IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile"

Transcript

1 IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile Dott. Andrea Mondini Facoltà di giurisprudenza Università di Bologna 1

2 PRINCIPI IVA Imposta generale sul consumo comunitaria proporzionale al prezzo di beni e servizi qualunque sia il numero delle transazioni intervenute nel processo produttivo-distributivo pagamento frazionato ed anticipato ad ogni stadio di commercializzazione neutralità per operatori economici l imposta è dovuta per masse di operazioni realizzate in un certo arco temporale ( IVA a valle ) dall imposta dovuta si deduce l IVA che ha gravato sul costo dei diversi elementi costitutivi del prezzo ( IVA a monte ) concatenazione di IVA a debito ed IVA a credito: neutralità è assicurata dall operare congiunto di diritto/dovere di rivalsa diritto a detrazione d imposta 2

3 NEUTRALITA - rivalsa/detrazione aliquota 20% 100x20% = 20 ERARIO 20 IVA 40 da versare 300x20%= 60-20= 40 detrazione IVA a monte A B C cessione bene prezzo + 20 IVA rivalsa = 120 prezzo al netto di IVA 300 prezzo + 60 IVA rivalsa = 360 consumatore finale valore aggiunto cessione B-C = 200 ( ) IVA versata =40 cioè 20% del valore aggiunto per B operazione è a costo zero: il costo IVA è dato da IVA addebitata a monte (20) e IVA da versare a valle (40) = 60: attraverso rivalsa e detrazione sterilizza il costo 3

4 OPERAZIONI Operazioni in campo IVA (soggette ad IVA) op. imponibili cessioni di beni e prestazioni di servizi importazioni acquisti intracomunitari op. non imponibili cessioni all esportazione e op. assimilate op. esenti Operazioni escluse (fuori campo IVA) Senza pagamento imposta. Diversi regimi per detrazione e adempimenti formali 4

5 PRESUPPOSTI I 3 presupposti IVA delle operazioni imponibili : l IVA si applica su (art. 1 dpr 633/72): cessioni di beni e prestazioni di servizi (pr. oggettivo) effettuate nel territorio dello Stato (pr. territoriale) nell esercizio d imprese o professioni (pr. soggettivo) per le importazioni e gli acquisti intracomunitari i 3 presupposti si articolano in modo autonomo importazioni cfr. art 67 ss. dpr 633 (indifferente presupposto soggettivo: chiunque ) acquisti intracomunitari cfr. dl 331/93 5

6 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni e prestazioni di servizi Distinzione rilevante perché hanno differenti regimi. Ad es.: territorialità operazioni gratuite momento di effettuazione nozioni comunitarie trasposte nel diritto interno in base a categorie proprie del diritto civile italiano 6

7 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni trasferimento di proprietà di beni trasferimento o costituzione di diritti reali di godimento di beni (esclusi pegno e ipoteca) a titolo oneroso Acquisto a titolo derivativo e non originale (es. usucapione) proprietà è diritto di godere e disporre rileva nell IVA il potere di disposizione giuridica Non rileva il tipo di atto: contratti e negozi giuridici (ad es. vendita; somministrazione di cose; prestito di consumo) atti giurisdizionali (sentenze di trasferimento della proprietà) atti amministrativi (espropriazione per pubblica utilità Ma è necessario che sia a titolo oneroso: esistenza di controprestazione (prezzo, corrispettivo o indennizzo) 7

8 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate alle cessioni di beni vendita a rate con riserva di proprietà (vendita obbligatoria) e locazioni con clausola di trasferimento della proprietà al locatario vincolante per entrambe le parti passaggi di beni tra committente/commissionario (mandato senza rappresentanza a vendere acquistare) 8

9 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Segue operazioni assimilate: imponibili le cessioni di beni anche se gratuite (solo per impresa) se la loro produzione/commercio rientra nell attività propria dell impresa sempre imponibile (salvo cessioni di campioni gratuiti di modico valore unitario che non sono considerati cessioni) non rientra nell attività propria dell impresa imponibile se di costo unitario superiore ad euro 25,82 salvo che all acquisto del bene ceduto gratuitamente non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 9

10 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): Destinazione a consumo personale/familiare imprenditore/professionista o a finalità estranee all impresa, anche se per cessazione attività, di beni (merce, strumentali, o comunque acquistati nell esercizio d impresa ) cd. autoconsumo esterno autoconsumo interno è escluso ma rientra nella dest. a finalità estranee utilizzo del bene in altra impresa dello stesso soggetto salvo che all acquisto del bene autoconsumato non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 10

11 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): assegnazioni di beni ai soci da parte di società di qualunque tipo ed oggetto a qualunque titolo effettuate: attribuzione di proprietà (soc. capitali) o divisione di beni (soc. di persone) scioglimento e liquidazione rimborso di capitale come dividendi 11

12 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni: cessioni di denaro o crediti in denaro che non costituisca corrispettivo di una cessione o prestazione (onerosità) es.: oblazioni o contributi a fondo perduto cessione del credito: esclusa da IVA se è pagamento di precedente obbligazione, senza sottostante causa di finanziamento (ad es. se è previsto un corrispettivo per la liquidità): altrimenti è operazione soggetta ad IVA ma esente cessioni e conferimenti in società di aziende o rami di azienda a condizione che il cessionario prosegua l attività e non liquidi subito dopo l azienda problema delle cessioni frazionate di singoli beni per evitare applicazione imposta di registro (non detraibile) problema della cessione di marchio d impresa con l azienda conferimenti di singoli beni e servizi sono imponibili 12

13 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni (segue): passaggi di beni in occasione di operazioni straordinarie d impresa (fusioni, trasformazioni o scissioni) cessioni di terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria (si applica registro) cessioni di campioni gratuiti di modico valore altri casi speciali individuati in altre testi legislativi 13

14 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi nella direttiva comunitaria nozione residuale: tutto ciò che non è cessione di beni nel dpr 633 elencazione contratti tipici mandato, contratto d opera, appalto, spedizione e trasporto, mediazione e agenzia, deposito +assunzione obbligazione di fare, non fare, permettere, quale ne sia la fonte (atto pubblico o privato) 14

15 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi elementi essenziali (interpretazione secondo giurisprudenza comunitaria): rapporto giuridico obbligatorio vincolante per le parti (anche senza coattività ) onerosità (non remunerazione, profitto): scambio (sinallagma: relazione diretta e biunivoca) di prestazioni in cui il compenso ricevuto da prestatore è il controvalore effettivo del servizio all utente prestazioni gratuite di servizi non sono imponibili 15

16 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Casi particolari: non sono prestazioni di servizi: obbligo di astenersi dal produrre latte vs indennizzo percezione di denaro per attività di suonatore ambulante trasporto gratuito di dipendenti al luogo di lavoro senza relazione con prestazione lavorativa o retribuzione transazione tra imprenditori sono state giudicate pr. di servizi rinuncia a diritto di prelazione vs indennizzo patto di non concorrenza nel quadro della cessione di attività tra professionisti 16

17 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi: op. assimilate (se onerose): locazione di beni cessione o concessione di diritti d autore e beni immateriali (opere ingegno da parte di sogg. diversi dagli autori; proprietà industriale: marchi, brevetti, ecc.) prestiti di denaro, operazioni finanziarie mediante negoziazione di crediti ecc. cessioni di contratti effettuazione di alcune prestazioni di servizi da parte della società ai soci (locazioni, diritti d autore, cessioni di contratti) autoconsumo di servizi (solo per impresa non per professionisti); prestazioni di servizi gratuite per finalità estranee all impresa; se IVA relativa a beni e servizi relativi a esecuzione è detraibile valore di mercato di ciascuna operazione superiore a 25, 82 euro non si tratti di alcuni particolari servizi Anche per le prestazioni di servizi vi sono ipotesi di esclusioni direttamente disposte dalla legge 17

18 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Momento di effettuazione delle operazioni (art. 6 dpr 633) cessioni: immobili: stipulazione contratto mobili: consegna o spedizione al momento dell efficacia traslativa/costitutiva se posteriore, comunque entro 1 anno consegna per mobili deroghe (cessioni per atto di pubblica autorità, somministrazioni, commissioni, autoconsumo) prestazioni di servizi: pagamento del corrispettivo (momento dell ultimazione per autoconsumo di servizi) conseguenza: esigibilità imposta fatturazione o pagamento del corrispettivo anteriore a operazione operazioni con enti pubblici territoriali 18

19 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Che cos è impresa ai fini dell IVA? attività svolta per professione abituale attività occasionali? stagionali? affari isolati? senza scopo di lucro? anche non esclusiva commerciale ex art c.c. o agricola ex art c.c. anche se non organizzata in forma d impresa(azienda) irrilevanti aspetti dimensionali e iscrizione nel registro imprese (piccolo imprenditore) l organizzazione è necessaria se si tratta di attività di prestazione di servizi non rientranti nell art c.c. (e non riconducibili ad arti/professioni) 19

20 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Attività agricole (2135 c.c.) coltivazione fondo, silvicoltura, allevamento attività connesse (manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione) Attività commerciali (2195 c.c.) industriali di intermediazione commerciale di trasporto bancarie assicurative ausiliarie 20

21 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Distinzione in base alla forma giuridica del soggetto persona fisica società ed enti commerciali associazioni ed enti non commerciali enti pubblici 21

22 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Imprenditori individuali rientrano nel campo IVA le operazioni svolte nel regime di impresa: cessioni di beni relativi all impresa (beni merce e beni strumentali): rileva l appartenenza al patrimonio dell impresa o a quello personale (uso privato) prestazioni di servizi rese nello specifico esercizio delle attività d impresa 22

23 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Società ed altri enti commerciali presunzione assoluta di commercialità: tutte le operazioni si considerano d impresa, soggette ad IVA anche a prescindere dal carattere occasionale anche operazioni verso i soci o partecipanti altri enti commerciali esercizio di attività commerciali o agricole come oggetto esclusivo o principale è tale l attività che è essenziale per la realizzazione dei propri fini tipici ed istituzionali enti non commerciali associativi rilevano ai fini IVA le attività marginali commerciali o agricole anche operazioni verso associati se con corrispettivi specifici Come determinare quale tipo di attività prevale? legge, atto costitutivo, statuto (atto pubb./scrittura privata) in mancanza, attività effettivamente esercitata (enti non residenti) condizioni formali e clausole specifiche nella redazione atti cost. e statuti perdita della non commercialità se attività commerciale prevalente 23

24 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Enti pubblici non sono soggetti passivi IVA per le attività svolte: in quanto pubbliche autorità, anche se contro il pagamento di somme (tasse-diritti-canoni-contributi): attività svolte in regime giuridico pubblico, secondo il diritto nazionale, diverso da quello degli operatori economici privati rilevano non l oggetto o il fine dell attività, ma le modalità di esercizio (poteri autoritativi/sanzionatori: attività amministrativa) in via diretta (il terzo indipendente che esercita per concessione o per delega funzioni pubbliche verso corrispettivo è sogg. IVA) senza possibilità di concorrenza con privati che esercitino le stesse attività (salvo casi di operazioni esenti) altrimenti imponibilità se dall esclusione da IVA può derivare una distorsione concorrenziale non trascurabile esempi tratti dalla giurisprudenza comunitaria: parcheggi pubblici esattori locali erogazione contributi agricoli o contributi latte 24

25 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Presunzioni assolute ex art. 4 dpr 633/72 di commercialità (anche per enti pubblici).es.: cessioni beni nuovi prodotti per vendita acqua gas energia elettrica trasporto di merci e di persone gestione di fiere commerciali, mense pubblicità commerciale ecc. di non-commercialità (anche per società). Es.: servizi consortili (controlli di qualità e marchi) cessioni in manifestazioni propagandistiche di partiti politici attività di godimento di patrimoni possesso e gestione di unità immobiliari cat. A in godimento, anche indiretto, ai soci (società immobiliari di comodo ) possesso e gestione di titoli azionari o obbligazionari (percezione di dividendi da parte di società holding senza interferenze di gestione) [Attenzione: secondo la Direttiva IVA lo sfruttamento di beni per ricavarne introiti con carattere di stabilità è attività economica] 25

26 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Ulteriori delimitazioni della nozione di attività economica (giurisprudenza comunitaria) attività di servizi completamente gratuita è fuori campo IVA attività illecite di per sé l illiceità non rileva per escludere IVA. Tuttavia: se illiceità riguarda la natura o le caratteristiche intrinseche dei beni e servizi, non si applica IVA divieto assoluto di commercializzare quei beni implica impossibilità di concorrenza con un mercato lecito (es. stupefacenti, denaro falso se l illiceità riguarda altri profili dell operazione, e non esclude l esistenza di un mercato lecito di quei prodotti/servizi, allora si applica l IVA perché i prodotti/servizi non sono esclusi da un mercato concorrenziale (es. prodotti contraffatti, attività non debitamente autorizzate, importazioni di contrabbando) 26

27 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando inizia l impresa ai fini IVA? sono necessari iscrizione nel registro delle imprese, dichiarazione di intenti, adempimento formalità? gli atti interni di organizzazione, anteriori all attività esterna di gestione, sono già esercizio d impresa? Il problema riguarda: adempimento obblighi formali e strumentali esercizio diritto a detrazione Società commerciali : rileva iscrizione registro imprese (soc. di capitali, per le società di persone rileva il momento della costituzione) - da quel momento opera la presunzione di commercialità anche per gli atti preparatori successivi atti preparatori anteriori all iscrizione possono essere imputati fiscalmente alla società se necessari alla sua costituzione e da essa ratificati - operazioni effettive rilevano per dichiarazione inizio attività e obblighi tenuta contabilità. Persone fisiche: atti preparatori: intenzione di svolgere attività in modo autonomo deve essere confermata da elementi oggettivi il diritto a detrazione spetta immediatamente e non può essere condizionato alla presentazione dichiarazione inizio attività rimane acquisito anche se attività non viene poi svolta per cause indipendenti dalla volontà del soggetto passivo 27

28 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando cessa l impresa a fini IVA? quando cessa attività definitivamente non rileva sospensione obbligo di dichiarazione ma: non basta dichiarare volontà di cessare: anche atti di liquidazione sono attività economica (cfr. art. 35 dpr 633) autoconsumo o destinazione a finalità estranee anche in caso di cessazione impresa per le società: rileva estinzione per cancellazione registro imprese dopo fase di liquidazione 28

29 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Esercizio di arti e professioni lavoro autonomo, non subordinato, anche non esclusivo professionalità, abitualità, non occasionalità anche mediante società semplici o associazioni professionali esclusi i rapporti di co.co.co, se non rientrano nell oggetto proprio di (altra) attività professionale professionisti intellettuali (albi professionali)... e non (difficile distinguerli da piccoli imprenditori) 29

30 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA pr. della territorialità dell imposizione imponibilità solo entro il territorio dello Stato armonizzazione e mercato unico: obiettivo: tassazione nel Paese di origine pr. della tassazione al consumo Paese di destinazione del bene/servizio (regime transitorio: cfr. acquisti intracomunitari) nozione legale di territorio: dello Stato (diverso sia dal territorio doganale sia da quello su cui si esercita la sovranità) della Comunità europea (campo di applicazione del Trattato CE) 30

31 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Quando un operazione è effettuata nel territorio dello Stato? cessioni di beni rileva la localizzazione materiale del bene al momento della cessione (ex art. 6 dpr 633) non rileva in genere il luogo di conclusione/esecuzione del contratto né il luogo di stabilimento delle parti contrattuali occorre distinguere tra beni mobili e immobili 31

32 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Cessione di beni immobili imponibile se bene è nel territorio statale al momento di effettuazione Cessione di beni mobili verificare regime del bene: deve essere nazionale comunitario o in libera pratica in temporanea importazione sono esclusi i beni esteri in transito, quelli nei depositi doganali o quelli immessi nei punti franchi regole speciali: si guarda al: luogo del momento iniziale della spedizione o trasporto luogo di montaggio o installazione per gas ed energia elettrica, luogo di stabilimento dell acquirente rivenditore o luogo di consumo da parte dell acquirente non rivenditore per cessioni di beni durante trasporti intracomunitari di persone, luogo di inizio trasporto 32

33 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Prestazioni di servizi luogo di domicilio/residenza del prestatore (regola generale) numerose eccezioni luogo del bene oggetto del servizio (immobili) luogo di effettuazione luogo di residenza/domicilio committente luogo di utilizzazione servizio 33

34 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Esempio: prestazione di consulenza del professionista si considera effettuata in Italia se: resa a committente domiciliato/residente in Italia e utilizzata in Italia o in altro Stato CE (anche se il professionista non è dom/res in Italia; non rileva soggettività IVA del committente) resa a committente consumatore finale dom/res in altri Stati CE (ma solo se professionista è dom/res in Italia; se committente è soggetto passivo all estero, prestazione non è imponibile in Italia) se il committente è dom/res fuori della CE, l operazione non è imponibile tuttavia per altre prestazioni, diverse dalla consulenza, si prevede che se sono utilizzate in Italia sono ivi imponibili, se sono utilizzate all estero no 34

35 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Stabile organizzazione territorialità sussiste se operazione è posta in essere da s.o. in Italia di sogg. dom/res all estero (non da s.o. all estero di sogg. dom/res in Italia) nozione IVA è diversa da quella nell IRES: art 162 TUIR e Mod. OCSE centro di attività stabile: succursale con struttura idonea, sul piano del corredo umano e materiale, ad effettuare in modo autonomo operazioni imponibili (v. sent. CdG Aro Lease1997) non sufficiente s.o. materiale (impianti) non ha autonoma soggettività tributaria rapporti tra casa madre e s.o. (riaddebito dei costi alle succursali) non configurano operazioni rilevanti ai fini IVA (sent. CdG FCE Bank2006) 35

36 OPERAZIONI ESENTI Operazioni esenti hanno tutti i requisiti dell imponibilità ma espresse norme di legge escludono imponibilità elencazione tassativa e di stretta interpretazione (deroga alla neutralità del tributo) effetti dell esenzione: no obbligo pagamento imposta sì obblighi formali: di registrazione, fatturazione, dichiarazione (salvo op. esente concorre a definire il volume d affari limite alla detrazione indetraibile l IVA a monte afferente operazioni esenti indetraibilità specifica parziale per beni/servizi utilizzati anche per operazioni esenti (occasionali) pro rata di detrazione per chi svolge attività sia imponibili sia esenti 36

37 OPERAZIONI ESENTI Esenzioni soggetto passivo sopporta il carico fiscale come se fosse consumatore finale (non paga IVA ma non ha detrazione: può comunque traslare l IVA a monte nel prezzo) giustificazioni eterogenee: di carattere sociale (es. prestazioni mediche) di opportunità (es. operazioni finanziarie, bancarie, assicurative: evitare gravame IVA su costo denaro) di coerenza interna del tributo (es. esenzione di cessioni di beni acquistati senza diritto a detrazione totale per espressa disposizione di legge) antifrode: esenzioni cessioni e locazioni immobiliari (es. di esenzione opzionale) 37

38 OPERAZIONI NON IMPONIBILI Operazioni non imponibili cessioni all esportazione, servizi internazionali connessi agli scambi internazionali disciplina analoga a esenzione, salvo possibilità di detrazione piena giustificazione: territorialità, detassazione nello Stato di origine, tassazione nello Stato (estero di destinazione) regime particolare degli esportatori abituali anche le cessioni intracomunitarie sono non imponibili, se effettuate verso soggetti IVA correlativamente sono imponibili gli acquisti comunitari compiuti da soggetti IVA 38

39 BASE IMPONIBILE principi generali (CdG CE) onerosità possibilità di esprimere il corrispettivo in termini pecuniari soggettività del valore rappresentato dal corrispettivo imponibile effettività del corrispettivo connessione diretta tra corrispettivo e op. imponibile rilevanza della reciprocità delle prestazioni economiche rese nell ambito del rapporto giuridico 39

40 BASE IMPONIBILE ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente o prestatore secondo le condizioni contrattuali irrilevante chi paga (utente o terzo):effettività caso del pagamento effettuato dall emittente carta di credito (trattenuta per commissione remunerativa prestazione di servizi rientra nell imponibile della cessione merce: rileva il fatturato al cliente) compresi oneri e spese (addebitate o meno al cessionario) soggettività: caso della permuta con spese di spedizione a carico del cedente compresi quelli tributari (esclusa iva in rivalsa) escluse però somme di cui il percettore non ha disponibilità per legge comprese sovvenzioni direttamente connesse con il prezzo comprese le prestazioni accessorie (non devono essere fatturate separatamente: salva l applicazione di diverse aliquote) 40

41 BASE IMPONIBILE Esclusioni dall imponibile interessi moratori, penalità per ritardi, somme a titolo risarcitorio (non le riduzioni di prezzo per inadempimento del cedente/prestatore) valore normale beni ceduti a titolo dis conto, premio o abbuono secondo le originarie pattuizioni contrattuali (eccetto quelli con aliquota più elevata) somme dovute a titolo di rimborso spese anticipate in nome e per conto del cliente e documentate (escluse le spese rimborsate forfetariamente) importo di imballaggi e recipienti (se pattuito rimborso alla resa) 41

42 BASE IMPONIBILE Ricorso ad altri criteri valore normale (valore di mercato) operazioni gratuite imponibili, autoconsumo, assegnazione ai soci operazioni permutative (soggettività) ricorso al valore normale anche in funzione antifrode base imponibile legale o minima (deroga: interpretazione restrittiva) vedi caso delle cessioni immobiliari: meccanismo delle presunzioni operazioni vincolate (Dir. CE 112/06) 42

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli