Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere"

Transcript

1

2 Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore, abbiamo avuto come unico obbiettivo quello di assicurarle la massima semplicità, versatilità degli strumenti e facilità nell utilizzo. PermettendoLe così di poter rispettare la normativa sulla formazione obbligatoria nei modi e nei termini che solo un sistema come il nostro riesce a dare. Per questo abbiamo realizzato un prodotto multi piattaforma capace di seguire le Sue necessità di aggiornamento in qualsiasi luogo, in ogni momento e con diversi strumenti. La collana E-DOSSIER si aggiunge come ulteriore supporto all attività di aggiornamento. La nostra attenzione nella scelta dei contenuti è stata completa e puntuale. Per questo abbiamo selezionato ed unito gruppi di docenti universitari ed esperti nel settore capaci di elaborare contenuti di alto valore formativo. I nostri dossier, come le lezioni, sono strumenti validi e fondamentali per un approccio strategico alle risposte proprie della Sua professione, capaci di fornire un valore aggiunto alla Sua formazione ed un utile archivio di facile consultazione. 2

3 E-DOSSIER - A.F.A.P.- FISCO E TASSE 3

4 Sommario Tempistica della fatturazione 5 Riferimenti 5 Estensione degli obblighi di fatturazione 7 Momento di esigibilità dell imposta nelle operazioni transfrontaliere 9 Tempistica della fatturazione 12 Adempimenti relativi agli acquisti territorialmente rilevanti 14 Fatturazione degli acquisti intracomunitari di beni 16 Osservazioni conclusive 18 4

5 Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere La Direttiva 2010/45/UE, recepita nell ordinamento nazionale dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotti nuove misure riguardanti gli adempimenti IVA cui sono tenuti gli operatori nazionali e ha, pertanto, stabilito una differente tempistica nell assolvimento degli obblighi formali di fatturazione, integrazione e annotazione dei registri IVA delle transazioni effettuate con soggetti esteri. Le recenti disposizioni hanno, inoltre, apportato modifiche di rilievo ai criteri di determinazione del momento di effettuazione agli effetti IVA delle operazioni intracomunitarie e, pertanto, al momento di esigibilità dell imposta per le transazioni intercorse con soggetti passivi residenti nel territorio della Comunità. L intervento riformatore tenta, pertanto, di armonizzare gli adempimenti in ciascuno Stato membro, anche allo scopo di garantire piena coincidenza dei dati contenuti negli elenchi riepilogativi della operazioni comunitarie attive e passive. Riferimenti Direttive 2010/45/UE e 2006/112/UE L. 24 dicembre 2012, n. 228 DPR n. 633/1972, artt. 17 e 21 D.l. n. 331/1993, artt. 39, 46 e 47 A decorrere dal 1 gennaio 2013, a seguito del recepimento nel quadro normativo nazionale delle nuove disposizioni contenute nella Direttiva 2010/45/UE 1, sono state introdotte significative novità in materia di fatturazione. La L. 24 dicembre 2012, n. 228 ha infatti sostanzialmente riscritto l art. 21 del DPR n. 633/1972 e integrato altri articoli dello stesso Decreto che interessano gli adempimenti formali e sostanziali cui 1 La Direttiva 2010/45/UE ha, a sua volta, modificato in alcune parti la Direttiva 2006/112/UE. 5

6 sono soggetti gli operatori residenti. In aggiunta, risultano modificate alcune disposizioni del D.l. n. 331/1993 che regola il trattamento ai fini dell imposta degli scambi con controparti identificate in altro Stato del territorio della Comunità. In relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese nei confronti di soggetti esteri, si rileva un esteso obbligo di fatturazione a tutte quelle operazioni per le quali non è dovuta l imposta in Italia per carenza del presupposto territoriale di assoggettamento ad IVA. Con riguardo agli acquisti di beni e servizi ricevuti da contraenti comunitari, è di assoluto rilievo il tentativo operato dal legislatore italiano di uniformare le modalità formali di assolvimento dell imposta, in tutti i casi in cui l IVA è dovuta in Italia con il meccanismo del reverse charge. Tali aspetti devono essere necessariamente correlati con le novità introdotte in merito al momento di effettuazione delle cessioni e degli acquisti intracomunitari dei beni, contenute nel riformato art. 39, del D.l. n. 331/1993. Il momento in cui un operazione si intende realizzata ai fini dell imposta costituisce il riferimento utile per procedere alla fatturazione e all assolvimento di tutti gli altri adempimenti imposti dalla disciplina IVA, quali l integrazione dei documenti passivi intracomunitari 2 e l annotazione nei registri IVA 3 ai fini della liquidazione mensile dell imposta. Nel presente contributo illustreremo nei dettagli gli aspetti pratici connessi con le nuove disposizioni emanate in tema di documentazione delle operazioni attive e passive intercorse tra operatori nazioni e controparti estere, avendo riguardo a evidenziare gli effetti che tali norme hanno prodotto sul momento di esigibilità dell imposta dovuta nel territorio dello Stato. 2 Cfr. artt. 46 e 47, D.l. m. 331/ Cfr. artt. 23 e 25, DPR n. 633/

7 Estensione degli obblighi di fatturazione Il comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n, 633/9172, così come novellato dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, impone un generale obbligo di documentazione delle operazioni attive effettuate da soggetti residenti in favore di controparti non stabilite nel territorio dello Stato, non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies del DPR n. 633/1972. In sostanza, a decorrere dal 1 gennaio 2013, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di controparti estere, non soggette ad imposta in Italia per carenza di requisito territoriale, impongono a carico dell operatore nazionale l obbligo di emissione della fattura. Le nuove disposizioni coinvolgono, nello specifico, le seguenti tipologie di operazioni: prestazioni di servizi generiche 4 e specifiche, 5 per le quali sono prescritti criteri di rilevanza territoriale in deroga a quello generale, resi a committenti identificati in altro Stato dell Unione; cessioni di beni non territorialmente rilevanti, effettuate nei confronti di cessionari comunitari; prestazioni di servizi generiche e specifiche, per le quali valgono i predetti criteri di rilevanza territoriale in deroga, qualora resi a committenti residenti al di fuori del territorio della Comunità; cessioni di beni non territorialmente rilevanti in Italia, effettuate nei confronti di cessionari identificati in uno Stato al di fuori dal territorio della Comunità; Permane l obbligo di fatturazione delle cessioni di beni viaggianti allo Stato estero ovvero depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale, non soggetti ad IVA ai sensi dell art. 7-bis, comma 1, del DPR n. 633/ Il campo applicativo della vigente normativa è, pertanto, molto più esteso di quello definito dalle disposizioni previgenti. La formulazione precedente della norma, infatti, imponeva all operatore italiano di emettere il documento senza 4 Cfr. art. 7-ter, DPR n. 633/ Cfr. artt. 7-quater e 7-quinquies, DPR n. 633/ Cfr. art. 21, comma 6, let. A), DPR n. 633/

8 addebito d imposta per le sole prestazioni generiche, di cui all art. 7-ter, del DPR n. 633/1972, rese a committenti comunitari. Tale determinazione scaturiva dalla necessità di tracciare le prestazioni di servizi generiche, mediante i modelli Intrastat riepilogativi degli scambi intracomunitari. Conseguenza diretta è che la fattura non doveva essere emessa per tutte quelle prestazioni generiche che non dovevano essere riportate nei predetti modelli, ovvero: prestazioni esenti o comunque non soggette ad IVA nello Stato di residenza del committente comunitario; prestazioni che, ove fossero territorialmente rilevante in Italia, beneficerebbero di un regime di esonero dall obbligo di fatturazione. Il nuovo comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n. 633/1972, introduce pertanto uniformità negli adempimenti contabili e formali riferiti a tutte le operazioni attive non soggette ad imposta in Italia poiché non territorialmente rilevanti. L ampliamento delle operazioni soggette ad obbligo di fatturazione è destinato inoltre ad espandere la misura del volume d affari dei contribuenti 7. Per volume d affari si intende la sommatoria dei corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate, registrate o soggette a registrazione con riferimento all anno solare a norma degli artt. 23 e 24, del DPR n. 633/1972. Non concorrono alla formazione del volume d affari le cessioni di beni ammortizzabili, compresi quelli indicati all art del codice civile, voci B.I.3) e B.I.4) dell attivo dello stato patrimoniale, nonché i passaggi tra diverse attività. Dall anno d imposta 2013, la quantificazione di tale grandezza avverrà, pertanto, acquisendo anche i valori relativi ai corrispettivi addebitati nelle fatture emesse a norma del comma 6-bis, del DPR n. 633/1972. L espansione del volume d affari produce numerose conseguenze per i contribuenti italiani che vi fanno riferimento, tra l altro, per l acquisizione dello status di esportatore 7 Cfr. art. 20, del DPR n. 633/

9 abituale 8, per il calcolo del pro-rata, per l accesso a taluni regimi speciali ovvero per l attribuzione del diritto al rimborso dell IVA a credito. In sintesi, la necessità di documentare gli scambi transnazionali non territoriali agli effetti dell imposta, effettuati nei confronti di operatori non residenti, comporta: per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, generiche e non, effettuate nei confronti di soggetti comunitari, in relaziona alle quali l IVA è dovuta nello Stato di residenza del cessionario o committente, l emissione di fattura senza addebito d imposta con l annotazione inversione contabile ; per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di controparti non residenti nel territorio comunitario, l emissione di fattura senza IVA con annotazione operazione non soggetta. Momento di esigibilità dell imposta nelle operazioni transfrontaliere Meritano opportuno approfondimento le modifiche apportate alla norme che individuano il momento di effettuazione delle cessioni intracomunitarie di beni. La L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha modificato il testo dell art. 39, del D.l. n. 331/1993 che disciplina il regime IVA degli scambi comunitari. Nello specifico è stato stabilito, con effetto dal 1 gennaio 2013, che le cessioni e gli acquisti intracomunitari di beni si considerano effettuati al momento dell inizio del trasporto o della spedizione al cessionario, rispettivamente dal territorio dello Stato o dal territorio dello Stato membro di provenienza. L art. 39, del D.l. n. 331/1993, uniforma, in sostanza, le regole di determinazione del momento di effettuazione degli scambi intracomunitari di beni. Sia per le cessioni che per gli acquisti di beni, infatti, è stato introdotto un 8 E tuttavia necessario evidenziare che il legislatore nazionale ha inteso evitare che le nuove disposizioni contenute al comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n.633/1972, potessero danneggiare gli esportatori abituali. A tal fine, con modifica all art. 1, del D.L. 29 dicembre 1983, n. 746, è stato escluso che le operazioni di cui all 21, coma 6-bis, del DPR n. 633/1972 8, fossero rilevanti ai fini dell acquisizione dello status di esportatore abituale. 9

10 unico parametro di riferimento, rappresentato dall inizio del trasporto a partire dallo Stato di provenienza. Tali previsioni, innovano sensibilmente rispetto al passato e producono l effetto di anticipare il momento di esigibilità dell imposta. Si rammenta che l art. 39, del D.l. n. 331/1993, nella sua precedente formulazione disponeva esclusivamente in merito all effettuazione degli acquisti intracomunitari, distinguendo a seconda che il trasporto avvenisse con i mezzi del cedente ovvero del cessionario. Nel primo caso, l effettuazione si intendeva riferita al momento in cui il bene veniva consegnato nello Stato al cessionario italiano o a un terzo per suo conto. Nel secondo, l acquisto si considerava effettuato al momento dell arrivo nel luogo di destinazione situato nel territorio dello Stato. La normativa previgente non conteneva alcuna specifica previsione in ordine all effettuazione delle cessioni intracomunitarie dei beni. Occorreva pertanto riferirsi alle disposizioni nazionali relative all effettuazione delle operazioni interne, contenute nell art. 6, del DPR n. 633/1972. Altra significativa modifica ha riguardato la rilevanza degli acconti ai fini della esigibilità dell imposta. Nell attuale sistema, in particolare, il pagamento ovvero l incasso di anticipazioni sul prezzo di vendita, non costituiscono più manifestazione anticipata dell esigibilità dell imposta. Ne consegue che in tutti i casi in cui, in relazione a scambi intracomunitari di beni per i quali la consegna o la spedizione non abbiano ancora avuto inizio, venga corrisposto da parte del cessionario un acconto sul prezzo stabilito, il cedente italiano non sarà in alcun modo tenuto all emissione della relativa fattura. Resta immutata la previsione per la quale la emissione della fattura in data anteriore alla consegna o spedizione a partire dallo Stato di provenienza della merce, determina l anticipazione del momento di esigibilità dell IVA 9. Nulla cambia, invece, in relazione ai casi di differimento degli effetti traslativi o costitutivi a un momento successivo a quello della consegna o spedizione. Tali operazioni, si considerano effettuate nel momento in cui i predetti effetti vengono ad esistenza, e comunque entro un anno dal ricevimento della merce. 9 Cfr. art. 39, comma 1, D.l. n. 331/

11 La norma, infine, introduce una nuova previsione riguardante gli scambi intracomunitari di beni effettuati in modo continuativo lungo un arco temporale superiore al mese solare. Per tale categoria di operazioni, tra le quali rientrano le somministrazioni di beni, è previsto che l esigibilità dell imposta si manifesti al termine di ciascun mese solare 10. Non si segnalano, invece, modifiche alle disposizioni che regolano il momento di effettuazione delle prestazioni di servizi, rese o ricevute da soggetti stabiliti nel territorio della Comunità. Si ritiene tuttavia opportuno riportare brevemente i criteri che devono orientare nella determinazione del momento di effettuazione dei servizi. Con riguardo alle prestazioni di servizi generiche, disciplinate dall art. 7-ter del DPR n. 633/1972, il momento impositivo IVA si considera realizzato all atto della loro ultimazione. Qualora le stesse abbiano, tuttavia, carattere periodico o continuativo, l effettuazione deve essere riferita alla data di maturazione dei corrispettivi 11. Il pagamento anticipato in tutto o in parte del corrispettivo rispetto alla data individuata dalle predette disposizioni, determina l anticipazione del momento impositivo, per cui l operazione si considera effettuata, limitatamente all importo corrisposto, a tale data. E necessario puntualizzare che, l emissione anticipata della fattura non vale invece ad anticipare il momento di effettuazione dell operazione 12. Per le prestazioni di servizi specifiche, ovvero quelle per quali sono prescritti criteri di rilevanza territoriale in deroga a quello generale, valgono le regole che vincolano il momento di effettuazione al pagamento del corrispettivo 13. Tuttavia, nei casi in cui anteriormente a tale data, si provveda al pagamento parziale o totale del corrispettivo della prestazione ovvero all emissione anticipata della fattura, tali operazioni si devono ritenere effettuate con riferimento rispettivamente alla data di pagamento e a quello della fattura. 10 Cfr. art. 39, comma 3, D.l. n. 331/ Cfr. art. 6, comma 6, D.l. n. 331/ Le disposizioni relative al momento di effettuazione delle prestazioni di servizi, sono state oggetto di modifica da parte del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n Cfr. art. 6, comma 3, DPR n. 633/

12 Tempistica della fatturazione Una volta individuato il momento di effettuazione delle operazioni transfrontaliere, occorre chiarire i termini per provvedere alla relativa fatturazione. In merito alle cessioni intracomunitarie di beni, l art. 46, comma 2, del D.l. n. 331/1993, nella sua nuova formulazione, stabilisce che l emissione del documento deve avvenire entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. La fattura deve quindi essere distintamente annotata nel registro di cui all art. 23, del DPR n. 633/ , secondo l ordine della numerazione ed entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione. Quanto alle prestazioni di servizi generiche, le nuove disposizioni normative hanno determinato un allungamento dei termini per l assolvimento degli obblighi formali di fatturazione. Il testo dell art. 21, comma 4. lett. c), del DPR n. 633/1972, dispone infatti che per le prestazioni di servizi rese in favore di un soggetto passivo d imposta stabilito in altro Stato membro dell Unione, non 14 Trattasi del registro IVA delle fatture emesse. 12

13 soggette ad IVA in Italia agli effetti dell art. 7-ter del DPR n. 633/1972, il prestatore italiano deve emettere fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. Similmente, anche per le prestazioni diverse da quelle di cui agli art. 7-quater e 7-quinquies del DPR n. 633/1972, erogate nei confronti di controparti residenti al di fuori dell Unione europea, il novellato art. 21, comma 4, lett. d), del DPR n. 633/1972, impone l emissione della fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione. In entrambi casi, le fatture afferenti prestazioni generiche devono essere annotate nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972, entro il termine di emissione e con riferimento al mese di effettuazione. In altri termini, le revisioni apportate al testo dell art. 21, del DPR n. 633/1972, garantiscono uniformità nella tempistica di adempimento degli obblighi formali di fatturazione e registrazione delle prestazioni generiche, indipendentemente dalla natura di soggetto comunitario ovvero extra comunitario del committente estero. E di tutta evidenza che i nuovi termini entro cui provvedere alla fatturazione delle prestazioni generiche e delle cessioni intracomunitarie, hanno provocato, rispetto al passato, un slittamento in avanti dei tempi di emissione del corrispondente documento IVA. Ciò in quanto, prima dell ultima riforma, la fattura doveva essere emessa all atto dell effettuazione dell operazione sottostante e successivamente annotata nei quindici giorni seguenti l emissione, nel registro IVA delle fatture emesse. Con riguardo alle prestazioni di servizi specifiche, non soggette ad imposta in Italia ai sensi degli artt. 7-quater e 7-quinquies, del DPR n. 633/1972, si fa presente che è necessario emettere regolare fattura senza applicazione dell IVA al momento dell effettuazione dell operazione 15. Stessa regola vale per le fatture che documentato cessioni di beni non imponibili in Italia per carenza di requisito territoriale effettuate nei confronti di 15 Tale obbligo, ricordiamo, dipende dalle nuove disposizioni contenute nell art. 21, comma 6- bis, del DPR n. 633/1972. Si rimanda al paragrafo che affronta più dettagliatamente l argomento. 13

14 cessionari esteri. Anche in tal caso, infatti, la fatturazione senza applicazione dell IVA, deve avvenire avendo riguardo al momento di effettuazione di tali operazioni, così come definito dall art. 6, del DPR n. 633/1972. Adempimenti relativi agli acquisti territorialmente rilevanti L art. 17, comma 2, del DPR n. 633/1972, ha introdotto un obbligo generalizzato di inversione contabile per tutte le operazioni effettuate in Italia, ricevute da soggetti passivi d imposta comunitari. Le nuove norme, in particolare, estendono a tutti gli scambi avvenuti con fornitori stabiliti in uno Stato membro dell Unione, in relazione ai quali sia dovuta l IVA all Erario italiano, gli obblighi di fatturazione e registrazione secondo le disposizioni contenute negli artt. 46 e 47, del D.l. n. 633/

15 In pratica, l ambito applicativo di tali disposizioni interessa: le prestazioni di servizi generiche rese da prestatori stabiliti nel territorio comunitario, soggette ad IVA in Italia, ai sensi dell art. 7-ter del DPR n. 633/1972; le prestazioni di servizi specifiche, rese da prestatori stabiliti nel territorio comunitario, soggette ad IVA in Italia, ai sensi dell art. 7- quater e 7-quinquies, del DPR n. 633/1972; gli acquisti di beni rilevanti ai fini IVA in Italia, effettuati da cedenti stabiliti nel territorio comunitario. E utile rammentare che il meccanismo del reverse charge era ammesso in precedenza per le sole prestazioni di servizi generiche, di cui all art. 7-ter, del DPR n. 633/1972, rese da parte di un prestatore comunitario in favore del committente italiano. In tutte le altre operazioni sopra elencate, il soggetto nazionale doveva liquidare l IVA corrispondente, mediante emissione di autofattura. Sotto il profilo operativo, in tutti in casi in cui il contribuente italiano, acquista beni e servizi da una controparte comunitaria, in relazione a cui deve versare l IVA mediante inversione contabile, lo stesso è tenuto a: integrare e numerare la fattura del fornitore comunitario, integrandola con l indicazione del controvalore in euro del corrispettivi e degli altri elementi in valuta che concorrono alla formazione della base imponibile, con l ammontare dell IVA calcolata secondo l aliquota corrispondente 16 ; annotare la fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di ricezione, e con riferimento al mese precedente, nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972; ai fini del diritto alla detrazione, annotare la fattura distintamente anche del registro IVA delle fatture ricevute, di cui all art. 25 del DPR n. 633/1972; contabilizzare la stessa fattura ai fini della liquidazione periodica dell imposta. 16 Cfr. art. 46, comma 1, del D.l. n. 331/1993; 15

16 In sostanza, l obbligo di emissione dell autofattura rimane riferito agli acquisti di beni e servizi effettuati nel territorio dello Stato da soggetti extracomunitari. Fatturazione degli acquisti intracomunitari di beni La nuova disciplina contenuta nella L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha revisionato i contenuti degli artt. 46 e 47, del D.l. n. 331/1993, in relazione ai termini entro cui provvedere alle formalità IVA prescritte per gli acquisti intracomunitari di beni. A seguito di tali modifiche, il cessionario residente di un acquisto intracomunitario deve provvedere all integrazione della fattura passiva ricevuta dal cedente entro il giorno quindici del mese successivo a quello del ricevimento della fattura stessa Cfr. art. 47, comma 1, del D.l. n. 331/

17 L integrazione, come di consueto, deve avvenire mediante numerazione della fattura ricevuta, conversione in Euro dei corrispettivi espressi in valuta estera e applicazione dell IVA corrispondente alla tipologia di bene acquistato. Entro lo stesso termine, ovvero il giorno quindici del mese successivo al ricevimento del documento, la fattura deve essere distintamente annotata nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972, con riferimento al mese precedente. Ai fini dell esercizio alla detrazione dell imposta, la fattura è annotata anche nel registro IVA delle fatture ricevute, di cui all art. 25 dello stesso Decreto. Cambiano, inoltre, i termini per provvedere alla regolarizzazione delle fatture passive relative ad acquisti intracomunitari. L art. 46, comma 5, del D.L. n. 331/1993, così come risultante a seguito delle modiche, impone al cessionario italiano che non abbia ricevuto il documento passivo entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, di emettere la fattura in un unico esemplare entro il giorno quindici del terzo mese successivo a quello di effettuazione. Le nuove disposizioni, pertanto, allungano i termini per la regolarizzazione degli acquisti intracomunitari. In precedenza, l emissione dell autofattura ai fini della liquidazione dell IVA corrispondente, doveva avvenire entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell acquisto. Da ultimo, è stata modificata la prescrizione riguardante i casi in cui la fattura passiva afferente un acquisto intracomunitario riporti un corrispettivo inferiore a quello reale. In tale ipotesi, il cessionario residente deve emettere fattura integrativa per l importo non riportato nel documento originario ricevuto, entro il giorno quindici del mese successivo a quello di registrazione della fattura iniziale La precedente versione dell art. 46, c. 5; del D.l. n. 331/1993, stabiliva che l emissione della fattura integrativa doveva avvenire entro quindici giorni dalla registrazione della fattura originaria. 17

18 Osservazioni conclusive Il legislatore nazionale è intervenuto più volte negli ultimi anni a disciplinare il regime IVA degli scambi commerciali tra soggetti passivi residenti e operatori economici esteri. Le iniziative riformatrici traggono origine, il più delle volte, dal recepimento nel tessuto normativo interno, delle disposizioni contenute nelle Direttive comunitarie. Gli aspetti che, più degli altri, hanno subito radicali cambiamenti attengono ai criteri di determinazione del momento di effettuazione delle operazioni intracomunitarie e alla tempistica per provvedere ai relativi adempimenti contabili e formali imposti dalla disciplina IVA. A seguito dell ultimo intervento, gli operatori italiani che dal 1 gennaio 2013 effettuano scambi di beni e servizi con soggetti esteri, devono pertanto tenere presente che, qualora agiscano in qualità di cedenti ovvero di prestatori: devono emettere regolare fattura senza addebito d imposta in relazione a tutte le operazioni non rilevanti territorialmente in Italia, ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies, del DPR n. 633/1972. Con specifico riguardo alle prestazioni di servizi generiche, è necessario porre attenzione al nuovo termine per l emissione del documento, fissato nel giorno quindici del mese successivo quello di effettuazione; devono emettere fattura attiva per cessione intracomunitaria di beni, entro il giorno quindici del mese successivo quello di relativa 18

19 effettuazione. Tale termine decorre dalla consegna o spedizione della merce, a partire dal territorio dello Stato. I soggetti passivi italiani qualora operino, invece, come cessionari ovvero committenti di scambi transfrontalieri, devono tenere a mente che, a seguito delle recenti modifiche: il meccanismo dell inversione contabile di cui agli artt. 46 e 47, del D.l. n. 331/1993, trova applicazione generalizzata a tutte gli scambi attuati con soggetti comunitari, rilevanti ai fini dell imposta in Italia; per gli acquisti intracomunitari di beni, il sistema di assolvimento dell imposta in reverse charge, impone che l integrazione del documento passivo ricevuto e la relativa annotazione nel registro IVA delle fatture emesse, debba essere effettuato entro il giorno quindici del mese successivo a quello di ricevimento del documento. 19

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli