Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo ***

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo ***"

Transcript

1 Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo *** 1. Premessa Dal 1 gennaio 1993 il mercato unico europeo è divenuto una realtà e il legislatore comunitario ha previsto agli artt. 28-bis e ss., della Sesta Direttiva, una disciplina specifica per lo scambio di beni tra operatori comunitari all interno dell Unione Europea. Il legislatore con il D.L. 331/1993 ha recepito queste regole creando un sistema che integra, di fatto, il sistema IVA previsto dal D.P.R. 633/1972. In effetti, quando analizziamo le regole IVA delle transazioni intracomunitarie, dobbiamo sempre tener conto che il D.L. 331/1993 disciplina solo le deroghe al sistema generale e rinvia per le regole compatibili con lo specifico sistema al D.P.R. 633/1972. Questo approccio metodologico ci aiuta a valutare correttamente le diverse ipotesi disciplinate dal D.L. 331/1993 (che, tra l altro, ha un carattere provvisorio, in attesa dell entrata in vigore del regime definitivo). Ci soffermiamo ora sugli acquisti intracomunitari disciplinati dagli artt. 38 e ss., D.L. 331/1993, rinviando all analisi delle prestazioni di servizio le ulteriori considerazioni relative alle regole che si applicano, in deroga al regime ordinario, alle prestazioni rese o ricevute in ambito comunitario. Le regole previste per queste operazioni seguono quale criterio base il principio della tassazione del bene nel Paese di destinazione. Per questo motivo cominciamo la nostra analisi dagli acquisti intracomunitari per poi trattare in modo speculare, nel capitolo successivo, le cessioni intracomunitarie. 2. Acquisti intracomunitari La prima regola prevista dal regime transitorio dell IVA intracomunitaria riguarda gli acquisti intracomunitari (art. 38, D.L. 331/1993), vale a dire gli acquisti di beni che avvengono tra due operatori identificati ai fini IVA in due Paesi comunitari con trasferimento fisico dei beni da un territorio comunitario all altro e con passaggio della proprietà o di altro diritto reale di godimento a titolo oneroso. Restano pertanto escluse dal concetto di acquisti intracomunitari le transazioni per cui i suddetti requisiti non siano verificati 1. Da questa prima definizione si evince che per avere un acquisto intracomunitario dobbiamo essere in presenza dei seguenti elementi: Il presente elaborato è tratto da: Libro MAP n. 38 Edizione maggio 2008 Il volume è disponibile sul sito Pocket MAP n. 2 Aggiornato alla Sentenza Corte di Giustizia UE 06/11/2008, C-291/07 soggettivo: i due operatori che intervengono nella transazione devono essere due soggetti identificati ai fini IVA in due territori comunitari. In effetti, questo principio esclude dal campo di applicazione dell IVA intracomunitaria le cessioni che avvengono verso privati, in quanto queste operazioni restano attratte nel sistema IVA interno. Fanno eccezione a tale regola, seguendo una disciplina comunitaria specifica, le cessioni di beni a privati per corrispondenza. In questo caso l art. 40, co. 3, D.L. 331/1993, derogando all art. 7, D.P.R. 633/1972, considera effettuate nello Stato di partenza le cessioni di beni fatte su catalogo da parte di un soggetto passivo d imposta nei confronti di un privato domiciliato in uno Stato comunitario diverso. In base a tale regola se un operatore nazionale cede dei beni su catalogo ad un privato in Francia applicherà direttamente l IVA nazionale. Attenzione, però, che, nel caso in cui le cessioni poste in essere nei confronti di privati consumatori superano nel periodo dell anno e per Stato membro un ammontare fissato 2 da ciascun Stato membro, l operatore sarà costretto a no- * Tratto dal Pocket MAP n. 2 Import-export: IVA e dogane, Torino, ** Avvocato in Roma. *** Redazione MAP Roma. 1 Si pensi ad esempio agli acquisti a titolo gratuito, per cui non è verificato il requisito del trasferimento del diritto a titolo oneroso. Per queste operazioni si applicano le regole per le operazioni interne. 2 Per i limiti dei singoli Paesi si veda la Circolare Ministero delle Finanze 19/10/2000, n

2 Ci sono, inoltre, alcuni trasferimenti che sono esclusi da esplicite disposizioni di legge e un regime derogatorio 3 per particolari soggetti, quali ad esempio gli enti non commerciali, i produttori agricoli e coloro che effettuano esclusivaminarsi nello Stato membro di destinazione un rappresentante fiscale che fatturi l operazione con IVA nazionale di quel Paese; oggettivo: l operazione che riguarda solo ed unicamente la cessione dei beni deve comportare il passaggio della proprietà o di altro diritto reale di godimento a titolo oneroso dall operatore A all operatore B. Le operazioni gratuite non costituiscono mai operazione intracomunitaria e sono assoggettate ad imposta direttamente nel Paese del cedente. Nel caso in cui ci si trovi in presenza di un contratto in cui l effetto traslativo della proprietà o del diritto di godimento avviene in un momento successivo al trasferimento dei beni l operazione intracomunitaria si realizza al momento in cui si verifica detto passaggio. Si immagini il caso del consignment stock in cui l acquirente riceve delle materie prime dal fornitore in un determinato momento e per una determinata quantità per spuntare delle condizioni di acquisto migliori e prevede il trasferimento della proprietà solo al momento dell introduzione dei beni nella catena di produzione; territoriale: la transazione deve comportare il passaggio fisico dei beni da un territorio comunitario ad un altro territorio comunitario. Per cui se un operatore nazionale acquista dei beni in Francia da un operatore francese e ordina a tale operatore di consegnare i beni direttamente in Francia ad un suo cliente, l operatore nazionale non avrà realizzato un acquisto intracomunitario ma un acquisto rilevante solo in Francia e soggetto a IVA francese. La mancanza di uno dei predetti presupposti fa venire meno l acquisto intracomunitario. Attenzione, che come ogni disposizione IVA, anche l art. 38, D.L. 331/1993, prevede delle deroghe al principio generale. Per cui si considerano acquisti intracomunitari anche le seguenti operazioni: il semplice trasferimento di beni da un territorio all altro della Comunità da parte di un operatore comunitario per le esigenze proprie della sua impresa. Si immagini una società che per garantire una manutenzione immediata dei macchinari venduti in Italia invii in Italia dei pezzi di ricambio e costituisca nel nostro Paese uno stock. Il semplice passaggio costituisce acquisto intracomunitario per l operato- re straniero, che dovrà nominarsi in Italia un rappresentante fiscale per regolarizzare l acquisto intracomunitario; gli acquisti effettuati da enti non commerciali non soggetti passivi d imposta; gli acquisti di mezzi di trasporto nuovi, anche se il cedente non è un soggetto passivo d imposta e anche se il cessionario non effettua l acquisto nell esercizio d impresa arte e professione. Le condizioni per cui un mezzo di trasporto si considera nuovo sono fissate dall art. 38, co. 4, D.L. 331/1993. Ad esempio, sono considerati nuovi i veicoli con motore di cilindrata superiore a 48 cc o potenza superiore a 7,2 Kw con meno di sei mila chilometri se la cessione avviene prima che sia decorso il termine di 6 mesi dalla data del provvedimento di prima immatricolazione. Al contrario non si considerano acquisti intracomunitari, pur in presenza dei suddetti presupposti, le seguenti operazioni: introduzione di beni nel territorio dello Stato, in un deposito IVA; introduzione nel territorio dello Stato di beni per lavorazioni o riparazioni o manipolazioni usuali nel caso in cui gli stessi al termine della lavorazione siano spediti fuori dal territorio in cui è avvenuta la lavorazione; utilizzo temporaneo dei beni per l esecuzione di prestazioni di servizi in Italia, da parte dello stesso soggetto che li ha introdotti nel territorio dello Stato; acquisto di impianti o macchinari con installazione in Italia di beni da parte del fornitore o per suo conto; l introduzione nel territorio dello Stato di gas mediante sistemi di gas naturale e di energia elettrica, di cui all art. 7, co. 2, terzo periodo, D.P.R. 26/10/1972, n. 633; acquisto di beni se il cedente beneficia nel proprio Stato dell esonero quale piccola impresa. 3 Gli acquisti effettuati dai soggetti di seguito indicati, sono considerati fuori dal campo di applicazione IVA, entro un determinato limite quantitativo, salvo opzione per il regime ordinario. Pertanto, tali acquisti sono soggetti a tassazione nel Paese membro di provenienza dei beni. Con precisione, si veda il disposto dell art. 38, co. 5, D.L. 331/1993: Non costituiscono acquisti intracomunitari: a) l introduzione nel territorio dello Stato di beni oggetto di operazioni di perfezionamento o di manipolazioni usuali, ai sensi rispettivamente, dell art. 1, co. 3, lett. h) del Regolamento del Consiglio delle Comunità Europee 16/07/1985, n e dell art. 18 del Regolamento dello stesso Consiglio 25/07/1988, n. 2503, se i beni sono successivamente trasportati o spediti al committente, soggetto passivo di imposta, nello Stato membro di provenienza o per suo conto in altro Stato membro ovvero fuori dal territorio della Comunità; l introduzione nel territorio dello Stato di beni temporaneamente utilizzati per l esecuzione di prestazioni o che, se importati, beneficerebbero dell ammissione temporanea in esenzione totale dei dazi doganali; b) l introduzione nel territorio dello Stato, in esecuzione di una cessione, di beni destinati ad essere ivi installati, montati o assiemati dal fornitore o per suo conto; CONTINUA 2

3 mente operazioni esenti. Un caso particolare riguarda l introduzione nel territorio dello Stato di bobine, nastri, ecc, contenenti opere immateriali (es: film). Tale operazione non realizza un acquisto intracomunitario di beni, in quanto i suddetti supporti costituiscono un mero mezzo di sfruttamento del relativo diritto. Al contrario, l introduzione nel territorio dello Stato di nastri, cassette, dischi contenenti software standardizzato o altri prodotti, sempre standardizzati, si considera acquisto intracomunitario di beni 4. Infine, regole particolari sono previste per gli acquisti di beni effettuati all interno di una triangolare da parte di un operatore nazionale in qualità di promotore della triangolare stessa. Infatti, l acquisto effettuato da questo soggetto costituisce pur sempre un acquisto intracomunitario non soggetto ad imposta a condizione che lo stesso abbia designato quale debitore dell imposta il cessionario finale dell operazione. Si immagini il caso in cui l operatore italiano (IT) acquisti dei beni da un operatore francese (FR) e rivenda tali beni ad un operatore tedesco (DE), ordinando al francese di inviare i beni direttamente in Germania e designando quest ultimo quale debitore dell imposta. In questo caso IT effettua da FR un acquisto intracomunitario senza assoggettarlo ad imposta in quanto ha designato quale debitore dell imposta DE Caratteristiche tecniche dell acquisto intracomunitario Nelle operazioni di acquisto intracomunitario effettuate nel territorio dello Stato, il soggetto debitore dell imposta è il soggetto acquirente (soggetto passivo). Pertanto, l IVA risulta dovuta nel Paese di destinazione del bene. In particolare, l operazione di acquisto si considera effettuata nel territorio dello Stato se il bene viene trasportato o spedito nel territorio stesso (tranne il particolare caso delle operazioni triangolari di cui si è dato cenno nel paragrafo precedente). Parimenti, il momento di effettuazione dell operazione coincide con il momento della consegna dei beni nel territorio dello Stato, all acquirente o chi per lui. Queste norme richiamano quelle dettate in materia di IVA nazionale. Infatti, anche per la determinazione della base imponibile dell acquisto intracomunitario si fa riferimento a quanto dettato dalle regole ordinarie. Nella determinazione della base imponibile, quindi, oltre a considerare il corrispettivo dell acquisto, si fa riferimento anche alle spese di trasporto, di assicurazione ed ogni altra spesa contrattualmente prevista 5. Nel particolare caso richiamato nel paragrafo precedente, di trasferimento di beni da uno Stato membro all altro, nell ambito della stessa impresa, considerato come abbiamo visto acquisto intracomunitario, la base imponibile è data dal valore normale dei beni. Infine, anche relativamente all aliquota applicabile, si fa riferimento a quanto dettato dalla norma interna. Stessa cosa vale per il regime impositivo applicabile alle diverse operazioni (imponibili, non imponibili, esenti, non soggette o fuori campo) e le modalità di detrazione dell imposta Acquisti intracomunitari da parte di enti non commerciali Per queste operazioni è necessario fare una distinzione soggettiva che ci consentirà di comprendere a pieno il meccanismo applicativo della norma Enti non commerciali non soggetti passivi d imposta Questi soggetti, che sono privi di partita IVA, effettuano gli acquisti intracomunitari secondo due modalità operative. Regola generale: gli enti esclusivamente non commerciali, a differenza dei consumatori finali, assolvono l IVA nello Stato di destinazione (art. 38, co. 3, lett. c), D.L. 331/1993) con le seguenti modalità: registrazione, in apposito registro bollato e tenuto ai sensi dell art. 39, D.P.R. 633/1972, entro il mese successivo a quello in cui ne sono venuti in possesso, delle fatture ricevute (art. 47, co. 3, D.L. 331/1993). Le fatture devono essere, prima della registrazione, numerate progressivamente. Nel caso in cui, entro il mese successivo all effettuazione dell operazione, non si riceva la fattura, il cessionario o il committente dei servizi intracomunitari deve emettere entro il mese seguente, in unico esemplare, la fattura in luogo del cedente o prestatore del servizio. Nel caso in cui si sia ricevuta una fattura indicanc) gli acquisti di beni di mezzi di trasporto nuovi e da quelli soggetti ad accisa, effettuati da soggetti indicati nel co. 3, lett. c), dai soggetti passivi per i quali l imposta è totalmente indetraibile a norma dell art. 19, co. 3, D.P.R. 633/1972 e dai produttori agricoli di cui all art. 34 dello stesso decreto che non abbiano optato per l applicazione dell imposta nei modi ordinari se l ammontare complessivo degli acquisti intracomunitari e degli acquisti di cui all art. 40, co. 3 del presente decreto, effettuati nell anno solare precedente non ha superato 16 milioni di lire e fino a quando nell anno in corso, tale limite non è superato. L ammontare complessivo degli acquisti è assunto al netto dell imposta sul valore aggiunto e al netto degli acquisti di mezzi di trasporto nuovi di cui al co. 4 e degli acquisti di prodotti soggetti ad accisa; c-bis) l introduzione nel territorio dello Stato di gas mediante sistemi di gas naturale e di energia elettrica, di cui all art. 7, co. 2, terzo periodo, D.P.R. 26/10/1972, n. 633;(n.d.r. lettera aggiunta dall art. 1, co. 2, lett. a), D.Lgs. 294/2005, in vigore dal 28/01/2006); d) gli acquisti di beni se il cedente beneficia nel proprio Stato membro dell esonero disposto per le piccole imprese. 4 C.M. 23/02/1994, n. 13/E. 5 Se il bene è soggetto ad accisa, anche questa concorre alla formazione della base imponbile, se assolta od esigibile in dipendenza dell acquisto. 6 Di regola, l IVA relativa agli acquisti intracomunitari non influisce sul debito di imposta, in quanto viene registrata a debito e a credito nello stesso periodo e per lo stesso importo. Le due registrazioni, quindi, si compensano. 3

4 In particolare, dette operazioni vanno indicate nel quadro VA (informazioni e dati relativi all attività) e nel quadro VF (ammontare degli acquisti intracomunitari). In particote un corrispettivo inferiore a quello reale, si deve emettere fattura integrativa entro il mese seguente alla registrazione della fattura originaria. In questi due ultimi casi la registrazione nell apposito registro deve avvenire entro lo stesso mese di emissione delle relative fatture; presentazione in duplice esemplare, ed entro il mese successivo alla registrazione dell operazione, di una dichiarazione (Mod. Intra 12 allegato al D.M. 16/02/1993), relativa agli acquisti registrati nel mese precedente. Dalla dichiarazione devono risultare l ammontare degli acquisti, quello dell imposta dovuta e gli estremi del relativo attestato di versamento (art. 49, co. 1, D.L. 331/1993). La dichiarazione deve essere presentata solo nei mesi in cui sono stati effettuati acquisti intracomunitari; versamento, entro il mese successivo alla registrazione dell operazione, dell imposta con le modalità di cui all art. 38, D.P.R. 633/1972; nel caso di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione infedele si applica, ai sensi dell art. 5, D.Lgs. 471/1997, una sanzione amministrativa dal 120 al 240% dell imposta non dichiarata. Per l omesso versamento dell imposta si paga una sanzione amministrativa pari al 30% dell imposta non versata (art. 13, D.Lgs. 471/1997). Il legislatore, al fine di evitare a questi soggetti l effettuazione di tutti gli adempimenti precedentemente illustrati, ha previsto una specifica regola di esonero, con tassazione diretta nello Stato d origine del venditore o del prestatore del servizio per tutti gli acquisti intracomunitari a condizione che dette operazioni non abbiano superato nell anno solare precedente e non superino nell anno in corso il limite degli 8.263,31 (16 milioni di lire) (art. 38, co. 5, lett. c), D.L. 331/1993). L importo è calcolato sull ammontare complessivo degli acquisti intracomunitari al netto dell IVA e al netto degli acquisti di mezzi di trasporto nuovi o di prodotti soggetti ad accise (l esclusione di queste due tipologie di operazioni è dovuta al fatto che sono trattate in maniera diversa secondo procedure specifiche: le prime cessioni di mezzi di trasporto regolamentate dall art. 53, D.L. 331/1993, le seconde prodotti soggetti ad accise in cui l IVA è riscossa contestualmente all accisa, regolamentate dall art. 38, co. 3, lett. e), D.L. 331/1993). Il superamento dell ammontare di 8.263,31 determina in automatico, da quel momento in poi, l applicazione della regola generale con tassazione nel Paese di destinazione con le modalità precedentemente considerate. L ufficio IVA, al superamento del suddetto limite attribuisce all ente il numero di partita IVA previa dichiarazione da parte dell ente stesso di inizio attività. Per consentire all ufficio IVA il controllo dell importo e la determinazione del momento del superamento del limite di 8.263,31, l ente non commerciale deve effettuare al suddetto ufficio, prima della realizzazione dell acquisto intracomunitario, una apposita comunicazione utilizzando il Mod. Intra 13, istituito dal D.M. 16/02/1993. Tale segnalazio- ne non deve essere effettuata per gli acquisti intracomunitari di prodotti editoriali. L ente può, anche per acquisti inferiori a 8.263,31, richiedere l applicazione dell imposta secondo la regola generale esercitando un apposita opzione ai sensi dell art. 38, co. 6, D.L. 331/ Enti non commerciali, soggetti passivi d imposta, per acquisti intracomunitari istituzionali Gli enti non commerciali che svolgono anche attività commerciale non sono considerati, ai sensi del quarto comma dell art. 4, D.P.R. 633/1972, soggetti passivi d imposta per le operazioni relative alle loro attività istituzionali. Nel caso in cui tali enti effettuino, nello svolgimento di dette attività istituzionali, acquisti intracomunitari, gli stessi sono assoggettati alla regola generale prevista per gli enti esclusivamente non commerciali, il cui meccanismo applicativo lo abbiamo già analizzato in precedenza, ma sono esonerati dalla presentazione del Modello Intra 13. Al contrario, anche nello svolgimento di attività istituzionali, non gli è concesso per acquisti inferiori a 8.263,31 il regime di esonero previsto per gli enti esclusivamente non commerciali Enti non commerciali per lo svolgimento di attività commerciali Gli enti non commerciali che svolgono anche attività commerciale nel caso in cui effettuino acquisti per fini commerciali sono assoggettati alle regole generali previste dal D.L. 331/1993 per tutti i soggetti passivi d imposta. Acquisti intracomunitari degli enti non commerciali SOGGETTI Enti esclusivamente non commerciali ESONERO FINO A 8.263,31 (16 mln) SALVO OPZIONE SEGNALAZIONE ACQUISTI FINO A 8.263,31 (16 mln) (Mod. Intra 13) SI SI SI Enti non commerciali esercenti NO NO SI anche attività commerciale per le operazioni istituzionali 4. Profili dichiarativi TENUTA APPOSITO REGISTRO E VERSAMENTO MENSILE DELL IVA ACQUISTI (Mod. Intra 12) 4

5 lare le specifiche operazioni vanno riepilogate in: VA31: gli acquisti intracomunitari, non solo quelli che hanno subito regolarmente l imposta attraverso la duplice annotazione nei registri IVA, ma anche quegli acquisti intracomunitari che non hanno scontato l imposta. Si pensi agli acquisti intracomunitari con utilizzo del plafond, ovvero gli acquisti intracomunitari oggettivamente non soggetti ad imposta quale ad esempio gli acquisti intracomunitari con introduzione in deposito IVA (art. 50-bis, D.L. 331/1993). Nella particolare voce VA31 vanno riportati solo ed unicamente gli acquisti di beni intracomunitari e non anche le prestazioni di servizi. La voce VA31, contenendo tutti gli acquisti intracomunitari, può risultare molto utile per effettuare un controllo incrociato con i modelli Intrastat che sono stati compilati dall ente per verificare che i dati coincidano. In effetti, se non coincidono potrebbero essere difformi perché contengono anche prestazioni intracomunitarie ricevute non contenute in VA31 ovvero perché siamo in presenza di errori. In questo ultimo caso sarà necessario, prima di presentare la dichiarazione, effettuare dei controlli più approfonditi; da VF1 a VF11: l ammontare degli acquisti intracomunitari effettuati nell anno. Attenzione, nei casi in cui le operazioni non diano diritto a detrazione si deve compilare il rigo VF17; VJ9: per la quadratura della dichiarazione, considerando che gli acquisti intracomunitari vengono registrati sia nel registro vendite che nel registro acquisti, l ammontare delle specifiche operazioni e la relativa imposta deve essere riportato anche nel quadro VJ. 5. I Modelli INTRASTAT Dal 1 gennaio 2007 sono scattate, per tutti i contribuenti che effettuano operazioni intracomunitarie, alcune semplificazioni di compilazione e presentazione dei modelli Intrastat, emanate dal Dipartimento delle Politiche fiscali con il Decreto del 20/12/ Le semplificazioni presentano delle caratteristiche che necessitano, da parte di tutti coloro che realizzano operazioni con gli altri Stati membri, un attenta valutazione allo scopo di verificare se la propria posizione sia o meno interessata dalle modifiche. Questa verifica è necessaria per conoscere esattamente quali sono per l anno 2007 i relativi adempimenti che ciascun contribuente deve osservare, anche perché è possibile che la propria impresa non è più tenuta, ad esempio, a presentare il modello degli acquisti intracomunitari mensilmente, ma che invece lo debba presentare annualmente. In questa sede cercheremo di definire le novità e gli effetti pratici della modifiche Periodicità e relative soglie Il Decreto modifica in aumento le soglie che determinano la periodicità di presentazione dei Modelli Intrastat. Ad oggi, dunque, la situazione può essere sintetizzata nella seguente tabella: Acquisti intracomunitari dal 2007 Periodicità: - Mensile: se l ammontare degli acquisti è superiore a Annuale: se l ammontare degli acquisti è inferiore a ** Voci del modello - Natura della transazione: obbligo di compilazione solo statistico - Nomenclatura combinata: obbligo di compilazione solo statistico - Per quanto riguarda gli elenchi riepilogativi mensili degli acquisti intracomunitari, sono tenuti alla menzione del valore statistico, delle condizioni di consegna e del modo di trasporto, i soggetti che hanno realizzato nell anno precedente o, in caso di inizio dell attività di scambi intracomunitari, presumono di realizzare nell anno in corso, un valore annuo delle spedizioni superiore a ,00 ** In caso di superamento della soglia di nel corso dell anno, il soggetto obbligato è tenuto a presentare gli elenchi con cadenza mensile a decorrere dal mese successivo al trimestre nel corso del quale la soglia è stata superata Voci del modello Importante novità operativa, che semplifica notevolmente la vita delle imprese dal 2003, è che non è più necessario inserire, ai fini fiscali, la voce della nomenclatura combinata. In effetti, tale voce è inserita, solo ai fini statistici, dagli operatori che presentano i modelli con periodicità mensile. Questa modifica comporta il superamento per gli operatori delle difficoltà che trovavano nell esatta individuazione della voce doganale di riferimento. Sempre in riferimento alle singole voci del modello bisogna segnalare che, sempre ai soli fini fiscali, è stato eliminato nella maggior parte dei casi l inserimento sul modello della natura della transazione. Il dato rimane solo ai fini statistici per i soggetti con periodicità mensile. L informazione resta obbligatoria, sia ai fini fiscali che statistici, nel caso in cui il modello venga presentato in riferimento ad una operazione triangolare (si ricorda, in particolare, che questo obbligo nasce dalla necessità di individuare nelle triangolari l esistenza dell operazione stessa da parte del promotore dell operazione che compila la voce natura della transazione con un dato alfabetico in luogo del normale dato numerico). Ultima sostanziale novità delle singole voci dei modelli è costituita dal rilevante incremento delle soglie che consentono agli operatori di non inserire nelle righe di dettaglio il valore statistico dell operazione, le condizioni di consegna e il modo di trasporto. I nuovi limiti sono, ri- 7 Pubblicato sulla G.U. n. 302 del 30/12/

6 spettivamente, sia per gli acquisti intracomunitari, sia per le cessioni di 20 milioni di euro. In pratica, se nell anno precedente non si sono superati i predetti limiti o se nell anno in corso non si intende superarli i predetti elementi non vanno inseriti. Le modifiche introdotte per le voci natura della transazione e nomenclatura combinata comportano il venir meno dell effetto di duplicazione delle sanzioni. In effetti, queste voci che nel 2002 avevano una doppia funzione statistica e fiscale comportavano la potenziale possibilità di applicare al contempo le relative sanzioni fiscali previste dall art. 11, co. 4, D.Lgs. 471/1997, e le relative sanzioni statistiche previste dal D.P.R. 322/ Modelli Intrastat e relativi adempimenti Soggetti Rientrano tra i soggetti obbligati alla presentazione dei modelli riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari tutti i soggetti passivi d imposta sul valore aggiunto che effettuano scambi con altri soggetti passivi IVA residenti in altri Stati membri della Comunità Europea. Tale adempimento, peraltro, può essere delegato 8 ad altri soggetti, mediante regolare procura, facendo permanere in capo ai titolari del rapporto l eventuale responsabilità dei contenuti dei modelli Intrastat. Modalità di presentazione e scadenze Individuati, quindi, i soggetti tenuti alla presentazione dei modelli Intrastat, di seguito si evidenzieranno i momenti entro cui comunicare gli elenchi Intrastat e le modalità con le quali gli stessi possono essere alternativamente presentati. Gli elenchi riepilogativi sono presentati ad un qualsiasi ufficio doganale abilitato della circoscrizione doganale territorialmente competente, in relazione alla sede del soggetto obbligato o del terzo delegato, entro il giorno 20 del mese successivo a quello di riferimento, nel caso di elenchi mensili, ed entro la fine del mese successivo al periodo di riferimento, nel caso di elenchi trimestrali ed annuali. Le suddette scadenze sono prorogate di giorni cinque in caso di utilizzazione dell EDI (Electronic Data Interchange) per la presentazione degli elenchi riepilogativi. In sintesi, dunque, i soggetti interessati possono, alternativamente, presentare i modelli Intrastat nei seguenti modi: presentazione telematica on-line tramite il sito dell Agenzia delle Dogane con il software EDI; consegna manuale all ufficio doganale competente che una volta ricevuti gli elenchi rilascia ricevuta mediante apposita annotazione su una copia del frontespizio, da restituire alla parte interessata; spedizione a mezzo raccomandata, facendo fede, in tal caso, ai fini dell osservanza dei termini, la data del timbro postale. Modello Intrastat mensile cessioni/acquisti Modello Intrastat trimestrale cessioni Modello Intrastat annuale cessioni/acquisti PRESENTAZIONE Manuale o postale entro e non oltre il 20 di ogni mese Telematica entro e non oltre il 25 di ogni mese Manuale o postale entro e non oltre la fine del mese successivo al trimestre (30/4; 31/7; 31/10; 31/1 dell anno successivo) Telematica posticipata al giorno 5 del secondo mese successivo alla scadenza del trimestre (5/5; 5/8; 5/11; 5/2 dell anno successivo) Manuale o postale entro e non oltre il 31/1 dell anno successivo a quello di riferimento Telematica entro e non oltre il giorno 5/2 dell anno successivo a quello di riferimento Contenuti degli elenchi Le operazioni intracomunitarie soggette ad indicazione all interno dei modelli Intrastat possono essere suddivise in relazione ad una parte meramente statistica, ad un altra fiscale e ad una terza che ne possiede, parzialmente, entrambe le caratteristiche. In tal senso, si possono individuare tre diverse tipologie: quelle relative alla sola parte fiscale: rientrano in questa fattispecie sia le triangolazioni comunitarie nelle quali il promotore è il soggetto italiano, sia le triangolazioni comunitarie con lavorazioni, avendo riguardo agli acquisti ed alla cessione, qualora, in quest ultimo caso, i beni siano lavorati da altro soggetto italiano; quelle aventi sia la parte fiscale che statistica: tra queste si possono evidenziare le vendite e gli acquisti di beni intracomunitari ed operazioni assimilate alle stesse (acquisti/cessioni da parte di enti o associazioni non soggetti passivi, acquisti/cessioni a titolo oneroso di mezzi di trasporto nuovi, ecc ); quelle concernenti la parte statistica: tra cui vi sono le cd. cessioni chiavi in mano, ricomprendenti l installazione di beni in Italia da parte di fornitori comunitari Programma telematico Dal 2003 e sempre in materia di elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie l Agenzia delle Dogane ha inserito il nuovo software di compilazione e di trasmissione dei modelli Intrastat denominato Il programma, che può essere scaricato direttamente dal sito fornisce agli operatori economici i seguenti servizi: compilazione dei modelli. In pratica viene fornito in modo virtuale il modello ed è possibile compilarlo con una serie di aiuti in linea; 8 V. art. 2, D.M. 27/10/

7 controllo formale degli Intrastat. Il programma consente in modo automatico e immediato di controllare i modelli al fine di evidenziare gli errori formali commessi nella compilazione del modello stesso; invio telematico. Una procedura informatica guidata facilita la trasmissione del modello direttamente all Agenzia delle Dogane attraverso il sistema informativo doganale. Gli operatori per quest ultimo servizio di trasmissione devono aderire al servizio. Per maggiori informazioni sullo specifico servizio sempre sul sito dell agenzia delle Dogane è possibile consultare la sezione denominata E.D.I. istruzioni ed informazioni per l utilizzo del servizio telematico doganale. Il programma, come sottolinea l Agenzia delle Dogane, è stato creato non solo per gli operatori economici che vogliono spedire direttamente i Modelli Intrastat, ma anche per i consulenti di impresa che abitualmente spediscono per terzi lo specifico modello. Nel Pocket MAP n 2 IMPORT-EXPORT: IVA E DOGANE: Libro MAP n. 38 Edizione maggio 2008 PARTE I - Le importazioni PARTE II - Le esportazioni PARTE III - Le prestazioni di servizi internazionali PARTE IV - Gli acquisti intracomunitari PARTE V - Le cessioni intracomunitarie PARTE VI - Le prestazioni di servizi intracomunitarie Consulta l indice 7

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Ufficio delle Dogane di Ferrara Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Relatore: Simona Palazzi Ferrara, 16 settembre 2014 INDICE 1. L agevolazione fiscale - Genesi ed evoluzione

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli