Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere"

Transcript

1

2 Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore, abbiamo avuto come unico obbiettivo quello di assicurarle la massima semplicità, versatilità degli strumenti e facilità nell utilizzo. PermettendoLe così di poter rispettare la normativa sulla formazione obbligatoria nei modi e nei termini che solo un sistema come il nostro riesce a dare. Per questo abbiamo realizzato un prodotto multi piattaforma capace di seguire le Sue necessità di aggiornamento in qualsiasi luogo, in ogni momento e con diversi strumenti. La collana E-DOSSIER si aggiunge come ulteriore supporto all attività di aggiornamento. La nostra attenzione nella scelta dei contenuti è stata completa e puntuale. Per questo abbiamo selezionato ed unito gruppi di docenti universitari ed esperti nel settore capaci di elaborare contenuti di alto valore formativo. I nostri dossier, come le lezioni, sono strumenti validi e fondamentali per un approccio strategico alle risposte proprie della Sua professione, capaci di fornire un valore aggiunto alla Sua formazione ed un utile archivio di facile consultazione. 2

3 E-DOSSIER - A.F.A.P.- FISCO E TASSE 3

4 Sommario Tempistica della fatturazione 5 Riferimenti 5 Estensione degli obblighi di fatturazione 7 Momento di esigibilità dell imposta nelle operazioni transfrontaliere 9 Tempistica della fatturazione 12 Adempimenti relativi agli acquisti territorialmente rilevanti 14 Fatturazione degli acquisti intracomunitari di beni 16 Osservazioni conclusive 18 4

5 Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere La Direttiva 2010/45/UE, recepita nell ordinamento nazionale dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotti nuove misure riguardanti gli adempimenti IVA cui sono tenuti gli operatori nazionali e ha, pertanto, stabilito una differente tempistica nell assolvimento degli obblighi formali di fatturazione, integrazione e annotazione dei registri IVA delle transazioni effettuate con soggetti esteri. Le recenti disposizioni hanno, inoltre, apportato modifiche di rilievo ai criteri di determinazione del momento di effettuazione agli effetti IVA delle operazioni intracomunitarie e, pertanto, al momento di esigibilità dell imposta per le transazioni intercorse con soggetti passivi residenti nel territorio della Comunità. L intervento riformatore tenta, pertanto, di armonizzare gli adempimenti in ciascuno Stato membro, anche allo scopo di garantire piena coincidenza dei dati contenuti negli elenchi riepilogativi della operazioni comunitarie attive e passive. Riferimenti Direttive 2010/45/UE e 2006/112/UE L. 24 dicembre 2012, n. 228 DPR n. 633/1972, artt. 17 e 21 D.l. n. 331/1993, artt. 39, 46 e 47 A decorrere dal 1 gennaio 2013, a seguito del recepimento nel quadro normativo nazionale delle nuove disposizioni contenute nella Direttiva 2010/45/UE 1, sono state introdotte significative novità in materia di fatturazione. La L. 24 dicembre 2012, n. 228 ha infatti sostanzialmente riscritto l art. 21 del DPR n. 633/1972 e integrato altri articoli dello stesso Decreto che interessano gli adempimenti formali e sostanziali cui 1 La Direttiva 2010/45/UE ha, a sua volta, modificato in alcune parti la Direttiva 2006/112/UE. 5

6 sono soggetti gli operatori residenti. In aggiunta, risultano modificate alcune disposizioni del D.l. n. 331/1993 che regola il trattamento ai fini dell imposta degli scambi con controparti identificate in altro Stato del territorio della Comunità. In relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese nei confronti di soggetti esteri, si rileva un esteso obbligo di fatturazione a tutte quelle operazioni per le quali non è dovuta l imposta in Italia per carenza del presupposto territoriale di assoggettamento ad IVA. Con riguardo agli acquisti di beni e servizi ricevuti da contraenti comunitari, è di assoluto rilievo il tentativo operato dal legislatore italiano di uniformare le modalità formali di assolvimento dell imposta, in tutti i casi in cui l IVA è dovuta in Italia con il meccanismo del reverse charge. Tali aspetti devono essere necessariamente correlati con le novità introdotte in merito al momento di effettuazione delle cessioni e degli acquisti intracomunitari dei beni, contenute nel riformato art. 39, del D.l. n. 331/1993. Il momento in cui un operazione si intende realizzata ai fini dell imposta costituisce il riferimento utile per procedere alla fatturazione e all assolvimento di tutti gli altri adempimenti imposti dalla disciplina IVA, quali l integrazione dei documenti passivi intracomunitari 2 e l annotazione nei registri IVA 3 ai fini della liquidazione mensile dell imposta. Nel presente contributo illustreremo nei dettagli gli aspetti pratici connessi con le nuove disposizioni emanate in tema di documentazione delle operazioni attive e passive intercorse tra operatori nazioni e controparti estere, avendo riguardo a evidenziare gli effetti che tali norme hanno prodotto sul momento di esigibilità dell imposta dovuta nel territorio dello Stato. 2 Cfr. artt. 46 e 47, D.l. m. 331/ Cfr. artt. 23 e 25, DPR n. 633/

7 Estensione degli obblighi di fatturazione Il comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n, 633/9172, così come novellato dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, impone un generale obbligo di documentazione delle operazioni attive effettuate da soggetti residenti in favore di controparti non stabilite nel territorio dello Stato, non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies del DPR n. 633/1972. In sostanza, a decorrere dal 1 gennaio 2013, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di controparti estere, non soggette ad imposta in Italia per carenza di requisito territoriale, impongono a carico dell operatore nazionale l obbligo di emissione della fattura. Le nuove disposizioni coinvolgono, nello specifico, le seguenti tipologie di operazioni: prestazioni di servizi generiche 4 e specifiche, 5 per le quali sono prescritti criteri di rilevanza territoriale in deroga a quello generale, resi a committenti identificati in altro Stato dell Unione; cessioni di beni non territorialmente rilevanti, effettuate nei confronti di cessionari comunitari; prestazioni di servizi generiche e specifiche, per le quali valgono i predetti criteri di rilevanza territoriale in deroga, qualora resi a committenti residenti al di fuori del territorio della Comunità; cessioni di beni non territorialmente rilevanti in Italia, effettuate nei confronti di cessionari identificati in uno Stato al di fuori dal territorio della Comunità; Permane l obbligo di fatturazione delle cessioni di beni viaggianti allo Stato estero ovvero depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale, non soggetti ad IVA ai sensi dell art. 7-bis, comma 1, del DPR n. 633/ Il campo applicativo della vigente normativa è, pertanto, molto più esteso di quello definito dalle disposizioni previgenti. La formulazione precedente della norma, infatti, imponeva all operatore italiano di emettere il documento senza 4 Cfr. art. 7-ter, DPR n. 633/ Cfr. artt. 7-quater e 7-quinquies, DPR n. 633/ Cfr. art. 21, comma 6, let. A), DPR n. 633/

8 addebito d imposta per le sole prestazioni generiche, di cui all art. 7-ter, del DPR n. 633/1972, rese a committenti comunitari. Tale determinazione scaturiva dalla necessità di tracciare le prestazioni di servizi generiche, mediante i modelli Intrastat riepilogativi degli scambi intracomunitari. Conseguenza diretta è che la fattura non doveva essere emessa per tutte quelle prestazioni generiche che non dovevano essere riportate nei predetti modelli, ovvero: prestazioni esenti o comunque non soggette ad IVA nello Stato di residenza del committente comunitario; prestazioni che, ove fossero territorialmente rilevante in Italia, beneficerebbero di un regime di esonero dall obbligo di fatturazione. Il nuovo comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n. 633/1972, introduce pertanto uniformità negli adempimenti contabili e formali riferiti a tutte le operazioni attive non soggette ad imposta in Italia poiché non territorialmente rilevanti. L ampliamento delle operazioni soggette ad obbligo di fatturazione è destinato inoltre ad espandere la misura del volume d affari dei contribuenti 7. Per volume d affari si intende la sommatoria dei corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi effettuate, registrate o soggette a registrazione con riferimento all anno solare a norma degli artt. 23 e 24, del DPR n. 633/1972. Non concorrono alla formazione del volume d affari le cessioni di beni ammortizzabili, compresi quelli indicati all art del codice civile, voci B.I.3) e B.I.4) dell attivo dello stato patrimoniale, nonché i passaggi tra diverse attività. Dall anno d imposta 2013, la quantificazione di tale grandezza avverrà, pertanto, acquisendo anche i valori relativi ai corrispettivi addebitati nelle fatture emesse a norma del comma 6-bis, del DPR n. 633/1972. L espansione del volume d affari produce numerose conseguenze per i contribuenti italiani che vi fanno riferimento, tra l altro, per l acquisizione dello status di esportatore 7 Cfr. art. 20, del DPR n. 633/

9 abituale 8, per il calcolo del pro-rata, per l accesso a taluni regimi speciali ovvero per l attribuzione del diritto al rimborso dell IVA a credito. In sintesi, la necessità di documentare gli scambi transnazionali non territoriali agli effetti dell imposta, effettuati nei confronti di operatori non residenti, comporta: per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, generiche e non, effettuate nei confronti di soggetti comunitari, in relaziona alle quali l IVA è dovuta nello Stato di residenza del cessionario o committente, l emissione di fattura senza addebito d imposta con l annotazione inversione contabile ; per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di controparti non residenti nel territorio comunitario, l emissione di fattura senza IVA con annotazione operazione non soggetta. Momento di esigibilità dell imposta nelle operazioni transfrontaliere Meritano opportuno approfondimento le modifiche apportate alla norme che individuano il momento di effettuazione delle cessioni intracomunitarie di beni. La L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha modificato il testo dell art. 39, del D.l. n. 331/1993 che disciplina il regime IVA degli scambi comunitari. Nello specifico è stato stabilito, con effetto dal 1 gennaio 2013, che le cessioni e gli acquisti intracomunitari di beni si considerano effettuati al momento dell inizio del trasporto o della spedizione al cessionario, rispettivamente dal territorio dello Stato o dal territorio dello Stato membro di provenienza. L art. 39, del D.l. n. 331/1993, uniforma, in sostanza, le regole di determinazione del momento di effettuazione degli scambi intracomunitari di beni. Sia per le cessioni che per gli acquisti di beni, infatti, è stato introdotto un 8 E tuttavia necessario evidenziare che il legislatore nazionale ha inteso evitare che le nuove disposizioni contenute al comma 6-bis, dell art. 21, del DPR n.633/1972, potessero danneggiare gli esportatori abituali. A tal fine, con modifica all art. 1, del D.L. 29 dicembre 1983, n. 746, è stato escluso che le operazioni di cui all 21, coma 6-bis, del DPR n. 633/1972 8, fossero rilevanti ai fini dell acquisizione dello status di esportatore abituale. 9

10 unico parametro di riferimento, rappresentato dall inizio del trasporto a partire dallo Stato di provenienza. Tali previsioni, innovano sensibilmente rispetto al passato e producono l effetto di anticipare il momento di esigibilità dell imposta. Si rammenta che l art. 39, del D.l. n. 331/1993, nella sua precedente formulazione disponeva esclusivamente in merito all effettuazione degli acquisti intracomunitari, distinguendo a seconda che il trasporto avvenisse con i mezzi del cedente ovvero del cessionario. Nel primo caso, l effettuazione si intendeva riferita al momento in cui il bene veniva consegnato nello Stato al cessionario italiano o a un terzo per suo conto. Nel secondo, l acquisto si considerava effettuato al momento dell arrivo nel luogo di destinazione situato nel territorio dello Stato. La normativa previgente non conteneva alcuna specifica previsione in ordine all effettuazione delle cessioni intracomunitarie dei beni. Occorreva pertanto riferirsi alle disposizioni nazionali relative all effettuazione delle operazioni interne, contenute nell art. 6, del DPR n. 633/1972. Altra significativa modifica ha riguardato la rilevanza degli acconti ai fini della esigibilità dell imposta. Nell attuale sistema, in particolare, il pagamento ovvero l incasso di anticipazioni sul prezzo di vendita, non costituiscono più manifestazione anticipata dell esigibilità dell imposta. Ne consegue che in tutti i casi in cui, in relazione a scambi intracomunitari di beni per i quali la consegna o la spedizione non abbiano ancora avuto inizio, venga corrisposto da parte del cessionario un acconto sul prezzo stabilito, il cedente italiano non sarà in alcun modo tenuto all emissione della relativa fattura. Resta immutata la previsione per la quale la emissione della fattura in data anteriore alla consegna o spedizione a partire dallo Stato di provenienza della merce, determina l anticipazione del momento di esigibilità dell IVA 9. Nulla cambia, invece, in relazione ai casi di differimento degli effetti traslativi o costitutivi a un momento successivo a quello della consegna o spedizione. Tali operazioni, si considerano effettuate nel momento in cui i predetti effetti vengono ad esistenza, e comunque entro un anno dal ricevimento della merce. 9 Cfr. art. 39, comma 1, D.l. n. 331/

11 La norma, infine, introduce una nuova previsione riguardante gli scambi intracomunitari di beni effettuati in modo continuativo lungo un arco temporale superiore al mese solare. Per tale categoria di operazioni, tra le quali rientrano le somministrazioni di beni, è previsto che l esigibilità dell imposta si manifesti al termine di ciascun mese solare 10. Non si segnalano, invece, modifiche alle disposizioni che regolano il momento di effettuazione delle prestazioni di servizi, rese o ricevute da soggetti stabiliti nel territorio della Comunità. Si ritiene tuttavia opportuno riportare brevemente i criteri che devono orientare nella determinazione del momento di effettuazione dei servizi. Con riguardo alle prestazioni di servizi generiche, disciplinate dall art. 7-ter del DPR n. 633/1972, il momento impositivo IVA si considera realizzato all atto della loro ultimazione. Qualora le stesse abbiano, tuttavia, carattere periodico o continuativo, l effettuazione deve essere riferita alla data di maturazione dei corrispettivi 11. Il pagamento anticipato in tutto o in parte del corrispettivo rispetto alla data individuata dalle predette disposizioni, determina l anticipazione del momento impositivo, per cui l operazione si considera effettuata, limitatamente all importo corrisposto, a tale data. E necessario puntualizzare che, l emissione anticipata della fattura non vale invece ad anticipare il momento di effettuazione dell operazione 12. Per le prestazioni di servizi specifiche, ovvero quelle per quali sono prescritti criteri di rilevanza territoriale in deroga a quello generale, valgono le regole che vincolano il momento di effettuazione al pagamento del corrispettivo 13. Tuttavia, nei casi in cui anteriormente a tale data, si provveda al pagamento parziale o totale del corrispettivo della prestazione ovvero all emissione anticipata della fattura, tali operazioni si devono ritenere effettuate con riferimento rispettivamente alla data di pagamento e a quello della fattura. 10 Cfr. art. 39, comma 3, D.l. n. 331/ Cfr. art. 6, comma 6, D.l. n. 331/ Le disposizioni relative al momento di effettuazione delle prestazioni di servizi, sono state oggetto di modifica da parte del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n Cfr. art. 6, comma 3, DPR n. 633/

12 Tempistica della fatturazione Una volta individuato il momento di effettuazione delle operazioni transfrontaliere, occorre chiarire i termini per provvedere alla relativa fatturazione. In merito alle cessioni intracomunitarie di beni, l art. 46, comma 2, del D.l. n. 331/1993, nella sua nuova formulazione, stabilisce che l emissione del documento deve avvenire entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. La fattura deve quindi essere distintamente annotata nel registro di cui all art. 23, del DPR n. 633/ , secondo l ordine della numerazione ed entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione. Quanto alle prestazioni di servizi generiche, le nuove disposizioni normative hanno determinato un allungamento dei termini per l assolvimento degli obblighi formali di fatturazione. Il testo dell art. 21, comma 4. lett. c), del DPR n. 633/1972, dispone infatti che per le prestazioni di servizi rese in favore di un soggetto passivo d imposta stabilito in altro Stato membro dell Unione, non 14 Trattasi del registro IVA delle fatture emesse. 12

13 soggette ad IVA in Italia agli effetti dell art. 7-ter del DPR n. 633/1972, il prestatore italiano deve emettere fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. Similmente, anche per le prestazioni diverse da quelle di cui agli art. 7-quater e 7-quinquies del DPR n. 633/1972, erogate nei confronti di controparti residenti al di fuori dell Unione europea, il novellato art. 21, comma 4, lett. d), del DPR n. 633/1972, impone l emissione della fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di effettuazione. In entrambi casi, le fatture afferenti prestazioni generiche devono essere annotate nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972, entro il termine di emissione e con riferimento al mese di effettuazione. In altri termini, le revisioni apportate al testo dell art. 21, del DPR n. 633/1972, garantiscono uniformità nella tempistica di adempimento degli obblighi formali di fatturazione e registrazione delle prestazioni generiche, indipendentemente dalla natura di soggetto comunitario ovvero extra comunitario del committente estero. E di tutta evidenza che i nuovi termini entro cui provvedere alla fatturazione delle prestazioni generiche e delle cessioni intracomunitarie, hanno provocato, rispetto al passato, un slittamento in avanti dei tempi di emissione del corrispondente documento IVA. Ciò in quanto, prima dell ultima riforma, la fattura doveva essere emessa all atto dell effettuazione dell operazione sottostante e successivamente annotata nei quindici giorni seguenti l emissione, nel registro IVA delle fatture emesse. Con riguardo alle prestazioni di servizi specifiche, non soggette ad imposta in Italia ai sensi degli artt. 7-quater e 7-quinquies, del DPR n. 633/1972, si fa presente che è necessario emettere regolare fattura senza applicazione dell IVA al momento dell effettuazione dell operazione 15. Stessa regola vale per le fatture che documentato cessioni di beni non imponibili in Italia per carenza di requisito territoriale effettuate nei confronti di 15 Tale obbligo, ricordiamo, dipende dalle nuove disposizioni contenute nell art. 21, comma 6- bis, del DPR n. 633/1972. Si rimanda al paragrafo che affronta più dettagliatamente l argomento. 13

14 cessionari esteri. Anche in tal caso, infatti, la fatturazione senza applicazione dell IVA, deve avvenire avendo riguardo al momento di effettuazione di tali operazioni, così come definito dall art. 6, del DPR n. 633/1972. Adempimenti relativi agli acquisti territorialmente rilevanti L art. 17, comma 2, del DPR n. 633/1972, ha introdotto un obbligo generalizzato di inversione contabile per tutte le operazioni effettuate in Italia, ricevute da soggetti passivi d imposta comunitari. Le nuove norme, in particolare, estendono a tutti gli scambi avvenuti con fornitori stabiliti in uno Stato membro dell Unione, in relazione ai quali sia dovuta l IVA all Erario italiano, gli obblighi di fatturazione e registrazione secondo le disposizioni contenute negli artt. 46 e 47, del D.l. n. 633/

15 In pratica, l ambito applicativo di tali disposizioni interessa: le prestazioni di servizi generiche rese da prestatori stabiliti nel territorio comunitario, soggette ad IVA in Italia, ai sensi dell art. 7-ter del DPR n. 633/1972; le prestazioni di servizi specifiche, rese da prestatori stabiliti nel territorio comunitario, soggette ad IVA in Italia, ai sensi dell art. 7- quater e 7-quinquies, del DPR n. 633/1972; gli acquisti di beni rilevanti ai fini IVA in Italia, effettuati da cedenti stabiliti nel territorio comunitario. E utile rammentare che il meccanismo del reverse charge era ammesso in precedenza per le sole prestazioni di servizi generiche, di cui all art. 7-ter, del DPR n. 633/1972, rese da parte di un prestatore comunitario in favore del committente italiano. In tutte le altre operazioni sopra elencate, il soggetto nazionale doveva liquidare l IVA corrispondente, mediante emissione di autofattura. Sotto il profilo operativo, in tutti in casi in cui il contribuente italiano, acquista beni e servizi da una controparte comunitaria, in relazione a cui deve versare l IVA mediante inversione contabile, lo stesso è tenuto a: integrare e numerare la fattura del fornitore comunitario, integrandola con l indicazione del controvalore in euro del corrispettivi e degli altri elementi in valuta che concorrono alla formazione della base imponibile, con l ammontare dell IVA calcolata secondo l aliquota corrispondente 16 ; annotare la fattura entro il giorno quindici del mese successivo a quello di ricezione, e con riferimento al mese precedente, nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972; ai fini del diritto alla detrazione, annotare la fattura distintamente anche del registro IVA delle fatture ricevute, di cui all art. 25 del DPR n. 633/1972; contabilizzare la stessa fattura ai fini della liquidazione periodica dell imposta. 16 Cfr. art. 46, comma 1, del D.l. n. 331/1993; 15

16 In sostanza, l obbligo di emissione dell autofattura rimane riferito agli acquisti di beni e servizi effettuati nel territorio dello Stato da soggetti extracomunitari. Fatturazione degli acquisti intracomunitari di beni La nuova disciplina contenuta nella L. 24 dicembre 2012, n. 228, ha revisionato i contenuti degli artt. 46 e 47, del D.l. n. 331/1993, in relazione ai termini entro cui provvedere alle formalità IVA prescritte per gli acquisti intracomunitari di beni. A seguito di tali modifiche, il cessionario residente di un acquisto intracomunitario deve provvedere all integrazione della fattura passiva ricevuta dal cedente entro il giorno quindici del mese successivo a quello del ricevimento della fattura stessa Cfr. art. 47, comma 1, del D.l. n. 331/

17 L integrazione, come di consueto, deve avvenire mediante numerazione della fattura ricevuta, conversione in Euro dei corrispettivi espressi in valuta estera e applicazione dell IVA corrispondente alla tipologia di bene acquistato. Entro lo stesso termine, ovvero il giorno quindici del mese successivo al ricevimento del documento, la fattura deve essere distintamente annotata nel registro IVA delle fatture emesse, di cui all art. 23, del DPR n. 633/1972, con riferimento al mese precedente. Ai fini dell esercizio alla detrazione dell imposta, la fattura è annotata anche nel registro IVA delle fatture ricevute, di cui all art. 25 dello stesso Decreto. Cambiano, inoltre, i termini per provvedere alla regolarizzazione delle fatture passive relative ad acquisti intracomunitari. L art. 46, comma 5, del D.L. n. 331/1993, così come risultante a seguito delle modiche, impone al cessionario italiano che non abbia ricevuto il documento passivo entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, di emettere la fattura in un unico esemplare entro il giorno quindici del terzo mese successivo a quello di effettuazione. Le nuove disposizioni, pertanto, allungano i termini per la regolarizzazione degli acquisti intracomunitari. In precedenza, l emissione dell autofattura ai fini della liquidazione dell IVA corrispondente, doveva avvenire entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell acquisto. Da ultimo, è stata modificata la prescrizione riguardante i casi in cui la fattura passiva afferente un acquisto intracomunitario riporti un corrispettivo inferiore a quello reale. In tale ipotesi, il cessionario residente deve emettere fattura integrativa per l importo non riportato nel documento originario ricevuto, entro il giorno quindici del mese successivo a quello di registrazione della fattura iniziale La precedente versione dell art. 46, c. 5; del D.l. n. 331/1993, stabiliva che l emissione della fattura integrativa doveva avvenire entro quindici giorni dalla registrazione della fattura originaria. 17

18 Osservazioni conclusive Il legislatore nazionale è intervenuto più volte negli ultimi anni a disciplinare il regime IVA degli scambi commerciali tra soggetti passivi residenti e operatori economici esteri. Le iniziative riformatrici traggono origine, il più delle volte, dal recepimento nel tessuto normativo interno, delle disposizioni contenute nelle Direttive comunitarie. Gli aspetti che, più degli altri, hanno subito radicali cambiamenti attengono ai criteri di determinazione del momento di effettuazione delle operazioni intracomunitarie e alla tempistica per provvedere ai relativi adempimenti contabili e formali imposti dalla disciplina IVA. A seguito dell ultimo intervento, gli operatori italiani che dal 1 gennaio 2013 effettuano scambi di beni e servizi con soggetti esteri, devono pertanto tenere presente che, qualora agiscano in qualità di cedenti ovvero di prestatori: devono emettere regolare fattura senza addebito d imposta in relazione a tutte le operazioni non rilevanti territorialmente in Italia, ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies, del DPR n. 633/1972. Con specifico riguardo alle prestazioni di servizi generiche, è necessario porre attenzione al nuovo termine per l emissione del documento, fissato nel giorno quindici del mese successivo quello di effettuazione; devono emettere fattura attiva per cessione intracomunitaria di beni, entro il giorno quindici del mese successivo quello di relativa 18

19 effettuazione. Tale termine decorre dalla consegna o spedizione della merce, a partire dal territorio dello Stato. I soggetti passivi italiani qualora operino, invece, come cessionari ovvero committenti di scambi transfrontalieri, devono tenere a mente che, a seguito delle recenti modifiche: il meccanismo dell inversione contabile di cui agli artt. 46 e 47, del D.l. n. 331/1993, trova applicazione generalizzata a tutte gli scambi attuati con soggetti comunitari, rilevanti ai fini dell imposta in Italia; per gli acquisti intracomunitari di beni, il sistema di assolvimento dell imposta in reverse charge, impone che l integrazione del documento passivo ricevuto e la relativa annotazione nel registro IVA delle fatture emesse, debba essere effettuato entro il giorno quindici del mese successivo a quello di ricevimento del documento. 19

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 07 Febbraio 2013 I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE Argomento nr. 1) OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B

IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B IL MOMENTO DI EFFETTUAZIONE E FATTURAZIONE DEI SERVIZI B2B La Legge 217/2011 prevede che le prestazioni di servizi generiche poste in essere con soggetti non residenti si considerino effettuate nel momento

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2013 OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni Pagina

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Panoramica sulle principali novità Iva introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012)

Panoramica sulle principali novità Iva introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) Panoramica sulle principali novità Iva introdotte dalla Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012) Commissione Imposte Dirette ed Indirette UGDCEC di Roma A cura di: Dott. Ettore Caratozzolo Dott. Gianluca

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Operazione Fino al 31.12.2012 Dal 1.1.2013

Operazione Fino al 31.12.2012 Dal 1.1.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE Con l intento di uniformare gli adempimenti in

Dettagli

NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45

NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45 NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45 Dr. Maurizio Bottoni Dr. Stefano Lecchi Dr. Norberto Villa Milano, C.so Venezia 47 3 Febbraio 2013 STUDIO ASSOCIATO Sede Legale:

Dettagli

generatore" dell imposta).

generatore dell imposta). OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE

Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE DELLE FATTURE INVERSIONE CONTABILE Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/02/2013 Circolare informativa n. 5/2013 Oggetto: OPERAZIONI CON L ESTERO - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL OPERAZIONE E TERMINI DI EMISSIONE/REGISTRAZIONE

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

Nella speranza di fare cosa gradita, inviamo una breve informativa per illustrarvi sinteticamente le più rilevanti novità relative all IVA.

Nella speranza di fare cosa gradita, inviamo una breve informativa per illustrarvi sinteticamente le più rilevanti novità relative all IVA. Dott. Giovanni Maria CONTI Dott. Emanuela Maria CONTI Dott. Marcello PRIORI Avv. Michelangelo PALLADINO Dott. Domenico MAISANO Avv. Emanuela REGAZZI Dott. Simone DALLEDONNE Avv. Corrado BLANDINI Dott.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

IVA NOVITA. Indice. Prato, 23 Gennaio 2013. Lettera informativa n. 5/2013 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI

IVA NOVITA. Indice. Prato, 23 Gennaio 2013. Lettera informativa n. 5/2013 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Marco Badiani Ragioniere Commercialista Prato, 23 Gennaio 2013 Lettera informativa n. 5/2013 Pierluigi Coppini Ragioniere Commercialista Giulia Massari Dottore Commercialista A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

Recenti novità in materia di IVA

Recenti novità in materia di IVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Recenti novità in materia di IVA Legge di stabilità: le novità introdotte a seguito del recepimento della Direttiva 13 luglio 2010 n. 2010/45/UE Stefano Maffi

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 35/E. OGGETTO: Rilievi interpretativi inerenti quesiti posti nel corso del Modulo di aggiornamento professionale (MAP) del 31 maggio 2012

CIRCOLARE N. 35/E. OGGETTO: Rilievi interpretativi inerenti quesiti posti nel corso del Modulo di aggiornamento professionale (MAP) del 31 maggio 2012 CIRCOLARE N. 35/E Direzione Centrale Normativa Ufficio del Direttore Centrale Roma, 20 settembre 2012 OGGETTO: Rilievi interpretativi inerenti quesiti posti nel corso del Modulo di aggiornamento professionale

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Prot. n. 10'2...34 del o 7 MAG. 2010 ------ Ai Dipartimenti Ai Centri Alle Facoltà Alla Direzione Amministrativa Alla Direzione per i servizi bibliotecari

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Nuove regole di fatturazione ai fini IVA

Nuove regole di fatturazione ai fini IVA Temi 53 di Marco Peirolo 1 La L. 228/2012 (legge di stabilità 2013), in recepimento della direttiva 2010/45/UE, modifica la disciplina IVA in materia di fatturazione delle operazioni. In base alle nuove

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Studio Dott. Begni & Associati news 03 / 2015

Studio Dott. Begni & Associati news 03 / 2015 Oggetto: LO SPLIT PAYMENT E LE FATTURE EMESSE AGLI ENTI PUBBLICI DALL 01.01.2015 Nell ambito della Finanziaria 2015 è contenuto un nuovo metodo antievasione per il versamento dell IVA all Erario, in base

Dettagli

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE O C S E 1 Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE Francesco Campanile Dirigente Ministero Economia e Finanze Revisore dei conti CNSD Dottore commercialista Docente di Diritto Tributario internazionale

Dettagli

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3

Elaborazione dati e dichiarazioni fiscali. C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 C i r c o l a r e 1 / 2 0 1 3 Montagna, lì 28 gennaio 2013 1) Fatturazione nuove regole dal 2013 a) Contenuto della fattura b) Numerazione delle fatture - chiarimento c) Momento di effettuazione delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE Altro elemento che deve essere contenuto nella fattura è il numero di partita Iva del cliente o del committente; in caso

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale.

La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Capitolo 5. L imposta sul valore aggiunto (IVA) 1. I soggetti passivi

Capitolo 5. L imposta sul valore aggiunto (IVA) 1. I soggetti passivi Edizioni Simone - Vol. 62/A Capitolo 5 L imposta sul valore aggiunto (IVA) Sommario 1. I soggetti passivi. - 2. La nascita dell obbligazione tributaria. - 3. Le denunce. - 4. Gli elenchi. 5. Liquidazioni

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Operazioni intracomunitarie: nuove regole

Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero 24/2013 Pagina 1 di 14 Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero : 24/2013 Gruppo : Oggetto : IVA OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Norme e prassi : ART. 39, DL 331/93; ART. 47, DL 331/93; ART.

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi

documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi documento Integrazione nuova territorialità IVA sui servizi 24 ottobre 2012 A cura della Commissione di studio Fiscalità degli Enti Presidente Nicola Tonveronachi Componenti Giuseppe Cambria Roberto Candela

Dettagli

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 5 novembre 2013

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 5 novembre 2013 CIRCOLARE N. 32/E Direzione Centrale Normativa Settore imposte indirette Ufficio IVA Roma, 5 novembre 2013 OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 21 al 22 per cento - Articolo 40, comma 1-ter,

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE" (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010)

NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010) CIRCOLARE NR. 3/2012 MATERIA: OGGETTO: IVA NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE" (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010) CONTENUTO Dal 17 marzo saranno in vigore

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O Baschi 27 novembre 2012 VERSAMENTO DELL IVA DOPO LA RISCOSSIONE DEL CORRISPETTIVO (Art. 32 bis D.L. 83/2012 Decreto Min. Economia del 11 ottobre 2012 Provvedimento Direttore Agenzia Entrate n. 165764/2012

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012 Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Francesca Parravicini Dott. Fabio Salvagno Padova, 19 novembre

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Periodico quindicinale FE n. 09 9 agosto 2012 ABSTRACT CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Il consignment stock agreement è una forma contrattuale di origine anglosassone che si è andata sempre più sviluppando

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE

I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE A CURA DEL DOTT. PIERLUIGI CAPUANO Con l accezione reverse charge ci si riferisce, in ambito tributario, al meccanismo dell'inversione contabile che

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli