Iva. Legge di stabilità Le novità in materia di. Iva 2013 Legge di stabilità Villa Cagnola - 1 Marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iva. Legge di stabilità 2013. Le novità in materia di. Iva 2013 Legge di stabilità 2013. Villa Cagnola - 1 Marzo 2013"

Transcript

1 Le novità in materia di Iva Legge di stabilità 2013 Studio Dott. Riccardo Broggini DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Via Dandolo, Varese tel fax

2 IVA (D.P.R. n.633/ )

3 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati requisiti: a) Oggetto dell operazione (art.2-3) : - cessione di beni o prestazione di servizi b) Soggetto che la effettua (art.4 5): - operazioni poste in essere nell esercizio di imprese o arti e professioni c) Territorio nel quale è effettuata (art. 7) ** - operazioni effettuate all interno del territorio dello Stato ** novità introdotte dal D.Lgs 18/2010 FUNZIONAMENTO DELL IVA Il fornitore addebita l Iva al cliente (rivalsa) in misura proporzionale al corrispettivo e la riversa all Erario al netto dell imposta pagata sugli acquisti (detrazione)

4 Le operazioni che soddisfano contemporaneamente i requisiti previsti sono le seguenti: Iva 2013 Legge di stabilità 2013 IMPONIBILI :operazioni fatturate, registrate e soggette alle aliquote del 4,10,21% NON IMPONIBILI: operazioni fatturate e registrate ma non soggette ad imposta perché manca il requisito della territorialità ESENTI : operazioni fatturate, registrate, non soggette ad imposta e che limitano il diritto alla detrazione (art. 10) Art.2-3 OGGETTO DELL OPERAZIONE cessioni di beni : atti a titolo oneroso con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale di godimento cessioni di beni assimilate : atti a titolo oneroso o gratuito non sempre con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale prestazioni di servizi: operazioni effettuate in corrispondenza di contratti d opera, appalto, mandato, agenzia, spedizione, trasporto, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, non fare e di permettere Art. 4-5 SOGGETTI PASSIVI Esercizio in forma abituale, anche se non esclusiva, -di attività commerciali o agricole anche se non organizzate in forma d impresa (artt C.C.); -di attività di lavoro autonomo professionale da parte di persone fisiche, società semplici o associazioni senza personalità giuridica.

5 Art.19 DETRAZIONE I.V.A. La detrazione consente il recupero (entro la dichiarazione annuale relativa al 2 anno successivo a quello in cui è sorto il diritto) dell importo pagato sugli acquisti effettuati a determinate condizioni: -operazioni effettivamente avvenute e dimostrabili (possesso del documento d acquisto); -operazioni inerenti all attività del soggetto passivo. DETRAZIONE : L IVA da versare in un periodo (mese o trimestre) si calcola nel seguente modo: + I.V.A. su CESSIONI o PRESTAZIONI effettuate - I.V.A. DETRAIBILE (= iva addebitata dal fornitore) = I.V.A. da VERSARE o A CREDITO

6 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA per destinazione - mancanza dei requisiti - manifestazioni a premio - pro-quota (beni ad uso promiscuo ad es. auto) - oggettiva (natura di beni o servizi) - soggettiva (caratteristiche attività svolta) - pro-rata per operazioni esenti - enti non commerciali regimi forfetari TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Oggettiva L indetraibilità oggettiva deriva dalla natura dei beni e servizi acquistati e indipendentemente dalle caratteristiche dell acquirente : - autovetture, autoveicoli, motocicli, ciclomotori - spese autostradali (pedaggi) - beni di lusso - omaggi - spese di rappresentanza - cellulari

7 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Soggettiva L indetraibilità soggettiva deriva dalle caratteristiche dell attività svolta dal soggetto e indipendentemente dalla natura dei beni e servizi acquistati. Il diritto alla detrazione è riconosciuto in forma limitata o non è riconosciuto se vi sono: -operazioni attive esenti -operazioni non assoggettate ad Iva PRO RATA % IVA DETRAIBILE = OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE + OPERAZIONI ESENTI

8 Operazioni Extra UE

9 IMPORTAZIONE LE NORME DI RIFERIMENTO: Art. 67 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 70 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972;

10 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 si riferisce all introduzione in Italia di beni che originano da Paesi extra-ue o da territori esclusi dalla UE, che non siano già stati immessi in libera pratica in altro Paese membro della UE sono imponibili in Italia anche se effettuate da soggetti privati

11 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 DISCIPLINA: momento impositivo = presentazione in Dogana della dichiarazione d importazione aliquota = al bene importato si applica la medesima applicabile alle cessioni interne detraibilità dell IVA sull importazione = applicazione delle regole generali

12 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 DISCIPLINA (segue): base imponibile = valore dei beni (norme doganali) (+) diritti doganali dovuti (escluso IVA) (+) spese di inoltro (fino luogo di desti- nazione all interno della UE)

13 ESPORTAZIONE LE NORME DI RIFERIMENTO: Art. 8 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 8 bis del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 9 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 72 del D.P.R. 633 del 26/10/1972;

14 ESPORTAZIONE DEFINIZIONE: indica il trasporto o la spedizione di beni fuori dal territorio UE, a seguito del trasferimento del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento, in cambio del pagamento di un corrispettivo; comprende, oltre alle operazioni doganali di esportazione definitiva, anche l esportazione temporanea e la riesportazione; può essere diretta o triangolare.

15 ESPORTAZIONE Distinzione in: esportazione diretta la cessione eseguita, con trasporto o spedizione dei beni, a cura o a nome del cedente, fuori dalla UE esportazione triangolare la cessione eseguita, mediante trasporto o spedizione dei beni fuori dalla UE, a cura o a nome del primo cedente nazionale (A), su incarico del cliente residente (B) al cliente extra-ue (C)

16 ESPORTAZIONE OPERAZIONI ASSIMILATE alle esportazioni: cessioni eseguite mediante trasporto o consegna di beni nel territorio dello Stato della Città del Vaticano e le prestazioni di servizi connesse (art.71) cessioni di beni verso la Repubblica di San Marino (art.71) operazioni effettuate in base a Trattati internazionali (art. 72)

17 PRESTAZIONI DI SERVIZI RELATIVI ALL EXPORT SERVIZI INTERNAZIONALI O CONNESSI AGLI SCAMBI INTERNAZIONALI: si tratta di servizi di trasporto di persone e cose e di altri servizi che, in genere, vengono utilizzati solo parzialmente nel territorio dello Stato, in quanto costituenti operazioni di carattere internazionale o collegate a scambi internazionali

18 ESPORTAZIONI E PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERNAZIONALI DISCIPLINA: Cessioni all esportazione (art. 8), operazioni assimilate (art. 8 bis) e prestazioni di servizi internazionali (art. 9) sono OPERAZIONI NON IMPONIBILI; La tassazione ai fini IVA avviene in base al PRINCIPIO DI DESTINAZIONE, ovvero nel luogo in cui destinazione.

19 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA Le imprese che effettuano operazioni internazionali, con paesi sia UE che extra UE, in presenza di determinate condizioni, possono acquistare beni e servizi senza applicazione dell IVA, entro un predeterminato limite annuale detto plafond. ESPORTATORI ABITUALI REGIME SPECIALE DI SOSPENSIONE D IMPOSTA IVA

20 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA ESPORTATORI ABITUALI: Coloro che effettuano le seguenti operazioni NON imponibili: Esportazioni dirette ed operazioni assimilate; Operazioni connesse a trattati ed accordi internazionali; Operazioni con lo stato della Città del Vaticano e con la Repubblica di San Marino; Cessioni di beni intracomunitari (dall 01/01/2010 sono escluse dal conteggio le prestazioni intracomunitarie).

21 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA STATUS ESPORTATORE ABITUALE Esportazioni Operazioni assimilate alle esportazioni Servizi internazionali Operazioni con S. Marino e Città del Vaticano Operazioni in base a trattati internazionali Cessioni intracomunitarie Altre operazioni non imponibili REGISTRATE NELL ANNO PRECEDENTE O NEI 12 MESI PRECEDENTI > 10% VOLUME D AFFARI

22 PER POTER USUFRUIRE DELL AGEVOLAZIONE Verificare il proprio status di esportatore abituale: operazioni non imponibili / volume d affari > 10%; Inviare una dichiarazione d intento che giustifichi per il fornitore l emissione di fattura senza addebito IVA; Tenere apposito Registro delle dichiarazioni d intento; Evidenziare mensilmente utilizzo del plafond; Compilare quadro VC della dichiarazione annuale IVA con indicazione dell utilizzo mensile del plafond.

23 DICHIARAZIONE D INTENTO Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Finalità: comunicare ai propri fornitori, prima dell effettuazione delle operazioni la volontà di acquistare beni e/o servizi in sospensione d imposta; Ha validità per l anno solare di riferimento; Va numerata progressivamente, comunicata e conservata; Può essere emessa: con riferimento ad una singola operazione, con riferimento a tutti gli acquisti intercorrenti tra la data di rilascio ed una specifica data (mai successiva al 31/12/n) oppure con riferimento ad un determinato importo massimo.

24 DICHIARAZIONE D INTENTO Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Il fornitore di un esportatore abituale è tenuto a comunicare i dati della dichiarazione d intento ricevuta all Agenzia delle Entrate entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA, mensile o trimestrale, nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell imposta. Il mancato invio della comunicazione nei termini previsti dalla legge, oppure l invio con dati incompleti o inesatti è punito con una sanzione amministrativa che va dal 100% al 200% dell imposta.

25 Acquisti intracomunitari

26 ACQUISTI INTRACOMUNITARI (ART. 38 D.L. 331/93) Costituiscono acquisti intracomunitari e sono soggetti ad IVA in Italia con applicazione delle aliquote vigenti in Italia gli acquisti a titolo oneroso della proprietà o di altro diritto reale di godimento su beni mobili materiali, trasportati o spediti in Italia da un altro Stato membro, a cura del cedente, dell acquirente o di terzi per loro conto, effettuati nell esercizio di impresa arti e professioni o comunque da Enti, associazioni e altre organizzazioni di cui all art.4, co.4 del DPR 633/72, che siano soggetti passivi di imposta nel territorio dello Stato.

27 CONDIZIONI CHE CONFIGURANO ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Operazione onerosa che ha per oggetto un bene mobile materiale (sono pertanto esclusi acquisti di beni immobili e di beni immateriali che non possono essere fisicamente trasferiti in Italia, nonché operazioni gratuite); Acquisizione della proprietà ovvero di altro diritto reale; Trasferimento fisico del bene da Paese Comunitario in Italia; Cedente e cessionario sono soggetti passivi d imposta (necessario possesso di «numero di identificazione»)

28 CASI PARTICOLARI I beni che vengono introdotti sul territorio italiano per lavorazione e destinati a rientrare nel paese comunitario d origine, oppure vengono inviati all estero, non configurano acquisto intracomunitario (il soggetto italiano sarà comunque tenuto alla compilazione dei modelli Intrastat ai soli fini statistici ed annotare in apposito registro la movimentazione di merce);

29 ADEMPIMENTI CONTABILI Il soggetto italiano acquirente è tenuto, in primo luogo, a verificare l esistenza e la correttezza del codice identificativo del fornitore comunitario. La fattura di acquisto intracomunitario deve essere numerata e integrata dal cessionario o committente italiano, con l indicazione dell ammontare complessivo imponibile dell operazione, nonché dell ammontare dell imposta, calcolata secondo l aliquota Iva italiana prevista per i beni acquistati.

30 ADEMPIMENTI CONTABILI (SEGUE) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Se la fattispecie dell operazione rientra tra le non imponibili, non soggette od esenti, in luogo dell imposta l acquirente italiano provvede all indicazione del titolo di inapplicabilità dell I.V.A. ed il riferimento alle relative norme nazionali. Dopo essere state integrate, le fatture relative agli acquisti intracomunitari, devono essere annotate, distintamente dalle altre fatture interne nel registro delle fatture emesse.

31 Cessioni intracomunitarie

32 CESSIONI INTRACOMUNITARIE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 L art 41, del D.L. 30 agosto 1993, n 331 identifica le cessioni intracomunitarie come: le cessioni a titolo oneroso di beni, trasportati o spediti nel territorio di altro Stato membro, dal cedente o dall acquirente, o da terzi per loro conto, nei confronti di cessionari soggetti di imposta

33 CONDIZIONI CHE CONFIGURAZIONE CESSIONE INTRACOMUNITARIA Medesimi requisiti soggettivi, territoriali ed oggettivi visti per gli acquisti intracomunitari, ovvero: Operazione onerosa che ha per oggetto un bene mobile materiale; Trasferimento della proprietà ovvero di altro diritto reale; Trasferimento fisico dall Italia a Paese Comunitario ; Cedente e cessionario sono soggetti passivi d imposta (necessario possesso di «numero di identificazione»)

34 ADEMPIMENTI CONTABILI Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Fatturazione delle cessioni : Le cessioni intracomunitarie sono non imponibili ai sensi dell art. 41-D.L.331/93; l operatore italiano deve pertanto emettere fattura numerata a norma dell art. 21 del D.P.R. 633/72, senza applicazione dell imposta IVA ed indicando che trattasi di operazione non imponibile, con richiamo alla relativa norma.

35 ADEMPIMENTI CONTABILI (SEGUE) La fattura deve necessariamente contenere il numero di identificazione attribuito dallo Stato membro di appartenenza al cessionario o committente. Il cessionario italiano è tenuto al controllo della validità della partita IVA comunitaria verificando che il codice sia formalmente valido ed attribuito ad un soggetto passivo d imposta. Tale controllo può essere effettuato attraverso i siti internet dell Agenzia delle Entrate oppure dell Unione Europea

36 Territorialità IVA per le prestazioni di servizi Regolamento UE n. 282/ Circolare n. 37/E/2011 Comunitaria 2010 Il Regolamento di esecuzione (UE) n. 282/2011 ha abrogato il precedente Regolamento n. 1777/2005 ed ha fornito una chiara e puntuale interpretazione delle norme sull'iva comunitaria previste dalla Direttiva n. 2006/112/CE. Obiettivo: uniformare il regime IVA in ambito UE. Il Regolamento (salvo alcune specifiche disposizioni) si applica a decorrere dal 1 luglio 2011, ed interviene, in particolar modo, in materia di soggetti passivi, cessioni di beni e prestazioni di servizi e luogo delle operazioni imponibili. L'Agenzia delle Entrate con Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 ha fornito importanti chiarimenti sulla portata del Regolamento.

37 VIES Il Provvedimento 29 dicembre 2010 Prot. n. 2010/ ha stabilito che i soggetti che iniziano un attività in Italia, oppure vi istituiscono una stabile organizzazione, se intenzionati ad effettuare le operazioni intracomunitarie di cui al titolo II, capo II, del D.L. n. 331/1993, devono essere autorizzati dall Agenzia delle Entrate. Come noto i soggetti già titolari di partita IVA che risultano esclusi dal VIES e che intendono dichiarare la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie, devono presentare apposita istanza direttamente ad un Ufficio dell Agenzia delle Entrate. Con la medesima modalità deve essere comunicata la volontà di revocare tale opzione. Entro 30 giorni dal ricevimento della manifestazione di volontà (durante i quali il soggetto non può compiere scambi intracomunitari in quanto la sua soggettività ai fini IVA per tali operazioni è sospesa), l Agenzia delle Entrate verifica l esattezza e completezza dei dati ed effettua una valutazione preliminare del rischio ed in assenza di un provvedimento di diniego entro tale termine il soggetto è inserito nell archivio VIES.

38 Art. 7 DPR 633/1972 Prestazioni di servizi generiche L art. 7 DPR 633/1972, che ha recepito la nuova direttiva UE, prevede due differenti modalità di applicazione dell IVA a seconda che il servizio venga svolto nei confronti di un soggetto IVA (B2B Business to Business) ovvero nei confronti di un consumatore finale (B2C Business to Consumer). 1) Nel caso di servizi B2C la prestazione di servizio si considera effettuata nel territorio dello stato quando è resa da soggetti che hanno il domicilio nel territorio stesso (fornitore). 2) Nel caso di servizi B2B si inverte il criterio per cui il servizio si considera effettuato nel territorio dello stato di residenza dell utilizzatore del servizio (cliente/committente). In questo secondo caso quindi se un soggetto passivo IVA italiano effettua un servizio ad un soggetto passivo IVA comunitario effettuerà un operazione fuori campo IVA (F.C.) ed il proprio cliente applicherà il meccanismo del reverse charge, mentre se un soggetto passivo IVA italiano utilizza una prestazione di servizio resa da un soggetto passivo IVA intracomunitario riceverà una fattura fuori campo IVA (F.C.) e su questa applicherà il meccanismo del reverse charge, come ora avviene per gli acquisti intracomunitari.

39 Prestatore (soggetto passivo) ITA ITA ITA UE O EXTRA UE Committente Luogo di tassazione Iva in italia Privato ITA Privato UE Privato EXTRAUE ITA UE o EXTRAUE ITA B2C Luogo del prestatore B2B Luogo del committente B2B Luogo del committente B2B Luogo del committente SI SI NO SI

40 Prestazioni di servizi effettuate da imprese Italiane Verso Imprese UE Verso Imprese extra UE - Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia - Obbligo di emissione di fattura - Operazione non soggetta ad IVA art. 7 ter DPR 633/ Indicazione in fattura del n. identificativo IVA del committente - Compilazione modello Intrastat - Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia, non soggetta ad Iva art. 7 ter DPR 633/ Se il soggetto residente in un paese black list compilazione modello comunicazione operazione black list

41 Prestazioni di servizi ricevute da imprese Italiane da Imprese UE da Imprese extra UE - Operazione rilevante ai fini Iva in Italia - Obbligo di integrazione della fattura - Registrazione fattura integrata su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) - Compilazione modello Intrastat - Operazione rilevante ai fini Iva in Italia, - Emissione di autofattura - Registrazione autofattura su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) - Se il soggetto residente in un paese black list compilazione modello comunicazione operazione black list

42 Criteri di rilevanza fiscale nel territorio dello Stato (art. 7 ter) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Tipologia di operazione Committente Luogo di esecuzione Riferimento normativo Regola territorialità iva Stabiliti in Italia SI Verso soggetti passivi Articolo 7-ter, comma 1, lettera a) Luogo di stabilimento del committente Tutti i servizi la cui territorialità IVA non è individuata da disposizioni specifiche Verso committenti non soggetti passivi UE o extra UE Da soggetti passivi stabiliti in Italia Da soggetti non residenti Articolo 7-ter, comma 1, lettera b) Luogo di stabilimento del prestatore NO SI NO

43 DEROGHE Servizi agli immobili SERVIZI RESI Prestazioni per l accesso alle manifestazioni culturali, fiere etc. Trasporto di passeggeri Ristorazione & Catering su trasp. Intra Ristorazione & Catering diversi dal prec. Locazione a breve termine di mezzi di trasporto CRITERIO TERRITORIALITA Luogo dell immobile (art. 7 quater, comma 1, lett. a)) Luogo di svolgimento (art. 7 quinquies)* In proporzione alla distanza percorsa (art. 7 quater, comma 1, lett. b)) Luogo di inizio del trasporto (art. 7 quater, comma 1, lett. d)) Luogo di esecuzione della prestazione (art. 7 quater, comma 1, lett. c)) Luogo di messa a disposizione e utilizzo (art. 7 quater, comma 1, lett. e))

44 Prestazioni di servizi su beni immobili (art. 7 quater, comma 1, lett. a) Prestatore Committente Luogo di ubicazione dell immobile Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano o sogg. comunitario (non soggetti passivi IVA quindi, privati) Altro Stato della UE diverso dall Italia Italiano (sogg. passivo IVA) Italia IVA in Italia Italiano (non soggetto passivo IVA quindi, privato) Italia IVA territorialmente rilevante nello Stato UE diverso dall Italia dove si trova l immobile IVA in Italia Fattura previa identificazione IVA nello Stato UE (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore italiano Integrazione della fattura da parte del committente italiano Fattura previa identificazione IVA in Italia (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore UE Sogg. passivo IVA stabilito in un Paese extra UE Italiano (sogg. passivo IVA) Italia IVA in Italia Autofattura da parte del committente italiano

45 Prestazioni di servizi culturali, artistiche, ecc. (art. 7 quinquies) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Prestazioni di servizi culturali, artistici, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e affini Servizi di accesso alle manifestazioni culturali, artistici, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e affini, oltre che per i servizi accessori I servizi accessori comprendono i servizi in relazione diretta con l accesso alle predette manifestazioni, forniti separatamente alla persona che assiste ad una manifestazione, dietro corrispettivo Dal 1 gennaio 2011, tali prestazioni si considerano effettuate nel luogo dove è stabilito il committente (regola generale della committenza) se quest ultimo è un soggetto passivo ai fini Iva. Nel caso in cui il committente sia un soggetto privato (quindi, non soggetto passivo IVA) si dovrà prendere a riferimento il luogo di materiale esecuzione della prestazione. Rimangono assoggettati alla regola del luogo di svolgimento. L art. 32 del Regolamento UE n. 282/2011 precisa che per servizi relativi all accesso si intendono le prestazioni che consentono l accesso ad una manifestazione (inclusi conferenze e seminari) in cambio di un biglietto o di un corrispettivo, ivi compreso un corrispettivo sotto forma di abbonamento, di biglietto stagionale o di quota periodica. Tali servizi rimangono assoggettati, come per i precedenti, alla medesima regola del luogo di svolgimento. Quindi, deve trattarsi, come cita il Regolamento UE n. 282/2011, di servizi autonomi, prestati a titolo oneroso, quali l utilizzo di spogliatoi o impianti sanitari.

46 Prestazioni di servizi culturali, artistiche, ecc. Prestatore Committente Luogo di esecuzione Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Soggetto passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Privato di altro Paese della UE diverso dall Italia Privato di altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo IVA Italiano soggetto passivo IVA Italia Italia Altro Stato della UE diverso dall Italia Italia/UE o extra UE Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA IVA territorialmente rilevante in Italia IVA di altro Stato della UE diverso dall Italia IVA territorialmente rilevante in Italia IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA Reverse charge da parte del committente UE Fattura del prestatore Fattura previa identificazione IVA (identificazione diretta o rappresentante fiscale) del prestatore italiano Fattura del prestatore Reverse charge da parte del committente italiano Sogg. passivo IVA stabilito in un Paese extra UE Italiano soggetto passivo IVA Paese extra UE IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA Autofattura da parte del committente italiano

47 Prestazioni di ristorazione e di catering (art. 7 quater, comma 1, lett. d) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Prestatore Committente Luogo di esecuzione della prestazione Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Fattura del prestatore Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA di Altro Stato della UE diverso dall Italia Fattura (con IVA dello Stato UE dove avviene l esecuzione della prestazione) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo Italiano privato Italia Italia IVA territorialmente rilevante in Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Reverse charge del committente italiano Fattura previa identificazione IVA in Italia (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore UE

48 Prestazioni di ristorazione e catering a bordo di mezzi di trasporto effettuati all interno della UE (art. 7 quater, comma 1, lett. c) Prestatore Committente Luogo di inizio del trasporto Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Fattura del prestatore Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA di Altro Stato della UE diverso dall Italia dove è iniziato il trasporto Fattura (con IVA dello Stato UE dove è iniziato il trasporto)

49 Trasporto di persone (art. 7 quater, comma 1, lett. b) Prestatore Committente Luogo di esecuzione del trasporto Rilevanti ai fini IVA in Italia Italiano Italiano/Estero Distanza percorsa in Italia SI (**) Distanza percorsa all estero NO Estero Italiano Distanza percorsa in Italia SI (*) (**) Distanza percorsa all estero NO (*) Se il prestatore non è stabilito in Italia, il committente soggetto passivo IVA stabilito in Italia dovrà procedere con reverse charge (ovvero autofattura se il prestatore è stabilito in un Paese extra-ue), ai sensi dell art. 17 del DPR n. 633/1972 (**) Nell ipotesi di trasporto internazionale, torna applicabile la non imponibilità di cui all art. 9, comma 1, n. 1 del DPR n. 633/1972. Al riguardo si tenga presente che per il trasporto in acque territoriali la parte rilevante territorialmente in Italia è pari al 5% della tariffa; riguardo al trasporto aereo internazionale la parte territorialmente di competenza è pari al 38% della tariffa.

50 Trasporto di beni diverso dal trasporto intracomunitario Tipologia di servizio Prestazioni di trasporto di beni diverse dal trasporto intracomunitario Luogo di tassazione Committente soggetto passivo IVA: luogo in cui è stabilito il committente (*) (**) Committente non soggetto passivo IVA: in proporzione alla distanza percorsa all interno dello Stato (*) Se il prestatore non è stabilito in Italia, il committente soggetto passivo IVA stabilito in Italia dovrà procedere con reverse charge (ovvero autofattura se il prestatore è stabilito in un Paese extra-ue), ai sensi dell art. 17 del DPR n. 633/1972 (**) Ricorrendone i presupposti di cui all art. 9 del DPR n. 633/1972 torna applicabile il regime della non imponibilità IVA. Trasporto intracomunitario di beni Tipologia di servizio Luogo di tassazione Trasporto intracomunitario di beni Committente non soggetto passivo IVA: luogo di partenza del trasporto

51 Locazione e noleggio mezzi di trasporto ((art. 7 quater, comma 1, lett. e) Tipologia di servizio Locazione e noleggio di mezzi di trasporto a breve termine Luogo di tassazione - È territorialmente rilevante nel luogo in cui il mezzo di trasporto è effettivamente messo a disposizione del committente sempreché utilizzato nella UE; - se i mezzi di trasporto sono messi a disposizione fuori della UE sono territorialmente rilevanti in Italia se ivi utilizzati. Tipologia di servizio Locazione e noleggio di mezzi di trasporto a lungo termine Luogo di tassazione Committente soggetto passivo: luogo in cui è stabilito il committente (*) Committente non soggetto passivo: - luogo in cui è stabilito il prestatore e sempre che tali prestazioni siano utilizzate nel territorio della UE; - se effettuate da un soggetto extra UE si considerano tassate in Italia quando sono ivi utilizzate.

52 COMPILAZIONE INTRASTAT Il momento di COMPILAZIONE del MODELLO INTRASTAT coincide con MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE determinata a norma dell art. 6 (art. 21, comma 4, DPR 633/72) PERIODICITA DI PRESENTAZIONE DEGLI ELENCHI INTRASTAT La PERIODICITA di PRESENTAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT può essere TRIMESTRALE per i soggetti che hanno realizzato, nei 4 TRIMESTRI* PRECEDENTI E PER CIASCUNA CATEGORIA DI OPERAZIONI, un ammontare totale trimestrale NON > di EURO** MENSILE per i soggetti che nel corso di un trimestre, superano la soglia dei EURO. La presentazione dell elenco con periodicità mensile decorre dal MESE SUCCESSIVO al superamento. *I trimestri di riferimento sono quelli solari **Nel caso di superamento della soglia per una singola categoria di operazioni (cessioni di beni o servizi resi, ovvero acquisto di beni o servizi ricevuti, scatta l obbligo di presentazione mensile per l intero elenco di cessioni o acquisti.

53 02/01/2013 Il contribuente effettua la prima cessione INTRA 03/02/2013 Supera la soglia dei euro per la CESSIONE di beni Periodicità presentazione INTRA1 - operazioni EFFETTUATE Data di presentazione INTRASTAT Elenco mensile 01/13 e 02/13 25/03/2011 Fonti normative e di prassi: Art. 2, comma 4, d.lgs , n. 18 Circolare A.E. n. 14/E del

54 Esempi di operazioni triangolari

55 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA ITA1, primo cedente, vende a ITA2, promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia direttamente in Germania i beni a GER ART. 58 ART. 41

56 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA ITA1 emette fattura non imponibile art. 58, co. 1, DL 331/93 ad IT2, non compila l Intrastat e deve dimostrare l invio all estero; ITA2 registra l acquisto interno, emette fattura non imponibile art. 41, co. 1, D.L. 331/93 ad FR e compila l Intrastat; Il soggetto tedesco GER effettua l acquisto intracomunitario e compila il modello Intrastat.

57 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 2 ITA1, promotore della triangolazione, acquista da SPA, primo cedente e fa consegnare i beni direttamente a ITA2 in Italia

58 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 2 ITA1 effettua un acquisto intracomunitario, riceve fattura senza imposta da SPA, la integra a norma dell art. 46 assoggettandola ad IVA italiana e la registra a norma dell art. 47; Compila il listing degli acquisti nel periodo di riferimento in cui ha registrato la fattura del fornitore; ITA1 emette la fattura con IVA per la cessione interna nei confronti di ITA2; ITA2 riceve la fattura con IVA per l acquisto interno da ITA1

59 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 3 ITA vende a soggetto tedesco GER, promotore della triangolazione e, su incarico dello stesso, invia direttamente i beni dall Italia al destinatario finale francese FRA

60 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 3 ITA emette fattura a GER senza IVA con l indicazione non imponibile art. 41, D.L. 331/93- operazione triangolare e la annota nel registro delle vendite; ITA compila il modello Intra 1 bis indicando a colonna 2 la sigla DE e nella colonna 3 il codice identificativo del cliente tedesco; nella colonna 12 (se mensile) come paese di destinazione indica FR.

61 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 4 ITA, promotore della triangolazione, acquista beni da FRA, primo cedente, incaricando lo stesso di spedire i beni direttamente dalla Francia al cliente tedesco GER, destinatario finale.

62 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 4 ITA riceve fattura da FRA per acquisto intracomunitario, la integra senza imposta richiamando l art. 40, comma 2 del D.L.331/93 e la annota nei registri degli acquisti e delle vendite; ITA emette fattura nei confronti di GER non imponibile ai sensi dell art. 41, designando GER responsabile del pagamento dell imposta quando i beni arrivano in Germania. compila il modello Intra 2 bis indicando a colonna 2 la sigla FR, nella colonna 3 il codice identificativo del fornitore francese; nella colonna 6 (natura della transazione) il codice alfabetico A anziché numerico 1 ;

63 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 ITA1, primo cedente, vende a FRA promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia i beni direttamente dall Italia a CH destinatario finale in Svizzera

64 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE Iva 2013 Legge di stabilità E una cessione all esportazione non imponibile ai sensi dell art. 8 comma 1 lett. a) se l operatore italiano cura il trasporto o la spedizione di esportazione; 2. Se ITA consegna la merce a FRA e questi cura l esportazione in Svizzera entro 90 giorni dalla consegna, ITA effettua una cessione non imponibile ai sensi dell art. 8 comma 1 lett. b); 3. Se l esportazione è curata direttamente da CH, al quale viene consegnata la merce in Italia, ITA deve assoggettare ad IVA la fattura nei confronti di FRA mancando i requisiti previsti dalle lett. a) e b) dell art 8; 4. ITA non compila il modello Intra in quanto effettua una esportazione.

65 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE N. 2 ITA, primo cedente, vende a CH promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia i beni direttamente dall Italia a GER destinatario finale in Germania.

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli