BREVI NOTE SUGLI ADEMPIMENTI IVA DELLE STRUTTURE DELL UNIVERSITA ANNO 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVI NOTE SUGLI ADEMPIMENTI IVA DELLE STRUTTURE DELL UNIVERSITA ANNO 2008"

Transcript

1 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 1 BREVI NOTE SUGLI ADEMPIMENTI IVA DELLE STRUTTURE DELL UNIVERSITA ANNO 2008 I. IVA PER OPERAZIONI NAZIONALI. I.1. ATTIVITA COMMERCIALE: OPERAZIONI ATTIVE POSTE IN ESSERE DALLA STRUTTURA. Per quanto attiene le operazioni attive che implicano una entrata per l Università, connesse con l attività in conto terzi, queste danno luogo ad obblighi IVA di : 1) emissione di fattura; 2) registrazione; 3) versamento all erario dell IVA addebitata al cliente. Nel modello organizzativo attuale adottato dalla Università di Firenze, che prevede la tenuta di Registri IVA sezionali presso i Poli o Unità Amministrative non afferenti ai Poli e di Registri riepilogativi presso l Ufficio Attività Commerciale dell Amministrazione centrale, gli adempimenti di cui ai numeri 1) e 2) sono a carico delle strutture decentrate, mentre il versamento dell IVA è effettuato in modo accentrato dall Ufficio Attività Commerciale per tutta l Università. I.2 FATTURE EMESSE Allorché la struttura viene a conoscenza dell avvenuto pagamento da parte del cliente occorre immediatamente emettere fattura. L emissione e la registrazione delle fatture avviene esclusivamente tramite la procedura CIA. Salvo casi particolari e salvo le fatture ad iva differita per le quali vedi sotto, si consiglia normalmente di emettere fattura solo a seguito dell avvenuto pagamento. Elementi da indicare in fattura ai sensi art. 21 D.p.r. n. 633/72: 1) data di emissione e numero progressivo (numerazione per anno solare e per sezionale); 2) dati identificativi dei soggetti fra cui è effettuata l operazione; - ditta, denominazione, ragione sociale per imprese, società od enti; - nome e cognome per persone fisiche; 3) residenza o domicilio dei soggetti stessi; 4) numero partita IVA di chi emette fattura; non è obbligatoria, se non nel caso delle cessioni intracomunitarie, l indicazione della partita IVA dei cessionari o committenti; 5) natura, qualità e quantità dei beni e servizi (indicati distintamente secondo l aliquota applicabile); 6) base imponibile; 7) aliquota e ammontare dell imposta. Ulteriori elementi obbligatori in determinate ipotesi: 8) per le operazioni non imponibili o esenti, il titolo di inapplicabilità e relativa norma; 9) per le cessioni ad esportatori abituali, gli estremi della dichiarazione d intento ricevuta. Le fatture una volta registrate su CIA vengono automaticamente inserite in base alla data di registrazione nel REGISTRO IVA SEZIONALE DELLE VENDITE.

2 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 2 I.2.1. FATTURE AD IVA DIFFERITA Possono essere emesse fatture ad iva differita solo nei confronti di un ente pubblico espressamente indicato nell art. 6, comma 5, del D.P.R. n. 633/72: Stato, Ministeri, Regioni, Comuni, Province, Comunità Montane, Università statali, ASL, Az. Ospedaliere, Camere di Commercio, IPAB, enti Previdenziali. Ciò avviene, ai sensi dell art. 6, 5 comma, del D.P.R. n. 633/72, apponendo sulla fattura la dicitura IVA ad esigibilità differita. Tali fatture vengono registrate sul Registro IVA Vendite, con apposita evidenziazione, in modo da rendere chiaro che le stesse non partecipano alla liquidazione del mese in corso, ma a quella del mese in cui avverrà il pagamento. E stato appurato che non vanno emesse fatture ad Iva differita nei confronti del ARSIA, CNR e dell ASI (nel dubbio potete rivolgervi all Uff. Attività Commerciale). Laddove si abbia a che fare con gli enti pubblici sopra citati, ma la fattura da emettere sia esente o non imponibile IVA, la stessa non va registrata ad IVA differita, bensì immediata. I.2.2. FATTURE IMPONIBILI, NON IMPONIBILI, ESENTI Com è noto le operazioni in campo IVA possono essere: imponibili, non imponibili o esenti. I casi di non imponibilità più ricorrenti sul lato attivo per le strutture universitarie sono i seguenti: - Esportazioni (cessioni di beni a clienti extra UE), ai sensi art. 8 lett. a) Dpr. N. 633/72: il caso si verifica quasi esclusivamente per le cessioni delle riviste; comportano adempimenti doganali (per le esportazioni tramite posta occorre procedere alla consegna alla posta del modulo CN22 nel caso di posta-lettere e CN23 nel caso di pacchi postali art. 237 Reg. n. 93/2454/CEE) - Cessioni intracomunitarie (cessioni di beni a soggetti UE aventi n VAT), ai sensi art. 41 L. n. 427/93; comportano la presentazione in dogana del mod. Intra1 e 1bis annuale; - Prestazioni di servizi ad esportatori abituali che hanno consegnato apposita e preventiva dichiarazione di intento nei limiti (di importo e di tempo) in essa indicata, ai sensi art. 8 lett. c) Dpr. N. 633/72; la dichiarazione d intento deve essere registrata in apposito registro IVA tenuto a livello centrale e dal 2005 vi è anche l obbligo di trasmettere telematicamente all Agenzia delle Entrate entro il giorno 16 del mese successivo alla data di ricevimento, in apposita comunicazione, i dati contenuti in ciascuna dichiarazione d intento: pertanto le U.A. che le ricevono devono inviarne immediatamente copia all Ufficio Attività Commerciale; - Cessioni o prestazioni equiparate alle esportazioni, ai sensi dell art. 72 Dpr. N. 633/72, purchè di importo maggiore a lire ( 258,23) nei confronti: Comunità europee nell esercizio proprie funzioni istituzionali; Imprese o enti per l esecuzione di contratti di ricerca e di associazione conclusi con le dette comunità europee, nei limiti della contribuzione comunitaria; O.N.U., Istituto Universitario Europeo, sedi e rappresentanti diplomatici e consolari. - Prestazioni di servizi nei confronti dell A.S.I. (Ag. Spaziale Italiana), ai sensi dell art. 34-bis, c. 1, del D.L. n. 69/1989, qualora il servizio svolto sia funzionalmente collegato alla costruzione, manutenzione, trasformazione di satelliti. - Prestazioni di servizi nei confronti dell E.S.A. (Ag. Spaziale Europea), ai sensi dell art. 5 L. n. 358/1977, d importo superiore a , se il servizio svolto è acquisito dall E.S.A. per l esercizio delle proprie funzioni istituzionali.

3 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 3 I casi di esenzione più ricorrenti sul lato attivo per le strutture universitarie sono i seguenti: - Prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell esercizio delle professioni sanitarie, ai sensi art. 10 c. 1 n. 18) Dpr. n. 633/72; - Prestazioni didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale rese da istituti e scuole riconosciute da pubbliche amministrazioni, ai sensi art. 10 c. 1 n. 20) Dpr. n. 633/72 (utilizzabile per corsi di tipo non istituzionale per l Università p.e. quelli del C.L.A. o dello C.S.I.A.F); - Corsi di formazione o aggiornamento del personale (convenzioni di didattica) nei confronti di enti pubblici, ai sensi dell art. 14 c. 10 L. n. 537/93; - Prestazioni proprie delle biblioteche (p.e. prestiti di libri) e quelle inerenti alla visita di Musei, giardini botanici ecc., ai sensi art. 10 c. 1 n. 22) Dpr. n. 633/72. I.2.3 FATTURE PER PRESTAZIONI DI SERVIZI A CLIENTE NON RESIDENTE In questo caso occorre verificare ai sensi dell art. 7 Dpr. n. 633/72 se la prestazione ha o meno il requisito della territorialità IVA in Italia e risulta perciò in campo o fuori campo IVA. Date le tipologie di attività dell Università la situazione è la seguente: NORMA TIPO PRESTAZIONE DI SERVIZI CRITERIO TERRITORIALITA IVA Art. 7 c. 4 Servizi relativi a beni immobili comprese le - immobile ubicato in Italia SI a) perizie - immobile non ubicato in Italia NO Art. 7 c. 4 b) Servizi relativi a beni mobili materiali, comprese le perizie (1), e prestazioni di servizi - esecuzione del servizio in Italia SI Art. 7 c. 4 e) Art. 7 c. 4 f) Art. 7 c. 4 f) culturali, scientifici, didattici cessioni di diritto d autore, brevetti, licenze e simili; prestazioni pubblicitarie; prestazioni di consulenza e assistenza tecnica e legale (1), formazione e addestramento del personale; elaborazione e fornitura dati e simili; prestazioni di servizi resi tramite mezzi elettronici prestazioni di consulenza e assistenza tecnica e legale, formazione e addestramento del personale; elaborazione e fornitura dati e simili; prestazioni di servizi resi tramite mezzi elettronici cessioni di diritto d autore, brevetti, licenze e simili - esecuzione del servizio all estero - cliente U.E soggetto passivo iva (cioè avente n. VAT) - cliente U.E privato (cioè non avente n. VAT) NO NO - cliente extra U.E. NO - cliente extra UE e utilizzo del servizio in Italia o in altro stato UE SI SI - cliente extra UE e utilizzo del servizio all estero NO Nota (1): le prestazioni di consulenza e assistenza tecnica di cui alla lett. e) dell art. 7 c. 4 si distinguono dalle perizie e dai servizi di ricerca scientifica di cui alla lett. b) dell art. 7 c. 4, per il fatto che mentre nelle prime prevale l elemento di valutazione soggettiva del consulente (che si esprime in giudizi o pareri) nelle seconde prevale la rilevazione di dati in base a criteri o parametri oggettivi o scientifici. Nel caso preso in esame di prestazioni o convenzioni conto terzi nei confronti di clienti esteri, quand anche la prestazione risulti fuori campo iva in base all art. 7 dpr. n. 633/72, occorre comunque emettere fattura (per le altre tipologie di operazioni fuori campo iva, come ad esempio i contributi a fondo perduto ricevuti da soggetti italiani o esteri, invece non va emessa alcuna fattura).

4 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 4 I.2.4. NOTE DI CREDITO L emissione di nota di credito ai fini IVA è una facoltà e non un obbligo (art. 26 D.p.r. n. 633/72). Assume la forma di una fattura numerata regolarmente, salvo la sostituzione della dizione fattura con quella di nota di credito. Il documento deve riportare, oltre all ammontare della variazione e della relativa imposta, i dati identificativi della fattura originale. - Casi nei quali è possibile emettere nota di credito senza limite temporale: 1) obbligo derivante da precise disposizioni di legge (p.es. riduzione aliquota IVA); 2) successiva applicazione di sconti o abbuoni a condizione che siano stati presenti nel contratto originario; 3) dichiarazione di nullità, annullamento del contratto (invalidità del contratto sin dall origine); 4) risoluzione, recesso, revoca e simili dal contratto con sentenza o nei casi previsti nel contratto (invalidità che sopravviene); 5) mancato pagamento totale o parziale di una fattura ad IVA differita, (irrilevante la causa del mancato pagamento, Ris. Min. 5 marzo 2002 n. 75/E); 6) procedure concorsuali od esecutive rimaste infruttuose. - Casi in cui è possibile emettere nota di credito solo entro un anno dalla effettuazione dell operazione: 1) sopravvenuto accordo tra le parti (sconti e abbuoni non previsti contrattualmente, restituzione di prodotti, inadempimento di una parte delle obbligazioni assunte, ecc); 2) inesattezze della fatturazione (fattura emessa per operazione inesistente, corrispettivi in misura superiore al reale, fattura emessa con IVA al 20% anziché non imponibile, esente, ecc.) I CORRISPETTIVI. Per certe tipologie di servizi al pubblico (servizi fotocopie, biglietti musei) non occorre l emissione della fattura se non su specifica richiesta del cliente. Ai sensi dell art. 2 DPR n. 696/96 l Università in quanto ente pubblico obbligato alla tenuta di una contabilità pubblica è esonerato dall emissione di scontrino o ricevuta fiscale. Si rilascia pertanto al momento del pagamento una ricevuta semplice di cui ad appositi bollettari madre e figlia, sulla quale si indica l ammontare dei corrispettivi riscossi comprensivi d IVA. Gli importi giornalieri così riscossi devono essere registrati tramite la procedura CIA nell apposito REGISTRO DEI CORRISPETTIVI entro il giorno successivo (non festivo). - CORRISPETTIVI TELEMATICI L art. 37, c D.L. n. 223/2006, conv. L. n. 248/2006, ha introdotto l obbligo per i soggetti non tenuti all emissione di fattura ex art. 22 D.P.R. n. 633/1972, di trasmissione in via telematica all Agenzia delle Entrate dei corrispettivi giornalieri, distintamente per ciascun punto vendita. La decorrenza del nuovo obbligo era fissata al 1 gennaio 2007, con prima trasmissione da effettuarsi entro luglio Il comma 327 dell'articolo unico della legge Finanziaria 2007 ha, però, rinviato l'efficacia delle norme contenute nel decreto legge n. 223/2006 (e, di conseguenza, l'obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi) a un termine successivo, stabilito, per singole categorie di contribuenti e dell ammontare annuo dei corrispettivi, da un provvedimento direttoriale che dovrà essere adottato entro il 1 giugno Attualmente l entrata in vigore di detto obbligo è ancora incerta. Non si ha inoltre conferma ufficiale che gli enti pubblici (e quindi anche l università) attualmente esonerati dall obbligo di emissione

5 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 5 dello scontrino o ricevuta fiscale, siano da ritenere esclusi dal nuovo obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi. I.2.6. EDITORIA: CESSIONI DI LIBRI E RIVISTE. Nel caso in cui l U.A. proceda alla vendita a titolo oneroso di libri e/o riviste periodiche (si intendono esclusivamente quelle cartacee), regolarmente registrate presso il Tribunale, e assume perciò la veste di editore, è possibile usufruire del regime IVA agevolato di cui all art. 74 del D.P.R. n. 633/72. In tal caso l U. A. con riferimento a cessioni in ITALIA : - non deve procedere alla emissione di fattura, con riferimento a copie o abbonamenti distribuiti in Italia: va rilasciata una ricevuta semplice; - sulle ricevute emesse deve essere impressa la dicitura iva assolta dall editore ex art. 74 c. 1, lett. c), D.P.R. n. 633/72 ; - deve procedere, entro il mese successivo a quello di consegna o spedizione, alla registrazione delle copie consegnate (anche a titolo gratuito), suddivise per testata, sul Registro Iva delle Tirature (Registro cartaceo), applicando il regime della resa forfetaria che è attualmente fissata nel 70% per i libri e nel 80% per le riviste. Nel caso in cui invece, la cessione dei libri o riviste avvenga nei confronti di clienti residenti all estero, occorre, oltre ad effettuare gli adempimenti doganali, in ogni caso emettere ed inviare regolare fattura (da registrare su un apposito Registro Fatture Emesse), che sarà non imponibile IVA ex art. 41 L. n. 427/93, se l acquirente è un soggetto U.E. avente codice di identificazione IVA, ovvero soggetta ad iva all aliquota del 4% se l acquirente U.E. non ha codice identificativo IVA, ovvero ancora non imponibile ex art. 8 lett. a) del D.P.R. n. 633/72 se l acquirente è un soggetto extra-u.e. I.2.7. RIVISTE ON LINE E SERVIZI RESI TRAMITE MEZZI ELETTRONICI La cessione di riviste on line, con trasferimento cioè della rivista unicamente in forma digitale, non è considerata una cessione di un bene, ma una prestazione di servizi, in particolare di servizi resi tramite mezzi elettronici. Non si gode perciò del regime dell editoria e pertanto si è tenuti sempre all emissione di fattura. In particolare se il cliente è italiano o è un soggetto UE privato, privo di numero VAT, la fattura deve essere emessa con iva ad aliquota ordinaria (20%). Nel caso invece di cliente comunitario esercente attività commerciale, avente perciò numero VAT, o di cliente extra UE, la fattura è invece fuori campo IVA per l art. 7 c.4 rispettivamente lett. e) ed f). Schematizzando per le cessioni on line di riviste o comunque per ogni servizio reso esclusivamente tramite mezzi elettronici in forma digitale: TIPO CLIENTE italiano U.E. privato senza n. V.A.T. U.E. soggetto con n. V.A.T. TIPO FATTURA Iva 20% Iva 20% Fuori campo iva art 7 c. 4 e) Dpr n. 633/72 Extra U.E. Fuori campo iva art 7 c. 4 f) Dpr n. 633/72 I.3. OPERAZIONI PASSIVE (ACQUISTI NELL AMBITO DELLA ATTIVITA COMMERCIALE).

6 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 6 E possibile detrarre e quindi recuperare l IVA sugli acquisti effettuati purchè siano inerenti e destinati all attività commerciale complessivamente svolta dalla U.A.. Occorre cioè uno stretto collegamento fra destinazione del bene e l attività commerciale svolta. Si consiglia pertanto di acquisire apposita attestazione da parte del responsabile dei fondi, su tale inerenza e destinazione. Ciò anche nelle forme di appositi timbri da apporre sulle fatture stesse. Fatture promiscue Ai sensi dell art. 19-ter, c. 2, Dpr n. 633/72 per gli enti non commerciali come l Università, in presenza di beni e servizi utilizzati promiscuamente la detrazione è ammessa per la parte imputabile all esercizio dell attività commerciale; secondo l Amministrazione finanziaria i criteri adottati nella ripartizione devono essere oggettivi e coerenti con la natura dei beni e servizi acquistati (Circ. Min. 24 dicembre 1997 n. 328/E). Diritto alla detrazione Ai sensi dell art. 19 del D.P.R. n. 633/72, il diritto di detrazione sorge allorchè l IVA diventa esigibile. Poiché l Università rientra fra gli Enti Pubblici di cui al nuovo art. 6, comma 5, del D.P.R. n. 633/72 le fatture di acquisto possono essere generalmente considerate ad iva differita e diventano esigibili all atto dell avvenuto pagamento. A questa regola vi sono quattro eccezioni, cioè vanno sempre considerati e registrati ad iva immediata: - le note di credito - le fatture di acquisto con iva esente, non imponibile, non soggette, fuori campo; - gli acquisti intracomunitari (per i quali vedi par. II.3); - gli acquisti di servizi da uno stato estero per i quali è necessario emettere autofattura ex art. 17 comma 3 DPR 633/72 (per i quali vedi par. II.4 D)). Il diritto alla detrazione può essere esercitato entro il termine massimo del 2 anno successivo a quello in cui il diritto è sorto (esemplificando, per una fattura pagata il 20 febbraio 2006, a prescindere dalla data di emissione, potrà essere esercitato il diritto alla detrazione solo a partire da tale data ed entro il termine massimo del 31/12/2008). Pertanto è possibile recuperare l iva anche di fatture che riportano date antecedenti l anno in corso (che per qualsiasi motivo non siano state pagate) purché si proceda alla loro registrazione su CIA e al relativo pagamento. - NUMERAZIONE E REGISTRAZIONE FATTURE DI ACQUISTO Ai sensi dell art. 25 del D.P.R. n. 633/72 le fatture di acquisto devono essere numerate e registrate in apposito registro, anteriormente all esercizio del relativo diritto alla detrazione. Il numero progressivo per quanto ci riguarda viene attribuito dalla procedura CIA all atto di inserimento della fattura (cosiddetto numero di protocollo CIA). Tale numero deve essere annotato sulle fatture stesse. - FATTURA ELETTRONICA La fattura è tradizionalmente emessa in forma cartacea (in duplice esemplare). Il D.Lgs. n. 52/2004 ha introdotto la possibilità di fatturazione elettronica. Per fattura elettronica s intende (Circ. Min. 19 ottobre 2005 n. 45/E) il documento informatico, predisposto in forma elettronica, secondo specifiche modalità che garantiscono l integrità dei dati contenuti e l attribuzione univoca del documento al soggetto emittente, senza necessità di provvedere alla stampa su supporto cartaceo. Tali requisiti sono garantiti mediante apposizione su ciascuna fattura elettronica a) del riferimento temporale e b) della firma elettronica qualificata

7 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 7 dell emittente. L'articolo 21 dpr 633/72, al comma 1, afferma che la fattura elettronica si considera emessa all'atto della sua trasmissione per via elettronica, cioè nel momento in cui il documento informatico viene inviato all'indirizzo elettronico del destinatario o messo nella sua disponibilità. Le fatture elettroniche devono essere necessariamente conservate in formato elettronico. La fattura elettronica è ammessa solo ed esclusivamente previo accordo con il cliente. Affinché infatti, sia percorribile la trasmissione telematica della fattura elettronica (che è la forma naturale di invio della fattura elettronica) è necessario il preventivo consenso del destinatario che deve possedere strumenti tecnici idonei alla ricezione e alla conservazione in formato elettronico del documento. Occorre quindi attualmente, ove pervenga ad una U.A.D.R. una richiesta in tal senso, non dare il proprio consenso. Nota: E ammissibile invece, come precisato nella stessa Circ. n. 45, come modalità di trasmissione di una fattura cartacea, l utilizzo dell (o del fax), con relativa necessità di successiva stampa, anziché della posta ordinaria. - AUTOFATTURA PER MANCATO RICEVIMENTO DELLA FATTURA: Se entro 4 mesi dall effettuazione dell operazione (ricevimento dei beni o pagamento) non è stata ricevuta la fattura del fornitore, dopo aver effettuato i solleciti del caso, entro il 30 giorno successivo (cioè entro il 5 mese), occorre emettere in duplice copia un documento ( Autofattura ) da presentare all Ufficio delle Entrate sede di Firenze per il versamento dell IVA. Avvenuto tale versamento si può annotare l autofattura (inserendola su CIA come una fattura di acquisto normale) nel registro degli acquisti per il recupero dell IVA CASI DI INDETRAIBILITA Sussistono varie ipotesi di indetraibilità (parziale o totale): - indetraibilità totale per operazioni fuori campo IVA (con l eccezione delle operazioni non soggette ad IVA per extraterritorialità che se fossero eseguite nel territorio dello stato darebbero diritto alla detrazione, art. 19, c. terzo, Dpr n. 633/72); - per gli enti non commerciali come l Università, indetraibilità in presenza di beni e servizi utilizzati promiscuamente (art. 19-ter, c. 2, Dpr n. 633/72): in questo caso è ammessa la detrazione per la parte imputabile all esercizio dell attività commerciale; secondo l Amministrazione finanziaria i criteri adottati nella ripartizione devono essere oggettivi e coerenti con la natura dei beni e servizi acquistati (Circ. Min. 24 dicembre 1997 n. 328/E). - indetrabilità oggettiva: ai sensi dell art. 19-bis1 del Dpr. n. 633/72 sussistono dei limiti alla detrazione per l acquisto di alcune tipologie di beni e servizi riepilogati nella seguente tabella: DESCRIZIONE DELL ACQUISTO CON IVA INDETRAIBILE % indetraibilità Prestazioni di trasporto di persone 100% Alimenti e bevande 100% Spese di rappresentanza (1) 100% Navi e imbarcazioni da diporto, motocicli di cilindr. sup. a 350 cc 100% Veicoli stradali a motore 60% Spese correlate ai veicoli (prestazioni di noleggio, manutenzioni, 60% riparazioni, custodia, carburanti e lubrificanti per veicoli, transito stradale)

8 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 8 NOTA (1) trattasi di spese dirette ad offrire ad alcune persone direttamente od indirettamente collegate all impresa un immagine positiva dell impresa o ente e della sua attività in termini di organizzazione ed efficienza, caratterizzate dalla gratuità (mancanza di un corrispettivo diretto da parte dei destinatari) p.e. beni o prestazioni in omaggio, organizzazione di colazioni di lavoro ecc. - DETRAIBILITA IVA PER LE AUTOVETTURE E SPESE ACCESSORIE La sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee del 14 settembre 2006 Con sentenza in data 14/09/2006 la Corte di Giustizia ha ritenuto illegittime le limitazioni alla detrazione di cui all art. 19-bis1 lett. c) e d) relative all acquisto di autovetture, ciclomotori e motocicli, nonché alle spese a queste accessorie (carburanti e lubrificanti, impiego, custodia, manutenzione, riparazione etc.). In precedenza per le spese accessorie vigeva una indetraibilità totale. Per acquisto, leasing, noleggio dei beni sopraindicati la detraibilità era stata stabilita nel 10% per i periodi d imposta dal 2000 al 2005, e nella misura del 15% nel Il Periodo transitorio A seguito di tale sentenza, per gli acquisti effettuati dopo il 13/09/06 e fino al 27/06/2007 è divenuto applicabile il regime di detrazione ordinaria secondo le generali regole di inerenza all attività commerciale. Successivamente con decisione del Consiglio UE pubblicata nella Gazz. Uff. Europea in data 27/06/2007 l Italia è stata autorizzata a limitare al 40% il diritto alla detrazione dell IVA sulle spese relative ai veicoli stradali a motore. Nuove regole previste dalla Finanziaria 2008 La legge 24 dicembre 2007, n. 244 (L. Finanziaria 2008), ha operato un riordino delle regole di detrazione dell imposta sul valore aggiunto afferente gli acquisti relativi a veicoli stradali a motore. La norma prevede che «... per veicoli stradali a motore si intendono tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto...». Ai sensi dell attuale lett. c) dell art. 19-bis1 del dpr 633/72, l imposta relativa all acquisto o all importazione dei veicoli stradali a motore, e dei relativi componenti e ricambi è ammessa in detrazione nella misura del 40% se tali veicoli non sono utilizzati esclusivamente nell esercizio dell impresa, dell arte o della professione. Per i veicoli quindi non interamente utilizzati per finalità imprenditoriali, artistiche o professionali, in deroga ai criteri ordinari non deve essere verificata in concreto la quota di effettiva utilizzazione per tali finalità, ma l imposta detraibile è limitata forfetariamente al 40 per cento dell IVA afferente i veicoli in questione. Al contrario per i veicoli interamente utilizzati per finalità imprenditoriali (ipotesi che appare difficilmente dimostrabile nell Università), la limitazione alla detrazione non opera ed è possibile la detrazione piena: incombe però sul contribuente l onere della prova dell utilizzo esclusivo rispetto a quello presunto forfetariamente dal Legislatore. Ai sensi della nuova lett. d) dell art. 19-bis1, l imposta relativa all acquisto o all importazione di carburanti e lubrificanti destinati a veicoli stradali a motore, nonché alle prestazioni di noleggio e locazione anche finanziaria dei medesimi e alle prestazioni di custodia, manutenzione, riparazione e impiego, compreso il transito stradale, dei beni stessi, è ammessa in detrazione nella stessa misura in cui è ammessa in detrazione l imposta relativa all acquisto o all importazione di detti veicoli.

9 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 9 - DETRAIBILITA IVA PER I CELLULARI Disciplina previgente In base al disposto dell articolo 19-bis1, comma 1, lettera g), del Dpr 633/1972, l Iva relativa ai telefoni cellulari, sia relativa all acquisto, importazione, noleggio e leasing, sia relativa alle spese di gestione, ossia al canone e al traffico degli stessi, risultava detraibile nella misura del 50 per cento. Nuova disciplina La legge Finanziaria 2008 ha abrogato la lettera g) del Dpr 633/1972. Di conseguenza, a decorrere dal 1 gennaio 2008 scompare la presunzione normativa di utilizzo promiscuo dei telefoni cellulari. I tratti principali della nuova disciplina per la detrazione Iva dei telefoni cellulari sono i seguenti: - detrazione in base al principio generale di inerenza: l Iva riferita al costo dei telefoni cellulari e alla relative spese di gestione è detraibile in proporzione all utilizzo del bene, potendo quindi avvenire anche integralmente nel caso di destinazione esclusiva all attività commerciale; - onere della prova a carico del contribuente: il contribuente deve essere in grado di dimostrare all Amministrazione finanziaria l effettiva destinazione del bene; - attività di controllo per gli anni : la L. Finanziaria 2008 introduce una norma a carattere transitorio che prevede una specifica attività di controllo da parte della Amministrazione finanziaria a carico dei soggetti che detraggono l Iva relativa all acquisto o all impiego di telefoni cellulari in misura superiore al 50%. Pertanto, nonostante le modifiche normative, per i telefoni cellulari conserva una propria validità la ripartizione forfettizzata al 50%. Tenuto conto che raramente nell Università le spese relative ai telefoni cellulari sono utilizzate esclusivamente in attività commerciale, pare pertanto consigliabile non superare la misura a recupero del 50%. - DETRAIBILITA IVA PER PRESTAZIONI ALBERGHIERE E SOMMINISTRAZIONI PASTI L art. 83, comma 28-bis, del D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2008 n. 133, ha modificato la lett. e) dell art. 19-bis1 del D.P.R. n. 633/1972, eliminando la previsione di indetraibilità oggettiva dell imposta per le prestazioni alberghiere e le somministrazioni di alimenti e bevande (servizi di ristorazione). Con la nuova formulazione dell art. 19-bis1 del D.P.R. n. 633/1972 si è resa integralmente detraibile l IVA sulle prestazioni in questione, non più limitata alla sola evenienza della partecipazione a convegni o congressi, come precedentemente stabilito dall art. 1, c. 304 e 305 della L. n.. 296/2006. Decorrenza La norma, come precisa l art. 83, comma 28-ter, del D.L. 112/2008, si applica alle operazioni effettuate a partire dal 1 settembre 2008 e quindi a fatture che riportano la data del 1 settembre 2008 o successiva. Requisiti Come precisato nella Circ. Ag. Entrate n. 53/E del 5 settembre 2008, ai fini della detraibilità occorre, nel rispetto dei principi generali riguardanti la detrazione IVA, la compresenza di due requisiti, quello dell inerenza e quello della acquisizione e possesso della fattura. Per quanto riguarda il requisito dell inerenza all attività commerciale, stabilito dall art. 19 del D.p.r. n. 633/72, questo va inteso, come chiarito dalla giurisprudenza comunitaria, come

10 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 10 collegamento qualificato che deve intercorrere fra l acquisto e l attività commerciale esercitata dal soggetto, ovvero come nesso immediato e diretto col complesso dell attività economica esercitata dal soggetto. Poiché la prova di questo requisito grava sul contribuente, trattandosi di acquisti che nell Università per loro natura vengono normalmente effettuati nell ambito di attività istituzionali, non pare sufficiente il fatto che si stia utilizzando fondi commerciali e sembra opportuno perciò, ove possibile, acquisire e lasciare agli atti una documentazione che possa attestare l effettiva afferenza della spesa alla attività commerciale. La seconda condizione è il possesso (e ovviamente, la relativa registrazione) di una regolare fattura, intestata al committente. Al fine di recuperare l IVA, occorre quindi acquisire e registrare una regolare fattura intestata all Università (con indicazione della denominazione, del domicilio fiscale, e possibilmente della partita IVA dell Università): sulla fattura è necessaria, ai fini della verifica dell inerenza, anche l indicazione dei nominativi delle persone fisiche che hanno usufruito del servizio. I.4. ELENCO CLIENTI E FORNITORI L art. 33, comma 3, del D.L. 25 giugno 2008 n. 112 ha abrogato la disposizione del comma 4-bis dell art. 8-bis del D.P.R. 22 luglio 1998 n. 322 che aveva reintrodotto nel 2007 l obbligo di trasmettere gli elenchi dei clienti e fornitori. Pertanto tale obbligo è stato effettivo solo con riferimento alle annualità 2006 e 2007 e viene a cadere a partire dal Nonostante il venir meno di questo obbligo, si ritiene sia comunque indispensabile l acquisizione del codice fiscale ed eventuale partita IVA dei clienti nei cui confronti si emettono fatture, sia per esigenze di identificazione univoca dei propri clienti, sia perché nella dichiarazione IVA annuale, in apposita sezione, occorre distinguere il totale delle operazioni attive effettuate nei confronti di semplici consumatori finali da quelle effettuate nei confronti dei soggetti IVA. I.5. ADEMPIMENTI DEI POLI E DELLE U. A. NON AFFERENTI AI POLI Per consentire all Ufficio Attività Commerciale il controllo complessivo dei dati, la compilazione dei registri riepilogativi ed il versamento mensile dell IVA, i Poli o le U.A. non afferenti ai Poli, una volta effettuati i controlli sulla congruità delle registrazioni,sono tenute indicativamente entro il giorno 10 di ogni mese a rendere definitivi i registri IVA sezionali. Con riferimento all esercizio 2008 non dovranno più, come in passato, essere inviate all Uff. Attività Commerciale le copie cartacee delle fatture attive e di acquisto e dei registri sezionali IVA. Si raccomanda tuttavia alle strutture titolari di registri IVA sezionali una distinta conservazione delle copie di dette fatture, ai fini di una loro esposizione ad eventuali organi accertatori. Si ricorda che le fatture emesse e ricevute ed i registri IVA sezionali devono essere conservati per un periodo minimo di 4 anni decorrenti dal 31 dicembre dell anno in cui è stata presentata la dichiarazione alla quale si riferiscono le registrazioni (per esempio i registri o le fatture 2007 devono essere conservati fino al 31 dicembre 2012). Sempre entro il 10 di ogni mese deve invece pervenire all Uff. Attività Commerciale copia dei registri delle Tirature con il relativo prospetto riepilogativo. A seguito di comunicazione da parte dell Uff. Attività Commerciale, le strutture titolari di registri IVA sezionali, provvederanno alla stampa dei registri IVA commerciali sulla carta intestata e numerata. II. IVA PER OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE.

11 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 11 II.1. ACQUISTI INTRACOMUNITARI. Occorre rilevare in primo luogo che tutti gli acquisti intracomunitari, anche se attinenti all attività puramente istituzionale, sono operazioni che importano obblighi ai fini IVA: infatti implicano l applicazione dell IVA secondo le aliquote vigenti in Italia, anche se con modalità differenti a seconda se si è in attività commerciale o istituzionale. - Requisiti di un acquisto intracomunitario: 1) Acquisto a titolo oneroso della proprietà di BENI MATERIALI; 2) Operazione fra 2 soggetti in possesso di numero VAT; 3) trasferimento fisico dei beni da uno stato membro dell U.E. in Italia. Se manca uno solo dei tre requisiti (fornitore non in possesso di partita IVA estera, operazione a titolo gratuito, acquisto di un servizio, ad eccezione dei servizi di trasporto, intermediazione ecc. strettamente connessi con gli stessi scambi intracomunitari e il cui importo è accessorio al prezzo di acquisto del bene) non siamo di fronte ad un acquisto intracomunitario e pertanto vengono meno i relativi obblighi. - acquisto di un software: Costituisce acquisto intracomunitario l acquisto di supporti magnetici relativi a software standardizzati. Al contrario viene considerato acquisto di un servizio e quindi non configura un acquisto intracomunitario l acquisto di supporti magnetici relativi a software personalizzati. Anche l acquisto di software per via esclusivamente telematica (senza cioè che arrivi alcun supporto) è considerata prestazione di servizi e non acquisto di un bene. - Momento di effettuazione dell operazione: al primo che si verifica fra questi eventi: consegna dei beni, ricevimento fattura, pagamento. Per tutte le operazioni (sia in ambito istituzionale che commerciale) che hanno i requisiti sopra indicati: 1. occorre comunicare preventivamente al fornitore U.E. il nostro numero di VAT (IT ): l omissione di tale comunicazione è specificamente sanzionata. 2. Allorchè arriva la fattura per acquisto intracomunitario occorre: protocollarla, attraverso la registrazione (che deve avvenire secondo i termini indicati nei paragrafi II.2 e II.3) su CIA; integrarla, specificando sulla fattura: a) il numero di protocollo attribuito da CIA b) la data di arrivo (possibilmente comprovata dalla busta da lasciare agli atti) c) il controvalore in euro dell imponibile se la fattura è in valuta diversa dall euro e il cambio utilizzato (cambio alla data della fattura o del giorno di effettuazione dell operazione se indicato sulla stessa fattura); d) l imposta (calcolata applicando l aliquota italiana per gli stessi beni), o il titolo di non assoggettibilità. Esempio di integrazione da apporre anche utilizzando un eventuale timbro: Fattura prot. n.:... Valuta:... Cambio valuta/euro:..... alla data del../../.. Controvalore in Euro :.

12 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 12 Aliquota:...% Imposta:... Totale:... Titolo di non imponibilità/ esenzione/ esclusione da IVA: entro il giorno 20 di ogni mese occorre da parte di ogni Polo o U.A non afferente ai Poli presentare i modelli riepilogativi (INTRA 2 e INTRA 2-BIS) all Ufficio Dogane con riguardo a tutte le fatture intracomunitarie registrate nell apposito Registro per gli Acquisti Intracomunitari (se si tratta di acquisti nell ambito istituzionale) e nei due registri delle Vendite e degli Acquisti (se trattasi di acquisti nell ambito commerciale) nel mese precedente. A partire dall esercizio 2008 tale presentazione dovrà avvenire su supporto magnetico (dischetto) elaborato con l apposito programma fornito dalla amministrazione finanziaria. Il dischetto deve essere accompagnato dal frontespizio cartaceo. II.2. ACQUISTI INTRACOMUNITARI IN AMBITO ISTITUZIONALE. Per tali acquisti le singole strutture devono procedere ai seguenti adempimenti: 1) vanno registrati su CIA che genera automaticamente l inserimento nell apposito REGISTRO DEGLI ACQUISTI PER OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE, entro il mese successivo a quello in cui si viene in possesso della fattura (p.es. fattura pervenuta in marzo, la registrazione su CIA al massimo deve essere effettuata entro Aprile); 2) Nei modelli Intrastat mensili di cui al par. II.1 vanno inserite come già detto, tutte le fatture intracomunitarie registrate nel mese precedente; CASO PARTICOLARE: Acquisto intracomunitario di pubblicazioni estere da parte di Biblioteche Universitarie : - tale tipo di acquisto non è soggetto all applicazione dell imposta in base all art.3, comma 7, del D.L. n. 90/1990 conv. nella L. n. 165/90; - per pubblicazioni estere devono intendersi le pubblicazioni su carta (libri, riviste, quotidiani, periodici); gli estratti rientrano nella nozione di libro (v. Circ. Min. n. 63/90) se recano l indicazione del titolo o testata della pubblicazione da cui sono tratti e se recano altresì l indicazione di un prezzo al pubblico; gli estratti che non hanno le caratteristiche sopra indicate sono assimilabili a fotocopie e pertanto si ritiene scontino l IVA ad aliquota del 20%; le pubblicazioni su supporto magnetico non rientrano nell esclusione e scontano l IVA alla aliquota del 20%; - A rigore la non assoggettibilità ad IVA riguarda solo gli acquisti effettuati da Biblioteche Universitarie. E pertanto opportuno, ove la struttura amministrativa abbia al suo interno una biblioteca, farsi intestare la fattura con citazione della biblioteca (es. Biblioteca del dipartimento di..., oppure Dipartimento di... - Biblioteca ). ADEMPIMENTI DEI POLI E DELLE U.A. NON AFFERENTI AI POLI Per consentire all Ufficio Attività Commerciale il controllo complessivo dei dati, la compilazione del registro riepilogativo per acquisti intracomunitari ed il versamento mensile dell IVA, i Poli o le U.A. non afferenti ai Poli, una volta effettuati i controlli sulla congruità delle registrazioni,sono tenute indicativamente entro il giorno 20 di ogni mese a rendere definitivi i registri IVA sezionali per acquisti UE. Con riferimento all esercizio 2008 non dovranno più, come in passato, essere inviate all Uff. Attività Commerciale le copie cartacee delle fatture di acquisto UE, dei registri sezionali IVA e dei modelli Intrastat. Si raccomanda tuttavia alle strutture titolari di registri IVA UE sezionali una distinta conservazione delle copie di dette fatture, ai fini di una loro esposizione ad eventuali organi

13 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 13 accertatori. Circa i termini di conservazione di fatture, registri e copie modelli intrastat, si rimanda a quanto precisato nel par. I.5. A seguito di comunicazione da parte dell Uff. Attività Commerciale, le strutture titolari di registri IVA sezionali, provvederanno alla stampa dei registri IVA per acquisti UE sulla carta intestata e numerata. II.3. ACQUISTI INTRACOMUNITARI NELL AMBITO DELLA ATTIVITA COMMERCIALE. In relazione a tali operazioni, oltre agli adempimenti di cui al par. II.1 (comunicazione ns. numero di VAT; protocollazione, integrazione della fattura; presentazione modello INTRA-2 e -2Bis in dogana delle fatture registrate nel mese precedente), occorre da parte della struttura interessata registrare tali fatture in CIA con gli opportuni codici IVA che generano in automatico l inserimento della stessa sia nel Registro delle Fatture Emesse sia nel Registro degli Acquisti entro il mese di ricevimento della fattura. II.4 CASI PARTICOLARI. A) AUTOFATTURA PER MANCATO RICEVIMENTO DELLA FATTURA DI ACQUISTO INTRAUE. Se entro il mese successivo a quello di effettuazione dell operazione (arrivo del bene o pagamento) la fattura definitiva intracomunitaria (N.B. le fatture pro-forma non dovrebbero essere registrate) non è ancora pervenuta, occorre entro il mese seguente, emettere autofattura, in un solo esemplare. Se tuttavia si è in possesso di una fattura pro-forma e questa ha tutti i requisiti sostanziali di una fattura definitiva si procede registrando la pro-forma come se fosse definitiva. L autofattura o la fattura pro-forma va registrata in CIA come una normale fattura per acquisto intra UE con i codici IVA opportuni che variano a seconda se si è in attività commerciale o istituzionale. Ad esempio, se l acquisto intracomunitario è stato effettuato il 25.03, essendo stato effettuato in tale data il relativo pagamento, e la fattura non è stata ricevuta alla data del , occorre entro il registrare la fattura pro-forma o l autofattura. B) RAPPRESENTANTE FISCALE. Se il fornitore estero ha un rappresentante fiscale in Italia e la fattura è cointestata con l indicazione degli estremi e della qualità del rappresentante fiscale, l operazione diventa assimilabile ad una operazione in ambito nazionale (e non intracomunitaria) e va trattata come le altre fatture italiane (per le quali v. par. I.1 ed I.3.) C) TRIANGOLAZIONI IN AMBITO U.E. (CENNI). X L art. 38, comma 7, del D.L. n. 331/93 disciplina il caso delle operazioni triangolari, cioè degli acquisti intracomunitari nei quali intervengono 3 soggetti passivi uniti da un unica operazione commerciale: X, soggetto passivo in uno stato membro (Intermediario), acquista merce da Y in altro stato membro, chiedendo di consegnarla a Z, domiciliato in diverso stato membro. In questo caso fermo restando l obbligo della doppia fatturazione da Y su X e da X u Z, se Z viene designato come debitore IVA, nel primo passaggio cioè per la fattura fra Y e X, non è dovuta imposta.

14 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 14 Y Z ESEMPIO DI TRIANGOLAZIONE. 1. IT (operatore italiano) acquista beni da FR (francese), ma riceve la merce da DE (tedesco). FR In questo caso l operatore italiano riceve una fattura senza addebito di imposta con la quale il fornitore francese lo designa come responsabile, in sua vece, del pagamento dell imposta in Italia. Pertanto l operatore italiano integra e registra la fattura e compila il mod. INTRA 2-bis, indicando nella colonna 2 e 3 il codice ISO e il numero identificativo del fornitore francese e a colonna 13 (paese di provenienza) il codice DE. DE IT D) ACQUISTI DI SERVIZI DALL ESTERO. L argomento, molto complesso, è stato trattato in apposita informativa. In estrema sintesi, nel caso di acquisto di servizi effettuati da soggetti esteri, che non abbiano una stabile organizzazione in Italia, ove tali servizi si considerino effettuati nel territorio Italiano, ai sensi dell art. 7 del D.P.R. n. 633/72, (p.e una licenza d uso o un programma personalizzato) non siamo nel campo degli acquisti intracomunitari (o delle importazioni). Perciò: - se si tratta di un acquisto in ambito istituzionale nel buono d ordine NON si deve comunicare la partita IVA dell Università: la ditta estera in questo caso è tenuta a nominare un rappresentante fiscale in Italia o ad identificarsi direttamente in Italia, con l applicazione quindi in fattura dell IVA italiana; - se si tratta di acquisto in ambito commerciale si deve comunicare la partita IVA dell Università e di regola (a meno che il fornitore non si sia avvalso di un rappresentante fiscale in Italia) ai sensi dell art. 17, comma terzo, del D.P.R. n. 633/72 deve essere emessa una AUTOFATTURA con IVA italiana, che va annotata sia nel Registro delle Fatture Emesse sia nel Registro degli Acquisti (ciò su CIA avviene automaticamente con l opportuna scelta del codice IVA al momento della registrazione della fattura). Nel caso in cui il servizio reso da fornitore estero non abbia il requisito della territorialità IVA in Italia, ai sensi dell art. 7 del D.P.R. n. 633/72, evidentemente si riceverà una fattura che non riporta un IVA italiana (se il fornitore è UE, di regola la fattura dovrebbe presentare l IVA del paese del fornitore) e che non comporta alcun adempimento ai fini IVA in Italia.

15 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 15 E) LAVORAZIONI IN AMBITO U.E. Ai sensi della L. n. 28/97 che ha aggiunto all art. 40 del D.L. n. 331/93 il comma 4-bis, nel caso di prestazioni di servizi relative a beni mobili, comprese le perizie, eseguite nel territorio di altro stato membro, tali prestazioni si considerano effettuate nel territorio italiano, con conseguente applicazione dell imposta in Italia, purché si verifichino le seguenti condizioni: 1) committente e prestatore del servizio sono soggetti identificati ai fini IVA; 2) il bene a fine lavorazione viene trasportato o trasferito al di fuori del paese dove ha subito il trattamento. Si tratta di una fattispecie molto ampia che riguarda il trasferimento in altro Stato U.E. di beni mobili per l esecuzione di lavori (produzione, riparazioni, collaudi, perizie, ecc), eseguiti i quali, il bene viene rispedito allo stato del committente o in altro stato membro. Tale operazione implica l assolvimento di obblighi sia di tipo fiscale che statistico. Supponendo che l acquisto del servizio in questione avvenga nell ambito commerciale da parte di una Unità Amministrativa dell Università: - occorre comunicare al prestatore del servizio il nostro numero di VAT; - al momento dell invio del bene occorre annotare tale invio in apposito registro IVA delle movimentazioni intracomunitarie di cui all art. 50, comma 5 del D.L. n. 331/93; - la fattura che si riceve deve essere integrata con applicazione dell IVA e registrata in modo analogo agli acquisti intracomunitari in ambito commerciale; - allorchè il bene ritorna occorre annotare tale rientro nel Registro di cui all art. 50, commma 5, nonchè compilare il Mod. INTRA 2-bis ai soli fini statistici, escluse le colonne da 2 a 5, e indicando nella colonna 6 (natura transazione) il codice 5 ; tale compilazione del modello intrastat tuttavia non occorre, ai sensi di quanto indicato nell Allegato al D.M. 3/08/2005, che ha aggiunto la tabella E alle istruzioni del modello Intrastat, nel caso in cui la lavorazione consista in una riparazione (definita come l operazione che ha l obiettivo di mantenere i beni in condizione di funzionamento e può comportare lavori di ricostruzione o di miglioria, ma non modifica in alcun modo la natura dei beni). Nel caso in cui, invece, l acquisto del servizio in questione, avvenga in ambito istituzionale, fermi restando gli obblighi di annotazione nel Registro di cui all art. 50, comma 5 del D.L. n. 331/93, e di presentazione a fini statistici dei modelli Intra-2 e 2Bis al ritorno della merce (con l eccezione delle riparazioni per le quali non occorre la compilazione dell Intrastat come stabilito nella tabella E, All. I, al D.M. 3 agosto 2005), non bisogna al momento dell acquisto, identificarsi presso il prestatore del servizio ai fini IVA, ma occorre invece chiedere l applicazione dell IVA dello stato del prestatore, e pertanto si riceverà una fattura indicante l IVA estera, che non rileva ai fini di altri adempimenti IVA. III. IMPORTAZIONI. Si può parlare di importazioni solo laddove si acquistino beni provenienti da paesi extra UE. Per tali operazioni: l IVA è dovuta dall importatore e va pagata all ufficio doganale sulla base della dichiarazione d importazione; Se l acquisto è nell ambito dell attività commerciale si può registrare nel registro degli acquisti la bolletta doganale per il recupero dell IVA pagata, (le modalità di inserimento della bolletta doganale su CIA sono precisate su CIA in pratica sotto la voce Registrazione fatture e Registri IVA). l importazione di pubblicazioni estere da parte di Biblioteche Universitarie non è soggetta ad IVA (V. par. II.2.).

16 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 16 NOTA: Nel caso in cui l acquisto di un bene avvenga presso un fornitore UE, ma la merce pervenga direttamente da uno stato extra UE, poiché manca uno dei requisiti per la configurazione degli acquisti Intra UE, siamo in realtà di fronte ad una importazione, per cui occorrerà di regola provvedere a sdoganare la merce. APPENDICE - MODELLI INTRASTAT. INTRA 2. Si tratta di un frontespizio. I dati da inserire sono: 1) periodo, 2) anno, 3) tipo di riepilogo (mensile), 4)soggetto obbligato (va indicato Università degli Studi Polo o Dipartimento di...) 5) partita IVA, 6) domicilio fiscale (P.zza S. Marco 4), 7) dati riassuntivi: sezione I (relativa al mod. intra 2-bis): totale pagine compilate, totale righi di dettaglio, ammontare complessivo in euro delle operazioni (imponibile); sezione II (da compilare solo se si compila intra 2-ter).

17 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 17 INTRA 2-BIS. Elementi da inserire per ogni riga: 1) numero progressivo: indicare il numero di riga; 2) Stato: cod. ISO stato del fornitore; 3) Codice iva: partita iva del fornitore; 4) Ammontare delle operazioni in euro: imponibile indicato in fattura, arrotondato all euro per eccesso o per difetto a seconda se l importo supera o meno 0,5; 5) Ammontare delle operazioni in valuta: importo arrotondato all unità dell operazione nella valuta dello stato del Fornitore (da compilare solo se il fornitore appartiene ad uno stato membro che non ha adottato l Euro); 6) Natura transazione: codice corrispondente tratto dalla tab. B (in genere 1 acquisto/vendita); 7) Nomenclatura combinata: codice delle merci secondo la tariffa doganale (chiedere al fornitore o in dogana o consultare la tabella visualizzabile su CIA); 8) Massa netta: massa della merce senza imballaggi in Kg; 9) Unità supplementare: A volte la tariffa doganale richiede una unità di misura supplementare; 10) Valore statistico in euro: ammontare delle cessioni + spese di consegna (trasporto, assicurazione ecc.) fino al luogo di introduzione in Italia (franco confine italiano); 11) Condizioni di consegna: in genere C o D, se la fattura è comprensiva del costo di trasporto; 12) Modo di trasporto: V. tabella relativa; 13) Paese di provenienza: indicare cod. ISO paese membro di provenienza dei beni; 14) Paese di origine: indicare il cod. ISO del paese di origine dei beni; 15) Sigla automobilistica provincia di destinazione: FI. Le colonne 10), 11), 12), non vanno compilate se il soggetto nell anno precedente non supera la soglia di 20 milioni di euro di acquisti intra UE, stabilita dal D.M. 20/12/06. Per il 2007 non avendo nel 2006 l Università di Firenze superato tale limite, tali colonne non vanno pertanto compilate. Sulla stessa riga vanno sommati i dati relativi a più operazioni (fatture) solo se hanno le stesse caratteristiche, per quanto riguarda (elementi che devono coesistere): codice di identificazione VAT del fornitore, natura transazione, nomenclatura combinata, condizioni di consegna, modo di trasporto, paese di provenienza, paese di origine, provincia di destinazione. INTRA 2-TER Tale modello deve essere utilizzato solo per correggere elenchi riepilogativi già presentati nei mesi precedenti (per errori materiali o note di variazione ricevute): occorre indicare il periodo di riferimento dell operazione da correggere, il segno della correzione ( + oppure - ), ecc.. TABELLA A - PAESI MEMBRI DELLA CEE (VALIDA DAL 1/05/04 CON I 10 NUOVI STATI MEMBRI UE) CODICE ISO STATO MEMBRO N. CARATTERI CODICE IVA AT AUSTRIA 9 BE BELGIO 9 BG BULGARIA 9 ovvero 10 CY CIPRO 9 CZ REPUBBLICA CECA 8 ovvero 9 ovvero 10

18 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 18 DE GERMANIA 9 DK DANIMARCA 8 EE ESTONIA 9 EL GRECIA 9 ES SPAGNA 9 FI FINLANDIA 8 FR FRANCIA 11 GB GRAN BRETAGNA 5 ovvero 9 ovvero 12 HU UNGHERIA 8 IE IRLANDA 8 IT ITALIA 11 LT LITUANIA 9 ovvero 12 LU LUSSEMBURGO 8 LV LETTONIA 11 MT MALTA 8 NL OLANDA 12 PL POLONIA 10 PT PORTOGALLO 9 RO ROMANIA 10 SE SVEZIA 12 SI SLOVENIA 8 SK REPUBBLICA SLOVACCA 9 ovvero 10 Tabella B NATURA DELLA TRANSAZIONE (*) CODICE DESCRIZIONE OPERAZIONI TRIANGOLARI 1 Acquisto o vendita (compreso il baratto) A 2 Restituzione o sostituzione di merci B 3 Aiuti governativi, privati o finanziati dalla Comunità Europea C 4 Operazione in vista di una lavorazione per conto terzi o di una D riparazione 5 Operazione successiva ad una lavorazione per conto terzi o ad una E

19 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 19 riparazione 6 Movimento di merci senza trasferimento di proprietà (per noleggio, leasing operativo, ecc.) 7 Operazione a titolo di un programma comune di difesa o di un altro programma intergovernativo di fabbricazione coordinata 8 Fornitura di materiali e macchinari nel quadro di un contratto generale di costruzione o di genio civile F G H 9 Altre transazioni I (*) Il codice alfabetico riportato nella terza colonna della tabella va utilizzato soltanto nel caso di operazioni triangolari comunitarie in cui il soggetto obbligato è intervenuto in qualità di acquirente-cedente. In tutti gli altri casi va utilizzato il codice numerico indicato nella prima colonna della tabella. TABELLA C - MODO DI TRASPORTO CODICE DESCRIZIONE 1 Trasporto marittimo 2 Trasporto ferroviario 3 Trasporto stradale 4 Trasporto aereo 5 Spedizioni postali 7 Installazioni fisse di trasporto 8 Trasporto per vie d'acqua 9 Propulsione propria Tabella D - CONDIZIONI DI CONSEGNA CODICE INCOTERM DESCRIZIONE CODICE GRUPPO EXW Franco fabbrica E FCA FAS FOB CFR CIF Franco vettore Franco lungo bordo Franco a bordo Costo e nolo Costo, assicurazione e nolo F

20 31/10/ Università Studi di Firenze Uff. Attività Commerciale e Imposte Dirette e Indirette 20 CPT CIP DAF DES DEQ DDU DDP Trasporto pagato fino a... Trasporto e assicurazione pagati fino a... Reso alla frontiera Reso a bordo Reso sulla banchina Reso non sdoganato Reso sdoganato C D

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI.

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Allegato VII ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Titolo I AVVERTENZE GENERALI 1. Gli elenchi riepilogativi

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO 12.1 Aspetti generali Come sottolineato nel capitolo precedente, sono previste procedure diverse anche in termini fiscali, che l'operatore

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

Il Sistema Intrastat

Il Sistema Intrastat Il Sistema Intrastat Il Cammino dell Unione Europea 2 Le Tappe 7 febbraio 1992 Trattato di Maastricht: il 1 gennaio 1993 nasce l Unione Europea (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Paesi Bassi,

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

L attività commerciale

L attività commerciale L attività commerciale Discipina dell attivit attività commerciele nei dipartimenti universitari 16 febbraio 2007 a cura di N.Rossi e M.Mutti 1 Fondamento giuridico L attività commerciale dell Universit

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITÀ FISCALI Ristorante specializzato in banchetti Sentenza CTR Lombardia 5.2.2013, n. 18/63/13 Professionista che si avvale di una segretaria Sentenza CTP Brescia 5.3.2013, n. 54/63/13 Comunicazione

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio 2010 - I.V.A e INTRASTAT 2010 - La presente guida normativa ha lo scopo

Dettagli

Gli esperti del Centro Studi SEAC predispongono mensilmente la rubrica Spazio aziende a disposizione degli abbonati alle Informative Fiscali.

Gli esperti del Centro Studi SEAC predispongono mensilmente la rubrica Spazio aziende a disposizione degli abbonati alle Informative Fiscali. INFORMAT N. 206 BIS 07 AGOSTO 2013 Gli esperti del Centro Studi SEAC predispongono mensilmente la rubrica Spazio aziende a disposizione degli abbonati alle Informative Fiscali. Spazio aziende è destinato

Dettagli

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA SCHEDA MONOGRAFICA TMG INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA Data aggiornamento scheda 12 giugno 2013 Redattore Davide David Il 1 luglio 2013 la Croazia entrerà a far parte dell Unione europea.

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

INFORMATIVA N. 08 Osimo, 08/08/2013

INFORMATIVA N. 08 Osimo, 08/08/2013 INFORMATIVA N. 08 Osimo, 08/08/2013 SPAZIO AZIENDE Spazio aziende è destinato alla clientela dello Studio e contiene, con un linguaggio semplice ma sintetico, una sintesi delle ultime novità fiscali, alcuni

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Dottori Commercialisti Dal 1969

Dottori Commercialisti Dal 1969 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali PREMESSA Con

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE Introduzione INTRODUZIONE Per poter considerare rilevanti ai fini IVA le operazioni effettuate dagli operatori economici, deve sussistere contemporaneamente, oltre ai presupposti soggettivo, oggettivo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE 4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE Il quadro si compone di quattro sezioni: 1) Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI STUDIO BAROZZI Ragionieri Commercialisti Bruno Barozzi Revere (MN) Ragioniere Commercialista Piazza Grazioli, 16 Consulente tecnico del Giudice Sermide (MN) Revisore Contabile Via Indipendenza, 42 info@studiobarozzi.it

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT Periodico quindicinale FE n. 12 19 giugno 2013 LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT ABSTRACT Gli elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni di beni richiedono

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI 1. Quadro generale e riferimenti normativi... 11 2. I soggetti obbligati alla presentazione degli elenchi Intrastat... 16 3. La struttura degli elenchi... 17 3.1

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Ingresso della Croazia nell UE - Il regime doganale cede il posto a quello comunitario del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Giuseppe Francesco Lovetere pubblicato sulla rivista il fisco n. 31 del 2 settembre

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

Il Sistema Intrastat

Il Sistema Intrastat Il Sistema Intrastat Il Cammino dell Unione Europea 2013 CROAZIA 28 2 Le Tappe 7 febbraio 1992 Trattato di Maastricht: il 1 gennaio 1993 nasce l Unione Europea (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio,

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI 1. Quadro generale e riferimenti normativi...9 2. I soggetti obbligati alla presentazione degli elenchi Intrastat... 12 3. La struttura degli elenchi... 13 3.1 Frontespizio

Dettagli

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE

Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra ed extra UE Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-84XK8U24404 Data ultima modifica 02/03/2011 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità, Intrastat Oggetto Registrazioni Contabili - Prestazioni di servizi intra

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale

L AUTOFATTURA. Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Padova, 23 agosto 2010 L AUTOFATTURA Acquisti effettuati da soggetti d'imposta stabiliti nel territorio nazionale Per le prestazioni di servizi e le cessioni di beni rese da operatori non residenti nei

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT

SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT Dal 1 gennaio 1993, con l apertura del Mercato Unico Europeo sono state eliminate le barriere fisiche tra i 12 Stati membri della CEE: Belgio, Danimarca, Francia,

Dettagli

Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo ***

Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo *** Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo *** 1. Premessa Dal 1 gennaio 1993 il mercato unico europeo è divenuto una realtà e il

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini Il Credito Iva in Italia e all estero Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini 1 Agenda 1. Gestione del credito Iva 2. Rimborsi Iva esteri vecchia procedura 3. Rimborsi Iva esteri nuova

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 22 17 DICEMBRE 2007 La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto Fisco e Estero di Matteo Balzanelli I profili Iva dell e-commerce indiretto La notevole evoluzione e diffusione delle tecnologie informatiche degli ultimi quindici anni ha fortemente influenzato la vita

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 pagina 1 di 14 Aliquota IVA dal 21 al 22 % Aumento solo per aliquota ordinaria Decorrenza: martedì 1 ottobre 2013 Invariate aliquote ridotte (4 e 10%) e di compensazione

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli