IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile"

Transcript

1 IVA I presupposti oggettivo, soggettivo, territoriale. Le tipologie di operazioni. La base imponibile Dott. Andrea Mondini Facoltà di giurisprudenza Università di Bologna 1

2 PRINCIPI IVA Imposta generale sul consumo comunitaria proporzionale al prezzo di beni e servizi qualunque sia il numero delle transazioni intervenute nel processo produttivo-distributivo pagamento frazionato ed anticipato ad ogni stadio di commercializzazione neutralità per operatori economici l imposta è dovuta per masse di operazioni realizzate in un certo arco temporale ( IVA a valle ) dall imposta dovuta si deduce l IVA che ha gravato sul costo dei diversi elementi costitutivi del prezzo ( IVA a monte ) concatenazione di IVA a debito ed IVA a credito: neutralità è assicurata dall operare congiunto di diritto/dovere di rivalsa diritto a detrazione d imposta 2

3 NEUTRALITA - rivalsa/detrazione aliquota 20% 100x20% = 20 ERARIO 20 IVA 40 da versare 300x20%= 60-20= 40 detrazione IVA a monte A B C cessione bene prezzo + 20 IVA rivalsa = 120 prezzo al netto di IVA 300 prezzo + 60 IVA rivalsa = 360 consumatore finale valore aggiunto cessione B-C = 200 ( ) IVA versata =40 cioè 20% del valore aggiunto per B operazione è a costo zero: il costo IVA è dato da IVA addebitata a monte (20) e IVA da versare a valle (40) = 60: attraverso rivalsa e detrazione sterilizza il costo 3

4 OPERAZIONI Operazioni in campo IVA (soggette ad IVA) op. imponibili cessioni di beni e prestazioni di servizi importazioni acquisti intracomunitari op. non imponibili cessioni all esportazione e op. assimilate op. esenti Operazioni escluse (fuori campo IVA) Senza pagamento imposta. Diversi regimi per detrazione e adempimenti formali 4

5 PRESUPPOSTI I 3 presupposti IVA delle operazioni imponibili : l IVA si applica su (art. 1 dpr 633/72): cessioni di beni e prestazioni di servizi (pr. oggettivo) effettuate nel territorio dello Stato (pr. territoriale) nell esercizio d imprese o professioni (pr. soggettivo) per le importazioni e gli acquisti intracomunitari i 3 presupposti si articolano in modo autonomo importazioni cfr. art 67 ss. dpr 633 (indifferente presupposto soggettivo: chiunque ) acquisti intracomunitari cfr. dl 331/93 5

6 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni e prestazioni di servizi Distinzione rilevante perché hanno differenti regimi. Ad es.: territorialità operazioni gratuite momento di effettuazione nozioni comunitarie trasposte nel diritto interno in base a categorie proprie del diritto civile italiano 6

7 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Cessioni di beni trasferimento di proprietà di beni trasferimento o costituzione di diritti reali di godimento di beni (esclusi pegno e ipoteca) a titolo oneroso Acquisto a titolo derivativo e non originale (es. usucapione) proprietà è diritto di godere e disporre rileva nell IVA il potere di disposizione giuridica Non rileva il tipo di atto: contratti e negozi giuridici (ad es. vendita; somministrazione di cose; prestito di consumo) atti giurisdizionali (sentenze di trasferimento della proprietà) atti amministrativi (espropriazione per pubblica utilità Ma è necessario che sia a titolo oneroso: esistenza di controprestazione (prezzo, corrispettivo o indennizzo) 7

8 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate alle cessioni di beni vendita a rate con riserva di proprietà (vendita obbligatoria) e locazioni con clausola di trasferimento della proprietà al locatario vincolante per entrambe le parti passaggi di beni tra committente/commissionario (mandato senza rappresentanza a vendere acquistare) 8

9 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Segue operazioni assimilate: imponibili le cessioni di beni anche se gratuite (solo per impresa) se la loro produzione/commercio rientra nell attività propria dell impresa sempre imponibile (salvo cessioni di campioni gratuiti di modico valore unitario che non sono considerati cessioni) non rientra nell attività propria dell impresa imponibile se di costo unitario superiore ad euro 25,82 salvo che all acquisto del bene ceduto gratuitamente non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 9

10 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): Destinazione a consumo personale/familiare imprenditore/professionista o a finalità estranee all impresa, anche se per cessazione attività, di beni (merce, strumentali, o comunque acquistati nell esercizio d impresa ) cd. autoconsumo esterno autoconsumo interno è escluso ma rientra nella dest. a finalità estranee utilizzo del bene in altra impresa dello stesso soggetto salvo che all acquisto del bene autoconsumato non sia stata detratta l IVA a monte perché vietato dalla legge 10

11 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Operazioni assimilate (segue): assegnazioni di beni ai soci da parte di società di qualunque tipo ed oggetto a qualunque titolo effettuate: attribuzione di proprietà (soc. capitali) o divisione di beni (soc. di persone) scioglimento e liquidazione rimborso di capitale come dividendi 11

12 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni: cessioni di denaro o crediti in denaro che non costituisca corrispettivo di una cessione o prestazione (onerosità) es.: oblazioni o contributi a fondo perduto cessione del credito: esclusa da IVA se è pagamento di precedente obbligazione, senza sottostante causa di finanziamento (ad es. se è previsto un corrispettivo per la liquidità): altrimenti è operazione soggetta ad IVA ma esente cessioni e conferimenti in società di aziende o rami di azienda a condizione che il cessionario prosegua l attività e non liquidi subito dopo l azienda problema delle cessioni frazionate di singoli beni per evitare applicazione imposta di registro (non detraibile) problema della cessione di marchio d impresa con l azienda conferimenti di singoli beni e servizi sono imponibili 12

13 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Esclusioni (segue): passaggi di beni in occasione di operazioni straordinarie d impresa (fusioni, trasformazioni o scissioni) cessioni di terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria (si applica registro) cessioni di campioni gratuiti di modico valore altri casi speciali individuati in altre testi legislativi 13

14 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi nella direttiva comunitaria nozione residuale: tutto ciò che non è cessione di beni nel dpr 633 elencazione contratti tipici mandato, contratto d opera, appalto, spedizione e trasporto, mediazione e agenzia, deposito +assunzione obbligazione di fare, non fare, permettere, quale ne sia la fonte (atto pubblico o privato) 14

15 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi elementi essenziali (interpretazione secondo giurisprudenza comunitaria): rapporto giuridico obbligatorio vincolante per le parti (anche senza coattività ) onerosità (non remunerazione, profitto): scambio (sinallagma: relazione diretta e biunivoca) di prestazioni in cui il compenso ricevuto da prestatore è il controvalore effettivo del servizio all utente prestazioni gratuite di servizi non sono imponibili 15

16 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Casi particolari: non sono prestazioni di servizi: obbligo di astenersi dal produrre latte vs indennizzo percezione di denaro per attività di suonatore ambulante trasporto gratuito di dipendenti al luogo di lavoro senza relazione con prestazione lavorativa o retribuzione transazione tra imprenditori sono state giudicate pr. di servizi rinuncia a diritto di prelazione vs indennizzo patto di non concorrenza nel quadro della cessione di attività tra professionisti 16

17 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Prestazioni di servizi: op. assimilate (se onerose): locazione di beni cessione o concessione di diritti d autore e beni immateriali (opere ingegno da parte di sogg. diversi dagli autori; proprietà industriale: marchi, brevetti, ecc.) prestiti di denaro, operazioni finanziarie mediante negoziazione di crediti ecc. cessioni di contratti effettuazione di alcune prestazioni di servizi da parte della società ai soci (locazioni, diritti d autore, cessioni di contratti) autoconsumo di servizi (solo per impresa non per professionisti); prestazioni di servizi gratuite per finalità estranee all impresa; se IVA relativa a beni e servizi relativi a esecuzione è detraibile valore di mercato di ciascuna operazione superiore a 25, 82 euro non si tratti di alcuni particolari servizi Anche per le prestazioni di servizi vi sono ipotesi di esclusioni direttamente disposte dalla legge 17

18 PRESUPPOSTO OGGETTIVO IVA Momento di effettuazione delle operazioni (art. 6 dpr 633) cessioni: immobili: stipulazione contratto mobili: consegna o spedizione al momento dell efficacia traslativa/costitutiva se posteriore, comunque entro 1 anno consegna per mobili deroghe (cessioni per atto di pubblica autorità, somministrazioni, commissioni, autoconsumo) prestazioni di servizi: pagamento del corrispettivo (momento dell ultimazione per autoconsumo di servizi) conseguenza: esigibilità imposta fatturazione o pagamento del corrispettivo anteriore a operazione operazioni con enti pubblici territoriali 18

19 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Che cos è impresa ai fini dell IVA? attività svolta per professione abituale attività occasionali? stagionali? affari isolati? senza scopo di lucro? anche non esclusiva commerciale ex art c.c. o agricola ex art c.c. anche se non organizzata in forma d impresa(azienda) irrilevanti aspetti dimensionali e iscrizione nel registro imprese (piccolo imprenditore) l organizzazione è necessaria se si tratta di attività di prestazione di servizi non rientranti nell art c.c. (e non riconducibili ad arti/professioni) 19

20 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Attività agricole (2135 c.c.) coltivazione fondo, silvicoltura, allevamento attività connesse (manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione) Attività commerciali (2195 c.c.) industriali di intermediazione commerciale di trasporto bancarie assicurative ausiliarie 20

21 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Distinzione in base alla forma giuridica del soggetto persona fisica società ed enti commerciali associazioni ed enti non commerciali enti pubblici 21

22 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Imprenditori individuali rientrano nel campo IVA le operazioni svolte nel regime di impresa: cessioni di beni relativi all impresa (beni merce e beni strumentali): rileva l appartenenza al patrimonio dell impresa o a quello personale (uso privato) prestazioni di servizi rese nello specifico esercizio delle attività d impresa 22

23 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Società ed altri enti commerciali presunzione assoluta di commercialità: tutte le operazioni si considerano d impresa, soggette ad IVA anche a prescindere dal carattere occasionale anche operazioni verso i soci o partecipanti altri enti commerciali esercizio di attività commerciali o agricole come oggetto esclusivo o principale è tale l attività che è essenziale per la realizzazione dei propri fini tipici ed istituzionali enti non commerciali associativi rilevano ai fini IVA le attività marginali commerciali o agricole anche operazioni verso associati se con corrispettivi specifici Come determinare quale tipo di attività prevale? legge, atto costitutivo, statuto (atto pubb./scrittura privata) in mancanza, attività effettivamente esercitata (enti non residenti) condizioni formali e clausole specifiche nella redazione atti cost. e statuti perdita della non commercialità se attività commerciale prevalente 23

24 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Enti pubblici non sono soggetti passivi IVA per le attività svolte: in quanto pubbliche autorità, anche se contro il pagamento di somme (tasse-diritti-canoni-contributi): attività svolte in regime giuridico pubblico, secondo il diritto nazionale, diverso da quello degli operatori economici privati rilevano non l oggetto o il fine dell attività, ma le modalità di esercizio (poteri autoritativi/sanzionatori: attività amministrativa) in via diretta (il terzo indipendente che esercita per concessione o per delega funzioni pubbliche verso corrispettivo è sogg. IVA) senza possibilità di concorrenza con privati che esercitino le stesse attività (salvo casi di operazioni esenti) altrimenti imponibilità se dall esclusione da IVA può derivare una distorsione concorrenziale non trascurabile esempi tratti dalla giurisprudenza comunitaria: parcheggi pubblici esattori locali erogazione contributi agricoli o contributi latte 24

25 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Presunzioni assolute ex art. 4 dpr 633/72 di commercialità (anche per enti pubblici).es.: cessioni beni nuovi prodotti per vendita acqua gas energia elettrica trasporto di merci e di persone gestione di fiere commerciali, mense pubblicità commerciale ecc. di non-commercialità (anche per società). Es.: servizi consortili (controlli di qualità e marchi) cessioni in manifestazioni propagandistiche di partiti politici attività di godimento di patrimoni possesso e gestione di unità immobiliari cat. A in godimento, anche indiretto, ai soci (società immobiliari di comodo ) possesso e gestione di titoli azionari o obbligazionari (percezione di dividendi da parte di società holding senza interferenze di gestione) [Attenzione: secondo la Direttiva IVA lo sfruttamento di beni per ricavarne introiti con carattere di stabilità è attività economica] 25

26 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Ulteriori delimitazioni della nozione di attività economica (giurisprudenza comunitaria) attività di servizi completamente gratuita è fuori campo IVA attività illecite di per sé l illiceità non rileva per escludere IVA. Tuttavia: se illiceità riguarda la natura o le caratteristiche intrinseche dei beni e servizi, non si applica IVA divieto assoluto di commercializzare quei beni implica impossibilità di concorrenza con un mercato lecito (es. stupefacenti, denaro falso se l illiceità riguarda altri profili dell operazione, e non esclude l esistenza di un mercato lecito di quei prodotti/servizi, allora si applica l IVA perché i prodotti/servizi non sono esclusi da un mercato concorrenziale (es. prodotti contraffatti, attività non debitamente autorizzate, importazioni di contrabbando) 26

27 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando inizia l impresa ai fini IVA? sono necessari iscrizione nel registro delle imprese, dichiarazione di intenti, adempimento formalità? gli atti interni di organizzazione, anteriori all attività esterna di gestione, sono già esercizio d impresa? Il problema riguarda: adempimento obblighi formali e strumentali esercizio diritto a detrazione Società commerciali : rileva iscrizione registro imprese (soc. di capitali, per le società di persone rileva il momento della costituzione) - da quel momento opera la presunzione di commercialità anche per gli atti preparatori successivi atti preparatori anteriori all iscrizione possono essere imputati fiscalmente alla società se necessari alla sua costituzione e da essa ratificati - operazioni effettive rilevano per dichiarazione inizio attività e obblighi tenuta contabilità. Persone fisiche: atti preparatori: intenzione di svolgere attività in modo autonomo deve essere confermata da elementi oggettivi il diritto a detrazione spetta immediatamente e non può essere condizionato alla presentazione dichiarazione inizio attività rimane acquisito anche se attività non viene poi svolta per cause indipendenti dalla volontà del soggetto passivo 27

28 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Quando cessa l impresa a fini IVA? quando cessa attività definitivamente non rileva sospensione obbligo di dichiarazione ma: non basta dichiarare volontà di cessare: anche atti di liquidazione sono attività economica (cfr. art. 35 dpr 633) autoconsumo o destinazione a finalità estranee anche in caso di cessazione impresa per le società: rileva estinzione per cancellazione registro imprese dopo fase di liquidazione 28

29 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO IVA Esercizio di arti e professioni lavoro autonomo, non subordinato, anche non esclusivo professionalità, abitualità, non occasionalità anche mediante società semplici o associazioni professionali esclusi i rapporti di co.co.co, se non rientrano nell oggetto proprio di (altra) attività professionale professionisti intellettuali (albi professionali)... e non (difficile distinguerli da piccoli imprenditori) 29

30 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA pr. della territorialità dell imposizione imponibilità solo entro il territorio dello Stato armonizzazione e mercato unico: obiettivo: tassazione nel Paese di origine pr. della tassazione al consumo Paese di destinazione del bene/servizio (regime transitorio: cfr. acquisti intracomunitari) nozione legale di territorio: dello Stato (diverso sia dal territorio doganale sia da quello su cui si esercita la sovranità) della Comunità europea (campo di applicazione del Trattato CE) 30

31 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Quando un operazione è effettuata nel territorio dello Stato? cessioni di beni rileva la localizzazione materiale del bene al momento della cessione (ex art. 6 dpr 633) non rileva in genere il luogo di conclusione/esecuzione del contratto né il luogo di stabilimento delle parti contrattuali occorre distinguere tra beni mobili e immobili 31

32 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Cessione di beni immobili imponibile se bene è nel territorio statale al momento di effettuazione Cessione di beni mobili verificare regime del bene: deve essere nazionale comunitario o in libera pratica in temporanea importazione sono esclusi i beni esteri in transito, quelli nei depositi doganali o quelli immessi nei punti franchi regole speciali: si guarda al: luogo del momento iniziale della spedizione o trasporto luogo di montaggio o installazione per gas ed energia elettrica, luogo di stabilimento dell acquirente rivenditore o luogo di consumo da parte dell acquirente non rivenditore per cessioni di beni durante trasporti intracomunitari di persone, luogo di inizio trasporto 32

33 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Prestazioni di servizi luogo di domicilio/residenza del prestatore (regola generale) numerose eccezioni luogo del bene oggetto del servizio (immobili) luogo di effettuazione luogo di residenza/domicilio committente luogo di utilizzazione servizio 33

34 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Esempio: prestazione di consulenza del professionista si considera effettuata in Italia se: resa a committente domiciliato/residente in Italia e utilizzata in Italia o in altro Stato CE (anche se il professionista non è dom/res in Italia; non rileva soggettività IVA del committente) resa a committente consumatore finale dom/res in altri Stati CE (ma solo se professionista è dom/res in Italia; se committente è soggetto passivo all estero, prestazione non è imponibile in Italia) se il committente è dom/res fuori della CE, l operazione non è imponibile tuttavia per altre prestazioni, diverse dalla consulenza, si prevede che se sono utilizzate in Italia sono ivi imponibili, se sono utilizzate all estero no 34

35 PRESUPPOSTO TERRITORIALE IVA Stabile organizzazione territorialità sussiste se operazione è posta in essere da s.o. in Italia di sogg. dom/res all estero (non da s.o. all estero di sogg. dom/res in Italia) nozione IVA è diversa da quella nell IRES: art 162 TUIR e Mod. OCSE centro di attività stabile: succursale con struttura idonea, sul piano del corredo umano e materiale, ad effettuare in modo autonomo operazioni imponibili (v. sent. CdG Aro Lease1997) non sufficiente s.o. materiale (impianti) non ha autonoma soggettività tributaria rapporti tra casa madre e s.o. (riaddebito dei costi alle succursali) non configurano operazioni rilevanti ai fini IVA (sent. CdG FCE Bank2006) 35

36 OPERAZIONI ESENTI Operazioni esenti hanno tutti i requisiti dell imponibilità ma espresse norme di legge escludono imponibilità elencazione tassativa e di stretta interpretazione (deroga alla neutralità del tributo) effetti dell esenzione: no obbligo pagamento imposta sì obblighi formali: di registrazione, fatturazione, dichiarazione (salvo op. esente concorre a definire il volume d affari limite alla detrazione indetraibile l IVA a monte afferente operazioni esenti indetraibilità specifica parziale per beni/servizi utilizzati anche per operazioni esenti (occasionali) pro rata di detrazione per chi svolge attività sia imponibili sia esenti 36

37 OPERAZIONI ESENTI Esenzioni soggetto passivo sopporta il carico fiscale come se fosse consumatore finale (non paga IVA ma non ha detrazione: può comunque traslare l IVA a monte nel prezzo) giustificazioni eterogenee: di carattere sociale (es. prestazioni mediche) di opportunità (es. operazioni finanziarie, bancarie, assicurative: evitare gravame IVA su costo denaro) di coerenza interna del tributo (es. esenzione di cessioni di beni acquistati senza diritto a detrazione totale per espressa disposizione di legge) antifrode: esenzioni cessioni e locazioni immobiliari (es. di esenzione opzionale) 37

38 OPERAZIONI NON IMPONIBILI Operazioni non imponibili cessioni all esportazione, servizi internazionali connessi agli scambi internazionali disciplina analoga a esenzione, salvo possibilità di detrazione piena giustificazione: territorialità, detassazione nello Stato di origine, tassazione nello Stato (estero di destinazione) regime particolare degli esportatori abituali anche le cessioni intracomunitarie sono non imponibili, se effettuate verso soggetti IVA correlativamente sono imponibili gli acquisti comunitari compiuti da soggetti IVA 38

39 BASE IMPONIBILE principi generali (CdG CE) onerosità possibilità di esprimere il corrispettivo in termini pecuniari soggettività del valore rappresentato dal corrispettivo imponibile effettività del corrispettivo connessione diretta tra corrispettivo e op. imponibile rilevanza della reciprocità delle prestazioni economiche rese nell ambito del rapporto giuridico 39

40 BASE IMPONIBILE ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente o prestatore secondo le condizioni contrattuali irrilevante chi paga (utente o terzo):effettività caso del pagamento effettuato dall emittente carta di credito (trattenuta per commissione remunerativa prestazione di servizi rientra nell imponibile della cessione merce: rileva il fatturato al cliente) compresi oneri e spese (addebitate o meno al cessionario) soggettività: caso della permuta con spese di spedizione a carico del cedente compresi quelli tributari (esclusa iva in rivalsa) escluse però somme di cui il percettore non ha disponibilità per legge comprese sovvenzioni direttamente connesse con il prezzo comprese le prestazioni accessorie (non devono essere fatturate separatamente: salva l applicazione di diverse aliquote) 40

41 BASE IMPONIBILE Esclusioni dall imponibile interessi moratori, penalità per ritardi, somme a titolo risarcitorio (non le riduzioni di prezzo per inadempimento del cedente/prestatore) valore normale beni ceduti a titolo dis conto, premio o abbuono secondo le originarie pattuizioni contrattuali (eccetto quelli con aliquota più elevata) somme dovute a titolo di rimborso spese anticipate in nome e per conto del cliente e documentate (escluse le spese rimborsate forfetariamente) importo di imballaggi e recipienti (se pattuito rimborso alla resa) 41

42 BASE IMPONIBILE Ricorso ad altri criteri valore normale (valore di mercato) operazioni gratuite imponibili, autoconsumo, assegnazione ai soci operazioni permutative (soggettività) ricorso al valore normale anche in funzione antifrode base imponibile legale o minima (deroga: interpretazione restrittiva) vedi caso delle cessioni immobiliari: meccanismo delle presunzioni operazioni vincolate (Dir. CE 112/06) 42

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Relatore: dott. Francesco Barone L associazione in partecipazione è definita come un contratto attraverso il quale l associante attribuisce all associato una

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati TREMONTI-TER art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09 Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com 1 D.L. 01-07-2009, n. 78 Art. 5 - Detassazione degli investimenti in macchinari (testo in vigore dal 5

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Risultati attesi Sapere: gli aspetti principali relativi all Iva e alla fatturazione; gli obblighi connessi alla postfatturazione. Saper fare: effettuare i calcoli

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

I principi generali dell IVA

I principi generali dell IVA I principi generali dell IVA L imposta sul valore aggiunto (Iva) si configura come tributo indiretto, in quanto non colpisce direttamente la capacità contributiva di un soggetto nelle due forme tipiche

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...)

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) Andreetta Giandomenico Dottore Commercialista SOMMARIO REGOLA GENERALE... 2

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

CORSO APPROFONDIMENTO IVA

CORSO APPROFONDIMENTO IVA CORSO APPROFONDIMENTO IVA Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso COLLEGIO ANTONIANO di

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Qualora l attività di «tax planning» delle società immobiliari di gestione dovesse preferire l applicazione dell imposta di registro, si dovrà

Dettagli

Corso Diritto Tributario

Corso Diritto Tributario Corso Diritto Tributario Il reddito d impresad Lezione 16/ PARTE I Il reddito d impresad L articolo 55 tratta del reddito d impresa d delle persone fisiche (come categoria IRPEG) Le norme sulla determinazione

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

REGISTRAZIONI CONTABILI

REGISTRAZIONI CONTABILI REGISTRAZIONI CONTABILI presupposti civilistici risvolti fiscali perchè devo fare le registrazioni? come e quando devo fare le registrazioni? FINALITÀ CIVILISTICA art. 2423 definire con chiarezza un bilancio

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Corso on line di contabilità generale:

Corso on line di contabilità generale: ON10 Nisaba Solution Corso on line di contabilità generale: applicazioni IVA La contabilità ordinaria FEBBRAIO 2014 P a g. 1 Sommario INTRODUZIONE... 2 1. APPLICAZIONE IVA... 3 2. CONCLUSIONI... 5 CORSO

Dettagli

iva: guida agli adempimenti

iva: guida agli adempimenti iva: guida agli adempimenti di G. Pantoni, C. Sabbatini, N. Dell Isola, D. Di Emidio INDICE GENERALE Indice alfabetico...iii Presentazione... VII IVA: INTRODUZIONE ALL IMPOSTA...1 1. Natura del tributo...1

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI Indicazioni generali sui redditi di lavoro autonomo Le caratteristiche che secondo il Codice civile contraddistinguono il lavoratore autonomo, sono lo svolgimento

Dettagli

Reti d impresa - Profili fiscali

Reti d impresa - Profili fiscali Reti d impresa - Profili fiscali Dott.ssa Stefania Saccone Udine 10 ottobre 2013 AGENDA Rete contratto vs Rete soggetto L agevolazione fiscale Gli investimenti Il distacco del personale nella rete Altri

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

Il contratto di agenzia Profili fiscali

Il contratto di agenzia Profili fiscali Il contratto di agenzia Profili fiscali Giorgio Orlandini 11/05/2010 Le provvigioni Le provvigioni in capo all agente si qualificano come redditi d impresa, a prescindere che l attività sia svolta in forma

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Risoluzione n. 375/E

Risoluzione n. 375/E Risoluzione n. 375/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Indiretta ed Internazionale Roma, 28 novembre 2002 Oggetto: Applicazione dello speciale meccanismo del reverse charge di

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Dr. Nicola Forte Roma, 25 gennaio 2011 1 La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Il regime Iva

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

IL REGIME FISCALE DEGLI OMAGGI - IMPOSTE SUI REDDITI, IRAP E IVA

IL REGIME FISCALE DEGLI OMAGGI - IMPOSTE SUI REDDITI, IRAP E IVA IL REGIME FISCALE DEGLI OMAGGI - IMPOSTE SUI REDDITI, IRAP E IVA INDICE 1 Premessa 2 Imposte sui redditi e IRAP 2.1 Omaggi ai clienti 2.2 Omaggi ai dipendenti e ai soggetti assimilati 2.3 IRAP 2.3.1 Omaggi

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI A) VENDITE DI FABBRICATI DA PRIVATI: 1) Prima casa e/o relative pertinenze - vendita da privato - Imposta di registro:

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico INDICE GENERALE Parte I Premesse 1. Note introduttive... pag. 14 2. Tavole di concordanza 2.1 DPR n. 633/1972 Dir. n. 2006/112 Reg. 282/2011/UE DL n. 331/93... pag. 16 2.2 DL n. 331/1993 DPR n. 633/1972...

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 25 del 16 dicembre 2011 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI L avvicinarsi delle festività natalizie rappresenta l occasione da parte di aziende

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI Anno 2010 N. RC002 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CIRCOLARE DEL CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI 7/07/2010 (1 PARTE) Sintesi: si riepilogano gli aspetti

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Regime dei minimi e «nuovo» forfait

Regime dei minimi e «nuovo» forfait Regime dei minimi e «nuovo» forfait Elementi di criticità e profili Iva Nicola Forte Latina, 4 maggio 2015 1 I due regimi Il confronto Dal confronto effettuato tra il regime dei minimi ed il nuovo forfait

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I Cessione, conferimento, affitto e donazione d azienda INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I La nozione di azienda e la sua disciplina civilistica 23 1 Nozione di azienda 23 2 Contratto di cessione d azienda

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 44 del 6 dicembre 2013 Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Imposte sui redditi e IRAP... 2 2.1 Omaggi ai

Dettagli

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo 1 oggetto della lezione

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015 Como, 3.3.2015 INFORMATIVA N. 11/2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... pag. 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli Dott. Stefano Zanfini Dott.ssa Rita Santolini

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI contabilità generale SOMMARIO schema di sintesi veicoli concessi in uso promiscuo AUTO AZIENDALI IN USO PROMISCUO AI DIPENDENTI Art. 51 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 13 e 14 D.P.R.

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli