La fiscalità indiretta nel settore sanitario. Modulo 2: L imposta sul valore aggiunto Potenza, 23 Novembre, 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fiscalità indiretta nel settore sanitario. Modulo 2: L imposta sul valore aggiunto Potenza, 23 Novembre, 2009"

Transcript

1 La fiscalità indiretta nel settore sanitario Modulo 2: L imposta sul valore aggiunto Potenza,

2 Agenda Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) La formazione attiva e passiva La fattura elettronica Acquisti intracomunitari e relativi adempimenti fiscali Adempimenti per l importazione di beni e servizi da paesi Extra Adempimenti della riscossione Casistica ed adempimenti per il rimborso dell IVA Page 2

3 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Ai sensi dell art. 4, 4 del DPR n. 633/1972, l Azienda sanitaria rientra nella categoria degli enti non commerciali soggetti ad IVA in relazione alle cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nell esercizio di attività commerciali. sotto il profilo soggettivo, le aziende sanitarie sono soggette ad IVA limitatamente alle operazioni poste in essere nell esercizio di attività imprenditoriali sotto il profilo oggettivo, sono considerate soggette ad IVA solo le operazioni rese verso il pagamento di un corrispettivo specifico. Page 3

4 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Per tutte le operazioni nelle quali sia ravvisabile un nesso di causalità tra la prestazione di un servizio e l effettuazione di una controprestazione in denaro, l ASL opera come un operatore commerciale ponendo in essere operazioni che rientrano nel campo di applicazione dell IVA e per le quali devono essere effettuati tutti gli adempimenti IVA (ie. fatturazione, registrazione, liquidazione periodica, dichiarazione IVA) Nesso di causalità: a fronte del pagamento è possibile individuare una controprestazione che si ponga in rapporto sinallagmatico con l erogazione del denaro. in caso di erogazione a fondo perduto non è ravvisabile un nesso di causalità. Page 4

5 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento L ASL è da considerare: 1. ente non commerciale per le prestazioni erogate gratuitamente agli aventi diritto nell ambito della propria attività istituzionale; ne consegue che l ASL non è tenuta ad emettere la fattura con riferimento ai corrispettivi relativi ai ticket 2. ente commerciale, per le prestazioni istituzionali rese a terzi dietro corrispettivo, come ad esempio i ricoveri ospedalieri a non aventi diritto alle prestazioni gratuite, le attività ambulatoriali a pagamento, le altre attività estranee al novero delle attività sanitarie. Page 5

6 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Nell ambito delle attività rientranti nel campo di applicazione ad IVA sono esenti da IVA le seguenti attività: prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell esercizio della professione e arti sanitarie (art. 10, n. 18 DPR n. 633/1972) prestazioni di ricovero e cura rese da enti ospedalieri o da cliniche e case di cura convenzionate, compresa la somministrazione di medicinali, presidi sanitari e vitto, nonché le prestazioni di cura rese da stabilimenti termali (art. 10, n. 19 DPR n. 633/1972) attività intramoenia: proventi derivanti dall attività libero professionale intramuraria (RM n. 86/E del 13 marzo 2002) somministrazioni di alimenti e bevande ai pazienti ricoverati, se rese in regime di convenzione cessioni di organi, sangue, plasma sanguigno e latte umano; reciproche prestazioni sanitarie rese tra le Aziende sanitarie locali mediante proprie strutture; prestazioni concernenti le visite fiscali effettuate ai dipendenti di enti ed aziende private e pubbliche Page 6

7 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento prestazioni ambulatoriali, le visite specialistiche e le analisi effettuate nei confronti dei dipendenti di enti ed aziende private e pubbliche prestazioni di medicina legale prestazioni di medicina sportiva, di medicina del lavoro e di medicina fiscale; prestazioni di trasporto con autoambulanza effettuate da imprese autorizzate prestazioni di assistenza rese a soggetti handicappati psicofisici prestazioni rese a non aventi diritto all assistenza del Servizio Sanitario nazionale (soggetti residenti extra UE) Page 7

8 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Non rientrano nel campo di applicazione dell IVA le seguenti attività: prestazioni sanitarie erogate gratuitamente agli aventi diritto ( RM del 19 dicembre 1987) prestazioni sanitarie soggette al pagamento di quote di partecipazione alla spesa sanitaria (tickets art. 4, comma 4, DPR n. 633/1972) quote del fondo sanitario nazionale (quote erogate alle ASL per finalità di interesse pubblico) prestazioni di igiene pubblica veterinaria a favore di enti e privati (CM n. 12 del 29 febbraio 1992) prestazioni svolte dalla ASL in veste di pubblica autorità (RM n. 220 dell 8 luglio 2002) Page 8

9 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Sono imponibili ad IVA le seguenti attività: servizio mensa ai dipendenti cessioni di beni materiali fuori uso prestazioni di servizi concernenti analisi di alimenti e bevande gestione dei bar nei compendi ospedalieri prestazioni che danno luogo a differenze di classe e quelle concernenti ii servizi di bar, telefono, televisore ecc somministrazione di alimenti e bevande rese ad accompagnatori dei pazienti ricoverati e quelle non coperte da convenzione rese agli stessi pazienti prestazioni veterinarie non rientranti nell ambito della tutela della salute pubblica servizio di consulenza in materia di prevenzione e sicurezza prestazioni che danno luogo al pagamento di differenze di classe e quelle concernenti i servizi di bar, telefono e televisori ecc. prestazioni di soccorso sanitario aereo, effettuate con elicottero Page 9

10 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento Con riferimento all attività libero professionale intramuraria, nei casi in cui la prestazione del medico non sia riconducibile al trattamento di esenzione (in applicazione dei principi enunciati dalla Corte UE), deve essere emessa fattura con addebito dell IVA anche se il medico opera in regime di intramoenia (CM n. 4 del 2 gennaio 2005) Infatti, in tale ipotesi, si conferma espressamente che il medico opera nel quadro di un rapporto assimilato a quello di dipendente, per cui la prestazione è formalmente resa al paziente dall ente di cui il medico è dipendente. L ente pertanto dovrà emettere fattura con applicazione dell IVA al 20% Page 10

11 Le prestazioni dell attività intramuraria ed altre prestazioni sanitarie a pagamento La Circolare 4/E del 2005 fornisce il criterio per individuare le operazioni esenti da IVA: in base al criterio dello scopo beneficiano del regime di esenzione tutte le attività che hanno ad oggetto la diagnosi, la cura e riabilitazione rese alla persona il cui scopo principale è quello di tutelare, mantenere o ristabilire la salute delle persone, comprendendo in tale finalità anche quei trattamenti o esami medici a carattere profilattico eseguiti nei confronti di persone che non soffrono di alcuna malattia (incluse le certificazione del medico di famiglia). sono escluse dall esenzione le attività rese dai medici al fine di soddisfare una condizione legale o contrattuale prevista nel processo decisionale altrui o comunque per altre finalità non connesse con la tutela della salute (eg riconoscimento di cause di servizio, certificazioni in relazione alle istanze per le cause di invalidità, per le patenti di guida) Page 11

12 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Le ASL corrispondono compensi ad alcuni soggetti esterni per rapporti di consulenza e/o collaborazione. Tali soggetti assoggettano ad IVA al 20% i servizi resi nei confronti delle ASL. Se i servizi di consulenza e/o collaborazione sono resi dai contribuenti minimi le operazioni non sono assoggettate ad IVA. Il regime dei contribuenti minimi è stato introdotto dalla legge finanziaria2008 (L. 244 del 2007, art. 1 commi 96 e ss.) Page 12

13 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Il regime dei contribuenti minimi è riservato alle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato, esercenti attività di impresa o di lavoro autonomo che nell anno solare precedente: a) hanno conseguito ricavi o compensi (ragguagliati ad anno) non superiori a (non rilevano, a tal fine, i ricavi e i compensi derivanti dall eventuale adeguamento agli studi di settore e, nel caso di esercizio contemporaneo di attività di impresa e di arti e professioni, rileva la somma dei ricavi e compensi relativi alle singole attività; b) non hanno effettuato cessioni all esportazione (inclusi operazioni assimilate, servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali); costituiscono cessione all esportazione quelle operazioni disciplinate agli articoli 8, 8-bis, 9, 71 e 72 del DPR n. 633 del 1972 Page 13

14 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) c) non hanno sostenuto spese per dipendenti o collaboratori [con qualsivoglia forma di lavoro subordinato o para subordinato cfr. art 50 c. 1 lett. c) e c-bis) del TUIR]; d) non hanno effettuato acquisti di beni strumentali (anche con appalto o locazione finanziaria) per più di nel triennio precedente Page 14

15 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Soggetti esclusi: chi si avvale di regimi speciali di determinazione dell IVA: in particolare, risultano incompatibili con il regime dei contribuenti minimi i regimi speciali IVA riguardanti le seguenti attività: agricoltura e attività connesse, vendita sali e tabacchi, commercio dei fiammiferi, editoria, gestione dei servizi di telefonia pubblica;rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta; intrattenimenti, giochi e altre attività di cui alla tariffa allegata al DPR n. 640 del 1972; agenzia di viaggi e turismo; agriturismo; vendite a domicilio; rivendita beni usati, di oggetti d arte; d antiquariato o da collezione; agenzie di vendite all asta di oggetti d arte, d antiquariato o da collezione soggetti non residenti soggetti che effettuano - in via esclusiva o prevalente - cessione di fabbricati, terreni edificabili e mezzi di trasporto nuovi soggetti che partecipano a soc. di persone, s.r.l. o associazioni professionali che abbiano optato per la trasparenza fiscale Page 15

16 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Ingresso nel regime a partire dal 1 gennaio 2008, è il regime naturale la comunicazione è necessaria solo per chi inizia l attività; chi NON intende avvalersene dovrà manifestare specifica opzione per il regime ordinario se si opta per il regime ORDINARIO, l opzione ha validità 3 anni e va comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata. Trascorso il triennio, la permanenza nel regime ordinario si estende di anno in anno fino ad eventuale revoca. Uscita dal regime: per opzione (volontà di non fruire più del regime) per legge (con la perdita dei requisiti) Eccezione: nel caso in cui i ricavi o compensi superano di oltre il 50% il limite dei (ie ), il regime cessa di avere applicazione nell anno stesso in cui avviene il superamento. Page 16

17 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Semplificazioni IVA esonero dall obbligo di liquidazione e versamento dell imposta e da tutti gli altri obblighi previsti dal DPR n. 633/1972 (registrazione delle fatture emesse; registrazione dei corrispettivi; registrazione degli acquisti; tenuta e conservazione dei registri e documenti; dichiarazione e comunicazione annuale; compilazione ed invio degli elenchi e fornitori). viene meno il diritto alla rivalsa ed il diritto alla detrazione dell IVA assolta sugli acquisti nazionali e comunitari e sulle importazioni. La fattura o lo scontrino emessi dal contribuente minimo non devono, pertanto,recare l addebito dell imposta Page 17

18 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Adempimenti IVA in capo ai contribuenti minimi permangono i seguenti adempimenti: obbligo di numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali; obbligo di certificazione dei corrispettivi; le fatture emesse ai sensi dell art. 21 del DPR n. 633/1972 dovranno riportare operazione effettuata ai sensi dell art. 1, comma 100, della legge finanziaria per il 2008 ; obbligo di integrare la fattura per gli acquisti intracomunitari per le altre operazioni soggette al regime dell inversione contabile (reverse charge) con il versamento della relativa imposta entro il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni; obbligo di presentare agli uffici doganali gli elenchi Intrastat Page 18

19 Collaborazioni esterne e contribuenti minimi (nuovo regime 2008) Prestazioni ricevute dai contribuenti minimi: le fatture ricevute dai contribuenti minimi: sono soggette all obbligo di registrazione devono essere indicate nel rigo VF 16 della dichiarazione IVA e nella Comunicazione IVA. Sebbene non espressamente previsto dalle istruzioni alla compilazione della Comunicazione, al fine di garantire una corrispondenza dei dati ivi indicati con quelli della dichiarazione, è opportuno indicare anche della Comunicazione IVA gli acquisti da soggetti minimi. Page 19

20 La formazione attiva e passiva I corsi di formazione attiva svolti dalle ASL sono esenti da IVA (RM n. 77/E del 28 maggio 2001) I corsi di formazione passiva, aggiornamento, riqualificazione e riconversione del personale organizzati dalle ASL sono esenti da IVA (art. 14, comma 10, L. 24 dicembre 1993 n. 537) caratteristica del soggetto che effettua il versamento: ente pubblico caratteristiche del soggetto che esegue il corso: i beneficiari delle somme erogate dalle ASL devono essere coloro che organizzano ed eseguono il corso di formazione del personale; non è richiesto il riconoscimento formale prescritto per le prestazioni didattiche ed educative caratteristiche dei fruitori del corso: non è necessario che siano legati da un rapporto di lavoro dipendente con l ASL ma è possibile che partecipino ai corsi anche terzi. il versamento deve essere un corrispettivo e non un contributo conseguenze: indetraibilità dell IVA a monte per lo svolgimento dei corsi Page 20

21 Fattura elettronica Per le attività per le quali l ASL operano come ente commerciale, deve essere emessa la fattura. La fattura può essere cartacea o elettronica. La fattura elettronica è stata introdotta con il D.Lgs. 20 febbraio 2004 n. 52 che ha implementato la Direttiva 2001/115/CE con l obiettivo di semplificare, modernizzare e armonizzare le modalità di fatturazione previste ai fini IVA. Page 21

22 Fattura elettronica Vantaggi snellimento delle procedure con eliminazione dei costi connessi alla stampa dei documenti e delle spese postali di spedizione positivi impatti sui costi operativi e logistici legati all archiviazione e conservazione dei documenti,in particolare per la PA massima trasparenza per il flusso di fatturazione Page 22

23 Fattura elettronica Requisiti la trasmissione per via elettronica della fattura non contenente macroistruzioni né codice eseguibile è consentita previo accordo con il destinatario purché siano garantiti (art. 21, 3 ): l attestazione della data l autenticità dell origine e l integrità del contenuto macroistruzioni: comandi interni che al verificarsi di determinati eventi possono generare automaticamente modifiche o variazioni dei dati contenuti nel documento codici eseguibili: istruzioni non sempre visibili all utente che consentono all elaboratore di modificare il contenuto del documento informatico (CM 45/E del 2005). Page 23

24 Fattura elettronica Condizioni per l utilizzo della fattura elettronica è necessario il preventivo accordo tra le parti è possibile infatti che il ricevente non abbia gli strumenti tecnici necessari per ricevere fatture elettroniche l accordo può essere anche orale ma è consigliabile un accordo scritto e può essere a tempo determinato ovvero indeterminato (CM 45/E del 2005) Page 24

25 Fattura elettronica Garanzie l autenticità dell origine e l integrità del contenuto: sono garantiti dall apposizione su ciascuna fattura elettronica ( o sul lotto di fatture elettroniche) di (art. 21, 3 ) : Firma elettronica qualificata: Sistemi EDI l attestazione della data: è garantita dall apposizione su ciascuna fattura elettronica (o lotto di fatture elettroniche) del riferimento temporale Il riferimento temporale è un informazione contenente la data e l ora che viene associata ad uno o più documenti informatici Page 25

26 Fattura elettronica la firma elettronica è l insieme dei dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodo di autenticazione informatica; la firma elettronica avanzata è la firma elettronica ottenuta attraverso un procedura informatica che garantisce la connessione univoca al firmatario e la sua univoca identificazione: creata con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo collegata ai dati ai quali si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi sono stati successivamente modificati Page 26

27 Fattura elettronica la firma elettronica qualificata è la firma elettronica avanzata: basata su un certificato qualificato conforme ai requisiti di cui all allegato I della Direttiva 1999/93/CE rilasciato dai certificatori che rispondono ai requisiti di cui all allegato H della stessa Direttiva; creata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma, quale l apparato strumentale usato per la creazione di una firma elettronica eg. smart card (art. 1, 1 lett. q) e r) D. Lgs 82/2005 e art. 1, 1 lett. f) e g) DM 23/01/2004 Page 27

28 Fattura elettronica il sistema EDI è un sistema di trasmissione elettronica dei dati tra sistemi informativi a mezzo di reti di telecomunicazioni nazionali ed internazionali. secondo la raccomandazione della Commissione UE 19/10/2004 n. 94/280 CE le parti devono attenersi all accordo-tipo in base al quale devono essere esplicitamente enunciate l procedure e le misure di sicurezza riguardanti: la verifica dell origine e dell integrità il non disconoscimento dell origine e del ricevimento e la riservatezza dei messaggi EDI Page 28

29 Fattura elettronica sia la fattura elettronica che la fattura cartacea possono essere: consegnate o spedite nei modi tradizionali ovvero spedite o trasmesse con mezzi elettronici (es. via e- mail) per la fattura elettronica la modalità ordinaria di invio è con mezzi elettronici. la fattura elettronica è inviata/spedita con le modalità tradizionali ( cartacea) se il cliente non ha espresso il consenso alla ricezione di fatture elettroniche Page 29

30 Fattura elettronica se la fattura è consegnata/spedita in formato cartaceo, tenuto conto che la posta elettronica solo è un mezzo di spedizione della fattura, è necessario per chi la riceve che (CM 45/E del 2005): la fattura sia materializzata sia garantita l identicità tra la fattura dell emittente e quella del ricevente non è necessario che sia resa immodificabile con il riferimento temporale e la firma elettronica se invece la fattura elettronica è spedita/trasmessa per via elettronica, previo consenso del destinatario, non è necessario procedere alla stampa della fattura su supporto cartaceo Page 30

31 Fattura elettronica in linea generale, la fattura si ha per emessa all atto della sua consegna o spedizione all altra parte ovvero all atto della sua trasmissione per via elettronica. la fattura cartaceo o elettronica spedita o consegnata in cartaceo si considera emessa al momento della spedizione o consegna la fattura elettronica spedita o trasmessa per via elettronica si considera emessa nel momento in cui il documento informatico è trasmesso per via elettronica al destinatario Page 31

32 Fattura elettronica la fattura elettronica si considera emessa nel momento in cui, previo accordo tra le parti, è messa a disposizione del destinatario se a quest ultimo viene inviata una contenente: un protocollo di comunicazione un link di collegamento al server dove la fattura è reperibile tramite il suo download Page 32

33 Fattura elettronica Fatturazione nei confronti della PA l art. 1, 209 della L. 24 dicembre 2007 n. 244 (Finanziaria 2008) ha introdotto l obbligo di utilizzare la fatturazione elettronica nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni e con gli enti pubblici nazionali, semplificando il procedimento di fatturazione e registrazione delle operazioni imponibili IVA. ancora non è stato adottato il regolamento che fisserà la data di decorrenza della nuova norma Page 33

34 Fattura elettronica Conservazione delle fatture elettroniche Le fatture elettroniche ricevute o inviate elettronicamente devono essere conservate elettronicamente (obbligo) (art. 39) La fatture elettroniche consegnato/spedite in cartaceo e le fatture cartacee consegnate/spedite in cartaceo ovvero con mezzi elettronici possono essere archiviate in cartaceo ovvero elettronicamente (facoltà) (art. 39) Page 34

35 Gli acquisti intracomunitari Le ASL sia per l attività commerciale che per quella istituzionale acquistano beni presso soggetti IVA EU ponendo in essere acquisti intracomunitari. Per acquisto intracomunitario di beni s intende l acquisizione a titolo oneroso della proprietà o di altro diritto reale di godimento su beni spediti o trasportati nel territorio dello Stato italiano da un altro Stato membro a cura del cedente o dell acquirente, entrambi soggetti passivi IVA ovvero di terzi per loro conto (art. 38 DL 331/1993). In assenza dei predetti requisiti l operazione non può essere considerata intracomunitaria (operazione a titolo gratuito, operazione posta in essere nei confronti di un privato ecc) Page 35

36 Gli acquisti intracomunitari E assimilato ad un acquisto intracomunitario: l introduzione in Italia da parte o per conto del soggetto passivo, di beni provenienti da altro Paese membro, compresa la destinazione in Italia, per finalità rientranti nell esercizio di impresa, di beni provenienti da altra impresa esercitata dallo stesso soggetto in altro Paese membro (art. 38, 3, lett. b) Page 36

37 Gli acquisti intracomunitari Per gli acquisti intracomunitari di beni, il debitore di imposta è il cessionario soggetto passivo di imposta (tassazione a destino). L operazione è territorialmente rilevante in Italia se i beni vengono spediti o trasportati in Italia. Il momento di effettuazione dell acquisto intracomunitario coincide con la consegna dei beni in Italia all acquirente o a terzi per suo conto. Page 37

38 Gli acquisti intracomunitari Le prestazioni di servizi intracomunitari sono esclusivamente: prestazioni di servizi relativi a beni mobili; prestazioni di trasporto dei beni; prestazioni accessorie al trasporto. I servizi diversi, anche se svolti tra operatori comunitari e sul territorio UE sono soggetti alle regole ordinarie di territorialità Page 38

39 Gli acquisti intracomunitari Le prestazioni di servizi relativi a beni mobili materiali (lavorazioni, riparazioni, trasformazioni, tarature di apparecchiature, comprese le perizie) (art. 40, 4-bis) eseguiti in dipendenza di contratti d opera, di appalto e simili, sono considerati territorialmente rilevanti nel paese del committente soggetto passivo IVA quando si verificano congiuntamente le seguenti condizioni: il committente è identificato in uno Stato membro diverso da quello in cui la prestazione è eseguita; i beni al termine della prestazione devono essere inviati o spediti in altro Stato membro. Page 39

40 Gli acquisti intracomunitari Per trasporto intracomunitario s intende il trasporto di beni effettuato con qualunque mezzo, con luogo di partenza e di arrivo situati in due Paesi membri, differenti nonché le prestazioni di vettoriamento, rese tramite condutture o elettrodotti, di prodotti energetici diretti in altri Stati membri o da questi provenienti (art. 40, 7 ). Le prestazioni accessorie sono quelle di carico e scarico delle merci e quelle di manutenzione (art. 40, 6 ) Page 40

41 Gli acquisti intracomunitari Le operazioni intracomunitarie sono soggette a regole di fatturazione e registrazione specifiche. In caso di acquisti intracomunitari, una volta ricevuta la fattura il cessionario soggetto passivo IVA in Italia deve attribuire alla stessa un numero progressivo valido per il fatture emesse e un registro delle numero progressivo per il registro delle fatture d acquisto, salvo l utilizzo di registri sezionali. Page 41

42 Gli acquisti intracomunitari Per gli acquisti intracomunitari inerenti l attività istituzionale, superiori a devono essere osservati, distintamente dagli adempimenti relativi l attività commerciale, gli adempimenti previsti dalla CM 13 del 1994 per gli enti non commerciali ex. art. 4, 4 comma DPR n. 633/1972 Le ASL pertanto devono: integrare le fatture intracomunitaria ricevute con l addebito dell IVA numerare ed annotare le fatture intracomunitarie in un apposito registro tenuto ai sensi dell art. 39 del DPR n. 633/1972. presentare direttamente all Ufficio competente, in duplice esemplare ed entro ciascun mese, una dichiarazione relativa agli acquisti intracomunitari, registrati o soggetti a registrazione, con l indicazione dell IVA dovuta redatta su uno stampato conforme al Modello Intra 12 La registrazione delle fatture ricevute deve essere effettuata entro il mese successivo a quello in cui l ASL ne è venuta in possesso L IVA deve essere versata entro il mese successivo alla registrazione Page 42

43 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: la fattura Per gli acquisti intracomunitari relativi all attività commerciale devono essere assolti gli stessi obblighi previsti dalla normativa comunitaria per tutti i contribuenti La fattura di acquisto intracomunitario, dopo essere stata integrata, deve essere registrata sia nel registro delle fatture emesse ex. art. 23 che nel registro delle fatture d acquisto ex. art. 25 (art. 47 DL 331/1993) La fattura di acquisto intracomunitario deve essere annotata, distintamente rispetto alle altre operazioni interne, nel registro delle fatture emesse ex. art. 23: entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente ma comunque entro 15 giorni dalla sua ricezione, ma con riferimento al relativo mese di ricevimento. Page 43

44 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: la fattura La fattura di acquisto intracomunitario deve essere registrata nel registro degli acquisti previa numerazione e sempre in maniera distinta rispetto agli altri acquisti entro gli stessi termini: entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente ma comunque entro 15 giorni dalla sua ricezione, ma con riferimento al relativo mese di ricevimento. L equiparazione dei termini di registrazione consente all impresa di far confluire nella stessa liquidazione periodica sia l IVA a debito che l IVA a credito (CM 134/E del 1994) rendendo l operazione neutrale a meno che il soggetto IVA non soffra di limitazioni alla detrazione come le ASL, nel qual caso deve essere versata l IVA. Page 44

45 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: la fattura La fattura deve essere integrata con i seguenti dati: il controvalore in euro del corrispettivo e degli altri elementi che concorrono alla determinazione della base imponibile, se espressi in valuta diversa dall euro; l imposta ovvero il titolo di non imponibilità, esenzione o di esclusione con l indicazione della norma di riferimento. La CM 13 del 1994 ha previsto la possibilità che l obbligo di integrazione possa essere assolto attraverso l emissione di un documento appositamente emesso, allegato e conservato unitamente alla fattura cui si riferisce e recante il numero della fattura ed il progressivo attribuito dal ricevente Page 45

46 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: la fattura In alternativa, sono consentiti i seguenti sistemi di registrazione (CM 13 del 1994): utilizzo di appositi registri sezionali regolarmente numerati a blocchi di serie di numeri. In questo caso occorre indicare nel primo foglio del registro le serie numeriche impiegate e il tipo di documento cui si riferiscono. E stato ritenuto valido l utilizzo di un unico registro sezionale riservato agli acquisti intracomunitari, che assolva la duplice funzione di registro delle fatture emesse e di registro degli acquisti (RM 144 del 1999). In tal caso: nel registro sezionale devono essere annotati esclusivamente gli acquisti intracomunitari di beni e di servizi; deve essere tenuto il registro riepilogativo in cui riportare gli importi complessivi dei corrispettivi e dell imposta risultanti dal medesimo registro sezionale Page 46

47 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: la fattura La tenuta di un unico registro sezionale consente un unica registrazione attraverso l attribuzione di una distinta numerazione per le fattura di acquisto intracomunitarie. Se l acquirente italiano non riceve la fattura da parte del proprio fornitore comunitario, ai sensi dell art. 46, 5 DL 331/1993 deve emettere un autofattura entro il mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, indicando anche il numero di identificazione del fornitore nel proprio Stato membro di appartenenza. L autofattura deve essere annotata, secondo le modalità previste per gli acquisti intracomunitari, entro il mese di emissione. Page 47

48 Gli acquisti intracomunitari Adempimenti: Intrastat I soggetti che effettuano acquisti intracomunitari devono presentare i modelli Intrastat previsti dall art. 6 del DL n. 16 (art. 50, 6 DL 331/1993). La presentazione degli elenchi ha lo scopo di soddisfare contemporaneamente esigenze sia di carattere fiscale che statistico connesse con gli scambi intracomunitari. La periodicità degli elenchi dipende dal volume degli scambi intracomunitari per cessioni o acquisti di beni che il soggetto ha realizzato nell anno precedente. Nel caso di inizio dell attività di scambi intracomunitari, occorre fare riferimento al volume degli scambi intracomunitari che il soggetto passivo presume di realizzare nell anno in corso. Page 48

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Relazioni illustrative Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 Risultati differenziali del bilancio dello Stato La disposizione rinvia all allegato

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli