll deposito IVA deve assolvere FUNZIONI DI STOCCAGGIO E CUSTODIA dei beni introdotti nel deposito (nota dell Agenzia delle Dogane n.7521/d del 28/12/2006) 13 Depositi IVA

14 3. Le operazioni agevolate gli ACQUISTI INTRACOMUNITARI di beni mediante introduzione in un deposito IVA; le IMPORTAZIONI DI BENI NON COMUNITARI CON IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA PRESSO UNA DOGANA ITALIANA mediante introduzione in un deposito IVA; le CESSIONI DOMESTICHE di beni nei confronti di soggetti comunitari mediante introduzione in un deposito IVA; le CESSIONI DOMESTICHE di alcuni prodotti trattati nelle borse merci (tra cui zinco, nichel, allumino, piombo, elencati nella tabella A bis allegata al D.L. 331/1993) mediante introduzione in un deposito IVA, anche se sono effettuate nei confronti di soggetti italiani; le CESSIONI DOMESTICHE di beni custoditi in un deposito IVA; le CESSIONI INTRACOMUNITARIE di beni estratti da un deposito IVA; le ESPORTAZIONI di beni estratti da un deposito IVA; le PRESTAZIONI DI SERVIZI relative a beni custoditi in un deposito IVA effettuate nel deposito stesso o in luoghi limitrofi se di durata non superiore a 60 gg; il TRASFERIMENTO DI BENI IN ALTRO DEPOSITO IVA. 14 Depositi IVA

15 4. Importazioni - garanzia per l introduzione le immissioni in libera pratica di beni mediante introduzione in un deposito IVA sono effettuate senza l applicazione dell'iva sulla base di una DICHIARAZIONE DELL IMPORTATORE CIRCA LA DESTINAZIONE DEI BENI per il mantenimento dell impegno assunto dal dichiarante in ordine alla destinazione dei beni l'ufficio doganale richiede GARANZIA COMMISURATA ALL IMPOSTA NON RISCOSSA (ex art. 50 bis, comma 4, lett. b, D.L. 331/1993) 15 Depositi IVA

16 4. segue Importazioni - esonero dalla garanzia Ai sensi dell art. 50 bis, comma 4, lett. b, D.L. 331/1993, gli operatori che possono beneficiare dell esonero dalla prestazione della garanzia sono: 1. soggetti titolari di certificazione attestante lo status di «Operatore Economico Autorizzato> (AEO) (ex art. 14 bis del regolamento (CEE) n della Commissione del 02/07/1993); 2. soggetti titolari dell esonero dal prestare garanzia di cui all art. 90 del D.P.R. n. 43/1973 (TULD). 16 Depositi IVA

17 4. segue Importazioni - esonero dalla garanzia SEMPLIFICAZIONE del procedimento per la concessione dell esonero ex art. 90 del TULD (cfr. risoluzione della VI Commissione permanente della Camera dei Deputati n del 20/10/11 e nota dell Agenzia delle Dogane n /ru del 4/11/11) VERIFICA DI SOLVIBILITA AZIENDALE VALIDITA DELL ESONERO LIMITE ESONERO gli Uffici delle Dogane verificheranno la SOLVIBILITA AZIENDALE di un soggetto attraverso l esame di: a) CERTIFICATO STORICO RILASCIATO DALLA CCIAA; b) CERTIFICATO DI ASSENZA DI CARICHI PENDENTI; c) DICHIARAZIONE DELL AMMONTARE DELLE OPERAZIONI DI IMPORTAZIONE DI MERCI EFFETTUATE (senza che siano state rilevate dall autorità doganale irregolarità sanzionabili) NEL CORSO DELL ULTIMO ANNO (i.e. ultimi 12 mesi dalla data dell istanza). 1 ANNO + RINNOVO (su istanza di parte) AMMONTARE IVA SULLE IMPORTAZIONI EFFETTUATE NELL ANNO PRECEDENTE DAL SOGGETTO MEDESIMO. Superato tale ammontare nel corso dell anno, il soggetto è tenuto a prestare garanzia. 17 Depositi IVA

18 5. Estrazione: nuovi requisiti soggettivi (ex art. 2, comma 36 vicies quater, D.L. 13 agosto 2011, n. 138) L estrazione dei beni che restano in Italia PUO essere effettuata SOLO da SOGGETTI PASSIVI D IMPOSTA AI FINI IVA IN ITALIA L estrazione dei beni che restano in Italia POTRA essere effettuata SOLO da SOGGETTI PASSIVI D IMPOSTA AI FINI IVA IN ITALIA che: siano iscritti alla CCIAA da ALMENO 1 ANNO; dimostrino una EFFETTIVA OPERATIVITA ; attestino REGOLARITA DEI VERSAMENTI IVA (ex art. 50 bis, comma 6, D.L. 331/1993) 18 Depositi IVA

19 5. segue Estrazione: nuovi requisiti soggettivi TUTTAVIA l art. 50 bis, comma 6, D.L. 331/1993 stabilisce che l'estrazione dei beni da un deposito IVA è consentita UNICAMENTE «con le modalità definite con provvedimento del direttore dell Agenzia delle entrate» fino all adozione del provvedimento da parte dell Agenzia delle Entrate L ESTRAZIONE DEI BENI DA UN DEPOSITO IVA CONTINUA AD ESSERE EFFETTUATA SECONDO LE MODALITA ATTUALI (nota dell Agenzia delle Dogane n /ru del 5/10/11) 19 Depositi IVA

20 5. segue Estrazione: La «questione aperta» sui nuovi requisiti soggettivi per l estrazione come faranno i tanti soggetti comunitari che operano in Italia con identificazione diretta o tramite rappresentante fiscale CHE NON SONO ISCRITTI ALLA CCIAA a produrre il certificato storico richiesto? RISCHIO DI DISCRIMINAZIONE dei soggetti comunitari rispetto ai soggetti residenti (oltre che incoerenza con la fase di introduzione) 20 Depositi IVA

21 5. segue Estrazione: La «soluzione auspicabile» al fine di evitare la violazione del principio comunitario della parità di trattamento si auspica che il provvedimento dell Agenzia delle entrate sulle modalità di estrazione AUTORIZZI I SOGGETTI NON STABILITI IN ITALIA A PRESENTARE ALTRO CERTIFICATO EQUIPOLLENTE EMESSO DALLE AUTORITA COMPETENTI DELLO STATO IN CUI TALE SOGGETTO HA STABILITO LA SEDE DELLA PROPRIA ATTIVITA ECONOMICA 21 Depositi IVA

22 5. segue Estrazione dei beni che restano in Italia BASE IMPONIBILE DELL ESTRAZIONE PER SUCCESSIVA CESSIONE DOMESTICA SOGGETTA AD IVA PAGAMENTO DELL IVA tramite REVERSE CHARGE SE IL BENE NON È STATO OGGETTO DI CESSIONE NE DI PRESTAZIONI DI SERVIZI DI QUALUNQUE GENERE corrispettivo o valore del bene all atto dell introduzione (ovviamente aumentato dei dazi e diritti doganali dovuti all atto dell immissione in libera pratica delle merci) SE IL BENE È STATO OGGETTO DI UNA O Più CESSIONI E/0 OGGETTO DI PRESTAZIONI DI SERVIZI corrispettivo o valore dell ultima di tali cessioni in ogni caso aumentato, se già non compreso, dell importo relativo alle eventuali prestazioni di servizio delle quali i beni stessi abbiano formato oggetto durante la giacenza fino al momento dell estrazione NB Circolare n. 28/E del 21 giugno 2011 relativamente al caso in cui il gestore di un deposito IVA addebiti le spese di deposito ad un soggetto estero (nella fattispecie, a un soggetto passivo stabilito in un altro Paese membro dell'unione europea), i.e. l'individuazione della territorialità è pregiudiziale rispetto alla disciplina fiscale da applicare alla singola operazione. 22 Depositi IVA

23 5. segue Estrazione dei beni che restano in Italia OBBLIGO EMISSIONE DI FATTURA DI CUI ALL ART. 17 CO 3 (C.D. AUTOFATTURA) O INTEGRAZIONE: Risoluzione del 21 dicembre 2000, n. 198/E/2000/202566, la menzionata autofattura, recante l'ammontare imponibile del bene estratto e la relativa imposta, dovrà essere annotata sia nel registro delle fatture emesse (art. 23 del DPR n. 633 del 1972) sia in quello degli acquisti (art. 25 del D.P.R. n. 633 del 1972) nei modi seguenti: a) qualora l'ammontare imponibile non sia variato rispetto al valore di introduzione: - nel registro delle fatture emesse va riportato integralmente sia l'imponibile che l'imposta; - nel registro degli acquisti andrà annotata esclusivamente l'imposta, essendo l'imponibile già indicato sulla base del documento doganale di immissione in libera pratica; b) qualora l'ammontare imponibile risulti diverso rispetto al valore di introduzione, anche in ragione di eventuali prestazioni di servizi rese durante la giacenza in deposito: - nel registro delle fatture emesse andrà annotato l'intero ammontare imponibile e la relativa imposta; - nel registro degli acquisti dovrà essere riportata la differenza dell'ammontare imponibile (rispetto a quello già annotato sulla base del documento doganale), nonché l'intera imposta afferente l'operazione di estrazione. 23 Depositi IVA

24 5. segue Estrazione dei beni che vanno all estero ESTRAZIONE PER SUCCESSIVA CESSIONE INTRACOMUNITARIA/CESSIONE ALL ESPORTAZIONE NON IMPONIBILE ADEMPIMENTI NEL CASO DI CESSIONE INTRACOMUNITARIA ADEMPIMENTI NEL CASO DI CESSIONE ALL ESPORTAZIONE il soggetto che procede all'estrazione: emette una FATTURA NON IMPONIBILE ex artt. 41 e 50 bis del DL 331/1993; compila e presenta l elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie. il soggetto che procede all'estrazione emette una FATTURA NON IMPONIBILE ex artt. 8 del DPR 633/1972 e 50 bis del DL 331/ Depositi IVA

25 5. segue Estrazione L onere di comunicazione a carico del soggetto che procede all estrazione Il soggetto che procede all estrazione deve comunicare al gestore del deposito IVA i dati relativi alla liquidazione dell imposta producendo: COPIA DELL AUTOFATTURA ovvero, in caso di esportazione o di cessione intracomunitaria, COPIA DELLA FATTURA, INTEGRATA CON GLI ESTREMI DELLA REGISTRAZIONE nei libri contabili OVVERO, IN ALTERNATIVA A TALE INTEGRAZIONE, CORREDATA DA COPIA DEL REGISTRO di cui agli artt. 23/24 e 25 del D.P.R. n. 633/1972 da cui risulti l'avvenuta registrazione delle suddette fatture; dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, con allegata la copia di un documento di identità e attestante la conformità all'originale e l'effettiva registrazione nei libri contabili dell'autofattura o della fattura. NB Il depositario provvederà a trasmettere tale documentazione al competente ufficio delle dogane, con consegna a mano, PEC o altro canale concordato con l Ufficio delle Dogane (nota dell Agenzia delle Dogane n /ru del 5/10/11) 25 Depositi IVA

26 5. segue Estrazione Le finalità dell onere di comunicazione SVINCOLO DELLA GARANZIA CORRETTA TENUTA DELLA CONTABILITA DA PARTE DEL DEPOSITARIO Ne consegue che l onere di comunicazione dovrà essere assolto dal soggetto che estrae ANCHE NEI CASI DI ESONERO DALLA PRESTAZIONE DI GARANZIA!!! 26 Depositi IVA

27 5. segue Estrazione: svincolo della garanzia IL SOGGETTO CHE PROCEDE ALL ESTRAZIONE COMUNICA AL DEPOSITARIO LA LIQUIDAZIONE DELL IMPOSTA PRODUCENDO TUTTA LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA IL DEPOSITARIO TRASMETTE LA DOCUMENTAZIONE AL COMPETENTE UFFICIO DOGANALE L UFFICIO SVINCOLA LA GARANZIA mediante riaccredito dell importo corrispondente all IVA <<nel caso di coincidenza tra operatore che introduce in deposito ed operatore che estrae, tale soggetto effettuerà le necessarie comunicazioni al depositario e, al fine di velocizzare lo svincolo della garanzia, ANCHE AL COMPETENTE UFFICIO DOGANALE>> (cfr. nota dell Agenzia delle Dogane n del 07/09/11). 27 Depositi IVA

28 6. La documentazione di supporto L' INTRODUZIONE DI BENI COMUNITARI avviene sulla scorta di: documento amministrativo documento commerciale documento di trasporto CON L INDICAZIONE DEI SEGUENTI DATI 1. il numero e la specie dei colli; 2. la natura, la qualità e la quantità dei beni; 3. il corrispettivo o, in mancanza, il valore normale dei beni stessi; 4. il luogo di provenienza e di destinazione dei beni di volta in volta introdotti e di quelli usciti; 5. il soggetto per conto del quale l' introduzione o l' estrazione dei beni è effettuata. L INTRODUZIONE DEI BENI NON COMUNITARI precedentemente immessi in libera pratica in Italia avviene sulla scorta del documento doganale (DAU). 28 Depositi IVA

29 7. La contabilità speciale TENUTA E CONSERVAZIONE OBBLIGATORIA DI UN APPOSITO REGISTRO RELATIVO ALLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI CONTENUTO MODALITA DI TENUTA DELLA CONTABILITA DECORRENZA DELL OBBLIGO ex art. 50 bis, comma 3 del D.L 331/1993 deve essere tenuto ai sensi dell art. 53, comma 3, del D.P.R. 633/1972, un apposito registro che evidenzi la movimentazione dei beni e che sia conservato ai sensi dell art. 39 del D.P.R. 633/1972 Il registro deve indicare: a) il numero e la specie dei colli; b) la natura, la qualità e la quantità dei beni; c) il corrispettivo o, in mancanza, il valore normale dei beni stessi; d) il luogo di provenienza e di destinazione dei beni di volta in volta introdotti e di quelli usciti; e) il soggetto per conto del quale l' introduzione o l' estrazione dei beni è effettuata. Il gestore del deposito può avvalersi di SISTEMI INFORMATICI Il registro deve essere istituito ANTERIORMENTE ALLE PRIMA INTRODUZIONE DI BENI NEL DEPOSITO IVA 29 Depositi IVA

30 8. Il rappresentante fiscale del soggetto non residente caso a. il soggetto non residente EFFETTUA ESCLUSIVAMENTE OPERAZIONI NON SOGGETTE AD IVA ex art. 50 bis RAPPRESENTANTE FISCALE LEGGERO (ex art. 50 bis, comma 7, D.L. 331/1993) per: fatturazione delle operazioni compilazione/presentazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie caso b. il soggetto non residente EFFETTUA ANCHE OPERAZIONI SOGGETTE AD IVA ex art. 50 bis (i.e. estrazione di beni che restano in Italia) RAPPRESENTANTE FISCALE per: fatturazione delle operazioni; registrazione fatture; assolvimento dell imposta; compilazione/presentazione della dichiarazione IVA 30 Depositi IVA

31 Contatti: Barbara Rossi Partner Studio Tributario e Societario Galleria San Federico 54, Torino Tel: Caterina Besio Manager Studio Tributario e Societario Piazza della Vittoria 15/34, Genova Tel: Member of Deloitte Touche Tohmatsu Limited

32 Studio Tributario e Societario Member of Deloitte Touche Tohmatsu Limited

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA

I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA I DEPOSITI IVA PRINCIPI GENERALI E RECENTE EVOLUZIONE NORMATIVA DEPOSITO IVA art. 50-bis, DL 331/1993 Istituto che assolve ad una funzione di pura convenienza finanziaria, in quanto consente di rinviare

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 27 del 20 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Esclusioni

Dettagli

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Piano di lavoro Fonti normative e prassi

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI 1 Quesito La ditta Alfa Spa effettua l importazione in Italia di beni con immissione in libera pratica

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale.

La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO Minori controlli allo sdoganamento Riduzione dei controlli doganali documentali (CD) scanner (CS) fisici (VM) fino ad un massimo del 90% Tale beneficio è accordato

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 1 febbraio 2012 Protocollo: Rif.: 148047 /RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Regime del deposito doganale, fiscale ai fini accise e ai fini I.V.A..

Regime del deposito doganale, fiscale ai fini accise e ai fini I.V.A.. Roma, 07/09/2011 Protocollo: Rif.: Allegati: 84920/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Centrali Agli Uffici

Dettagli

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori,

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori, = Circolare n. 2/2013 21 gennaio 2013 Gentili Signore ed Egregi Signori, con la presente circolare abbiamo il desiderio di informarvi sulle numerose novità e modifiche in materia di imposta sul valore

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Roma, [data come da segnatura di protocollo] Alle Direzioni territoriali e Sezioni distaccate Loro sedi

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Roma, [data come da segnatura di protocollo] Alle Direzioni territoriali e Sezioni distaccate Loro sedi Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi - Ufficio circolazione tabacchi Risposta al foglio n. del All. Prot. 104883 del 24-12-2014 Roma, [data come da

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti:

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti: Consulenza aziendale consulenza settore turismo elaborazione dati contabili formazione del personale Roma, 12 Gennaio 2013 CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 /2013 OGGETTO: LEGGE DI STABILITÀ 2013 NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Prossimo appuntamento con lo spesometro. 10 aprile per i contribuenti mensili e 20 aprile per tutti gli altri Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012. Prof. Avv. Benedetto Santacroce. Soggettività passiva

L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012. Prof. Avv. Benedetto Santacroce. Soggettività passiva L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012 Prof. Avv. Benedetto Santacroce Soggettività passiva Soggetto passivo Per soggetto passivo stabilito nel territorio dello Stato si intende: un soggetto

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127 Circolare 23 del 28 settembre 2015 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127 INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime opzionale per la trasmissione

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

1 - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE

1 - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE Pesaro, lì 05 novembre 2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 15/2012 1 IL MODELLO VIES - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE 1 - LA MANCATA ISCRIZIONE

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi: novità a decorrere dal 01.01.2017

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi: novità a decorrere dal 01.01.2017 del 6 Novembre 2015 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi: novità a decorrere dal 01.01.2017 Secondo quanto previsto dal DLgs. 127/2015, tutti i soggetti passivi IVA possono

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/02/2013 Circolare informativa n. 5/2013 Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO

LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO Roma, 22 ottobre 2009 NUOVE COMPENSAZIONI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

1. LA RAPPRESENTANZA FISCALE E L IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA

1. LA RAPPRESENTANZA FISCALE E L IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA 1. LA RAPPRESENTANZA FISCALE E L IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA Nel disegno normativo comunitario (cfr. art. 21, par. 1, lett. A) secondo periodo della Direttiva 388/77 ( ora trasfuso nell art. 193

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Riferimenti: Art. 6, DPR n. 633/72 Art. 8, commi 2, lett. a) e g) e 5, Legge n. 217/2011

Riferimenti: Art. 6, DPR n. 633/72 Art. 8, commi 2, lett. a) e g) e 5, Legge n. 217/2011 Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Fabio Salvagno Dott. Francesca Parravicini Padova, 26 marzo 2012

Dettagli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli NOVITA IVA Mevio Martelli ARGOMENTI M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment 1 M.O.S.S. M.O.S.S. (MINI ONE STOP SHOP) Regolamento 967/2012 Regolamento 815/2012 Provvedimento

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato»

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato» Adempimenti Iva Il nuovo modello F24 «IVA immatricolazione auto UE» In attuazione dell art. 1, commi 9 e 10, del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 (convertito dalla L. 24 novembre 2006, n. 286), il Direttore

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE

LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE O C S E 1 LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE Francesco Campanile Dirigente Ministero Economia e Finanze Revisore dei conti CNSD Dottore commercialista Docente di Diritto Tributario internazionale

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi Ufficio circolazione tabacchi Prot. n. DAC/CTL/ 8443 /2013 All. Risposta al foglio n.

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Regime Iva delle provvigioni. Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010

Regime Iva delle provvigioni. Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010 Regime Iva delle provvigioni Esempi pratici di fatturazione di intermediazioni su beni mobili dal 1 gennaio 2010 2 - cessioni di beni in Italia - cessioni di beni dall Italia ad uno Stato membro UE Trattandosi

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

HELP 39. 1. Quando l attività editoriale configura attività commerciale

HELP 39. 1. Quando l attività editoriale configura attività commerciale a cura di Flavio Chistè ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITA EDITORIALE Gli enti non commerciali possono, nello svolgimento della propria attività, assumere la veste di editori ossia pubblicare libri, giornali,

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU La questione riguarda l operazione disciplinata all articolo 8, lettera

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli