IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile"

Transcript

1 IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile Dott. Andrea Mondini Facoltà di giurisprudenza Università di Bologna 1

2 PRINCIPI IVA Imposta generale sul consumo comunitaria proporzionale al prezzo di beni e servizi qualunque sia il numero delle transazioni intervenute nel processo produttivo-distributivo pagamento frazionato ed anticipato ad ogni stadio di commercializzazione neutralità per operatori economici l imposta è dovuta per masse di operazioni realizzate in un certo arco temporale ( IVA a valle ) dall imposta dovuta si deduce l IVA che ha gravato sul costo dei diversi elementi costitutivi del prezzo ( IVA a monte ) concatenazione di IVA a debito ed IVA a credito: neutralità è assicurata dall operare congiunto di diritto/dovere di rivalsa diritto a detrazione d imposta 2

3 NEUTRALITA - rivalsa/detrazione aliquota 20% 100x20% = 20 ERARIO 20 IVA 40 da versare 300x20%= 60-20= 40 detrazione IVA a monte A B C cessione bene prezzo + 20 IVA rivalsa = 120 prezzo al netto di IVA 300 prezzo + 60 IVA rivalsa = 360 consumatore finale valore aggiunto cessione B-C = 200 ( ) IVA versata =40 cioè 20% del valore aggiunto per B operazione è a costo zero: il costo IVA è dato da IVA addebitata a monte (20) e IVA da versare a valle (40) = 60: attraverso rivalsa e detrazione sterilizza il costo 3

4 OPERAZIONI Operazioni in campo IVA (soggette ad IVA) op. imponibili cessioni di beni e prestazioni di servizi importazioni acquisti intracomunitari op. non imponibili cessioni all esportazione e op. assimilate op. esenti Operazioni escluse (fuori campo IVA) Senza pagamento imposta. Diversi regimi per detrazione e adempimenti formali 4

5 PRESUPPOSTI I 3 presupposti IVA delle operazioni imponibili : l IVA si applica su (art. 1 dpr 633/72): cessioni di beni e prestazioni di servizi (pr. oggettivo) effettuate nel territorio dello Stato (pr. territoriale) nell esercizio d imprese o professioni (pr. soggettivo) per le importazioni e gli acquisti intracomunitari i 3 presupposti si articolano in modo autonomo importazioni cfr. art 67 ss. dpr 633 (indifferente presupposto soggettivo: chiunque ) acquisti intracomunitari cfr. dl 331/93 5

6 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni e prestazioni di servizi Distinzione rilevante perché hanno differenti regimi. Ad es.: territorialità operazioni gratuite momento di effettuazione nozioni comunitarie trasposte nel diritto interno in base a categorie proprie del diritto civile italiano 6

7 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni trasferimento di proprietà di beni trasferimento o costituzione di diritti reali di godimento di beni (esclusi pegno e ipoteca) a titolo oneroso Acquisto a titolo derivativo e non originale (es. usucapione) proprietà è diritto di godere e disporre rileva nell IVA il potere di disposizione giuridica Non rileva il tipo di atto: contratti e negozi giuridici (ad es. vendita; somministrazione di cose; prestito di consumo) atti giurisdizionali (sentenze di trasferimento della proprietà) atti amministrativi (espropriazione per pubblica utilità Ma è necessario che sia a titolo oneroso: esistenza di controprestazione (prezzo, corrispettivo o indennizzo) 7

8 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate alle cessioni di beni vendita a rate con riserva di proprietà (vendita obbligatoria) e locazioni con clausola di trasferimento della proprietà al locatario vincolante per entrambe le parti passaggi di beni tra committente/commissionario (mandato senza rappresentanza a vendere acquistare) 8

9 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Segue operazioni assimilate: imponibili le cessioni di beni anche se gratuite (solo per impresa) se la loro produzione/commercio rientra nell attività propria dell impresa sempre imponibile (salvo cessioni di campioni gratuiti di modico valore unitario che non sono considerati cessioni) non rientra nell attività propria dell impresa imponibile se di costo unitario superiore ad euro 25,82 salvo che all acquisto del bene ceduto gratuitamente non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 9

10 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): Destinazione a consumo personale/familiare imprenditore/professionista o a finalità estranee all impresa, anche se per cessazione attività, di beni (merce, strumentali, o comunque acquistati nell esercizio d impresa ) cd. autoconsumo esterno autoconsumo interno è escluso ma rientra nella dest. a finalità estranee utilizzo del bene in altra impresa dello stesso soggetto salvo che all acquisto del bene autoconsumato non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 10

11 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): assegnazioni di beni ai soci da parte di società di qualunque tipo ed oggetto a qualunque titolo effettuate: attribuzione di proprietà (soc. capitali) o divisione di beni (soc. di persone) scioglimento e liquidazione rimborso di capitale come dividendi 11

12 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni: cessioni di denaro o crediti in denaro che non costituisca corrispettivo di una cessione o prestazione (onerosità) es.: oblazioni o contributi a fondo perduto cessione del credito: esclusa da IVA se è pagamento di precedente obbligazione, senza sottostante causa di finanziamento (ad es. se è previsto un corrispettivo per la liquidità): altrimenti è operazione soggetta ad IVA ma esente cessioni e conferimenti in società di aziende o rami di azienda a condizione che il cessionario prosegua l attività e non liquidi subito dopo l azienda problema delle cessioni frazionate di singoli beni per evitare applicazione imposta di registro (non detraibile) problema della cessione di marchio d impresa con l azienda conferimenti di singoli beni e servizi sono imponibili 12

13 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni (segue): passaggi di beni in occasione di operazioni straordinarie d impresa (fusioni, trasformazioni o scissioni) cessioni di terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria (si applica registro) cessioni di campioni gratuiti di modico valore altri casi speciali individuati in altre testi legislativi 13

14 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi nella direttiva comunitaria nozione residuale: tutto ciò che non è cessione di beni nel dpr 633 elencazione contratti tipici mandato, contratto d opera, appalto, spedizione e trasporto, mediazione e agenzia, deposito +assunzione obbligazione di fare, non fare, permettere, quale ne sia la fonte (atto pubblico o privato) 14

15 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi elementi essenziali (interpretazione secondo giurisprudenza comunitaria): rapporto giuridico obbligatorio vincolante per le parti (anche senza coattività ) onerosità (non remunerazione, profitto): scambio (sinallagma: relazione diretta e biunivoca) di prestazioni in cui il compenso ricevuto da prestatore è il controvalore effettivo del servizio all utente prestazioni gratuite di servizi non sono imponibili 15

16 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Casi particolari: non sono prestazioni di servizi: obbligo di astenersi dal produrre latte vs indennizzo percezione di denaro per attività di suonatore ambulante trasporto gratuito di dipendenti al luogo di lavoro senza relazione con prestazione lavorativa o retribuzione transazione tra imprenditori sono state giudicate pr. di servizi rinuncia a diritto di prelazione vs indennizzo patto di non concorrenza nel quadro della cessione di attività tra professionisti 16

17 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi: op. assimilate (se onerose): locazione di beni cessione o concessione di diritti d autore e beni immateriali (opere ingegno da parte di sogg. diversi dagli autori; proprietà industriale: marchi, brevetti, ecc.) prestiti di denaro, operazioni finanziarie mediante negoziazione di crediti ecc. cessioni di contratti effettuazione di alcune prestazioni di servizi da parte della società ai soci (locazioni, diritti d autore, cessioni di contratti) autoconsumo di servizi (solo per impresa non per professionisti); prestazioni di servizi gratuite per finalità estranee all impresa; se IVA relativa a beni e servizi relativi a esecuzione è detraibile valore di mercato di ciascuna operazione superiore a 25, 82 euro non si tratti di alcuni particolari servizi Anche per le prestazioni di servizi vi sono ipotesi di esclusioni direttamente disposte dalla legge 17

18 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Momento di effettuazione delle operazioni (art. 6 dpr 633) cessioni: immobili: stipulazione contratto mobili: consegna o spedizione al momento dell efficacia traslativa/costitutiva se posteriore, comunque entro 1 anno consegna per mobili deroghe (cessioni per atto di pubblica autorità, somministrazioni, commissioni, autoconsumo) prestazioni di servizi: pagamento del corrispettivo (momento dell ultimazione per autoconsumo di servizi) conseguenza: esigibilità imposta fatturazione o pagamento del corrispettivo anteriore a operazione operazioni con enti pubblici territoriali 18

19 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Che cos è impresa ai fini dell IVA? attività svolta per professione abituale attività occasionali? stagionali? affari isolati? senza scopo di lucro? anche non esclusiva commerciale ex art c.c. o agricola ex art c.c. anche se non organizzata in forma d impresa(azienda) irrilevanti aspetti dimensionali e iscrizione nel registro imprese (piccolo imprenditore) l organizzazione è necessaria se si tratta di attività di prestazione di servizi non rientranti nell art c.c. (e non riconducibili ad arti/professioni) 19

20 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Attività agricole (2135 c.c.) coltivazione fondo, silvicoltura, allevamento attività connesse (manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione) Attività commerciali (2195 c.c.) industriali di intermediazione commerciale di trasporto bancarie assicurative ausiliarie 20

21 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Distinzione in base alla forma giuridica del soggetto persona fisica società ed enti commerciali associazioni ed enti non commerciali enti pubblici 21

22 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Imprenditori individuali rientrano nel campo IVA le operazioni svolte nel regime di impresa: cessioni di beni relativi all impresa (beni merce e beni strumentali): rileva l appartenenza al patrimonio dell impresa o a quello personale (uso privato) prestazioni di servizi rese nello specifico esercizio delle attività d impresa 22

23 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Società ed altri enti commerciali presunzione assoluta di commercialità: tutte le operazioni si considerano d impresa, soggette ad IVA anche a prescindere dal carattere occasionale anche operazioni verso i soci o partecipanti altri enti commerciali esercizio di attività commerciali o agricole come oggetto esclusivo o principale è tale l attività che è essenziale per la realizzazione dei propri fini tipici ed istituzionali enti non commerciali associativi rilevano ai fini IVA le attività marginali commerciali o agricole anche operazioni verso associati se con corrispettivi specifici Come determinare quale tipo di attività prevale? legge, atto costitutivo, statuto (atto pubb./scrittura privata) in mancanza, attività effettivamente esercitata (enti non residenti) condizioni formali e clausole specifiche nella redazione atti cost. e statuti perdita della non commercialità se attività commerciale prevalente 23

24 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Enti pubblici non sono soggetti passivi IVA per le attività svolte: in quanto pubbliche autorità, anche se contro il pagamento di somme (tasse-diritti-canoni-contributi): attività svolte in regime giuridico pubblico, secondo il diritto nazionale, diverso da quello degli operatori economici privati rilevano non l oggetto o il fine dell attività, ma le modalità di esercizio (poteri autoritativi/sanzionatori: attività amministrativa) in via diretta (il terzo indipendente che esercita per concessione o per delega funzioni pubbliche verso corrispettivo è sogg. IVA) senza possibilità di concorrenza con privati che esercitino le stesse attività (salvo casi di operazioni esenti) altrimenti imponibilità se dall esclusione da IVA può derivare una distorsione concorrenziale non trascurabile esempi tratti dalla giurisprudenza comunitaria: parcheggi pubblici esattori locali erogazione contributi agricoli o contributi latte 24

25 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Presunzioni assolute ex art. 4 dpr 633/72 di commercialità (anche per enti pubblici).es.: cessioni beni nuovi prodotti per vendita acqua gas energia elettrica trasporto di merci e di persone gestione di fiere commerciali, mense pubblicità commerciale ecc. di non-commercialità (anche per società). Es.: servizi consortili (controlli di qualità e marchi) cessioni in manifestazioni propagandistiche di partiti politici attività di godimento di patrimoni possesso e gestione di unità immobiliari cat. A in godimento, anche indiretto, ai soci (società immobiliari di comodo ) possesso e gestione di titoli azionari o obbligazionari (percezione di dividendi da parte di società holding senza interferenze di gestione) [Attenzione: secondo la Direttiva IVA lo sfruttamento di beni per ricavarne introiti con carattere di stabilità è attività economica] 25

26 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Ulteriori delimitazioni della nozione di attività economica (giurisprudenza comunitaria) attività di servizi completamente gratuita è fuori campo IVA attività illecite di per sé l illiceità non rileva per escludere IVA. Tuttavia: se illiceità riguarda la natura o le caratteristiche intrinseche dei beni e servizi, non si applica IVA divieto assoluto di commercializzare quei beni implica impossibilità di concorrenza con un mercato lecito (es. stupefacenti, denaro falso se l illiceità riguarda altri profili dell operazione, e non esclude l esistenza di un mercato lecito di quei prodotti/servizi, allora si applica l IVA perché i prodotti/servizi non sono esclusi da un mercato concorrenziale (es. prodotti contraffatti, attività non debitamente autorizzate, importazioni di contrabbando) 26

27 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando inizia l impresa ai fini IVA? sono necessari iscrizione nel registro delle imprese, dichiarazione di intenti, adempimento formalità? gli atti interni di organizzazione, anteriori all attività esterna di gestione, sono già esercizio d impresa? Il problema riguarda: adempimento obblighi formali e strumentali esercizio diritto a detrazione Società commerciali : rileva iscrizione registro imprese (soc. di capitali, per le società di persone rileva il momento della costituzione) - da quel momento opera la presunzione di commercialità anche per gli atti preparatori successivi atti preparatori anteriori all iscrizione possono essere imputati fiscalmente alla società se necessari alla sua costituzione e da essa ratificati - operazioni effettive rilevano per dichiarazione inizio attività e obblighi tenuta contabilità. Persone fisiche: atti preparatori: intenzione di svolgere attività in modo autonomo deve essere confermata da elementi oggettivi il diritto a detrazione spetta immediatamente e non può essere condizionato alla presentazione dichiarazione inizio attività rimane acquisito anche se attività non viene poi svolta per cause indipendenti dalla volontà del soggetto passivo 27

28 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando cessa l impresa a fini IVA? quando cessa attività definitivamente non rileva sospensione obbligo di dichiarazione ma: non basta dichiarare volontà di cessare: anche atti di liquidazione sono attività economica (cfr. art. 35 dpr 633) autoconsumo o destinazione a finalità estranee anche in caso di cessazione impresa per le società: rileva estinzione per cancellazione registro imprese dopo fase di liquidazione 28

29 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Esercizio di arti e professioni lavoro autonomo, non subordinato, anche non esclusivo professionalità, abitualità, non occasionalità anche mediante società semplici o associazioni professionali esclusi i rapporti di co.co.co, se non rientrano nell oggetto proprio di (altra) attività professionale professionisti intellettuali (albi professionali)... e non (difficile distinguerli da piccoli imprenditori) 29

30 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA pr. della territorialità dell imposizione imponibilità solo entro il territorio dello Stato armonizzazione e mercato unico: obiettivo: tassazione nel Paese di origine pr. della tassazione al consumo Paese di destinazione del bene/servizio (regime transitorio: cfr. acquisti intracomunitari) nozione legale di territorio: dello Stato (diverso sia dal territorio doganale sia da quello su cui si esercita la sovranità) della Comunità europea (campo di applicazione del Trattato CE) 30

31 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Quando un operazione è effettuata nel territorio dello Stato? cessioni di beni rileva la localizzazione materiale del bene al momento della cessione (ex art. 6 dpr 633) non rileva in genere il luogo di conclusione/esecuzione del contratto né il luogo di stabilimento delle parti contrattuali occorre distinguere tra beni mobili e immobili 31

32 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Cessione di beni immobili imponibile se bene è nel territorio statale al momento di effettuazione Cessione di beni mobili verificare regime del bene: deve essere nazionale comunitario o in libera pratica in temporanea importazione sono esclusi i beni esteri in transito, quelli nei depositi doganali o quelli immessi nei punti franchi regole speciali: si guarda al: luogo del momento iniziale della spedizione o trasporto luogo di montaggio o installazione per gas ed energia elettrica, luogo di stabilimento dell acquirente rivenditore o luogo di consumo da parte dell acquirente non rivenditore per cessioni di beni durante trasporti intracomunitari di persone, luogo di inizio trasporto 32

33 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Prestazioni di servizi luogo di domicilio/residenza del prestatore (regola generale) numerose eccezioni luogo del bene oggetto del servizio (immobili) luogo di effettuazione luogo di residenza/domicilio committente luogo di utilizzazione servizio 33

34 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Esempio: prestazione di consulenza del professionista si considera effettuata in Italia se: resa a committente domiciliato/residente in Italia e utilizzata in Italia o in altro Stato CE (anche se il professionista non è dom/res in Italia; non rileva soggettività IVA del committente) resa a committente consumatore finale dom/res in altri Stati CE (ma solo se professionista è dom/res in Italia; se committente è soggetto passivo all estero, prestazione non è imponibile in Italia) se il committente è dom/res fuori della CE, l operazione non è imponibile tuttavia per altre prestazioni, diverse dalla consulenza, si prevede che se sono utilizzate in Italia sono ivi imponibili, se sono utilizzate all estero no 34

35 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Stabile organizzazione territorialità sussiste se operazione è posta in essere da s.o. in Italia di sogg. dom/res all estero (non da s.o. all estero di sogg. dom/res in Italia) nozione IVA è diversa da quella nell IRES: art 162 TUIR e Mod. OCSE centro di attività stabile: succursale con struttura idonea, sul piano del corredo umano e materiale, ad effettuare in modo autonomo operazioni imponibili (v. sent. CdG Aro Lease1997) non sufficiente s.o. materiale (impianti) non ha autonoma soggettività tributaria rapporti tra casa madre e s.o. (riaddebito dei costi alle succursali) non configurano operazioni rilevanti ai fini IVA (sent. CdG FCE Bank2006) 35

36 OPERAZIONI ESENTI Operazioni esenti hanno tutti i requisiti dell imponibilità ma espresse norme di legge escludono imponibilità elencazione tassativa e di stretta interpretazione (deroga alla neutralità del tributo) effetti dell esenzione: no obbligo pagamento imposta sì obblighi formali: di registrazione, fatturazione, dichiarazione (salvo op. esente concorre a definire il volume d affari limite alla detrazione indetraibile l IVA a monte afferente operazioni esenti indetraibilità specifica parziale per beni/servizi utilizzati anche per operazioni esenti (occasionali) pro rata di detrazione per chi svolge attività sia imponibili sia esenti 36

37 OPERAZIONI ESENTI Esenzioni soggetto passivo sopporta il carico fiscale come se fosse consumatore finale (non paga IVA ma non ha detrazione: può comunque traslare l IVA a monte nel prezzo) giustificazioni eterogenee: di carattere sociale (es. prestazioni mediche) di opportunità (es. operazioni finanziarie, bancarie, assicurative: evitare gravame IVA su costo denaro) di coerenza interna del tributo (es. esenzione di cessioni di beni acquistati senza diritto a detrazione totale per espressa disposizione di legge) antifrode: esenzioni cessioni e locazioni immobiliari (es. di esenzione opzionale) 37

38 OPERAZIONI NON IMPONIBILI Operazioni non imponibili cessioni all esportazione, servizi internazionali connessi agli scambi internazionali disciplina analoga a esenzione, salvo possibilità di detrazione piena giustificazione: territorialità, detassazione nello Stato di origine, tassazione nello Stato (estero di destinazione) regime particolare degli esportatori abituali anche le cessioni intracomunitarie sono non imponibili, se effettuate verso soggetti IVA correlativamente sono imponibili gli acquisti comunitari compiuti da soggetti IVA 38

39 BASE IMPONIBILE principi generali (CdG CE) onerosità possibilità di esprimere il corrispettivo in termini pecuniari soggettività del valore rappresentato dal corrispettivo imponibile effettività del corrispettivo connessione diretta tra corrispettivo e op. imponibile rilevanza della reciprocità delle prestazioni economiche rese nell ambito del rapporto giuridico 39

40 BASE IMPONIBILE ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente o prestatore secondo le condizioni contrattuali irrilevante chi paga (utente o terzo):effettività caso del pagamento effettuato dall emittente carta di credito (trattenuta per commissione remunerativa prestazione di servizi rientra nell imponibile della cessione merce: rileva il fatturato al cliente) compresi oneri e spese (addebitate o meno al cessionario) soggettività: caso della permuta con spese di spedizione a carico del cedente compresi quelli tributari (esclusa iva in rivalsa) escluse però somme di cui il percettore non ha disponibilità per legge comprese sovvenzioni direttamente connesse con il prezzo comprese le prestazioni accessorie (non devono essere fatturate separatamente: salva l applicazione di diverse aliquote) 40

41 BASE IMPONIBILE Esclusioni dall imponibile interessi moratori, penalità per ritardi, somme a titolo risarcitorio (non le riduzioni di prezzo per inadempimento del cedente/prestatore) valore normale beni ceduti a titolo dis conto, premio o abbuono secondo le originarie pattuizioni contrattuali (eccetto quelli con aliquota più elevata) somme dovute a titolo di rimborso spese anticipate in nome e per conto del cliente e documentate (escluse le spese rimborsate forfetariamente) importo di imballaggi e recipienti (se pattuito rimborso alla resa) 41

42 BASE IMPONIBILE Ricorso ad altri criteri valore normale (valore di mercato) operazioni gratuite imponibili, autoconsumo, assegnazione ai soci operazioni permutative (soggettività) ricorso al valore normale anche in funzione antifrode base imponibile legale o minima (deroga: interpretazione restrittiva) vedi caso delle cessioni immobiliari: meccanismo delle presunzioni operazioni vincolate (Dir. CE 112/06) 42

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

I principi generali dell IVA

I principi generali dell IVA I principi generali dell IVA L imposta sul valore aggiunto (Iva) si configura come tributo indiretto, in quanto non colpisce direttamente la capacità contributiva di un soggetto nelle due forme tipiche

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

CORSO APPROFONDIMENTO IVA

CORSO APPROFONDIMENTO IVA CORSO APPROFONDIMENTO IVA Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso COLLEGIO ANTONIANO di

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...)

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) Andreetta Giandomenico Dottore Commercialista SOMMARIO REGOLA GENERALE... 2

Dettagli

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 EFFETTI L. 248 / 2006 Decorrenza retroattiva dal 4/07/2006

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

CESSIONI DI BENI DPR 633/72 2

CESSIONI DI BENI DPR 633/72 2 1 CESSIONI DI BENI DPR 633/72 2 Prassi R.M. 19.11.73 n. 503097; R.M. 3.8.79 n. 25/364695; R.M. 11.2.89 n. 650989; R.M. 16.10.90 n. 666305; R.M. 30.7.91 n. 430288; C.M. 24.3.92 n. 19/440105; C.M. 24.12.97

Dettagli

iva: guida agli adempimenti

iva: guida agli adempimenti iva: guida agli adempimenti di G. Pantoni, C. Sabbatini, N. Dell Isola, D. Di Emidio INDICE GENERALE Indice alfabetico...iii Presentazione... VII IVA: INTRODUZIONE ALL IMPOSTA...1 1. Natura del tributo...1

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Risultati attesi Sapere: gli aspetti principali relativi all Iva e alla fatturazione; gli obblighi connessi alla postfatturazione. Saper fare: effettuare i calcoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

IVA E PRATICA PROFESSIONALE

IVA E PRATICA PROFESSIONALE master DI approfondimento Master in 6 incontri (42 ore formative) a numero chiuso IVA E PRATICA PROFESSIONALE Le regole nazionali di funzionamento dell imposta e gli adempimenti negli scambi con l estero

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Dr. Nicola Forte Roma, 25 gennaio 2011 1 La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Il regime Iva

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

INDICE CAPITOLO SECONDO - FRODI ALL IVA IN GENERALI E FRODI CAROSELLO IN PARTICOLARE

INDICE CAPITOLO SECONDO - FRODI ALL IVA IN GENERALI E FRODI CAROSELLO IN PARTICOLARE INDICE CAPITOLO PRIMO - L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CAPITOLO SECONDO - FRODI ALL IVA IN GENERALI E FRODI CAROSELLO IN PARTICOLARE CAPITOLO TERZO - LE PRONUNCE FONDAMENTALI DELLA CORTE DI GIUSITZIA E

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

schema: Dagli agronomi ai periti industriali una fotografia in chiaroscuro per gli altri Ordini).

schema: Dagli agronomi ai periti industriali una fotografia in chiaroscuro per gli altri Ordini). fonte: Il sole 24 Ore, lunedì 1 dicembre 2014 _ Professionisti, formazione a rilento : A un mese esatto dalla scadenza del primo anno della riforma per la formazione dei professionisti, tra ritardi mancanza

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste 1 Le

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Circolare n. 1/2013 Legge di stabilità 2013 e ultime novità In sintesi: Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Riaperti i termini per rivalutare terreni e partecipazioni societarie

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA II. CESSIONI DI IMMOBILI 27 2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA Si considerano fabbricati strumentali per natura quelli che per loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico INDICE GENERALE Parte I Premesse 1. Note introduttive... pag. 14 2. Tavole di concordanza 2.1 DPR n. 633/1972 Dir. n. 2006/112 Reg. 282/2011/UE DL n. 331/93... pag. 16 2.2 DL n. 331/1993 DPR n. 633/1972...

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 1 AGOSTO 2014 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Differimento al 20 agosto dei versamenti e degli adempimenti

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI a cura di Eugenio Romita 1 CESSIONE D AZIENDA 2 2 Cessione d azienda Isolamento (salvo eccezioni) rispetto alle altre operazioni straordinarie creato

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari Manuale di Contabilità Aziendale di Paolo Montinari Indice sistematico Capitolo 1 -La contabilità e il metodo della partita doppia 1.1 La funzione della contabilità... 15 1.2 Il metodo della partita doppia

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 20/2015 Del 18 giugno 2015 AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI In

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici

Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici IRPEF/IRES Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici di Carlo Corradin (*) LA NOVITA Incentivi agli impianti fotovoltaici L art. 7 del D.Lgs. 29 dicembre 2003 n. 387, emanato in attuazione

Dettagli

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 La gestione di branch estere: criticità tributarie e contabili. Difficoltà connesse al recupero delle imposte estere (principi normativi - un caso pratico) Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 BRANCH

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati TREMONTI-TER art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09 Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com 1 D.L. 01-07-2009, n. 78 Art. 5 - Detassazione degli investimenti in macchinari (testo in vigore dal 5

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

PARTE I - OPERAZIONI INTERNE

PARTE I - OPERAZIONI INTERNE INDICE PARTE I - OPERAZIONI INTERNE Capitolo 1 - Cessioni di beni 55 1 Premessa 55 2 Cessioni con riserva di proprietà 56 3 Locazioni con clausola di trasferimento della proprietà 57 4 Passaggi di beni

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

Corso on line di contabilità generale:

Corso on line di contabilità generale: ON10 Nisaba Solution Corso on line di contabilità generale: applicazioni IVA La contabilità ordinaria FEBBRAIO 2014 P a g. 1 Sommario INTRODUZIONE... 2 1. APPLICAZIONE IVA... 3 2. CONCLUSIONI... 5 CORSO

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento

LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento LA LIQUIDAZIONE DEI FONDI IMMOBILIARI IN SCADENZA Disciplina fiscale di riferimento Evoluzione disciplina fiscale dei fondi immobiliari Art. 15 L.n. 86/1994 Tassazione in capo al fondo I fondi erano soggetti

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA

IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA IL REDDITO D IMPRESA: CASI DI STUDIO ED ESPERIENZE APPLICATIVE TITOLI PARTECIPAZIONI PROVENTI DI NATURA FINANZIARIA 28 aprile 2010 ATTIVITÀ FINANZIARIE NEL PORTAFOGLIO DELLE IMPRESE 1. titoli di Stato;

Dettagli

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini Il Credito Iva in Italia e all estero Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini 1 Agenda 1. Gestione del credito Iva 2. Rimborsi Iva esteri vecchia procedura 3. Rimborsi Iva esteri nuova

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012.

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. Milano, 28 gennaio 2013 LE MANOVRE DELL ANNO 2012 Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. D.L. 16 del 02/03/2012, convertito in Legge 26/04/2012 n. 44 Deducibilità dei costi periodici

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari Thomas Tassani Università degli Studi di Università degli Studi di Fiscalità Finanziaria Aspetti di criticità nella tassazione Dal lato attivo, alta

Dettagli

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Relatore: dott. Francesco Barone L associazione in partecipazione è definita come un contratto attraverso il quale l associante attribuisce all associato una

Dettagli

IVA E PRATICA PROFESSIONALE Le regole nazionali di funzionamento dell imposta e gli adempimenti negli scambi con l estero e nelle operazioni doganali

IVA E PRATICA PROFESSIONALE Le regole nazionali di funzionamento dell imposta e gli adempimenti negli scambi con l estero e nelle operazioni doganali Master in 6 incontri (42 ore formative) a numero chiuso VERIFICA I CREDITI FORMATIVI IVA E PRATICA PROFESSIONALE Le regole nazionali di funzionamento dell imposta e gli adempimenti negli scambi con l estero

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

Iva: Caratteri generali dell imposta, calcolo e adempimenti

Iva: Caratteri generali dell imposta, calcolo e adempimenti Genova, 22 gennaio 2015 Iva: Caratteri generali dell imposta, calcolo e adempimenti Dott.ssa Laura Brullo - Dott. Paolo Guerrera 1 Iva: le regole generali 2 Principi generali L IVA costituisce la principale

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

OMAGGI E CESSIONI GRATUITE DI BENI E SERVIZI

OMAGGI E CESSIONI GRATUITE DI BENI E SERVIZI Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 11 del 6 dicembre 2004 Ai Gentili Clienti Loro sedi Premessa OMAGGI E CESSIONI GRATUITE

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali E-commerce Aspetti giuridici e fiscali Le principali problematiche legali e fiscali legate all e-commerce Milano 22 ottobre 2015 Dott. Beniamino Lo Presti www.avvghibellini.com www.studiovlp.it www.madv.eu

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli