Iva. Legge di stabilità Le novità in materia di. Iva 2013 Legge di stabilità Villa Cagnola - 1 Marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iva. Legge di stabilità 2013. Le novità in materia di. Iva 2013 Legge di stabilità 2013. Villa Cagnola - 1 Marzo 2013"

Transcript

1 Le novità in materia di Iva Legge di stabilità 2013 Studio Dott. Riccardo Broggini DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Via Dandolo, Varese tel fax

2 IVA (D.P.R. n.633/ )

3 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati requisiti: a) Oggetto dell operazione (art.2-3) : - cessione di beni o prestazione di servizi b) Soggetto che la effettua (art.4 5): - operazioni poste in essere nell esercizio di imprese o arti e professioni c) Territorio nel quale è effettuata (art. 7) ** - operazioni effettuate all interno del territorio dello Stato ** novità introdotte dal D.Lgs 18/2010 FUNZIONAMENTO DELL IVA Il fornitore addebita l Iva al cliente (rivalsa) in misura proporzionale al corrispettivo e la riversa all Erario al netto dell imposta pagata sugli acquisti (detrazione)

4 Le operazioni che soddisfano contemporaneamente i requisiti previsti sono le seguenti: Iva 2013 Legge di stabilità 2013 IMPONIBILI :operazioni fatturate, registrate e soggette alle aliquote del 4,10,21% NON IMPONIBILI: operazioni fatturate e registrate ma non soggette ad imposta perché manca il requisito della territorialità ESENTI : operazioni fatturate, registrate, non soggette ad imposta e che limitano il diritto alla detrazione (art. 10) Art.2-3 OGGETTO DELL OPERAZIONE cessioni di beni : atti a titolo oneroso con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale di godimento cessioni di beni assimilate : atti a titolo oneroso o gratuito non sempre con trasferimento della proprietà ovvero con costituzione o trasferimento di diritto reale prestazioni di servizi: operazioni effettuate in corrispondenza di contratti d opera, appalto, mandato, agenzia, spedizione, trasporto, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, non fare e di permettere Art. 4-5 SOGGETTI PASSIVI Esercizio in forma abituale, anche se non esclusiva, -di attività commerciali o agricole anche se non organizzate in forma d impresa (artt C.C.); -di attività di lavoro autonomo professionale da parte di persone fisiche, società semplici o associazioni senza personalità giuridica.

5 Art.19 DETRAZIONE I.V.A. La detrazione consente il recupero (entro la dichiarazione annuale relativa al 2 anno successivo a quello in cui è sorto il diritto) dell importo pagato sugli acquisti effettuati a determinate condizioni: -operazioni effettivamente avvenute e dimostrabili (possesso del documento d acquisto); -operazioni inerenti all attività del soggetto passivo. DETRAZIONE : L IVA da versare in un periodo (mese o trimestre) si calcola nel seguente modo: + I.V.A. su CESSIONI o PRESTAZIONI effettuate - I.V.A. DETRAIBILE (= iva addebitata dal fornitore) = I.V.A. da VERSARE o A CREDITO

6 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA per destinazione - mancanza dei requisiti - manifestazioni a premio - pro-quota (beni ad uso promiscuo ad es. auto) - oggettiva (natura di beni o servizi) - soggettiva (caratteristiche attività svolta) - pro-rata per operazioni esenti - enti non commerciali regimi forfetari TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Oggettiva L indetraibilità oggettiva deriva dalla natura dei beni e servizi acquistati e indipendentemente dalle caratteristiche dell acquirente : - autovetture, autoveicoli, motocicli, ciclomotori - spese autostradali (pedaggi) - beni di lusso - omaggi - spese di rappresentanza - cellulari

7 TIPOLOGIE DI INDETRAIBILITA Soggettiva L indetraibilità soggettiva deriva dalle caratteristiche dell attività svolta dal soggetto e indipendentemente dalla natura dei beni e servizi acquistati. Il diritto alla detrazione è riconosciuto in forma limitata o non è riconosciuto se vi sono: -operazioni attive esenti -operazioni non assoggettate ad Iva PRO RATA % IVA DETRAIBILE = OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE OPERAZIONI CON DIRITTO ALLA DETRAZIONE + OPERAZIONI ESENTI

8 Operazioni Extra UE

9 IMPORTAZIONE LE NORME DI RIFERIMENTO: Art. 67 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 70 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972;

10 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 si riferisce all introduzione in Italia di beni che originano da Paesi extra-ue o da territori esclusi dalla UE, che non siano già stati immessi in libera pratica in altro Paese membro della UE sono imponibili in Italia anche se effettuate da soggetti privati

11 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 DISCIPLINA: momento impositivo = presentazione in Dogana della dichiarazione d importazione aliquota = al bene importato si applica la medesima applicabile alle cessioni interne detraibilità dell IVA sull importazione = applicazione delle regole generali

12 IMPORTAZIONE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 DISCIPLINA (segue): base imponibile = valore dei beni (norme doganali) (+) diritti doganali dovuti (escluso IVA) (+) spese di inoltro (fino luogo di desti- nazione all interno della UE)

13 ESPORTAZIONE LE NORME DI RIFERIMENTO: Art. 8 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 8 bis del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 9 del D.P.R. n. 633 del 26/10/1972; Art. 72 del D.P.R. 633 del 26/10/1972;

14 ESPORTAZIONE DEFINIZIONE: indica il trasporto o la spedizione di beni fuori dal territorio UE, a seguito del trasferimento del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento, in cambio del pagamento di un corrispettivo; comprende, oltre alle operazioni doganali di esportazione definitiva, anche l esportazione temporanea e la riesportazione; può essere diretta o triangolare.

15 ESPORTAZIONE Distinzione in: esportazione diretta la cessione eseguita, con trasporto o spedizione dei beni, a cura o a nome del cedente, fuori dalla UE esportazione triangolare la cessione eseguita, mediante trasporto o spedizione dei beni fuori dalla UE, a cura o a nome del primo cedente nazionale (A), su incarico del cliente residente (B) al cliente extra-ue (C)

16 ESPORTAZIONE OPERAZIONI ASSIMILATE alle esportazioni: cessioni eseguite mediante trasporto o consegna di beni nel territorio dello Stato della Città del Vaticano e le prestazioni di servizi connesse (art.71) cessioni di beni verso la Repubblica di San Marino (art.71) operazioni effettuate in base a Trattati internazionali (art. 72)

17 PRESTAZIONI DI SERVIZI RELATIVI ALL EXPORT SERVIZI INTERNAZIONALI O CONNESSI AGLI SCAMBI INTERNAZIONALI: si tratta di servizi di trasporto di persone e cose e di altri servizi che, in genere, vengono utilizzati solo parzialmente nel territorio dello Stato, in quanto costituenti operazioni di carattere internazionale o collegate a scambi internazionali

18 ESPORTAZIONI E PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERNAZIONALI DISCIPLINA: Cessioni all esportazione (art. 8), operazioni assimilate (art. 8 bis) e prestazioni di servizi internazionali (art. 9) sono OPERAZIONI NON IMPONIBILI; La tassazione ai fini IVA avviene in base al PRINCIPIO DI DESTINAZIONE, ovvero nel luogo in cui destinazione.

19 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA Le imprese che effettuano operazioni internazionali, con paesi sia UE che extra UE, in presenza di determinate condizioni, possono acquistare beni e servizi senza applicazione dell IVA, entro un predeterminato limite annuale detto plafond. ESPORTATORI ABITUALI REGIME SPECIALE DI SOSPENSIONE D IMPOSTA IVA

20 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA ESPORTATORI ABITUALI: Coloro che effettuano le seguenti operazioni NON imponibili: Esportazioni dirette ed operazioni assimilate; Operazioni connesse a trattati ed accordi internazionali; Operazioni con lo stato della Città del Vaticano e con la Repubblica di San Marino; Cessioni di beni intracomunitari (dall 01/01/2010 sono escluse dal conteggio le prestazioni intracomunitarie).

21 ACQUISTI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA STATUS ESPORTATORE ABITUALE Esportazioni Operazioni assimilate alle esportazioni Servizi internazionali Operazioni con S. Marino e Città del Vaticano Operazioni in base a trattati internazionali Cessioni intracomunitarie Altre operazioni non imponibili REGISTRATE NELL ANNO PRECEDENTE O NEI 12 MESI PRECEDENTI > 10% VOLUME D AFFARI

22 PER POTER USUFRUIRE DELL AGEVOLAZIONE Verificare il proprio status di esportatore abituale: operazioni non imponibili / volume d affari > 10%; Inviare una dichiarazione d intento che giustifichi per il fornitore l emissione di fattura senza addebito IVA; Tenere apposito Registro delle dichiarazioni d intento; Evidenziare mensilmente utilizzo del plafond; Compilare quadro VC della dichiarazione annuale IVA con indicazione dell utilizzo mensile del plafond.

23 DICHIARAZIONE D INTENTO Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Finalità: comunicare ai propri fornitori, prima dell effettuazione delle operazioni la volontà di acquistare beni e/o servizi in sospensione d imposta; Ha validità per l anno solare di riferimento; Va numerata progressivamente, comunicata e conservata; Può essere emessa: con riferimento ad una singola operazione, con riferimento a tutti gli acquisti intercorrenti tra la data di rilascio ed una specifica data (mai successiva al 31/12/n) oppure con riferimento ad un determinato importo massimo.

24 DICHIARAZIONE D INTENTO Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Il fornitore di un esportatore abituale è tenuto a comunicare i dati della dichiarazione d intento ricevuta all Agenzia delle Entrate entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA, mensile o trimestrale, nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell imposta. Il mancato invio della comunicazione nei termini previsti dalla legge, oppure l invio con dati incompleti o inesatti è punito con una sanzione amministrativa che va dal 100% al 200% dell imposta.

25 Acquisti intracomunitari

26 ACQUISTI INTRACOMUNITARI (ART. 38 D.L. 331/93) Costituiscono acquisti intracomunitari e sono soggetti ad IVA in Italia con applicazione delle aliquote vigenti in Italia gli acquisti a titolo oneroso della proprietà o di altro diritto reale di godimento su beni mobili materiali, trasportati o spediti in Italia da un altro Stato membro, a cura del cedente, dell acquirente o di terzi per loro conto, effettuati nell esercizio di impresa arti e professioni o comunque da Enti, associazioni e altre organizzazioni di cui all art.4, co.4 del DPR 633/72, che siano soggetti passivi di imposta nel territorio dello Stato.

27 CONDIZIONI CHE CONFIGURANO ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Operazione onerosa che ha per oggetto un bene mobile materiale (sono pertanto esclusi acquisti di beni immobili e di beni immateriali che non possono essere fisicamente trasferiti in Italia, nonché operazioni gratuite); Acquisizione della proprietà ovvero di altro diritto reale; Trasferimento fisico del bene da Paese Comunitario in Italia; Cedente e cessionario sono soggetti passivi d imposta (necessario possesso di «numero di identificazione»)

28 CASI PARTICOLARI I beni che vengono introdotti sul territorio italiano per lavorazione e destinati a rientrare nel paese comunitario d origine, oppure vengono inviati all estero, non configurano acquisto intracomunitario (il soggetto italiano sarà comunque tenuto alla compilazione dei modelli Intrastat ai soli fini statistici ed annotare in apposito registro la movimentazione di merce);

29 ADEMPIMENTI CONTABILI Il soggetto italiano acquirente è tenuto, in primo luogo, a verificare l esistenza e la correttezza del codice identificativo del fornitore comunitario. La fattura di acquisto intracomunitario deve essere numerata e integrata dal cessionario o committente italiano, con l indicazione dell ammontare complessivo imponibile dell operazione, nonché dell ammontare dell imposta, calcolata secondo l aliquota Iva italiana prevista per i beni acquistati.

30 ADEMPIMENTI CONTABILI (SEGUE) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Se la fattispecie dell operazione rientra tra le non imponibili, non soggette od esenti, in luogo dell imposta l acquirente italiano provvede all indicazione del titolo di inapplicabilità dell I.V.A. ed il riferimento alle relative norme nazionali. Dopo essere state integrate, le fatture relative agli acquisti intracomunitari, devono essere annotate, distintamente dalle altre fatture interne nel registro delle fatture emesse.

31 Cessioni intracomunitarie

32 CESSIONI INTRACOMUNITARIE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 L art 41, del D.L. 30 agosto 1993, n 331 identifica le cessioni intracomunitarie come: le cessioni a titolo oneroso di beni, trasportati o spediti nel territorio di altro Stato membro, dal cedente o dall acquirente, o da terzi per loro conto, nei confronti di cessionari soggetti di imposta

33 CONDIZIONI CHE CONFIGURAZIONE CESSIONE INTRACOMUNITARIA Medesimi requisiti soggettivi, territoriali ed oggettivi visti per gli acquisti intracomunitari, ovvero: Operazione onerosa che ha per oggetto un bene mobile materiale; Trasferimento della proprietà ovvero di altro diritto reale; Trasferimento fisico dall Italia a Paese Comunitario ; Cedente e cessionario sono soggetti passivi d imposta (necessario possesso di «numero di identificazione»)

34 ADEMPIMENTI CONTABILI Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Fatturazione delle cessioni : Le cessioni intracomunitarie sono non imponibili ai sensi dell art. 41-D.L.331/93; l operatore italiano deve pertanto emettere fattura numerata a norma dell art. 21 del D.P.R. 633/72, senza applicazione dell imposta IVA ed indicando che trattasi di operazione non imponibile, con richiamo alla relativa norma.

35 ADEMPIMENTI CONTABILI (SEGUE) La fattura deve necessariamente contenere il numero di identificazione attribuito dallo Stato membro di appartenenza al cessionario o committente. Il cessionario italiano è tenuto al controllo della validità della partita IVA comunitaria verificando che il codice sia formalmente valido ed attribuito ad un soggetto passivo d imposta. Tale controllo può essere effettuato attraverso i siti internet dell Agenzia delle Entrate oppure dell Unione Europea

36 Territorialità IVA per le prestazioni di servizi Regolamento UE n. 282/ Circolare n. 37/E/2011 Comunitaria 2010 Il Regolamento di esecuzione (UE) n. 282/2011 ha abrogato il precedente Regolamento n. 1777/2005 ed ha fornito una chiara e puntuale interpretazione delle norme sull'iva comunitaria previste dalla Direttiva n. 2006/112/CE. Obiettivo: uniformare il regime IVA in ambito UE. Il Regolamento (salvo alcune specifiche disposizioni) si applica a decorrere dal 1 luglio 2011, ed interviene, in particolar modo, in materia di soggetti passivi, cessioni di beni e prestazioni di servizi e luogo delle operazioni imponibili. L'Agenzia delle Entrate con Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 ha fornito importanti chiarimenti sulla portata del Regolamento.

37 VIES Il Provvedimento 29 dicembre 2010 Prot. n. 2010/ ha stabilito che i soggetti che iniziano un attività in Italia, oppure vi istituiscono una stabile organizzazione, se intenzionati ad effettuare le operazioni intracomunitarie di cui al titolo II, capo II, del D.L. n. 331/1993, devono essere autorizzati dall Agenzia delle Entrate. Come noto i soggetti già titolari di partita IVA che risultano esclusi dal VIES e che intendono dichiarare la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie, devono presentare apposita istanza direttamente ad un Ufficio dell Agenzia delle Entrate. Con la medesima modalità deve essere comunicata la volontà di revocare tale opzione. Entro 30 giorni dal ricevimento della manifestazione di volontà (durante i quali il soggetto non può compiere scambi intracomunitari in quanto la sua soggettività ai fini IVA per tali operazioni è sospesa), l Agenzia delle Entrate verifica l esattezza e completezza dei dati ed effettua una valutazione preliminare del rischio ed in assenza di un provvedimento di diniego entro tale termine il soggetto è inserito nell archivio VIES.

38 Art. 7 DPR 633/1972 Prestazioni di servizi generiche L art. 7 DPR 633/1972, che ha recepito la nuova direttiva UE, prevede due differenti modalità di applicazione dell IVA a seconda che il servizio venga svolto nei confronti di un soggetto IVA (B2B Business to Business) ovvero nei confronti di un consumatore finale (B2C Business to Consumer). 1) Nel caso di servizi B2C la prestazione di servizio si considera effettuata nel territorio dello stato quando è resa da soggetti che hanno il domicilio nel territorio stesso (fornitore). 2) Nel caso di servizi B2B si inverte il criterio per cui il servizio si considera effettuato nel territorio dello stato di residenza dell utilizzatore del servizio (cliente/committente). In questo secondo caso quindi se un soggetto passivo IVA italiano effettua un servizio ad un soggetto passivo IVA comunitario effettuerà un operazione fuori campo IVA (F.C.) ed il proprio cliente applicherà il meccanismo del reverse charge, mentre se un soggetto passivo IVA italiano utilizza una prestazione di servizio resa da un soggetto passivo IVA intracomunitario riceverà una fattura fuori campo IVA (F.C.) e su questa applicherà il meccanismo del reverse charge, come ora avviene per gli acquisti intracomunitari.

39 Prestatore (soggetto passivo) ITA ITA ITA UE O EXTRA UE Committente Luogo di tassazione Iva in italia Privato ITA Privato UE Privato EXTRAUE ITA UE o EXTRAUE ITA B2C Luogo del prestatore B2B Luogo del committente B2B Luogo del committente B2B Luogo del committente SI SI NO SI

40 Prestazioni di servizi effettuate da imprese Italiane Verso Imprese UE Verso Imprese extra UE - Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia - Obbligo di emissione di fattura - Operazione non soggetta ad IVA art. 7 ter DPR 633/ Indicazione in fattura del n. identificativo IVA del committente - Compilazione modello Intrastat - Operazione non rilevante ai fini Iva in Italia, non soggetta ad Iva art. 7 ter DPR 633/ Se il soggetto residente in un paese black list compilazione modello comunicazione operazione black list

41 Prestazioni di servizi ricevute da imprese Italiane da Imprese UE da Imprese extra UE - Operazione rilevante ai fini Iva in Italia - Obbligo di integrazione della fattura - Registrazione fattura integrata su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) - Compilazione modello Intrastat - Operazione rilevante ai fini Iva in Italia, - Emissione di autofattura - Registrazione autofattura su registro Iva acquisti e vendite (reverse charge) - Se il soggetto residente in un paese black list compilazione modello comunicazione operazione black list

42 Criteri di rilevanza fiscale nel territorio dello Stato (art. 7 ter) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Tipologia di operazione Committente Luogo di esecuzione Riferimento normativo Regola territorialità iva Stabiliti in Italia SI Verso soggetti passivi Articolo 7-ter, comma 1, lettera a) Luogo di stabilimento del committente Tutti i servizi la cui territorialità IVA non è individuata da disposizioni specifiche Verso committenti non soggetti passivi UE o extra UE Da soggetti passivi stabiliti in Italia Da soggetti non residenti Articolo 7-ter, comma 1, lettera b) Luogo di stabilimento del prestatore NO SI NO

43 DEROGHE Servizi agli immobili SERVIZI RESI Prestazioni per l accesso alle manifestazioni culturali, fiere etc. Trasporto di passeggeri Ristorazione & Catering su trasp. Intra Ristorazione & Catering diversi dal prec. Locazione a breve termine di mezzi di trasporto CRITERIO TERRITORIALITA Luogo dell immobile (art. 7 quater, comma 1, lett. a)) Luogo di svolgimento (art. 7 quinquies)* In proporzione alla distanza percorsa (art. 7 quater, comma 1, lett. b)) Luogo di inizio del trasporto (art. 7 quater, comma 1, lett. d)) Luogo di esecuzione della prestazione (art. 7 quater, comma 1, lett. c)) Luogo di messa a disposizione e utilizzo (art. 7 quater, comma 1, lett. e))

44 Prestazioni di servizi su beni immobili (art. 7 quater, comma 1, lett. a) Prestatore Committente Luogo di ubicazione dell immobile Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano o sogg. comunitario (non soggetti passivi IVA quindi, privati) Altro Stato della UE diverso dall Italia Italiano (sogg. passivo IVA) Italia IVA in Italia Italiano (non soggetto passivo IVA quindi, privato) Italia IVA territorialmente rilevante nello Stato UE diverso dall Italia dove si trova l immobile IVA in Italia Fattura previa identificazione IVA nello Stato UE (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore italiano Integrazione della fattura da parte del committente italiano Fattura previa identificazione IVA in Italia (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore UE Sogg. passivo IVA stabilito in un Paese extra UE Italiano (sogg. passivo IVA) Italia IVA in Italia Autofattura da parte del committente italiano

45 Prestazioni di servizi culturali, artistiche, ecc. (art. 7 quinquies) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Prestazioni di servizi culturali, artistici, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e affini Servizi di accesso alle manifestazioni culturali, artistici, sportivi, scientifici, educativi, ricreativi e affini, oltre che per i servizi accessori I servizi accessori comprendono i servizi in relazione diretta con l accesso alle predette manifestazioni, forniti separatamente alla persona che assiste ad una manifestazione, dietro corrispettivo Dal 1 gennaio 2011, tali prestazioni si considerano effettuate nel luogo dove è stabilito il committente (regola generale della committenza) se quest ultimo è un soggetto passivo ai fini Iva. Nel caso in cui il committente sia un soggetto privato (quindi, non soggetto passivo IVA) si dovrà prendere a riferimento il luogo di materiale esecuzione della prestazione. Rimangono assoggettati alla regola del luogo di svolgimento. L art. 32 del Regolamento UE n. 282/2011 precisa che per servizi relativi all accesso si intendono le prestazioni che consentono l accesso ad una manifestazione (inclusi conferenze e seminari) in cambio di un biglietto o di un corrispettivo, ivi compreso un corrispettivo sotto forma di abbonamento, di biglietto stagionale o di quota periodica. Tali servizi rimangono assoggettati, come per i precedenti, alla medesima regola del luogo di svolgimento. Quindi, deve trattarsi, come cita il Regolamento UE n. 282/2011, di servizi autonomi, prestati a titolo oneroso, quali l utilizzo di spogliatoi o impianti sanitari.

46 Prestazioni di servizi culturali, artistiche, ecc. Prestatore Committente Luogo di esecuzione Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Soggetto passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Privato di altro Paese della UE diverso dall Italia Privato di altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo IVA Italiano soggetto passivo IVA Italia Italia Altro Stato della UE diverso dall Italia Italia/UE o extra UE Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA IVA territorialmente rilevante in Italia IVA di altro Stato della UE diverso dall Italia IVA territorialmente rilevante in Italia IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA Reverse charge da parte del committente UE Fattura del prestatore Fattura previa identificazione IVA (identificazione diretta o rappresentante fiscale) del prestatore italiano Fattura del prestatore Reverse charge da parte del committente italiano Sogg. passivo IVA stabilito in un Paese extra UE Italiano soggetto passivo IVA Paese extra UE IVA territorialmente rilevante nel Paese di stabilimento del committente soggetto passivo IVA Autofattura da parte del committente italiano

47 Prestazioni di ristorazione e di catering (art. 7 quater, comma 1, lett. d) Iva 2013 Legge di stabilità 2013 Prestatore Committente Luogo di esecuzione della prestazione Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Fattura del prestatore Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA di Altro Stato della UE diverso dall Italia Fattura (con IVA dello Stato UE dove avviene l esecuzione della prestazione) Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo Italiano privato Italia Italia IVA territorialmente rilevante in Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Reverse charge del committente italiano Fattura previa identificazione IVA in Italia (identificazione diretta o rappresentante fiscale) da parte del prestatore UE

48 Prestazioni di ristorazione e catering a bordo di mezzi di trasporto effettuati all interno della UE (art. 7 quater, comma 1, lett. c) Prestatore Committente Luogo di inizio del trasporto Regime IVA Modalità contabili Italiano (sogg. pass. IVA) Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Italia IVA territorialmente rilevante in Italia Fattura del prestatore Sogg. passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Italiano soggetto passivo IVA/Italiano privato Altro Stato della UE diverso dall Italia IVA di Altro Stato della UE diverso dall Italia dove è iniziato il trasporto Fattura (con IVA dello Stato UE dove è iniziato il trasporto)

49 Trasporto di persone (art. 7 quater, comma 1, lett. b) Prestatore Committente Luogo di esecuzione del trasporto Rilevanti ai fini IVA in Italia Italiano Italiano/Estero Distanza percorsa in Italia SI (**) Distanza percorsa all estero NO Estero Italiano Distanza percorsa in Italia SI (*) (**) Distanza percorsa all estero NO (*) Se il prestatore non è stabilito in Italia, il committente soggetto passivo IVA stabilito in Italia dovrà procedere con reverse charge (ovvero autofattura se il prestatore è stabilito in un Paese extra-ue), ai sensi dell art. 17 del DPR n. 633/1972 (**) Nell ipotesi di trasporto internazionale, torna applicabile la non imponibilità di cui all art. 9, comma 1, n. 1 del DPR n. 633/1972. Al riguardo si tenga presente che per il trasporto in acque territoriali la parte rilevante territorialmente in Italia è pari al 5% della tariffa; riguardo al trasporto aereo internazionale la parte territorialmente di competenza è pari al 38% della tariffa.

50 Trasporto di beni diverso dal trasporto intracomunitario Tipologia di servizio Prestazioni di trasporto di beni diverse dal trasporto intracomunitario Luogo di tassazione Committente soggetto passivo IVA: luogo in cui è stabilito il committente (*) (**) Committente non soggetto passivo IVA: in proporzione alla distanza percorsa all interno dello Stato (*) Se il prestatore non è stabilito in Italia, il committente soggetto passivo IVA stabilito in Italia dovrà procedere con reverse charge (ovvero autofattura se il prestatore è stabilito in un Paese extra-ue), ai sensi dell art. 17 del DPR n. 633/1972 (**) Ricorrendone i presupposti di cui all art. 9 del DPR n. 633/1972 torna applicabile il regime della non imponibilità IVA. Trasporto intracomunitario di beni Tipologia di servizio Luogo di tassazione Trasporto intracomunitario di beni Committente non soggetto passivo IVA: luogo di partenza del trasporto

51 Locazione e noleggio mezzi di trasporto ((art. 7 quater, comma 1, lett. e) Tipologia di servizio Locazione e noleggio di mezzi di trasporto a breve termine Luogo di tassazione - È territorialmente rilevante nel luogo in cui il mezzo di trasporto è effettivamente messo a disposizione del committente sempreché utilizzato nella UE; - se i mezzi di trasporto sono messi a disposizione fuori della UE sono territorialmente rilevanti in Italia se ivi utilizzati. Tipologia di servizio Locazione e noleggio di mezzi di trasporto a lungo termine Luogo di tassazione Committente soggetto passivo: luogo in cui è stabilito il committente (*) Committente non soggetto passivo: - luogo in cui è stabilito il prestatore e sempre che tali prestazioni siano utilizzate nel territorio della UE; - se effettuate da un soggetto extra UE si considerano tassate in Italia quando sono ivi utilizzate.

52 COMPILAZIONE INTRASTAT Il momento di COMPILAZIONE del MODELLO INTRASTAT coincide con MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE determinata a norma dell art. 6 (art. 21, comma 4, DPR 633/72) PERIODICITA DI PRESENTAZIONE DEGLI ELENCHI INTRASTAT La PERIODICITA di PRESENTAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT può essere TRIMESTRALE per i soggetti che hanno realizzato, nei 4 TRIMESTRI* PRECEDENTI E PER CIASCUNA CATEGORIA DI OPERAZIONI, un ammontare totale trimestrale NON > di EURO** MENSILE per i soggetti che nel corso di un trimestre, superano la soglia dei EURO. La presentazione dell elenco con periodicità mensile decorre dal MESE SUCCESSIVO al superamento. *I trimestri di riferimento sono quelli solari **Nel caso di superamento della soglia per una singola categoria di operazioni (cessioni di beni o servizi resi, ovvero acquisto di beni o servizi ricevuti, scatta l obbligo di presentazione mensile per l intero elenco di cessioni o acquisti.

53 02/01/2013 Il contribuente effettua la prima cessione INTRA 03/02/2013 Supera la soglia dei euro per la CESSIONE di beni Periodicità presentazione INTRA1 - operazioni EFFETTUATE Data di presentazione INTRASTAT Elenco mensile 01/13 e 02/13 25/03/2011 Fonti normative e di prassi: Art. 2, comma 4, d.lgs , n. 18 Circolare A.E. n. 14/E del

54 Esempi di operazioni triangolari

55 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA ITA1, primo cedente, vende a ITA2, promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia direttamente in Germania i beni a GER ART. 58 ART. 41

56 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA ITA1 emette fattura non imponibile art. 58, co. 1, DL 331/93 ad IT2, non compila l Intrastat e deve dimostrare l invio all estero; ITA2 registra l acquisto interno, emette fattura non imponibile art. 41, co. 1, D.L. 331/93 ad FR e compila l Intrastat; Il soggetto tedesco GER effettua l acquisto intracomunitario e compila il modello Intrastat.

57 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 2 ITA1, promotore della triangolazione, acquista da SPA, primo cedente e fa consegnare i beni direttamente a ITA2 in Italia

58 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 2 ITA1 effettua un acquisto intracomunitario, riceve fattura senza imposta da SPA, la integra a norma dell art. 46 assoggettandola ad IVA italiana e la registra a norma dell art. 47; Compila il listing degli acquisti nel periodo di riferimento in cui ha registrato la fattura del fornitore; ITA1 emette la fattura con IVA per la cessione interna nei confronti di ITA2; ITA2 riceve la fattura con IVA per l acquisto interno da ITA1

59 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 3 ITA vende a soggetto tedesco GER, promotore della triangolazione e, su incarico dello stesso, invia direttamente i beni dall Italia al destinatario finale francese FRA

60 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 3 ITA emette fattura a GER senza IVA con l indicazione non imponibile art. 41, D.L. 331/93- operazione triangolare e la annota nel registro delle vendite; ITA compila il modello Intra 1 bis indicando a colonna 2 la sigla DE e nella colonna 3 il codice identificativo del cliente tedesco; nella colonna 12 (se mensile) come paese di destinazione indica FR.

61 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 4 ITA, promotore della triangolazione, acquista beni da FRA, primo cedente, incaricando lo stesso di spedire i beni direttamente dalla Francia al cliente tedesco GER, destinatario finale.

62 TRIANGOLAZIONE COMUNITARIA N. 4 ITA riceve fattura da FRA per acquisto intracomunitario, la integra senza imposta richiamando l art. 40, comma 2 del D.L.331/93 e la annota nei registri degli acquisti e delle vendite; ITA emette fattura nei confronti di GER non imponibile ai sensi dell art. 41, designando GER responsabile del pagamento dell imposta quando i beni arrivano in Germania. compila il modello Intra 2 bis indicando a colonna 2 la sigla FR, nella colonna 3 il codice identificativo del fornitore francese; nella colonna 6 (natura della transazione) il codice alfabetico A anziché numerico 1 ;

63 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE Iva 2013 Legge di stabilità 2013 ITA1, primo cedente, vende a FRA promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia i beni direttamente dall Italia a CH destinatario finale in Svizzera

64 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE Iva 2013 Legge di stabilità E una cessione all esportazione non imponibile ai sensi dell art. 8 comma 1 lett. a) se l operatore italiano cura il trasporto o la spedizione di esportazione; 2. Se ITA consegna la merce a FRA e questi cura l esportazione in Svizzera entro 90 giorni dalla consegna, ITA effettua una cessione non imponibile ai sensi dell art. 8 comma 1 lett. b); 3. Se l esportazione è curata direttamente da CH, al quale viene consegnata la merce in Italia, ITA deve assoggettare ad IVA la fattura nei confronti di FRA mancando i requisiti previsti dalle lett. a) e b) dell art 8; 4. ITA non compila il modello Intra in quanto effettua una esportazione.

65 TRIANGOLAZIONE EXTRA UE N. 2 ITA, primo cedente, vende a CH promotore della triangolazione e su incarico dello stesso invia i beni direttamente dall Italia a GER destinatario finale in Germania.

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

2. LE NOVITA DELLA LEGGE NR. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 (LEGGE DI STABILITA )

2. LE NOVITA DELLA LEGGE NR. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 (LEGGE DI STABILITA ) 02 2013 09 Gennaio 1. PAGAMENTI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 2. LE NOVITA DELLA LEGGE NR. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 (LEGGE DI STABILITA ) 3. NOVITA DEL DECRETO CRESCITA BIS 1. PAGAMENTI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 07 Febbraio 2013 I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE Argomento nr. 1) OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012

Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012 Circolare n. 01/2013 Provvedimenti fiscali autunno inverno 2012 Legge 17.12.2012 n. 221: Conversione, con modifiche del D.L. n. 179 del 18.10.2012. Si tratta del provvedimento sulla crescita economica.

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

Associati. ASSOCIATI Commercialisti Revisori legali Consulenti

Associati. ASSOCIATI Commercialisti Revisori legali Consulenti Associati Egr. Sigg.ri Clienti dello studio ll.ss. Rimini, lì 17 gennaio 2013 Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA La presente per illustrarvi le disposizioni di maggior interesse dei corposi e recenti provvedimenti

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

INFORMATIVA N. 2/2013

INFORMATIVA N. 2/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.2.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2013 LEGGE

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI Circolare n.1/2013 Milano e Roma, Gennaio 2013 LEGGE DI STABILITA 2013 A) Principali novità in materia I.V.A. - operazioni intracomunitarie e con l estero; B) Rivalutazione delle partecipazioni in società

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

www.lex24.ilsole24ore.com

www.lex24.ilsole24ore.com www.lex24.ilsole24ore.com La Settimana Fiscale 11.1.2013 - n. 1 - pag.29 FATTURAZIONE - NUOVE REGOLE DAL 2013 di Pantoni Gioacchino, Sabbatini Claudio QUADRO NORMATIVO Il D.L. 11.12.2012, n. 216 ha recepito

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013

LEGGE DI STABILITA 2013 Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 6 Mantova, lì 18 gennaio 2013 Circolare N. 02/2013 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi LEGGE DI STABILITA 2013 La L. 24.12.2012 n. 228 costituisce la legge di stabilità

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 4 del 26 gennaio 2010 IVA nei rapporti con l estero

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

SALVADOR BERGAMO PADRONE

SALVADOR BERGAMO PADRONE rag. MARIO SALVADOR rag. ANTONIO BERGAMO dott. FRANCESCO PADRONE DOCENTE DI ISTITUZIONI DI ECONOMIA PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE dott. ANNA MARIA SALVADOR dott. CLAUDIA SALVADOR Portogruaro,

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

Brescia, 8 gennaio 2013. Gent.le Cliente. SINTESI L. 228/13 Legge di Stabilità 2013

Brescia, 8 gennaio 2013. Gent.le Cliente. SINTESI L. 228/13 Legge di Stabilità 2013 Brescia, 8 gennaio 2013 Gent.le Cliente SINTESI L. 228/13 Legge di Stabilità 2013 Il 29 dic. 2012 è stata pubblicata in G.U. la L.228/12 Legge di stabilità 2013 (ex finanziaria) con entrata in vigore dall

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali Circolare n. 1/13 Legnago, 15.01.2013 A TUTTI I CLIENTI - LORO SEDI - FATTURAZIONE NUOVE REGOLE DAL 2013 Dal 1 gennaio 2013

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE Altro elemento che deve essere contenuto nella fattura è il numero di partita Iva del cliente o del committente; in caso

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 Montagna, lì 28 gennaio 2013 1) Fatturazione nuove regole dal 2013 a) Contenuto della fattura b) Numerazione delle fatture - chiarimento c) Momento di effettuazione delle

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità

Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità DIRITTO TRIBUTARIO Aggiornamento sintetico su talune novità legislative in tema di fiscalità Contenuti I. Imposte dirette 1. Riduzione dell acconto IRPEF per il 2009 2. Agevolazioni IRPEF per le spese

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Informativa n. 1 /2013

Informativa n. 1 /2013 Informativa n. 1 /2013 Sommario Premessa Riapertura dei termini per la rivalutazione del costo di acquisto di terreni e partecipazioni Fatturazione cartacea ed elettronica Fatturazione differita per le

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione

Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione Nuovo regime forfettario Riflessi IVA e regole di fatturazione A partire dal 1 gennaio 2015, per le persone fisic he che fruiranno del nuovo regime forfettario, è previsto un regime IVA analogo a quello

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

Operazione Fino al 31.12.2012 Dal 1.1.2013

Operazione Fino al 31.12.2012 Dal 1.1.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE Con l intento di uniformare gli adempimenti in

Dettagli

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni Ordine dei Dottori Commercialisti Milano, 6 Ottobre 2010 Autofatture (art. 17 del DPR 26 ottobre 1972, n. 633) Si estendono i caso di autofattura: Reverse

Dettagli